ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO DEL MARMO P. TACCA DI CARRARA E SUCCURSALE LICEO ARTISTICO STATALE A. GENTILESCHI DI CARRARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO DEL MARMO P. TACCA DI CARRARA E SUCCURSALE LICEO ARTISTICO STATALE A. GENTILESCHI DI CARRARA"

Transcript

1 ISTITUTO PROFESSIONALE INDUSTRIA E ARTIGIANATO DEL MARMO P. TACCA DI CARRARA E SUCCURSALE LICEO ARTISTICO STATALE A. GENTILESCHI DI CARRARA D.LGS.81/2008- art.28 Relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori aggiornamento maggio 2013 Il Dirigente Scolastico (Dott. Anna Maria Vatteroni) Il R.S.P.P. (Arch. Massimiliano Boschi) Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) Servizio di Prevenzione e protezione dai Rischi

2 Indice Capitolo I Premessa Pagina 1.1 Obiettivi e scopi del documento Disposizioni di legge e definizioni Obblighi del datore di lavoro Obbligo dei preposti Obblighi dei lavoratori 6 Capitolo II Anagrafica attività 2.1 Dati generali Lavoratori e attività svolte Servizio di prevenzione e protezione Dati relativi all edificio scolastico Analisi andamento infortunistico aziendale Elenco delle macchine utilizzate 15 Capitolo III Valutazione dei rischi 3.1 Metodologia e criteri adottati Individuazione dei pericoli Schede di valutazione dei rischi Relazione generale sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute Lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento Individuazione delle misure di prevenzione e protezione 49 Capitolo IV Dispositivi di Protezione individuali 4.1 Normativa vigente Scelta dei D.P.I. 93 Capitolo V Programma di miglioramento 5.1 Criteri adottati Informazione e formazione Riunione periodica Realizzazione di interventi per l adeguamento degli ambienti di lavoro Documentazione di supporto 98 Capitolo VI Lavori in appalto 6.1 Normativa vigente Gestione degli appalti 99 Allegati 1. Valutazione dei rischi per lavoratrici in gravidanza e puerperio D.Lgs. 151/ Valutazione dei rischi ambientali 3. Piano di emergenza ed evacuazione 3. Piano di formazione ed addestramento, piano di miglioramento aziendale 1

3 CAPITOLO I Premessa 1.1 Obiettivi e scopi del documento Il presente documento, redatto ai sensi del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, ha lo scopo di effettuare la valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell istituto scolastico in cui essi prestano la propria attività, finalizzata ad individuare le adeguate misure di prevenzione e di protezione e ad elaborare il programma delle misure atte a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di salute e sicurezza. Il documento deve consentire al datore di lavoro di prendere provvedimenti necessari per salvaguardare la sicurezza e la salute dei lavoratori relativamente alla prevenzione dei rischi professionali, informazione dei lavoratori, formazione professionale dei lavoratori, organizzazione e mezzi destinati a porre in atto i provvedimenti necessari. L individuazione delle misure di prevenzione e protezione rispetterà quanto disposto dall art. 15 del D. Lgs 81/08 (misure generali di tutela) ed in particolare farà riferimento ai principi gerarchici della prevenzione rischi in esso indicati: l'eliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico; la riduzione dei rischi alla fonte; l'utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro; la sostituzione di ciò che e' pericoloso con ciò che non lo e', o e' meno pericoloso; la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso l'adozione di codici di condotta e di buone prassi; l'informazione e formazione adeguate per i lavoratori; il rispetto dei principi ergonomici nell'organizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo; Il presente documento, ai sensi dell art. 28 del D. Lgs 81/08 contiene: a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l'attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a) del D. Lgs 81/08 c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l'individuazione delle procedure per l'attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell'organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; e) l'indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; 2

4 f) l'individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. 1.2 Disposizioni di legge e definizioni Il D.Lgs. 81/08 (di recepimento della 89/391 CEE e associate) richiede al datore di lavoro all osservanza delle misure generali di tutela per la salute e la sicurezza del lavoratore durante il lavoro, in relazione alla natura dell attività dell azienda. Artt. 18, 19 e 20 (Obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto), Art. 28 (Oggetto della valutazione dei rischi) 1. Il datore di lavoro, in relazione alla natura dell'attività dell'azienda ovvero dell'unità produttiva, valuta tutti i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro. 2. A conclusione della valutazione di cui al comma 1, il datore di lavoro elabora un documento (di cui all art. 17, comma 1, lettera a), che deve avere data certa e contenere: a) una relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l'indicazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui all art. 17, comma 1, lettera a); c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l individuazione delle procedure per l attuazione per delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; e) l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; f) l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. 1.3 Obbligo del datore di lavoro (Dirigente scolastico) Art 18 D. Lgs 81 del 9 aprile Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all'articolo 3, e i dirigenti, che organizzano e dirigono le stesse attività secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono: a) nominare il medico competente per l'effettuazione della sorveglianza sanitaria nei casi previsti dal presente decreto legislativo. b) designare preventivamente i lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell'emergenza; c) nell'affidare i compiti ai lavoratori, tenere conto delle capacità e delle condizioni degli stessi in rapporto alla loro salute e alla sicurezza; 3

5 d) fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, ove presente; e) prendere le misure appropriate affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni e specifico addestramento accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; f) richiedere l'osservanza da parte dei singoli lavoratori delle norme vigenti, nonché delle disposizioni aziendali in materia di sicurezza e di igiene del lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuali messi a loro disposizione; g) richiedere al medico competente l'osservanza degli obblighi previsti a suo carico nel presente decreto; h) adottare le misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato ed inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; i) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; l) adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37; m) astenersi, salvo eccezione debitamente motivata da esigenze di tutela della salute e sicurezza, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave e immediato; n) consentire ai lavoratori di verificare, mediante il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, l'applicazione delle misure di sicurezza e di protezione della salute; o) consegnare tempestivamente al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, copia del documento di cui all'articolo 17, comma 1, lettera a), nonché consentire al medesimo rappresentante di accedere ai dati di cui alla lettera r); p) elaborare il documento di cui all'articolo 26, comma 3, e, su richiesta di questi e per l'espletamento della sua funzione, consegnarne tempestivamente copia ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; q) prendere appropriati provvedimenti per evitare che le misure tecniche adottate possano causare rischi per la salute della popolazione o deteriorare l'ambiente esterno verificando periodicamente la perdurante assenza di rischio; r) comunicare all'inail, o all'ipsema, in relazione alle rispettive competenze, a fini statistici e informativi, i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell'evento e, a fini assicurativi, le informazioni relative agli infortuni sul lavoro che comportino un'assenza dal lavoro superiore a tre giorni; s) consultare il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nelle ipotesi di cui all'articolo 50; t) adottare le misure necessarie ai fini della prevenzione incendi e dell'evacuazione dei luoghi di lavoro, nonché per il caso di pericolo grave e immediato, secondo le disposizioni di cui all'articolo 43. Tali misure devono essere adeguate alla natura dell'attività, alle dimensioni dell'azienda o dell'unita' produttiva, e al numero delle persone presenti; u) nell'ambito dello svolgimento di attività in regime di appalto e di subappalto, munire i lavoratori di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro; v) nelle unità produttive con più di 15 lavoratori, convocare la riunione periodica di cui all'articolo 35; z) aggiornare le misure di prevenzione in relazione ai mutamenti organizzativi e produttivi che hanno rilevanza ai fini della salute e sicurezza del lavoro, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica della prevenzione e della protezione; 4

6 aa) comunicare annualmente all'inail i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; bb) vigilare affinché i lavoratori per i quali vige l'obbligo di sorveglianza sanitaria non siano adibiti alla mansione lavorativa specifica senza il prescritto giudizio di idoneità. 2. Il datore di lavoro fornisce al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito a: a) la natura dei rischi; b) l'organizzazione del lavoro, la programmazione e l'attuazione delle misure preventive e protettive; c) la descrizione degli impianti e dei processi produttivi; d) i dati di cui al comma 1, lettera r), e quelli relativi alle malattie professionali; e) i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza Obbligo del preposto (docenti) Art 19 D. Lgs 81 del 9 aprile In riferimento alle attività indicate all'articolo 3, i preposti, secondo le loro attribuzioni e competenze, devono: a) sovrintendere e vigilare sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informare i loro superiori diretti; b) verificare affinché soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; c) richiedere l'osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dare istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa; d) informare il più presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; e) astenersi, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato; f) segnalare tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta; g) frequentare appositi corsi di formazione secondo quanto previsto dall'articolo 37. 5

7 1.5 Obbligo dei lavoratori Art 20 D. Lgs 81 del 9 aprile Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. 2. I lavoratori devono in particolare: a) contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all'adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; b) osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; c) utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonché i dispositivi di sicurezza; d) utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; e) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell'ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto salvo l'obbligo di cui alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza; f) non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; g) non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; h) partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro; i) sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente. 6

8 CAPITOLO II Anagrafica attività 2.1 Dati generali Dati generali dell Istituto Professionale Industria e Artigianato del Marmo Pietro Tacca e Succursale Liceo Artistico Statale A. Gentileschi di Carrara Ente e ragione sociale Sede amministrativa Istituto Professionale Industria e Artigianato del Marmo Pietro Tacca e Succursale Liceo Artistico Statale A. Gentileschi di Carrara Via Pietro Tacca n Carrara (MS) Telefono - fax Tel Fax ; Plesso scolastico Ente proprietario Istituto Professionale Industria e Artigianato del Marmo Pietro Tacca e Succursale Liceo Artistico Statale A. Gentileschi via Pietro Tacca n Carrara (MS) Provincia di Massa Carrara Attività svolta Istituto scolastico Codice fiscale Codice mecc. MSRI Datore di Lavoro Dirigente Scolastico Anna Rosa Vatteroni R.S.P.P. Arch. Massimiliano Boschi R.L.S. Prof. Giuseppe Costa Preposti Prof. Claudio Palandrani e Prof.ssa Donatella Nardi Addetti antincendio Sabato Caliendo (corso serale), Giuseppe Costa, Luca Leati Addetti promo soccorso Mario Dell Amico (corso serale), Mariella Fornari, Andretta Piccini Docenti n. 27 Personale non docente Alunni n. * (n. 2 tecnici, n. 1 amministrativi e n. * collaboratori scolastici) n. 112 (n. 44 diurno Tacca, n. 14 serale Tacca e n. 64 serale Gentileschi) * Da compilare a cura della segreteria scolastica 7

9 2.2 Lavoratori ed attività svolte Qui di seguito si riporta l elenco dei lavoratori dell azienda e le relative mansioni svolte, aggiornato alla data del presente documento di valutazione dei rischi (DVR). n. Cognome e Nome Mansione * Da compilare a cura della segreteria scolastica 8

10 Nell Istituto Professionale Industria e Artigianato del Marmo Pietro Tacca e Succursale Liceo Artistico Statale A. Gentileschi sono occupati n. * insegnanti e lavoratori rispettivamente con mansioni didattiche, amministrative, di sorveglianza degli alunni ed esecuzione di pulizie degli edifici scolastici. In particolare l attività svolta è la seguente: INEGNANTI Il numero degli insegnanti è di 27 unità e svolgono le seguenti mansioni: attività didattica; TECNICI DI LABORATORIO Il numero dei tecnici di laboratorio è di 2 unità e svolgono le seguenti mansioni: assistenza agli studenti durante le attività di laboratorio; IMPIEGATI Il numero di impiegati è di 1 unità e svolgono le seguenti mansioni: lavoro di ufficio, utilizzo di videoterminali; PERSONALE AUSILIARIO Il numero del personale ausiliario è di * unità e svolgono le seguenti mansioni: sorveglianza studenti, pulizie, movimentazione manuale dei carichi; * Da compilare a cura della segreteria scolastica 9

11 2.3 Il servizio di prevenzione e protezione Articolo 4, comma 4, lettera b): designazione da parte del Datore di lavoro degli addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione. Attuazione dell art. 8 in ordine alla costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione DEFINIZIONE DELL ORGANIGRAMMA Datore di lavoro Dirigente Scolastico Anna Rosa Vatteroni Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione Arch. Massimiliano Boschi Addetto al Servizio di Prevenzione e protezione Non nominati Medico competente Non nominato Rappresentante dei lavoratori Prof. Giuseppe Costa Preposti Prof. Claudio Palandrani Prof.ssa Donatella Nardi Addetti Antincendio Sabato Caliendo (corso serale) Giuseppe Costa Luca Leati Addetti Primo Soccorso Mario Dell Amico (corso serale) Mariella Fornari Andretta Piccini Docenti n 27 totali Personale non docente n. 2 assistenti tecnici n. 1 assistente amministrativo n. * collaboratori scolastici n. * totali Alunni n. 44 corso diurno Tacca n. 14 corso serale Tacca n. 64 corso serale Gentileschi n. 112 totali * Da compilare a cura della segreteria scolastica 10

12 Dati del personale incaricato Datore di lavoro nome e cognome nella sua qualità di Data e luogo di nascita residenza recapiti Prof. Anna Rosa Vatteroni Dirigente scolastico Carrara telefono e mail Responsabile del servizio prevenzione e protezione nome e cognome Arch. Massimiliano Boschi nella sua qualità di Responsabile esterno Data e luogo di nascita 08/12/1966 Pisa (PI) residenza via Le Rene n. 46/c Pisa recapiti telefono 3339/ e mail qualifica vedi curriculum Medico competente nome e cognome nella sua qualità di Data e luogo di nascita residenza recapiti Non nominato Addetti al servizio di prevenzione e protezione nome e cognome Non nominati INCARICATI DEL PRIMO SOCCORSO Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 18, comma 1, lettera b del D. Lgs 81/2008. Il personale addetto al pronto soccorso seguirà a breve il corso previsto dal D. Lgs 388/03. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione. N. Cognome e Nome 1 Mario Dell Amico (corso serale) 2 Mariella Fornari 3 Andretta Piccini 11

13 INCARICATI PREVENZIONE INCENDI Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 18, comma 1, lettera b del D. Lgs 81/2008. Per gli addetti antincendio è in programma la formazione antincendio per RISCHIO MEDIO. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione. N. Cognome e Nome 1 Sabato Caliendo (corso serale) 2 Giuseppe Costa 3 Luca Leati In merito alle designazioni dei lavoratori addetti alla lotta antincendio, evacuazione e primo soccorso vedere anche i successivi capitoli dedicati. Gli incaricati di cui sopra, per le sedi di competenza, debbono provvedere a: disattivare l interruttore elettrico di piano, di gas metano, ecc; aprire tutte le uscite, in particolare quelle che hanno apertura contraria al senso di esodo; impedire l accesso nei percorsi non previsti dal piano di emergenza, se non espressamente autorizzato dal Responsabile del Coordinamento delle emergenze (e/o Responsabile di sede); Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (carica elettiva) Nome e cognome Prof. Giuseppe Costa Posizione all interno della scuola Docente Recapiti telefono

14 2.4 Dati relativi all edificio scolastico Descrizione generale L istituto professionale Pietro Tacca ha una struttura a due piani fuori terra in parte in cemento armato e tamponature in laterizio ed in parte in muratura portante ed è situata nel centro cittadino. L ingresso principale della scuola si affaccia direttamente sul Via Pietro Tacca, mentre il retro della scuola è delimitato da un muro, destinato a parcheggio e deposito materiali lapidei (blocchi e lastre) che presenta un cancello carrabile lungo la via Tacca. Per la disposizione delle aule si faccia riferimento alle planimetrie allegate al presente documento. Descrizione del piano terra Dall ingresso principale si accede ad un grande atrio su cui si aprono, a destra la sala docenti, la segreteria didattica e amministrativa, la presidenza, la sala elaborati, due aule di plastica e i servizi igienici, mentre sulla sinistra si accede tramite un corridoio a tre aule didattiche, la gipsoteca, l aula gessi-formatura e tre magazzini/ripostigli; inoltre dal corridoio, tramite una breve rampa di scala si accede ai quattro laboratori del marmo. Di fronte all ingresso principale sono situate le scale per l accesso al piano superiore. Descrizione del piano primo Vi si accede dalle scale poste all ingresso principale della scuola e vi sono situate tre aule didattiche, un'aula di mosaico e di disegno-ornato, un laboratorio di informatica, due aule di architettura, un magazzino/ripostiglio e i servizi igienici Descrizione dei laboratori del marmo Vi si accede sia dalle scale poste sul corridoio a ovest della scuola che dal piazzale esterno sul retro della scuola. Sono presenti quattro ampi laboratori di marmo, una sala con incisografo, un laboratorio e i servizi igienici. Descrizione delle aree esterne Gli spazi esterni all edificio, posti sul retro della scuola sono destinati a parcheggio, deposito materiale lapideo e area di lavoro (monolama). Sono presenti 2 punti di raccolta di cui 1 nel piazzale sul retro ed uno in prossimità dell ingresso principale sul Via Pietro Tacca. Descrizione delle attività All interno della scuola vengono svolte diverse attività tra cui la principale, quella didattica, si espleta nelle aule didattiche e nei vari laboratori. Le attività di laboratorio sono svolte sempre sotto la sorveglianza del professore designato e dei tecnici di laboratorio. 13

15 2.5 Analisi andamento infortunistico aziendale Statistiche degli infortuni Le statistiche degli infortuni debbono essere utilizzate anche come lettura dei rischi presenti nella scuola e per migliorare i luoghi di lavoro in cui si sono verificati. Il registro degli infortuni della scuola evidenzia 25 infortuni negli ultimi 5 anni. Nel prospetto seguente si riportano gli estremi degli infortuni effettivamente avvenuti nella sede di lavoro Dati degli infortuni accaduti negli ultimi 6 anni Anno 2007* N. infortuni Causa Durata giorni Anno 2008* N. infortuni Causa Durata giorni Anno 2009* N. infortuni Causa Durata giorni Anno 2010* N. infortuni Causa Durata giorni Anno 2011* N. infortuni Causa Durata giorni Anno 2012* N. infortuni Causa Durata giorni * Da compilare a cura della segreteria scolastica 14

16 La numerosità degli infortuni è bassa e la loro entità non è particolarmente grave. La natura degli infortuni è abbastanza disomogenea dove però si evidenziano tipologie di infortuni ciclici e ricorrenti, in particolar riferimento agli infortuni durante le ore di educazione fisica. 2.6 Elenco delle macchine utilizzate Presso l I.P.S.I.A. Tacca le macchine e attrezzature utilizzate sono le seguenti: Attrezzature informatiche (personal computer, scanner, stampanti), fax e fotocopiatrici utilizzate sia nelle attività di ufficio, che per l attività didattica; Televisori, videoproiettori, videoregistratori; Utensili manuali e carrelli utilizzati dai collaboratori scolastici per le operazioni di pulizia. Macchine per esperienze di laboratorio quali: Tornio parallelo (CE) Dimensioni max di lavorazione cm 140, diam cm. 40. Composto essenzialmente da : struttura di supporto, mandrino, contropunta, carrello porta utensile, quadro comando. Tornio parallelo (CE) Dimensioni max di lavorazione cm 200, diam cm. 70. Composto essenzialmente da : struttura di supporto, mandrino, contropunta, carrello porta utensile, quadro comando. Macchina per lucidare (CE) Dimensione massima lavorazione diam. 30 cm. Composto essenzialmente da: struttura di supporto, gruppo motoriduttore, quadro comando. Tornio a controllo numerico Dimensione massima di lavorazione cm. 200 diam. 50 cm. Composto essenzialmente da: struttura di supporto, contropunta, gruppo porta disco a traslazione automatica del carrello asse x e y, quadro comandi e inserimento dati Tagliatrice a ponte Dimensione massima di lavorazione cm. 230 corsa disco max 40. Composta essenzialmente: slitte spostamento trave, trave porta carro, carro porta testa, pannello comandi, centrale elettrica, testa inclinabile. Tagliatrice di precisione Dimensione massima di lavorazione cm. 140 corsa disco max 12. Composta essenzialmente: Banco porta pezzo, trave porta mandrino con blocco pneumatico, quadro comandi. Fresa contornatrice a controllo numerico Dimensione massima di lavorazione cm. 180, 140. Composta essenzialmente: telaio banco, guide laterali, trave ponte, quadro elettrico, sistemi trasmissione movimento assi Compressore rotativo Composto essenzialmente da scatolato metallico, contenente tutte la e parti meccaniche ed elettriche, rivestito da materiale fonoassorbente Serbatoio a pressione Levigatrice a colonna Tagliatrice a bandiera Monolama a portale Capacità 1000 litri pressione massima 12 bar Dimensione massima di lavorazione cm. 200, 150. Composta essenzialmente da colonna, tavola porta pezzo, mandrino porta mola, quadro comando. Dimensione massima di lavorazione cm. 200, 100. Composta essenzialmente da colonna montante, braccio a sbalzo sulla colonna, quadro comandi, mandrino asse orizzontale, tavola porta pezzo, banco supporto tavola Composta essenzialmente da struttura di supporto organo lavoratore e meccanismi in carpenteria metallica, carrello porta pezzo scorrevole sui binari, quadro comandi. 15

17 Trapano a colonna Mola Mola Mola Mola Composto essenzialmente da guide a T ancorare alla colonna portante del fabbricato, testa scorrevole porta mandrino, tavola porta pezzo, motore mandrino, motore sollevamento, quadro comandi. Diametro max 200 rpm 1500, tipo di impasto per widia. Composta essenzialmente da corpo unico contenente motore, albero porta mola abrasiva, quadro comando Diametro max 300 rpm 2000, tipo di impasto per widia. Composta essenzialmente da corpo unico contenente motore, albero porta mola abrasiva, quadro comando Diametro max 150 rpm 2850, tipo di impasto per widia. Composta essenzialmente da corpo unico contenente motore, albero porta mola abrasiva, interruttore marcia arresto. Diametro max 150 rpm 3000, tipo di impasto per widia. Composta essenzialmente da corpo unico contenente motore, albero porta mola abrasiva, interruttore marcia arresto. Sostanze chimiche utilizzate Denominazione Nome chimico e sinonimi Solido colorato Stucco contenente resina poliestere instaura Roskydal K 27/1 Resina poliestere insatura Composizione Frasi di rischio Stirene R10, R20, R36/38 Stirene; % in peso 29,5 R10, R20, R36/38 Controllo esposizione TLV TWA 85 mg/m 3 TLV TWA 170 mg/m 3 TLV TWA 85 mg/m 3 TLV TWA 170 mg/m 3 16

18 CAPITOLO III Valutazione dei rischi 3.1 Metodologia e criteri adottati La metodologia adottata nella Valutazione dei Rischi ha tenuto conto del contenuto specifico del D.L. 81/2008. La valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a) dello stesso D.Lgs. 81/08, anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, ha riguardato tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli inerenti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all età, alla provenienza da altri Paesi. Nella valutazione si è tenuto conto dei Lavoratori dipendenti della scuola e degli alunni presenti stabilmente ed anche delle persone non dipendenti, ma presenti occasionalmente. Per la stima dei rischi rilevati sono stati presi a riferimento i seguenti aspetti: - osservazione dell ambiente di lavoro (requisiti dei locali di lavoro, vie di accesso, sicurezza delle attrezzature, microclima, illuminazione, rumore, agenti fisici e nocivi); - identificazione dei compiti eseguiti sul posto di lavoro (per valutare i rischi derivanti dalle singole mansioni); - osservazione delle modalità di esecuzione del lavoro (in modo da controllare il rispetto delle procedure e se queste comportano altri rischi); - esame dell ambiente per rilevare i fattori esterni che possono avere effetti negativi sul posto di lavoro (microclima, aerazione); - esame dell organizzazione del lavoro; - rassegna dei fattori psicologici, sociali e fisici che possono contribuire a creare stress sul lavoro e studio del modo in cui essi interagiscono fra di loro e con altri fattori nell organizzazione e nell ambiente di lavoro. Le osservazioni compiute vengono confrontate con criteri stabiliti per garantire la sicurezza e la salute in base a: 1. Norme legali nazionali ed internazionali; 2. Norme tecniche e buone prassi; 3. Linee Guida predisposte dai Ministeri, dalle Regioni, dall ISPESL e dall INAIL e approvati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano; 4. I principi generali di cui all art.15 del D. Lgs 81/2008.; Nelle pagine che seguono sono riportate le schede di valutazione dei rischi che sono state elaborate: a) raggruppando gli ambienti in funzione del loro utilizzo; b) individuando le eventuali misure da adottare; c) indicando la priorità degli interventi. A seguito dell individuazione dei rischi si passa alla fase valutativa. Per la valutazione del rischio si prendono a riferimento due parametri e cioè il Danno ipotizzabile e la probabilità di accadimento quando si è esposti al pericolo. 17

19 Per tali parametri vengono definiti i livelli applicabili per la valutazione che risultano essere i seguenti: PARAMETRI Valore Livello Definizioni 4 altamente probabile 3 probabile 2 poco probabile 1 improbabile esiste una correlazione diretta tra la mancanza rilevata ed il verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori; si sono già verificati danni per la stessa mancanza rilevata nella stessa Azienda o in aziende simili o in situazioni operative simili (consultare le fonti di dati su infortuni e malattie professionali, dell Azienda. Della ASL, dell ISPESL, etc; il verificarsi del danno conseguente la mancanza rilevata non susciterebbe alcuno stupore in Azienda; la mancanza rilevata può provocare un danno, anche se non in modo automatico o diretto; è noto qualche episodio in cui alla mancanza ha fatto seguito il danno; il verificarsi del danno ipotizzato, susciterebbe una moderata sorpresa in Azienda; la mancanza rilevata può provocare un danno solo in circostanze sfortunate ed eventi; sono noti solo rarissimi episodi già verificatesi; il verificarsi del danno ipotizzato, susciterebbe grande sorpresa; la mancanza rilevata può provocare un danno per la concomitanza di più eventi poco probabili indipendenti; non sono noti episodi già verificatisi; il verificarsi del danno susciterebbe incredulità DANNO Valore Livello Definizioni 4 gravissimo 3 grave 2 medio 1 lieve infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti letali o di invalidità totale esposizione cronica con effetti letali e/o totalmente invalidanti infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità parziale esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidanti infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità reversibile esposizione cronica con effetti reversibili infortunio o episodio di esposizione acuta con inabilità rapidamente reversibile esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili 18

20 Il valore del R = Rischio è dato dal prodotto dei valori dei due parametri. SIGNIFICATO DEI PARAMETRI D: è il danno che verosimilmente può conseguire dal verificarsi dell incidente (le misure di prevenzione adottate non possono, se non in pochissimi casi, ridurre a zero i rischi: es. sebbene si pulisca il rischio di scivolare permane comunque) P: è la probabilità che si possa verificare l incidente quando ci si espone al pericolo Definiti il danno e la probabilità, il rischio viene automaticamente graduato mediante la formula R = P x D ed è raffigurabile in una rappresentazione grafica del tipo seguente, che ha in ascisse la gravità del Danno atteso ed in ordinata la Probabilità del suo verificarsi: Nelle schede che seguono la priorità degli interventi da eseguire è classificata secondo la seguente scala di urgenza 8 Azioni correttive indilazionabili 4< R < 8 Azioni correttive necessarie da programmare con urgenza 2 < R < 3 Azioni correttive e/o migliorative da programmare nel breve medio termine R = 1 Azioni migliorative da valutare in fase di programmazione 3.2 Identificazione dei pericoli I pericoli presenti all interno dell'attività scolastica possono essere suddivisi in diverse categorie Pericoli per la sicurezza Pericoli per la salute Pericoli per la sicurezza e la salute Luoghi di lavoro, macchine, uso di energia elettrica, impiego di sostanze pericolose, incendio-esplosione Agenti chimici, agenti fisici, agenti biologici Organizzazione del lavoro, fattori psicologici, fattori ergonomico A) PERICOLI PER LA SICUREZZA Sono quelli responsabili del potenziale verificarsi di incidenti o infortuni, ovvero di danni o menomazioni fisiche a carico delle persone addette alle varia attività lavorative, in conseguenza di un impatto fisico-traumatico di diversa natura (meccanica, elettrica, chimica, termica ecc.) I pericoli per la sicurezza si possono dividere in diverse categorie: carenze strutturali dell ambiente di lavoro superficie dell ambiente illuminazione (normale e in emergenza) pavimenti pareti (semplici o attrezzate: scaffalatura, apparecchiatura) viabilità interna, esterna solai e soppalchi botole uscite 19

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. VERBALE DI INFORMAZIONE (ai sensi dell art. 36 D. Lgs. 81/08 come modificato ed integrato dal D. Lgs. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it VERBALE DI INFORMAZIONE

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO. Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI LAVORO Art. 1 Campo di applicazione Il regolamento si applica a tutte le attività istituzionali dell Università

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi

L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro. Francesco Stucchi L applicazione del D.Lgs. 81/2008 per gli studenti in alternanza scuola-lavoro Francesco Stucchi Fonti D.Lgs.81/08 Art. 2 (Definizioni) 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena Dipartimento di Scienze della Vita Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena PERICOLO Art.2, lettera r, D.Lgs. 81/08 proprietà o qualità intrinseca

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER MANSIONI AZIENDALI D. Lgs. 3 agosto 2009 n. 106 RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I. I. S. A. GENTILESCHI Di CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013

Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi. M.Cappai - Gennaio 2013 Corso Dirigenti la Valutazione dei Rischi M.Cappai - Gennaio 2013 ANALISI dei RISCHI e DOCUMENTO di VALUTAZIONE Con l approvazione del nuovo decreto legislativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Organizzato da: CARRARA, Febbraio 2007 Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) Il documento nel quale il Datore di Lavoro (D.d.L.), prende in esame

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.

Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8. Regolamento di Ateneo per l applicazione delle norme su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del D.I. 363 del 5.8.98 Art. 1 - Individuazione del Datore di lavoro e definizione

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

Egr. Via. Mod Delega Delega delle funzioni. Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Egr. Via Oggetto: Delega delle funzioni (art 16 - D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) Il sottoscritto C.F. in qualità di Datore di Lavoro della Ditta con sede in al fine di provvedere agli incombenti posti dalla

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO 81024 MADDALONI VIA FEUDO N.46 TEL. 0823.202821 0823.202050 FAX 0823.202821 E-MAIL 2circmad@virgilio.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO 81024 MADDALONI VIA FEUDO N.46 TEL. 0823.202821 0823.202050 FAX 0823.202821 E-MAIL 2circmad@virgilio. DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO 81024 MADDALONI VIA FEUDO N.46 TEL. 0823.202821 0823.202050 FAX 0823.202821 E-MAIL 2circmad@virgilio.it Decreto legislativo 09 Aprile 2008 n 81 integrato con: Legge

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio

Obblighi generali per il datore di lavoro. Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio Apparato sanzionatorio - Obblighi generali SICUREZZA E IGIENE DEL LAVORO Obblighi generali per il datore di lavoro Servizio di prevenzione e protezione - Nomina del responsabile del servizio DESTINATARIO/I

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008

Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 Sicurezza sul Lavoro Il nuovo Testo Unico - D.Lgs. 81/2008 1 UCTSP MILANO 27 GIUGNO 2008 STEFANIA CASOTTO RESPONSABILE DEI SERVIZI AMBIENTE - SICUREZZA - POLITICHE ENERGETICHE Agenda 2 La definizione di

Dettagli

La formazione e informazione dei lavoratori

La formazione e informazione dei lavoratori La formazione e informazione dei lavoratori La formazione dei lavoratori Il D.Lgs. 81/08 riserva una particolare attenzione alla formazione dei soggetti responsabili della sicurezza (addetti antincendio,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GENERALE (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.)

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI GENERALE (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) CITTA DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI E P.ZZA DELLA LIBERTA N. 1 DEI RISCHI GENERALE (ART. 4 D. LGS. 626/94 E S.M.I.) Servizio Cultura EX OSPEDALE MILITARE VIA CAVOUR, ALESSANDRIA SALA MOSTRE STANZE DI ARTU

Dettagli

PARTE IV LEGGI E DECRETI. Decreto Legislativo 626/94

PARTE IV LEGGI E DECRETI. Decreto Legislativo 626/94 PARTE IV LEGGI E DECRETI Decreto Legislativo 626/94 T I T O L O I C a p o I D i s p o s i z i o n i g e n e r a l i A r t i c o l o 3 M i s u r e g e n e r a l i d i t u t e l a 1. Le misure generali per

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D. Lgs. 81/2008 s.m.i. ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO G. FASCETTI VIA UGO RINDI N.47 56123 PISA Il R.S.P.P Per. Ind. Ranieri

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Emanato con Decreto Rettorale n 93 del 17.03.2010, in vigore dal 1 aprile 2010 Pag. 1/14 POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO

Dettagli

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I.R.P.E.T Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana SISTEMA DELLE DELEGHE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO (in attuazione degli articoli 16 ss. del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81

Dettagli

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08

OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 OBBLIGHI SICUREZZA SUL LAVORO 81/08 Obblighi Datore di Lavoro - Misure generali di tutela (D.Lgs. 81/08, art. 15)...1 Obblighi Datore di Lavoro - Delega di funzioni (D.Lgs. 81/08, art. 16)...1 Obblighi

Dettagli

Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO

Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO Comune di San Benedetto del Tronto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DA INTERFERENZE PER LA COOPERAZIONE E IL COORDINAMENTO Redatto in relazione alle attività di Servizi di apertura, chiusura, sorveglianza,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. Vallauri - Fossano D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI ENNA C.F. 01151150867 www.asp.enna.it SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE : REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA E TUTELA

Dettagli

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi IL RISCHIO E LA SUA CONSIDERAZIONE Nella valutazione del rischio sono coinvolte varie fasi che richiedono il contributo di discipline differenti. È un documento redatto dal RSPP e che deve vivere all'interno

Dettagli

DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs.

DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. 106/09) Azienda Sede Legale Sede Operativa Rev. Motivazione 00

Dettagli

STRUTTURA E CONTENUTI MINIMI DEL DOCUMENTO DI SICUREZZA E SALUTE PROVINCIA DI BERGAMO Servizio Risorse Minerali e Termali Ufficio Cave dr. Renato Righetti ing. jr. Laura Benazzi 1 Valutazione dei rischi

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i. ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 e s.m.i. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE RACCHETTI DA VINCI di CREMA LICEO CLASSICO STATALE LICEO SCIENTIFICO STATALE FRAREG s.r.l. V.le Jenner, 38-20159 Milano

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli SCULA PRIMARIA L'edificio scolastico l plesso SCULA PRIMARIA si sviluppa su due livelli Al primo livello (piano terra) vi sono: androne entrata principale ufficio presidenza n. 8 aule per gli alunni; n.

Dettagli

D.LGS.81/08 E SMI FORMAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. ing. Marco Spezia

D.LGS.81/08 E SMI FORMAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. ing. Marco Spezia D.LGS.81/08 E SMI FORMAZIONE DEI RAPPRESENTANTI ing. Marco Spezia 1 CONCETTI DI RISCHIO E DANNO 2 CONCETTI DI RISCHIO E DANNO - 1 DEFINIZIONE DI PERICOLO causa o origine di un danno o di una perdita potenziali

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO D.Lgs. 81/08 LA SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO 1 Dobbiamo capire per prima cosa se l associazione rientra nel campo di applicazione della norma 2 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Art.

Dettagli

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice

Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice Atto Organizzativo in materia di Gestione della Sicurezza in Ateneo: Regole e Attori Indice PREMESSA... 2 DEFINIZIONI, RUOLI, AMBITI E ATTIVITÀ... 5 RETTORE... 5 DIRIGENTI... 6 PREPOSTI... 8 ADDETTI SQUADRE

Dettagli

Corso per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS)

Corso per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Corso per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Programma Prima Parte I. PRINCIPI GIURIDICI II. LEGISLAZIONE GENERALE E SPECIALE III. SOGGETTI E RELATIVI OBBLIGHI Una delle principali

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 07 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Articolo 29 (Aggiornamento del Regolamento) Articolo 30 (Norma finale) Articolo 31 (Entrata in vigore)

TITOLO IV DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI Articolo 29 (Aggiornamento del Regolamento) Articolo 30 (Norma finale) Articolo 31 (Entrata in vigore) REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO (D.Lgs n. 81 del 9 aprile 2008) (emanato con decreto rettorale 29 luglio 2009, n. 775) INDICE TITOLO

Dettagli

CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI. Documento unico formato da n 72 Pagine C.A.A.R S.P.A. Rimini (RN) Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione

CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI. Documento unico formato da n 72 Pagine C.A.A.R S.P.A. Rimini (RN) Il Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione CENTRO AGRO ALIMENTARE RIMINI Data: 20 Novembre 2014 Documento unico formato da n 72 Pagine DVR DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Titolo I Capo III Sezione II ( Art da 28 a 30 ) del D. Lgs. 81/08) Azienda:

Dettagli

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura.

Office 2007 All apertura viene visualizzata la barra messaggi per notificare la presenza di una macro potenzialmente non sicura. Guida Utilizzo Modello DVR Nei nostri modelli DVR è presente una Macro che permette di complilare automaticamente in modo semplice e veloce il documento con i vostri dati. All apertura del documento di

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO

ALLEGATO H MISURE DI MIGLIORAMENTO Pagina 1 di 5 ALLEGATO H Il Datore di Lavoro Il R.S.P.P: visto l R.L.S. Prof.ssa Margherita Ventura Geom. Gabriele Sbaragli Ins. Nadia Capezzali Pagina 2 di 5 In via generale per tutti i plessi scolastici.

Dettagli

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA

IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA DVR CIPNES IMP. DEPURAZIONE IMPIANTO DEPURAZIONE INDICE STRUTTURA TITOLO CODICE REVISIONE Organizzazione e responsabilità (Sez. 01) 15/10/2013 Misure generali di tutela e criteri di valutazione Valutazione

Dettagli

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Allegato 3 Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA CUREZZA E LA SALUTE Legale Rappresentante Datore di lavoro Preposti Responsabile del Servizio

Dettagli

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2

Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.2 Normativa e organizzazione della sicurezza a scuola Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.2 D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell articolo 1 della Legge 123/2007, in materia

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08

OBBLIGHI DEL PREPOSTO ART. 19 D.LGS. 81/08 PREPOSTO Il PREPOSTO è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell incarico conferitogli, sovrintende alla attività

Dettagli

STRUTTURA DELLA LEZIONE

STRUTTURA DELLA LEZIONE STRUTTURA DELLA LEZIONE ANALISI DEL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA - D. Lgs 81/08 LE FIGURE DELLA SICUREZZA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CENNI 1 Testo Unico sulla Sicurezza D.Lgs 81/08 2 Definizioni SICUREZZA:

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori...

NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI. Egr. Sig. Lavoratori... NOTA INFORMATIVA PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE E SICUREZZA PROPRIA NONCHE' DI TERZI Egr. Sig. Lavoratori... Oggetto: 1. Obblighi lavoratori ex artt. 20 e 44 D.Lgs. 81/2008. 2. Lavoratrici madri. 3.

Dettagli

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743

81@euservice.it oppure al fax: 0623325743 Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it oppure al

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Procedure standardizzate per la valutazione dei rischi Pubblicato il Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Con il Decreto Interministeriale dei 30 novembre 2012 sono state recepite le procedure

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08 Pag. 1/22 INDICE 1 OGGETTO DELL APPALTO - VALIDAZIONE DOCUMENTO...2 2 PREMESSA...3 3 DIAGRAMMA DI FLUSSO PER LA REDAZIONE DEL DUVRI...5 4 DATI DI IDENTIFICAZIONE DELLE AZIENDE COINVOLTE...6 5 ORGANIGRAMMA

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA

DESCRIZIONE DELL'UNITÀ PRODUTTIVA Schede preliminari identificative dell Istituzione scolastica e degli eventuali plessi, che vanno compilate, per ogni singolo edificio, ed inviate al seguente indirizzo e-mail 81@euservice.it euservice

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Principi giuridici e normativa di riferimento

Dettagli

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno

Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno Definizione termini: Rischio, Pericolo, Danno PERICOLO: proprietà intrinseca di un fattore (attrezzature, sostanze, pratiche di lavoro ecc.) di poter causare danni RISCHIO: è la probabilità che si verifichino

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma

Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma Istituto Tecnico Commerciale Statale PIERO CALAMANDREI Roma 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI E PIANO DI PREVENZIONE Documento Art.17 c.1 - D. Lgs. 81/2008 Aggiornamento a cura del RSPP in data: 25 settembre 2012

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

ISPESL. OSSERVATORIO DELLA SICUREZZA PER GLI ADEMPIMENTI al D. L.vo 626 del 19 settembre 1994

ISPESL. OSSERVATORIO DELLA SICUREZZA PER GLI ADEMPIMENTI al D. L.vo 626 del 19 settembre 1994 ISPESL OSSERVATORIO DELLA SICUREZZA PER GLI ADEMPIMENTI al D. L.vo 626 del 19 settembre 1994 LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO nella Piccola e Media Impresa * Elaborato dal Gruppo di Lavoro "Tecnico"

Dettagli