La comunicazione sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La comunicazione sociale"

Transcript

1 La comunicazione sociale 1. La comunicazione sociale delle imprese 2. La responsabilità di impresa 3. La responsabilità etica 4. La responsabilità filantropica 5. Il cause related marketing 6. Il bilancio sociale

2 1. La comunicazione sociale Anno Fonte Consenso degli italiani alla partecipazione delle imprese alla soluzione dei problemi sociali 2002 Ipsos-Explorer - Sodalitas 82% (moltoabbastanza d accordo) 2000 Datamedia 78,4% Consenso degli italiani verso la comunicazione sociale delle imprese 86% (moltoabbastanza d accordo) Dal 2000 Istituto Nielsen-Sodalitas : Osservatorio sulla comunicazione sociale Censisce e fa conoscere le campagne sociali organizzate dalle aziende in Italia e all estero.

3 2. La responsabilità d impresa la responsabilità sociale non appare solo una posizione etica dell imprenditore o del manager ( ) ma una componente istituzionale di una condotta imprenditoriale innovativa orientata al successo e alla sopravvivenza dell impresa sul lungo periodo che valorizza insieme il proprio capitale economico e il proprio capitale sociale (Butera e Catino 2002, p.35)

4

5

6

7 2. La responsabilità d impresa Altri dati, altre esperienze 36 top manager di grandi imprese multinazionali (Coca Cola, Mc Donald s, Siemens, Deutsche Bank, ) hanno firmato un documento in cui si impegnano a porre al centro del proprio interesse l attenzione al sociale e non soltanto la crescita immediata di profitto. La Commissione Europea ha pubblicato nel 2001 il Libro Verde sulla responsabilità sociale delle imprese (CSR) che si pone l obiettivo di definire il concetto di responsabilità sociale, determinare norme e condotte pratiche in materia. Il Dow Jones Sustainability Index basato sulla quantificazione delle performance di sostenibilità sociale rileva che le imprese con più alti valori di sostenibilità sono eccellenti economicamente e mediamente migliori della concorrenza

8 2. La responsabilità d impresa La piramide delle responsabilità sociali. Carroll (1991) Be a good corporate citizen Be ethical Obey the law Be profitable

9 2. La responsabilità d impresa Le aree verso cui si può estrinsecare la responsabilità sociale dell impresa sono: Le relazioni con le risorse umane: le condizioni di lavoro, la parità di condizioni retributive e lavorative tra i generi, la formazione professionale, Le relazioni con l ambiente fisico: le politiche di riciclaggio dei materiali, il rispetto dei vincoli naturalistici e ambientali Le relazioni con l ambiente sociale: il sostegno alle iniziative di vario genere (culturali, sportive, ricerca scientifica) Le caratteristiche del prodotto/servizio: qualità, sicurezza, correttezza della comunicazione pubblicitaria e delle informazioni erogate ai consumatori, assistenza ai clienti Fonte: Gadotti (2003) in Fabris, La comunicazione d impresa.

10 3. La responsabilità etica Le cause La nuova consapevolezza del consumatore Il consumatore vigilante (Adkins, 1999) Il professionista dell acquisto (Fabris, 1995) L alfabetizzato di marketing attento ai comportamenti d impresa. L emergere di una cultura orientata alla qualità della vita L esperienza di consumo ha risvolti etici Il consumerismo soft (Codeluppi,1992) Ex. Consumo equo e solidale

11 3. La responsabilità etica Evoluzione del concetto di qualità del prodotto Caratteristiche etiche Child-labor free, ecocompatibile Caratteristiche aggiuntive (estetica, servizio) Caratteristiche fisiche

12

13

14

15

16

17 3. La responsabilità etica I risvolti I rogue websites: raccolgono proteste e accuse dei cittadini/consumatori nei confronti di una azienda colpevole di inquinamento ambientale, impiego di lavoro minorile nei Paesi emergenti,

18 Il caso mcspotlight Il sito nasce nel febbraio 96, in conseguenza alla legislazione inglese sulla diffamazione. Steel e Morris, due attivisti vicini a London Greenpeace, si erano visti notificare un mandato di comparizione per aver realizzato un opuscolo dal titolo: Cos è che non va con i Mc Donald s? Tutto quello che non vogliono farvi sapere. I due furono chiamati a provare ogni singola affermazione contenuta nel depliant, e lo fecero raccogliendo testimonianze e realizzando interviste, fino a produrre una considerevole mole di documentazione da cui nacque Mc Spotlight, che oggi occupa 120 MB di memoria e contiene più di 21mila file.

19 America, un referendum per bere il caffè politicamente corretto, La Repubblica, 10 Agosto 2002 articolo di V. Zucconi. L OCA (Organic Consumer Association) sta raccogliendo firme per un referendum per una tassa sull equo commercio che dovrebbe servire a pagare un prezzo giusto ai braccianti.

20 3. La responsabilità etica Gli strumenti della comunicazione etica delle aziende: La comunicazione auto-prodotta con risvolti etici La comunicazione pubblicitaria Si arricchisce di una garanzia/ rassicurazione o assunzione di impegno verso le attese etiche del target, per dissolvere la potenziale diffidenza verso aspetti del prodotto o del ciclo produttivo. Ex. La comunicazione dell etica ecologica. La comunicazione pubblicitaria esalta gli attributi di compatibilità ambientale del prodotto, vengono descritte le tecniche industriali che gli danno vita presentate come innocue o giovevoli all ambiente.

21

22

23 3. La responsabilità etica La comunicazione generata con la mediazione di soggetti esterni Per incrementare il tasso di credibilità delle comunicazione pubblicitaria a risvolto etico, sempre più spesso le aziende fanno alleanze strategiche con un organizzazione no profit del settore che diviene garante dell impegno assunto dall azienda. Tra gli strumenti si annoverano: la certificazione il bilancio socio-ambientale

24 3. La responsabilità etica Ecolabel e bollettino etico: certificazioni rilasciate da organismi imparziali di controllo che valutano le performance dell impresa rispetto agli standard internazionali. Ecolabel: 1. creato dalla Commissione Europea nel Oggi unico marchio ufficiale esistente in Europa 3. Adesione volontaria Bollettino etico: , con gli standard SA Per ottenere il rilascio occorre che non solo l azienda, ma anche i fornitori primari e secondari soddisfino i requisiti richiesti 3. Prevede: sicurezza e salubrità sul posto di lavoro, assenza di discriminazioni, libertà di associazione e diritto di contrattazione, orario di lavoro,, criteri retributivi, La pratica dell ecolabeling era gi àdiffusa in diversi Paesi: Angelo Azzurro in Germania (1977), il Cigno Bianco nei Paesi Scandinavi (1989); il Sigillo Verde negli USA (1991), Eco-mark in Giappone (1989)

25 3. La responsabilità etica Il caso Nike L azienda si è mobilitata sul fronte della comunicazione per recuperare, attraverso la garanzia fornita da una autorevole agenzia internazionale, la propria credibilità di azienda socialmente responsabile. Gli antefatti: la minaccia di boicottaggio militante del popolo no global aveva indotto la multinazionale a cancellare tutti i contratti con i fornitori cambogiani, Paese con bassi salari e nessuna legislazione del lavoro. L operazione di comunicazione: l azienda ha comunicato attraverso diversi canali (pubblicità, inserti su stampa, ) che i propri stabilimenti saranno controllati dall Organizzazione internazionale del lavoro. Mai più sfruttare i bambini, ora Nike cerca il riscatto. Nuove fabbriche in Cambogia aperte ai sindacati, in La Repubblica, 22 Giugno 2002, articolo scritto da Federico Rampini.

26 3. La responsabilità etica Il Bilancio socio-ambientale (o Rapporto Sociale*): Offre un quadro delle iniziative intraprese dall azienda nei vari campi della socialità e nella protezione dell ambiente; quantifica il contributo in valore aggiunto che essa ha garantito; la diffusione pubblicitaria e/o telematica del bilancio sociale rende noti gli investimenti (in denaro e risorse umane) nelle aree della socialità; Il bilancio sociale favorisce la conoscenza e il coinvolgimento della collettività alla gestione dell azienda È un importante veicolo di comunicazione per accreditare l immagine e garantire la legittimità dell agire d impresa. Quando si è in presenza di un documento limitato all indicazione asistematica di una serie di spese e indici è più corretto parlare di Rapporto Sociale. Vedi: Rusconi G. Etica e impresa: un analisi economico-aziendale, 1997

27 3. La responsabilità etica Il Bilancio socio-ambientale Numerosi standard emergenti ed esperienze internazionali di rendicontazione sociale d impresa. Il più noto è SA8000 che esplicita le procedure e gli standard di comportamento che ogni impresa deve rispettare. Rilasciato dal Council of Economic Priorities Accreditation Agency (CEPAA). Le norme alla base della certificazione SA 8000 sono state redatte con riferimento agli accordi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo, alla Carta dei diritti del fanciullo delle Nazioni Unite. In Italia l introduzione dello standard ha vivacizzato il dibattito pubblico sul tema della responsabilità sociale d impresa anche grazie all esperienza della Coop Italia, la prima impresa in Europa ad ottenere la certificazione SA 8000.

28 BILANCIO SOCIALE: struttura standard GBS 1. PRINCIPI E FINALITÀ REDAZIONE DEL BILANCIO SOCIALE 2. BILANCIO SOCIALE 2.1 identità aziendale 2.2 produzione e distribuzione del valore aggiunto 2.3 relazione sociale 3. APPENDICE 3.1 Tavole di interpretazione su traslazione bilancio sociale/conto economico di esercizio NB: esistono varie versioni e modelli

29 4. La responsabilità filantropica La responsabilità filantropica riguarda il coinvolgimento diretto dell impresa in iniziative atte a promuovere il benessere collettivo a prescindere dall aspettativa di stakeholder e cittadini. In passato, iniziative filantropiche erano gestite in modo frammentario, non integrate in una strategia complessiva. Nell ultimo ventennio l investimento sociale d impresa è visto come parte integrante degli obiettivi dell organizzazione e integrato nelle politiche di business e comunicative. Si passa quindi dalla filantropia aziendale al marketing filantropico (Caldani e Brioschi, 1997)

30 4. La responsabilità filantropica Le forme della responsabilità filantropica: Le donazioni: tutte le forme di sostegno a titolo gratuito in favore di una vasta gamma di cause sociali o al fine di sostenere un organizzazione no profit; Gli investimenti sociali: investimenti di lungo periodo finalizzati al perseguimento di scopi più definiti. ex: finanziamenti di progetti specifici per la soluzione di problemi sociali nella comunità; Il Cause Related Marketing (marketing legato ad una causa): l azienda intraprende un attività commerciale in partnership con organizzazioni no profit al fine di promuovere un immagine, un prodotto, un servizio traendone entrambe un beneficio.

31 4. La responsabilità filantropica Sponsorizzazione tecnica Sponsorizzazione economica Donazione di materiale Charity promotion Volontariato professionale L azienda sostiene i costi di realizzazione di un evento(ex. Un concerto, una cena di beneficienza, un evento televisivo) L azienda concede un contributo in denaro di entità fissa a favore dell evento/progetto specifico di una organizzazione no profit al fine di sostenerne direttamente parte dei costi di realizzazione L azienda cede prodotti/beni al fine di sostenere la gestione di una organizzazione no profit (ex. computer per la sede). L azienda dona parte del fatturato di un prodotto o di una linea di prodotti a favore di un organizzazione no profit. Sono iniziative di breve periodo, prive di strategia promozionale/pubblicitaria, assenza di coinvolgimento dello staff aziendale L azienda profit offre servizi e professionalità interne a favore di una organizzazione no profit Support salary program Donazione di una piccola somma degli stipendi dei dipendenti aziendali a favore di una causa o di una organizzazione no profit.

32 4. La responsabilità filantropica Tipologie di interventi sociali che dovrebbero/potrebbero essere svolte dalle aziende. Suggerimenti dei cittadini intervistati. Ipsos-Explorer 2002 per Sodalitas investimenti per migliorare i servizi nel territorio donazione/beneficienza interventi nel marketing sociale sponsorizzazioni culturali e sociali

33 4. La responsabilità filantropica Tematiche(problematiche che dovrebbero essere oggetto di attività sociale per le imprese. Opinioni dei cittadini intervistati. Ipsos-Explorer 2002 per Sodalitas giovani, formazione e creazione di occupazione anziani salute, ricerca medica e prevenzione 36 ecologia, difesa e risanamento ambientale 31 disagio ed emarginazione sociale 25 infanzia 11 beni culturali e dello spettacolo

34 4. La responsabilità filantropica Motivazioni sottese alla comunicazione sociale delle aziende. Opinioni dei cittadini intervistati. Ipsos-Explorer 2002 per Sodalitas convenienza 41 imprese innovative 35 opportunismo 29 motivazione ideologicoculturale

35 4. La responsabilità filantropica Dichiarazioni sui comportamenti di acquisto. Opinioni dei cittadini intervistati. Ipsos-Explorer 2002 per Sodalitas maggiore propensione all'acquisto non influenza il comportamento di acquisto meno invogliato all'acquisto non so 60 Il 30% degli italiani a parità di prezzo/qualità sarebbe molto disposto a passare da una marca abituale ad un altra socialmente impegnata

36 4. La responsabilità filantropica Il 28% degli intervistati ritiene che le imprese italiane siano molto/abbastanza impegnate sulla comunicazione sociale Il 65% considera l impegno sociale inadeguato. Il 77.8% ritiene la comunicazione sociale molto/abbastanza importante per consolidare e accrescere l immagine di aziende, prodotti e servizi Il 33.5% sostiene che una azienda non può non impegnarsi nel sociale, Il 14.9% perché è l ultima frontiera della comunicazione, per un ritorno di immagine.

37 4. La responsabilità filantropica I modi di fare comunicazione sociale sono diversi: Campagne comunicative che affrontano in modo più o meno esplicito temi e questioni di interesse collettivo. Corporate issue promotion Campagne che fanno esplicito riferimento a una azione intrapresa dall azienda in questi campi.

38 4. La responsabilità filantropica Corporate issue promotion La comunicazione affronta/ promuove una causa senza alcuna promessa di contributi dell azienda. L intera comunicazione aziendale è centrata su un issue sociale come brand value principale. Il tema sociale può essere temporaneo (in tal caso le politiche aziendali non vengono ridisegnate in conformità alla causa sociale scelta). Ex. Benetton Il tema sociale coincide con il posizionamento dell impresa, permeando ogni aspetto della comunicazione aziendale e della gestione d impresa Ex. Avon

39 Attraverso l'alleanza con associazioni no-profit, istituzioni, grandi organismi internazionali, la Benetton fa un uso differente della pubblicità.

40

41 Caso Avon L impegno sociale di Avon si esprime innanzitutto nel sostegno alla prevenzione e alla ricerca contro il tumore al seno: dal 1992 Avon ha devoluto per la lotta contro questo male, attraverso la campagna globale Avon Breast Cancer Crusade, estesa ad oltre 50 paesi, oltre 660 milioni di dollari. In Italia, Avon Cosmetics è da anni impegnata nella prevenzione e nella lotta contro il tumore al seno, prima in collaborazione con la Lega Italiana per la lotta contro i Tumori e, dal 2002, con l Istituto Europeo di Oncologia, oltre che nella realizzazione di diverse iniziative, tutte all insegna della difesa dell universo femminile. Dal 1995 ad oggi l azienda ha devoluto più di a favore di progetti di salute e solidarietà. Dal 1995 Avon Sostiene la prevenzione e la lotta del tumore al seno Avon e la Lega Italiana per la Lotta contro il Tumore Nel 1995 Avon Italia inizia il suo impegno contro il tumore al seno, attraverso il finanziamento di borse di studio e progetti rivolti alla ricerca e alla prevenzione.

42 4. La responsabilità filantropica La comunicazione di good corporate citizenship: l azienda pubblicizza la sua partecipazione e il suo intervento nella comunità. L azienda rende note le politiche di impegno e intervento nella società; Sostiene organizzazioni no profit, si impegna pubblicamente verso il consumatore-cittadino La comunicazione deve rendere plausibile e credibile l impegno dell azienda. Ex. Le campagne Omnitel di finanziamento del progetto Goletta Verde per Legambiente; Le campagne Bassetti di pubblicizzazione del finanziamento del progetto a favore della salvaguardia dei delfini; Volkswagen che ha intrapreso con Legambiente un progetto di educazione ambientale nelle scuole.

43

44 5. Il cause related marketing L azienda associa il proprio marchio a quello di una organizzazione no profit per dare vita a operazioni complesse e di lungo termine nelle quali viene chiamato in causa il consumatore. Programmi di revenue-producing transaction (scambio remunerativo) tra cliente e azienda. Il prodotto/servizio diventa il veicolo della dimensione sociale; l acquisto è il mezzo a disposizione del consumatore per sostenere la causa. Ex. Rivista Max (Rcs Periodici) che devolve alla associazione Emergency di Gino Strada 25 cent per ogni copia della rivista venduta.

45 5. Il cause related marketing il processo di formulazione e implementazione di attività di marketing caratterizzato da un offerta dell azienda di contribuire con un ammontare specifico ad una determinata causa, quando il consumatore è coinvolto in scambi remunerativi che soddisfano obiettivi sia dell impresa, sia individuali Varadarajan e Menon, 1988, p.60)

46 5. Il cause related marketing Le origini Fu coniato in seguito ad una campagna storica di marketing realizzata da American Express nel L azienda propose ai titolari della carta di devolvere alla ristrutturazione della Statua della Libertà una piccola percentuale fissa per ogni spesa effettuata con la stessa. La risposta del pubblico fu molto positiva. L operazione determinò un elevato ritorno di immagine e notorietà.

47 5. Il cause related marketing Le forme di cause related marketing Una quota fissa per ogni unità di prodotto/servizio venduto in un determinato periodo Una quota per ogni unità eccedente il livello di vendite registrato nell esercizio precedente Una quota per ogni unità di prodotto in più acquistata a partire dal numero di prodotti il cui corrispondente fatturato permette la copertura totale del contributo fisso già stanziato Schemi di raccolta punti Intimissimi San Zeno Golia Bianca (Perfetti)/WWF Dixan per la scuola New per old (il consumatore è incoraggiato a riportare al punto vendita dei vecchi prodotti perché vengano ridistribuiti e riceve in cambio un buono sconto per l acquisto di un nuovo prodotto Salmoiraghi & Viganò/Medici Senza Frontiere

48 5. Il cause related marketing Le insidie Le campagne di CRM sono più vulnerabili ed esposte alle critiche di opportunismo e ambiguità Le tematiche sociali affrontate possono urtare la sensibilità delle persone direttamente coinvolte nel problema L azienda si muove su un territorio che tradizionalmente non le compete, facendo leva sulla sensibilità verso alcune tematiche sociali anche a fini commerciali.

49 5. Il cause related marketing La pianificazione: 1)Selezione accurata della causa da appoggiare 2) Selezione accurata del partner no profit 3) Pianificazione accurata della comunicazione sociale

50 5. Il cause related marketing 1. I criteri di selezione della causa sociale da appoggiare: vicinanza rispetto alla core competence, Vicinanza di settore merceologico Ex. Benetton ha organizzato una raccolta di abiti usati Vicinanza di caratteristiche del prodotto Ex.The Body Shop (prodotti ecocompatibili) e le campagne a favore dell ambiente Vicinanza per personalità/valori della marca Ex. Norwich Union (posizionata sul valore protezione) ha instaurato una partnership con St. John Ambulance sul tema della sicurezza domestica, finanziando corsi gratuiti di pronto soccorso. Vicinanza per brand icon. Ex Andrex (logo: cucciolo di Labrador) sostiene una associazione che addestra cani-guida per non vedenti Vicinanza per target Avon (cosmetica femminile) sostiene la prevenzione del cancro al seno Dimensioni dell azienda: Le imprese grandi-multinazionali sposano temi di vasto richiamo Le PMI sposano cause a forte richiamo locale, in grado di coinvolgere maggiormente il consumatore

51 5. Il cause related marketing 2. Selezione del partner no profit La selezione del partner no profit deve tenere conto della compatibilità (issue sociale) di filosofie e modalità di intervento. Ex. Settore ambientalismo: diversità fra WWF e Legambiente Professionalità della collaborazione con il mondo imprenditoriale (precedenti esperienze nel CRM, risorse che l organizzazione è in grado di offrire, )

52 5. Il cause related marketing 3. La fase della comunicazione sociale 1. Chiarezza 2. Completezza 3. Stile

53 5. Il cause related marketing Le campagne di CRM sono più complesse delle campagne commerciali standard perché richiedono di comunicare nello stesso messaggio il prodotto e una causa e necessitano di trasporre la dimensione sociale nella comunicazione commerciale. La comunicazione deve spiegare al consumatore, in modo credibile e convincente: 1. il meccanismo base dell iniziativa, 2. di chiarire cosa comporta la partnership con l organizzazione no profit in modo da rendere trasparenti gli obiettivi da raggiungere 3. I vantaggi concreti che possono derivare alla causa sostenuta 4. I risultati concreti realizzati

54 5. Il cause related marketing Lo stile della campagna è decisivo al fine del coinvolgimento del consumatore e dell accettazione del messaggio. comunicazione discreta che utilizza tono sobrio, non aggressivo e colpevolizzante. I canali di comunicazione dovrebbero essere integrati: spot televisivi, annunci stampa, comunicazion on pack, internet, direct marketing e relazioni pubbliche. più il programma di CRM è comunicato impiegando il maggior numero di elementi del marketing mix sottolineando il nutuo beneficio, meglio è (Adkins, 1999)

55 5. Il cause related marketing Pro e contro del CRM Novità dello strumento Attualità rispetto alla sensibilità dei consumatori Capacità di raggiungere pubblici mirati Difficoltà di misurazione del ritorno a lungo termine della strategia Mancanza di competenze organizzative e manageriali tra gli interlocutori del terzo settore Deficit nel campo della politica fiscale Strumentalizzazione della causa

56 5. Il cause related marketing comunicare la responsabilità sociale deve consistere in qualcosa di più del solo comunicare. L intera azienda deve stare dietro a queste iniziative e al loro significato (Rodhe e Becchimanzi, 1995, p.68)

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli