Bilancio sociale 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.asad-sociale.it Bilancio sociale 2013"

Transcript

1 Bilancio sociale 2013

2 Bilancio sociale 2013 A.s.a.d. Società Cooperativa Sociale Via G. Lunghi, Ponte S. Giovanni (PG) T F P.iva

3 indice PREMESSA 6 OBIETTIVI E DESTINATARI 11 L IDENTITà 11 MISSION E VALORI 12 LE ASA 13 -Disabilità 14 -Salute mentale e dipendenze 17 -Anziani 19 -Minori e immigrati 21 SERVIZI TRASVERSALI ALLE ASA -Sal 23 -Trasporti 25 I TERRITORI 27 - Perugia Corciano, Deruta, Torgiano 28 -Assisi, Bastia, Bettona, Cannara, Valfabbrica 32 -Gubbio, Costacciaro, Fossato Di Vico, Gualdo Tadino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo 36 -Citta Di Castello, Citerna, Lisciano Niccone, Montone, Pietralunga, San Giustino, Umbertide 40 BILANCIO RICLASSIFICATO 44 ORGANIGRAMMA E GOVERNANCE 46 LAVORO 48 -Risorse umane 48 -Selezione del personale 49 -Corsi di formazione 50 -Partecipazioni a convegni e seminari 52

4 La semplicità La semplicità è mettersi nudi davanti agli altri. E noi abbiamo tanta difficoltà ad essere veri con gli altri. Abbiamo timore di essere fraintesi, di apparire fragili, di finire alla mercè di chi ci sta di fronte. Non ci esponiamo mai. Perché ci manca la forza di essere uomini, quella che ci fa accettare i nostri limiti, che ce li fa comprendere, dandogli senso e trasformandoli in energia, in forza appunto. Io amo la semplicità che si accompagna con l umiltà. Mi piacciono i barboni. Mi piace la gente che sa ascoltare il vento sulla propria pelle, sentire gli odori delle cose, catturarne l anima. Quelli che hanno la carne a contatto con la carne del mondo. Perché lì c è verità, lì c è dolcezza, lì c è sensibilità, lì c è ancora amore. Alda Merini Care socie e soci, egregi clienti, Amministratori, Operatori sociali, Collaboratori e Amici della nostra cooperativa, In questi anni le cooperative sociali, tra cui la nostra, imprese di comunità che perseguono la promozione umana e l integrazione sociale dei cittadini attraverso la progettazione e la gestione di servizi sociali, socio sanitari ed educativi, sono cresciute in quantità e in qualità gestendo la quasi totalità dei servizi sociali e socio sanitari nella nostra regione e dando lavoro a migliaia di persone ciò è avvenuto perché le politiche regionali, in passato, hanno favorito la crescita di questo sistema ritenendo, giustamente, che il consolidamento di questo settore avesse avuto ripercussioni positive su tutto il sistema dei servizi regionale, sull occupazione e soprattutto sul miglioramento della qualità della vita dei cittadini. La cooperazione sociale ha svolto in questi anni un ruolo importantissimo nella nostra Regione e a livello nazionale, dando lavoro a migliaia e migliaia di persone, per lo più donne e giovani. Nel 2013 anche il mondo delle cooperative sociali però, che fino ad allora aveva retto, è stato investito in pieno dalla crisi finanziaria ed economica, come la totalità dei settori dell economia nazionale e regionale. Dal 2008 ad oggi i fondi per le politiche sociali hanno subito un calo di quasi l 80%,ciò ha significato due miliardi di euro in meno da destinare ai servizi per le fasce più deboli. Questi tagli hanno strangolato il mondo del sociale e di conseguenza quelle realtà del privato sociale che hanno contribuito in questi anni a creare quel sistema universale di servizi che gli altri paesi europei ci invidiavano. Le scelte degli ultimi governi nazionali hanno penalizzato fortemente il welfare su tutto il territorio nazionale e, anche se la nostra regione ha cercato in parte di sopperire con fondi propri ai tagli nazionali, il sistema di welfare ha subito forti contraccolpi. Le cooperative sociali operando prevalentemente con le pubbliche amministrazioni hanno dovuto in questi anni di crisi riorganizzare i servizi, cercando di garantire qualità e occupazione malgrado i tagli ai trasferimenti e la spending che ha tagliato servizi ai cittadini e lavoro ai soci. Grazie alla loro natura di imprese no profit e grazie al patrimonio accumulato in tanti anni dalle generazioni passate, le cooperative sociali, hanno potuto far fronte alle difficoltà e in taluni casi anche alle perdite generatesi in questi anni di crisi. Tuttavia il terzo settore oggi si trova in un momento cruciale. deve trovare la forza per continuare a crescere e determinare sviluppo come ha fatto finora, evitando di entrare anche in una crisi di fiducia e progettualità che potrebbe mettere a repentaglio i traguardi importanti degli ultimi anni. Noi soci Asad amiamo il nostro lavoro che ha come obiettivo quello di mettere la persona al centro del nostro agire quotidiano, ma questa crisi, che non ci sta risparmiando, rischia di compromettere tutto Nel 2012 siamo riusciti a chiudere in utile il nostro bilancio consuntivo grazie a delle risorse accantonate l anno precedente e destinate al pagamento degli arretrati contrattuali che, per legge, non sono poi stati dovuti. Senza quegli accantonamenti avremmo chiuso il nostro bilancio in perdita, per cui questo è il segno che le difficoltà generate dalla crisi avevano già colpito la nostra realtà cooperativa. Nel 2013 le difficoltà sono aumentate, abbiamo dovuto subire la perdita di una parte del nostro fatturato a causa dell appalto perso attraverso il consorzio Auriga ed aggiudicato ad una cooperativa dell Emilia Romagna, abbiamo applicato due tranches di aumenti contrattuali che cumulati hanno prodotto un incremento del costo del lavoro di circa il 3%, in termini economici un incremento di circa euro 200 mila. Se agli aumenti contrattuali avessero fatto seguito i dovuti rinnovi del tariffario regionale e/o i riconoscimenti istat da parte delle stazioni appaltanti sicuramente l impatto nel bilancio non sarebbe stato quello che invece abbiamo dovuto subito. Nel corso del 2013 il costo del lavoro è stato incrementato 6 7

5 anche dall utilizzo del lavoro interinale. La legge Fornero aveva modificato i fermi dei contratti a tempo determinato, rischiando di generare problemi occupazionali e non solo, perciò come c.d.a abbiamo, a suo tempo, preso la decisione di far ricorso al lavoro interinale ( riassumendo gli operatori ai quali non potevano essere prorogati i contratti a tempo determinato) per garantire continuità occupazionale ai soci, che altrimenti sarebbero rimasti senza lavoro e senza stipendio da uno a tre mesi, la stessa decisione ci ha consentito di dare continuità socio-assistenziale, riabilitativa ed educativa, ai servizi,garantendo figure professionali adeguatamente formate. Tutto questo ha generato ovviamente dei costi, che se avessimo assunto nuovi operatori a tempo determinato, ci saremmo potuti risparmiare. Nel corso dell anno 2013 c ha pensato poi la spending ad aggravare ancor più la situazione. Le Asl infatti, in continuità con quanto già iniziato nel 2012 hanno praticato tagli trasversali ai servizi semiresidenziali del 10% riducendo le ore di apertura dei servizi e di conseguenza facendoci diminuire fatturati e ore lavoro ai soci. Anche se ci siamo subito attivati per adeguare la forza lavoro alle diminuzioni dei servizi non sempre tutto è avvenuto in maniera automatica, in alcuni casi infatti per assicurare il giusto rapporto operatori/utenti non è stato possibile praticare la giusta diminuzione delle ore-lavoro. C è stata poi una spending nascosta, forse ancor più consistente di quella ufficiale ed è quella che ha visto tagliare il domiciliare ( dal 2008 ad oggi il taglio è stato di oltre il 30%) e quella che ha visto i mancati invii degli ospiti nelle strutture residenziali, per anziani e di salute mentale. Altro fattore che ha contribuito a rendere più pesante la situazione economica della cooperativa è anche quello degli appalti ai quali nel corso dell anno abbiamo partecipato in continuità con i servizi che stiamo gestendo, la quasi to talità di essi erano appalti la cui base d asta è stata formulata avendo come riferimento il tariffario regionale, fermo al 2009 e più basso del tabellario ministeriale attuale. Anche in questo caso la risultanza di ciò è stato un fortissimo abbassamento delle marginalità nei servizi che gestiamo. Tutto ciò ci fa dire che la nostra è sicuramente una crisi indotta, indotta da un sistema che ci vede da una parte costretti ad incrementare i nostri costi e dall altra costretti ad applicare tariffe ferme, come il tariffario regionale, al 2009 o addirittura rette ferme ai primi anni Dal 2009 ad oggi il costo del lavoro ha subito incrementi di circa il 9,2% ( oltre un milione e duecento mila euro per la nostra cooperativa), incrementi assorbiti integralmente dai nostri bilanci. Tutto ciò non è assolutamente giusto..non è giusto perché oggi la cooperazione sociale rappresenta un importante infrastruttura per il welfare, per le politiche attive del lavoro e per lo sviluppo locale. In molti casi, nella nostra Regione, le cooperative sociali sono rimaste le più importanti imprese della città! Le cooperative sociali sono imprese in cui la solidarietà è divenuta un valore imprenditoriale, organizzazioni della comunità, legate al territorio, che non delocalizzano ma si sviluppano insieme al territorio in cui sono radicate, imprese in cui i soci ed i lavoratori svolgono un attività d impresa non per il profitto ma per contribuire al benessere generale della comunità. Noi operatori del sociale anche in tempo di crisi ci stiamo comportando da cooperatori, a fronte di una riduzione brutale delle risorse pubbliche, abbiamo salvaguardato i servizi e soprattutto la qualità dei servizi che eroghiamo, abbiamo mantenuto aperti i servizi accreditati anche quando sono in perdita, abbiamo continuato a pagare regolarmente gli stipendi anche quando i committenti non pagano da mesi, abbiamo continuato a dare lavoro ai soci anche quando per essere efficienti bisognerebbe ridurre il personale. Lo abbiamo potuto fare perché tutto ciò è coerente con la nostra storia, la nostra identità e i nostri valori e lo abbiamo potuto fare perché, come noi quest anno, abbiamo utilizzato le riserve accumulate negli anni.grazie a tutto ciò abbiamo potuto evitare, sino ad ora, contraccolpi pesanti sul versante occupazionale. Mantenere tutto ciò non è stato facile, lo abbiamo potuto fare penalizzando il nostro bilancio, da un punto di vista economico. ma accanto a ciò è necessario mettere in luce ciò che invece le scelte politico-strategiche, attraverso la gestione 2013, hanno garantito continuità occupazionale ai soci, la correttezza nei rapporti di lavoro, la valorizzazione delle risorse umane, il rispetto dei bisogni dell utenza, la qualità dei servizi, il rafforzamento dei legami col territorio Malgrado le difficoltà abbiamo continuato a pensare, a progettare e lavorare nell ottica della professionalità e della qualità senza rinunciare ai valori di solidarietà e sussidiarietà. Nel nostro agire quotidiano c è la persona con tutti i suoi bisogni e necessità e anche desideri La diminuzione delle risorse, la crisi che da crisi economico-finanziaria si è trasformata in crisi valoriale e sociale, la spending e i tagli in genere è come se avessero messo in discussione l idea del welfare che vedeva nei servizi la risposta organizzata ai bisogni delle persone mentre mai come in questo momento si va evidenziando il bisogno di dover affermare i valori fondanti della cooperazione sociale: libertà, solidarietà, centralità della persona, sussidiarietà, gratuiutà, accoglienza e democrazia partecipata, tutte qualità che creano benessere e coesione sociale. In questo difficile contesto lavorare in rete con le istituzioni è diventata una necessità e può essere la risposta a molti problemi.i governi, centrale e regionale, non possono arrivare ovunque ma debbono fare la loro parte Da questo punto di vista ci stanno arrivando segnali confortanti per quanto riguarda l Amministrazione Regionale che sembra stia lavorando sul tanto richiesto adeguamento del tariffario regionale, dando così la giusta risposta alle migliaia di soci delle cooperative sociali che operano in Umbria e che con il loro lavoro, quotidianamente, erogano servizi a migliaia di persone in questi nostri territori. Negli ultimi anni, per i motivi di cui sopra e per le ovvie ripercussioni nei bilanci, le cooperative hanno dovuto far ricorso alle proprie riserve, come noi quest anno, per coprire quelle perdite generatesi non per inefficienza e sregolatezza ma per un sistema che inevitabilmente ci sta spremendo obbligandoci a mantenere i servizi come se fossimo solo noi i soggetti tenuti ad assicurare il sistema di welfare nella nostra Regione Tutto ciò non può assolutamente continuare perché in futuro saremo chiamati, come già lo siamo, a fare investimenti materiali ed immateriali, per riposizionarci all interno di un welfare nuovo, perché la qualità dei servizi passa anche e soprattutto attraverso la formazione e di conseguenza l innovazione, fattori strategici per continuare ad essere, come lo eravamo in passato, motore di cambiamento sociale. Si dice che nei momenti di crisi si aprano nuove opportunità.. quattro anni fa, insieme alla cooperativa ACTL di Terni abbiamo creato una srl, Anchise, per la realizzazione e gestione di una residenza protetta per anziani a Perugia. E un investimento importante, sicuramente il più importante che la cooperazione sociale abbia mai realizzato in Umbria e rappresenta ciò che le cooperative sociali in questi anni hanno fatto e cioè lavorare per incrementare il capitale sociale delle comunità in cui vivono rispondendo ai sempre più crescenti bisogni delle persone creando servizi e occupazione. Ci apprestiamo a fare altri investimenti importanti: la trasformazione della nostra comunità terapeutica Torre Certalda ad Umbertide da ctr1 a ctr2 e cioè una comunità che possa accogliere persone con disturbi più complessi, doppia diagnosi ecc per far questo sono necessari anche investimenti materiali e immaterali, ristrutturare l immobile e agire sulla formazione degli operatori. Altri investimenti importanti nell ambito della salute mentale li stiamo facendo, insieme alle altre cooperative del consorzio Auriga. 8 9

6 10 Un altro investimento è quello nell innovazione dei servizi: rivedere i modi di lavorare e organizzare i servizi per arrivare a fornire risposte a bisogni nuovi ed emergenti e prima mai considerati. Stanno nascendo dei filoni nuovi come quello dell agricoltura sociale, la sanità leggera e altre nuove attività tese a costruire nuove forme di bene comune. Quale futuro possiamo aspettarci per il nostro welfare? questa domanda ci impone di pensare a scenari futuri del tutto diversi rispetto a quelli cui siamo abituati Negli ultimi anni si è lavorato solo sulle politiche di austerity, serve ora fare un passo avanti, occorre trovare equilibrio tra le politiche di responsabilità di bilancio, politiche per la crescita e politiche di solidarietà territoriale. Occorre pensare al tema della pluralità: il settore pubblico che si appoggia all economia sociale in un disegno che includa anche i privati for profit oltre a quelli non profit, la cosiddetta sussidiarietà circolare. Per quanto riguarda la rappresentanza di questo nostro mondo in questo 2013 è nata in Umbria l ACI, l alleanza delle cooperative italiane, da parte di Legacoop e Confcooperative, ci auguriamo che questa semplificazione possa essere l approdo ad una migliore rappresentanza, più incisiva ed autorevole e non una sommatoria di rapporti di forza Sempre sul tema delle alleanze questo nostro mondo dovrebbe poter contare anche su delle relazioni sindacali un po meno incerte e indecise.la nostra cooperativa ha sempre avuto buoni rapporti con le organizzazioni sindacali, sicuramente perché in ASAD una delle cose che non è mai stata messa in discussione è il rispetto e la dignità dei soci-lavoratori, ciò che necessita però per il futuro è il dialogo tra le parti sociali ( centrali cooperative, organizzazioni sindacali e chi ci amministra ).qualcuno pensa che non si debbano tutelare e difendere le cooperative ma i soci.ma non è così soltanto garantendo il futuro alle cooperative sarà possibile garantire e difendere il lavoro ai soci. In futuro dobbiamo tornare a valorizzare le energie positive dei giovani, cercando di renderli protagonisti attivi, non ci dimentichiamo che è grazie ai giovani che, a cavallo tra gli anni 70 ed 80, nacque la cooperazione sociale, tra cui la nostra cooperativa. Dobbiamo tornare ad essere ciò che eravamo e cioè un motore di cambiamento nella società, dobbiamo vivere questa crisi come opportunità per cambiare. Trasparenza, democraticità, responsabilità, appartenenza questi sono i nostri valori, questi sono i valori dai quali ripartire. Sviluppando corresponsabilità e partecipazione si alimenta il capitale sociale di una cooperativa che è quella grande risorsa fatta di fiducia e motivazioni che può farci continuare a credere nella possibilità di un futuro meno incerto. Perciò al di là del risultato numerico di bilancio, che speriamo possa tornare ad essere presto un valore positivo nella nostra cooperativa siamo orgogliosi di aver lavorato anche in questo anno senza venir mai meno ai nostri principi e ai nostri valori, nel rispetto dei soci e delle persone verso le quali il nostro lavoro è diretto Il mio grazie personale e del consiglio di amministrazione che rappresento va a tutti coloro che in questo 2013 ci hanno lasciato perché giunti al termine della loro vita lavorativa e giunti perciò al più che guadagnato pensionamento e a tutti coloro che pur avendo fatto un esperienza, credo importante in ASAD, hanno deciso di percorrere altre strade lavorative, a coloro che purtroppo, a seguito dell appalto perso tramite il Consorzio Auriga sono dovuti passare ad altra cooperativa.ed ovviamente e soprattutto grazie a tutti gli altri che insieme a noi lavorano e continueranno a lavorare ogni giorno per realizzare la nostra mission e per incrementare il capitale sociale di questa nostra comunità. Noi crediamo nell importanza di abitare i territori in cui siamo presenti come soggetti attivi. Obiettivi e destinatari Questo è il quinto bilancio sociale che la nostra cooperativa ha realizzato in questi anni; è un bilancio sociale che va in continuità con quello realizzato lo scorso anno, sia per quanto riguarda la struttura che il fine è un bilancio sociale snello e sintetico, ma che ci auguriamo possa riuscire a comunicare in maniera semplice e trasparente chi siamo e cosa facciamo nelle comunità dove siamo nati, dove viviamo e operiamo e soprattutto, al di là dei numeri quali sono le scelte compiute in questo 2013, anno in cui la crisi ha condizionato pesantemente scelte e risultati. Proprio per questo è importante comunicare, per arrivare a tutti i nostri stakholders e far capire loro che malgrado il contesto complesso nel quale abbiamo dovuto operare in questo anno non abbiamo mai perso di vista i nostri valori fondanti e la nostra mission. L auspicio è che attraverso questo bilancio sociale si possa riuscire a capire il valore della nostra cooperativa nella nostra comunità, cooperativa che nel 2013 ha sacrificato il bilancio economico per mantenere l occupazione ai propri soci e qualità nei servizi che progetta ed eroga da anni ed ha, attraverso l innovazione e investimenti importanti, rilanciato per la costruzione di un nuovo welfare comunitario. Il V Bilancio sociale L IDENTITà Asad è una cooperativa sociale di tipo A che progetta e realizza servizi sociali, socio-sanitari ed educativi alle persone, è iscritta al registro delle ONLUS. Asad è nata nel 1977 a Perugia e da allora ha poi esteso le sue attività in molti comuni della provincia di Perugia, è storicamente radicata nei territori dove opera e ciò gli ha permesso di valorizzare i legami con le diverse comunità locali. Asad ha sviluppato importanti relazioni di partnership con altre cooperative convinta delle forti potenzialità che possono nascere nel movimento cooperativo. Dal è socia del consorzio Auriga, un consorzio di cooperative sociali che opera nel territorio del Perugino, Assisano e Media Valle del Tevere. Coerentemente con la propria mission Asad orienta le proprie politiche del lavoro garantendo ai propri soci la piena applicazione delle norme contrattuali, la progettazione dei servizi con un ottica che valorizzi anche le competenze dei lavoratori, la realizzazione di momenti formativi costanti, e la progettazione di nuove forme di gestione dei servizi. Asad si impegna a mantenere la qualità nei servizi che eroga e si impegna ad innovarli costantemente attraverso la formazione continua dei suoi soci-lavoratori e attraverso l applicazione di nuove metodologie. Asad si impegna altresì nella ricerca di nuovi servizi e nuove forme di gestione 11

7 le asa i settori trasversali disabilità 12 con l obiettivo di superare la logica dell appalto acquisendo maggiore autonomia. Quattro anni fa ha costituito una società, Anchise srl, insieme ad altra cooperativa sociale, per la costruzione di una residenza protetta per anziani a Perugia, la struttura è quasi ultimata e il prossimo anno ne inizierà la gestione. Asad attraverso il coinvolgimento dei cittadini e la fitta rete di soggetti che ha attivato nei territori, sta dando vita a quell impresa sociale di comunità che ha come obiettivo esplicito quello di produrre benefici a favore della comunità garantendo una partecipazione ai processi decisionali allargata. MISSION E VALORI - Garantire alle socie e ai soci la continuità di occupazione e le migliori condizioni economiche, sociali e professionali attraverso anche percorsi formativi qualificanti. - Valorizzare le competenze, le potenzialità e l impegno dei soci assicurando a tutti pari opportunità. - Fondare l agire cooperativo sulla partecipazione e sulla responsabilità di soci per realizzare una gestione economica e finanziaria dell attività capace di garantire lo sviluppo della cooperativa. - Garantire le risposte che meglio soddisfino i bisogni degli utenti attraverso la personalizzazione degli interventi e il miglioramento continuo della qualità dei servizi. - Contribuire all interesse generale delle comunità attraverso servizi diretti a migliorare la qualità della vita delle persone, ad attivare il coinvolgimento degli utenti e dei familiari e a promuovere l integrazione nel territorio. I valori ai quali la cooperativa ASAD si ispira e dai quali nasce la mission sono: - Centralità/ globalità della persona/diritto di cittadinanza - Giustizia sociale - Solidarietà esterna ed interna - Democraticità e partecipazione - Trasparenza - Impegno verso l intera comunità L impegno verso la comunità si sostanzia in: - Elaborare un analisi ragionata dei contesti territoriali di riferimento al fine di comprendere meglio i bisogni e strutturare risposte, a livello di servizi e di proposte, efficaci ed efficinti. - Produrre servizi territoriali innovativi nell ottica di fornire risposte ai bisogni nuovi o non ancora evasi con proposte strutturate. Salute mentale e dipendenze anziani minori e immigrati Accompagnamento al lavoro trasporti

8 14 asa disabilità Lavoriamo al servizio della comunità per rispondere ai bisogni delle persone con disabilità attraverso l organizzazione di percorsi per la tutela dei diritti e la personalizzazione dei servizi rispettando principi di uguaglianza, pari opportunità, autonomia, indipendenza, con l obiettivo di conseguire la piena inclusione sociale mediante il coinvolgimento delle stesse persone con disabilità e delle loro famiglie (Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità). Promuovere l inclusione significa quindi lavorare per cambiare le regole del gioco e far sì che ogni persona, indipendentemente dalla propria condizione, non subisca trattamenti differenti e degradanti, non viva o lavori in luoghi separati, abbia le medesime opportunità di partecipazione e coinvolgimento nelle scelte che la riguardano. Significa agire nei confronti della società e dei territori per renderli inclusivi, cioè capaci di dare concretezza - modificandosi quando è necessario - al diritto di cittadinanza di tutte le persone, indipendentemente dalla loro condizione Fatturato al ,47 euro Clienti - USL Umbria 1 distretti n.1-2 Alto Chiascio Alto Tevere - Comuni: Perugia, Corciano, Sigillo, Valfabbrica, Cannara, Bettona, Gualdo Tadino, Gubbio, Fossato di Vico, Scheggia, Pescialupo, Costacciaro, Assisi, Bastia Umbra, Città di Castello, Umbertide, San Giustino, Citerna, Montone, Pietralunga Tipologia dei servizi Semiresidenziali: - centro socio-riabilitativo ed educativo per adulti (CSRE) - centro socio-riabilitativo ed educativo per minori (CSRE) - centro socio-educativo per adulti (CSE) - assistenza domiciliare - assistenza scolastica - laboratorio Occupazionale - integrato per l assistenza domiciliare - segretariato sociale - laboratorio occupazionale Numero utenti N utenti divisi per servizio CSRE Adulti 128 CentroSocioOccupazionale 9 CSRE Minori disabili 6 Centro Autismo 44 AD Minori 164 AD Adulti 168 Assistenza Scolastica 211 Totale n.utenti 730 APPALTI 2013 REALIZZATI E AGGIUDICATI - servizio di Assistenza Domiciliare e Scolastica Zona sociale n.3 - servizio di Assistenza Domiciare e Scolastica Comune di San Giustino - laboratorio Altomare Comune di San Giustino Strumenti di valutazione/ classificazione adottati Pianificazione/monitoraggio/ verifica PEI e PAI. In riferimento all approccio Bio-psico- sociale del sistema ICF, è stata elaborata e utilizzata dal personale tecnico della Cooperativa, per la definizione dei progetti individuali (nei CSRE) e per la collaborazione con i servizi sociali, socio sanitari e scuole di riferimento (Ad e Ass. Scolastica) la check list di osservazione ICF, la scheda informativa utente e la scheda progetto, nonché schede di osservazioni periodiche, schede di attività, procedure e istruzioni di lavoro Piani di Lavoro, diario giornaliero, scheda servizio e verbali riunione per gli incontri di condivisione e monitoraggio e verifica dei PEI/PAI. con le famiglie e servizi. Programmazione e verifica servizio: sono svolte all interno di ogni fase del servizio e sono supportate da una documentazione specifica per il monitoraggio e la riformulazione nell ottica del miglioramento continuo Piano Generale del Servizio per la descrizione delle caratteristiche e tipologia di servizio, Piano Qualità e sue verifiche per la definizione del piano di miglioramento annuale, Verifica delle attività svolte e ridefinizione della programmazione annuale. 15

9 asa disabilità asa SALUTE MENTALE e dipendenze Fatturato Area salute mentale al ,90 euro Fatturato Area dipendenze al ,17 euro L intervento di ASAD si struttura in una rete di servizi residenziali, semiresidenziali e di assistenza domiciliare individuale e per gruppi, attivando una pluralità di risorse combinate secondo un disegno di volta in volta peculiare rispetto ai bisogni terapeutici, riabilitativi e autorealizzativi delle persone che vivono condizioni di disagio psichico. La progettualità di ASAD in salute mentale prevede una completa collaborazione tra equipe mediche specializzate, gli utenti e le loro famiglie, con il duplice scopo di rinforzare sentimenti di coesione e vissuti di appartenenza alle comunità e di innescare una forte spinta all emancipazione a livello individuale. Le teorie e le pratiche della Recovery, dell Empowerment e del Fareassieme sono le caratteristiche distintive degli interventi che ASAD propone a favore delle persone con disagio psichico e delle loro famiglie. Le caratteristiche della progettualità di ASAD in salute mentale: Servizi centrati sulla persona: orientamento alla soggettività degli individui proponendo un ampio ventaglio di risposte personalizzate; Formazione: cura continua dei saperi e delle pratiche; Inclusione sociale: supporto all assunzione di un ruolo attivo nell utilizzare strumenti e risorse necessari per ricostruire una propria identità sociale ed un senso di appartenenza e partecipazione alla vita della comunità; Rete sociale: supporto allo sviluppo di relazioni di fiducia e al recupero di un senso dell essere in comunità; PROGETTI APPROVATI ANNO 2013 PARTECIPAZIONE A BANDI E - Progetto Vodafone TI. DI.CO A 16 - ComunicAzione Ass.ne AGADi PROGETTI Progetto sperimentale Comunicazione Fondazione Cassa di Risparmio Perugia 17 - Progetto Socialità Disabilità ass.ne Il Giunco Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia - Progetto Auto mutuo Aiuto Ass. Amici del Germoglio Fondazione Cassa PERUGIA - Laboratorio I cuochi siamo noi - Laboratorio d arte Di segno diverso in collaborazione con la Fondazione Boccardini; di Risparmio di Perugia - ComunicAzione Ass.ne AGADi Fondazione Cassa di Risparmio - Progetto Socialità Disabilità ass.ne Il Giunco Fondazione Cassa di Risparmio ASSISI-BASTIA - Progetto laboratori stimolazione psicocognitiva per bambini autistici (in collaborazione USL Umbria1) UMBERTIDE - Progetto laboratori stimolazione pscico-cognitiva per bambini con patologie varie (in collaborazione con USL Umbria 1) aumentativa alternativa Centro autismo bambini (USL Umbria 1) - Progetto servizio civile Anche io con loro - Comunico Cliccando Ass.ne AGDi Fondazione Telecom - ComunicAzione Ass.ne AGADi Fondazione Cassa di Risparmio Pg - Progetto La Serra Ass.ne Altomare Cesvol - Progetto Casa di Jonathan Ass.ne IL giunco bandi UNRA - Progetto Socialità Disabilità ass.ne Il Giunco Cesvol - Progetto Socialità Disabilità ass.ne Il Giunco Fondazione Cassa di Risparmio - Progetto Auto mutuo Aiuto Ass. Amici del Germoglio Fondazione Cassa di Risparmio Clienti - USL Umbria 1 - Comuni: Bettona, Assisi - Privati

10 asa SALUTE MENTALE e dipendenze STRUMENTI DI VALUTAZIONE/ CLASSIFICAZIONE ADOTTATI VADO: Valutazione abilità definizione obiettivi è uno strumento per la pianificazione e la valutazione di interventi riabilitativi individualizzati. Honos: Health of the Nation Outcome Scales è uno strumento ampiamente validato, utilizzato nella pratica sia per valutare l esito delle cure, sia per descrivere le popolazioni di pazienti in carico ai servizi in relazione alla asa ANZIANI Fatturato al ,25 euro TIPOLOGIA DEI SERVIZI SERVIZI 2012 Residenziali: NUOVI ATTIVATI Comunità Terapeutico-riabilitative di Attività laboratoriali (tutte territorio tipo 1 dell assisano): Unità di Convivenza - Noccioleto Gruppi Appartamento - Terra mia Asad fornisce assistenza e sostegno agli anziani sfidando Semiresidenziali: - Benessere un pregiudizio molto radicato che identifica la vecchiaia con Centri diurni 18 complessità e alla gravità delle la malattia e la solitudine. La terza età può essere vissuta 19 Laboratori diurni PARTECIPAZIONE A BANDI E problematiche presentate. Prendendo come un età ricca di contenuti nuovi, sia a livello individuale Assistenza Domiciliare PROGETTI 2013 in considerazione non solo gli aspetti che sociale, per questo motivo nei nostri servizi residenziali, Servizi di Prossimità - Fondazione Cassa di Risparmio clinici ma anche la globalità delle semi-residenziali e domiciliari è garantito ogni tipo di supporto Clienti Perugia: Terra Mia - start up di problematiche relazionali e sociali mirato alla valorizzazione della persona e della sua autonomia, - ASL UMBRIA 1 laboratori agricoli presentate dal paziente psichiatrico, con particolare attenzione alle risorse ed alle potenzialità - Comuni: Perugia, NUMERO UTENTI - Fondazione Cassa di Risparmio Città permette di rappresentarne la della persona anziana al fine di intraprendere azioni utili Corciano, Gualdo Residenziali: 82 di Castello: Fotodipingendo qualità di vita per diversi aspetti: al mantenimento ed al milgioramento delle aree cognitiva, Tadino, Gubbio,Fossato, Semiresidenziali: Regione Umbria: contributo per Punti psicopatologici, di salute, familiari e motoria, sociale e relazionale. Sigillo, Valfabbrica, Domiciliari: 131 Impropri Storie di ordinario vicinato sociali. ASAD, attraverso il lavoro di rete, frutto della profonda Assisi, Bastia, Cannara, Servizi di prossimità: 138 Bprs: Brief Psychiatric Rating Scale conoscenza del territorio, è in grado di concretizzare le sinergie Umbertide, San Giustino, è una Scala (eterovalutativa) per la con le agenzie e le reti formali ed informali per favorire Bettona valutazione psicopatologica globale l integrazione e la socializzazione delle persone assistite. - EASP (copre aree sintomatologiche relative Il personale, specializzato e competente, è in grado di gestire - IIRRB ai disturbi affettivi, ansiosi e psicotici) situazioni di particolare connotazione sanitaria e assistenziale - Privati Perugia, e prevede la valutazione sia di sintomi per anziani parzialmente autosufficienti e non, percorsi di Umbertide, Gubbio, PROGETTI APPROVATI che il paziente lamenta che di segni riabilitazione funzionale e cognitiva per anziani affetti da Assisi, - Cassa di Risparmio Perugia che l esaminatore osserva. Alzheimer e Demenze, assistenza domiciliare rivolta alla cura di - Auriga - Cassa di Rispamio Città di Castello VSSS: Verona Service Satisfaction Scale sé, della propria abitazione e della vita sociale. - AMA Umbria - Regione Umbria misura la soddisfazione degli utenti per il servizio ricevuto

11 asa ANZIANI SERVIZI 2013 NUOVI ATTIVATI A.D. Territoriale (AURIGA) asa MINORI E IMMIGRATI Fatturato al ,33 euro 20 TIPOLOGIA DEI SERVIZI Assistenza Domiciliare Domestica (ADD), Assistenza Domiciliare Tutelare (ADT), Assistenza Domiciliare Territoriale, Assistenza Domiciliare HCP, Assistenza Domiciliare Privata, Assistenza Domiciliare Dedicata (per persone affette da Alzheimer), Centri Diurni Alzheimer, Residenze Protette, Residenze Sanitarie Assistite, Laboratori di Stimolazione Cognitiva, Filo d argento, Ospedale Branca, Animazione RP e RSA, soggirno estivo NUMERO UTENTI Residenziali :91 Semiresidenziali :207 Domiciliari :253 Laboratori di Stimolazione Cognitiva:9 Soggiorni Estivi:40 Servizio Socio-Assistenziale (Ospedale di Branca):NQ Progetto Filo d Argento:NQ AD Territoriale Auriga :NQ STRUMENTI DI VALUTAZIONE/ CLASSIFICAZIONE ADOTTATI Questionari di soddisfazione clienti, utenti e operatori. Questionari di auto valutazione. Modulistica per la valutazione dei nuovi soci. Colloqui individuali e riunioni di gruppo. Tutta la modulistica emessa in modalità controllata per lo sviluppo del servizio e dei PAI per quanto attiene l utenza (PGS; PdiL, IdiL; PO; Diari; schede osservazione; Registri; Schede nuove assunzioni; Cartella utente; verbale; Non conformità; Reclamo; modulistica sicurezza; modulistica formazione; ferie; turni;.) APPALTI 2013 Comune di San Giustino(Assistenza domiciliare) Comuni Zona Sociale 3(Assistenza domiciliare) Filo d argento Comune di Assisi PARTECIPAZIONE A BANDI E PROGETTI 2013 Progetto Coop Umbria Umbertide Nulla si crea, nulla si distrugge Progetto operatore di comunità FONDI FAS PROGETTI APPROVATI ANNO 2013 Progetto Coop Umbria Umbertide Nulla si crea, nulla si distrugge Progetto operatore di comunità FONDI FAS Aiutare il bambino nelle difficoltà, ma, allo stesso tempo, accompagnarlo all autonomia, è come far volare un aquilone: all inizio bisogna correre forte tenendolo ben stretto nella mano, in alto tanto quanto il nostro braccio ci consente, finchè l aria comincia a sollevarlo. Solo adesso si può mollare la presa, ma è importante continuare a correre mantenendo il filo corto. Questo è il momento più difficile e faticoso ed è quello determinante per la riuscita del volo. Quando l aquilone ha preso quota, lo si affida alla forza del vento perché lo sostenga. Ora non è più necessario correre con lui. Bisogna solo allungare il filo, piano piano, controllando sempre che non perda quota. L aquilone andrà sempre più in alto e, col naso all insù, lo si potrà ammirare, austero, luccicare al sole. Clienti - Usl Umbria 1 - Comuni: Perugia, Corciano, Assisi,Bastia, Cannara, Bettona, Valfabbrica, SanGiustino, Umbertide, Gubbio, Gualdo, Sigillo, Fossato, Costacciaro, Lisciano Niccone, Citerna - Privati 21

12 asa MINORI E IMMIGRATI TIPOLOGIA DEI SERVIZI Assistenza domiciliare educativa Consiglio Comunale dei ragazzi Spazio giovani Comunità diurne Centri aggregazione Ludoteche Animazioni Centri estivi Piedibus Informagiovani Infojo Nido d infanzia Laboratori DSA Sportello immigrati Interventi di supporto linguistico e mediazione scolastica Soggiorni marini NUMERO UTENTI Assistenza domiciliare educativa :196 Consiglio Comunale dei ragazzi :1671 Spazio giovani:161 Comunità diurne:30 Centro aggregazione:142 Ludoteche : 200iscritti 39 classi coinvolte Animazioni:520 Centri estivi in convenzione:655 Centri estivi privati:51 Piedibus:163 Informagiovani: Gubbio :Accessi per informazioni345; Newsletter: 1480;Facebook: 2946 contatti ; pagina Gubbstock Rock Festival 702 contatti Youtube: 3106 visualizzazioniincontri Tool kit e free time : 86 partecipanti Umbertide :Accessi per informazioni 2227,Consueling pedagogico 95,Navigazione internet 64,Stesura curriculum 134,Carta giovani :480 card+82 adesioni esercizi commerciali,redazione sito internet 280+pubblicazioni su Facebook,Infopoin 83 Infojo 2500 contatti Nido d infanzia:42 Educativa territoriale:156 Laboratori DSA:14 Sportello immigrati: 3140 Interventi di supporto linguistico e mediazione scolastica70 Soggiorni marini :24 Attività estive per ragazzi :50 Lavori estivi guidati 53 SERVIZI 2013 NUOVI ATTIVATI Coordinamento pedagogico nido San Giustino Progetto FUTURANDO CSM Bastia Centro Estivo Impara l arte e non metterla da parte sostenuto dal Comune di Perugia Servizio Educativo Territoriale (Gruppi Educativi Territoriali e Interventi Educativi con gruppi informali di adolescenti) dei Comuni Zona Sociale 2 Progetto Giochi del Mondo L. 18 Regione Umbria APPALTI 2013 Appalto Comune di San Giustino : Assistenza Domiciliare Minori Spazio Giovani Sportello Immigrati La Meridiana Appalto Zona Sociale n.3 Assistenza Domiciliare Educativa Appalto Zona Sociale n.3 per servizio Infojò PARTECIPAZIONE A BANDI E PROGETTI 2013 Progetto lavori estivi Umbertide Progetto lavori estivi San Giustino Progetto Estate Umbertide Bando FEI: cooprogettazione Bando Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia: progetto Officine per Crescere, laboratori DSA PROGETTI IN ATTO Progetti Scarti che diventano Arte Progetto Piedibus Laboratorio di scarabocchi musicali Progetto CittadinIngioco : cooprogettazione con il Comune di Perugia, Assessorato alla Cultura e alle Politiche Sociali, Uffici della Cittadinanza Progetto Artisti in Erba sal Servizio di accompagnamento al lavoro Asad rappresenta ormai da diversi anni un punto di riferimento per le comunità locali nel campo delle politiche attive del lavoro. La cooperativa gestisce da molti anni servizi di accompagnamento al lavoro favorendo una progettualità sociale e di rete per sostenere i percorsi di inclusione socio-lavorativa delle persone svantaggiate. Il Sal (servizio di accompagnamento al lavoro) attiva percorsi individualizzati finalizzati a promuovere e rafforzare le competenze tecniche e sociali dei soggetti destinatari, favorendone l autonomia e l emancipazione per l accesso al mercato del lavoro e non solo, attraverso attività, prestazioni e processi che racchiudono una gamma di interventi molto ampia di tipo educativo, socioriabilitativo, orientativo e di placement. L obiettivo è di sviluppare cittadinanza attiva, identità sociale e la piena attuazione del diritto al lavoro, quanto mai necessarie in un contesto di crisi economica, che tocca significativamente giovani e over 50. Fatturato al ,39 euro Clienti - Zona sociale n.7 Gubbio, Gualdo Tadino, Costacciaro, Fossato di Vico, Scheggia, Sigillo - Zona sociale n.3 Assisi, Bastia, Cannara, Bettona, Valfabbrica - Zona sociale n.1 Citta di Castello, Umbertide, San Giustino, Montone, Citerna, Pietralunga

13 NUMERO AZIENDE RILEVATE COMUNI Zona Sociale n. 1 Risorse rilevate nell anno 2013 DISPONIBILI NON DISPONIBILI sal Servizio di accompagnamento al lavoro Citta' di castello Umbertide 8 4 San Giustino Citerna 1 1 Pietralunga 1 0 Montone 1 0 Totale servizio trasporti NUMERO AZIENDE RILEVATE COMUNI Zona Sociale n. 3 Risorse rilevate nell anno 2013 DISPONIBILI NON DISPONIBILI Fatturato al ,06 euro Assisi 15 6 NUMERO UTENTI APPALTI 2013 Metodologia Bastia Umbra Zona sociale n.7 REALIZZATI E AGGIUDICATI Attivare percorsi individualizzati Cannara 3 1 clienti 25 Gubbio 90 Zona Sociale n.3 Assisi e Zona di accompagnamento al lavoro Valfabbrica ASL Umbria 1 Gualdo Tadino 43 Sociale n.2 Perugia per promuovere e rafforzare le Bettona Comune di Gualdo Tadino Costacciaro 0 competenze tecniche e sociali dei - Comune di Scheggia Totale Fossato di Vico 7 APPALTI 2013 REALIZZATI E soggetti destinatari,favorendone - Comune di Umbertide Scheggia 4 AGGIUDICATI l autonomia e l emancipazione in - Istituti Riuniti di Beneficenza Sigillo 7 Zona Sociale n.3 Assisi e Zona modo da sviluppare cittadinanza - Privati - Zona sociale n.3 Sociale n.2 Perugia attiva,identità sociale e la piena Assisi 15 SERVIZI 2013 attuazione del diritto al lavoro TIPOLOGIA SERVIZI NUMERO AZIENDE RILEVATE COMUNI Zona Sociale n. 7 Bastia 9 NUOVI ATTIVATI - Trasporto nefropatici Risorse rilevate nell anno 2013 Cannara 3 Progetto U.N.R.A. i fuori - Trasporto accompagnamento anziani DISPONIBILI NON DISPONIBILI - Trasporto accompagnamento disabili Bettona 5 classe Ministero del Lavoro - Trasporto scolastico minori disabili Valfabbrica 6. Progetto finanziato realizzato Gubbio Zona sociale n.1 in collaborazione con i Comuni Gualdo Tadino 42 8 Parco auto a disposizione del Citta di Castello 56 di Perugia Corciano e Torgiano Fossato di Vico 10 7 settore trasporti Umbertide 33 rivolto a 100 giovani disabili Sigillo n.2 automezzi omologati per San Giustino 23 trasporto disabili Scheggia 6 2 Citerna 4 - n.3 autovetture con licenza di Costacciaro 8 2 Pietralunga 2 noleggio con conducente Montone 1 Totale n.1 automezzo 9 posti omologato per trasporto disabili

14 I territori 26 - PERUGIA Corciano Deruta Torgiano - Assisi Bastia Bettona Cannara Valfabbrica - gubbio Costacciaro Fossato di Vico Gualdo Tadino Scheggia e Pascelupo Sigillo - CITTà DI CASTELLO Citerna Lisciano Niccone Montone Pietralunga San Giustino Umbertide

15 i territori PERUGIA CORCIANO DERUTA TORGIANO Clienti - Usl Umbria n.1 Comune: Perugia, Corciano -Privati servizi Disabili - Assistenza Domiciliare Minori e Adulti - Assistenza Scolastica alunni disabili - Centro Socio Riabilitativo Educativo il Bucaneve - Laboratorio per attività socio riabilitative educative a supporto del servizio domiciliare Serra Oliviera Salute Mentale - Assistenza domiciliare - Comunità terapeutico riabilitativa la residenza - Centro Accoglienza Diurna - Unità di convivenza le fattorie - Gruppo appartamento San Costanzo Anziani - Assistenza Domiciliare Domestica (ADD), Assistenza Domiciliare Tutelare (ADT), Assistenza Domiciliare Territoriale, Assistenza Domiciliare Privata, Assistenza Domiciliare Dedicata (per persone affette da Alzheimer), Centri Diurni Alzheimer 2, Animazione RP e RSA Seppilli, Residenza Protetta 1, Residenza Sanitaria Assistita 1, Laboratorio di Stimolazione Cognitiva 1. Minori - Assistenza Domiciliare Educativa - Comunità diurna il melograno - Spazio Giovani Iqbal - Consiglio Comunale Ragazzi (Comune di Corciano) - Educativa Territoriale - Sal - Progetto U.N.R.A. i fuori classe PROGETTI EVENTI - Inaugurazione pulmino Centri Diurni Alzheimer di Perugia - Giocherellando con l Argilla. - Gara culinaria di Strufoli - Colazione Pasquale con la Benedizione dei cibi com era na volta - Festa d estate, - Presepe Vivente, - Progetto Barba e capelli in collaborazione con Consorzio futura formazione per parrucchieri; - Gli antichi mestieri :la spremuta dell uva, il formaggio ; - Rappresentazione Favola del Natale di Quarneschi - Torneo di Primavera in collaborazione con l Ass.ne sportiva per disabili Marathon - Concorso canoro Ugola d oro in collaborazione con l Istituto Comprensivo Bonfigli di Corciano - Diversamente creativi in collaborazione con il Consorzio Auriga, gli Studenti di Altra Scuola Ass.ne Controcanti e ARPA Umbria - Punti Impropri - Progetto Cittadiningioco : - Festa di carnevale CVA Madonna Alta e CVA Castel del Piano del Piano - Caccia al Tesoro Un tesoro di Paese Castel del Piano - Animazione Parco Via Gregorovius Ferro di Cavallo - Sport per tutti i gusti Area verde di Strozzacapponi - Animazioni territoriali con giochi e laboratori ecologici con Coop. Centro Italia Sezione Soci Perugia 1 S. Sisto per coop c. Italia e Parco Chico Mendez - Animazione territoriale in collaborazione con Centro Socio Culturale di Ferro di Cavallo - Animazione di fine scuola Parco Palazzi dello Zodiaco, San Sisto organizzata - Mostra fotografica Scatta l Emozione presso Sagra delle Sagre, San Sisto - Laboratori per allestimento dei carri per il Carnevale di San Sisto - Cena e Lotteria realizzati al CVA di Ponte San Giovanni - Concerto Note per la Città, Sala dei Notari, Palazzo dei Priori, organizzato dal Liceo Classico Mariotti - Visita al Parlamento europeo e alla città di Bruxelles CCR Corciano - Cena di Natale 28 29

16 bilancio sociale 2013 i territori PERUGIA CORCIANO DERUTA TORGIANO LA RETE Terzo settore - ANCI Umbria - ass.ne Genitori e Amici Disabili A.G.A.Di - associazione Kirikù - Associazione Incluso Me - associazione i Rioni - ass.ne A.M.A.T.A - ass.ne Oltre la Parola - ass.ne A.M.A.T.A - ass.ne AGADi - ass.ne Oltre la Parola, - oltre LHandicap. - ass.ne Toriscal - centri socio culturali Il Colle e La Collina - ass.ne L UnaNuova - ass.ne Fuorigioco - ass.ne Tarantarci - ass.ne Madre Coraggio - ass.ne il Giunco - caritas diocesana - ass.ne CIDIS onlus - ass.ne Archeologia arborea - ass.ne Kirikù - innprogresscollective(inc) - a.g.e.s.c.i Zona Etruria - agesci di Madonna Alta P.G.7 - agesci Corciano 1 - ass.casa Maria ed Elisabetta - centro Socio Culturale di Castel del Piano - centro Socio Culturale La Piramide - centro Servizi Giovani - PRO-LOCO San Sisto - ass. Bocciofila Città di Perugia Sant Angelo Monte Grillo - ass. Intrecciamo i fili - Associazione AMA Umbria - ass. Aquilonisti Millepiedi - ass.controant - Unione degli Universitari - ass.ne Ghismo onlus - ass.ne A.U.S.E.R - a.i.p.d. (Associazione Italiana Persone Down) - cesvol-perugia - ass.ne Madre Coraggio - ass.ne Nasi rossi - ass.ne Smile - ass.ne Controcorrente - U.D.U - Unione degli Universitari - REDS Altra Scuola - centro socio culturale di Ferro di Cavallo Università e scuole - Università degli Studi di Perugia, Facoltà Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali - Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Scienze Politiche Laurea triennale in Servizio Sociale e di L. Magistrale in Sociologia e Politiche Sociali - istituto E. Fermi Corso di qualifica per Operatore Socio Sanitario - istituto Statale di Istruzione Sup. Blaise Pascal - liceo Statale A. Pieralli Perugia - - Università degli Studi di Perugia, Corso di laurea in Sc. Dell Educazione - MASTER SCHOOL - istituto Leonardi - UPMAT (Università Popolare di MusicArTerapia nella GdL) - Università dei Sapori di Perugia. - Uni3 - istituto Leonardi - scuole del Comune di Corciano - liceo Classico Mariotti - G. Lombardo Radice, - Giovanni Cena, Lambruschini, - direzione didatticata I circolo - Pestalozzi - scuola Primaria Collodi 2 - ist.omnicomprensivo Deruta - itis Volta Pg Cooperazione - lega Coop - aris Formazione e Ricerca - consorzio AURIGA - cooperativa Sociale Frontiera Lavoro - coop Centro Italia - coop Perusia - sezione Soci Coop di Via Cortonese e San Sisto - soc. Consortile DARWIN - coop.va Azzurra Piscine - coop.va RE.LEG. ART - coop.va Nemo - coop. A piccoli passi - coop. B Cassiopea - coop.b Sole verde - acli Gruppi sportivi - Maneggio S.Biagio- Perugia - Tennis- Corciano - asd calcio S. Sisto - ascs Atletica Strozzacapponi - ads calcio Madonna Alta - PBA Basket Academy- Perugia - F.I.S.D.I.R (federazione italiana Sport Disabili Intellettivi Relazionali) - ass.ne Bocciofila di Perugia - ass.ne Sportiva Peter Pan - ass Sportive per Disabili: G.S. Marathon, Il Koala, La Pantera, Tarsina - Grifonissima - centro Ippogrifo - Polis centro di fisioterapia - Palestra Corpus - U.S. Fortebarccio - ass.ne Amatori Nuoto Libertas - K.T. Fortitudo Banche e fondazioni - Unicredit Banca, - Banca Prossima - Unipol Banca - Banca Popolare di Spoleto - Monte dei Paschi di Siena - Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Altri partener - Fattoria Creativa - Museo Accademia Belle Arti P. Vannucci - nestlè Perugina Museo della Cioccolata - Bibiloteche Sandro Penna e Augusta - Parrocchia di San Sisto e Oratorio Sentinelle del Mattino - Parrocchia di San Domenico - Fondazione Boccardini - Villaggio Conca del Sole - Genitori di Prendiamo Il Giro - associazione degli editori umbri - Proloco di S. Martino in Colle e di San Fortunato della Collina - Gruppo musicale Tetraktis - Pasticceria Fiorucci - cartoleria ECO 30 31

17 i territori Assisi, Bastia, Bettona, Cannara, Valfabbrica servizi Disabili - Assistenza scolastica - Assistenza Domiciliare minori e adulti - Laboratorio cognitivo comportamentale per bambini autistici Salute mentale - Unità di Convivenza La Contessina - Centro di riabilitazione psicosociale - Centro di Giorno - Assistenza Domiciliare Minori immigrati - Assistenza Domiciliare Educativa - Comunita diurna Casa Nostra - Ludoteca Gianni Rodari - Infojò - Centri Estivi - Interventi nelle scuole per minori immigrati Servizi trasversali - Sal 32 Anziani - Assistenza domiciliare socioassistenziale e tutelare - Centro Diurno Alzheimer - Progetto animazione - Telefono d Argento 33 Clienti - Usl Umbria 1 - Comuni di: Assisi, Bastia, Bettona, Cannara, Valfabbrica - Privati - Scuole

18 bilancio sociale 2013 i territori Assisi, Bastia, Bettona, Cannara, Valfabbrica progetti Eventi - Cena di solidarietà - Nonni e Nipoti a Teatro: rappresentazione teatrale c/o il teatro Lyrick - Visita alla città di Pisa, - Animazione soggiorno estivo Comune Assisi - Il Saio di San Francesco: Presentazione del quadro ai Sindaci ed esposizione dello stesso in Comune. - Uscita per visitare la galleria di Burri - Cena di raccolta fondi Assisi/Bastia Pro Loco Rivotorto ; - Cena con gli anziani che hanno partecipato al soggiorno marino - Rappresentazione teatrale Lyric - Festa della vendemmia CD Alzheimer Bettona con le Scuole Elementari - Festa di carnevale organizzata dal Comune di Bastia Umbra con le associazioni di volontariato e le cooperative sociali del territorio - Epifania; - Cartoni Animati; - Giovani in primo piano; - Avventure al parco; - Spupazziamoci LA RETE Terzo settore - AMA - auser - croce Rossa Italiana - avis Bastia - associazione Ghismo - associazione ANGSA - associazione l Albero - associazione Il Giunco - associazione Peter Pan - associazione Sonoxsona - Ass.ne Oltre la Parola - associazione InclusoMe - associazione Fratello Asino - associazione Baila con migo - associazione di genitori Mi Riguarda - associazione italiana persone down - Proloco Bastia, - centro Sociale San Bartolo, - Proloco Petrignano - cesvol Santa Maria degli Angeli Istituti scolastici - istituto Comprensivo Assisi 1 - istituto Comprensivo Assisi 2 - istituto Comprensivo Assisi 3 - ist. Alberghiero Assisi - convitto Nazionale Assisi - ist.comprensivo Bastia 1 - ist Comprensivo Bettona - ist.superiore Polo-Bonghi - liceo Propezio Assisi - direzione Didattica Bastia - ist.comprensivo Valfabbrica - ist.comprensivo Cannara Gruppi sportivi - Piscina Comunale di Assisi e Bastia - Palestra Fit-line - impianto sportivo 3T Cooperazione - cooperativa Sociale Frontiera Lavoro - cooperativa la Goccia - Cooperativa B Cassiopea - Cooperativa B Sole Verde - Cooperativa B Galassia Down Altri partner - Istituto Serafico - I commercianti del territorio -ANGSA 34 35

19 i territori GUBBIO, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo Clienti - USL Umbria 1 Comuni di : Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Scheggia e Pascelupo, Sigillo - Privati - Easp servizi DISABILITà - CSRE GERMOGLIO Gualdo Tadino - csre Centro Accoglienza Aldo Moro Gubbio - Laboratorio NARCISO Gualdo Tadino - Assistenza Scolastica - assistenza Domiciliare socio- Assistenziale, Socio-Riabilitativa- Educativa, Tutelare - attività di Orientamento ed accompagnamento nell ambito degli interventi e dei servizi sociali SALUTE MENTALE-DIPENDENZE - Comunità Le Fornacette - CAD Il Passo di Ulisse - Assistenza domiciliare - Unità di convivenza ANZIANI - Centro Diurno Alzheimer - R.P. - RSA. - EASP Gualdo Tadino - Centro Diurno ALZHEIMER - Il Biancospino - EASP Gualdo Tadino - assistenza Domiciliare Socio- Assistenziale e Tutelare MINORI-IMMIGRATI - ludoteca La quarta dimensione del Gioco - consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze - - informagiovani - Nido d infanzia Peter Pan - Assistenza Domiciliare Educativa - Funzione di Mediazione Interculturale - Centro Estivo - Centri Estivi Privati - laboratorio Aiuto compiti Pomeridiano Non Solo compiti - Mediazione Linguistica alla Scuola Media F. Storelli - - Carnevale Ragazzi - Ventomania - Free time (corsi ed appuntamenti dedicati a cultura e tempo libero) - incontro culinario con Bigfoot - Il tuo mondo sul web: corso di web publishing - Il mondo del blog contro Facebook - Concorso fotografico con AS Gubbio - Corso di fotografia naturalistica - Corso di Illustrazione - Corsi gratuiti Comunicando - Organizzazione XX Gubbstock Rock Festival - mostra Alessandro Baronciani più altre iniziative collaterali intorno al 36 SERVIZI TRASVERSALI - servizio di Accompagnamento al lavoro (SAL) - TRASPORTI: -Trasporto Emodializzati -Trasporto a favore di persone disabili festival di musica rock. 37 PROGETTI EVENTI - Fiume in festival: iniziativa in collaborazione con varie associazioni giovanili e non per il recupero del primo tratto del torrente Camignano - Organizzazione e partecipazione alle iniziative promosse in occasione del Giorno della Memoria: film Train de vie e incontro commemorativo tenutosi presso al Scuola Secondaria di Primo Grado Mastro Giorgio, leggendo delle poesie e dei piccoli brani sul tema dell olocausto.

20 bilancio sociale 2013 i territori GUBBIO, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo - 20 Novembre: Giornata Internazionale dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza Caccia al tesoro che ha coinvolto il CCRR di Gubbio e di Montevarchi. Gioco dell oca incentrato sui diritti dell infanzia. Inoltre è stato effettuato un collegamento skype con un rappresentante dell ass. PeruEtico Italia, associazione che opera in difesa e sostegno dei minori del Perù. - Seminario introduttivo sugli Antichi Umbri - Laboratori presso le classi aderenti al progetto Gli Umbri delle Tavole - Bimbimbici LA RETE Terzo settore - Auser - cesvol - ass. Mondo Musica - Gubbio - ass. La Sorgente - Proloco e ANsPI Ponte d Assi- Gubbio - Gruppo scout - Gualdo Tadino - ass. Amici del Germoglio - Ass. sportiva Atletica Tarsina - atleticagubbio - ass.spirit di Gubbio Ass Insieme - FisDI R/sOI - avis Gualdo Tadino - ente Giochi De Le Porte - ass. Famigli Alto chiascio - Famiglie Ceraiole e Univ deimuratori - Famiglie dei Quaranta Martiri - Biblioteca Sperelliana - Futur-Art Lions club Gubbio Host - ass. Ghismo - ass.culturale I germogli - ass. sportiva Disabili K/T - Gruppo sbandieratori di Gubbio - ass.balestrieri di Gubbio - Gruppo Informale Amici di Roberto - Gruppo Scout gubbio - Bocciofila Eugubina - Polisportiva Gubbio - ass.ciclismo Mocaiana - Pro Loco Rigali - Pro Loco Rasina - Pro Loco Cerqueto, - Pro Loco Biancospino - Ass. culturale Arte e Dintorni - ass. Teatrale Filodrammatica Dialettale Gualdese - Ass. Educare alla vita buona - cai di Gualdo Tadino - Pro loco Biancospino - ass. Il canto dell asino - aps Lenza eugubina- Gubbio - aquilonisti Eolo - Gubbio - danz art- Gubbio - Judo kodokan Gubbio - asd Pattinaggio artistico Semonte - Fitetrec Ante la Contessa qh - Hobby Ricamo- Gubbio - cai - Gubbio - enpa - Gubbio - ass. Crisalide - Gubbio - ass. Peter Pan - cineclub 22 - Gubbio - a.s. Gubbio angsa - Ass. El.BA., - Gruppo Sbandieratori e Balestrieri di Gualdo Tadino - CSI Gubbio - ss Gualdo calcio - Polisportiva Disabili Foligno - Camelot Gubbio, - ASD WALDUM, - asd FROMBOLIERI - ASS.NE CULTURALE LACIODROM - ASD FEDELI RANCH - centro nuoto Flaminio - centro Sportivo italiano - leukos - Telefono Azzurro - Mondo Musica - amici di Roby - alchimia Scuole - scuole dell Infanzia: G. Matteotti, San Martino, Montessori, Torre dei Calzolari, Aldo Moro, Scorcello, Padule, M. del Ponte, Carbonesca, Scritto, Aldo Moro, - le Scuole Primarie: G. Matteotti, Cipolleto, Semonte, Montessori, Burano- - carbonesca, Scritto, San Martino, Torre dei Calzolari, Mad. Del Ponte, Santa Lucia - Primo, Secondo, e Terzo Circolo Didattico - G.S. Istituto Serafico Assisi - istituto di ricerche e documentazione sugli Antichi Umbri - liceo Mazzantini - scuola Media Mastro Giorgio - scuole di ogni ordine e grado di Gualdo Tadino Cooperazione - cooperativa Sicomoro - cooperativa Flaminia Nord - cooperativa Azzurra - coop. POLISPORT Altri partner - Parrocchia s. Silvestro Branca- Gubbio - Parrocchia Sant Agostino - Parrocchia Madonna del Prato - oratorio Don Bosco Gubbio - oratorio Salesiani Gualdo Tadino - Ente Giochi de le Porte - Soci Coop. Centro Italia - supermercati FAMILA e CONAD - satiri FIAT Auto - GEOCHIM Gualdo Tadino - PORTA SAN MARTINO, PORTA SAN DONATO, PORTA SAN BENEDETTO, PORTA SAN FACONDINO - ceramiche cerbella, Rampini, Fumanti, Manganelli - Vigili del Fuoco Gubbio - Polizia Municipale, - dipartimento prevenzione USL 1, - Biblioteca Sperelliana di Gubbio - canile municipale - centro della Gioventù - Palestra Azzurra - Gualdo Basket - circolo Tennis - lions Gubbio Host - FISDIR - cip 38 39

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli