Un diamante è per sempre Approfondimento sullo sviluppo delle miniere sudafricane, ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un diamante è per sempre Approfondimento sullo sviluppo delle miniere sudafricane, (1867 1949)"

Transcript

1 Un diamante è per sempre Approfondimento sullo sviluppo delle miniere sudafricane, ( ) Di Federica Losi PLEASE DO NOT QUOTE, COPY, REPRODUCE OR CITE WITHOUT PERMISSION FROM THE OWNER OF THE COPYRIGHT PHASI.ORG AND THE AUTHOR S PERMISSION II anno del corso di laurea in Storia e Civiltà Orientali, Lettere e Filosofia, Bologna.

2 INDICE DELLE FIGURE : Figura 1 : Esempio di licenza di prospezione nelle terre private delle fattorie Figura 2 : La miniera di Kimberley, 1872 circa Figura 3 : Kleinzee Town, SOMMARIO : INTRODUZIONE... 3 LA CORSA AI DIAMANTI... 3 LA CITTA DI KIMBERLEY : DINAMICHE DI VITA SOCIALE E LAVORATIVA... 6 DE BEERS CONSOLIDATED MINES LIMITED... 8 LA CITTA MINERARIA DI KLEINZEE EPILOGO

3 INTRODUZIONE Se questo fosse un film, la colonna sonora sarebbe certamente Money dei Pink Floyd: «I soldi sono un crimine / Condividili generosamente ma non prendere una fetta della mia torta» 1. Ma questa è una storia vera, di diamanti, soldi, imprenditori e minatori. LA CORSA AI DIAMANTI Nel 1867 fu scoperto il primo diamante dell intero continente africano dai figli del contadino boero Van Nickerck nei pressi del fiume Orange. John O Reilly, esploratore e commerciante, amico degli olandesi, fece verificare l autenticità del brillante presso una gioielleria di Cape Town: il blink klippe, traduzione del boero pietra scintillante, fu venduto all asta per la cifra di 3,000 dollari. Fu così che, con un inizio quasi da fiaba, incominciò la corsa ai diamanti del Sudafrica. Moltissimi lavoratori, attratti dallo sfavillio del guadagno facile, accorsero sulle rive dei fiumi Orange e Vaal alla ricerca di pietre preziose, impiantandosi in maniera del tutto abusiva. All inizio i pionieri definirono i confini delle loro aree di lavoro in completa autonomia, ma questa soluzione creò presto dei problemi. Infatti, più persone arrivavano più la legittimità del proprio pezzo di terra era messo in discussione. Per questo motivo fu istituita una Diggers Committee 2 i cui membri erano regolarmente eletti, per definire il perimetro di ogni concessione. Ogni appezzamento, di 30 piedi quadrati, poteva appartenere ad una sola persona. Soluzione perfetta, perché molti personaggi concorrevano a scavare: primi fra tutti, i famigliari. Boeri ed inglesi, infatti, si trasferivano nei pressi del fiume con mogli e figli. La giornata era faticosa: la sveglia all alba, seguita da un ora per la colazione. Poi, gli uomini iniziavano il loro lavoro presso il torrente. Poiché i diamanti si trovavano in un cumulo di massi appena sotto una superficie di ghiaia e sabbia, bisognava innanzitutto togliere il primo strato di terra. In seguito si raccoglievano i sassi in una carriola, e li si trainavano fino al letto del fiume, dove le donne setacciavano il tutto per raccogliere le pietre potenzialmente più interessanti. Infine esse venivano analizzate su un tavolo in legno. Quando la stanchezza prendeva il sopravvento, i coloni bianchi si facevano sostituire da lavoratori di colore, ritenuti abili ed onesti, ma supervisionati sempre e comunque da un responsabile. All ora di pranzo ci si fermava per circa un ora, e si cucinava mais, montone e pesce d acqua dolce. Il lavoro riprendeva fino al calar del sole, e ci si concedeva un ora per la cena. In genere si acquistavano prodotti tipici nei market che i contadini boeri aprirono nelle vicinanze dei campi. Poco più distante dalla zona di lavoro furono piantate le tende: le più comuni erano lunghe 10 piedi e larghe 8, e potevano ospitare un massimo di tre uomini. Citando l esperienza del dottor Holub: Nel 1872 la gente viveva in tende. Io noleggiai una di queste tende: essa non era molto grande e fungeva da sala d aspetto, da camera da letto, [ ] da laboratorio, dove preparavo le mie medicine e conservavo i miei oggetti. Molto spesso quando un paziente mi chiamava nel bel mezzo 1 R. Waters D. Gilmour, Money, Pink Floyd, The Dark Side of the Moon, Londra, Commissione di scavatori. 3

4 di una giornata veramente calda, i raggi del sole bruciavano fin dentro le tende come in strada, e tenevo un ombrello per me ed il mio paziente 3. A fianco vi erano le carovane degli olandesi, una sorta di monolocale su ruote dove si mangiava, si dormiva e si viveva. In genere il lavoro veniva sospeso durante i mesi più caldi dell anno, soprattutto nelle ore centrali della giornata. Anche la pioggia impediva gli scavi, tuttavia è proprio essa che permise di scoprire i primi filoni di kimberlite. Vicino alla fattoria Jagersfontein infatti, si formava un rigagnolo d acqua che tradiva la presenza di granato: chiaro segno, secondo i pionieri, della presenza di diamanti. Era l Agosto del 1870: iniziò da qui il futuro delle miniere. Nei mesi successivi i pionieri incominciarono a chiedere licenza di scavo ai proprietari delle fattorie circostanti 4, permesso accordato dietro il pagamento di due sterline al mese. Figura 1 : Esempio di licenza di prospezione nelle terre private delle fattorie. Immagine tratta dal libro Diamonds and Gold of South Africa di Henry Mitchell, Fredc. C. Mathieson & Son, Bartholomew House E.C., Effingham Wilson & Co., Royal Exchange, E.C., London, Holub, E., Journey Through Central South Africa, from the Diamond Fields to the Upper Zambesi, in Proceedings of the Royal Geographical Society and Monthly Record of Geography, Blackwell Publishing, Oxford, n. 3, Dutoitspan, Bultfontein, De Beers, Dorstfontein (meglio conosciuta come Kimberley). 4

5 Per contenere l arrivo dei diggers 5 da ogni parte del mondo, lo Stato Libero dell Orange sancì che solo i boeri potessero avere diritto di scavo nei pressi delle fattorie, ma il fenomeno fu così incontenibile che immediatamente le leggi furono aggirate e le concessioni vendute a chiunque. Ad esempio nella miniera di Kimberley, scoperta un anno dopo Jagersfontein, regnava la completa anarchia: molto spesso i diggers abusivi venivano colti in flagrante nelle terre dei contadini, e trascinati via con forza dalla polizia. Chi invece era in regola, sanciva la zona come territorio indipendente in mano ai pionieri. Da un lato lo Stato Libero dell Orange dichiarava l area sotto il suo dominio, mentre la Colonia del Capo ne rivendicava il controllo. Ma quale era la motivazione della disputa? Al principio, Kimberley si trovava in una zona indipendente e faceva parte del Griqualand, regno della tribù Griqua. Il territorio era stato concesso alla popolazione nativa dall Orange, tuttavia ben presto divenne un protettorato britannico. Nel momento in cui i Griqua intuirono l affare, dietro consiglio di broker, vollero investire in concessioni. Ma l Orange non riconobbe come legittimo questo comportamento e cercò di portare il caso in tribunale. Il governatore dell allora Colonia del Capo, sir Henry Barkly, si schierò dalla parte dei nativi e vinse la causa: nel 1871 si istituì una nuova provincia britannica, il Griqualand West, mentre l Orange venne risarcito delle perdite con 90,000 sterline. Frattanto, i prezzi delle licenze si impennarono: oscillavano fra i 5,000 e i 40,000 dollari a seconda della profondità. Alle prese con un nuovo tipo di terreno argilloso, bisognava scavare più a fondo. In alcuni casi si trattava di cunicoli scavati nella roccia, cui si accedeva tramite una discesa appesi ad una corda, in altri invece di piattaforme che si facevano via via più piccole, fino a raggiungere il fondo. In superficie, una fitta rete di sentieri permetteva lo spostamento delle persone, ma la loro consistenza non era sinonimo di una forte tenuta. Ogni miniera era un cratere verticale ed immenso, che scendeva [ ] in profondità. Le strade intorno ai buchi collassarono e fu creato un unica gola, collegata da un sistema di cavi ed argani 6. Ben presto gli scavatori investirono parte dei loro guadagni in strumenti quali le pompe motorizzate per preservare intatte ed asciutte le nuove miniere a cielo aperto. Un uomo, in particolare, cavalcò il business della vendita di pompe: Cecil Rhodes. Le fonti non sono concordi circa l anno in cui il giovane inglese fece il suo ingresso nella Colonia del Capo, ma si attesta che tra il 1870 ed il 1874 il diciottenne imprenditore fornisse già l attrezzatura ai minatori di Kimberley. Dopo la decisione del governo di liberalizzare le concessioni 7, i tempi furono maturi. Gli imprenditori non tardarono a collezionare appezzamenti, che ricompravano dai pionieri. 5 Termine inglese con cui si indicano i minatori, letteralmente scavatori. 6 Crider, H.D., The Story of Diamond, in American Midland Naturalist, The University of Notre Dame, Notre Dame, n. 4, Più precisamente, non vincolare più la dimensione di trenta piedi quadrati alla proprietà di una sola persona. 5

6 Figura 2 : La miniera di Kimberley, 1872 circa. Immagine tratta dal sito internet Flickr.com LA CITTA DI KIMBERLEY : DINAMICHE DI VITA SOCIALE E LAVORATIVA La realtà della miniera mutò sia da un punto di vista geologico che di relazioni fra lavoratori stessi. Essi diventarono dipendenti delle società azionarie che acquistarono le concessioni e, come tali, dovevano seguire le regole imposte dall alto. I bianchi, provenienti principalmente da Inghilterra, America e colonie, furono impiegati in uffici e negozi, oltre che essere selezionati come meccanici ed ingegneri specializzati. In media si lavorava tra le dieci e le dodici ore al giorno, dal lunedì al sabato: la sveglia era per le sei del mattino e la giornata finiva verso le cinque e trenta del pomeriggio. Gli addetti al controllo delle pompe, invece, non avevano giorno libero, ma non di rado anche i meccanici passavano la domenica a riparare i macchinari. Lo stipendio oscillava fra i 10 e i 15 scellini al giorno: esso veniva messo da parte per pagare l affitto della casa, che poteva variare dalle quattro alle otto sterline al mese. Tutti i lavoratori bianchi risiedevano nella città di Kimberley, in case fatte di mattoni e di legno con giardino e dotate di elettricità. Kimberley fu costruita nell arco di soli tre mesi. La piazza centrale, denominata Market Square, era in origine il fulcro dei negozi, poi divenne la sede del Municipio. Man mano che si ingrandì, si arricchì di costruzioni dedicate al tempo libero, come il Theatre Royal o il Kimberley Sanatorium, con la sala da biliardo, la sala per fumatori, la cucina e diverse stanze. In più, si realizzò una raccolta di ben ventiduemila libri, che fecero della Kimberley Public Library un centro di riferimento per la storia della colonia. Nel 1871 fu costruito l ospedale, i cui reparti erano divisi, per pazienti bianchi e di colore. Chiunque, pagante e non, poteva avere accesso alle cure: agli indigenti bastava fornire un certificato attestante la loro condizione economica per avere diritto alle medicine gratuite. 6

7 Nel 1896 fu fondata anche una scuola, la South African School of Mines per la formazione di ingegneri: essa prevedeva un periodo di studio di ben quattro anni, dislocati fra le città di Kimberley, Cape Town e Johannesburg. Inoltre erano previsti stage nelle miniere. Nella città erano presenti anche ben sei confessioni religiose spesso destinatarie di donazioni, più o meno forzate- ognuna con la propria sede spirituale: anglicana, presbiteriana, battista, cattolica, metodista, e la Congregazione Ebrea del Griqualand Ovest. Appena all esterno di Kimberley, nei pressi delle miniere, sorgevano i compound 8, un complesso di baracche di forma quadrata, dove vivevano le persone di colore e i mulatti. Al centro vi era un grande spazio aperto dedicato alle attività sportive e alle feste a base di danze e musica. Gli Zulu, ad esempio, ogni domenica si vestivano con gli abiti tipici della loro tribù, brandivano lo scudo e la lancia e si mettevano in cerchio. Poi incominciava la danza della guerra, accompagnata da canti che salivano fino al cielo: la gente si riuniva attorno ad essi per assistere allo spettacolo, con la band musicale dei nativi a scandire il ritmo con i tamburi. La Chiesa, nelle immediate vicinanze, forniva una Bibbia in ogni campo. La messa veniva celebrata da un prete affiancato da un traduttore e, alla fine della funzione, la struttura si trasformava in scuola gestita da cristiani volontari. Le tribù in genere non si mescolavano mai le une con le altre: ogni etnia aveva la propria zona d influenza. Si potevano ammirare Zulu, M umban, Basutu, Shangan aggirarsi sicuri per la miniera, in genere in gruppi di lavoro di dieci, fino ad un massimo di trenta persone. Coloro che facevano domanda di lavoro venivano sottoposti ad una visita medica: chi risultava affetto da una patologia che lo rendeva inadatto al lavoro, non veniva assunto, mentre chi aveva, ad esempio, una malattia contagiosa veniva inviato in infermeria, controllato 24 ore dopo ed eventualmente rivalutato. Non erano ammessi né ragazzini al di sotto dei dodici anni, né donne. L operaio che superava l esame iniziale era sottoposto ad un periodo di tre mesi di prova, prima di poter firmare il contratto a tempo indeterminato. Condizioni imprescindibili erano il divieto di bere alcool e di giocare a carte, oltre al vincolo di vivere nel compound senza poterne uscire per tutto il periodo di lavoro. La paga era di circa tre sterline al mese, di cui uno scellino era versato come contributo al Kimberley Hospital. Il lavoratore era iscritto anche al Registro dei Nativi, istituito dal governo, e pagava uno scellino per la tassa d iscrizione. Per guadagnare la propria parte, gli uomini neri dovevano caricare la terra sui camion, oppure scavare delle buche; per arrotondare alcuni facevano lavori di cucito il fine settimana, o, in alternativa, aiutavano nelle cucine. Solo ai bianchi, invece, erano riservati un certo tipo di incarichi: far esplodere la dinamite nei corridoi sotterranei della miniera, il controllo dei tre ascensori che trasportavano i minatori in profondità, la direzione del campo-dormitorio. A tal proposito, il capo era un manager bianco che risolveva le dispute e provvedeva alla distribuzione delle paghe. Ogni giorno vi erano guardie che controllavano l uscita dalle baracche e l entrata nel luogo di lavoro tramite il timbro del ticket e l identificazione di un numero assegnato ad ogni operaio per prevenire il furto di diamanti. Chi era sospettato di aver rubato veniva posto in una stanza vuota, da solo, senza possibilità di comunicare con l esterno, prima di finire in prigione. Trattamento analogo spettava anche al lavoratore che si avvicinava al licenziamento o alla pensione. Dati i frequenti episodi di personale che ingeriva diamanti con lo scopo di 8 Campo. 7

8 venderli al di fuori dell azienda, fu istituita una stanza di detenzione in cui l uomo doveva soggiornare per ben cinque giorni. Naturalmente anche il suo bagaglio veniva minuziosamente ispezionato, ed era possibile portare solo oggetti morbidi al di fuori della struttura (perfino gli stivali erano vietati!). DE BEERS CONSOLIDATED MINES LIMITED Rhodes fu uno dei broker più intraprendenti: nel giro di pochi anni divenne il maggiore azionista della miniera De Beers. Il progetto a lungo termine era la costruzione di un impero: infatti, già ai tempi del suo arrivo nel continente, il giovane inglese ebbe prova che l immissione improvvisa nel mercato di una grande quantità di diamanti avrebbe fatto crollare immediatamente il suo valore. Non solo: da sempre questi erano famosi per la loro rarità che sottolineava il potere e il prestigio dei sovrani. Bisognava quindi investire sulla leggenda, far sì che la pietra si potesse reinventare come simbolo di amore. Insomma, farne un bene di lusso accessibile a un élite mondiale. Per realizzare questo ambizioso progetto, come primo passo bisognava controllarne la produzione, poi creare la domanda e soddisfarla solo quanto bastava per tenere alto lo status dell oggetto. In altre parole, costruire un mercato equilibrato ed arbitrariamente regolato. Nel 1880 circa, ad opera di Rhodes, fu fondato il Diamond Syndacate. Quest istituzione prevedeva che Rhodes acquistasse tutte le pietre preziose, dando vita ad una riserva. Inoltre, sanciva che egli fosse il principale (se non l unico) fornitore dei grossisti, con i quali si concordava il prezzo della merce da immettere sul mercato. Non mancava di certo chi cercava di far concorrenza: il più pericoloso degli avversari aveva il nome di Barnett Isaacs. Barnato, com era conosciuto da tutti, era un ebreo inglese, emigrato in Sudafrica per vendere sigari. Pian piano, egli investì i suoi guadagni comprando pietre preziose e licenze, fino a diventare proprietario del pacchetto azionario più consistente della miniera di Kimberley. Rhodes cercò immediatamente di avere quante più azioni possibili e fu in quel momento che iniziò una vera e propria guerra economica: rilanci di azioni e proposte d acquisto si alternarono fra i due contendenti, in una e vera propria corsa al controllo di Big Hole 9. Rhodes giocava d astuzia, promettendo agli azionisti partecipazioni lucrose nella società che si sarebbe costituita in futuro. Fu così che l investitore guadagnò terreno rispetto all avversario, che si ritrovò messo alle strette con la sua ormai piccola quota. A quel punto Barnato decise di liquidare la società della miniera, la Kimberley Central Mining Co. Rhodes ne rilevò il patrimonio per circa 12 milioni di dollari, nominò Barnato governatore a vita della sua nuova società e gli diede il pacchetto azionario più consistente: il 13 marzo 1888 la De Beers Consolited Mines Ltd fece il suo ingresso sulla scena internazionale, garantendo a Rhodes il controllo del 90% della produzione mondiale. La politica di Rhodes fu vincente: i centri boeri di Jagersfontein, Bultfontein e Dutoitspan furono immediatamente assorbiti dalla società e dunque «il piccolissimo territorio in cui si trovavano queste miniere fu annesso all Impero Britannico», come riporta un articolo del New York Times datato 6 dicembre Lo Stato Libero dell Orange, di origine boera, perse le sue terre «solo a causa di una rappresentazione debole alla Corte di Arbitraggio 10.» 9 Soprannome con cui veniva scherzosamente denominata la miniera di Kimberley. 10 South Africa A New History of the Development of the Diamond Fields, New York Times, 6 dic

9 I Boeri, da un lato, volevano continuare con la loro tradizionale vita pastorale e imporre l Afrikaans come lingua per eccellenza in tutta la zona: avvertivano come invadente la presenza inglese. Soprattutto, l orgoglio olandese difendeva la propria integrità e la propria indipendenza sotto la figura del governatore Paul Kruger. Dall altra parte, invece, vi era l intraprendenza inglese, imposta dal governatore Cecil Rhodes della Colonia del Capo ( ), il quale ambiva a «riunire l intera Africa meridionale [ ] in un dominio indipendente sotto la bandiera britannica 11.» I rapporti iniziarono a raffreddarsi proprio quando Kruger iniziò a tassare pesantemente gli imprenditori inglesi residenti, oltre che continuare a negar loro e alle popolazioni di colore il diritto di voto. Il malcontento si manifestò proprio fra le file dei nativi provenienti dai dintorni dei fiumi Zambesi e Limpopo. Molti uomini affrontavano camminate estenuanti di ben 1000 miglia, alcuni perendo anche per il freddo e la fame, solo per raggiungere le miniere per poter lavorare. Rimangono e lavorano solo tre mesi - il tempo necessario per fornire ad ogni membro del gruppo un fucile e le munizioni e ritornano nella loro terra. Non riportano indietro dei soldi, solo un arma. [ ] Il governo inglese permette la vendita indiscriminata di questi pericolosi oggetti. [ ] Pochi mesi fa i nativi hanno dichiarato guerra al governo del Transvaal: ora si spiega che significato avesse questa preparazione [ ] 12. Era il 1877, ed in capo a vent anni la situazione degenerò fino alla guerra anglo-boera, che scoppiò nel La Repubblica del Transvaal si alleò prontamente con lo Stato Libero dell Orange e per due lunghi, ostinati anni condussero una lotta tenace e coraggiosa, che però si risolse con una sconfitta non priva di ingenti perdite da entrambe le parti. Il rancore della popolazione boera per le istituzioni inglesi raggiunse il suo massimo storico: nel 1901 tutto il Sudafrica era in mano britannica. L anno seguente vi furono avvenimenti importanti per la De Beers Consolidated Mines Ltd.: le miniere di Dutoitspan e Bultfontein chiusero definitivamente, per mantenere bassa la produzione di diamanti, in quanto le riserve erano stracolme di pietre preziose. Inoltre fu scoperto un nuovo giacimento di diamanti, nei pressi di Kimberley, che prese il nome di Premier Mine. Da essa estrassero una delle pietre più grandi al mondo: il Cullinan, di ben carati. La società corse immediatamente ai ripari: quale pericolosa concorrente, la Premier andava assolutamente assorbita, e nel giro di poco tempo il disastro economico fu evitato. Infine il fondatore della società, Cecil Rhodes, morì. L industria designò Gardner F. Williams quale suo successore ed egli raccolse la storia dell azienda nel libro The Diamond Mines of South Africa Some Account of their Rise and Development. Sostanzialmente, la politica aziendale rimase pressoché immutata, con il succedersi di diversi direttori. Tuttavia, i seguenti trent anni non furono facili, perché spuntarono concorrenti come la Sierra Leone, l Angola, il Congo Belga, che minacciavano il monopolio con prezzi molto più competitivi. Nel 1929 questo fattore, associato alla terribile crisi della borsa americana, fece crollare il mercato. Fu proprio in questo periodo così delicato che il discendente di Rhodes, sir 11 Giglio C. Oliver R. Atmore A., L Africa, Unione Tipografico Editrice Torinese, Torino, 1980, p Morton, W. J., The South African Diamond Fields, and a Journey to the Mines, in Journal of the American Geographical Society of New York, American Geographical Society, New York, vol. 9,

10 Ernest Oppenheimer, divenne direttore della De Beers Consolited Mines. Gli Oppenheimer erano una famiglia di investitori di origine tedesca che nel 1917 fondarono una società, l Anglo American Corporation (ACC). La compagnia si fece strada all interno della Premier Diamond Mining Company of South Africa gareggiando contro la stessa società di Rhodes; per quanto riguarda l oro, invece, l AAC ottenne il controllo della Consolidated Mine Selection nel giro di pochi anni. Gli investitori dell azienda, oltre che diversificare la produzione 13, non tardarono ad impossessarsi delle terre preziose dell odierna Namibia, come la miniera di Kleinzee. 13 Dedicandosi a oro, agricoltura, costruzioni di ferrovie, produzione di vino ed esplosivi. 10

11 LA CITTA MINERARIA DI KLEINZEE Figura 3 : Kleinzee Town, Immagine tratta dal libro Carstens, P., In the Company of Diamonds: De Beers, Kleinzee, and the Control of a Town, Ohio University Press, Athens,

12 Nel 1926, Jack Carstens trovò dei diamanti nei pressi della fattoria di Kleinzee: tre anni dopo, la città mineraria apriva i battenti a tutti i suoi futuri operai. A differenza di Kimberley, la città era stata progettata per essere una cornice al luogo di lavoro e quindi, come tale, era molto essenziale: c era la ferrovia per i carrelli che collegava la miniera al Washing Plant 14, accanto all impianto vi erano i garage dove riporre i veicoli, il negozio, la centralina con motore diesel che forniva l elettricità a tutto il campo, il fabbro e l ufficio del manager. Dal complesso partiva la strada su cui si affacciavano le case: percorrendola, si trovavano subito le residenze dei dirigenti. Si trattava di un corpo di funzionari specializzato, tutti di origine inglese, che avevano prestato servizio come ufficiali durante la Prima guerra mondiale: il segretario selezionava il personale, deteneva i registri della produzione e della qualità dei diamanti, oltre che degli stipendi; l Ingegnere testava la funzionalità degli impianti; il supervisore coordinava il lavoro di scavo e di pulizia delle pietre ed infine il capo delle guardie era preposto alla prevenzione del furto dei diamanti e presiedeva al controllo a Raggi X. In realtà, il Senior Staff ovvero i dirigenti- può essere considerato sinonimo di élite. Era una sorta di club privato, i cui membri partecipavano a partite di tennis, di cricket, a tornei di bridge iniziative spesso organizzate dalle loro consorti, alcune delle poche donne presenti nella vita di miniera-, e potevano inoltre uscire dalla città nella più completa libertà. Essi vivevano nelle case più esclusive: avevano tre camere da letto, salotto, sala da pranzo e due bagni. Non solo: le stanze erano arredate con mobili di lusso, fornite di elettricità ed acqua corrente, mentre la lavanderia era a parte, così come vi erano piccole camere per la servitù. Inoltre, godevano del privilegio di un apparecchio telefonico e avevano la radio e l auto personale. Il manager era a capo della gerarchia e in quanto tale aveva lo stipendio più remunerativo, di circa cento sterline al mese. La condotta di Frank Humphreys può ben esemplificare le funzioni del mestiere. Arrivato nel 1930, prestò servizio per pochi anni, ma fu ricordato da tutti per le raccolte fondi che organizzava a favore delle chiese, per aver cercato di risolvere i problemi senza coinvolgere i dirigenti di Cape Town, e per avere incentivato lo sport come diversivo fra i lavoratori bianchi. Inoltre, fece costruire campi da golf e da cricket, cui avevano accesso anche le donne. Anche ad alcuni membri del Regular Staff era permesso portare le mogli all interno della miniera: a seconda della disponibilità soggiornavano nelle case per supervisori sposati, altrimenti venivano sistemati nei quartieri per single. I bungalow avevano elettricità ed erano arredati spartanamente. Coloro che vivevano da soli avevano le docce in comune, in unico blocco, e potevano usufruire, lì vicino, di una costruzione denominata mess, che fungeva da servizio mensa e da luogo di ritrovo. Il medico, il controllore dell impianto, il manager del compound e i supervisori erano inglesi o boeri che avevano deciso di servire l impero britannico, e guadagnavano 30 sterline al mese. Gli unici che abitavano al di fuori dei confini dell industria erano le guardie: vivevano nelle fattorie per stare vicino alle mogli. Sia con la luce del sole che di notte, ogni giorno, facevano giri di ricognizione presso le recinzioni per evitare furti di diamanti. Inoltre, presiedevano ai controlli a Raggi X cui si dovevano sottoporre i lavoratori. I poliziotti, che 14 Impianto di Pulizia, nel quale si scrostavano i diamanti dalla terra che li ricopriva. 12

13 avevano la loro stazione proprio vicino all ufficio delle poste ed ai campi, erano ammirati per la loro onestà e lealtà. La paga era di 14 sterline al mese. Come lavoratore bianco, chi guadagnava meno era sicuramente il minatore. L accordo prevedeva l assunzione per i primi sei mesi di prova, a circa undici sterline al mese, per poi rinnovare per altri sei mesi e solo dopo un anno redigere un contratto a tempo indeterminato. Essi dovevano vivere confinati, proprio come i ragazzi di colore di Kimberley, all interno di un complesso di quattro costruzioni (tre dormitori e il quarto luogo ricreativo con cucina, docce e libreria) recintate dal filo spinato. Era vietato uscire senza la presenza di una guardia e non ci si poteva assentare senza permesso scritto. Un corridoio recintato collegava le abitazioni alla miniera: a metà vi era la così detta Changing House, ovvero uno spogliatoio dove i lavoratori dovevano togliersi i vestiti per indossare quelli da lavoro, sotto l occhio vigile delle guardie. Al momento dell adozione del controllo a Raggi X, questa pratica venne abbandonata. L unica persona esterna che i minatori potevano vedere era il pastore per la messa della domenica. Altre attività, specie sportive, alleggerivano lo spirito: si leggeva, si giocava a carte, a box o a rugby all interno delle abitazioni; suonavano anche diversi strumenti musicali, che uniti alle rappresentazioni della Workers Dramatic Society, davano vita ad un vero e proprio teatro. Almeno una volta a settimana si proiettava un film e la domenica, con la supervisione di due o tre guardie, si andava tutti in gita al mare per pescare od incontrare le donne della città vicina di Port Nolloth. La giornata era pressoché identica a quella vissuta dai minatori di Kimberley: sveglia alle sei e sirena di fine lavoro alle quattro e mezzo del pomeriggio, con un ora di pausa a pranzo. La colazione era costituita principalmente da porridge e latte, mentre per i pasti principali andavano per la maggiore carne di manzo e patate: i dottori che si susseguirono all interno dell industria denunciarono diverse volte i problemi di malnutrizione che questa dieta povera di vitamine causava, ma nessuna lamentela era accettata, pena il licenziamento immediato. In realtà, essi lavoravano perché lo Stato tutelava i bianchi, tuttavia, non appena quest ultimo allentò la presa sull industria, i Boeri vennero licenziati e fu assunta manodopera nera, meno costosa. Gli Owambo vennero reclutati tramite il South-West African Labour, associazione che aveva gli uffici direttamente all interno delle riserve. I nativi arrivarono nel 43 e suscitarono una discreta curiosità in tutti i presenti. Lo stereotipo suggeriva l idea che bisognasse trattarli come persone ingenue, ma in realtà ebbero modo di stupire: erano infatti ben coscienti dei propri diritti e, quando non venivano garantiti, non esitavano a rivendicarli. L allegria che contraddistingueva questa popolazione si differenziava fortemente da quella dei loro predecessori: ogni giorno andavano al lavoro cantando, intonando cori costituiti da inni cristiani e da canzoni folk e tradizionali. La musica era parte integrante della loro quotidianità, tant è che molte band si formarono in quegli anni e ogni Natale andavano a cantare alle porte dei dirigenti. Alla domenica era immancabile la gita al mare, in cui si sfoggiavano i vestiti della festa. Lo stipendio medio mensile che percepivano, una sterlina e diciotto scellini, era speso per comperare tessuti con cui confezionavano i propri abiti, oltre che creme, oli ed articoli regalo per le signore che li attendevano a Owamboland. Ciò non significa che fossero spendaccioni : furono anzi i primi a pretendere un sistema di transazioni e versamenti che facessero arrivare oltre la metà dello stipendio alla famiglia. 13

14 Gli Owambo però non erano tutelati dallo Stato, in quanto erano considerati forza lavoro straniera: perciò nel 1949 furono licenziati in blocco in seguito alle continue lamentele dei contadini boeri senza lavoro. Non erano, però, gli unici: anche i mulatti non erano tutelati, ragion per cui cercavano di entrare nelle grazie dei dirigenti nella speranza di aumentare i loro guadagni, sfruttando l amicizia con le ragazze che lavoravano all interno delle case del Senior Staff come cameriere. Queste ultime venivano comprate dagli uomini dello Staff direttamente nelle riserve, per poterle poi educare come meglio credevano. Rispetto ai lavoratori, godevano di maggior tempo libero: la mattina sveglia alle sei come tutti, ma dopo aver preparato la colazione ed aver badato ai bambini il pomeriggio trascorreva senza occupazioni. Le donne percepivano 10 scellini al mese, la paga più magra di tutte, mentre i minatori circa 6 sterline. Per arrotondare, riparavano e costruivano edifici e fabbricavano scarpe. Vivevano in gruppi di dieci persone per ogni baracca, in cui erano presenti solo letti e coperte. Rispetto ai lavoratori bianchi, non avevano filo spinato che li circondasse, perché erano considerati più affidabili. Inoltre, i mulatti non erano specializzati: usavano principalmente la pala e il piccone, ma, una volta finita la dura giornata di lavoro, si lasciavano andare alle distrazioni come gli altri. 14

15 EPILOGO La Premier Mine costituì la prima breccia nell impero De Beers: fu infatti grazie alle azioni della miniera se Oppenheimer iniziò la sua scalata al colosso. Più fonti testimoniano il percorso che l holding si costruì all interno di De Beers e di come negli anni Venti del XX secolo Sir Oppenheimer divenne capo del Diamond Syndacate. Da lì il passo fu breve: verso gli inizi degli anni 30 fu eletto presidente della De Beers, grazie al 45% delle azioni firmate AAC. Il problema all ordine del giorno era risollevare le finanze di un mercato ai suoi minimi storici. La soluzione adottata fu la modernizzazione del Diamond Syndacate: partendo dal ragionamento base che la vendita dei diamanti non può seguire un flusso naturale ma dev essere orchestrata dall alto, la collaborazione fra produttori doveva estendersi, se necessario, anche oltre i confini continentali. Così nacque la Central Selling Organization dalle ceneri del suo predecessore. Essa era il frutto di tre compagnie unite: la Diamond Corporation, che controllava diverse riserve finanziarie e deteneva l esclusiva per stilare contratti con produttori indipendenti, la Diamond Trading Company che si occupava di gemme non tagliate e l Industrial Distributors che vendeva gemme per uso non industriale, non destinate alle gioiellerie. Ogni anno la crème de la crème degli affaristi di pietre preziose, chiamati sightholders 15, si incontravano circa dieci volte per acquistare la fornitura. La merce era accuratamente selezionata nella riserva, tuttavia si spendevano cifre colossali a scatola chiusa, in quanto i prodotti potevano essere controllati solo dopo che la transazione era stata eseguita. In seguito, le pietre grezze venivano spedite nei diversi centri di taglio, primo fra tutti il più famoso ed antico, quello di Anversa. Per quanto riguarda l aspetto tecnico, per rendere il diamante un attrazione così irrinunciabile, esso subisce una procedura in uso tutt oggi. La prima fase, detta sfaldatura, consiste nell imprimere un taglio alla gemma per verificarne la qualità e dividere la pietra. L operazione viene effettuata con l uso di una lima che contenga polvere di diamante. Nella fase della sfaccettatura, è l artigiano che sceglie la forma geometrica che assumerà la pietra, ed ogni pezzo è unico. Ogni fessura impressa può richiedere diverse ore di lavoro e la fatica e il talento sono alla base del gioco di luci che si insinua tra le trame del carbonio. Infine, il lavoro di lucidatura richiede dedizione e pazienza: la somma di questi fattori fa in modo che i prezzi del prodotto finito si impennino vertiginosamente, raggiungendo un prezzo anche dieci volte superiore a quello pagato da De Beers 16. Nel 1948 venne creato il famoso slogan che ancora oggi rende famosa l azienda: Un diamante è per sempre. Il messaggio implicito è lo scambio della promessa d amore: un valore simbolico impresso in una gemma che sottolinea l unicità di quelle parole. 15 Letteralmente, coloro che possiedono l occhio. Erano circa 120 clienti. 16 Campbell, G., (2003), Diamanti di Sangue, Carocci Editore, Roma, 2003, p

16 BIBLIOGRAFIA: Berman, M., (1971), The Location of the Diamond - Cutting Industry, Annals of the Association of American Geographers, Taylor & Francis Ltd, vol. 61, n. 2, giugno, pp Campbell, G., (2003), Diamanti di Sangue, Carocci Editore, Roma. Carstens, P., (2001), In the Company of Diamonds: De Beers, Kleinzee, and the Control of a Town, Ohio University Press, Athens. Crider, H. D., (1924), The Story of the Diamond, American Midland Naturalist, The University of Notre Dame, vol. 9, n. 4, luglio, pp Giglio C. - Oliver R. - Atmore A., (1980), L Africa, Unione Tipografico Editrice Torinese, Torino. Holub, E., (1880), Journey Through Central South Africa, from the Diamond Fields to the Upper Zambesi, Proceedings of the Royal Geographical Society and Monthly Record of Geography, Blackwell Publishing, vol. 2, n. 3, marzo, pp Johnston, H. H., (1904), The Conditions of Negro Labour in the South African Mines, Journal of the Royal African Society, Oxford University Press, vol. 3, n. 11, aprile, pp Misser F. Vallée O., (1997), Les Gemmocraties : l économie politique du diamant africain, Desclée de Brouwer, Paris. Mitchell, H., (1888), Diamonds and Gold in South Africa, Fredc. C. Mathieson & Son, Bartholomew House E.C., Effingham Wilson & Co., Royal Exchange, E.C., London. Morton, W. J., (1877), The South African Diamond Fields, and a Journey to the Mines, Journal of the American Geographical Society of New York, American Geographical Society, vol. 9, pp Spar, D. L., (2006), Continuity and Change in the International Diamond Market, The Journal of Economic Perspectives, American Economic Association, vol. 20, n. 3, pp Williams, G. F., (1902), The Diamonds Mines of South Africa: Some Account of their Rise and Development, The MacMillan Company, New York. SITOGRAFIA: 16

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI

MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI MISSIONE MONITORAGGIO, ACQUISTO MULINO E SCAVO POZZO A TABLIGBO, TOGO JOSEPH KOUTO KOMI 1 Arrivato a Lomé dopo un viaggio che ha superato le 24 ore, con scalo a Casablanca, Marocco, il 05.07.07, atterro

Dettagli

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla Guglielmo Marconi Reginald Fessenden Nikola Tesla Telefono mobile Telefono fisso L'invenzione della radio è frutto di una serie di esperimenti tenuti alla fine dell'ottocento che dimostravano la possibilità

Dettagli

Indice analitico. Il tempo e i numeri

Indice analitico. Il tempo e i numeri Indice analitico Il tempo e i numeri Esercizio 1 e 2 Il lunedì il parrucchiere è chiuso Il martedì faccio la spesa Il mercoledì accompagno i bambini in piscina Il giovedì c è mercato Al venerdì vado alla

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen In questa terza lezione si incominciano a studiare le grandi utopie del XIX sec. Nate per dare risposta alle disfunzioni della citta industriale. Partiamo

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Fondazione Pangea è impegnata in un programma a sostegno di donne e bambine con disabilità fisiche o mentali che vivono negli slum di Calcutta e nell area

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA)

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA) Programma delle a Pinarella di Cervia (RA) MUSICOPOLI-BIMBART LE VACANZE ARTISTICHE ITALIANE! EMILIA-ROMAGNA/RIVIERA ADRIATICA - Pinarella di Cervia (RA) VACANZE ARTISTICHE di Musicopoli, un mare di fantasia!

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

C F P - U P T - T r e n t o

C F P - U P T - T r e n t o CFP-UPT - Tr e nto Mercoledì 26 marzo 2014 Venerdì 28 marzo Ore 5.45 Ore 20.00 Partenza da Trento piazza Dante in autopullman Arrivo a Ostrava. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento. Ore 8.00 Ore

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Settimana del SAPERE

Settimana del SAPERE Settimana del SAPERE Fascicolo 1 Il sapere e la storia di due giovani uomini All interno: l originale in Inglese e la traduzione in Italiano di una delle più famose lettere di vendita di tutti i tempi

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

SOGGIORNO STUDIO IN GRAN BRETAGNA - ESTATE 2009

SOGGIORNO STUDIO IN GRAN BRETAGNA - ESTATE 2009 Divisione Scuola SOGGIORNO STUDIO IN GRAN BRETAGNA - ESTATE 2009 nei centri di Bournemouth e di Oxford Kings Oxford St. Joseph Hall Temple Road Kings Bournemouth 58, Braidley Road La Kings School UK è

Dettagli

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande!

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! anima l estate con ANIMAGIOVANE e ALTRESÌ NON SOLO CENTRI... Dopo vari anni di sperimentazioni, nel 2004 nasce ANIMAGIOVANE,

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

LISTA NOZZE. VIRGINIA ed ENRICO

LISTA NOZZE. VIRGINIA ed ENRICO LISTA NOZZE VIRGINIA ed ENRICO Lo spettacolo di una flora e di una fauna uniche e maestose.il richiamo della natura e l invito a tornare indietro nel tempo a cio che una volta eravamo, alle origini dell

Dettagli

Scuola: Uic Descrizione scuola: Il complesso scolastico è formato da 2 istituti; Il St Mary che accoglie studenti da 7 a 15 anni e il St. George per tutti gli studenti a partire da 11 anni fino a 16. Essi

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Sommario. Introduzione. Home Sweet Home. Le immagini dell arredo. Lavori in corso. Comprare casa Per ristrutturare Affittare casa I consigli di Paola

Sommario. Introduzione. Home Sweet Home. Le immagini dell arredo. Lavori in corso. Comprare casa Per ristrutturare Affittare casa I consigli di Paola Paola Marella Sommario Introduzione Home Sweet Home Comprare casa Per ristrutturare Affittare casa Le immagini dell arredo Le forme dell arredo Dalla fine dell 800 ai primi del 900 Gli anni 50 Gli anni

Dettagli

Grazie al nostro partner locale abbiamo come unico scopo quello di rendere più semplice il tuo soggiorno a Londra.

Grazie al nostro partner locale abbiamo come unico scopo quello di rendere più semplice il tuo soggiorno a Londra. Grazie al nostro partner locale abbiamo come unico scopo quello di rendere più semplice il tuo soggiorno a Londra. La nostra agenzia è situata nel centro di Londra ed il nostro personale locale, ti aiuterá

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano

Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano Questionario per una indagine su la rappresentazione sociale dello straniero: il contesto metropolitano 1. Quanti sono, a suo avviso, nell area metropolitana di Roma gli stranieri immigrati? 1. Meno di

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Requisiti per l Ammissione

Requisiti per l Ammissione Requisiti per l Ammissione Scuola di lingua giapponese Kyoto Minsai Ammissione: dalla richiesta all iscrizione I. Inoltrare la richiesta di iscrizione: (Compilare il modulo). Per i dettagli vedi pag. 4

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA.

UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA. CELI 3 2 fascicolo UNIVERSITÀ PER STRANIERI PERUGIA CELI 3 CERTIFICATO DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO 3 PROVA DI COMPETENZA LINGUISTICA (Punteggio della prova: 20 punti) Tempo: 45 minuti Cognome

Dettagli

Marco Ballesio. secondo me. Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet

Marco Ballesio. secondo me. Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet Marco Ballesio Il Web Marketing secondo me Le mie regole per le aziende che vogliono avere successo su Internet Marco Ballesio, Il Web Marketing secondo me Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia

Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Progetto Idrico del Distretto del Kajiado African Medical and Research Foundation & AMREF Italia Cari Amici, Anche questa volta sono tornato, con lo zaino che avevo quando sono partito e senza malaria

Dettagli

Nella valle dei sogni

Nella valle dei sogni Nella valle dei sogni In Carinzia il tempo sembra essersi fermato, le campane delle mucche e quelle della chiesa si mescolano, come fanno da sempre, da quando e` iniziata la vita in queste vallate alpine.

Dettagli

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO:

1.INDICE DI AFFOLLAMENTO: TIPOLOGIA ABITATIVA L abitazione è uno spazio organizzato, diviso in stanze in cui vive una famiglia. Può essere un appartamento o una casa autonoma. 1. APPARTAMENTO abitazione indipendente all interno

Dettagli

LA FOLLE IDEA DI JOHN LA BANDITA. Una casa, un rifugio, un sogno inseguito e infine realizzato. Dalla folle idea di John Voigtmann nasce La Bandita.

LA FOLLE IDEA DI JOHN LA BANDITA. Una casa, un rifugio, un sogno inseguito e infine realizzato. Dalla folle idea di John Voigtmann nasce La Bandita. IL CASALE LA BANDITA Una casa, un rifugio, un sogno inseguito e infine realizzato. Dalla folle idea di John Voigtmann nasce La Bandita. Testo di Barbara Medici - Foto: Rick Lew - John Voigtmann LA FOLLE

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010

ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010 Collège Marseilleveyre Sezione internazionale italiana ÉPREUVE D'ACCÈS À SIXIÈME POUR L'ANNEÉ SCOLAIRE 2009-2010 Marseille 6 mai 2009 Nom... Prènom... Prova scritta (45 punti) Prova orale (15 punti) Punteggio

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

SistemaBates.it IL FALCO NUMERO 13

SistemaBates.it IL FALCO NUMERO 13 IL CONVEGNO DI ATLANTA DEL 1921 (NEW JERSEY, USA) Il 30 giugno 1921 il Dott. Bates tenne una relazione al X convegno della Allied Medical Association di Atlanta, per presentare il suo trattamento della

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Storia del campo di concentramento di Mauthausen

Storia del campo di concentramento di Mauthausen Hans Maršálek Storia del campo di concentramento di Mauthausen Documentazione 9. Sono sano sto bene 65 9. Sono sano sto bene A certi prigionieri era permesso, una volta al mese, di scrivere una lettera

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia

IL DADO AZIENDALE. La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda. L importanza della Piccola Azienda. Il Dado dell Azienda, Una Nuova Strategia IL DADO AZIENDALE La Nuova Rivoluzione per la Piccola Azienda Il lavoro è necessario ed importante. Può essere la via per esprimere la creatività, l intelligenza e la dignità di ogni persona, ma quando

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

I cinesi, i cinesi, i cinesi

I cinesi, i cinesi, i cinesi I cinesi, i cinesi, i cinesi Si fa un gran parlare dei cinesi. Stanno invadendo tutto, dicono. Naturalmente da un punto di vista economico. Si sono adeguati al mercato globale, hanno accettato le regole

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Ricordate la Zanzaia? La signora piccolina, con viso scarno, pomelli rossi sanguigni, occhi grandi e sporgenti, moglie del bottegaio Luigi Zana?

Ricordate la Zanzaia? La signora piccolina, con viso scarno, pomelli rossi sanguigni, occhi grandi e sporgenti, moglie del bottegaio Luigi Zana? Appendice La mia permanenza a Novara fu di circa due anni, sino al luglio del 1958, in cui lasciai definitivamente il Corpo, a- vendo trovato una più confacente sistemazione lavorativa all interno della

Dettagli

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University

CHI SIAMO. Duke University New York University Boston University University of Notre Dame Northwestern University CHI SIAMO Ognuno ha un progetto per il suo futuro... quello degli studenti italiani è al centro del nostro! USA Student Advisors realizza il sogno degli studenti Italiani che desiderano intraprendere una

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile

Comunità Pastorale Spirito Santo. Pastorale Giovanile Comunità Pastorale Spirito Santo Pastorale Giovanile Oratorio Estivo 2012 1 Chi può parteciparvi. Nelle sedi di Carate Brianza Tutti i ragazzi che vanno dai 6 ai 14 anni compiuti. Gli adolescenti (cioè

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

Destinatari e ammissione

Destinatari e ammissione 28 1. CENTRO DIURNO 1 Destinatari e ammissione Scopo e destinatari Hanno diritto ad usufruire di tale servizio le persone adulte-anziane con limitata autonomia residenti nel Comune di Trento. Il Centro

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli