ENFAP Trentino Bilancio sociale 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENFAP Trentino Bilancio sociale 2014"

Transcript

1 ENFAP Trentino Bilancio sociale 2014

2 Supporto metodologico e progettazione grafica a cura di: Natascia Nuzzo e Marco Tabarelli. Finito di stampare: agosto 2014.

3 Sommario LETTERA DEL PRESIDENTE... 5 NOTA METODOLOGICA IDENTITÀ MISSIONE E SISTEMA VALORIALE ANALISI DI CONTESTO STAKEHOLDER RISORSE UMANE ED ECONOMICHE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE RICLASSIFICAZIONE DEI DATI CONTABILI E CALCOLO DEL VALORE AGGIUNTO ATTIVITÀ CONCLUSIONI E PROSPETTIVE DI MIGLIORAMENTO... 47

4

5 5 Lettera del Presidente Il fatto che ENFAP Trentino, per la prima volta, realizzi e pubblichi il proprio bilancio sociale assume un significato che va al di là del semplice dovere di rendicontare, in termini puntuali e trasparenti, il valore prodotto dall ente nell esercizio della propria attività istituzionale. Si pone piuttosto come un opportunità per rappresentare la fondamentale funzione sociale che l istituzione espressione del sindacato UIL del Trentino è chiamata a svolgere mediante le proprie strutture operative. Attraverso studi, ricerche e progetti mirati alla formazione continua e permanente, infatti, ENFAP rende possibile la specializzazione, la qualificazione e la riqualificazione professionale necessarie per il pieno inserimento e reinserimento di giovani, adulti e anziani nella società civile e, in particolare, nel mondo del lavoro. Pur con tutti i limiti che caratterizzano ogni opera prima, questa prima stesura di bilancio sociale serve dunque ad ENFAP per comunicare in maniera trasparente la propria mission e i concreti compimenti in atto, ma al tempo stesso permetterà di verificare in futuro il raggiungimento degli obiettivi prefissati evidenziando gli impatti positivi sulla comunità e le eventuali criticità. Prendendo in esame il triennio , il documento in questione assume una rilevanza particolare poiché riassume l ottimo lavoro compiuto, con impegno e determinazione, dal Consiglio di Amministrazione uscente e dal suo Presidente Ermano Monari, che va particolarmente ringraziato per il prezioso contributo apportato con questa carica e per quello che continuerà ad apportare, con altro ruolo, all interno del nuovo CdA. In definitiva, l obiettivo alla base dell elaborazione del bilancio sociale di ENFAP Trentino è quello di avvicinare sempre più l Ente ai propri utenti e all intera collettività trentina, soprattutto nel contesto della società odierna, che esprime sempre nuove

6 6 esigenze ed è caratterizzata da importanti mutamenti sociali. Non vanno infine tralasciati gli importanti spunti programmatici che possono derivare da questo primo esperimento di bilancio sociale nell orientamento dell attività futura. Il Presidente Walter Alotti

7 7 Nota metodologica Il presente documento costituisce l esito del primo bilancio sociale realizzato da ENFAP Trentino. Con il percorso realizzato, ENFAP ha inteso improntare alla trasparenza il rapporto con i propri interlocutori e perseguire una duplice finalità: sul piano esterno, accrescere la propria legittimazione a operare in un ambito importante come quello della formazione; sul piano interno, valutare la coerenza tra la propria missione, le strategie adottate, le forme organizzative e le attività svolte, per individuare direzioni di sviluppo e miglioramento del proprio operato. L intero percorso, conclusosi con la realizzazione di questo documento, ha preso avvio nell ottobre 2013 e si è concluso a giugno La realizzazione dell intero progetto e la redazione del documento sono state supportate, dal punto di vista metodologico e operativo, da personale esterno. Nello specifico, con il presente bilancio sociale ENFAP Trentino offre una rendicontazione dell attività realizzata e dei risultati conseguiti negli ultimi tre anni. Più precisamente, l arco temporale di riferimento per la rendicontazione sono i bienni 2012/2013 e 2013/2014 per quanto riguarda le attività formative (che, come spiegato in seguito, si sviluppano generalmente a cavallo di due anni), l anno 2013, messo a confronto con i due anni precedenti, per quanto concerne le risorse umane e le risorse economiche. Dal punto di vista strettamente metodologico, il riferimento per la realizzazione del presente bilancio sono state le Linee Guida per la redazione del bilancio sociale delle organizzazioni non profit dell Agenzia per le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (2010) e quanto contenuto ne La rendicontazione sociale per le aziende non profit, pubblicazione redatta dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (2009).

8 8 Si ringraziano, infine, tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del bilancio sociale e, in particolare, Ermano Monari, Walter Alotti, Luciana Grazioso, Vanda Gusmerotti e Silvia Bertola.

9 9 1. Identità ENFAP Trentino Ente per la Formazione e l Addestramento Professionale è un associazione senza fini di lucro attiva nel settore della formazione professionale, operante nella provincia di Trento. Nato nel 2000 su iniziativa e nell ambito della galassia dei servizi della UIL Trentino, offre ai cittadini, ai lavoratori e alle aziende opportunità legate alla formazione e allo sviluppo delle risorse umane. La sua azione può contare sulla sinergia con ENFAP nazionale, realtà articolata su tutto il territorio nazionale, e sul ruolo politico-sociale e la rete organizzativa di UIL trentino. ENFAP Trentino, in particolare, svolge attività di consulenza, progetta e realizza percorsi formativi per i singoli, gli enti e le imprese, è impegnato in attività di ricerca e analisi dei fabbisogni e nell orientamento e nel counseling individuale. Più in generale, mira a essere un luogo di ascolto, un punto di riferimento per i bisogni e le aspettative delle persone, nonché un soggetto attivo nella costruzione di reti tra i diversi attori del sistema formativo, educativo e del lavoro. Ogni attività è svolta sulla base della convinzione che tramite la formazione sia possibile contribuire alla crescita professionale, economica, sociale e culturale delle persone e dell intera collettività. Negli anni più recenti ENFAP Trentino ha avviato una nuova fase, caratterizzata da novità organizzative, operative e sul piano della gestione. Attualmente, pur caratterizzandosi ancora per una struttura relativamente piccola e flessibile, sta sperimentando un percorso di sviluppo e consolidamento, che con il presente bilancio sociale intende testimoniare, anche in un ottica di ulteriore crescita e miglioramento.

10 Missione e sistema valoriale Come le sue origini, la sua compagine sociale e la sua collocazione istituzionale fanno intendere, ENFAP Trentino condivide innanzitutto il sistema di valori della UIL, ispirato ai principi di democrazia e laicità, solidarietà e inclusività, partecipazione e uguaglianza, centralità dei diritti civili, politici e sociali. All interno di questo contesto, ENFAP Trentino trova la sua ragion d essere, ovvero la propria mission, nella volontà di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei cittadini, incentivando le possibilità di occupazione e il progresso delle condizioni lavorative, sulla base del riconoscimento della formazione come elemento essenziale per l uguaglianza delle opportunità e per la piena realizzazione dei diritti sociali. In particolare, le finalità che ENFAP Trentino persegue nella sua attività quotidiana sono quelle di: promuovere l ingresso e la permanenza nel mercato del lavoro del maggior numero possibile di cittadini; rimuovere gli ostacoli di carattere economico, sociale o culturale che limitano l accesso al mercato del lavoro di particolari categorie di cittadini; favorire l incontro tra domanda e offerta occupazionale; promuovere il continuo miglioramento delle condizioni lavorative, anche dal punto di vista della sicurezza e della salute sul lavoro; supportare lo sviluppo di risorse umane in grado di governare i processi di trasformazione e innovazione; favorire l innovazione nel sistema produttivo locale e nella pubblica amministrazione; partecipare all individuazione dei bisogni e delle aspettative sociali, aziendali e individuali in tema di lavoro e occupazione.

11 Analisi di contesto La conoscenza del contesto sociale ed economico entro cui si intende operare è fondamentale per qualsiasi organizzazione e lo è a maggior ragione per chi come ENFAP Trentino intende contribuire al progresso di quello stesso contesto. Di seguito, pur nei limitati spazi a disposizione, è proposto un sintetico quadro sociodemografico della provincia di Trento, comprensivo di qualche dato relativo alla condizione occupazionale dei cittadini, per dare idea dell ambiente in cui ENFAP interviene e svolge le proprie attività. 1 Figura 1.1. Popolazione residente Figura 1.2. Popolazione residente (anni , di ogni anno). per genere ( ) ,2% 48,8% Maschi Femmine 1 Fonte di tutti i dati presentati in questo paragrafo è il Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento,

12 12 Sul territorio provinciale risiedono oltre mezzo milione di persone, in lieve ma pressoché costante aumento da almeno un decennio: più precisamente, dal 2004 al 2013 la popolazione è cresciuta complessivamente dell 8,0%, passando da a unità (figura 1.1). Pur in un sostanziale equilibrio di genere, la popolazione femminile risulta in leggera prevalenza, costituendo in virtù di un aspettativa di vita più lunga il 51,2% della popolazione complessiva (figura 1.2). La figura 1.3 evidenzia la distribuzione della popolazione per fasce di età: si può notare un picco in corrispondenza dei trentenni e, soprattutto, quarantenni, ma anche che le classi di età dei più giovani sono relativamente numerose. Le coorti di età quinquennali fino a 29 anni, infatti, contano ognuna circa 26/27 mila unità. Si può osservare, infine, come nelle fasce di età più elevata le donne diventino notevolmente più numerose degli uomini. Figura 1.3. Popolazione residente per fascia d età e genere ( ) Maschi Femmine

13 13 Figura 1.4. Popolazione residente straniera per area geografica ( ) Anche in Trentino, come altrove, una quota sempre più significativa di popolazione è straniera: nel 2013 gli stranieri residenti in provincia erano , il 9,2% dei residenti complessivi, in aumento del 6,2% rispetto all anno precedente (quando risultavano essere ). La distribuzione territoriale, illustrata nella figura 1.4, evidenzia alcune differenze significative circa la presenza degli stranieri nelle diverse comunità. Come prevedibile, buona parte di essi risiedono nelle aree più popolose, ovvero in Val d Adige (26,5%), Vallagarina (18,3%) e nell Alto Garda e Ledro (10,0%). Analizzando la percentuale di stranieri rispetto alla popolazione residente, tuttavia, le differenze sono ancora più significative: la concentrazione di stranieri è massima in Val di Non dove rappresentano quasi un quarto della popolazione complessiva molto inferiore altrove, come ad esempio in Val di Sole (3,3% della popolazione residente) e Primiero (4,3%).

14 14 La situazione occupazionale del Trentino è certamente migliore di quella rilevabile in gran parte del restante territorio nazionale; questo non significa, tuttavia, che non esistano situazioni di difficoltà e, di conseguenza, ampi potenziali margini di miglioramento. Come riportato nella tabella 1.1, nel 2012 la forza lavoro ammontava a oltre 245 mila unità, di cui circa 230 mila occupati e circa 15 mila persone in cerca di occupazione. II tasso di occupazione (occupati sul totale della popolazione anni) si attestava quindi al 65,9% (58,3% tra le donne, 73,3% tra gli uomini). Il tasso di disoccupazione (persone in cerca di occupazione sul totale delle forze lavoro) era invece pari al 6,1%, (6,8% tra le donne, 5,6% tra gli uomini), in crescita rispetto agli anni precedenti. Da allora, peraltro, per effetto di una crisi economica più ampia, la situazione si è ulteriormente aggravata, con il tasso di disoccupazione che nel primo trimestre 2014 ha raggiunto il 7,4%. Tabella Popolazione per condizione professionale e genere (media 2012). Condizione Maschi Femmine Totale Forze lavoro Occupati di cui occupati in età lavorativa (15-64) di cui occupati non in età lavorativa Persone in cerca di occupazione di cui ex occupati di cui ex inattivi di cui in cerca di prima occupazione Non appartenenti alle forze di lavoro di cui non cercano ma disponibili a lavorare di cui cercano ma non sono disponibili a lavorare di cui non cercano e non sono disponibili a lavorare di cui inattivi minori di 15 anni di cui inattivi maggiori di 64 anni Totale

15 15 Per un ente di formazione non è irrilevante constatare come le opportunità di occupazione siano positivamente correlate al livello di istruzione. In Trentino, come peraltro su tutto il territorio nazionale, i tassi di disoccupazione più elevati si registrano tra i cittadini meno istruiti, soprattutto se si considerano le fasce di età dei più giovani (tabella 1.2). Nel complesso, infatti, il tasso di disoccupazione è quasi il 9% per coloro che hanno interrotto i loro studi alla licenza media, elementare o ancora prima, si riduce a circa il 5,5% per chi detiene una licenza superiore, è pari al 3,7% per i laureati. Tabella 1.2. Tasso di disoccupazione per fascia di età e titolo di studio (media 2012). Classe di età Licenza elementare o senza titolo Licenza media inferiore Licenza che non permette l'accesso all'università Maturità Laurea o diploma universitario Totale anni 100,0% 33,8% 17,9% 15,0% 14,4% 20,5% anni 38,6% 15,4% 6,4% 6,7% 7,3% 8,2% anni 14,7% 12,6% 6,6% 4,4% 2,9% 6,0% anni 54,2% 7,6% 5,9% 5,0% 4,6% 6,2% anni 7,5% 5,5% 2,5% 3,3% 2,8% 3,8% anni 4,9% 4,0% 2,4% 4,0% 4,0% 3,7% anni 4,6% 2,5% 1,6% 4,7% 0,0% 2,8% 65 e oltre 0,0% 3,3% 0,0% 2,3% 0,0% 1,1% Totale 9,0% 8,8% 5,5% 5,6% 3,7% 6,1% Un ultima tabella (1.3) consente di analizzare gli ambiti di impiego dei lavoratori della provincia di Trento. La maggior parte di essi oltre 150 mila lavoratori, il 69,2% degli occupati opera nell ambito dei servizi, il 26,9% nell industria e il 3,9% nell agricoltura. Nel settore terziario, più nel dettaglio, una fetta consistente di lavoratori è impiegata in servizi pubblici quali la sanità e l istruzione (il 18,4% del totale

16 16 dei lavoratori), nel commercio (12,7%) e nelle attività immobiliari, servizi alle imprese e altre attività professionali (9,8%). Nella pubblica amministrazione lavorano persone, pari a poco più dell 8% degli occupati complessivi. Tra coloro che sono occupati nel settore dell industria, invece, circa un terzo opera nell ambito delle costruzioni. Degli oltre 230 mila lavoratori totali, il 79,0% è costituito da lavoratori dipendenti, il restante 21,0% da imprenditori e liberi professionisti. Tra i dipendenti, il 17,1% ha un occupazione temporanea, condizione frequente soprattutto nei settori caratterizzati da cicli di lavoro stagionali (agricoltura e settore alberghiero). Tabella 1.3. Occupati per ramo di attività e tipo di occupazione (media 2012). Occupazione temporanea Occupati dipendenti Occupazione permanente Totale Occupati in complesso Agricoltura ,9% Industria ,9% Industria in senso stretto ,3% Costruzioni ,6% Servizi ,2% Commercio ,7% Alberghi e ristoranti ,3% Trasporti e immagazzinaggio ,3% Servizi informazione e comunicazione ,8% Attività finanziarie e assicurative ,9% Attività immobiliari, servizi alle imprese e altre attività professionali ,8% Pubblica Amministrazione ,1% Istruzione, sanità e altri servizi ,4% Altri servizi collettivi e personali ,8% Totale ,0%

17 Stakeholder Per realizzare la sua missione ENFAP Trentino, come qualsiasi altra organizzazione, deve o sceglie di rapportarsi con altri soggetti singoli, gruppi, enti o imprese rispetto ai quali mantiene rapporti di servizio, informazione, rappresentanza, concorrenza o collaborazione. Si tratta di soggetti che, in diverse misure e modalità, sono influenzati e/o influenzano l attività di ENFAP e con i quali è fondamentale mantenere relazioni efficaci, basate sulla trasparenza e la consapevolezza dei ruoli, dei bisogni e delle reciproche aspettative. Essere consci di chi siano i propri interlocutori, sia attuali sia potenziali, di quali relazioni siano state instaurate con essi e di come tali relazioni possano essere migliorate costituisce un prerequisito essenziale per un organizzazione che voglia perseguire con efficacia i propri obiettivi, a maggior ragione in un periodo in cui la congiuntura economica appare sfavorevole e le risorse economiche del sistema nel suo complesso si riducono. ENFAP, per questo, si è interrogata sulla galassia dei propri interlocutori, che nel linguaggio della responsabilità sociale sono ormai unanimemente indicati con il termine stakeholder (portatori di interesse); in particolare, ha cercato di individuare tutte le categorie ritenute rilevanti, definire le aspettative nutrite nei loro confronti e comprendere, viceversa, cosa esse si attendano da ENFAP. È emersa, innanzitutto, l individuazione di tre macro-categorie di stakeholder rispetto a cui ENFAP deve rendere conto, di seguito elencate. STAKEHOLDER INTERNI: sono le persone che operano direttamente per la realizzazione della mission, condividendola; si tratta in primis dei dipendenti, ma anche dei soci, dei

18 18 componenti il Consiglio di amministrazione e dei professionisti che, in maniera più o meno stabile, collaborano con l associazione. PARTNER: sono individuati in tal modo tutti i soggetti esterni che affiancano ENFAP nello svolgimento delle proprie attività istituzionali, nelle diverse vesti di partner per la progettazione e realizzazione della formazione, di finanziatori, contributori o controllori, di fornitori di beni e servizi, e così via. BENEFICIARI: sono i soggetti che beneficiano delle attività svolte da ENFAP, ovvero le aziende destinatarie dei progetti formativi e i cittadini che vi partecipano, siano essi lavoratori in cerca di aggiornamento e qualificazione professionale, inoccupati o sottooccupati in cerca di competenze per un ingresso o riposizionamento nel mercato del lavoro o giovani in cerca di specializzazione. La figura 1.1 illustra graficamente e sinteticamente gli stakeholder così individuati, mettendo in evidenza l identità di ENFAP, intesa come una piccola comunità costituita da soci, dipendenti e collaboratori che opera in collaborazione con altri soggetti del territorio (partner) con l obiettivo di apportare dei benefici alle persone, alle aziende e, in definitiva, alla collettività nel suo complesso.

19 19 Figura 1.1. Mappa degli stakeholder. PARTNER Altri ENFAP regionali Altri enti di formazione Enti pubblici e locali Fondi per la formazione Scuole e università Altre associazioni Fornitori di beni e servizi ENFAP Trentino Dipendenti Collaboratori Soci BENEFICIARI Aziende Cittadini o o o Lavoratori Disoccupati e sotto-occupati Giovani postdiploma o postlaurea COMUNITÀ LOCALE

20 20 Congiuntamente all individuazione della tre macro-categorie di interlocutori delineate in precedenza, ENFAP ha distinto gruppi di stakeholder più precisi ed elencato i principali soggetti che ne fanno parte. STAKEHOLDER INTERNI PARTNER BENEFICIARI o Dipendenti o Collaboratori Progettisti Docenti o Soci UIL Trentino FENEAL UIL FPL Enti Locali UIL FPL Sanità UIL Pensionati UIL Poste UIL Scuola UIL Trasporti UIL TuCS UILA UILTEC UILCOM o Altri ENFAP regionali ENFAP Marche ENFAP Piemonte ENFAP Puglia o Altri enti di formazione Associazione Multimediaform Assoservizi Centro di Formazione Professionale G. Veronesi Delta Informatica For.eS. Formazione e Sviluppo o Enti pubblici e locali Provincia Autonoma di Trento Agenzia del Lavoro o Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Fon.coop Fondartigianato Fondimpresa Fondoprofessioni For.Te. o Scuole e università Università di Trento Accademia d Impresa o Altre associazioni ADOC Associazione Difesa Orientamento Consumatori o Fornitori di beni e servizi o Aziende o Cittadini Lavoratori Disoccupati, inoccupati, sottooccupati, lavoratori in mobilità o in cassa integrazione Giovani in cerca di qualificazione postdiploma o post-laurea o Collettività / comunità locale

21 21 2. Risorse umane ed economiche In questa sezione sono presentate le risorse umane con particolare riferimento al personale dipendente e le risorse economiche su cui ENFAP Trentino può contare. I dati contabili, in particolare, sono riclassificati e proposti nell ottica del valore aggiunto, ovvero nella capacità dell organizzazione di produrre ricchezza per il sistema socio-economico in cui opera Organizzazione e personale ENFAP Trentino è un organizzazione di piccole dimensioni, che si caratterizza per numero limitato di personale dipendente e per flessibilità. Attraverso il personale dipendente dell ente, infatti, si garantiscono, oltre alle funzioni amministrative e inerenti il funzionamento della struttura stessa, esclusivamente l organizzazione, la supervisione e la rendicontazione dei progetti di formazione. La progettazione formativa e le docenze, al contrario, sono affidate a personale esterno per ogni singolo intervento formativo. Naturalmente, ENFAP ha costruito in questi anni una serie di collaborazioni dal carattere continuativo e stabile, seppur non esclusivo, con vari professionisti ed esperti del settore, delle cui prestazioni si avvale con frequenza e regolarità. Questa configurazione istituzionale consente un elevata flessibilità e la riduzione dei costi fissi, con la possibilità di espandere la propria capacità d azione solo nelle fasi di maggiore attività, pur rimanendo inseriti in una rete di professionalità costruita nel tempo. Di conseguenza, anche la differenziazione funzionale interna è piuttosto limitata. Oltre al ruolo di indirizzo e controllo affidato, nelle rispettive responsabilità, al Consiglio di Amministrazione e alla Direzione, la struttura interna è organizzata, oltre

22 22 che in un settore amministrativo, in due settori a cui corrispondono funzioni particolarmente ampie, relative alla progettazione (fase preliminare di pianificazione dell intervento formativo, in tutti i suoi molteplici aspetti, ivi compresa l eventuale partecipazione al bando per l assegnazione di contributi) e all erogazione (fase di realizzazione della formazione, dalla gestione della logistica al rapporto con i collaboratori, fino alla rendicontazione di quanto effettuato). Nel complesso, nel 2013 i dipendenti dell ente erano tre, tra i quali un Direttore con funzioni anche operative, così come evidenziato nell organigramma sottostante (figura 2.1). Figura 2.1. Organigramma (anno 2013). Consiglio di Amministrazione Direzione [Ermano Monari] Settore Erogazione [Luciana Grazioso] Settore Progettazione [Silvia Bertola] Amministrazione [Luciana Grazioso]

23 23 È opportuno evidenziare che nel corso del 2014, peraltro in coincidenza con il periodo di redazione del bilancio sociale, ENFAP Trentino è stata oggetto di cambiamenti importanti, che hanno coinvolto sia la struttura operativa sia gli organi di indirizzo e governo. L organigramma, in termini di uffici e relazioni tra essi, è rimasto invariato, ma è subentrato un nuovo Direttore, Walter Alotti, che ha sostituito Ermano Monari, e una nuova dipendente, Maria Pia Trenti, ad oggi responsabile del settore della progettazione degli interventi formativi. Lo stesso Consiglio di Amministrazione è stato recentemente rinnovato; di seguito se ne illustra la composizione nel 2013 e oggi. Composizione del Consiglio di Amministrazione Anno 2013 Anno 2014 Ermano Monari (Presidente) Silvia Bertola (Vicepresidente) Walter Alotti Roberto Curti Walter Alotti (Presidente) Maria Pia Trenti (Vicepresidente) Tullio Campana Ermano Monari Alan Tancredi 2.2. Riclassificazione dei dati contabili e calcolo del valore aggiunto Il valore aggiunto è un concetto centrale nell ambito della rendicontazione sociale, che consente utilizzando criteri metodologici consolidati e condivisi di riclassificare i dati contabili di un organizzazione per evidenziare, in quantità monetarie, i rapporti tra l organizzazione stessa e il sistema socio-economico in cui è inserita.

24 24 Il valore aggiunto, infatti, rappresenta la ricchezza che l'attività di un organizzazione crea a vantaggio dei suoi stakeholder; tecnicamente, coincide con la differenza tra i ricavi e i costi che non costituiscono una remunerazione per i portatori di interessi (ivi compresi quelli interni). In tal modo, esso si discosta in maniera significativa dalla contabilità ordinaria, ad esempio per il fatto che la spesa per dipendenti e collaboratori cessa di rappresentare un costo e, al contrario, diviene parte del maggior valore creato dall'organizzazione (valore che, in questo caso, viene appunto destinato alla remunerazione del personale). L organizzazione genera un valore aggiunto e, al contempo, lo distribuisce ai soggetti cui riconosce la qualità di portatori di interesse. La sua determinazione, quindi, può essere fatta sotto due differenti prospettive: quella della produzione e quella della remunerazione dei (o distribuzione tra i) portatori di interesse. Si tratta di prospettive integrate ed entrambe essenziali, da analizzare congiuntamente, qui presentate tramite le tabelle 2.1 e 2.2 e la figura 2.1. È opportuno sottolineare, prima di ogni analisi, che il valore aggiunto costituisce una stima del rapporto tra l organizzazione e il sistema circostante in quantità monetarie: in altri termini, è una misura per comprendere il valore economico prodotto dall organizzazione a favore della società, ma non considera la funzione che l organizzazione svolge dal punto di vista sociale e culturale o sotto altri profili difficilmente monetizzabili come quelli dell etica o della salvaguardia dell ambiente. Dai dati presentati emerge ulteriormente l idea già evidenziata di un organizzazione in espansione, che ha saputo accrescere il proprio valore aggiunto dai circa 46 mila euro del 2011 agli oltre 460 mila e 230 mila degli esercizi successivi. Si noti che la scelta di presentare i dati contabili relativi ad un triennio non risponde solo alla volontà di comparare i risultati recenti con quelli delle gestioni precedenti,

25 25 ma risponde anche alla necessità di valutare i risultati su un arco temporale più esteso. Le modalità di finanziamento dei progetti formativi realizzati da ENFAP, sommariamente descritti in precedenza, determinano infatti una scarsa corrispondenza tra periodo di realizzazione dell attività e periodo di contabilizzazione delle entrate; mentre le spese per gli interventi formativi sono sostenute quasi totalmente nello stesso anno contabile di realizzazione delle attività, la liquidazione di buona parte dei contributi avviene a progetto concluso, dopo la rendicontazione e la valutazione dello stesso, quindi spesso nell anno finanziario successivo. Queste considerazioni sono fondamentali nella valutazione dell andamento dei dati contabili e, ad esempio, determinano l andamento altalenante del volume delle entrate e delle uscite tra i singoli anni di esercizio dell attività. Sempre in quest ottica, la leggera perdita di esercizio registrata nel 2012 e nel 2013 è ampiamente compensata dai crediti già maturati e da riscuotere previa approvazione della rendicontazione dei progetti realizzati negli anni successivi. Ciò specificato, la crescita e il consolidamento del volume di attività realizzato annualmente rientra tra gli obiettivi futuri di ENFAP, anche al fine di riassorbire gli scompensi derivanti dalle tempistiche di saldo economico dei progetti formativi e ridurre l andamento altalenante dei ricavi e delle spese.

26 26 Tabella 2.1. Produzione del valore aggiunto (anni ) Ricavi delle prestazioni Contributi in conto esercizio Altri ricavi e proventi (A) VALORE DELLA PRODUZIONE Costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci Costi per servizi Costi per godimento di beni di terzi (B) COSTI INTERMEDI DI PRODUZIONE (C) VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO (A+B) Ricavi accessori Costi accessori (D) SALDO DELLA GESTIONE ACCESSORIA (E) VALORE AGGIUNTO ORDINARIO (C+D) Proventi straordinari Oneri straordinari (F) SALDO DELLA GESTIONE STRAORDINARIA (G) VALORE AGGIUNTO GLOBALE 3 (E+F) DI cui euro per compartecipazione ad Associazione Temporanea di Imprese. 3 Non è evidenziata la distinzione tra valore aggiunto globale lordo e valore aggiunto globale netto in quanto, in assenza di ammortamenti, come nel caso dei bilanci di ENFAP Trentino considerati, i due valori coincidono.

27 0 ENFAP Trentino Bilancio sociale Tabella 2.2. Distribuzione del valore aggiunto (anni ) Personale dipendente ,1% ,6% ,8% di cui remunerazione diretta ,5% ,0% ,1% di cui remunerazione indiretta ,5% ,5% ,6% Personale non dipendente ,4% ,2% ,4% (A) REMUNERAZIONE DEL PERSONALE ,4% ,8% ,2% Imposte dirette ,3% ,0% ,3% Imposte indirette (B) REMUNERAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ,3% ,0% ,3% Oneri finanziari a breve termine ,9% ,5% ,9% Oneri finanziari a lungo termine (C) REMUNERAZIONE DEL CAPITALE DI CREDITO ,9% ,5% ,9% Utile di esercizio ,3% Perdita di esercizio ,3% (D) REMUNERAZIONE DELL ENTE ,3% ,3% ,3% (E) REMUNERAZIONE DELLA COLLETTIVITÀ VALORE AGGIUNTO GLOBALE 4 (A+B+C+D+E) ,0% ,0% ,0% 4 Vedi nota precedente.

28 28 La tabella 1.2, i cui principali risultati, relativamente al 2013, sono illustrati graficamente dalla figura 2.2, mostra la distribuzione del valore aggiunto prodotto da ENFAP Trentino. Come si può notare immediatamente, la quasi totalità del valore aggiunto generato è destinata alla remunerazione del personale, che assorbe nel complesso oltre il 90% del valore prodotto. Come è normale per un organizzazione non-profit, invece, la remunerazione dell ente stesso è bassa o pressoché nulla; negli ultimi due esercizi, anzi, si è registrata una leggera perdita (rinviata agli esercizi futuri), una circostanza che, peraltro, determina percentuali di distribuzione del valore aggiunto la cui somma è leggermente superiore al 100%. Figura 2.2. Distribuzione del valore aggiunto (anno 2013). 1,3% 6,9% 27,8% Personale dipendente Personale non dipendente Pubblica amministrazione Capitale di credito 66,4%

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale

IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE. Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + IL SISTEMA ARTIGIANATO: COMPETENZE E SERVIZI A SUPPORTO DELLE IMPRESE Opportunità per la Opportunità per la formazione aziendale + FORMAZIONE FORMA la dimensione delle regole, dei criteri di un percorso

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Liberi di fare la differenza.

Liberi di fare la differenza. Liberi di fare la differenza. 4 l azienda il profilo Consulenza, a pieno titolo. Valori & Finanza Investimenti è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) indipendente che opera secondo un modello

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE pagina 1 di 9 Corso Lucca Ospitale 2009LU0083-89 Il Progetto denominato LUC.OS. - Lucca Ospitale è stato realizzato e gestito dal soggetto capofila SO.GE.SE.TER. Srl, che ha sede a Lucca in via Fillungo

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Studio Staff R.U. S.r.l. Consulenti di Direzione REFERENZE AREA FORMAZIONE Nell ambito della propria strategia di crescita, lo Studio Staff R.U. ha da sempre riservato un ruolo importante alle attivitàdi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Guida alla compilazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit

Guida alla compilazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit Guida alla compilazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit PREMESSA Il bilancio di esercizio dell Associazione A.P.S. (centro sociale) rappresenta il documento fondamentale per fornire

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XI edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente di

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE

FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE FORMAZIONE FINANZIATA Fondi Interprofessionali e FSE TD GROUP E LA FORMAZIONE FINANZIATA La formazione finanziata consiste nella progettazione ed erogazione di percorsi formativi che sono finanziati totalmente

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007

PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007 PROVINCIA DI TORINO Le attività di formazione professionale per cittadini migranti finanziate dalla Provincia di Torino nel 2007 Anche per il 2007 la Provincia di Torino, Servizio Formazione Professionale,

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 STANDARD FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P.

ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. E. N. D. O. F.A. P. ENTE NAZIONALE DON ORIONE - FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PRESENTAZIONE DELL E.N.D.O. F.A.P. L ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione Formazione Aggiornamento Professionale)

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli