Metodi di ionizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi di ionizzazione"

Transcript

1 Metodi di ionizzazione IL PROCESSO DI IONIZZAZIONE avviene solitamente all interno della sorgente dello spettrometro di massa e può essere realizzato mediante varie tecniche. Dal tipo di processo di ionizzazione dipendono: il numero dei frammenti la natura dei frammenti l abbondanza dei frammenti

2 Metodi di ionizzazione - classificazione Sulla base dell energia energia coinvolta: Alcune tecniche di ionizzazione operano ad alta energia e portano ad una frammentazione spinta, altre operano a bassa energia producendo un numero inferiore di ioni: Tecniche hard: Estesa frammentazione Tecniche Soft informazione PM

3 - TECNICHE HARD Metodi di ionizzazione Ionizzazione elettronica (EI( - Electron Ionisation) - TECNICHE SOFT Ionizzazione chimica (CI( - Chemical Ionisation) Bombardamento con atomi veloci (FAB( - Fast Atom Bombardment) Ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI( - Matrix Assisted Laser Desorption Ionisation) Ionizzazione per elettronebulizzazione (ESI - Electrospray Ionisation)

4 Metodi di ionizzazione - classificazione In base al metodo di volatilizzazione che precede la ionizzazione del campione: Ionizzazione per vaporizzazione Ionizzazione per desorbimento Ionizzazione per nebulizzazione - Molecole piccole - Termicamente stabili - volatili - Molecole grandi - Termicamente poco stabili - non volatili Metodi di scelta per:

5 Metodi di ionizzazione Ionizzazione elettronica (EI( - Electron Ionisation) Ionizzazione chimica (CI( - Chemical Ionisation) Bombardamento con atomi veloci (FAB( - Fast Atom Bombardment) Ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI( - Matrix Assisted Laser Desorption Ionisation) Ionizzazione per elettronebulizzazione (ESI - ElectroSpray Ionisation)

6 IONIZZAZIONE ELETTRONICA (EI)* Campioni solidi o liquidi volatili e non termolabili possono essere introdotti nella camera di ionizzazione per ionizzazione elettronica attraverso: Introduzione diretta Introduzione indiretta (GC, HPLC) Sorgente a IONIZZAZIONE ELETTRONICA *Il termine impatto elettronico è poco usato

7 Ionizzazione elettronica (EI) Nella sorgente le molecole neutre del campione (M),( in fase gassosa,, interagiscono con un fascio di elettroni generato da un filamento incandescente (Renio o Tugsteno) ) ed accelerato attraverso un potenziale regolabile dall operatore. L energia del fascio è normalmente fissata a 70 ev. Filamento M M M e - Molecole neutre vaporizzate +70 ev

8 Ionizzazione elettronica (EI) Tale interazione determina l'espulsione di un elettrone dalla molecola. Il catione radicalico M +. che si forma è detto ione molecolare. e - + M M e - catione radicalico Es.. Il normal decano + e - 2e- C 10 H 22 C 10 H M +. L energia fornita dall interazione con gli elettroni con la molecola causa la ionizzazione (rimozione di 1 elettrone) ed una frammentazione più o meno estesa delle molecole.

9 Ionizzazione-frammentazione Lo ione M +., dotato di alta energia, può FRAMMENTARSI e generare: molecole e/o radicali NEUTRI (che lo strumento non rileva) cationi e/o radicali cationi (IONI( frammento) Perdita di specie neutre - CH. 3 -e - C 10 H 22 Ionizzazione C 10 H M m/z C 2 H 5. Frammentazione dello ione molecolare C 9 H + 19 m/z 127 C 8 H + 17 m/z 113

10 Ionizzazione-frammentazione Le particelle neutre,, come CH 3., C 2 H 5., sono allontanate dalla pompa da vuoto; le particelle cariche,, come C 10 H +. 22, C 9 H 19+, C 8 H 17+,... sono accelerate e convogliate all analizzatore. Nello spettro appaiono in corrispondenza del loro rapporto massa/carica. m/z 113, 127, 142 C 8 H + 17 C 9 H + 19 C 10 H m/z

11 Sorgente a ionizzazione elettronica (EI) Filamento Ingresso del campione All analizzatore Fascio di elettroni Elettrodi di focalizzazione degli ioni e - + M M e - oltre a ioni monocarichi si possono formare anche ioni con più cariche.

12 Sorgente a ionizzazione elettronica (EI)

13 Caratteristiche (EI) E la modalità più classica, tuttora molto utilizzata. E una ionizzazione hard : si possono avere frammentazioni estese che lasciano poco o nulla dello ione molecolare. Il campione deve essere in stato di vapore. Adatto per composti piccoli (< 800 Da), volatili, termicamente stabili. Interfaccia con GC (separazione di miscele di analiti).

14 IONIZZAZIONE CHIMICA (CI) La CI consiste generalmente nel trasferimento di un PROTONE da un gas reagente (GH),, precedentemente ionizzato, alla molecola neutra M da analizzare per formare uno ione molecolare protonato [M+H] +. GH + + M MH + + G Ionizzazione chimica di M La particolarità è che nello spettro vedremo lo ione molecolare con un unità di massa in più M

15 IONIZZAZIONE CHIMICA (CI vs EI) 3,4-dimetossiacetofenone MW = 180 M +. m/z 180 MH + m/z 181 M + 1

16 IONIZZAZIONE CHIMICA (CI) A questo scopo nella n camera di ionizzazione sono presenti: la molecola da analizzare (M)( ) allo stato gassoso un gas reagente (G) in concentrazioni relativamente elevate (1 a 100).

17 Ionizzazione chimica (CI) 1. Il gas reagente è soggetto a ionizzazione elettronica EI. G G +. Ionizzazione EI del gas reagente G 2. Io ione radicalico del gas reagente G +. reagisce con molecole G neutre e forma ioni GH +. G +. Il gas reagente protonato GH + (acido di Brönsted) fungerà da specie ionizzante attraverso una reazione di trasferimento di un protone (reazione ione-molecola neutra) GH + + M GH + Ionizzazione del gas reagente G MH + + G Ionizzazione chimica di M

18 1. Ionizzazione del gas reagente Es. Metano 1. CH 4 + e > CH e > CH 3+ + H. Lo ione molecolare del metano (CH( +. 4 ) generato per ionizzazione elettronica può reagire con l'eccesso di metano neutro: 2. CH CH > CH 5+ + CH. 3 CH CH > C 2 H 5+ + H 2 + H. C 2 H 5+ + CH -----> C 4 3 H H 2 Il catione CH + 5, un acido forte, può quindi protonare con una reazione acido-base praticamente qualsiasi molecola organica (più basica del metano).

19 2. Trasferimento di un protone 3. Il processo di trasferimento di un protone corrisponde ad una reazione, in fase gas, Acido-Base secondo Brønsted nsted-lowrey CH M CH MH + + CH Ionizzazione chimica di M CH 4 M + 1? 3,4-dimetossiacetofenone

20 Formazione di addotti (metano) Oltre a reazioni di trasferimento protonico che portano alla formazione di ioni [M+H] + si possono osservare altri ioni: meno intensi A valori m/z superiori (nel caso del metano: 15, 29, 41..Da.Da)) a quelli dello ione [M+H] + quali.. [M+15 15] + [M+CH 3 ] + [M+29 29] + [M+C 2 H 5 ] + [M+41 41] + [M+C 3 H 5 ] + Tali ioni sono dovuti a formazione di ADDOTTI con la molecola M. M

21 Formazione di addotti (metanolo) Gas reagente metano: CH 5+ 48% C 2 H 5+ 41% C 3 H 5+ 6% CH 5+ + M MH + + CH 4 C 2 H 5+ + M [M+C 2 H 5 ] + + C 2 H 4 MH + M + 1 [M+C 2 H 5 ] + M + 29

22 Formazione di addotti (metanolo) Utili per identificare o confermare lo ione molecolare. MH + [M+C 2 H 5 ] + [M+C 3 H 5 ] + M + 29 M + 41 CI spectrum (by methane) ) of malonamide of pentobarbital PM = 200).

23 Altri gas reagenti impiegati in CI sono: isobutano, ammoniaca, acetonitrile e metanolo. Isobutano: - Altri gas reagenti 1. i-c 4 H 10 + e > i-c 4 H e - 2. i-c 4 H i-c 4 H > i-c 4 H 9+ + C 4 H 9 +H 2 3. (CH 3 ) 3 C + + M i-c 4 H 9 + MH + + (CH 3 ) 3 C=CH 2 M + 1

24 - Altri gas reagenti Ammoniaca: 1. NH 3 + e > > NH e- 2. NH NH > NH 4+ + NH NH M MH + + NH 3 M + 1 Formazione di addotti : [M+NH 4 ] + [M+18] +

25 Affinità protonica (PA) - Scelta del gas reagente Il gas G deve avere affinità protonica MINORE di quella di M altrimenti non è in grado di cedere il protone alla molecola M GH + + M MH M + + G H = PA (G) PA (M) Gas reagente G CH 4 H 2 O CH 3 OH i-c 4 H 10 NH 3 Acido Brønsted CH + 5 H 3 O + CH 3 OH + 2 i-c 4 H 9 + NH + 4 PA

26 Energia trasferita - Scelta del gas reagente L energia trasferita dai vari ioni secondari (metano, isobutano e ammoniaca) diminuisce nell ordine : CH + 5 > i-c 4 H + 9 > NH + 4 Lo ione NH 4+ trasferisce meno energia allo ione MH + che di conseguenza si frammenterà meno.

27 - Scelta del gas reagente. CH + 5 > i-c 4 H + 9 > NH + 4 Figure 1. CI spectrum (by methane) Malonamide of pentobarbital PM = 200 MH + = 201 Figure 2. CI spectrum (by ammonia) MH + = 201 MINORE FRAMMENTAZIONE

28 - Scelta del gas reagente. CH + 5 > i-c 4 H + 9 > NH + 4 Metilbenzofenone PM = 196

29 - Scelta del gas reagente Dall esame degli spettri registrati con diversi reagenti si arriva alla conclusione che, oltre all informazione sul peso molecolare,, si possono anche ottenere informazioni sulla frammentazione, mediante una oculata scelta del gas reagente.

30 Caratteristiche (CI) E una ionizzazione soft soft. Questa tecnica di ionizzazione genera uno ione molecolare MH + con un bassissimo eccesso di energia (< a 5 ev), e le reazioni di frammentazione sono quindi poco importanti. Ione molecolare sempre presente: informazione PM Minore frammentazione: scarse informazioni sulla struttura

31 EI versus CI EFEDRINA Spettro di Massa per Ionizzazione Elettronica MW= 165 M +.

32 EI versus CI EFEDRINA Spettro di Massa per Ionizzazione Chimica MW= 165 [M+H]+ E una tecnica di ionizzazione ad energia più bassa e consente di rilevare lo ione molecolare.

33 Caratteristiche (CI) Il campione deve essere in stato di vapore Adatto per composti piccoli (< 800 Da), volatili, termicamente stabili. Interfaccia con sistemi cromatografici (HPLC).

34 Ionizzazione per Desorbimento: FAB e MALDI E un processo attraverso il quale una molecola è sia evaporata da una superficie (substrato) che ionizzata. Il campione viene desorbito e ionizzato mediante un processo che sfrutta il bombardamento del substrato contenente il campione, con atomi ad alta energia o fotoni, o frammenti di fissione nucleare. L impatto deposita energia sul campione tramite la matrice e porta al trasferimento delle molecole in fase gassosa e alla ionizzazione

35 Ionizzazione per bombardamento di ioni con atomi veloci - FAB - Fast Atom Bombardment Il campione è miscelato ad una MATRICE LIQUIDA (Glicerolo, Tioglicerolo, Nitrobenzil alcol, dietilammina). La miscela (analita( analita-matrice) ) posta su una sonda opportuna, viene introdotta nella camera della sorgente viene bombardata da un fascio di atomi neutri che si muovono ad alta velocità (atomi neutri pesanti come xenon, argon con un energia cinetica di kev ). Soluzione dell analita in glicerina Sonda

36 Ionizzazione per bombardamento di ioni con atomi veloci (FAB) L impatto degli atomi contro la miscela crea fenomeno di superficie cioè gli atomi impattano sulle superfici e proiettano via molecole di analita. Visione pittorica del bombardamento con atomi veloci sulla superficie della soluzione (dispersione) di glicerina con produzione di ioni positivi e negativi dell analita come pure di specie neutre (N) e ioni di glicerina (G)

37 Ionizzazione per bombardamento di ioni con atomi veloci (FAB) In particolare, si verifica un elevato innalzamento della temperatura, per un breve periodo, troppo breve per causare la rottura dei legami chimici, ma sufficientemente alto da permettere la ionizzazione per protonazione dei composti da analizzare.

38 Ionizzazione per bombardamento di ioni con atomi veloci (FAB) L introduzione di questa tecnica nei primi anni 80 ha rivoluzionato la spettrometria di massa, aprendola alla biologia e alla medicina. In questo tipo di ionizzazione il vantaggio rispetto alle precedenti è costituito dal fatto che il campione non deve essere trasformato in gas o vapore. Questa tecnica può essere quindi applicata anche a molecole grandi poco volatili: peptidi,, piccole proteine, altri biopolimeri (fino a 5000). Ionizzazione soft. Con questa tecnica in genere si evitano ulteriori frammentazioni della molecola in esame, problema presente sia nella ionizzazione chimica che elettronica. Quantità minima circa 20 picomoli

39 MALDI - Matrix Assisted Laser Desorption Ionisation La tecnica MALDI è stata introdotta da Karas e Hillkamp nel 1988 per la ionizzazione di peptidi e di proteine. Successivamente questa tecnica è stata in grado di analizzare altri tipi di biomolecole come oligosaccaridi glicolipidi, nucleotidi e polimeri sintetici. Il campione è cristallizzato con MATRICI CRISTALLINE capaci di assorbire la radiazione UV del laser, (Es.( nicotinic acid or dihydroxybenzoic acid).

40 MALDI - Matrix Assisted Laser Desorption Ionisation Un impulso di raggio laser colpisce la MATRICE CRISTALLINA.. Il laser che emette radiazione UV, ha funzione di aiutare a introdurre energia ergia nel sistema molecolare per promuovere la ionizzazione impedendo contemporaneamente una degradazione termica del campione. - Matrice cristallina (anzichè liquida). - Fascio di fotoni (anziché di atomi). -The final molar ratio sample/matrix matrix is about or around 1/ Ioni prodotti sono spesso solo a singola carica

41 MALDI - Matrix Assisted Laser Desorption Ionisation Molecole di campione matrice Ioni positivi Ioni negativi

42

43 Caratteristiche MALDI MALDI è utilizzato per determinare il peso molecolare di peptidi, proteine, oligonucleotidi,, ed altri composti di origine biologica o sintetica (polimeri sintetici). La quantità di campione richiesta è molto piccola (1( to 10 pmol/ul). - MALDI tollera l impiego di sali e tamponi. Anche se è meglio rimuoverli per ottenere migliori performance.

44 Ionizzazione elettrospray (ESI) L ESI è una tecnica di ionizzazione soft che consente di analizzare molecole grandi, non volatili generando ioni molecolari [M+H[ M+H] + direttamente da una SOLUZIONE del campione. Il campione è sciolto in un solvente opportuno in presenza di piccole quantità di un acido. Capillare dell eletrospray eletrospray FLUSSO DI GAS Controelettrodo CAPILLARE

45 Nebulizzazione La soluzione (<10-3 M) dell analita analita, passando attraverso un capillare di acciaio inossidabile, viene NEBULIZZATA. Si forma un aerosol di piccole goccioline di solvente contenenti il campione. La ionizzazione di solito è spontanea, ma può essere indotta con l aggiunta di reagenti adatti. Capillare dell eletrospray eletrospray Solvente/campione

46 Nebulizzazione In particolare,, poiché l estremità del capillare si trova ad un POTENZIALE ELEVATO (3-6 kv) la nebulizzazione porta alla formazione di goccioline cariche che contengono l analita IONIZZATO. Capillare dell eletrospray eletrospray

47 Nebulizzazione: formazione delle goccioline cariche Meccanismo di formazione delle goccioline cariche Se il potenziale del capillare è positivo,, gli IONI POSITIVI della soluzione elettrolitica si allontanano dal capillare e si accumuleranno sulla superficie del liquido che si trova sulla punta del capillare. are. Gli IONI NEGATIVI saranno invece trattenuti all interno del capillare.

48 Nebulizzazione: formazione delle goccioline cariche Quando la repulsione degli ioni positivi presenti sulla superficie, assieme alla forza esercitata su di essi dal campo elettrico,, vincono la tensione superficiale del liquido si ha l espansione del liquido ido (che si muove seguendo il campo) in un cono (cono( di Taylor),

49 Nebulizzazione: formazione delle goccioline cariche La punta del cono di Taylor,, essendo la parte meno stabile, si allunga a formare un getto sottile si scinde in singole goccioline cariche (spray).

50 Evaporazione del solvente (evaporazione ionica) Le goccioline cariche positivamente,, vengono attratte da un controelettrodo,, che può essere costituito grossolanamente da un capillare mantenuto sotto vuoto e a un potenziale negativo; ; in tal modo e con l aiuto di un flusso di gas ausiliario inerte (N 2 ) riscaldato,, coassiale rispetto alla direzione del flusso di soluzione, il sovente evapora FLUSSO DI GAS Controelettrodo CAPILLARE

51 Evaporazione del solvente Man mano che il solvente contenuto nelle goccioline EVAPORA, queste si rimpiccioliscono (il raggio si riduce), mentre aumenta la densità di carica. In questo modo la forza di repulsione elettrostatica coulombiana, aumentata a causa della forte densità elettrica.

52 Evaporazione del solvente Ad un certo valore del raggio della gocciolina, quando la repulsione supera l effetto di coesione esercitato dalla tensione superficiale della goccia (limite( di Rayleigh*),, si osserva L ESPLOSIONE delle goccioline con formazione di piccolissime goccioline cariche. *Il limite di Rayleigh (il punto in cui la forza di repulsione di Coulomb delle cariche e sulla superficie è uguale alla tensione superficiale della soluzione).

53 Formazione di ioni La formazione di ioni mono e multicarica dalle goccioline è un fenomeno che ha luogo in più stadi attraverso meccanismi tuttora oggetto di discussione:?

54 Evaporazione del solvente e meccanismi di formazione di ioni Meccanismo del residuo carico, (CRM), charged residue model, Dole. Le goccie vanno incontro ad una serie di scissioni che portano alla fine alla produzione di piccole goccie con una o più cariche che trasportano una sola molecola di analita: ioni monocarica o multicarica

55 Evaporazione del solvente e meccanismi di formazione di ioni Meccanismo di evaporazione ionica (IME) ion evaporation model, Iribarne and Thomson). Singole molecole cariche vengono espulse direttamente dalla goccia per ridurre la densità di carica sulla superficie.

56 Gli ioni generati vengono poi indirizzati da un gradiente di campo verso l analizzatore

57 Caratteristiche (ESI) E un metodo di ionizzazione soft per cui si osserva uno ione molecolare integro. Si può formare: - uno ione a carica singola (M+H) + Es. Pentapeptide leucine enkephalin (C 28 PM = Da 28 H N 5 O 7 )

58 Caratteristiche (ESI) - Si possono formare addotti con il sodio (M+Na) + Lo spettro EI non è utile, in quanto il lattosio ha una bassa tensione di vapore ed è termicamente labile: lo spettro non presenta alcun picco caratteristico. ristico. Lo spettro ESI mostra un debole picco dello ione molecolare a m/z 342 e un picco caratteristico [M + 23] +, il picco ione molecolare più sodio. Poiché gli ioni sodio sono ubiquitari in soluzione acquosa, questi addotti con il sodio sono molto comuni.

59 Caratteristiche (ESI) - Spesso vengono prodotti ioni multicarica (z > 1) (multiply charged ions) (M+nH) n+. L ESI infatti può dislocare sulle molecole un numero di cariche (protoni) anche elevato. Siccome ogni misura di MS è una misura del rapporto m/z ne consegue che all'aumentare di z,, il rapporto m/z diminuisce e quindi possono essere analizzate anche sostanze con una elevatissima massa molecolare. Ad esempio, se una molecola di massa relativa M = 9990 Dalton dà uno ione con 10 cariche positive, tale segnale avrà la composizione (M+10 10H) 10 + e quindi il picco corrispondente apparirà a: m/z = (M+10) 10 ( ) = = = 1000 Ciò consente di analizzare anche molecole con ELEVATO PESO MOLECOLARE (ad esempio le proteine) impiegando analizzatori che hanno un range ridotto (limite superiore di PM 1200 Da), ad esempio i quadrupoli.

60 ESI: calcolo della massa degli ioni multicarica Quando la massa molecolare relativa (RMM) è incognita, la si può calcolare da due semplici formule (o meglio il calcolatore la deduce da semplici formule) date da: m/z m 1 e m/z m 2 sono due picchi adiacenti dove m1<m2 n 2 = numero delle cariche dello ione a m/z m 2 H = la massa di un protone M = la massa molecolare relativa (RMM) dell'incognito. Dal momento che i picchi dell'insieme sperimentale formano una serie s in cui ciascun termine differisce dal vicino per una carica, risulta facile per il sistema di elaborazione dati: - identificare la carica associata a ciascun picco - calcolare la massa molecolare da ciascun picco usando M=n(m (m-h) - mediare i valori di massa molecolare. Un opportuno programma di trasformazione presenta poi i dati in uno spettro di massa ricostruito.

61 ESI: calcolo della massa degli ioni multicarica Esempio 1: Spettro ESI di ioni positivi della mioglobina equina (peso molecolare medio 16950,5) Insieme di picchi ciascuno corrispondente alla molecola intatta, ma con diverse cariche (protoni) a partire da z=24 con m/z 707 fino a z=12 con m/z 1413.

62 ESI: calcolo della massa degli ioni multicarica Esempio 1: Deconvoluzione dello spettro ESI multicarica della mioglobina. (peso molecolare 16950,5) Spettro ESI ricostruito

63 ESI: calcolo della massa degli ioni multicarica Esempio 2: protein hen egg white lysozyme MW = Da

64 ESI: calcolo della massa degli ioni multicarica Esempio 2: Deconvoluzione protein hen egg white lysozyme MW = Da Spettro ESI ricostruito

65 Caratteristiche (ESI) ioni multicarica Il numero di cariche positive che una molecola può supportare dipende dal numero di centri basici presenti sulla molecola. La ionizzazione di un peptide ha generato una popolazione di peptidi carichi e non carichi. (In positive ion mode the analyte is sprayed at low ph to encourage positive ion formation. In negative ion the analysis is normally carried out well above a molecules isoelectric point to deprotonate the molecule).

66 Caratteristiche (ESI) ioni multicarica [M+2H] ++ z = 2 [M+H] + m/z z è la carica dello ione = 2 m/z Lo spettro contiene ioni a carica singola (m/z( 379.2) e a doppia carica (m/z( 190.1)

67 Caratteristiche (ESI) ESI è un processo a pressione atmosferica. Ciò rende l ESI un metodo più semplice che può essere accoppiato molto bene con interfacce di tipo HPLC E il metodo di scelta per l analisi di molecole termolabili.. Può essere utilizzato per biopolimeri di piccole e grandi dimensioni (peptides, proteins, carbohydrates,, and DNA fragments), and lipids. Il campione deve essere solubile e stabile in soluzione, deve essere polare e relativamente pulito (free( of nonvolatile buffers, detergents, salts,, etc.).

Cos è uno spettrometro di massa

Cos è uno spettrometro di massa Cos è uno spettrometro di massa Lo spettrometro di massa è uno strumento che produce ioni e li separa in fase gassosa in base al loro rapporto massa/carica (m/z). Un analisi in spettrometria di massa può

Dettagli

Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per

Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per Perché la spettrometria di massa potrebbe essere di interesse per Voi? La spettrometria di massa è una tecnica analitica potente usata per identificare prodotti incogniti, per determinazioni quantitative

Dettagli

Accoppiamento fra tecniche cromatografiche e spettrometria di massa

Accoppiamento fra tecniche cromatografiche e spettrometria di massa Accoppiamento fra tecniche cromatografiche e spettrometria di massa I due principali accoppiamenti fra cromatografia e spettrometria di massa sono GC-MS e HPLC-MS: Tecnica GC-MS Tipi di accoppiamento con

Dettagli

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GC GC/MS Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GAS-CROMATOGRAFO GAS di TRASPORTO (carrier): Gas inerte (azoto,elio..): trasporta componenti della miscela lungo la colonna cromatografica INIETTORE: - Assicura

Dettagli

Spettrometria di Massa

Spettrometria di Massa Spettrometria di Massa Cosa è la spettrometria di massa? Metodo analitico per misurare il peso molecolare di un campione Sono richieste solo concentrazioni picomolari Accuratezza entro lo 0.01% del peso

Dettagli

2. Analisi dei segmenti a. Frammentare le subunità in peptidi

2. Analisi dei segmenti a. Frammentare le subunità in peptidi 1. Preliminari a. Biochimica delle proteine Prof. M. Bolognesi Denaturazione a.a. 2007/2008 delle proteine b. Riduzione e alchilazione dei ponti disolfuro c. Determinazione delle subunità 2. Analisi dei

Dettagli

Spettrometria di massa

Spettrometria di massa Tecniche di monitoraggio ambientale di tipo fisico Spettrometria di massa (J. B. Fenn, K. Tanaka, K. Wüthrich, premio nobel per la chimica nel 2002) Analisi chimica dell aerosol Riconoscimento di inquinanti

Dettagli

Cromatografia liquida ad alta performance (HPLC)

Cromatografia liquida ad alta performance (HPLC) Cromatografia liquida ad alta performance (HPLC) La cromatografia in fase liquida viene utilizzata per la separazione di miscele complesse di molecole e/o biomolecole. Riducendo il diametro delle particelle

Dettagli

Che Cos è la SPETTROMETRIA DI MASSA

Che Cos è la SPETTROMETRIA DI MASSA Che Cos è la SPETTROMETRIA DI MASSA AMERICAN SOCIETY FOR MASS SPECTROMETRY SOCIETÀ CHIMICA ITALIANA DIVISIONE DI SPETTROMETRIA DI MASSA Traduzione da What is MASS SPECTROMETRY, ASMS (American Society for

Dettagli

1. Teoria ITIS FACCIO VERCELLI DIPARTIMENTO DI CHIMICA - 2014 2

1. Teoria ITIS FACCIO VERCELLI DIPARTIMENTO DI CHIMICA - 2014 2 1. Teoria La spettrometria di massa (Mass Spettroscopy - MS) è una tecnica analitica piuttosto vecchia (risale agli anni venti del novecento) ma, dopo l'interfacciamento con i moderni PC, ha conosciuto

Dettagli

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA

UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN CHIMICA TESI DI LAUREA DETERMINAZIONE QUANTITATIVA DI ROTENONE IN OLIVICOLTURA BIOLOGICA MEDIANTE SPETTROMETRIA

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

IMPORTANZA DELLA SPETTROMETRIA DI MASSA NEL CAMPO BIOTECNOLOGICO

IMPORTANZA DELLA SPETTROMETRIA DI MASSA NEL CAMPO BIOTECNOLOGICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA DI SCIENZE e TECNOLOGIE Corso di laurea in Biotecnologie IMPORTANZA DELLA SPETTROMETRIA DI MASSA NEL CAMPO BIOTECNOLOGICO Docente: Anna Rita Mastrogiacomo

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA

Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA Introduzione alla SPETTROMETRIA IN ASSORBIMENTO ATOMICO SPETTROMETRIA PLASMA MASSA CROMATOGRAFIA IONICA www.sdasr.unict.it/materiale/lab_geoch_lezione8.ppt venus.unive.it/matdid.php?utente=capoda&base...ppt...

Dettagli

METODI FISICI IN CHIMICA ORGANICA

METODI FISICI IN CHIMICA ORGANICA METODI FISICI IN CHIMICA ORGANICA Spettrometria di massa Testi consigliati: -B. Gioia, R. Stradi,, E. Rossi, Guida al corso di metodi fisici in chimica organica, Vol II, (Massa), Ed. CUSL, Milano 1989

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

SPETTROMETRIA DI MASSA

SPETTROMETRIA DI MASSA SPETTROMETRIA DI MASSA INTRODUZIONE La spettrometria di massa e una tecnica analitica di delucidazione strutturale basata sulla ionizzazione di una molecola e sulla sua successiva frammentazione in ioni

Dettagli

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento Spettroscopia Raman Quando una radiazione monocromatica di frequenza n o e incidente ad un sistema molecolare la luce viene: assorbita se ha energia pari ad una possibile transizione ad un livello energetico

Dettagli

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo

SDD - Seconde Equilibrio e ph. Equilibrio e ph. Obiettivo 1 Obiettivo Capire che cosa è il ph, apprendere le leggi fondamentali che lo controllano e capire qualitativamente le applicazioni delle soluzioni tampone. Prerequisiti Il concetto di equilibrio (che comunque

Dettagli

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da

LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO. Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da 1 All.to 1 LOTTO 1 - CAPITOLATO TECNICO Spettrometro di Massa lineare/reflectron MALDI completo di sistema 2D-gel e HPLC con Spotting caratterizzato da Analizzatore Tubo di volo lineare di almeno 1,5m

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Lenti con orifizi molto piccoli (skimmer o coni) devono comunque permettere passaggio di più ioni possibile per garantire sensibilità

Lenti con orifizi molto piccoli (skimmer o coni) devono comunque permettere passaggio di più ioni possibile per garantire sensibilità IONIZZAZIONE A PRESSIONE ATMOSFERICA ESI Elettrospray API APCI Ionizzazione chimica a pressione atmosferica APPI Fotoionizzazione a pressione atmosferica La CI richiede P più elevata rispetto a quella

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

SINTESI C5. L acqua e le sue proprietà

SINTESI C5. L acqua e le sue proprietà L origine dell acqua sulla Terra L acqua è una sostanza indispensabile per la vita sul nostro pianeta e gli studiosi si sono da tempo interrogati su quale sia la sua origine. ggi, grazie allo studio delle

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità SOLUBILITA DELLE PROTEINE ph FORZA IONICA SOLVENTI POLIMERI ORGANICI TEMPERATURA Effetto del ph Precipitazione

Dettagli

IL MARCATORE TUMORALE

IL MARCATORE TUMORALE IL MARCATORE TUMORALE Un marcatore tumorale è una sostanza rilevabile nei fluidi biologici la cui positività indica la presenza di un tumore. Il marcatore tumorale ideale dovrebbe presentare una completa

Dettagli

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido

Quesiti e problemi. 12 Quali sono i fattori che influenzano la solubilità di. 13 Quali sono le differenze fra le solubilità di un solido Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 261 A PAG 264 1 Perché le sostanze si sciolgono? 1 Quali sono le definizioni di solvente e di soluto? 2 Gli elettroliti deboli, quando si sciolgono in acqua a) si dissociano

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3. Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica La chimica degli acidi e delle basi 3 Idrolisi salina Soluzioni tampone Titolazioni acido-base 1 Equilibri idrolitici La soluzione acquosa di un sale ottenuto

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

Metodi fisici di modifica superficiale di polimeri

Metodi fisici di modifica superficiale di polimeri Trattamenti di modifica superficiale Si rendono necessari quando occorre modificare le proprietà di superficie dell oggetto, ovvero quando l oggetto deve interagire col mondo esterno prevalentemente attraverso

Dettagli

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013

A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH. IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 A cura di Elisa, Alessandro e Riccardo 5ACH IS Fermi Mantova Progetto Scuola 21 AS 2012-2013 Cromatografia??? La cromatografia è un metodo chimico-fisico che sfrutta la tendenza delle sostanze a distribuirsi

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Tecniche di spettrometria di massa applicabili all analisi del proteoma

Tecniche di spettrometria di massa applicabili all analisi del proteoma Tecniche di spettrometria di massa applicabili all analisi del proteoma In proteomica, la spettrometria di massa non rappresenta soltanto la procedura di elezione per ottenere misure precise della massa

Dettagli

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua.

Biologia. Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. La chimica della vita. I legami chimici. L acqua. Biologia Chimica Fisica Organismi: faa di materia, cosctuita di elemen%, che si combinano in compos%. ElemenC naturali nel corpo umano Simbolo Elemento % in peso Il 96% é fako di O Ossigeno 65.0 C Carbonio

Dettagli

Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni

Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni Le tecniche combinate TG/IR e TG/IR/GCMS: principi ed applicazioni November 7, Maria 2014 Grazia Garavaglia Materials Characterization Product Specialist San Vito di Altivole, 05 Novembre 2014 2009 PerkinElmer

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro.

Ke = ] = Kw = 10 = 10-7 moli/litro, ed in base a quanto avevamo affermato in precedenza: [H + ] = [OH - ] = 10-7 moli/litro. Prodotto ionico dell acqua e ph Prodotto ionico dell acqua L acqua è un elettrolita debolissimo e si dissocia secondo la reazione: H 2 O H + + OH - La costante di equilibrio dell acqua è molto piccola

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA APPLICAZIONI INDUSTRIALI DEL PLASMA Caratteristiche che rendono il plasma utile per applicazioni industriali: ² È caratterizzato da un ampio range di densità di potenza/energia (plasmi termici in archi

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

Metodi spettroscopici in Chimica Organica

Metodi spettroscopici in Chimica Organica Metodi spettroscopici in Chimica Organica II Edizione Manfred Hesse Università di Zurigo Herbert Meier Università di Mainz Bernd Zeeh BASF Limburgerhof Edizione italiana a cura di Giorgio Abbiati Facoltà

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche

Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Tecniche analitiche più usate per le sostanze organiche Le tecniche analitiche strumentali sono un utilissimo strumento per identificare sostanze incognite (analisi qualitativa), ad esempio per riconoscere

Dettagli

Capitolo 7. Le soluzioni

Capitolo 7. Le soluzioni Capitolo 7 Le soluzioni Come visto prima, mescolando tra loro sostanze pure esse danno origine a miscele di sostanze o semplicemente miscele. Una miscela può essere omogenea ( detta anche soluzione) o

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca

Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Corso di Metodologie Chimiche Dr. ssa Brigida D Abrosca Separazione dei tensioattivi e riconoscimento della classe di appartenenza I formulati di uso domestico a base di tensioattivi sono numerosi almeno

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995

Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Giochi della Chimica 1995 Fase nazionale Problemi a risposta aperta Frascati, 7 giugno 1995 Problema n. 1 (80 punti) Il metil diidrojasmonate (A) è un prodotto sintetico utilizzato in profumeria che può

Dettagli

DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS

DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS DETERMINATION OF THE ACIDIC PROPERTIES OF MODIFIED SILICAS BY THERMOGRAVIMETRIC ANALYSIS Antonella Gervasini, Simona Bennici e Paolo Carniti Dipartimento di Chimica Fisica ed Elettrochimica, Università

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B

Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B Giochi della Chimica 2008 Fase regionale Classi A e B 1. L energia irradiata dal sole è originata da: A) fusione nucleare B) fissione nucleare C) combustione dell idrogeno D) perdita di massa per azione

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo

gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo gli stati inusuali della materia: il PLASMA e i COLLOIDI Pietro Favia, Gerardo Palazzo Dipartimento di Chimica, Università di Bari Aldo Moro CAMPUS, via Orabona 4, 70126 Bari pietro.favia@uniba.it, gerardo.palazzo@uniba.it

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ]

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ] La molecola d acqua è un dipolo perché l atomo di ossigeno è molto elettronegativo ed attira più vicini a sé gli elettroni di legame. Questo, unito alla forma della molecola, produce un accumulo di carica

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI

RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI RIDUZIONE DELLE CLOROAMMINE IN PISCINA TRAMITE RAGGI ULTRAVIOLETTI Autore: Andrea Peluso INTRODUZIONE: La riduzione delle cloroammine in piscina tramite l utilizzo di raggi ultravioletti è una pratica

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani

UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani UTILIZZO DI LIQUIDI BIOLOGICI URINARI NEGLI ACCERTAMENTI TOSSICOLOGICI Dott.ssa Barbara Candiani Giuristi&diritto.it dirittoi fattori che influenzano il risultato derivante da test preliminari su matrice

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

PROTEOMA E PROTEOMICA

PROTEOMA E PROTEOMICA PROTEOMA E PROTEOMICA "The analysis of the entire PROTEin content expressed by a genome, or by a cell or tissue type. Wasinger VC et al, Electrophoresis 16 (1995) PROTEOMICS is the systematic analysis

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Spettrometria. Introduzione.

Spettrometria. Introduzione. Spettrometria. Introduzione. Lo studio degli spettri di emissione e di assorbimento è stato sicuramente uno degli aspetti che hanno maggiormente contribuito alla crisi della meccanica classica a cavallo

Dettagli