Su Meet già arrivato Carnevale Il partito non è riuscito a scegliere. Il candidato condiviso è stato un sogno rincorso per mesi e andato in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Su Meet già arrivato Carnevale Il partito non è riuscito a scegliere. Il candidato condiviso è stato un sogno rincorso per mesi e andato in"

Transcript

1 WWW 04 SUPPLEMENTO SETTIMANALE GRATUITO AL NUMERO ODIERNO DE IL CITTADINO OGGI - CORRIERE NAZIONALE quiperugia.it venerdi 5 febbraio 2010 Il 7 febbraio parola ai cittadini sul candidato alla Regione Tutte le feste in maschera in città e nei comuni vicini Domenica di primarie per il Pd Su Meet già arrivato Carnevale Il partito non è riuscito a scegliere. Il candidato condiviso è stato un sogno rincorso per mesi e andato in frantumi, tanto che dovranno essere iscritti ed elettori a sciogliere il nodo. La corsa alla presiden- Ormai siamo a Carnevale e su Meet di questa settimana ecco tutti gli appuntamenti delle feste in città e anche nei comuni vicini. All interno il 2for1 del OneBar, il nuovo locale di Santa Maria degli Angeli accanto a Le za della Regione sarà appannaggio del nome, tra quelli del deputato Gianpiero Bocci e dell ex sindaco di Todi Catiuscia Marini, che uscirà dalle primarie. A pagina 3 Cirque. Intanto Ray Gelato si prepara a riaprire la stagione invernale del jazz al Giò e al Revolution Cafè si mangia gluten free. La prossima settimana ancora Carnevale e San Valentino. All interno Viaggio nel mondo della sosta con gli occhi di chi sconta problemi motori: su cinque strutture solo una davvero agevole Parcheggio a ostacoli per disabili Compleanno il 4 febbraio con visite gratis L Ipogeo Volumni fa 170 anni Venne alla luce durante i lavori di costruzione di una delle arterie più importanti di Ponte San Giovanni. Accadde un 4 febbraio di 170 anni. Ecco la storia dell Ipogeo dei Volumni. A pagina 8 Tanti progetti ma poche risorse Sos dalla scuola in ospedale Scuola in ospedale e istruzione domiciliare, come dimostrano anche le testimonianze di due docenti, sono fiori all occhiello dell Umbria, ma sul piano dei finanziamenti c è preoccupazione per il futuro. A pagina 7 Il Grifo si prepara alla sfida col Monza Forti anche lontano dal Curi Biancorossi in casa sempre più irresistibili. La squadra di Zaffaroni domenica ha battuto il Como per 3-1. Ora è la trasferta che va migliorata per puntare ai play off. Prossimo avversario: il Monza. Alle pagine 14 e 15 Uno stallo di sosta riservato ai disabili. In città è diffuso il malcostume di occuparli senza permesso Alle pagine 4 e 5

2

3 REGIONALI Il segretario comunale Leonelli sprona a votare Pd verso primarie lampo I cittadini sono chiamati alla scelta più importante Gazebodelle Politica precedentiprimarie venerdì5 febbraio Nessuno, a parte il candidato della prima ora Mauro Agostini, che peraltro in extremis, lunedì scorso, ha ritirato la sua candidatura, sembrava volerle sul serio, ma, alla fine, saranno le primarie a scegliere il candidato Pd alla presidenza della Regione. Il 7 febbraio il popolo piddino è ancora una volta chiamato alle urne, a tre mesi dal voto per il congresso che ha sancito l ascesa del bersaniano Lamberto Bottini alla segreteria regionale. Uscita di scena la presidente della Regione in carica Lorenzetti per mancanza del via libera al terzo mandato da parte dell assemblea regionale, l accordo politico che poteva evitare le primarie non c è stato. Le divisioni interne del Pd hanno remato contro l emersione di quel candidato condiviso più volte apparso a portata di mano. Persino il nome di Locchi, ex sindaco di Perugia, che sembrava accontentare anche la minoranza che fa capo a Bocci con la garanzia di un mandato che non sarebbe durato dieci anni, alla fine è stato affossato, una volta accantonata ufficialmente l ipotesi Lorenzetti. Saranno Catiuscia Marini, espressione della mozione Bersani, e LA RICHIESTA Il consigliere regionale Prc insiste con i democratici dopo aver fatto il nome di Goracci Vinti: La scelta del futuro presidente passi per la coalizione VintispingeilsindacodiGubbio (alcentro) Le primarie del Pd per la scelta del candidato alla presidenza della Regione Umbria escludono il popolo del centrosinistra, secondo il segretario regionale di Rifondazione, Stefano Vinti, il quale negli ultimi giorni è tornato a chiedere le primarie di coalizione. Consideriamo queste primarie del Pd dettate da voglie di rivincita, trasformismi e Gianpiero Bocci, per l area franceschiniana, a sottoporsi al vaglio di iscritti ed elettori questa domenica. Sarà un flop a livello di partecipazione, dato lo scarso tempo a disposizione per delineare la diversità delle proposte e far passare il significato dell ennesima consultazione? Si augura di no il segretario comunale Giacomo Leonelli, propenso a inquadrare il momento, al di là delle propensioni di voto, come un ulteriore occasione offerta ai cittadini per riappropriarsi delle scelte che contano. Anzi, secondo Leonelli queste primarie saranno una pietra miliare, perché per la prima logiche gruppettare. Abbiamo proposto di scegliere il candidato attraverso le primarie di coalizione per rilanciare un progetto politico e per un vero confronto sui programmi e sui progetti che si vogliono realizzare per l Umbria. Altre forze politiche del centrosinistra s erano dette disponibili alle primarie di coalizione e oggi, di fronte all atto di arroganza e di autosufficienza del Pd, invece di agire in maniera conseguente, si ammantano di una non ben specificata responsabilità nell aspettare. Per l ipotetica consultazione in seno al centrosinistra, il coordinamento regionale del Prc ha individuato nel sindaco di Gubbio, Orfeo Goracci, il candidato ideale. Catiuscia Marini si è detta disponibile ad aprire a questa ipotesi, mentre Gianpiero Bocci ha strizzato l occhio all Idv, accettando le richieste dei dipietristi in vista della formulazione del programma elettorale. volta l Umbria è chiamata a scegliere il candidato alla più importante carica monocratica. Il segretario di Perugia peraltro non nasconde che l affluenza potrà non risultare ai livelli delle primarie per il congresso di ottobre, che hanno mobilitato 70mila persone in Umbria e 15mila solo a Perugia. C è stato un tentativo di arrivare a una sintesi, con la minoranza del partito pronta all apertura anche verso il segretario regionale Bottini, ma, alla fine, la logica della conta è prevalsa per responsabilità di tutti - ammette Leonelli -. Il poco tempo a disposizione renderà per gli elettori più difficile comprendere la diversità di programmi dei due sfidanti e l appuntamento del 7 febbraio sarà assimilabile a consultazioni larghe più che a primarie. Tuttavia - continua -, proprio perché il partito ha dimostrato un deficit di capacità di sintesi, i cittadini dovranno sentirsi in prima linea, senza sottrarsi a quello che resta un fondamentale esercizio di democrazia per compiere la scelta migliore. In fondo, sottolinea Leonelli, il momento è importante in quanto, dopo mesi di consultazioni, usciamo dalle dinamiche interne del partito e torniamo a dare voce alla gente. Di qui l aspettativa di una dimostrazione di interesse, anche perché un quadro oggettivamente aperto rende alto il senso di competizione. Leonelli non fa neanche mistero della scelta che compirà il 7 febbraio: Pur confidando nella capacità e autorevolezza di Catiuscia Marini, voterò Gianpiero Bocci soprattutto perché offre al capoluogo la garanzia di ritrovare centralità nelle politiche regionali. Inoltre, Bocci è sceso in campo rinunciando a un percorso già definito come parlamentare per affermare finalmente una logica al di sopra delle mozioni. Ciò denota quel coraggio che sarà utile alla stagione di riforme di cui l Umbria ha bisogno, sia a livello di macchina regionale sia a livello degli enti di secondo livello. Rispetto a Bocci, la stessa Catiuscia Marini, presentando la sua candidatura, si è invece accreditata come l opzione del rinnovamento, attribuendosi un profilo identitario caratterizzato soprattutto sul fronte dell innovazione, non solo programmatica. L ex sindaco di Todi rivendica peraltro di essere scesa in campo in nome della partecipazione e della condivisione e per avviare un percorso di ricomposizione unitaria del Pd umbro. L auspicio è che, dopo mesi di sterili ricerche del candidato ideale, il nome esca dalle urne anche in tempi rapidi, senza le lungaggini dell ultimo spoglio. Il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Cesaroni attende il nome dello sfidante di centrosinistra Sfilata di ministri per il candidato Pdl Fiammetta Modena Alla fine anche il Pdl ha scelto il suo candidato. Dopo giorni ricchi di incontri, proposte, smentite e indiscrezioni, il Popolo della Libertà ha individuato nell avvocato Fiammetta Modena, consigliere regionale per tre legislature, il candidato giusto per lanciare l attacco ad una delle roccaforti rosse per eccellenza. Una scelta che ha visto premiata la logica del candidato interno, nella figura di un personaggio che conosce alla perfezione la macchina regionale, come ha detto Pietro Laffranco, deputato e vice coordinatore regionale del Pdl. Niente da fare, dunque, per l altro storico pretendente alla guida della coalizione di centrodestra, il sindaco di Assisi, Claudio Ricci. Rispettato, dunque, il diktat romano: strada sbarrata per gli amministratori in carica, onde evitare pericolosi vuoti in ambito amministrativo locale. Dopo l investitura ufficiale, arrivata nella tarda serata di giovedì 28 LucianoRossi efiammettamodena gennaio, la Modena si è subito attivata per la formulazione del programma elettorale. Sostegno alle imprese, ottimizzazione dell azione degli enti locali, riduzione delle tasse saranno solo alcuni dei punti focali sui quali la candidata pidiellina sta concentrando la sua attenzione. In attesa della definizione delle liste dei candidati al consiglio regionale, fatti salvi i casi della riconferma dei consiglieri uscenti e le candidature pressochè blindate di Massimo Monni e Rocco Valentino, il primo passo della Modena è stato l incontro con gli amministratori dei diciotto Comuni governati dal centrodestra in Umbria, riuniti nella serata di mercoledì 3 febbraio a Montefalco. Dal giorno seguente, invece, sono iniziate anche le visite degli esponenti del Governo in sostegno alla candidatura dell ex forzista. I primi ministri ad approdare a Perugia sono stati Franco Frattini e Andrea Ronchi, a poche settimane dalla visita nelle zone terremotate del marscianese. Sicuri alleati del Pdl saranno la Lega Nord e La Destra, mentre l Udc pare intenzionata ad una corsa solitaria - forse con Buttiglione candidato -, malgrado i centristi guardino con molta attenzione all esito delle primarie del Pd.

4 QUI PAGINA 04 Perugia venerdì 5 febbraio 2010 Primo piano Società e problemi Siamo andati a verificare 5 punti di sosta a pagamento intorno al centro storico, solo al Mercato Parcheggi per disabili tra rampe ripide e ascensori guasti Perugia inaccessibile e questa volta non si parla della mentalità dei suoi abitanti, ma delle barriere architettoniche che rendono la città impossibile da vivere per una persona disabile. Si perché tra scale e scale mobili, ascensori troppo stretti, semafori privi di segnalazioni acustiche, Perugia è un vero e proprio percorso ad ostacoli per chiunque presenti una capacità motoria ridotta. Si stima che in Umbria circa il 5% della popolazione presenta una qualche disabilità. Se tuttavia si tiene conto del fatto che gli anziani, le donne in stato di gravidanza, gli obesi hanno sovente delle difficoltà motorie, il numero di persone con l'esigenza di strutture ed infrastrutture accessibili cresce in modo esponenziale. Ma qual è la situazione della nostra città in merito alla legge 13 del 1989, relativa al superamento delle barriere architettoniche? Abbiamo iniziato questa indagine sul grado di accessibilità andando a vedere i parcheggi del centro storico, quelli che nel sito internet dell' azienda che li gestisce, Sipa, vengono definiti una porta di accesso alla città, porta di accesso che però non risulta del tutto tale alle persone disabili. Il problema numero uno è la scarsità di parcheggi, soprattutto se bisogna fare i conti coi furbi che parcheggiano abusivamente o che usufruiscono indebitamente del tesserino d'invalidità di un parente o amico. Il caso limite del comandante dei vigili urbani di Roma, che per recarsi a cena in un noto ristorante espose sulla propria vettura un tesserino d'invalidità scaduto, non è poi così isolato. C'è stato addirittura chi, proprio a Perugia, utilizzava il tesserino di un familiare deceduto anni prima - racconta Raffaele Goretti, Presidente dell Aip, l'associazione Italiana Paraplegici -. Purtroppo le contravvenzioni sono sempre molto scarse. E inutile istituire gruppi di lavoro e tavole rotonde sul tema dell abbattimento delle barriere architettoniche quando non si fa rispettare la normativa - continua Goretti -. Occorre una maggiore severità e soprattutto una programmazione urbana costante. L accessibilità non deve essere un fattore episodico". Abbiamo voluto verificare di persona, esaminando i principali parcheggi del centro: piazza Partigiani, Piazzale Europa, Sant Antonio, Briglie di Braccio - Ripa di Meana, viale Pellini e Mercato Coperto. In piazza Partigiani il parcheggio ha una rampa d uscita di circa 30 metri, con una significativa pendenza; per di più, una volta arrivati in piazza ci si trova a dover affrontare, gradini alti, scale e scale mobili per raggiungere il centro. Chiediamo spiegazioni ad un impiegato del parcheggio che ci sconsiglia di farlo utilizzare a un disabile. Il parcheggio di piazzale Europa non presenta certo meno problemi, visto che i due ascensori presenti non erano funzionanti al momento in cui siamo arrivati. A dir poco sconfortante la situazione del parcheggio Briglie di Braccio-Ripa di Meana, dove proprio di fronte agli stalli gialli si trovano due rampe di scale ripide, anche qui chiediamo spiegazioni e ci sentiamo rispondere che eventualmente si può utilizzare la rampa destinata alle vetture. Il parcheggio

5 venerdì 5 febbraio 2010 PAGINA 05 QUI Perugia coperto l accessibilità è ottimale Il presidente dell associazione Alea autore di un originale fotoromanzo a sfondo sociale L amore al tempo della disabilità Il solo ostacolo sono i pregiudizi Raccontare la disabilità attraverso un fotoromanzo, in cui le immagini in sequenza, mettono in luce le difficoltà, i disagi e i pregiudizi di cui sono oggetto le persone diversamente abili. L'autore e al tempo stesso attore protagonista di questa opera unica nel suo genere è il dottor Luciano Pellegrini, scrittore, poeta e presidente dell'associazione Alea (Associazione l'essere Armonia n.d.r.), che si batte non soltanto per l'abbattimento delle barriere architettoniche ma soprattutto per l'eliminazione di quelle mentali e comportamentali. Tra le innumerevoli iniziative di cui è ideatore spicca il Premio Nazionale di Poesia di Corciano, divenuto ormai una delle più celebri rassegne poetiche a livello nazionale. Luciano conosce bene la situazione di disabilità, in quanto affetto da tetraparesi, una paralisi parziale dei quattro arti, cui si aggiungono difficoltà acustiche e di elocuzione, tutte conseguenze dei tristemente celebri vaccini anti-polio, resi obbligatori dallo Stato nel '66. L'opera, dal titolo "La scommessa, fotostory a Il poeta Luciano Pellegrini ha presentato la condizione delladisabilità attraverso unfotoromanzo (a lato) sfondo sociale", racconta la storia d'amore tra un ragazzo diversamente abile e una ragazza normodotata, la quale si trova catapultata in un mondo che prima le era sconosciuto. Una realtà in cui anche la situazione più quotidiana come parcheggiare l'auto o sorseggiare una coppa di champagne è densa di difficoltà, ma dove, come Luciano tiene a precisare più volte nel corso dell'intervista, le principali difficoltà sono dovute all'insensibilità e al cinismo della gente, spesso incapace di considerare le persone disabili nella loro interezza, fatta di aspirazioni, sensibilità e una profonda ricchezza interiore Ė.A. di viale Pellini presenta una serie di gradini collocati proprio davanti ai posti con linea gialla; per accedere alle scale mobili (peraltro prive di un montascale) occorre raggiungere la rampa che si trova a circa 25 metri di distanza. Una mosca bianca, il parcheggio del Mercato Coperto che ha due ascensori, di cui uno capace di ospitare una seggiola a rotelle, inoltre lungo il percorso per arrivare in piazza Matteotti sono state collocate apposite rampe d'ausilio. Goretti (Aip): ripartiamo dal rispetto delle regole Sembra che l'accessibilità sia argomento per pochi o peggio ancora sembra che il disabile sia una persona con scarse esigenze, afferma Goretti. Le barriere architettoniche impediscono ad alcuni di noi di compiere le azioni più comuni, diventando un elemento di discriminazione. In Italia però non mancano virtuosi esempi di come si possono trovare nuove soluzioni per permettere la mobilità a tutti e punire quanti si prendono gioco dei diritti dei cittadini disabili e delle istituzioni. A Sestri Levante lo scorso dicembre, è stato istituito un sistema di controllo elettronico delle vetture munite di tesserino che permette ai vigili urbani di controllare in tempo reale la situazione dell'abusivismo, mentre a Rieti il sindaco ha investito della carica di ispettori proprio delle persone disabili, che saranno autorizzate a fare delle contravvenzioni ai trasgressori. Elga Albarella Viaggio a caccia di infrazioni: da Ponte San Giovanni a Elce posti riservati scippati Troppi furbetti abusivi sulle le strisce gialle E chi ha il permesso se ne deve andare Parcheggiare è sempre un'impresa. Se i posti scarseggiano qualche perugino non ha nessun problema a occupare con l'auto gli spazi riservati alle persone disabili. Abbiamo fatto un giro per la città per verificare l'educazione degli automobilisti nostrani. I furbi ai quali andrebbe fatta la multa sono diversi, ma non tutti i "parcheggiatori" sulle strisce gialle erano sprovvisti di permesso. Il nostro tour ha toccato diverse zone di Perugia ed è partito da Ponte San Giovanni. I quattro posti riservati davanti all'asl2 erano tutti occupati da auto sprovviste di tagliando arancione e uno spazio è stato occupato proprio mentre stavamo controllando e la persona scesa dall'auto non era certo disabile. Ci siamo spostati in via Campo di Marte a ridosso della stazione. Anche lì, una macchina occupava un posto abusivamente, proprio davanti ad un parrucchiere. La maleducazione tocca il culmine nei parcheggi a strisce blu in via del Macello: davanti al bar, i quattro posti riservati erano tutti occupati da auto sprovviste di permesso. In via Canali invece DifronteagliufficidellaSipaedelComune tutto regolare, le zone riservate erano libere o occupate da chi dovrebbe. Secondo il DM 236/1989: "Nelle aree di parcheggio devono essere previsti, nella misura minima di 1 ogni 50 o frazione di 50, posti auto di larghezza non inferiore a m 3,20, e riservati gratuitamente ai veicoli al servizio di persone disabili". Una legge che nei parcheggi perugini viene rispettata. Ma gli automobilisti sembrano approfittarne. Apostiamoci nel centro storico. Salendo per largo Cacciatori delle Alpi, passiamo a lato dello stadio Santa Giuliana. Qui i posteggi scarseggiano, gli unici disponibili prima del parcheggio di InviadelMacelloquattro auto abusive piazza Partigiani sono proprio due destinati a disabili, ma uno di questi è occupato da un auto senza permesso. In viale Indipendenza la maleducazione e la mancanza di rispetto si trasformano in spudorata arroganza. O forse stupidità: dietro il palazzo della Rai, proprio di fronte all'ingresso degli uffici della Sipa, del Comune e della Polizia Municipale sono ben tre le automobili in sosta sulle strisce gialle senza permesso. In pieno centro la situazione è decisamente migliore: in piazza Italia e in piazza Piccinino tutte le macchine nei parcheggi per disabili hanno il tagliando di riconoscimento. Non si può dire lo stesso per le due in sosta in piazza Matteotti a due passi dal tribunale: strisce gialle senza permesso. A San Francesco il problema non sembra esistere: di parcheggi per disabili nei pressi della Chiesa non ce ne sono, solo una lunga distesa di strisce blu. Ma un posticino lo scoviamo: in fondo a via dei Priori a pochi metri dall'imbocco delle scale mobili un posteggio sbuca fuori. Ma è occupato da una auto senza permesso. Anche ad Elce, tra Blockbuster e Coop, i posti non sembrano molti e quello davanti la farmacia è occupato da un "abusivo". Non ci neghiamo il transito per via Di Lorenzo (un'auto senza permesso davanti all'edicola) e i Tre Archi (un'altra priva di autorizzazione). Insomma, i perugini sembrano non rispettare il codice della strada in materia di strisce gialle, ma ciò che più infastidisce è che dietro quelle strisce ci sono persone che necessitano di agevolazioni per le loro condizioni: occupare uno spazio destinato ai disabili non significa essere furbi, ma essere stupidi. Chiara Cruciati, Agnese Priorelli FOCUS Il punto del presidente Uci Giuliano Ciani Alla mobilità dei non vedenti servono segnali vocali E aggiustiamo i marciapiedi La strada, gli autobus e l'intera città devono essere accessibili a tutti. Muoversi a Perugia senza grandi problemi. L'Unione italiana ciechi sezione Umbria si batte per questo ogni giorno. Diverse sono le proposte, ancora in fase embrionale, con l'obiettivo di migliorare la strada, con piccoli accorgimenti. "Abbiamo proposto al Comune - spiega Giuliano Ciani, presidente provinciale Uic - sia un servizio taxi per i non vedenti, che la possibilità di istallare dei segnali vocali sia all'interno degli autobus che nelle fermate, un po' come avviene nella metropolitana. Questo sarebbe certamente dispendioso, ma allo stesso tempo utile non solo ai non vedenti, ma anche per le persone anziane che hanno difficoltà a vedere le lettere e gli orari dei bus. Se si parla in città di un piano della mobilità, questo piano deve riguardare tutti i cittadini. Questi comunque, sono per ora solo riflessioni che abbiamo proposto all'amministrazione, nulla c'è di certo e di concreto. Mentre, per quanto riguarda gli attraversamenti con segnali acustici, non sono più una priorità come lo potevano essere una volta, servono e non servono. Magari sarebbero utili in alcune zone dove c'è un'alta concentrazione di persone che camminano a piedi, come ad esempio nei pressi delle facoltà universitarie o dell'ospedale, in altre zone sarebbero quasi inutili". Perugia ha però molti altri ostacoli insormontabili per i non vedenti, che impediscono loro di camminare tranquillamente da soli. "I marciapiedi sono quasi tutti malmessi - prosegue il presidente Ciani - non abbastanza larghi, con le radici degli alberi sporgenti, con i motorini parcheggiati, con le cassette della posta che sporgono troppo e con i cartelli bassi che diventano un vero pericolo. Per non parlare dei tavolini dei bar sparsi per corso Vannucci. Ci vorrebbe un po' d'attenzione e più sensibilità da parte di tutti. Ora si parla anche di sei soprapassaggi pedonali che verranno costruiti in città, speriamo solo che siano adeguati e senza barriere architettoniche, non come quello in via Mario Angeloni dove l'ascensore è sempre fuori uso". Agn.Pri.

6 06 venerdì5 febbraio 2010 Attualità SONDAGGI Fa discutere anche in città la decisione del governo francese Vietare alle islamiche di girare tutte coperte? Sì, perché nei loro Paesi noi ci adeguiamo... La Francia vieta l'uso di burqa e niqab in luoghi come scuole, ospedali, trasporti pubblici e uffici statali in quanto gli abiti islamici, che coprono interamente o parzialmente il volto delle donne, "offendono i valori nazionali della patria". L'Italia sembra voler seguire questa iniziativa. All'indomani, infatti, della proposta francese il ministro per la Semplificazione Normativa, Roberto Calderoni, si è espresso a favore: "Il progetto della commissione parlamentare francese sul divieto di utilizzare il burqa in luoghi pubblici rappresenta una spinta positiva in quanto la libertà individuale, compresa quella religiosa, deve essere sempre bilanciata con le esigenze di tutela della sicurezza e dell'ordine pubblico". La proposta di legge italiana specifica che "le persone saranno non soltanto costrette a mostrare il volto all'ingresso dei servizi collettivi, ma anche durante tutto il periodo della loro permanenza". La mozione dovrebbe superare le obiezioni giuridiche ad un divieto del burqa su tutto il territorio che, secondo diversi giuristi, sarebbe in contrasto con la libertà di culto garantita dalla Costituzione. Ma cosa ne pensano i nostri intervistati? La maggior parte di loro si dichiara favorevoli al divieto di indossare abiti che non lascino la possibilità di vedere il volto. "Sono del parere che ognuno possa praticare la propria religione - afferma Alessandro B. -, ma nel rispetto delle direttive del Paese ospitante. È, perciò, necessario adeguarsi ai nostri regolamenti perché non è possibile recarsi negli istituti pubblici con il viso coperto. Tutte le persone, a partire dagli italiani, devono legalmente essere riconoscibili". Alessandro B. Sonia Leonardo T. Leonardo C. Francesco Alessandro F. Della stessa opinione anche Sonia, che sostiene: "Se si viene in Italia si devono accettare tutte le norme, anche quelle che possono non piacere agli stranieri. Quando si vanno a visitare le moschee nei luoghi islamici, anche le occidentali sono costrette ad indossare il velo, altrimenti viene negato l'ingresso nei luoghi di culto. Senza creare troppi problemi, si accettano le regole del Paese in cui ci si reca. E così dovrebbe essere in Italia". "Potrebbe essere giusto vietare il burqa - commentano Marco e Marcella -, perchè bisogna essere riconoscibili in qualsiasi luogo comunale. All ufficio postale, come negli enti". Per la libertà è, invece, Francesco che evidenzia come tutti debbano essere messi nella condizione di scegliere come andare in giro sul suolo pubblico, tranne che all'interno di un ufficio: "Sono per la libertà di scelta, al di là della religione e della cultura. Ognuno può fare ciò che vuole ma sempre nei limiti della liceità. All'interno di una banca o di un ospedale, ad esempio, è giusto non essere coperti ma riconoscibili". Leonardo C., guarda oltre l'aspetto religioso, e mette in evidenza il lato etico della faccenda: "Concettualmente, si tratta di un discorso che va oltre il credo politico o religioso, ma è una questione di moralità. Bisognerebbe rispettare le leggi della nazione nella quale si vive. Quando noi andiamo in vacanza o al lavoro all'estero, per rispetto della cultura ci adeguiamo alle normative del Paese che ci ospita. Non è giusto che una persona non sia riconoscibile all interno dei servizi collettivi". "Non siamo d'accordo con l'eventuale legge - sostengono in maniera ferma Alessandro e Alessia - perchè essa riguarda sia l aspetto tradizionale che religioso. Siamo contenti di vivere in un Paese libero e democratico, dove non ci sono imposizioni di questo tipo. Secondo la Costituzione non è giusto vietare il burqa". "Quando vado all'estero mi adeguo sempre alla cultura del luogo che visito - commenta Leonardo T. -, è un fatto di correttezza perchè ognuno ha i propri costumi ed usanze". Non è una questione di nazionalità - afferma convinto Alessandro -, ma di rispetto nello Stato ospitante. Quando ci rechiamo in medioriente ci adeguiamo agli usi e ai costumi locali, senza battere ciglio ma nel pieno rispetto delle persone e delle tradizioni. In strada è una cosa, negli uffici è un altra. Bisogna, però, essere sempre riconoscibili e avere la possibilità di sapere chi si ha davanti. Vogliono mettere una legge come in Francia? Ben venga, perchè la libertà individuale e religiosa devono andare di pari passo con le esigenze di tutela della sicurezza. Alfonso Barbadoro, Geraldina Rindinella Maymouna Abdel Qader: i divieti per motivi di sicurezza utili a far riflettere le donne Porto il velo ma sono contro il burqa La visione moderata della figlia dell imam Le donne non dovrebbero portare il burqa. Non mi fiderei di una mamma che va a riprendere i figli all asilo tutta coperta. Allo stesso modo, se avessi un negozio ed entrasse qualcuno che cela in quel modo la sua identità, avrei istintivamente paura. A parlare non è una qualunque cittadina italiana, ma la figlia dell imam di Perugia Maymouna Abdel Qader. Ventisette anni, studentessa di scienze politiche, è nata e vissuta in Italia come i quattro fratelli e da sempre indossa il velo. Perché ci sono modi e modi per portarlo e interpretarlo. E questo è il primo punto su cui Maymouna invita a riflettere: Quello che uso non è il burqa, che richiama un uso afghano. Personalmente, ritengo quest ultimo frutto di un interpretazione erronea o esagerata del Corano, che dice, peraltro come consiglio e non come obbligo, di coprire la bellezza delle donne, ma non di nascondere alla vista volto, mani e piedi. E la Francia non sbaglia a proibire il burqa in luoghi pubblici per motivi di sicurezza: Anche in Italia non sarebbe inopportuno un intervento legislativo in tal senso. Il problema è che la Francia ha proibito anche il velo, quindi si è caduti in un eccesso basato sulla confusione. Forse in quel Paese si esagera nel relegare la religione, anche quella cattolica con la proibizione dell esposizione dei crocifissi, in un ambito solo domestico. Ad ogni modo, il divieto del burqa, laddove, specie nelle grandi metropoli, le donne subiscono l usanza come imposizione, potrebbe aiutarle a riflettere sui loro diritti. Inutile invece sperare che sia questa la via per far cambiare idea a chi lo impone alle donne. La cosa che più colpisce di Maymouna è la capacità di portare a galla le diverse sfaccettature di un problema complesso, che va dritto al cuore dei rapporti tra culture, con tutto ciò che ne deriva in termini di timori più o meno coscienti, per attingere una posizione il più possibile esente dalle mezze verità, dai fraintendimenti o dalle vere e proprie menzogne che troppo spesso inquinano i dibattiti nazionali. Una voce di moderazione spia anche di un retroterra famigliare che da tempo ha fatto i conti con l esigenza della cosiddetta integrazione. Mio padre è in Italia da 37 anni, le mie sorelle sono andate a scuola dalle suore, io non sono esempio di una oppressa e se dovessi scrivere in arabo a mala pena traccerei il mio nome... Quindi non riesco proprio a parlare come se dovessi esprimere il punto di vista di un alieno. Ci siamo sempre sentiti normali, precisa Maymouna, toccando però subito dopo l altro lato di una vicenda di integrazione compiuta, ma costretta a rimettersi in discussione dopo l 11 settembre. È stato dopo l attentato alle Torri Gemelle che ho dovuto pormi per la prima volta il problema dell integrazione. Noi non siamo cambiati, è cambiato il modo di guardarci della gente. Siamo stati tutti etichettati a causa della strumentalizzazione politica di quel dramma. Allora la vita è diventata più difficile, fatta di occhi diversi che seguivano tra i banchi dell università come nei luoghi dove si va a chiedere lavoro. Ci eravamo sempre sentiti cittadini normali e siamo dovuti ripartire da zero. Un involuzione ora archiviata: Ho lasciato tutto alle spalle, non mi sono fatta condizionare. Anche per questo ho scelto di tentare l avventura delle ultime elezioni comunali (con Sinistra e libertà, ndr), per dimostrare che, anche se sono donna, musulmana e porto il velo, prima di tutto sono una cittadina italiana come tutte le altre. Perché è proprio dell Islam far studiare la donna, farla diventare qualcuno, farla essere parte della società. E il miglior lascito di quella campagna elettorale che pure non è riuscita a portarla nell assise di Palazzo dei Priori è stata la scoperta di una comunità perugina di base sana, non intaccata in profondità dal clima post 2001 e al massimo ancora ingenua rispetto al suo stesso carattere multietnico. Quando andavo in giro a lasciare i miei santini sotto i tergicristalli delle auto non faceva specie che avessi il velo e fossi al contempo in politica, quanto che usassi il Donca. Non a caso si sente parlare, per persone come me, di immigrati di seconda generazione, mentre immigrato è solo chi ancora deve assimilare la cultura di un altro Paese, non chi ci è vissuto in mezzo da sempre. Alessandra Borghi

7 Sanità venerdì5 febbraio L appello della coordinatrice Boarelli. E due docenti si raccontano Scuola in ospedale vanto umbro Ma le istituzioni ci aiutino Scuola in ospedale e istruzione domiciliare. Due attività della scuola umbra tanto d eccellenza quanto poco conosciute. I primi a non sapere sono i genitori dei ragazzi ricoverati presso pediatria generale o il reparto di oncoematologia pediatrica del Santa Maria della Misericordia, spesso stupiti quando scoprono il servizio che consentirà ai loro figli di mantenere un rapporto con la scuola di appartenenza e i compagni. Prima, nel 1988, è nata la scuola in ospedale, presso la pediatria di Monteluce, esperienza pilota in Italia stimolata dalle richieste dell Associazione umbra contro il cancro e subito sostenuta dal primo circolo didattico grazie a un dirigente scolastico illuminato come Gabriele Goretti che da poco ne ha lasciato la guida. Poi, la progressiva riduzione dei tempi di ospedalizzazione ha incentivato l istruzione a domicilio nel caso di protratta lontananza dalla scuola. Ormai il filo diretto tra allievo malato e classe passa per Internet e webcam, mentre nell aula didattica del Residence Chianelli è arrivata una lavagna elettronica interattiva connessa ai terminali dei bambini ricoverati. L Umbria ha fatto da apripista in Italia ed è giusto che il sistema scolastico regionale si prenda il merito di aver fatto sempre da sé, dice l ispettrice dell Ufficio scolastico regionale Sabrina Boarelli, che coordina il settore con polso e passione. I finanziamenti ministeriali per questi tipi di progetti hanno sempre coperto a malapena la metà dei costi - spiega la Boarelli -. Ad esempio, nel 2009 il Miur ha garantito 54mila euro a fronte di una spesa di 110mila euro. Le scuole sono abituate a mettere mano ai fondi di istituto. E il 2010 non è partito col piede giusto, tanto da spingere la coodinatrice a levare un appello alla Regione a sostegno del sevizio. Finora il ministero non ha comunicato i fondi stanziati, mentre abbiamo già attivato 35 progetti, che erano 47 nel Spesso è capitato di avviare percorsi a centesimi zero, ciò che rende tanto più importante il fatto che nessun docente si sia mai tirato indietro nel far valere il diritto allo studio e alla vita dei bambini. Ma è tempo che tutte le istituzioni sostengano gli sforzi della scuola a favore di ragazzi che in fin dei conti sono cittadini di questa regione. Da ricordare anche il primato umbro per numero di progetti attivati in rapporto alla popolazione. Significa che un certo modo di fare scuola a 360 gradi è penentrato nella sensibilità degli insegnanti. Per capire il loro mondo abbiamo incontrato una decana dell insegnamento in ospedale, Melania Scarabottini (asinistra nella foto), che da 19 anni porta il suo sorriso ai bambini ricoverati, prima a Monteluce e poi al reparto di oncoematologia dell'ex Silvestrini, e Marina Castellano (a destra nella foto), che invece insegna da cinque anni al reparto di pediatria. Settori molto diversi, ciascuno con le sue difficoltà, quelli I Distretti di via XIV Settembre e San Marco hanno un bacino di utenza di 48mila persone Centro salute 3, servizi ad anziani e stranieri punto di forza in un territorio che cambia in cui le due docenti si muovono. Marina ha affinato la dote della massima flessibilità, perché a pediatria i ragazzi vanno e vengono in un regime di degenze brevi o addirittura lampo. La brevità dei transiti non deve però trarre in inganno - spiega Marina - perché ogni attività resta ancorata a una progettazione di plesso, educativa e didattica, e usa sempre più spesso il metodo del laboratorio. Una scuola così, dove il contatto con l allievo può risolversi nel giro di poche ore, non può che considerare ogni disciplina alla stregua di strumenti anziché di fini. Ovvero è scuola in senso proprio. Stesso senso riveste ma altro contesto affronta la scuola a oncoematologia. Se tutto va bene - spiega Melania - un paziente gravita attorno a questo reparto per un paio d anni e resta a casa lontano dalla sua classe in media per 6-8 mesi. Qui noi stessi affrontiamo passaggi molto delicati dal punto di vista psicologico. Qui deve emergere in massimo grado la nostra funzione di sostegno psico-educativo. Si tratta di mantenere il filo rosso della vita, di evitare che la malattia rappresenti una frattura involutiva, un attentato all integrità della persona. Ecco perché il turnover è molto alto: In 19 anni avrò incontrato una trentina di colleghe... Certo, ci si trova senza la ritualità del setting scolastico, sempre in prima linea perché non c è la campanella a dire basta. Si diventa stranieri in terra sconosciuta. Il contesto è di cura, ti può inglobare o espellere, e magari ti trovi a educarlo affinché non consideri solo la parte malata della persona. Il pericolo in agguato si chiama "usura emotiva", l'urto insostenibile dei messaggi lanciati all'unisono dai piccoli allievi e dai loro familiari a un docente che diventa "figura domestica", a forza di presenza continua in un percorso di malattia che impara a conoscere anche nelle fasi terminali. Per chi, come Melania, riesce a resistere, si apre un mondo impossibile da lasciare. Nei miei ricordi restano incancellabili volti e storie di bambini che non ci sono più. Eppure, il dolore legato alla perdita non significa lutto perenne. Ho avuto da loro insegnamenti così vicini all essenza della vita, come il coraggio e la dignità, da trovare la forza per accompagnare chi è venuto dopo. Alessandra Borghi FOCUS Frutto del lavoro di sei bambini Quella luce nel bosco... Una carta dei diritti spiega come trovarla La scuola in ospedale è il raggio di sole che illumina il buio della malattia. Definizione firmata Michele, uno degli alunni della Scuola dei coniglietti bianchi. Con sei piccoli ricoverati al Residence Chianelli, lo scorso anno scolastico Melania Scarabottini ha realizzato una Carta dei diritti dei bambini malati consegnata al direttore generale Walter Orlandi qualche settimana fa. Quando un bambino entra in ospedale - spiega la carta - è come se fosse portato nel bosco, lontano da casa.... Il bosco è un luogo misterioso e sconosciuto, dove la paura numero uno è sentirsi trattati alla stregua di portatori di sintomi. Per questo il cammino intrapreso dall equipe multidisciplinare del reparto è un segnale luminoso, oltre che raro. E per questo la Carta dovrebbe divenire simbolo visibile del reparto, ulteriore traccia del viaggio che alcuni bambini hanno fatto al suo interno. Il centro di salute dell'usl 2 di via XIV settembre offre dei servizi unici nel territorio. Un territorio molto vasto, che conta oltre 48mila persone (secondo i dati dell'ausl 2 aggiornati nel giugno 09), compreso il distretto di San Marco. Un pubblico eterogeneo formato in prevalenza da anziani, studenti e stranieri. A guidarci tra le innumerevoli iniziative è la responsabile, dottoressa Giuseppina Bioli (foto). "Questo distretto è il più grande della città ed ha un alto indici di invecchiamento. Ci sono diversi anziani che vivono soli e che hanno un basso reddito, oltre a studenti e stranieri. Soprattutto alla prima categoria - illustra la dottoressa Bioli - è rivolto il nostro servizio assistenziale a domicilio, che secondo un'indagine è al secondo posto come qualità in Umbria. Tentiamo di mantenerlo aperto, prima potevamo coprire le 12 ore di assistenza, ora manca il personale infermieristico, anche se a breve arriveranno altre 2 unità. Ad oggi garantiamo il servizio la mattina mentre per il pomeriggio ci sono tre ore di reperibilità dell'infermiere, certo più pazienti si seguono più aumenta il rischio d'errore. Un aiuto però ci viene dato dal servizio cure palliative e dall'aucc che prendono in cura alcuni pazienti. Questo è un qualcosa di importante che alleggerisce il lavoro del pronto soccorso e del 118. Stessa cosa vale per il servizio infermieristico interno, un persona può venire a fare un prelievo, una terapia o a togliere i punti da una ferita senza pagare il ticket. Gli studenti spesso ne approfittano". Un fiore all'occhiello della struttura, il primo nato il città, è il servizio di vaccinazione obbligatoria e facoltativa, che comprende anche la profilassi per le malattie infettive e il servizio di prevenzione. "Facciamo la vaccinazione contro il papilloma virus, gratuito per le ragazzine fino a 12 anni e con il ticket per quelle fino a 18. Nel territorio del centro salute - prosegue la dottoressa - ci sono molte scuole e soprattutto le università. Per questo motivo dal 1990 abbiamo creato il servizio giovani che è aperto tutti i martedì pomeriggio, in cui oltre a parlare con i ragazzi c'è un ginecologo e un angrologo. Sempre nel 1990 siamo stati tra i primi in Italia ad aprire un ambulatorio per immigrati. Oggi lo gestiamo insieme all'anlaids e lo scorso anno abbiamo fatto 658 visite. Il mio compito è quello di curare la società, debellando le malattie con vaccini e prevenzione, di conseguenza anche i clandestini facendo parte della nostra società hanno diritto alle cure. Questo è un concetto che in molti oramai lo devono capire. Abbiano anche allestito un consultorio per donne straniere con dei mediatori linguistici e sociali. In questo modo si può prevenire e arginare l'hiv e l'epatite, tutte malattie sessualmente trasmissibili". Il centro sanitario ha aderito anche al progetto della Regione "Migranti e dipendenze" in collaborazione con l'unità di Strada: "Sono state controllate 22 tra prostitute e trans - conclude la responsabile - sembrano poche come numero, invece sono tantissime, perché pensa quante altre ne possono contagiare". Agnese Priorelli

8 QUI Perugia PAGINA 08 L'ipogeo dei Volumni compie 170. Era infatti il 4 febbraio del 1840 quando durante i lavori stradali per la realizzazione della strada tra Perugia e Ponte San Giovanni passando per Piscille, non lontano dalla villa detta del Palazzone, si creò una depressione nel terreno che portò alla scoperta del dromos, il corridoio d'accesso, della tomba di età ellenistica della famiglia dei Volumni. Alla luce di fioche lampade si mostrò agli occhi degli astanti una grande porta che conduceva in vari ambienti dove riposavano i numerosi defunti di questa importante famiglia etrusca del III secolo a.c. Al momento della scoperta giunsero sul posto gli intellettuali locali tra i quali l'erudito Giovan Battista Vermiglioli e il conte Baglioni che iniziarono a catalogare l'immensa quantità di reperti che la grande tomba ipogea conteneva. Per l'importanza della scoperta i carabinieri si trovarono costretti a sorvegliare per giorni la tomba per evitare saccheggi. Infatti molti abitanti della zona mossi da curiosità anche di notte muniti di lanterne vennero a visitare questo luogo. Per proteggere la tomba venne ingaggiato il più importante architetto umbro, Calderini, che costruì, ispirato dall' architettura ellenistica, l'attuale edificio d'accesso alla necropoli. Ma la zona dove sorge la tomba dei Volumni era ricca di sorprese, molti anni dopo, infatti, in particolare durante la realizzazione della strada a quattro corsie e delle gallerie venne alla luce una necropoli, l'unica della venerdì 5 febbraio 2010 COSA NON VA Secondo episodio vandalico contro l opera ai Rimbocchi Il Grifo sbiadito adesso è pure imbrattato È successo di nuovo. L'opera di Paolo Pasticci, denominata Grifo Rampante, al centro della rotatoria dei Rimbocchi è stata, per la seconda volta, presa di mira dai vandali: alcuni ignoti hanno infatti imbrattato con vernice colorata entrambi i lati del mitologico animale. In passato era, invece, toccato alla fontana sottostante; in quella occasione, alcuni sconosciuti si erano divertiti con la classica goliardata del sapone nell'acqua. Gli anonimi autori che hanno aggiunto un tocco di colore alla scultura ormai sbiadita dalle intemperie, avranno forse voluto lanciare un monito affinchè si faccia risplendere l originaria tinta rossa? Ge.Ri. città oggi visitabile grazie all' attenta sistemazione effettuata negli anni passati dalla Soprintendenza archeologica. La tomba appartenente alla ricca famiglia dei Velimna- Volumni, riproduce la pianta Quartieri PONTE SAN GIOVANNI Visite guidate gratis il 4 febbraio L ipogeo Volumni fa 170 anni Invito a riscoprire un tesoro IlGrifoRampantecheorna lafontanadellarotatoria canonica di una casa romana e la sua struttura architettonica, articolata in dieci ambienti. Scavata nel terreno naturale ha accesso da una lunga scala, sistemata in età moderna; la porta è formata da architrave, stipiti e lastrone di chiusura in travertino: sullo stipite destro corre su tre righe l'iscrizione verticale in etrusco, relativa alla costruzione della tomba. Oltre la porta si dispone un atrio rettangolare con il soffitto imitante il tetto ligneo a doppio spiovente, con columen centrale e travi ortogonali, su cui si aprono due stanze, cubicola, per ogni lato; in fondo il tablinum, e due alae terminanti in due stanze, con soffitti ornati da lacunari geometrici con protomi gorgoniche, demoniache ed umane. Decorati i timpani con scene riferibili all'oltretomba. Il tablinum è occupato da sette urne cinerarie iscritte, sei etrusche, di ottima fattura, in travertino stuccato, una romana in marmo. Assai discussa la datazione della tomba, posta alla seconda metà del II secolo a.c., ma che, anche a seguito del rinvenimento del sepolcro dei Cai-Cutu a Monteluce si cerca di rialzare al III secolo a.c. Nel vestibolo moderno, sono raccolte numerose urne cinerarie della circostante necropoli del Palazzone di età ellenistica. La Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'umbria ha elaborato un programma con attività ed eventi lungo tutto l'anno. Il primo evento si svolgerà il giorno del "compleanno" dell'ipogeo, il 4 febbraio, con visite guidate gratuite per le scuole e per tutti i cittadini, condotte da Sistema museo affiancati dalla presenza della Direttrice dell' area archeologica dottoressa Luana Cenciaioli. B.V. PONTE DELLA PIETRA Buche come trabocchetti per automobilisti e pedoni Marciapiedi e asfalto sgretolati Il pericolo corre in via Frenguelli Un immaginedel trattodistrada dissestato checollegalazona diviasettevallia viabiscarini E difficile trovare l aggettivo giusto per definire le condizioni del manto stradale e dei marciapiedi di via Frenguelli nella zona di Ponte della Pietra. L arteria è una perpendicolare che collega via Settevalli a via Biscarini, con alcuni accessi a vie interne (Via Ciani o Metelli) a pochi metri dalla nuova e ben messa strada a quattro corsie, che dalla rotonda del Santa Maria della Misericordia arriva proprio in via Settevalli. Asfalto sollevato e sgretolato, buche come trabocchetti lunga la carreggiata, rattoppi di precedenti lavori di manutenzione, interventi che probabilmente risalgono anche a qualche anno fa. Tombini otturati che in caso di pioggia rendono l arteria un fiume in piena, oltre a una segnaletica orizzontale poco visibile. Anche i marciapiedi non sono da meno, rovinati dal tempo, dalle condizioni atmosferiche, dalle radici dei grossi alberi adiacenti, che alle volte invadono, anche se in modo minimo, la strada. Una situazione che stride con il dissesto di via Frenguelli, molto trafficata soprattutto nelle ore diurne per le tante attività industriali della zona. I marciapiedi a tratti sono completamente rovinati, a causa di avvallamenti e buche, e dallo stesso marciapiede si staccano grossi pezzi di asfalto, che una volta finiti in mezzo alla strada diventano pericolosi sia per chi va a piedi sia per chi passa in motorino o in bicicletta. Le cattive condizioni diventano nel complesso un ostacolo anche per i disabili in carrozzella o per le persone anziane con problemi di deambulazione, ma anche per i tanti bambini che nelle giornate di primavera vanno a giocare nel parco adiacente alla strada. Viene da chiedersi perchè tanta incuria in una via della periferia perugina, una condizione non tanto diversa da altre strade comunali. Alfonso Barbadoro IlCarnevalediSan Sistoquest anno perla primavoltarinuncia aicarrozzoni Divieto di sfilata per i carri allegorici non omologati, i rioni saranno animati da feste in maschera Il Carnevale di San Sisto rinuncia ai giganti di cartapesta Un'edizione sottotono, quella del Carnevale di San Sisto che, per la prima volta dopo trent'anni, non presenterà la consueta sfilata di carrozzoni carnascialeschi. La motivazione è da ricondurre alle nuove normative per la realizzazione dei carri allegorici che, secondo quanto riportato dalla circolare del Ministero dell'interno n.114, per ricevere l'apposita autorizzazione a sfilare, devono attenersi ad importanti accorgimenti. È il presidente della Pro Loco di San Sisto, Riccardo Pani, a spiegare il problema: "Anzitutto, devono essere mezzi omologati, progettati e collaudati con adeguate accortezze in materia di sicurezza strutturale, statica, meccanica, antinfortunistica, impiantistica, antincendio, ecc. Se da un lato le certificazioni obbligatorie hanno inciso in maniera determinante sulla realizzazione dei tradizionali 'giganti di cartapesta', dall'altro non è corretto criticare l'introduzione di misure a tutela di chi occupa i carri, di chi li conduce e degli spettatori. Il decreto ministeriale, entrato in vigore il 12 dicembre 2009, e notificato dal Comune alla Pro Loco l'8 gennaio 2010, ha impedito la realizzazione di mezzi a norma di legge, sia a causa della scarsa tempistica, sia per le mancate finanze. La Pro Loco, vista la straordinarietà della situazione - continua Pani - si è messa subito al lavoro per cercare di non compromettere l'edizione di quest'anno affinchè, con l'aiuto di tutti i sei rioni, fosse possibile creare anche pochi carri omologati. In altre parti d'italia, come ad esempio a Laveno, in provincia di Varese, grazie all'unione di più risorse sono riusciti a realizzare solo qualche carrozzone che permetterà loro di festeggiare la tradizionale sfilata annuale. Nel caso di San Sisto, purtroppo la proposta non ha trovato l'accordo di tutti i quartieri, ma ripiegheremo lo stesso in uno spettacolo coinvolgente con più gruppi mascherati". Quest'anno, quindi, niente sfilata con le classiche creazioni di cartapesta che riproducono i diversi personaggi politici e non, coinvolti nei più disparati temi di attualità. Un carnevale comunque goliardico, nel pieno rispetto della tradizione, ma dal sapore beffardo. Geraldina Rindinella

9 Quartieri venerdì5 febbraio L appello di Venanti dopo quello di Borgo Bello Fornaci Biscarini nell oblio Salviamo in fretta il salvabile Il progetto annunciato dall associazione Borgo Bello per riportare in auge la zona di corso Cavour che ruota attorno alle ex fornaci Biscarini non passa inosservato e anzi attrae l attenzione di un personaggio della cultura perugina come l artista Fanco Venanti. L interesse dell artista per questo punto del centro storico si basa anzitutto su motivi affettivi: Angelo Biscarini, fratello di quel Francesco che con l amico Raffaele Angeletti fondò le fornaci di terracotte ornamentali di via del Laberinto, era infatti suo zio. Un insigne scultore specializzato soprattutto in arte religiosa e funeraria, che Venanti ha cercato di richiamare alla memoria della città attraverso una mostra di opere salvate dalla dispersione. Era il 2007 quando la Fondazione agraria, grazie all interessamento del direttore Pietro Panfili e del professore Franco Mezzanotte, prestava i locali all esposizione di 50 bozzetti del Biscarini, preziosa testimonianza di una maniera improntata all eclettismo ottocentesco come alle suggestioni Liberty e Decò, con tanto di catalogo corredato da ricerche storiche di Alessandra Migliorati e Arianna Berioli. Da tempo cerco di stimolare l interesse dell amministrazione comunale per le strutture di via del Laberinto - ricorda Venanti -. Negli anni Novanta, come consigliere comunale, feci diverse interpellanze affinché le fornaci e la casa di Biscarini fossero tutelate. Ora rinasce la volontà di recuperare l area, ma è un peccato che non ci sia stata una mobilitazione al momento giusto, quando si poteva cogliere l occasione per evitare che il complesso, nelle sue caratteristiche originarie, andasse distrutto. L ideale sarebbe stato crearci un museo delle terrecotte. A tal fine avrei donato volentieri i bozzetti in mio possesso. Venanti ancora si interroga sul disinteresse per un progetto organico rispetto a un cospicuo patrimonio storico-artistico della città. Biscarini - rievoca il maestro -, come attestano anche i simboli rimasti sulla facciata della sua casa, era legato alla massoneria, elemento che lo privò di committenze pubbliche per tutto il fascismo. Forse ciò spiega anche il successivo oblio.... Ma Venanti calca la mano anche su altre disattenzioni: Si è persa l occasione per ricordare Rodolfo Valentino, che, come pochi ricordano, transitò, come orfano di padre medico, al Collegio della Sapienza in via della Cupa, da cui fu cacciato lasciando una lettera ancora lì conservata. Invano ho proposto, come per Biscarini, di apporre almeno una lapide. Quindi, Venanti si sente almeno di riproporre un piano complessivo di riqualificazione delle vie del Canterino, del Laberinto e del Deposito, dove tra l altro sorge la casa di Dottori (seconda foto), al momento in stato di profondo abbandono. Si tratta insomma di fare il possibile per evitare in futuro lacrime di coccodrillo. Alessandra Borghi CENTRI AGGREGATIVI/3 Il nucleo socio culturale è l orgoglio di Ferro di Cavallo Il Cva ha cambiato la vita di tutti Questa settimana prendiamo in esame il centro socio culturale "Ferro di Cavallo". La struttura, facente parte dell' ex III circoscrizione "Pian della Genna", è stata costituita per la volontà di quindici abitanti della zona di creare un nucleo polifunzionale. L'associazione, creata al fine di riqualificare il territorio circostante, è diventata da subito un'occasione di incontri e conoscenze che ha saputo coinvolgere negli anni persone di tutte le età. Molte le attività proposte: si va dall' organizzazione di corsi di musica, di ballo, di pittura, di ginnastica per la terza età, di alfabetizzazione informatica, fino ad incontri IlCva diferrodi Cavallo con esperti sulle tematiche riguardanti gli anziani, gli handicap, la prevenzione, passando per gli spettacoli teatrali, le esibizioni di danza, le sfilate di moda, le gite e le cene sociali. "È un polo davvero efficiente - spiegano alcuni residenti di Ferro di Cavallo - che ha cambiato la vita di molte persone. Si tratta, infatti, non solo di una costruzione accogliente in cui poter trascorrere alcune ore di svago con gli amici, magari giocando a carte. È anche un modo per stare insieme agli altri e aiutarsi a vicenda, soprattutto quando si comincia ad avere un'età avanzata. Inoltre, il centro è un ottimo ricovero dalle intemperie d'inverno e molto godibile d'estate grazie all'impianto di condizionamento. Anche i giovani considerano questa struttura come loro punto di riferimento e trascorrono molte serate a giocare a calcio sui campetti gestiti dall'associazione stessa". Geraldina Rindinella

10 10 venerdì5 febbraio 2010 Corciano Abbiamo sperimentato la corsa Apm a un mese dall entrata in esercizio: luci e ombre Nuova linea X, gli studenti soddisfatti Meno i lavoratori e chi sale in centro SPORT La squadra di Farsi contro il Castel del Piano: Derby intenso L Ellera cerca riscatto in classifica Il nostro campionato non è finito All inizio del campionato di Promozione dagli addetti ai lavori era data come una delle favorite alla vittoria finale, ma una leggera flessione ha allontanto l Ellera di Farsi dalle prime due posizioni, un distacco di nove punti dal Pierantonio (43) e sette dalla Tiberis Montecorona (41), che sembra ormai incolmabile a undici giornate dalla fine. La squadra corcianese occupa attualmente il terzo posto in classifica con 34 punti, frutto di 9 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte in campionato. Sono 28 le reti messe a segno e 19 quelle subite in queste prime diciannove giornate. E difficile rimontare le due squadre che stanno davanti - afferma il tecnico Farsi - anche perchè vanno forte entrambe e in apparenza sembrano non avere problemi o ostacoli. Parliamo insomma di due squadre fortissime. Non vuol dire però che il nostro campionato sia finito, ma continua con maggiore impegno e determinazione. Uno dei nostri obiettivi è di ottenere più punti possibili da qui alla fine, per occupare la posizione migliore al termine della stagione regolare. I pay off poi sono un altra cosa. L Ellera domenica scorsa ha pareggiato il derby perugino con il Pianello, uno zero a zero giusto per l allenatore: La squadra avversaria si è difesa bene e con ordine - continua Farsi - mettendoci in difficoltà con qualche ripartenza improvvisa. Il calcio alle volte è strano, anche una squadra ultima in classifica può metterti in difficoltà. L occasione più ghiotta però è stata nostra, con Cenerini che da pochi passi ha sbagliato in maniera clamorosa. Era più facile segnare che colpire la traversa. Siamo stati anche poco fluidi nelle azioni, un pò sottotono rispetto alle domeniche precedenti ma questo è il calcio e dobbiamo accettare il verdetto sul campo. Una vittoria poteva avvicinarci alla Tiberis Montecorona fermata in casa dal Casacastalda. Peccato ma guardiamo avanti e viviamo alla giornata senza troppi assilli. Il futuro si chiama Castel del Piano, squadra che occupa il quarto posto in graduatoria a sole quattro lunghezze dalla compagine di Farsi. L allenatore dell Ellera sa che con la squadra di Turchi non sarà una gara semplice, ma novanta minuti intensi e combattuti: E un derby, una di quelle gare aperte a tutti i risultati. Loro sono a pochi punti da noi, e si giocano l opportunità di avvicinarsi al terzo posto. Sarà sicuramente una partita tesa, non solo perchè parliamo di un derby, ma anche per il valore della posta in palio. Ripeto, noi ragioniamo partita per partita. Alfonso Barbadoro Tra le criticità segnalate, l esigenza di effettuare un cambio per Perugia Lalineaxènata percollegaremegliocorciano, Ellera e Capocavallo. Consente di arrivare in modo direttoall ospedale S. MariadellaMisericordia BMX Soddisfazione del patron Lafesta delciclismo incoronala Testi Cicli e isuoi giovanicampioni La Testi Cicli del diesse Franco Testi è stata una delle squadre protagoniste della festa del ciclismo umbro di sabato sera al Lirick Theatre di Santa Maria degli Angeli. La squadra perugina ha ricevuto diversi riconoscimenti a titolo individuale e di gruppo. E stato premiato il giovane Diego Verducci (12 anni) Campione europeo BMX 2009 in Danimarca, Giacomo Gargalia (9 anni) Vice Campione europeo BMX 2009, Alviero Scattini Campione italiano d inverno MTB, Pietro Montagnoli, ex Campione italiano F.C.I, Michele Maria Magnalardo della categoria Allievi, Francesco Gargaglia Campione regionale. Tutti questi premi sono inaspettati - afferma Franco testi - e per questo forse ancora più belli da ricevere. La cosa che fa più piacere è l età di Verducci e Giacomo Gargaglia, ragazzi molto giovani, che rappresentano il futuro di questo sport e della nostra società. In sala erano presenti molti altri corridori, una festa che al di la dei nostri premi è stata ben organizzata Alf. Bar. Anno nuovo, linea nuova. Il Comune di Corciano ha inaugurato il 2010 della mobilità stringendo un accordo con Apm e Acap per la riorganizzazione del sistema di trasporto urbano attraverso la trasformazione della linea K. Invece di optare per la definitiva soppressione, si è deciso di "sdoppiarla" creando una seconda linea di servizio, la X. Gli autobus utilizzati sono più piccoli ed alimentati a metano e gli utenti potranno continuare ad utilizzare il biglietto unico (un euro per 70 minuti all'interno del Comune di Perugia) anche nel territorio comunale corcianese, fuori quindi dall' area di validità dell'unico Perugia. L'obiettivo dichiarato dell' amministrazione comunale e dell'azienda Perugina della Mobilità era quello di collegare più razionalmente Corciano, Ellera e Capocavallo sia con il centro storico di Perugia che con l'ospedale Santa Maria della Misericordia a San Sisto. La nuova linea K, infatti, parte dal centro dell'acropoli, piazza Cavallotti, per arrivare a Colle Umberto transitando per Elce, Rimbocchi e San Marco. La neonata linea X, invece, collega il polo sanitario dell' ex Silvestrini con Capocavallo via Ellera, Corciano, Magione e Mantignana. Il punto di incontro e di cambio è il piccolo centro di Canneto, situato sulle colline tra Colle Umberto e Mantignana e dove chi necessita di raggiungere centro storico o nosocomio attende la propria coincidenza. Se molti sono i pro, non sembrano mancare nemmeno i contro: è vero che con la nuova linea X vengono inserite nel percorso dell'apm zone finora rimaste fuori dai servizi di trasporto pubblico, come Strozzacapponi, ma è anche vero che si è dovuto assistere al taglio di ben quattro corse pomeridiane della vecchia linea K. Creando disagi a una parte dell'utenza, quella più giovane, tanto da richiedere una correzione in corsa: "Con la soppressione di alcune delle vecchie corse della linea K, è rimasto un buco a cavallo dell'orario di uscita degli studenti delle scuole - spiega un autista dell'apm nell'attesa della coincidenza con la linea K -. Per questo è stata aggiunta la corsa che alle parte da Canneto e termina ad Ellera. Era necessaria una variazione perché, soprattutto durante il periodo scolastico, gli utenti che usufruiscono di questo servizio aumentano fino ad arrivare ad una quindicina di persone, in particolare studenti. Così i giovani che arrivano dagli istituti scolastici nel centro di Perugia con la linea K, possono tornare a casa scendendo a Canneto e prendendo la linea X". In macchina abbiamo effettuato un viaggio seguendo la linea X, per controllare di persona gli eventuali vantaggi di questo nuovo percorso. Arrivati al capolinea (che coincide con il distributore di benzina proprio davanti al pub Notorius ), sono state due le persone che sono scese. E noi ne abbiamo approfittato per raccogliere alcune opinioni. Prendo questa linea due volte a settimana - racconta Josè Amoretti - per arrivare a Piazza Partigiani. Partendo da Corciano, in pratica, devo cambiare a Canneto ed aspettare la coincidenza con la linea K, per salire verso il centro.e il problema è proprio questo. Prima con la linea K arrivo verso il centro della città direttamente senza dover effettuare cambi, ora invece, dovendo aspettare la coincidenza, ci metto molto di più. Ad esempio con la corsa che arriva a Canneto alle 13.50, ci sono quasi 30 minuti di attesa prima che arrivi l autobus che percorre la linea K mezz ora di attesa è decisamente troppo per chi non ha altro mezzo per andare al lavoro. Va detto, però, che le corse sono sempre molto puntuali e in orario.la situazione non è affatto migliorata. - espolde la signora Kanani - Io, per motivi di lavoro, devo essere ad Ellera alle 7 e non c è nessuna corsa che soddisfa questa mia necessità, tanto che sono costretta a farmi accompagnare al lavoro da mia figlia. Servirebbero più corse e più ravvicinate. Personalmente non ho tratto nessun giovamento da questa ulteriore variazione di linea. Sicuramente sarà stata una cosa positiva per i ragazzi che vanno a scuola, soprattutto per il fatto che è stata introdotta la corsa che parte da Canneto alle 13.40, ma per me le cose sono decisamente peggiorate. Insomma, anno nuovo si, ma vecchie esolite lamentele! Chiara Cruciati, Lucrezia Sarnari

11 meet SPAZIO PER SPIRITI LIBERI Scriveteci a: o su Facebook all indirizzo del giornale Giovedì Grasso A Carnevale ogni festa vale I party in città Tante serate fuori Perugia da Passignano a Montefalco E per chi resta in centro aperitivi e disco in maschera Santa Maria degli Angeli Il 2for1 al OneBar Accanto a Le Cirque un nuovo locale e tante iniziative Stagione del jazz Ray Gelato al Giò All auditorium lo swinger britannico e il gruppo dei Giants ACarnevale ogni festa vale! Il giovedì grasso è un assaggio ai tanti eventi di martedì. Party non solo in città per le prime serate carnevalesche. Alla Bomboneira Disco Club (Hotel Gabbiano di Passignano) sabato 6 febbraio torna la festa di carnevale del Rione Centro Due, ancora più leggendaria. Dalle ore 20 fino all alba musica no stop. Ingresso aperto a tutti su prevendita. A Ponte Pattoli Carnival Night (sabato 6 febbraio) presso il Perugia Grand Hotel. Dalle la cena (19 euro a persona e 10 per i bambini) per proseguire fino a tarda notte con musica anni di dj Marzi. Premi alla maschera più fantasiosa! Party anche a Montefalco: sabato 6 dalle ore 23 in piazza del Comune Dancity Nights Carnival party : alle consolle del Mash U si alterneranno Minidischi e Franco B nella prima sala e Max P e Soch vs Tucci nella seconda. Servizio navetta e chi si presenta in costume paga 5 euro invece che 7. In città grande serata di carnevale al Velvet giovedì 11. Lo staff sarà in maschera per uno spettacolo unico. A chi si presenta mascherato un drink gratis. La serata inizia alle 21 con la cena a buffet gratuita con consumazione obbligatoria, inoltre per tornare a casa tranquilli a disposizione una navetta che fa otto fermate nei punti strategici della vita universitaria. Per chi resta in centro, il giovedì grasso inizia alle 20 al Caffè Morlacchi con l aperitivo universitario che per l occasione sarà affollato di maschere: spritz e prosecchi tra coriandoli e stelle filanti. Tappa alla Tana dell Orso per quattro salti sotto la consolle dei dj per poi proseguire la serata al Rock Castle con una festa su note anni 80 e 90. Per chi non ha sonno la notte si sposta al Cantiere 21 con giovedì grasso universitario. Chiara Cruciati e Agnese Priorelli In via Baldeschi Per i cinque anni dell H2nO ti regalano un drink se rinunci all acqua Lo staff festeggia il compleanno del locale trasformando acqua in alcol E quella in più va in regalo ai nonnini

12 meet venerdì5 febbraio2010 Dopo il tragico incidente alla Umbria Olii di Campello sul Clitunno in cui tre anni fa persero la vita 4 operai, l azienda chiese un risarcimento danni ai familiari pari a 35 milioni di euro. Fabrizio Ricci ha raccontato l inchiesta nel libro Se la colpa è di chi muore e martedì 9 febbraio alle il teatro Pavone sarà sfondo alla lettura di alcuni brani. La voce di Valerio Mastandrea narrerà lo sdegno di un intera comunità. Parteciperanno il deputato Beppe Giulietti e l'autore. Ingresso libero Urban Occhiali da sole e paghi di meno Suona Turbowolf Occhiali da sole? Ingresso ridotto. Torna Sunglasses at night, serata cult dell Urban. Sabato 6 febbraio si balla con Turbowolf, band indipendente inglese alla prima in Italia. Mix di Stooges e Motorhead nella notte che avrà sul palco anche Hacienda e dj set di Superretro. Un nuovo locale accanto alle Cirque di Santa Maria Due al prezzo di uno Il weekend al OneBar Dal 7 gennaio un nuovo locale a Santa Maria degli Angeli. Aperto accanto al ristorante Le Cirque colpisce per la cura degli arredi e dei piccoli dettagli. L atmosfera è decisamente soft, adatta più a chiacchiere intime piuttosto che a una serata tra amici, anche se tra gli assisani under 25 sembra andar forte come pre-disco. Tavoli, sedie e bancone di un bianco smagliante, sembrano accogliere in una sorta di spazio glaciale, per il minimalismo, la pulizia e la linearità dell architettura e non accoglienza e servizio gentili e calorosi. Barman professionisti (quasi tutti provenienti dalla scuola Planet) usufruiscono di una bottigliera che da sola vale una puntatina. Dal giovedì alla domenica, l altro motivo per spostarsi appena fuori porta, è la promozione 2for1... in pratica il classico paghi uno, bevi due. L unica critica è che due cocktail identici, serviti nello stesso momento, sono troppi anche per il più accanito dei bevitori, meglio chiedere di farseli servire uno dopo l altro. (Luc.sa) i fantastici4 del weekend PocoLoco Venerdì 5 febbraio Per un party di carnevale loco arrivano pure da Match Music Velvet Sabato 6 febbraio dalle Il privè apre con gli anni Gradisca Sabato 6 febbraio Diego dalle poltrone di Maria alle poltroncine della disco Norman Sabato 6 febbraio dalle 23 Ecco l indie rock dello Zen Circus Metti una sera al cinema... Clooney Tra le nuvole in un ruolo moderno da bisbetico domato Un cacciatore di teste Tra le nuvole. Ryan (George Clooney) viaggia in aereo per la maggior parte della sua vita, in un anno è rimasto a casa solo 43 giorni, per licenziare gente in lungo e in largo. Nessun legame, nessun amore solo un trolley come amico. La sua missione è arrivare a conquistare l esclusiva fidelity card che viene assegnata a chi raggiunge 10 milioni di miglia di volo. A scombussolare la sua esistenza due donne. Nathalie, giovane neolaureata, che fa il suo stesso lavoro e Alex trentenne, altra orgogliosa di essere sola e indipendente, della quale Ryan finirà per innamorarsi. Il film diretto da Jason Reitman (già regista di Juno) affronta con apparente leggerezza, di chi sta perennemente con la testa tra le nuvole, i crudi problemidel nostro tempo: laperdita dellavoro, ilcinismo e la solitudine delle persone, portando in questo modo lo spettatore a riflettere sulla realtà attuale. Durata: 109' cinema: The Space e Giometti Cinema. Agnese Priorelli L acqua diventa alcol Così l H2nO festeggia il suo quinto compleanno E l acqua si trasformò in alcol. Vista la missione che da cinque anni l H2nO si prefigge, una simile meraviglianon stupiscepiù: ilcorpoumanoè composto per l 80% d acqua e il locale di via Baldeschi è convinto che possa bastare così. E per ridurre ancora la percentuale, offre un regalo a chi deciderà di festeggiare con lo staff il suo quinto compleanno. Sabato 6 febbraio dalle in poi happy hour e dj set con Fabio Roscioli e il suo sound house classic. E per l occasione, Happy birthday H2nO trasformerà l acqua in drink alcolici. Consegnando una bottiglia d acqua chiusa al bar, per tutta la serata ogni cliente riceverà indietro una consumazione gratuita. A base alcolica naturalmente Le bottigliette raccolte saranno poi donate agli anziani della casa di riposo Fontenuovo di Porta Pesa. (via Baldeschi 12/a - sopra le scalette dell Acquedotto...ma loro dicono che è un puro caso) Chi.Cru Nella discoteca di Rivotorto (Assisi) una vocalist di eccezione: dalla rete tv Match Music arriva Alexandra Cadoppi Daddi il corteggiatore di Uomini&Donne nella notte del Gradisca per un regalo doppio alle donne: ingresso gratis entro Tappa del tour del trio nella stanza di qua del club di Boneggio Di là dancehall reggae... e una all inaugurazione Nuova cucina senza glutine al Revolution Una vera rivoluzione l inaugurazione di sabato a Ellera. Revolution è il nuovo locale che propone una gastronomia variegata, grazie anche alla cucina senza glutine. Ma lo scopo - spiega il titolare, Gaetano Rizzo - è quello di ampliare il campo a 360 gradi. È per questo che sono nati insieme al locale anche altri progetti: quello denominato point è rivolto alla distribuzione, nei bar, dei nostri prodotti gluten free; il lab riguarda il servizio di asporto, ed event per le feste private. (Revolution Restaurant -via Gagarin, 1). Ge.Ri. NOTTE Torna la musica jazz a Perugia Arriva Ray Gelato Sua la prima serata all auditorium del Giò Si preannuncia spumeggiante l apertura del nuovo anno del Jazz Club Perugia con un ospite molto gradito: sarà RayGelato con isuoi Giants a inaugurarela stagione, venerdì 5 febbraio, all Auditorium del Giò Jazz Area. Personaggio indiscusso di quattro edizioni estive di Umbria Jazz, L artista insieme ai Giants, negli anni hasaputo accrescere il pubblico, creando uno specialerapporto conlacittàstessa. RayGelato, cantante e sassofonista inglese, di origine italo-americana,si è formato sulle orme di mostri sacri come Frank Sinatra e Dean Martin, aggiungendo un pizzico d irriverente intrattenimento. Lo swinger britannico, anche in questa occasione, non mancherà di stupire e coinvolgere con i suoi ritmi, accompagnato dai Giants, la band che lo segue da anni nelle tournée. Ospite l ex star di Amici Nicola Gargaglia (già reduce da un duetto con Ray Gelato nel 2006). Ge.Ri. Le candeline della pizzeria con i baffi In via Ulisse Rocchi sabato, la PizzeriaEtrusca, ha festeggiato il suo 36esemo anno d attività In via Ulisse Rocci c è aria di anniversari. La Pizzeria,paninoteca Etrusca ha festeggiato lo scorso sabato (30 gennaio) il suo 36esimo anno di attività. Gestita dal baffo e dalla baffa, e da i loro figli simpaticamentechiamati baffini hannocreata al centro della città, quella che ormai si può definire un istituzione. meet venerdì5 febbraio2010 Il 9 febbraio al Pavone Se la colpa è di chi muore Il dramma della Umbria Olii nella voce di Mastandrea II Opening del Velvet privè attraverso dieci anni di storia della musica: elektro, disco, pop e funk con il dj Mike Fooley E dalle aperitivo III L artista salirà sul palco del club perugino con i Giants Ospite dello spettacolo l ex di Amici Nicola Gargaglia Ray Gelato, lo swinger britannico cresciutoa SinatraeDeanMartin

13 meet venerdì 5 febbraio 2010 IV Pagina pubblicitaria

14 Attualità venerdì5 febbraio Il minimetrò ha compiuto due anni lo scorso 29 gennaio. Lontani ormai i tempi dell'inaugurazione in grande stile proviamo allora a tracciare un bilancio dei pro e dei contro legati all'introduzione in città di questo nuovo mezzo di trasporto che, nel bene o nel male, ha modificato abitudini dei perugini e il volto stesso della città. Punti deboli La tratta del 'brucomela', come hanno iniziato a chiamarlo alcuni perugini, resta uno dei nodi da sciogliere. Il percorso che attualmente compiono le carrozze di fatto lascia scoperti alcuni punti nevralgici della città. La mancanza di un collegamento con il Santa Maria della Misericordia e con Monteluce sono le lacune più evidenti, anche se c'è la volontà di porre rimedio. In particolare un terminal nella zona di Monteluce sarebbe stato di grande importanza per ridurre il flusso veicolare proveniente dalla parte nord. Un aspetto emerso più volte, anche nel corso delle nostre interviste: abbiamo sentito utenti lamentarsi del fatto che, provenendo ad esempio da Foligno o da Gubbio ritengono scomodo prolungare il tragitto fino a Pian di Massiano. Secondo punto: la durata del biglietto. Con una singola corsa si ha a disposizione poco più di un'ora e scalando il tempo necessario per il tragitto ecco che resta a disposizione pochissimo tempo magari per farsi una passeggiata in corso Vannucci. Di biglietti, per chi prolunga il proprio tour, ce ne vogliono allora due. E, collegata a questa, c'è anche la questione dell' orario di esercizio: la chiusura dovrebbe essere posticipata, come chiesto da più cittadini, per favorire quanti decidono di salire sull'acropoli Circa 9mila validazioni giornaliere rappresentano un obiettivo intermedio Il completamento dell opera sembra essenziale per centrare l obiettivo dellariduzionedel trafficoveicolare Il bilancio di due anni: utenti da incrementare, la vera forza emerge con i grandi eventi Minimetrò, vanto giovane della città che cambia Si punta su nuove tratte per sconfiggere il traffico dopo cena senza il mezzo privato. Ad oggi salire si può, ma per scendere occorre un' alternativa. Terzo aspetto a sfavore è poi quello che riguarda le presenze: i dati snocciolati pochi giorni fa parlano di 300 utenti in meno rispetto alle stime previste, ma basta dare un'occhiata alle carrozze in qualsiasi giorno della settimana per vedere come nella maggior parte dei casi siano pressoché vuote. E intanto si adottano provvedimenti come le targhe alterne perché ci sono troppe auto in giro e i valori delle polveri sottili schizzano alle stelle. Qualcosa, allora, non torna. Punti di forza La velocità con cui gli utenti compiono il tragitto in entrambe le direzioni, Pian di Massiano-centro storico e viceversa, è senza dubbio l'aspetto migliore del nuovo mezzo pubblico. In pochi minuti si riesce a fare quella manciata di chilometri che, con l'auto, richiede anche più di mezz'ora. Buona senz'altro anche la dislocazione dei terminal lungo un'asse ideale per chi lavora o necessita delle attività dislocate lungo di essa. La volontà di realizzazione di altri terminal da aggiungere a quelli giù esistenti potrebbe far ricredere molti detrattori e, forse, portare ai risultati sperati. Il minimetrò, insomma, ha un potenziale che in parte è ancora tutto da scoprire. Lodevole anche la finalità con cui è stato voluto il minimetrò: far diminuire il traffico e incentivare i cittadini all'utilizzo del mezzo pubblico per ridurre l'inquinamento e promuovere un trasporto urbano eco-sostenibile. Lo si è visto, ad esempio, in occasione dei grandi eventi come Umbria Jazz o Eurochocolate quando è statopreso d'assalto e come per magia sono spariti i problemi di traffico degli anni scorsi. David Barbetti

15 QUI Perugia PAGINA 12 venerdì 5 febbraio 2010 Spettacoli e Cultura ARTE Tralepriorità deldirettore c èla riapertura alpubblico delprezioso patrimonio custodito dal museo dell Accademia Dopo il cambio ai vertici Il direttore Giuman: Oltre al restyling del sito, corsi internazionali al via e tante novità Il nuovo volto dell Accademia La Pietro Vannucci risorge Non una bacchetta magica ma prima di tutto una gran bella pulita. Giuliano Giuman ha le idee molto chiare. Il nuovo direttore dell Accademia di belle arti Pietro Vannucci di Perugia sa che troppa polvere si è accumulata nelle aule dell istituto ma: è con l'entusiasmo che bisogna guardare al futuro. E qui in accademia di entusiasmo, adesso, ce n è davvero tanto. Il direttore pensa a rimboccarsi le maniche. Il pensiero certo va ai finanziamenti che non ci sono e che indubbiamente non rendono semplice il cammino dell istituto. Cerca di lasciarsi alle spalle le voci di chiusura e il clima di scoraggiamento che aleggiavano intorno alla struttura e che non hanno certo contribuito a rendere il clima sereno. Un colpo di spugna. Questo per Giuman è ciò che ci vuole, perché l Accademia è Appuntamenti Dalla storia dell arte all attività pratica, le lezioni riprendono con l integrazione dei corsi internazionali viva. La situazione certo continua ad essere in stallo. La struttura al momento non è coperta economicamente. Il conto è in rosso ma stiamo studiando molte iniziative. Ciò che è importante è che all interno dell Accademia sia tornato l entusiasmo di lavorare. Ovviamente la situazione finanziaria è molto importante ma speriamo di superare anche questo momento. Contiamo nella voglia di fare e nei risultati, e forse da tutto questo impegno potrà scaturire anche un ritorno economico. Niente formule magiche dunque. Il cammino della Pietro Vannucci ricomincia con piccoli ma decisi passi. La prima tappa è stata la riapertura del sito internet. Era tra le prime cose che mi ero proposto di risistemare subito dopo la nomina. E così è stato. Su ora la vita dell Accademai è on line. Per l istituto - continua Giuman - riaprirsi alla multimedialità è stato davvero importante. Il vecchio sito era fermo da ben cinque anni. Un cattivo biglietto da visita per chi aveva intenzione di iscriversi. Fornire notizie del 2005 significava dirigere quasi consapevolmente un nuovo allievo verso altre strutture. Tutto dava l impressione della polvere accumulata. In questa società dove tutto avviene in tempo reale non essere aggiornati in rete significa far scappare i ragazzi verso altri istituti con una didattica, apparentemente, più aggiornata. E gran parte degli sforzi ora sembrano diretti a rafforzare la dimensione on line. Stiamo già producendo un altro video-promo - spiega il direttore - partirà da Piazza IV novembre fino a giungere in Accademia, servirà non solo ad invogliare i futuri artisti ad iscriversi ma anche a mostrare il dinamismo nuovo che brulica in istituto. Ma il restyling della Pietro Vannucci, una delle più antiche e prestigiose Accademie d Italia, non si arena certo sul web. Tra i punti fermi del direttore c è: la voglia di far conoscere le attività all esterno e il ripristino dei corsi internazionali. Tante le sorprese a partire dal mese di aprile - preannuncia Giuliano Giuman -. Dall Accademia si avvieranno una serie di attività esterne dirette alla città di Perugia che conferiranno finalmente una visibilità vera, umana, aggiungerei fisica all istituto. Ma è una sorpresa e non voglio svelarne i contenuti. Intanto in questo mese ci sarà la presentazione del dvd dell Accademia, una sorta di visita virtuale della scuola, un bell evento a cui noi teniamo molto. Nel calderone di idee c è poi quella del museo, riaprire al pubblico il grande patrimonio artistico che l Accademia possiede è uno dei miei obiettivi, da attuare nel più breve tempo possibile. L Accademia di belle arti è dotata di un cospicuo numero di corsi che consentono all aspirante artista l approfondimento di materie teoriche, tecniche ed applicate. Tutto questo supportato, da oggi, dalla reintegrazione delle lezioni internazionali. Corsi che andranno dagli insegnamenti classici, come la storia dell arte, toccando l attività grafica e il video, tutti rivolti agli studenti stranieri. L araba fenice di Giuliano Giuman risorge. L Accademia in soli tre mesi sembra aver cambiato volto in nome dell arte. Il serbatorio artistico umbro possiede grandissime potenzialità che vanno sfruttate - conclude il direttore -. La co- MUSICA Sabato 6 febbraio Fisarmonica e violino All Auditorium Marianum, in Corso Cavour, alle ore 17, concerto a cura dell'associazione Musicale G. Frescobaldi. Daniela Rossi al violino e Massimo Santostefani alla fisarmonica. Info Domenica 7 febbraio Aperitivo in musica Al Teatro Pavone, in piazza della Repubblica alle ore concerto inaugurale Salotto Napoletano 14 Strings Duo con Isidoro Nugnes alla chitarra e Tiziano Palladino al mandolino. Musiche di G.Rossini, P.D.Paradisi, R.Calace. Info Mercoledì 10 febbraio La musica e la montagna Presso la Sala della Partecipazione della Regione Umbria in via Balbo, alle 17.30, incontro musicale per il 90esimo anniversario della nascita di Arturo Benedetti Michelangelo. Info Mercoledì 10 febbraio Jazz et wine Alla Bottega del Vino, in via del Sole, ore 21.30, esibizione del "Morbidini Trio" con Manuele Morbidini al sax, Ugo Alunni alla batteria, e Igor Spallati al contrabbasso. Info e prenotazioni TEATRO Venerdì 5 febbraio Dramma inconsistente Al la Sala Cutu, in piazza G. Bruno, Dramma inconsistente - omaggio ad Achille Campanile. regia di Massimo Boncompagni. Info Sabato 6 e domenica 7 La bella e la bestia Al Teatro Morlacchi, ore 20.45, la Compagnia teatrale "Findallasilo Teatroinsieme" presenta il musical di Alan Menken. Il ricavato andrà all'associazione Sindrome Down onlus-corciano e all'associazione di volontariato per le cure palliative onlus "Con Noi". Info Passaggio in India Al Teatro Morlacchi, ore 17, la Compagnia Sandro Lombardi del Teatro Metastasio Stabile della Toscana presenta Passaggio in India di Santa Rama Rau, per la regia di Federico Tizzi. Info INCONTRI Sabato 6 febbraio Collezionismo Sabato 6/13/20 e 27 febbraio, presso la sede Ump, in via Savonarola, dalle ore 10 alle 13, evento dedicato a collezionisti ed appassionati di modellismo. Info Lunedì 8 febbraio Incontro con il dialetto Al Teatro Morlacchi, ore 17, incontro su Musica classica a Perugia-Verdi a Perugia nell'ottocento con lo storico Franco Bozzi, l'attore Gianfranco Zampetti e la musicologa B. Maria Brumana. Info Mercoledì 10 febbraio I segreti di una lettura espressiva Alla Biblioteca Multimediale, via Pennacchi, ore 20.30, presentazione del laboratorio a cura di Gianluca Iadecola, Ingresso libero con prenotazione obbligatoria. Info

16 venerdì 5 febbraio 2010 PAGINA 13 QUI Perugia sa veramente negativa che ha nuociuto all Accademia sono state le voci della chiusura. È stato un boomerang micidiale che ha toccato profondamente l'umbria. E infatti la prossima campagna di orientamento in programma sarà rivolta alle scuole superiori umbre. Vogliamo mostrare agli studenti l entusiasmo con cui siamo ripartiti e le nostre grandi potenzialità. Ramona Premoto L'ultima volta che avevamo parlato con lei, circa un anno fa, si dedicava a tempo pieno al suo lavoro di giornalista e di scrittrice di libri di fiabe. Iniziava a muovere i suoi primi passi nel mondo del cinema con una partecipazione a Un'estate ai Carabi dei Vanzina e un ruolo da psicologa in Distretto di Polizia 9. Oggi la perugina Federica Federici sta vivendo un momento d'oro. La sua carriera d'attrice sta cominciando passo dopo passo a decollare. Sempre un anno fa si faceva chiamare ancora con il suo nome da battesimo, ora il suo bel volto ha un altro nome: Isabelle Adriani. Come mai questa scelta? E' il nome della mia bisnonna, che purtroppo è morta giovane e che voleva diventare attrice. Lei non c'è riuscita, ed io mi ero ripromessa che se iniziavo questo lavoro mi sarei chiamata come lei, così da far vivere il suo sogno. Dopo un piccolo ruolo in Amore 14 ora sei nelle sale con il film di Paolo Virzì La prima cosa bella. Come'è stato lavorare con lui? La mia interpretazione di Anna nel film è piaciuta molto alla critica e lavorare con lui è stato bellissimo, è un grande regista. Federica o meglio Isabelle, a breve uscirai con due nuovi lavori, uno in tv e uno al cinema.. Si, il 14 febbraio inizieranno le puntate di Capri 3. Entrerò in scena al quinto episodio e sarò l'ex fidanzata ora migliore amica del protagonista Gabriele Greco. Poi il 19 marzo uscirà nelle sale Tutto l'amore del mondo diretto da Riccardo Grandi con Nicolas Vaporidis. In questa pellicola reciterò la parte di un'artista francese, molto famme fatale ma allo stesso tempo estremamente divertente. Parliamo ora dell'incontro con George Clooney Sono una "hooker", che con lo sguardo cerca di conquistare Clooney nel film L'americano di Anton Corbij, girato in L oroscopo della settimana La Federici insiste con il cinema ma cambia il suo nome in Isabelle Adriani Da Grandi ad Avati, futuro sul set per Federica Abruzzo. George è molto simpatico. Durante i tre giorni di riprese non ha fatto altro che fotografarmi con l'iphone, lui invece non si è fatto fare neanche una foto. Il set era blindato. Mentre giravamo ascoltava la musica è molto divo americano! (ride). Progetti futuri? In questi giorni ho iniziato le riprese del nuovo film di Pupi Avati in cui interpreto la nipote di Francesca Neri. La prima volta che l'ho incontrato mi ha detto: "Ti vorrei nel mio film, ma devi tornate castana" in quel periodo infatti ero diventata bionda per il film di Virzì. Poi ho firmato un contatto per altri 3 film, ma non posso ancora dire nulla. Ne riparleremo! Solo lavoro o c'è anche posto per l'amore nella tua vita? Della mia vita privata non parlo mai, sono molto schiva. Non faccio neanche vita mondana. Sono andata alla prima di Baciami ancora dopo mesi che non uscivo. Quindi solo lavoro.. Mi sto impegnando al massimo, studio in continuazione e metto in pratica tutta l'esperienza che ho fatto a teatro o nelle scuole di cinema che ho frequentato. Sono una vera perfezionista. La carriera da giornalista e scrittrice l'hai abbandonata del tutto? Ho lasciato il mio posto da giornalista, ma continuo a scrivere e a studiare la storia delle fiabe. Il mio libro "Volto di rosa", che racconta la vera storia di Cenerentola è stato tradotto in inglese e parteciperò alla Fiera internazionale del libro de Il Cairo. Il tuo rapporto con Perugia, ci torni spesso? A Perugia c'è la mia famiglia e ci torno appena posso. Purtroppo non ho più amici, è difficile coltivare le amicizie da lontano. Però quando passeggio per corso Vannucci è sempre un'emozione. Mi piacerebbe girare un film a Perugia e su Perugia - magari più avanti! Agnese Priorelli Sott occhio All Armory la mostra di Raul Gabriel In cerca dell estetica urbana In sella da una bicicletta. Ecco come Raul Gabriel va alla scoperta del paesaggio cittadino. È l estetica del suburbano che l artista ricerca nel suo viaggio dentro la città. La bicicletta diventa strumento per percorrere le strade delle metropoli contemporanee. E lo strumento si scompone e ricompone per finire nelle sue opere, mutando la propria struttura in un continuo divenire. La mostra, dal titolo Back2Bike, presente alla Galleria d arte contemporanea Armory fino al 13 febbraio, prende spunto dall istallazione dell artista, realizzata per la fiera di Bologna appena passata (29/31 gennaio). Il tema è dato dalla città che diventa luogo privilegiato del girovagare dell artista. Le opere grafiche (su carta) derivano proprio dalle suggestioni che questi luoghi creano. Queste diventano, nelle immagini, dialogo fra elementi differenti che sono in continua mutazione di significato e di forma, fra strutture che, in una inarrestabile trasformazione, mutano per divenire costantemente altro. Creando un flusso che coinvolge sia le cose che sia le emozioni. L.S. Cielo armonicoche accende il cuoree lo infiamma dipassionalitàbollente. Sarete irresistibili. Col partner vivrete momenti di intensità erotica indimenticabile. Anche i rapporti spenti si riaccenderanno. Momento non facile a causa di astri controversi. Uno spiraglio si vedrà tra il 28 e il 29: la Luna apriràl'animo all'ascolto deisentimenti amorosi. Lasciatevi andare tra le braccia di chi amate. Il settore dei rapporti affettivi sarà molto stimolato. Se in coppia viveteun momento difficile, approfittatene per fare chiarezza una volta per tutte. Se il vostro amore funziona, approfondite ildialogo. Sotto il felice connubio di Venere e Marte, la settimana amorosa si preannuncia appassionata, ricca di soddisfazioni e conquiste (per i single). Il lato erotico del rapporto sarà molto stimolato ed eccitante. Venere e Marte contrari acuiranno qualunque piccolo o grande problema di coppia e bloccheranno il dialogoamoroso. Sarete tesi, nervosi e respingenti e andare d'accordo con voi sarà una vera impresa! Leopposizioniastralimettono tensione nelle coppie. Sarete ansiosi di mostrare al partner il vostro amore ma, se non fate attenzione anche alle sue esigenze, rischiate di rovinare tutto. Ci vuole ascolto. Contrasti nel cielo segnalano una settimana non facile per la vita di coppia. Sarete nervosi e irritabili e non sarà facile andare d'accordo con voi. Cercate di non sfogare su chi amate i vostri risentimenti. La presenza di Venere nel segno aprirà il cuore ai sentimenti più vivi. Conla persona amata passeretemomenti eccitanti, di perfetta sintonia sia mentale che erotica. Lasciatevi prendere dalla passione. Ecco la settimana adatta per fare unapromessa d'amore, o per aprire il cuore a chi amate, per recuperare una storia che sembrava finita. Con fascino e simpatia, centrerete tutti i vostri progetti amorosi. Il settore dei rapporti affettivi sarà molto stimolato. Se in coppia viveteun momento difficile, approfittatene per fare chiarezza una volta per tutte. Se il vostro amore funziona, approfondite ildialogo. Sotto il felice connubio di Venere e Marte, la settimana amorosa si preannuncia appassionata, ricca di soddisfazioni e conquiste (per i single). Il lato erotico del rapporto sarà molto stimolato ed eccitante. Il senso di gioia e serenità dovuto a Giove si rifletterà anche nella vita di coppia, che sarà rilassata a felice. Anche chi vive una storia complicata, troverà il modo per appianare le difficoltà. Supplemento settimanale al numero 30 del DIRETTORE RESPONSABILE DUCCIO RUGANI EDITORE EDITRICE GRAFIC COOP S.C.P.A. di giornalisti ISCRITTAALBOSOCIETÀCOOPERATIVEN A131424SEZ.MUTUALITÀPREVALENTE SEDE LEGALE Via dei Termini, Siena mail: SEDE AMMINISTRATIVA ViaP. Soriano, PERUGIA - Tel Fax REDAZIONI SIENA - Via dei Termini, 20 PERUGIA - Via P. Soriano, 63 - Tel Fax GUBBIO - Via Perugina (Centro Maddalena) CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ PUBLIKOMPASS S.p.A. PERUGIA - Via Pievaiola, 166F Tel FOLIGNO - Via Oberdan, 16 Tel TERNI - Piazza del Mercato, 8 Tel AREZZO - Via Petrarca, 4 Tel STAMPA Galeati Industrie Grafiche s.r.l. - Imola - Via Salice Galeati Perugia Industrie Grafiche s.r.l. - Perugia - Via Pievaiola 166 F-2 Registrazione Tribunale di Siena n. 574 del Iscrizione Registro Operatori di Comunicazione (ROC) n. 4635

17 Sport Prima divisione IlbrasilianoBondi èormai diventatoun beniamino della curva Nord. La vittoria di domenica riavvicina i biancorossial trenoplayoff Il Grifo batte il Como e pensa già al Monza Il mercato di gennaio ha portato quattro nuovi volti a Perugia, ma si registra anche una partenza eccellente, quella di Fabio Gatti, destinazione Vicenza. In prestito arrivano invece il difensore Orlando Urbano (classe 1984), il centrocampista centrale Filippo Forò (classe 1987), il cenrocampista Della Rocca e l esterno d attacco Giampiero Perulli (classe 1985). La rosa del Grifo è salita ora a 23 elementi. La squadra di Zaffaroni domenica ha intanto battuto il Como per 3-1, con reti di Bondi, Docente e Stamilla. I biancorossi in casa continuano a essere irresistibili, ma è fuori che va migliorato il rendimento per puntare ai play off. Ma per puntare ai play off bisogna migliorare nelle gare lontano dal Curi Vietato mollare Goleador di giornata Decisivi i due siciliani in squadra, Stamilla e il neo acquisto Docente, che al suo esordio dal primo minuto con la maglia biancorossa, ha brindato segnando sotto la Nord. E stata una grande emozione - afferma l attaccante del Perugia - prima rete e proprio davanti ai nostri tifosi. Devo dire che nel primo tempo ho sofferto la mancanza di minuti nella gambe, non giocavo infatti da quasi tre mesi, ma poi nella ripresa ho rotto il fiato e mi sono sciolto. Prima della partita avevo anche parlato con i compagni, chiedendo di cercarci di più in campo. Con Martini ad esempio abbiamo dialogato La squadra del duo Buzzi-Zaffaroni in casa continua ad essere un rullo. Novevittoriee dueparima c è da migliorare in trasferta spesso, e cercato di migliorare l intesa. A chi gli chiede se è ancora convinto della scelta del Perugia, Docente risponde così: Non avuto dubbi nel venire a giocare qui, perchè dopo tanti anni a Rimini, era giusto cambiare aria e cercare di migliorarmi. In questa squadra mi trovo bene, e poi c è il diesse Marcaccio, un mio grande estimatore, che sa come stimolarmi anche senza dire nulla.l altro goleador di giornata è stato Alessio Stamilla, felice anche per un motivo speciale: In settimana mio figlio compie gli anni e poi divento padre per la seconda volta. Nei giorni scorsi si era parlato di un mio possibile addio al Perugia, destinazione Ravenna, una proposta che non ho preso in considerazione. É difficile trovare una piazza come questa, quindi ho deciso di non muovermi. Il pensiero del centrocampista è rivolto alla partita di Monza: Non sarà facile perchè troveremo una squadra alla ricerca di punti NellafotoJayBothroydcon lamaglia dellasua squadraattuale, ilcardiff METEORE Arrivato nel luglio 2003, iniziò con 3 gol in 7 partite, poi il buio. Oggi è col Cardiff nella Premiership Jay Bothroyd, l'ariete dell'inghilterrra che in Italia non riuscì a sfondare Negli anni '90 l'esportazione di giocatori dall'inghilterra verso la serie A fu un fenomeno abbastanza diffuso: arrivarono nell'ordine David Platt, Paul Gascoigne, Paul Ince e Robbie Keane. Poi il flusso si interruppe fino al 2003: il 10 luglio Alessandro Gaucci dichiarò chiuso il mercato biancorosso con gli ultimi due colpi che rispondevano ai nomi di Jamal Alioui e di Jay Bothroyd. Dopo anni un suddito di Sua Maestà tornava a calcare i campi del Belpaese, e fu l'ultimo prima di un certo David Beckham, approdato dodici mesi fa al Milan. Bothroyd, nato il 5 maggio del 1982 a Londra, ariete di oltre un metro e novanta che ricordava in qualche modo John Carew, iniziò a giocare a calcio nelle giovanili dell'arsenal, poi a 18 anni fu venduto al Coventry per uno screzio con la dirigenza dei Gunners: aveva gettato la sua maglia contro la panchina per una sostituzione non gradita nella finale della Premier League Youth Cup del 2000 contro il West Ham. Restò al Coventry per tre anni, poi, notato da Gaucci, scelse la strada dell'italia. L'impatto con il nuovo campionato fu buono, senz'altro superiore alle aspettative: nella prima giornata del campionato , avversario il Siena, mise a segno il gol del momentaneo 2-1 (la partita finì poi 2-2). Alla sesta giornata, a Bologna segnò ancora (altro 2-2 alla fine) e così anche nel turno successivo nel 3-3 interno con l'udinese. Poi mesi di buio, in una stagione che culminerà con lo spareggio con la Fiorentina e la retrocessione del Grifo. La rete che valse però gli spareggi al Perugia, nell'ultima giornata con l'ancona, la mise a segno proprio Bothroyd. La retrocessione in serie B del Perugia coincise con l'allontanamento in prestito di Bothroyd al Blackburn. L'anno successivo - il tornò di nuovo in città ma il fallimento della società lo costrinse ancora una volta a cambiare aria. In totale, con la maglia del Grifo, collezionò 28 presenze e 4 reti. Jay approdò allora prima al Charlton, poi al Wolverhampton (12 reti in due anni), ed infine, dopo una breve parentesi allo Stoke City, alla squadra del Cardiff con la quale gioca ancora oggi e con cui, dal 2008, ha collezionato 39 presenze e dodici reti. David Barbetti

18 venerdì 5 febbraio 2010 PAGINA 15 QUI Perugia Dedico il gol ai miei due figli Non ho mai pensato di lasciare la squadra Resto e vinco con questa maglia SERIE D La formula dispazzoni: Raccogliamo i frutti del nostro lavoro Pontevecchio, una vittoria dopo l altra Denti stretti e grande determinazione anche quando le cose non vanno bene Il tecnico della Pontevecchio Spazzoni salvezza. La partita dura però novanta minuti, quindi anche se qualcosa va male non dobbiamo abbatterci ma cercare sempre di raddrizzare la gara. Perchè in trasferta soffriamo? Probabilmente ci arrendiamo troppo presto davanti alle prime difficoltà, un attegiamento che deve cambiare a partire dalla gara in brianza. Prossimo avversario Il Monza è reduce dal pari di Viareggio (0-0) un punto che consente alla Cevoli s band di muovere una classifica ancora deficitaria. I brianzoli, infatti, sono dodicesimi in classifica con 23 punti, a due sole lunghezze dal baratro dei play out. Sul prato del Brianteo i lombardi hanno fino a ora raccolto 15 punti, frutto di 4 vittorie, altrettante sconfitte e 3 pareggi. La squadra di Cevoli è una delle compagini con più sconfitte casalinghe, con 14 reti messe a segno e 16 subite. Il Monza ha la peggior difesa casalinga dell intero girone A. Alfonso Barbadoro Il calcio è fatto di episodi, alle volte favorevoli in altre occasioni meno. É la stringente teoria di Emiliano Spazzoni, tecnico della Pontevecchio in serie D, squadra arrivata alla sesta vittoria consecutiva, e contro la capolista Group Castello. Anche quando le cose andavano male - afferma Spazzoni - abbiamo continuato a lavorare con la massima tranquillità, grazie anche alla serenità che nei giorni difficili la società ci ha trasmesso. L impegno e l etica del lavoro non sono mai mancati, e adesso raccogliamo i frutti. La squadra del presidente Monsignori sta diventando l ammazzagrandi del campionato, e domenica prossima è attesa da un nuovo esame, il Gavorrano primo della classe: Contro i toscani non cambieremo atteggiamento - continua il tecnico - andremo a fare la nostra partita come sempre, con l obiettivo di vincere. Il campo potrebbe dire anche qualcos altro, ma questo è il calcio. In ogni caso vogliamo continuare a difendere il nostro sogno. La Pontevecchio si trova a metà classifica con 26 punti, dopo un avvio di stagione complicato e pieno di critiche. Sappiamo che nel calcio le critiche ci possono stare - conclude Spazzoni - ma quando da queste si passa alle prese in giro mi dispiace. Qualcuno ha cambiato idea su di noi? Può solo farmi piacere, vuol dire che siamo migliorati in tutto. Alf. Bar.

19 16 venerdì5 febbraio 2010 Zibaldone Per la pubblicazione delle Vostre lettere: - tel Le pensiline Apm un bene per la città Ma quei vandali... Negli ultimi anni Apm si è impegnata nell installazione di nuove pensiline nel servizio urbano di Perugia, che oggi sono 165. Questo investimento si inserisce nel quadro del progetto europeo Civitas Renaissance, cui APM aderisce in collaborazione con il Comune di Perugia e che tra i suoi obiettivi prevede la messa in sicurezza delle fermate. Le nuove pensiline sono state installate soprattutto in corrispondenza di istituti scolastici e in generale di nuovi punti di interesse, ad esempio nei pressi dell istituto Capitini e del centro ricreativo Borgonovo a Centova, mentre nuovi impianti di fermata sono previsti a Madonna Alta in corrispondenza degli istituti Giordano Bruno e Blaise Pascal, in via XIV Settembre per il Liceo scientifico Galilei e l Istituto tecnico per Geometri e in via del Giochetto di fronte al Centro linguistico di Ateneo. Per garantire ai nostri clienti un attesa al riparo dalle intemperie e in un ambiente confortevole, APM si impegna costantemente nella cura e nella pulizia delle pensiline, in collaborazione con Ipas, società concessionaria degli spazi pubblicitari. All interno, le pensiline Apm ospitano manifesti e locandine relativi a numerose attività ed iniziative culturali, di solidarietà, per il tempo libero e a tutela dell ambiente, diventando così un veicolo di una comunicazione socialmente responsabile in linea con i valori che da anni l Azienda persegue. Purtroppo a volte le pensiline sono oggetto di atti vandalici, cui Apm cerca di porre rimedio nel più breve tempo possibile, nella convinzione che fornire un luogo integro, pulito e decoroso per l attesa dell autobus costituisca un importante servizio da rendere alla clientela e incoraggi al rispetto per questi preziosi elementi dell arredo urbano. Come le pensiline, atti di vandalismo colpiscono anche le paline di fermata e gli autobus che, al pari di marciapiedi, panchine o giardini pubblici, sono un patrimonio di tutti, un bene comune da tutelare e rispettare. L APM di Perugia Una mamma in crisi con le tante buche dell Elce Gentile redazione, sono una neomamma e vivo ad Elce. Camminare per il quartiere con il passeggino è davvero un iimpresa. I marciapiedi lungo il Rettorato dell università sono un percorso a ostacoli tra sampietrini e buche. E scendendo dalle parte opposta alle Poste, i marciapiedi sono stretti e occupati da alberi e radici sporgenti. Io e mio figlio saremmo obbligati a camminare direttamente in mezzo alla strada. Allora, sapete che vi dico? Meglio restare a casa. Una lettrice Cara lettrice, abbiamo raccolto il suo giusto sfogo. Il fatto che in molti quartieri di Perugia strade e marciapiedi rappresentino una vera e propria corsa ad ostacoli, non fa quasi più notizia. Ma è una triste realtà prenderne atto. Marciapiedi che invece di essere aggiustati con dei profondi crateri dove ci si sloga facilmente la caviglia, vengono trafitti con i paletti blocca-sosta. Parcheggi e striscie blu che indicano la sosta a pagamento maggiorata e triplicata dal primo di gennaio, strade con ferite nell asfalto che fanno la gioia di gommisti e carrozzieri... Non va bene così. Lo sappiamo. Basta una spruzzata di neve e alla sera di ghiaccio per bloccare il traffico. Noi di QuiPerugia abbiamo sempre denunciato le magagne della città e ancora una volta lo faremo, ma per carità, non eviti di far passeggiare il suo bambino e nemmeno lei deve rinunciare a uscire di casa. Un consiglio. Prenda l autobus più vicino alla sua casa o monti nella sua macchina con il passeggino e vada al percorso verde a Pian di Massiano. E poi, se il tempo è favorevole, faccia respirare un po di aria buona al bimbo e a lei stessa. Noi le promettiamo che saremmo in prima linea a condurre le nostre battaglie per lei e per tutti i cittadini. Dalla parte del cuore oppure posta: Qui Perugia via Soriano 63, Perugia Dire o no all amica che il marito la tradisce? Caro Leonardo, sono davanti a un bivio. Circa un mese fa ho trovato il marito di una mia amica in un ristorante in atteggiamenti intimi con un'altra. Quando l'ho visto ho cercato di svicolare, ma lui mi è venuto incontro come niente fosse e mi ha trascinata al tavolo per presentarmi questa sua "collega" di un'altra filiale. Forse nella loro azienda il bacio sul collo è una forma di benvenuto... Sta di fatto che il giorno dopo la mia amica mi ha chiamata per rimproverarmi del fatto che ero uscita insieme ad altre amiche senza invitarla! Capisci? Non solo aveva creduto alla bugia del marito, ma se l'era pure presa con me. Visto che continua a rinfacciarmelo, da una parte sto seriamente pensando di dire la mia sull'argomento, dall' altra ho la tentazione di non risponderle più al telefono. Dubbiosa Cara dubbiosa, la situazione non è semplice come apparirebbe a prima vista. Spiattellando tutto alla tua amica effettivamente c è il rischio che non ti creda affatto, ma mantenere un dignitoso silenzio potrebbe darti qualche problema con la coscienza. Che dire? Una volta mi sono trovato nella tua situazione, con un amico ignaro delle distrazioni della consorte, peraltro palesate anche in pubblico. e dopo qualche dubbio ho deciso di parlargli. Da allora lui non mi ha più rivolto la parola, ma in compenso mi saluta calorosamente la sua ormai ex moglie, che si gode la vita da single. Questo per dirti che a volte dove si scontenta qualcuno magari si fa felice qualcun altro. Gentilissimo Leonardo, solo una domanda: che problemi hanno le donne? Lo chiedo perché ne vedo tante che a forza di aspettare il principe azzurro restano sole. E anche se non sono più delle ragazzine, continuano ad aspettare. Spero che la tua rubrica serva a far capire loro che la vita è una sola. Peccato non viverla! Un uomo come tanti Caro uomo come tanti, credo che per le donne, come anche per noi uomini, valga sempre il vecchio detto di non accontentarsi, a 20 come a 50 anni. Certo c è il rischio di invecchiare da soli, ma forse è meglio che farlo in cattiva compagnia. RedKaraoke.com è un sito che permette a chiunque di cantare direttamente on-line. Si tratta della più grande rete sociale per karaoke di tutto il mondo dove è possibile cantare, registrare e condividere la propria musica preferita con tutta la community. Per utilizzarlo, basta registrarsi e ricercare il pezzo sonoro che si vuol cantare: un player apposito penserà a riprodurre la base e registrare la voce. Molte le risorse offerte, con oltre 100mila brani da poter ascoltare, ma non solo. È disponibile la visualizzazione del video dell'artista prescelto, supportato dal testo; inoltre, si può cantare e registrare con microfono e, volendo, Revival di una moda che ha spopolato negli anni 90 RedKaraoke, cantanti per passione SCOMMETTI CON NOI a cura di David Barbetti MULTIPLA 6 FEBBRAIO. Con 10 euro giocati se ne possono vincere 120. (N.B.: le quote possono essere soggette a variazioni) Bologna Milan 2 (1.80) Genoa Chievo 1X (1.28) Inter Cagliari goal (1.78) Lazio Catania 1 (2.05) Udinese Napoli X2 (1.40) LE MOTIVAZIONI Genoa Chievo 1X: a Marassi di fronte due squadre reduci da una striscia positiva. I rossoblu inseguono l'europa e non possono permettersi passi falsi tra le mura amiche. La doppia chance interna per coprirsi da un eventuale segno 'X'. Bologna Milan 2: i rossoneri, dopo essere stati raggiunti dalla Roma al secondo posto, devono vincere per mettere al sicuro l'accesso diretto alla Champions. Tradizione favorevole, negli ultimi anni, in terra emiliana. Udinese Napoli X2: i friulani sono impelagati nella lotta retrocessione e ricevono un Napoli in serie utile da ormai 15 partite. La squadra di Mazzarri appare in forma e potrebbe fare bottino pieno. La doppia chance esterna è da valutare. Inter Cagliari goal: a prima vista il segno '1' sarebbe da accendere senza indugi, ma i sardi di Allegri, motivato dalla Panchina d'oro assegnatagli lunedì potrebbero mettere in difficoltà i nerazzurri. Proviamo l'opzione con una rete a testa. Lazio Catania 1: la chiusura del mercato ha consegnato a Ballardini alcuni rinforzi che potrebbero aiutare i biancocelesti ad allontanarsi dalla zona retrocessione. L'occasione è buona contro un Catania che fuori casa stenta. attivare la webcam. La ricerca delle canzoni avviene tramite il campo apposito presente, oppure si può effettuare un researching per artisti, per gruppi, per generi musicali... Come ogni rete sociale i pezzi cantati dagli utenti si possono votare, commentare e, tramite la creazione di ranking, si possono condividere con link e, chi lo volesse, c'è anche lo spazio per la realizzazione di un blog. RedKaraoke.com è un sito studiato apposta per mettere alla prova il talento e per rivelare tutte le proprie abilità con il canto, dimostrando così l'innata passione musicale. Geraldina Rindinella CHI SALE & CHI SCENDE Campionessa evergreen È stata la prima donna umbra a cimentarsi nel tiro a volo e campionessa del mondo della specialità elica. Katia Rostini Lucidi, 60 anni, è stata per questo premiata dal presidente del Coni Umbria, Valentino Conti. Corrieri insospettabili Operai, studenti, autisti. Appartengono a queste categorie i sei insospettabili arrestate questa settimana dai Nas con l accusa di spacciare hascisc e marijuana a Perugia e Corciano. A riprova che la domanda di droga resta alta.

20 Annunci venerdì5 febbraio MOTORI ALFA ROMEO mjet sportwagon automatica anno 2008 argento 16900,00 - SafiAutotipo Tel AUDI A2 1.4 TOP anno Nero metall 7400,00 - SafiAutotipo Tel AUDI A4 2.0 TDI Autogamma Tel AUDI A5 1.8 TFSI Autogamma. Tel AUDI A5 3.0 TDI V Autogamma Tel AUDI ALLROAD cv 4x4 Avant cambio automatico. Anno 2002 nera ,00 - F.lli Palomba AUDI TT ROADSTER 2.0 TFSI Autogamma. Tel BMW 120D 5 porte DPF Autogamma. Tel BMW 320D touring 150 cv anno 2002 Euro 9.400,00 Argento - F.lli Palomba - CITROEN C3 PLURIEL 1.4 hdi anno 2005 azzurro metal 8400,00 - SafiAutotipo. Tel CITROEN C3 PLURIEL 1.4 hdi exclusive anno 2005 azzurro pack thecno argento anno F.lli Palomba. DOBLÒ MALIBÙ 1.9 JTD anno ,00 - SafiAutotipo Tel FERRARI 360 modena f1 anno 2000 tratt.riservata - SafiAutotipo - Tel FIAT 500 SPORT Autogamma Tel FIAT IDEA 1.3Multijet70cv cambioautomatico. Anno Nera. Km ,00. - F.lli Palomba - FIAT IDEA multijet 1.3 cambio automatico km anno 2006 Euro 8.950,00 - F.lli Palomba. FIAT PANDA 1100 Hobby Anno Bianca ,00 - F.lli Palomba. FIAT PUNTO Euro 3.900,00 Argento in rientro - F.lli Palomba FIAT STILO 3 porte 1.9 JTD anno 2003 Euro 4.800,00 Blu - F.lli Palomba. G. PUNTO 1.3 Multijet vari anni e colori. A partire da 7500,00 - SafiAutotipo. Tel HONDA ACCORD berlina 2.2 CDTI Exclusive, fari xeno, pelle, navigatore, Honda i.pilot tetto apribile F.lli Palomba HONDA ACCORD Sport 2.2 CTDI Euro 8.600,00 anno 2004 Argento - F.lli Palomba HONDA ACCORD Tourer 2.2 IDTEC Advance i.pilot Euro ,00 Argento - F.lli Palomba. HONDA HRV 1.6 2WD 5 porte impianto GPL argento anno F.lli Palomba-Tel MERCEDES CLASSE A 160 classic nero met. anno ,00 - SafiAutotipo - Tel MERCEDES CLASSE R 280 CDI 4Matic Autogamma - Ttel Mercedes CLS Autogamma. Tel MINI COOPER S CV Antracite perfetta Km F.lli Palomba. NUOVA HONDA ACCORD Tourer Advance Exclusive 2.2 IDTEC DPF Anno Argento. km Listino: ,00 Ns prezzo: ,00 - F.lli Palomba - NUOVA HONDA JAZZ 1.2 Elegance GPL. Km F.lli Palomba NUOVA HONDA JAZZ 1.2 Elegance Km 0. Nera F.lli Palomba OPEL ASTRA 1.7 CDTI 101 cv SW Autogamma - tel OPEL ASTRA 5 porte 1.7 CTDI Cosmo 101 cv Euro 8.700,00 anno 2005 Antracite - F.lli Palomba - OPEL ASTRA GTC 1.9 CDTI 16v Autogamma - Tel OPEL CORSA 1.3 CDTI 75 cv Autogamma. Tel PANDA 1.2 Emotion nero metall. full-optional Km 5000,00 - SafiAutotipo - Tel PEUGEOT 207 HDI Autogamma Tel PORSCHE BOXSTER 2.5 benzina argento 15500,00 - SafiAutotipo Ttel PORSCHE BOXTER v Autogamma Tel RENAULT MEGANE Coach 1.6 anno 1997 Euro 1.800,00 Blu - F.lli Palomba RENAULT SCENIC 1.9 DCI anno 2001 blu metall. 4500,00 - SafiAutotipo Ttel RENAULT VEL SATIS 2.2 dci Privilège anno 2003 Euro 9.950,00 - F.lli Palomba - Tel SEAT ALTEA cv impianto a GPL Euro 7.900,00 - F.lli Palomba SEAT IBIZA 1.8T FR anno 2005 argento metall. 6200,00 - SafiAutotipo. Tel SMART PASSION 600 benz km anno 12/ ,00 - SafiAutotipo tel TOYOTA AYGO 1.0 benzina rosso Km ,00 - SafiAutotipo. Tel VOLVO C D Autogamma. Ttel PERSONALI A FOLIGNO Fantastica ragazza bionda, spagnola, 23 anni, 1.70 altezza, dolcissima ti aspetta per massaggi di vero relax AREZZO NOVITA'! Italiana bellissima esegue splendidi massaggi rilassanti, completi. Dalle 10,00 alle 20,00. Ambiente elegante. Alto livello. No anonimi BOLOGNESE Splendida morettina raffinata e dolce ti aspetta per veri massaggi indimenticabili a Perugia CITTA' DI CASTELLO Primissima volta bellissima argentina 22enne, alta, snella, raffinata per massaggi completissimi irresistibili senza fretta. Ambiente riservato DISTINTA!ITALIANA48ENNE Bella!! Inconfondibile frizzante, vivace, deliziosa, raffinata eleganza su slanciate morbide movenze, esperta in originali massaggi rilassanti vivendo inebrianti emozioni!!! Vicinanze Bastia FOLIGNO S. ERACLIO Massaggiatrice molto bella ti darà momenti indimenticabili di intenso relax, con calma senza fretta. Amb. riservato e riscaldato. No anonimi. Solo distinti FOLIGNO - ZONA S. DOMENICO Vivian, bellissimo viso, labbra dolcissime, espertissima per massaggi completissimi, lavorerò fino al 13 febbraio. Non rispondo ad anonimi NOVITA' PERUGIA Bravissima e bellissima morettina, 20 anni, esperta per un vero massaggio molto speciale senza fretta PERUGIA Bella signora mora, massaggiatrice affascinante, dolcissima, coccolona, ti aspetta per un massaggio fantasioso e dolce. Italiani. No anonimi PERUGIA Coppia trans ti aspetta per veri momenti di piacere. Disponibili tutti i giorni PERUGIA Giovane ragazzo ti aspetta per dividere con te momenti di indimenticabile relax. Ambiente riservato PERUGIA NOVITA' MILLY Brasiliana appena arrivata, 27 anni, mulatta, disponibilissima per massaggi completi e di intenso relax. Ambiente riservato e raffinato PONTE PATTOLI Bella e dolce massaggiatrice esegue massaggi completi. Massima disponibilità. Ambiente pulito e riservato PONTE SAN GIOVANNI Bellissima bambolina bassina, massaggiatrice mora 30enn, ti aspetta per massaggi di intenso relax in ambiente discreto e riservato. Per italiani gentili. Patty. Dalle ore 11 in poi. Tutti i giorni PONTE SAN GIOVANNI Massaggiatrice bella, bionda, simpatica e raffinata, 26 anni ti aspetta in ambiente riservato PONTE SAN GIOVANNI Novità trans disponibilissima bellissima giocherellona raffinata per deliziosi massaggi completissimi relax assoluto senza fretta. Per P.R. Fino a tarda notte PONTE SAN GIOVANNI Tiziana espertissima massaggiatrice, molto fine e di gran classe, veramente indimenticabile ti aspetta in ambiente riservato TERNI Carmela siciliana massaggiatrice numero uno. Sono la tua fantasia fatta realtà. Dalle 8,00 alle 22, TERNI Dolcissima bionda, occhi piccanti per massaggi piacevolissimi. Jessika TERNI Italianissima giovane del nord, massaggiatrice di classe per momenti di extra relax per italiani. Riceve in ambiente riservato TERNI Melissa, nuovissima massaggiatrice latina, bionda e indimenticabile UMBERTIDE Per pochi giorni prosperosa e affascinante massaggiatrice caraibica, molto disponibile ti aspetta in ambiente riservato ZONA SAN MARTINO IN CAMPO (PG) Giovane signora italiana ti aspetta per dolci momenti di relax. Dalle 11,00 alle 19,

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

CITIZEN SATISFACTION 2015 BIKE SHARING

CITIZEN SATISFACTION 2015 BIKE SHARING Comune di Udine CITIZEN SATISFACTION 2015 BIKE SHARING Totale risposte: 74 Totale risposte: 74 RISPOSTE KM 6 0 14 1-9 16 10-19 23 20-40 2 50 1 100 ultimamente la qualità delle bici è scesa molto sono

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

Comune di Savignano sul Panaro Consulta della frazione di Doccia. Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011

Comune di Savignano sul Panaro Consulta della frazione di Doccia. Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011 COPIA Verbale della seduta n. 03 del 19 aprile 2011 Il giorno martedì 19 aprile alle ore 20.30 presso la SALA DELLA BILIOTECA COMUNALE si è tenuta l Assemblea n.03 di Consulta della frazione DOCCIA. Fatto

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino

Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino Progetto formativo e di orientamento per attività di tirocinio relativo alla convenzione sottoscritta tra il Politecnico di Torino e l'azienda PROVINCIA DI TORINO Monitoraggio degli spostamenti casa scuola

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal

I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia. HelpedGal I.S.I.S. FERMI - MATTEI Isernia HelpedGal Classi: IV B Mattei e IV C Fermi 1. DESCRIZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE I pedoni sono tutti coloro che interagiscono con la circolazione, scegliendo di muoversi

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

La bravura vale un premio

La bravura vale un premio 02/06/2013 - PAG. 21 Giornata della scuola Assegno di 350 euro per 166 studenti La bravura vale un premio di Stefania Piccotti A PERUGIA - Centosessantasei studenti umbri premiati per il loro impegno nello

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 Sommario 1. Storia del liceo Nomescuola... 1 2. Struttura del liceo... 2 3. Piano di studi del corso diurno... 4 Corso tradizionale... 5 Corso integrativo...

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE Classe II elementare COGNOME NOME CLASSE GUIDA PER INSEGNANTI DISEGNO LA MIA STRADA a cura di: Luciano

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello

Decreto Legislativo stabilisce come valido. con la responsabilità di. catalogazione con un cartello Unità 10 La segnaletica di sicurezza CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere testi in cui si parla di sicurezza sul lavoro a conoscere parole relative alla segnaletica di sicurezza negli ambienti di

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km..

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km.. Viaggio nella bassa padana dal 17 aprile al 20 aprile 2011 Componenti : Paolo, pilota e addetto alla logistica Maria Rosa, navigatrice e addetta alla cucina Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Gruppo consigliare Lista civica BAGNACAVALLO INSIEME

Gruppo consigliare Lista civica BAGNACAVALLO INSIEME Gruppo consigliare Lista civica BAGNACAVALLO INSIEME Bagnacavallo, 15/10/2014 Alla Sig.ra Sindaco di Bagnacavallo INTERROGAZIONE AL SINDACO DI BAGNACAVALLO (Art. 44 Regolamento del Consiglio Comunale)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli