.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ".. QUANDO?.. DOVE?... COME?"

Transcript

1 S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti

2 PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto 1999 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale: modalità di erogazione e tariffe ELENCO 1 contiene i dispositivi, protesi, ortesi e ausili tecnici, costruiti su misura e quelli di serie la cui applicazione richiede modifiche eseguite da un tecnico abilitato su prescrizione di un medico specialista ed un successivo collaudo da parte dello stesso ELENCO 2 contiene i dispositivi, ausili tecnici, di serie la cui applicazione o consegna non richiede l intervento del tecnico abilitato, tranne nei casi in cui siano necessarie delle modifiche per adattarli alle esigenze dell utente ELENCO 3 contiene gli apparecchi forniti direttamente dalle aziende unità sanitarie locali 2

3 AVENTI DIRITTO D.M. n.332 del 27 agosto 1999 Hanno diritto all erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore gli assistiti che presentano menomazioni o disabilità invalidanti come di seguito riportati: a) invalidi civili, di guerra e per servizio, i privi della vista e i sordomuti e i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di un invalidità permanente; b) gli istanti in attesa di accertamento, mutilati e invalidi civili totalmente inabili per affezioni fisiche o psichiche nei cui confronti, le apposite commissioni sanitarie, abbiano accertato che si trovino nell impossibilità di deambulare senza aiuto permanente di accompagnamento o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, abbisognano di un assistenza continua e pertanto gli sia stata concessa l indennità di accompagnamento (art. 1 legge n. 18 del 11 febbraio 1980) 3

4 AVENTI DIRITTO D.M. n.332 del 27 agosto 1999 Hanno diritto all erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore gli assistiti che presentano menomazioni o disabilità invalidanti come di seguito riportati: c) gli istanti in attesa di riconoscimento cui, in seguito all accertamento sanitario effettuato dalla commissione medica, sia stata riscontrata una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore a un terzo, risultante dai verbali (art. 1 comma 7, legge 15 ottobre 1990, 295) d) i soggetti laringectomizzati e tracheostomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, i portatori di catetere permanente, gli affetti da incontinenza urinaria stabilizzata, gli affetti da patologia grave che obbliga all allettamento, previa presentazione di certificazione medica redatta da uno specialista del SSN, dipendente o convenzionato, competente per la menomazione; 4

5 AVENTI DIRITTO D.M. n.332 del 27 agosto 1999 Hanno diritto all erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore gli assistiti che presentano menomazioni o disabilità invalidanti come di seguito riportati: e) soggetti amputati di arto, mastectomizzate, soggetti che hanno subito un intervento demolitore dell occhio, previa presentazione di certificazione medica; f) i ricoverati in struttura sanitaria, pubblica o privata, per i quali il medico responsabile dell unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell applicazione di una protesi, di un ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave e permanente. Contestualmente alla fornitura della protesi o dell ortesi deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell invalidità 5

6 AVENTI DIRITTO D.M. n.332 del 27 agosto 1999 Hanno diritto all erogazione dei dispositivi contenuti nel nomenclatore gli assistiti che presentano menomazioni o disabilità invalidanti come di seguito riportati: g) i soggetti che hanno subito un infortunio sul lavoro che necessitano di dispositivi curativi il cui utilizzo è finalizzato al recupero. Se si tratta di dispositivi non necessari alla guarigione clinica ma al compenso di un danno permanente, funzionale e/o anatomico, dipendente dagli esiti di infortunio o malattia professionale, gli stessi sono a carico dell I.N.A.I.L.. h) gli stranieri irregolarmente soggiornanti in possesso del codice identificativo regionale a sigla STP (straniero temporaneamente presente). 6

7 INVALIDITÀ La richiesta di dispositivo protesico è vincolata alla certificazione di invalidità o in casi ben precisi all avvenuta domanda di invalidità ELENCO 1 Deve essere presente il verbale di invalidità, con il riconoscimento di almeno il 34% per patologia inerente l ausilio richiesto. Se il soggetto è in possesso del verbale di invalidità del 100% e l accompagnamento, qualora subentrino nuove patologie oltre a quella per la quale è stata riconosciuta l invalidità, è sufficiente allegare la dichiarazione dello specialista attestante la nuova patologia. N.B. È sufficiente la copia della domanda di invalidità in presenza di crolli vertebrali con dichiarazione dello specialista. 7 Per i pazienti seguiti in ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) non è indispensabile il verbale di invalidità ma è consigliabile fare la domanda

8 INVALIDITÀ La richiesta di dispositivo protesico è vincolata alla certificazione di invalidità o in casi ben precisi all avvenuta domanda di invalidità ELENCO 2 Deve essere presente la domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento). N.B. Per le protesi acustiche è indispensabile il verbale di invalidità. Se il soggetto è in possesso del verbale di invalidità del 100% e l accompagnamento, qualora subentrino nuove patologie oltre a quella per la quale è stata riconosciuta l invalidità, è sufficiente allegare la dichiarazione dello specialista attestante la nuova patologia. N.B. Per l incontinenza è sufficiente la dichiarazione del MMG. 8

9 INVALIDITÀ La richiesta di dispositivo protesico è vincolata alla certificazione di invalidità o in casi ben precisi all avvenuta domanda di invalidità ELENCO 3 Deve essere presente il verbale di invalidità, con il riconoscimento di almeno il 34% per patologia inerente l ausilio richiesto. Se il soggetto è in possesso del verbale di invalidità del 100% e l accompagnamento, qualora subentrino nuove patologie oltre a quella per la quale è stata riconosciuta l invalidità, è sufficiente allegare la dichiarazione dello specialista attestante la nuova patologia. 9

10 INVALIDITÀ La richiesta di dispositivo protesico è vincolata alla certificazione di invalidità o in casi ben precisi all avvenuta domanda di invalidità ELENCO 3 Per i dispositivi per l assistenza ventilatoria a. ventilatori avanzati: - copia della domanda di invalidità, - relazione dello specialista con dichiarazione di indispensabilità; b. CPAP: - copia del verbale di invalidità, - relazione dello specialista; c. CPAP con paziente ricoverato e necessità del dispositivo prima della dimissione: - relazione dello specialista con dichiarazione di indispensabilità, - copia della domanda di invalidità. 10

11 PRESCRIZIONE D.M. n.332 del 27 agosto 1999 La prescrizione dei dispositivi protesici, contenuti negli elenchi 1, 2 e 3, è redatta da un medico specialista del SSN, dipendente o convenzionato, competente per tipologia di menomazione o disabilità. 11

12 PRESCRIZIONE D.M. n.332 del 27 agosto 1999 fisiatri oculisti otorinolaringoiatri pneumolighi chirurghi ginecologi Ospedalieri dell ASL NO e dell AOU Maggiore della Carità. Strutture private accreditate regionali ed extraregionali. PARTICOLARITA pediatri ortopedici Ospedalieri dell AOU Maggiore della Carità Fisiatri per valutazione protesica Bambini seguiti in neuropsichiatria infantile Area Sud: Ospedale AOU Maggiore della Carità: dott. Rossi (fisiatra) 12 Area Nord: Dipartimento Materno Infantile ASL NO: dott.ssa Melillo (NPI)

13 PRESCRIZIONE L ASL NO ha disposto, per accordo interno, che alcuni ausili protesici appartenenti all elenco 2 (ausili non personalizzati) possano essere richiesti direttamente dal Medico di Medicina Generale. Letto articolato a uno o due snodi regolabile manualmente. Se indispensabile una specifica tipologia di letto - uno o due snodi - precisarlo nello spazio diagnosi del modulo di richiesta. Se non precisato verrà fornito il modello disponibile a magazzino. 13

14 PRESCRIZIONE L ASL NO ha disposto, per accordo interno, che alcuni ausili protesici appartenenti all elenco 2 (ausili non personalizzati) possano essere richiesti direttamente dal Medico di Medicina Generale. Numero due sponde Supporto per alzarsi (Trapezio) 14

15 PRESCRIZIONE L ASL NO ha disposto, per accordo interno, che alcuni ausili protesici appartenenti all elenco 2 (ausili non personalizzati) possano essere richiesti direttamente dal Medico di Medicina Generale. materasso antidecubito cuscino antidecubito 15

16 PRESCRIZIONE L ASL NO ha disposto, per accordo interno, che alcuni ausili protesici appartenenti all elenco 2 (ausili non personalizzati) possano essere richiesti direttamente dal Medico di Medicina Generale. Carrozzina a telaio rigido manovrabile all accompagnatore (sedia comoda) ATTENZIONE Modifiche larghezza per soggetti sovrapeso/obesi 16

17 PRESCRIZIONE Modulo per il MMG Prescrizione ausili non personalizzati 17

18 FORNITORI D.M. n.332 del 27 agosto 1999 La fornitura dei dispositivi definiti su misura, inclusi nell elenco 1 del nomenclatore tariffario delle protesi, è autorizzata solo a soggetti iscritti presso il Ministero della Sanità. L erogazione dei restanti dispositivi inclusi nell elenco 1 è fornita da soggetti autorizzati all ammissione in commercio, alla distribuzione o alla vendita ai sensi della normativa vigente, che dispongano di almeno un tecnico in possesso del titolo abilitante all esercizio della specifica professione o arte sanitaria ausiliaria. Per l erogazione dei dispositivi inclusi negli elenchi 2 e 3 l ASL NO ha provveduto a stipulare contratti con fornitori aggiudicatari al fine di garantire l acquisizione di ausili adeguati ad un costo equo come previsto dal Piano di rientro. 18

19 RINNOVO ADULTI D.M. n.332 del 27 agosto 1999 L Azienda non può fornire un nuovo dispositivo protesico, per gli assistiti di età superiore ai 18 anni, prima che sia trascorso il tempo minimo di rinnovo, specifico per tipo di dispositivo, riportato nell allegato 5. ESEMPI Calzature e rialzi per soggetti non deambulanti e con gravi deformità ai piedi Materasso antidecubito Apparecchi acustici 18 mesi 5 anni 5 anni 19

20 RINNOVO ADULTI D.M. n.332 del 27 agosto 1999 È possibile ridurre il tempo di rinnovo: 1. sulla base di una dettagliata relazione del medico prescrittore, per particolari necessità terapeutiche o riabilitative o in caso di modifica dello stato psicofico dell assistito. 2. sulla base di una dichiarazione sottoscritta dell invalido, o da chi ne esercita la tutela è possibile procedere alla fornitura, per una volta, di un nuovo dispositivo protesico in caso di: rottura accidentale di smarrimento, di particolare usura del dispositivo, di impossibilità tecnica della riparazione di non convenienza della riparazione dello stesso di non perfetta funzionalità del presidio riparato. 20

21 RINNOVO MINORI D.M. n.332 del 27 agosto 1999 Per i dispositivi forniti agli assistiti di età inferiore ai 18 anni non si applicano i termini minimi di rinnovo ma si procede alla sostituzione o modificazione del dispositivo protesico erogato sulla base di controlli clinici previsti dal programma terapeutico 21

22 RINNOVO AUSILI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI D.G.R n In base alla DGR in vigore per l anno 2012 il rinnovo di dispositivi tecnologicamente avanzati: personal computer standard, periferiche adattate e ausili con funzioni assimilabili a personal computer, non è possibile, con riferimento alla medesima tipologia di dispositivo, procedere al rinnovo prima di 3 anni. Mentre per i dispositivi tecnologicamente avanzati per gli spostamenti tale limite è posto a 6 anni. 22

23 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ELENCO 1 AUSILI PERSONALIZZATI ausili per l ernia, ortesi spinali, ortesi per gli arti, ausili per la mobilità e la posizione seduta, ausili per la terapia ed addestramento, tricicli a pedale, carrozzine ad autospinta, veicoli, ausili per la posizione seduta ausili per l udito, protesi oculari copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia del verbale di invalidità o della domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento), impegnativa del Medico di Medicina Generale con richiesta di valutazione protesica per., prescrizione del Medico Specialista, preventivo dell ausilio da parte di un fornitore autorizzato, 23

24 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ELENCO 2 AUSILI PROTESICI DI SERIE letti ortopedici, carrozzine, ausili per il sollevamento, ausili per la deambulazione, ausili antidecubito, ausili per tracheotomia *, ausili per l incontinenza *, protesi mammarie *, ausili per la funzione acustica *, ausili le la fonazione e comunicazione * copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia del verbale di invalidità o della domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento), impegnativa del Medico di Medicina Generale con richiesta di valutazione protesica per., prescrizione del Medico specialista N.B. per le carrozzine elettriche è indispensabile la relazione dell assistente sociale del comune di residenza 24

25 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ELENCO 2 AUSILI PROTESICI DI SERIE: PRESCRIVIBILI DAL MMG Letti, trapezio, Sponde, carrozzina (comoda), materasso antidecubito, cuscino antidecubito copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia del verbale di invalidità o della domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento), modulo di richiesta del Medico di Medicina Generale 25

26 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ELENCO 3 AUSILI PERSONALIZZATI apparecchi attinenti la funzione respiratoria, apparecchi per il recupero della funzione alimentare montascale mobile copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia del verbale di invalidità o della domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento), prescrizione del Medico specialista, impegnativa del Medico di Medicina Generale con richiesta di valutazione protesica per., preventivo dell ausilio da parte di un fornitore autorizzato scelto dall utente N.B. per i montascale sono necessari: relazione dell assistente sociale del comune di residenza relazione del tecnico comunale del comune di residenza 26

27 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA CASI PARTICOLARI: Ausili per infortunio sul lavoro INAIL tutori, stampelle, carrozzine, ecc. copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia della dichiarazione di apertura infortunio, impegnativa del Medico di Medicina Generale con richiesta di valutazione protesica per., prescrizione dello specialista, N.B: per gli ausili personalizzati è necessario il preventivo dell ausilio da parte di un fornitore autorizzato scelto dall utente 27

28 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA CASI PARTICOLARI: Ausili per incontinenza pannoloni, cateteri, sacche raccolta, stomie, ecc. copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, copia del verbale di invalidità o della domanda di invalidità riportante riferimento alla legge 18/80 (accompagnamento), impegnativa del MMG con richiesta di ausili per assorbenza per paziente affetto da incontinenza. Prescrizione specialistica 28

29 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA CASI PARTICOLARI: Protesi mammarie copia della carta d identità della persona che si presenta a fare la richiesta, impegnativa del Medico di Medicina Generale con richiesta di protesi mammaria, prescrizione dello specialista, preventivo del costo dell ausilio da parte di un fornitore autorizzato 29

30 CONSEGNA DOCUMENTAZIONE La documentazione deve consegnata agli sportelli protesici SEDI AREA NORD SEDI AREA SUD Arona Piazza De Filippi, 2 medicina di base protesica Trecate Via Rugiada, 20 protesico Oleggio Via Gramsci CUP medicina di base protesica Galliate Via Varzi, 21 CUP medicina di base protesica Borgomanero Viale Zoppis, 6 protesico Novara Via dei Mille, 2 protesico Ghemme Via Castello, 7 CUP medicina di base protesica

31 AUTORIZZAZIONE La prescrizione viene esaminata dal Responsabile della s.s.v.d. Assistenza Integrativa e Protesica che accerta: 1. la congruità della prescrizione, 2. la corrispondenza tra la prescrizione stessa e i dispositivi codificati nel Nomenclatore 3. la decorrenza dei tempi minimi per il rinnovo della prescrizione nel caso di forniture successive alla prima. 31

32 CONSEGNA Qualora vi fossero ritardi nella consegna contattare il servizio. COLLAUDO Il collaudo accerta la congruenza clinica e la rispondenza del dispositivo ai termini dell autorizzazione ed è effettuato dallo specialista prescrittore. RESO Gli ausili riutilizzabili forniti agli utenti qualora decadano le condizioni di utilizzo, ripristino delle normali capacità funzionali o per decesso, devono essere restituite all ASL 32

33 ESERCITAZIONE LAVORI IN CORSO BUON LAVORO!!!!

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti

L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 L'assistenza integrativa e protesica nei soggetti in età geriatrica non autosufficienti dott. Lorenzo Brusa Novara 17

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE

ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE ESTRATTO DAL DECRETO MINISTERIALE 27 AGOSTO 1999, N. 322 SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N. 227 DEL 27SETTEMBRE 1999 SERIE GENERALE Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica

Dettagli

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99)

PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) DELLE PROTESI (DM 332/99) PROCEDURA PER L EROGAZIONE DEI PRESIDI ELENCO 1 e 2 DEL NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI (DM 332/99) Lista di Distribuzione Operatori Amministrativi Unità Operative Ass.

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

PROTESICA E PRESIDI IN DIMISSIONE Dott. Maurizio Maria Fiorentino ASL RM C Responsabile UOSD Medicina Legale D9 Coordinatore Attività Protesica Aziendale Roma, 13 Giugno 2015 DECRETO MINISTERIALE 332/99

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Aventi diritto alle prestazioni ANFFAS Brescia Onlus ASSISTENZA PROTESICA 1) invalidi civili (con valutazione superiore al 33%), di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti 2) minori di anni 18 che necessitano

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA

PROCEDURA APPLICATIVA. Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA pag. 1 di 18 DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE: Rev. DESCRIZIONE MODIFICA DATA 1 Eliminate linee guida plantari e sostituite con Indirizzi per la prescrizione di ausili per la mobilita personale, scarpe e plantari

Dettagli

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18

ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 ITER PRESCRITTIVO ED AUTORIZZATIVO PER LA FORNITURA DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA AI MINORI DI ANNI 18 Dott. Leonardo Bonafede Medico del distretto Fossano-Savigliano NORME DI RIFERIMENTO NORMATIVA

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227)

(Pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 27 settembre 1999 n. 227) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 "Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità

Dettagli

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI

PRESIDI, PROTESI, ORTESI E AUSILI REGIONE ABRUZZO Azienda Sanitaria Locale di Teramo DIPARTIMENTO ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE Direttore: Dott. Valerio F. Profeta SERVIZIO TERRITORIALE DI RIABILITAZIONE Dirigente Responsabile: Dott.sa

Dettagli

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO:

CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: CARTA DEI SERVIZI Azienda convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale 7 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE AVENTI DIRITTO: - invalidi civili, di guerra e per servizio

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica

Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Allegato 4 Indicazioni operative per la compilazione dei modelli regionali per la prescrizione delle prestazioni in Assistenza Protesica Premessa Il documento fornisce le indicazioni operative all utilizzo

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Dipartimento Cure Primarie

Dipartimento Cure Primarie Dipartimento Cure Primarie Direttore: Dr.ssa Ivanna Lascioli E-mail: dcp@aslvallecamonicasebino.it Il Dipartimento Cure Primarie, si articola in tre servizi con elencate le rispettive competenze: 1. SERVIZIO

Dettagli

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali

PROTES Assistenza Integrativa e Protesica. Definizione dei Cataloghi Regionali ASSISTENZA INTEGRATIVA E ICA Pag. 1 di 11 Assistenza Integrativa e Protesica Definizione dei Cataloghi Regionali Versione 1.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

Assistenza Riabilitativa

Assistenza Riabilitativa Assistenza Riabilitativa Che cos è l assistenza riabilitativa Chi può chiederla Il piano di intervento riabilitativo La fornitura di ausili e protesi Prescrizione di dispositivi protesici La fornitura

Dettagli

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ

4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ 4. BENEFICI CONTINUATIVI IN AMBITO SANITARIO PER INVALIDITÀ I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE

Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE Lo sportello Unico Socio Sanitario MEDICINA LEGALE INVALIDITA - CIVILE - DI SERVIZIO - DI LAVORO - DI GUERRA INVALIDI CIVILI Sono considerati invalidi civili secondo la Legge 118/1971: Cittadini di età

Dettagli

Distretto Socio-Sanitario

Distretto Socio-Sanitario Distretto Socio-Sanitario Direttore: Dr.ssa Giuliana Pieracci E-mail: dss@aslvallecamonicasebino.it Il distretto socio sanitario è struttura complessa (UOC) extra dipartimentale, che assicura il coordinamento

Dettagli

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso

Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali per l erogazione delle prestazioni di assistenza protesica e principi generali per l erogazione dei dispositivi medici monouso Principi generali di erogazione delle prestazioni di assistenza

Dettagli

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI

> Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Prot. n. 16531/3 Cagliari, 4 Maggio 2006 > Ai Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. della Regione Sardegna LORO SEDI Oggetto: Linee di indirizzo regionali sull applicazione del DM 332/99 in materia

Dettagli

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche

NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1. Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche ALLEGATO 1 NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PROTESI ELENCO N. 1 Nomenclatore tariffario delle prestazioni sanitarie protesiche LA DESCRIZIONE DEGLI AUSILI TECNICI PER PERSONE DISABILI E LE NORME TECNICHE

Dettagli

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Certificazioni di invalidità civile e handicap La certificazione di invalidità civile e la certificazione di handicap non sono la stessa cosa e danno diritto a benefici

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI LINEE GUIDA REGIONALI PER L ASSISTENZA PROTESICA INDICE 1. PERCORSO DI ASSISTENZA PROTESICA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI

SCHEDA INFORMATIVA FORNITURA PRESIDI PROTESICI 1 corsetti, busti, reggispalle, collari, minerve docce e tutori per arto superiore docce,stecche, staffe e tutori per arto inferiore o invalidi civili, di guerra e di servizio o minori di anni 18 per i

Dettagli

Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini

Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini Le agevolazioni e i contributi per l acquisto degli ausili e dei sussidi informatici di Carlo Giacobini Il tema delle agevolazioni e dei contributi in materia di ausili e sussidi informatici va inquadrato

Dettagli

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI

Esercitazione: casi clinici. Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Esercitazione: casi clinici Dr: Lorenzo Tullio BRUSA Dr: Maria Giovanna NUCCI Caso clinico n. 1 Uomo, anni 72, affetto da: Cardiopatia ischemica cronica, ipertensione arteriosa Ipoacusia di grado medio

Dettagli

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia

ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia ALLEGATO 2 1. Tempi minimi di rinnovo 2. Termini massimi di consegna/fornitura 3. Termini di garanzia 1. TEMPI MINIMI DI RINNOVO A) Dispositivi ortopedici: Plantari: - in fibra ad alta resistenza 36 mesi

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale

Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Fornitura dell apparecchio acustico a carico del Servizio Sanitario Nazionale Lo sapevi che la sanità italiana eroga un contributo a favore dei cittadini italiani con particolari problemi di udito? In

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA FORNITURA DI PROTESI E AUSILI Il presente regolamento, condiviso con l UOC Anziani ed A.D.I. è parte integrante delle Linee Guida per l Assistenza Protesica, e la modulistica

Dettagli

Allegato n. 1 Delibera n. 301 del 27/05/2014

Allegato n. 1 Delibera n. 301 del 27/05/2014 Linee Guida delle Aziende Ulss della provincia di Venezia per la prescrizione di protesi e ausili (D.M. 332/1999) L assistenza agli anziani ed alle persone disabili non è erogabile a livello di singoli

Dettagli

S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA CRITERI, PROCEDURE E MODULISTICA

S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA PROTESICA CRITERI, PROCEDURE E MODULISTICA Via Vida, 10 12051 ALBA (CN) Tel +39 0173.316111 Fax +39 0173.316480 e-mail: aslcn2@legalmail.it www.aslcn2.it P.I./Cod. Fisc. 02419170044 S.O.C. CURE PRIMARIE E DOMICILIARI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE

Dettagli

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi

ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 172 ELENCO N. 3 : Nomenclatore degli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende USL e da assegnarsi in uso agli invalidi 173 ELENCO N. 3: Tavola di corrispondenza fra sistemi di classificazione FAMIGLIE

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo

Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria. degliausili. Come orientarsi nel mondo Azienda Sanitaria Locale n. 2 dell Umbria degliausili Come orientarsi nel mondo Sommario GLI AUSILI 6 CHE COS È UN AUSILIO? 6 A CHI PUÒ ESSERE NECESSARIO UN AUSILIO? 7 COME OTTENERE UN AUSILIO? 7 DOVE

Dettagli

PER LA PRESCRIZIONE DI

PER LA PRESCRIZIONE DI LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DI AUSILI LE FOTO CONTENUTE SONO ESEMPLIFICATIVE DEL PRODOTTO 1 PRESCRIVIBILITA AUSILI: AVENTI DIRITTO: soggetti con invalidita riconosciuta (diagnosi compatibile con ausilio

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 9 Treviso Sede Legale Borgo Cavalli, 42 31100 Treviso DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 24/01/2013, n. 36 Il Direttore generale di questa Azienda

Dettagli

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI PRENOTAZIONE TELEFONICA ESAMI E VISITE SPECIALISTICHE AL NUMERO VERDE 800 51 85 00 DALLE 9.00 ALLE 17.00 DA LUNEDÌ A VENERDÌ PRESIDIO TERRITORIALE DI ARONA VIA S. CARLO, 11 28041 ARONA SERVIZIO DI CONTINUITA

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA PROCEDURA DI ASSISTENZA PROTESICA Decreto Ministeriale 332/99 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI... 3

Dettagli

PARTE TERZA CURE PRIMARIE

PARTE TERZA CURE PRIMARIE PARTE TERZA CURE PRIMARIE a cura del Dott. Oliviero Zanardi UNITA ORGANIZZATIVA COMPLESSA CURE PRIMARIE E l Unità organizzativa che all interno del D.S.S.B. comprende i servizi e gli interventi rivolti

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo.

Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo. REGIONE PIEMONTE BU21 26/05/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 29 aprile 2011, n. 43-1979 Attuazione Piano di Rientro. Assistenza Integrativa - Protesica. Linee di indirizzo. A relazione dell'assessore

Dettagli

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI

ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI ALL. 1 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SUI PERCORSI ORGANIZZATIVI NELL ASSISTENZA PROTESICA, ORTESICA E FORNITURA DI AUSILI TECNOLOGICI 1. OBIETTIVO DEL DOCUMENTO Il D.M. 332/99 e ss. mm. reca le norme e

Dettagli

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 18-5958 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. n. 4-6467 del 23.07.2007 e s.m.i., recante contributi a persone con

Dettagli

SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI

SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI SINTESI PERCORSO ORGANIZZATIVO EROGAZIONE DI: PROTESI, ORTESI, AUSILI TECNICI, PRODOTTI DIETETICI. NELLA ASL 6 DI SANLURI Il presente documento è stato elaborato facendo particolare riferimento alle linee

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

1) Servizi di Emergenza Territoriale

1) Servizi di Emergenza Territoriale Disposizioni relative agli oneri dei Servizi di Soccorso e Trasporto Sanitario (DGRV 1411/2011) 1) Servizi di Emergenza Territoriale Interventi di soccorso sanitario Attribuzione dell onere: A carico del

Dettagli

TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica 2010-2011

TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI. specialisti in ortoprotesica 2010-2011 TOMBOLINI CARTA DEI SERVIZI 2010-2011 specialisti in ortoprotesica DAL 1930 3 Indice Nasce la carta dei servizi per testimoniare il nostro impegno e la nostra volontà a migliorare la qualità del servizio

Dettagli

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail:

DOMANDA. Tel./Cell/Fax: Indirizzo mail: DOMANDA BANDO Legge regionale 23/99 art. 4, commi 4 e 5 EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA O AL SINGOLO SOGGETTO DISABILE PER L ACQUISTO DI STRUMENTI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione

Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di erogazione 1 di 18 Prestazioni di assistenza protesica ed integrativa. Modalità di Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, 24 90141 PAGINA 1 2 di 18 REDAZIONE E PROPOSTA Struttura di appartenenza

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

LA FORNITURA DEGLI AUSILI IN ITALIA: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN MANUALE AD USO DEGLI UTENTI.

LA FORNITURA DEGLI AUSILI IN ITALIA: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN MANUALE AD USO DEGLI UTENTI. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Triennale in Terapia Occupazionale LA FORNITURA DEGLI AUSILI IN ITALIA: PROPOSTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN MANUALE AD USO

Dettagli

AUDIT CIVICO SICILIA 2013

AUDIT CIVICO SICILIA 2013 AUDIT CIVICO SICILIA 2013 Ambito: ASSISTENZA PROTESICA E INTEGRATIVA Questionario livello Azienda Sanitaria (rivolto alla Direzione Generale o alla Direzione Sanitaria) Azienda Sanitaria.. Data compilazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26

Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 Regolamento fornitura farmaci a RSA e Strutture ex art 26 DATA: 31.08.2009 rev. n 01 data: 20.01.2014 rev. n 02 data: 24.02.2014 Redatto Verificato Approvato Dr.ssa Maria Letizia Tosini Direttore Farmacia

Dettagli

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio

FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio FORNITURA DI PROTESI ED AUSILI nella continuità terapeutica e assistenziale tra ospedale e territorio OGGETTO DELLA SEGUENTE PROCEDURA AUSILI ANTIDECUBITO (cuscini, materassi) AUSILI PER LA PREVENZIONE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL NO

REGIONE PIEMONTE ASL NO REGIONE PIEMONTE ASL NO SEDE LEGALE: VIA DEI MILLE 2-28100 NOVARA P.IVA 01522670031 DISTRETTO DI NOVARA UFFICIO ASSISTENZA PROTESICA VIALE ROMA 7 28100 NOVARA a cura di Lorena PERTA Ufficio Assistenza

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni, con particolare riferimento all articolo 1, commi 1, 2, 3, 7 e

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO.

LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2003, N. 34. NORME IN FAVORE DEI SOGGETTI STOMIZZATI DELLA REGIONE VENETO. (BUR n. 111/2003) Art. 1 - Finalità 1. La presente legge disciplina le tipologie e le modalità di

Dettagli

Manuale ad uso interno del personale DS H3

Manuale ad uso interno del personale DS H3 Pagina 1 di 26 Manuale ad uso interno del personale DS H3 PIANIFICAZIONE LAVORO UFFICIO ASSISTENZA PROTESICA INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 18.04.2013

Dettagli

Nomenclatore Tariffario

Nomenclatore Tariffario Nomenclatore Tariffario MINISTERO DELLA SANITÀ REGOLAMENTO RECANTE NORME PER LE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA PROTESICA EROGABILI NELL AMBITO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE: MODALITÀ DI EROGAZIONE E TARIFFE

Dettagli

Idee e soluzioni per vivere meglio

Idee e soluzioni per vivere meglio Idee e soluzioni per vivere meglio CENTRO ORTHOMED Ortopedia Sanitaria Convenzionata ASL - INAIL CENTRO ORTHOMED Ortopedia Sanitaria Convenzionata ASL - INAIL Fondi Terracina Chi siamo Il Centro Orthomed

Dettagli

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE

1 LA TUTELA ASSISTENZIALE 20 Novembre 2010 CONVEGNO LA MALATTIA DI PARKINSON Stato dell arte e modalità assistenziali TRE FORME DI TUTELA principali: 1. La tutela assistenziale 2. La tutela provvidenziale 3. La tutela legale. 1

Dettagli

Le agevolazioni per le persone disabili:

Le agevolazioni per le persone disabili: Le agevolazioni per le persone disabili: percorso attraverso le principali normative ed i servizi per le persone con disabilità. Come accedere: per accedere ai servizi ed alle agevolazioni legate alla

Dettagli

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni)

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCERTAMENTO/AGGRAVAMENTO DI - INVALIDITÁ CIVILE (comprende anche l indennità di accompagnamento) -

Dettagli

Il sistema di tutela sociale

Il sistema di tutela sociale Il sistema di tutela sociale IL SISTEMA DI TUTELA SOCIALE Il sistema di TUTELA SOCIALE si riferisce a quel complesso di servizi con cui lo Stato fornisce a tutti i cittadini prestazioni di ordine assistenziale

Dettagli

OBIETTIVI BENEFICIARI

OBIETTIVI BENEFICIARI ASL DI MILANO INFORMA CHE LA REGIONE LOMBARDIA AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 23/99 CON DECRETO DEL D.G.F.C.I.S.S. N. 12252 DEL 18.12.2012, HA FORNITO INDICAZIONI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa

Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa Osservatorio Civico sul Federalismo in Sanità Rapporto 2011 Capitolo 10 L assistenza protesica e integrativa di Angelo Tanese e Rosapaola Metastasio 10.1. Un settore dell assistenza critico per i cittadini

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva nell Assistenza Integrativa e Protesica INVALIDITA CIVILE: perché e quali vantaggi Dott. Lorenzo Brusa Dott.ssa Laura Signorotti CHI E L INVALIDO CIVILE Si considerano mutilati

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92

LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 LE MINORAZIONI CIVILI INVALIDITÀ, CECITÀ, SORDITÀ CIVILI E LEGGE 104/92 1 Le minorazioni civili L invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA DI OSPEDALE. Incontri di approfondimento amministrativo STRANIERI NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO (STP)

DIREZIONE AMMINISTRATIVA DI OSPEDALE. Incontri di approfondimento amministrativo STRANIERI NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO (STP) DIREZIONE AMMINISTRATIVA DI OSPEDALE Incontri di approfondimento amministrativo STRANIERI NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO (STP) STRANIERI NON IN REGOLA CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO (STP) Definizione:

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena

COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA. Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena COMUNE DI NAPOLI COME CURARSI A CASA Per gli anziani e le famiglie del distretto 29 (ex 49) Stella, S. Carlo all Arena INDICE AUSILI PER L INCONTINENZA AUSILI ORTOPEDICI OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE MEDICAZIONI

Dettagli

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea ANZIANI MALATI NON AUTOSUFFICIENTI E/O CON DEMENZA Il diritto alle cure e la riorganizzazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie intra ed extra ospedaliere Fisioterapista Laura Caravelli scrf

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO

VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari Direttore Dott. N. Licheri VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA NEL DISTRETTO DI SASSARI: RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI DI MONITORAGGIO Distretto di Sassari 1 VENTILAZIONE MECCANICA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI

REGIONE PIEMONTE PROTES FASE 2 EVOLUZIONE TECNOLOGICA E FUNZIONALE DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Pag. 1 di 46 PROTES FASE 2 Evoluzione tecnologica e funzionale Medicina Integrativa e Protesica Definizione dei requisiti funzionali Versione 2.0 VERIFICHE E APPROVAZIONI VERSIONE REDAZIONE CONTROLLO APPROVAZIONE

Dettagli