BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013"

Transcript

1 BILANCIO D ESERCIZIO ANNO CONTABILE 2013

2 SOMMARIO Sommario Informazioni sociali 1 Organi Sociali 3 Relazione sulla gestione 5 Stato Patrimoniale 28 Conto Economico 29 Prospetto della redditività complessiva 30 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto 31 Rendiconto finanziario 33 Nota integrativa Parte A Politiche contabili 35 Nota Integrativa - Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale - ATTIVO 52 Nota Integrativa - Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale - PASSIVO 69 Nota Integrativa Parte C Informazioni sul conto economico 78 Nota Integrativa Parte D Altre informazioni 93

3 INFORMAZIONI SOCIALI Informazioni sociali DENOMINAZIONE COGART CNA PIEMONTE Società Cooperativa per Azioni SEDE LEGALE C.so Einaudi 55, Torino CODICE FISCALE, PARTITA IVA E NUMERO ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE CODICE FISCALE PARTITA IVA NUMERO ISCRIZIONE REGISTRO IMPRESE TORINO CODICE ISCRIZIONE ALBO DELLE COOPERATIVE E ALTRE ISCRIZIONI ALBO DELLE COOPERATIVE A CODICE MECCANOGRAFICO ABI La società è stata iscritta nell'albo CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI (CONFIDI) con denominazione COGART CNA PIEMONTE SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI a far data dal 11/03/2010 Pagina 1

4 INFORMAZIONI SOCIALI SEDI SECONDARIE E UNITA LOCALI TORINO Via Spalato, 60/d Torino (TO) PINEROLO Via Chiappero, Pinerolo (TO) IVREA Via Dora Baltea, Ivrea (TO) CIRIÈ Via Prever, Ciriè (TO) ALESSANDRIA Via Gramsci, 59/A Alessandria (AL) ASTI Corso Alfieri, 404/ Asti (AT) NIZZA MONFERRATO Via Gervasio, Nizza Monferrato (AT) BIELLA Via della Repubblica, Biella (BI) BORGO SAN DALMAZZO Via Cuneo, 52/I Borgo San Dalmazzo (CN) NOVARA Via Dante Alighieri, Novara (NO) CANELLI Piazza Gioberti, Canelli (AT) SALUZZO Corso Roma, Saluzzo (CN) ALBA Corso Piave, Cuneo (CN) VERBANIA Via S. Bernardino, 31/C Verbania (VB) VERCELLI Via Guicciardini, Vercelli (VC) Pagina 2

5 ORGANI SOCIALI Organi Sociali CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NOMINATIVO INNOCENTE ENZO FINOCCHIARO ANTONIO MARIOTTI GIANNI MAVIGLIA SANTORO MILONE MARCO PIZZIMENTI LUIGI TRABANELLI FERRUCCIO CUDIA FRANCESCO DALMASSO PATRIZIA PIRALI GIONATA PULVINO GIUSEPPE PUGLIESE NICOLA CARICA PRESIDENTE VICE PRESIDENTE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE CONSIGLIERE COLLEGIO SINDACALE NOMINATIVO ORCO MAURIZIO MOINE FEDERICO PROT MAURO BRANCA STEFANIA D ELIA CARMINE CARICA PRESIDENTE SINDACO EFFETTIVO SINDACO EFFETTIVO SINDACO SUPPLENTE SINDACO SUPPLENTE Pagina 3

6 ORGANI SOCIALI DIREZIONE NOMINATIVO BOFFA ALDO CARICA DIRETTORE SOCIETA DI REVISIONE NOMINATIVO CARICA FAUSTO VITTUCCI & C SAS Revisione ai sensi dell art.14 e 16 del D Lgs 39/2010. Pagina 4

7 RELAZIONE SULLA GESTIONE Relazione sulla gestione Signori soci, l esercizio 2013 ha visto il perdurare della situazione di forte incertezza che ha caratterizzato anche l esercizio precedente: se da una parte il calo del PIL a livello nazionale è rallentato rispetto agli esercizi precedenti, dall altra la ripresa non si è materializzata, e le dinamiche di domanda ed offerta sono rimaste estremamente deboli per tutto l esercizio, pur con qualche segnale di ripresa in chiusura d anno. La nostra regione in particolare ha visto un protrarsi della fase recessiva, all interno della quale la domanda industriale è ancora calata e la produzione è ulteriormente scesa, con il positivo andamento delle esportazioni, particolarmente nei Paesi extra UE non sufficiente a compensare il calo della domanda interna. Gli indicatori industriali hanno visto tutti andamenti negativi, con gli ordinativi provenienti dal mercato interno molto deboli fino a tutto il terzo trimestre e il grado di utilizzo degli impianti, già peraltro basso in precedenza, ulteriormente sceso stando ai dati forniti da Confindustria. In questo panorama già fosco, il settore delle costruzioni ha continuato a patire, sia per quanto riguarda le commesse private che quelle pubbliche: stando ai dati di ANCE Piemonte gli investimenti in costruzioni avrebbero raggiunto un valore di circa un quarto inferiore all esercizio 2007, con positivo andamento del comparto delle manutenzioni straordinarie insufficiente a compensare il crollo delle nuove costruzioni, né vi sono particolari aspettative di miglioramento per l esercizio 2014 tra gli addetti del settore. Il mercato del credito si è mosso di conseguenza, con i prestiti a famiglie ed imprese in calo e rischiosità in aumento. Su base nazionale, il credito alle imprese è sceso del 4,9% su base annua, e i crediti deteriorati hanno raggiunto un incidenza del 15% sul totale. La contrazione dei volumi è stata più accentuata per le piccole imprese rispetto alle imprese di maggiori dimensioni, e la componente di credito maggiormente penalizzata è stata ancora una volta il medio termine per investimenti per le imprese manifatturiere e di servizi. A contribuire a tale andamento sono stati sia il calo dell offerta, dovuto a maggiore selettività e a condizioni economiche ancora alquanto rigide, per quanto in lieve miglioramento rispetto all esercizio precedente, che una generale debolezza della Pagina 5

8 RELAZIONE SULLA GESTIONE domanda. Anche l incremento di sinistrosità ha seguito un paradigma analogo, con un incremento generalizzato su tutti i settori economici del flusso di passaggi a sofferenza, che però è stato particolarmente significativo nei settori delle costruzioni e dei servizi. Gli indici di fiducia per l esercizio 2014 sono ancora piuttosto deboli, con aspettative degli imprenditori di un graduale miglioramento della congiuntura ma ancora in un clima di generale incertezza. Elemento che può essere considerato positivo in questo contesto è il forte incremento dell esposizione sul sistema finanziario italiano da parte di alcuni investitori istituzionali, primo tra i quali BlackRock che tra la fine del 2013 e l inizio del 2014 ha investito oltre 15 MLD acquisendo partecipazioni superiori al 5% nelle principali banche italiane: la fiducia nel sistema da parte di un investitore di tale livello può essere considerata un ottimo segnale, considerando il forte carattere di commercial banking e le connotazioni di prossimità territoriale con il sistema produttivo degli intermediari italiani. Altro elemento di grande rilievo a livello regionale è stata l assegnazione da parte della Regione Piemonte ai confidi operanti sul territorio regionale di fondi POR-FESR per quasi 30 mln ( 3,5 mln la quota assegnata alla società) come contributo alla capitalizzazione degli intermediari: questo intervento pubblico è stato frutto sia della sensibilità dell operatore pubblico per il tema dell accesso al credito della PMI che della lunga attività di sensibilizzazione svolta dalle associazioni datoriali, CNA Piemonte in primis, nei confronti dell amministrazione regionale. 1. COMMENTO ALLA GESTIONE La produzione di garanzie della società dall esercizio 2011 all esercizio 2013 ha presentato l andamento seguente. 1.1 PRODUZIONE DI GARANZIE Erogato Su t-1 Su ,90% ,82% 37,61% Pagina 6

9 RELAZIONE SULLA GESTIONE Si è potuto quindi riscontrare un proseguimento del positivo andamento produttivo già rilevato nel corso del All andamento della produzione di garanzie non è però corrisposto un analogo incremento di ricavi da garanzia per cassa, come si rileva dalla tabella che segue. 1.2 RICAVI DA GARANZIA PER CASSA Delta Delta % Diritti ,42% Commissioni ,97% Totale ,16% La ragione del minor incremento di ricavi per cassa è legata al mix di forme tecniche, che per la prima volta nel corso dello svolgimento del Piano Industriale e nella storia della società ha visto una prevalenza del breve termine sul medio termine. 1.3 SUDDIVISIONE GARANZIE RILASCIATE PER FORMA TECNICA COMPONENTE Breve termine 42,62% 49,77% 57,02% Medio termine 57,38% 50,23% 42,98% Gli obiettivi di ricavo posti per l esercizio 2013 non sono quindi stati raggiunti a dispetto dell incremento di volumi, come si rileva dalla tabella che segue. 1.4 RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DI VOLUME 2013 ex p ac t. Raggiungimento Commissioni ,66% Diritti ,88% Totale ric av i ,67% Pagina 7

10 RELAZIONE SULLA GESTIONE Nonostante la distanza dal budget rimanga significativa, il miglioramento rispetto all esercizio precedente è piuttosto marcato, visto che il 2012 aveva visto una distanza superiore ad un terzo dall obiettivo. Per il 2013 in sede di revisione al Piano Industriale erano stati fissati obiettivi relativi al nuovo rischio senza nuova finanza ed al finanziamento del circolante a condizioni speciali. Per il primo obiettivo era stato creato il prodotto denominato Iniziativa 2013, che prevedeva di mettere a disposizione delle banche principali plafond di garanzie appositi con griglie di policy specifiche. Per quanto riguarda il finanziamento del circolante a condizioni speciali lo strumento era il cross-selling con CNA Servizi rispetto al bacino di clientela potenziale rappresentato da circa clienti delle società di servizi del sistema CNA nelle aree Torino e Piemonte Nord. Il prodotto Iniziativa 2013 ha avuto un buon risultato di mercato: se da una parte l attesa di assumere un ruolo quasi esclusivo nell erogazione di garanzie a breve termine non è stata soddisfatta, dall altra quasi il 40% delle garanzie a breve termine su nuova clientela sono state rilasciate a valere su tale prodotto. Questa situazione presenta comunque l indicatore positivo del fatto che la previsione di drastica riduzione dell operatività ordinaria è stata disattesa, con flussi di garanzie a valere su nuova finanza più sostenuti dell esercizio precedente, il che dà conto di due elementi: da una parte il fatto che permane nella società la capacità di intercettare operazioni di nuova finanza, e dall altra che questo non viene effettuato a scapito della selezione del credito, non essendo state effettuate variazioni in senso di minore selettività nella Policy del Credito nel corso del Nel dettaglio, i flussi di nuove erogazioni relative agli Istituti convenzionati negli esercizi 2012 e 2013 si presentano come riportato nella tabella seguente. Pagina 8

11 RELAZIONE SULLA GESTIONE FLUSSI DI NUOVE EROGAZIONI RELATIVE AGLI ISTITUTI CONVENZIONATI ABI INTESTAZIONE Delta 2008 UNICREDIT SPA ,07% 3069 INTESA SANPAOLO SPA ,65% 5034 BANCO POPOLARE ,52% 1005 BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA ,31% 6090 BIVERBANCA SPA ,62% 6906 BANCA REGIONALE EUROPEA SPA ,16% 3268 BANCA SELLA SPA ,81% 6085 CASSA DI RISPARMIO DI ASTI SPA ,36% ALTRE ,42% TO TALE ,82% Pagina 9

12 RELAZIONE SULLA GESTIONE L andamento dell incidenza percentuale degli Istituti convenzionati negli esercizi 2012 e 2013 si presenta come segue. 1.6 INCIDENZA DEGLI ISTITUTI CONVENZIONATI ABI INTESTAZIONE Delta 2008 UNICREDIT SPA 28,48% 29,39% -3,11% 3069 INTESA SANPAOLO SPA 21,84% 20,51% 6,49% 5034 BANCO POPOLARE 8,78% 5,37% 63,49% 1005 BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA 6,80% 8,95% -24,11% 6090 BIVERBANCA S.P.A. 5,36% 3,94% 36,25% 6906 BANCA REGIONALE EUROPEA SPA 4,88% 5,66% -13,79% 3268 BANCA SELLA SPA 4,67% 4,63% 0,82% 6085 CASSA DI RISPARMIO DI ASTI SPA 3,96% 4,41% -10,31% ALTRE 15,23% 17,13% -11,09% La maggiore operatività con le banche maggiori risponde anche all obiettivo di ottenere informazioni andamentali complete ed affidabili sia in sede di delibera che in sede di monitoraggio. L andamento dell incidenza percentuale degli Istituti convenzionati in grado di fornire flussi informativi negli esercizi 2012 e 2013 si presenta come segue. 1.7 FLUSSI INFORMATIVI DAGLI ISTITUTI CONVENZIONATI TIPO Delta % Flussi operativi 65,02% 59,64% 5,38% Flussi presenti in definizione 7,81% 11,03% -3,22% Senza flussi 27,17% 29,33% -2,15% Pagina 10

13 RELAZIONE SULLA GESTIONE Questo ha fatto sì che il sistema di monitoraggio interno, che integra tali flussi con le risultanze di Centrale dei Rischi, abbia mantenuto e leggermente incrementato la propria copertura del portafoglio, come si rileva dalla tabella seguente. 1.8 FLUSSI INFORMATIVI TIPO Delt a Rated 80,85% 80,04% 0,81% Unrated 19,15% 19,96% -0,81% Vale la pena notare come le informazioni di status rilevate dai tabulati delle banche AIRB abbia consentito in apertura del 2014 la revisione del sistema di monitoraggio interno, che attualmente incorpora la valutazione degli stati di osservazione legati, oltre alle valutazioni autonome, ai pastdue tecnici ed agli stati di osservazione delle banche AIRB con valore di override sulle valutazioni interne. 2. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Lo scenario atteso per il 2014 si basa sull assunto che la situazione socioeconomica del 2014 non differirà in maniera significativa dall esercizio I fattori di contesto maggiormente rilevanti sono che non ci si attende né una sostanziale ripresa della produzione industriale, con le relative catene di subfornitura, né una sostanziale ripresa dei consumi, quindi né dei servizi ad essi correlati né del commercio al dettaglio; a seguito di ciò, gli investimenti rimarranno molto scarsi. Non ci si attende perciò nemmeno un aumento degli stock di credito a disposizione del mercato di riferimento, in quanto lo scenario di stagnazione dei prenditori e la necessità per molti intermediari di ridurre la leva finanziaria e migliorare i coefficienti patrimoniali per essere in linea con gli standard previsti da Basilea 3 e dalla Vigilanza europea non consentirà di incrementare l affidato. Sotto il profilo del mercato del credito, lo scenario atteso per il 2014 prevede quindi che il medio lungo termine per investimenti rimanga su valori ridotti, per quanto meno marginali di quanto ci si attendesse per il 2013, ma essenzialmente legato a sostituzione di attrezzature produttive non più utilizzabili e a start-up; che sia il medio lungo termine per scorte e rifinanziamento del circolante che Pagina 11

14 RELAZIONE SULLA GESTIONE il medio lungo termine per rinegoziazione e ristrutturazione del debito non vedano un ulteriore aumento della domanda da parte delle banche ma rimangano su livelli stabili; ed infine che il breve termine di nuova erogazione rimanga su livelli non elevati ma superiori alle attese per l esercizio La presenza di operatività relativa a nuovo rischio senza nuova finanza è prevista anche per l esercizio 2014 come un elemento di tutto rilievo, e con ulteriore possibilità di crescita numerica. Lo strumento Iniziativa 2013 si è rivelato molto efficiente sotto il profilo dell iter deliberativo e della capacità di prezzare adeguatamente il rischio, e ha contribuito a gettare le basi per la Policy del Credito del In conseguenza di questo, le griglie di pricing e le matrici decisionali del prodotto Iniziativa 2013 sono state confermate per l esercizio 2014, ed anzi sono state acquisite dalla società come linea di business permanente. Nel corso del 2013 la gestione dei rinnovi di garanzie su posizioni a breve termine a scadenza ha presentato ottimi ritorni, sia sotto il profilo della percentuale di buon fine che sotto il profilo della nuova finanza data alle controparti in concomitanza con il rinnovo. Nel corso del 2014 lo stock di breve termine da rinnovare è più elevato di 8 mln rispetto all analogo dato 2013, e questa è un area di business con buon margine di sicurezza. Un nuovo canale produttivo per la società è l offerta di nuova finanza in concomitanza con la scadenza di medio termine, attività in precedenza effettuata in misura sporadica ed incidentale più che sistematica. In presenza di medio termine in scadenza è possibile effettuare interventi di copertura di linee a breve termine preesistenti non garantite utilizzando il capitale sociale libero: questa attività permette al cliente di accedere a tassi di convenzione particolarmente concorrenziali senza affrontare l uscita di cassa upfront del capitale sociale, il che rende l offerta commerciale particolarmente conveniente. Per l esercizio 2014 si è ritenuto che un incremento produttivo sufficiente da solo a raggiungere il break-even mediante i ricavi sia difficilmente compatibile con una selettività del credito adeguata al contesto economico. E stata quindi eseguita una revisione del pricing relativo all operatività ordinaria improntata ad un lieve incremento delle componenti legate al conto economico entro un Pagina 12

15 RELAZIONE SULLA GESTIONE range che va da un minimo incremento del 6% ad un massimo incremento del 15% a seconda della forma tecnica dell affidamento sottostante. Sulla revisione del pricing è stata effettuata una valutazione preliminare per stabilire quanto un incremento del listino rischi può incidere sulla creazione del portafoglio clienti innescando meccanismi di selezione avversa, particolarmente confrontando il nuovo pricing con quello dei principali players del mercato geografico di riferimento: applicando i prezzi medi ad operazioni standard sono stati stabiliti adeguati benchmark di prezzo, è stato rilevato come rispetto al mercato nel suo complesso, la società possa mantenere un ampio margine di convenienza rispetto ai competitors relativamente alle componenti di costo. E presente un lieve svantaggio rispetto all esborso totale nei casi in cui i competitor non acquisiscono capitale sociale proporzionalmente alla garanzie ricevuta, ma tale svantaggio è di entità alquanto contenuta. Si può quindi desumente dal benchmarking sopra esposto come il rischio di selezione avversa connesso con il repricing sia sufficientemente contenuto da ritenere il bilanciamento costi/benefici della sua adozione sbilanciato sul lato benefici. Pagina 13

16 RELAZIONE SULLA GESTIONE 3. INDICATORI FONDAMENTALI Sotto il profilo del patrimonio di Vigilanza, la situazione a chiusura 2013 si presenta come riportato nella tabella sottostante. 3.1 PATRIMONIO DI VIGILANZA COMP OS IZIONE Tier 1 elementi positivi Capitale Riserve Utile del periodo 0 0 Tier 1 elementi negativi (1.442) (250) Perdita del periodo (1.442) (242) Immobilizzazioni immateriali 0 (8) Tier 1 filtri prudenziali - deduzioni (3.702) (3.372) Riserva negativa AFS (330) 0 Riserva FTA (3.372) (3.372) Tier 1 al lordo degli elementi da dedurre Tier 1 elementi da dedurre (1) (1) Interessenze >10% cap. soc. 0 0 Interessenze <10% cap. soc. 0 0 Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni (50%) (1) (1) Tier 1 totale Tier 2 elementi positivi Riserva da valutazione AFS Strumenti ibridi di patrimonializzazione Tier 2 elementi negativi 0 (59) Quota non computabile riserva da valutazione AFS 0 (59) Tier 2 al lordo degli elementi da dedurre Tier 2 elementi da dedurre (1) (1) Interessenze >10% cap. soc. 0 0 Interessenze <10% cap. soc. 0 0 Deduzioni derivanti da cartolarizzazioni (50%) (1) (1) Tier 2 totale Patr imonio di v igilanz a Pagina 14

17 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il capitale interno ed i principali coefficienti di vigilanza si presentano come segue. 3.2 RATIOS E INDICATORI Ris c hio operativ o Margine di intermediazione Ris c hio di c redito RWA Capitale interno di primo pilas tro Ec c edenz a patrimoniale s u primo pilas tro Rischio di concentrazione Rischio di tasso di interesse Rischio residuo Capitale interno di s ec ondo pilas tro Capitale interno c omples s iv o Free capital Free capital % 55,92% 57,98% Tier 1 ratio 15,62% 16,52% Total c apital ratio 16,01% 16,57% Pur a fronte di dati economici ancora non pienamente soddisfacenti è quindi possibile rilevare come anche in questo esercizio la società abbia incrementato i propri indicatori patrimoniali, già peraltro in precedenza di buon livello, migliorando sia i ratios che il free capital. Il total capital ratio del 16,57% rilevato a chiusura esercizio in particolare è elemento estremamente confortante sulla solidità della società, che dall ammissione sotto Vigilanza, nel pieno della crisi economica, in poi ha costantemente migliorato il proprio coefficiente patrimoniale. Pagina 15

18 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4. ULTERIORI INFORMAZIONI RISPETTO A QUELLE FORNITE NELLA NOTA INTEGRATIVA SUGLI OBIETTIVI E SULLE POLITICHE DELL IMPRESA IN MATERIA DI ASSUNZIONE, GESTIONE ECOPERTURA DEI RISCHI Nel corso dell esercizio 2013 sono stati revisionati il Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio e il sistema di monitoraggio interno. Il Sistema di Monitoraggio Interno è stato sottoposto ad un profondo aggiornamento al fine di individuare e definire degli status in osservazione e in preincaglio a partire sia dagli status comunicati dalle quattro banche che inviano flussi periodici, sia dai flussi di ritorno di CR e dalle informazioni relative allo stato di ammortamento dei mutui garantiti per rilevare situazioni di past due oggettivo. L obiettivo di questa revisione era di stabilire livelli differenziati di deterioramento sui quali fosse poi possibile effettuare l appostamento di appositi fondi rettificativi. In coerenza con questo il Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio è stato revisionato per consentire il calcolo di tali fondi rettificativi. Questi due adeguamenti, insieme all allineamento delle classificazioni a quanto previsto dalla comunicazione di Banca d Italia Confidi 107. Garanzie deteriorate: chiarimenti del 08/05/2013, hanno portato i precedenti tre principali portafogli connessi con l attività core di rilascio di garanzia consortile, vale a dire i crediti di firma in bonis, i crediti di firma deteriorati e i crediti per cassa in sofferenza, a suddividersi in 5 portafogli: i crediti di firma in bonis, i crediti di firma in osservazione, i crediti di firma in preincaglio, i crediti di firma in incaglio, i crediti di firma in sofferenza ed i crediti per cassa in sofferenza. A ciascuno di questi portafogli è associato un fondo rettificativo con criteri di calcolo individuali esposti nel Modello di valutazione e monitoraggio del rischio di portafoglio. Nella tabella seguente si riporta la classificazione delle posizioni per portafogli e score al 31 dicembre (flussi del 31 ottobre). Pagina 16

19 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4.1 CLASSIFICAZIONE DELLE POSIZIONI PER PORTAFOGLI E SCORE Portafoglio Sc ore Inc idenz a lorda In bonis B1 25,19% B2 15,34% B3 12,60% B4 11,75% B5 1,94% In osservazione M1 1,22% M2 0,86% M3 4,26% In preincaglio R1 1,46% R2 0,22% In incaglio R3 Incaglio revocato 5,46% R3 Sofferenza 19,70% Pagina 17

20 RELAZIONE SULLA GESTIONE In coerenza con tale classificazione e con la conseguente introduzione di nuovi fondi rettificativi relativi alle posizioni in osservazione e in preincaglio, i coverage ratios a chiusura 2013 si presentano come segue. 4.2 COVERAGE RATIOS CLASSIFICAZIONE Esposizione lorda Rettifica ante CRM Rettifica post CRM Rettifica ante CRM Rettifica post CRM In bonis ,55% 0,65% In osservazione ,00% 4,63% In preincaglio ,98% 6,91% In incaglio ,79% 13,64% Affidamenti R3 (*) ,83% 11,25% Affidamenti risolti ,14% 14,29% Sofferenze di firma ,68% 32,54% Totale esposizioni fuori bilancio ,22% 6,59% Sofferenze di cassa ,17% 68,17% Totale esposizioni per cassa ,17% 68,17% (*) Posizioni in bonis con controparte incagliata Totale ,63% 11,44% Pagina 18

21 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il confronto puntuale con l esercizio precedente non è possibile per via della differente ripartizione in portafogli; raggruppando i portafogli 2013 per riprodurre i criteri di distribuzione del 2012 la situazione di presenta come segue. 4.3 CONFRONTO CON DATI 2012 RIAGGREGATI Credit o 2013 ante CRM 2013 post CRM 2012 ante CRM 2012 post CRM In bonis 1,55% 0,65% In osservazione 10,00% 4,63% In preincaglio 14,98% 6,91% Totale CF non a default 2,32% 1,01% 1,26% 0,51% In incaglio 37,79% 13,64% Affidamenti R3 (*) 32,83% 11,25% Affidamenti risolti 39,14% 14,29% Sofferenze di firma 54,68% 32,54% Totale CF a default 51,01% 28,44% 57,24% 28,07% Sofferenz e di c as s a 68,17% 68,17% 67,75% 68,96% (*) Posizioni in bonis con controparte incagliata Totale generale 16,63% 11,44% 14,35% 10,10% I coverage ratios al lordo della CRM sono quindi stabili per quanto riguarda le sofferenze, in lieve calo per quanto riguarda i crediti di firma su controparti a default e quasi raddoppiati per i crediti di firma su controparti non a default, mentre i coverage ratios al netto della CRM sono stabili per quanto riguarda sia le sofferenze che i crediti di firma su controparti a default e quasi raddoppiati per i crediti di firma su controparti non a default. La società utilizza in modo massiccio strumenti pubblici di CRM, sia eligible che non eligible, e l orientamento della società nell utilizzo di tali strumenti non è tanto nella direzione della riduzione del requisito patrimoniale, quanto del contenimento degli impatti netti a conto economico legati alle rettifiche di valore sulle poste deteriorate. Pagina 19

22 RELAZIONE SULLA GESTIONE La situazione degli strumenti di CRM operativi a chiusura 2013 è quella riportata nella seguente tabella 4.4 STRUMENTI DI CRM CF non deteriorato CF deteriorati Totale Artigiancassa Fondo Fondo LR Finpiemonte Fondo LR FEI Contratto Contratto Fondo Centrale PMI Sezione ordinaria Sezione autotrasporti Fondo in gestione Antiusura Totale La copertura globale rispetto alla chiusura del 2012 è aumentata di 5 mln circa, con una variazione della copertura globale dal 37,81% del 2012 al 42,29%. Il rischio operativo si manifesta sostanzialmente nella possibilità di errato utilizzo o funzionamento irregolare del sistema informativo e nell indisponibilità di informazioni rilevanti, ed è contenuto mediante presidi informatici e controlli interni effettuati in coerenza con la Policy del Rischio Operativo. Il rischio di concentrazione non ha carattere single-name per via del limite massimo di credito di firma concedibile ad una singola controparte o gruppo di controparti collegate previsto dal Regolamento del Credito e pari ad 0,5 mln, ma ha carattere geosettoriale e pare connaturato con il carattere regionale della società e il suo bacino di clientela tra le PMI principalmente del segmento Pagina 20

23 RELAZIONE SULLA GESTIONE retail. La preponderanza del segmento retail garantisce comunque un elevata granularità di portafoglio. Per quanto attiene al rischio di concentrazione geografica il ridotto impatto assoluto della quota di mercato della società sul complesso del mercato del credito relativo al settore di riferimento permette di considerare tale rischio presente ma di profilo non particolarmente significativo: la quota di mercato intercettata è abbastanza ridotta per cui variazioni anche significative dei valori quantitativi o qualitativi del mercato possono essere assorbiti dalla società mediante attività di selezione specifica senza correre eccessivi rischi strategici. Per quanto riguarda la concentrazione settoriale, il rischio pare connaturato con l attività aziendale: il bacino di utenza dei confidi da una parte esclude il mercato dei privati e delle famiglie consumatrici, dall altra è sempre stato rappresentato da imprese con caratteristiche dimensionali tali da essere più compatibili con i settori di attività che non richiedessero strutture aziendali particolarmente complesse o consistenze di organico particolarmente significative. Di seguito la distribuzione per classificazione ATECO Pagina 21

24 RELAZIONE SULLA GESTIONE 4.5 CLASSIFICAZIONE ATECO 2007 ATECO - MACRO CLASSIFICAZIONE C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE 29,09% 29,19% F COSTRUZIONI 20,11% 21,04% G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO RIP.AUTOVEICOLI 19,51% 18,98% I ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 8,70% 8,28% H TRASPORTO E MAGAZZINAGGIO 5,80% 6,02% S ALTRE ATTIVITÀ DI SERVIZI 4,40% 5,11% A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 2,83% 2,79% N NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO 2,50% 2,28% M ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE 2,40% 2,27% J SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 1,18% 1,18% L ATTIVITA' IMMOBILIARI 1,16% 1,26% Q SANITA' E ASSISTENZA SOCIALE 0,83% 0,41% E FORNITURA DI ACQUA RETI FOGNARIE 0,48% 0,35% R ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO 0,37% 0,39% P ISTRUZIONE 0,25% 0,14% B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE 0,18% 0,10% K ATTIVITÀ FINANZIARIE E ASSICURATIVE 0,15% 0,11% D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ARIA 0,05% 0,08% U ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI 0,01% 0,02% Il rischio di tasso di interesse è di esclusiva pertinenza del portafoglio titoli, e non è tanto riferibile ad un mismatch tra fonti e impieghi quanto ad uno sfavorevole andamento del fair value legato alla curva dei tassi. Nel corso del 2013 la società ha visto la riserva AFS passare in positivo per via dell ulteriore miglioramento dei corsi del debito pubblico italiano. Pagina 22

25 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il rischio di liquidità inteso come rischio di non adempiere alle obbligazioni a scadenza è sostanzialmente nullo in quanto le fonti a scadenza sono rappresentate da un fondo rischi concesso dalla CCIAA di Torino a titolo oneroso, oltre che da mutui per l acquisto di immobili strumentali il cui rimborso viene affrontato mediante la gestione corrente. Il reale rischio di liquidità viene rinvenuto nella possibilità teorica di indisponibilità di fondi per il pagamento delle obbligazioni legate ai crediti di firma in escussione, scenario però estremamente remoto e presidiato dai buffer di liquidità previsto dalla Policy della Gestione Finanziaria. Il rischio residuo, che è il rischio che le forme di copertura del rischio di credito si rivelino inefficaci, rappresenta un profilo rilevante ed oggetto di attento monitoraggio e viene mitigato mediante il sistema dei controlli interni. In particolare, al fine del contenimento del rischio residuo nel corso del 2013 è stata proseguita l attività di riduzione dell esposizione verso il Fondo Centrale di Garanzie avviata nel 2012: l esposizione è scesa ad 5,7 mln, contro i 10,4 mln del PRINCIPALI FATTORI E CONDIZIONI CHE INCIDONO SULLA REDDITIVITÀ, INCLUSI I CAMBIAMENTI DEL CONTESTO AMBIENTALE NEL QUALE L'IMPRESA OPERA, LE INIZIATIVE INTRAPRESE A FRONTE DEI CAMBIAMENTI E I RELATIVI RISULTATI NONCHÉ LE POLITICHE DI INVESTIMENTO ADOTTATE DALL'IMPRESA PER MANTENERE E MIGLIORARE I RISULTATI ECONOMICI. Nel corso del triennio la società ha pagato escussioni per 11,25 mln ed effettuato svalutazioni e rettifiche lorde per 13,5 mln. Sempre nel triennio il patrimonio di vigilanza della società è rimasto stabile dagli 19,1 mln del 2011 agli 19,4 del 2013, ma il total capital ratio è passato dal 13,10% del 2011 al 16,57% del Sempre nel corso del triennio la società è passata dalla svalutazione collettiva degli incagli revocati e individuale delle sofferenze escusse all appostamento di fondi rettificativi per posizioni in osservazione, in preincaglio, in incaglio revocato, in sofferenza di firma ed in sofferenza di cassa, con attività di monitoraggio totalmente Pagina 23

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli