a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino"

Transcript

1 storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione alla redazione del sito scrivendo a: con l'indicazione delle classi e della scuola in cui sono stati proposti

2 ,O PLUDFRORµ Gli anni sono entrati nell immaginario collettivo degli italiani come gli anni del "miracolo economico". Gli storici ne parlano come degli anni della ricostruzione postbellica ma anche di un periodo di transizione, di passaggio accelerato da una società prevalentemente rurale tradizionale ad una società moderna e industrializzata. In effetti, il mutamento non interessò soltanto la struttura materiale produttiva del paese, ma coinvolse gli assetti sociali e demografici, la fisionomia territoriale, le caratteristiche professionali della forza lavoro, i servizi pubblici, la scuola, l organizzazione assistenziale. I dati forniti dal confronto tra il censimento del 1951 e quello del 1961 sono clamorosi: " l indice della produzione industriale aumentò del 120%, il reddito nazionale del 78%, il prodotto netto dell industria manifatturiera del 103%; tra il 1953 e il 1960, in particolare, la produzione petrolchimica italiana era aumentata di ventitre volte, mentre nel complesso dei paesi dell Europa Occidentale, l aumento era stato solo di otto volte" (da Giovanni de Luna, Il miracolo e i suoi mostri, L Unità, 19/03/2000). Gli anni dal 1950 al 1970 furono un periodo d oro per il commercio internazionale. Lo scambio di manufatti aumentò di sei volte; l integrazione economica dei maggiori paesi industriali raggiunse nuove vette; la produzione in serie per i mercati, sia quelli interni sia quelli esterni, dette luogo a un livello di prosperità senza precedenti. [...] Come avvenne che l Italia, invece di giocare un ruolo secondario n questo periodo di espansione, ne divenne uno di protagonisti? [...] Di primaria importanza deve essere considerata la fine del tradizionale protezionismo dell Italia. [...] l industria italiana aveva raggiunto un sufficiente livello di sviluppo tecnologico e una diversificazione produttiva tale di essere capace di reagire alla creazione del Mercato Comune. [...] La disponibilità di nuove fonti di energia e la trasformazione dell industria dell acciaio furono un altro grande aiuto per le capacità competitive dell Italia. La scoperta del metano e di idrocarburi in Val Padana [...] e l importazione di combustibili liquidi a basso prezzo [...] fornirono un alternativa all importazione di carbone e permisero agli imprenditori italiani di ridurre i loro costi. [...] E abbastanza chiaro, infine, e non meno importante, il fatto che il miracolo non avrebbe potuto aver luogo senza il basso costo del lavoro che predominava in Italia. Gli alti livelli della disoccupazione negli anni 50 permisero che la domanda di lavoro eccedesse abbondantemente l offerta, con prevedibili conseguenze in termini di andamento dei salari. [...] Tra il 1953 e il 1960, mentre la produzione industriale aumentò da 100 a 189 e la produttività operaia da 100 a 162, i salari reali nell industria diminuirono impercettibilmente da 100 a 99,4. Con un costo del lavoro così basso, le imprese italiane si presentarono in modo estremamente competitivo sui mercati internazionali. Da Paul Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi Torino 1989 Rispondi alle domande: 1. In quali anni si attuò il miracolo economico in Italia? 2. Che cosa si intende con l espressione miracolo economico? 3. Quali furono i settori della società interessati dal cambiamento? 4. Lo sviluppo economico di quegli anni interessava solo l Italia? 5. Quali fattori permisero all Italia di rivestire un ruolo di primo piano? 6. Ricerca informazioni che ti aiutino a capire il significato di protezionismo e Mercato Comune.

3 /,WDOLD GHO PLUDFROR HFRQRPLFRµ Quando nel 1951 furono pubblicati i dati del primo censimento del dopoguerra, l immagine che ne emerse era quella di un paese in via di sviluppo. L Italia prevalentemente agricola, con un industria concentrata nel cosiddetto triangolo : Torino, Milano, Genova, con il 12% della popolazione analfabeta e il 58% che non aveva nemmeno raggiunto la quinta elementare, si trovava al confine tra due mondi e tra due culture. Ancora più vistose erano le differenze tra il Sud e il Nord del paese, si poteva parlare infatti di un economia duale o bivalente: abbastanza evoluta al Nord, arretrata o quasi primitiva al Sud dove dominava un agricoltura povera a bassissimo livello tecnologico. Le industrie che guidarono il boom furono quelle siderurgiche chimiche e meccaniche e tra queste soprattutto quelle dell automobile e dei moto-scooters, degli idrocarburi e degli elettrodomestici. Tutti gli indici sociali erano in ascesa e la vita degli italiani cominciava a cambiare vistosamente. Nel mezzogiorno d Italia l emigrazione di centinaia di migliaia di meridionali verso il nord-europa e verso l Italia settentrionale spopolò le campagne; ai ritmi dello sviluppo industriale non corrisposero quindi indici di crescita simili nelle produzioni agricole. G. Mammarella La storia dei nostri anni G. D Anna Firenze /D GLVWULEX]LRQH JHRJUDILFD La distribuzione geografica della produzione industriale italiana si allargò ben oltre gli stretti confini del triangolo industriale. Lombardia e Piemonte rappresentarono solo l epicentro di un moto di sviluppo industriale che si propagò allora verso sud, fino a Bologna, e verso est lungo tutta la Val Padana, fino a raggiungere Porto Marghera e Ravenna sulla sponda adriatica. Nel 1961, l anno del censimento, gli occupati nell industria avevano già raggiunto il 38 per cento della popolazione lavoratrice, mentre i lavoratori nel terziario erano il 32 per cento. L occupazione nell agricoltura era invece scesa notevolmente, e costituiva il 30 per cento della forza-lavoro. L equilibrio si era decisamente spostato e l Italia era pronta a entrare nel ristretto gruppo delle nazioni industrialmente avanzate. Da Paul Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi, Torino 1989 Dopo aver letto i due documenti, rispondi alle domande: 1. In quale zona dell Italia si concentrarono le prime industrie? 2. Che cos è il triangolo industriale 3. Quali furono le maggiori differenze tra Nord e Sud? 4. Lo sviluppo dell industria provocò alcune conseguenze nella struttura sociale ed economica italiana: quali? 5. Ricerca le cause che incisero sulla distribuzione diseguale dell industria nel Nord e Sud dell Italia.

4 / LQGXVWULD LWDOLDQD In un primo periodo, dal 1951 al 1958, lo sviluppo dell economia italiana sembra essere dovuto prevalentemente alla domanda interna. [...] Questo quadro muta abbastanza drammaticamente negli anni [...] La produzione industriale, nel periodo , risultò più che raddoppiata, con alla testa l industria metalmeccanica e quella petrolchimica. Fu soprattutto l esportazione a costituire il settore guida dell espansione [...] Frigoriferi, lavatrici, automobili, televisori, strumenti di precisione, macchine da scrivere e prodotti in plastica italiani furono esportati in quantità notevole. La straordinaria crescita dell industria elettrodomestica italiana fu una delle espressioni più caratteristiche del miracolo. Nel dopoguerra, quasi tutte le aziende che più tardi diventeranno famose in Europa erano poco più che stabilimenti artigianali: nel 1947 la Candy produceva una lavatrice al giorno, la Ignis aveva poche dozzine di operai, e la Zanussi solamente 250 dipendenti. Nel 1951 l Italia produceva appena frigoriferi. Nel 1957 il numero era cresciuto fino a e con il 1967 esso aveva raggiunto unità, facendo dell Italia il terzo produttore mondiale di frigoriferi, dopo gli Stati Uniti e il Giappone. Nello stesso anno l Italia era anche diventata il maggior produttore europeo di lavatrici e lavastoviglie; la Candy produceva, ormai, una lavatrice ogni quindici secondi. Dietro questa trasformazione vi era un gran numero di fattori: l abilità imprenditoriale dei proprietari delle nuove fabbriche, la loro capacità ad autofinanziarsi nei primi anni 50, la tenacia nell utilizzare le nuove tecnologie e nel rinnovare continuamente gli impianti, lo sfruttamento del basso costo del lavoro e l elevata produttività, l assenza fino ai tardi anni 60 di una significativa organizzazione sindacale. [...] Un altra delle principali aree di espansione fu quella delle macchine da scrivere. Con alla testa la Olivetti e la sua fabbrica-modello di Ivrea (uno dei più grandi successi degli anni 50), il numero delle macchine da scrivere prodotte annualmente salì dalle del 1957 alle del [...] Da Paul Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi, Torino 1989 Rispondi alle domande: 1. Quale fattore incise sull aumento della produzione industriale da 1958 al 1963? 2. Quali industrie ebbero un maggiore sviluppo? 3. Quali fattori possono spiegare lo sviluppo così elevato dell industria elettrodomestica?

5 1. Analizzate il seguente grafico relativo alla FUHVFLWD HFRQRPLFD GHOO,WDOLD GDO DO : PRODOTTO INTERNO LORDO IN MILIARDI che cosa potete osservare? 2. sapete che cos è il prodotto interno lordo? il reddito complessivo dello stato la moltiplicazione del denaro la produzione interna complessiva di uno stato 3. e il reddito pro capite? il reddito per persona il reddito dei capi

6 2. Ricavate da questo grafico i diversi ULWPL GL VYLOXSSR di agricoltura e industria in Italia negli anni del boom economico REDDITO NAZIONALE: AGRICOLTURA E INDUSTRIA 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% AGRICOLTURA INDUSTRIA anni dal 1946 al 1970

7 3.Osservate ora come è variata in quegli anni la FLUFROD]LRQH LQ,WDOLD GL DXWRPRELOL H PRWRFLFOL AUTOMOBILI E MOTOCICLI CIRCOLANTI IN ITALIA NEGLI ANNI DEL BOOM

8 4. il grafico seguente illustra la variazione in merito al possesso di alcuni EHQL GL FRQVXPR QHOOH IDPLJOLH LWDOLDQH POSSESSO DI ALCUNI BENI DI CONSUMO NELLE FAMIGLIE NEGLI ANNI DAL 1958 AL % 23% 2 13% 55% 1 12% 49% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 1: televisore 2: frigorifero 3: lavatrice Provate ora in piccolo gruppo a comporre un testo a carattere espositivo in relazione a ciascun grafico che ne illustri i dati.

9 ,O URYHVFLR GHOOD PHGDJOLDµ Il miracolo economico come tutti i miracoli che abbiamo contato nel corso della storia d Italia, ha anche il suo rovescio della medaglia. Lo sviluppo edilizio svolto sotto il segno della sfrenata speculazione, ha compromesso in modo quasi irreparabile l urbanistica delle città italiane, deturpando paesaggi unici al mondo. La motorizzazione di massa è stata promossa da una sapiente tecnica di persuasione occulta e da una deliberata rinuncia da parte dello stato a promuovere i mezzi pubblici di trasporto. Ma ciò che lascia perplessi molti italiani è il fatto che al progresso economico non abbia corrisposto un analogo progresso civile. La condizione operaia italiana rimane precaria e dura, la disoccupazione malgrado l emigrazione rimane a livelli preoccupanti; le attrezzature civili: scuole e ospedali sono assolutamente inadeguate e solo da alcuni anni è stata introdotta l istruzione obbligatoria fino a 14 anni, che d altra parte è ancor oggi largamente evasa. G. Procacci Storia degli Italiani Laterza 1968 'RQQH LQ IDEEULFD Prima è andato via mio fratello, a lavorare alla Fiat. Poi noi. Certo quando ci siamo trovati a Torino è stata dura. Lavoravo in una fabbrica di abbigliamento. Meno fatica, meno sacrifici. Però non ero mai uscita dall ambiente del mio paese, trovarmi in una città, è come dal giorno alla notte. Poi ancora chiudersi in una fabbrica, la fabbrica era come una prigione. [...] Oggi dovessi di nuovo scegliere tra la campagna e la fabbrica, sceglierei la fabbrica. Ma allora ho fatto un grosso sacrificio ad andare in fabbrica, per tre mesi ho pianto di seguito. Tutte le mattine dicevo: Non vado più, non vado più, e poi andavo. Avevo diciotto anni. Non che non mi piacesse la città: non mi piaceva la fabbrica. C era anche la fatica, lì a cottimo bisognava tirare di più, non era come alla Fiat dove quello che fai lo fai, e quello che non fai resta da fare... Lì incominciavano a criticarti, a dirti: Non riesci, le altre vanno meglio. Io sono sempre stata ambiziosa sul lavoro, a allora tiravo giù, mi impegnavo, e soffrivo quando i capi borbottavano. Testimonianza di Caterina, classe 1947 da Nuto Revelli, L anello forte, Einaudi Tascabili, Torino, 1985

10

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE PAROLE CHIAVE Inghilterra Incremento demografico Macchina a vapore Lavoro a domicilio Carbone Mezzi di trasporto Campagne Cambiamenti sociali nel mondo lavorativo Associazioni

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Emigrazione Sud-Nord Con la valigia di cartone, legata con lo spago e la caciotta di pecora. Prof. Paolo Biasin

Emigrazione Sud-Nord Con la valigia di cartone, legata con lo spago e la caciotta di pecora. Prof. Paolo Biasin Emigrazione Sud-Nord Con la valigia di cartone, legata con lo spago e la caciotta di pecora. Prof. Paolo Biasin Il processo di industrializzazione, partito con l'unità d'italia e con i capitali sottratti

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

BACCALAUREAT GENERAL ESAME DI STATO

BACCALAUREAT GENERAL ESAME DI STATO BACCALAUREAT GENERAL ESAME DI STATO SESSION JUIN 2011 HISTOIRE-GEOGRAPHIE DUREE DE L EPREUVE : 5 heures L épreuve est composée entièrement en langue italienne Le candidat traite obligatoirement un sujet

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE

I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE I. DIVISIONE AMMINISTRATIVA E CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNE REGIONI ITALIANE 1. LE REGIONI ITALIANE Amministrativamente il territorio della Repubblica Italiana è deviso in 20 regioni. Ogni regione ha il

Dettagli

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA

PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA PROF. GABRIELE GAETANI D ARAGONA professore ordinario di Politica Economica nell Università di Napoli già Consigliere Regionale di Basilicata A cento anni dalla promulgazione della legge Zanardelli, la

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti

Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti Nascita e sviluppo dell impresa negli Stati Uniti corso di Storia economica lezione 7.03.2014 L impresa tradizionale e la sua specializzazione Nel mondo preindustriale, conviene ricordarlo, gli affari

Dettagli

La nascita della società industriale

La nascita della società industriale La nascita della società industriale L industrializzazione era nata nel 1700 in Inghilterra con la Prima rivoluzione industriale e si era poi diffusa in altre aree europee: L economia era ora dominata

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900

Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo. Carta ferroviaria 1900 Prof. Stefano Maggi Ferrovie: nascita e sviluppo Carta ferroviaria 1900 Le ferrovie nel Risorgimento Durante il Risorgimento il treno rappresenta il principale simbolo di unione fra i diversi territori

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet

Appunti di storia Classe 5^- Prof.ssa Livia Dumontet LA CRISI DEL 29 La crisi del 1929 rappresenta un periodo della storia economica del Novecento durante il quale si ridussero su scala mondiale: Produzione Occupazione Redditi Salari Consumi Investimenti

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica

processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica processi di ristrutturazione nell industria metalmeccanica Gianni Alioti Con un inquadramento particolare al settore auto ufficio internazionale Fim-Cisl e componente esecutivi Fem e Fism Milano 28 ottobre

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA PRIMA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE - Ha inizio nella seconda metà del 1700 in Inghilterra che era ricca di risorse e materie prime (miniere di ferro e carbone, lana, cotone proveniente dalle colonie inglesi)

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

L istruzione nel Comune di Udine

L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali U.Org. Studi e Statistica L istruzione nel Comune di Udine COMUNE DI UDINE U.Org. Studi e Statistica Via B. Stringher, 10-33100 Udine E-mail: statistica@comune.udine.it

Dettagli

L EVOLUZIONE STORICA DEL BUSINESS DELLA VIGILANZA IN ITALIA

L EVOLUZIONE STORICA DEL BUSINESS DELLA VIGILANZA IN ITALIA L EVOLUZIONE STORICA DEL BUSINESS DELLA VIGILANZA IN ITALIA I servizi di vigilanza risalgono a più di duemila anni fa quando, in epoca romana, furono istituiti i primi vigili notturni, chiamati tres viri

Dettagli

Il mito della 500.e della Vespa

Il mito della 500.e della Vespa Il mito della 500.e della Vespa INTRODUZIONE STORICA L Italia che uscì dalla seconda guerra mondiale era profondamente impoverita e segnata dal conflitto. Le maggiori città erano state distrutte come anche

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

Scuola Media Statale di Carmagnola

Scuola Media Statale di Carmagnola Scuola Media Statale di Carmagnola RICERCA DELLA CLASSE III F PROGETTO GHISA Anno scolastico 2005/06. Temi sviluppati: 1. L esperienza delle 150 ore nella Scuola Media di Carmagnola. 2. Ambiente di lavoro

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI BILANCIO CONSOLIDATO AL 30.06.2012

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI BILANCIO CONSOLIDATO AL 30.06.2012 DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Sede in Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine e codice fiscale: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Mezzogiorno e Italia. Produttività, accumulazione e divario territoriale

Mezzogiorno e Italia. Produttività, accumulazione e divario territoriale Mezzogiorno e Italia. Produttività, accumulazione e divario territoriale Estratto dal saggio di Giuseppe Travaglini Mezzogiorno e Italia. Produttività, accumulazione e divario territoriale, pubblicato

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario

IL QUADRO MACROECONOMICO. Dopo 25 anni di graduale riduzione del divario Il Mezzogiorno: quadro macroeconomico, servizi pubblici, finanza pubblica Nel Mezzogiorno risiede un terzo della popolazione italiana; vi si produce un quarto del PIL complessivo e un quinto del PIL del

Dettagli

La casa degli italiani laboratorio diritto d asilo Torino, 3.10.12. Giovanni Semi DCPS Università di Torino

La casa degli italiani laboratorio diritto d asilo Torino, 3.10.12. Giovanni Semi DCPS Università di Torino La casa degli italiani laboratorio diritto d asilo Torino, 3.10.12 Giovanni Semi DCPS Università di Torino Che cos è la casa Casa come bene centrale e caratteristico di famiglie e classi sociali Una nazione

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) QUELLO CHE NON SI DICE SULLE CAUSE DELL ATTUALE GRANDE RECESSIONE Vicenç

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Il dopoguerra in Italia

Il dopoguerra in Italia Il dopoguerra in Italia Gli anni 1945-1948 furono decisivi per delineare la fisionomia del Paese. Nel dicembre del 1944 si formò il secondo governo Bonomi, a cui successe nel giugno del 1945 il governo

Dettagli

Quaderno congiunturale territoriale

Quaderno congiunturale territoriale Quaderno congiunturale territoriale Trimestrale Anno X - Numero 32 - Aprile 2007 A cura del Servizio progetti, studi e statistiche QUADERNO CONGIUNTURALE TERRITORIALE TRIMESTRALE Anno X Numero 32 Aprile

Dettagli

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011*

Tassi di crescita del tessuto imprenditoriale. Anni 2002-2012 2002 2003 2004 2005 2006* 2007* 2008* 2009* 2010* 2011* Si attenua la dinamica imprenditoriale Scende, anche se di poco, per la prima volta in 10 anni il numero di imprese registrate a Torino e provincia. Cala il tasso di natalità e sale quello di mortalità.

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006

Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006 Rapporto sulle economie del Mediterraneo EDIZIONE 2006 a cura di Paolo Malanima 1 Rapporto sulle economie del Mediterraneo Edizione 2006 a cura di Paolo Malanima 2 Indice Introduzione, di Paolo Malanima

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE

UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE Svimez-Fondazione Edison Intervento di MARCO FORTIS (Vicepresidente Fondazione Edison; Docente di Economia industriale e commercio estero Università

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

Densità della popolazione

Densità della popolazione http://digilander.libero.it/ilmiobrasile/mappe.htm MAPPE VARIE http://www.framor.info/viaggi/america/brasile.php BREVE DESCRIZIONE http://www.icponte.it/ipertesti/america_meridionale/index.htm IPERTESTO

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics.

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. 66 ilpersonaggio Ingegno e fantasia, la sfida dei robot Dal 1999 è alla guida di un azienda dinamica che distribuisce sul mercato italiano i robot

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2000-2010 GABICCE MARE: DALLA SOSTENIBILITA IL FUTURO Per un territorio attraente e competitivo INDICATORI SOCIO-ECONOMICI 2-21 A cura di Europa Inform Consulting Ottobre 21 Introduzione Dieci anni fa, esattamente

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

L ITALIA REPUBBLICANA

L ITALIA REPUBBLICANA L ITALIA REPUBBLICANA LE REALIZZAZIONI DEL CENTRISMO LA RIFORMA AGRARIA, finanziata in parte dai fondi del Piano Marshall,fu,secondo alcuni studiosi,la più importante riforma dell'intero secondo dopoguerra.

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Principali Aree Economiche della Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 5 PRINCIPALI AREE ECONOMICHE DELLA RUSSIA Come dimostrano i grafici seguenti, l economia

Dettagli

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo:

Italia. Cento Vigne. Una storia di successo: Una storia di successo: Cento Vigne Italia Adattare le nuove strategie di social media marketing a livello globale per avere successo nel settore enologico Cento Vigne Italia ha scoperto il segreto per

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

La Rivoluzione Industriale Inglese

La Rivoluzione Industriale Inglese La Rivoluzione Industriale Inglese Dal 1780 in Inghilterra si ebbe un decollo a livello industriale che causò un processo cumulativo di crescita. Come affermò lo storico David Landes, la rivoluzione industriale

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

dell Alleanza del Pacifico

dell Alleanza del Pacifico Internazionalizzare nei paesi dell Alleanza del Pacifico Alleanza del Pacifico 10-17 febbraio 10-17 marzo 2015 1 Che cos è l Alleanza del Pacifico È un iniziativa d integrazione regionale composta da Cile,

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO

SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO SVILUPPO E SOTTOSVILUPPO - C è una domanda fondamentale da porsi, affrontando questi problemi: Le risorse del nostro pianeta sono sufficienti per fornire a tutti gli uomini una vita dignitosa? - Una possibile

Dettagli