ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera"

Transcript

1 ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera U.O. PROVVEDITORATO ECONOMATO Tel Fax ALLEGATO TECNICO PRODOTTI PER STERILIZZAZIONE I prodotti oggetto della presente procedura devono essere conformi alle normative vigenti in campo nazionale e comunitario per quanto concerne le autorizzazioni alla produzione, all importazione, all immissione in commercio e all uso e dovranno rispondere ai requisiti previsti dalle disposizioni vigenti. I dispositivi devono essere costruiti in conformità alle norme di buona fabbricazione per i dispositivi medici; i prodotti ed i relativi confezionamenti, etichette e fogli illustrativi, devono essere conformi ai requisiti previsti dalle leggi e regolamenti comunitari in materia, vigenti all atto della fornitura e devono essere provvisti di marcatura CE Tutti i prodotti devono essere consegnati con almeno i ¾ (tre quarti) della loro validità temporale; in caso contrario l accettazione della merce sarà rimessa al giudizio della singola Azienda Sanitaria destinataria della fornitura. Sede Legale: Cremona Viale Concordia 1 tel fax CF

2 LOTTO 1 : BUSTE IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. delle buste alle norme UNI EN ISO :2009 e UNI EN 868-5:2009 degli indicatori alle norme UNI EN ISO :2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore o ossido di etilene Costituzione e caratteristiche Devono essere costituite da un lato in carta di grado medicale (medical grade) e da un lato in film plastico (poliestere/ polipropilene) trasparente, multistrato, colorato (non bianco) termosaldati insieme su tre lati. La saldatura presente deve essere di tipo continuo e multipla. La dimensione della termosaldatura deve essere di almeno 6 mm, ad angolo arrotondato, con gli appositi inviti per l apertura. Gli indicatori chimici, uno per la sterilizzazione a vapore ed uno per la sterilizzazione ad ossido di etilene, devono avere un area stampata non inferiore a 100 mm 2 per singolo indicatore. Gli indicatori, intercalati secondo quanto previsto dalle norme di riferimento, devono essere posizionati in maniera che non possano venire a contatto con gli oggetti contenuti all interno e non possano essere influenzati dal procedimento di saldatura. Ogni busta deve essere marcata con le seguenti indicazioni: 1.Nome o logo del fabbricante 2.Dimensioni e/o codice del prodotto 3.Numero di lotto 4.Direzione di apertura 5.Indicatori di processo, preceduti dal tipo di processo al quale è riferito (vapore e EO) e dall indicazione del colore di viraggio 6.Dicitura in lingua italiana non utilizzare se la confezione è danneggiata o dicitura equivalente. Tutte le diciture dovranno essere presenti anche in lingua italiana. e quantità Progressivo nello schema 1 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 7,5 CM, LUNG. 30 CM C/A 2 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 10 CM, LUNG. DA 27 A 30 CM C/A 3 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 10 CM, LUNG DA 57 A 60 CM 4 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 15 CM, LUNG. 30 CM C/A 5 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 15 CM, LUNG. 40 CM C/A 6 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. DA 20 A 21 CM, LUNG. DA 27 A 30 CM (Ao Cremona) pezzo pezzo pezzo 8000 pezzo pezzo pezzo 25200

3 7 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. DA 20 A 21 CM, LUNG. 40 CM C/A 8 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 25 CM, LUNG. 50 CM C/A 9 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. DA 27 A 30 CM, LUNG. DA 35 A 40 CM 10 BUSTA PIATTA PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. DA 40 A 42 CM, LUNG. 60 CM C/A pezzo pezzo pezzo pezzo 7000 Modalità di confezionamento Confezionamento primario: le buste devono essere avvolte in un film plastico e all'interno di questo film suddivise in gruppi di max 200 pezzi. : 50 buste 15x30 cm c/a 50 buste 7,5x30 cm c/a Posizionamento degli indicatori e la loro leggibilità attraverso il lato trasparente ( laminato plastico) 10 Assenza di delaminazione durante l apertura 15 Controllo tenuta saldatura del materiale post sterilizzazione 15 Facilità di interpretazione dei risultati di viraggio 10 LOTTO 2 : BUSTE AUTOSIGILLANTI IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. delle buste alle norme UNI EN ISO :2009 e UNI EN 868-5:2009 degli indicatori alle norme UNI EN ISO :2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore o ossido di etilene senza l ausilio della macchina termosaldatrice. Costituzione e caratteristiche Devono essere costituite da un lato in carta di grado medicale (medical grade) e da un lato in film plastico trasparente, multistrato, colorato (non bianco) termosaldati insieme su tre lati. La saldatura deve essere di tipo continuo e multipla. La dimensione della termosaldatura deve essere di almeno 6 mm, ad angolo arrotondato, con gli appositi inviti per l apertura. Gli indicatori chimici, uno per la sterilizzazione a vapore ed uno per la sterilizzazione ad ossido di etilene, devono avere un area stampata non inferiore a 100 mm 2 per singolo indicatore.

4 Gli indicatori, intercalati secondo quanto previsto dalle norme di riferimento, devono essere posizionati in maniera che non possano venire a contatto con gli oggetti contenuti all interno e non possano essere influenzati dal procedimento di saldatura. Ogni busta deve essere marcata con le seguenti indicazioni: Nome o logo del fabbricante Dimensioni e/o codice del prodotto Numero di lotto Direzione di apertura Indicatori di processo, preceduti dal tipo di processo al quale è riferito (vapore e EO) e dall indicazione del colore di viraggio Dicitura in lingua italiana non utilizzare se la confezione è danneggiata o dicitura equivalente Tutte le diciture dovranno essere presenti anche in lingua italiana. e quantità Progressivo nello schema 1 BUSTA PIATTA AUTOSIGILLANTE PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO CON INDICATORE DI VIRAGGIO CM 9x20 C/A 2 BUSTA PIATTA AUTOSIGILLANTE PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO CON INDICATORE DI VIRAGGIO CM 13x25 C/A 3 BUSTA PIATTA AUTOSIGILLANTE PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO CON INDICATORE DI VIRAGGIO CM 20x33 C/A 4 BUSTA PIATTA AUTOSIGILLANTE PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO CON INDICATORE DI VIRAGGIO CM 30 x 35/40 AO Chiari pezzo pezzo pezzo pezzo Modalità di confezionamento Confezionamento primario: le buste devono essere avvolte in un film plastico. -50 buste 13x25cm Posizionamento degli indicatori e la loro leggibilità attraverso il lato trasparente ( laminato plastico) 10 Assenza di delaminazione durante l apertura 15 Controllo tenuta saldatura del materiale post sterilizzazione 15 Facilità di interpretazione dei risultati di viraggio 10 LOTTO 3 : ROTOLI IN ACCOPPIATO CARTA /FILM PLASTICO alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. dei rotoli alle norme UNI EN ISO :2009 e UNI EN 868-5:2009 degli indicatori alle norme UNI EN ISO :2009

5 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore o ossido di etilene Costituzione e caratteristiche: Devono essere costituiti da un lato in carta di grado medicale (medical grade) e da un lato in film plastico (poliestere/ poliproilene) trasparente, multistrato, colorato (non bianco) termosaldati insieme lungo i lati paralleli. La saldatura presente sui rotoli dovrà essere di tipo continuo e multipla. La dimensione della termosaldatura dovrà essere di almeno 6 mm. Gli indicatori chimici, uno per la sterilizzazione a vapore ed uno per la sterilizzazione ad ossido di etilene, dovranno avere un area stampata non inferiore a 100 mm 2 per singolo indicatore. Gli indicatori, intercalati secondo quanto previsto dalle norme di riferimento, devono essere posizionati in maniera che non possano venire a contatto con gli oggetti contenuti all interno e non possano essere influenzati dal procedimento di saldatura. Ogni rotolo deve essere marcato con le seguenti indicazioni: 1.Nome o logo del fabbricante 2.Dimensioni e/o codice del prodotto 3.Numero di lotto 4.Indicatori di processo, preceduti dal tipo di processo al quale è riferito (vapore e EO) e dall indicazione del colore di viraggio 5. Dicitura in lingua italiana non utilizzare se la confezione è danneggiata o dicitura equivalente L intervallo di ripetizione delle stampe non utilizzare se la confezione è danneggiata e nome o marchio del fabbricante non deve essere maggiore di 310 mm. Per le restanti diciture l'intervalllo di ripetizione delle stampe non deve essere maggiore di 155 mm. Lunghezza massima del rotolo: 100 mt. e quantità Progressiv o nello schema 1 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 7,5 CM C/A 2 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 10 CM C/A 3 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 15 CM C/A 4 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 20 CM C/A 5 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 25 Quantità biennale AO Cremona Quantità biennale AO Chiari Quantità totale biennale Metro Metro Metro Metro Metro

6 CM C/A 6 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 30 CM C/A 7 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE E AD OSSIDO DI ETILENE, IN ACCOPPIATO CARTA/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO LARG. 40 CM C/A Metro Metro Modalità di confezionamento: Confezionamento primario: ogni rotolo deve essere avvolto in un film plastico. 3 rotoli 20 cm Posizionamento degli indicatori e la loro leggibilità attraverso il lato trasparente ( laminato plastico) 10 Assenza di delaminazione durante l apertura 15 Controllo tenuta saldatura del materiale post sterilizzazione 15 Facilità di interpretazione dei risultati di viraggio 10 LOTTO 4 : CARTA CRESPATA MEDICALE PER CONFEZIONAMENTO PACCHI alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. della carta alle norme UNI EN ISO :2009 e EN 868-2:2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore e Ossido di etilene Costituzione e caratteristiche Deve essere costituita da carta crespata vergine, non di recupero, di grado medicale, di colore verde, con buona drappeggiabilità. Deve essere latex free Deve avere una grammatura pari o superiore a 60 g/m 2. Il materiale deve essere tale da non rilasciare coloranti o prodotti chimici e/o tossici, fibre o particelle durante e dopo la sterilizzazione. e quantità Progressivo nello schema Ao Cremona 1 CARTA CRESPATA VERDE PER IL CONFEZIONAMENTO DEI PACCHI DA STERILIZZARE 50X50 CM C/A pezzo 52000

7 2 CARTA CRESPATA VERDE PER IL CONFEZIONAMENTO DEI PACCHI DA STERILIZZARE 60X60 CM C/A pezzo CARTA CRESPATA VERDE PER IL CONFEZIONAMENTO DEI PACCHI DA STERILIZZARE 75X75 CM C/A pezzo Modalità di confezionamento Confezionamento primario: all'interno dell'imballo i fogli raggruppati dovranno essere protetti con un film plastico fogli 50x50 cm c/a -100 fogli 75x75 cm c/a Morbidezza, drappeggiabilità 15 Resistenza allo strappo sia prima che dopo la sterilizzazione 15 Assenza di impurità e scorie da lavorazione 15 Memoria di forma 5 LOTTO 5 : FOGLI IN TESSUTO NON TESSUTO alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. della carta alle norme UNI EN ISO :2009, UNI EN 868-2:2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore e Ossido di etilene Costituzione e caratteristiche Devono essere costituiti da un intreccio di fibre di cellulosa e poliestere tali da garantire un livello di repellenza all acqua e all alcool, costituendo una barriera eccellente ai microrganismi. Devono essere di colore azzurro/blu Devono essere resistenti alla lacerazione, ben drappeggiabili. Devono avere una grammatura di almeno 52 g/m 2 e quantità Progressivo nello schema 1 FOGLIO TNT BLU PER IL CONFEZIONAMENTO DEI PACCHI DA STERILIZZARE 90X90 CM C/A 2 FOGLIO TNT BLU PER IL CONFEZIONAMENTO DEI PACCHI DA STERILIZZARE 100X100 CM C/A Ao Cremona pezzo 8000 pezzo 10000

8 Modalità di confezionamento Confezionamento primario:all'interno dell'imballo i fogli raggruppati devono essere protetti con un film plastico. -50 fogli 90x90 cm c/a Conformabilità e grado di drappeggiabilità 15 Resistenza alla lacerazione sia prima che dopo la sterilizzazione 20 Valori di grammatura superiori al minimo richiesto 10 Memoria di forma 5 LOTTO 6: ROTOLI IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. dei rotoli alle norme UNI EN ISO e 2:2009 e UNI EN 868-5:2009 degli indicatori alle norme UNI EN ISO :2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante gas plasma Costituzione e caratteristiche: Devono essere costituiti da un lato in TYVEK e da un lato in film plastico trasparente in accoppiato poliestere e polietilene, multistrato, termosaldati insieme lungo i lati paralleli. Le saldature presenti sui rotoli dovranno essere di tipo continuo e multiplo. La dimensione della termosaldatura deve essere di almeno 6 mm, ad angolo arrotondato, con gli appositi inviti per l apertura. Devono essere presenti indicatori sensibili al riconoscimento del processo di sterilizzazione a gas plasma. Gli indicatori devono essere posizionati in maniera che non possano venire a contatto con gli oggetti contenuti all interno e non essere influenzati dal procedimento di saldatura. Ogni rotolo deve essere marcato con le seguenti indicazioni: 1.Nome o logo del fabbricante 2.Dimensioni e/o codice del prodotto 3.Numero di lotto 4.Indicatori di processo 5.Dicitura in lingua italiana non utilizzare se la confezione è danneggiata o dicitura equivalente L intervallo di ripetizione delle stampe non utilizzare se la confezione è danneggiata e nome o marchio del fabbricante non deve essere maggiore di 310 mm. Per le restanti diciture l'intervalllo di ripetizione delle stampe non deve essere maggiore di 155 mm. Lunghezza massima del rotolo: 100 mt.

9 e quantità Progressivo nello schema 1 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. 7,5 CM C/A 2 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. 10 CM C/A 3 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. 15 CM C/A 4 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. 20 CM C/A 5 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. 25 CM C/A 6 ROTOLO PIATTO PER STERILIZZAZIONE A PEROSSIDO D'IDROGENO, IN ACCOPPIATO TYVEK/FILM PLASTICO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, LARG. DA 35 A 40 CM AO Cremona Metro 800 Metro 3200 Metro 800 Metro 1600 Metro 1200 Metro 1000 Modalità di confezionamento: Confezionamento primario: ogni rotolo deve essere avvolto in un film plastico. 1 rotolo 10 cm c/a Posizionamento degli indicatori e la loro leggibilità attraverso il lato trasparente ( laminato plastico) 10 Assenza di delaminazione durante l apertura 15 Controllo tenuta saldatura del materiale post sterilizzazione 10 Facilità di interpretazione dei risultati di viraggio 10 Dichiarazione su compatibilità del TYVEK con il metodo di sterilizzazione Sterrad autocertificazione punti 0; certificazione da Ente o Laboratorio indipendente punti 5 5 LOTTO 7: NASTRO CON INDICATORE DI VIRAGGIO PER STERILIZZAZIONE A VAPORE degli indicatori alle norme UNI EN ISO :2009 Nastro indicatore di processo utilizzato nella sterilizzazione a vapore ( indicatore chimico esterno di processo) Costituzione e caratteristiche Deve essere costituito da un nastro adesivo resistente ad alte temperature ed umidità, con indicatore di processo (classe 1) su tutta la larghezza del nastro.

10 Deve avere il supporto in carta crespata impregnata con indicatore, su cui sia possibile scrivere con ogni tipo di inchiostro. Deve essere latex free All interno dell anima del nastro devono essere presenti almeno: Lotto di produzione Data di scadenza Nome del produttore o marchio identificativo Simbolo o dicitura equivalente VAPORE o STEAM e quantità Progressiv o nello schema 1 NASTRO AD ALTA ADESIVITA', CON INDICATORE DI VIRAGGIO, PER LA CHIUSURA DI PACCHI CON FOGLI IN POLIPROPILENE DA SOTTOPORRE AL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE A VAPORE, 19 MM X 55 MT CAC/A 2 NASTRO ADESIVO, CON INDICATORE DI VIRAGGIO, PER LA CHIUSURA DI PACCHI DA SOTTOPORRE AL PROCESSO DI STERILIZZAZIONE A VAPORE, 19 MM X 55 MT C/A Unità di Quantità biennale AO Cremona Quantità biennale AO Chiari Quantità totale biennale pezzo pezzo Modalità di confezionamento Confezionamento primario: ogni nastro deve essere confezionato singolarmente in sacchetti di plastica chiusi. informazioni previste dalla norma UNI EN ISO : nastri ad alta adesività 19 mm x 55 mt c/a 2 nastri adesivi 19 mm x 55 mt c/a Adesività 15 Assenza di residui dopo la rimozione 10 Chiarezza del viraggio chimico e corrispondenza alla guida interpretativa 10 Possibilità di scrittura con ogni tipo di inchiostro 10 Facilità di srotolamento 5 LOTTO 8 : INVOLUCRI IN POLIPROPILENE alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. delle buste alle norme UNI EN ISO e UNI EN 868-2:2009

11 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore, gas plasma e Ossido di etilene Costituzione e caratteristiche: Devono essere realizzati interamente in polipropilene 100% a tre o più strati. Il polipropilene deve essere drappeggiabile, di alta efficienza di filtrazione, elevata resistenza e di grammatura non inferiore a 33 g/m². e quantità Progressivo nello schema 1 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, PER CONFEZIONAMENTO STERILE, 90X90 CM C/A 2 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, PER CONFEZIONAMENTO STERILE, 114X114 CM C/A 3 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, PER CONFEZIONAMENTO STERILE, 137X137 CM C/A AO Cremona pezzo 8400 Pezzo 1000 pezzo 6000 Modalità di confezionamento: Confezionamento primario: all'interno dell'imballo i fogli raggruppati devono essere protetti con un film plastico. 100 involucri 90x90 cm c/a 100 involucri 137x137 cm c/a Resistenza alla lacerazione sia prima che dopo la sterilizzazione 20 Drappeggiabilità e conformabilità 15 Memoria di forma 10 Assenza di impurità e scorie di lavorazione 5 LOTTO 9 : INVOLUCRI IN POLIPROPILENE TERMOSALDATI alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. delle buste alle norme UNI EN ISO :2009 e UNI EN 868-2:2009 Confezionamento di Dispositivi Medici da sterilizzare mediante vapore, gas plasma e Ossido di etilene.

12 Costituzione e caratteristiche: Devono essere realizzati in polipropilene 100% e costituiti da due fogli termosaldati su due lati preferibilmente di colore diverso per consentire una migliore visione di eventuali abrasioni anche minime. Il polipropilene deve essere drappeggiabile, di alta efficienza di filtrazione, elevata resistenza e di grammatuta non inferiore a 90 g/m². Per il prodotto di cui al progressivo n.4 è richiesta una grammatura non inferiore a 122 g/m² e quantità Progressivo nello schema 1 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, COSTITUITO DA 2 FOGLI TERMOSALDATI PER CONFEZIONAMENTO STERILE IN UNICA FASE, 75X75 CM C/A 2 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, COSTITUITO DA 2 FOGLI TERMOSALDATI PER CONFEZIONAMENTO STERILE IN UNICA FASE, 100X100 CM C/A 3 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, COSTITUITO DA 2 FOGLI TERMOSALDATI PER CONFEZIONAMENTO STERILE IN UNICA FASE, 120X120 CM C/A 4 INVOLUCRO IN POLIPROPILENE A TRE O PIU' STRATI, COSTITUITO DA 2 FOGLI TERMOSALDATI PER CONFEZIONAMENTO STERILE IN UNICA FASE, 120X120 CM C/A GRAMMATURA NON INFERIORE A 122 g/m². AO Cremona pezzo 2400 pezzo 6000 pezzo 7400 pezzo 2400 Modalità di confezionamento: Confezionamento primario: all'interno dell'imballo i fogli raggruppati devono essere protetti con un film plastico. 100 involucri 100x100 cm con grammatura da 90 g/m 2 50 involucri 120x120 cm con grammatura non inferiore a 122 g/m 2 Resistenza alla lacerazione sia prima che dopo la sterilizzazione 20 Drappeggiabilità e conformabilità 15 Memoria di forma 10 Assenza di impurità e scorie di lavorazione 5 LOTTO 10: FOGLI ASSORBENTI alla direttiva 93/42/CEE recepita dal D.Lgs 46 del 24/2/1997 e s.m.i. alle Norme EN ,-3/2009 e EN ISO e Protezione dello strumentario e coadiuvante nel contenimento della eventuale condensa durante la sterilizzazione, il trasporto e lo stoccaggio.

13 Costituzione e caratteristiche: Devono essere realizzate interamente in polipropilene e cellulosa altamente assorbenti e a basso rilascio di particelle. e quantità Progressivo nello schema 1 FOGLI ALTAMENTE ASSORBENTI E A BASSO RILASCIO PARTICELLARE IN POLIPROPILENE E CELLULOSA PER PROTEZIONE DELLO STRUMENTARIO E CONTENIMENTO DI CONDENSA DURANTE LA STERILIZZAZIONE, 50X65 CM C/A AO Cremona pezzo Modalità di confezionamento: Confezionamento primario: i fogli devono essere avvolti in un film plastico e all'interno di questo film suddivisi in gruppi di 50 - max 200 pezzi. Confezionamento: scatole di cartone. Su tale confezione devono essere riportate tutte le 50 fogli Capacità di assorbimento espresso in ml di acqua 20 Capacità di prevenire lacerazioni tra l'involucro e gli angoli vivi di un cestello 20 Morbidezza 10 LOTTO 11: INDICATORI CHIMICI CLASSE 6 PER STERILIZZATRICI A VAPORE alla norma UNI EN ISO :2009 Valutazione dell efficacia della procedura di sterilizzazione Costituzione e caratteristiche Devono essere costituiti da un supporto in carta atossica stampata con inchiostro indicatore di viraggio, atossico e resistente all acqua e al calore. L indicatore deve essere protetto in modo da non cedere sostanze che potrebbero interferire con il vapore e/o con i dispositivi medici. -Devono appartenere alla classe 6 della Norma EN ISO Deve essere indicata, su ogni indicatore, la classe di appartenenza dello stesso -L indicatore deve essere sensibile ai parametri di sterilizzazione a vapore: tempo, temperatura e vapore saturo -Le condizioni minime di viraggio dovranno essere le seguenti: -134 C, 5,3 minuti -121 C, 15 minuti

14 e quantità Progressiv o nello schema AO Cremona 1 INDICATORE CHIMICO A VARIABILE MULTIPLA DI CLASSE 6 PER CICLI DI STERILIZZAZIONE A VAPORE DI 121 E 134 GRADI pezzo Modalità di confezionamento: Confezionamento: in scatole o sacchetti richiudibili. Su tale confezione, o sul foglietto che accompagna la confezione, devono essere riportate tutte le informazioni previste Norma EN ISO indicatori Facilità di interpretazione dei dati: leggibilità viraggio 25 Viraggio corrispondente alla guida interpretativa 15 Rintracciabilità del nr. di lotto, nome del fabbricante, tipo di processo e data di scadenza sulla singola striscia 10 LOTTO 12: TEST DI BOWIE AND DICK-SISTEMA MONOUSO PER STERILIZZATRICI A VAPORE E OSSIDO D'ETILENE alla norme UNI EN ISO :2009, UNI EN ISO :2007 e UNI EN 285:2009 Verifica dell effettiva rimozione dell aria nelle sterilizzatrici ad alto vuoto per carichi porosi e segnalazione di eventuali problemi di qualità del vapore o legati al tempo di esposizione. Costituzione e caratteristiche Deve essere costituito da un sistema pronto all utilizzo, monouso, in materiale compatto, poroso con relativo foglio indicatore e in grado di assicurare risultati equivalenti a quelli ottenuti con il pacco in teleria. Presenza di indicatore di processo all esterno necessaria ad identificare l avvenuta sterilizzazione del prodotto. Il colore del foglio indicatore deve risultare uniforme all osservazione visiva. Il foglio indicatore, completamente laminato per evitare il contatto diretto dell inchiostro (privo di piombo) con il contenuto del carico, deve consentire l annotazione di tutti i dati inerenti al ciclo di convalida previsto dalle norme UNI EN ISO sopra riportate. Deve essere latex free Deve essere di ridotte dimensioni. Ogni indicatore deve riportare: Condizioni di utilizzo: tempo e temperatura Il simbolo STEAM La classe dell indicatore (classe 2) Il nome del fabbricante La data di scadenza

15 Il nr. di lotto Uno spazio specifico per l inserimento del modello dell autoclave Uno spazio specifico per l inserimento della data Ogni foglio indicatore deve riportare le seguenti informazioni per l inserimento dei dati per l archiviazione: Ciclo n Macchina n Data Supervisore Luogo Reparto Operatore Risultato e quantità Progressiv o nello schema 1 TEST DI BOWIE AND DICK PACCO PRONTO MONOUSO Unità di Quantità biennale AO Cremona Quantità biennale AO Chiari Quantità totale biennale pezzo Modalità di confezionamento Confezionamento primario: gli indicatori dovranno essere avvolti in un film plastico. Confezionamento secondario: in scatole. Su tale confezione, o sul foglietto che accompagna la confezione devono essere riportate tutte le informazioni previste dalla Norma UNI EN ISO pacchi pronti Adeguatezza sul foglio indicatore di tutti gli spazi ed indicazioni in lingua italiana per la compilazione dei dati 10 Assenza di rilascio di inchiostro 15 Leggibilità del viraggio 15 Colore dell'indicatore uniforme all'osservazione visiva 10 LOTTO 13: DISPOSITIVO DI PROVA DEL PROCESSO PER LA VALUTAZIONE DELLA PENETRAZIONE DEL VAPORE IN CORPI CAVI alla norme UNI EN 867-5:2004 e UNI EN ISO :2009 Verifica della funzionalità dell autoclave relativamente alla rimozione dell'aria e alla penetrazione del vapore per carichi cavi. Costituzione e caratteristiche del dispositivo: Deve essere costituito da un elemento cavo standardizzato riutilizzabile con un lume di dimensioni interne uniformi per tutta la sua lunghezza, collegato ad una capsula di chiusura per l alloggiamento dell indicatore con guarnizione di chiusura.

16 Deve essere in PTFE o materiale equivalente e comunque non dovrà rilasciare sostanze in quantità tali da costituire un rischio per la salute o incidere negativamente sulle prestazioni dei sistemi indicatori con i quali è destinato ad essere utilizzato. Costituzione e caratteristiche degli indicatori: Devono essere utilizzabili in autoclave a vuoto frazionato per 3,5 min. a 134 C. Devono avere la superficie protetta da film plastico a prevenzione di rilascio di inchiostro. Devono avere un indicatore conforme alla norma UNI EN ISO :2009 Sull indicatore deve essere riportato il tipo di processo che subirà con codice Europeo (es. STEAM) e il n di lotto. L'etichetta di ogni confezione di indicatori, o il foglietto con le informazioni tecniche che accompagna la confezione, deve riportare in lingua italiana: il cambio di colore atteso la classe, il processo, le condizioni di utilizzo previste le eventuali condizioni di conservazione la data di scadenza il n di lotto nome ed indirizzo del fabbricante o del fornitore Deve risultare dalla documentazione tecnica il numero di indicatori presenti in ogni confezione che deve corrispondere al numero di cicli di riutilizzo del dispositivo. Gli eventuali dispositivi necessari per l'utilizzo degli indicatori devono essere forniti gratuitamente per tutta la durata della fornitura. e quantità Progressiv o nello schema 1 DISPOSITIVO DI PROVA DEL PROCESSO PER CORPI CAVI COMPOSTO DA UN ELEMENTO CAVO STANDARDIZZATO PER L'ALLOGGIAMENTO DELL'INDICATORE + INDICATORI DI CLASSE 2 Quantità biennale AO Cremona Quantità biennale AO Chiari Quantità totale biennale TEST Modalità di confezionamento Confezionamento primario: ogni confezione di vendita deve contenere un dispositivo riutilizzabile e una busta richiudibile contenente i relativi indicatori. Confezionamento secondario: in scatole. Su tale confezione, o sul foglietto che accompagna la confezione devono essere riportate tutte le informazioni previste dalla Norma UNI EN ISO confezioni La campionatura dei dispositivi medici riutilizzabili sarà al termine dei lavori della Commissione restituita alle ditte. Praticità e facilità di utilizzo 15 Sicurezza di lettura e interpretazione dei risultati 15 Viraggio corrispondente alla guida interpretativa 10 Maggior numero di cicli supportati dal dispositivo pluriuso 10

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PROMOZIONE NO PROFIT LUGLIO 2012 INDICE DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ... 3 1.3 REGIMI TARIFFARI...

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Istruzioni per l'uso Guida alla carta

Istruzioni per l'uso Guida alla carta Istruzioni per l'uso Guida alla carta Per un uso corretto e sicuro, leggere le Informazioni sulla sicurezza riportate nel manuale "Leggere prima di iniziare" prima di utilizzare la macchina. SOMMARIO

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15

NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE. Revisione dell'ispm 15 Consultazione tra i membri (procedura regolare) - giugno 2008 Bozza 1/7 NORMATIVA INTERNAZIONALE PER LE MISURE FITOSANITARIE Revisione dell'ispm 15 [PARAGRAFO 1] REGOLAMENTAZIONE DEL MATERIALE DA IMBALLAGGIO

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Come imballare le vostre spedizioni

Come imballare le vostre spedizioni Come imballare le vostre spedizioni Se avete bisogno di una guida generale per l imballaggio delle vostre spedizioni o di una guida per alcuni articoli speciali, di seguito troverete tutte le informazioni

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività 02. Alta Riflettività Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività Alta riflettanza ed emissività si traducono in un maggior risparmio energetico e di denaro, oltre che in un applicazione sicura

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE numero1 Tecno-Gaz S.p.A. Strada Cavalli, 4 43038 Sala Baganza (PR) FEBBRAIO 2008 Tel./Ph +39 0521 8380 Fax +39 0521 833391 info@tecnogaz.com infospot Organo di informazione aziendale realizzato da GraphoServiceParma

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Istruzioni supplementari. Adattatore con tubo schermante. per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm. Document ID: 34849

Istruzioni supplementari. Adattatore con tubo schermante. per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm. Document ID: 34849 Istruzioni supplementari Adattatore con tubo schermante per VEGACAL 63, 64/VEGACAP 63 Stilo-ø 16 mm Document ID: 34849 1 Descrizione del prodotto 1 Descrizione del prodotto L'adattatore con tubo schermante

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

15 POLIESTERE 10 POLIESTERE MINERAL MINERAL PROBLEMA. Membrane impermeabilizzanti CONFERISCE CREDITI LEED

15 POLIESTERE 10 POLIESTERE MINERAL MINERAL PROBLEMA. Membrane impermeabilizzanti CONFERISCE CREDITI LEED MIN DESIGN MINERAL DESIGN MIN DESIGN MINERAL DESIGN EFFETTO 3D Three Dimensional MINERAL MINERAL 15 POLIESTERE 10 POLIESTERE CONFERISCE CREDITI LEED 1 PROBLEMA MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE AUTOPROTETTA

Dettagli

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO 13 TETTO IN LEGNO PIANO ED Tetto caldo e tetto freddo (ventilato) Impermeabilizzazione e isolamento termico dei tetti in legno con manto a vista Il presente documento riguarda l impermeabilizzazione delle

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Igiene del Lavoro LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica

Eco Natural Lucart: la nuova generazione di carta ecologica Natural Lucart: nuova generazione di carta ecologica Una gamma di prodotti INNOVATIVA nel filosofia produttiva, eccellente nelle PRESTAZIONI ed ECOLOGICA al 100%. Professional TecHnology La prima carta

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli