LIBRO II SCI DI FONDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBRO II SCI DI FONDO"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEI CONCORSI INTERNAZIONALI DI SCI LIBRO II SCI DI FONDO EDIZIONE 2008

2 Contenuti 1^ Parte 200 Regole comuni a tutte le gare 201 Classificazione e tipologia delle gare 202 Calendari FIS 203 Licenza FIS 204 Qualifica degli atleti 205 Diritti e doveri degli atleti 206 Sponsorizzazione e pubblicità 207 Pubblicità e marchi commerciali 208 Media elettronici (televisione, radio e nuovi media) 209 Diritti televisivi 210 Organizzazione delle Gare 211 L organizzazione 212 Assicurazione 213 Programma 214 Pubblicazioni 215 Iscrizioni 216 Riunione dei capisquadra 217 Sorteggio 218 Pubblicazione dei risultati 219 Premi 220 Personale di servizio, fornitori e rappresentanti delle ditte 221 Esami medici e Doping 222 Materiali di gara 223 Sanzioni 224 Norme procedurali 225 Commissione di appello 226 Mancato rispetto delle sanzioni 2^ Parte 300 Gare di fondo A. Organizzazione 301 Comitato Organizzatore 302 I funzionari di gara 303 La Giuria ed i suoi doveri 304 Il ruolo del Delegato Tecnico (DT) e dell Assistente Delegato Tecnico (ADT) nelle gare di Coppa del Mondo, Campionati del Mondo, Gioghi Olimpici Invernali e Campionati del Mondo Juniores. 305 Rimborso spese 306 Il Direttore di Gara FIS 307 Riunione dei capisquadra B. Piste di fondo Omologazione Definizione delle tecniche Preparazione Lo stadio 311 Descrizione e programma gare 312 Descrizione dei percorsi per gare di sci di fondo 313 Omologazione 314 Definizione delle tecniche 315 Preparazione della pista 316 Segnaletica della pista 317 Punti di ristoro 318 Protezioni lungo il tracciato 320 Lo stadio del fondo 2

3 C. La gara ed i concorrenti 331 Requisiti dei concorrenti 332 Esami medici 333 Iscrizioni ufficiali 334 Metodologie di raggruppamento 335 Sostituzione atleti e iscrizioni in ritardo 336 Sorteggio 337 Pettorali 338 Allenamento e ricognizione della pista 340 Atleti durante la gara 341 Ufficiali ed altro personale durante la gara 342 Punzonatura D. Partenze, cronometraggio, arrivi e classifiche 351 Partenze 352 Cronometraggio 353 Arrivo 354 Elaborazione delle classifiche 355 Pubblicazione delle classifiche E. Nuove tipologie di gara 360 Gare Sprint individuale 361 Gare Sprint a squadre 362 Gare ad Inseguimento (con o senza interruzione) 363 Gare ad Inseguimento con interruzione 364 Gare ad Inseguimento senza interruzione F. Gare di staffetta 371 Organizzazione 372 Strutture tecniche e preparazione 373 La pista 374 Il cambio 375 Colori 376 La gara ed i concorrenti 377 Cronometraggio e classifiche G. Guida all organizzazione di gare di fondo popolari 380 Definizione di gare di fondo popolari 381 Iscrizioni e concorrenti 382 Informazioni 383 Giuria 384 La pista 385 Controlli 386 Servizio medico e soccorso 387 Precauzioni in caso di basse temperature 388 Procedure per l annullamento 389 Regolamento internazionale gare di sci H. Partenze non ammesse, Penalità, Squalifiche, Reclami, Appelli 390 Partenze non ammesse 391 Penalità 392 Squalifiche 393 Reclami 394 Diritto di appello I. Guida all organizzazione di gare di Ski Roll 396 Gare di Ski Roll 3

4 1^ Parte 200 Regole comuni a tutte le gare Tutte le gare inserite nel Calendario FIS devono seguire il Regolamento FIS Organizzazione e conduzione Le regole e le istruzioni per l organizzazione e la gestione delle varie Gare si trovano nei rispettivi regolamenti ed istruzioni Partecipazione Possono partecipare alle gare inserite nel calendario FIS gli atleti provvisti di regolare licenza FIS ed inquadrati nell ambito dei contingenti e quote in vigore dalle Federazioni Nazionali affiliate FIS Regole speciali Il Consiglio FIS può autorizzare una Federazione Nazionale a stabilire diverse regole, regolamentazioni e diversi criteri di qualificazione, nell organizzazione di gare nazionali ed internazionali, ma solamente se non vanno oltre i limiti stabiliti dalle regole esistenti Controlli Tutte le gare di calendario FIS devono essere supervisionate da un Delegato Tecnico della FIS Ogni sanzione legale imposta e pubblicata nei confronti di un concorrente, capo servizio o allenatore, sarà riconosciuta rispettivamente dalla FIS e dalla rispettiva Federazione Nazionale. 201 Classificazione e tipologia delle gare Gare con regole speciali e/o a partecipazione limitata Le Federazioni Nazionali affiliate alla FIS o, con la loro autorizzazione, gli Sci Club appartenenti a queste Federazioni, possono invitare le Federazioni vicine, o i loro Sci Club, a partecipare alle proprie gare. Queste gare non possono però essere pubblicate o definite Internazionali. Le limitazioni di partecipazione devono essere ben chiare nel programma di gara Per le gare con regole speciali e/o a partecipazione limitata o con partecipanti di associazioni non affiliate, il Consiglio della FIS può imporre disposizioni particolari. Queste regole devono essere specificate nel programma di gara Gare con partecipazione di associazioni non membri FIS Il Consiglio FIS può autorizzare una Federazione ad invitare a gare una Organizzazione non affiliata (militari ecc.) o ad accettarne l invito Classificazione e tipologia delle gare Giochi Olimpici Invernali, Campionati del Mondo di Sci FIS e Campionati del Mondo di Sci Juniores FIS Coppa del Mondo FIS Coppa Continentale FIS Gare Internazionali FIS Gare con particolari modalità di partecipazione e/o qualificazione Gare con Organizzazioni non affiliate FIS Tipi di Gare Una disciplina è una parte di uno sport e può comprendere uno o più eventi. Per esempio lo Sci Nordico è una disciplina mentre la gara Sprint è un evento Riconoscimento di discipline dalla Federazione Internazionale di Sci Delle nuove discipline, comportanti uno o più eventi, largamente praticati nelle nazioni affiliate, possono essere incluse nei programmi della FIS Esclusione di discipline dalla Federazione Internazionale di Sci Se una disciplina non è più praticata da almeno dodici Federazioni Nazionali di Sci ripartite su almeno due continenti, il Congresso della FIS può decidere l esclusione della disciplina dai programmi della FIS Gli eventi della FIS Un evento è una gara in uno sport o in una disciplina. Questo produce una classifica e riconosce la consegna di medaglie e/o diplomi Tipi di Gare Le Gare internazionali di sci comprendono: Sci Nordico Fondo, Ski Roll, Salto con gli sci, Volo con gli sci, Combinata Nordica, Combinata Nordica a Squadre, Combinata Nordica con gli Ski Roll o in linea, Salto a Squadre, Salto su Trampolini in plastica, Gran Fondo Sci Alpino Discesa Libera, Slalom, Slalom Gigante, Super-G, Parallelo, Combinate, KO, Gara a squadre Freestyle Moguls, Moguls doppio, Salto, Ski Cross, Halfpipe, Gara a squadre. 4

5 Snowboard Slalom, Slalom Parallelo, Slalom Gigante, Slalom Gigante Parallelo, Super-G, Halfpipe, Snowboard Cross, Gare Speciali, Big Air, Slopestyle Telemark Firmgleiten Sci di velocità Sci d erba Combinate con altre discipline sportive Gare per bambini, masters, gare per disabili, ecc Programma per il Campionato del Mondo Per essere incluse nel programma dei Campionati del Mondo FIS, le prove devono avere un valore riconosciuto tanto sul piano numerico quanto geografico, ed essere state incluse nella Coppa del Mondo FIS da almeno due anni prima che possa aver luogo una decisione di ammissione al Campionato del Mondo Delle nuove prove non saranno ammesse se non dopo tre anni di Campionati del Mondo FIS specifici Una prova non può essere riconosciuta contemporaneamente per una classifica individuale ed una classifica a squadre Lo stato di Campionato del Mondo FIS e del Campionato del Mondo FIS per Juniores in tutte le discipline (Alpine, Nordico, Snowboard, Freestyle, Sci d Erba, Ski Roll, Telemark, Sci di velocità) sarà concesso soltanto se almeno otto nazioni partecipano agli eventi a squadre ed almeno otto nazioni partecipano ad un evento individuale. Ciò consente il rilascio di medaglie dei Campionati del Mondo. 202 Calendari FIS Candidature e presentazione Ogni Federazione Nazionale di sci ha il diritto di presentare la propria candidatura ad organizzare i Campionati del Mondo FIS secondo quanto pubblicato sulle Disposizioni per l Organizzazione dei Campionati del Mondo di Sci FIS Per tutte le altre competizioni, le richieste per l inclusione nel Calendario Internazionale devono essere inviate alla FIS dalle Federazioni Nazionali secondo le disposizioni della Conferenza Calendario pubblicata dalla FIS stessa L iscrizione da parte delle Federazioni Nazionali deve essere spedita elettronicamente utilizzando l accesso al Calendario FIS (ftp://ftp.fisski.ch/software/programm/) entro il 31 agosto (31 maggio per l emisfero sud) Assegnazione delle gare L assegnazione delle gare alle Federazioni Nazionali avverrà con comunicazione elettronica da parte della FIS. Per le gare di Coppa del Mondo FIS, i programmi sono soggetti ad approvazione da parte del Consiglio, dopo proposta del Comitato Tecnico Omologazione Le gare riportate nel calendario FIS devono svolgersi su piste omologate dalla FIS. Il numero del certificato di omologazione deve essere indicato al momento dell invio della domanda per l inserimento di una gara nel calendario FIS Pubblicazione del Calendario FIS Il calendario definitivo viene pubblicato dalla FIS sul suo sito La FIS aggiornerà il calendario in base alle cancellazioni, ai posticipi o ad altri cambiamenti ricevuti Rinvii Nel caso di rinvio di una gara inserita in calendario, la FIS deve essere informata immediatamente ed un nuovo invito deve essere inviato alle Federazioni Nazionali. In caso contrario, la gara non potrà essere considerata per i punti FIS Contributi del calendario Oltre al contributo annuo normale, per ogni evento elencato nel calendario è da versare annualmente un contributo alla pianificazione calendario stabilito dal Congresso FIS. Per qualsiasi gara spostata ed approvata dalla FIS, entro i 30 giorni prima della gara, il contributo sarà aumentato del 50%. Il pagamento della tassa di programma per l evento spostato, sarà a carico della Federazione Nazionale che ha organizzato l evento inizialmente. All'inizio della stagione, ogni Federazione Nazionale riceverà una fattura pari al 70% sul totale dalla stagione precedente. A fine della stagione, ogni Federazione Nazionale riceverà un rendiconto dettagliato che tenga conto di tutte gli eventi registrati. Il saldo dovrà essere accreditato sul conto corrente della FIS Nomina degli organizzatori di gara Per nominare, ad esempio, uno Sci Club affiliato quale organizzatore di gara, la Federazione Nazionale dovrà utilizzare il Modulo d Iscrizione Federazione Nazionale Sci 5

6 e Organizzatori o un accordo scritto similare. Una Federazione Nazionale può richiedere l inserimento di una gara in Calendario Internazionale solo se gli accordi necessari per l organizzazione della gara stessa sono stati precedentemente stabiliti Organizzazione di competizioni in altri paesi Concorsi organizzati, in altri paesi, da parte di Federazioni Nazionali possono essere inclusi nel calendario FIS solo con il consenso della Federazione Nazionale del paese in cui sono organizzate le prove in questione. 203 Licenza FIS La licenza per partecipare a gare FIS viene rilasciata da una Federazione Nazionale di Sci ai concorrenti che soddisfano i criteri richiesti nella(e) disciplina(e) corrispondente(i). L'iscrizione alla FIS è fatta dalla Federazione Nazionale L anno di validità per la licenza FIS parte dal 1 luglio e termina il 30 giugno dell anno successivo Per poter partecipare a gare FIS, L atleta deve essere in possesso della licenza FIS rilasciata dalla propria Federazione Nazionale. Detta licenza ha validità di un anno sia nell'emisfero Nord sia in quello Sud. La validità della licenza può essere limitata alla partecipazione in una specifica Nazione o ad una o più gare specifiche Le Federazioni Nazionali devono garantire che tutti gli atleti in possesso di licenza FIS accettino le regole della Federazione Internazionale Sci, in particolare le disposizioni che prevedono l esclusiva competenza della Corte di Arbitrato per lo Sport come Corte di appello in caso di doping Una Federazione Nazionale di Sci può rilasciare la licenza FIS solo dopo che l atleta ha firmato il modulo della dichiarazione, nella forma approvata dal Consiglio FIS, e restituito lo stesso alla propria Federazione. Le dichiarazioni firmate da atleti minorenni devono essere controfirmata dal rappresentante legale Durante l'anno valido per la licenza, un concorrente può partecipare alle gare internazionali FIS solo con la licenza rilasciata dalla propria Federazione Il concorrente deve avere la nazionalità della Federazione che gli ha rilasciato la licenza e deve essere in grado di provarlo con un passaporto valido Inoltre, l'atleta è tenuto ad avere il suo domicilio legale e la residenza effettiva nel nuovo paese per almeno due (2) anni precedenti la data della richiesta di modificare la licenza a favore del nuovo paese / nuova Federazione Nazionale di sci. Eccezione: Il concorrente è nato nel territorio del paese in questione e la madre, o suo padre, è un cittadino del nuovo paese Il Consiglio FIS si riserva il diritto discrezionale di autorizzare o di rifiutare un cambiamento di licenza, nonostante il rispetto delle condizioni precedenti, se ritenga che le circostanze eccezionali lo richiedano e che la sua decisione è coerente con gli interessi di sport sulla neve E' responsabilità dell'atleta dimostrare per iscritto e convincere il Consiglio FIS di dette circostanze eccezionali Con la modifica della Federazione Nazionale il concorrente perde automaticamente i suoi punti FIS. Il Consiglio FIS può concedere deroghe ove ciò sia giustificato Un concorrente, al quale è stata tolta la licenza FIS, potrà ottenere una nuova licenza dopo aver dimostrato che la sanzione adottata nei suoi confronti è stata saldata. 204 Qualifica degli atleti Una Federazione Nazionale non può rilasciare la licenza o mantenere tra I suoi tesserati, o permettere la partecipazione alle competizioni all atleta che: ha avuto una condotta anti-sportiva e non ha rispettato il codice medico della FISI o le regole anti-doping; accetta o ha accettato, direttamente o indirettamente, del denaro per partecipare alle gare, in contrasto con le regole in vigore; accetta o ha accettato un premio del valore superiore a quanto stabilito dall articolo 219; permette o ha permesso che il suo nome, titolo o fotografia vengano usati per scopi pubblicitari, salvo che la sua Federazione Nazionale o il suo Pool abbiano concluso un contratto di promozione, per l equipaggiamento o di pubblicità Gareggia o ha gareggiato consapevolmente con concorrenti non qualificati, o non regolari, secondo il regolamento FIS, salvo che: la gara sia approvata dal Consiglio FIS, sia controllata direttamente dalla FIS o dalla Federazione Nazionale e presentata come aperta (open) non abbia sottoscritto il modulo di Dichiarazione dell atleta sia sottoposto ad una sospensione Con il rilascio della licenza e l iscrizione alle gare FIS, la Federazione Nazionale conferma che l atleta è coperto da adeguata assicurazione, sufficiente anche alla copertura del 6

7 rischio, per l allenamento e per la gara, e di questo se ne assume piena responsabilità. 205 Diritti e doveri degli atleti Gli atleti sono obbligati a conoscere tutte le regole FISI e devono seguire le ulteriori direttive della Giuria Gli atleti non possono correre sotto l influenza di stimolanti / doping Gli atleti devono seguire le regole FIS e tutte le istruzioni della Giuria Gli atleti che non partecipano alla cerimonia di premiazione senza giustificazione perdono il diritto ad ogni premio. Per casi eccezionali, l atleta assente può essere rappresentato da un altra persona della propria squadra, che non ha però il diritto di salire sul podio Gli atleti devono comportarsi in maniera corretta e sportiva nei confronti dei membri del Comitato Organizzatore, degli ufficiali di gara e del pubblico Sovvenzioni agli Atleti Un atleta in possesso di regolare licenza FIS, può accettare: il rimborso totale delle spese di viaggio per il raggiungimento della località di allenamento o di gara; il rimborso totale delle spese di soggiorno nella località di allenamento o di gara; una somma in denaro per le piccole spese personali; un indennizzo per i mancati guadagni conformemente alle decisioni prese dalla sua Federazione Nazionale.; previdenza sociale contenente un assicurazione che copra gli allenamenti e le gare; una o più borse di studio Una Federazione Nazionale può istituire un fondo per assicurare la formazione e per la futura carriera di un concorrente dopo il ritiro delle gare di sci. Il concorrente non ha diritto a questi fondi che saranno assegnati solo per decisione della Federazione Nazionale Scommesse sulle gare Gli atleti, gli allenatori, i dirigenti e funzionari tecnici di squadra non possono scommettere sui risultati delle gare in cui sono coinvolti. 206 Sponsorizzazione e pubblicità Una Federazione Nazionale, o un suo pool di lavoro, può sottoscrivere un contratto di sponsorizzazione e/o fornitura di beni/attrezzature con una società o organizzazione commerciale, nel caso detta società o organizzazione sia stata riconosciuta come Sponsor o Fornitore Ufficiale dalla Federazione Nazionale. E vietata la pubblicità attraverso fotografie, o altri supporti, o designare come atleti FIS sportivi o atleti non qualificati secondo le norme FIS o CIO. Tutti i generi di pubblicità con atleti abbinati a prodotti di tabacco, alcool o droghe è vietata Tutte le compensazioni oggetto di tali contratti devono essere gestiti dalle Federazioni Nazionali, o da un suo pool di lavoro, che raccoglie e amministra conformemente alle norme della suddetta Federazione Nazionale. Gli atleti non hanno diritto a ricevere direttamente, o in parte, delle indennità ad eccezione di quanto previsto dall'art FIS può in qualsiasi momento richiede una copia di tale contratto I marchi commerciali sull equipaggiamento e le attrezzature fornite alle squadre nazionali, devono essere conformi a quanto specificato nell articolo Attrezzatura da gara nelle gare FISI Nelle gare di Coppa del Mondo FIS e nei Campionati Mondiali l atleta deve utilizzare solamente l attrezzatura di squadra, completa dei marchi commerciali, a norma delle regole FIS per quanto riguarda la pubblicità, forniti ed approvati da ogni Federazione Nazionale. È vietato l utilizzo di nomi e/o simboli osceni su abbigliamento e attrezzatura I concorrenti non possono togliere uno o entrambi gli sci o lo snowboard prima di aver superato la linea rossa definita dagli organizzatori nell area di arrivo Nei Campionati del Mondo FIS, Coppa del Mondo FIS, e a tutte le gare inserite nel calendario FIS, agli atleti non è permesso portare la propria attrezzatura (sci, snowboard, bastoncini, scarponi, casco, occhiali) alle cerimonie ufficiali di premiazione che prevedano inni nazionali e/o alzabandiera. Dopo la conclusione di tutta la cerimonia (medaglie, trofei e gli inni nazionali), è consentito portare l attrezzatura sul podio a beneficio di stampa, fotografi, ecc Presentazione dei vincitori / attrezzature ammesse sul podio Nei Campionati Mondiali e nella Coppa del Mondo FIS e a tutte le gare inserite nel calendario FIS, gli atleti hanno il diritto di portare sul podio i seguenti elementi di equipaggiamento: - Sci / Snowboard - Scarponi da sci: gli atleti possono indossare scarponi da sci ai piedi, ma non hanno il diritto di portarli in modo diverso (ad esempio attorno al collo). Altre calzature non 7

8 possono essere portate durante la premiazione, salvo che indossate ai piedi. - Bastoncini da sci: non collegati agli sci, ma portati nell'altra mano. - Occhiali portati o appesi al collo. - Caschi: solo se portato sulla testa e non collegato ad altri componenti delle attrezzature, come ad esempio sci, bastoni, ecc. - Attacchi da Sci: al max. 2 con il nome del produttore di sci, uno degli attacchi può eventualmente portare il nome del marchio di fabbrica. - Bastoncini da combinata nordica e sci da fondo: le clip possono essere utilizzate per tenere i due bastoni insieme. Le clip non può superare una larghezza di 4 cm (larghezza necessaria per coprire lo spessore dei bastoncini e lo spazio tra loro) x 10 cm (altezza), vale a dire che la lunghezza nella direzione dei bastoncini (non di traverso). Il marchio commerciale dei bastoncini può coprire l'intera superficie delle clip. - Tutti gli altri articoli sono proibiti: banane alla cintura, telefono portato al collo, bottiglie, zaini, ecc Una presentazione ufficiale dei vincitori (cerimonia di fiori) e la celebrazione della vittoria con l'inno nazionale, subito dopo la prova nella zona di arrivo è consentita, a rischio e pericolo degli organizzatori, anche prima della scadenza dei reclami. E obbligatorio indossare il pettorale. E consentito portare e maneggiare attrezzature (sci/snowboard, bastoncini, scarponi, casco, occhiali) Indossare il pettorale della manifestazione visibile, o la tuta della Federazione Nazionale, è obbligatorio in ambienti chiusi, compresa la zona dei vincitori e nelle aree riservate per le interviste TV. 207 Pubblicità e marchi commerciali Il Consiglio FIS ogni primavera decide e pubblica le specifiche tecniche riguardo la misura, il formato ed il numero dei marchi commerciali, da rispettare durante la stagione successiva Le regole concernenti la pubblicità sull attrezzatura devono essere rispettate L atleta che non rispetta queste regole deve essere segnalato alla FIS Qualora una Federazione Nazionale non applichi queste regole o, per ragioni particolari, preferisca rinviare il caso alle FIS, la FIS può procedere immediatamente al ritiro della licenza dell atleta. L atleta e/o la sua Federazione hanno il diritto di presentare un appello prima della decisione definitiva Se uno sponsor usa il nome, titolo o fotografia di un atleta per la pubblicità di un prodotto, senza aver informato lo stesso atleta o senza la sua approvazione, l atleta in questione può richiedere assistenza legale alla sua Federazione o alla FIS, perché procedano contro la società in causa. Se l'atleta non chiede assistenza, la FIS considererà come se egli abbia dato il proprio permesso e consenso alla società Il Consiglio FIS controllerà se, in che misura e quali infrazioni sono state commesse dagli atleti, per quanto riguarda la qualificazione degli atleti, le sponsorizzazioni, la pubblicità, le sovvenzioni ed aiuti agli atleti Durante tutte le gare del Calendario FIS (specialmente per le gare di Coppa del Mondo) devono essere seguite le "Direttive FIS per la Pubblicità", specialmente per quanto riguarda gli spazi pubblicitari sul campo di gara o nell area televisiva. La Direttive FIS per la Pubblicità", approvata dal Consiglio FIS, è parte integrante del contratto FIS con i Comitati Organizzatori di Gare di Coppa. 208 Media elettronici (televisione, radio e nuovi media) Definizioni Le seguenti definizioni si applicano in questa sezione: Per "televisione" si intende la diffusione televisiva analogico o digitale, costituita da contenuti video e audio, via etere, con connessione cablata (cavo), via cavo o via satellite e la loro ricezione in un televisore. Secondo diritti di proprietà dell emittente, questa definizione può coprire i servizi di pagamento con carta (Pay TV), con abbonamento, canali interattivi, video on-demand e la televisione IP (IPTV). Con il termine "radio" si intende la trasmissione di programmi radio analogici o digitali via etere, con connessione cablata (cavo), via cavo o ricevuti attraverso dispositivi fissi o portatili. Con nuovi media (new media) si intende la distribuzione di contenuti digitali (testo, audio, video, foto, ecc.) mediante tecnologie di telecomunicazione senza fili (Wireless), trasmessi via internet o di qualsiasi altra tecnologia similare, esistente o da inventare, e la loro ricezione con dispositivi fissi, mobili o portatili Principi generali Diritti delle Federazioni Nazionali di Sci affiliate con la FIS Ogni Federazione Nazionale, e solo essa, è autorizzata a stipulare contratti per la vendita 8

9 dei diritti televisivi, radio o new media per gli eventi FIS organizzati nel suo paese. Tali contratti possono essere stipulati, previa consultazione con la FIS, tenendo conto degli interessi dello Sci, dello Snowboard nonché della Federazione Nazionale, o delle Federazioni di altri paesi, dove viene effettuata la ritrasmissione L'accesso agli eventi Qualunque sia l'evento, l ammissione ad ingressi riservati ai media, dipende dal tipo di accesso accordato ai titolari dei diritti ed ai non titolari dei diritti Controllo da parte del Consiglio FIS Il Consiglio FIS controlla che i principi di cui all'articolo siano soddisfatti da ogni Federazione Nazionale e da ogni organizzatore. Qualsiasi accordo o disposizione che possa incidere sugli interessi della FIS, o Federazione affiliata, o suoi organizzatori, deve essere valutato dal Consiglio FIS Giochi Olimpici Invernali, Campionati del Mondo FIS I diritti in materia di media elettronici per le Olimpiadi Invernali ed i Campionati del Mondo FIS sono detenuti esclusivamente dal CIO e dalla FIS, rispettivamente Televisione Qualità televisiva per una migliore pubblicità dell evento Nello studiare un contratto con una agenzia o canale televisivo, deve essere posta grande attenzione alla qualità della produzione e immagini televisive di tutti gli eventi di sci e di snowboard inclusi nel Calendario FIS, specialmente le Gare di Coppa del Mondo, in particolare attraverso: - Un segnale TV di alta qualità con una produzione ottimale dove lo sport è l'evento centrale; - Una adeguata considerazione e presenza dello sponsor della manifestazione e della pubblicità; - In base alle condizioni di mercato prevalenti l esecuzione di una produzione adeguata alla disciplina ed al livello degli eventi FIS, in particolare la trasmissione in diretta della prova con una copertura di tutti i concorrenti, e la distribuzione a livello mondiale; - La trasmissione dell evento sui canali televisivi con il più ampio pubblico potenziale; - Qualora il mercato televisivo lo permetta, prevedere la trasmissione dell evento in diretta nella Nazione organizzatrice e nelle Nazioni estere maggiormente interessate; - La trasmissione in diretta deve includere il logo ufficiale della FIS, il cronometraggio, la classifica provvisoria, le informazioni, come pure una grafica ed un sonoro internazionale Costi di produzione Il costo di accesso del segnale TV (immagini e suoni originali senza commento) e gli altri costi di produzione saranno concordati tra la società di produzione o agenzie / società di gestione dei diritti e le emittenti che li hanno acquistati Rapporti parziali Brevi relazioni (contenuti info) saranno messi a disposizione alle stazioni televisive in conformità alle seguenti norme, ed a condizione che la legislazione dei paesi e il rapporto tra le emittenti disciplinino lo sfruttamento delle informazioni contenute: a) Nei paesi in cui la legge disciplina l'accesso alle informazioni su eventi sportivi, tale normativa si applica alla copertura delle gare di sci. b) Nei paesi in cui reti concorrenti hanno stipulato accordi per regolamentare l'accesso al contenuto delle informazioni brevi ed i cui diritti sono detenuti esclusivamente da una emittente, tali accordi si applicano. c) Nei paesi in cui i diritti di trasmissione per le gare di sci vengono acquistati e venduti su base esclusiva, ma in cui le emittenti concorrenti non siano regolati da accordi di accesso alle informazioni brevi, queste saranno limitate a 180 secondi e concesse alle reti concorrenti 4 ore dopo la trasmissione dell'evento da parte del titolare dei diritti. Questi contenuti non possono più essere utilizzati oltre le 48 ore dopo la fine della gara. Se il detentore dei diritti ritarda la trasmissione oltre le 72 ore dopo la fine della gara, le emittenti concorrenti possono mostrare 60 secondi di contenuto informativo. d) Nei paesi in cui nessun canale televisivo nazionale, ha acquisito i diritti di trasmissione, qualsiasi stazione televisiva è concesso in licenza per distribuire informazioni brevi per 180 secondi non appena sono disponibili. Contenuti destinati solo per la circolazione sotto forma di newsletter periodiche sono prodotti e distribuiti dall'emittente o l'agenzia / società che gestisce tali diritti, se non diversamente disposto Radio Promuovere gare di sci attraverso programmi radiofonici sarà incentivata mediante l accredito delle principali stazioni dei paesi interessati. L'accesso sarà concesso solo per la produzione di programmi radiofonici, che possono anche essere pubblicate sul sito della stazione radio, a condizione che i contenuti non cambiano. 9

10 208.5 Nuovi media Internet L emittente che ha acquisito i diritti necessari nel paese ospitante, può trasmettere immagini in movimento sul suo sito web a condizione che sia interdetto l'accesso dall'estero. Le emittenti che non hanno acquisito i diritti necessari possono pubblicare sul loro sito web le foto della manifestazione (al massimo una foto al minuto) accessibili anche dall'estero. Per i contenuti video, si reindirizzerà l'utente al sito FIS, che sarà quindi l'unica fonte di informazioni su Internet accessibili dall'estero. La durata del contenuto informativo pubblicato sul sito della FIS non supererà i 30 secondi per ogni disciplina/sessione. I contenuti non relativi ad eventi non sono soggetti ad alcun limite di tempo. I contenuti sono forniti dalla società responsabile per la programmazione di eventi di Coppa del Mondo, entro due ore e mezzo o, per eventi importanti, entro quattro ore e mezza dopo la fine della prova. Essi possono essere trovati su Internet per 48 ore Dispositivi mobili e portatili Programmi televisivi trasmessi in tempo reale nel paese ospitante attraverso dispositivi mobili e portatili sono identici ai programmi accessibili mediante normali canali di trasmissione. Ultime notizie per un massimo di 20 secondi sono a disposizione degli operatori che supportano i costi di pubblicazione e la distribuzione, il pagamento dei diritti può essere negoziato con il proprietario interessato. Se si desidera ricevere servizi con contenuto di durata più lunga, questi si devono concordare con il titolare dei diritti. Per prevenire l'abuso di tale disposizione, il contenuto desiderato sono prodotti e distribuiti dalla società responsabile per la programmazione di Coppa del Mondo Tecnologie del futuro I principi enunciati nella sezione relativi ai nuovi media servono come base per definire lo sfruttamento dei diritti da parte della FIS sulle future tecnologie. Su raccomandazione delle commissioni e degli esperti, il Consiglio FIS definirà le condizioni sull'utilizzo di tali diritti. 209 Diritti di ripresa Gli accordi tra produttori e gli organizzatori dei Campionati del Mondo, o di Gare Internazionali FIS sull'uso delle riprese, quando queste vengono immesse in commercio in altri paesi diversi dal paese organizzatore, devono essere approvate dal Consiglio FIS 210 Organizzazione delle gare 211 L Organizzazione L Organizzatore L organizzatore di una gara FIS è la persona o un gruppo di persone che preparano tutto il necessario e seguono direttamente lo svolgimento di una gara Se la Federazione Nazionale non è direttamente l organizzatore della competizione può dare incarico ad uno sci club affiliato di provvedere all organizzazione stessa L organizzatore deve assicurarsi che le persone accreditate accettino le regole della gara e le decisioni della Giuria, inoltre nelle Gare di Coppa del Mondo l organizzatore è obbligato ad ottenere la firma liberatoria da coloro non in possesso di regolare accredito FIS Il Comitato Organizzatore Il Comitato Organizzatore è composto da membri (fisici o legali) delegati dall organizzatore e dalla FIS. Ha gli stessi diritti, doveri e obblighi dell organizzatore Gli organizzatori di gare alle quali partecipano concorrenti non qualificati ai sensi degli articoli da 203 a 204, violano il Regolamento Internazionale e sono passibili di provvedimenti da parte del Consiglio FIS. 212 Assicurazione L'organizzatore deve assicurare ai fini di responsabilità civile tutti i membri del Comitato Organizzatore. La FIS deve provvedere ad assicurare i propri responsabili ed i tecnici nominati non facenti parte del Comitato Organizzatore (es.: controlli di attrezzature, supervisori medici, ecc.) quando questi ultimi agiscono in nome della FIS L'organizzatore deve, prima del primo giorno di allenamento o gara, essere in possesso di polizza assicurativa, o lettera, attestante la copertura del rischio, rilasciata da compagnia di assicurazione e deve presentarla al Delegato Tecnico. La polizza coprirà il rischio di responsabilità civile dei membri del Comitato Organizzatore e del Comitato stesso. Il rischio da coprire deve essere almeno 1 milione di CHF, ma si consiglia di aumentare questo importo ad almeno 3 milioni di CHF. Tale importo può essere aumentato in base alle decisioni del Consiglio FIS (Coppa del Mondo FIS, ecc.). Inoltre, la polizza assicurativa deve coprire formalmente la responsabilità civile di chiunque risulti accreditato, compresi gli atleti, nei confronti di altri partecipanti, e non essere limitato a: 10

11 spostamenti del personale, squadre di volontari (es.: assegnati sulle piste), allenatori ecc L organizzatore, e/o la propria Federazione Nazionale, possono richiedere al broker della FIS una copertura assicurativa per la gara (a carico dell organizzatore) nel caso la propria copertura non fosse appropriata o inesistente Tutti i concorrenti che partecipano ad eventi FIS, devono avere una sufficiente copertura assicurativa individuale per infortuni che copra il costo di incidenti, il soccorso, il recupero e il trasporto. L'assicurazione deve comprendere i rischi inerenti infortuni durante gli eventi. Le Federazioni Nazionali sono responsabili per la stipula di un'assicurazione adeguata per i propri atleti iscritti e delegati. Le Federazioni Nazionali, o i suoi atleti iscritti, devono essere in grado di esibire, in ogni momento, prova effettiva dell assicurazione stipulata nel caso la FIS lo richiedesse, tramite suo rappresentante o con il Comitato Organizzatore. 213 Programma Gli organizzatori devono pubblicare un programma delle gare inserite nel Calendario FIS, che deve contenere le seguenti informazioni: data e orario di gara, informazioni sul luogo di svolgimento e la via migliore per arrivarci; dati tecnici di ogni singola gara e requisiti richiesti per la partecipazione; nominativi dei principali ufficiali di gara; orario e luogo per la prima riunione dei capisquadra e per il sorteggio; orari di inizio degli allenamenti ufficiali e della competizione; ubicazione del tabellone informativo ufficiale; orario e luogo della premiazione; termine ultimo per le iscrizioni e indirizzo esatto dove inviarle, incluso telefono, telefax e indirizzo Pubblicazioni Il Comitato Organizzatore deve pubblicizzare l evento attraverso un programma/opuscolo che contenga le informazioni come al punto Gli organizzatori devono sottostare alle regole e decisioni prese dalla FIS per quanto riguarda la limitazione delle iscrizioni. Un ulteriore riduzione delle iscrizioni può essere possibile nel caso previsto dall articolo 201.1; detta possibilità deve essere riportata nel programma La cancellazione o lo spostamento ad altra data di una competizione o variazioni al suo programma devono essere comunicate immediatamente per telefono, fax o alla FIS, a tutte le Federazioni invitate o iscritte, al DT designato. La FIS deve approvare l eventuale anticipazione di data di una gara. 215 Iscrizioni Per tutte le gare le iscrizioni devono essere inviate al Comitato Organizzatore prima della chiusura delle iscrizioni. La lista dei partecipanti deve essere in possesso del Comitato Organizzatore entro il termine di 24 ore prima del sorteggio Le Federazioni Nazionali non possono iscrivere lo stesso atleta a più gare programmate nello stesso giorno Le iscrizioni a gare internazionali devono essere inviate solamente dalle Federazioni Nazionali. Le iscrizioni devono specificare: codice atleta, cognome, nome, data di nascita, codice e nome della Federazione Nazionale di appartenenza; l indicazione esatta della gara e disciplina per la quale si fa l iscrizione Per le iscrizioni ai Campionati del Mondo FIS consultare il regolamento specifico per l'organizzazione dei Campionati del Mondo FIS L'iscrizione di un atleta ad una gara da parte della Federazione Nazionale costituisce un contratto esclusivo fra l atleta e l'organizzazione in base al rilascio della Licenza ed alla Dichiarazione dell Atleta. 216 Riunione dei capisquadra Il programma deve riportare il luogo e l ora della prima riunione dei capisquadra e del sorteggio. Durante la prima riunione devono essere fissate e comunicate le riunioni seguenti. Le riunioni straordinarie devono essere comunicate con sufficiente anticipo Alla riunione non è permessa la sostituzione di un rappresentante di una Federazione con quello di un altra Federazione L organizzazione provvede all accredito dei capisquadra e degli allenatori secondo le quote stabilite I capisquadra e gli allenatori devono seguire le regole del RIS ed obbedire alle prescrizioni della Giuria, e comportarsi in maniera corretta e con spirito sportivo. 11

12 217 Sorteggio L ordine di partenza di ogni gara viene stabilito secondo un proprio sistema di sorteggio e/o a seconda del punteggio dell atleta Verranno sorteggiati solo gli atleti le cui iscrizioni sono pervenute entro i termini previsti al Comitato Organizzatore Se un concorrente non è rappresentato al sorteggio dal suo caposquadra o dal suo allenatore, verrà sorteggiato solamente se la sua partecipazione alla gara verrà confermata per telefono, fax, telegramma, entro l inizio del sorteggio I concorrenti confermati e sorteggiati che non partecipano alla gara verranno segnalati dal DT sul suo rapporto, indicando se possibile le ragioni dell assenza Al sorteggio devono essere invitati tutti i rappresentanti delle Nazioni partecipanti Se la gara deve essere rinviata di almeno un giorno, il sorteggio deve essere rifatto. 218 Pubblicazione dei risultati Le classifiche, ufficiale e non, devono essere pubblicate secondo le regole di ogni singola disciplina Trasmissione dei risultati Per tutte le competizioni internazionali, deve essere approntato un canale di comunicazione diretto tra la partenza e l'arrivo. Durante le Olimpiadi Invernali, la comunicazione deve essere fornita da una linea fissa cablata. Alle gare di Coppa del Mondo, ai Campionati del Mondo FIS e alle Olimpiadi Invernali, dovrà essere messa a disposizione un accesso ad Internet ad alta velocità (almeno ADSL) Le classifiche ed i dati di ogni gara FIS sono a disposizione della FIS, della società organizzatrice, delle Federazioni Nazionali e dei concorrenti per l utilizzo e pubblicazione, comprese in pagine web. L uso dei dati e dei tempi sui siti web è soggetto alle disposizioni Internet della FIS Disposizioni della FIS concernenti Internet e scambio di dati in relazione a gare FIS Generalità Come parte integrante della promozione continua dello sci e snowboard, la FIS incoraggia e apprezza gli sforzi compiuti dalle Federazioni Nazionali per fornire messaggi e informazioni ai propri soci ed appassionati. Un vettore sempre più importante per la diffusione di informazioni è Internet. Le seguenti disposizioni sono state individuate per assistere le Federazioni Nazionali nella raccolta dati delle gare FIS, e chiarire determinate condizioni relative all'uso ed alla diffusione di tali dati Dati del calendario FIS Un programma "Calendario FIS " è stato sviluppato e reso disponibile gratuitamente per le Federazioni Nazionali ed altri. Un file contenente i dati aggiornati del calendario (Fiscal.zip) è disponibile ogni settimana sul sito ftp://ftp.fisski.ch. Dopo il download, verrà utilizzato per l'aggiornamento dei dati calendario FIS. In caso di necessità di dati possono essere importati da un software specifico predisposto per le Federazioni Nazionali. I dati non possono essere forniti a terzi per scopi commerciali Risultati e classifiche Le Federazioni Nazionali possono ottenere i risultati ufficiali una volta che questi sono stati controllati dall'a FIS. Questi dati sono disponibili su richiesta presso il manager IT della FIS che fornirà le necessarie istruzioni e/o routine. I risultati della Coppa del Mondo includono un credito ai fornitori del servizio. Le classifiche delle varie competizioni sono ugualmente disponibili in ricezione ed inserimento manuale dei dati. 1. Le classifiche ed i dati delle gare FIS possono essere utilizzate solo per i siti web delle Federazioni Nazionali, degli organizzatori e dei partecipanti e non possono essere trasmessi per fini commerciali a terzi o altre organizzazioni. Le Federazioni Nazionali possono scaricare i dati in proprie data-base per la valutazione delle prestazioni, ecc. 2. Le Federazioni Nazionali che desiderano pubblicare i risultati sul loro sito web, ma che non hanno le infrastrutture necessarie per l'elaborazione dei dati e pubblicazione, possono creare un collegamento alla pagina dedicata del sito FIS. Gli indirizzi esatti possono essere ottenuti dal manager IT della FIS. 3. Un collegamento del sito FIS con i siti delle Federazioni Nazionali, o con le industrie del settore sci o con i media appropriati verranno installati su richiesta. Un collegamento reciproco con il sito della FIS dovrebbe essere creato L'accesso ai risultati per gli organizzatori Gli organizzatori di gare di Coppa del Mondo possono ottenere risultati ufficiali della loro prova, dopo che sono state trasmesse e approvate dalla FIS. Questo processo automatico computerizzato può avvenire subito dopo la fine della gara. 12

13 Un file pdf contenente la classifica possono essere scaricati dal e ftp://ftp.fisski.ch/ seguito dal codice della disciplina e dal nome del posto: AL (Alpine), CC (Sci di fondo), JP (Salto con gli sci), NK (combinata nordica), SB (Snowboard), FS (Freestyle), ecc. Ogni gara è identificata dal codice concorso come indicato sulla pagina dettagliata del calendario su 219 Premi Disposizioni dettagliate per i premi in denaro sono pubblicati dalla FIS. I premi possono consistere in oggetti ricordo, materiale, diplomi, somme di denaro. Non è consentito assegnare premi per la realizzazione di record. Il Consiglio FIS decide in autunno il valore minimo e massimo del montepremi per la stagione. Questo circa un anno e mezzo prima della stagione agonistica. Gli organizzatori devono informare entro il 15 ottobre la FIS sull ammontare del montepremi in denaro Se due o più atleti finiscono con lo stesso tempo o ottengono lo stesso punteggio, saranno classificati alla medesima posizione. Riceveranno lo stesso premio, titolo o diploma. Non è consentito assegnare il titolo, il premio o il diploma mediante sorteggio o disputa di una nuova gara Tutte le premiazioni devono essere fatte entro l ultimo giorno di gare. 220 Personale di servizio, fornitori e rappresentanti delle ditte ll regolamento viene applicato a tutte le discipline, tenendo in considerazione i diversi regolamenti speciali Il Comitato Organizzatore di una manifestazione deve dare al DT una lista dei rappresentanti delle ditte, dei fornitori, dei tecnici e personale di servizio accreditati per la gara E vietato ai rappresentanti delle ditte, ai fornitori ed ai loro tecnici, fare pubblicità all interno dell area di gara o di indossare vestiario o usare attrezzature con marchi commerciali ben visibili non conformi a quanto stabilito nell art Gli addetti alla gara ed i fornitori accreditati ricevono un accredito ufficiale della FIS e devono assolvere ai propri compiti specifici. Gli organizzatori possono accreditare a loro cura altri rappresentanti di ditte o personalità Gli addetti alla gara, i fornitori o altre persone in possesso dell accredito FIS, o di accredito speciale rilasciato dagli Organizzatori, per l accesso alle piste o ai trampolini, possono accedervi (secondo e regole speciali di ogni disciplina) Diversi tipi di accredito Il DT, i componenti la Giuria e le persone menzionate nell articolo che esibiscono visibilmente l accredito, hanno accesso alle piste e ai trampolini Il personale di servizio delle squadre, ha l autorizzazione di accedere all area di partenza e all area di servizio in arrivo. Non possono accedere alle piste ed ai trampolini I rappresentanti delle ditte accreditate a discrezione degli organizzatori, ma che non sono in possesso di accredito FIS, non possono accedere alle piste ed alle zone di servizio riservate. 221 Esami medici e doping Le Federazioni Nazionali sono responsabili della condizione fisica dei loro atleti. Tutti gli atleti, maschi e femmine, devono sottoporsi agli esami specifici per stabilire la loro salute medica. Questa valutazione deve essere fatta nella Nazione di appartenenza dell atleta Su richiesta del comitato medico o di uno dei suoi delegati, l atleta può essere sottoposto ad esame medico prima o dopo la gara Il doping è vietato. Qualsiasi violazione alle Regole Antidoping FIS verrà punita secondo le norme del Regolamento Antidoping della FIS Il controllo Antidoping può essere effettuato in ogni competizione FIS (anche al di fuori della competizione). Le regole e le procedure sono pubblicate nell apposito regolamento Sesso dell atleta Nel caso venga sollevato un reclamo circa il sesso di un atleta, la FIS deve assumersi la responsabilità di determinarne il sesso Servizio medico da attuare dall organizzatore La salute e la sicurezza di tutte le persone coinvolte in una gara FIS (atleti, volontari, ufficiali di gara, addetti alla pista e spettatori) è considerata di primaria importanza per tutti gli organizzatori. La composizione specifica del sistema di sorveglianza sanitaria dipende da diverse variabili: - Importanza e il livello della manifestazione (Campionati del Mondo, Coppa del Mondo, Coppa Continentale, Competizione FIS, ecc) - Numero previsto di concorrenti, del personale e degli spettatori - La dimensione della responsabilità dell'organizzazione in merito alla sorveglianza 13

14 sanitaria (concorrenti, personale, spettatori) dovrebbe essere definita. Prima dell'inizio dell allenamento ufficiale o della gara, l'organizzatore / direttore medico della manifestazione deve confermare al Direttore di Gara o al Delegato Tecnico, che i mezzi di soccorso previsti sono pronti ad intervenire prima dell'inizio del allenamento ufficiale o della gara. Nel caso di un incidente, un piano di soccorso deve essere previsto ed attuato prima della ripresa degli allenamenti ufficiali o della gara. I requisiti esatti richiesti concernenti l'installazione, l equipaggiamento, il personale e l equipe medica sono elencati nei regolamenti di ogni disciplina e nel Codice Medico FIS (Guida Medica FIS contenenti norme mediche e linee guida). 222 Materiali di gara Un concorrente può partecipare ad una gara internazionale FIS solo se munito di attrezzatura conforme alle regole FIS. Un concorrente è responsabile dell attrezzatura che usa (sci, snowboard, attacchi, scarpe, tuta, ecc.) E suo dovere accertarsi che il suo equipaggiamento sia conforme alle norme FIS, alle disposizioni generali di sicurezza e che sia in perfetto stato di efficienza Il termine attrezzatura da gara include tutti gli articoli che l atleta usa durante la gara, incluso il vestiario o apparecchi tecnici. Nel suo insieme l attrezzatura da gara forma un unica unità funzionale Tutti i nuovi sviluppi nel campo delle attrezzature da gara devono essere approvati in anticipo dalla FIS. La FIS non si assume alcuna responsabilità per innovazioni tecniche approvate che, al momento del loro uso, si rilevino un pericolo non noto per la salute degli atleti o ad elevato rischio di incidente Tutti i nuovi sviluppi nel campo dell attrezzature da gara devono essere approvati dalla FIS entro il 1 maggio per la stagione successiva. Il primo anno, i nuovi sviluppi saranno approvati solo temporaneamente per la prossima stagione e dovranno essere confermati prima della stagione competitiva seguente La Commissione per l attrezzatura da gara pubblica il regolamento sui materiali dopo l'approvazione da parte del Consiglio FIS (che consiste nelle definizioni e le descrizioni dei componenti delle attrezzature consentiti). Non sono permessi aiuti innaturali o artificiali che possano modificare le prestazioni degli atleti e/o che possano costituire una variazione tecnica della prestazione fisica, così come materiali che mettano in pericolo la salute del concorrente o che possano provocare incidenti Controlli Prima e durante la stagione agonistica, o in seguito a reclamo sottoposto ai DT delle varie gare, dei controlli possono essere eseguiti dai membri della Comitato per l' attrezzatura da gara o dai Controlli di Equipaggiamento ufficiali della FIS. In caso di sospetto effettivamente fondato, le attrezzature in causa devono essere immediatamente confiscati in presenza di testimoni dai Controlli o dal DT ed inviati sigillati alla FIS, che porterà le attrezzature per un controllo finale presso un istituto riconosciuto. In caso di reclamo i costi di verifica sono a carico della parte soccombente. Nel caso in cui un Esperto Tecnico della FIS effettui i controlli in un concorso, non potrà essere richiesta una contro-perizia delle attrezzature o del materiale da un laboratorio indipendente, a meno che non possa essere dimostrato che i controlli non sono stati fatti secondo le norme In tutte le prove FIS, in cui Esperti Tecnici della FIS effettuino controlli utilizzando dispositivi di misura ufficiali FIS, i risultati del test sono validi e definitivi, indipendentemente delle misurazioni precedenti. 223 Sanzioni Condizioni Generali Si può applicare una sanzione o imporre una penalità in caso di: - violazione o non osservanza delle regole di gara - mancato rispetto delle direttive della giuria o di singoli membri della stessa, secondo l articolo comportamento antisportivo I seguenti comportamenti saranno considerati infrazione: - tentativo di commettere un infrazione - causare o facilitare altri a commettere un infrazione - consigliare altri a commettere un infrazione Per determinare se un comportamento costituisce infrazione bisogna considerare: - se il comportamento è stato intenzionale o non intenzionale, - se il comportamento è stato provocato da circostanze di emergenza Tutte le Federazioni associate alla FIS, inclusi i loro tesserati associati, dovranno accet- 14

15 tare e conoscere queste regole e le relative sanzioni; potranno usufruire del diritto di appello solo conformemente a quanto stabilito dallo statuto della FIS e dal RIS Applicabilità Persone soggette alle regole relative alle sanzioni: - tutte le persone accreditate, dalla FIS o dagli organizzatori, di una manifestazione inserita nei calendari FIS, sia all interno che all esterno del campo di gara ed in altri luoghi connessi con la gara stessa - tutte le persone non accreditate all interno del campo di gara Sanzioni Una persona che commette un infrazione può ricevere le seguenti sanzioni: - richiamo scritto o verbale - ritiro dell accredito - rifiuto dell accredito - ammenda non superiore a CHF - penalità in tempo Le Federazioni affiliate FIS sono responsabili del pagamento delle ammende e delle relative spese amministrative comminate alle persone il cui accredito è stato richiesto dalla federazione stessa Anche le persone non soggette all art sono responsabili, nei confronti FIS, per il pagamento delle ammende. In caso di mancato pagamento, verrà sospeso o negato qualsiasi tipo di accredito per gli eventi FIS per un periodo di un anno Il pagamento delle ammende deve essere effettuato entro 8 (otto) giorni dalla data di imposizione delle stesse Tutti gli atleti possono essere soggetti alle seguenti ulteriori sanzioni: - squalifica - retrocessione nell ordine di partenza - perdita dei premi a favore degli organizzatori - sospensione dell attività dalle manifestazioni FIS Un atleta sarà squalificato solamente se l infrazione commessa lo abbia avvantaggiato sul risultato finale, salvo che il regolamento preveda altri casi particolari Una giuria può infliggere le sanzioni di cui agli artt e , ma non può imporre una sanzione superiore ai CHF o sospendere un concorrente se non limitatamente all'evento FIS in cui è stata commessa l infrazione Le seguenti sanzioni possono essere comunicate verbalmente: - richiamo - ritiro dell accredito per l evento in corso a persone non accreditate da una Federazione - ritiro dell accredito per l'evento in corso a persone accreditate dalla FIS - rifiuto di accredito per l'evento in corso a persone che, sprovviste di accredito, si trovano all interno o in prossimità nel campo di gara Le seguenti sanzioni saranno comunicate per iscritto: - ammenda pecuniaria - squalifica - retrocessione nell ordine di partenza - sospensione dalla gara - ritiro dell accredito a persone accreditate da una Federazione Nazionale - ritiro dell accredito a persone accreditate dalla FIS Le sanzioni scritte devono essere comunicate al trasgressore (se non è un atleta), alla Federazione Nazionale di appartenenza ed alla FIS Ogni squalifica deve essere annotata nel verbale e/o referto del DT Tutte le sanzioni devono essere annotate nel referto del DT. 224 Norme procedurali Competenza della giuria. La Giuria è competente di imporre, a maggioranza, sanzioni secondo le regole precedentemente citate. In caso di parità, prevale il voto del presidente della giuria Nell ambito degli allenamenti e la gara, ogni membro di Giuria, con diritto di voto, è autorizzato ad effettuare richiami verbali e a ritirare gli accrediti rilasciati per la manifestazione in corso alle persone che si trovano all interno del campo di gara Infrazioni collettive Se più persone nello stesso tempo e nelle stesse circostanze commettono la stessa infrazione, la Giuria può pronunciare nei loro confronti una sanzione collettiva. La sanzione scritta dovrà includere i nomi di tutte le persone coinvolte e la penalità stabilita per ciascuno di loro. La decisione dovrà essere comunicata a tutti i trasgressori Limiti 15

16 Una persona non é punibile se la sanzione non gli viene comunicata entro 72 ore dal momento in cui è stata commessa l infrazione stessa Ogni persona testimone di un infrazione presunta deve testimoniare ad ogni richiesta della Giuria, e la Giuria deve considerare ogni testimonianza e tutte le prove La Giuria può confiscare materiali sospetti di manipolazione contro le regole sull equipaggiamento Prima dell imposizione di una sanzione (eccetto i casi di richiamo e di ritiro di accredito vedi art e 224.2), alla persona accusata dovrà essere data l opportunità di presentare una difesa, scritta o verbale Ogni decisione della Giuria dovrà essere verbalizzata per iscritto e dovrà contenere: Descrizione dell infrazione commessa La prova dell infrazione Le regole o le direttive della Giuria violate La sanzione imposta La sanzione dovrà essere proporzionata all infrazione commessa. Ogni sanzione imposta dalla Giuria deve considerare tutte le circostanze attenuanti o aggravanti Ricorsi Ad eccezione di quanto stabilito dall'art , si può ricorrere in appello contro una decisione di sanzione da parte della Giuria, secondo le procedure descritte dal RIS Se un appello non viene inoltrato seguendo le linee guida stabilite dal RIS, le sanzioni comminate dalla Giuria diventano esecutive Le seguenti decisioni della Giuria non sono soggette ad appello: Sanzioni verbali agli artt e Ammende di importo inferiore a CHF per i reati unici ed a 2'500 - CHF per ripetute violazioni (dalla stessa persona) In tutti gli altri casi, i ricorsi devono essere indirizzati alla Commissione di Appello, come da RIS La Giuria avrà il diritto di presentare al comitato di appello le proposte di sanzioni superiori a CHF e le sospensioni per altre manifestazioni (223.4) Il Consiglio FIS avrà il diritto di presentare alla Commissione d'appello i propri commenti ed osservazioni riguardo alle sanzioni scritte adottate dalla Giuria Costi dei procedimenti I costi e le spese di cassa, come le spese di viaggio (costi di procedura) devono essere determinati come per i Delegati Tecnici ed essere pagati dal trasgressore. In caso di annullamento della decisione della Giuria, i costi sono sostenuti dalla FIS Imposizione delle ammende La FIS sovrintende all applicazione di ammende ed ai costi delle spese di procedura. I costi di esecuzione sono considerati costi di procedura Ogni multa non pagata è considerata debito della Federazione Nazionale di cui è membro il trasgressore, ed è considerata in tutti i casi come passività della federazione Fondo Beneficiario Le ammende sono versate nel fondo per i giovani della FIS Queste regole non sono applicabili in caso di violazione delle regole riguardanti il doping. 225 Commissione di appello Nomine Il Consiglio FIS nomina, fra i membri del Sub-Comitato delle Regole della disciplina in questione (o dalla Commissione Disciplinare se non ci sono Sub-Comitati delle Regole), un Presidente e Vice Presidente della Commissione d'appello. Il Vice Presidente presiede in caso di assenza, di indisponibilità, di incompatibilità per opinioni preconcette o pregiudizi del Presidente Per ogni caso di appello, il Presidente nomina 3 membri della Commissione di Appello (compreso se stesso, se lo desidera), scelti nei Sub-Comitato delle Regole della disciplina (o della Commissione Disciplinare o se non ci sono Sub-Comitato delle Regole), le decisioni vengono prese a maggioranza semplice. Nell'esercizio della funzione i membri della Commissione di Appello sono indipendenti del Consiglio FIS Per evitare ogni condizionamento o pregiudizio, reale o apparente, i membri della Commissione di Appello non dovranno appartenere alla Federazione Nazionale del trasgressore. Ogni membro della Commissione di Appello devono riferire volontariamente al Presidente ogni condizionamento o pregiudizio a favore o contro il trasgressore. Chiunque abbia opinioni preconcette o pregiudizi saranno escluse dalla Commissione di Appello dal Presidente o dal Vice Presidente nel caso di indisponibilità del Presidente Responsabilità La Commissione d'appello si riunirà soltanto per appelli dei trasgressori o del Consiglio 16

17 FIS riguardo a decisioni delle Giurie di gara, con proposte di sanzioni superiori a quelle previste dalle relative regole Procedure La Commissione di Appello deve concludere il ricorso entro 72 ore dal ricevimento dell appello da parte del Presidente, a meno che tutte le parti coinvolte concordino per iscritto per concedere una proroga dell udienza Tutti gli appelli e i relativi responsi devono essere comunicati per iscritto, includendo tutte le prove e testimonianze che le parti intendono dare a supporto o contro l appello La Commissione di Appello deciderà dove verrà effettuato l appello ed in che forma. I membri della Commissione di Appello sono tenuti alla riservatezza fino a quando la decisione è presa e comunicata. Nel corso delle deliberazioni, si consultano soltanto gli altri membri della commissione. Il Presidente della Commissione d'appello può chiedere prove supplementari a qualsiasi delle parti, a condizione che questo non richieda risorse sproporzionate La Commissione di Appello deciderà i costi dell appello secondo l art Le decisioni della Commissione di Appello saranno comunicate verbalmente al termine dell'udienza. La decisione e la relative motivazioni, sarà inviata per iscritto alla FIS che le trasmetterà alle parti interessate, alle Federazioni Nazionali ed ai membri della Giuria la cui decisione è stata impugnata. Inoltre, la decisione in forma scritta sarà disponibile presso gli uffici della FIS Ulteriori appelli Contro le decisioni della Commissione d'appello si può presentare ricorso al Tribunale della FIS secondo le disposizioni degli artt. 52; 52.1 e 52.2 dello Statuto I ricorsi al Tribunale della FIS dovranno essere presentati per iscritto al Segretario Generale della FIS in base ai tempi previsti agli artt. 52: 52.1 e 52.2 dello Statuto a partire dalla data di pubblicazione della decisione della Commissione di Appello Un appello alla Commissione di Appello o al Tribunale della FIS non sospenderà o ritarderà l'esecuzione di una sanzione presa dalla Giuria di gara o dalla Commissione di Appello. 226 Mancato rispetto delle sanzioni In caso di mancato rispetto delle sanzioni previste dal RIS art. 223 o del regolamento antidoping FIS, il Consiglio può imporre sanzioni supplementari che ritenesse appropriate. In questo caso, una o l'insieme delle seguenti sanzioni sono applicabili: Le sanzioni contro le persone implicate: - ammonizione scritta; - multa non superiore a 100'000 - CHF; - sospensione delle gare con applicazione di sanzione peggiorativa nella scala delle sanzioni (per esempio se una sospensione di tre mesi è stata decisa per doping, il mancato rispetto della sospensione comporterà una sospensione di due anni. In caso di sospensione di due anni per doping, il mancato rispetto della sospensione comporterà la squalifica a vita); - revoca dell'accreditamento delle persone coinvolte Sanzioni contro una Federazione Nazionale di Sci: - revoca dei finanziamenti e contributi provenienti dalla FIS alla Federazione Nazionale; - annullamento futuri eventi FIS nel paese in questione; - ritiro di uno o di tutti i diritti di membro della FIS, incluso il diritto di partecipare a tutti gli eventi del calendario FIS, il diritto di voto al Congresso FIS e il diritto di appartenenza ai Comitati FIS. 17

18 2^ Parte 300 Gare di fondo Tutte le gare della FIS seguono le seguenti regole e direttive: RIS 1* Parte (art. 200 e seguenti) e 2 Parte (art. 300 e seguenti), regolamento di coppa del mondo, regolamento e direttive per i punti FIS, oltre alle direttive che sono approvate ogni anno dal Comitato Sci di Fondo della FIS. A. Organizzazione 301 Comitato Organizzatore (CO) Per ogni gara internazionale deve essere costituito un Comitato Organizzatore. Lo stesso deve essere formato da membri designati dalle Federazioni Nazionali di Sci e dall Organizzatore. Il Comitato Organizzatore amministra diritti, doveri e obblighi dell organizzazione (vedi art. 210). 302 I funzionari di gara Nomina dei funzionari di gara La FIS designa i seguenti funzionari: - per i Gioghi Olimpici Invernali ed i Campionati del Mondo: il Delegato Tecnico (DT), l Assistente DT, i membri della Giuria ed il Direttore di Gara FIS. - per la Coppa del Mondo ed i Campionati del Mondo Juniores : il DT, l Assistente DT ed il Direttore di Gara FIS. - per la Coppa Continentale ed alle gare FIS: il DT, Le Federazioni Nazionali designano i seguenti funzionari: - per la Coppa del Mondo, i Campionati del Mondo Juniores, la Coppa Continentale ed alle gare FIS: l Assistente DT Nazionale, Il Comitato Organizzatore designa i seguenti membri: Il Comitato Organizzatore designa tutti gli altri membri. Il Presidente, od il suo assistente, rappresenta pubblicamente il CO e dirige le riunioni. Il Presidente collabora strettamente con la FIS prima e dopo la manifestazione (vedi art. 210). Il CO designa l Direttore di Gara che deve avere l esperienza necessaria per organizzare e sorvegliare tutti gli aspetti tecnici della gara. I funzionari del Comitato Organizzatore sono degli specialisti qualificati per gli aspetti loro affidati. Ogni funzionario deve essere incaricato di una sola funzione. I funzionari devono essere facilmente riconosciuti per la loro specifica divisa, fascia di riconoscimento o cartellino Per Gioghi Olimpici Invernali, i Campionati del Mondo ed i Campionati del Mondo Juniores il Direttore di Gara deve possedere una licenza di DT FIS valida Il DT deve essere costantemente informato dal CO sull evoluzione della preparazione, e sugli eventuali cambiamenti I funzionari di gara nominati dal Direttore di Gara: I funzionari di gara sono: - segretario di gara - direttore di pista - direttore del servizio di cronometraggio e trattamento dei dati - direttore dello stadio - il direttore dei controlli e del servizio di sicurezza. Il Direttore di Gara può nominare ulteriori funzionari secondo le necessità I funzionari di gara ed i loro doveri: Direttore di Gara - è responsabile di tutti gli aspetti della competizione - informa regolarmente il DT sui lavori di preparazione e sugli eventuali cambiamenti - deve accettarsi che tutti i funzionari responsabili dell organizzazione possiedano l esperienza necessaria per garantire lo svolgimento della competizione conformemente alle regole del RIS - sorveglia e controlla il lavoro dei funzionari di gara - presiede le riunioni dei capisquadra, è membro della Giuria e rappresenta il CO per i rapporti con il DT - è responsabile delle funzioni dei controlli e degli aspetti di sicurezza della gara - predispone delle condizioni di lavoro ottimali per le trasmissioni televisive e per i media Segretario di Gara - dipende direttamente dal Direttore di Gara - è responsabile di tutti i lavori di segreteria concernenti gli aspetti tecnici della gara - prepara tutti i moduli per la partenza, cronometraggio, i calcoli, il sorteggio e i 18

19 controlli - controlla che le iscrizioni siano corrette e che il codice FIS sia valido - controlla i punti FIS e le quote in caso di partenza limitata - organizza la riunione dei capisquadra - prepara e distribuisce l ordine di partenza - prepara e distribuisce le informazioni sulla gara (inviti, informazioni alle squadre e documentazione di tutta la competizione) - verbalizza e distribuisce i verbali (relazioni) delle riunioni dei capisquadra e della Giuria, dopo l approvazione del DT - si impegna per la pubblicazione, nel più breve tempo possibile, dei risultati ufficiosi nonché della distribuzione delle classifiche ufficiali, complete di eventuali squalifiche - deve sottoporre immediatamente alla Giuria eventuali reclami Direttore di Pista - dipende direttamente dal Direttore di Gara - deve conoscere i requisiti richiesti per l'omologazione della pista - deve conoscere ed usare le varie attrezzature, in base alle condizioni della neve, per la preparazione della pista ed ottenere una traccia ottimale - deve essere in grado di preparare le tracce secondo la linea ideale e, se necessario, rimuoverle o modificarle nelle curve e nelle discese - è responsabile della preparazione dell area di prova degli sci, della pista di riscaldamento, della segnaletica e protezione della pista, della misurazione della temperatura, delle strutture per il servizio medico, dei ristori e dei traguardi intermedi - dispone di gruppi di addetti per la preparazione e per apripista per garantire le migliori condizioni della pista - deve inviare almeno due chiudi pista o un mezzo lungo il tracciato dopo l ultimo concorrente Direttore del Servizio di Cronometraggio e Trattamento dei Dati - dipende direttamente dal Direttore di Gara - è responsabile della direzione e coordinamento degli addetti che lavorano per il cronometraggio - supervisiona il cronometraggio manuale, quello elettronico, quello dei traguardi intermedi ed il lavoro di calcolo ufficiale degli addetti - coordina la posizione di rilievo dei tempi intermedi con i produttori televisivi - coordina il lavoro dello starter, del giudice di arrivo e del controllo di arrivo in collaborazione con il Direttore dello Stadio - supervisiona il servizio di elaborazione dei dati e fornisce le informazioni ai media Direttore dello Stadio - dipende direttamente dal Direttore di Gara - è responsabile di tutte le attività che si svolgono nello stadio, incluso l'accesso degli atleti in partenza, la punzonatura, il controllo della pubblicità, il controllo della punzonatura all arrivo, i movimenti all'interno dello stadio, il supporto agli addetti al controllo anti-doping - provvede alle delimitazioni, protezioni e segnaletica, oltre alle indicazioni nella zona dello stadio - coordina il posizionamento della linea di partenza e di arrivo con il Direttore del Cronometraggio - coordina la preparazione del tracciato nello stadio in collaborazione con il Direttore di Pista - coordina in collaborazione con il Direttore dei Controlli e della Sicurezza l accesso allo stadio ed il controllo dei concorrenti, capisquadra, allenatori, personale di servizio rappresentanti dei media - prepara della zone neutre (miste) nella zona di arrivo (in riferimento al Manuale di Omologazione FIS per il fondo) Direttore dei Controlli e del Servizio di Sicurezza - dipende direttamente dal Direttore di Gara - coordina la propria attività con il Direttore dello Stadio e il Direttore di Pista - decide con il Direttore di Gara e il DT dove posizionare i controllori - informa i controlli dei loro doveri, in particolare cicca gli articoli 314, 340 e fornisce ai controlli i moduli per annotare i passaggi, le infrazioni, ed altro materiale che ossa essere necessario ed assegna loro i punti dove posizionarsi in pista - dopo la gara ritira tutti i moduli di controllo e tutte le informazioni pertinenti ed informa la Giuria su qualsiasi incidente - per i Gioghi Olimpici Invernali, Campionati del Mondo, Coppa del Mondo e Campionati del Mondo Juniores è responsabile della sicurezza, dell accesso lungo 19

20 la pista, nell area di riscaldamento e nello stadio - sono necessari due controlli per ogni postazione. Il loro numero e la loro posizione non viene comunicata ai concorrenti, capisquadra, allenatori ed agli altri funzionari. I controlli annotano qualsiasi violazione ed il passaggio dei concorrenti. Si possono usare delle apparecchiature video per la registrazione. Dopo il concorso, devono informare il capo dei controlli e la sicurezza di ogni violazione delle regole e devono essere disposto a testimoniare davanti alla Giuria Altri funzionari di gara Il Responsabile per le informazioni ai media - è responsabile, in collaborazione con tutti i direttori sopra nominati, di fornire le migliori condizioni di lavoro ai media, ai fornitori di attrezzature ed ai funzionari presenti nell area riservata ai media e la zona neutra (mista). Questo include le varie disposizioni, la posizione, di fotografi, dei giornalisti e dei commentatori nelle zone miste. Devono essere predisposte delle sale per conferenze stampa ed altre infrastrutture a disposizione dei media - è responsabile del corretto flusso di informazioni rilasciate alla stampa, alla radio ed alla televisione nonché del corretto funzionamento degli altoparlanti nella zona dello stadio Il Responsabile del Servizio Medico - è responsabile delle misure di assistenza medica, del primo soccorso e del trasporto rapido dei pazienti al centro medico più vicino e più adeguato - è responsabile per l allestimento di strutture/ambulatori per esami medici e medicazioni I servizi di primo soccorso ed assistenza medica devono essere operativi già durante l'allenamento. I requisiti dettagliati per il servizio medico sono descritti nel capitolo 1 della Guida FIS medica: norme e raccomandazioni. 303 La Giuria ed i suoi doveri Membri della Giuria Per i Giochi Olimpici Invernali e i Campionati del Mondo la Giuria è composta dai seguenti membri: - il DT che è il presidente della Giuria - l assistente DT - il Direttore di Gara - due membri stranieri nominati dalla FIS. Essi sono nominati dal Consiglio FIS sulla proposta della Commissione per lo Sci di Fondo Per la Coppa del Mondo ed i Campionati del Mondo Juniores la Giuria è composta dai seguenti membri: - il DT che è il presidente della Giuria - l assistente DT (nominato dalla FIS) - il Direttore di Gara - l assistente DT nazionale (designato dalla Federazione Nazionale del paese ospitante in cooperazione con il coordinatore regionale dei DT) Per la Coppa Continentale e per le gare FIS la Giuria è composta dai seguenti membri: - il DT che è il presidente della Giuria - l assistente DT nazionale (designato dalla Federazione Nazionale del paese ospitante) Doveri della Giuria La Giuria deve accertarsi che la gara venga organizzata e si svolga secondo le disposizioni della FIS. Questa responsabilità ha inizio dalla nomina della Giuria e termina quando tutte le proteste sono state evase. La prima riunione di Giuria deve tenersi antecedentemente al primo allenamento ufficiale La giuria deve chiarire e decidere - se una gara deve essere rinviata, sospesa o annullata. Se la temperatura è inferiore a -20 C misurata nel punto più freddo in pista, la Giuria deve rinviare o annullare la gara. In condizioni meteorologiche avverse (es. forte vento, alta umidità dell aria, forti nevicate od elevate temperature), la Giuria può, dopo aver sentito il parere dei capi squadra e del medico responsabile rinviare o annullare la gara - se il ritardo di un concorrente alla partenza è dovuto a cause di forza maggiore - se delle iscrizioni in ritardo o delle sostituzioni possono essere accettate - se i reclami possono essere accolti e se sono da comunicare delle squalifiche o sanzioni 20

REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO

REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A S P O R T I N V E R N A L I REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO EDIZIONE 2012 IMPORTANTE!!! Caratteri in nero Caratteri in rosso valido FIS e FISI valido solo

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento Direttori di Gara Alpi Centrali

Corso di formazione e aggiornamento Direttori di Gara Alpi Centrali Corso di formazione e aggiornamento Regolamenti - nozioni di base A.#Rosa# I principali regolamenti 1. Il principale documento normativo per lo sci di fondo è l ICR, la cui versione italiana prende il

Dettagli

14:00 Apertura Centro di Informazioni Tecniche (TIC) - Campo Zauli

14:00 Apertura Centro di Informazioni Tecniche (TIC) - Campo Zauli EMACNS Grosseto 2015 Informazioni tecniche (aggiornate all 8 maggio 2015) PROGRAMMA Giovedì 14 maggio 2015 - Grosseto 14:00 Apertura Centro di Informazioni Tecniche (TIC) - Campo Zauli 14:00 Apertura conferme

Dettagli

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri

Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012. Federazione Italiana Vela. Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Delibera n 18 del C.F. 429 del 23/02/2012 Federazione Italiana Vela Regolamento per gli Equipaggi Azzurri Titolo I Campo di applicazione Art.1 Finalità 1. Il Regolamento è destinato : a) ad assicurare

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O 1. L A.S.D. Trofeo TOPOLINO Sci indice ed organizza, con l'approvazione della F.I.S.I. e del Comitato Trentino FISI, una gara valida quale Selezione Nazionale per il 54 Trofeo Topolino

Dettagli

1. RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON I MEDIA

1. RESPONSABILE DEI RAPPORTI CON I MEDIA REGOLAMENTO MEDIA Il presente Regolamento Media viene stipulato in accordo con l USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) a partire dalla stagione 2010-2011. Esso regolamenta i rapporti fra le società aderenti

Dettagli

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE

-SERIE A- 3)COMPOSIZIONE SQUADRE -SERIE A- La Federazione Italiana Biliardo Sportivo, Sezione Stecca, organizza il 8 Campionato Italiano a squadre Serie A che si svolgerà sui biliardi internazionali con biglie da 63.2. 1)Tutte le società

Dettagli

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI IN TEMA DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE SQUADRE NAZIONALI PREMESSA Il presente Regolamento integra le disposizioni del Regolamento Federale sul Team Italia e si applica ad atleti e tecnici

Dettagli

(ALPINO, NORDICO, SNOWBOARD) RELATIVI AGGIORNAMENTI E SPECIALIZZAZIONE TELEMARK

(ALPINO, NORDICO, SNOWBOARD) RELATIVI AGGIORNAMENTI E SPECIALIZZAZIONE TELEMARK MANUALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE ATTITUDINALI PRATICHE, DEI CORSI E DELLE SESSIONI D ESAMI PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI MAESTRO DI SCI (ALPINO, NORDICO, SNOWBOARD) RELATIVI

Dettagli

LA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

LA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO LA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Il seguente documento ha lo scopo di informare gli atleti convocati nelle squadre nazionali per un corretto comportamento in ogni luogo ed in qualsiasi momento rappresenti

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI.

REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI. REGOLAMENTO RAPPRESENTATIVE NAZIONALI ATLETI AZZURRI, ATLETI D INTERESSE NAZIONALE, DIRIGENTI, ALLENATORI, TECNICI, MEDICI FEDERALI, ACCOMPAGNATORI. 1 Articolo 1 - Definizione di atleta "Azzurro" e d interesse

Dettagli

Italian Freestyle Contest 015

Italian Freestyle Contest 015 Italian Freestyle Contest 015 TAPPA DI CAMPIONATO ITALIANO CKI DISCIPLINA FREESTYLE VALEVOLE PER L'ASSEGNAZIONE DEL TITOLO DI CAMPIONE NAZIONALE Bando di Regata Provvisorio 1 CIRCOLO ORGANIZZATORE: ASSOCIAZIONE

Dettagli

GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI

GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI REGOLAMENTO Il Cicloclub Fiano Romano asd organizza, domenica 13 settembre, la 2 edizione della Granfondo Valle del Tevere città

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI F.I.Te.T. - Comitato Regionale Lazio REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI 2013-2014 Sommario PREMESSA...3 Art. 1 QUAL. REGIONALE CAMP. ITALIANI GIOVANILI, 2^ e 3^CAT...3 Art. 2 TORNEI REGIONALI...4

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO NON UDENTI SCI ALPINO- SLALOM GIGANTE

CAMPIONATO ITALIANO NON UDENTI SCI ALPINO- SLALOM GIGANTE ... SÜDTIROLER GEHÖRLOSEN SPORTGRUPPE Amateursportverein GRUPPO SPORTIVO SORDI ALTOATESINI Associazione sportiva dilettantistica E-mail: sgsg@dnet.it www.deafsport-suedtirol.org CAMPIONATO ITALIANO NON

Dettagli

c) oppure in possesso della Run Card (inviando copia del certificato medico specifico per l atletica leggera.)

c) oppure in possesso della Run Card (inviando copia del certificato medico specifico per l atletica leggera.) Maratona Città di Palermo 15 Novembre 2015 Alla manifestazione possono partecipare: a) tutti gli atleti italiani tesserati Fidal per la stagione 2015 nati nel 1995 e anni precedenti, regolarmente tesserati

Dettagli

ACI SPORT CAHIER DES CHARGES 2006

ACI SPORT CAHIER DES CHARGES 2006 > ACI SPORT Campionato Italiano Rally 2006 Trofeo Rallies Asfalto 2006 Trofeo Rallies Terra 2006 CAHIER DES CHARGES 2006 Media Service - Norme per l'accredito- Servizi per la stampa - Press Kit - Dotazioni

Dettagli

REGOLAMENTO GOLIARDICA RUN FUN 2016

REGOLAMENTO GOLIARDICA RUN FUN 2016 REGOLAMENTO GOLIARDICA RUN FUN 2016 La Associazione Sportiva Dilettantistica GPDM di lecce, affiliata FIDAL, organizza la 1ª goliardica Run fun, manifestazione podistica non classificabile e non competitiva.

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Regolamento Master Circuito Tricolore 2016

Regolamento Master Circuito Tricolore 2016 Regolamento Master Circuito Tricolore 2016 Premessa: Il presente regolamento definisce il coordinamento tra gli organizzatori ed i partecipanti delle manifestazioni ciclistiche aderenti al Master Circuito

Dettagli

Piano Battaglia Strong Run 2015

Piano Battaglia Strong Run 2015 Piano Battaglia Strong Run 2015 L A.S.D. Universitas Palermo e l ASD Polisportiva Europa Junior, organizzano la 1^ Piano Battaglia Strong Run 2015, manifestazione podistica (tra polvere, arrampicate, schiuma,

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI La Federazione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Provincia di Trento in collaborazione con l Unione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Vallagarina, organizza

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale n 1 del 03/09/2015 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

Campionato di Calcio a 5

Campionato di Calcio a 5 Campionato di Calcio a 5 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale n 1 del 04/08/2014 U.I.S.P. - Lega Calcio Via Catenaia, 12-52100 Arezzo Tel. 0575/27095 - Fax 0575/28157 Sito Lega Calcio: www.calciouisparezzo.it

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 ART. 1 - FORMULA DEL CAMPIONATO Calcio a 5 Il campionato prevede gironi all italiana di Serie A2 composti da un massimo di

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE EUROP ASSISTANCE RELAY MARATHON

REGOLAMENTO UFFICIALE EUROP ASSISTANCE RELAY MARATHON REGOLAMENTO UFFICIALE EUROP ASSISTANCE RELAY MARATHON La Europ Assistance Relay Marathon è una CORSA NON COMPETITIVA A SQUADRE DI 4 COMPONENTI aperta a tutte le persone con età di almeno 16 anni compiuti

Dettagli

Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale

Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale (edizione novembre 2013) 1 Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Sport Invernali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

Condizioni generali. A - In generale

Condizioni generali. A - In generale Condizioni generali A - In generale B - Condizioni di partecipazione C - Veicoli per il corso D - Assicurazione del veicolo E - Esclusione dalla formazione F - Abbigliamento G - Annullamento o cambiamento

Dettagli

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI

DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI DISPOSIZIONI SQUADRE NAZIONALI TITOLO I - Campo di applicazione - Art. 1 Soggetti 1. Le presenti disposizioni si applicano: a) agli atleti selezionati a rappresentare le Squadre Nazionali dal settore tecnico

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015

La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015 La Cronoscalata...inMTB Regolamento Edizione 2015 2 Edizione: 5 settembre 2015 1. Diritto di partecipazione: Vi possono partecipare tutti i ciclisti di ambo i sessi in regola con il tesseramento per l

Dettagli

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento

Per completa ed incondizionata accettazione delle norme del Presente Regolamento REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA IL RAPPORTO TRA LE SOCIETA CALCISTICHE E GLI ORGANI DI INFORMAZIONE IN OCCASIONE DELLE GARE ORGANIZZATE DALLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A NELLE STAGIONI SPORTIVE 2012/2013-2013/2014-2014/2015

Dettagli

CORSO DI QUALIFICA di II livello di qualificazione europeo PER

CORSO DI QUALIFICA di II livello di qualificazione europeo PER L agenzia formativa Ascom Servizi Srl di Pistoia accreditamento regionale n PT0210,organizza, in virtù del riconoscimento concesso, ai sensi della L.R. N.32/02 art. 17 comma 1) lettera b), dalla Provincia

Dettagli

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio

COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio COMUNE DI PALAU Provincia di Olbia-Tempio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE STRUTTURE SPORTIVE DEL COMUNE approvato dal Consiglio Comunale in seduta del 03/06/2004 con deliberazione n.13 integrazione

Dettagli

I e II Ciclo di Istruzione (Scuole secondarie di I e II grado)

I e II Ciclo di Istruzione (Scuole secondarie di I e II grado) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Finali Nazionali dei Campionati Studenteschi di SCI ALPINO SCI NORDICO I e II Ciclo di Istruzione (Scuole

Dettagli

REGOLAMENTO PER SPONSORIZZAZIONI E PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER SPONSORIZZAZIONI E PUBBLICITA REGOLAMENTO PER SPONSORIZZAZIONI E PUBBLICITA ART.1 - A norma dell art.135 punto 1 (Regolamento Generale F.E.I.) e dell ordinamento sportivo C.O.N.I., nessun Cavaliere tesserato F.I.S.E. può concludere

Dettagli

PRIMA SEZIONE BANDI DI CONCORSO

PRIMA SEZIONE BANDI DI CONCORSO Anno XLII - N. 8 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte IV 23.02.2011 - pag. 4 PRIMA SEZIONE BANDI DI CONCORSO REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E SPORT SETTORE SPORT

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO Stagione 2015

REGOLAMENTO INTERNO Stagione 2015 PREMESSA a.s.d. ALA Atletica Leggera Abbiategrasso è affiliata FIDAL (Federazione Italiana Di Atletica Leggera) dal 1982 e affiliata FIASP (Federazione Italiana Amatori Sport Per tutti) dal 2010. L anno

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

organizzano la 1 - REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

organizzano la 1 - REQUISITI DI PARTECIPAZIONE FONDAZIONE TELETHON A.S.D. NAPOLI SPORT EVENTS organizzano la WALK OF LIFE Napoli, domenica 19 aprile 2015 Gara competitiva e passeggiata non competitiva Ritrovo entro le ore 8:30 - Partenza ore 9:30 Piazza

Dettagli

Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero

Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero Appendice 1 al Regolamento Master Regolamento del Campionato Italiano Master in tipo libero Art. 1 Istituzione del Campionato Italiano Master E istituito il Campionato Italiano Master in Tipo Libero da

Dettagli

CONTRATTO DELL'EVENTO

CONTRATTO DELL'EVENTO CONTRATTO DELL'EVENTO relativo all organizzazione del.. tra FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO (d'ora in avanti "FIC") e.. (d'ora in avanti ".") e LA CITTÀ DI [CITTÀ], (d'ora in avanti "CITTÀ") PREMESSO

Dettagli

9 a TREVISO MARATHON 4 MARZO 2012

9 a TREVISO MARATHON 4 MARZO 2012 9 a TREVISO MARATHON 4 MARZO 2012 REGOLAMENTO UFFICIALE La 9 a edizione della Treviso Marathon, maratona internazionale sulla distanza di km 42,195, si disputerà domenica 4 marzo 2012, con partenza da

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

1 Campionato Lega A HAPPINESS

1 Campionato Lega A HAPPINESS 1 Campionato Lega A HAPPINESS 2012-2013 Regolamento Il Centro sportivo HAPPINESS organizza una manifestazione a carattere amatoriale che si svolgerà a Nardò ( Le) in Via Penta 1 Campionato Lega A Calcio

Dettagli

Oggetto: Richiesta organizzazione gare circuito nazionale Master stagione agonistica 2015-2016

Oggetto: Richiesta organizzazione gare circuito nazionale Master stagione agonistica 2015-2016 Milano (MI), 23/03/2015 Comunicato n 1 2015 Oggetto: Richiesta organizzazione gare circuito nazionale Master stagione agonistica 2015-2016 Si comunica che il Consiglio Direttivo dell Associazione Italiana

Dettagli

Regolamento Super Show 2015

Regolamento Super Show 2015 Regolamento Super Show 2015 Art. 1. Chi può partecipare: Sono ammessi all iscrizione della Super Show 2015 i piloti in possesso di licenza agonistica valida per l anno 2015 rilasciata dall'organizzatore

Dettagli

(L età minima e l età massima dovranno essere compiute

(L età minima e l età massima dovranno essere compiute RIETI HIP HOP EVOLUTION & Contest Free Style 26 APRILE 2015 Terza edizione Il Concorso Rieti Hip Hop Evolution 2015 si articolerà in un unica fase: FINALE Al concorso possono accedere giovani danzatori

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi

Regolamento per uso e gestione impianti sportivi COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi -Via Napoli C.A.P. 72020 Regolamento per uso e gestione impianti sportivi Approvato con delibera di C.C. n. 45 del 29/09/2003 e modificato con delibera

Dettagli

TAVOLA DEI CONTENUTI. REGOLE DI SCI DI FONDO IPC pag. 2

TAVOLA DEI CONTENUTI. REGOLE DI SCI DI FONDO IPC pag. 2 REGOLAMENTO I.P.C. SCI NORDICO - SCI DI FONDO E BIATHLON - DICEMBRE 2002 LE REGOLE DI SCI NORDICO DELL IPC SI APPLICANO A TUTTE LE GARE DI SCI DI FONDO E BIATHLON SANCITE DALL IPC. QUESTE REGOLE SONO STATE

Dettagli

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS)

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) Prefazione La Commissione Italiana Karting viene istituita dall ENDAS e diretta dal Responsabile Politico Dr. Elio Dalto dal Responsabile Tecnico

Dettagli

1 VESPA RALLY CITTA DI PONTEDERA REGOLAMENTO GENERALE

1 VESPA RALLY CITTA DI PONTEDERA REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATO DI VESPA RALLY 2014 1 VESPA RALLY CITTA DI PONTEDERA REGOLAMENTO GENERALE Questo Campionato di regolarità VESPA consiste in vari eventi turistici organizzati dal Vespa Club Pontedera (VCP) sotto

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

La 10 km del Parco Nord

La 10 km del Parco Nord Sport Club Atletica Libertas Sesto Associazione Sportiva Dilettantistica Sede Legale: Via B. Oriani, 59-20099 Sesto San Giovanni (MI) Tel: 02 2421136 Fax: 02 87385031 - E-mail: libertassesto@fastwebnet.it

Dettagli

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 RPN 3 RINUNCE ED AMMISSIONI In caso di mancata iscrizione ad un Campionato di una Società avente diritto di partecipazione

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

ACI CSAI - ACI SPORT CAHIER DES CHARGES 2009

ACI CSAI - ACI SPORT CAHIER DES CHARGES 2009 > ACI CSAI - ACI SPORT CAHIER DES CHARGES 2009 Campionato Italiano Rally 2009 Trofeo Rallies Asfalto 2009 Trofeo Rallies Terra 2009 Finali Coppa Italia 2009 Media Service - Norme per l'accredito- Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO XIV MEZZA MARATONA DI CREMONA 18 OTTOBRE 2015 -

REGOLAMENTO XIV MEZZA MARATONA DI CREMONA 18 OTTOBRE 2015 - REGOLAMENTO XIV MEZZA MARATONA DI CREMONA 18 OTTOBRE 2015 - Data: domenica 18 ottobre 2015 Partenza CREMONA - VIA XX SETTEMBRE ORE 09.30 Arrivo CREMONA - PIAZZA DEL COMUNE Distanza 21,097 chilometri (misurato

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMANRUN 2015

REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMANRUN 2015 REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMANRUN 2015 La Società Sportiva Dilettantistica Rcs Active Team a.r.l., affiliata ad OPES - ORGANIZZAZIONE PER L'EDUCAZIONE ALLO SPORT (Ente di Promozione Sportiva

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF GARE NAZIONALI 54/54 CONDIZIONI DI GARA SPECIFICHE 1. REGOLE E CONDIZIONI Vedere le Condizioni di Gara Generali da pagina 77 a pagina 80. Gare valide per l Ordine di merito 2. FORMULA Categoria maschile:

Dettagli

Oggetto del Bando. Requisiti di partecipazione. Termini e Modalità di partecipazione

Oggetto del Bando. Requisiti di partecipazione. Termini e Modalità di partecipazione BANDO ASSEGNAZIONE CAMPIONATI ITALIANI PATTINAGGIO ARTISTICO 2015 DIVISIONE NAZIONALE A/B/C/D SPECIALITA LIBERO SOLO DANCE DIVISIONE NAZIONALE Oggetto del Bando In esecuzione della Deliberazione Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE QUIZ ON THE ROAD

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE QUIZ ON THE ROAD REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE QUIZ ON THE ROAD Quiz on the Road è una gara a premi, non agonistica, organizzata come una caccia al tesoro da svolgere in automobile. La competizione prevede l utilizzo di uno

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI E JUNIORES (Valido per la Classifica Agonistica Nazionale)

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI E JUNIORES (Valido per la Classifica Agonistica Nazionale) C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e l Idroscalo Club A.S.D. e il C.U.S. Milano A.S.D., quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con il

Dettagli

STOCK CAR CROSS REGOLAMENTO SPORTIVO 2012 2013 2014 CON EVENTUALI POSTILLE OBBLIGATORIE DURANTE IL CAMPIONATO

STOCK CAR CROSS REGOLAMENTO SPORTIVO 2012 2013 2014 CON EVENTUALI POSTILLE OBBLIGATORIE DURANTE IL CAMPIONATO STOCK CAR CROSS REGOLAMENTO SPORTIVO 2012 2013 2014 CON EVENTUALI POSTILLE OBBLIGATORIE DURANTE IL CAMPIONATO Art. 1 Per Stock Car cross s intende: manifestazioni automobilistiche su circuiti permanenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI

REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI REGOLAMENTO PER USO E GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CRITERI GENERALI PER USO IMPIANTI SPORTIVI TITOLO III CRITERI GENERALI PER GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI TITOLO IV

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO

AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO Art. 1 Denominazione L'Automobile Club Trento, di seguito denominato Comitato Organizzatore (in forma abbreviata C.0.), con sede

Dettagli

Programma Sportivo FIBiS

Programma Sportivo FIBiS Programma Sportivo FIBiS FEDERAZIONE ITALIANA BILIARDO SPORTIVO Stagione agonistica 2014-2015 Specialità POOL SOMMARIO Sommario... 2 1 Regole Generali... 4 2 Regole sportive... 4 3 Attività agonistiche

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA DAMA REGOLAMENTO GARE

FEDERAZIONE ITALIANA DAMA REGOLAMENTO GARE FEDERAZIONE ITALIANA DAMA REGOLAMENTO GARE INDICE Art. 1 - Definizione Art. 2 - Patrocinio Art. 3 - Tipologia e Classificazione Art. 4 - Autorizzazione Art. 5 - Domanda Art. 6 - Programma Art. 7 - Termini

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF

FEDERAZIONE ITALIANA GOLF CONDIZIONI DI GARA GENERALI Campionati Nazionali ed Internazionali indetti dalla FIG 1. REGOLE E CONDIZIONI Si gioca secondo: i) le Regole del Golf approvate dal R&A Rules Limited (edizione 2012-2015),

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

Il cronometraggio sarà sia di tipo automatico con piastre e manuale.

Il cronometraggio sarà sia di tipo automatico con piastre e manuale. 19 TROFEO CITTA DI CREMA 20-21 - 22 Giugno 2014 VASCA RISCALDATA DA 50m A 8 CORSIE SCOPERTA INIZIO MANIFESTAZIONE VENERDÌ ORE 18.45 C/O CENTRO NATATORIO COMUNALE VIA INDIPENDENZA 97/A 26013 CREMA (CR)

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21

REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 REGOLAMENTO GC CUP 5 UNDER 21 ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto segue all interno di questo

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO STAGIONE SPORTIVA 2013-2013 REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO Premessa Tutte la iniziative del Settore Propaganda e Scuole Nuoto Federali si rivolgono agli allievi non agonisti, di tutte

Dettagli

Ritrovo-partenza: p.zza IV Novembre a Radda in Chianti (Siena)

Ritrovo-partenza: p.zza IV Novembre a Radda in Chianti (Siena) La Granfondo del Gallo Nero è una gran fondo di ciclismo aperta a tutti gli atleti tesserati con UISP, FCI e con gli altri Enti di promozione sportiva aderenti alla Consulta. Granfondo del Gallo Nero si

Dettagli

15ª MARATONINA DEL PARCO DEL DELTA DEL PO

15ª MARATONINA DEL PARCO DEL DELTA DEL PO 15ª MARATONINA DEL PARCO DEL DELTA DEL PO 14 TROFEO ENEL Energia alla tua vita GARA NAZIONALE SU STRADA di Km. 21,097 VALIDA PER L ASSEGNAZIONE DEL TITOLO PROVINCIALE CATEGORIE ASSOLUTI E MASTERS DOMENICA

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 SERIE A Specialità RAFFA Anno Sportivo 2015 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI 1. PARTECIPAZIONE ALLE GARE

DISPOSIZIONI GENERALI 1. PARTECIPAZIONE ALLE GARE Norme Attività 2015 DISPOSIZIONI GENERALI 1. PARTECIPAZIONE ALLE GARE 1.1 Gli atleti e le atlete sia italiani che stranieri per partecipare alle gare devono essere in regola con il tesseramento per l'anno

Dettagli

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013 PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013 23-24 Maggio 2013 MASTER D ITALIA DELLE ASSOCIAZIONI AFFILIATE 2013 24-26 Maggio 2013 MASTER AMATORI PIAZZA DI SIENA 2013 25-26 Maggio 2013 GARE

Dettagli

REGOLAMENTO MOTOCROSS

REGOLAMENTO MOTOCROSS REGOLAMENTO MOTOCROSS Sono gare di motocross tutte le manifestazioni motociclistiche che si svolgono su piste fuoristrada chiuse ad anello e da percorrersi più volte. Le piste da fuori strada possono essere

Dettagli

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Lo Junior Bike Brescia è un circuito di manifestazioni ludico- sportive NON agonistiche riservate ai giovani e Giovanissimi, organizzato in due gironi distinti :

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB CATANZARO 3 CAMPIONATO REGIONALE SLALOM CALABRESE ANNO 2015 REGOLAMENTO

AUTOMOBILE CLUB CATANZARO 3 CAMPIONATO REGIONALE SLALOM CALABRESE ANNO 2015 REGOLAMENTO AUTOMOBILE CLUB CATANZARO 3 CAMPIONATO REGIONALE SLALOM CALABRESE ANNO 2015 REGOLAMENTO Art. 1 Denominazione L Automobile Club Catanzaro, di seguito denominato Comitato Organizzatore (in forma abbreviata

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

Comitato Regionale Toscano

Comitato Regionale Toscano Comitato Regionale Toscano Calendario e Regolamento stagione invernale 2015/2016 CATEGORIA CAMPIONATI ASSOLUTI REGIONALI INVERNALI 5/6 Dicembre 2015 Livorno (piscina La Bastia) Sabato 5/12 pomeriggio 200SL

Dettagli

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996

CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 CIRCUITO NAZIONALE GIOVANILE U18 2013 Circuito Sperimentale Per atleti/atlete nati/e dal 1 gennaio 1996 Articolo 1 - INTRODUZIONE 1. La Federazione Italiana Pallavolo indice per la stagione 2013 il Circuito

Dettagli

REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMAN RUN 2012

REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMAN RUN 2012 REGOLAMENTO FISHERMAN S FRIEND STRONGMAN RUN 2012 RCS Sport, in collaborazione con l associazione sportiva dilettantistica Gazzetta Runners Club, organizza la prima edizione della Fisherman s Friend Strongman

Dettagli