BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013"

Transcript

1 BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013

2 SOMMARIO Sommario Informazioni sociali 1 Organi Sociali 3 Relazione sulla gestione 5 Stato Patrimoniale 28 Conto Economico 29 Prospetto della redditività complessiva 30 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 31 Rendiconto finanziario 33 Nota integrativa Parte A Politiche contabili 35 Nota Integrativa - Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale - ATTIVO 52 Nota Integrativa - Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale - PASSIVO 69 Nota Integrativa Parte C Informazioni sul conto economico 78 Nota Integrativa Parte D Altre informazioni 93

3 INFORMAZIONI SOCIALI Informazioni sociali DENOMINAZIONE COGART CNA PIEMONTE Società Cooperativa per Azioni SEDE LEGALE C.so Einaudi 55, Torino CODICE FISCALE, PARTITA IVA E NUMERO ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE CODICE FISCALE PARTITA IVA NUMERO ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE TORINO CODICE ISCRIZIONE ALBO DELLE COOPERATIVE E ALTRE ISCRIZIONI ALBO DELLE COOPERATIVE A CODICE MECCANOGRAFICO ABI La società è stata iscritta nell'albo CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI (CONFIDI) con denominazione COGART CNA PIEMONTE SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI a far data dal 11/03/2010 Pagina 1

4 INFORMAZIONI SOCIALI SEDI SECONDARIE E UNITA LOCALI TORINO Via Spalato, 60/d Torino (TO) PINEROLO Via Chiappero, Pinerolo (TO) IVREA Via Dora Baltea, Ivrea (TO) CIRIÈ Via Prever, Ciriè (TO) ALESSANDRIA Via Gramsci, 59/A Alessandria (AL) ASTI Corso Alfieri, 404/ Asti (AT) NIZZA MONFERRATO Via Gervasio, Nizza Monferrato (AT) BIELLA Via della Repubblica, Biella (BI) BORGO SAN DALMAZZO Via Cuneo, 52/I Borgo San Dalmazzo (CN) NOVARA Via Dante Alighieri, Novara (NO) CANELLI Piazza Gioberti, Canelli (AT) SALUZZO Corso Roma, Saluzzo (CN) ALBA Corso Piave, Cuneo (CN) VERBANIA Via S. Bernardino, 31/C Verbania (VB) VERCELLI Via Guicciardini, Vercelli (VC) Pagina 2

5 ORGANI SOCIALI Organi Sociali CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NOMINATIVO INNOCENTE ENZO FINOCCHIARO ANTONIO MARIOTTI GIANNI MAVIGLIA SANTORO MILONE MARCO PIZZIMENTI LUIGI TRABANELLI FERRUCCIO CUDIA FRANCESCO DALMASSO PATRIZIA PIRALI GIONATA PULVINO GIUSEPPE PUGLIESE NICOLA CARICA PRESIDENTE VICE PRESIDENTE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE COLLEGIO SINDACALE NOMINATIVO ORCO MAURIZIO MOINE FEDERICO PROT MAURO BRANCA STEFANIA D ELIA CARMINE CARICA PRESIDENTE SINDACO EFFETTIVO SINDACO EFFETTIVO SINDACO SUPPLENTE SINDACO SUPPLENTE Pagina 3

6 ORGANI SOCIALI DIREZIONE NOMINATIVO BOFFA ALDO CARICA DIRETTORE SOCIETA DI REVISIONE NOMINATIVO CARICA FAUSTO VITTUCCI & C SAS Revisione ai sensi dell art.14 e 16 del D Lgs 39/2010. Pagina 4

7 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Signori soci, l esercizio 2013 ha visto il perdurare della situazione di forte incertezza che ha caratterizzato anche l esercizio precedente: se da una parte il calo del PIL a livello nazionale è rallentato rispetto agli esercizi precedenti, dall altra la ripresa non si è materializzata, e le dinamiche di domanda ed offerta sono rimaste estremamente deboli per tutto l esercizio, pur con qualche segnale di ripresa in chiusura d anno. La nostra regione in particolare ha visto un protrarsi della fase recessiva, all interno della quale la domanda industriale è ancora calata e la produzione è ulteriormente scesa, con il positivo andamento delle esportazioni, particolarmente nei Paesi extra UE non sufficiente a compensare il calo della domanda interna. Gli indicatori industriali hanno visto tutti andamenti negativi, con gli ordinativi provenienti dal mercato interno molto deboli fino a tutto il terzo trimestre e il grado di utilizzo degli impianti, già peraltro basso in precedenza, ulteriormente sceso stando ai dati forniti da Confindustria. In questo panorama già fosco, il settore delle costruzioni ha continuato a patire, sia per quanto riguarda le commesse private che quelle pubbliche: stando ai dati di ANCE Piemonte gli investimenti in costruzioni avrebbero raggiunto un valore di circa un quarto inferiore all esercizio 2007, con positivo andamento del comparto delle manutenzioni straordinarie insufficiente a compensare il crollo delle nuove costruzioni, né vi sono particolari aspettative di miglioramento per l esercizio 2014 tra gli addetti del settore. Il mercato del credito si è mosso di conseguenza, con i prestiti a famiglie ed imprese in calo e rischiosità in aumento. Su base nazionale, il credito alle imprese è sceso del 4,9% su base annua, e i crediti deteriorati hanno raggiunto un incidenza del 15% sul totale. La contrazione dei volumi è stata più accentuata per le piccole imprese rispetto alle imprese di maggiori dimensioni, e la componente di credito maggiormente penalizzata è stata ancora una volta il medio termine per investimenti per le imprese manifatturiere e di servizi. A contribuire a tale andamento sono stati sia il calo dell offerta, dovuto a maggiore selettività e a condizioni economiche ancora alquanto rigide, per quanto in lieve miglioramento rispetto all esercizio precedente, che una generale debolezza della Pagina 5

8 RELAZIONE SULLA GESTIONE domanda. Anche l incremento di sinistrosità ha seguito un paradigma analogo, con un incremento generalizzato su tutti i settori economici del flusso di passaggi a sofferenza, che però è stato particolarmente significativo nei settori delle costruzioni e dei servizi. Gli indici di fiducia per l esercizio 2014 sono ancora piuttosto deboli, con aspettative degli imprenditori di un graduale miglioramento della congiuntura ma ancora in un clima di generale incertezza. Elemento che può essere considerato positivo in questo contesto è il forte incremento dell esposizione sul sistema finanziario italiano da parte di alcuni investitori istituzionali, primo tra i quali BlackRock che tra la fine del 2013 e l inizio del 2014 ha investito oltre 15 MLD acquisendo partecipazioni superiori al 5% nelle principali banche italiane: la fiducia nel sistema da parte di un investitore di tale livello può essere considerata un ottimo segnale, considerando il forte carattere di commercial banking e le connotazioni di prossimità territoriale con il sistema produttivo degli intermediari italiani. Altro elemento di grande rilievo a livello regionale è stata l assegnazione da parte della Regione Piemonte ai confidi operanti sul territorio regionale di fondi POR-FESR per quasi 30 mln ( 3,5 mln la quota assegnata alla società) come contributo alla capitalizzazione degli intermediari: questo intervento pubblico è stato frutto sia della sensibilità dell operatore pubblico per il tema dell accesso al credito della PMI che della lunga attività di sensibilizzazione svolta dalle associazioni datoriali, CNA Piemonte in primis, nei confronti dell amministrazione regionale. 1. COMMENTO ALLA GESTIONE La produzione di garanzie della società dall esercizio 2011 all esercizio 2013 ha presentato l andamento seguente. 1.1 PRODUZIONE DI GARANZIE Erogato Su t-1 Su ,90% ,82% 37,61% Pagina 6

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE Si è potuto quindi riscontrare un proseguimento del positivo andamento produttivo già rilevato nel corso del All andamento della produzione di garanzie non è però corrisposto un analogo incremento di ricavi da garanzia per cassa, come si rileva dalla tabella che segue. 1.2 RICAVI DA GARANZIA PER CASSA Delta Delta % Diritti ,42% Commissioni ,97% Totale ,16% La ragione del minor incremento di ricavi per cassa è legata al mix di forme tecniche, che per la prima volta nel corso dello svolgimento del Piano Industriale e nella storia della società ha visto una prevalenza del breve termine sul medio termine. 1.3 SUDDIVISIONE GARANZIE RILASCIATE PER FORMA TECNICA COMPONENTE Breve termine 42,62% 49,77% 57,02% Medio termine 57,38% 50,23% 42,98% Gli obiettivi di ricavo posti per l esercizio 2013 non sono quindi stati raggiunti a dispetto dell incremento di volumi, come si rileva dalla tabella che segue. 1.4 RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DI VOLUME 2013 ex p ac t. Raggiungimento Commissioni ,66% Diritti ,88% Totale ric av i ,67% Pagina 7

10 RELAZIONE SULLA GESTIONE Nonostante la distanza dal budget rimanga significativa, il miglioramento rispetto all esercizio precedente è piuttosto marcato, visto che il 2012 aveva visto una distanza superiore ad un terzo dall obiettivo. Per il 2013 in sede di revisione al Piano Industriale erano stati fissati obiettivi relativi al nuovo rischio senza nuova finanza ed al finanziamento del circolante a condizioni speciali. Per il primo obiettivo era stato creato il prodotto denominato Iniziativa 2013, che prevedeva di mettere a disposizione delle banche principali plafond di garanzie appositi con griglie di policy specifiche. Per quanto riguarda il finanziamento del circolante a condizioni speciali lo strumento era il cross-selling con CNA Servizi rispetto al bacino di clientela potenziale rappresentato da circa clienti delle società di servizi del sistema CNA nelle aree Torino e Piemonte Nord. Il prodotto Iniziativa 2013 ha avuto un buon risultato di mercato: se da una parte l attesa di assumere un ruolo quasi esclusivo nell erogazione di garanzie a breve termine non è stata soddisfatta, dall altra quasi il 40% delle garanzie a breve termine su nuova clientela sono state rilasciate a valere su tale prodotto. Questa situazione presenta comunque l indicatore positivo del fatto che la previsione di drastica riduzione dell operatività ordinaria è stata disattesa, con flussi di garanzie a valere su nuova finanza più sostenuti dell esercizio precedente, il che dà conto di due elementi: da una parte il fatto che permane nella società la capacità di intercettare operazioni di nuova finanza, e dall altra che questo non viene effettuato a scapito della selezione del credito, non essendo state effettuate variazioni in senso di minore selettività nella Policy del Credito nel corso del Nel dettaglio, i flussi di nuove erogazioni relative agli Istituti convenzionati negli esercizi 2012 e 2013 si presentano come riportato nella tabella seguente. Pagina 8

11 RELAZIONE SULLA GESTIONE FLUSSI DI NUOVE EROGAZIONI RELATIVE AGLI ISTITUTI CONVENZIONATI ABI INTESTAZIONE Delta 2008 UNICREDIT SPA ,07% 3069 INTESA SANPAOLO SPA ,65% 5034 BANCO POPOLARE ,52% 1005 BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA ,31% 6090 BIVERBANCA SPA ,62% 6906 BANCA REGIONALE EUROPEA SPA ,16% 3268 BANCA SELLA SPA ,81% 6085 CASSA DI RISPARMIO DI ASTI SPA ,36% ALTRE ,42% TO TALE ,82% Pagina 9

12 RELAZIONE SULLA GESTIONE L andamento dell incidenza percentuale degli Istituti convenzionati negli esercizi 2012 e 2013 si presenta come segue. 1.6 INCIDENZA DEGLI ISTITUTI CONVENZIONATI ABI INTESTAZIONE Delta 2008 UNICREDIT SPA 28,48% 29,39% -3,11% 3069 INTESA SANPAOLO SPA 21,84% 20,51% 6,49% 5034 BANCO POPOLARE 8,78% 5,37% 63,49% 1005 BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA 6,80% 8,95% -24,11% 6090 BIVERBANCA S.P.A. 5,36% 3,94% 36,25% 6906 BANCA REGIONALE EUROPEA SPA 4,88% 5,66% -13,79% 3268 BANCA SELLA SPA 4,67% 4,63% 0,82% 6085 CASSA DI RISPARMIO DI ASTI SPA 3,96% 4,41% -10,31% ALTRE 15,23% 17,13% -11,09% La maggiore operatività con le banche maggiori risponde anche all obiettivo di ottenere informazioni andamentali complete ed affidabili sia in sede di delibera che in sede di monitoraggio. L andamento dell incidenza percentuale degli Istituti convenzionati in grado di fornire flussi informativi negli esercizi 2012 e 2013 si presenta come segue. 1.7 FLUSSI INFORMATIVI DAGLI ISTITUTI CONVENZIONATI TIPO Delta % Flussi operativi 65,02% 59,64% 5,38% Flussi presenti in definizione 7,81% 11,03% -3,22% Senza flussi 27,17% 29,33% -2,15% Pagina 10

13 RELAZIONE SULLA GESTIONE Questo ha fatto sì che il sistema di monitoraggio interno, che integra tali flussi con le risultanze di Centrale dei Rischi, abbia mantenuto e leggermente incrementato la propria copertura del portafoglio, come si rileva dalla tabella seguente. 1.8 FLUSSI INFORMATIVI TIPO Delt a Rated 80,85% 80,04% 0,81% Unrated 19,15% 19,96% -0,81% Vale la pena notare come le informazioni di status rilevate dai tabulati delle banche AIRB abbia consentito in apertura del 2014 la revisione del sistema di monitoraggio interno, che attualmente incorpora la valutazione degli stati di osservazione legati, oltre alle valutazioni autonome, ai pastdue tecnici ed agli stati di osservazione delle banche AIRB con valore di override sulle valutazioni interne. 2. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Lo scenario atteso per il 2014 si basa sull assunto che la situazione socioeconomica del 2014 non differirà in maniera significativa dall esercizio I fattori di contesto maggiormente rilevanti sono che non ci si attende né una sostanziale ripresa della produzione industriale, con le relative catene di subfornitura, né una sostanziale ripresa dei consumi, quindi né dei servizi ad essi correlati né del commercio al dettaglio; a seguito di ciò, gli investimenti rimarranno molto scarsi. Non ci si attende perciò nemmeno un aumento degli stock di credito a disposizione del mercato di riferimento, in quanto lo scenario di stagnazione dei prenditori e la necessità per molti intermediari di ridurre la leva finanziaria e migliorare i coefficienti patrimoniali per essere in linea con gli standard previsti da Basilea 3 e dalla Vigilanza europea non consentirà di incrementare l affidato. Sotto il profilo del mercato del credito, lo scenario atteso per il 2014 prevede quindi che il medio lungo termine per investimenti rimanga su valori ridotti, per quanto meno marginali di quanto ci si attendesse per il 2013, ma essenzialmente legato a sostituzione di attrezzature produttive non più utilizzabili e a start-up; che sia il medio lungo termine per scorte e rifinanziamento del circolante che Pagina 11

14 RELAZIONE SULLA GESTIONE il medio lungo termine per rinegoziazione e ristrutturazione del debito non vedano un ulteriore aumento della domanda da parte delle banche ma rimangano su livelli stabili; ed infine che il breve termine di nuova erogazione rimanga su livelli non elevati ma superiori alle attese per l esercizio La presenza di operatività relativa a nuovo rischio senza nuova finanza è prevista anche per l esercizio 2014 come un elemento di tutto rilievo, e con ulteriore possibilità di crescita numerica. Lo strumento Iniziativa 2013 si è rivelato molto efficiente sotto il profilo dell iter deliberativo e della capacità di prezzare adeguatamente il rischio, e ha contribuito a gettare le basi per la Policy del Credito del In conseguenza di questo, le griglie di pricing e le matrici decisionali del prodotto Iniziativa 2013 sono state confermate per l esercizio 2014, ed anzi sono state acquisite dalla società come linea di business permanente. Nel corso del 2013 la gestione dei rinnovi di garanzie su posizioni a breve termine a scadenza ha presentato ottimi ritorni, sia sotto il profilo della percentuale di buon fine che sotto il profilo della nuova finanza data alle controparti in concomitanza con il rinnovo. Nel corso del 2014 lo stock di breve termine da rinnovare è più elevato di 8 mln rispetto all analogo dato 2013, e questa è un area di business con buon margine di sicurezza. Un nuovo canale produttivo per la società è l offerta di nuova finanza in concomitanza con la scadenza di medio termine, attività in precedenza effettuata in misura sporadica ed incidentale più che sistematica. In presenza di medio termine in scadenza è possibile effettuare interventi di copertura di linee a breve termine preesistenti non garantite utilizzando il capitale sociale libero: questa attività permette al cliente di accedere a tassi di convenzione particolarmente concorrenziali senza affrontare l uscita di cassa upfront del capitale sociale, il che rende l offerta commerciale particolarmente conveniente. Per l esercizio 2014 si è ritenuto che un incremento produttivo sufficiente da solo a raggiungere il break-even mediante i ricavi sia difficilmente compatibile con una selettività del credito adeguata al contesto economico. E stata quindi eseguita una revisione del pricing relativo all operatività ordinaria improntata ad un lieve incremento delle componenti legate al conto economico entro un Pagina 12

15 RELAZIONE SULLA GESTIONE range che va da un minimo incremento del 6% ad un massimo incremento del 15% a seconda della forma tecnica dell affidamento sottostante. Sulla revisione del pricing è stata effettuata una valutazione preliminare per stabilire quanto un incremento del listino rischi può incidere sulla creazione del portafoglio clienti innescando meccanismi di selezione avversa, particolarmente confrontando il nuovo pricing con quello dei principali players del mercato geografico di riferimento: applicando i prezzi medi ad operazioni standard sono stati stabiliti adeguati benchmark di prezzo, è stato rilevato come rispetto al mercato nel suo complesso, la società possa mantenere un ampio margine di convenienza rispetto ai competitors relativamente alle componenti di costo. E presente un lieve svantaggio rispetto all esborso totale nei casi in cui i competitor non acquisiscono capitale sociale proporzionalmente alla garanzie ricevuta, ma tale svantaggio è di entità alquanto contenuta. Si può quindi desumente dal benchmarking sopra esposto come il rischio di selezione avversa connesso con il repricing sia sufficientemente contenuto da ritenere il bilanciamento costi/benefici della sua adozione sbilanciato sul lato benefici. Pagina 13

16 RELAZIONE SULLA GESTIONE 3. INDICATORI FONDAMENTALI Sotto il profilo del patrimonio di Vigilanza, la situazione a chiusura 2013 si presenta come riportato nella tabella sottostante. 3.1 PATRIMONIO DI VIGILANZA COMP OS IZIONE Tier 1 elementi positivi Capitale Riserve Utile del periodo 0 0 Tier 1 elementi negativi (1.442) (250) Perdita del periodo (1.442) (242) Immobilizzazioni immateriali 0 (8) Tier 1 filtri prudenziali - deduzioni (3.702) (3.372) Riserva negativa AFS (330) 0 Riserva FTA (3.372) (3.372) Tier 1 al lordo degli elementi da dedurre Tier 1 elementi da dedurre (1) (1) Interessenze >10% cap. soc. 0 0 Interessenze <10% cap. soc. 0 0 Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni (50%) (1) (1) Tier 1 totale Tier 2 elementi positivi Riserva da valutazione AFS Strumenti ibridi di patrimonializzazione Tier 2 elementi negativi 0 (59) Quota non computabile riserva da valutazione AFS 0 (59) Tier 2 al lordo degli elementi da dedurre Tier 2 elementi da dedurre (1) (1) Interessenze >10% cap. soc. 0 0 Interessenze <10% cap. soc. 0 0 Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni (50%) (1) (1) Tier 2 totale Patr imonio di v igilanz a Pagina 14

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il capitale interno ed i principali coefficienti di vigilanza si presentano come segue. 3.2 RATIOS E INDICATORI Ris c hio operativ o Margine di intermediazione Ris c hio di c redito RWA Capitale interno di primo pilas tro Ec c edenz a patrimoniale s u primo pilas tro Rischio di concentrazione Rischio di tasso di interesse Rischio residuo Capitale interno di s ec ondo pilas tro Capitale interno c omples s iv o Free capital Free capital % 55,92% 57,98% Tier 1 ratio 15,62% 16,52% Total c apital ratio 16,01% 16,57% Pur a fronte di dati economici ancora non pienamente soddisfacenti è quindi possibile rilevare come anche in questo esercizio la società abbia incrementato i propri indicatori patrimoniali, già peraltro in precedenza di buon livello, migliorando sia i ratios che il free capital. Il total capital ratio del 16,57% rilevato a chiusura esercizio in particolare è elemento estremamente confortante sulla solidità della società, che dall ammissione sotto Vigilanza, nel pieno della crisi economica, in poi ha costantemente migliorato il proprio coefficiente patrimoniale. Pagina 15

18 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4. ULTERIORI INFORMAZIONI RISPETTO A QUELLE FORNITE NELLA NOTA INTEGRATIVA SUGLI OBIETTIVI E SULLE POLITICHE DELL IMPRESA IN MATERIA DI ASSUNZIONE, GESTIONE ECOPERTURA DEI RISCHI Nel corso dell esercizio 2013 sono stati revisionati il Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio e il sistema di monitoraggio interno. Il Sistema di Monitoraggio Interno è stato sottoposto ad un profondo aggiornamento al fine di individuare e definire degli status in osservazione e in preincaglio a partire sia dagli status comunicati dalle quattro banche che inviano flussi periodici, sia dai flussi di ritorno di CR e dalle informazioni relative allo stato di ammortamento dei mutui garantiti per rilevare situazioni di past due oggettivo. L obiettivo di questa revisione era di stabilire livelli differenziati di deterioramento sui quali fosse poi possibile effettuare l appostamento di appositi fondi rettificativi. In coerenza con questo il Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio è stato revisionato per consentire il calcolo di tali fondi rettificativi. Questi due adeguamenti, insieme all allineamento delle classificazioni a quanto previsto dalla comunicazione di Banca d Italia Confidi 107. Garanzie deteriorate: chiarimenti del 08/05/2013, hanno portato i precedenti tre principali portafogli connessi con l attività core di rilascio di garanzia consortile, vale a dire i crediti di firma in bonis, i crediti di firma deteriorati e i crediti per cassa in sofferenza, a suddividersi in 5 portafogli: i crediti di firma in bonis, i crediti di firma in osservazione, i crediti di firma in preincaglio, i crediti di firma in incaglio, i crediti di firma in sofferenza ed i crediti per cassa in sofferenza. A ciascuno di questi portafogli è associato un fondo rettificativo con criteri di calcolo individuali esposti nel Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio. Nella tabella seguente si riporta la classificazione delle posizioni per portafogli e score al 31 dicembre (flussi del 31 ottobre). Pagina 16

19 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4.1 CLASSIFICAZIONE DELLE POSIZIONI PER PORTAFOGLI E SCORE Portafoglio Sc ore Inc idenz a lorda In bonis B1 25,19% B2 15,34% B3 12,60% B4 11,75% B5 1,94% In osservazione M1 1,22% M2 0,86% M3 4,26% In preincaglio R1 1,46% R2 0,22% In incaglio R3 Incaglio revocato 5,46% R3 Sofferenza 19,70% Pagina 17

20 RELAZIONE SULLA GESTIONE In coerenza con tale classificazione e con la conseguente introduzione di nuovi fondi rettificativi relativi alle posizioni in osservazione e in preincaglio, i coverage ratios a chiusura 2013 si presentano come segue. 4.2 COVERAGE RATIOS CLASSIFICAZIONE Esposizione lorda Rettifica ante CRM Rettifica post CRM Rettifica ante CRM Rettifica post CRM In bonis ,55% 0,65% In osservazione ,00% 4,63% In preincaglio ,98% 6,91% In incaglio ,79% 13,64% Affidamenti R3 (*) ,83% 11,25% Affidamenti risolti ,14% 14,29% Sofferenze di firma ,68% 32,54% Totale esposizioni fuori bilancio ,22% 6,59% Sofferenze di cassa ,17% 68,17% Totale esposizioni per cassa ,17% 68,17% (*) Posizioni in bonis con controparte incagliata Totale ,63% 11,44% Pagina 18

21 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il confronto puntuale con l esercizio precedente non è possibile per via della differente ripartizione in portafogli; raggruppando i portafogli 2013 per riprodurre i criteri di distribuzione del 2012 la situazione di presenta come segue. 4.3 CONFRONTO CON DATI 2012 RIAGGREGATI Credit o 2013 ante CRM 2013 post CRM 2012 ante CRM 2012 post CRM In bonis 1,55% 0,65% In osservazione 10,00% 4,63% In preincaglio 14,98% 6,91% Totale CF non a default 2,32% 1,01% 1,26% 0,51% In incaglio 37,79% 13,64% Affidamenti R3 (*) 32,83% 11,25% Affidamenti risolti 39,14% 14,29% Sofferenze di firma 54,68% 32,54% Totale CF a default 51,01% 28,44% 57,24% 28,07% Sofferenz e di c as s a 68,17% 68,17% 67,75% 68,96% (*) Posizioni in bonis con controparte incagliata Totale generale 16,63% 11,44% 14,35% 10,10% I coverage ratios al lordo della CRM sono quindi stabili per quanto riguarda le sofferenze, in lieve calo per quanto riguarda i crediti di firma su controparti a default e quasi raddoppiati per i crediti di firma su controparti non a default, mentre i coverage ratios al netto della CRM sono stabili per quanto riguarda sia le sofferenze che i crediti di firma su controparti a default e quasi raddoppiati per i crediti di firma su controparti non a default. La società utilizza in modo massiccio strumenti pubblici di CRM, sia eligible che non eligible, e l orientamento della società nell utilizzo di tali strumenti non è tanto nella direzione della riduzione del requisito patrimoniale, quanto del contenimento degli impatti netti a conto economico legati alle rettifiche di valore sulle poste deteriorate. Pagina 19

22 RELAZIONE SULLA GESTIONE La situazione degli strumenti di CRM operativi a chiusura 2013 è quella riportata nella seguente tabella 4.4 STRUMENTI DI CRM CF non deteriorato CF deteriorati Totale Artigiancassa Fondo Fondo LR Finpiemonte Fondo LR FEI Contratto Contratto Fondo Centrale PMI Sezione ordinaria Sezione autotrasporti Fondo in gestione Antiusura Totale La copertura globale rispetto alla chiusura del 2012 è aumentata di 5 mln circa, con una variazione della copertura globale dal 37,81% del 2012 al 42,29%. Il rischio operativo si manifesta sostanzialmente nella possibilità di errato utilizzo o funzionamento irregolare del sistema informativo e nell indisponibilità di informazioni rilevanti, ed è contenuto mediante presidi informatici e controlli interni effettuati in coerenza con la Policy del Rischio Operativo. Il rischio di concentrazione non ha carattere single-name per via del limite massimo di credito di firma concedibile ad una singola controparte o gruppo di controparti collegate previsto dal Regolamento del Credito e pari ad 0,5 mln, ma ha carattere geosettoriale e pare connaturato con il carattere regionale della società e il suo bacino di clientela tra le PMI principalmente del segmento Pagina 20

23 RELAZIONE SULLA GESTIONE retail. La preponderanza del segmento retail garantisce comunque un elevata granularità di portafoglio. Per quanto attiene al rischio di concentrazione geografica il ridotto impatto assoluto della quota di mercato della società sul complesso del mercato del credito relativo al settore di riferimento permette di considerare tale rischio presente ma di profilo non particolarmente significativo: la quota di mercato intercettata è abbastanza ridotta per cui variazioni anche significative dei valori quantitativi o qualitativi del mercato possono essere assorbiti dalla società mediante attività di selezione specifica senza correre eccessivi rischi strategici. Per quanto riguarda la concentrazione settoriale, il rischio pare connaturato con l attività aziendale: il bacino di utenza dei confidi da una parte esclude il mercato dei privati e delle famiglie consumatrici, dall altra è sempre stato rappresentato da imprese con caratteristiche dimensionali tali da essere più compatibili con i settori di attività che non richiedessero strutture aziendali particolarmente complesse o consistenze di organico particolarmente significative. Di seguito la distribuzione per classificazione ATECO Pagina 21

24 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4.5 CLASSIFICAZIONE ATECO 2007 ATECO - MACRO CLASSIFICAZIONE C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE 29,09% 29,19% F COSTRUZIONI 20,11% 21,04% G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO RIP.AUTOVEICOLI 19,51% 18,98% I ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 8,70% 8,28% H TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO 5,80% 6,02% S ALTRE ATTIVITÀ DI SERVIZI 4,40% 5,11% A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 2,83% 2,79% N NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO 2,50% 2,28% M ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE 2,40% 2,27% J SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 1,18% 1,18% L ATTIVITA' IMMOBILIARI 1,16% 1,26% Q SANITA' E ASSISTENZA SOCIALE 0,83% 0,41% E FORNITURA DI ACQUA RETI FOGNARIE 0,48% 0,35% R ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO 0,37% 0,39% P ISTRUZIONE 0,25% 0,14% B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 0,18% 0,10% K ATTIVITÀ FINANZIARIE E ASSICURATIVE 0,15% 0,11% D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA 0,05% 0,08% U ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI 0,01% 0,02% Il rischio di tasso di interesse è di esclusiva pertinenza del portafoglio titoli, e non è tanto riferibile ad un mismatch tra fonti e impieghi quanto ad uno sfavorevole andamento del fair value legato alla curva dei tassi. Nel corso del 2013 la società ha visto la riserva AFS passare in positivo per via dell ulteriore miglioramento dei corsi del debito pubblico italiano. Pagina 22

25 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il rischio di liquidità inteso come rischio di non adempiere alle obbligazioni a scadenza è sostanzialmente nullo in quanto le fonti a scadenza sono rappresentate da un fondo rischi concesso dalla CCIAA di Torino a titolo oneroso, oltre che da mutui per l acquisto di immobili strumentali il cui rimborso viene affrontato mediante la gestione corrente. Il reale rischio di liquidità viene rinvenuto nella possibilità teorica di indisponibilità di fondi per il pagamento delle obbligazioni legate ai crediti di firma in escussione, scenario però estremamente remoto e presidiato dai buffer di liquidità previsto dalla Policy della Gestione Finanziaria. Il rischio residuo, che è il rischio che le forme di copertura del rischio di credito si rivelino inefficaci, rappresenta un profilo rilevante ed oggetto di attento monitoraggio e viene mitigato mediante il sistema dei controlli interni. In particolare, al fine del contenimento del rischio residuo nel corso del 2013 è stata proseguita l attività di riduzione dell esposizione verso il Fondo Centrale di Garanzie avviata nel 2012: l esposizione è scesa ad 5,7 mln, contro i 10,4 mln del PRINCIPALI FATTORI E CONDIZIONI CHE INCIDONO SULLA REDDITIVITÀ, INCLUSI I CAMBIAMENTI DEL CONTESTO AMBIENTALE NEL QUALE L'IMPRESA OPERA, LE INIZIATIVE INTRAPRESE A FRONTE DEI CAMBIAMENTI E I RELATIVI RISULTATI NONCHÉ LE POLITICHE DI INVESTIMENTO ADOTTATE DALL'IMPRESA PER MANTENERE E MIGLIORARE I RISULTATI ECONOMICI. Nel corso del triennio la società ha pagato escussioni per 11,25 mln ed effettuato svalutazioni e rettifiche lorde per 13,5 mln. Sempre nel triennio il patrimonio di vigilanza della società è rimasto stabile dagli 19,1 mln del 2011 agli 19,4 del 2013, ma il total capital ratio è passato dal 13,10% del 2011 al 16,57% del Sempre nel corso del triennio la società è passata dalla svalutazione collettiva degli incagli revocati e individuale delle sofferenze escusse all appostamento di fondi rettificativi per posizioni in osservazione, in preincaglio, in incaglio revocato, in sofferenza di firma ed in sofferenza di cassa, con attività di monitoraggio totalmente Pagina 23

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

a) correnti 34.997-140 Altre attività 249.713 249.654 TOTALE ATTIVO 53.528.451 30.775.508 VOCI DEL PASSIVO E DEL PATRIMONIO NETTO 2013 2012

a) correnti 34.997-140 Altre attività 249.713 249.654 TOTALE ATTIVO 53.528.451 30.775.508 VOCI DEL PASSIVO E DEL PATRIMONIO NETTO 2013 2012 RETE FIDI LIGURIA SOCIETÀ CONSORTILE PER AZIONI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI VIA XX SETTEMBRE 41 7 PIANO 16121 GENOVA (GE) C.F., P.I. E REGISTRO IMPRESE GENOVA 00598380103 ELENCO SPECIALE DEGLI INTERMEDIARI

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO

BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO BILANCIO DELLA CASSA RURALE DI TASSULLO E NANNO Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in Piazza C.A. Pilati,15 TASSULLO (Provincia di Trento) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione 465 Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici Interessi

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011 Bilancio 2011 1 BILANCIO DELLA CASSA RURALE MORI VAL DI GRESTA Banca di Credito Cooperativo ABI 08145-5 Soc. coop. con sede in Mori, Via Marconi, 4-38065 MORI (TN) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg.

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996. 31-Dicembre-2014 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31-Dicembre-2014 Situazione al 31-12-2009 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. TAVOLA 1 - ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014

Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 B i l a n c i o s e m e s t r a l e a l 3 0 g i u g n o 2 0 1 4 BILANCIO SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014 Pitagora SpA - Semestrale al 30/06/2014 STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 30/06/2014 31/12/2013

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2012 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 122 Esercizio STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2012 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2012 31/12/2011 10.

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2012 BILANCIO DELLA CASSA RURALE LAVIS-VALLE DI CEMBRA Banca di Credito Cooperativo ABI soc. coop. con sede in LAVIS Via Rosmini, 61 Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg. Imprese CCIAA di Trento 00109500223

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3)

REDDITIVITA Utile netto 151,8 mln, +31% a/a. Rapporto sofferenze/prestiti. Raccolta da clientela (1) Prestiti a clientela (1) Nuovi clienti (3) CREDEM, RISULTATI PRELIMINARI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MLN EURO; PRESTITI (1) +7,9% A/A VALUTAZIONE BCE Stress test scenario avverso Prima banca italiana per CET1 Ratio REDDITIVITA Utile netto 151,8

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO

BILANCIO DELL ESERCIZIO BILANCIO DELL ESERCIZIO 2013 Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento di P.F.M. Finanziaria S.p.A. Via Privata Maria Teresa, 7 20123 Milano Capitale Sociale euro 4.000.000 i.v. Cod.

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Bilancio d esercizio. al 31 dicembre 2011

Bilancio d esercizio. al 31 dicembre 2011 Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2011 Consiglio di Amministrazione 13 marzo 2012 Dati di sintesi patrimoniali finanziari ed economici Sintesi dei dati economici 31.12.2011 31.12.2010 Var. % (milioni

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III

INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL ELENCO SPECIALE (CIRC. N. 216 DEL 5 AGOSTO 1996) PILLAR III Situazione al 31/12/2013 Sommario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

26 gennaio 2014 Roberto Russo

26 gennaio 2014 Roberto Russo Nota sull aumento di capitale del gruppo Banco Popolare 26 gennaio 2014 Roberto Russo www.assitecasim.it Lo scorso 24 gennaio si è riunito il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Banco Popolare per

Dettagli

UNICREDIT MERCHANT S.p.A.

UNICREDIT MERCHANT S.p.A. UNICREDIT MERCHANT S.p.A. Socio Unico Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di UniCredit S.p.A. Sede Legale Via Marco Minghetti 10-00187 Roma Iscritta nel Registro delle Imprese di

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI

Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Roma, 21 febbraio 2002 Alle Imprese di Assicurazione sulla vita con sede legale in Italia Prot. n. 250071 Allegati

Dettagli

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Bilancio 2009 Sommario Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5 Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Relazione sull andamento della gestione 9 Cenni

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE...

TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... INFORMATIVA AL PUBBLICO TERZO PILASTRO BASILEA II AL 31 DICEMBRE 2012 Indice 1 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 1.1 Informativa qualitativa... 3 1.1.1 Mappatura dei rischi... 3 1.1.2 Misurazione

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c.

Banca Romagna Cooperativa Credito Cooperativo Romagna Centro e Macerone s.c. Società Cooperativa Sede Legale: 47023 Cesena Via L.Lucchi 135 Codice ABI 07073 - C.F.-P.IVA-03762240400 Iscrizione Albo Banche n. 5695 Iscrizione Albo Soc. Cooperative n. A194399 R.E.A. (Repertorio Economico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

GRUPPO BANCA POPOLARE ETICA BILANCIO CONSOLIDATO Esercizio 2013

GRUPPO BANCA POPOLARE ETICA BILANCIO CONSOLIDATO Esercizio 2013 GRUPPO BANCA POPOLARE ETICA BILANCIO CONSOLIDATO Esercizio 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE... 3 SCHEMI CONTABILI... 17 NOTA INTEGRATIVA... 25 ALLEGATO: ELENCO DEI PRINCIPI CONTABILI ADOTTATI... 163 RELAZIONE

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

ALBA LEASING SPA Bilancio individuale al 31 dicembre 2011

ALBA LEASING SPA Bilancio individuale al 31 dicembre 2011 ALBA LEASING SPA Bilancio individuale al 31 dicembre 2011 STATO PATRIMONIALE... 1 CONTO ECONOMICO... 2 PROSPETTO DELLA REDDITIVITA COMPLESSIVA... 3 PROSPETTO DELLE VARIAZIONI DEL PATRIMONIO NETTO... 4

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione sull andamento della gestione Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici variazioni assolute

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE

RELAZIONE TRIMESTRALE RELAZIONE TRIMESTRALE Situazione contabile al 30 settembre 2008 ARTIGIANCASSA CASSA PER IL CREDITO ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.p.A. Iscritta all Albo dei gruppi bancari presso la Banca d Italia Aderente al

Dettagli

Relazioni e Bilancio. 2o11

Relazioni e Bilancio. 2o11 Relazioni e Bilancio 2o11 1 Bilancio al 31 dicembre 2011 BCC Factoring S.p.A Bcc Factoring S.p.A Società controllata al 100% da Iccrea BancaImpresa Via Lucrezia Romana 41/47 00178 Roma Sede operativa:

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo

Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo Relazione e Bilancio di Intesa Sanpaolo RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE Dati di sintesi e indicatori alternativi di performance di Intesa Sanpaolo Commissioni nette Dati economici variazioni assolute

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli