ETICA: 2 l parco i. NI A CO iliare sv. AZIONE E pero edil. ONFRON vizzero. RTIFICA Recup. ENERGE lizio nel NTO. 2 NAZIO immobi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICA: 2 l parco i. NI A CO iliare sv. AZIONE E pero edil. ONFRON vizzero. RTIFICA Recup. ENERGE lizio nel NTO. 2 NAZIO immobi"

Transcript

1 CER RTIFICA Recup Politec Corsod Annoa AZIONEE peroedil Relato T nicodim dilaurea ccademic ENERGE lizionel ore:prof. TesidiLa Robe Matr Milano,Sc Magistra co20132 ETICA:2 lparcoi Arch.Fili ureamag rtomarf ricola:16 uoladiar aleinarch NAZIO immobi ppotart gistraled FORIO rchitettur hitettura, NIACO iliaresv TAGLIA i: raesocie, ONFRON vizzero. età, NTO

2

3 CERTIFICAZIONEENERGETICA:2NAZIONIACONFRONTO Recuperoedilizionelparcoimmobiliaresvizzero.

4

5 INDICE 1. ABSTRACT QUADROLEGISLATIVOITALIANO DECRETOLEGISLATIVO3marzo2011,n Art.11Obbligodiintegrazionedellefontirinnovabilinegli edificidinuovacostruzioneenegliedificiesistenti sottopostiaristrutturazionirilevanti Art.12Misuredisemplificazione Art.13Certificazioneenergeticadegliedifici Allegato3(art.11,comma1)Obblighiperinuoviedifici ogliedificisottopostiaristrutturazionirilevanti Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid'Italia QUADROLEGISLATIVOSVIZZERO LEGGESULL ENERGIA(LEne) Art.1 Obiettivi Art.2CollaborazioneconiCantoni,l economia ealtreorganizzazioni Art.3 Principi Art.9 Edifici ILCONFRONTODELLACERTIFICAZIONEENERGETICANELLE2NAZIONI PREMESSA PROGETTO CONTESTOURBANISTICOCITTADINO Informazionisull immobile. 31

6 6.2Datipianificatori,secondoNAPR Tessutourbano L EDIFICIOESISTENTE L involucro Lasuddivisionedeglispaziinterni Ipavimentiedirivestimenti Gliatriedicorridoi Lecucine IBagni Lascalacomune Leprotezionisolarioscuranti Interventidelproprietarioodegliinquilini DOCUMENTAZIONEFOTOGRAFICA EDIFICIOESISTENTE SUDDIVISIONEDEGLISPAZI Gliappartamenti Spazicomuni Lascala Altrispazicomuni IMPIANTIESISTENTI Ilriscladamento Laproduzionedell acquacaldasanitaria L illuminazione. 52

7 10.4Consumiattuali MATERIALIDANNOSI Amianto LegislaturaDirettivaCFSL(N.6503,dic.2008) Materialianalizzati RisultatianalisidilaboratorioLabToxSA Materialipositiviperdifetto Schedetematichedei+materialipositiviall amianto CONCETTOD INTERVENTO Potenzialitàedificatoriee/operlaristrutturazione Richiestadelmercatoimmobiliarelocale Isolamentotermicoeinstallazioni Normativeinvigore Progetto concettodiisolamentotermico Installazioni RIDUZIONEEDOTTIMIZZAZIONEDEICONSUMI NORMATIVESPECIFICHE(acustica,antincendio,barrierearchitettoniche) Acustica Normativeinvigore L acusticanelprogetto. 77

8 14.2Antincendio Normadiprotezioneantincendio(VKF,AEAI) L antincendionelprogetto Barrierearchitettoniche Normativeinvigore Lebarrierearchitettonichenelprogetto CERTIFICAZIONEENERGETICADEGLIEDIFICI(CECE) Etichettaturadegliimmobili Rapportodiconsulenza Certificatoenergeticocantonale degliedifici Pianivalutazioneenergeticaimmobileanalizzato CONCLUSIONI SITOGRAFIA NORMATIVE RINGRAZIAMENTI. 147

9 INDICETabelle Ilconfrontodellacertificazioneenergeticanelle2nazioni. 29 Materialianalizzati. 55 Etichettaturadegliimmobili. 91

10

11 INDICEIllustrazioni ILL.1Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid'Italia. 23 ILL.2Lenormativeregionali. 24 ILL.3Planimetriaconstabileesistente. 31 ILL.4Estrattodelpianodellezone,LocalitàCassarate,1:2' ILL.5Tessutourbano,Planimetria1. 34 ILL.6Tessutourbano,Planimetria2. 35 ILL.7Tessutourbano,Planimetria3. 36 ILL.812RisultatianalisidilaboratorioLabtoxSA. 56 ILL.13Schedatematicafinestra. 62 ILL.14Schedatematicacaldaia. 63 ILL.15Schedatematicacordonesportelloispezionecannafumaria. 64 ILL.16Schedatematicaquadrielettrici/valvole. 65 ILL.17Classificazionedellasensibilitàalrumore. 75 ILL.18Definizionetipodirumore. 76 ILL.19DettagliocontroparetedittaKnauf. 80 ILL.20DettagliopavimentoanticalpestiodittaKnauf. 80 ILL.2123Larghezzepersediearotelle. 88 ILL.24Larghezzescalaespazipersalitaaccompagnata. 89 ILL.25Montascale. 89 ILL.26Dettagliosoglieeportefinestre. 89

12

13 INDICETavolegrafiche TAV.1PiantedisposizioneappartamentiPT,1 P,2 P. 45 TAV.2Piantedisposizioneappartamento3 P. 46 TAV.3Dettaglioscalainterna. 47 TAV.4Piantapianocantinaseminterrato. 49 TAV.5Planimetriaingombronuovoedificiocondistanze previstedanapr. 67 TAV.6Pianta,concettoisolamentotermico. 71 TAV.7Sezione,concettoisolamentotermico. 71 TAV.8Raggruppamentobagniecucine,pianotipo. 77 TAV.9Raggruppamentobagniecucine,pianomansardato. 78 TAV.10Isolamentoparetisensibili. 78 TAV.11Posaapparecchisanitari,pianotipo. 79 TAV.12Distanzetragliedifici. 84 TAV.13Strutturadisuddivisionespaziinterni. 85 TAV.14Larghezzascalainterna,corridoieporte,pianotipo. 86 TAV.15Larghezzascalainterna,corridoieporte,pianomansardato. 87 TAV.16Posizionipossibiliestintoripianotipo. 87 TAV.17PiantaatrioPTconlarghezzaporte,larghezzascala, posizionemontascale. 90 TAV.18Dettagliatriappartamenticonmisurelarghezzeporteeatri. TAV.19PiantatipoPT1 P2 P,SRE. 134 TAV.20Piantapianomansardato,SRE

14 TAV.21Sezionestabile,SRE. 134 TAV.22Elementicostruttivipianocantina,seminterrato. 136 TAV.23Elementicostruttivipianoterrenorialzato. 136 TAV.24Elementicostruttivipianomansardato. 137 TAV.25Elementicostruttivitetto. 137 TAV.26Elementicostruttivi,sezionestabile. 138

15 1.ABSTRACT L obiettivo della presente tesi è di mettere a confronto le certificazioni energetiche degliedificidellenazionilegatealcandidato,cioèl ItaliaelaSvizzera. Ilconfrontotraduerealtàediliziemoltovicine,maaltempostessosviluppatesi,negli ultimianni,inmanieramoltodifferentesianeiconcettidibasechenegliobiettiviche ognuna di essa ha deciso di sviluppare per ridurre l impatto ambientale del proprio parcoimmobiliare(giàcostruitoodinuovarealizzazione)efavorirel utilizzodienergie rinnovabili. Il paragone verrà approfondito con i decreti legislativi, le normative, i requisisti richiesti, gli obiettivi imposti e/o consigliati dalle due nazioni ed applicabili alle loro realtàdisuddivisioneterritoriale(regioniocantoni). Si valuteranno le differenti tipologie degli edifici considerati per le certificazioni, gli aspetti considerati e necessari alla certificazione, i valori legati alle efficienze energetichedegliinvolucriedelleinstallazioniperilriscaldamento,laproduzionedi acquacaldasanitariaeperl illuminazione. Si considererà in modo particolare l ambito legato al recupero edilizio ed alla ristrutturazione, ritenuto il maggior potenziale di miglioramento energetico di entrambelenazioniconsiderando l etàcatastale deirispettivitessutiurbani. Per applicare la parte teorica alla realtà, verrà in seguito approfondito uno dei percorsi legislativi presentati con un esempio che ne permetta una realistica applicazioneecomprensione. Perraggiungeregliobiettiviprefissatièfondamentalepoteraccederealleinformazioni legislativeedallenormative/decretiattualmenteinvigorenelleduenazioniinquesto ambito,oltreall accessoalleinformazionilegatealprogettoanalizzatonellaseconda partedellapresentetesi. La difficile accessibilità alle informazioni in merito al CENED (della Regione Lombardia)elarealtàabitativaeprofessionaledelcandidato,hannoportatolostesso ad approfondire l argomento, mediante la presentazione di un progetto, seguendo quantoprevistodallenormativesvizzere. Pag.15

16 Pag.16

17 2.QUADROLEGISLATIVOITALIANO. 2.1DECRETOLEGISLATIVO3marzo2011,n.28 (Attuazionedelladirettiva2009/28/CEsullapromozionedell'usodell'energiadafontirinnovabili,recante modificaesuccessivaabrogazionedelledirettive2001/77/cee2003/30/ce.(11g0067) [...] 2.1.1Art.11Obbligodiintegrazionedellefontirinnovabilinegliedificidinuova costruzioneenegliedificiesistentisottopostiaristrutturazionirilevanti. 1. I progetti di edifici di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevantidegliedificiesistentiprevedonol'utilizzodifontirinnovabiliper la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondoiprincipiminimidiintegrazioneeledecorrenzedicuiall'allegato3. Nelle zone A del decreto del Ministero dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444,lesogliepercentualidicuiall'Allegato3sonoridottedel50percento.Le leggiregionalipossonostabilireincrementideivaloridicuiall'allegato3. 2. Ledisposizionidicuialcomma1nonsiapplicanoagliedificidicuiallaParte seconda e all'articolo 136, comma 1, lettere b) e c), del codice dei beni culturaliedelpaesaggio,dicuialdecretolegislativo22gennaio2004,n.42,e successivemodificazioni,eaquellispecificamenteindividuaticometali neglistrumentiurbanistici,qualorailprogettistaevidenzicheilrispettodelle prescrizioniimplicaun'alterazioneincompatibileconillorocarattereo aspetto,conparticolareriferimentoaicaratteristoricieartistici. 3. L'inosservanzadell'obbligodicuialcomma1comportaildiniegodelrilascio deltitoloedilizio. Pag.17

18 4. Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati ai fini dell'assolvimento degliobblighidicuiall'allegato3delpresentedecretoaccedonoagliincentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quotaeccedentequellanecessariaperilrispettodeimedesimiobblighi.per imedesimiimpiantirestafermalapossibilitàdiaccessoafondidigaranziaedi rotazione. 5.Sonoabrogati: a) l'articolo 4, comma 1bis, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno2001,n.380; b) l'articolo 4, commi 22 e 23, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile2009,n Neipianidiqualitàdell'ariaprevistidallavigentenormativa,leregionile province autonome possono prevedere che i valori di cui all'allegato 3 debbanoessereassicurati,intuttooinparte,ricorrendoadimpieghidellefonti rinnovabili diversi dalla combustione delle biomasse, qualora ciò risulti necessarioperassicurareilprocessodiraggiungimentoemantenimentodei valoridiqualitàdell'ariarelativiamaterialeparticolato(pm10epm2,5)ead idrocarburipolicicliciaromatici(ipa). 7. Gliobblighiprevistidaattinormativiregionaliocomunalisonoadeguatialle disposizionidelpresentearticoloentro180giornidalladatadientratain vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicanoledisposizionidicuialpresentearticolo. Pag.18

19 2.1.2Art.12Misuredisemplificazione. 1. Iprogettidiedificidinuovacostruzioneediristrutturazionirilevantisuedifici esistenticheassicurinounacoperturadeiconsumidicalore,dielettricitàe perilraffrescamentoinmisurasuperioredialmenoil30percentorispetto aivaloriminimiobbligatoridicuiall'allegato3,beneficiano,insededirilascio deltitoloedilizio,diunbonusvolumetricodel5percento,fermorestandoil rispetto delle norme in materia di distanze minime tra edifici e distanze minime di protezione del nastro stradale, nei casi previsti e disciplinati dagli strumentiurbanisticicomunali,efattesalveleareeindividuatecomezonaa daldecretodelministerodeilavoripubblici2aprile1968,n.1444.iprogetti medesiminonrientranofraquellisottopostialparereconsultivodella commissioneediliziaeventualmenteistituitadaicomuniaisensidell'articolo 4,comma2,deldecretodelPresidentedellaRepubblica6giugno2001,n I soggetti pubblici possono concedere a terzi superfici di proprietà per la realizzazionediimpiantidiproduzionedienergiaelettricadafontirinnovabili nelrispettodelladisciplinadicuialdecretolegislativo12aprile2006,n.163. Ledisposizionidelpresentecommasiapplicanoancheaisitimilitariealle areemilitariinconformitàconquantoprevistodall'articolo355delcodice dell'ordinamentomilitare,dicuialdecretolegislativo15marzo2010,n Entro il 31 dicembre 2012, con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorioedelmareeconilministrodellasemplificazione,previaintesa con la Conferenza unificata, di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, si provvede al riordino degli oneri economici e finanziariedellediverseformedigaranziarichiestiperl'autorizzazione, laconnessione,lacostruzione,l'eserciziodegliimpiantidafontirinnovabilie il rilascio degli incentivi ai medesimi impianti. Il riordino é effettuato sulla basedeiseguenticriteri: a)coordinareedunificare,laddovepossibile,idiversioneriegaranziealfinedi evitarepubblicazioniosovrapposizioni; b)rendereproporzionatoerazionaleilsistemacomplessivodioneriegaranzie; c) rendere efficiente l'intero processo amministrativo ed accelerare la realizzazionedegliimpianti,corrispondendoagliobiettividicuiall'articolo 3e,alcontempo,contrastandoattivitàspeculativenellediversefasidi autorizzazione, connessione, costruzione, esercizio degli impianti e rilascio degliincentivi; Pag.19

20 d)prevederelapossibilitàdidiversificareglionerielegaranzieperfontie perfascedipotenza,tenendocontodell'effettoscala; e)coordinareglioneriprevistidall'articolo24,comma4,letterab),per l'assegnazione degli incentivi, quelli previsti dall'articolo 1quinquies del decretolegge8luglio2010,n.105,convertito,conmodificazioni,dallalegge 13 agosto 2010, n. 129, ai fini dell'autorizzazione, e quelli a garanzia della connessionedegliimpiantidispostiancheinattuazionedell'articolo1septies, comma2,delmedesimodecretoleggen.105del2010; f)perglionerielegaranzieafavorediregioniodientilocali,prevedere principiminimigeneralicherestanovalidifinoall'emanazionediun'apposita normativaregionale; g)definireicasiincuil'acquisizionedelnullaostaminerario,previsto dall'articolo120deltestounicodelledisposizionidileggesulleacquee impianti elettrici, di cui al regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, può essere sostituito da dichiarazione del progettista circa l'insussistenza di interferenzeconleattivitàminerarie,prevedendolapubblicazionedelle informazioninecessarieatalfinedapartedallacompetenteautoritàdi vigilanzaminerariaedeventualmentecoinvolgendoleregioniinteressate; h) definire, con riferimento all'obbligo di rimessa in pristino del sito di cui all'articolo12deldecretolegislativo29dicembre2003,n.387lemodalitàele garanziedarispettareperassicurareilcorrettosmaltimentodeicomponenti dell'impianto Art.13Certificazioneenergeticadegliedifici. 1. Al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, sono apportate le seguenti modificazioni: a)all'articolo1,comma2,laletterac)ésostituitadallaseguente: c) i criteri generali per la certificazione energetica degli edifici e per il trasferimentodellerelativeinformazioniinsededicompravenditaelocazione; b)all'articolo6,comma1bis,sonosoppresseleparole:"conriferimentoal comma4"; Pag.20

21 c)all'articolo6,dopoilcomma2bis,sonoinseritiiseguenti: «2ter.Neicontrattidicompravenditaodilocazionediedificiodisingole unità immobiliari é inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttoredannoattodiaverricevutoleinformazionieladocumentazionein ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nel caso di locazione, la disposizionesiapplicasoloagliedificiealleunitàimmobiliarigiàdotatedi attestato di certificazione energetica ai sensi dei commi 1, 1bis, 1ter e 1 quater. 2quater. Nel caso di offerta di trasferimento a titolo oneroso di edifici o di singole unità immobiliari, a decorrere dal 1 gennaio 2012 gli annunci commerciali di vendita riportano l'indice di prestazione energetica contenuto nell'attestatodicertificazioneenergetica.» ALLEGATO3(art.11,comma1)Obblighiperinuoviedificiogliedifici sottopostiaristrutturazionirilevanti. 1. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili,del50%deiconsumiprevistiperl'acquacaldasanitariaedelle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l'acqua calda sanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamento: a)il20percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioépresentata dal31maggio2012al31dicembre2013; b)il35percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioépresentata dal1 gennaio2014al31dicembre2016; c)il50percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioérilasciatodal 1 gennaio2017. Pag.21

22 2.Gliobblighidicuialcomma1nonpossonoessereassoltitramiteimpiantida fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti,asuavolta,dispositivioimpiantiperlaproduzionediacquacalda sanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamento. 3. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili che devono essere obbligatoriamente installati sopra o all'interno dell'edificio o nelle relativepertinenze,misuratainkw,e'calcolatasecondolaseguenteformula: 1 P=.S k DoveSélasuperficieinpiantadell'edificioallivellodelterreno,misuratain m²,ekéuncoefficiente(m²/kw)cheassumeiseguentivalori: a)k=80,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal31 maggio2012al31dicembre2013; b)k=65,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal1 gennaio2014al31dicembre2016; c)k=50,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal1 gennaio In caso di utilizzo dipannelli solari termici o fotovoltaici disposti sui tetti degliedifici,ipredetticomponentidevonoessereaderentiointegratineitetti medesimi,conlastessainclinazioneelostessoorientamentodellafalda. 5.L'obbligodicuialcomma1nonsiapplicaqualoral'edificiosiaallacciatoad unaretediteleriscaldamentochenecopral'interofabbisognodicaloreper ilriscaldamentodegliambientielafornituradiacquacaldasanitaria. 6. Per gli edifici pubblici gli obblighi di cui ai precedenti commi sono incrementatidel10%. 7. L'impossibilità tecnica di ottemperare, in tutto o in parte, agli obblighi di integrazione di cui ai precedenti paragrafi deve essere evidenziata dal progettista nella relazione tecnica di cui all'articolo 4, comma 25, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 e dettagliata esaminandolanonfattibilitàdituttelediverseopzionitecnologichedisponibili. Pag.22

23 8.Neicasidicuialcomma7,éfattoobbligodiottenereunindicediprestazione energeticacomplessivadell'edificio(i)cherisultiinferiorerispettoalpertinente indice di prestazione energetica complessiva reso obbligatorio ai sensi del decretolegislativon.192del2005esuccessiviprovvedimentiattuativi(i192) [ ] Dove: d obbligoéilvaloredellapercentualedellasommadeiconsumiprevistiper l'acquacaldasanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamentochedeveessere coperta,aisensidelcomma1,tramitefontirinnovabili; l effettivaèilvaloredellapercentualeeffettivamenteraggiuntaall'intervento; d obbligoéilvaloredellapotenzaelettricadegliimpiantialimentatidafonti rinnovabilichedevonoessereobbligatoriamenteinstallatiaisensidelcomma 3;l effettivaéilvaloredellapotenzaelettricadegliimpiantialimentatida fontirinnovabilieffettivamenteinstallatasull'edificio. Pag.23

24 2.1.5Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid Italia.(ILL.1) Pag.24

25 ILL.2 LeNormativeRegionali. Pag.25

26 3.QUADROLEGISLATIVOSVIZZERO. 3.1Leggesull energia(lene) del26giugno1998(stato1 maggio2014) Art.1Obiettivi 1. Lapresenteleggeintendecontribuireaunapprovvigionamentoenergetico sufficiente, diversificato, sicuro, economico e compatibile con le esigenze dellaprotezionedell ambiente. 2. Essahaloscopodi: a.garantireunapreparazioneeunadistribuzionedell energiaeconomichee compatibiliconleesigenzedellaprotezionedell ambiente; b.promuoverel impiegoparsimoniosoerazionaledell energia; c.favorireunmaggioreimpiegodelleenergieindigeneerinnovabili. 3. La generazione annua media di elettricità a partire da energie rinnovabili deveessereaumentataentroil2030dialmeno5400gwhrispettoallivello del2000.comeparteintegrantediquestoaumentoilconsigliofederalepuò considerare, fino al 10 percento, anche l elettricità generata all estero a partiredaenergierinnovabili. 4. La generazione annua media di elettricità proveniente da centrali idroelettriche deve essere aumentata entro il 2030 di almeno 2000 GWh rispettoallivellodel Ilconsumoenergeticofinaledelleeconomiedomesticheprivatedeveessere stabilizzato entro il 2030 almeno al suo livello al momento dell entrata in vigoredellapresentedisposizione. Pag.26

27 3.1.2Art.2CollaborazioneconiCantoni,l economiaealtreorganizzazioni. La Confederazione e i Cantoni coordinano la loro politica energetica tenendo conto degli sforzi dell economia. In collaborazione con i Cantoni e le organizzazioni interessate,ilconsigliofederalepuòfissareprovvedimentiperraggiungeregliobiettivi dipoliticaenergetica. La Confederazione e, nell ambito delle loro competenze, i Cantoni collaborano per l esecuzionedellapresenteleggeconleorganizzazionieconomiche. Prima di emanare prescrizioni d esecuzione, esaminano i provvedimenti volontari dell economia. Se è possibile e necessario, riprendono, parzialmente o totalmente, convenzioni nel diritto d esecuzione. Sono fatte salve la legge federale del 6 ottobre 1995suicartelliealtrelimitazioniallaconcorrenza,comepurelaleggefederaledel6 ottobre1995sugliostacolitecnicialcommercio Art.3Principi. Leautorità,leaziendedidistribuzione,ipianificatorieifabbricantidiimpianti,veicolie apparecchi che consumano energia come pure i consumatori osservano i seguenti principi: a.ognienergiadeveessereimpiegatanelmodopiùparsimoniosoerazionale possibile; b.l impiegodienergierinnovabilideveesserepotenziato. Impiegarel energiainmodoparsimoniosoerazionalesignificainnanzitutto: a.mantenerel impiegodienergiaallivellopiùbassopossibile; b.impiegarel energianelmigliormodopossibile; c. impiegare la minor energia possibile per conseguire un determinato risultatoenergetico(altorendimentoenergetico); d.recuperareilcaloreresiduoutilizzabile. Icostidell approvvigionamentoenergeticodevonoessereaddebitati,nellamisuradel possibile,aiconsumatorichelicausano. Possonoessereordinatiprovvedimentisoloacondizionechesianofattibilidalprofilo tecnicoefunzionaleesostenibilieconomicamente.gliinteressipubblicipreponderanti devonoesseresalvaguardati. Pag.27

28 [ ] Capitolo3:Impiegoparsimoniosoerazionaledell energia 3.1.4Art.9Edifici. Nell ambito della loro legislazione, i Cantoni istituiscono condizioni quadro favorevoli all impiegoparsimoniosoerazionaledell energiaeall impiegodienergierinnovabili. ICantoniemananodisposizionisull impiegoparsimoniosoerazionaledell energianelle nuove costruzioni e negli edifici esistenti e sostengono l attuazione dei pertinenti standard di consumo. A tal fine tengono conto del livello della tecnica ed evitano ingiustificatiostacolitecnicialcommercio. ICantoniemananoinparticolaredisposizioniconcernenti: a. la quota massima ammissibile di energie non rinnovabili a copertura dell approvvigionamentotermico,perilriscaldamentoel acquacalda; b. l installazione di nuovi riscaldamenti elettrici fissi a resistenza e la loro sostituzione; c.leconvenzionisugliobiettiviconcluseconigrandiconsumatori; d.ilconteggioindividualedellespesediriscaldamentoediacquacaldanelle nuovecostruzionieincasodirinnovamentiessenzialinegliedificiesistenti; la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica: negli edifici riscaldati che soddisfano almeno lo standard Minergie o MoPEC o uno standard edilizio equivalente, un superamento di 20 cm al massimo per l isolamento termico o un impianto per un migliore impiego delle energie rinnovabiliindigenenonèconsideratonelcalcoloinparticolaredell altezza dell edificio,delladistanzatraedifici,delladistanzadaiconfini,delladistanza dalle acque, della distanza dalle strade o della distanza dal parcheggio e nell ambitodegliallineamenti. ICantoniemananoprescrizioniuniformisull indicazionedelconsumoenergeticodegli edifici (certificato energetico degli edifici). Possono dichiarare obbligatorio tale certificatoperilloroterritoriocantonale;seprevedonotaleobbligo,nedefinisconoil campod applicazione. [ ] Pag.28

29 Pag.29 4.ILCONFRONTODELLACERTIFICAZIONENELLE2NAZIONI. ITALIA CertificazioneENergeticadegliEDifici SVIZZERA CertificatoEnergeticoCantonaledegli Edifici. Applicazionedel certificato. Autonomiaalivelloregionale,in ambitodicertificazioneenergetica (CERTENED). Ades.Lombardia:CENED. Certificazioneuniformataalivello svizzero,adesionedeicantonialcece. Obiettivo. Incentivareilmercatoimmobiliaread investireinedificiadaltaqualità energetica,migliorcomforteminori emissionidigasclimalteranti. Valutareglobalmenteunedificiodal puntodivistaenergeticonell otticadei costi,dell utilizzo,delmiglioramento dell involucrocostruttivoe dell impiantistica. Strumento. Permettereall utente dicompiereuna sceltapiùconsapevolealmomento dell acquistooaffittodiunedificio. Percostituireunabaseperla progettazionedeiprovvedimentitecnici dimiglioramento. Risultato. L APEèundocumentoriconosciuto dallaregionelombardia,cheriporta gliesiticircal efficienzaenergetica dell edificioalqualesiriferisce. Etichettaturadellostabilesecondo l efficienzadell involucroel efficienza energeticaglobale. Aspetticonsiderati. Valutazione dell efficienza energeticaglobale. Fabbisognodienergiaprimaria: perriscaldamento, raffrescamento; Produzioneacquacaldasanitaria; Illuminazioneartificiale. Involucrocostruttivo; Produzionetermicaeenergie rinnovabili; Produzioneacquacaldasanitaria Illuminazioneeinstallazioni tecniche. Aspetticonsiderati. Valutazione dell involucro costruttivo. Valoriditrasmittanzatermica; Spessoriisolamentotermico; Abacopontitermici. Isolamentotermicoefinestre; Pontitermici; Formadell edificio. Datidell edificio analizzati. Involucrocostruttivo; Impiantistica; Apparecchielettrici. Involucrocostruttivo; Impiantistica; Apparecchielettrici. Vantaggi. Consapevolezzaenergetica; Benessereecomfortabitativo; Ridottoimpattoambientale; Assenzadidifettiedili; Aumentodelvaloreimmobiliare. Individuareipuntideboli dell immobile; mirarelemisuredi ammodernamento; permetteunarealizzazionea tappe; unificatoalivellosvizzero; investimentoadeguatoalle esigenzeedallepossibilità individuali. Campid applicazione. Edificiesistenti; edificinuovi. Edificiesistenti; edificinuovi. Tipologiadiedifici. edificiresidenzaiali; edificipubblici; edificiperilterziarioel industria. casemonooplurifamiliari edificiamministrativi; edificiscolastici. Chilorichiede? Ilproprietario. Ilproprietario.

30 5.PREMESSAProgetto Il progetto esposto prende in esame uno stabile plurifamiliare, costruito nel 1942, ubicatoinunazonaresidenzialedelquartieredicastagnola,inlocalitàcassarate,della cittàdilugano. Questa scelta deriva dalla collocazione geografica nella quale il candidato risiede e lavora attualmente e dalla realtà con la quale è confrontato quotidianamente dal momentochelavorainambitoedilizio. L obiettivodelpresentelavoroèdidimostrarelasostenibilitàdellasceltaarchitettonica (recupero conservativo) in funzione delle esigenze di mercato, del potenziale edificatorioedelmigliorrisultatoottenibileconuninterventomiratoaglielementiche piùvalorizzerebberolaproprietà. Per questo motivo si analizzerà il tessuto urbano circostante e si verificheranno le esigenze del mercato immobiliare locale per valutare la soluzione migliore per poter ottimizzarelelocazioni delleunità abitativeeperottenerequellapiùredditiziaperil proprietario. Ilprogettoverràvalutatoinoltreanchedalpuntodivistadelsuol'impattoambientalee socioeconomico, quindi con un occhio di riguardo all'efficienza di soluzioni che permetterebberol utilizzodimaterialicheottimizzerebberoilrisparmioenergeticodel nuovo immobile, nonché l utilizzo di energie rinnovabili per gli approvvigionamenti di riscaldamento,acquacaldasanitariaedeventualmenteanchedicorrenteelettrica. Si cercherà di ottenere la massima efficienza da tutti gli impianti che si prevede di installare con la riduzione massima dei costi di gestione, per gli inquilini, e della manutenzioneegestioneperl amministrazione. Nell insiemedell analisidellostabileesistenteverrannoconsideratetuttelenormative vigenti perché queste possano essere regolate, migliorate e/o mantenute nelle varie partiinteressateanchenelprogettofinalechesiintendeottenere. Sivaluterannoquindigliaccessieicollegamentitraivarilivellipergarantirnel accesso apersonediversamenteabili. Sicontrollerannoiparapettieleringhierediprotezionediscale,finestreebalconi;le viedifugaedidispositivinecessariincasodiincendioperl evacuazionedegliabitantie l accessodeisoccorsi. Siverificheràesicercheràdiattenuarelatrasmissionedeirumori,aereiesolidi,trale unitàabitativepermigliorareilcomfortabitativodegliinquilini. Pag.30

31 6.CO 6.1In Tipol Anno Quar Parti Supe ILL.3 ONTESTO nformazion logiad imm odicostruz rtiere: cellanr.: erficieparce 3Planime URBANIS isull immo mobile: ione: 1942 ella: triaconsta STICOCITT bile. plurifam 2. Castagno 944RFD 497mq bileesisten Pag.31 TADINO. miliare(7un ola,località D, nte. itàabitative àcassarate, e). ComunediLugano.

32 6.2Datipianificatori,secondoNAPR* Art.21 ZonaR7 : I.S.(indicedisfruttamento) 1.6 I.O.(indicedioccupamento) 40% A.V.(Areaverdeminima) 30% H.max(altezzamassimadegliedifici) 22,70m SecondoArt.16 Distanzedaiconfiniprivati,fraedificiedallavegetazione : Distanzadaiconfiniprivati 7mlseH.>19,70m 6mlseH.<19,70m SecondoArt.16,Cpv.2: la distanza richiesta fra due edifici su fondi contigui è uguale alla somma delle rispettivedistanzedellostessoconfine. SecondoArt.16,Cpv.2.1: Sesulfondoaltruiesistonoedificicostruitiantecedentementeall entratainvigoredel P.R , eccettuate le costruzioni accessorie, a distanze inferiori a quelle di cui sopra,nuovecostruzionidovrannodistarealmeno: 8mlperlezoneR7 R7a R7b( ) Distanzatraedifici 8ml SecondoArt.17 sopraelevazionediedificiesistenti : Pergliedificicostruitiantecedentementeall entratainvigoredelp.r eche nonrispettanolevigentidistanzedaiconfiniprivatiedallelineediedificazione,qualora l indice di sfruttamento e l altezza lo consentano, è permessa, nel rispetto della caratteristica dell edificio, la sopraelevazione di 3 m. Le parti aggiunte non devono fuoriusciredalperimetrodell edificioesistente. *NAPR:Normed attuazionedelpianoregolatore. Pag.32

33 ILL..4Estrattodelpianodellezone,LocalitàCassarate,1: Pag.33

34 6.3T L'ogg tutte Plani IL Tessutourb gettopreso eleinfrastru imetria1 Scuolaele Scuolam Parcogio Centroes Centroco Funicolar LL.5 Tess bano. oinesame utturecomu ementare(1 edia(2) ochi(3) spositivo(4) ommercial(5 remontebrè utourbano sitrovaap unalidirilev 1) 5) è(6),planimetr Pag.34 pochipassi vataimport ia1. dalcentro tanza. ocittadino, inprossimità di

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo

Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo Istituto Sostenibilità Applicata Ambiente Costruito Dipartimento Ambiente Costruzioni e Design Norma SIA 380/1:2009 Presentazione del metodo di calcolo Ing. Sergio Tami, docente SUPSI-DACD e libero professionista

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO DECRETO N 14006 Identificativo Atto n. 474 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO Oggetto PRECISAZIONI IN MERITO ALL'APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA)

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Studio Civilistico n. 657-2013/C LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 19 settembre

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta...

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta... OMPILR PRT LL UTORIT' FISLI Numero progressive della lista delle dichiarazioni ricevute IHIRZION I FINI LL TRMINZION LL IMPOST SUL PTRIMONIO - unità di abitazione o alloggi, locali destinati al tempo libero

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti Di quanto spazio necess sita l aria? Corso d approfondimento di Relatore Milton Generelli, SUPSI, Agenzia MINERGIE Svizzera Italiana, Canobbio Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli