Su una parete della nostra scuola c è scritto grande: I CARE... me ne importa, mi sta a cuore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Su una parete della nostra scuola c è scritto grande: I CARE... me ne importa, mi sta a cuore"

Transcript

1 HANDICAP NOI E GL Periodico dell Associazione Handicap Noi e gli Altri ONLUS Anno 11 - Numero 22 giugno Pubb. Inf. 70% - Sped. in Abb. Postale 70% - Filiale di Roma - Aut. Trib. Roma n. 157/7 Aprile 1998 Su una parete della nostra scuola c è scritto grande: I CARE... me ne importa, mi sta a cuore Don Lorenzo Milani Inserto Speciale: HANDICAP e SCUOLA

2 LA MIA BANCA È DIFFERENTE Banca di Credito Cooperativo di Roma Gruppo Cassa Rurale ed Artigiana di Roma LA BANCA DEL QUARTIERE La banca di Credito Cooperativo di Roma ha sempre considerato la famiglia il nucleo sul quale poggiare la propria attività bancaria, offrendo prodotti specifi ci a nuclei familiari, pensionati, giovani e titolari di piccole e medie imprese artigiane e commerciali AGENZIA N. 18 TORBELLAMONACA CENTRO COMMERCIALE LE TORRI Via Aspertini, 392/398 la vera qualità dura così a lungo da farne dimenticare gli alti costi sostenuti EUROPSAN Via dell Omo, Roma Tel (6 linee r.a.) Fax Associazione Handicap NOI E GLI ALTRI - ONLUS - Servizi offerti agli associati: Accoglienza e ascolto Informazioni e assistenza per pratiche legali e amministrative: Domande di invalidità civile Assegni di accompagnamento Richieste di lavoro Domande di prepensionamento per genitori di disabili Ricerca di case-famiglia nell ambito del progetto Dopo di noi Moduli per accreditamento in banca della pensione Esenzione da tasse varie (bollo macchina, immondizia...) Patente di guida e contrassegno Informazioni e contatti per centri medici (reparto di uro-chirurgia al policlinico Gemelli, altri ospedali, centri riabilitativi...) Servizio gratuito di consulenza psicologica su appuntamento dott.ssa Consalvo Servizio legale gratuito Avv. Pietro Barone tel Il Presidente e i suoi collaboratori saranno lieti di ricevervi presso la sede in via Giovanni Castano 39, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle Per ulteriori informazioni, potete chiamare il numero o il Presidente Paolo Muratore al numero o mandare una all indirizzo

3 E HANDICAP NOI E GLI A Editoriale PERIODICO TRIMESTRALE DELL ASSOCIAZIONE HANDICAP NOI E GLI ALTRI registrazione del Tribunale di Roma n. 157/7 aprile 98 direttore responsabile: dott. Stefano Rosa Stefanutto Redazione: Paolo Muratore, Stefania Alunni, Umberto Brancia Sabrina Cacciotti Floriana Barone Francesca De Rossi Riccardo Pietrarelli Rocco Luigi Mangiavillano Gian Mario Cinelli la redazione: Via G. Castano, Roma Tel. e Fax: 06/ CCP grafi ca e stampa: CINELLI Stampa Via Casilina, Roma Don Lorenzo Milani Comparetti (Firenze, 27 maggio giugno1967), sacerdote, educatore. Figura controversa della chiesa cattolica negli anni 60 e 70. Il segno del suo impegno pastorale ed educativo si evidenziò quando, a causa di screzi avuti con la curia di Firenze, venne mandato a Barbiana, minuscolo e sperduto paesino di montagna, p periferia del mondo, dove iniziò il primo tentativo di scuola a tempo pieno, espressamente rivolto alle classi popolari, dove sperimentò il metodo della scrittura collettiva, che coinvolgeva a partire dai ragazzi tutti gli abitanti per lo più contadini, poveri e analfabeti. La sua opera più conosciuta della scuola di Barbiana è Lettera ad una professoressa, in cui i ragazzi della scuola (con la regia di Don Milani) attraverso i loro scritti e i loro pensieri denunciavano il metodo didattico che, a loro dire, favoriva solo i borghesi e le persone più facoltose, in quanto escludevano, di fatto, dalle possibilità di crescita anche culturale offerte dall istruzione, le persone più povere. Si inaugurava così la sostanza della Scuola Pubblica. In seguito ad un suo scritto in difesa dell Obiezione di coscienza, dove ancora una volta si distaccava dall insegnamento e dalla tradizione cattolica, venne processato, ma morì prima che fosse emessa la sentenza. Fu Don Milani ad adottare il motto I care, letteralmente Io mi prendo cura. Questa frase scritta su un cartello all ingresso della scuola intendeva riassumere le finalità educative proprie di una scuola che deve essere pubblica e orientata non solo verso i saperi ma anche alla presa di coscienza civile e sociale dei cittadini fin dall infanzia, di una scuola che deve essere costantemente impegnata a fornire strumenti di autonomia atta a promuovere la partecipazione delle persone, a partire dal basso: una scuola delle opportunità per tutti, una scuola dell inclusione. Una scuola dove, soprattutto, imparare a pensare. Da dove partire? Dai talenti che ognuno di noi possiede o meglio dal talento che ognuno di noi è. (www.giovaniemissione.it) Il motto di Don Milani Io mi prendo cura, ieri come oggi, al di là degli usi fatti dalla politica che in queste ultime settimane si sta interrogando sul proprio futuro, è un vero e proprio grido di allarme e di denuncia sui mali che attualmente stanno affliggendo la nostra società. Allo stesso tempo il suo messaggio è l imput, il monito a cui tutti siamo chiamati, nessuno escluso, ad impegnarci in prima persona, ad essere cittadini democratici sostenitori della pace, a costringere le coscienze intorpidite a confrontarsi con la realtà di fatto, per assumere la necessità di reagire contro il consumismo senza freni, il mercato senza regole e la violenza che sono diventati l unico modo di affermarsi generando nuove povertà e soprattutto causando solitudini estreme. Le famiglie delle fasce più deboli della popolazione, soprattutto i disabili, stanno già pagando questo caro prezzo. I care, io mi prendo cura allora deve essere il messaggio che ci da forza per ritornare a sperare, significa che il cambiamento è possibile, significa: ci sono anch io, anche io posso fare qualcosa. E un invito che si rivolge all uomo fin nel suo profondo e lo stimola innanzitutto a fare un forte richiamo nei confronti di una politica sempre più distante dalle persone, autoreferenziale e imbrigliata negli perenni tentativi di trasformismi partitici finalizzati solo al mantenimento del potere ad esclusiva di pochi. (Padre Ennio Pintacuda: La scelta, a colloquio con Aldo Civico Piemme edizioni, 1993). Questo secondo numero della rivista Vivere Insieme dedica un inserto speciale ai temi dell integrazione scolastica dei ragazzi e giovani disabili e con il messaggio di Don Milani, in copertina, intende continuare ad approfondire un dialogo, che l associazione Handicap Noi e gli Altri porta avanti da più di venti anni, sia con le famiglie dell associazione, con i propri lettori che con la politica che governa le nostre Istituzioni affinché i contributi di questa rivista così come l operato dell associazione possano continuare a trasmettere il vero senso di cittadinanza. Dicevano i protagonisti della Primavera di Palermo che la cittadinanza si vive insieme agli altri, costruendo la comunità libera nella solidarietà. Con questo nuovo segno di speranza l Associazione Handicap Noi e gli Altri nell augurarvi una buona estate vi rinnova il messaggio di partecipazione: Vivere Insieme, Noi e gli Altri. Rocco Luigi Mangiavillano

4 Sommario PRIMO PIANO 3 5 Il nostro Convegno annuale. Disabilità e giovani in periferia I giovani, la periferia e la proposta scout CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE Un incontro al Municipio delle Torri Progetti per l inserimento lavorativo delle persone disabili Nuovi progetti a Tor Bella Monaca Un centro diurno per l autismo Insieme per un gesto solidale Oltraggio a Peppino Impastato Ricordare le vittime della Mafi a Pranzo sociale Allegria e socialità BARRIERE E ACCESSIBILITA Investimenti per la disabilità. Operazione antibarriere a Roma Accessibilità per tutti. Lavori in corso presso treni e stazioni A Roma raddoppia il servizio Trambusabile Nuove regole contrassegni auto per disabili INTEGRAZIONE Un milione di fi rme per non discriminare La sindrome di Asperger. Per documentarsi e saperne di più SANITA La lotta contro il tumore alla prostata. Un nuovo impegno alla Clinica Columbus L emodialisi tra diffi coltà e vantaggi. Una speranza contro l insuffi cienza renale SOLIDARIETA Italia Africa a Tor Bella Monaca. Un apertura alla mondialità GRANELLO DI SENAPE Una pedagogia fondata sull amore. Don Bosco e l educazione della gioventù Giochi

5 di Francesca De Rossi PRIMO PIAN O S Il nostro Convegno annuale Disabilità e giovani in periferia abato 26 maggio 2007, si è tenuto a Roma, nella Sala del Consiglio del Municipio delle Torri, il convegno Handicap e giovani nelle periferie di Roma, organizzato dall associazione Handicap Noi e gli altri. Malgrado la presenza di amministratori del municipio, della Provincia e della regione, il presidente Paolo Muratore non ha potuto nascondere, nel suo discorso di benvenuto, il dispiacere per alcune assenze, soprattutto dei soci, a favore dei quali l associazione si prodiga attraverso numerose iniziative. Da parte loro ci si aspetta però una partecipazione attiva, soprattutto a eventi di rilievo come assemblee e convegni. Questo rammarico è stato ripresa anche dall on. Tiziana Biolghini, delegata del Presidente della Provincia di Roma per l handicap, che la ha esteso al discorso più generale della disaffezione alla politica. Alla partecipazione attiva e al coinvolgimento dei vari attori della scena del sociale (famiglie, operatori, specialisti, politici ) hanno fatto riferimento quasi tutti i relatori intervenuti al convegno; ne parla Umberto Brancia, che racconta la sua esperienza di padre di un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger e di promotore di un libro scritto a quattro mani proprio col figlio. Invita a scendere dal cielo della teoria e sottolinea la necessità di un vero e attivo protagonismo da parte delle famiglie e di un coinvolgimento non solo tecnico-specialistico ma anche etico e, al limite, spirituale da parte di tutti. Don Franco Monterubbianesi insiste sul tema, parlando della fondazione Prima del Dopo di Capodarco e indica come prioritario l abbattimento dei falsi valori, come il denaro, il potere, lo spreco, per dare ai giovani speranza e senso del futuro, privilegiando il senso di comunità, l accoglienza del diverso, disabile o straniero che sia. E si rivolge con fermezza ai politici che intervengono a incontri e convegni come questo: devono smetterla di venire e andarsene, devono restare a riflettere con noi. L on. Giuseppe Celli sottolinea quanto sia vitale e indispensabile, soprattutto nelle periferie, l associazionismo e quale grande aiuto rappresenti per le istituzioni nel rendersi più attente ai bisogni e ai diritti dei cittadini. L avvocato Barone gli fa eco, esprimendo la propria vicinanza alla direzione del Municipio e all on. Battaglia per la volontà e l impegno di risolvere i problemi legati all handicap. Ma il tema principale sono i giovani e gli interventi dei relatori si susseguono delineando mano a mano il quadro dei loro diritti e dei servizi dedicati ad essi. Il Municipio delle Torri è il più giovane di Roma, il 20% dei residenti ha meno di 18 anni contro la media cittadina del 9.5%. Sono numerosi gli esempi di giovani di talento, che hanno raggiunto grandi risultati nello sport e nella vita, come Alessia Filippi, la campionessa di nuoto, fiera del suo quartiere di origine, Tor Bella Monaca, o il calciatore appena diciottenne Raffaele Di Vita, di Fontana Candida, da tre anni in una squadra inglese di serie A; emblematico anche PRIMO PIANO 3

6 PRIMO PIANO di Francesca De Rossi il caso di Adriana Scaglione, laureata in Architettura con una tesi di grande qualità su Tor Bella Monaca. Senza contare il successo della squadra di basket in carrozzina di Borghesiana, la Elecom, promossa in serie A1. Il Municipio delle Torri, come riporta il presidente, on. Fabrizio Scorzoni, proprio per valorizzare i talenti di giovani come questi, li ha aiutati ad avviare 115 nuove imprese per più di 500 nuovi addetti, sfruttando le possibilità offerte dalla legge Bersani; ha aperto altre due biblioteche, oltre a quelle scolastiche, una casa della musica con sale prove e di registrazione, ha sostenuto il teatro di Tor Bella Monaca, che ha portato al rifiorire delle associazioni culturali locali. In arrivo ci sono poi 11 nuove scuole, la futura città dello sport e l agenzia spaziale italiana a Tor Vergata, tutte realtà di pregio, insieme a quelle già esistenti dell università di Tor Vergata, del Policlinico, del nuovo centro commerciale Roma Est, che portano occupazione e costituiscono una risposta importante alle esigenze della popolazione e dei giovani in particolare. L on. Biolghini si concentra di più sui giovani con handicap e sulle politiche adottate a livello provinciale per l integrazione, soprattutto nelle scuole, perché i disabili, oltre ad essere portatori di diritti, ancora non tutti riconosciuti, sono una risorsa eccezionale per tutta la società. Parla dei bambini e dei ragazzi affetti da autismo e del loro diritto di praticare attività sportive anche nelle palestre vicino casa; a tal fine, la Provincia sta formando operatori sportivi per l integrazione. Racconta dell esperienza di 40 scuole superiori che, da tre anni, stanno lavorando a un progetto sulla prevenzione del disagio mentale, perché i giovani sanno parlare meglio di chiunque altro ai giovani e aiutando gli altri aiutano se stessi. Cita infine una delibera quinquennale passata in Provincia che prevede che il 5% dell intero bilancio dell amministrazione provinciale sia destinato alla cooperazione sociale integrata, che si traduce in servizi per giovani e disabili e, di riflesso, per tutti i cittadini. Con gli interventi di Battaglia, del dott. Bandiera e del prof. Ronzoni, che con ironia descrive i problemi della sessualità dei giovani e ne elenca le cause, si passa a un argomento spinoso: la sanità e i servizi sanitari. La platea si infiamma e prendono la parola alcuni soci per denunciare il malfunzionamento del policlinico di Tor Vergata, gli scarsi fondi a disposizione del Municipio per i servizi ai disabili, la difficoltà di avere un figlio autistico e iperattivo, le lotte continue per ottenere l assistenza domiciliare, il pulmino per la scuola, tutti servizi riconosciuti per legge come spettanti di diritto. Muratore si fa portavoce di tutte le istanze e si appella a Battaglia perché riporti alla Regione la richiesta di aiuto da lui espressa a nome di tutta l associazione. L assessore ascolta attento e prende appunti. La speranza è che, nonostante le molte assenze di soci e autorità e il successo incompleto dell evento in sé, il convegno possa almeno essere stato pretesto di un incontro ravvicinato tra le esigenze reali e quotidiane di cittadini, spesso in dif ficoltà, e la volontà politica di alcune istituzioni di fornire risposte adeguate a quelle esigenze. Si ringrazia la Presidenza della Repubblica per aver destinato una targa di riconoscimento e la Presidenza della Camera dei Deputati per aver donato una medaglia al Convegno Handicap e giovani nelle periferie di Roma 4 PRIMO PIANO

7 P di Francesca De Rossi PRIMO PIAN O I giovani, la periferia e la proposta Scout resentiamo il testo del mancato intervento della Comunità Capi del gruppo Roma 105 al convegno dell associazione Grazie innanzitutto a Paolo e all associazione per aver richiesto la nostra partecipazione in questa veste inusuale di relatori, direi meglio di testimoni del nostro servizio sul campo, su questo territorio, con i ragazzi. Dico inusuale perché noi scout siamo abituati più a fare che a parlare. Ma in nome dell amicizia che lega il nostro gruppo all associazione Noi e gli altri, eccoci qui a raccontarvi la nostra esperienza. Venti anni fa, quando iniziammo qui a Tor Bella Monaca, i ragazzi andavamo a raccoglierli per le strade del quartiere, tra i palazzoni, e la gente diceva che eravamo degli sconsiderati perché si sa, a Tor Bella Monaca ci sono solo delinquenti. Bè, a noi non è mai successo niente, di delinquenti e figli di delinquenti ne abbiamo avuti nel nostro gruppo e, non per merito nostro ma grazie alla validità della proposta educativa scout, siamo riusciti ad instillare in loro valori come il rispetto, la tolleranza, l accoglienza, l attenzione all altro, l educazione alla diversità perché sì, abbiamo avuto nel nostro gruppo anche ragazzi con handicap fisici o psichici. Lo scoutismo per fortuna ci ha offerto e ci offre tutti gli strumenti necessari per una completa integrazione di questi ragazzi e la valorizzazione dei loro talenti. Col passare degli anni, siamo venuti in contatto con altre forme di disagio, situazioni familiari atipiche (genitori separati, famiglie allargate ), bambini con problemi dell attenzione o ipercinetici, ragazzi imbambolati dalla televisione e dalla playstation, che faticano a ritrovare una sana voglia di giocare, fuori dalle loro stanze, all aperto, a contatto con la natura. L essenza della nostra proposta però non è cambiata da allora per inciso proprio quest anno il movimento scout mondiale compie cento anni. Il nostro scopo è quello di formare buoni cittadini, persone capaci di progettarsi e di gestirsi, nel rispetto delle regole, degli altri e del bene comune. La formula ormai consolidata è quella dell imparare facendo. Ed ecco qui spiegato il nostro servizio, di noi capi e dei nostri ragazzi, rivolto ai piccoli della nostra associazione ma anche a realtà extra-associative, ai bambini, agli anziani, ai disabili. Crediamo fermamente, come diceva il nostro fondatore, Lord Baden Powell of Gilwell, che in ciascuno ci sia almeno un 5% di buono e sta a noi educatori trovare gli strumenti, l esca giusta, per farlo emergere e moltiplicare. gruppo scout PRIMO PIANO 5

8 CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE A Un incontro al Municipio delle Torri Progetti per l inserimento lavorativo delle persone disabili distanza di due mesi dal conferimento del mandato di Delegato alle Politiche del lavoro nel Municipio delle Torri, Alessio Ansovini ci illustra il progetto avviato per migliorare l inserimento e l integrazione lavorativa delle persone disabili, in riferimento alla Legge 68/99 che ha modificato radicalmente la disciplina del collocamento obbligatorio dei disabili, introducendo il concetto di collocamento mirato inteso come insieme di servizi che favoriscono l incontro tra le esigenze dell azienda e le caratteristiche individuali della persona disabile. Il progetto, preceduto da un accurato studio iniziale della situazione attuale, mira ad attuare strategie volte all eliminazione delle discriminazioni e delle disuguaglianze presenti nel mercato del lavoro attraverso il coinvolgimento dei principali attori politici. Come membro della Commissione Lavoro della Regione Lazio (una commissione congiunta tra politiche del lavoro e politiche sociali), Ansovini ci rivela che un preciso indirizzo sulla vera attuazione di questa legge è stato suggerito proprio dalla Regione che ha riscontrato, fino a questo momento, la mancata attuazione della normativa di riferimento e l inosservata vigilanza da parte della Provincia. Nel coinvolgere sia i vari interlocutori territoriali che di Stefania Alunni tutte le realtà del Municipio delle Torri, compresi i sindacati, gli sportelli per l inserimento lavorativo e il collocamento, ha svolto un opera di sensibilizzazione presso le aziende pubbliche e private che, in base alla legge, dovrebbero essere obbligate all assunzione lavorativa delle categorie protette ma si riscontra che una grossa fetta di persone disabili rimane fuori dal mercato del lavoro. A questo proposito sembra che la nuova gestione municipale si stia impegnando per dare risposte concrete e risolutive a tutti gli utenti portatori di handicap del territorio. La Vita Indipendente, sottolinea Ansovini, costituisce un servizio di fondamentale importanza che avrebbe una forte valenza sociale ed economica se fossero identificate, a livello tecnico, specifiche voci di costo. Tuttavia la mancata isituzionalizzazione di questo servizio porta instabilità nella regolarità delle retribuzioni in quanto la persona disabile si trova ad essere datore di lavoro quindi a erogare lo stipendio in prima persona. Pertanto quando per motivi istituzionali i lavoratori vengono pagati in ritardo possono verificarsi dei disagi che andranno ad incidere fortemente anche nell ambito dei rapporti lavorativi. Auspicabile in proposito un coinvolgimento degli organi istituzionali a collaborare per arrivare alla regolarizzazione di questo servizio altrimenti molte persone torneranno al vecchio regime dell assistenza domiciliare, regolata dalle strutture accreditate, che comunque va mantenute perché non tutti gli utenti sono in grado di gestire la propria assistenza in maniera autonoma. Sia il concetto di assistenza che quello della vita indipendente sono esperienze che, già sperimentate nei decenni precedenti negli Stati Uniti, portano, in ogni caso, all acquisizione della vera indipendenza e del vero inserimento della persona disabile. 6 CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE

9 di Floriana Barone CRONACHE DELL ASSOCIAZION E P Nuovi progetti a Tor Bella Monaca Un centro diurno per l autismo resto a Tor Bella Monaca sorgerà un nuovo Centro diurno, che accoglierà ragazzi down e autistici. Il Presidente dell VIII Fabrizio Scorzoni ha illustrato il progetto di questa struttura, precisando che: sarà costruita presso Largo Brambilla, dove ora è collocato il mercato in disuso. In quel sito la riqualificazione avverrà attraverso la realizzazione di una nuova piazza, i box del mercato verranno comunque ricollocati su di un lato e nella parte adiacente alla Tenuta Vaselli sorgerà il Centro diurno, una struttura socio-sanitaria destinata a ragazzi con problematiche di autismo e a ragazzi down. Una parte del centro sarà destinata a ospitare alcuni ragazzi per soggiorni temporanei, permettendo alle famiglie di poter lasciare in completa tranquillità ed in momenti di urgenza i figli (per questo servizio saranno disponibili posti letto); l altra parte del centro sarà destinata per attivare attività specifiche. Inoltre all esterno è prevista la realizzazione di piccoli orti, affinché i ragazzi possano coltivare e anche vendere determinati prodotti in un apposito box che verrà inserito nel piccolo mercato. La progettazione è già in corso dunque dichiara il presidente Scorzoni - e potrei affermare che la struttura sarà costruita tra circa due anni. La notizia positiva in questo caso è che prima sorgerà il Centro diurno e solamente dopo sarà possibile edificare le tre palazzine previste dall articolo 11: per cui il proponente sicuramente tenterà di accelerare i tempi complessivi. Un ultima precizisazione che fa ben sperare. Infine ci tengo ad aggiungere che la Dott.ssa Irene Sarti della Usl fa parte del gruppo di progettazione: dunque una persona così vicina alle tematiche della disabilità sarà d aiuto per realizzare un centro con determinati requisiti. Parteciperanno alla progettazione anche alcune Associazioni come l Ass. genitori ed il Teatro delle Bollicine. Lavori nelle scuole del Municipio Nuovi servizi igienici per i disabili Lungo l elenco degli interventi di manutenzione straordinaria 2007 per le scuole elementari e medie dell VIII Municipio: si tratta di lavori che comprenderanno anche la ristrutturazione e la realizzazione di servizi igienici per disabili. Le priorità degli interventi sono strettamente tecniche e sono state stabilite dall Uot del Municipio in base alle richieste ricevute dalle direzioni didattiche. Per ciò che concerne gli istituti elementari, saranno spesi Euro per l adeguamento dei servizi igienici all uso dei diversamente abili presso la scuola di via Calmiera. Presto verranno ristrutturati i servizi igienici, prevedendo anche i bagni per disabili presso gli Istituti Elementari di via Paternò, di via Città S. Angelo, di via Rocca Cencia, di via Aspertini, di via Millet e di via del Fringuello. Per quello che riguarda invece le scuole medie del nostro territorio, gli interventi riguarderanno sempre la ristrutturazione dei servizi igienici e la realizzazione dei bagni per disabili. Le strutture interessate ai lavori saranno la scuola di via del Rugantino (nella quel sarà costruito anche un ascensore), la scuola di via Fosso dell Osa e la scuola di via dell Archeologia. CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE 7

10 C RONACHE DELL ASSOCIAZIONE di Stefania Alunni S Insieme per un gesto solidale abato 21 aprile, presso la Sala Cinema del Municipio delle Torri, il C.I.S. Spazio Aperto ha organizzato un incontro di beneficenza finalizzato alla raccolta fondi da devolvere all Associazione Handicap Noi e gli Altri per l acquisto di un pulmino adibito al trasporto dei disabili. Facevano da cornice la mostra fotografica delle attività svolte dai ragazzi del C.I.S. e lo stand dei lavori artigianali, accuratamente esposti dagli operatori del Centro di Integrazione Sociale. Per l occasione Marco Brancia ci ha dedicato alcune poesie del suo libro Non avevo le parole ; un momento di intensa riflessione che ci ha trasportato tra le righe di un testo tutto centrato sul dialogo tra un padre e un figlio sulla malattia. La sua disponibilità a mettersi in gioco ha destato l attenzione del pubblico presente che lo ha accolto calorosamente apprezzando la passione con cui ha comunicato i suoi ricordi, le sue più intime emozioni, i suoi silenzi, i sentimenti più profondi e le difficoltà che, isolato dall autismo, ha dovuto affrontare. A seguire i protagonisti della Compagnia Giù il sipario si sono esibiti nello spettacolo teatrale Grease regalandoci un coinvolgente momento di ilarità, spensieratezza e allegria. Come da copione i ragazzi impomatati di brillantina indossavano il mitico giubbotto di pelle mentre le ragazze sfoggiavano abiti sfavillanti e acconciature curate in ogni minimo dettaglio. In un attimo ci hanno riportato indietro nei mitici anni 70 quando un intera generazione affascinata dalla love storie di Jon Travolta e Olivia Nevton Jone danzava sulle note musicali della colonna sonora del film. Sullo sfondo di una scenografia essenziale, caratterizzata soltanto dall alternarsi di grandi pannelli che scandivano il susseguirsi delle scene, i ragazzi, con impegno e ormai calati a pieno nella propria parte, hanno catturando l attenzione e l ammirazione di tutti i presenti. Il Presidente Paolo Muratore ha ringraziato sentitamente tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questa circostanza di festa soffermandosi sul gesto generoso e solidale dimostrato a beneficio delle persone disabili. Una giornata all insegna della solidarietà e di profonda condivisione che ci ha visti uniti insieme per un obiettivo comune in un atmosfera vivace, spensierata e di completa cordialità. Il nostro grazie più sincero va a tutti i componenti della Compagnia Giù il sipario, a Ileana Castellani che, grazie al suo instancabile impegno, ha sostenuto l iniziativa con grande dedizione, a Silvana Ciolli, ad Anna Maria Crudele, a Rocco Luigi Mangiavillano, fotografo d eccezione della giornata, e a tutti coloro che si sono adoperati per la riuscita di questa iniziativa. 8 CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE

11 a cura di Pietro Barone CRONACHE DELL ASSOCIAZION E I Oltraggio a Peppino Impastato Ricordare le vittime della mafia l gesto scellerato ad opera mafiosa con il quale a Termini Imerese si è voluto abbattere l albero piantato in memoria di Peppino Impastato ucciso a Capaci il , rappresenta un segnale per lo Stato di diritto : la battaglia contro questi criminali ed i loro nuovi soci, deve oggi rappresentare un obbiettivo primario per tutta la società civile. Le forze dell ordine non dovranno essere lasciate sole ed occorre nel Paese una forte solidarietà per sradicare non più uno, cento, mille alberi ma altrettanti mafiosi e quanti rappresentano un serio pericolo per chi vive nel rispetto delle regole e delle legalità. Non offendiamo la memoria di quel giornalista che da una radio privata verso il finire del 1970 denunciava ogni giorno i diritti e gli affari della mafia. Partecipiamo allo sgomento ed al dolore per un ignobile gesto mafioso programmando con la nostra Associazione nel prossimo futuro un ricordo di Peppino Impastato il cui esempio di vita dovrà essere portato nella memoria dei nostri giovani e di tutti gli italiani. In quel giorno il l Italia subbì un gravissimo trauma politico- istituzionale: Aldo Moro e gli uomini della sua scorta, tutti Carabinieri morti tragicamente in difesa dello statista e della legalità e della sicurezza. Quella tragica fatalità, fece nel 1978 passare ed affievolire rapidamente il pensiero sul crimine contro Peppino Impastato. Oggi lo ricordiamo e ringraziamo quanti di decente abbiano voluto attivarsi con opere e studi contro il fenomeno mafioso (Centro di documentazione intitolato ad Impastato). Mandiamo in tal senso una lettera al Comune di Termini Imerese per esprimere la nostra solidarietà. Sostieni l Associazione con un tuo contributo economico al fine di dare continuità al nostro operato e alle attività di socializzazione che l associazione organizza da più di venti anni. Un vostro gesto di aiuto può rappresentare una speranza concreta per molti e permettere all associazione di continuare il suo operato a favore della vita. c.c.p. n intestato a: Associazione Handicap Noi e gli Altri ONLUS CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE 9

12 CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE L Pranzo Sociale 2007 Allegria e socialità appuntamento del tradizionale Pranzo sociale ha avuto luogo presso la Cooperativa Agricola di Grottaferrata alla presenza di numerosi soci e degli amici più affezionati che nel tempo hanno abbracciato le finalità e l operato della nostra associazione. Puntuali come sempre le parole di benvenuto del Presidente Paolo Muratore che ha ringraziato tutti i presenti per la loro partecipazione e per la sensibilità che hanno sempre dimostrato nei confronti delle iniziative che l associazione organizza. Nell ambito della Santa Messa Don Franco Monterubbianesi si è soffermato sull importanza delle battaglie che l associazione ha intrapreso per risolvere i molti problemi con cui convivono le persone disabili che spesso vengono emarginati per motivi di indifferenza. Di certo, afferma Don Franco, nell assumerci la responsabilità dei mali del mondo che affliggono la terra ci dobbiamo impegnare per creare partecipazione e solidarietà attraverso processi di emancipazione dei ragazzi e lavorare per una vera costruzione di uno stato sociale. Vista la voglia di stare all aria aperta e la bella stagione, dopo aver progettato il menù per capire di Stefania Alunni quali sapori unire, abbiamo deciso di disporre i tavoli nel giardino interamente messo a nostra disposizione. Ma l idea migliore è stata quella di coinvolgere nel servizio ai tavoli il Gruppo Scout Roma 105 che carichi di entusiasmo e di volontà di sperimentarsi si sono rivelati efficienti nel condurre un servizio impeccabile. Sulle note di famose melodie musicali la nostra cantante Mara Scozzi ha rallegrato e intrattenuto i presenti coinvolgendoli anche in balli di gruppo al ritmo di salsa. Ci siamo regalati un momento di aggregazione e di divertimento caratterizzato da un atmosfera familiare e un ambiente accogliente che hanno favorito il buon esito dell iniziativa tutta centrata sull importanza della riflessione e della condivisione. Come ogni anno nell ambito della giornata si è rinnovato anche l impegno per gesti solidali concreti: il ricavato delle donazioni raccolte è stato destinato all acquisto di un pulmino adibito al trasporto dei disabili e alla nuova Biblioteca sulla mondialità inaugurata lo scorso mese di gennaio dall Associazione Internazionale Noi ragazzi del mondo, presso il C.I.S. di Tor Bella Monaca. Appuntamento al prossimo anno! 10 CRONACHE DELL ASSOCIAZIONE

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica PEI Diagnosi Funzionale Profilo Dinamico Funzionale 20 marzo 2008 insegnanti

Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica PEI Diagnosi Funzionale Profilo Dinamico Funzionale 20 marzo 2008 insegnanti Il PEI, uno strumento per l inclusione scolastica di Salvatore Nocera Avvocato, vicepresidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap) Il Piano Educativo Individualizzato o Personalizzato

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

Dott.ssa Lorenza Fontana

Dott.ssa Lorenza Fontana Dott.ssa Lorenza Fontana Nonostante l aula fosse il posto più tranquillo della scuola, continuavo ad avere difficoltà ad ascoltare la maestra. Scivolavo in me stessa, mi dissolvevo e me ne andavo. Mi cambiarono

Dettagli

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima.

Prima di allegarvi il materiale diffuso in Conferenza, vi elenchiamo i punti principali della Conferenza medesima. Si è svolta stamani, 1 ottobre, la prevista Conferenza Stampa, promossa dalla Cooperativa A.S.S.O. di Pescara sull'iniziativa di Assistenza gratuita agli anziani di Pescara svolta nei mesi di Agosto e

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011

APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 DEL 01.08.2011 COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Allegato alla delibera consigliare n. 38 del 01.08.2011 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria "Fratelli Cervi", Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria Fratelli Cervi, Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it L'esperienza del Centro per l'intervento Didattico sugli Alunni Dislessici (C.I.D.A.D.) come esempio di buona prassi di intervento coordinato sul territorio R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

PUNTI LUCE Settembre 2015

PUNTI LUCE Settembre 2015 PUNTI LUCE Settembre 2015 ILLUMINIAMO IL FUTURO DEI BAMBINI CHI SIAMO Save the Children è la più importante organizzazione internazionale indipendente, dedicata dal 1919 a salvare i bambini in pericolo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 0 INDICE...1 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 REFERENTI...2 4 SERVIZI OFFERTI...

ISTRUZIONE OPERATIVA STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 0 INDICE...1 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 REFERENTI...2 4 SERVIZI OFFERTI... Pagina 1 di 5 0 INDICE 0 INDICE...1 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 REFERENTI...2 4 SERVIZI OFFERTI...3 5 ABBREVIAZIONI...5 Rev. Data Motivo Pagina 00 27/02/07 Emissione Tutte 01 21/02/08

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; CONVENZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO PAVONI PER LA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SUPPORTO DOMICILIARE PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA FAVORE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Richiamata

Dettagli

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare -

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - 20 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Alunni disabili, il 28 novembre parliamone

Dettagli

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento

ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento ALUNNI: - diversamente abili - con disturbi specifici di apprendimento Corso di formazione docenti neo immessi Anno scolastico 2011/2012 Neri Patrizia _ Gallarate,, 16-05 05-2012 L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B.

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. Adolescenza e disabilità: una bella avventura è possibile! Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. AIAS Bologna onlus esprime un caloroso

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: DECISAMENTE ABILI 2014 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio e nelle

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te

Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te Salvare la Storia e realizzare i Sogni: è un appello anche per te Casa S. Giuseppe via Aurelia Antica 446, 00165 Roma tel. 06 666011 fax 06 66601205 roma.sangiuseppe@guanelliani.it La sua e la nostra storia

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina Sez. A COCCINELLE Giovanna Cristina SEZ. B BRUCHI Silvana Sabrina SEZ. C FARFALLE Giusy Rosanna Le collaboratrici Gisella & Maria PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Nel percorso di quest anno si affronterà

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma

Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma (testo predisposto a cura di Salvatore Nocera, vicepresidente F I S H ) GRIGLIA DESCRITTORI LIVELLI DI QUALITA DELL INTEGRAZIONE

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

L alunno. ADHD a scuola. Lo stato dell arte MIUR ANGIOLINA PONZIANO PESCARA 2011

L alunno. ADHD a scuola. Lo stato dell arte MIUR ANGIOLINA PONZIANO PESCARA 2011 L alunno ADHD a scuola Lo stato dell arte PESCARA 2011 1 L alunno ADHD a scuola Lo stato dell arte Disabilità : Le nuove norme Disturbi specifici di apprendimento La legge 170/2010 PESCARA 2011 2 3. Soggetti

Dettagli

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI CI SONO ANGELI IN CITTA Tutte le Aree dell Autismo IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI San Salvo 25-05-2013 PALMA MONICA AREA DISABILITA L. 104/92 Legge Quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO 1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO L ASSOCIAZIONE L Associazione ONLUS La Luna Banco di Solidarietà di Busto Arsizio, è stata costituita da 8 soci fondatori all inizio dell anno

Dettagli