UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE, QUALITA E VALUTAZIONE UFFICIO SUPPORTO AL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL GIORNO 30 GIUGNO ORE ************** RESOCONTO SINTETICO DELLE DELIBERAZIONI ************** a cura dell Ufficio Supporto al Consiglio di Amministrazione 2

2 Il Consiglio di Amministrazione è stato convocato con lettera prot. n del 23/06/2015 con il seguente 1. Comunicazioni. ORDINE DEL GIORNO 2. Valutazione performance individuale del Direttore Generale anno Parere su proposta di composizione del Nucleo di Valutazione (art. 2 c. 4 Regolamento di funzionamento dell Organo). 4. Provvedimenti riguardanti il personale - Relazione del Presidente della Commissione Personale e organizzazione di Ateneo, Silvia Barbara Pasqua. A) Relazione integrata sulle attività di Ateneo B) Regolamenti di Ateneo. C) Personale. D) Accordi, convenzioni, centri e fondazioni. E) Nomine. F) Varie. 5. Provvedimenti riguardanti l edilizia Relazione del Presidente della Commissione Edilizia, sicurezza ed agibilità, Elio Giamello. A) Edilizia e sicurezza. B) Accordi, convenzioni, centri e fondazioni. C) Varie. 6. Provvedimenti riguardanti la didattica Relazione del Presidente della Commissione Studenti e diritto allo studio, Sara Vallerani. A) Regolamenti di Ateneo. B) Studenti. C) Corsi post lauream e di formazione e aggiornamento professionale. D) Accordi, convenzioni, centri e fondazioni. E) Varie. 7. Provvedimenti riguardanti il bilancio e la programmazione Relazione del Presidente della Commissione Bilancio e programmazione, Giacomo Büchi. A) Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario 2015 Biblioteche. B) Accordi, convenzioni, centri e fondazioni. C) Contratti. D) Provvedimenti contabili. E) Varie. 8. Ratifiche Decreti Rettorali d urgenza. 9. Varie ed eventuali. *********** 3

3 Nel seguito il resoconto sintetico dei principali argomenti discussi e delle deliberazioni assunte. I. - COMUNICAZIONI 6/2015/I/1 Il Rettore fornisce le seguenti comunicazioni: FFO 2015 E stato pubblicato il D.M. 8 giugno 2015, n. 335, Criteri di ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO) per l anno 2015, ora in corso di registrazione alla Corte dei Conti. Nel seguito alcune considerazioni in merito al contenuto del decreto ministeriale. Quota base FFO (80%) La dotazione complessiva diminuisce passando a 4,8 miliardi contro i 4,9 del Aumentano le risorse ripartite sulla base del peso degli atenei nel costo standard (25% della quota base contro il 20% del 2014 pari a 1,2 miliardi contro 982 milioni) mentre diminuiscono le risorse ripartite sulla base di criteri storici (3,6 miliardi contro 3,9 del 2014 pari al 75% della quota base). L effetto per UniTo dovrebbe essere positivo per quanto riguarda la quota assegnata sulla base del peso degli atenei nel costo standard (sia per la maggiore quantità di risorse ripartite, sia per il peso di UniTo sul sistema, superiore al peso dell ateneo sulla quota storica ); per quanto riguarda, invece, la quota assegnata su base storica il permanere di una quota rilevante è negativo per UniTO in quanto il peso dell ateneo su base storica è più basso di quello che lo stesso ateneo avrebbe adottando un qualunque indicatore dimensionale). Quota premiale (20%) La dotazione complessiva aumenta: 1,38 miliardi contro 1,2 del I criteri per la ripartizione passano da 3 a 4: oltre al peso degli atenei nella VQR (65% della quota premiale), nel reclutamento (20% della quota premiale) e nell internazionalizzazione della didattica (7% della quota premiale), viene introdotto il peso degli atenei nel numero di studenti regolari 2013/14 che abbiano acquisito almeno 20 CFU nel 2014 (8% della quota premiale). Nonostante il peso della VQR sul totale della quota premiale diminuisca, le risorse ripartite con essa aumentano (arrivano a 900 milioni contro gli 850 del 2014); aumentano le risorse per il reclutamento (277 milioni contro 243); diminuiscono le risorse per l internazionalizzazione della didattica (96 milioni contro 121) mentre sono 110 i milioni assegnati sulla base del peso degli atenei nel numero di studenti regolari. L effetto per UniTO sulla quota premiale dovrebbe essere complessivamente positivo. Intervento perequativo L assegnazione è la stessa del 2014 (105 milioni), suddivisa sempre in 3 parti: quota per sedi di ex policlinici, quota di salvaguardia e quota di accelerazione. Come nel 2014 UniTo non fruirà delle assegnazioni per ex policlinici e di quelle per la quota di salvaguardia. La scelta di limitare la perdita massima al 2% del FFO 2015 rispetto al 2014 (mentre nel 2014 il tetto era - 3,5%) ha comportato la destinazione di maggiori risorse 4

4 alla quota di salvaguardia, risorse sottratte a quelle disponibili per l accelerazione. Questa decisione dovrebbe quindi comportare una minore assegnazione all ateneo. Interventi previsti da disposizioni legislative Borse post lauream/dottorato L assegnazione per le borse post lauream diminuisce: quasi 117 milioni contro i 148 del 2014, circostanza che dovrebbe comportare per l Ateneo una minore assegnazione. Incentivi per chiamate docenti esterni all Ateneo L art. 5 del decreto prevede, altresì, incentivi per chiamate di docenti esterni all Ateneo, trasferimenti di ricercatori e chiamate dirette ai sensi della L. 230/2005. Gli interventi di cofinanziamento sono riservati agli Atenei che nel quadriennio (prendendo in considerazione le assunzioni in servizio fino al ) abbiano impiegato almeno il 20% dei Punti Organico destinati all assunzione di professori e soggetti esterni all Ateneo ai sensi dell art. 18, comma 4 della L. 240/2010. Per gli interventi di cofinanziamento per le chiamate dirette ogni università può formulare richieste entro il pertanto, eventuali richieste dei dipartimenti dovranno essere deliberate entro l inizio di settembre In considerazione della scadenza del 22 settembre 2015 e delle date delle riunioni degli Organi Collegiali nel mese di settembre 2015, si procederà a deliberare l inoltro delle proposte al Ministero mediante l emanazione di un decreto d urgenza. Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Stefania Giannini ha firmato il decreto con i criteri di cui l ANVUR dovrà tenere conto per la Valutazione della qualità della ricerca (VQR) nel quadriennio Fra le novità, ciascun ricercatore dovrà presentare da un minimo di 2 a un massimo di 4 lavori, a seconda dell area disciplinare di riferimento. Il processo di valutazione sarà avviato con apposito bando del Presidente dell ANVUR e si concluderà con la pubbblicazione dei risultati entro il 31 ottobre Tre saranno i profili di qualità che incideranno, con peso differenziato, sul giudizio finale dei valutatori: qualità complessiva della ricerca (75%), qualità della ricerca prodotta da neoassunti o da neopromossi nel periodo (20%), profilo di competitività e attrattività della ricerca (5%). La valutazione sarà affidata a Gruppi di Esperti che utilizzeranno due metodologie: informazioni bibliometriche o peer-review. PALAZZO NUOVO L Ateneo in data 11/6/2015 ha richiesto una ulteriore proroga di 30 giorni allo Spresal ASL TO1 per adempiere alle prescrizioni n. 1 e 2 rilevate con verbale del 23 aprile In data 29/5/2015 con apposito verbale Spresal ha comunicato la rimozione della misura prescrittiva della stanza E21 del V piano in quanto l esame chimico-fisico del campione di mastice prelevato nel fan coil ha evidenziato assenza di amianto. In data 7 luglio il Rettore incontrerà il dirigente dello Spresal ASL TO1 al fine di verificare il corretto adempimento della prescizione n. 1 il cui termine ultimo è rideterminato al 12/7/2015. L Amministrazione ha programmato quanto segue: 5

5 Intervento AFFIDAMENTO IMPORTO LAVORI Lavori QE PIANO LAVORO PRESENTAZIONE ALLEST. CANTIERE VISITA SPRESAL X AVVIO CANTIERE FINE LAVORI BONIFICA VISITA SPRESAL ARPA SCALA 3 Lato C.so San Maurizio SCALA 1 Lato Via Verdi firmato verbale di somma urgenza il 26/05/2015 Impresa ECAM , ,00 26/06/2015 (Visita) 28/05/ /06/ /06/2015 (Avvio) provvisorio provvisorio firmato verbale di somma urgenza il 26/05/2015 Impresa ECAM 28/05/2015 SCALA 2 Centrale Impresa ECAM , ,96 16/04/ /05/ /05/ /06/ /06/2015 PAVIMENTAZIONI VINILICHE **** AULE 1 PIANO LATO Via Roero di Cortanze* firmato verbale di somma urgenza il 16/6/2015 impresa TECKNOAMBIENTE SRL , ,72 29/06/2015 CLA* + CNR AULE 1 PIANO LATO Via Sant'Ottavio** Biblioteche** Uffici *** firmato verbale di somma urgenza il 22/6/ ,00 Entro il 01/07/2015 avvio gara 17/06/2015 scadenza 29/06/2015 apertura buste 30/06/2015 affidamento entro 03/07/ , ,66 Decreto Dirigenziale del ritiro n del 25/06/ , ,21 * Verbale di somma Urgenza **Procedura negoziata *** Procedura aperta ****Libri La seduta del Consiglio di Amministrazione fissata per il giorno 29 settembre 2015, ore 15.00, viene anticipata a lunedì 28 settembre 2015, ore Il Consiglio di Amministrazione prende atto. II. - VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE DEL DIRETTORE GENERALE ANNO /2015/II/1 - Valutazione Performance Individuale del Direttore Generale Anno Il Consiglio di Amministrazione conferma la valutazione della performance individuale del Direttore Generale, anno 2014, proposta dal Nucleo di Valutazione. 6

6 III. - PARERE SU PROPOSTA DI COMPOSIZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE (ART. 2 C. 4 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANO). 6/2015/III/1 - Parere su proposta di composizione del Nucleo di Valutazione (art. 2 c. 4 - Regolamento di funzionamento dell Organo). Il Consiglio di Amministrazione esprime parere favorevole alla designazione dei seguenti componenti del Nucleo di Valutazione di Ateneo: Componenti esterni Dott.ssa Paola Carlucci; Dott.ssa Paola Galimberti; Prof. Marco Li Calzi; Prof. Matteo Turri. Componenti interni Prof. Silvia Perotto; Prof. Andrea Schubert. IV. - PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI IL PERSONALE - RELAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE PERSONALE E ORGANIZZAZIONE DI ATENEO, SILVIA BARBARA PASQUA. A) RELAZIONE INTEGRATA SULLE ATTIVITÀ DI ATENEO /2015/IV/1 - Relazione integrata sulle attività di Ateneo Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare la Relazione integrata sulle attività di Ateneo 2014, organizzata in Relazione sui risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico, nonché sui finanziamenti ottenuti (Legge 1/2009); Relazione sulla performance (D.lgs. 150/2009). B) REGOLAMENTI DI ATENEO. 6/2015/IV/2 - Modifiche al Regolamento di funzionamento di dipartimento Il Consiglio di Amministrazione esprime parere favorevole in relazione all approvazione delle modifiche agli artt. 9 e 16 del Regolamento di funzionamento del Dipartimento, così come nel seguito riportate: a) per l articolo 9 l inserimento ex novo del comma 13 che recita: Il Coordinatore EP del Centro di Servizi del Dipartimento (CSD) partecipa, senza diritto di voto, laddove non sia stato eletto, alle sedute del Consiglio, al fine di garantirne un adeguato supporto di natura tecnica e amministrativa. Nel caso dei Coordinatori EP dei Centri di Servizi Comuni (CS) serventi più dipartimenti, tale partecipazione si estende ai Consigli di tutti i dipartimenti costituenti il Centro di Servizi Comune; 7

7 b) per l articolo 16 l inserimento ex novo del comma 8 che recita: Il Coordinatore EP del Centro di Servizi del Dipartimento (CSD) partecipa, senza diritto di voto, laddove non sia stato eletto, alle sedute della Giunta, al fine di garantirne un adeguato supporto di natura tecnica e amministrativa. Nel caso dei Coordinatori EP dei Centri di Servizi Comuni (CS) serventi più dipartimenti, tale partecipazione si estende alle Giunte di tutti i dipartimenti costituenti il Centro di Servizi Comune. C) PERSONALE 6/2015/IV/3 - Stato avanzamento lavori Progetto di rifunzionalizzazione della Biblioteca Graf. Il Consiglio di Amministrazione delibera di posticipare i termini per la presentazione al Consiglio di Amministrazione dei risultati del gruppo di lavoro, ridefinendo la scadenza per novembre /2015/IV/4 - Fondo di Ateneo per la premialità di professori e ricercatori, ai sensi dell art. 9 della Legge 30/12/2010, n. 240 e dell art. 1, comma 16 della Legge 4/11/2005, n Il Consiglio di Amministrazione delibera di imputare alla voce di costo COAN CA.IC.C Premalità art. 9 L. 240/2010 docenti e ricercatori T.I. lordo la somma che risulta disponibile sulla voce di costo COAN CA.IC.C Competenze accessorie docenti e ricercatori T.I. lordo, pari a ,27 - somma che residua a seguito dell avvenuta liquidazione dell incentivo una tantum ai beneficiari aventi diritto. 6/2015/IV/5 SIR (Scientific Independence of young Researchers) 2014: autorizzazione all attivazione della chiamata diretta ed alla stipula di contratti da RTD ex art. 24, lett a) L.240/ autorizzare l attivazione della chiamata diretta, ai sensi dell art. 1 comma 9 della L. 230/2005, formulando specifica proposta al MIUR, ai fini dell acquisizione del necessario nulla osta per la stipula dei contratti da Ricercatore a tempo determinato, ex art. 24 co. 3 lett a) L 240/2010, della durata di tre anni, con i Responsabili Scientifici dei progetti finanziati nell ambito del SIR 2014: Dott.ssa Francesca Garbarini, Dott.ssa Chiara Lasagni. 2. autorizzare la stipula dei relativi contratti, previa emissione, da parte del MIUR, del Decreto di ammissione al finanziamento; 3. autorizzare, nel caso in cui non si riesca ad acquisire il nulla osta del MIUR in tempo utile per l inizio dell attività di ricerca, l inserimento, nei contratti di cui al punto 2, di una clausola risolutiva per l ipotesi in cui il MIUR non conceda il nulla osta; 4. precisare che la copertura finanziaria per la stipula dei contratti è a totale carico del finanziamento SIR (Scientific Independence of young Researchers)

8 6/2015/IV/6 - Linee di indirizzo per la programmazione del personale docente per gli anni : principi generali. Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare i seguenti principi generali per la programmazione del personale docente anni : che il Consiglio di Amministrazione annualmente definisca: - la quota di punti organico da utilizzare rispetto al totale dei punti organico assegnati, - l articolazione dell utilizzo dei punti organico tra i diversi ruoli. i principi generali che costituiranno la base su cui verranno definite le Linee di indirizzo per la programmazione del personale docente per gli anni come segue: 1. Programmare l utilizzo dei punti organico in tre quote così articolate: - 30% strategie di Ateneo su proposta del Rettore, - 50% sulla base del merito in relazione alla valutazione della qualità di ricerca e di didattica, - 20% per riequilibrio o turn over. 2. Riconoscere una crescente valenza alla qualità della ricerca e della didattica; 3. Stimolare ogni singolo Dipartimento a migliorare le proprie performance sulla base del posizionamento del Dipartimento medesimo nella valutazione VQR; 4. Promuovere le opportunità di carriera del personale a tempo determinato sulla base di considerazioni legate al merito e alle strategie dell Ateneo; 5. Promuovere le opportunità di carriera di giovani talenti vincitori di programmi di ricerca nazionali o internazionali; 6. Perseguire una politica di Ateneo che tenda a ridurre l età media del personale docente, particolarmente nella fascia dei professori associati ed ordinari anche allo scopo di promuovere un ciclo formativo di ricerca e didattico con rapporto costo/efficacia favorevole per l Ateneo; 7. Ponderare l assunzione mediante utilizzo di punti organico di Ateneo di nuovi ricercatori a tempo determinato tra categoria a) e categoria b) nel quinquennio; 8. Considerare un piano di riequilibrio a scadenza bi-annuale che tenga conto anche delle dinamiche legate all offerta didattica. 9. Programmare il reclutamento di professori esterni all Ateneo (quota 20% L.240/2010) in modo coerente con i principi generali enunciati nei punti precedenti. 10. Definire che i criteri di cui ai punti precedenti dovranno essere utilizzati dai Dipartimenti anche ai fini dell utilizzo dei punti organico al loro interno. 6/2015/IV/7 - Avvio di procedure di selezione per Ricercatore a tempo determinato, art. 24, comma 3, lettera b), Legge 240/2010. Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare l attivazione delle procedure di selezione per ricercatori a tempo determinato tipologia b) ai sensi dell art. 24 comma 3 lettera b) della Legge 240/2010, come da proposta. 9

9 6/2015/IV/8 - Richiesta di attivazione di procedure di chiamata di professori ai sensi dell art. 24, comma 6, della Legge 240/2010 Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare l attivazione delle procedure per le chiamate di professori ai sensi dell art. 24 comma 6 della Legge 240/2010, come da proposta. 6/2015/IV/9 - Proroghe ricercatori a tempo determinato tipologia a). Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare le proroghe dei contratti di Ricercatore a tempo determinato ai sensi dell art. 24, comma 3, lettera a) L. 240/2010, per la durata di 24 mesi, come da proposta. 6/2015/IV/10 - Proposte di chiamata di professori di prima e di seconda fascia ai sensi degli artt. 18 e 24 comma 6 della Legge 240/2010. Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare le proposte di chiamata di professori di prima e di seconda fascia ai sensi degli artt. 18 e 24 comma 6 della Legge 240/2010, come da proposta. La nomina in ruolo decorrerà dal /2015/IV/11 - Piano concorsi assegnazione straordinaria associati 2011 e 2012 procedure ex art. 24 comma 6 della Legge 240/2010. Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare l avvio di procedure ai sensi dell art. 24 comma 6 della Legge 240/2010, secondo lo schema riportato nella proposta. 6/2015/IV/12 - Richiesta di proroga di contratto personale tecnico amministrativo a tempo determinato - Direzione Sviluppo Organizzativo, Innovazione e Servizi Bibliotecari. Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare la richiesta avanzata dalla Direzione Sviluppo Organizzativo, Innovazione e Servizi Bibliotecari di autorizzazione alla proroga di un contratto per un periodo di 20 mesi (dal al ) a personale tecnico amministrativo cat. C area biblioteche con orario di lavoro a tempo pieno, per la realizzazione di un progetto miglioramento servizi. D) ACCORDI, CONVENZIONI, CENTRI E FONDAZIONI 6/2015/IV/13 - Convenzione tra l Università degli Studi di Torino Dipartimento Neuroscienze Rita Levi Montalcini e Fondazione Adoperesse per il finanziamento di un posto di Ricercatore a tempo determinato, ai sensi dell art. 24, comma 3 lettera a) della Legge 240/2010, s.s.d. MED/26 Neurologia e conseguente avvio di procedura di selezione. 1. approvare la Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e la Fondazione Adoperesse per il finanziamento di un contratto, della durata di tre anni, di Ricercatore a tempo determinato, ai sensi dell art. 24, comma 3 lettera a) della Legge 240/2010 destinato al settore concorsuale 06/D6, settore scientifico disciplinare MED/26 Neurologia ; 10

10 2. stabilire che la Convenzione sia sottoscritta dopo il perfezionamento della fideiussione bancaria; 3. approvare l avvio di n. 1 procedura di selezione, pervenuta dal Dipartimento di Neuroscienze R.L.Montalcini (C.d.D. del ), finalizzata all attribuzione di un contratto a tempo determinato di cui alla lettera a) dell art. 24, comma 3 della Legge 240/2010, settore concorsuale 06/D6, settore scientifico disciplinare MED/26 Neurologia, finanziata dalla Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e la Fondazione Adoperesse. 6/2015/IV/14 - Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e l Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, ai sensi dell art. 6, comma 11 della Legge n. 240/2010. Prof. Alberto Lerda: ulteriore rinnovo per l anno accademico 2015/2016. Il Consiglio di Amministrazione fa proprio il parere espresso dalla Commissione Personale e organizzazione di Ateneo, dichiarandosi non a favore del rinnovo della convenzione di cui in titolo in quanto il co-finanziamento proposto dal Dipartimento, quantificato in ,00, appare non sufficiente, lasciando un onere elevato (stimato in 106,000 euro) a carico dell'ateneo. Il Consiglio di Amministrazione suggerisce quindi al Dipartimento di sperimentare nuove forme di cooperazione con l Università del Piemonte Orientale, avvalendosi per esempio dell istituto del Consorzio fra Atenei previsto dalla Legge 240/2010. E) NOMINE 6/2015/IV/15 - Designazione rappresentanti dell Università degli Studi di Torino nel Consiglio di Amministrazione della Società SAA S.c.ar.l. Il Consiglio di Amministrazione delibera di designare i Proff. Giacomo Büchi e Giancarlo Francesco Ruffo, l Avv. Carlo Majorino, la Dott.ssa Vilma Angela Garino, quali rappresentanti dell Università di Torino nel Consiglio di Amministrazione della Società SAA S.c.ar.l., in costanza dell oggetto sociale e delle finalità istituzionali della società medesima. V. - PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI L EDILIZIA RELAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EDILIZIA, SICUREZZA ED AGIBILITÀ, ELIO GIAMELLO. A) EDILIZIA E SICUREZZA 6/2015/V/1 - Lavori di sopraelevazione del padiglione F.I.O. 86 presso l edificio denominato C.O.E.S. (Centro Oncologico Ematologico Subalpino) Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista di Torino. Approvazione perizia di variante e suppletiva n. 1. Il Consiglio di Amministrazione, delibera di: 11

11 1. rinviare alla prossima seduta ogni decisione in merito all argomento in oggetto per un supplemento di istruttoria; 2. prevedere l audizione del Direttore della Direzione competente e del Responsabile del Procedimento, previa presentazione di una relazione da parte del RUP che attesti la validità e la congruenza della richiesta di perizia di variante e suppletiva n. 1. 6/2015/V/2 - Ristrutturazione dell edificio ex Lavanderie sede di Orbassano per la destinazione di nuovi spazi alla didattica e alla ricerca. Approvazione progetto esecutivo lavori di consolidamento strutturale. 1) approvare il progetto esecutivo per la realizzazione degli interventi di consolidamento strutturale presso le ex Lavanderie, sede di Orbassano, per la destinazione di nuovi spazi alla didattica e alla ricerca; 2) dare atto che le opere di cui al punto 1 sono complementari (ai sensi dell art. 57, comma 5 lett. a, D.lgs. 163/2006) a quelle affidate tramite il contratto per i lavori di ristrutturazione dell edificio ex Lavanderie, rep. n. 3715, stipulato in data 23/10/2013 con il Raggruppamento Temporaneo d Imprese C.S.G. COSTRUZIONI s.r.l. / CHIAVAZZA s.r.l., avente sede legale in Castelrosso Chivasso (TO) Via Casale 61/A; 3) dare atto del quadro economico di spesa dei lavori complementari; 4) autorizzare l affidamento al Raggruppamento Temporaneo d Imprese C.S.G. COSTRUZIONI s.r.l. / CHIAVAZZA s.r.l., avente sede legale in Castelrosso Chivasso (TO) Via Casale 61/A, tramite apposito atto aggiuntivo al contratto principale; 5) dare atto che l esecuzione dei lavori complementari comporta un aumento dei termini contrattuali previsti di 120 giorni. 6/2015/V/3 - Dipartimento di Scienze Mediche, piano secondo padiglione giallo, via Genova Torino. Realizzazione sistema di comunicazione e segnalazione ottico luminosa con funzioni di comunicazione bidirezionale e sistema tv con funzioni di hospitality. Approvazione progetto definitivo/esecutivo. 1. approvare il progetto definitivo / esecutivo per il rifacimento degli impianti dei sistemi di comunicazione e segnalazione presso il reparto di Medicina Interna Universitaria ad Indirizzo Speciale, sito all interno dell Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino - Ospedale Molinette, C.so Bramante Torino; 2. approvare il relativo quadro economico di spesa; 12

12 3. autorizzare, per l affidamento dei lavori in argomento, l indizione di una procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara, con criterio di aggiudicazione dell offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 e 125 del D-Lgs. 163/2006 e s.m.i.). 6/2015/V/4 - Manutenzione ordinaria delle Aree Verdi degli stabili universitari a tutto il 30/06/ Approvazione documentazione progettuale ed autorizzazione procedura negoziata. 1. approvare la documentazione progettuale predisposta per l esecuzione della manutenzione ordinaria delle aree verdi degli edifici universitari a tutto il 30/06/2016, dando atto del quadro economico di spesa; 2. autorizzare, per l affidamento degli interventi in argomento, l indizione di una procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara, con criterio di aggiudicazione al prezzo più basso determinato mediante ribasso sull importo a corpo posto a base di gara, al netto degli oneri per l attuazione dei piani di sicurezza, previa individuazione delle offerte anormalmente basse (art. 122, comma 7; art. 82, comma 2, lett. b) prima parte e art. 86 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.), mediante ricorso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione. 6/2015/V/5 - Progetto MEF-Agenzia del Demanio Proposta Immobili 2015 Invito agli enti territoriali e agli altri soggetti del settore pubblico a proporre immobili di proprietà da valorizzare e alienare. Il Consiglio di Amministrazione prende atto condividendo l iniziativa intrapresa dalla Direzione Patrimonio, Approvvigionamenti e Logistica di chiedere al Ministero dell Economia e delle Finanze e all Agenzia del Demanio di poter aderire, senza vincolo alcuno, alla selezione delle candidature. VI. - PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI LA DIDATTICA RELAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE STUDENTI E DIRITTO ALLO STUDIO, SARA VALLERANI. A) REGOLAMENTI DI ATENEO. 6/2015/VI/1 - Regolamento Tasse e Contributi a.a. 2015/ approvare il Regolamento Tasse e Contributi a.a ; 2. confermare che, nel caso in cui la contribuzione studentesca superi il limite del 20% del F.F.O., l Ateneo impiegherà l eccedenza per aumentare e/o migliorare i servizi agli studenti; 3. approvare le seguenti quote da assegnare al dipartimento capofila di Culture Politiche e Società, a valere sull esercizio finanziario 2016: per il Corso di laurea Magistrale in Politiche e Servizi Sociali: mantenimento della quota dell a.a.2014/15 di 100 euro / iscritto; 13

13 per il Corso di laurea Triennale in Servizio Sociale, sede di Torino: aumento da 100 a 130 euro / iscritto; per il Corso di laurea Triennale in Servizio Sociale, sede di Biella: aumento da 100 a 250 euro / iscritto; 3. stabilire che al dipartimento capofila siano assegnate le seguenti somme a valere sull esercizio finanziario 2016: 850,00 per ogni studente che si immatricolerà al corso di laurea in Ottica Optometria e 500,00, per ogni studente che si iscriverà a tale corso ad anni successivi al primo. 350,00 per ogni studente iscritto al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina Veterinaria (ex D.M. 270/2004), al corso di laurea specialistico a ciclo unico in Medicina Veterinaria (ex D.M. 509/99) e al corso di laurea in Medicina Veterinaria ante D.M. 509/99; 4. stabilire che i seguenti contributi aggiuntivi saranno assegnati alle strutture didattiche di riferimento: contributi per servizi aggiuntivi; quote aggiuntive per i corsi di laurea attivati presso la Scuola Universitaria Interdipartimentale in Scienze Motorie definite nel presente Regolamento; quota aggiuntiva per il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali definita nel presente Regolamento; quote aggiuntive per il corso di laurea in Management dell informazione e comunicazione aziendale gestito della S.A.A./S.C.A.R.L. e alla stessa verranno assegnate le quote aggiuntive definite nel presente Regolamento; 5. dare mandato agli uffici di adeguare gli importi della contribuzione e le formule di calcolo della seconda rata, presenti nel regolamento tasse e contributi, sulla base della seguente ipotesi: - spostamento del limite ISEE della prima fascia a euro e riduzione di euro 28 per tutte le fasce basse sino al limite ISEE , con adeguamento ISTAT (pari a 1,3% pari a 28 euro sulla fascia massima) per ISEE a partire da euro; nessun aumento sulla prima rata; 6. il presente Regolamento entrerà in vigore a partire dall a.a con la data di emanazione del Decreto Rettorale di attuazione. 6/2015/VI/2 - Regolamento didattico della Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Respiratorio ivi compresi gli obiettivi formativi ed i percorsi formativi per ciascun anno di corso. Il Consiglio di Amministrazione esprime parere favorevole in merito al testo del Regolamento didattico della Scuola di Specializzazione in Malattie dell apparato respiratorio, ivi compresi gli obiettivi formativi e i percorsi formativi per ciascun anno di corso. 6/2015/VI/3 - Modifica al Regolamento didattico delle Scuole di Specializzazione in Chirurgia Vascolare, Medicina fisica e riabilitativa e Medicina del lavoro. Il Consiglio di Amministrazione esprime parere favorevole in merito alle modifiche al testo del Regolamento didattico delle Scuole di Specializzazione in Chirurgia Vascolare, Medicina fisica e riabilitativa e Medicina del lavoro. 14

14 B) STUDENTI. 6/2015/VI/4 Scadenze amministrative a.a. 2015/2016. Il Consiglio di Amministrazione prende atto delle scadenze amministrative, per l anno accademico , che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di studio, fatta eccezione per i corsi di studio delle Scuole di Specializzazione, i Corsi di Perfezionamento, i Master e i Dottorati di Ricerca per i quali si fa riferimento a specifiche disposizioni. C) CORSI POST LAUREAM E DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE 6/2015/VI/5 Master universitario di I livello in ICT e progettazione avanzata (biennale) del Dipartimento di Informatica Richiesta attivazione a.a approvare l attivazione, per l anno accademico , del Master universitario di I livello in ICT e progettazione avanzata (biennale) del Dipartimento di Informatica; 2. stabilire che: - il contributo a carico degli studenti e destinato al bilancio di ateneo non è dovuto, così come previsto dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26/05/2015; - l utile di Ateneo è calcolato in misura del 7%, così come definito dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26/05/2015; 3. dare mandato alla Direzione Didattica e Servizi agli Studenti di richiedere al Dipartimento interessato le eventuali modifiche alla documentazione del Master in parola evidenziate dal Gruppo di lavoro per l esame dei corsi di perfezionamento, dei master e dei corsi di formazione e aggiornamento professionale e necessarie ai sensi della normativa nazionale e d Ateneo vigente. D) ACCORDI, CONVENZIONI, CENTRI E FONDAZIONI. 6/2015/VI/6 Convenzione tra l Università degli Studi di Torino e il Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente COREP per la collaborazione allo svolgimento di Corsi di Master, Corsi on line e attività connesse. 1. approvare la convenzione tra l Università degli Studi di Torino e il Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente COREP per la collaborazione allo svolgimento di Corsi di Master, Corsi on line e attività connesse; 2. autorizzare sin d ora il Rettore ad apportare eventuali modifiche e/o integrazioni di carattere non sostanziale che si rendessero necessarie in sede di sottoscrizione. 15

15 6/2015/VI/7 Approvazione rinnovo accordo di cooperazione accademica tra l'università degli Studi di Torino - Dipartimento di Culture Politiche e Società e l Université Lumière Lyon2 - Facoltà di Scienze Economiche e di Gestione e Facoltà di Scienze Politiche per la realizzazione di un percorso di studio internazionale d ateneo, da attuarsi tramite un programma di mobilità incoming e outgoing, nell ambito del corso italiano volto al rilascio del titolo di laurea magistrale in Scienze del Governo LM-62 e dei corsi francesi in Histoire des Théories économiques et sociales oppure in Sociologie politique volti al rilascio dei rispettivi titoli di Master approvare il rinnovo dell accordo specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio a livello di laurea magistrale tra l Università degli Studi di Torino e l Université Lumière Lyon 2 (Francia), autorizzando il Rettore a sottoscriverlo; 2. nominare, quale referente scientifico della collaborazione, la Prof.ssa Manuela Albertone. 6/2015/VI/8 Approvazione accordo specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio a livello di laurea triennale tra l Università degli Studi di Torino - Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, e la Russian National Research Medical University Pirogov - Facoltà Medico- Biologica (Russia). 1. approvare l accordo Specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio a livello di laurea magistrale tra l Università degli Studi di Torino e la Russian National Research Medical University Pirogov (Russia), autorizzando il Rettore a sottoscriverlo; 2. nominare, quali referenti scientifici della collaborazione, la Prof.ssa Silvia Perotto e il Prof. Giorgio Gribaudo. 6/2015/VI/9 Proposta approvazione accordo specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio di Master di I livello tra l Università degli Studi di Torino (UniTO) - Dipartimento di Management, e l Università di Tirana (UniTI) - Facoltà di Economia (Albania). 1. approvare l Accordo Specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio di Master di I livello tra l Università degli Studi di Torino e l Università di Tirana (Albania), autorizzando il Rettore a sottoscriverlo; 2. nominare, quale referente scientifico della collaborazione, il Prof. Valter Cantino. 16

16 6/2015/VI/10 Proposta approvazione accordo specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio di Master di I livello tra l Università degli Studi di Torino (UniTO) - Dipartimento di Management, e l Università di Tirana (UniTI) - Facoltà di Economia (Albania). 1. approvare l Accordo Specifico per la realizzazione di un percorso di studi internazionale volto al rilascio di un doppio titolo di studio di Master di I livello tra l Università degli Studi di Torino e l Università di Tirana (Albania), autorizzando il Rettore a sottoscriverlo; 2. nominare, quale referente scientifico della collaborazione, il Prof. Valter Cantino. VII. - PROVVEDIMENTI RIGUARDANTI IL BILANCIO E LA PROGRAMMAZIONE RELAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE BILANCIO E PROGRAMMAZIONE, GIACOMO BÜCHI. A) RIPARTIZIONE DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO 2015 BIBLIOTECHE 6/2015/VII/1 - Ripartizione del Fondo di Finanziamento Ordinario 2015 Biblioteche. Il Consiglio di Amministrazione delibera di destinare: 1. la quota di per il fondo di finanziamento ordinario da distribuire secondo il modello e i criteri approvati dal Senato Accademico del 29 giugno 2015, così come riportato nella proposta; 2. la quota di da distribuire come finanziamento premiale nel modo seguente: Biblioteca Interdipartimentale di Scienze Agrarie e Veterinarie Biblioteca N. Bobbio Biblioteca di Economia e Management B) ACCORDI, CONVENZIONI, CENTRI E FONDAZIONI. 6/2015/VII/2 - Disattivazione di alcuni Centri Interuniversitari dell Università degli Studi di Torino per cessata attività 1. prendere atto della mancata attivazione dei seguenti Centri Interuniversitari: Centro Interuniversitario Giorgio Sisini ; Centro Interuniversitario di Museologia e Sistematica Mineralogiche - CIMSM; 2. prendere atto della disattivazione per cessata attività dei Centri Interuniversitari di seguito riportati con sede amministrativa presso altro Ateneo: Centro Interuniversitario di Geoparemiologia (sede amministrativa Università degli Studi di Firenze); 17

17 Centro Interuniversitario per lo Studio del tema Simbolo, Conoscenza e Società (sede amministrativa Università degli Studi di Siena); Centro Interuniversitario in Comunicazione Politica - CICOP (sede amministrativa Università degli Studi di Perugia); Centro Interuniversitario Progetto, Costruzione, Qualità - PCQ (sede amministrativa Università Politecnica delle Marche); Centro Interuniversitario di Studi dei Processi Interculturali nel Mediterraneo Orientale - PRIMO (sede amministrativa Università degli Studi di Pisa); 3. disattivare per cessata attività il Centro Interuniversitario di Ontologia Teorica ed applicata - CTAO sulla base di quanto deliberato dal Dipartimento di Filosofia e Scienze dell Educazione dell Università degli Studi di Torino, sede amministrativa del Centro medesimo; 4. prendere atto del mancato rinnovo della Convenzione Istitutiva del Centro Interuniversitario Rete Interuniversitaria per l Astronomia e l Astrofisica - R.I.A.A., con sede amministrativa presso l Università degli Studi di Trieste, e della sua conseguente disattivazione. 6/2015/VII/3 - Adesione Università di Torino Associazione EERA (European Energy Research Alliance). 1. aderire all Associazione EERA, European Energy Research Alliance, associazione accademica indipendente che si occupa di coordinare le attività di ricerca e sviluppo tecnologico/innovazione nel campo delle energie rinnovabili e aumentare i finanziamenti per la ricerca di base e allineare le priorità di ricerca a livello nazionale ed europeo; 2. autorizzare il pagamento della quota di 3.000,00 annui quale quota di adesione all Associazione EERA di cui al punto precedente. 6/2015/VII/4 - Accordo di gestione congiunta del brevetto dell invenzione denominata Alterazioni genetiche correlate con la risposta alle terapie dirette contro l Epidermal Growth Factor Receptor (EGFR) - Università di Torino e Johns Hopkins University (US). Il Consiglio di Amministrazione delibera di approvare l accordo di gestione congiunta di brevetto di cui in titolo tra l Università degli Studi di Torino e la Johns Hopkins University. 6/2015/VII/5 - Convenzione di collaborazione tra Intesa Sanpaolo S.p.A. e Università degli Studi di Torino. 1. approvare, autorizzando il Rettore a sottoscriverla, la Convenzione di collaborazione tra Intesa Sanpaolo S.p.A. e l Università degli Studi di Torino; 2. nominare, quale Referente e Responsabile della Convenzione, il Rettore, che potrà indicare suoi delegati all interno del Consiglio di Amministrazione; 18

18 3. richiedere che i Referenti, di cui al punto precedente, relazionino a questo Consiglio sullo svolgimento delle attività dalla convenzione derivanti ogni 6 mesi. 6/2015/VII/6 - Fondazione Città della Salute e della Scienza di Torino - Onlus - approvazione testo Statuto. Il Consiglio di Amministrazione Visto il parere espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti con Verbale n. 6 del giugno 2015; Recepiti gli emendamenti proposti agli artt. 4, 7, 9, 15 e 18 dello Statuto della Fondazione dalla Commissione Bilancio e Programmazione, nella seduta straordinaria del giorno 30 giugno 2015; delibera di: 1. approvare la costituzione della Fondazione Città della Salute e della Scienza di Torino Onlus tra la AOU Città della Salute e della Scienza di Torino e l Università degli Studi di Torino e la bozza del relativo Statuto, chiedendo che lo Staff Legale e Avvocatura di Ateneo verifichi il testo dello Statuto della Fondazione stessa, qualora non lo avesse già analizzato; 2. autorizzare il Rettore a sottoscrivere gli atti relativi alla costituzione della Fondazione, apportando le eventuali correzioni al testo, non sostanziali, a seguito di eventuali rilievi o richieste di precisazioni da parte degli uffici governativi. C) CONTRATTI 6/2015/VII/7 - Evoluzione Progetto Smart Card per il quadriennio 2016/ / approvare l evoluzione del progetto Smart Card per il quadriennio 2016/ /20, così come definito dal Gruppo di Lavoro regionale; 2. approvare la relativa ripartizione di Smart Card spettante all Ateneo; 3. affidare all Ente Regionale Diritto allo Studio Universitario il ruolo di capofila amministrativo, al fine di gestire la relativa procedura d acquisto; 4. dare mandato agli uffici competenti di formalizzare gli accordi necessari con la Regione Piemonte, l Ente Regionale Diritto allo Studio Universitario e gli altri Atenei e i relativi impegni economici previsti. 19

19 6/2015/VII/8 - Contratto di licenza della domanda di brevetto di Università di Torino, CNR, Conti, Moro a Eurolactis SA. 1. approvare e autorizzare il Rettore alla firma del Contratto di licenza della domanda di brevetto italiana n. MI2013A dal titolo Composizione alimentare e della sua estensione internazionale PCT; 2. procedere alla ripartizione dei proventi derivanti dal Contratto di licenza di cui al punto 1. 6/2015/VII/9 - Contratto di finanziamento in forma di contributo nella spesa ai sensi del D.Lgs 297/199 (D.M. 8 agosto 2000, n. 593, art. 7, e successive modifiche). 1. approvare, autorizzando il Rettore o suo delegato a sottoscriverlo, il Contratto di finanziamento in forma di contributo nella spesa ai sensi del D.Lgs 297/199 (D.M. 8 agosto 2000, n. 593, art. 7, e successive modifiche), tra la Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale S.p.A. e l Università degli Studi di Torino, l Università di Roma Foro Italico e l Università di Bologna. 2. accettare il finanziamento di ,00 attribuito dal MIUR con D.M. 462 del 18/02/2014, che sarà trasferito al Dipartimento di Scienze mediche a cui afferisce il gruppo di ricerca coinvolto nel progetto. 6/2015/VII/10 - Autorizzazione all espletamento di una procedura di gara ad evidenza pubblica, di rilievo comunitario, per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo d Ateneo periodo (4 anni e 9 mesi). Il Consiglio di Amministrazione delibera di autorizzare l espletamento di una procedura di gara a evidenza pubblica, di rilievo comunitario, per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo d Ateneo, relativamente al periodo (4 anni e 9 mesi), senza oneri per l Università. D) PROVVEDIMENTI CONTABILI. 6/2015/VII/11 - Approvazione finanziamento Studi di fattibilità - Quarto Programma annuale Poli di Innovazione Programma Operativo Regionale 2007/ Finanziato dal FESR asse I Attività I.1.3 Innovazione e PMI. 1. accettare il finanziamento per il progetto elencato nella proposta, per un totale complessivo di Euro 2.610,80; 2. accertare in entrata sul capitolo CA.FR.R Finanziamenti competitivi per ricerca da Regione Piemonte, l importo i 2.610,80 da parte di Finpiemonte per la 20

20 concessione di un contributo a fondo perduto sul bando Misura I.1.3, per il finanziamento di progetti; 3. assegnare in uscita i finanziamenti relativi agli Studi di Fattibilità dei Progetti dei Poli di Innovazione, ai Dipartimenti interessati, sul capitolo di spesa CA.IC.P Costi su progetti di ricerca finanziata da enti locali, per un totale di 2.610,80, suddivisi come indicato nella proposta. 6/2015/VII/12 Piattaforme Innovative Bando Automotive Incremento finanziamento Progetto DRAPO. 1. accettare il maggior finanziamento di ,53 assegnato, secondo le attività previste nel progetto, al Dipartimento di Chimica progetto SCAD05P12, responsabile prof.ssa Domenica Scarano; 2. accertare in entrata sul capitolo CA.FR.R Finanziamenti competitivi per ricerca da Regione Piemonte, quale maggiore entrata, l importo di ,53 - Dipartimento di Chimica progetto SCAD05P12; 3. imputare in uscita sul cap. CA.IC.P Costi su progetti di ricerca finanziata da enti locali quale maggiore uscita, l importo complessivo di ,53 - Dipartimento di Chimica - progetto SCAD05P12. 6/2015/VII/13 Finanziamento Progetti di Ricerca Bando Regionale a sostegno di progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale di applicazioni integrate e innovative in ambito Internet of Data IoD scorrimento graduatoria. 1. accettare il finanziamento per i progetti elencati nella proposta, per un totale complessivo di ,77; 2. accertare in entrata sul capitolo CA.FR.R Finanziamenti competitivi per ricerca da Regione Piemonte, l importo di ,77 da parte di Finpiemonte per la concessione di contributi a fondo perduto sul bando Misura I.1.3, per il finanziamento di progetti; 3. assegnare in uscita i finanziamenti relativi ai Progetti del Bando IoD, ai Dipartimenti interessati sul capitolo cap. CA.IC.P Costi su progetti di ricerca finanziata da enti locali, per un totale di ,77, suddivisi in base alla tabella riportata nella proposta. 21

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SEDUTA DEL SENATO ACCADEMICO del giorno 16 FEBBRAIO 2015 - ore 15.00 RESOCONTO DELLE DELIBERAZIONI a cura dell Ufficio Supporto al Senato Accademico Il Senato Accademico

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Decreto Rettorale n.3998 del 31 luglio 2014 Oggetto: Attivazione del Sistema Museale di Ateneo (SMA) quale Centro di servizi di interesse per l Ateneo, emanazione del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE, QUALITA E VALUTAZIONE SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL GIORNO 25 NOVEMBRE 2014 - ORE 15.00 ************** RESOCONTO SINTETICO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Decreto Rep. 6138/2015. Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3

Decreto Rep. 6138/2015. Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3 Il Presidente Decreto Rep. 6138/2015 Prot. n. 145717 del 02.11.2015 pos. V/5.3 Bando di concorso per la formazione di graduatorie relative al reclutamento di un tutor junior matematico a favore degli studenti

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Il riassetto delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria Le Scuole aggregate

Il riassetto delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria Le Scuole aggregate UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA - DIREZIONE STUDENTI - AREA POST LAUREAM Il riassetto delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria Le Scuole aggregate Verona 20 dicembre 2011 Dott.ssa Maria Letizia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DIDATTICA ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO NEI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE E DI SPECIALIZZAZIONE Capo I

Dettagli

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti

Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario Parere sullo schema di decreto per la ripartizione del Fondo per il sostegno dei

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

DR 184 IL RETTORE. Caserta 25/2/2015 F.to IL RETTORE Prof.Giuseppe PAOLISSO

DR 184 IL RETTORE. Caserta 25/2/2015 F.to IL RETTORE Prof.Giuseppe PAOLISSO Rip.Affari Istituzionali e Internazionali IL RETTORE VISTO lo Statuto della Seconda Università degli Studi di Napoli; VISTO il Regolamento di Ateneo per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015 REGIONE PIEMONTE BU43 29/10/2015 Codice A1108A D.D. 8 settembre 2015, n. 512 Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.

IL RETTORE DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE. Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn. DIVISIONE RISORSE SETTORE RISORSE UMANE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 26135-587 Fax 0161 210718 concorsi@unipmn.it PP/dc Decreto Rettorale Repertorio n. 146-2015 Prot. n. 2608 del 06.03.2015

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@unipmn.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE PER LA RICERCA E LA

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA

Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura IL RETTORE DECRETA Segreteria studenti 695 Facoltà di Architettura Vista Viste IL RETTORE Il D.M. n. 270/2004 ed in particolare l art.3 comma 9 che, in attuazione dell art.1 comma 15 della legge n. 4 del 14.01.1999, dispone

Dettagli

1 Bando per la concessione di contributi per l avvio e lo sviluppo di collaborazioni internazionali dell Ateneo anno 2014

1 Bando per la concessione di contributi per l avvio e lo sviluppo di collaborazioni internazionali dell Ateneo anno 2014 AREA RICERCA E SVILUPPO U.O.A. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA BANDO INTEGRATO CON LE MODIFICHE DI CUI AL DECRETO RETTORALE N. 4163 DEL 25.11.2014 Vedi art. 2 - Modalità di presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.

REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01. REGOLAMENTO DI ATENEO SUI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (emanato con D.R. n. 40 2015, prot. n. 998 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI Ufficio Dottorati di Ricerca e Scuole di Specializzazione AT/fm Decreto del Rettore Repertorio n. 354-2006 Prot. n. 18687 del 26.07.2006 Tit. III cl. 2 Oggetto: Istituzione

Dettagli

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979

1979 Laurea in Economia e Commercio - Università degli Studi di Messina 1979 Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Mariangela Mazzaglia Indirizzo (residenza) Via Flarer, n. 25 27100 Pavia Telefono 06 97727075 (MIUR) Fax 06 97727391 (MIUR) E-mail mariangela.mazzaglia@miur.it

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

Divisione Atti normativi e affari istituzionali

Divisione Atti normativi e affari istituzionali REGOLAMENTO SUI MASTER UNIVERSITARI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA (Emanato con D.R. n. 1900 del 09.12.2013, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 09.12.2013, parzialmente rettificato con

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI E LA REGIONE PUGLIA La Regione Puglia (C.F. 80017210727), con sede in Bari in Lungomare Nazario Sauro, 11, rappresentata dal dott.., nato a.( ) il.., nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Esercizio 2013 Decreto n. 0149 tp/l.240.10incentivounatantum/d.r.emanazregol.doc IL RETTORE VISTA la Legge 9.05.1989 n. 168 e successive modificazioni;

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB0803 D.D. 26 novembre 2014, n. 638 Contributi semestrali a favore degli Enti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle leggi 457/78, 94/82

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SCIENZE GIURIDICHE, POLITICHE ED ECONOMICO-SOCIALI Art. 1 Definizione e attribuzioni Art. 2 Compiti della Scuola Art. 3 Organi della Scuola Art. 4 Compiti del Consiglio della

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Segreteria Studenti Facoltà di Psicologia Titolo III Classe 5 IL DIRIGENTE DELLA RIPARTIZIONE STUDENTI il D.R. n. 712 del 25/03/2011 con il quale è stata demandata ai Dirigenti Responsabili di Ripartizioni..l

Dettagli

Decreti del Rettore 2015. Numero Data Oggetto Spesa Servizio

Decreti del Rettore 2015. Numero Data Oggetto Spesa Servizio Decreti del Rettore 2015 Numero Data Oggetto Spesa Servizio D.R. n. 1 07.01.2015 Nomina Commissione per attribuzione incentivo una tantum L. 240/2010 D.R. n. 2 07.01.2015 Modifica D.R. n. 309 del 15.12.2014

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato Emanato con D.R. n. 621/2012 del 05.04.2012 Modificato con D.R. n. 860/2013 del 05.06.2013 Modificato con D.R. n. 1490/2015 del 29/10/2015 Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

Contratto di diritto privato di lavoro autonomo per. collaborazione ad attività di ricerca ai sensi dell art. 22 della

Contratto di diritto privato di lavoro autonomo per. collaborazione ad attività di ricerca ai sensi dell art. 22 della UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Contratto di diritto privato di lavoro autonomo per collaborazione ad attività di ricerca ai sensi dell art. 22 della Legge 30.12.2010 n. 240 (Tipo B) Tra l Università

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE

PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE VIII. FINANZA CONTABILITA E BILANCIO PIANO TRIENNALE DI RIENTRO: PROPOSTA DELL APPOSITA COMMISSIONE Il Consiglio,, VISTE le proprie delibere, assunte nelle riunioni del 29.12.2009 e del 23.03.2010; VISTI

Dettagli

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

- gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU41 09/10/2014 Codice DB0803 D.D. 13 giugno 2014, n. 379 Contributi semestrali a favore dell'istituto Bancario "Banca Popolare di Milano Scarl" a copertura dei mutui agevolati disposti

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 619 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Concessione garanzia ai sensi dell'articolo 10 bis della legge provinciale 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE

PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Giovanni Rossoni PRESTITI FIDUCIARI A STUDENTI CAPACI E MERITEVOLI ISCRITTI ALLE UNIVERSITÀ LOMBARDE. APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI BANDO REGIONALE Olivia Postorino Roberto Albonetti 2 VISTO il regolamento

Dettagli