VENETO BANCA: CASSA ASSISTENZA! FINALMENTE BUONE NOTIZIE!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VENETO BANCA: CASSA ASSISTENZA! FINALMENTE BUONE NOTIZIE!"

Transcript

1 Parola alla FABI Numero 6 / 2011 Settembre 2011 Informativa sindacale a cura della Segreteria del Coordinamento FABI del Gruppo : CASSA ASSISTENZA! FINALMENTE BUONE NOTIZIE! George Orwell Gli animali sono tutti uguali ma qualcuno è più uguale degli altri SEGRETERIA FABI GRUPPO ALGERI GIUSEPPE Segretario Coordinatore BERGAMO - tel RUFFONI LUCA OMEGNA - tel VALBUSA DALL ARMI MARIO Segretario Amministrativo MONTEBELLUNA - tel MANZI ERMINIO RHO - tel ROGORA SARA GALLARATE - tel SEGRETERIA AZIENDALE FABI Scpa ALGERI GIUSEPPE Segretario Coordinatore BERGAMO tel RUFFONI LUCA OMEGNA - tel BROTTO WLADIMIR MONTEBELLUNA - tel MANZI ERMINIO RHO - tel PORTA EMANUELA MILANO - tel Cronistoria degli ultimi avvenimenti L 11 agosto delegazioni sindacali e Banca si sono incontrate d urgenza per valutare il problema sorto in merito alla pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale numero 185 del 10 agosto 2011, del decreto del 28 luglio 2011 con il quale il Ministero dello Sviluppo Economico ha revocato l autorizzazione all esercizio di tutte le attività assicurative e disponendo la liquidazione coatta amministrativa di Faro Compagnia di Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.A., che assieme a Swiss Life e DKV, fa (faceva) parte del pool garante della copertura assicurativa della polizza sanitaria per i dipendenti di Veneto Banca (Faro 40%, Swiss Life 50%, DKV 10%). Presente all incontro anche il Broker, Europa Benefits, peraltro già allertato nei giorni precedenti la notizia ufficiale, il quale ha assicurato di poter garantire la continuità assicurativa con la sostituzione di Faro con un altra Compagnia sicura. Già nel gennaio scorso, quando le parti, Azienda e Sindacato, si erano incontrate per valutare l'offerta di Europa Benefits in merito alla nuova Assistenza Sanitaria, qualche perplessità su Faro era stata sollevata, ma nell occasione il Broker aveva asserito con convinzione che Faro Assicurazioni aveva le carte in regola e non mostrava rischi di default, soprattutto in virtù del subentro di una nuova compagine sociale in sostituzione della precedente. L Assicurazione Faro, sana sotto il profilo economico della riscossione premi in rapporto alla gestione sinistri e con una quota di mercato molto consistente soprattutto nell'ambito della Sanità Italiana, con contratti stipulati con Istituzioni, Enti, ecc. per il 20/25% della q.d.m., sarebbe stata più adeguatamente patrimonializzata; inoltre l'attenzione manifestata dall'isvap nei confronti di Faro, sembrava rappresentare più una condizione cautelativa piuttosto che un segnale di pericolo. Nonostante le rassicurazioni ricevute dal Dottor Rossi, rappresentante di Europa Benefits, persona già conosciuta da decenni per professionalità e correttezza, le parti avevano comunque chiesto la riduzione della quota in capo a Faro e, dopo le ovvie resistenze da parte di quest ultima, la quota era stata comunque ridotta al 40% inserendo una terza compagnia assicurativa, DKW Vita per il10%. Quanto recentemente accaduto a Faro Assicurazioni ha stupito tutti e ci sfugge il motivo per cui la Covip abbia deciso di costringere la compagnia alla chiusura, anziché ricercare una moral-suasion nel settore che ne consentisse il passaggio di mano ad un'altra Compagnia assicurativa. Ancora più sorprendente è apparsa la decisione del Ministro Romani di revocare la licenza di Faro e di porla in liquidazione coatta amministrativa, con la conseguenza di mettere sulla strada 140 lavoratori e altrettante famiglie. In ogni caso dal 2012 Faro sarebbe stata destinata ad essere esclusa dal pool che assicurava l'assistenza sanitaria per i colleghi di ; come FABI ci eravamo già chiaramente espressi in tal senso. Per quanto ovvio, in tutta la vicenda, la buona fede delle Parti (Sindacati, Broker e Banca) non è mai stata messa in discussione, nonostante qualche riflessione auto-critica su una maggiore attenzione nel valutare il pool, ricercando l assoluta sicurezza delle Compagnie Assicurative. Le migliori condizioni e i vantaggi offerti ai colleghi rispetto ad altre proposte esaminate, nonché le rassicurazioni e la comprovata e apprezzata esperienza del Broker, ci hanno indotto ad una scelta che alla fine ha prodotto questa situazione. E superfluo dettagliare tutti i passi e le iniziative che anche noi, come Sindacato, abbiamo messo in atto per cercare di porre rimedio ad una situazione senza dubbio complessa e con riflessi negativi, inutile nasconderlo, sulle somme ancora da rimborsare al colleghi. In ogni caso, al di là dell attivazione da parte della Banca e del Broker di incarico ai propri legali per la salvaguardia dei rispettivi interessi, coincidenti con quelli dei colleghi, dai primi giorni di settembre la società DKW Salute (dal 6 luglio 2011 si chiama RBM Salute) è subentrata alla quota di Faro. Il nuovo pool assicurativo è oggi così composto: RBM Salute (50%) e da Swiss Life (50%). Le condizioni di polizza rimangono le medesime e continueranno ad essere garantite sino al 31/12/2012 (un anno prima della scadenza originaria). Notizie dell ultima ora L 8 settembre, mentre stavamo scrivendo questo articolo, abbiamo ricevuto l Ordinanza del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, competente anche per giurisdizione, che annulla previa sospensione dell efficacia la revoca dell autorizzazione all esercizio e la liquidazione coatta di Faro dando quindi torto all Isvap e al Ministero dello Sviluppo Economico e, conseguentemente riattivando le prestazioni di copertura già sottoscritte. Sospiro di sollievo per tutte quelle Aziende sinora assicurate da questa compagnia. Il sito con le credenziali per l accesso invariate, sempre che già non lo sia, verrà riattivo e l inoltro delle richieste di rimborso a Previmedical dovrebbe riprendere con le consuete modalità. Conseguenze e prospettive: Nei prossimi giorni potremo valutare meglio se quanto successo possa avere qualche residua conseguenza, anche solo nella tempistica dei rimborsi inoltrati fino a fine agosto. Faremo, così come nostra abitudine, opera di trasparente informazione specificando meglio se tutto andrà in porto positivamente, fino a fine 2012 e senza altre sorprese.

2 RIFORMA DELL ART. 18: DALLA FABI UN SECCO NO! Siamo su internet: DIRETTIVO FABI GRUPPO ALGERI GIUSEPPE BROTTO WLADIMIR CALDAROLA SERGIO BANCAPULIA LA MOTTA FRANCESCO LAMBERTINO MILENA SYMPHONIA SGR MANZI ERMINIO NOVA FRANCESCO PATAFFI LUCA B.I.M. PELLACCHIA CECILIA CARIFAC PORTA EMANUELA ROGORA SARA RUFFONI LUCA VALBUSA DALL ARMI MARIO DIPARTIMENTI DI GRUPPO MANZI ERMINIO ASSISTENZA SANITARIA BROTTO WLADIMIR GIOVANI ROGORA SARA PERSONALE FEMMINILE RAPP ARRIGO PREVIDENZA COMPLEMENTARE RUFFONI LUCA SICUREZZA E IGIENE NOVA FRANCESCO STRUMENTI DI COMUNICAZIONE La FABI è scesa in campo sull'intenzione di inserire nella manovra ancora in discussione, la riforma dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. L'articolo 18 non si tocca, ha ribadito il segretario generale Lando Sileoni, per nome e per conto della Segreteria Nazionale della FABI, in merito alle annunciate decisioni del Governo sui contenuti nella manovra. Il pretesto dell'aggravamento reale della crisi, scrive il comunicato stampa emanato nei giorni scorsi dalla Segreteria Nazionale, sta determinando forti anomalie sul nostro sistema di relazioni industriali. Evidente è il tentativo di strumentalizzare una situazione di difficoltà economica inserendo in un provvedimento di finanza pubblica un pesante intervento in materia di diritto del lavoro che non è funzionale né al risanamento dei conti dello Stato, né ad una obiettiva e lungimirante politica di crescita. Lando Sileoni afferma mi riferisco alla palese forzatura, da noi ritenuta inaccettabile, sull'articolo 18 dello statuto dei lavoratori con la quale si intenderebbe dare il via libera a licenziamenti privi di giusta causa e spogliare i lavoratori di una fondamentale tutela. Va vista con estrema cautela la materia dei contratti aziendali - in deroga all art. 18 dello Statuto dei Lavoratori e alle disposizioni del contratto collettivo di categoria. Il quadro normativo nazionale, spesso, contiene già disposizioni molto avanzate che purtroppo restano lettera morta per la cattiva volontà o l'inettitudine delle nostre controparti. Il comunicato stampa così esprime, senza equivoci, la posizione della FABI: Consideriamo l articolo della manovra che introduce la possibilità di deroga all art. 18 profondamente ingiusto e sbagliato; auspichiamo pertanto che venga ritirato o bocciato! Si afferma, a voce alta, la contrarietà della FABI alle liberalizzazioni selvagge e, in ultimo, si augura a quei parlamentari che oggi considerano il poter licenziare liberamente un obiettivo da raggiungere, che lo stesso trattamento sia loro riservato dagli elettori. PAROLA A SARA ROGORA : SEGRETARIA DEL COORDINAMENTO FABI DEL GRUPPO VENETO BANCA E REFERENTE PER LE PARI OPPORTUNITA Domanda: Sara, raccontaci qualcosa di te. Risposta: Sono nata e cresciuta a Legnano, laboriosa cittadina dell asse del Sempione, dove tuttora vivo, felicemente sposata, con due splendidi bimbi. Ho iniziato a lavorare al Banco Ambrosiano Veneto appena dopo la laurea a pieni voti in Scienze Politiche e una specializzazione alla Buffalo State University. Qualche mese di gavetta amministrativa poi ho iniziato a occuparmi di aziende: PMI e Corporate. Nel 2001 ho accettato la proposta di lavoro offertami dalla Banca Popolare di Intra e da allora lavoro in questo istituto, oggi. Nel 2008 ho sostenuto e superato l esame di Promotore finanziario: non si finisce mai di imparare! D.: Da quando ti occupi di sindacato? R.: Mi sono iscritta al sindacato appena ho iniziato a lavorare in banca. Avevo scelto la FABI in quanto preferivo un sindacato che fosse indipendente e apartitico. Nel 2003 mi sono rivolta a Ivano Parola, rappresentante sindacale della FABI, in seguito ad una reazione assolutamente ingiusta nei miei confronti, da parte di un mio responsabile, ad una mia richiesta di potermi assentare mezz ora dall ufficio per accompagnare mio figlio, che allora aveva un anno, a fare una vaccinazione. E stata proprio la conoscenza di Ivano e della FABI presente in B.P.Intra che mi ha convinta ad impegnarmi nel sindacato; posso dire che sono stata ben lieta di assumermi questa responsabilità di impegno nella tutela dei diritti dei colleghi; in particolar modo i diritti delle colleghe e delle lavoratrici madri. D.: Qual è un tuo desiderio o obiettivo? R.: Ne ho diversi, uno fra tutti, quello di riuscire a conciliare famiglia, lavoro e sindacato cercando 2

3 Siamo su internet: I TUOI RAPPRESENTANTI Albenzio Nicola Caldarola Sergio Lambertino Milena Pataffi Luca Basso Fabio Bucaioni Luca Bancapulia Bancapulia Symphonia SGR B.I.M. Carifac Carifac Dallago Domenico Carifac Pellacchia Cecilia Carifac Tesei Cristiano Vallesi Giacomo Algeri Giuseppe Brotto Wladimir Cicardi Dimitri Chiesa Natale Carifac Carifac Cristina Elisabetta Danè Fabio di dare sempre il più possibile. D.: Dopo il Congresso della FABI del Gruppo ci sono stati diversi cambiamenti nella FABI stessa, cosa ne pensi? R.: Non vi nascondo che quando Ivano Parola, durante il Congresso ha salutato tutti annunciando che non si sarebbe ricandidato per il ruolo di Coordinatore, per favorire il ricambio generazionale, ho trattenuto a stento, come molti altri presenti, le lacrime. Ivano non è stato solo un mentore, ma soprattutto un amico. In Banca Popolare di Intra è sempre stato il simbolo della FABI, una guida, un esempio da seguire. Fortunatamente è stato capace di costruire una bella squadra e di scegliere un degno successore. Giuseppe Algeri è un collega molto capace, disponibile, sempre pronto ad ascoltare le opinioni di tutti noi per poi rielaborarle con successo: il risultato è sempre all altezza delle nostre aspettative. D.: Abbiamo letto, nell intervista a Parola (cfr. notiziario giugno 2011) grande attenzione verso la rappresentanza femminile della FABI nel gruppo : avete già qualche idea in merito? R.: Sono stata molto contenta di essere stata eletta nella Segreteria della FABI del Gruppo e anche di essere stata eletta nel Direttivo quale referente per le Pari Opportunità. Non ho perso tempo e poco dopo il Congresso mi sono coordinata con le altre colleghe sindacaliste con le quali abbiamo creato un gruppo impegnato in particolar modo nello studio e nell analisi delle problematiche lavorative femminili. Colgo in questa intervista l occasione per ringraziare le colleghe Emanuela Porta, Emanuela Viganò di e Milena Lambertino di BIM per la loro disponibilità. Assieme abbiamo scelto un motto che si può riassumere in due semplici parole: vicinanza e disponibilità. Quotidianamente ci troviamo ad affrontare problemi che riguardano le colleghe ed è nostra intenzione fornire loro esaurienti informazioni e consulenza sindacale. Quindi, care Colleghe del Gruppo, vi invitiamo a scriverci, chiamarci, inviarci le vostre mail; insomma aiutateci ad aiutarvi. D.: Com è nata la decisione di creare questo gruppo con tanta motivazione? R.: Per me l attività sindacale è molto importante perché, soprattutto in momenti difficili come questi, offre l opportunità di fare qualcosa di davvero utile, soprattutto per le colleghe e per i giovani. Ho già accennato prima alla mia aspirazione di acquisire un adeguata preparazione per poter raggiungere la conquista di autentiche PARI OPPORTUNITA e aiutare le colleghe nel delicato periodo della MATERNITA e di quanto ne consegue al rientro in Banca. Un passo sicuramente importante nella salvaguardia dei diritti delle neo mamme si è fatto grazie all estensione, anche alle colleghe ex B.P.Intra, della norma che sancisce il riconoscimento del PART TIME a tutte le lavoratrici madri delle aree professionali fino al 31 dicembre dell anno in cui il bambino compie tre anni. E stato un passo importante, ma occorrerà farne altri; è necessario, non solo stabilire i diritti, ma renderli effettivamente ESI- GIBILI. Mi ha colpito infatti constatare che spesso, al rientro dalla maternità obbligatoria, alcune neo mamme rinunciano alla riduzione di orario previsto dalla legge fino al compimento del primo anno di vita del bambino (il c.d. permesso per allattamento). Spesso lo fanno per paura di venire demansionate oppure in seguito a indebite pressioni, ma così facendo queste colleghe rinunciano a un diritto sacrosanto e a stare vicine ai propri bambini, proprio quando loro hanno maggiormente bisogno della mamma. Per assicurare questa tutela siamo determinate ad impegnarci a fondo. Le donne devono comprendere che esistono a loro favore alcuni diritti, frutto di lotte sindacali durate decenni, che non possono essere messi in discussione. E quindi nostro compito informarle e rassicurare: la FABI è vicina a loro e pronta ad assisterle con tanta attenzione e competenza. D.: Vuoi aggiungere altro? R.: Approfitto per rinnovare l invito caloroso, rivolto alle colleghe, a contattarci per qualsiasi necessità, dubbio o problema. : BENVENUTO AI DUE NUOVI SINDACALISTI FABI Ringraziamo con tutto il cuore i colleghi Fabio e Natale (Nino) per aver preso la decisione di impegnarsi con noi per garantire e tutelare i diritti dei lavoratori di e di averlo fatto scegliendo la FABI, sindacato che è il principale punto di riferimento nel settore del Credito. De Regibus Fabio Fabio De Regibus R.S.A. (rappresentante sindacale aziendale) Filiali e Area GRAVELLONA TOCE (VB) Natale (Nino) Chiesa Filiale di BRA (CN) DIRIGENTE Provinciale FABI - Cuneo 3

4 CARIFAC: LE TRATTATIVE PROSEGUONO Erseni Gabriele Siamo su internet: Falcioni Cristina Giangrieco Stefano La Motta Francesco Manzi Erminio Niccoli Giovanni Nova Francesco Parola Ivano Porta Emanuela Rancan Daniele Rapp Arrigo Rogora Sara Ruffoni Luca Soffiantini Dominich Angela Valbusa Dall Armi Mario Il 1 settembre 2011, presso la Direzione Generale di Fabriano, le delegazioni sindacali della FABI e della Falcri si sono incontrate con l Azienda per confrontarsi su diverse tematiche. La delegazione aziendale ha comunicato la volontà di aprire, entro i primi mesi del 2012, nuove filiali in Emilia Romagna e in particolare nei comuni di Riccione, Imola, Forlì e Cesena. Sembrerebbero esistere difficoltà nel reperire risorse disposte volontariamente a accettare incarichi presso queste filiali di prossima apertura. Abbiamo proposto all azienda la sottoscrizione di un accordo sindacale che garantisca certezza di trattamento, sotto l aspetto economico e normativo, ai colleghi ai quali verrà proposto il trasferimento presso le predette filiali. L alternativa per l Azienda rimarrebbe quella di procedere con nuove assunzioni direttamente in loco. L'azienda ci ha inoltre comunicato che le persone che hanno beneficiato di premi e promozioni nel corso degli ultimi mesi rappresentano il 20 per cento circa dei dipendenti. Nel dettaglio: sono stati erogati 14 provvedimenti "ad personam", 35 promozioni e 39 unatantum. Il Responsabile del personale ha ribadito l indisponibilità aziendale a rendere noti i nomi dei colleghi premiati, seguendo un criticabile metodo in uso in, diversamente da quanto avveniva precedentemente in Carifac. La FABI ha richiesto un nuovo ravvicinato confronto con oggetto: i riconoscimenti dovuti dall Azienda a diversi colleghi rappresentati, in ottemperanza a quanto stabilito dal CIA vigente in Carifac. In particolare chiederemo conto delle ragioni obiettive per le quali l Azienda non abbia finora ritenuto di dare corso agli avanzamenti attesi: più di un/una collega ci ha contattato per lamentare la mancata applicazione di quanto previsto dal contratto integrativo. L'azienda ha sottolineato la volontà/necessità di adottare il sistema inquadramentale previsto in. Il modello distributivo già introdotto in Carifac, che rispecchia quello adottato nella Capogruppo, non trova più corrispondenza con la normativa contenuta nel contratto integrativo. Su questo argomento si è ipotizzata la costituzione di una commissione tecnica, composta da membri di tutte le sigle sindacali presenti in Carifac, con il compito di individuare soluzioni che favoriscano il processo di armonizzazione con la normativa della Capogruppo. Durante l incontro è stata anche presa in esame la situazione della Filiale 4 di Roma. In seguito alla variazione dell organico l orario lavorativo concordato in un precedente accordo sindacale ha subito variazioni che, a nostro avviso, non sono più in grado di garantire una regolare operatività. L Azienda si è detta disponibile ad un incontro tra un mese, per verificare la situazione e valutare una proposta di orario di lavoro, che ci siamo impegnati ad elaborare secondo le necessità dei colleghi interessati. Per concludere la FABI ha espresso il proprio fermo disappunto nel constatare che l Azienda non si è finora adoperata per consentire, ai colleghi interessati, il recupero della maggiore tassazione pagata sugli straordinari effettuati nell anno 2009, come più volte da noi denunciato. Si è trattato di una ingiustificabile linea comune adottata presso tutte le aziende del Gruppo. Purtroppo in Carifac la mancanza di attenzione non ha interessato soltanto gli straordinari, ma anche il premio aziendale che è stato corrisposto a marzo 2011 con assoggettamento all aliquota fiscale marginale/ordinaria, anziché quella agevolata pari al 10%. I colleghi hanno perso parecchio denaro! Abbiamo perciò ancora una volta invitato l Azienda a fare uno sforzo in quanto siamo convinti che un rimedio lo si possa/debba trovare! Viganò Emanuela Zordan Jennifer GRUPPO : ASSEGNI FAMILIARI = SOLDI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI! Parecchi colleghi di tutte le Aziende del Gruppo, anche a causa di loro comprensibili disattenzioni, non hanno fruito degli ASSEGNI FAMILIARI previsti dalla Legge per il sostentamento economico in nuclei familiari con figli /coniuge a carico. Riteniamo utile, quindi, riportare alcune informazioni e indicazioni per mettere tutti in condizione di poter usufruire di questa agevolazione che, 4 in alcuni casi, permette ai colleghi il recupero di una bella somma di denaro. Leggete dunque qui sotto e contattateci senza timore. Chiamateci o scriveteci, saremo lieti di aiutarvi. L INPS, con circolare n 83 del 13/06/2011, ha reso noti i nuovi livelli di reddito 2011/2012 per l assegno per il nucleo familiare (A.N.F.) per i

5 Siamo su internet: lavoratori dipendenti, rivalutando i precedenti limiti di reddito sulla base della variazione dell indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall Istat. Ricordiamo a tutti gli interessati che l apposita domanda al proprio datore di lavoro va presentata a partire dal 1 luglio, altrimenti l erogazione dell assegno non verrà effettuata o verrà sospesa per chi attualmente già ne usufruisca. La richiesta può essere presentata indifferentemente da uno dei due genitori, che avrà diritto all intero ammontare dell assegno. L importo spettante non costituisce reddito ad alcun effetto e pertanto non subisce ritenute di alcun genere. Si considerano i redditi lordi di tutto il nucleo familiare. I figli si contano solo fino all età di 18 anni. Solo se inabili entrano nel computo anche oltre i 18 anni di età. Si ha infine diritto all assegno mensile per il Nucleo Familiare se almeno il 70% del reddito del nucleo è prodotto da lavoro dipendente e/o pensione. Nell ipotesi in cui oltre il 30% del reddito fosse costituito da altre tipologie (ad esempio: lavoro autonomo, percezione di canoni di locazione, ecc.), non si avrebbe più diritto alla percezione dell A.N.F.. Segnaliamo i limiti di reddito per le casistiche più frequenti: - Nuclei familiari con almeno 1 genitore ed 1 figlio minore: si ha diritto all ANF fino a redditi la cui somma sia inferiore ad ,52; - Nuclei familiari con almeno 1 genitore e 2 figli minori: si ha diritto all ANF fino a redditi la cui somma sia inferiore ad ,94; - Nuclei familiari con almeno 1 genitore e 3 figli minori: si ha diritto all ANF fino a redditi la cui somma sia inferiore ad ,29. Consigliamo di verificare la propria situazione segnalando che, in pratica, l ANF spetta in molti casi (ma ovviamente ognuno dovrà controllare la propria situazione) anche per nuclei nei quali lavorano entrambi i genitori con redditi di fascia impiegatizia, inclusi anche i quadri direttivi di IV livello se hanno coniuge e figli a carico. Qualora dalla verifica dovesse emergere la mancata percezione dell assegno per il passato, rendiamo noto che si possono recuperare anche gli arretrati delle somme non percepite, con il limite massimo di cinque anni, oltre il quale le somme sono considerate prescritte. Sul nostro sito trovate una speciale sezione dedicata a questo argomento con le varie circolari dell INPS e i moduli per inviare la domanda per ricevere l'assegno per il nucleo familiare. Restiamo in ogni caso a vostra completa disposizione. BANCAPULIA: GDC - GESTIONE DEL CREDITO Dall 1 settembre 2011 in BancApulia sono iniziati i corsi di formazione per gestori sulla nuova procedura GdC - Gestione del Credito" che coinvolge circa 500 colleghi. Il corso dura una giornata intera e si svolge in aula. Il Responsabile dei Crediti Problematici introduce il corso fornendo una relazione generale che 5 descrive l andamento dei crediti problematici in BancApulia. Durante il resto della giornata, alcuni colleghi specialisti, tra i quali anche il nostro rappresentante sindacale FABI Sergio Caldarola, forniscono istruzioni utili e pratiche per una migliore operatività con l'ausilio della nuova procedura. Viste altre realtà, giudichiamo apprezzabile la scelta di dedicare una giornata intera alla formazione, anziché poche ore o peggio affidarsi all autoformazione. L'introduzione della nuova procedura richiederà però, almeno nelle fasi iniziali, un ulteriore impegno da parte dei colleghi gestori, i quali sono già sottoposti ad una notevole mole di lavoro in presenza di pressioni continue sui risultati. Il tema dei Crediti Problematici è un tema "caldo" e allo stesso tempo assai delicato. Tutti sappiamo che l attenta,corretta e puntuale gestione, da parte del Gestore, di tutti i rapporti in essere è di fondamentale importanza, ma occorre che l Azienda ne tenga debito conto nel momento in cui si vanno ad assegnare i budget e a valutare le performance dei colleghi.

6 La FAVOLA di questo mese LA LEPRE E LA TARTARUGA Siamo su internet: La lepre un giorno si vantava con gli altri animali: - Nessuno può battermi in velocità - diceva - Sfido chiunque a correre come me.- La tartaruga, con la sua solita calma, disse: - Accetto la sfida. - - Questa è buona! - esclamò la lepre scoppiando a ridere. - Non vantarti prima di aver vinto - replicò la tartaruga. - Vuoi fare questa gara? - Così fu stabilito un percorso e dato il via. La lepre partì come un fulmine: quasi non si vedeva più, tanto era già lontana. Poi si fermò, e per mostrare il suo disprezzo verso la tartaruga si sdraiò a fare un sonnellino. La tartaruga intanto camminava con fatica, un passo dopo l'altro, e quando la lepre si svegliò, la vide vicina al traguardo. Allora si mise a correre con tutte le sue forze, ma ormai era troppo tardi per vincere la gara. La tartaruga sorridendo disse: " Chi va piano va sano e va lontano ". Molti colleghi conoscono bene questa famosa favola del poeta Esopo Proviamo ad accostarvi un significato o una morale Ci troviamo molte volte a confrontarci con gente indaffarata, che corre, sgomita, sbuffa nervosa. Simili al Bianconiglio di Alice, siamo sempre più spesso terrorizzati dal tempo che ci sfugge, indecisi se ancora prestare fede a chi dice chi ha tempo non aspetti tempo o a chi afferma la fretta è cattiva consigliera. Prigionieri di scadenze da rispettare, risultati da ottenere, sopraffatti da chi ci ha ormai confusi sul vero concetto delle priorità, saltiamo le pause pranzo, ci fermiamo in ufficio fino a tarda sera, sacrifichiamo a non si sa quando le ferie già pianificate (con eccessivo ed asfissiante anticipo), mentre aimè rinunciamo sempre più al tempo da dedicare agli affetti, ai rapporti sociali, a noi stessi! Attenzione! se si pompa eccessivamente il motore, per farlo correre sempre più veloce, si rischia di fonderlo anziché arrivare prima ; se ci si ritiene sicuri di sé a tal punto da poter correre a tutta velocità prima o poi un titanico (o microscopico) iceberg potrebbe bruscamente metter fine alla nostra corsa. FACCIAMOCI QUATTRO RISATE Non potevo certo immaginare questo, ragioniere, quando vi ho autorizzato a fare uno spuntino in ufficio! Se non mi concedete questo aumento, signor direttore, vado a dire a tutti che l'ho avuto! 6

7 Parola agli ISCRITTI Siamo su internet: : ABILITAZIONE SOSTITUTO RESPONSABILE DI FILIALE Avrei bisogno di un chiarimento in merito alla nuova mansione di vice di filiale prevista per Scpa. Da febbraio 2011 sono stato abilitato in via continuativa come Vice di filiale e quindi mi capita sempre più spesso di autorizzare condizioni, bonifici ecc. Non ho ben chiaro se questo nuovo incarico e quindi questa nuova responsabilità mi viene remunerata in busta paga. Grazie mille. Caro collega, la figura del sostituto in è stata istituita il 19 gennaio 2011 con la Circolare n. 6/2011. Si tratta di un nuovo tipo di incarico assegnato nominativamente dal Responsabile di Filiale ad una risorsa della filiale stessa. Non è un ruolo, colui che viene designato mantiene il ruolo precedentemente attribuito, anche se riteniamo che questo incarico debba essere tenuto in considerazione quando annualmente vengono definiti i giudizi ed i percorsi di carriera dei colleghi. La responsabilità inerente alla gestione complessiva della Filiale resta attribuita al Responsabile di Filiale. Con tale delega - revocabile ad nutum il collega ha diritto a percepire 1/12 della indennità di reggenza annuale prevista per il Responsabile della Filiale in cui opera. Tale importo verrà riconosciuto nel mese di gennaio dell anno successivo a quello di riferimento, sulla base dei mesi di effettivo esercizio della delega. FESTIVITA : 1 MAGGIO 2011 Nel cedolino del mese di Maggio mi aspettavo di vedermi retribuita la giornata del 1 maggio che quest anno è caduta di domenica. Purtroppo non ho trovato nessun accredito. Credevo si fosse trattato di un errore e che avrei ricevuto quanto dovuto nei mesi successivi, invece nulla. Potete spiegarmi come mai? Nessuno ha detto nulla? Grazie mille. Caro collega hai ragione: le festività che ricorrono la domenica danno diritto ad una giornata di permesso retribuito oppure, in alternativa, al pagamento del compenso aggiuntivo. Il pagamento però non avviene il mese stesso in cui la festività è caduta. Questa giornata la troverai verificando la procedura HR Zucchetti in aggiunta alle altre ex-festività. Questo ti consentirà di fruire del relativo permesso, e potrai usufruirne entro il 30 novembre di quest anno, oppure, se non ne usufruirai, automaticamente ti verrà pagata. Il pagamento avverrà a fine anno e troverai il relativo accredito nel cedolino di gennaio

8 Siamo su internet: INDENNITA DI TRASFERTA Buongiorno, di recente sono stato trasferito in una Filiale più distante rispetto a quella dove ho lavorato per gli ultimi cinque anni. Per questo motivo sto beneficiando dell indennità di trasferta prevista dal CIA di, indennità che è stata modificata dopo la fusione in Veneto Banca della Banca Popolare di Intra. Nella mia busta paga però l importo che mi viene riconosciuto è più basso e mi è stato spiegato che quando si parla di indennità di trasferta si parla di rimborso lordo. Potreste aiutarmi a capire meglio eventualmente con un esempio pratico? Spero che questa mia domanda possa aiutare anche altri colleghi. Leggo sempre Parola alla FABI e colgo l occasione per ringraziarvi per le informazioni che puntualmente fornite. Continuate così! Caro collega, siamo noi che ti ringraziamo per averci scritto. Parola alla FABI è uno strumento al vostro servizio. Siamo convinti che l attività di un sindacato che si possa definire tale debba essere contraddistinta da semplicità, onestà, chiarezza e trasparenza. Noi ce la stiamo mettendo tutta per essere coerenti con questi valori. Ritorniamo al tuo quesito. L accordo del 17 novembre 2010 prevede che in caso di trasferimento ad una diversa sede di lavoro ci sia una franchigia di 25 km (il tragitto viene calcolato con google maps, opzione tragitto più breve), solo superati i quali si ha diritto ad un rimborso chilometrico di 0,33 /km per l eccedenza, calcolata su andata e ritorno. Ora il termine lordo significa questo: dal punto di vista fiscale l indennità chilometrica ha una valenza di indennità ma costituisce anche reddito perché viene percepita giornalmente. Tutto questo si traduce nel fatto che i 0,33 saranno tassati ai fini dei contributi sociali nella misura del 9,19% per le retribuzioni lorde mensili fino a 3.587,00 (da qui in su si passa al 10,19%); a questo punto il restante importo (0,30 /km) viene a sua volta tassato con l aliquota Irpef a cui ognuno è soggetto a seconda del suo reddito. Attenzione a non confondere questo con i rimborsi relativi alle missioni (le c.d. diarie ) che, in quanto occasionali, non costituiscono reddito e quindi non sono soggette a questo tipo di tassazione. A titolo di esempio se il rimborso chilometrico lordo totale mensile è pari a 100,00 questo sarà prima soggetto a contribuzione previdenziale ed assistenziale nella misura del 9,19% (o del 10,19 a seconda dei casi) e quindi tolti i contributi sociali ci resteranno in tasca 90,81 che saranno poi ancora tassati in funzione della nostra aliquota Irpef. (23, 27, 38, 41 o 43%). Ipotizzando un reddito annuale di ,00 l aliquota marginale Irpef è pari al 38% e quindi pari a 34,27. L importo netto sarà pertanto pari a escluse però le addizionali comunali regionali che variano in base alla propria residenza. Ci auguriamo di essere stati esaurienti. Cari saluti. INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE Approfitto della Vostra cortesia e della possibilità data dal vostro ottimo, puntuale e chiaro giornalino per chiedervi quanto segue. Sono un ex dipendente, vostro iscritto, con contratto di lavoro a tempo determinato ormai scaduto dal mese di luglio. L azienda mi ha assicurato che presto mi riassumerà. Nel mese di agosto però non ho lavorato e ho sentito dire che per questo periodo avrei la possibilità di richiedere all Inps una indennità. Vorrei sapere di cosa si tratta e quali sono le modalità per accedervi. La tua domanda è molto gradita. Noi operatori sociali del settore bancario siamo ben consapevoli che in banca sono numerosi i lavoratori che non hanno una occupazione stabile. Una precarietà che noi della FABI in particolare stiamo cercando di contrastare in tutti i modi, vedasi la piattaforma di rinnovo del CCNL e gli accordi di stabilizzazione del lavoro in alcuni istituti di credito. La risposta al tuo quesito è affermativo: potresti aver diritto a percepire il 60% per cento della tua retribuzione qualora, negli ultimi due anni, tu abbia accumulato almeno 52 settimane (un anno di lavoro). L indennità viene erogata dall Inps su domanda dell interessato e puoi tranquillamente avvalerti del patronato Acli convenzionato con la FABI che ti potrà aiutarti nella compilazione della domanda. Nel caso tu non riesca a raggiungere i requisiti contributivi minimi (52 contributi settimanali) puoi comunque richiedere l indennità ordinaria di disoccupazione con i requisiti ridotti che garantisce il 35% della retribuzione per i primi 120 giorni e al 40% per i giorni successivi. La domanda scade nel mese di marzo dell anno successivo all anno solare di riferimento, quindi, anche qualora tu dovessi essere riassunto, puoi comunque presentare la richiesta e ottenere quanto ti spetta. Dal 2008 esiste anche per i lavoratori con contratto co.co pro la possibilità di ricevere un una tantum per periodi di disoccupazione pari al 30% del reddito percepito con un massimale di euro. Per qualsiasi altra informazione scrivici o chiamaci: saremo felici di risponderti. 8

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli