Relazione di fine anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione di fine anno"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Dottorato di ricerca in Telematica e Società dell Informazione - XX Ciclo - Relazione di fine anno Samuele Innocenti Tutori Prof. Franco Pirri Prof.ssa Maria Chiara Pettenati Novembre 2005

2 La cosa meravigliosa della tecnologia è che la gente finisce per impiegarla per qualcosa di diverso da ciò che era previsto in origine. Manuel Castells

3 Indice 1 Introduzione 1 2 Sistemi telematici Il nucleo Fattori condizionanti e incentivanti Architettura logica Il sistema strumentale Sistemi distribuiti Vantaggi dei sistemi distribuiti Topologie di sistemi distribuiti Proprietà non funzionali Tecnologie Common Object Request Broker Architecture Distributed Component Object Model Enterprise Java Beans Grid Grid computing e Grid-Services

4 Indice 4.2 Concetti del Grid Computing Architettura del sistema Il modello dei servizi Livelli dell architettura di Grid Pro e Contro Le risorse Le organizzazioni virtuali L architettura Gli ambienti computazionali Progetti Grid Problemi aperti Unified Modeling Language Cosa è e cosa non è UML La struttura del linguaggio Le viste I diagrammi XML e Web Services Il modello per gli standard XML I blocchi informativi La struttura Gli attributi Web Services Il modello delle interazioni La descrizione dei servizi Il protocollo per lo scambio dei messaggi La pubblicazione delle informazioni ii

5 Indice Correlazione tra SOAP, WSDL e UDDI Informatica giuridica Il trinomio diritto-informatica-telematica Classificazione dei documenti La normativa La giurisprudenza La dottrina giuridica La prassi Open Source Classificazione delle licenze software Free Software Open Source Public Domain Software Copylefted Software Free Software non-copylefted Semi-free software Software Proprietario Freeware Shareware Software Commerciale La storia di OSI General Purpose License Open Source Initiative Open Source Definition Bibliografia 92 iii

6 Elenco delle figure 2.1 I fattori dell evoluzione della Rete Interfaccia utente-sistema Interconnessioni tra sottosistemi della Rete Interconnessioni tra sottosistemi della Rete Un sistema distribuito organizzato a middleware Topologie di reti Architettura CORBA distribuita Architettura lato client e lato server di RMI Modello a clessidra di Grid Livelli del Grid I punti di vista di UML Il contenuto misto Il contenuto di solo testo e strutturato Attori e ruoli nei Web Services Sequenza dei messaggi nell architettura Web Service Relazioni tra informatica, telematica e diritto

7 Elenco delle figure 7.2 Esempio di evoluzione di una legge v

8 Elenco delle tabelle 6.1 Stratificazione degli standard XML Requisiti e standard dei Web Services

9 Capitolo 1 Introduzione Gli ultimi decenni del XX secolo hanno segnato una profonda trasformazione della società con lo sviluppo e la diffusione esponenziale di tecnologie di comunicazione sempre più veloci e strumenti di calcolo sempre più potenti [Sar02]. L abbassarsi del costo delle tecnologie in abbinamento alla loro produzione di massa ne ha consentito la diffusione su larga scala, facilitandone l accessibilità ad un numero di persone sempre più elevato. Ciò, a tutt oggi, sta sconvolgendo molteplici aspetti della vita sociale, economica, politica e culturale della società, imponendo la necessità di ridefinire i concetti di tempo e spazio, nonché l identità delle persone. Un eclatante esempio ci è fornito dalla diffusione capillare della telefonia mobile: ogni individuo, la cui identità è filtrata dal fornitore del servizio, è potenzialmente raggiungibile in qualsiasi istante ed in qualsiasi luogo. In modo globalizzato i flussi di informazione diventano sempre più densi e veloci. L individuo sperimenta la frammentazione della sua identità individuale e collettiva in dimensioni molteplici.

10 Introduzione L avvento e la grande diffusione delle tecnologie di comunicazione di digitale, tra le quali non solo la telefonia cellulare, ma anche Internet, stanno rivoluzionando abitudini, comportamenti e sopratutto il modo di comunicare della specie umana. In particolare l utilizzo della Rete (Internet) ha introdotto nuove modalità di iterazione, diverse rispetto alla comunicazione faccia-a-faccia, modificando il rapporto esistente tra soggetto e tecnologie telematiche. Il computer ha infatti gradualmente perso la propria centralità di strumento di calcolo e archiviazione, trasformandosi sempre più in strumento e apparato di comunicazione. Si pesi ad esempio alle applicazione di posta elettronica e di delivery dell informazione (blog, web, forum, mailing-list, ecc.) [Bas00]. In questo contesto inoltre, si è diffuso e si è affermato un sistema economico integrato che opera a livello mondiale, le cui linee organizzative vanno nella direzione di una flessibilità sempre maggiore delle imprese e dei lavoratori all interno di un sistema globale. Infatti sta cambiando l organizzazione del lavoro, con la nascita della cosidetta impresa in rete, la quale va oltre il modello produttivo-economico dell età industriale. Gli Stati, sotto la spinta dei flussi commerciali internazionali, non riescono più, in relazione al circuito economico globale, ad esercitare pienamente la sovranità entro i propri confini. Ecco che nascono network si stati accomunati da interessi comuni, come ad esempio l Unione Europea. Sul piano politico e sociale molti governi, organizzazioni e rappresentanze di categoria hanno recepito questi cambiamenti e le nuove opportunità che le moderne tecnologie offrono. Nascono quindi una serie di iniziative che mirano, più o meno efficacemente, a stabilire un contatto diretto con e tra i cittadini. I nuovi canali di comunicazione rendono possibile il confronto diretto ed il costituirsi di una opinione pubblica di rete. Sono strade che 2

11 Introduzione arginano la complessità sociale ed orientano l azione di governo e dei singoli per la collettiva dei singoli. Il dibattito sugli impianti sociali, economici, politici ed organizzativi fondati sui nuovi paradigmi tecnologici e sulla condizione umana aiuta a capire cosa stia effettivamente accadendo nella nostra società. Agli estremi troviamo ovviamente la contrapposizione tra linee di pensiero apocalittiche e linee di pensiero fiduciose nella trasformazione. Il confronto avviene in sintesi tra chi giudica questo cambiamento in senso pessimistico, esprimendo preoccupazioni eccessive sui rischi per la libertà individuale e sulla eccessiva mercificazione dell individuo, e chi invece esalta le potenzialità liberatorie dei computer e delle autostrade telematiche. Da una parte dunque vi sono gli entusiasti che esaltano le nuove tecnologie informatiche come via di uscita dalla crisi strutturale della società, celebrando la Rete come il nuovo luogo per ri-definire l individuo, tralasciando l aspetto della possibile e probabile esclusione di grandi masse di individui da questo nuovo mondo digitale. Dall altra, destinati ad assottigliarsi di numero, quelli che vedono l uomo seriamente minacciato da queste trasformazioni e rifiutano la realtà tecnologica che si va delineando, preannunciando effetti nefasti in conseguenza della diffusione di computer ed Internet. Al di là dei diversi modi di intendere il cambiamento, quello che è evidente è che oggi ci troviamo catapultati in una trasformazione improvvisa che non si è ancora assestata: essendo alle prime fasi i suoi effetti a mendio e lungo termine, negativi o positivi che siano, potranno essere valutati solo tra qualche anno, quando vi sarà maggiore diffusione delle nuove tecnologie sul tessuto sociale. La ricerca, infatti, elabora strumenti sempre più potenti e veloci per la raccolta, l elaborazione e la trasmissione di dati in quella lingua universale che è il codice binario. Rispetto al passato quindi, il ruolo del- 3

12 Introduzione l informazione è quello di un nuovo valore strategico, di una preziosa merce di scambio che può essere accumulata, negata o addirittura imposta, e che diventa così una nuova fonte di potere. Per questo motivo diventa strategico il possesso, inteso come proprietà, delle tecnologie di raccolta, trattamento e diffusione dell informazione, in quanto la produttività e la capacità di controllo delle masse dipenderà sostanzialmente dalla capacità di elaborare ed applicare, con efficienza ed efficacia, l informazione basata sulla conoscenza. Nei capitoli che seguiranno verranno illustrati alcuni principali modelli, metodologie, tecniche, tecnologie e standard adottati per la definizione, progettazione, implementazione e protezione dei sistemi costituienti l impianto teorico-pratico della Società dell Informazione. I contenuti presentati nelle prossime pagine sono in parte trascrizioni ed in parte rielaborazioni, a seguito di documentazione, dei seminari svolti nel primo anno di Dottorato di Ricerca in Telematica e Società dell Informazione - XX ciclo (anno 2005) presso la Facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Firenze. In particolare i seminari principalmente considerati sono: Sistemi Telematici - Prof. Giuli Introduzione alle reti di telecomunicazioni - Ing. Pecorella Introduzione ai sistemi distribuiti - Prof. Nesi Grid, semantic Grid, Knowledge Grid. - Prof.ssa Pettenati Unified Modelling Language - Prof. Fantechi XML (extensible Markup Language) e Web Services - Prof. Khaled Abou Information System Modeling - Ing. Paganelli 4

13 Introduzione Informatica Giuridica - Prof.ssa Di Giorgi Tecnologie Open Source - Ing. Bizzarri 5

14 Capitolo 2 Sistemi telematici Un sistema telematico è definibile come un sistema complesso costituito da una insieme di elementi sistemici. Con elementi sistemici si intendono elementi logici, fisici e pragmatici che generalmente convergono sul sistema in modo non prestabilito e non preordinato, sebbene singolarmente possano, sempre in generale, essere analizzati, descritti e riferiti con criteri regolari ed ordinati. Nella sua totalità un sistema telematico presenta una notevole quantità di variabili sulle quali gli attori ed i soggetti che vi partecipano, siano essi umani o materiali, agiscono spesso in antagonismo. Ogni punto di vista che insiste sul sistema telematico tende a rendere instabile l equilibrio tra le sue parti. Ad esempio i sottosistemi fisici, quali le reti telematiche e le relative applicazioni, di per sé rappresentano aspetti fortemente quantificanti da un punto di vista dell utente finale, ma se confrontati alla qualità dei servizi finali offerti agli utenti, risultano qualitativamente secondari. Spesso quando un tecnico si riferisce ad un sistema telematico punta l at-

15 Sistemi telematici tenzione sulle componenti infrastrutturali che lo costituiscono. Una infrastruttura è quell insieme sottosistemi o apparati il cui utilizzo viene dato per scontato ed assodato da chi li utilizza. È però opportuno osservare che la natura di una infrastruttura non è caratterizzata solo da aspetti tecnologici, ma anche sociali, politici ed economici, in quanto le componenti infrastrutturali producono servizi telematici di base per il supporto ad applicazioni telematiche diversificate ed avanzate a valore aggiunto. Per queste ragioni la progettazione di un sistema telematico prevede un approccio sistemico interdisciplinare che sia funzionale ad ottenere un giusto equilibrio nelle sue parti. A tal fine è necessario che il progettista di un sistema telematico abbia sempre presente tutti gli elementi che lo caratterizzano, come ad esempio il contesto strumentale (infrastrutture fisiche, applicative, periferiche), le funzionalità essenziali a livello applicativo (servizi offerti), il ruolo degli attori, le relazioni tra i soggetti della rete, le modalità di fruizione dei servizi, i fattori sociali, i requisiti organizzativi e di business, i fattori globalizzanti. I concetti precedentemente introdotti sono schematizzati in forma grafica in figura 2.1 al fine di rappresentare tutti fattori sopra elencati che agiscono sulla evoluzione del sistema: nella parte centrale sono raggruppati gli elementi materiali ed umani afferenti al sistema telematico, che nel loro insieme sono indicati col termine Rete. Su questo nucleo insistono sette punti vista disgiunti (cuspidi), che qualificano la Rete in modo interdisciplinare. Al fine di definire completamente ed esaustivamente il sistema telematico procediamo nell analisi dei singoli elementi, dal core verso l esterno. 7

16 Sistemi telematici Il nucleo Figura 2.1: I fattori dell evoluzione della Rete 2.1 Il nucleo Il nucleo è la Rete che è costituito da: l insieme delle risorse strumentali tra loro interconnesse (che indicheremo col termine di rete); l insieme di soggetti e di attori che agiscono sugli strumenti e/o ne subiscono l azione. A loro volta gli strumenti sono costituiti da: infrastrutture logiche e immateriali; 8

17 Sistemi telematici Il nucleo infrastrutture fisiche; strutture e strumenti per l accesso periferico; applicazioni. In generale le risorse strumentali sono sistemi di telecomunicazione che permettono una comunicazione a distanza. Offrono dei servizi di base per le comunicazioni fra punti terminali diversamente distribuiti e localizzati, appartenenti alla rete stessa. Alcuni esempi di rete sono la rete di telefonia, la rete televisiva, reti per lo scambio di dati. In tutti i casi queste risorse sono usifruite in modo diretto o indiretto dall utente finale attraverso apparati terminali appositamente progettati e grazie ad operatori di settore che gestiscono e manutengono l infrastruttura. Ovviamente ogni rete è regolamentata e dotata di specifiche applicazioni atte a fornire servizi di base con una QoS dichiarata dal fornitore. La Rete include nella sua definizione, oltre gli elementi propri delle reti, con i loro servizi base di comunicazione e telematica, anche i soggetti, gli attori, le relazioni che si stabiliscono tra di essi e le relazioni che essi stabiliscono con la rete. Nella Rete l interoperabilità fra le risorse viene basata sulla integrazione sistemica delle tecnologie dell informazione e della comunicazione, al fine di permettere all utente finale un accesso flessibile alle applicazioni ed alle risorse condivise. Col termine Rete Globale si indica una riconfigurazione pervasiva e capillare su scala globale della Rete, tale da rispondere ai bisogni dell individuo nello svolgimento delle sue attività sociali. Questa estensione della Rete comporta la necessità di individuare una configurazione minima dei servizi capace di renderli accessibili a tutti. Si tende così a costruire una complessa 9

18 Sistemi telematici Il nucleo interrelazione socio-tecnica tra ogni partecipante alla Rete. Attualmente il principale prototipo della Rete Globale è rappresentato da Internet. La componente logica è essenzialmente costituita da realizzazioni software che assumono una valenza infrastrutturale quando divengono esse stesse di supporto alla Rete. Ad esempio l identificazione degli utenti e la loro autenticazione sono servizi applicativi che potrebbero essere portati nella infrastruttura al fine di lasciare spazio di sviluppo ad applicazioni a valore aggiunto. Le finalità dei un sistemi telematici sono quelle di rendere disponibili applicazioni di Rete nei diversi contesti soggettivi dell attività umana tali che possano coadiuvare, automatizzare e quindi migliorare l attività umana nella vita quotidiana, non solo negli ambiti lavorativi, ma anche personali e ludici. Il seguente elenco copre esaustivamente le varie tipologie di attività umane. Il principio di classificazione adottato letto in chiave di erogazione di servizi attraverso la Rete è analogo al principio di classificazione degli eventi delle vita adottato da molte Pubbliche Amministrazioni nella offerta dei propri servizi al cittadino: esercizio di diritti e doveri di cittadino; informazione, cultura, istruzione e formazione; lavoro e professione; intrattenimento, svago, mobilità e turismo; relazioni sociali, relazioni private; assistenza e servizi per la persona; emergenza e sicurezza; 10

19 Sistemi telematici Fattori condizionanti e incentivanti approvvigionamento di beni di consumo e connessi servizi; finanza ed investimento personale; business ed imprenditoria; gestione dell habitat personale, vita nell ambiente. 2.2 Fattori condizionanti e incentivanti Le punte della stella in figura 2.1 alimentano la crescita e l evoluzione del sistema, però allo stesso tempo ogni singolo aspetto risulta anche essere condizionante, in quanto introduce requisiti specifici. Innovazione e spinta tecnologica: l innovazione e le nuove tecnologie sono spinte e collocate nel sistema telematico in base a fattori di opportunità contingenti, commerciali e di lucro; la scelta di una tecnologia piuttosto di un altra condiziona l evoluzione del sistema. Esigenze ed opportunità: esistono dei bisogni inespressi o già individuati che richiedono dei contesti applicativi che devono essere valorizzati. Istanze e requisiti individuali e sociali: questi vincoli e processi sono di supporto alla totalità delle attività in Rete; se rese trasversali a tutte le applicazioni le funzionalità potrebbero essere portare a livello logico-infrastrutturale del sistema. Istanze e requisiti di business e organizzativi: la Rete deve rispondere ad obiettivi di carattere economico ed organizzativo, sia internamente (collaborazione) che verso verso gli utenti finali. 11

20 Sistemi telematici Architettura logica Globalizzazione e internazionalizzazione: problemi e requisiti derivanti dall abbattimento dei vincoli spazio-temporali per effetto dei sistemi di Rete; la Rete può essere vista come mezzo per instaurare rapporti internazionali senza limiti, però ci si imbatte in vincoli politico-economici di carattere internazionale e giurisdizionale. Azioni regolatorie: esistono vincoli giuridici e legislativi in quanto le regole da Paese a Paese possono anche essere contraddittorie; si pone quindi la necessità di risolvere il problema di come il sistema debba incorporare e farsi carico di tali regole. Visione evolutiva: inquadra i processi ed i vincoli sopra esposti in modo sistemico, ma alla fine finisce per proporre un modello che lo rende sistematico e quindi regolato e vincolato ad una sua semplificazione, che potrebbe non essere completamente aderente alle realtà e alle necessità oggettive. 2.3 Architettura logica Il sistema telematico può essere modellato con i principi della stratificazione. La stratificazione sicuramente riduce la complessità nella lettura delle parti di cui si compone il sistema, sebbene ciò non sempre ne riduca la complessità intrinseca. L elenco sotto riportato, letto dal basso verso l alto, mette in evidenza la crescita dei servizi e di compiti svolti dal livello. I livelli più alti comportano punti di vista sempre più astratti e svolgono compiti per offrire servizi a valore aggiunto. Ogni livello si basa sui servizi offerti dal sottostante, risulta quindi chiaro che i livelli inferiori ricoprono un ruolo infrastrutturale di base ai processi applicativi. 12

21 Sistemi telematici Il sistema strumentale User Interaction Layer; Application Platform; Basic Telmatic Service Platform; Information Transportation Platform; Physical Environment. Questo tipo di approccio, è largamente utilizzato non solo in ambito delle telecomunicazioni, che attuamente vede nella pila ISO/OSI il massimo modello di espressione, ma anche nel settore strettamente informatico. La progettazione di applicazioni nella loro componente software, in molti settori critici e per ambienti complessi, prevede un strutturazione del codice e dei processi in modo stratificato (anche se spesso per motivi di efficienza o per problemi di fondo il layering viene di fatto parzialmente realizzato). 2.4 Il sistema strumentale L utente è visto come sorgente e destinazione fisica di informazioni rispettivamente verso il sistema e dal sistema. L inserimento e la presentazione delle informazioni sono mediati da apparati strumentali. Uno strumento può essere schematizzato con due sottosistemi: uno per la gestione ed elaborazione degli ingressi ed uno per la gestione ed elaborazione delle uscite. Il modello è analogo al modello classico di sistema ingressi-blackbox-uscite. Sulla interfaccia le uscite sono completamente disaccoppiate dagli ingressi. Le informazioni in ingresso possono provenire, sotto il controllo dell utente, da supporti e produzioni multimediali, comandi e controlli vacali, comandi e 13

22 Sistemi telematici Il sistema strumentale controlli manuali e sensori fisici. Le informazioni in uscita sono rappresentazioni e presentazioni di tipo visivo e uditivo dell informazione. Lo schema del modello è illustrato in figura 2.2. All interno degli apparati strumentali avviene l elaborazione dei segnali analogici e/o digitali, codificanti l informazione, diretti da o verso l ambiente di Rete. Alla Rete spetta il compito di elaborare e comunicare l informazione. Figura 2.2: Interfaccia utente-sistema All interno del sistema di Rete avviene l elaborazione e lo scambio di messaggi, supportato da un sottosistema di tramissione. In figura 2.4 sono mostrate le interconnessioni tra i vari sottosistemi. Raggruppandoli per compiti si distinguono: l ambiente di elaborazione logica (LPE), l ambiente fisico di elaborazione dell informazione (IP-PE) e l ambiente di trasmissione fisica (T-PE). LPE elabora le informazioni da un punto di vista dei contenuti informativi e per espletare questo ricorre a sottosistemi di IP-PE: è necessario immagazzinare dati, gestirli e controllarli ed ovviamente disporre di un po- 14

23 Sistemi telematici Il sistema strumentale tenza di elaborazione. T-PE consente di preparare in forma codificata i dati che dovranno transitare sul mezzo fisico. Figura 2.3: Interconnessioni tra sottosistemi della Rete L insieme dei dispositivi tra loro collegati vanno a costituire una rete (a forma di grafo). In relazione alle caratteristiche tecniche, alla collocazione geografica dei nodi, alla tipologia di interconnessione e ai servizi offerti, si va a determinare una gerarchia. Gli apparati di più basso livello (figura 2.4) coprono zone geografiche di vaste dimensioni (dorsali), subito sopra si hanno nodi che offrono servizi di connettività cioè consentono connessioni pubbliche per i nodi locali o direttamente per i dispositivi terminali. 15

24 Sistemi telematici Il sistema strumentale Figura 2.4: Interconnessioni tra sottosistemi della Rete 16

25 Capitolo 3 Sistemi distribuiti Un sistema distribuito è un insieme di computer indipendenti che appaiono ai suoi utenti come un singolo sistema coerente. Questa definizione ha due aspetti importanti: il primo riguarda l hardware poiché si sottointende che gli appararati siano singolarmente autonomi ed il secondo riguarda il software poiché si sottointende che gli utenti possano interagire col sistema come se fosse una unica entità. Una importante caratteristica è che le differenze tra i vari apparati ed il modo con i quali essi comunicano sono mascherate agli utenti. Lo stesso vale per l organizzazione interna del sistema distribuito. I sistemi distribuiti dovrebbero avere anche essere facili da espandere e scalare. Questa caratteristica dovrebbe essere una diretta conseguenza dell avere apparati indipendenti, che però sono mascherati quando prendono parte al sistema. Un sistema distribuito ci si aspetta che sia disponibile in modo continuativo o che almeno solo una certa parte sia temporanenamente fuori servizio.

26 Sistemi distribuiti I sistemi distribuiti sono usati largamente dato che permettono a calcolatori autonomi, e per transitività agli utenti, di condividere risorse simultaneamente e in modo trasparente. Tali caratteristiche sono anche usate per sviluppare applicazioni che consentono a gruppi di persone di lavorare assieme, su un progetto o un compito, da luoghi remoti attraverso reti telematiche. Questa tendenza porta alla definizione di uno spazio di lavoro dove le risorse sono distribuite su una vasta area geografica. Inoltre essendo frutto di molteplici produttori, implicano differenti tecniche e tecnologie di gestione (ma anche molte tipologie di servizi). L insieme di questi aspetti mette in evidenza l eterogeneità del sistema, che globalmente non consente una gestione unitaria e coerente di tutte le risorse. Per una corretta cooperazione si richiede infatti che i sistemi locali operino in accordo, stabilendo in anticipo direttive, tecniche e tecnologie a cui conformarsi. Per ottenere l interoperabilità ci sono tre importanti problematiche di ordine generale che devono essere affrontate e risolte: sviluppare un sistema di comunicazione omogeneo per lo scambio e la gestione delle informazioni; coordinare le funzionalità di due o più sistemi durante l interazione e l accesso alle risorse; mascherare l eterogeneità dei sistemi locali coinvolti nella cooperazione. Per mascherare l eterogeneità dei computer e delle reti, al fine di offrire un punto si vista unitario e coerente, i sistemi distribuiti sono spesso organizzati attraverso uno o più strati software che sono logicamente posizionati tra i livelli più alti, tra livello utente e applicativo ed il livello inferiore costituito dai sistemi operativi. Un esempio, che prende il nome di middleware, è 18

27 Sistemi distribuiti mostrato in figura 3.1. In questo caso si può notare che il livello middleware si estende logicamente attraverso molteplici host. Host A Host B Host C Distributed Applications Middleware Service Local OS Local OS Local OS Network Figura 3.1: Un sistema distribuito organizzato a middleware Il principale obiettivo dei sistemi distribuiti è facilitare gli utenti nell accesso a risorse remote al fine di condividerle con altri utenti in modo controllato. Le risorse possono essere teoricamente di qualsiasi tipo: alcuni tipici esempi sono le stampanti, la memoria di massa, le risorse di calcolo, basi di dati, file in generale. Riuscire a facilitare l accesso alle risorse rende anche più facile lo scambio di informazione e quindi la collaborazione, come è ben evidente dal successo di Internet con i vari set di protocolli per lo scambio di file, mail, documenti, audio, video e così via. La connettività attraverso Internet si sta estendendo a numerose organizzazioni virtuali nelle quali gruppi sparsi di utenti lavorano assieme attraverso software collaborativi (denominati groupware). Un altro importante obiettivo di un sistema distribuito è di mascherare il fatto che i processi e le risorse sono fisicamente distribuite su molteplici host. Un sistema distribuito che riesca a presentarsi agli utenti ed alle applicazioni, come se fosse un singolo processo, si dice trasparente. Come mostrato nel seguente elenco esistono varie tipologie di trasparenza, che possono essere desiderabili in parte o completamente per il sistema 19

28 Sistemi distribuiti distribuito in base alle esigenze e specifiche. Accesso: nasconde le differenze della rappresentazione dei dati e di come una risorsa è acceduta; Locazione: nasconde dove la risorsa è collocata fisicamente; Migrazione: nasconde il fatto che una risorsa possa muoversi da una locazione ad un altra; Rilocazione: nasconde il fatto che una risorsa possa essere spostata in un altra locazione mentre è in uso; Replicazione: nasconde il fatto che una risorsa sia replicata; Concorrenza: nasconde il fatto che una risorsa possa essere condivisa da un insieme di utenti in competizione; Fallimento: nasconde il fallimento ed il ripristino di una risorsa; Persistenza: nasconde la volatilità o meno della risorsa Vantaggi dei sistemi distribuiti I principali motivi che rendono i sistemi distribuiti vantaggiosi sono [SGG02]: la condivisione collaborativa delle risorse, l accelerazione dei calcoli, l affidabilità e la comunicazione. Condivisione collaborativa delle risorse. Se sistemi locali diversi, con risorse diverse, sono collegati tra loro, allora l utente di un sistema locale può avere la possibilità di usare le risorse disponibili in un sistema remoto per collaborare a obiettivi comuni. 20

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

8. Sistemi Distribuiti e Middleware

8. Sistemi Distribuiti e Middleware 8. Sistemi Distribuiti e Middleware Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 8. Sistemi distribuiti e Middleware 1 / 32 Sommario 1 Sistemi distribuiti

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a:

RELAZIONE E COMUNICAZIONE. Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: RELAZIONE E COMUNICAZIONE Sviluppare la gestione delle relazioni con i clienti grazie a: Microsoft Office System 2007 Windows Vista Microsoft Exchange Server 2007 è ancora più potente ed efficace, grazie

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Cluster per architetture a componenti

Cluster per architetture a componenti Luca Cabibbo Architetture Software Cluster per architetture a componenti Dispensa ASW 442 ottobre 2014 Un buon progetto produce benefici in più aree. Trudy Benjamin 1 -Fonti [IBM] Clustering Solutions

Dettagli

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete Sistemi Operativi di Rete Estensione dei Sistemi Operativi standard con servizi per la gestione di risorse in rete locale Risorse gestite: uno o più server di rete più stampanti di rete una o più reti

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Sistemi informativi secondo prospettive combinate

Sistemi informativi secondo prospettive combinate Sistemi informativi secondo prospettive combinate direz acquisti direz produz. direz vendite processo acquisti produzione vendite INTEGRAZIONE TRA PROSPETTIVE Informazioni e attività sono condivise da

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Sistemi Informativi Distribuiti

Sistemi Informativi Distribuiti Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II Sistemi Informativi Distribuiti 1 Sistemi informativi distribuiti

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

Creare una Rete Locale Lezione n. 1

Creare una Rete Locale Lezione n. 1 Le Reti Locali Introduzione Le Reti Locali indicate anche come LAN (Local Area Network), sono il punto d appoggio su cui si fonda la collaborazione nel lavoro in qualunque realtà, sia essa un azienda,

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB.

SISTEMI E RETI. Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. SISTEMI E RETI Crittografia. Sistemi distribuiti e configurazione architetturale delle applicazioni WEB. CRITTOGRAFIA La crittografia è una tecnica che si occupa della scrittura segreta in codice o cifrata

Dettagli

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D

Introduzione. Laurea magistrale in ingegneria informatica A.A. 2011-2012. Leonardo Querzoni. Versioni al tratto. Versione 3D Introduzione Versioni al tratto Versione 3D Sistemi La versione negativa Distribuiti 3D prevede l utilizzo dell ombra esclusivamente sul fondo colore Rosso Sapienza. Laurea magistrale in ingegneria informatica

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali

SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) caratteristiche funzionali CL AS SE INFORMATICA 6(3) 6(4) - 6(4) SISTEMI E RETI 4(2) 4(2) 4(2) TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI COMPETENZE 3 Essere in grado di sviluppare semplici applicazioni

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI

SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO. PER LA DISCIPLINA di SISTEMI SIMULAZIONE PROVA SCRITTA ESAME DI STATO PER LA DISCIPLINA di SISTEMI L assessorato al turismo di una provincia di medie dimensioni vuole informatizzare la gestione delle prenotazioni degli alberghi associati.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO

1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO 1 IL SISTEMA DI AUTOMAZIONE E TELECONTROLLO Quello che generalmente viene chiamato sistema di automazione d edificio si compone di diverse parti molto eterogenee tra loro che concorrono, su diversi livelli

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo

F.O.A.M. Free Object Access Method. Un introduzione. Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo F.O.A.M. Free Object Access Method Un introduzione Documento: Introduzione FOAM.doc Versione: 0.03.2k30131 Autore: Mario Meo Colombo Il protocollo FOAM. FOAM (Free Object Access Method) è un protocollo

Dettagli

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI

Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-2 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus

Dettagli

GRIGLIE COMPUTAZIONALI

GRIGLIE COMPUTAZIONALI Reti di Calcolatori GRIGLIE COMPUTAZIONALI D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 10-1 Griglie Computazionali Cosa è il Grid Computing? Architettura Ambienti Globus D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing

Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Un approccio innovativo per il delivery di servizi in infrastrutture di nomadic computing Relatore Prof. Ing. Stefano Russo Correlatore Ing. Domenico Cotroneo Candidato Armando Migliaccio matr. 41/2784

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

Plone all Università di Ferrara - Case Study

Plone all Università di Ferrara - Case Study Plone all Università di Ferrara - Case Study Francesco Margutti, Cesare Stefanelli, Luca Tebaldi Università di Ferrara, Italia {francesco.margutti, cesare.stefanelli, luca.tebaldi}@unife.it 1. L Università

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli