3/2014 Periodo: 15/02/ /02/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3/2014 Periodo: 15/02/2014-28/02/2014"

Transcript

1 3/2014 Periodo: 15/02/ /02/2014 1

2 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE febbraio 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Pil - Cresce del 2,7% nel quarto trimestre Commissione Europea prospetta in Ungheria una crescita del Pil del 2,1% nei prossimi due anni. 3 Debito Pubblico - 79% del Pil nel Debito pubblico in aumento a febbraio... 4 Inflazione - a gennaio l inflazione frena sullo Prezzi industriali alla produzione sono rimasti invariati... 4 Investimenti - al quarto trimestre % su base annuale... 5 Il Comune di Budapest approva il budget Fondi comunitari il Governo ungherese prospetta che il 10% dei fondi saranno destinati a R&S e innovazione... 5 ENERGIA... 5 Energia Governo risoluto verso le società di fornitura dei servizi pubblici... 5 Centrale nucleare Paks - Commissione Europea valuta compatibilità accordo Ungheria-Russia con norme comunitarie su appalti pubblici e aiuti di stato... 6 Centrale nucleare di Paks - Alstom conta di contribuire all ampliamento della centrale atomica di Paks... 6 Carbone - MVM prevede una maggiore partecipazione nella Centrale a carbone di Matra... 6 MOL - Il gruppo petrolifero ungherese pronto a cedere all azienda petrolifera turca TPAO il 49% delle quote BaiTex detenute in due blocchi di E&P in Russia... 6 MOL - In perdita l esercizio dell INA croata nel il SETTORE FINANZIARIO... 7 PMI Il Funding for Growth Scheme della Banca Centrale passa alla seconda fase... 7 Protezione Consumatori - Cambio di dirigenza al Centro per la protezione finanziaria dei consumatori (PFK) della Banca Centrale... 7 Assicurazioni - Il mercato delle assicurazioni ancora debole nel TRASPORTI... 9 Linee Aeree - Nuovi voli cargo tra Budapest e Baku... 9 SETTORE AGROALIMENTARE... 9 Settore carni azienda lavorazione carni Kométa in ripresa nell ultima parte dell anno... 9 OPPORTUNITÀ... 9 Quartiere dei Musei a Budapest Concorso internazionale aperto per la progettazione di un polo museale - Il Governo ungherese ha lanciato il progetto... 9 ALTRO... 9 Resident Bonds - Titoli di residenza in maggioranza ai cittadini cinesi... 9 ANDAMENTO DEL FIORINO DISCLAIMER Le informazioni contenute nel presente notiziario sono tratte da comunicati ufficiali, siti istituzionali e organi di informazione ungheresi. L Ambasciata non può verificare la correttezza né essere considerata responsabile del contenuto delle informazioni pubblicate. 2

3 ANDAMENTO MACROECONOMICO Pil - Cresce del 2,7% nel quarto trimestre 2013 Secondo i dati preliminari dell Ufficio Centrale di Statistica il Pil nel quarto trimestre del 2013 è cresciuto del 2,7% su base annua (e dello 0,6% rispetto al terzo trimestre), superando le stime degli analisti. Considerando l intero anno 2013 il prodotto interno lordo è avanzato dell 1,1%. A contribuire agli elevati livelli di crescita dell ultima parte dell anno sono stati il settore agricolo, il manifatturiero degli equipaggiamenti dei trasporti e il settore costruzioni, questi ultimi favoriti dai progetti finanziati dai fondi europei. Le spese pubbliche sono aumentate in vista delle elezioni, ma i consumi delle famiglie non sono aumentati, afferma l analista della Citibank, Eszter Gárgyán. La crescita dell 1,1% realizzatosi nel 2013 ha superato l'obiettivo dello 0,7% fissato dal governo nel piano di convergenza presentato all Unione Europea nel mese di aprile dello scorso anno, superando anche il target dello 0,9% modificato in seguito, ha sottolineato il Ministro dell Economia, Varga, che indica che il Governo non cambierà l obiettivo di raggiungere il 2% di crescita e il 2,4% di tasso di inflazione nel corso del Varga ha inoltre affermato che la crescita economica resterà sostenibile ed equilibrata, confidando sulla domanda delle esportazioni ed ha aggiunto che la domanda nazionale dovrebbe aumentare per effetto della riduzione delle tariffe dei servizi pubblici, dei salari più alti e dell'ampliamento delle detrazioni fiscali familiari che lascerà più soldi alle famiglie con più figli. Fonte: Hatc, 17 febbraio 2014, p. 5. Commissione Europea prospetta in Ungheria una crescita del Pil del 2,1% nei prossimi due anni Dopo Dopo il declino del -1,7% del 2012, l Ungheria ha registrato una crescita reale dell 1,1% nel 2013, in parte come riflesso della ripresa del settore agricolo e degli investimenti di capitale fisso per i programmi pubblici finanziati dai fondi europei che hanno beneficiato il segmento corporate, che in qualche modo ha risentito positivamente dell estensione del Funding for Growth Scheme, il programma di crediti agevolati per le PMI varato dalla Banca Centrale. Nel suo ultimo winter report sullo stato dell economia nell Unione Europea, la Commissione Europea prospetta per l Ungheria un aumento del Pil reale del 2,1% sia per il 2014 che per il 2015, trainato dal rialzo della domanda nazionale, mentre è atteso un contributo a zero delle esportazioni nette. Nel 2014 i consumi delle famiglie dovrebbero mantenersi in territorio positivo grazie al miglioramento del reddito reale disponibile, per effetto del taglio delle tariffe sui consumi, dell aumento dei salari pubblici, ma anche per l apertura delle condizioni del credito grazie ai nuovi schemi di sostegno dei mutui ipotecari. Sul fronte dell occupazione le attività nel settore dei lavori pubblici e la ripresa del settore privato con la creazione di posti di lavoro, potrà far retrocedere il tasso di disoccupazione al di sotto del 10%. L inflazione, che ha raggiunto bassi livelli di crescita dovuti al divario negativo tra produzione effettiva e potenziale (output gap) e alla riduzione delle tariffe sui consumi, dovrebbe salire sino ad arrivare nel 2015 a mantenersi entro il 3%, come previsto dalla Banca Centrale. E possibile, rileva il report, che il deprezzamento del fiorino possa esercitare pressioni inflazionistiche. Il deficit di bilancio si prospetta passi dal 3% del 2014 al 2,9% del 2015, quando declinerà la spesa per gli investimenti pubblici legata al ciclo elettorale e aumenteranno le entrate per la 3

4 vendita delle licenze per le telecomunicazioni. Le stime sul debito pubblico pari al 77,8% del Pil nel 2013, indicano un accelerazione al 79,1% nel 2014 dovuta alla rivalutazione del debito denominato in valuta, con un modesto declino del 78,9% prospettato nel Fonte: Hatc, 26 febbraio 2014, p. 4; Debito Pubblico - 79% del Pil nel 2013 Secondo i dati preliminari della Banca Centrale (MNB), alla fine del 2013 il debito pubblico, pari al 79% del Pil (79,8% nel 2012), ha totalizzato miliardi di fiorini (76,9 miliardi di euro). Il deficit di bilancio di 741 miliardi di fiorini (2,47 miliardi di euro) nel 2013, equivalente al 2,5% del PIL, era al di sotto dell'obiettivo del governo del 2,7%, ha aggiunto la MNB. Il deficit di bilancio nel quarto trimestre dell anno scorso era pari a 127 miliardi di fiorini (423 milioni di euro pari all 1,6% del Pil). Il bilancio centrale ha registrato un deficit di 72 miliardi di fiorini (240 milioni di euro), i fondi della previdenza sociale un disavanzo di 61 miliardi di fiorini (203 milioni di euro), mentre i governi locali hanno riportato un surplus di 7 miliardi di fiorini (23,3 milioni di euro). Fonte: Hatc, 18 febbraio 2014, p. 5, nt_az_allamadossag_2013-ban html Debito pubblico in aumento a febbraio A febbraio il debito pubblico consolidato è cresciuto di 98,8 miliardi di fiorini (cca. 330 milioni di euro) ed è salito al record storico di miliardi di fiorini (cca. 76,4 miliardi di euro). In rapporto al PIL il debito pubblico è salito di nuovo sopra l 80%. A gennaio il debito pubblico è cresciuto di 845,6 miliardi di fiorini (cca. 2,8 miliardi di euro) per effetto dell emissione di titoli di stato. Fonte: Hatc, 28 febbraio 2014, p. 5 Inflazione - a gennaio l inflazione frena sullo 0 Il 14 febbraio scorso l'ufficio Centrale di Statistica ha annunciato che a gennaio il tasso di inflazione ha toccato lo 0, storico livello registrato solo nel Da dicembre a gennaio l aumento medio dei prezzi è stato dello 0,3%. Il prezzo delle verdure è salito dell'8% su base mensile. È stata la riduzione del costo dei servizi pubblici e il calo dei prezzi del carburante a rendere possibile tale livello, ha osservato l analista dell Equilor brokers Ákos Kuti. L'economia non sta tuttavia affrontando un contesto deflazionistico, visto che l'inflazione core è stata del 3,4% su base annua, ha sottolineato. D altro canto la Erste Brokers rileva che le famiglie non hanno invece la percezione che i prezzi siano fermi. Inflazione di gennaio (%) Annuale Mensile Generi alimentari -0,2% 1,3% Alcool, tabacco 10,5 1,2 Vestiario -0,7-2,8 Beni di consumo -0,8 0,3 durevoli Energia domestica -16,9-0,2 Altri beni, carburante -0,6-0,3 Servizi 3,1 0,2 Totale 0,0 0,3 Core inflation 3,4 0,2 Fonte: Hatc, 17 febbraio 2014, p. 6. Prezzi industriali alla produzione sono rimasti invariati Secondo i dati diffusi dall Ufficio di Statistica Centrale (KSH), a gennaio 2014 i prezzi industriali alla produzione sono aumentati dello 0,7% su base mensile e sono calati dello 0,1% su base annua. Su base mensile i prezzi industriali nazionali sono rimasti invariati (- 1,2% su base annua), mentre quelli delle esportazioni sono cresciuti dell 1,2% (+0,6% su base annua) Fonte: Hatc, 28 febbraio 2014, p. 5 4

5 Investimenti - al quarto trimestre % su base annuale Secondo l Ufficio Centrale di Statistica (KSH), il volume degli investimenti al quarto trimestre 2013 registra un rialzo del 14,9% rispetto allo stesso trimestre dell anno precedente. I dati riferiti all intero anno indicano un aumento del volume degli investimenti del 7,2%. L andamento positivo dell ultima parte dell anno 2013 è il riflesso degli ampi progetti di investimento nel settore dei lavori pubblici finanziati dai fondi europei. Nel quarto trimestre la quota degli investimenti nel settore dell acqua, fognature e gestione dei rifiuti è cresciuta del 46,5%. Il settore trasporti e magazzinaggio ha segnato un rialzo del 36,3%, dovuto in particolare agli acquisti di equipaggiamenti/macchinari per il trasporto, costruzioni e manutenzioni di ferrovie e strade minori. Dopo un lungo periodo di stagnazione il quarto trimestre registra un aumento delle forniture per elettricitá, gas e aria condizionata (25,4%). Continua invece il trend negativo del settore immobiliare (-11,4% per l intero anno). Fonte: r21312.pdf Il Comune di Budapest approva il budget 2014 Il 26 febbraio il Comune di Budapest ha approvato il budget del Il budget prevede un deficit di 70 miliardi di fiorini (cca. 233 milioni di euro) con entrate per 246,7 miliardi di fiorini (cca. 822,3 milioni di euro) e spese per 316,5 miliardi di fiorini (1.055 milioni di euro). Il Comune accederà ad un prestito di 20 miliardi di fiorini (cca. 66,7 milioni di euro). Fonte: Hatc, 27 febbraio 2014, p. 4 Fondi comunitari il Governo ungherese prospetta che il 10% dei fondi saranno destinati a R&S e innovazione Il Governo ungherese ha ultimato l accordo di partenariato sull utilizzo di fondi comunitari nel periodo che verrà presentato per la firma alla Commissione Europea insieme ai programmi operativi. La pubblicazione dei primi bandi è prevista per la seconda metà dell anno. Secondo le dichiarazioni di Zoltán Cséfalvay, sottosegretario del Ministero dell Economia, l Ungheria prospetta di destinare, nel periodo di programmazione , 800 miliardi di fiorini (cca. 2,7 miliardi di euro) alla ricerca e sviluppo e innovazione, di cui 140 miliardi di fiorini (cca. 467 milioni di euro), saranno destinati alle start-up. Le aziende ungheresi del settore R&S possono beneficiare dei fondi previsti dal programma Horizon 2020 che, secondo le stime del sottosegretario, potranno fornire un apporto finanziario tra i 300/350 milioni di euro. Fonte: Hatc, 27 febbraio 2014, p. 6 ENERGIA Energia Governo risoluto verso le società di fornitura dei servizi pubblici Nella sessione del 26 febbraio scorso, il Governo è giunto alla decisione che i costi connessi alla sostituzione e alla manutenzione dei contatori di gas, elettricità e acqua, saranno a carico delle società dei servizi, senza considerare chi è il proprietario dei contatori, l utente o la società. Secondo le stime, il costo per l installazione di un contatore è di 7000 fiorini, mentre la progettazione ammonta a mila fiorini. János Fónagy, segretario di stato del Ministero dello Sviluppo Nazionale ha confermato, nel corso di un interevento televisivo che gli esperti stanno lavorando sulle modalità di trasformazione delle società dei servizi pubblici in società non-profit, ipotizzando l abolizione del canone di base dalle bollette che secondo le critiche di stampa darebbe il colpo di grazia alle società che potrebbero decidere di adire alle vie legali. Il canone di 5

6 base annuale è di circa 1500 fiorini (5 euro) per la fornitura di energia elettrica, fiorini (33 euro) per la fornitura del gas, mentre la quota fissa per il riscaldamento urbano può arrivare fino a fiorini (280 euro) annuali. In risposta RWE, azionista di maggioranza delle società di distribuzione elettrica Elmű ed Émász, ha deciso in assemblea generale di pagare i dividendi prima delle elezioni del 6 aprile, un tentativo visto dal portavoce del Governo, András Giró-Szász, di dirottare i fondi destinati a pagare i costi della manutenzione delle reti e dei progetti di sviluppo. Fonte: Hatc, 27 febbraio 2014, p. 1 e 7, ntott_a_kormany_nem_ma_vereznek_el_a_ko zmuszolgaltatok html Centrale nucleare Paks - Commissione Europea valuta compatibilità accordo Ungheria-Russia con norme comunitarie su appalti pubblici e aiuti di stato Il Presidente della Commissione Europea, Barroso, in risposta alla lettera inviata a gennaio dal premier Orban circa il previsto piano di espansione della centrale nucleare di Paks con il draft agreement siglato tra Ungheria e Russia, rileva la necessità che venga valutata la conformità dell accordo con le regole comunitarie sugli appalti pubblici e gli aiuti di stato. Fonte: hatc, 27 febbraio 214 Centrale nucleare di Paks - Alstom conta di contribuire all ampliamento della centrale atomica di Paks La società di ingegneria francese, Alstom, conta di vendere le turbine per l'espansione della centrale nucleare di Paks ad un range di costo delle installazioni che parte da 100 milioni di euro fino a 1 miliardo, ha detto il direttore generale della filiale ungherese, László Deák, sottolineando inoltre che Alstom ha fornito parti di impianti al 40% delle centrali nucleari nel mondo mentre il 30% delle centrali nucleari ha installato turbine Alstom. Nell anno fiscale terminato a marzo scorso, la Alstom Ungheria ha subito perdite per 1,6 miliardi di fiorini (5,3 milioni di euro), tuttavia la società mista che Alstom Francia detiene con la Rosatom fa sperare che essa possa avere un ruolo attivo nell ampliamento dei blocchi della centrale ungherese. Fonte: Hatc, 26 febbraio 2014, p. 6, Magyar Nemzet, 21 febbraio 2014 Carbone - MVM prevede una maggiore partecipazione nella Centrale a carbone di Matra L azienda di stato elettrica MVM potrebbe aumentare la propria quota di partecipazione nella centrale a carbone di Matra, ha dichiarato Zsuzsa Németh, Ministra per lo Sviluppo. Attualmente la proprietà della centrale è suddivisa tra MVM (26%), RWE (51%) e EnBW (22%) che ha espresso l intenzione di cedere la propria quota. La centrale di Matra che vende la maggior parte dell energia a MVM, genera il 20% della produzione totale di energia in Ungheria e crea un indotto occupazionale di 9,400 persone. Fonte: Hatc, 26 febbraio 2014, p. 5 MOL - Il gruppo petrolifero ungherese pronto a cedere all azienda petrolifera turca TPAO il 49% delle quote BaiTex detenute in due blocchi di E&P in Russia Il gruppo ungherese MOL ha annunciato che, in linea con l ottimizzazione del portafoglio attività del gruppo, è in via di concludere la cessione del 49% della quote della società BaiTex LLC alla Turkish Petroleum Corporation (TPAO). BaiTex detiene le licenze di esplorazione e produzione di idrocarburi nei blocchi di Baituganskoye e Yerilkinsky posti del distretto Volga-Urali in Russia. La transazione, commenta MOL, servirá a creare una forte partnership tra MOL e TPAO per alzare i livelli di produzione nei due giacimenti e per valutare insieme opportunità di esplorazione e produzione non 6

7 solo in Russia, dove MOL intende mantenere le sue operazioni, ma anche in altri Paesi petroliferi. Gli sviluppi nel potenziale innalzamento dei volume di produzione della MOL, che mantiene il 51% delle azioni nella BaiTeX, servirà anche a contrastare le perdite possibili dal disinvestimento della MOL (49,1%) nella raffineria INA in Croazia. Fonte: Portfolio.hu, 20 febbraio 2014 MOL - In perdita l esercizio dell INA croata nel il 2013 Nel 2013 l INA, filiale croata della società petrolifera ungherese MOL, ha dichiarato perdite per 1,5 miliardi di kune (60,5 miliardi di fiorini, pari a circa 200 milioni di euro), dopo un utile di 681 milioni di kune registrato l anno precedente. La maggior parte delle perdite è dovuta alla crisi siriana, che ha costretto l INA a sospendere le sue operazioni giá dal Gli introiti dell INA sono diminuiti dell'8% lo scorso anno, mentre il margine operativo lordo è sceso del 19,5% circa. Secondo il quotidiano di Zagabria, Jutarnji list, l'autorità fiscale croata potrebbe indagare sulle perdite sui crediti di grande entità registrate in bilancio (write-offs) dall INA, senza le quali avrebbe riportato utili per 950 milioni di kune. Fonte: Hatc, 17 febbraio 2014, p. 6 SETTORE FINANZIARIO PMI Il Funding for Growth Scheme della Banca Centrale passa alla seconda fase La seconda fase del programma di credito per le PMI, iniziata dal 1 gennaio, consente anche alle aziende di leasing di partecipare al programma. Le nuove regole stabiliscono che le banche devono erogare il 90% dei fondi disponibili sotto la forma di nuovi prestiti e solo il 10% può essere desinato al rifinanziamento di prestiti già esistenti. L anno scorso più del 60% dei fondi è stato destinato al rifinanziamento di prestiti o conversione in fiorini di debiti denominati in divisa e quasi il 40% è andato a finanziare nuovi prestiti. Secondo la banca OTP la procedura di approvazione dell erogazione di nuovi prestiti è più lunga rispetto a quella per il rifinanziamento o conversione dei prestiti denominati in valuta estera. Le aziende sono tuttavia in attesa della pubblicazione dei bandi relativi ai progetti di sviluppo economico che saranno finanziati dai fondi comunitari nel periodo Ecco perché si è ridotta la domanda di nuovi prestiti, ha dichiarato OTP al Vilaggazdasag. Dal canto suo la Banca Centrale prevede che la domanda di prestiti a tassi agevolati, registrerà un balzo a partire dalla seconda metà di quest anno. Fonte: Hatc, 27 febbraio 2014, p. 6 Protezione Consumatori - Cambio di dirigenza al Centro per la protezione finanziaria dei consumatori (PFK) della Banca Centrale György Doubravszky ha lasciato l incarico di capo del Centro per la protezione finanziaria dei consumatori della Banca Centrale (PFK), si legge sul quotidiano economico ungherese Napi Gazdasag. Doubravszky aveva assunto l incarico nella nuova struttura solo cinque mesi fa. Al suo posto Vilmos Freisleben ha assunto l incarico ad interim. Fonte: Hatc, 26 febbraio 2014, p. 5 Assicurazioni - Il mercato delle assicurazioni ancora debole nel 2013 Secondo il comunicato stampa della Federazione Nazionale delle Assicurazioni (MABISZ), nel 2013 le assicurazioni ungheresi hanno realizzato 810,2 miliardi di fiorini in premi assicurativi, 0,7% in più rispetto al La quota del settore vita (53,4% pari a 432,7 miliardi di fiorini) risulta in calo dell 1,5% rispetto al D altro canto, l aumento dei premi per le assicurazioni auto obbligatorie, ha invece contribuito al rialzo del 2,4% del settore non-vita (377,5 miliardi di fiorini). Daniel Molnos, segretario della Federazione ungherese, pur considerando gli aspetti positivi dell inversione di tendenza nel calo dei premi, registra ancora segnali deboli di una crescita 7

8 stabile del mercato delle assicurazioni, che in prospettiva potrà riprendersi grazie alla crescita economica, al conseguente miglioramento del clima degli affari e all introduzione del piano pensionistico assicurativo a lungo termine che potrà attirare le famiglie consentendo loro di maturare una prestazione previdenziale, complementare alla pensione. Fonte: Hatc, 20 febbraio 2014, p nalt-a-magyar-biztositasi-piac-2013-ban 8

9 TRASPORTI Linee Aeree - Nuovi voli cargo tra Budapest e Baku La compagnia aerea azera Silk Way West ha annunciato l apertura delle operazioni di volo con due voli cargo settimanali su Boeing F tra Baku e Budapest a partire dal 1 marzo. La WizzAir opera già dal giugno scorso i voli passeggeri tra le due capitali. Fonte: Hatc, 18 febbraio 2014, p. 7, SETTORE AGROALIMENTARE Settore carni azienda lavorazione carni Kométa in ripresa nell ultima parte dell anno La situazione finanziaria di Kométa sembra ristabilita e l azienda con sede a Kaposvàr ha realizzato utili operativi a novembre e dicembre del 2013, ha dichiarato al quotidiano locale Somogyi Hirlap, Balàzs Prohàszka, responsabile finanziario dell azienda. Le vendite in Ungheria e le esportazioni dirette in Italia, Germania e Repubblica Ceca sono tutte cresciute ed esistono prospettive verso il mercato russo. Nell autunno scorso il Comune di Kaposvar ha iniettato 2 miliardi di fiorini (circa 6,7 milioni di euro) nell azienda che impiega 483 persone, acquisendo nel contempo una partecipazione del 38% all azienda. Il Comune prevede che nel giro di cinque anni l investimento possa produrre un ritorno del 7%. Nel 2012 Kométa aveva generato 1,8 miliardi di fiorini di perdite (circa 6 milioni di euro). Fonte: Hatc, 26 febbraio 2014, p. 6 OPPORTUNITÀ Quartiere dei Musei a Budapest Concorso internazionale aperto per la progettazione di un polo museale - Il Governo ungherese ha lanciato il progetto Liget Budapest, che prevede la costruzione di quattro musei nel City Park di Budapest a Via Gyorgy Dozsa, il rinnovamento delle aree verdi del parco e degli edifici pubblici giá esistenti. Il concorso internazionale in due fasi prevede l assegnazione di premi per un valore complessivo di euro. Gli studi di architettura potranno presentare separatamente progetti per la nuova Galleria Nazionale ed Il Museo di Arte Contemporanea, il nuovo Museo Etnografico, il complesso del Museo ungherese di Architettura e del Foto Muzeum e per la Casa delle Musica ungherese. La lingua di comunicazione è l inglese. I progetti dovranno essere presentati entro il 27 maggio Gli esiti della competizione verranno pubblicati il 19 dicembre Per informazioni ed iscrizioni: &id=80 ALTRO Resident Bonds - Titoli di residenza in maggioranza ai cittadini cinesi A fine gennaio, 468 persone, quasi tutte provenienti dalla Cina, hanno acquistato obbligazioni statali che concedono il permesso di residenza in Ungheria, ha dichiarato il 27 febbraio il direttore del Centro di Gestione del Debito pubblico (ÁKK). Coloro che investono almeno euro in obbligazioni quinquennali con procedura accelerata, ottengono il permesso di residenza in Ungheria. Gli investitori di questi titoli non ricevono interessi, devono invece pagare euro addizionali per i costi amministrativi, detti oneri di consulenza di immigrazione. Anche se sono sette le agenzie autorizzate a vendere i titoli, l Hungary State Special Debt Fund (HSSDF) concentra i servizi in Cina e Vietnam. La società statale, registrata nelle Isole Cayman, prevede di vendere 2000 obbligazioni quest'anno. Fonte: Hatc, 28 febbraio 2014, p. 6, letelepedesi-papir-kelt-el-kinaban/ 9

10 ANDAMENTO DEL FIORINO Abbreviazioni fonti: HATC = Hungary Around the Clock; MTI = ANSA ungherese Redazione: Maria Adele Cioffi, Ibolya Kadar, Milan Solymosi 10

10/2013 Periodo: 1/6/2013-14/6/2013

10/2013 Periodo: 1/6/2013-14/6/2013 10/2013 Periodo: 1/6/2013-14/6/2013 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 1-14 giugno 2013 Sommario ANDAMENTO MACROECNOMICO... 3 Investimenti nazionali - Cala dell 8,7% la spesa sugli investimenti in capitale

Dettagli

23/2015 Periodo: 23/11/2015-4/12/2015

23/2015 Periodo: 23/11/2015-4/12/2015 23/2015 Periodo: 23/11/2015-4/12/2015 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 23 novembre 4 dicembre 2015 Sommario PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI... 3 ANDAMENTO DEL FIORINO... 4 ANDAMENTO MACROECONOMICO...

Dettagli

14/2014 Periodo: 2/08/2014-29/08/2014

14/2014 Periodo: 2/08/2014-29/08/2014 14/2014 Periodo: 2/08/2014-29/08/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 2-29 agosto 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Pil. +3,9% nel secondo trimestre... 3 A luglio il deficit del bilancio

Dettagli

21/2013 Periodo: 7/12/2013-20/12/2013

21/2013 Periodo: 7/12/2013-20/12/2013 21/2013 Periodo: 7/12/2013-20/12/2013 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 7-20 dicembre 2013 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Tasso di sconto Banca Centrale riduce il tasso di sconto del 3%... 3

Dettagli

18/2015 Periodo: 12/9/2015-25/9/2015

18/2015 Periodo: 12/9/2015-25/9/2015 18/2015 Periodo: 12/9/2015-25/9/2015 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 12-25 settembre 2015 Sommario PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI... 3 ANDAMENTO DEL FIORINO... 4 ANDAMENTO MACROECONOMICO... 5 Relazione

Dettagli

14/2013 Periodo: 31/9/2013-13/9/2013

14/2013 Periodo: 31/9/2013-13/9/2013 14/2013 Periodo: 31/9/2013-13/9/2013 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 31 agosto 13 settembre 2013 Sommario ANDAMENTO MACROECNOMICO... 3 Aumenta il PIL dello 0,5% nel secondo trimestre... 3 Bilancio

Dettagli

11/2012 Periodo: 27/08/2012-07/9/2012

11/2012 Periodo: 27/08/2012-07/9/2012 11/2012 Periodo: 27/08/2012-07/9/2012 0 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 27 agosto 2012 7 settembre 2012 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 2 Pacchetto Economia... 2 Banca Centrale abbassa il tasso

Dettagli

7/2014 Periodo: 12/04/2014-25/04/2014

7/2014 Periodo: 12/04/2014-25/04/2014 7/2014 Periodo: 12/04/2014-25/04/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 12 aprile 25 aprile 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Debito debito pubblico balza all 82,9% ad aprile... 3 Politica

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

1/2013. Periodo: 7/1/2013-28/1/2013

1/2013. Periodo: 7/1/2013-28/1/2013 1/2013 Periodo: 7/1/2013-28/1/2013 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 7 28 gennaio 2013 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 4 Fuga di capitali 3,4 miliardi di euro nei paradisi fiscali.... 4 Fondi europei

Dettagli

4/2014 Periodo: 1/03/2014-14/03/2014

4/2014 Periodo: 1/03/2014-14/03/2014 4/2014 Periodo: 1/03/2014-14/03/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 1-14 marzo 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Unione Europea prospetta 2,1% Pil nei prossimi due anni ma il debito pubblico

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

9/2014 Periodo: 10/05/2014-23/05/2014

9/2014 Periodo: 10/05/2014-23/05/2014 9/2014 Periodo: 10/05/2014-23/05/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 10-23 maggio 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Pil dati previsionali 1 trim 2014... 3 BERS modifica al ribasso le previsioni

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

NOTIZIARIO ECONOMICO Dal 18 al 30 maggio 2009

NOTIZIARIO ECONOMICO Dal 18 al 30 maggio 2009 Ambasciata d Italia a Budapest Sezione Economico-commerciale NOTIZIARIO ECONOMICO Dal 18 al 30 maggio 2009 SOMMARIO ANDAMENTO MACROECONOMICO 1. Forte caduta del PIL del primo quadrimestre Pag.3 2. Il Governo

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

5/2014 Periodo: 15/03/2014-28/03/2014

5/2014 Periodo: 15/03/2014-28/03/2014 5/2014 Periodo: 15/03/2014-28/03/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 15-28 marzo 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Prospettive - Fondo Monetario prospetta crescita del 2%, ma economia resta

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

16/2014 Periodo: 13/09/2014-26/09/2014

16/2014 Periodo: 13/09/2014-26/09/2014 16/2014 Periodo: 13/09/2014-26/09/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 13-26 settembre 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 3 Budget 2015 più contenuto per ridurre il deficit, Varga... 3 S&P

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco

Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Numeri della crisi Salari, inflazione e produttività: in 15 anni 6.738 euro lasciati al fisco Nei passati 15 anni i lavoratori dipendenti hanno lasciato al fisco 6.738 euro cumulati di potere d acquisto

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

12/2014 Periodo: 21/06/2014-11/07/2014

12/2014 Periodo: 21/06/2014-11/07/2014 12/2014 Periodo: 21/06/2014-11/07/2014 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 21 giugno - 11 luglio 2014 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 4 Parlamento emenda legge che regola la tassa sulla pubblicità...

Dettagli

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015

comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 comunicato stampa Bologna, 24 marzo 2015 Il Gruppo Hera approva i risultati al 31/12/2014 L anno si chiude con tutti i principali valori in crescita, migliorando la performance positiva dei trimestri precedenti.

Dettagli

Maggio 2015. Nota congiunturale sintetica

Maggio 2015. Nota congiunturale sintetica Maggio 2015 Nota congiunturale sintetica Eurozona Previsioni Nel primo trimestre del 2015, il Pil dell'eurozona è atteso in crescita a un ritmo dello 0,4%, che dovrebbe ripetersi anche nel secondo trimestre

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

2/2015 Periodo: 17/1/2015-30/1/2015

2/2015 Periodo: 17/1/2015-30/1/2015 2/2015 Periodo: 17/1/2015-30/1/2015 1 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 17-30 gennaio 2015 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 4 Entro breve potrebbe essere aumentato il rating dell Ungheria... 4 HIPA

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

Mercato Immobiliare e Finanziamenti

Mercato Immobiliare e Finanziamenti Mercato Immobiliare e Finanziamenti Fase di consolidamento in vista della ripresa Nel corso del 2015 il mercato immobiliare italiano e quello europeo dovrebbero lasciarsi alle spalle definitivamente le

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO

GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO GDP AND MORE IL SISTEMA ECONOMICO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO 5 Quali sono i settori dell economia altoatesina che contribuiscono maggiormente alla formazione del prodotto interno lordo? Quali sono

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 21. Dopo un 29 condizionato dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi, il 21 ci ha fatto riavvicinare, almeno nel caso Italiano,

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro

La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro 17-01-2015 Numero 15-3 NOTA DAL CSC La Germania rende zoppa la correzione dei conti esteri dentro l Area euro Nella crisi tutti i paesi euro in deficit hanno aggiustato i conti con l estero. Il saldo dell

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI INDAGINE CONOSCITIVA SULLA DINAMICA DEI PREZZI DELLA FILIERA DEI PRODOTTI PETROLIFERI, NONCHE SULLE RICADUTE DEI COSTI DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE E SULLA COMPETITIVITÀ

Dettagli

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA

Marzo 2012. Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Marzo 2012 Ufficio Studi L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA L INFLAZIONE ATTESA: TRA CRISI E FOCOLAI DI CRESCITA Gabriele OLINI Ufficio Studi CISL Negli ultimi mesi abbiamo avuto una

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

12/2012. Periodo: 8/9/2012-21/9/2012

12/2012. Periodo: 8/9/2012-21/9/2012 12/2012 Periodo: 8/9/2012-21/9/2012 0 NOTIZIARIO SULL ECONOMIA UNGHERESE 8 settembre 2012 21 settembre2012 Sommario ANDAMENTO MACROECONOMICO... 2 Finanziaria e stabilità macroeconomica e fiscale... 2 Crescita:

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Documento di Economia e Finanza 2016 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera dei

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

L economia internazionale

L economia internazionale L economia internazionale 1. LE ECONOMIE E LE POLITICHE ECONOMICHE DEI PRINCIPALI PAESI E AREE Nel l economia mondiale ha rallentato. Il prodotto è cresciuto del 3,9 per cento, dal 5,3 dell anno precedente.

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO Società per Azioni RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

Dettagli