per ciascun operatore per ciascuna squadra

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per ciascun operatore per ciascuna squadra"

Transcript

1 Quesito n 1: in relazione al sub 3 di cui al punto a1 della lettera A) della lettera di invito riguardante le caratteristiche particolari delle forniture inerenti la sicurezza da radiazioni, è stato chiesto di conoscere come le caratteristiche specifiche dei sistemi per la scansione siano valutate nel caso in cui non sia necessario realizzare manufatti edili (tunnel). Risposta n 1 Le caratteristiche di sicurezza dalle radiazioni ionizzanti cui devono rispondere i sistemi di scansione commissionati dall Agenzia delle Dogane saranno valutate in funzione di quanto disposto dal D.Lgs. 230/95 e s.m.e.i. avendo come imprescindibile punto di riferimento la necessità di classificare come lavoratori non esposti il personale addetto alla gestione ed al funzionamento delle apparecchiature scanner e come popolazione tutti gli altri lavoratori presenti nelle vicinanze. Il limite annuo di 1 msv di dose deve sempre essere garantito per i lavoratori addetti alla gestione dell impianto e circa un terzo di tale limite deve essere rispettato per la popolazione, in modo da considerare entrambi non esposti. In osservanza al concetto ALARA (As Low As Reasonably Achievable), che risponde alla filosofia del ragionevolmente raggiungibile, per la protezione dei lavoratori e della popolazione dalle radiazioni ionizzanti, si evidenzia che occorre garantire livelli di dose, attribuita ai lavoratori ed alla popolazione, prossimi alla non rilevanza radiogena. Quesito n 2: in relazione al punto 2 della lettera A) del capitolato tecnico, è stato chiesto se è consentito progettare la copertura del tunnel senza il vincolo della sicurezza radiogena, considerando che durante il funzionamento dell apparecchiatura non è prevista la presenza di personale alcuno sulla copertura. Risposta n 2 Come già indicato nella risposta al quesito n 1, le caratteristiche di sicurezza in relazione alle radiazioni ionizzanti saranno valutate in funzione di quanto disposto dal D.L.gs 230/95 s.m.e.i. precisando che l esigenza dell Agenzia è di classificare come lavoratori non esposti il personale addetto alla gestione dello scanner e come popolazione tutti gli altri lavoratori presenti nelle vicinanze, oltre che l eventuale popolazione ivi residente. Per quanto riguarda il tetto, il vincolo alla protezione radiogena è riferito alla radiazione riflessa e al fenomeno dello skyshine, la cui incidenza sul carico di dose per i lavoratori e la popolazione deve essere valutato nella relazione radio-protezionistica dell impianto. Quesito n 3: in relazione al punto 6 della lettera C) del capitolato tecnico che prevede che il tunnel deve essere dotato di due apposite porte di ingresso e di uscita degli automezzi da scansionare, a chiusura automatica e di una porta pedonale munita di conta persone collegato al dispositivo di consenso dell emissione dei raggi X sono stati chiesti chiarimenti in merito alla porta conta persone agli effetti pratico/operativi. In particolare, è stato chiesto se la porta conta persone dovrà avere compiti quali il controllo del flusso di persone, autorizzare/negare l accesso,chiusura del fabbricato fuori dagli orari operativi, e/o altri obiettivi preferenziali/obbligatori individuati dall Agenzia delle Dogane. Risposta n 3 1

2 Le caratteristiche di sicurezza riguardo alle radiazioni ionizzanti sono valutate in funzione di quanto disposto dal D.L.gs.230/95 s.m.e.i.precisando che l esigenza dell Agenzia è di classificare come lavoratori non esposti il personale addetto alla gestione dello scanner e come popolazione tutti gli altri lavoratori presenti nelle vicinanze, oltre che la eventuale popolazione ivi residente. In questo quadro generale relativo alla radioprotezione, la porta conta persone ha una funzione di riscontro per avere totale conferma dell assenza di persone all interno del tunnel prima di iniziare ogni scansione. Il suo scopo preminente è di sicurezza del lavoro (safety) e non è richiesta una particolare prestazione di security se non quella di resistenza ad eventuali tentativi di effrazione e di resistenza al fuoco della stessa tipologia R.E.I. del manufatto. La porta, in caso di blocco in posizione di chiusura delle serrande automatiche per l entrata e l uscita degli automezzi, dovrà essere munita di maniglione anti-panico per consentire l uscita di eventuali persone presenti all interno del tunnel, con la semplice pressione sul maniglione. Quesito n 4: in caso di positiva valutazione delle caratteristiche particolari della fornitura per la sicurezza da radiazioni, è stato chiesto di conoscere come l Amministrazione ritenga di poter valutare positivamente l inutilità della realizzazione del tunnel. Risposta n 4 In via preliminare, si fa presente che è necessario il tassativo rispetto dei limiti indicati nella precedente risposta n 1. Nella fattispecie, dovrà anche essere dedicata particolare attenzione alle radiazioni riflesse dai carichi sotto scansione. Si rammenta che è prevista anche una valutazione dal punto di vista radioprotezionistico da parte di un Esperto qualificato. Il capitolato tecnico prevede che nel suo insieme la radioprotezione sia ottenuta retroschermando la sorgente di radiazioni (acceleratore lineare) e il sistema di rilevazione e smorzando eventuali raggi riflessi con idonei pannelli in c.a. costituenti le pareti del tunnel, in modo che al di fuori dell area di scansione non siano rilevabili radiazioni apprezzabili. Si precisa, inoltre, che la richiesta dell Agenzia di avere un capannone di contenimento dell apparecchiatura è dovuta oltre che alle esigenze di schermatura dalle radiazioni ionizzanti per superare ogni possibile osservazione dagli Organi di controllo o da Comitati od Associazioni di categoria anche ad esigenze di protezione delle apparecchiature. Si rammenta, infine, che il Disciplinare prevede fino a un massimo di cinque punti per la qualità della costruzione edile. Quesito n 5: in relazione al punto B1-1.a del capitolato tecnico che prevede come requisito dell unità di emissione di raggi X l utilizzo di un acceleratore lineare è stato chiesto se è possibile fornire un sistema che utilizzi una tecnologia alternativa che garantisca almeno gli stessi risultati. Tutto ciò in relazione al fatto che sono oggi disponibili consolidate ed affidabili tecnologie che, per le loro particolarità costruttive ed operative, essendo prive di dispersioni, non necessitano di zone di contenimento né di aree di rispetto. Risposta n 5 Questa Agenzia ha individuato nelle energie di 6 e 3,5 MeV, utilizzate contemporaneamente, le energie e le modalità di erogazione (in unica esposizione) ideali per l applicazione desiderata. 2

3 Nel citare l uso di un acceleratore lineare non s intende limitare alcuna capacità tecnica. Altre macchine o sorgenti capaci di permettere la scansione, con le citate energie di 6 e 3,5 MeV in un unico passaggio e per le quali venga dimostrata l affidabilità tecnologica, saranno valutate verificandone la rispondenza ai requisiti previsti nella gara. Resta ferma l esclusione di fonti a isotopi e fonti che emettono neutroni, a causa delle complesse problematiche connesse alle autorizzazioni da ottenere - trattandosi di sorgenti radioattive - e alla relativa gestione, tra cui, non secondaria, la necessità di addestrare il personale anche per assicurare la messa in sicurezza nella fase di recupero della fonte radioattiva, in caso di pericolo (incendi, alluvioni, terremoti, ecc.). Quesito n 6: in relazione al sub 1.d e al sub 1.h di cui al punto 1 della lettera B) del capitolato tecnico che prevedono una serie di valori prestazionali da rispettare, ma non indicano alcun test case secondo cui tali valori devono essere misurati, è stato chiesto di confermare se sia possibile utilizzare uno standard internazionale che permetta univocamente di valutare le prestazioni dei sistemi oggetto della proposta. Risposta n 6 Il rateo di dose emesso dalla sorgente di radiazioni e il valore della dose attribuita al carico sottoposto a scansione devono essere dimostrati a livello di progetto e verranno verificati in fase di precollaudo tramite l Esperto qualificato. Per la valutazione delle soluzioni progettuali si farà riferimento alle indicazioni e alle pubblicazioni IAEA e NRCP, in quanto compatibili con i singoli progetti. Sarà cura di ogni impresa concorrente indicare i modelli, gli algoritmi e le caratteristiche proprie delle singole macchine utilizzate per le diverse valutazioni progettuali. Si rammenta infine che ai fini dell aggiudicazione definitiva le soluzioni progettuali saranno verificate dall Esperto qualificato, nel rispetto degli standard internazionali previsti in materia. Quesito n 7: in relazione al sub 1.n di cui al punto 1 della lettera B) del capitolato tecnico,dove si fa riferimento alle sonde Geiger Mueller per il rilevamento dell intensità di radiazioni ionizzanti all interno ed all esterno del tunnel, è stato chiesto se sia possibile utilizzare, come strumenti di rilevazione delle radiazioni ionizzanti, apparecchiature dotate di elementi di rilevamento denominati a ion chambre preferibilmente con special dose caps. Tutto ciò, in relazione al fatto che è internazionalmente riconosciuto che l utilizzo delle sonde Geiger Mueller non rappresenti la scelta più idonea in termini di accuratezza nella rilevazione. Risposta n 7 Il riferimento alle sonde di tipo Geiger-Muller, di cui al sub 1.n del punto 1 della lettera B) del capitolato tecnico, è da intendersi in senso generale e cioè come tipologia di apparecchi rilevatori di radiazioni ionizzanti con sensibilità tale da fornire indicazioni utili per la corretta gestione dell impianto. Nella fattispecie, avendo fissato nel capitolato tecnico la condizione di ottenere radiazioni ionizzanti non significative all esterno del tunnel di scansione, è stato indicato sufficiente l uso delle sonde Geiger-Muller, ma ciò ovviamente non limita la possibilità di fornire in dotazione altre apparecchiature di misura di rilevazione delle radiazioni ionizzanti, sempre che le stesse siano certificate CE o da un organismo internazionale riconosciuto. 3

4 Quesito n 8: in relazione al punto 7 della lettera D) del capitolato tecnico, è stato chiesto di confermare che viene richiesta la sola costruzione dei magazzini e non la fornitura delle parti di ricambio. Risposta n 8 Si conferma che il riferimento al magazzino di parti di ricambio riguarda la costruzione di un manufatto di almeno 6 mq, da adibirsi a deposito per le parti di ricambio maggiormente usurabili. Quesito n 9: in relazione al punto 8 della lettera D) del capitolato tecnico, è stato chiesto di confermare che viene richiesta la sola progettazione di quanto riportato nel punto stesso (illuminazione di emergenza, rilevazione incendi, etc ). Risposta n 9 In relazione a quanto previsto al punto 8) e 9) della lettera D) del capitolato tecnico, si conferma che gli impianti di cui al punto 8) devono essere progettati e, a seguito dell approvazione dell Agenzia, realizzati dalla ditta aggiudicataria ed essere in grado di funzionare all atto dell installazione del sistema, al netto di eventuali allacci esterni. Quesito n 10: è stato chiesto di indicare se è facente parte della fornitura l allaccio alle reti esistenti relativamente all energia elettrica, all acqua industriale, allo scarico delle acque chiare, allo scarico delle acque nere. Inoltre, in caso affermativo, è stato chiesto di indicare, per ciascun sito, i relativi punti di allaccio. Risposta n 10 I sistemi di scansione in argomento devono essere completamente funzionanti al momento della loro installazione, al netto degli eventuali allacci esterni. La ditta aggiudicataria della gara dovrà fornire a ciascun Ufficio delle Dogane competente sul luogo di installazione tutto il supporto tecnico necessario a rendere possibili gli allacci alle reti esistenti nel sito, prima dell attivazione del sistema. Quesito n 11: avendo nostri tecnici eseguito l ispezione di ciascun sito stabilito per la collocazione dei sistemi di scansione, si è riscontrata la mancanza di certezze in relazione ad alcune delle aree designate. E stata richiesta pertanto la fornitura di planimetrie indicanti le aree selezionate per ciascun sito e l eventuale scelta tra aree alternative per il medesimo sito. Risposta n 11 Nel capitolato tecnico è specificato che il sistema deve essere rilocabile. Tra l altro, al punto 3 della lettera A) si evidenzia che deve essere riposizionabile in sei settimane. Inoltre, si fa presente che nel capitolato tecnico, al punto 4 della lettera A) viene evidenziato che il sistema deve essere progettato per essere installato su qualsiasi superficie piana (pavimentazione con soletta di cemento armato o di asfalto per impieghi pesanti, tipo industriale, per mezzi di trasporto di peso fino a 50 tonn), con un inclinazione massima in ogni direzione fino all 1% ; ciò significa che l intero sistema (macchinario + accessori + struttura di contenimento e copertura) deve poter essere installato su una pavimentazione avente determinate caratteristiche, come sopra descritte. Ai fini della proposta di 4

5 progetto non appare necessario fornire altre indicazioni oltre a quelle già fornite. Le planimetrie dei siti di prima installazione. verranno fornite alla ditta aggiudicataria al momento della firma del contratto. Quesito n 12: essendo richiesti sistemi traslocabili, contenuti in strutture altrettanto traslocabili, è stato chiesto di fornire la rassicurazione che le aree prescelte dall Agenzia delle Dogane per la collocazione degli scanner garantiscano caratteristiche di resistenza del terreno adeguate a sopportare un minimo di 8 tonn/m 2 senza pericolo di scostamento o cedimento del suolo. Risposta n 12 Nel rinviare a quanto già detto alla risposta al quesito n. 11 si fa presente che in sede di progetto non ha rilevanza la garanzia circa la resistenza del terreno. Tale garanzia verrà fornita alla ditta aggiudicataria al momento della realizzazione dell opera. Quesito n 13: in relazione alla necessità di pervenire ad una corretta valutazione delle opere edili da realizzare è stata rappresentata la necessità di avere una più dettagliata informazione su ciascun sito di installazione in quanto tali informazioni non sono stati compiutamente fornite al momento dei sopralluoghi; in particolare, sono state richieste: la planimetria del luogo di installazione con l evidenziazione degli edifici esistenti e delle linee elettriche, di telecomunicazione, degli impianti fognari e dell acqua (con esclusione del porto di Genova); le informazioni geotecniche e prove penetrometriche; la localizzazione dell alimentazione trifase con le caratteristiche della stessa (voltaggio, frequenza ed amperaggio); la localizzazione dei punti di energia elettrica e di acqua potabile necessari durante le fasi di costruzione edile e montaggio del sistema. Risposta n 13 Si rimanda alla risposta di cui ai quesiti n 11 e n 12. Quesito n 14: in relazione al punto 3 della lettera F) del capitolato tecnico, è stato chiesto se la documentazione per gli operatori richiesta in tale punto è la stessa richiesta al precedente punto 2. Risposta n 14 Si precisa che al punto 2 si richiede, per ciascun operatore, un manuale di istruzioni in lingua italiana per il corretto uso dell apparecchiatura, per la sua manutenzione ordinaria e per le azioni da porre in essere per il primo e rapido intervento; al punto 3 si richiede che all atto della consegna dei sistemi di scansione, per ciascuna squadra che opera in turno, venga fornita, in lingua italiana, copia della documentazione per gli operatori e la documentazione tecnica completa delle apparecchiature (quali: schemi elettrici, schemi a blocchi, disegni meccanici, disegni in pianta, complessivi idraulici ed elettrici, etc. ). 5

6 Quesito n 15: in relazione al punto 8.b della lettera G) del capitolato tecnico che prevede di assicurare interventi sul luogo di installazione che assicurino l effettivo ripristino della funzionalità dei sistemi di scansione entro 48 ore dalla comunicazione di apertura guasto, è stato chiesto di chiarire se l intervento debba essere effettuato entro 48 ore dall apertura guasto oppure se il sistema debba essere ripristinato entro 48 ore dall apertura guasto. Risposta n 15 Per interventi che assicurino l effettivo ripristino delle funzionalità dei sistemi questa Agenzia richiede che, in caso di guasto, il sistema stesso debba essere riparato in modo da ripristinare la sua funzionalità entro 48 ore dalla apertura guasto. Pertanto, non è sufficiente il semplice intervento non risolutivo entro le prime 48 dalla apertura guasto. Quesito n 16: in relazione al punto 2 della lettera A) del capitolato tecnico, è stato chiesto se è possibile un valore diverso per la larghezza del tunnel (in aumento o in diminuzione) che garantisca comunque le prestazioni richieste. Risposta n 16 Questa Agenzia ha inteso dare dimensioni orientative di ingombro del sistema di scansione completo. Dimensioni diverse rispetto a quelle indicate saranno valutate e potranno essere accettate se non porteranno aumento di rischi per i lavoratori e per la popolazione e se garantiranno tutte le prestazioni richieste. Quesito n 17: in relazione al punto 13 della lettera A) del capitolato tecnico, è stato chiesto di chiarire se deve essere effettuata la fornitura di un gruppo elettrogeno o di un UPS. Risposta n 17 La richiesta dell Agenzia è quella di dotare ciascun sistema di scansione con un gruppo elettrogeno di idonea potenza e munito di stabilizzatore di tensione, asservito ad un servomeccanismo, che lo faccia entrare immediatamente in funzione in caso di disservizio sulla rete trifase esterna cui il sistema è costantemente collegato, in modo da assicurare la continuità dell esercizio degli apparati in attesa del ripristino della tensione nella rete elettrica. Nei casi di black-out prolungato il gruppo servirà a garantire il corretto spegnimento di tutte le apparecchiature. Quesito n 18: in relazione al punto 13 della lettera A) del capitolato tecnico,dove è stabilito che il sistema sia dotato di gruppo elettrogeno di emergenza avente il compito di fornire tensione stabilizzata e di provvedere a fornire energia necessaria, in caso di black-out della rete esterna, fino allo spegnimento di tutte le apparecchiature, è stato chiesto di chiarire se, qualora il sistema fornito garantisca autonomamente uno shut-down sicuro delle apparecchiature senza la necessità di utilizzo di un gruppo elettrogeno esterno, deve essere sempre effettuata la fornitura di tale gruppo elettrogeno congiuntamente al sistema di scansione. Risposta n 18 Si rimanda alla risposta di cui al quesito n 17. 6

7 Quesito n 19: in relazione al punto 1.d della lettera B) del capitolato tecnico, è stato chiesto se è possibile prendere in considerazione l utilizzo di un rateo di dose inferiore al valore minimo indicato di 2,5 Gy/minuto, garantendo comunque le prestazioni richieste, ciò nella considerazione che un rateo di dose più basso garantisce una maggiore protezione dalle radiazioni. Risposta n 19 Il rateo di dose indicato al punto 1.d della lettera B) rappresenta il valore massimo emesso in funzione dell energia: tale valore deve essere compreso tra 8,0 e 2,5 Gy/minuto alla distanza di un metro. In assoluto una diminuzione del rateo di dose implica un aumento dei tempi di scansione per avere gli stessi risultati in termini di risoluzione e questo fenomeno può avere ripercussioni anche importanti sulle prestazioni del sistema, soprattutto in presenza di merci da scansionare con pesi specifici molto elevati. Tutte le proposte alternative rispetto a quanto indicato saranno valutate, fermo restando che è fondamentale garantire le prestazioni minime richieste in fatto di capacità di risoluzione del sistema e di carico di lavoro, inteso come numero di scansioni orarie/giornaliere. Quesito n 20: in relazione al punto 1.g della lettera B) del capitolato tecnico, è stato chiesto se è consentito proporre che il fascio di raggi X sia generato con un numero di impulsi inferiore a quello indicato (300 impulsi/sec), che garantisce una maggiore protezione dalle radiazioni e assicura comunque le prestazioni richieste. Risposta n 20 Nel capitolato tecnico è stata chiesta la generazione di un fascio di raggi X ad almeno 300 impulsi al secondo per ottimizzare il tempo di scansione. Tutte le proposte alternative rispetto a quanto indicato nel capitolato tecnico saranno valutate fermo restando che è fondamentale garantire le prestazioni minime richieste in fatto di capacità di risoluzione del sistema e di carico di lavoro inteso come numero di scansioni orarie/giornaliere. Quesito n 21: in relazione al punto 1.g della lettera B) del capitolato tecnico che prevede, al fine di ottimizzare il tempo di scansione, che l energia del fascio di raggi X sia generata ad almeno 300 impulsi al secondo è stato fatto presente che al giorno d oggi, onde ottenere risultati di maggiore efficacia nel tempo, gli acceleratori lineari di nuova generazione in questa categoria di potenza sono settati a non più di 200 impulsi al secondo. Risposta n 21 Si rimanda alla risposta di cui al quesito n 20. Quesito n 22: in relazione al punto 4.b della lettera B) del capitolato tecnico, è stato chiesto se è vincolante il numero di P.C. di cui sarà composta la work- station n 1 e di confermare che la work-station n 2 è totalmente indipendente dalla prima e, quindi, priva di dispositivi di sistema. Risposta n 22 Nel confermare le caratteristiche delle due work-station previste nel capitolato, si fa presente che la seconda postazione work-station è una unità di riserva della prima, per essere utilizzata in caso di malfunzionamento di 7

8 quest ultima. Le due work-station sono indipendenti fra loro. La seconda work-station verrà utilizzata dall operatore scanner per compiere altre operazioni in rete di interesse dell Agenzia e dovrà essere realizzata così come richiesto. Quesito n 23 è stato chiesto di specificare se, relativamente al solo sito di Ponte Chiasso, è consentito proporre adeguamenti della struttura esistente in alternativa alla sua demolizione e costruzione del nuovo tunnel. Risposta n 23 Per quanto riguarda il sito di Ponte Chiasso, in considerazione del fatto che il sistema deve essere rilocabile, non si dovrà tener conto dei manufatti edili ivi presenti. Quesito n 24: per quanto riguarda il sito di Ponte Chiasso è stato chiesto di chiarire se vanno realizzati i muri laterali e la tamponatura della copertura esistente. Risposta n 24: Si rimanda alla risposta di cui al quesito n 23. Quesito n 25: in relazione al punto 2.c della lettera B) del capitolato tecnico che prevede, al fine di testare la rilevazione di fili di acciaio, la capacità dell apparecchiatura di individuare un filo di acciaio di spessore di 2 mm posto dietro una lastra di acciaio dello spessore di 100 mm è stato fatto presente che questa classe di prova con un acceleratore lineare ad alta potenza di nuova generazione ha fornito risultati diversi fra loro e quindi inattendibili ai fini di un eventuale collaudo prestazionale. E stato fatto, altresì, presente che le medesime prove, eseguite con filo di rame o di tungsteno di pari spessore, hanno fornito risultati consistenti. Di conseguenza, è stato chiesto di accettare l uso del filo di rame o di tungsteno per questa specifica prova prestazionale. Risposta n 25 Si conferma, per la fase di test, l utilizzo di fili di acciaio dietro lastre dello stesso materiale, così come previsto nel capitolato; tuttavia si ritiene valutabile, come prova complementare, anche la rilevazione di un filo di rame da 2 mm posto dietro una lastra di rame di 100 mm di spessore. Quesito n 26: in relazione al punto 7 della lettera G) del capitolato tecnico che prevede che i sistemi di scansione commissionati dall Agenzia delle Dogane devono essere forniti con la copertura di una garanzia completa non inferiore a cinque anni, intendendosi per copertura in garanzia la sostituzione di congegni, apparecchiature, software e quanto altro costituisca la fornitura, ivi compresa la struttura che la contiene, che dovessero risultare difettosi in corso di funzionamento e di normale uso, per almeno cinque anni. A semplice richiesta dell Agenzia delle Dogane, tale garanzia deve protrarsi per ulteriori cinque anni, senza oneri aggiuntivi rispetto a quanto indicato nell offerta economica con un costo annuo, per ciascuna apparecchiatura per la quale verrà richiesta l estensione quinquennale della garanzia, non superiore al 3 % del prezzo unitario di apparecchiatura: viene posto il dubbio sul valore del 3 % come massimo costo dell eventuale estensione annuale della garanzia per ciascuna unità, in quanto la garanzia di base viene richiesta per il sistema intero compresa la struttura che lo contiene, mentre il 3 % si riferisce al prezzo unitario di apparecchiatura senza specificare se 8

9 viene compresa anche la struttura di contenimento. Di conseguenza, è stato chiesto di chiarire se la parola apparecchiatura include la struttura di contenimento sia per l eventuale estensione della garanzia sia per quanto riguarda il relativo costo aggiuntivo annuale da calcolare. Risposta n 26 Si conferma che il periodo di garanzia di 5 anni deve intendersi su tutta l opera, comprese le strutture edili. Anche il successivo periodo di garanzia, ovvero gli ulteriori 5 anni, sarà relativo al sistema di scansione nel suo complesso, ivi incluse le strutture edili. Il costo massimo annuo dell estensione della garanzia non deve essere superiore, per ciascuna estensione richiesta, al 3% del prezzo unitario offerto per la singola apparecchiatura, con esclusione di quanto offerto per la parte edile. Quesito n 27: considerato che al punto 7 della lettera D) del capitolato tecnico è previsto un magazzino di parti di ricambio di competenza della costruzione edile, è stato chiesto di confermare che il succitato magazzino sia lo stesso di cui ai punti 1 e 6 della stessa lettera D), e che, pertanto, possa essere un locale di un modulo prefabbricato. Risposta n 27 Si conferma che si tratta dello stesso locale e che va realizzato con moduli prefabbricati, ovvero sia esso stesso un unico modulo prefabbricato, per consentirne l eventuale, agevole riposizionamento. Quesito n 28: considerato che nella documentazione di gara la voce opere murarie viene indicata comprensiva di progettazione, autorizzazione, direzione lavori e realizzazione manufatti, è stato chiesto di confermare che, in relazione al termine autorizzazione questo implichi soltanto le autorizzazioni nei confronti dell Agenzia delle Dogane e non includa le pratiche autorizzatorie presso autorità od Enti terzi, di norma di competenza dei proprietari/gestori dei singoli siti di installazione (a titolo esemplificativo e non esaustivo Comuni, VVFF, Enti proprietari delle aree di installazione, ASL, ARPA, ANPA, Prefetture, etc.) necessarie per la realizzazione delle opere murarie richieste. Risposta n 28 Con il termine autorizzazione s intende tutto il supporto tecnico ed amministrativo che dovrà essere fornito dalla ditta aggiudicataria per mettere in condizioni l Agenzia delle Dogane o chi per essa, di poter ottenere le autorizzazioni necessarie all installazione e alla messa in funzione del sistema senza ritardi rispetto alla tempistica prevista. Quesito n 29: considerato che al punto 4 della lettera A) del capitolato tecnico per superficie piana viene indicata una pavimentazione con soletta di cemento armato o di asfalto per impieghi pesanti, tipo industriale, per mezzi di trasporto di peso fino a 50 tonn., è stato chiesto di confermare che le attività di sgombero degli impedimenti, ingombri e reti interrate etc. presenti nei siti di installazione debbano ritenersi di competenza della Agenzia delle Dogane. Risposta n 29 9

10 Si conferma che sarà cura dell Agenzia disporre affinché, all atto dell installazione dei sistemi di scansione, i siti siano sgombri da ogni ostacolo o impedimento. Quesito n 30: sempre in relazione alle opere edili da realizzare ed in funzione dei sopralluoghi effettuati, è stato espresso l avviso come in alcune situazioni si dovrà provvedere alla rimozione di infrastrutture esistenti. In conseguenza di tale assunto, è stato chiesto di conoscere se i costi relativi alla demolizione/smontaggio e smaltimento di tali infrastrutture devono essere considerati inclusi nel prezzo complessivo delle opere edili di ciascun impianto o saranno a carico dell Amministrazione. Risposta n 30 Tutti i costi accessori non sono a carico della ditta aggiudicataria, ma dell Agenzia. Quesito n 31: considerato che al punto 1 della lettera C) del capitolato tecnico è specificato un valore limite di dose di radiazione per il luogo ove operano gli addetti doganali (inferiore a 0,5 µsv/h) e un diverso valore limite (non inferiore a 1,0 msv/y) per le vicinanze del sistema a raggi X, è stato chiesto di confermare se le barriere di protezione possano essere realizzate nel seguente modo: - barriera primaria ( tunnel come definito nel capitolato) all esterno della quale sia rispettato il valore limite di 0,5 µsv/h (con esclusione del tetto, sul quale sia reso fisicamente impossibile l accesso del personale). All esterno di tale barriera verrà posizionata la postazione operatore con accesso esclusivo agli addetti doganali; - zona di esclusione ad una data distanza dal tunnel recintata, in modo che al di fuori della stessa sia rispettato il limite di 1 msv/y per la popolazione. L accesso alla zona di esclusione dovrà essere possibile solo agli addetti doganali e agli autisti in attesa. Risposta n 31 Le caratteristiche di sicurezza in relazione alle radiazioni ionizzanti sono valutate in funzione di quanto disposto dal D.L.gs 230/95 s.m.e.i. precisando che l esigenza dell Agenzia è di classificare come lavoratori non esposti il personale addetto alla gestione dello scanner e come popolazione tutti gli altri lavoratori presenti nelle vicinanze oltre che la eventuale popolazione ivi residente. In questo contesto di radioprotezione, tutte le soluzioni proposte verranno valutate. Si osserva, comunque, che l eventuale presenza di una zona di esclusione non appare funzionale alla gestione complessiva del sistema di scansione e delle aree di pertinenza, dovendosi garantire, in tal caso, una sorveglianza supplementare con sistemi automatizzati o con personale e, quindi, con oneri a carico degli Uffici doganali interessati. Quesito n 32: in relazione al punto 2 della lettera D) del capitolato tecnico dove viene richiesto che il tunnel di controllo deve assicurare un contenimento delle radiazioni in modo tale che all esterno di esso siano sempre rigorosamente rispettate le condizioni di radioprotezione tali da classificare la popolazione di riferimento come personale non esposto e la dose non deve superare 1 msv/anno nonché al punto 5 della lettera D) del medesimo capitolato tecnico dove è richiesto che l opera muraria del tunnel di controllo deve essere realizzata con pannelli 10

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA

RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA RISPOSTE A QUESITI (21.01.2014) 1) DOMANDA Poiché risulta che alla gara possono partecipare anche imprese in possesso di attestazione SOA per la sola costruzione indicando i progettisti si chiede quale

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli