Risorse umane e lavoro di rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risorse umane e lavoro di rete"

Transcript

1 Risorse umane e lavoro di rete tratto dal libro di Luigi Gentili: Risorse umane: strategia & management, edizioni CieRre 10.1 Le dimensioni strutturali di un network La rivoluzione manageriale indotta dai cambiamenti dell economia implica l amore per il caos. Per poter trarre vantaggio dall instabilità, occorre convivere con l idea che la gestione d impresa diventa sempre più disarticolata e polivalente. Le burocrazie si decostruiscono suddividendosi in pattuglie coraggiose. Il lavoro di rete diventa uno dei vantaggi competitivi più forti. Le organizzazioni che navigano nella turbolenza, per restare a galla, devono disarticolarsi in tante unità autonome indipendenti. Queste unità si legano poi con altre unità appartenenti ad altrettanti network. Le alleanze inter-organizzative permettono di affrontare il caos e le imprese strutturare a rete possono affrontare gli alti e i bassi della discontinuità. Il manager eccellente deve essere competente di networking. La capacità di creare e sviluppare la cooperazione d impresa diventa un requisito indispensabile per poter ricoprire ruoli multipli. I manager si

2 trasformano in broker, ovvero in nodi di connessione tra comunità di lavoro interagenti e integrate. Il valore del management è sempre più legato all abilità di mediazione e negoziazione inter-organizzativa. Il lavoro di rete non è nuovo. Fra i numerosi protagonisti della storia del management emerge, fra il tre-quattrocento, Francesco di Marco Datini, meglio conosciuto come il Mercante di Prato. Egli fu indubbiamente una straordinaria figura di imprenditore, finanziere e mercante, attivo in particolare sen settore tessile. Il suo successo era dovuto principalmente alle sue capacità di costruire reti interorganizzative: infatti la sua attività si svolse attraverso un network di filiali in Italia, Francia, Spagna; vere e proprie imprese gestite da toscani da lui preparati e a lui fedeli. L impresa rete di Datini era retta con criteri finanziari efficientissimi, ma egli era anche produttore in proprio, sia pure in piccola percentuale; questo attraverso la realizzazione di tessuti che la sua rete di vendita poi distribuiva in quasi tutto il mondo allora conosciuto. Anche il successo dei Medici, ricca famiglia fiorentina del XV secolo, sembra dovuta in gran parte alla capacità di attivare reti interorganizzative. A capo di una compagnia bancaria e di un impresa tessile, i Medici svilupparono la loro attività attraverso una rete di organizzazioni che, dalle grandi città della penisola italica, si estendevano a Ginevra, Lione, Avignone, Bruges, Londra. Una rete inter-organizzativa può essere definita come un insieme di nodi legati da relazioni o connessioni. Affinché sia possibile parlare di rete è indispensabile almeno la presenza di due entità o attori, che chiameremo nodi, dotati di autonomia patrimoniale o gestionale. Ogni network viene rappresentato per mezzo di un grafo: ovvero una rappresentazione grafica dove i nodi della rete sono dei pallini uniti da linee, che rappresentano i collegamenti tra questi. La figura 1 illustra una generica rete inter-organizzativa: le linee continue rappresentano le relazioni formalizzate (accordi, contatti, ecc.), mentre le linee tratteggiate esprimono i rapporti di tipo informale (amicizie, simpatie, ecc.).

3 Fig. 1 Una struttura di rete generica I motivi che spingono diverse organizzazioni ad allearsi possono essere molteplici. Innanzitutto una rete può essere costituita per ragioni strategiche, ad esempio per entrare in nuovi mercati o per acquisire nuovi clienti; le cause possono essere poi economiche, per far diminuire i costi o frazionare i rischi o finanziarie, per reperire nuovi capitali. Una rete può essere tessuta quindi per ragioni organizzative, ad esempio per rendere la struttura di lavoro più elastica e dinamica e il coordinamento più efficace. A volte è la possibilità di acquisire tecnologie chiave a spingere per una partnership. Sul fronte delle risorse umane, il lavoro di rete consente di accrescere il know how e le competenze possedute e di acquisire personale specializzato, mentre sul versante della comunicazione, la cooperazione tra imprese migliora l immagine e la visibilità e accresce le capacità di lobby e di pressione istituzionale. Le reti d impresa possono nascere spontaneamente o possono essere progettate ad hoc; in questo secondo caso la valutazione delle cause che spingono ad un accordo devono essere equilibrate in modo tale che possa innescarsi una condizione di interdipendenza tra le parti. La

4 selezione dei parere è comunque condizionata anche da fattori di ordine simbolico, come la fiducia reciproca, la compatibilità dei rispettivi stili di direzione e la propensione ad interagire tra le diverse culture. A seconda del grado di connettività, i network sono riconducibili a due tipologie principali: la rete centrata e la rete simmetrica. Nel primo caso, i partner di una rete gravitano tutti intorno ad un ente centrale, che acquisisce il controllo delle dinamiche interne; nel secondo caso i nodi del network sono distribuiti in maniera tale che non esistono strutture centrali stabili di riferimento. Graficamente, queste due modalità di aggregazione, come mostra la figura 2, vengono raffigurate dalla rete a stella, accentrata, e dalla rete totale, decentralizzata. Rete a Stella Rete Totale Fig. 2 Forme di rete inter-organizzativa La rete centrata per eccellenza è espressa dalla holding mentre la rete simmetrica trova la sua massima espressione nel sistema olonicovirtuale. Tra queste due modalità estreme di aggregazione esistono vari tipi di rete che vedremo in seguito.

5 La holding, detta anche gruppi di imprese, prevede che un ente mantenga a livello centrale il ruolo di controllo e decentri la gestione operativa a realtà autonome in termini gestionali. Le unità autonome vere e proprie aziende vengono controllate dall ente attraverso forme di partecipazioni di capitale o forme di legame istituzionale. Le holding possono essere a catena o a raggiera; nel primo caso l ente capogruppo controlla e dirige la società B, che a sua volta controlla e dirige la società C e così via; nel secondo caso, invece, la capogruppo A controlla e dirige contemporaneamente tutte le altre società. Relativamente al controllo societario, poi, dobbiamo distinguere tra società collegata e società controllata. E collegata la società che fa parte di una holding senza che questa detenga la maggioranza del capitale; è controllata, invece, la società che fa parte di una holding che detiene più della metà delle azioni con diritto di voto. Il controllo può essere di fatto interno quando, a causa della polverizzazione degli azionisti, si dispone di quote sufficienti per esercitare il controllo, mentre si parla di controllo di fatto esterno quando si questo si fonda su vincoli contrattuali. Si ha infine controllo indiretto se questo si esercita sulle controllate delle controllate. Il meccanismo che consente a molte imprese di detenere il controllo di molte altre possedendo solo un numero limitato di azioni, ma esercitando un influenza a cascata, è noto come sistema a scatole cinesi. Tipico del capitalismo italiano, permette ad un impresa di condividere con il resto della rete costi e rischi pur mantenendo i vantaggi di una configurazione organizzativa unitaria. Società note come la Pirelli, Mediaste o Cir (Compagnie industriali riunite) sono delle holding del genere. Il sistema olonico-virtuale si realizza attraverso un insieme di organizzazioni autonome, anche sotto l aspetto societario, le quali di volta in volta si uniscono per rispondere a determinati bisogni del cliente o delle imprese. La gerarchia non è definita a priori ma la leadership è assunta di volta in volta dall organizzazione più vicina al problema da affrontare o che possiede competenze specifiche al riguardo. Non esistono quindi enti centrali permanenti, ma la rete si

6 configura come un integrazione potenziale fra organizzazioni indipendenti e paritarie. I requisiti di base sono i seguenti: - possesso di una visione, di una missione e di un credo comuni tra tutti i partner della rete; - condivisione di regole del gioco condivise; - realizzazione di meccanismi gestionali e produttivi agili ed elastici. Il neologismo solistico è stato coniato da un romanziere, Arthur Koestler, che ha raggruppato le parole greche holos che significa il tutto e on che significa parte. Con la nuova locuzione Koestler desiderava indicare l attività di sistemi all interno di sistemi. Il termine è stato quindi adottato per rappresentare determinati processi all interno di altri processi. Alcuni settori si presentano particolarmente bene ad essere gestiti con questo modello di rete. Ad esempio, nei servizi sociali, dove il criterio della sussidiarietà e di esternalizzazione a favore di privati sembrano attenuare la pressione sugli enti; il network, in questo caso, potrebbe essere rappresentato da ASL, ospedali, uffici comunali, associazionismo del privato sociale, e via dicendo. Oppure pensiamo ala realtà del settore turistico dove è fondamentale mettere in collegamento diverse organizzazioni: ristorazione, divertimento, shopping, servizi finanziari, eccetera Lo sviluppo delle reti Per stabilire le dinamiche del potere dentro un organizzazione occorre individuare la centralità di un attore nei flussi di comunicazione e di lavoro. Abbiamo visto che tutti i network hanno al loro interno degli attori focali, con la differenza che nelle reti centrate questi sono

7 cristallizzati in ruoli duraturi e hanno un autorità più marcata rispetto a ciò che si verifica nelle reti simmetriche, dove la leadership ruota continuamente tra più soggetti ed è di tipo partecipativo. Le reti simmetriche hanno un importanza maggiore per il management, visto che il cambiamento degli assetti organizzativi implica un elevato grado di elasticità che è difficile ottenere con i network accentrati. Inoltre, le leggi del caos, implicano l esistenza di strutture dissipative che si fondano sulla forza dei legami deboli. Ciò significa meno forza contrattuale e maggiore importanza attribuita ai rapporti di fiducia e di reciprocità informali. La posizione strategica all interno di questi network è data dalla misura in cui su un attore convergono più relazioni. Questa posizione si chiama prestigio, ed esprime lo status di un attore sorretto dalle preferenze che riceve all interno della struttura relazionale della rete. Nella sociometria, questo concetto è espresso da Moreno con la differenza tra posizioni star e posizioni isolate. L esistenza di nodi più importanti, che funzionano da attrattori o superconnettori, si rivela un fenomeno presente in diversi tipi di rete. La figura 3 indica il prestigio in una rete di consulenti. In una situazione in cui, all interno di una società di consulenza, tutti i collaboratori sono interscambiabili sul piano lavorativo, se su un attore convergono molte richieste, questo potrebbe essere considerato quello che possiede maggior prestigio.

8 Fig. 3 - Concentrazione del prestigio in una rete Una posizione strategica dentro una rete viene assunta anche dai ruoli di congiunzione tra le organizzazioni partner. I broker, ovvero coloro che fanno da intermediari nei legami tra le organizzazioni, acquisiscono importanza nella misura in cui è attraverso di loro che un network si mantiene in vita. E chiaro quindi che il ruolo di questi attori cerniera è tanto più rilevante, quanto maggiore sono le barriere fisiche, psicologiche, linguistiche, culturali o di fiducia tra i partner. I broker possono arrivare ad avere una potestà di supervisone o di decisione super partes, anche se ciò dipende molto dalla posizione che riescono a giocare nello spazio relazionale, controllando risorse e connettendo sotto-gruppi. Nella figura 4 abbiamo due soggetti in posizione di broker nella mediazione tra due organizzazioni diverse. Il broker infatti può relazionarsi con un altro broker appartenente a un impresa diversa come può essere un membro in comune tra due imprese separate. Nella figura 5 viene raffigurato quest ultimo caso.

9 S2 Fig. 4 Punti critici (a) S1 Fig. 5 Punti critici (b) A volte l ente focale di una rete può essere costituito da più enti che formano un comitato di regia. Le sue funzioni sono quelle di garantire la stabilità delle relazioni e la coesione dei nodi, facendo in modo che le forze centrifughe non prevalgano su quelle centripete e il network si

10 disgreghi. Man mano che una rete cresce, infatti, nascono dei problemi interni che ne minacciano la sopravvivenza. Oltre un certo numero di partner, la rete diventa ingestibile. Il numero di relazioni interne è così intenso che i legami diventano soffocanti. Si genera rumore, caos. Per diminuire il livello di entropia, la rete deve suddividersi in cluster, cioè in sottogruppi, come viene illustrato nella figura 6. Fig. 6 - Rete di gruppi Dato che il numero di relazioni all interno di una rete aumenta quadraticamente al crescere del numero dei partner, ogni sottogruppo, o coalizione interna, deve strutturarsi in modo tale che le organizzazioni associate siano sempre limitate (possibilmente da due a alle nove imprese). Nei grandi network, si può arrivare addirittura a costituire reti di reti di reti per parecchi livelli di profondità. Seguendo l ottica del caos management, il comitato di regia avrà l onere di tosare le dimensioni di una rete, controllando il numero di accessi, quando questa raggiunge una certa massa critica, e stimolando la nascita di nuovi cluster, o la ristrutturazione di quelli esistenti, ogni volta lo reputi necessario.

11 10.2. La tipologia delle reti interorganizzative Come già accennato, tra il modello holding e il sistema olonocovirtuale esistono numerose tipologie di rete. Alcune hanno un carattere fortemente burocratizzato e sono rette da contratti, quote di proprietà o accordi istituzionali mentre altre sono fondate maggiormente su legami deboli, come la presenza di meccanismi organizzativi congiunti o rapporti sociali fondati sulla logica del clan, dove la fiducia e la reciprocità ricoprono un ruolo fondamentale. Azzardando una classificazione, riportiamo le seguenti forme di cooperazione: - cooperative; - consorzi; - franchising; - joint venture; - outsorcing; - comarkership; - licensing; - spin-off; - interlocking directorate; - gruppi in rete. Le cooperative fra più organizzazioni rappresentano una forma di rete di notevole importanza economica e sociale. Il tratto che contraddistingue una cooperativa è l esistenza di un fine mutualistico. L attività svolta infatti non è finalizzata a conseguire un utile da distribuire ai soci, ma fornire beni e servizi o occasioni di lavoro direttamente ai membri dell organizzazioni a condizioni migliori rispetto a quelle offerte dal mercato. In tal senso possiamo distinguere cooperative di consumo e cooperative di produzione e lavoro; le prime hanno l obiettivo di fornire ai soci case, credito, materie prime e altro ancora; le altre hanno l obiettivo di consentire ai soci di ottenere un posto di lavoro vantaggioso.

12 Un esempio noto di associazione di cooperative è dato dalla Mondragon Corporazione Cooperativa. Si tratta di una rete di cooperative di proprietà dei lavoratori con sede a Mondragon, nei Paesi Baschi. La corporazione, forte particolarmente nella cooperazione di lavoro, rappresenta il terzo gruppo industriale spagnolo e il primo nella Grande Distribuzione, con attività in Francia, nei Paesi dell Est Europa e del Sud America. Al livello di governance, la corporazione cooperativa si distingue da quella convenzionale in quanto la finalità dell impresa non è il capitale ma il lavoro. I profitti vengono distribuiti tra i lavoratori e non tra i possessori del capitale, mentre i diritti di proprietà di una cooperativa si ricavano dal contributo del lavoro alla cooperativa. Inoltre, il controllo finale dell impresa è democratico: cioè si basa sul principio di un socio un voto. Il consorzio è un contratto fra imprenditori con il quale viene istituita un organizzazione comune con la finalità di disciplinare l attività svolta dai consorziati o di migliorare l efficienza manageriale di questi ultimi. Il consorzio pertanto rappresenta una struttura a rete idonea per consentire ai diversi partner due scopi separati: uno anticompetitivo e uno cooperativo. Il primo scopo viene perseguito quando il consorzio intende disciplinare la condotta dei consorziati, ad esempio stabilendo i prezzi di vendita, le quantità prodotte o i confini delle aree di mercato da raggiungere. Lo scopo corporativo viene perseguito invece quando i consorziati intendono garantirsi migliori condizioni di approvvigionamento di materie prime o componenti, voglio accesso con più efficacia alla distribuzione, al credito, o sfruttare economie di scala o di scopo oppure, ancora, intendono esercitare con maggiore efficacia un attività internazionale. In tutti i casi di cooperazione la finalità è quella di affidare ad una struttura comune una o più attività del rispettivo ciclo di produzione, distribuzione o di finanziamento. Pensiamo, ad esempio, al Consorzio CUOA o al Consorzio MIB, due tra le maggiori business school italiane impegnate a promuovere attività di formazione manageriale delegategli dai numerosi enti che vi hanno aderito: università, banche,

13 imprese, associazioni industriali, enti pubblici, in particolare attivi nel Nord-Est della penisola. La necessità di usufruire di una struttura organizzativa in cui la funzionalità (organi, responsabilità, competenze e modalità di nomina) sia giuridicamente disciplinata dal legislatore, e che quindi riduca la litigiosità interna, ha spinto alla costituzione delle società consortili. Queste sono società che no perseguono il tradizionale scopo di lucro, ma regolano ovvero migliorano l efficienza delle diverse fasi del processo produttivo. Ad esse viene applicata la disciplina prevista per la tipologia di società prescelta. Il franchising, o affiliazione, indica un accordo mediante il quale un impresa, detta affiliante (franchisor) instaura un rapporto di collaborazione duraturo con una serie di altre organizzazioni dette affiliate (franchisee). Per mezzo di questa regola l impresa affiliante concede all affiliata, dietro un corrispettivo economico, la possibilità di utilizzare, sotto il suo controllo e a determinate condizioni, i suoi segni distintivi, ovvero il marchio dei suoi prodotti, l insegna sotto la quale li commercializza o il brevetto contenente i segreti per la loro fabbricazione. Il corrispettivo versato all affiliante di solito è in parte fisso, corrispondente alla commissione d entrata, e in parte è invece legato alle vendite. Possiamo parlare di tre tipi di franchaising: industriale, di distribuzione e si servizi. Il franchaising industriale si ha quando vengono ceduti i brevetti e le informazioni segrete, che l affiliato concede con il relativo marchio, come avviene per esempio con la Coca-Cola; al franchaising distributivo si ricorre invece quando i beni vengono venduti al dettaglio sotto l insegna dell affiliante, come avviene con la Stefanel o la Benetton; il franchaising dei servizi è utilizzato, infine, quando vengono esercitate delle attività secondo le istruzioni e l insegna stabilite dall affiliante, come avviene ad esempio con certi parrucchieri. L affiliazione permette di all affiliante di poter espandere le proprie attività senza investimenti di capitali e riducendo costi e rischi; l affiliato, invece, che è un operatore autonomo disposto ad accollarsi i costi fissi del personale e degli investimenti nel posto di vendita,

14 usufruisce della consulenza e del know how strategico e gestionale dall affiliante, di parte dei costi pubblicitari e, naturalmente, della notorietà e dei segni distintivi altrui. La joint venture, già accennata quando parlavamo di strategie, è un impegno formale in base al quale, due o più organizzazioni, decidono di collaborare su un progetto specifico, accomunando in modo strategico le proprie risorse. L accordo può essere duraturo come può avere una durata limitata. Il tal senso distinguiamo tra joint venture contrattuale e joint venture societaria. Attraverso la prima formula viene indicata una cooperazione occasionale per lo svolgimento in comune di un singolo affare, mentre la seconda formula comporta la creazione di una struttura societaria sostabile e posseduta congiuntamente dai soci. La joint venture contrattuale, dal punto di vista formale, è caratterizzata di solito da un accordo-base cui afferiscono una serie di accordi accessori o accordi satellite. per esempio accordi di protezione del marchio, di cessione di know how, contratti di assunzione, ecc.), i quali, tutti insieme, danno corpo ad un sistema contrattuale, del quale, naturalmente, l accordo base se sostituisce la chiave interpretativa. Le joint venture sono particolarmente utilizzate per l internazionalizzazione delle imprese. Attraverso accordi con imprese estere è possibile infatti addentrarsi in nuovi mercati. La Trussardi è arrivata al successo internazionale attraverso joint venture in Giappone, USA ed Europa. Le joint venture, in caso di internazionalizzazione di un impresa, permettono anche di raggirare il problema della penetrazione di aziende private in economie a pianificazione statale centralizzata, presente in molto paesi extraoccidentali; pensiamo ad esempio alle joint venture che l ENI ha intrapreso con molti paesi arabi ed orientali. Oppure ricordiamo le funzioni delle joint venture per aggiudicarsi il controllo o l acquisizione di molte aziende privatizzate, come è avvenuto ad esempio per diversi paesi dell America latina o dell Europa dell Est, le cui aziende cedute al mercato sono state assorbite da imprese europee o americane.

15 L outsorcing, o terziarizzazione, è il trasferimento della fornitura di attività in precedenza svolte all interno di un impresa a organizzazioni esterne. I settori tradizionalmente soggetti a outsorcing comprendono l assistenza legale, i trasporti, il catering e la sicurezza. Tuttavia oggi lo si utilizza anche per i servizi informatici, la gestione delle risorse umane e la comunicazione organizzativa. Generalmente l outsorcing viene introdotto allo scopo di aumentare l efficienza e diminuire i costi. Spesso viene intrapreso per consentire all organizzazione di accrescere la sua competitività concentrandosi sulle attività principali, le core business. L outsorcing consente di rendere più elastica l organizzazione, raggiungendo standard qualitativi superiori e cooptando nuovo know how e competenze dall outsercer. Il terzista, generalmente di piccole proporzioni, lavora in generale per più organizzazioni principali per diminuire in tal modo i costi di oscillazione del mercato. Come si può osservare dalla figura 7, in base alla vicinanza delle attività da esternalizzare al core business ed alla complessità gestionale di tali attività, è possibile individuare quattro tipologie di outsorcing. Ci riferiamo all outsorcing tradizionale, tattico, di soluzione e strategico.

16 alta Complessità gestionale Outsorcing tattico Outsorcing strategico bassa Outsorcing tradizionale lontano Outsorcing di soluzione vicino Fig. 7 Classificazione dell outsorcing Collocazione rispetto al core business Nell outsorcing tradizionale le attività esternalizzate non hanno grande rilevanza per l impresa ed è presente bassa complessità gestionale (es. paghe e contributi); le attività cedute non comportano la necessità di sviluppare una cooperazione strategica tra outsorcer e outsorcee. L outsorcing tattico riguarda situazioni ad alta complessità gestionale ma relativamente ad attività lontane dal core business (es. selezione del personale); in questo caso non conviene realizzare operazioni del tutto indifferenziate ma mantenere comunque al proprio interno una qualche forma di controllo sui processi. L ousorcing di soluzione corrisponde a processi caratterizzati da bassa complessità gestionale ma vicini al core business (es. nel settore tessile, confezionamento di abiti disegnati ad altre organizzazioni); in questo caso è bene creare una visione condivisa con i partner per raggiungere obiettivi comuni. L outsorcing strategico, infine, si ha per quelle organizzazioni che esternalizzano attività ad elevata complessità gestionale e vicine al

17 core business, per concentrare le risorse chiave sulle competenze distintive; in questo caso più che un semplice rapporto di fornitura abbiamo un rapporto di partnership per raggiungere obiettivi comuni. Esempi di outsorcing si possono riscontrare, nel settore delle risorse umane, sa società come Monpower o Adecco, conosciute per la loro attività di fornitura di personale. Queste società hanno allargato l offerta fino a coprire la maggior parte dei servizi attinenti l area delle risorse umane: selezione, valutazione, sistemi retributivi e premianti, outplacement, amministrazione, ecc. Si può osservare, infine, come molte imprese industriali si sono orientate all outsorcing per esternalizzare verso terzisti in Paesi extra-occidentali per produzioni labour intensive, garantendosi ampi margini di guadagno economico; molte di queste imprese si sono abbandonate a pratiche illecite di sfruttamento della manodopera locale. Il comakership è un alleanza tra un organizzazione e i suoi fornitori di materie prime, componenti o servizi. Si distingue dall outsorcing in quanto lo spirito di cooperazione è molto più intenso, con l obiettivo di far crescere ambedue i partner. Per questo motivo, il comakership, rispetto all esternalizzazione, potrebbe essere considerato come un evoluzione della seconda. Attraverso il comakership i fornitori cessano di essere dei soggetti esterni al committente, selezionati tra i molti offerenti, in base al prezzo più accessibile, facilmente sostituibili, con accordi di breve durata. L antagonismo e la diffidenza tipici dei rapporti di fornitura tradizionali tendono a venir meno. Il comakership lega i fornitori in un rapporto di collaborazione e fiducia. Attraverso il comakership i fornitori vengono coinvolti in un rapporto di partnership con l organizzazione committente: vengono selezionati e ridotti di numero, i rapporti si fanno più duraturi, cresce la trasparenza, l interattività e la corresponsabilità nei confronti dell utilizzatore. Nei casi più evoluti si arriva a forme di coprogettazione, co-produzione e investimenti congiunti, in modo simile all outsorcing strategico ma con maggiore coinvolgimento comune. Pensiamo alla realizzazione delle Formula 1, dove società come Grembo (freni), ATL (serbatoi), AP RACING (frizioni) sono

18 metodicamente coinvolte in team si progettazione con le diverse case costruttici. I vantaggi del comakership sono legati al miglioramento della qualità globale, dovuti alla corresponsabilizzazione sui programmi congiunti, alla tempestività e affidabilità delle consegne, all introduzione di metodologie gestionali avanzate e agli apporti originali di design. Il licensing, o licenza, è un contratto attraverso il quale un soggetto, detto licenziante, trasferisce la concessione o il diritto d uso, per un periodo di tempo determinato, di un brevetto, di un marchio, di know how specifico o di altra risorsa intangibili ad un altro soggetto, detto licenziatario. Ciò avviene previo corrispettivo di un canone periodiodico o tramite il trasferiemtno, a sua volta, dell uso dei propri beni immateriali; in questo caso si parla di licenza incrociata. I vantaggi per le organizzazioni licenzianti sono dovuti al fatto che, tramite il licensing, è possibile ammortizzare rapidamente i costi sostenuti nelle attività di ricerca per la realizzazione dell innovazione. Per il licenziatario esiste invece l opportunità di poter accedere con rischi ridotti e con tempi brevi a conoscenze difficili da maturare con le risorse contenute di cui si dispone; inoltre, questi possono usufruire anche di supporto e consulenza professionale dal licenziante, ottimizzando l impiego della tecnologia appresa. Lo spin-off denota quel particolare processo attraverso cui una costola d impresa di distacca dal corpo dell organizzazione madre per formare una nuova azienda, più piccola e attiva in un area limitrofa. Tipico dello spin-off è il fatto che a capo dell organizzazione derivata vi è generalmente un ex manager o un ex dipendente, il quale è stato capace di maturare competenze tali da poter avviare in prima persona un attività imprenditoriale. Se l attività di gemmazione è avviata spontaneamente dai dipendenti, come ad esempio nel caso che questi intendano tutelare i propri progetti innovativi dall invadenza della società madre, parliamo di spin-off spontaneo, mentre se è promosso dalla società madre abbiamo lo spin-off guidato. In quest ultimo caso i vantaggi della società madre consistono nel ridurre il rischio d impresa in caso di avvio di nuove attività lontane dal core business, oppure nel rendere più snella la

19 struttura organizzativa, di ricollocare personale in esubero, di delegare la gestione di attività mature o obsolete o di aggirare i vincoli imposti da leggi antimonopolistiche. L organizzazione madre può anche partecipare al capitale sociale delle nuove imprese, fornirgli consulenza, affidagli una parte della propria clientela o assicurargli alcune commesse. A seconda del settore di intervento, possiamo distinguere tra spin-off industriale, attivo nei settori manifatturiero e produttivo, lo spin-off accademico, quando le nuove iniziative imprenditoriali sono promosse da università e lo spin-off istituzionale, promosso da parchi scientifici, organizzazioni non profit o istituzioni pubbliche per favorire la nascita di poli tecnologici e incubatori. L interlocking directorate, ovvero gli intrecci di consiglieri di amministrazione, è una forma di rete d impresa che porta più organizzazioni a legarsi reciprocamente attraverso un processo di decisionalità congiunta. Lo scopo è quello di ridurre, attraverso la presenza di consiglieri di amministrazione in comune, l incertezza ambientale. Così, attraverso quella che M. S. Granovetter definisce la forza dei legami deboli, si crea una interconnessione solidale tra più realtà organizzative, basata sulla trasmissione reciproca di informazione e la definizione di strategie congiunte. L interlocking si basa sulla logica del clan, spesso in mano a élite economiche circoscritte, dove particolari gruppi di persone e famiglie imprenditrici dirigono le sorti di interi comparti produttivi e finanziari. I gruppi in rete rappresentano dei network territoriali formati da una molteplicità di organizzazioni tra loro diverse e intrecciate in una ragnatela di rapporti. Sono rette da forti legami sociali e da una solida cultura comune, tali da rendere il valore comunitario della loro trama sociologica il fondamento di un vantaggio competitivo sostenibile. Il distretto industriale, presente soprattutto in Italia, rappresenta una delle modalità di rete più caratteristiche tra quelle a partecipazione diffusa. Si tratta di un area territoriale con un elevata concentrazione di piccole e medie imprese manifatturiere e di servizi, ad alta specializzazione produttiva, generalmente caratterizzata da una forte

20 interconnessione dei rispettivi cicli produttivi e fortemente legate con il sistema socio-economico locale di insediamento. Dal punto di vista sociologico, il distretto industriale si caratterizza per l accentuata divisione del lavoro tra le organizzazioni situate al proprio interno, autonome e complementari. Alcune aziende si specializzano in una o alcune fasi del processo produttivo caratterizzante il distretto, insediandosi a monte o a valle della stessa filiera organizzativa (approvvigionamento e smercio di prodotti); altre sono presenti in aree secondarie (accessoristica, fabbricazione di macchinari e impianti) o di sostegno (attività di servizi). Non tutte le organizzazioni presenti in un distretto industriale hanno lo stesso status; come mostra la figura 8, dall incrocio tra la libertà strategica che queste dispongono e lo sviluppo delle competenze che possiedono, possiamo distinguere tra imprese bloccate, trainate, specializzate e leader. elevata Libertà strategica Impresa guida Impresa trainata Impresa specializzata Impresa bloccata limitata diffuso concentrato Sviluppo delle competenze Fig. 8 Tipologia delle organizzazioni distrettuali

AGGREGAZIONI DI IMPRESE

AGGREGAZIONI DI IMPRESE AGGREGAZIONI DI IMPRESE ACCORDI DI COLLABORAZIONE TRA IMPRESE PER IL RAGGIUNGIMENTO DI UN OBIETTIVO COMUNE ESEMPI: CONSORZI, FRANCHISING, GRUPPI AZIENDALI SONO FINALIZZATI A MANTENERE, RAFFORZARE O RIPRISTINARE

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza. regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati

La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza. regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati 1 Meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati nelle reti

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Punti dell intervento

Punti dell intervento Punti dell intervento 1. Premessa definitoria 2. Cosa pensa un campione d aziende delle aggregazioni aziendali (ricerca nella Regione Marche) 3. Possibilità/limiti della cooperazione tra aziende 4. Vantaggi

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012 Aggregazioni aziendali: possibili tipologie Antonella Paolini 11 aprile 2012 1. Aspetti definitori I n d i 2. Le ragioni, le modalità, i vantaggi e gli svantaggi delle aggregazioni tra aziende 3. Una classificazione

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA AVV. ALESSANDRO ALBICINI Avv. Alessandro Albicini Studio Legale Albicini Via Marconi,, 3 40122

Dettagli

ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE

ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE ASPETTI ECONOMICO-AZIENDALI DEL CONTRATTO DI RETE Tommaso Perfetti dottore di ricerca in economia aziendale dottore commercialista e revisore dei conti 8 febbraio 2013 Il concetto di aggregazione aziendale

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo Network management Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management 1 0. Un inquadramento: dove siamo Modelli di riferimento Burocrazia New Public Management Network Management Momento

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto Tecniche Di Project Management Le Architetture Organizzative di progetto 1 La struttura organizzativa E la configurazione degli organi aziendali e degli insiemi di compiti e di responsabilità loro assegnati

Dettagli

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI

LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI LA MORFOLOGIA DEI GRUPPI AZIENDALI INDICE Le tipologie di gruppo Le strutture dei gruppi LE TIPOLOGIE DI GRUPPI I gruppi aziendali possono essere classificati in relazione a diverse variabili prese come

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Il soggetto economico

Il soggetto economico Il soggetto economico E la persona o il gruppo di persone (ristretta coalizione di persone) che, di fatto, detiene il supremo potere volitivo in azienda e determina gli indirizzi di fondo della gestione

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

C'erano una volta i paesi emergenti

C'erano una volta i paesi emergenti C'erano una volta i paesi emergenti È riduttivo chiamare Brasile, Russia e India e Cina dei paesi emergenti». «Ci sono economie che oggi figurano ancora tra i mercati emergenti ma che contribuiscono in

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Nessuna strategia può essere migliore delle informazioni su cui è costruita. Company Profile

Nessuna strategia può essere migliore delle informazioni su cui è costruita. Company Profile Nessuna strategia può essere migliore delle informazioni su cui è costruita. La nostra missione Porsi al servizio di leader, manager, professionisti e privati affiancandoli nella gestione di problematiche

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Milano, 7 marzo 2005 Prof. Fabrizio Cafaggi Istituto Universitario Europeo fabrizio.cafaggi@iue.it 1 Alcune premesse concettuali: (I)

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance Economia aziendale Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance DEFINIZIONI DI AZIENDA Definizione tradizionale: Sistema di operazioni economiche finalizzate all acquisizione,produzione ed erogazione

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

JOINT VENTURE USA - ITALIA

JOINT VENTURE USA - ITALIA JOINT VENTURE USA - ITALIA AZIENDA ITALIANA Sul mercato da 50 anni Progetta e produce prodotti metalmeccanici Leader in Europa nel suo settore AZIENDA AMERICANA Distribuisce merci e fornisce servizi Progetta,

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Analisi del settore e comportamenti concorrenziali Obiettivi conoscitivi Comprendere il significato dell analisi del settore e la sua rilevanza per le decisioni di marketing Definire i confini del settore,

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE Premessa Nell aderire ad un Consorzio, fondamentale appare l investimento in fiducia che i partecipanti devono mettere in campo. Ciò comporta naturalmente un assunzione di rischio, nella misura in cui

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese

Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese INSIEME E MEGLIO? Aggregazioni per una nuova competitività delle imprese Daniele Dondarini Responsabile CNA Servizi alla Comunità Emilia Romagna Angelo Cornacchione Presidenza CNA Servizi alla Comunità

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

LA DIFFERENZIAZIONE 1

LA DIFFERENZIAZIONE 1 LA DIFFERENZIAZIONE 1 La differenziazione Condizioni per la differenziazione: -unicità (distintività) -valore per il cliente (meno costi o soddisfazione superiore) -percezione del valore da parte del cliente

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese. Angelo Arcuri

Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese. Angelo Arcuri Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese Angelo Arcuri Forme di accesso ai mercati esteri 2 Forme di accesso ai mercati esteri Investimento ridotto Investimento elevato Global Sourcing Intermediazione

Dettagli

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza)

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) STRATEGIE D IMPRESA Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) Cap. 5.1 e Cap. 5.2 (da indicazioni precedenti) segue Cap. 4.2 + 6.5 Cap. 5.3 (esclusi

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi

Gruppo di ricerca: Andrea Ganzaroli Luciano Pilotti Ivan De Noni Luigi Orsi 09 Novembre 2012 Università degli Studi di Milano Milano. Convegno: Imprese e imprenditorialità multiculturali tra varietà e innovazione nei sistemi produttivi locali e metropolitani Gruppo di ricerca:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

DI.CO. RETE. Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?!

DI.CO. RETE. Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?! DI.CO. RETE Dalla rete di imprese la risposta alle sfide dei nuovi scenari?! Minaccia o Opportunità Piero Bassetti, nella prefazione di un testo da titolo L aziendaazienda olonico-virtuale: un opportunit

Dettagli

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara

MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Università di Ferrara MODULO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Università di Ferrara 1 Lezione 3 CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE Università di Ferrara 2 Riprendiamo alcuni concetti Le aziende possono essere classificate in base a vari

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli