ETICA: 2 l parco i. NI A CO iliare sv. AZIONE E pero edil. ONFRON vizzero. RTIFICA Recup. ENERGE lizio nel NTO. 2 NAZIO immobi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICA: 2 l parco i. NI A CO iliare sv. AZIONE E pero edil. ONFRON vizzero. RTIFICA Recup. ENERGE lizio nel NTO. 2 NAZIO immobi"

Transcript

1 CER RTIFICA Recup Politec Corsod Annoa AZIONEE peroedil Relato T nicodim dilaurea ccademic ENERGE lizionel ore:prof. TesidiLa Robe Matr Milano,Sc Magistra co20132 ETICA:2 lparcoi Arch.Fili ureamag rtomarf ricola:16 uoladiar aleinarch NAZIO immobi ppotart gistraled FORIO rchitettur hitettura, NIACO iliaresv TAGLIA i: raesocie, ONFRON vizzero. età, NTO

2

3 CERTIFICAZIONEENERGETICA:2NAZIONIACONFRONTO Recuperoedilizionelparcoimmobiliaresvizzero.

4

5 INDICE 1. ABSTRACT QUADROLEGISLATIVOITALIANO DECRETOLEGISLATIVO3marzo2011,n Art.11Obbligodiintegrazionedellefontirinnovabilinegli edificidinuovacostruzioneenegliedificiesistenti sottopostiaristrutturazionirilevanti Art.12Misuredisemplificazione Art.13Certificazioneenergeticadegliedifici Allegato3(art.11,comma1)Obblighiperinuoviedifici ogliedificisottopostiaristrutturazionirilevanti Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid'Italia QUADROLEGISLATIVOSVIZZERO LEGGESULL ENERGIA(LEne) Art.1 Obiettivi Art.2CollaborazioneconiCantoni,l economia ealtreorganizzazioni Art.3 Principi Art.9 Edifici ILCONFRONTODELLACERTIFICAZIONEENERGETICANELLE2NAZIONI PREMESSA PROGETTO CONTESTOURBANISTICOCITTADINO Informazionisull immobile. 31

6 6.2Datipianificatori,secondoNAPR Tessutourbano L EDIFICIOESISTENTE L involucro Lasuddivisionedeglispaziinterni Ipavimentiedirivestimenti Gliatriedicorridoi Lecucine IBagni Lascalacomune Leprotezionisolarioscuranti Interventidelproprietarioodegliinquilini DOCUMENTAZIONEFOTOGRAFICA EDIFICIOESISTENTE SUDDIVISIONEDEGLISPAZI Gliappartamenti Spazicomuni Lascala Altrispazicomuni IMPIANTIESISTENTI Ilriscladamento Laproduzionedell acquacaldasanitaria L illuminazione. 52

7 10.4Consumiattuali MATERIALIDANNOSI Amianto LegislaturaDirettivaCFSL(N.6503,dic.2008) Materialianalizzati RisultatianalisidilaboratorioLabToxSA Materialipositiviperdifetto Schedetematichedei+materialipositiviall amianto CONCETTOD INTERVENTO Potenzialitàedificatoriee/operlaristrutturazione Richiestadelmercatoimmobiliarelocale Isolamentotermicoeinstallazioni Normativeinvigore Progetto concettodiisolamentotermico Installazioni RIDUZIONEEDOTTIMIZZAZIONEDEICONSUMI NORMATIVESPECIFICHE(acustica,antincendio,barrierearchitettoniche) Acustica Normativeinvigore L acusticanelprogetto. 77

8 14.2Antincendio Normadiprotezioneantincendio(VKF,AEAI) L antincendionelprogetto Barrierearchitettoniche Normativeinvigore Lebarrierearchitettonichenelprogetto CERTIFICAZIONEENERGETICADEGLIEDIFICI(CECE) Etichettaturadegliimmobili Rapportodiconsulenza Certificatoenergeticocantonale degliedifici Pianivalutazioneenergeticaimmobileanalizzato CONCLUSIONI SITOGRAFIA NORMATIVE RINGRAZIAMENTI. 147

9 INDICETabelle Ilconfrontodellacertificazioneenergeticanelle2nazioni. 29 Materialianalizzati. 55 Etichettaturadegliimmobili. 91

10

11 INDICEIllustrazioni ILL.1Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid'Italia. 23 ILL.2Lenormativeregionali. 24 ILL.3Planimetriaconstabileesistente. 31 ILL.4Estrattodelpianodellezone,LocalitàCassarate,1:2' ILL.5Tessutourbano,Planimetria1. 34 ILL.6Tessutourbano,Planimetria2. 35 ILL.7Tessutourbano,Planimetria3. 36 ILL.812RisultatianalisidilaboratorioLabtoxSA. 56 ILL.13Schedatematicafinestra. 62 ILL.14Schedatematicacaldaia. 63 ILL.15Schedatematicacordonesportelloispezionecannafumaria. 64 ILL.16Schedatematicaquadrielettrici/valvole. 65 ILL.17Classificazionedellasensibilitàalrumore. 75 ILL.18Definizionetipodirumore. 76 ILL.19DettagliocontroparetedittaKnauf. 80 ILL.20DettagliopavimentoanticalpestiodittaKnauf. 80 ILL.2123Larghezzepersediearotelle. 88 ILL.24Larghezzescalaespazipersalitaaccompagnata. 89 ILL.25Montascale. 89 ILL.26Dettagliosoglieeportefinestre. 89

12

13 INDICETavolegrafiche TAV.1PiantedisposizioneappartamentiPT,1 P,2 P. 45 TAV.2Piantedisposizioneappartamento3 P. 46 TAV.3Dettaglioscalainterna. 47 TAV.4Piantapianocantinaseminterrato. 49 TAV.5Planimetriaingombronuovoedificiocondistanze previstedanapr. 67 TAV.6Pianta,concettoisolamentotermico. 71 TAV.7Sezione,concettoisolamentotermico. 71 TAV.8Raggruppamentobagniecucine,pianotipo. 77 TAV.9Raggruppamentobagniecucine,pianomansardato. 78 TAV.10Isolamentoparetisensibili. 78 TAV.11Posaapparecchisanitari,pianotipo. 79 TAV.12Distanzetragliedifici. 84 TAV.13Strutturadisuddivisionespaziinterni. 85 TAV.14Larghezzascalainterna,corridoieporte,pianotipo. 86 TAV.15Larghezzascalainterna,corridoieporte,pianomansardato. 87 TAV.16Posizionipossibiliestintoripianotipo. 87 TAV.17PiantaatrioPTconlarghezzaporte,larghezzascala, posizionemontascale. 90 TAV.18Dettagliatriappartamenticonmisurelarghezzeporteeatri. TAV.19PiantatipoPT1 P2 P,SRE. 134 TAV.20Piantapianomansardato,SRE

14 TAV.21Sezionestabile,SRE. 134 TAV.22Elementicostruttivipianocantina,seminterrato. 136 TAV.23Elementicostruttivipianoterrenorialzato. 136 TAV.24Elementicostruttivipianomansardato. 137 TAV.25Elementicostruttivitetto. 137 TAV.26Elementicostruttivi,sezionestabile. 138

15 1.ABSTRACT L obiettivo della presente tesi è di mettere a confronto le certificazioni energetiche degliedificidellenazionilegatealcandidato,cioèl ItaliaelaSvizzera. Ilconfrontotraduerealtàediliziemoltovicine,maaltempostessosviluppatesi,negli ultimianni,inmanieramoltodifferentesianeiconcettidibasechenegliobiettiviche ognuna di essa ha deciso di sviluppare per ridurre l impatto ambientale del proprio parcoimmobiliare(giàcostruitoodinuovarealizzazione)efavorirel utilizzodienergie rinnovabili. Il paragone verrà approfondito con i decreti legislativi, le normative, i requisisti richiesti, gli obiettivi imposti e/o consigliati dalle due nazioni ed applicabili alle loro realtàdisuddivisioneterritoriale(regioniocantoni). Si valuteranno le differenti tipologie degli edifici considerati per le certificazioni, gli aspetti considerati e necessari alla certificazione, i valori legati alle efficienze energetichedegliinvolucriedelleinstallazioniperilriscaldamento,laproduzionedi acquacaldasanitariaeperl illuminazione. Si considererà in modo particolare l ambito legato al recupero edilizio ed alla ristrutturazione, ritenuto il maggior potenziale di miglioramento energetico di entrambelenazioniconsiderando l etàcatastale deirispettivitessutiurbani. Per applicare la parte teorica alla realtà, verrà in seguito approfondito uno dei percorsi legislativi presentati con un esempio che ne permetta una realistica applicazioneecomprensione. Perraggiungeregliobiettiviprefissatièfondamentalepoteraccederealleinformazioni legislativeedallenormative/decretiattualmenteinvigorenelleduenazioniinquesto ambito,oltreall accessoalleinformazionilegatealprogettoanalizzatonellaseconda partedellapresentetesi. La difficile accessibilità alle informazioni in merito al CENED (della Regione Lombardia)elarealtàabitativaeprofessionaledelcandidato,hannoportatolostesso ad approfondire l argomento, mediante la presentazione di un progetto, seguendo quantoprevistodallenormativesvizzere. Pag.15

16 Pag.16

17 2.QUADROLEGISLATIVOITALIANO. 2.1DECRETOLEGISLATIVO3marzo2011,n.28 (Attuazionedelladirettiva2009/28/CEsullapromozionedell'usodell'energiadafontirinnovabili,recante modificaesuccessivaabrogazionedelledirettive2001/77/cee2003/30/ce.(11g0067) [...] 2.1.1Art.11Obbligodiintegrazionedellefontirinnovabilinegliedificidinuova costruzioneenegliedificiesistentisottopostiaristrutturazionirilevanti. 1. I progetti di edifici di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevantidegliedificiesistentiprevedonol'utilizzodifontirinnovabiliper la copertura dei consumi di calore, di elettricità e per il raffrescamento secondoiprincipiminimidiintegrazioneeledecorrenzedicuiall'allegato3. Nelle zone A del decreto del Ministero dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444,lesogliepercentualidicuiall'Allegato3sonoridottedel50percento.Le leggiregionalipossonostabilireincrementideivaloridicuiall'allegato3. 2. Ledisposizionidicuialcomma1nonsiapplicanoagliedificidicuiallaParte seconda e all'articolo 136, comma 1, lettere b) e c), del codice dei beni culturaliedelpaesaggio,dicuialdecretolegislativo22gennaio2004,n.42,e successivemodificazioni,eaquellispecificamenteindividuaticometali neglistrumentiurbanistici,qualorailprogettistaevidenzicheilrispettodelle prescrizioniimplicaun'alterazioneincompatibileconillorocarattereo aspetto,conparticolareriferimentoaicaratteristoricieartistici. 3. L'inosservanzadell'obbligodicuialcomma1comportaildiniegodelrilascio deltitoloedilizio. Pag.17

18 4. Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati ai fini dell'assolvimento degliobblighidicuiall'allegato3delpresentedecretoaccedonoagliincentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quotaeccedentequellanecessariaperilrispettodeimedesimiobblighi.per imedesimiimpiantirestafermalapossibilitàdiaccessoafondidigaranziaedi rotazione. 5.Sonoabrogati: a) l'articolo 4, comma 1bis, del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno2001,n.380; b) l'articolo 4, commi 22 e 23, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile2009,n Neipianidiqualitàdell'ariaprevistidallavigentenormativa,leregionile province autonome possono prevedere che i valori di cui all'allegato 3 debbanoessereassicurati,intuttooinparte,ricorrendoadimpieghidellefonti rinnovabili diversi dalla combustione delle biomasse, qualora ciò risulti necessarioperassicurareilprocessodiraggiungimentoemantenimentodei valoridiqualitàdell'ariarelativiamaterialeparticolato(pm10epm2,5)ead idrocarburipolicicliciaromatici(ipa). 7. Gliobblighiprevistidaattinormativiregionaliocomunalisonoadeguatialle disposizionidelpresentearticoloentro180giornidalladatadientratain vigore del presente decreto. Decorso inutilmente il predetto termine, si applicanoledisposizionidicuialpresentearticolo. Pag.18

19 2.1.2Art.12Misuredisemplificazione. 1. Iprogettidiedificidinuovacostruzioneediristrutturazionirilevantisuedifici esistenticheassicurinounacoperturadeiconsumidicalore,dielettricitàe perilraffrescamentoinmisurasuperioredialmenoil30percentorispetto aivaloriminimiobbligatoridicuiall'allegato3,beneficiano,insededirilascio deltitoloedilizio,diunbonusvolumetricodel5percento,fermorestandoil rispetto delle norme in materia di distanze minime tra edifici e distanze minime di protezione del nastro stradale, nei casi previsti e disciplinati dagli strumentiurbanisticicomunali,efattesalveleareeindividuatecomezonaa daldecretodelministerodeilavoripubblici2aprile1968,n.1444.iprogetti medesiminonrientranofraquellisottopostialparereconsultivodella commissioneediliziaeventualmenteistituitadaicomuniaisensidell'articolo 4,comma2,deldecretodelPresidentedellaRepubblica6giugno2001,n I soggetti pubblici possono concedere a terzi superfici di proprietà per la realizzazionediimpiantidiproduzionedienergiaelettricadafontirinnovabili nelrispettodelladisciplinadicuialdecretolegislativo12aprile2006,n.163. Ledisposizionidelpresentecommasiapplicanoancheaisitimilitariealle areemilitariinconformitàconquantoprevistodall'articolo355delcodice dell'ordinamentomilitare,dicuialdecretolegislativo15marzo2010,n Entro il 31 dicembre 2012, con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorioedelmareeconilministrodellasemplificazione,previaintesa con la Conferenza unificata, di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, si provvede al riordino degli oneri economici e finanziariedellediverseformedigaranziarichiestiperl'autorizzazione, laconnessione,lacostruzione,l'eserciziodegliimpiantidafontirinnovabilie il rilascio degli incentivi ai medesimi impianti. Il riordino é effettuato sulla basedeiseguenticriteri: a)coordinareedunificare,laddovepossibile,idiversioneriegaranziealfinedi evitarepubblicazioniosovrapposizioni; b)rendereproporzionatoerazionaleilsistemacomplessivodioneriegaranzie; c) rendere efficiente l'intero processo amministrativo ed accelerare la realizzazionedegliimpianti,corrispondendoagliobiettividicuiall'articolo 3e,alcontempo,contrastandoattivitàspeculativenellediversefasidi autorizzazione, connessione, costruzione, esercizio degli impianti e rilascio degliincentivi; Pag.19

20 d)prevederelapossibilitàdidiversificareglionerielegaranzieperfontie perfascedipotenza,tenendocontodell'effettoscala; e)coordinareglioneriprevistidall'articolo24,comma4,letterab),per l'assegnazione degli incentivi, quelli previsti dall'articolo 1quinquies del decretolegge8luglio2010,n.105,convertito,conmodificazioni,dallalegge 13 agosto 2010, n. 129, ai fini dell'autorizzazione, e quelli a garanzia della connessionedegliimpiantidispostiancheinattuazionedell'articolo1septies, comma2,delmedesimodecretoleggen.105del2010; f)perglionerielegaranzieafavorediregioniodientilocali,prevedere principiminimigeneralicherestanovalidifinoall'emanazionediun'apposita normativaregionale; g)definireicasiincuil'acquisizionedelnullaostaminerario,previsto dall'articolo120deltestounicodelledisposizionidileggesulleacquee impianti elettrici, di cui al regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, può essere sostituito da dichiarazione del progettista circa l'insussistenza di interferenzeconleattivitàminerarie,prevedendolapubblicazionedelle informazioninecessarieatalfinedapartedallacompetenteautoritàdi vigilanzaminerariaedeventualmentecoinvolgendoleregioniinteressate; h) definire, con riferimento all'obbligo di rimessa in pristino del sito di cui all'articolo12deldecretolegislativo29dicembre2003,n.387lemodalitàele garanziedarispettareperassicurareilcorrettosmaltimentodeicomponenti dell'impianto Art.13Certificazioneenergeticadegliedifici. 1. Al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, sono apportate le seguenti modificazioni: a)all'articolo1,comma2,laletterac)ésostituitadallaseguente: c) i criteri generali per la certificazione energetica degli edifici e per il trasferimentodellerelativeinformazioniinsededicompravenditaelocazione; b)all'articolo6,comma1bis,sonosoppresseleparole:"conriferimentoal comma4"; Pag.20

21 c)all'articolo6,dopoilcomma2bis,sonoinseritiiseguenti: «2ter.Neicontrattidicompravenditaodilocazionediedificiodisingole unità immobiliari é inserita apposita clausola con la quale l'acquirente o il conduttoredannoattodiaverricevutoleinformazionieladocumentazionein ordine alla certificazione energetica degli edifici. Nel caso di locazione, la disposizionesiapplicasoloagliedificiealleunitàimmobiliarigiàdotatedi attestato di certificazione energetica ai sensi dei commi 1, 1bis, 1ter e 1 quater. 2quater. Nel caso di offerta di trasferimento a titolo oneroso di edifici o di singole unità immobiliari, a decorrere dal 1 gennaio 2012 gli annunci commerciali di vendita riportano l'indice di prestazione energetica contenuto nell'attestatodicertificazioneenergetica.» ALLEGATO3(art.11,comma1)Obblighiperinuoviedificiogliedifici sottopostiaristrutturazionirilevanti. 1. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, gli impianti di produzione di energia termica devono essere progettati e realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura, tramite il ricorso ad energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili,del50%deiconsumiprevistiperl'acquacaldasanitariaedelle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l'acqua calda sanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamento: a)il20percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioépresentata dal31maggio2012al31dicembre2013; b)il35percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioépresentata dal1 gennaio2014al31dicembre2016; c)il50percentoquandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioérilasciatodal 1 gennaio2017. Pag.21

22 2.Gliobblighidicuialcomma1nonpossonoessereassoltitramiteimpiantida fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti,asuavolta,dispositivioimpiantiperlaproduzionediacquacalda sanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamento. 3. Nel caso di edifici nuovi o edifici sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, la potenza elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili che devono essere obbligatoriamente installati sopra o all'interno dell'edificio o nelle relativepertinenze,misuratainkw,e'calcolatasecondolaseguenteformula: 1 P=.S k DoveSélasuperficieinpiantadell'edificioallivellodelterreno,misuratain m²,ekéuncoefficiente(m²/kw)cheassumeiseguentivalori: a)k=80,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal31 maggio2012al31dicembre2013; b)k=65,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal1 gennaio2014al31dicembre2016; c)k=50,quandolarichiestadelpertinentetitoloedilizioèpresentatadal1 gennaio In caso di utilizzo dipannelli solari termici o fotovoltaici disposti sui tetti degliedifici,ipredetticomponentidevonoessereaderentiointegratineitetti medesimi,conlastessainclinazioneelostessoorientamentodellafalda. 5.L'obbligodicuialcomma1nonsiapplicaqualoral'edificiosiaallacciatoad unaretediteleriscaldamentochenecopral'interofabbisognodicaloreper ilriscaldamentodegliambientielafornituradiacquacaldasanitaria. 6. Per gli edifici pubblici gli obblighi di cui ai precedenti commi sono incrementatidel10%. 7. L'impossibilità tecnica di ottemperare, in tutto o in parte, agli obblighi di integrazione di cui ai precedenti paragrafi deve essere evidenziata dal progettista nella relazione tecnica di cui all'articolo 4, comma 25, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59 e dettagliata esaminandolanonfattibilitàdituttelediverseopzionitecnologichedisponibili. Pag.22

23 8.Neicasidicuialcomma7,éfattoobbligodiottenereunindicediprestazione energeticacomplessivadell'edificio(i)cherisultiinferiorerispettoalpertinente indice di prestazione energetica complessiva reso obbligatorio ai sensi del decretolegislativon.192del2005esuccessiviprovvedimentiattuativi(i192) [ ] Dove: d obbligoéilvaloredellapercentualedellasommadeiconsumiprevistiper l'acquacaldasanitaria,ilriscaldamentoeilraffrescamentochedeveessere coperta,aisensidelcomma1,tramitefontirinnovabili; l effettivaèilvaloredellapercentualeeffettivamenteraggiuntaall'intervento; d obbligoéilvaloredellapotenzaelettricadegliimpiantialimentatidafonti rinnovabilichedevonoessereobbligatoriamenteinstallatiaisensidelcomma 3;l effettivaéilvaloredellapotenzaelettricadegliimpiantialimentatida fontirinnovabilieffettivamenteinstallatasull'edificio. Pag.23

24 2.1.5Guidaallacertificazioneenergeticanelleregionid Italia.(ILL.1) Pag.24

25 ILL.2 LeNormativeRegionali. Pag.25

26 3.QUADROLEGISLATIVOSVIZZERO. 3.1Leggesull energia(lene) del26giugno1998(stato1 maggio2014) Art.1Obiettivi 1. Lapresenteleggeintendecontribuireaunapprovvigionamentoenergetico sufficiente, diversificato, sicuro, economico e compatibile con le esigenze dellaprotezionedell ambiente. 2. Essahaloscopodi: a.garantireunapreparazioneeunadistribuzionedell energiaeconomichee compatibiliconleesigenzedellaprotezionedell ambiente; b.promuoverel impiegoparsimoniosoerazionaledell energia; c.favorireunmaggioreimpiegodelleenergieindigeneerinnovabili. 3. La generazione annua media di elettricità a partire da energie rinnovabili deveessereaumentataentroil2030dialmeno5400gwhrispettoallivello del2000.comeparteintegrantediquestoaumentoilconsigliofederalepuò considerare, fino al 10 percento, anche l elettricità generata all estero a partiredaenergierinnovabili. 4. La generazione annua media di elettricità proveniente da centrali idroelettriche deve essere aumentata entro il 2030 di almeno 2000 GWh rispettoallivellodel Ilconsumoenergeticofinaledelleeconomiedomesticheprivatedeveessere stabilizzato entro il 2030 almeno al suo livello al momento dell entrata in vigoredellapresentedisposizione. Pag.26

27 3.1.2Art.2CollaborazioneconiCantoni,l economiaealtreorganizzazioni. La Confederazione e i Cantoni coordinano la loro politica energetica tenendo conto degli sforzi dell economia. In collaborazione con i Cantoni e le organizzazioni interessate,ilconsigliofederalepuòfissareprovvedimentiperraggiungeregliobiettivi dipoliticaenergetica. La Confederazione e, nell ambito delle loro competenze, i Cantoni collaborano per l esecuzionedellapresenteleggeconleorganizzazionieconomiche. Prima di emanare prescrizioni d esecuzione, esaminano i provvedimenti volontari dell economia. Se è possibile e necessario, riprendono, parzialmente o totalmente, convenzioni nel diritto d esecuzione. Sono fatte salve la legge federale del 6 ottobre 1995suicartelliealtrelimitazioniallaconcorrenza,comepurelaleggefederaledel6 ottobre1995sugliostacolitecnicialcommercio Art.3Principi. Leautorità,leaziendedidistribuzione,ipianificatorieifabbricantidiimpianti,veicolie apparecchi che consumano energia come pure i consumatori osservano i seguenti principi: a.ognienergiadeveessereimpiegatanelmodopiùparsimoniosoerazionale possibile; b.l impiegodienergierinnovabilideveesserepotenziato. Impiegarel energiainmodoparsimoniosoerazionalesignificainnanzitutto: a.mantenerel impiegodienergiaallivellopiùbassopossibile; b.impiegarel energianelmigliormodopossibile; c. impiegare la minor energia possibile per conseguire un determinato risultatoenergetico(altorendimentoenergetico); d.recuperareilcaloreresiduoutilizzabile. Icostidell approvvigionamentoenergeticodevonoessereaddebitati,nellamisuradel possibile,aiconsumatorichelicausano. Possonoessereordinatiprovvedimentisoloacondizionechesianofattibilidalprofilo tecnicoefunzionaleesostenibilieconomicamente.gliinteressipubblicipreponderanti devonoesseresalvaguardati. Pag.27

28 [ ] Capitolo3:Impiegoparsimoniosoerazionaledell energia 3.1.4Art.9Edifici. Nell ambito della loro legislazione, i Cantoni istituiscono condizioni quadro favorevoli all impiegoparsimoniosoerazionaledell energiaeall impiegodienergierinnovabili. ICantoniemananodisposizionisull impiegoparsimoniosoerazionaledell energianelle nuove costruzioni e negli edifici esistenti e sostengono l attuazione dei pertinenti standard di consumo. A tal fine tengono conto del livello della tecnica ed evitano ingiustificatiostacolitecnicialcommercio. ICantoniemananoinparticolaredisposizioniconcernenti: a. la quota massima ammissibile di energie non rinnovabili a copertura dell approvvigionamentotermico,perilriscaldamentoel acquacalda; b. l installazione di nuovi riscaldamenti elettrici fissi a resistenza e la loro sostituzione; c.leconvenzionisugliobiettiviconcluseconigrandiconsumatori; d.ilconteggioindividualedellespesediriscaldamentoediacquacaldanelle nuovecostruzionieincasodirinnovamentiessenzialinegliedificiesistenti; la produzione di energie rinnovabili e l efficienza energetica: negli edifici riscaldati che soddisfano almeno lo standard Minergie o MoPEC o uno standard edilizio equivalente, un superamento di 20 cm al massimo per l isolamento termico o un impianto per un migliore impiego delle energie rinnovabiliindigenenonèconsideratonelcalcoloinparticolaredell altezza dell edificio,delladistanzatraedifici,delladistanzadaiconfini,delladistanza dalle acque, della distanza dalle strade o della distanza dal parcheggio e nell ambitodegliallineamenti. ICantoniemananoprescrizioniuniformisull indicazionedelconsumoenergeticodegli edifici (certificato energetico degli edifici). Possono dichiarare obbligatorio tale certificatoperilloroterritoriocantonale;seprevedonotaleobbligo,nedefinisconoil campod applicazione. [ ] Pag.28

29 Pag.29 4.ILCONFRONTODELLACERTIFICAZIONENELLE2NAZIONI. ITALIA CertificazioneENergeticadegliEDifici SVIZZERA CertificatoEnergeticoCantonaledegli Edifici. Applicazionedel certificato. Autonomiaalivelloregionale,in ambitodicertificazioneenergetica (CERTENED). Ades.Lombardia:CENED. Certificazioneuniformataalivello svizzero,adesionedeicantonialcece. Obiettivo. Incentivareilmercatoimmobiliaread investireinedificiadaltaqualità energetica,migliorcomforteminori emissionidigasclimalteranti. Valutareglobalmenteunedificiodal puntodivistaenergeticonell otticadei costi,dell utilizzo,delmiglioramento dell involucrocostruttivoe dell impiantistica. Strumento. Permettereall utente dicompiereuna sceltapiùconsapevolealmomento dell acquistooaffittodiunedificio. Percostituireunabaseperla progettazionedeiprovvedimentitecnici dimiglioramento. Risultato. L APEèundocumentoriconosciuto dallaregionelombardia,cheriporta gliesiticircal efficienzaenergetica dell edificioalqualesiriferisce. Etichettaturadellostabilesecondo l efficienzadell involucroel efficienza energeticaglobale. Aspetticonsiderati. Valutazione dell efficienza energeticaglobale. Fabbisognodienergiaprimaria: perriscaldamento, raffrescamento; Produzioneacquacaldasanitaria; Illuminazioneartificiale. Involucrocostruttivo; Produzionetermicaeenergie rinnovabili; Produzioneacquacaldasanitaria Illuminazioneeinstallazioni tecniche. Aspetticonsiderati. Valutazione dell involucro costruttivo. Valoriditrasmittanzatermica; Spessoriisolamentotermico; Abacopontitermici. Isolamentotermicoefinestre; Pontitermici; Formadell edificio. Datidell edificio analizzati. Involucrocostruttivo; Impiantistica; Apparecchielettrici. Involucrocostruttivo; Impiantistica; Apparecchielettrici. Vantaggi. Consapevolezzaenergetica; Benessereecomfortabitativo; Ridottoimpattoambientale; Assenzadidifettiedili; Aumentodelvaloreimmobiliare. Individuareipuntideboli dell immobile; mirarelemisuredi ammodernamento; permetteunarealizzazionea tappe; unificatoalivellosvizzero; investimentoadeguatoalle esigenzeedallepossibilità individuali. Campid applicazione. Edificiesistenti; edificinuovi. Edificiesistenti; edificinuovi. Tipologiadiedifici. edificiresidenzaiali; edificipubblici; edificiperilterziarioel industria. casemonooplurifamiliari edificiamministrativi; edificiscolastici. Chilorichiede? Ilproprietario. Ilproprietario.

30 5.PREMESSAProgetto Il progetto esposto prende in esame uno stabile plurifamiliare, costruito nel 1942, ubicatoinunazonaresidenzialedelquartieredicastagnola,inlocalitàcassarate,della cittàdilugano. Questa scelta deriva dalla collocazione geografica nella quale il candidato risiede e lavora attualmente e dalla realtà con la quale è confrontato quotidianamente dal momentochelavorainambitoedilizio. L obiettivodelpresentelavoroèdidimostrarelasostenibilitàdellasceltaarchitettonica (recupero conservativo) in funzione delle esigenze di mercato, del potenziale edificatorioedelmigliorrisultatoottenibileconuninterventomiratoaglielementiche piùvalorizzerebberolaproprietà. Per questo motivo si analizzerà il tessuto urbano circostante e si verificheranno le esigenze del mercato immobiliare locale per valutare la soluzione migliore per poter ottimizzarelelocazioni delleunità abitativeeperottenerequellapiùredditiziaperil proprietario. Ilprogettoverràvalutatoinoltreanchedalpuntodivistadelsuol'impattoambientalee socioeconomico, quindi con un occhio di riguardo all'efficienza di soluzioni che permetterebberol utilizzodimaterialicheottimizzerebberoilrisparmioenergeticodel nuovo immobile, nonché l utilizzo di energie rinnovabili per gli approvvigionamenti di riscaldamento,acquacaldasanitariaedeventualmenteanchedicorrenteelettrica. Si cercherà di ottenere la massima efficienza da tutti gli impianti che si prevede di installare con la riduzione massima dei costi di gestione, per gli inquilini, e della manutenzioneegestioneperl amministrazione. Nell insiemedell analisidellostabileesistenteverrannoconsideratetuttelenormative vigenti perché queste possano essere regolate, migliorate e/o mantenute nelle varie partiinteressateanchenelprogettofinalechesiintendeottenere. Sivaluterannoquindigliaccessieicollegamentitraivarilivellipergarantirnel accesso apersonediversamenteabili. Sicontrollerannoiparapettieleringhierediprotezionediscale,finestreebalconi;le viedifugaedidispositivinecessariincasodiincendioperl evacuazionedegliabitantie l accessodeisoccorsi. Siverificheràesicercheràdiattenuarelatrasmissionedeirumori,aereiesolidi,trale unitàabitativepermigliorareilcomfortabitativodegliinquilini. Pag.30

31 6.CO 6.1In Tipol Anno Quar Parti Supe ILL.3 ONTESTO nformazion logiad imm odicostruz rtiere: cellanr.: erficieparce 3Planime URBANIS isull immo mobile: ione: 1942 ella: triaconsta STICOCITT bile. plurifam 2. Castagno 944RFD 497mq bileesisten Pag.31 TADINO. miliare(7un ola,località D, nte. itàabitative àcassarate, e). ComunediLugano.

32 6.2Datipianificatori,secondoNAPR* Art.21 ZonaR7 : I.S.(indicedisfruttamento) 1.6 I.O.(indicedioccupamento) 40% A.V.(Areaverdeminima) 30% H.max(altezzamassimadegliedifici) 22,70m SecondoArt.16 Distanzedaiconfiniprivati,fraedificiedallavegetazione : Distanzadaiconfiniprivati 7mlseH.>19,70m 6mlseH.<19,70m SecondoArt.16,Cpv.2: la distanza richiesta fra due edifici su fondi contigui è uguale alla somma delle rispettivedistanzedellostessoconfine. SecondoArt.16,Cpv.2.1: Sesulfondoaltruiesistonoedificicostruitiantecedentementeall entratainvigoredel P.R , eccettuate le costruzioni accessorie, a distanze inferiori a quelle di cui sopra,nuovecostruzionidovrannodistarealmeno: 8mlperlezoneR7 R7a R7b( ) Distanzatraedifici 8ml SecondoArt.17 sopraelevazionediedificiesistenti : Pergliedificicostruitiantecedentementeall entratainvigoredelp.r eche nonrispettanolevigentidistanzedaiconfiniprivatiedallelineediedificazione,qualora l indice di sfruttamento e l altezza lo consentano, è permessa, nel rispetto della caratteristica dell edificio, la sopraelevazione di 3 m. Le parti aggiunte non devono fuoriusciredalperimetrodell edificioesistente. *NAPR:Normed attuazionedelpianoregolatore. Pag.32

33 ILL..4Estrattodelpianodellezone,LocalitàCassarate,1: Pag.33

34 6.3T L'ogg tutte Plani IL Tessutourb gettopreso eleinfrastru imetria1 Scuolaele Scuolam Parcogio Centroes Centroco Funicolar LL.5 Tess bano. oinesame utturecomu ementare(1 edia(2) ochi(3) spositivo(4) ommercial(5 remontebrè utourbano sitrovaap unalidirilev 1) 5) è(6),planimetr Pag.34 pochipassi vataimport ia1. dalcentro tanza. ocittadino, inprossimità di

Strategia di rinnovo NPA: 9000. Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente

Strategia di rinnovo NPA: 9000. Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente Strategia di rinnovo Oggetto: Bsp_Schu NPA: 9000 Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente Autore: Thomas Ammann Data: 29.08.2014

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28 L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili non è certamente una novità.

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti La Certificazione Energetica in Lombardia Novembre 2011 Cos è l ACE L Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che attesta la prestazione

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Arch. Pietro Novelli L efficienza Energetica negli edifici.

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

sette delle più belle zone di espansione Comune di Parma, appartamenti belli e vivibili

sette delle più belle zone di espansione Comune di Parma, appartamenti belli e vivibili Gli appartamenti del progetto Parma Social House sono realizzati in sette delle più belle zone di espansione del Comune di Parma, disposte nella fascia sud della città, la più ricercata. Il filo conduttore

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

Regolamento sull utilizzazione dell energia(ruen) e modifica della legge edilizia

Regolamento sull utilizzazione dell energia(ruen) e modifica della legge edilizia Regolamento sull utilizzazione dell energia(ruen) e modifica della legge edilizia Ing. Jody Trinkler - UACER Evoluzione dei consumi energetici sul territorio cantonale, dal 1950 Ripartizione dei consumi,

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità

Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Impianti fotovoltaici: problematiche ed opportunità Laboratorio di Fisica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro normativo Norme Nazionali COMPLESSITA BUROCRATICA INSOSTENIBILE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. 3 luglio 2015 Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia 3 luglio 2015 1 Disposizioni normative in fase di aggiornamento DM REQUISITI MINIMI (sostituisce il DPR 59/2009) LINEE GUIDA (sostituisce

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte seconda Possibili accorgimenti da introdurre nei regolamenti edilizi comunali

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte seconda Possibili accorgimenti da introdurre nei regolamenti edilizi comunali 2 Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte seconda Possibili accorgimenti da introdurre nei regolamenti edilizi comunali 2 2Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte seconda Possibili

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06

Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06 Circolare Studio Prot. N. 30/06 del 25/09/06 Monza, lì 25/09/06 A tutti i Clienti Loro Sedi Oggetto: Aliquote IVA nell edilizia Detrazione fiscale del 36% per manutenzione di immobili Riferimenti normativi:

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica

Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica CIRCOLARE A.F. N. 02 del 10 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia.

TERZO CONTO ENERGIA: www.riabitalia.it. infonord@riabitalia.it 02 47950601 infocentro@riabitalia.it 06 91712093 infosud@riabitalia. TERZO CONTO ENERGIA: Possono usufruire degli incentivi definiti nel Decreto tutti gli impianti che entrano in esercizio dopo il 31/12/2010 a seguito di interventi di nuova costruzione, rifacimento totale

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

Principi della norma SIA 181 sulla protezione dal rumore

Principi della norma SIA 181 sulla protezione dal rumore Protezione acustica La versione riveduta della norma SIA 181/2006 «La protezione dal rumore nelle costruzioni edilizie» tiene conto dell accresciuto bisogno di tranquillità della popolazione e dell evoluzione

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI. RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso

DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI. RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso DETRAZIONI FISCALI IMPIANTI ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO RELATORE: Dott. Ing. Giuseppe Michele Rivituso Obiettivi INTERVENTI AMMESSI CHE CONSENTONO DI ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONE PER IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA

Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia. Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA Modifiche alla disciplina per l efficienza energetica in edilizia Giacomo Di Nora Divisione Energia ILSPA 30 settembre 2015 Normativa regionale per l efficienza energetica in edilizia Nuove disposizioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Visto Visto Visti Visto Vista Visto

Visto Visto Visti Visto Vista Visto Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

L Agenzia CasaClima informa

L Agenzia CasaClima informa L Agenzia CasaClima informa Deliberazione della giunta provinciale n. 362 del 4 marzo 2013 Riassunto della delibera sulla prestazione energetica nell edilizia in Provincia di Bolzano (deliberazione della

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Centro Idea Centro di Educazione Alla Sostenibilità PROVINCIA DI FERRARA La COS' E' L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) Patto dei Sindaci Un impegno

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro

IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08. Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari. ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro IL DECRETO CORRETTIVO DEL D.LGS N. 81/08 Titolo III Proposte di modifica e possibili futuri scenari ing. Abdul Ghani Ahmad Ministero del Lavoro ART. 69 - Definizioni - C. 1 Agli effetti delle disposizioni

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica SCHEDA 1 Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Identificazione Descrizione stato di fatto L edificio si sviluppa su 15 piani fuori terra

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata IL SINDACO Quintino Sabattini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus

AGENTUR FÜR ENERGIE SÜDTIROL - KlimaHaus FAQ sulla delibera per la prestazione energetica nell edilizia in Provincia Autonoma di Bolzano (Delibera della giunta provinciale del 04.03.2013 n. 362 incluso modifiche della delibera del 27.12.2013

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici

Certificazione energetica degli edifici Certificazione energetica degli edifici Cos e la certificazione energetica di un edificio E il processo di analisi dei componenti (muri, pareti, tetto, pavimento, finestre e porte) dell involucro di un

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione

Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione Studio di fattibilità per la climatizzazione di edificio residenziale di nuova costruzione mediante sistema di trigenerazione Il presente studio si propone di analizzare i vantaggi derivanti dall'utilizzo

Dettagli

Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD

Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD Il risparmio energetico negli edifici e la nuova Direttiva EPBD Di Edo Ronchi Roma, 26 maggio 2010 IL PESO DETERMINANTE (57%) DEL RISPARMIO ENERGETICO NELLO SCENARIO DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

CORSO BASE modulo 1 4 h

CORSO BASE modulo 1 4 h ALLEGATO I - CB 1/5 CORSO BASE modulo 1 4 h Introduzione Protezione climatica ed ambientale Effetto serra naturale e di derivazione antropogena Emissioni con effetti sul clima Effetti sui cambiamenti climatici

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo Rita Anni La questione energetica costo crescente dell energia approvvigionamenti incerti nuovi grandi consumatori tra i Paesi in via

Dettagli

Strumenti e tecnologie per progettare la riqualificazione dell esistente Erba, 18 giugno 2015 - ING. GIORGIO GALBUSERA - ANIT

Strumenti e tecnologie per progettare la riqualificazione dell esistente Erba, 18 giugno 2015 - ING. GIORGIO GALBUSERA - ANIT 1 Riqualificare l esistente: dalla diagnosi energetica agli incentivi fiscali 2 Diagnosi energetica, inquadramento legislativo 3 Definizione DLgs 192/05 Diagnosi energetica: elaborato tecnico che individua

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN ACUSTICA AMBIENTALE E IN EDILIZIA Milano Edizione Ottobre 2010 ns. prot 1065 F

CORSO DI FORMAZIONE IN ACUSTICA AMBIENTALE E IN EDILIZIA Milano Edizione Ottobre 2010 ns. prot 1065 F CORSO DI FORMAZIONE IN ACUSTICA AMBIENTALE E IN EDILIZIA Milano Edizione Ottobre 010 ns. prot 1065 F OBIETTIVI Il Tecnico Competente in Acustica Ambientale, ai sensi della L. 7/95 art. c. 6, è la figura

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico BIOEDILIZIA PER CONSUMARE MENO ENERGIA Dopo le misure per l efficienza energetica contenute in finanziaria arriva un decreto legislativo che spinge l industria italiana

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto del regolamento. 2. Domanda di autorizzazione. 3. Fase istruttoria. 4. Provvedimento di autorizzazione.

Epigrafe. Premessa. 1. Oggetto del regolamento. 2. Domanda di autorizzazione. 3. Fase istruttoria. 4. Provvedimento di autorizzazione. D.P.R. 11-2-1998 n. 53 Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla autorizzazione alla costruzione e all'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica che utilizzano fonti

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

COSA C E e COME SCEGLIERLI

COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI ed INCENTIVAZIONI per RISTRUTTURAZIONI e RIQUALIFICAZIONI: COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI Si dividono in due tipologie: - detrazioni del 65% spettanti per interventi di

Dettagli

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI NORMATIVA la promozione dell energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell elettricità Direttiva 2001/77/CE del 27 settembre

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

Quanto calore consumano gli edifici residenziali in Ticino? Aggiornamento della metodologia di stima dell indice energetico per il fabbisogno termico

Quanto calore consumano gli edifici residenziali in Ticino? Aggiornamento della metodologia di stima dell indice energetico per il fabbisogno termico Analisi Quanto calore consumano gli edifici residenziali in Ticino? Aggiornamento della metodologia di stima dell indice energetico per il fabbisogno termico Pamela Bianchi, Luca Pampuri, Giorgia Crivelli,

Dettagli

SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE

SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE SCARICO PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE A PARETE Lo scarico dei fumi degli apparecchi di combustione, espulso sulle pareti delle abitazioni crea enormi problemi di coesistenza tra le persone negli edifici plurifamiliari,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 OGGETTO: D.Lgs. 192/2005 - Art. 6 Certificazione energetica degli edifici, commi 2-ter e 2-quater. Contratti e

Dettagli

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale. Rovereto, 22 ottobre 2010

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale. Rovereto, 22 ottobre 2010 COMUNICAZIONE La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale I CAMBIAMENTI CLIMATICI Verso il post-kyoto: la Conferenza di Copenhagen dicembre 2009 OBIETTIVO: LIMITARE LA CRESCITA

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino

Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino Regolamentazione edilizia e questioni energetiche: le specificità del contesto triestino Elena Marchigiani Assessore Pianificazione Urbana, Mobilità e Traffico, Edilizia Privata, Politiche per la casa,

Dettagli

da hotel tradizionale a ClimaHotel

da hotel tradizionale a ClimaHotel da hotel tradizionale a ClimaHotel Concetto energetico Progetto impianti termoidraulici ed elettrici Direzione lavori impianti Consulenza e calcoli CasaClima Energytech INGEGNERI s.r.l. www.energytech.it

Dettagli