di Debolezza, Opportunità e Minacce. 3 1 Gli acronimi stanno per Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats ovvero punti di Forza,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Debolezza, Opportunità e Minacce. 3 1 Gli acronimi stanno per Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats ovvero punti di Forza,"

Transcript

1 La politica per l agricoltura biologica in Italia: situazione nazionale e analisi di alcune espereinze regionali Unità di Ricerca:Dipartimento di Ingegnieria Informatica, Gestionale e dell'automazione Università Politecnica delle Marche 1.Introduzione In questo lavoro si presentano, in modo molto sintetico, i risultati del Sottoprogetto Politiche del Progetto di ricerca PRIN Sviluppo rurale, distribuzione moderna, sicurezza alimentare: le prospettive dell agricoltura biologica in Italia. I risultati complessivi saranno infatti contenuti in un volume che è attualmente in corso di stampa (Zanoli, a cura di, 2007). L obiettivo generale di questa parte della ricerca era quello di fare un bilancio delle politiche agricole per l agricoltura biologica dopo la riforma della Pac del Tale obiettivo si è concretizzato nell analisi dello sviluppo e dell articolazione di tali politiche nelle regioni oggetto di studio nei periodi prima e dopo la recente riforma della PAC ( e ). In particolare, si è cercato di documentare le politiche per il sostegno e la promozione della domanda di prodotti biologici applicate nelle regioni oggetto di studio, nonché il loro peso relativo rispetto alle tradizionali politi-che di sostegno dell offerta. I risultati che qui si sintetizzano rappresentano il primo sforzo collettivo di ricerca in ambito accademico sull articolazione degli effetti delle politiche per l agricoltura biologica a livello regionale nel nostro Paese. Il tentativo che ci auguriamo riuscito almeno in parte è stato quello di andare oltre un approccio meramente descrittivo o normativo, introducendo alcuni elementi di analisi d impatto basati sui risultati delle valutazioni in itinere dei piani regionali analizzati e un approccio metodologico originale, l analisi qualitativa multi-filiera (AQMF) sviluppato a partire dal metodo a suo tempo proposto da Robert e Stimson (1998) e integrato con la tradizionale analisi SWOT. Oltre all analisi regionale sono state effettuate anche alcuni studi a livello nazionale, in particolare sul ruolo degli stakeholder e sulla loro visione della politica agricola nell agricoltura biologica, che tra breve avremo modo di ascoltare direttamente dai loro principali rappresentanti, durante la sessione pomeridiana. 2. Aspetti metodologici L analisi delle politiche agricole, come è noto, può essere tentata mediante un approccio positivo ovvero normativo (De Stefano, 1985). Nel volume di cui qui si presentano alcuni sintetici risultati si è tentato il più possibile di seguire la strada virtuosa di separare abbastanza chiaramente la fase oggettiva dell analisi dalla fase soggettiva (De Stefano, 1985, p. 27), cercando di utilizzare metodiche di analisi positiva anche in un indagine in cui la disponibilità di dati economici, finanziari e strutturali era particolarmente carente. Purtroppo oramai la velocità dei mutamenti nelle politiche agrarie e di sviluppo rurale impedisce che si programmino le nuove strategie e i nuovi

2 interventi sulla base di un adeguata evidenza degli effetti (outcome) e degli impatti (impacts) delle precedenti politiche. Nel nostro Paese ciò è amplificato dalla dimensione regionale delle politiche agricole e di sviluppo rurale, e dalle scarse risorse investite per una reale conoscenza degli effetti delle politiche sul settore. Ma si tornerà su questo aspetto più oltre. Qui basti notare che la mancanza di dati e informazioni tempestive, soprattutto a livello regionale, ha reso il lavoro delle varie unità operative abbastanza complesso, e l impossibilità di utilizzare in molti casi i tradizionali metodi di analisi economica quantitativa ha reso necessario l utilizzo di un protocollo di ricerca di tipo eminentemente qualitativo. Per evitare, tuttavia, di formulare soltanto giudizi di valore e raccomandazioni normative, senza un effettiva analisi degli sviluppi delle politiche per l agricoltura biologica, si è scelto di coordinare la raccolta di dati e informazioni nelle nove regioni studiate (Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Marche, Molise, Puglia, Sicilia, Veneto) e di seguire un comune protocollo di ricerca. La fase preliminare della ricerca si è concretizzata nella raccolta dei dati regionali (pre e post Agenda 2000) da parte di ciascuna unità operativa coinvolta. Per far questo sono state predisposte delle specifiche linee guida comuni a cui si sono attenute tutte le unità operative coinvolte. L obiettivo è stato quello di una diretta comparazione del livello di sostegno per le diverse tipologie produttive, comparazione che è peraltro complicata dal fatto che i pagamenti in ciascuna regione vengono erogati non sempre sulla base del medesimo schema. In particolare vi sono diversificazioni in termini di - zona altimetrica o geografica, - introduzione o mantenimento del regime biologico - tipologie produttive sovvenzionate. Inoltre, ad esempio nel caso della regione Marche, i pagamenti possono variare a seconda della presenza di ulteriori caratteristiche aziendali, con incremento del 10% dei premi di base se sono verificati almeno due dei seguenti requisiti: - l azienda è in un area parco - svolgimento anche di attività zootecnica - adozione degli schemi di regimentazione delle acque - impianto di nuove siepi - l azienda è collocata in un area con rischio idrogeologico o con alta contaminazione di nitrati In presenza di tale disparità nelle strutture dei pagamenti, l approccio utilizzato nell analisi è stato quello di evidenziare i pagamenti massimi e minimi ottenibili nelle diverse casistiche regionali, per tipologia di prodotto, riferendosi ai dati monetari direttamente estrapolabili dalle misure agroambientali dei vari PSR. Il valore di tali pagamenti non è però in alcuni casi sufficiente a descrivere il reale livello di sostegno per il biologico, in quanto possono essere disponibili forme indirette di facilitazione e sostegno. Ad esempio è da verificare se l adozione delle pratiche biologiche pone l azienda in una condizione di priorità in fase di stesura delle graduatorie per le misure non agroambientali, o se si verificano condizioni che di fatto si dimostrano 2

3 particolarmente favorevoli alle aziende biologiche. Dove possibile, i casi di studio regionale hanno analizzato a fondo queste problematiche. Quest approccio quantitativo di analisi è stato successivamente integrato da una serie di valutazioni più qualitative miranti a valutare la presenza e la rilevanza di forme indiretta di agevolazione più o meno esplicita ricavabili dall attenta analisi delle strutture dei PSR. A tal fine, utilizzando una comune matrice di scoring essenzialmente qualitativa, sulla base delle informazioni raccolte, ciascuna unità operativa ha analizzato i punti di forza e di debolezza delle politiche adottate a livello regionale, prima e dopo Agenda 2000, per le due principali filiere biologiche regionali. E stato quindi effettuata una valutazione aggregata per avere, almeno in forma parziale, un quadro a livello nazionale. La matrice di scoring utilizzata rappresenta un perfezionamento dell analisi SWOT o FDOM 1, ampiamente utilizzata nella pianificazione strategica aziendale e nel marketing e anche applicata alla pianificazione di area vasta relativamente ai fondi strutturali della UE. La proposta metodologica che si presenta si ispira all analisi qualitativa multi-settoriale (multi sectoral qualitative analysis MSQA), originariamente sviluppata dagli australiani Roberts e Stimson (1998), in una variante che chiameremo analisi qualitativa multi-filiera (AQMF). Il metodo parte dall elaborazione delle informazioni disponibili sul settore biologico di ogni regione, tentando di evidenziare le filiere produttive del settore biologico più rilevanti sia da un punto di vista reddituale che di caratterizzazione delle produzioni locali con riferimento al contesto nazionale. I risultati ottenuti sono stati quindi arricchiti da informazioni di natura qualitativa, raccolte ed elaborate da ciascuna unita operativa in maniera essenzialmente interattiva con la partecipazione di tutti gli attori del biologico rilevanti, dalle organizzazioni degli agricoltori biologici ai dirigenti e funzionari regionali competenti. Le analisi regionali sono state affiancate come già menzionato da un analisi approfondita degli attori (stakeholder) del biologico a livello nazionale, in parte finanziata su altri fondi di ricerca. Nel corso di due workshop che si sono tenuti a Bologna e Ancona tra la fine del 2004 e del 2005 a cui hanno partecipato rappresentanti di tutti gli attori coinvolti a livello nazionale nella politica agricola per l agricoltura biologica (produttori, consumatori e altri attori della filiera; decisori politici; studiosi ed altri esperti), è stata effettuata, assieme ai soggetti coinvolti, una disamina delle politiche agricole esistenti e il loro impatto sull agricoltura biologica, identificando le politiche che possono essere più rilevanti per il settore e soggette a un processo di trasferimento transnazionale (policy transfer). L approccio di ricerca utilizzato si basa sull interazione tra soggetti sociali (interactive social research o action research: Todhunter, 2001) e su un procedimento di apprendimento collettivo delle politiche (noto anche come policy learning: Dolowitz e Marsh, 1996, 2000; Evans e Davies, 1999; Rose, 1991,1993; Stone, 2003). 1 Gli acronimi stanno per Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats ovvero punti di Forza, di Debolezza, Opportunità e Minacce. 3

4 Infine, è stata condotta un analisi reticolare secondo l approccio Social Network Analysis 2 (Wasserman & Faust, 1994; Scott, 2000) sui vari attori della politica per l agricoltura biologica a livello nazionale, per verificare la struttura delle relazioni esistenti, nonché la centralità e l importanza dei vari attori. L AQMF permette quindi di coinvolgere direttamente nella fase centrale dell analisi i soggetti protagonisti delle realtà oggetto di analisi. La necessità di coinvolgere direttamente i diretti interessati nella fase di analisi di un qualsiasi sistema sociale sta divenendo ormai ampiamente accettata, soprattutto in sede di definizione di modelli della realtà basata su un approccio sistemico. Ogni processo decisionale è infatti adottato sulla base di un modello della realtà più o meno esplicitamente riconosciuto come valido, in cui gli attori e gli esperti devono però riconoscersi. 3. Risultati e discussione Nelle tabelle 1 e 2 figure sono riportati i valori dei premi per ettaro per colture biologiche nelle varie regioni italiane 3. Come si può notare, il quadro dei premi è assai diversificato, anche se come si può vedere in Figura 1 e 2 per le sole colture erbacee è possibile suddividere le varie regioni in quattro gruppi principali, a seconda dell intensità dei premi per ettaro. 2 Un Social Network (SN) può essere definito come un insieme di soggetti, o attori, con una qualche forma di relazione che li accomuna. SN posso-no avere sia un numero limitato che un numero elevato di attori, e le relazioni che li collegano possono essere di diversa natura. 3 I dati sono quelli ottenuti dalle varie unità operative nelle regioni oggetto di studio e, integrati, per le restanti regioni con i dati di Haering et al., Ovviamente l intensità del premio dice poco, se non si conosce quanto effettivamente è stato pagato nei vari anni. L indagine svolta nelle regioni campione ha permesso di analizzare specificamente questo aspetto, utilizzando i dati del campione RICA. Pur con i noti problemi di rappresentatività, l utilizzo di questo campione ha permesso di confrontare in tutte le regioni i pagamenti ricevuti dalle aziende convenzionale e da quelle biologiche. I risultati sono riportati in Tabella 3. Come si può vedere, se il Veneto è la regione che detiene il primato dei pagamenti per azienda (sia convenzionale che bio), ciò si deve principalmente alla diversa e maggiore dimensione aziendale. Infatti, a livello di pagamenti per ettaro di SAU, il primato per le aziende convenzionali spetta sempre al Veneto (con 993 euro/ha). Il valore maggiore dei sussidi per ettaro effettivamente pagati (PAC+POR/PSR) nelle aziende biologiche si ha invece in Calabria (985 euro/ha) mentre il valore minore si ha in Sicilia (403 euro/ha); il Veneto non è molto distante dai minimi con 520 euro/ha. Se le aziende biologiche siciliane sembrerebbero, in media, le meno assistite dagli interventi combinati PAC e POR/PSR per ettaro, queste sono anche quelle in cui l incidenza dei sussidi totali è maggiore sul reddito netto: il valore dei pagamenti combinati PAC e sviluppo rurale è pari al 90% del reddito netto delle aziende biologiche siciliane, mentre se si considera solo il sostegno diretto derivante dai POR/PSR la percentuale scende al 76%, che è sempre il valore massimo delle regioni studiate. 4

5 Da notare come il campo di variazione dell incidenza percentuale dei sussidi totali sul reddito netto è maggiore nelle aziende convenzionali che in quelle biologiche, dove il minimo è già assai elevato (69% in ben tre regioni). Questa differenza si fa ancora più marcata se si considerano solo i pagamenti POR/PSR: in Veneto le aziende convenzionali ricevono dal PSR solo l 1% del reddito netto e quelle bio solo il 10% - i valori minimi in entrambe le categorie. Mentre in Sicilia il reddito netto sia delle aziende convenzionali che di quelle biologiche è formato da più di 2/3 dai sostegni diretti al reddito derivanti dagli interventi per lo sviluppo rurale. L importanza del sostegno all offerta non può essere ignorata, né si può dire che le aziende più vitali sono solo quelle non sussidiate, visto che comunque, nella migliore delle ipotesi, il sostegno complessivo per le aziende biologiche si attesta intorno al 70% del reddito netto. Del resto, l esempio del Veneto è emblematico, come ha mostrato sia il caso studio svolto da Mauracher e Trevisan (in Zanoli, a cura di, 2007) sia la recente analisi svolta da Bustaffa (2007) proprio sul campione RICA: la crescita è più bassa rispetto alla media nazionale. Le ragioni potrebbero essere ricercate, fra le altre, nel fatto che in questa regione vi è la minor redditività netta differenziale tra biologico e convenzionale, che come si ipotizza in Dabbert et al. (2004) è la chiave dello sviluppo dell agricoltura biologica dal lato dell offerta di prodotti primari: i premi pagati su un ettaro di terra convenzionale (993 euro) sono quasi doppi di quelli pagati su un ettaro di terra biologica (520 euro). Non è tanto importante - quindi l entità del premio ad ettaro (che pure in Veneto per le aziende biologiche è più elevato che in Sicilia), quanto il differenziale tra questo e quello pagato alle aziende convenzionali (e in Sicilia, che continua ad essere la regione più biologica d Italia, questo differenziale gioca a favore delle aziende biologiche, almeno nella media). Obiettivo della ricerca era anche quello di esplorare l esistenza e l eventuale incidenza delle politiche di sostegno della domanda dei prodotti biologici nelle regioni oggetto di studio. I dati qui sono ancora più difficili da reperire, anche perchè il sostegno alla domanda quando c è proviene anche dagli enti locali, quali i Comuni e le ASL. E poi esistono i vari progetti per il sostegno alla promozione dei prodotti da agricoltura biologica finanziati da AGEA e Commissione Europea a livello nazionale(reg. 2826/2000), di recente rifinanziati nell ambito delle prime iniziative del Piano d Azione Nazionale. Purtroppo una valutazione dell impatto di tutte queste misure è difficile da esperire, per la molteplicità delle azioni e la difficoltà di isolarne gli effetti sulla domanda. Tuttavia, lo scarso sviluppo della domanda interna a fronte della continua espansione della domanda estera fa pensare che tali misure, sinora, siano state soltanto marginali. Del resto, dopo una leggera infatuazione a cavallo del nuovo millennio, la distribuzione moderna si è sostanzialmente disinteressata dello sviluppo della gamma di prodotti biologici offerti nei suoi pdv, che in molti casi si è nuovamente ridotta. Solo la distribuzione specializzata continua a crescere, seppure senza incidere molto sull andamento dei consumi domestici totali (Pinton, 2006; 2007). L analisi qualitativa multifiliera (AQMF) ha riguardato, in ogni regione, le due principali filiere del settore agrobiologico. In questa relazione si 5

6 riportano i risultati aggregati a livello nazionale della filiera più emblematica, perchè caratterizzante l agricoltura di cinque regioni su 9: quella oleicola. L AQMF è un metodo di analisi qualitativo che permette di ovviare, mediante ricorso a un panel di esperti del settore, alla scarsità di dati statistici adeguati per l analisi territoriale, e permette di effettuare uno studio, seppure preliminare, degli impatti delle politiche di sviluppo rurale su una determinata filiera (Gambelli in Zanoli, a cura di. 2007). Nelle Figure 3 e 4 sono riportati i risultati aggregati dell analisi. Si può notare come i punti di debolezza prevalgano, in numerosità, sui punti di forza, nelle valutazioni degli esperti. Tuttavia, complessivamente l intensità dei punti di forza (misurato nella scala che va da 0 a +5) appare superiore a quella dei punti di debolezza (da 0 a -5), anche se di poco (l indice complessivo e di poco superiore allo zero: 0, 002). La filiera dell olio bio nelle regioni studiate (Abruzzo, Calabria, Campania, Molise, Puglia) appare in media sostenuta dalla qualità del prodotto e dalla rilevante internazionalizzazione soprattutto verso i Paesi dell Unione Europea, mentre viene ritenuto particolarmente insufficiente i livello di promozione dell olio biologico e poco favorevole il clima politico. Se la forte domanda estera appare un punto di forza, la congiuntura economica di medio-lungo periodo viene pero vista come sfavorevole alla filiera. Complessivamente le minacce, riportate in figura 4, prevalgono seppur di poco sulle opportunità in termini d intensità (l indice complessivo è infatti 0, 01), anche se non in termini di numerosità. Le maggior preoccupazioni sembrano emergere dai cambiamenti climatici e ambientali (inquinamento) e dal possibile impatto negativo degli OGM su tutta la filiera bio. Tuttavia, c è sufficiente ottimismo per il futuro delle politiche di sostegno. Si rinvia al già citato volume (Zanoli, a cura di, 2007) per un analisi dettagliata delle singole filiere e regioni, anche se in generale l impressione complessiva che se ne ricava è di una generale debolezza del settore e di un prevalere delle minacce, mentre le politiche future sono viste alternativamente come minaccia o opportunità a seconda delle regioni e filiere, con estrema volatilità dei pareri dei diversi esperti. Ovviamente i risultati sono dipendenti dalle valutazioni soggettive di un gruppo, seppur numeroso, di esperti a livello regionale e non il risultato di modelli quantitativi di simulazione. Tuttavia, il vantaggio di questo approccio metodologico è quello di far riflettere gli esperti e coinvolgerli nel processo di analisi, permettendo altresì una risposta più diretta ai risultati dell analisi. Nella stessa direzione sono stati rivolti gli sforzi di ricerca a livello nazionale, che hanno coinvolto i principali attori o stakeholder del settore biologico a livello nazionale. I workshop nazionali, dopo aver fatto il punto della situazione utilizzando uno strumento analogo all AQMF ovvero l analisi SWOT-FDOM utilizzata come strumento per la discussione di gruppo - si sono concentrati sull obbiettivo di definire le strategie e gli strumenti per una politica integrata di sostegno all agricoltura biologica a livello nazionale e regionale, tenuto conto dell evoluzione degli scenari comunitari. 6

7 Il risultato è riportato in Figura 5. Come si vede, gli stakeholder del settore biologico mostrano un elevata conoscenza degli strumenti di politica economica e fiscale, e non si limitano agli strumenti tradizionali di politica agraria. Seppure il sostegno all offerta rimane tra gli obiettivi della politica vista dagli stakeholder, gli strumenti enfatizzano il ruolo differenziale di tale sostegno, e la necessità di non sfavorire lo sviluppo dell agricoltura biologica con le misure mainstream della PAC, come spesso è avvenuto in passato (Dabbert et al., 2004). Il ruolo delle politiche per il sostegno della domanda, anche e soprattutto interna, è poi ampiamente sottolineato nella visione degli stakeholder. Questi risultati mostrano come la concertazione, anche in un settore così di nicchia, possa portare a soluzioni innovative e probabilmente più efficaci ed efficienti. Resta ancora da comprendere perchè invece le decisioni sull agricoltura biologica, come pure gli stessi uffici preposti al Ministero, siano storicamente così restii alla concertazione e alla cooperazione con stakeholder e persino con i ricercatori. Non deve certo preoccupare il possibile rischio di perdita di centralità del Ministero che rimane l attore più rilevante nella scena della politica agricola per l agricoltura biologica ( e non solo) come dimostra l analisi di network (Figura 6). I risultati mostrano come il network degli stakeholder che rappresentano il settore dell agricoltura biologico sia relativamente molto ampio e denso (quasi tutti dichiarino di avere contatto con quasi tutti gli altri attori) ma anche sostanzialmente centrato attorno al Ministero delle Politiche Agricole e al suo organismo consultivo di settore (Commissione Nazionale per l Agricoltura Biologica). Tra gli organismi di settore, AIAB e FIAO (oggi Federbio) rappresentano nodi ugualmente importanti, anche se è AIAB quello che sembra avere la maggiore rilevanza e indipendenza in termini delle varie misure di centralità. Questo aspetto deve far riflettere, anche alla luce delle vicissitudini che hanno portato alla nascita del nuovo organismo Federbio proprio dall allargamento di FIAO ad AIAB. Tuttavia, alla data in cui si va in stampa (maggio 2007), non appare del tutto accettato il ruolo di Federbio come organismo ombrello, unico rappresentante del settore agrobiologico. Interessante poi il rilevo che assume, soprattutto in termini di facilitatore delle varie collaborazioni tra attori (between centrality e outdegree centrality elevate) il partito dei Verdi, che è forse l unica formazione politica ad avere l agricoltura biologica tra le priorità programmatiche. L ampiezza della rete degli stakeholder biologici, il ruolo centrale della politica e dei rappresentanti degli agricoltori biologici, e la sostanziale inesistenza degli attori di mercato, rappresentano un caso unico e singolare nel panorama europeo (Moschitz e Stolze, 2005). Questo risultato contiene il germe della debolezza del settore, anche a livello di politica agraria, proprio per la mancanza di interlocutori forti e rappresentativi dell intera filiera, e rappresenta il rovescio della medaglia di un settore in cui la ricchezza di idee innovative non solo in tema di politica economica e agraria rende assai vivace la capacità propositiva degli stakeholder. 7

8 4. Osservazioni conclusive Il settore biologico è un settore relativamente piccolo dell agricoltura italiana, ma fino al 2001 quello che aveva fatto registrare i più alti tassi di crescita, al punto che nonostante la crisi d inizio millennio a fine 2005 l Italia rappresentava ancora (con le sue quasi 45mila aziende e poco più di 1milione di ettari) il Paese più biologico d Europa. Un quarto delle aziende agricole biologiche e un quarto della SAU biologica dell Unione Europea sta in Italia; l incidenza della SAU biologica sul totale della SAU (8,4%) è la più alta in Europa dopo quella dell Austria. In tutti questi anni, mentre in Europa si approvavano un piano d azione europeo e diversi piani nazionali, in Italia si spendevano pochi spiccioli per la ricerca (spesso assai poco mirata alle esigenze del settore) da parte delle Regioni e del MIPAF, si gettavano dalla finestra diverse centinaia di mi-gliaia di euro per costituire un Osservatorio e un Sistema d Informazione Nazionale sull Agricoltura Biologica che non riesce neanche a fornire più i dati sulla SAU biologica a livello regionale. Infine, si anche in Italia si è approvato un piano d azione nazionale che, tuttavia, appare piuttosto parziale: basti pensare che la ricerca non veniva menzionata, per cui i fondi per la ricerca per l agricoltura biologica continueranno ad essere spesi in modo incoerente. Il Piano d Azione nazionale, infatti, prevede una serie di azioni solo in parte collegati agli obiettivi di intervento enunciati, raggruppate in quattro assi d intervento: - asse 1: penetrazione sui mercati mondiali - asse 2: organizzazione di filiera e commerciale - asse 3: aumento della domanda interna e comunicazione istituzionale - asse 4: rafforzamento e miglioramento del sistema istituzionale e dei servizi Il Piano d Azione Italiano, comunque, risulta molto generico e senza una esaustiva definizione delle azioni. Rispetto agli altri paesi europei, l Italia ha avviato molto in ritardo il dibattito sull adozione di un Piano d Azione Nazionale e nella sua stesura non si è tenuto conto di modelli di altri Piani d Azione nazionali. Per ora, inoltre, l attuazione del Piano d azione nazionale è stata parzialmente effettuata con il bando relativo agli interventi per lo Sviluppo della comunicazione istituzionale (febbraio 2007), mentre si attende l emanazione del decreto relativo alle iniziative da finanziare per favorire l aggregazione dell offerta e sostenere l interprofessione e l organizzazione commerciale. Del resto, come si è già detto, il ruolo degli stakeholder in Italia è un ruolo ancora purtroppo assai marginale nella fase di definizione delle strategie e degli strumenti di sostegno per l agricoltura biologica. La concertazione in tale materia appare del tutto insufficiente, come è stato rilevato dalle analisi svolte. Ciò dipende ancora dalla frammentazione esistente nella lobby biologica, dove nonostante la recente costituzione di un organismo unitario (Federbio) esistono ancora molte rivalità e interessi contrastanti. La frammentazione della lobby biologica è infatti anche superiore di quella esistente nella lobby agricola tout court, come è risultato peraltro anche 8

9 nell analisi di network, e va oltre la tradizionale divisione politica tra Coldiretti, Cia, Confagricoltura (le quali, peraltro, hanno ciascuna un organismo associativo che raggruppa gli agricoltori biologici loro associati). Questa frammentazione finisce per risultare di grande ostacolo a un settore che già deve scontare una dimensione piccola e l ostilità di importanti lobby (come quella agrochimica e biotecnologica) come hanno dimostrato la recente aspra controversia finita sulle pagine di alcuni quotidiani sulla soglia accettabile di OGM nei prodotti biologici che ha visto protagonisti il presidente di Federbio e quello di AIAB la più antica associazione italiana di agricoltori biologici. Il fatto che tale controversia sia stata poi almeno momentaneamente risolta dal Parlamento europeo non ha però sanato le divisioni tra i rappresentanti del settore biologico. Anche il sostanziale disinteresse degli attori a valle della filiera (trasformatori e distributori) per le politiche per l agricoltura biologica rappresenta una debolezza per il settore. Anche sul mercato, nel nostro Paese si sta assistendo un sostanziale disimpegno della grande distribuzione dalla nicchia dei prodotti biologici, in controtendenza a quanto avviene a livel-lo europeo: meno lineare espositivo, ampiezza e profondità di gamma sta-zionarie se non in declino, riduzione dei prodotti in private label. Tutto ciò non fa presagire nulla di buono in merito ai futuri scenari delle politiche per l agricoltura biologica in Italia. Le informazioni preliminari sulla nuova programmazione delle politiche di sviluppo rurale regionali nel periodo non sono ancora suffi-cienti per dare un quadro preciso di quello che sarà l impatto sul settore agrobiologico, nemmeno nelle regioni oggetto di studio nel presente lavoro. Come si è visto, la politica agricola comune e il nuovo regolamento per lo sviluppo rurale suscita entusiasmi in alcune regioni e filiere, ma preoccupazioni in altrettante regioni e/o filiere. Di sicuro al momento c è soltanto che la dotazione delle risorse finanziarie, soprattutto per le misure agroambientali, sarà ridotta o comunque non tale da permettere uno sviluppo delle superfici a sostegno quale quello a cui si è assistito fino al 2000 e, in parte, anche fino ad oggi. Questo scenario ovviamente non promette bene per il settore, a meno che la riduzione non sia accompagnata da una maggiore calibrazione degli interventi e una concentrazione delle risorse finanziarie sulle aziende e le aree per le quali il differenziale di reddito in assenza di sostegno comporterebbe necessariamente l uscita dal settore. 5. Ringraziamenti Un primo caloroso ringraziamento va al Prof. Francesco de Stefano, coordinatore del Progetto, per l autorevolezza e la lungimiranza e, non ultimo, l amicizia dimostrata in questi anni di studio e ricerca comuni. Si ringrazia poi l amico e collega Prof. Gianni Cicia per l entusiasmo che ha saputo infondere in tutte le unità operative e l infaticabile lavoro di organizzazione. Infine, vorrei ringraziare i colleghi componenti delle unità operative del Sottoprogetto Politiche da me coordinato per il buon lavoro svolto e per la pazienza con cui hanno sopportato le manchevolezze del 9

10 sottoscritto. Com è ovvio e scontato, le responsabilità di quanto scritto ricade esclusivamente sull autore. 6. Riferimenti bibliografici Bustaffa, R. (2007): Il Veneto va avanti a piccoli passi, AZBIO, 7(1/2): Dabbert S., Häring A., e Zanoli R.(2004), Organic Farming. Policies and Prospects, Zed Books, London Dolowitz D., Marsh D. (1996), Who learns what from whom: a review of the Policy transfer literature, Political Studies, 44: Dolowitz D., Marsh D. (2000), Learning from Abroad: the role of Policy transfer in contemporary policy-making, Governance, 13 (1): Evans M., Davies J. (1999), Understanding Policy Transfer: a multi-level, multi-disciplinary perspective, Public Administration, 77 (2): Pinton, R. (2006), Prove di rilancio per il biologico, AZBIO, 6(10/11):3. Pinton, R. (2007), Niente crolli o boom: il biologico viaggia con una crescita costante, AZBIO, 7(1/2): Rose R. (1991), What is lesson-drawing?, Journal of Public Policy, 11 (1): Rose R. (1993), Lesson-Drawing in public policy. Chatham Nj: Chatham House. Stone D. (2003), Transfer Agents and Global Networks in the Internationalisation of Policy. In: Internationalisation and Policy Transfer. Workshop, Tulane University, New Orleans 11th to 12th April Todhunter C. (2001), Undertaking Action Research: Negotiating the Road Ahead, Social Research Update, 34. Zanoli, R. (a cura di) (2007), La politica per l agricoltura biologica in Italia: casi di studio nazionali e regionali. Angeli, 2007 (i.c.s.). Tabella 1 - Premi per colture biologiche, regioni Obiettivo 1 (!/ha) Basilicata Calabria Campania Molise Puglia Sardegna. Vite da vino frutticole Olivo erbacee* Ortive industriali Pianura Collina Montagna Pianura Collina Montagna Foraggi Mais Leguminose Aree ordinarie Aree preferenziali Aree ordinarie Sicilia Aree preferenziali * I dati in corsivo si riferiscono ai soli cereali 10

11 Tabella 2 - Premi per colture biologiche, regioni NON Obiettivo 1 (!/ha) Abruzzo Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Piemonte Introduzione / Introduzione Vite da vino frutticole Olivo erbacee* Ortive industriali Aree ordinarie Aree preferenziali Foraggi Aree ordinarie Aree preferenziali Aree ordinarie Aree preferenziali Introduzione Introduzione Introduzione / Introduzione / Aree ordinarie Aree preferenziali Aree ordinarie Aree preferenziali Aree ordinarie Aree preferenziali Introduzione Introduzione Aree ordinarie Aree preferenziali Aree ordinarie Aree preferenziali Tabella 2 (continua) - Premi per colture biologiche, regioni NON Obiettivo 1 (!/ha) Marche Toscana Trentino Umbria Valle d' Aosta Introduzione Vite da vino frutticole Olivo erbacee* Ortive industriali Collina ,6 286, Montagna 710, , Collina ,6 246 Montagna Foraggi Mais Leguminose Introduzione Introduzione / Trento - ordinario Introduzione / Trento preferenziale Introduzione / Bolzano Introduzione Introduzione Veneto Introduzione * I dati in corsivo si riferiscono ai soli cereali 11

12 Figura 1 - Pagamenti per colture erbacee e regione: valori massimi Figura 2 - Pagamenti per colture erbacee e regione: valori minimi 12

13 Tabella 3 - Pagamenti medi complessivi (PAC e POR/PSR) per aziende biologiche e non biologiche nelle Regioni campione: dati RICA 2002 (valori minimi e massimi) Per azienda per ha di SAU valore medio dei premi tot in % del reddito netto valore medio dei premi POR/PSR in % del reddito netto Aziende convenzionali g h 254 g -993 h 27% e -96% a 1% eh -67% g Aziende biologiche e in conversione c h 403 g -985 b 69% acd -90% g 10% h -76% g a Abruzzo, b Calabria, c Campania, d Marche, e Molise, f Puglia, g Sicilia, h Veneto Figura 3 - Punti di forza e di debolezza della filera olio bio in Italia Figura 4 - Opportunità e Minacce della filiera olio biologico in Italia Presenza di industrie di trasformazione dei prodotti biologici della filiera Adeguatezza della rete distributiva locale (dettaglio e ingrosso) per i prodotti della filiera Presenza di una domanda locale dei prodotti della filiera Clima politico (verso la specifica filiera bio) Qualità dei servizi delle forme associative Qualità dei servizi delle amministrazioni pubbliche Disponibilità di finanziamenti pubblici alla specifica filiera bio Qualità della regolamentazione della specifica filiera bio Disponibilità di credito Liquidità Capitalizzazione Capacità di marketing Capacità imprenditoriali Professionalità e adeguatezza della forza lavoro Assistenza tecnica Istruzione superiore e formazione professionale specifica Alleanze strategiche (es. accordi interprofessionali) Livello di promozione Prossimità dei mercati Internazionalizzazione verso Paesi Extra UE Internazionalizzazione verso Paesi UE Sbocchi di mercato nazionale Qualità dei prodotti Presenza di produzioni con elevato valore aggiunto Trend di lungo periodo della specifica filiera bio Redditività della specifica filiera bio Ampiezza della specifica filiera bio Inquinamento da altre fonti Inquinamento da fonti agricole Disponibilità di sostanza organica Disponibilità di risorse idriche Cambiamenti climatici Modifiche al 2092/91 Nuovo Regolamento sviluppo rurale Politica agricola europea Sviluppo tecnologico e innovazione Impatto delle biotecnologie (OGM) Stabilità dei prezzi internazionali Commercio internazionale (GATT/WTO) Congiuntura economica di medio-lungo periodo Impatto della globalizzazione sulla specifica filiera bio (Fonte: Zanoli, a cura di, 2007) (Fonte: Zanoli, a cura di, 2007) 13

14 Figura 5 - Definizione dei più importanti strumenti di Politica Agricola per l AB in Italia per obiettivo Figura 6 - Network delle organizzazioni relative al settore biologico: dimensioni dei nodi proporzionali alla centralità media OBIETTIVI DI POLITICA AGRICOLA PER L AB STRUMENTI DI POLITICA AGRICOLA PER L AB Politica tributaria e fiscale per l AB (tax policy ) Esenzione IVA per i prodotti biologici Disincentivi (tasse ) su input convenzionli Promuovere la consapevolezza del consumatore, basandola sull esperienza diretta Sostenere finanziariamente le giornate aperte nelle aziende bio Formazione del consumatore anche mediante lo stimolo della domanda pubblica di prodotti bio Sistema di controllo e certificazione : risk -based, efficace, armonizzato e coordinato a livello europeo Aumentare la trasparenza e la partecipazione degli stakeholder nel sistema di controllo anche mediante l informatizzazione Semplificazione burocratica delle procedure di controllo e certificazione Capacity building & networking R &D basati sulle priorità del biologico Formazione e assistenza tecnica per l agricoltura bio Commissione nazionale per l AB con ruolo di indirizzo e progettazione e controllo come tavolo unico per Ministeri, Regioni e stakeholder Comitato nazionale e coordinamento per la ricerca in AB con rappresentanza dei vari stakeholder (Ministeri, Regioni, produttori) Allocare fondi specifici per la R AB con regolarità & D in (Fonte: Gambelli e Zanoli in Zanoli, a cura di, 2007) OGM Obbligo di polizze assicurative danni Ridurre e omogeneizzare le soglie di zero strumentale a livello UE Promuovere l AB come modello di sostenibilità, sviluppo rurale, multifunzionalità Più soldi e priorità al bio in tutte le misure + art. 69 Reg. 1782/03 Più fonti di finanziamento e non solo dal settore agricolo Sviluppo del mercato come parte dei Piani di Sviluppo Rurale (Fonte: Vairo in Zanoli, a cura di, 2007) Organizzazioni Produttive bio riconosciute dall UE Promuovere l integrazione di filiera (aumentando il valore aggiunto che va alle aziende ) 14

15 Legenda Sigla ACU AIAB AMAB AN CIA COAGRIC CODICO COLDIRE CONAPAB COPAGRI FEDERCO FIAO IAM LEGAM MIPAF VERDI Nome dell organizzazione Associazione Consumatori Utenti Associazione Italiana agricoltura biologica Associazione Mediterranea Agricoltura Biologica Alleanza Nazionale Confederazione Italiana Agricltori Confagricoltura Comitato difesa Consumatori Coldiretti Commissione Nazionale per l'agricoltura Biologica Confederazione Produttori Agricoli Federconsumatori Federazione Italiana Agricoltura Organica Istituto Agronomico Mediterraneo Legambiente Ministero per le Politiche Agricole e Forestali Verdi 15

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina

BIO IN CIFRE 2014. Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Bologna, 6.9.2014 - Francesco Giardina Andamento di operatori e superfici in Italia 1990-2013 Biologico in Italia al 31/12/2013 n. operatori: 52.383 SAU: 1.317.177 ha 1993-2013: dati MiPAAF; elaborazioni:

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

I prodotti biologici e la filiera corta

I prodotti biologici e la filiera corta Regione Siciliana Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l agricoltura Istituto Nazionale di Economia Agraria I prodotti

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

Programmazione e tempi di riparto

Programmazione e tempi di riparto Laboratorio FIASO sul riparto dei fondi sanitari regionali Programmazione e tempi di riparto La ripartizione dei fondi tra le Aziende sanitarie avviene in quadro di programmazione definito dai Piani sanitari

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo

Panel Ismea. Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo Indagini di clima Metodologia Panel Ismea Struttura dell indagine, metodologia di rilevazione e dettaglio informativo I Panel Ismea Ismea conduce sistematicamente delle indagini congiunturali e tendenziali

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche

I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche I flussi di spesa del Settore Pubblico Allargato nelle Marche Emanuele Palanga Componente Nucleo CPT Regione Marche 10 ottobre 2008 - Villa Favorita Sede ISTAO - Ancona La monografia L Italia secondo i

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale

Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale NUOVA PAC ANALISI NUOVO APPROCCIO NELL EROGAZIONE DEGLI AIUTI Riforma pac, più integrazione tra Ocm e Sviluppo rurale di Felice Adinolfi, Riccardo Fargione La riforma della politica agricola comune per

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7

1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2. 2. Dimensioni aziendali... 4. 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 Indagine 2013 Sommario 1. Distribuzione geografica e forme societarie... 2 2. Dimensioni aziendali... 4 3. Dotazione di strutture ed attrezzature... 7 4. Produzioni aziendali... 11 5. Integrazione e rapporto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema 46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema Nel complesso dei dati osservati e sinteticamente riproposti nelle tabelle, il sistema di valutazione di cui alla

Dettagli

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO PIANO OLIVICOLO OLEARIO AZIONE 1.2 - Pacchetti "SPECIFICI" per le olivicolture territoriali e funzionali Elaborazione nuove prospettive LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO WORKING PAPER INEA 2014

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto Abbandonoscolasticoedilfenomenodelladispersione RicercacondottadaAdiconsumnell ambitodelprogetto Laquestioneeconomicadell abbandonodeigiovanineipercorsi formativi conilfinanziamentodi ForumANIA Consumatori

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020

ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 ACCORDO QUADRO PER PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRALARGA SUL TERRITORIO NAZIONALE VERSO GLI OBIETTIVI EU2020 (ai sensi della delibera CIPE 6 agosto 2015, n.65) L anno 2016, il giorno 11 del mese di febbraio,

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi

Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Area Servizi per il Lavoro Progetto PON Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale Le azioni di Italia Lavoro a supporto dell allargamento della rete dei servizi Paola

Dettagli

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa

La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa La Garanzia Giovani alla prova dei fatti. Stato dell arte in Italia e in Europa Un primo bilancio: le esperienze di successo nelle regioni italiane Tiziana Lang, MLPS-ISFOL Quadro nazionale Un anno fa

Dettagli

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Oltre il Pil 2014: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 27 gennaio 2015 Serafino Pitingaro Responsabile Area Studi e Ricerche Unioncamere Veneto 1 Senza

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR

Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Lanusei 6 giugno 2008 Giornata Conclusiva Gemellaggio AGIRE POR Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità Provincia di Torino Provincia dell Ogliastra Sviluppo locale orientato alle pari opportunità:

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli