Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue"

Transcript

1 PROTOCOLLO TRA I COMUNI DI BIENNO, BRENO, MALEGNO, NIARDO E PRESTINE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INFORMATIVI ALL UNIONE DEI COMUNI DEGLI ANTICHI BORGHI DI VALLECAMONICA L anno duemilaundici, il giorno del mese di., in Breno, nella sede della Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica, sono personalmente comparsi i Signori: - nato a il, domiciliato per la carica presso la sede dell Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica, codice fiscale e partita iva, il quale interviene in rappresentanza dell ente dell Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse dell ente medesimo, in esecuzione della deliberazione dell assemblea n. del../../2011, immediatamente eseguibile; domiciliato per la carica presso il Comune di Bienno, codice fiscale, il quale interviene in rappresentanza del Comune di Bienno e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse del Comune medesimo, in esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. del, immediatamente eseguibile; domiciliato per la carica presso il Comune di Breno, codice fiscale, il quale interviene in rappresentanza del Comune di Breno e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse del Comune medesimo, in esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. del, immediatamente eseguibile; domiciliato per la carica presso il Comune di Malegno, codice fiscale, il quale interviene in rappresentanza del Comune di Malegno e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse del Comune medesimo, in esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. del, immediatamente eseguibile; domiciliato per la carica presso il Comune di Niardo, codice fiscale, il quale interviene in rappresentanza del Comune di Niardo e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse del Comune medesimo, in esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. del, immediatamente eseguibile; domiciliato per la carica presso il Comune di Prestine, codice fiscale, il quale interviene in rappresentanza del Comune di Prestine e dichiara di agire esclusivamente in nome, per conto e nell interesse del Comune medesimo, in esecuzione della deliberazione di giunta comunale n. del, immediatamente eseguibile; PREMESSO che: - in data 31 dicembre 2010 i Comuni di Bienno, Breno, Malegno, Niardo e Prestine hanno costituito l ente locale denominato Unione degli Antichi Borghi di Valle Camonica per l esercizio associato di funzioni proprie dei Comuni che lo compongono; - che il D. Lgs. 18/08/2000, n.267 stabilisce, all art.30, che gli enti locali possono stipulare apposite convenzioni al fine di svolgere in modo coordinato funzioni e servizi determinati e che le convenzioni debbono stabilire i fini, la durata, le forme di consultazione degli enti contraenti, i rapporti finanziari ed i reciproci obblighi e garanzie;

2 - le funzioni e i servizi attribuibili da parte dei Comuni all Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica per l esercizio degli stessi in forma associata sono previste all art.2 del vigente Statuto; - che i Comuni aderenti e l Unione intendono procedere all utilizzo congiunto del proprio personale mediante l istituto del comando, per la gestione associata dei servizi, fra i quali i servizi informativi; - i Comuni di Bienno, Breno, Malegno, Niardo e Prestine hanno provveduto, come da deliberazioni sopra richiamate, all approvazione del presente protocollo; Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue ART.1 Oggetto I Comuni di Bienno, Breno, Malegno, Niardo e Prestine, affidano all Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica le funzioni amministrative e gestionali relative ai servizi informativi, così come meglio descritti nella scheda che si allega al pressente protocollo sub A. L espletamento di tale funzione sarà regolato dalle norme del presente protocollo, dallo Statuto dell ente e da ogni altra norma legislativa e regolamentare che disciplina e disciplinerà la materia. ART.2 Funzioni, attività e servizi conferiti Le funzioni conferite all Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica consistono nello svolgimento diretto da parte del Centro Servizi Informativi, fra l altro, delle attività seguenti: o gestione dei siti web dei singoli comuni (interloquendo direttamente con il sistema Voli) o implementazione e gestione del sito web dell Unione; o gestione dei contratti di fornitura (acquisto di dotazioni informatiche hw e sw, stipula dei contratti per i servizi di manutenzione, ecc.) o formazione del personale; o ogni altra attività che gli enti, di comune accordo, riterranno opportuno e conveniente gestire a livello associato. ART.3 Durata La durata del presente protocollo è fissata in anni 10 (dieci). I Comuni aderenti, con atto dell organo competente, alla scadenza, possono rinnovare la durata di altri 10 anni. Gli enti associati non possono recedere dal presente protocollo fatta salva la facoltà di recedere dall Unione ai sensi dell art.7 del vigente Statuto. ART.5 Quote di partecipazione Le quote di partecipazione al finanziamento del servizio sono determinate, nel rispetto dei criteri fissati dal vigente statuto, anno per anno, in sede di approvazione del bilancio di previsione, con deliberazione dell Assemblea dell Unione che dovrà tenere conto, nelle sue decisioni, dei risultati dell anno precedente e delle richieste pervenute da ogni singolo Comune. Ai Comuni associati vengono comunicati, con cadenza trimestrale, il numero delle ore di effettivo utilizzo delle unità di servizio del trimestre precedente. ART.6 Rapporti finanziari Il Servizio Finanziario dell Unione degli Antichi Borghi di Vallecamonica curerà i rapporti finanziari che intercorrono con i Comuni associati e che riguardano direttamente il funzionamento della struttura. Spetta all Unione dei Comuni degli Antichi Borghi di Vallecamonica procedere: - al riparto delle spese da addebitare ad ogni ente associato; - alla gestione del personale, alla riscossione di eventuali contributi da Enti terzi e a ogni quant altro derivante dall applicazione delle leggi in materia e dei regolamenti attuativi del presente protocollo.

3 I Comuni associati si obbligano a versare, su richiesta dell Unione, la quota annua a carico degli stessi, che riguarda l attività della struttura, ripartita trimestralmente e da versarsi entro il 1 mese di ogni trimestre. Si provvederà al versamento del quarto trimestre, previa verifica a consuntivo della somma annuale effettivamente a carico di ogni Comune, salvo conguaglio all inizio dell anno successivo. ART.7 Garanzie In caso di ritardato pagamento delle quote prefissate fino a 30 giorni dalla data stabilita, saranno addebitati gli interessi passivi come previsto dalla normativa vigente. Decorsi ulteriori 30 giorni senza che sia intervenuto il pagamento del rateo il Servizio Finanziario dell Unione potrà disporre alla riscossione coatta ai sensi di legge. ART.8 Personale Il Servizio in oggetto, per il suo funzionamento, si avvale di personale comandato dai singoli comuni aderenti all Unione. Dal 01/01/2012 il servizio potrà essere svolto con proprio personale dipendente dell Unione. ART.9 Modifiche Il presente protocollo può essere modificato in ogni tempo con l assenso di tutti gli enti sottoscrittori. Art.10 Registrazione Il presente protocollo sarà assoggettato a registrazione solo in caso d uso. ART.11 Disposizioni finali Ogni rapporto inteso a disciplinare lo scioglimento del servizio non compreso nel presente protocollo verrà previamente concordato tra gli organi rappresentativi dei Comuni associati e quelli dell Unione. Sarà compito degli organi dell Unione procedere di conseguenza, ove il caso lo richieda, alle modifiche statutarie e/o regolamentari che si rendessero necessarie. ART.12 Norme applicabili Per quanto non previsto nella presente convenzione, gli enti sottoscrittori fanno rinvio al T.U.E.L. D.Lgs 18/08/2000. n.267 e s.m.i., in quanto applicabili, e a tutte le altre norme che disciplinano in materia di enti locali. Letto, confermato e sottoscritto. Per l Unione degli Antichi Borghi di Valle Camonica Per il Comune di Bienno Per il Comune di Breno Per il Comune di Malegno Per il Comune di Niardo Per il Comune di Prestine

4 SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI (All. A ) Descrizione del servizio Le attività previste per il servizio sistemi informativi sono le seguenti: 1. Gestione unitaria base dati comunali 2. gestione unitaria ALBO ON LINE 3. gestione unitaria SEZIONE TRASPARENZA 4. gestione dei siti internet dei comuni Per quanto concerne la gestione unitaria dei database comunali, l Unione intende avviare un progetto per la gestione unitaria tramite web dei software gestionali dei Comuni aderenti. Obiettivo è la creazione di una Server Farm/Web Farm ovvero l implementazione di una serie di server collocati in un ambiente unico, in questo caso presso la sede dell Unione dei Comuni, in modo da poterne centralizzare la gestione, la manutenzione e la sicurezza. Tramite la creazione del Server Farm sarà possibile garantire una gestione unitaria dei data base dei cinque Comuni aderenti. La realizzazione di una server farm permette di distribuire i costi di costruzione e gestione di una struttura sicura e di abbattere i costi per la connettività. La realizzazione di una server farm dal punto di vista organizzativo consente una gestione consorziata da parte dell Unione dei Comuni; in tal caso gli Enti delegano parte delle proprie competenze alla realtà associativa, la quale si assume l incarico della gestione dell intero sistema. I cinque Comuni hanno stipulato con il Centro Servizi Territoriale della Provincia di Brescia una convenzione per la gestione dei servizi di e-government. La convenzione prevede per i Comuni la possibilità di usufruire di una serie di servizi on line (firma digitale, posta elettronica certificata, acquisti congiunti delle dotazioni informatiche. Obiettivo dell Unione è quello di subentrare nelle convenzioni stipulate dai singoli Enti e quindi di assumere il ruolo di coordinatore per i cinque Enti per le attività e servizi previsti ed erogati dal CST. Per quanto riguarda la gestione dei siti internet comunali, l Unione e i cinque comuni aderenti al progetto si sono si affidati al Consorzio BIM ed alla rete civica della Valle Camonica (Voli) per la realizzazione, l aggiornamento e la manutenzione dei siti internet. L Unione intende quindi attivare un progetto finalizzato alla gestione documentale che ha tra l altro l obiettivo di dotare i Comuni di uno strumento dedicato alla conservazione nel tempo dei documenti originali informatici prodotti dagli Enti (Dematerializzazione) che consenta l'invio dei documenti, la ricerca e l'esibizione a norma dei documenti conservati. Le attività che si intendono mettere in atto sono: A) Utilizzo del sistema di conservazione implementato dal CIT: - Adeguamento infrastruttura di rete (disponibilità di IP statici) - Acquisizione servizio di conservazione sostitutiva - Acquisizione spazio per la conservazione - Integrazione dei software in utilizzo presso i Comuni con il sistema di conservazione (Sviluppo e/o personalizzazioni di applicazioni basate su tecnologie e standard aperti per consentire l interoperabilità di software e dati in uso ai comuni); B) Attività di consulenza e/o formazione per l'adozione delle corrette procedure di dematerializzazione dei documenti prodotti in ambito APOL, procedimenti SUAP e Servizi on-line BresciaGov (adozione/adeguamento del manuale di gestione PI) E prevista l abilitazione e la configurazione del sistema di conservazione ad uso dei Comuni previa formalizzazione dei seguenti punti: - comunicazione della denominazione del Comune ed i recapiti del Referente comunale per informazioni e contatti; - indicazione del software utilizzato per il Protocollo informatico e gestione documentale;

5 - comunicazione dell Indirizzo IP fisso che il Comune utilizzerà per accedere tramite internet al portale di ricerca Postecom; - Redazione dell'atto di affido, con il quale il legale rappresentante del Comune delega a Postecom le attività di Conservazione a Norma. Il sistema di Conservazione, perciò, accoglie ogni tipologia di documenti amministrativi inclusa nel Piano di classificazione e conservazione in uso presso i Comuni aderenti. Mediante il set di metadati è possibile indicare, inoltre, per ogni documento conservato, Tipologia e Tempi di conservazione previsti. Per poter realizzare lo scenario del flusso automatico è necessario provvedere alle opportune modifiche dei sw comunali perché supportino le procedure definite e codificate nell ambito del progetto BresciaGov. I vantaggi di questa azione consistono: - Automazione dei flussi (con conseguente sgravio delle operazioni connesse da parte degli operatori, con conseguente risparmio di tempo e qualità del dato trattato) - Estensione del processo, oltre che al servizio Conservazione, alla gestione automatizzata dell alimentazione del proprio Albo Pretorio realizzato dal CIT, alla gestione dei servizi online (basati su CRS) erogati dal CIT; - Realizzazione di componenti tecnologiche lato-comuni, riutilizzabili per altri enti territoriali. Sono previste attività di formazione e di supporto all utilizzo del Servizio di Conservazione, di supporto alle sw-house per la predisposizione alle componenti tecnologiche lato-comuni. Inoltre sono previste azioni formative-orientative di consolidamento del servizio di Conservazione, sotto forma di seminari e di interazione on-line (attraverso piattaforma di e learning), tendenti a meterre a fuoco le problematiche relative alla inter-relazione tra gestione dei documenti e processo organizzativo interno agli enti. Particolarmente significativo sarà prendere in considerazione il confronto su: - Regolamenti comunali (in particolare il tema del Manuale di gestione del Protocollo informatico - Linee Guida ad uso dei Comuni per quanto attiene ai formati per la conservazione a norma (PDF/A) e ai requisiti del documento amministrativo; Verrà fornito il supporto per l attivazione della pratica autorizzativa presso la Soprintendenza Archivistica per la Regione Lombardia.

6 OBIETTIVI E RISULTATI SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Obiettivi che intende perseguire l Unione L Unione tramite il presente progetto di gestione associata dei servizi intende: - Realizzare una Server Farm, chiamata anche Web Farm, ovvero una struttura dedicata ad ospitare i server dei singoli Comuni aderenti che per la maggior parte forniranno servizi accessibili via web agli utenti ovvero agli addetti dei vari uffici comunali. - Coordinare in modo efficace ed efficiente le richieste di aggiornamento dei siti comunali e degli albi pretori on line. - Coordinare i servizi offerti dal Centro Servizi Territoriali della Provincia di Brescia Analisi della fattibilità economica dell intervento, evidenziando i risparmi, se presenti, della gestione associata delle funzioni dei servizi rispetto alla gestione singola degli stessi L intervento risulta attuabile e sostenibile in termini economici dagli enti coinvolti nel progetto di gestione associata del servizio Sistemi Informativi. La creazione a livello centralizzato della Server Farm sulla quale risiederanno i server dei singoli Comuni consentirà un abbattimento dei costi sia di connessione che di assistenza tecnica, di impianti e di infrastruttura. Gli applicativi dei vari comuni saranno connessi tra loro. Per quanto riguarda l attività di gestione dei siti internet comunali, il ricorso ad una gestione del servizio in forma associata comporterà una riduzione dei costi per i singoli comuni in termini soprattutto di costi del personale dedicato a tali attività. La gestione dei siti sarà infatti affidata a personale qualificato a livello centralizzato e gli addetti comunali verranno sollevati da tali incombenze. Motivi che dimostrano l efficienza, efficacia ed economicità dell Unione rispetto alla gestione singola dei servizi. In termini di efficienza, con la gestione associata i Comuni potranno beneficiare dell utilizzo condiviso di risorse e dotazioni La creazione del Serve Farm consentirà agli addetti dei vari comuni di accedere al server Unico da qualsiasi postazione di lavoro consentendo sostituzioni e l interscambiabilità del personale senza alcun spostamento fisico degli stessi da una sede comunale all altra. (telelavoro). In termini di economicità, la gestione associata porta ad una riduzione dei costi in quanto la creazione e la manutenzione del Server Farm avverrà a livello sovraccomunale. La gestione centralizzata o consorziata del sistema consentirà di beneficiare di economie di scala espresse dalla condivisione delle risorse (infrastruttura tecnologica, servizi di manutenzione,..) Altra riduzione dei costi è dovuta all accentramento delle attività di manutenzione e aggiornamento dei siti comunali, in tal modo il servizio sarà garantito da personale altamente specializzato, competenze non sempre disponibili presso i singoli Enti che si trovano spesso costretti a ricorrere a costose consulenze esterne. In termini di efficacia, la server farm sarà dotata di apparecchiature e strumentazioni in grado di garantire adeguati livelli di servizio caratterizzati da massima sicurezza e assoluta affidabilità. La gestione integrata dei siti internet comunali garantirà inoltre un miglioramento qualitativo del servizio di assistenza e manutenzione e dei siti internet comunali (grafica, contenuti aggiornati, aggiornamenti di sistema). Descrizione delle modalità, dei tempi e degli strumenti per il monitoraggio e la valutazione dell andamento dell Unione Strumenti di monitoraggio del servizio: - monitoraggio delle connessioni effettuate al Serve farm - monitoraggio trimestrale del numero degli aggiornamenti pubblicati sui siti internet comunali e sul sito dell Unione dei Comuni, l obiettivo è avere siti sempre aggiornati e in linea con i requisiti di accessibilità previsti dalla Legge Stanca; - controllo del numero di accessi al sito dell Unione e dei singoli Enti tramite il contatore degli accessi;

7 Indicatori di risultato utilizzati per il monitoraggio dei servizi Gli indicatori di risultato utilizzabili sono i seguenti: Riduzione dei costi di gestione e manutenzione della Server Farm rispetto al costo che sosterrebbe ciascun Ente (riduzione del 10% dei costi legati ai consumi energetici e riduzione del 10% dei costi di manutenzione) Numero aggiornamenti pubblicati sui siti internet comunali (il primo anno si prevede un aggiornamento mensile dei siti internet comunali, dal secondo anno si prevede almeno un aggiornamento quindicinale dei siti internet comunali); Riduzione interventi ditta incaricata per assistenza software (tramite la server farm l Unione intende ridurre gli interventi di assistenza sui software comunali del 80% ) Incremento interventi diretti da Comune a Comune per sostituzione addetti senza necessità di spostamento (attraverso la creazione della Server farm gli addetti di un comune potranno accedere al server e operare in funzione/sostituzione di un altro addetto presso altro Ente, il tutto senza dover spostarsi fisicamente da una sede municipale all altra; il dato non è quantificabile) Riduzione necessità di ricorso ad assunzioni temporanee per sostituzioni di funzionari (attraverso la creazione della Server farm gli addetti di un comune potranno accedere al server e operare in funzione/sostituzione di un altro addetto presso altro Ente, in caso di assenza prolungata dei funzionari comunali sarà possibile la sostituzione virtuale da parte di altri addetti che accederanno al server centrale per svolgere gli adempimenti del funzionario assente)

CONVENZIONE ATTUATIVA

CONVENZIONE ATTUATIVA CAVACURTA, CORNO GIOVINE, FOMBIO E MALEO CONVENZIONE ATTUATIVA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino cod. 41049 COPIA Verbale di DELIBERAZIONE di GIUNTA Comunale n. 4 del 27-01-2011 Oggetto: CSTPU - Centro Servizi Territoriale Pesaro e Urbino ADESIONE E

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) PROTOCOLLO D INTESA PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI FORNITI NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO REGIONALE (S.I.I.R.) TRA la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (di seguito Regione ), con sede

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali

Co.Ge.S.Co. Consorzio per la Gestione di Servizi Comunali Oggetto: Determinazione a contrarre ai fini dell affidamento della gestione associata del Servizio di Assistenza Domiciliare Socio-assistenziale Anziani e Disabili - periodo: 01/01/2013-30/06/2015. IL

Dettagli

L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:00

L anno duemilaquindici addì ventisette del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:00 PAG. 1 1 OGGETTO: Adesione al Polo di Conservazione Marche DigiP. Approvazione convenzione tra la Regione Marche ed il Comune di Macerata per i servizi di conservazione dei documenti informatici. L anno

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 224 DEL 05/10/2015 OGGETTO: ACQUISTO DEL

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELL'ISTITUTO ANNI 2014-15-16 INDICE 1. Premessa 2. Supporto normativo 3. Introduzione: organizzazione e funzioni dell Amministrazione 4. Le principali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011

DETERMINA N. 515 / 11 DEL 23/12/2011 COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) SETTORE ECONOMATO CODICE SERVIZIO ALTRI SERVIZI GENERALI DETERMINA N. 515 / 11

Dettagli

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE n. 53 del 14.10.2014 Prot. n. 7548 OGGETTO: Cat. 1 Cl. XI Fasc. 4 Pratica 0. RINNOVO CONVENZIONE TRA I COMUNI DI SEDICO, SOSPIROLO

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015

STRUTTURA SEMPLICE ALTA INTEGRAZIONE E GESTIONE SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. PROVVEDIMENTO N. 04 del 13/01/2015 A zie n d a USL 10 di Firen ze - Co m un i Zon a So cio-sanit aria de l Mugello Società della Salute del Mugello C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO C O P I A APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON PROVINCIA DI PESARO E URBINO PER RINNOVO ADESIONE AL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO COMUNE DI COMABBIO PROVINCIA DI VARESE Piazza Marconi, 1/1-21020 COMABBIO - P. IVA 00261830129 Tel. 0331.968.572 int.6 - fax. 0331.968.808 e- mail: poliziamunicipale@comune.comabbio.va.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO D APPALTO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE NAZIONALE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI SEDE IN VIA PO, 22

Dettagli

Comune di Cevo Provincia di Brescia

Comune di Cevo Provincia di Brescia Comune di Cevo Provincia di Brescia Originale CODICE ENTE 10301 DELIBERAZIONE N 17 del26/04/2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE SESONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA IN PRIMA CONVOCAZIONE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) Determinazione Dirigenziale N. _162_Reg. Int./P.O. 7 del...12/10/2011... N. Reg. Gen...550... del...12/10/2011... PREMESSO CHE: OGGETTO: Modernizzazione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 158 DEL 07/07/2014 OGGETTO: SERVIZIO DI

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

COMUNE DI BARDONECCHIA

COMUNE DI BARDONECCHIA COMUNE DI BARDONECCHIA PROVINCIA DI TORINO DETERMINAZIONE SERVIZIO AFFARI GENERALI N. 69 DEL 06 NOVEMBRE 2014 OGGETTO: SOSTITUZIONE PROGRAMMA PROTOCOLLO INFORMATICO DELL ENTE AFFIDAMENTO FORNITURA ALLA

Dettagli

Servizi. software flessibili e servizi personalizzati

Servizi. software flessibili e servizi personalizzati Servizi software flessibili e servizi personalizzati 1 SERVIZI Nel presente documento vengono presentati tutti i servizi che Studio K è in grado di erogare in Teleassistenza sulle aree in cui l Ente utilizza

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 27/02/2007 OGGETTO: Approvazione schema di

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra AZIENDA ULSS 13 DI MIRANO VE E I COMUNI DI CAMPAGNA LUPIA, CAMPOLONGO MAGGIORE, CAMPONOGARA, DOLO, FIESSO D'ARTICO, FOSSÒ, MARTELLAGO, MIRA, MIRANO, NOALE, PIANGA, SALZANO, SANTA

Dettagli

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo

COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo AREA LAVORI PUBBLICI CONVENZIONE PER LA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI * * * * * * Il giorno del mese di.. dell'anno DUEMILA.

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

Prot. n. 719/15 Venezia, 09/07/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 52 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n.

Prot. n. 719/15 Venezia, 09/07/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 52 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n. Prot. n. 719/15 Venezia, 09/07/2015 Resp. Procedimento: Dott. Nicola Nardin Reg. interno n. 52 Resp. Istruttoria: Dott. Marco Tabacchi all. n. 2 OGGETTO: Acquisto licenze software Halley area amministrativa

Dettagli

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine COPIA N. 128 del Reg. Delib. COMUNE DI GONARS Provincia di Udine ------------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Progetto INTERPRANA. Approvazione schema di accordo di servizio da

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Attuazione del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 6 agosto 2010, ai fini dell incentivazione della produzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 739/2015 ADOTTATA IN DATA 30/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 739/2015 ADOTTATA IN DATA 30/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 739/2015 ADOTTATA IN DATA 30/04/2015 OGGETTO: Procedura comparativa per un incarico di collaborazione coordinata e continuativa da effettuarsi presso l USC Approvvigionamenti. IL DIRETTORE

Dettagli

Settore Viabilità, edilizia e infrastrutture ********* DETERMINAZIONE

Settore Viabilità, edilizia e infrastrutture ********* DETERMINAZIONE PROVINCIA DI PIACENZA FIN. Settore Viabilità, edilizia e infrastrutture ********* DETERMINAZIONE Proposta n. STINFRAS 3318/2012 Determ. n. 2760 del 18/12/2012 Oggetto: AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI AGGIORNAMENTI

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N.

LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. Pag. 1/ 5 Foglio Informativo LEGGI AGEVOLATIVE - SOGGETTO AGENTE FONDO ROTATIVO PER IL SOSTEGNO ALLE IMPRESE E GLI INVESTIMENTI IN RICERCA AI SENSI DELLA LEGGE N. 311/2004 INFORMAZIONI SULLA BANCA MPS

Dettagli

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino

Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino Capitolato Speciale di Appalto relativo all affidamento del servizio di Brokeraggio assicurativo del Comune di San Giustino ART.1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il Comune di San

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA

CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA CONVENZIONE TRA L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE E DIGITPA PER LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI SUGLI APPALTI PUBBLICI DI SERVIZI E FORNITURE NELL AMBITO ICT

Dettagli

COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE ESTRATTO DELLA GIUNTA COMUNALE N. 118 OGGETTO: Impianti di illuminazione pubblica. Convenzione CONSIP. Servizio luce e servizi connessi per

Dettagli

03/05/2012. software applicativi e servizi VOLI Vallecamonica On LIne

03/05/2012. software applicativi e servizi VOLI Vallecamonica On LIne software applicativi e servizi VOLI Vallecamonica On LIne 2012/2013 1 la convenzione normativa Convenzione normativa tra Consorzio BIM e Consorzio Sol.Co. Camunia per la gestione dei servizi relativi all

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.)

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Indice Introduzione:

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 338 N 31035 di prot. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ATTRIBUZIONE A BANCA OPI S.p.A. DELL INCARICO DI COLLOCAMENTO DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Introduzione Il presente Regolamento definisce criteri e modalità a cui SSM SpA deve attenersi nel processo di

Dettagli

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br. Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.it Servizio Gestione del Territorio Avviso pubblico per integrazione

Dettagli

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA

AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA COPIA AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 3 MARCHE CENTRO MACERATA Delibera Consiglio di Amministrazione ATTO n. 12 OGGETTO: Incarico per servizio di aggiornamento sito internet www.ato3marche.it,

Dettagli

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Il contesto Il 49% del Pil dell UE è frutto dei servizi innovativi

Dettagli

FONDO PENSIONE FUTURA

FONDO PENSIONE FUTURA FONDO PENSIONE FUTURA REGOLAMENTO INDICE PARTE I - IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL FONDO Art. 1 - Denominazione, fonte istitutiva, durata, sede Art. 2 - Istituzione del Fondo ed esercizio dell attività Art.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1505 COPIA UFFICIO: PERSONALE N 165 31-12-2012 IL RESPONSABILE P.O.:

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1505 COPIA UFFICIO: PERSONALE N 165 31-12-2012 IL RESPONSABILE P.O.: Palazzo Comunale Via Tizzoni,2 Telefono 02.92.781 Fax 02.92.78.235 C.A.P. 20063 Codice Fiscale e Partita Iva 01217430154 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1505 COPIA UFFICIO: PERSONALE Data N 165 31-12-2012

Dettagli

STATUTO. In particolare le attività di OS3 sono di:

STATUTO. In particolare le attività di OS3 sono di: STATUTO Art.1 - Costituzione - A norma dell art. 36 e segg. del Codice Civile è costituita un Associazione Culturale non a scopo di lucro denominata OS3. L Associazione ha sede in SOMMACAMPAGNA ( Verona

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza COPIA N. DG / 183 / 2010 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 24-Agosto-2010 OGGETTO: INFORMATIZZAZIONE DELLA PRENOTAZIONE PASTI PER

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 29/01/2015 Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DEL PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012 Codice Ente 1030860170 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 ****** UNITA' STRATEGICHE (S) SISTEMI INFORMATICI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1888 / 2014 OGGETTO: CIG ZCC122887A

Dettagli

COMUNE DI CORSICO. Provincia di Milano SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA ASSICURATIVA CAPITOLATO

COMUNE DI CORSICO. Provincia di Milano SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA ASSICURATIVA CAPITOLATO COMUNE DI CORSICO Provincia di Milano SERVIZIO DI BROKERAGGIO E CONSULENZA ASSICURATIVA CAPITOLATO ART. 1 OGGETTO Il presente capitolato disciplina il servizio di brokeraggio e consulenza assicurativa,

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE CONTABILE

REGOLAMENTO GESTIONE CONTABILE AUTORITA D AMBITO N. 5 ASTIGIANO MONFERRATO Sede c/o Provincia di Asti - Uffici in Via Antica Zecca n 3-14100 ASTI Tel. 0141/351442 - Fax 0141/592263 E-mail ambito5.ato5@reteunitaria.piemonte.it www.ato5asti.it

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FARRA D ALPAGO Provincia di Belluno COPIA Deliberazione n. 46 del 20.4.2015 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: NUOVO SOFTWARE APPLICATIVO PER I SERVIZI COMUNALI. DELEGA ALL'UNIONE

Dettagli

Repubblica Italiana CITTA DI MAZARA DEL VALLO

Repubblica Italiana CITTA DI MAZARA DEL VALLO Repubblica Italiana CITTA DI MAZARA DEL VALLO -----===ooo===----- 4 SETTORE - SERVIZI CULTURALI E ALLA PERSONA SERVIZIO: CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO: BIBLIOTECA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE (Individuato

Dettagli

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE

ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, VERDE E PARCHI SETTORE PARCHI E VERDE ALLEGATO D: SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE E LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CODICE IDENTIFICATIVO GARA (CIG): 3077357B52. Via V. Locchi, 19-34123 Trieste CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CODICE IDENTIFICATIVO GARA (CIG): 3077357B52. Via V. Locchi, 19-34123 Trieste CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CODICE IDENTIFICATIVO GARA (CIG): 3077357B52 Via V. Locchi, 19-34123 Trieste CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELLA S.P.A. AUTOVIE VENETE PER IL PERIODO 01.03.2012

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze SETTORE 2 SERVIZI DI GESTIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Ufficio Tributi DETERMINAZIONE N.39 DEL 19/04/2011 N. Registro generale 162 OGGETTO: Imposta comunale

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 220 DEL 25/09/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO

Dettagli

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52 Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse Umane Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO VIA UGOLINI, 83 58017 PITIGLIANO (GR) SERVIZIO SEGRETERIA COPIA DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO

A l l e g a t o C. C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO A l l e g a t o C C O M U N E D I C I S T E R N A D I L A T I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a SETTORE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO Capitolato d oneri per l aggiudicazione del servizio di brokeraggio

Dettagli

COMUNE DI GALATINA CONVENZIONE

COMUNE DI GALATINA CONVENZIONE CONVENZIONE L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA REALIZZATA DALLE CAMERE COMMERCIO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI ASSEGNATE ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE 0 CONVENZIONE PER L UTILIZZO

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

C O M U N E D I V I C E N Z A

C O M U N E D I V I C E N Z A C O M U N E D I V I C E N Z A DETERMINA N. 180 DEL 13/02/2014 PROTOCOLLO GENERALE N. 15829 del 27/02/2014 CLASSIFICAZIONE: SISTEMA INFORMATIVO INCARICATO ALLA REDAZIONE: CANTELE GABRIELLA RESPONSABILE

Dettagli

Offerta di Prestito Obbligazionario denominato. «Cassa Rurale Pinetana Fornace e Seregnano, durata 30 mesi, Tasso Fisso 2,50%

Offerta di Prestito Obbligazionario denominato. «Cassa Rurale Pinetana Fornace e Seregnano, durata 30 mesi, Tasso Fisso 2,50% Sede legale Iscritta ed amministrativa all Albo delle Banche al n Codice ABI CASSA Aderente Tel. Numero RURALE al Capitale Fondo di Iscritta all Albo - Fax e-mail delle Società Cooperative - Sito Internet

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Offerta di Prestito Obbligazionario denominato. «Cassa Rurale Pinetana Fornace e Seregnano, durata 27 mesi, Tasso Fisso 2,30%

Offerta di Prestito Obbligazionario denominato. «Cassa Rurale Pinetana Fornace e Seregnano, durata 27 mesi, Tasso Fisso 2,30% Sede legale Iscritta ed amministrativa all Albo delle Banche al n Codice ABI CASSA Aderente Tel. Numero RURALE al Capitale Fondo di Iscritta all Albo - Fax e-mail delle Società Cooperative - Sito Internet

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Dipartimento Risorse Interne Servizio Bilancio e Finanze

Dipartimento Risorse Interne Servizio Bilancio e Finanze Dipartimento Risorse Interne Servizio Bilancio e Finanze DETERMINAZIONE N 45 Anno 2006 del: 27/12/2006 OGGETTO: Attività straordinarie riguardanti un progetto di adeguamento delle codifiche sia per quanto

Dettagli

COMUNE DI (riportare su carta intestata del comune)

COMUNE DI (riportare su carta intestata del comune) Spett.le ALI ComuniMolisani SERVIZIO n 3 - PORTALE INTERNET COMUNALE c/o Presidenza della Regione Molise via Genova, 11 86100 Campobasso tel. 0874 314337 fax. 0874 437609 e mail: redazione@alicomunimolisani.it

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA

PROVINCIA DI IMPERIA PROVINCIA DI IMPERIA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 57 DEL 03/02/2015 Settore Controllo di Gestione Partecipazioni Societarie Sistema Informativo ATTO N. U15 DEL 03/02/2015 SISTEMA INFORMATIVO PROVINCIALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA. ALLEGATO 2 AL BANDO DI GARA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO COMUNE DI GUASILA. Art. 1 Norme regolatrici dell appalto L appalto ha per oggetto l

Dettagli

La presente è copia conforme all originale.- Addì 28.01.2013 IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA

La presente è copia conforme all originale.- Addì 28.01.2013 IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza REG. GEN. n. 22 Reg. n. 08 Data 23.01.2013 AREA TECNICA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA N. Prot. 682 O G G E T T O: REFERTO DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 1 Area Amministrativa OGGETTO: Affidamento servizi informatici alla SIPA srl - Impegno di spesa per la gestione delle procedure del Servizio

Dettagli

Consiglio Regionale della Campania

Consiglio Regionale della Campania Consiglio Regionale della Campania C.F. e P.I. 80051460634 Sede Legale: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli, Isola F13-80143 Napoli Sede Amministrativa: Via G. Porzio, Centro Direzionale di Napoli,

Dettagli

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 LE NORME RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 La legge n. 244 del 24.12.2007 (finanziaria 2008), in particolare ai commi da 594 a 598

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 370 DEL 29/04/2015 REG. SERVIZIO N. 440DEL 24/04/2015

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Approvato con delibera G.C. n. 101 del 26/10/2009 PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Premessa La legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli