PIANO TRIENNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO TRIENNALE 2012-2014"

Transcript

1 CONSORZIO PER L AREA DI RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA DI TRIESTE PIANO TRIENNALE QUANDO SOFFIA IL VENTO DEL CAMBIAMENTO, ALCUNI FANNO MURI, ALTRI MULINI A VENTO. (PROVERBIO CINO-CARSOLINO)

2 PIANO TRIENNALE

3 TABELLA DI CORRISPONDENZA DIRETTIVA MIUR E PIANO TRIENNALE AREA SCIENCE PARK DIRETTIVA MIUR DEL 09/02/2012 a) Lo stato di attuazione delle attività relative all anno precedente b) Gli obiettivi generali da conseguire nel triennio PIANO TRIENNALE Par 3 Stato di attuazione delle attività relative all anno precedente Par 4 - Gli obiettivi generali da conseguire nel triennio c) Le risorse finanziarie disponibili Par 5 Risorse Finanziarie disponibili d) Il quadro delle collaborazioni internazionali di rilievo Par 6 quadro delle Collaborazioni nazionali ed internazionali di rilievo e) Le infrastrutture di ricerca importanti Par 7 Infrastrutture di Ricerca f) Il quadro generale delle partecipazioni societarie g) Le risorse umane necessarie per la realizzazione delle attività h) Le azioni connesse alla formazione e le iniziative di trasferimento tecnologico i) L elenco commentato delle proposte concernenti i progetti premiali j) L elenco commentato delle partecipazioni ai progetti bandiera k) L indicazione della spesa amministrativa Par 8 Quadro delle Partecipazioni Societarie Par 9 Le Risorse Umane necessarie per la realizzazione delle attività Par 10 Azioni connesse alla formazione ed iniziative di trasferimento tecnologico Par 11 Elenco delle proposte concernenti i progetti premiali - Par 12 Indicazione della Spesa Amministrativa Par 13 - Appendice 2

4 INTRODUZIONE CHI SIAMO COSA FACCIAMO Le principali aree di intervento del Consorzio La valutazione come pratica per la crescita delle competenze distintive Stakeholder e outcome STATO DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ RELATIVE ALL ANNO PRECEDENTE Risultati raggiunti nell ambito del Trasferimento Tecnologico Risultati raggiunti nell ambito dei servizi di supporto alla valorizzazione della ricerca Risultati raggiunti nell ambito della Formazione avanzata Risultati raggiunti nell ambito del Networking e progettazione internazionale Risultati raggiunti nell ambito della gestione del Parco Scientifico e Tecnologico Risultati raggiunti nell ambito dell attività di comunicazione istituzionale e divulgativa GLI OBIETTIVI GENERALI DA CONSEGUIRE NEL TRIENNIO Obiettivi strategici Progetti strategici in fase di avvio Progetti premiali TRIESTE NEXT Salone europeo della ricerca scientifica SOFT LANDING RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI QUADRO DELLE COLLABORAZIONI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI DI RILIEVO INFRASTRUTTURE DI RICERCA Campus di Padriciano Campus di Basovizza International School of Trieste ENERPLAN ed altre iniziative nel campo del risparmio energetico QUADRO DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE LE RISORSE UMANE NECESSARIE PER LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ Situazione del personale al 31 dicembre Programmazione delle assunzioni con contratto a tempo indeterminato e determinato Le azioni connesse alla formazione delle risorse umane interne ad AREA AZIONI CONNESSE ALLA FORMAZIONE ED INIZIATIVE DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Formazione

5 10.2 Trasferimento tecnologico ELENCO DELLE PROPOSTE CONCERNENTI I PROGETTI PREMIALI INDICAZIONE DELLA SPESA AMMINISTRATIVA APPENDICE

6 INTRODUZIONE Il piano triennale è stato redatto tenendo conto delle esigenze degli stakeholder e avvalendosi degli strumenti innovativi per la pianificazione, strategica ed operativa, che il Consorzio ha sviluppato e applicato negli ultimi anni ad integrazione di quelli richiesti per legge. I principali sono: Il Profilo Dinamico delle Attività (PDA) di un Ente di Ricerca; Il Bilancio del Capitale Intellettuale; Il Rapid Strategic Assessment (RSA) 1 ; L analisi delle competenze distintive; Il metodo dello scenario poliennale; I sistemi di governance e di valutazione delle prestazioni di persone e di organizzazioni La descrizione di queste ed altre metodologie si trovano: nel documento della Vision e dei suoi allegati (approvato dal CdA il e reperibile sul sito nel Bilancio Sociale (www.area.trieste.it/bilanciosociale) nel piano della Performance dell Ente (approvato dal Cda il 30 gennaio 2012 e pubblicato sul sito Dall esame di tali documenti è possibile valutare da diversi punti di vista: I consuntivi degli ultimi anni relativi alle attività ed ai risultati dell Ente con il loro impatto sugli stakeholder; Il trend previsto nel prossimo futuro; Gli obiettivi annuali e triennali con le strategie e le azioni necessarie per conseguirli e superarli. Una sintesi di consuntivi e target per il prossimo triennio è riportata anche nel capitolo 13 di questo piano. I risultati più rilevanti fra quelli esposti nelle pagine del documento sono: Iniziative nel Mezzogiorno: - Il progetto Basilicata Innovazione, rivolto alla valorizzazione dei risultati della ricerca e allo sviluppo delle imprese del territorio, è entrato nel terzo anno di attività. Il know-how di base è costituito dalle competenze distintive che AREA ha sviluppato o acquisito nel trasferimento tecnologico e nella gestione organizzativa di ricerca e impresa. Alla fine del primo biennio il progetto ha superato quasi tutti gli obiettivi di risultato e di impatto che erano stati fissati per il triennio anche dopo la rimodulazione al rialzo effettuata al termine del primo anno. - Si è concluso l accordo con la Regione Calabria e la Finanziaria regionale Fincalabra spa, per la realizzazione del progetto triennale CalabriaInnova, partito all inizio del 2012 e che consentirà di trasferire anche sul territorio della regione Calabria le migliori competenze sviluppate o acquisite da AREA nel trasferimento tecnologico e nella valorizzazione dei risultati della ricerca. - Nel corso del 2011 AREA si è anche aggiudicata una gara per la realizzazione di un Servizio biennale di accompagnamento a favore di start-up innovative nella regione Sardegna. L attività con incarico affidato da Sardegna Ricerche - verrà svolta insieme ad Innovation Factory, la propria in-house company che supporta e accompagna gruppi di 1 RSA è un marchio registrato di proprietà di GCM Consulting. 5

7 ricercatori nella fase di sviluppo di idee imprenditoriali e di avvio di nuove imprese innovative. - Si è rafforzata l azione di Napoli Attiva S.r.l., joint venture in partnership con l Università Federico II, con scopi analoghi alle precedenti iniziative e rivolta al territorio della Campania. - Sono state formulate proposte di collaborazione per iniziative simili in Sicilia e Puglia. I contatti proseguono anche con altre Regioni. Enerplan: prosegue con successo la realizzazione del progetto, che prevede la realizzazione di 8 LID (Laboratori Impianti Dimostrativi), e che, dopo la sperimentazione della caldaia che non inquina un progetto in grado di contribuire sostanzialmente alla soluzione dell inquinamento urbano dovuto al riscaldamento e per il quale sono attesi importanti sviluppi sia tecnologici, industriali e commerciali, vedrà nel 2012 il completamento degli altri LID in avanzata fase realizzativa. Da questa attività, AREA si aspetta ricadute importanti in chiave di capacità di dimostrazione, di ricadute sulle imprese e sul sistema della ricerca, di evoluzione delle competenze interne. In prospettiva AREA, è interessata a proseguire la sperimentazione di nuove tecnologie di uso efficiente dell energia - specie nel settore del building - per facilitarne la diffusione sia in ambito pubblico che privato. Brevetti: nel corso del 2011 AREA e Innovation Factory hanno depositato 8 domande di brevetto in comproprietà con PMI ed effettuato una estensione PCT di un brevetto nazionale. Imprese e laboratori di ricerca con il supporto di AREA nel 2011 hanno depositato 18 domande di brevetto. Spin-off: la procedura di AREA denomina gruppi di sviluppo gli spin-off in fase di elaborazione delle innovazioni e di lancio sul mercato (primo anno di attività). I gruppo di sviluppo avviati nel 2011 sono 7, cui si devono aggiungere ulteriori 3 incubati nell ambito del progetto Basilicata Innovazione. Questi pochi risultati citati indicano che, ad oggi, AREA dispone di metodologie di valorizzazione di ricerca ed impresa innovative a livello internazionale. AREA sta, inoltre, rapidamente selezionando e supportando lo sviluppo di innovazioni sostanziali nel campo energetico. Ritengo che sia auspicabile un attento supporto del MIUR per la valorizzazione, a livello nazionale, delle metodologie e dei risultati innovativi già disponibili, nonché per l incremento e la standardizzazione delle collaborazioni in atto con il Mezzogiorno. Dott. Roberto della Marina Vice-presidente di AREA Science Park 6

8 1. CHI SIAMO AREA Science Park è il primo parco scientifico e tecnologico multisettoriale nato in Italia. Il Parco si estende su due campus che sorgono nei pressi di Trieste, città che negli ultimi decenni si è distinta per la particolare vivacità nell ambito della ricerca, divenendo un luogo di confronto per scienziati provenienti da tutto il mondo. AREA Science Park nasce nel 1978 (legge n. 546/77 attuata con D.P.R. del 6 marzo 1978, n. 102) con l obiettivo ambizioso e lungimirante di creare una struttura che favorisca il contatto e lo sviluppo comune di scienza e impresa. Il compito di gestire il parco viene affidato al Consorzio obbligatorio per l impianto, la gestione e lo sviluppo dell Area per la ricerca scientifica e tecnologica della provincia di Trieste, istituito con il D.P.R. 6 marzo 1978 n Nel corso degli anni il Consorzio ha favorito la crescita del Parco Scientifico e Tecnologico, con il progressivo insediamento di PMI high-tech e di numerosi laboratori, fra i quali alcuni istituti di ricerca nazionali ed internazionali di grande rilevanza: International Center for Genetic Engineering and Biotecnology (ICGEB), avviato nel 1988 sotto l egida dell UNIDO e oggi completamente autonomo; Sincrotrone S.p.A., per la realizzazione della macchina di luce di sincrotrone, costituita nel 1986; International Center of Science (ICS), retto dall UNIDO, nel 1989; Consorzio di Biomedicina Molecolare (CBM), nato nel 2004, con lo scopo di coordinare il Distretto Tecnologico di Biomedicina Molecolare del Friuli Venezia Giulia; alcune Unità Operative del CNR. Dai primi anni 90 il Consorzio, Ente gestore del Parco, subisce una sostanziale trasformazione e passa dall iniziale focalizzazione sullo sviluppo e gestione del Parco per arrivare, alle soglie del 2000, alla realizzazione di strategie di valorizzazione dei risultati della ricerca e dell innovazione sul territorio, riassunti nella formula trasferimento tecnologico e valorizzazione. AREA è caratterizzata da un originale coesistenza di esperienze di Amministrazione Pubblica e gestione imprenditoriale, quest ultima importata da manager di formazione industriale giunti alla fine degli anni 80, che hanno portato l Ente a diventare un vero e proprio laboratorio metodologico sulla gestione strategica ed operativa dei processi di ricerca, innovazione e sviluppo di impresa. In considerazione del rilievo scientifico e tecnologico che il Parco andava assumendo, nel settembre del 1999 il Consorzio diventa Ente di Ricerca nazionale, sotto il diretto controllo del MIUR e cambia nome in Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste, di seguito per brevità AREA. Nello stesso decreto legislativo, prendendo atto della rilevanza del polo scientifico e tecnologico del Friuli Venezia Giulia e delle sue relazioni con l estero, ad AREA viene affidato il compito di coordinare la rete degli Enti di Ricerca e degli atenei aventi sede in Friuli Venezia Giulia senza peraltro rinunciare alla sua missione a livello nazionale. Negli ultimi anni AREA ha sviluppato competenze distintive nel trasferimento tecnologico, nella gestione della ricerca e impresa, mediante l innovazione sia tecnologica sia organizzativa nella relativa formazione mediante metodologie originali a livello internazionale. Molte di queste metodologie sono applicate anche agli insediati del Parco, che ha ottenuto i seguenti risultati: 7

9 Parco di AREA (TS) Totale insediati di cui Enti di Ricerca Imprese di cui Enti e imprese uscite Imprese entrate Unità di personale Fatturato consolidato (M ) 176,5 181,55 179,7 Tab. 1: Andamento Parco COSA FACCIAMO 2.1 Le principali aree di intervento del Consorzio Le attività di AREA sono nate con un ambito regionale. La trasformazione della natura del Consorzio e lo sviluppo di competenze distintive hanno ampliato la loro applicazione a livello nazionale, fornendo ritorni, anche economici ed occupazionali sia al territorio di origine, il Friuli Venezia Giulia, che su scala nazionale. L attività del Consorzio è sostanzialmente focalizzata sulle cosiddette missioni complementari che caratterizzano l attività tipica di un Ente di Ricerca o di un Università 2, cioè la gestione strategica operativa della formazione e della ricerca per la competitività delle imprese e del territorio. Circa l 80% delle attività di AREA è concentrata su queste missioni. Gli ambiti di intervento più importanti di AREA, di conseguenza, sono così sintetizzabili: a) TRASFERIMENTO TECNOLOGICO L attività di trasferimento tecnologico è finalizzata a favorire lo sviluppo tecnologico e la competitività delle imprese della Regione. AREA promuove il collegamento con il mercato delle università e delle altre istituzioni scientifiche della regione per la valorizzazione, lo sviluppo precompetitivo ed il trasferimento dei risultati della ricerca; fornisce assistenza nella ricerca di partner industriali, e nella stesura e realizzazione di progetti di collaborazione ricerca - industria. 2 Il PDA, Profilo Dinamico delle Attività, modello di interpretazione strategico delle attività di un Ente di Ricerca e Università delinea compiutamente un modello di classificazione delle loro attività caratteristiche. Tale modello è basato su 4 missioni principali: 1) Formazione; 2) Ricerca per la conoscenza, cioè non ancora finalizzata ad applicazioni in ambito produttivo; 3) Ricerca per la competitività dell industria, cioè indirizzata a specifiche applicazioni industriali; 4) Ricerca per la competitività del territorio, cioè orientata allo sviluppo del tessuto produttivo territoriale nel suo complesso; A queste si aggiungono 4 missioni complementari riguardanti la gestione strategica e operativa di ciascuna delle 4 missioni principali. Tale modello viene utilizzato da AREA, su impulso della Regione FVG, come strumento di analisi e interpretazione nell ambito della rilevazione annualmente condotta per il Coordinamento degli oltre 50 Enti di Ricerca operanti nella regione. 8

10 AREA promuove inoltre la valorizzazione dei risultati della Ricerca e la creazione di imprese innovative e spin-off. AREA sviluppa i rapporti con l'apparato economico e produttivo regionale e cura le ricadute delle attività di ricerca sul territorio. Promuove la valorizzazione dell'attività di ricerca e sviluppo e delle competenze tecnico scientifiche del Parco Scientifico favorendone l'orientamento al mercato. Fornisce assistenza alle imprese ed alla pubblica amministrazione sui temi dell'innovazione sviluppando collaborazioni con istituzioni, enti ed organismi regionali, nazionali ed internazionali, preposti allo sviluppo scientifico e tecnologico ed alla diffusione dell'innovazione. Fornisce assistenza e servizi a centri di ricerca e imprese per il reperimento di informazioni brevettuali e documentazioni di carattere tecnico, scientifico ed economico. b) FORMAZIONE AVANZATA AREA: gestisce programmi di alta formazione post-universitaria e promuove iniziative di formazione superiore, proponendo e realizzando attività di formazione imprenditoriale, di management della ricerca dell innovazione per il personale della Pubblica Amministrazione, per gli enti di ricerca e le imprese; sostiene la formazione di tecnici e ricercatori attraverso l assegnazione o il cofinanziamento di borse e assegni di ricerca e di dottorato, anche a favore delle Società, Centri e Istituti insediati in AREA Science Park; promuove e favorisce la mobilità internazionale dei ricercatori e la mobilità di personale tra istituti di ricerca e imprese, anche attraverso stage di laureandi e dottorandi e tesi sperimentali realizzate in azienda. Per quanto riguarda quest ambito di intervento, le docenze vengono organizzate dal Consorzio dopo aver analizzato le esigenze dei clienti effettivi e potenziali, integrando il know-how interno con la selezione di competenze, a livello regionale, nazionale ed internazionale. c) NETWORKING INTERNAZIONALE Le strategie prioritarie di AREA sono: lo sviluppo dell Ente nel Mezzogiorno e nell Est europeo (la nuova Europa) per il trasferimento delle metodologie di formazione e governo di nuovi poli scientifico tecnologici e distretti (capacity building) anche con la formazione di broker tecnologici; la selezione e la valorizzazione di idee e imprese innovative nel settore dell energia e del risparmio energetico e la realizzazione di LID (laboratori Impianti Dimostrativi) in Italia e all Estero; accordi extra UE su richiesta delle PA di riferimento e soltanto nel caso in cui le richieste di impegno del personale di AREA siano molto ridotte e i ritorni economici ed occupazionali siano significativi con un forte impatto potenziale sugli stakeholder. d) SVILUPPO DEL PARCO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO AREA si occupa del Parco sia attraverso la gestione dei servizi e delle strutture esistenti sia attraverso la realizzazione di nuovi edifici e nuovi impianti. Promuove, inoltre, l insediamento di laboratori di ricerca (pubblici e privati) e di imprese ad alta intensità di conoscenza, anche di nuova costituzione. 9

11 Per valorizzare gli insediamenti del Parco Scientifico, Consorzio AREA applica e trasferisce le sue metodologie innovative, favorisce opportunità di sinergia e collaborazione tra centri, istituti e società che operano in campi scientifici e tecnologici di indirizzo comune o strettamente interconnessi e complementari. Svolge, infine, attività di consulenza per gli insediati con l obiettivo di contribuire allo sviluppo dei loro prodotti/mercati. e) ENERGIA AREA, condividendo la strategia europea 20/20/20, ha intrapreso un percorso d innovazione specifico, nel settore dell energia secondo un approccio unificante e trasversale alle altre azioni di sviluppo nazionale ed internazionale. L aspetto qualificante è il doppio ruolo svolto da AREA che intende, sia selezionare e sviluppare idee e imprese innovative, sia realizzare impianti e prototipi nel Parco, nella Regione FVG e, successivamente, a livello nazionale e internazionale. L idea di fondo è quella di stimolare partendo dal territorio dove AREA è nata e si è sviluppata l innovazione di prodotti e processi energetici e un uso più sostenibile dell energia attraverso il ricorso alle fonti rinnovabili e il miglioramento dell efficienza energetica. L azione di AREA nel settore è partita nel 2007 con il progetto LIDEA (Laboratorio Impianto Dimostrativo per le Energie Alternative) e con la selezione, all interno del Progetto Domotica FVG, di un gruppo di 13 idee innovative nel settore energetico, per alcune delle quali è stato fornito alle imprese capofila un supporto nella fase di analisi preliminare dell idea e nella fase di pianificazione delle attività di sviluppo. Dal 2009 AREA, con il concorso finanziario del Ministero dell Ambiente, ha avviato un articolato programma di interventi denominato ENERPLAN, che si propone di sviluppare e costruire impianti dimostrativi in grado di operare anche come laboratori di sviluppo tecnologico e sperimentazione industriale nei quali università e scuole dell obbligo, enti di ricerca, imprese e pubbliche amministrazioni possono apprendere e confrontare i risultati tecnici, ambientali ed economici delle varie soluzioni innovative sviluppate e realizzate La valutazione come pratica per la crescita delle competenze distintive L insieme articolato di queste attività in coerenza con la propria vision e mission ha permesso nel corso degli anni e attraverso un processo di progressiva selezione e miglioramento di metodologie e prassi operative, la creazione di un nucleo di competenze distintive, cioè difficili da formare e replicare in quanto rare. Tali competenze quando sono rese esplicite e standardizzate, diventano metodologie distintive valide per la gestione di organizzazioni pubbliche e private. La loro crescita presuppone un continuo sforzo di ricerca, sviluppo e sperimentazione per valutare l efficacia e l efficienza delle loro applicazioni. Valutazione che si riferisce a nuove idee a progetti di ricerca di innovazione e di organizzazione, ai loro risultati da valorizzare e, infine, alle persone ed alle loro organizzazioni. Quindi la valutazione, per AREA, è lo strumento base per lo sviluppo e la crescita delle proprie competenze distintive come schematizzato nella figura 2. 10

12 Fig. 1: La valutazione come strumento di gestione e crescita delle competenze distintive Tali competenze distintive costituiscono, da un lato, il più importante fattore di forza e differenziazione competitiva di AREA rispetto ad altre Amministrazioni (ed EPR in particolare) ma, d altra parte, possono anche rappresentare un elemento di fragilità in quanto, per il fatto di essere incardinate nelle Risorse Umane di AREA, richiedono estrema attenzione e sforzo costante verso la formazione, la crescita qualitativa e la motivazione delle RU. Questi obiettivi non sono sempre agevoli da perseguire per i numerosi vincoli organizzativi ed economici che condizionano particolarmente l Ente che, pur rimanendo di dimensioni medio-piccole nel panorama nazionale degli Enti Pubblici di Ricerca, è cresciuto molto negli ultimi anni, ma con una frazione crescente e ormai troppo elevata di personale non stabilizzato (quasi il 70%). Per inciso, l importanza che AREA attribuisce ai processi di misurazione e valutazione ai fini del mantenimento e miglioramento delle proprie competenze distintive, inquadra il processo di formulazione e applicazione del presente Piano in una sua prassi consolidata, sottraendolo al rischio di una visione e applicazione meramente formalistica. 11

13 2.1.2 Stakeholder e outcome Il concetto di stakeholder (portatori d interesse) identifica tutti i soggetti coinvolti o più semplicemente interessati all'attività dell Ente e in grado, direttamente o indirettamente, di influenzarne gli esiti. I principali Stakeholder del Consorzio sono raggruppati in sei categorie, rappresentate nella seguente figura: Fig. 2: Gli stakeholder La collettività, non indicata esplicitamente nello schema, costituisce in effetti lo stakeholder principale di una Amministrazione Pubblica quale AREA che, attraverso la ricerca e l innovazione tecnologica ed organizzativa e con il conseguente sviluppo economico, punta ad incrementare la qualità della vita. Quindi nel presente schema, non si tratta di un assenza ma, al contrario, di un approccio descrittivo analitico che meglio rende conto del modo in cui si crea valore per la collettività. L importanza della collettività di riferimento è testimoniata anche dallo sforzo compiuto per migliorare la comunicazione e la trasparenza. In quest ottica vanno interpretati ad esempio: la partecipazione, in qualità di co-promotore, a TRIESTE NEXT, primo Salone Europeo della ricerca scientifica, volta a promuovere non solo l attività del Consorzio, ma anche i progetti di ricerca, prodotti e servizi del Parco; 12

14 l Innovazione 3L/3T, ossia la selezione e la diffusione dei risultati innovativi, sviluppati dagli insediati del Consorzio, classificati secondo l interesse per i 3T (T1: Territorio nazionale e in particolare la Regione FVG; T2: Trieste e, per estensione, comunità ed enti del territorio; T3: Te, cioè i singoli cittadini). Il concetto base è che ai 3T si deve informazione e si chiede supporto per trasformare i risultati in prodotti di successo sul mercato; il Business Day, giornata dedicata alla conoscenza reciproca e al confronto diretto tra le aziende insediate e le realtà industriali e scientifiche esterne, con lo scopo di far nascere nuove opportunità di business. Per la misurazione della performance organizzativa occorre partire dalla Vision e Mission del Consorzio, rappresentate nella figura 1 e, declinando la mission per i vari stakeholder di riferimento, procedere poi a identificare in modo più analitico e specifico i risultati di interesse (outcome) per ciascun gruppo di stakeholder. La figura 3 schematizza i passaggi iniziali dalla Vision alla Mission di AREA e la successiva declinazione di quest ultima nelle Mission di maggiore interesse per i singoli gruppi di stakeholder. 13

15 . Fig. 3: La mission di AREA declinata in funzione degli stakeholder 3. STATO DI ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ RELATIVE ALL ANNO PRECEDENTE 3.1 Risultati raggiunti nell ambito del Trasferimento Tecnologico In linea con il PNR in cui si afferma che in un economia basata sulla conoscenza, la chiave di volta per garantire la crescita del Sistema della Ricerca diventa l interazione costante e profonda tra imprese, Università ed Istituzioni di governo 3, Area opera da anni nell ambito del 3 PNR , par

16 trasferimento tecnologico e della valorizzazione della ricerca. Di seguito si riportano i principali risultati per linea di attività ottenuti nel LINEA di ATTIVITÀ: Sviluppo di nuove competenze distintive e trasferimento di metodologie per la diffusione dell innovazione tecnologica e organizzativa in altre amministrazioni pubbliche, agenzie ed enti a livello nazionale. Obiettivi assegnati: Progettazione, implementazione e ottimizzazione di nuove metodologie, strumenti e competenze distintive e loro consolidamento all interno di AREA. Trasferimento di metodologie e competenze sviluppate in AREA in ambito nazionale, con focus sulle regioni del Mezzogiorno, delle attività di diffusione dell innovazione e del trasferimento tecnologico. Tale attività viene sviluppata in collaborazione con partner istituzionali che dispongono di proprie reti territoriali ovvero con radicamento locale nelle aree di interesse. Supporto allo sviluppo e all implementazione di progetti e di servizi innovativi con Enti locali e Amministrazioni Pubbliche. Progetti realizzati: BASILICATA INNOVAZIONE Costituzione di una struttura stabile sul territorio della Basilicata, un sistema ricerca-impresa che inneschi un circolo virtuoso in grado di rispondere alla domanda di innovazione delle imprese del territorio, attivando le migliori competenze presenti nel mondo della ricerca e fornendo un supporto adeguato durante il processo di adozione dell innovazione stessa. Quindi con Basilicata Innovazione, si intende offrire alle imprese e ai ricercatori lucani un punto di accesso diretto allo stato dell arte della ricerca applicata, favorendo lo scouting di competenze, partner, finanziamenti e assistenza utili a realizzare progetti di innovazione di prodotto, di processo e gestionale. Risultati ottenuti (2011): Completamento del percorso formativo delle Risorse Umane di Basilicata Innovazione attraverso partecipazione a master, visite a fiere e convegni; Consolidamento dei centri di competenza del modello Innovation Network : Automotive, Agrobiotecnologie, Energia e Osservazione della terra. Individuazione e avvio di altri centri di competenza sui altri 3 settori di specializzazione: meccanica e lavorazione metalli, edilizia e legno imbottito e avvio di un servizio trasversale sui nuovi materiali (matech point basilicata). In totale a fine 2011 si contano 655 aziende contattate, 566 aziende visitate, 279 interventi di innovazione; Realizzazione del progetto Assessment finalizzato a valutare diversi aspetti del profilo delle imprese, individuarne i punti di forza e debolezza e insieme con l imprenditore formulare e valutare le ipotesi di sviluppo più opportune. L intervento supportato dalla società di management consulting Arthur D. Little ha coinvolto 30 imprese lucane; Realizzazione del progetto Automazione che ha coinvolto 10 imprese alle quali è stato proposto l intervento di un consulente di BI per esaminare il processo e valutarne le possibilità di meccanizzazione/automazione più idonee; Avvio del progetto Bioedilizia dedicato alle imprese edili lucane che intende sviluppare nuove competenze sulla sostenibilità ambientale, sui materiali sostenibili e sulle tecnologie impiantistiche a basso impatto ambientale; Realizzazione del progetto CerrRov dedicato alla valorizzazione del cerro e della roverella, 2 specie arboree molto diffuse nella regione Basilicata che da essenze utilizzate come legna da ardere sono diventate essenze impiegate per la realizzazione di infissi, porte, pavimenti e 15

17 complementi d arredo. Il progetto ha coinvolto 14 imprese della filiera e ha coinvolto il Dipartimento di Scienze dei sistemi culturali, forestali e dell ambiente dell Ateneo lucano; Realizzazione del progetto Ergonomia Basilicata finalizzato all apporto di competenze e soluzioni di ambito ergonomico utili a migliorare la sicurezza e il confort dell utente che ha coinvolto 20 imprese e avviato 15 interventi; Avvio delle attività a supporto dell internazionalizzazione; Avvio del progetto Innoplastica che ad oggi coinvolto 16 imprese lucane operanti nel settore delle lavorazioni delle materie plastiche con l obiettivo di migliore le proprie performance produttive; Avvio del progetto Osservazione Terra che ha coinvolto il cluster di imprese lucane che offrono servizi in tale ambito con l obiettivo di valutarne ipotesi di rilancio con nuovi modelli di business; L avvio di un Centro Studi (sul modello di Centro studi e PatLib ) ha portato in totale a 82 ricerche di anteriorità di brevetti, marchi, design e modelli per 63 soggetti supportati; L avvio delle attività di un incubatore 1 miglio (sul modello di Innovation Factory ) chiamato BI Cube ha portato all individuazione e costituzione di 6 gruppi di sviluppo; Realizzazione in toltale di 14 eventi e iniziative formative che hanno visto il coinvolgimento di 850 persone. TECNOLOGY FORESIGHT LOMBARDIA Analisi di scenario su criticità e potenzialità di diversi settori tecnologici finalizzata a indirizzare risorse e investimenti da dedicare ad attività di ricerca nel settore pubblico ed industriale nelle direzioni più promettenti per il tessuto economicoimprenditoriale lombardo; il tutto al fine di sostenere lo sviluppo socio-economico, mediante l utilizzo di competenze, metodologie e strumenti di technology foresight acquisiti e fatti propri da AREA. Risultati ottenuti (2011): Elaborazione secondo report d indagine Analisi dei settori industriali e di ricerca della Lombardia e individuazione delle famiglie tecnologiche : analisi delle caratteristiche e delle dinamiche di sviluppo dei settori industriali lombardi, individuazione ed approfondimento delle famiglie tecnologiche rilevanti in relazione ai risultati degli studi di scenario e di analisi settoriale. KNOW US - Sviluppo e sperimentazione di una nuova metodologia per la rilevazione delle esigenze strategico-cognitive delle PMI e lo sviluppo di piani strategici per l avvio di percorsi di innovazione e sviluppo aziendale, specificamente progettata per rispondere alle esigenze dei settori economici più rappresentativi dell area transfrontaliera Italia-Slovenia. Risultati ottenuti (2011): Elaborazione report di analisi settoriale relativi ai settori Costruzioni, Turismo, Logistica, Agricoltura, Legno e arredo In corso elaborazione report di analisi e mappatura dei centri di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico presenti nell area di progetto In avvio attività di sviluppo di un software di supporto per il rilevamento delle esigenze strategiche aziendali e la definizione ed implementazione di piani di sviluppo strategico. 16

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste

Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste AREA Science Park Il Consorzio per l Area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste è stato istituito come Consorzio obbligatorio

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema istituzionale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema istituzionale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema istituzionale (compilare un documento per ciascuna area di specializzazione individuata) Area di specializzazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Presentazione della Società. Maggio 2014

Presentazione della Società. Maggio 2014 Presentazione della Società Maggio 2014 La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento I Dati Economico - Finanziari 2 La Società La Storia 2004 Costituzione della StraDe

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale

CINECA - partner per l innovazione l Pubblica Amministrazione Locale CINECA - partner per l innovazione l della Pubblica Amministrazione Locale Forlì,, 22 ottobre 2008 Alan Buda Indice Chi è CINECA La Mission Esigenze degli Enti Locali La risposta del CINECA Benefici Attesi

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it

technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it technoarea Gorizia AREA Science Park Investire a Gorizia UDINE 28 settembre 2001 Elena Pianese elena.pianese@area.trieste.it 1 Il Polo Tecno-Industriale per l Energia di AREA Science Park a Gorizia La

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 - Linea di Attività 2.5 CHIAMATA PER IDEE PROGETTUALI DA AVVIARE ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI DI FATTIBILITA PER LA

Dettagli

Punto 10 all Ordine del Giorno

Punto 10 all Ordine del Giorno QUADRO STRATEGICO NAZIONALE 2007-2013 PER LE REGIONI DELLA CONVERGENZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITA (CCI: 2007IT161PO006) Punto 10 all Ordine del Giorno INFORMATIVA SULLE MODALITÀ

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015

AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 PRESENTAZIONE OPPORTUNITÀ NAZIONALI E REGIONALI Bando MISE Industria sostenibile e PNR Primi bandi regionali del POR MARCHE FESR 2014-2020 AUDITORIUM iguzzini Recanati 12 marzo 2015 POR MARCHE FESR 2014-2020

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013

PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 PASSEPARTOUT - AIUTI AI SERVIZI DI CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA DELLE PMI 2013 Premessa La regione Puglia, in linea con gli indirizzi per lo sviluppo delle politiche comunitarie nei suoi tre

Dettagli

AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG

AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG AZIONI LOCALI NEL SISTEMA GLOCALE: OBIETTIVI E ESPERIENZE DEL FVG Alessia Rosolen FORUM PA Roma, 17 maggio 2010 1 CANTIERISTICA E NAUTICA IN FVG La CANTIERISTICA REGIONALE è rappresentata principalmente

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Solare fotovoltaico in Sardegna

Solare fotovoltaico in Sardegna Sardegna Ricerche Progetto cluster Solare fotovoltaico in Sardegna Regolamento Novembre 2007 Premessa Sardegna Ricerche, nella sua funzione di parco tecnologico, è una rete regionale di infrastrutture

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A

P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A U T O N O M I A PROGETTO PER LA SCUOLA. PROGETTARE E OPERARE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA PARTE II - CAPITOLO 7 P R O G E T T O P E R L A S C U O L A. P R O G E T T A R E E O P E R A R E N E L L A S C U O L A D E L L A

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI Commissione Incubatori Start-Up Spin-off Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI a cura del coordinatore della Commissione Incubatori Elisabetta

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Obiettivi operativi Progetti Indicatori di risultato

Obiettivi operativi Progetti Indicatori di risultato Aree Strategiche operativi Progetti Indicatori di risultato 1.1.1 Promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative Progetto ILO2- Azione 4: Realizzazione Gara Start Cup Puglia Realizzare

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

dalla natura l energia per la vita

dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita È racchiusa in questa frase l identità di Ciesse Energia. Poche parole per definire un azienda convinta che progresso e sviluppo, in

Dettagli

CEII TRENTINO. Giardinaggio aziendale

CEII TRENTINO. Giardinaggio aziendale CEII TRENTINO Giardinaggio aziendale 6 maggio 2010 Fondo per gli interventi diretti a qualificare l attività artigiana i cui obiettivi sono divulgazione dell attività artigiana e del suo radicamento con

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

APRE Veneto: struttura e servizi. Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme

APRE Veneto: struttura e servizi. Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme APRE Veneto: struttura e servizi Unioncamere del Veneto Filippo Mazzariol 14 novembre 2013 Lamezia Terme APRE Veneto Mandato nazionale come sportello regionale dell Agenzia per la Promozione della Ricerca

Dettagli

Location Service. Contributi e agevolazioni.

Location Service. Contributi e agevolazioni. Location Service. Contributi e agevolazioni. 2 Agevolazioni e facilitazioni fiscali. La BLS offre una consulenza di base su tutte le agevolazioni concesse in Alto Adige, fornendo in formazioni sulle possibili

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Presentazione della Società. Novembre 2015

Presentazione della Società. Novembre 2015 Presentazione della Società La Storia La Società La Struttura Produttiva Il Sistema di Competenze Il Posizionamento 2 2004 Costituzione della StraDe s.r.l. ad opera di Massimo Dell Erba e Veronica Montanaro

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese Industrial Liaison Office Università di Sassari Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese In un'economia basata sulla conoscenza l Università, è chiamata

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia maggio 2014 - ver.2.2 Indice 1. Premessa 2. Panorama normativo

Dettagli

Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione"

Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione" Programma Operativo della Regione Lombardia Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Decisione C(2015) 923 del 12/02/2015

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia

Cura del Documento: Giuseppe Gargano. Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Cura del Documento: Giuseppe Gargano Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia - Slovenia Tipologia di cooperazione Area eleggibile Transfrontaliera Ai sensi dell art. 7(1) del reg. 1083/2006,

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche Ageing at home Esperienze idee soluzioni nella Regione Marche Alcune caratteristiche della Regione La Regione Marche è caratterizzata: da un alto tasso di invecchiamento della popolazione da elevate aspettative

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica Fabbisogno di n 10 professionalità esterne per l attivazione presso il Dipartimento per le Politiche di Coesione di un supporto di Assistenza tecnica finalizzato

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO

AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO T REGIONE LOMBARDIA REGIONE CAMPANIA AGIRE POR Trasferimento di buone pratiche finalizzato all individuazione delle più efficaci modalità di gestione e valorizzazione dei siti UNESCO L ENTE La Lombardia

Dettagli