A.T.C. AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI CUNEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.T.C. AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI CUNEO"

Transcript

1 A.T.C. AGENZIA TERRITORIALE PER LA CASA DELLA PROVINCIA DI CUNEO Via S. Croce, Cuneo - Tel fax P.E.C. Cod. Fisc. e Partita IVA Procedure software gestionali e amministrative: fornitura e relativo contratto di manutenzione, aggiornamento e assistenza per il periodo dal 01/03/2011 al 28/02/2014 (codice C.I.G A17 - C.U.P. J25F ) 1

2 2

3 PROCEDURE SOFTWARE GESTIONALI E AMMINISTRATIVE: FORNITURA E RELATIVO CONTRATTO DI MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO E ASSISTENZA PER IL PERIODO DAL 01/03/2011 AL 28/02/ NORME GENERALI... 7 Articolo 1 - Importo dell appalto... 7 Articolo 2 - Durata del contratto... 7 Articolo 3 - Responsabile Tecnico... 7 Articolo 4 Collaudo... 7 Articolo 5 - Spese a carico dell Impresa... 8 Articolo 6 - Modalità di fatturazione e pagamento... 9 Articolo 7 - Penali... 9 Articolo 8 Risoluzione... 9 Articolo 9 - Recesso Articolo 10 - Osservanza Norme Articolo 11 Spese Contrattuali Articolo 12 - Controversie SCOPI E FUNZIONI DEL PACCHETTO IGIENE E SICUREZZA SPECIFICHE TECNICHE AMBIENTE HARDWARE ATTUALE COMPOSIZIONE SOFTWARE E RELATIVO CONTRATTO APPLICATIVI CARATTERI GENERALI SISTEMA CONTABILE A.T.C CONTABILITÀ' ECONOMICO-PATRIMONIALE

4 GESTIONE ANAGRAFICHE GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI A VIDEO INTERROGAZIONI PARAMETRICHE GESTIONE SCRITTURE CRONOLOGICHE GESTIONE SCRITTURE SISTEMATICHE APERTURE E CHIUSURE AUTOMATICHE GESTIONE RITENUTE D'ACCONTO E MODELLO GESTIONE RITENUTE INPS (10%) e INAIL ACQUISIZIONE DATI CONTABILI, FINANZIARI E FISCALI DALLE ALTRE PROCEDURE STAMPE CONTABILITÀ' I.V.A GESTIONE ANAGRAFICHE CLIENTI E FORNITORI GESTI0NE REGISTRI IVA SETTORIALI GESTIONE REGISTRO IVA RIEPILOGATIVO E LIQUIDAZIONI IVA PERIODICHE GESTIONE FATTURAZIONE CLIENTI E REGISTRAZIONE FATTURE FORNITORI STAMPE CONTABILITA' FINANZIARIA GESTIONE ANAGRAFICHE FINANZIARIA GESTIONE BILANCIO DI PREVISIONE GESTIONE IMPEGNI E ACCERTAMENTI GESTIONE VARIAZIONI ALLE PREVISIONI DI BILANCIO GESTIONE MANDATI E REVERSALI GESTIONE RENDICONTO CONSUNTIVO STAMPE CESPITI AMMORTIZZABILI GESTIONE ARCHIVIO CESPITI GESTIONE ARCHIVIO BENI GRATUITAMENTE DEVOLVIBILI CALCOLO AMMORTAMENTI CALCOLO AMMORTAMENT1 FINANZIARI GESTIONE REGISTRO CESPITI STAMPE GESTIONE FINANZIAMENTI GESTIONE ANAGRAFICHE INTERVENTI E FINANZIAMENTI GESTIONE FINANZIAMENTI AUTORIZZATI GESTIONE E CONTROLLO QUADRI ECONOMICI GESTIONE DATI METRICI GESTIONE SCHEDE AMMINISTRATIVE DI CANTIERE GENERAZIONE ORDINATIVI DI PAGAMENTO RENDICONTAZIONE ACCREDITI: CALCOLO ACCREDITI E PAGAMENTI BIMESTRALI CALCOLO E GESTIONE COMPETENZE TECNICHE STAMPE GESTIONE ECONOMATO INVENTARIO DEI BENI MOBILI

5 GESTIONE MOVIMENTAZIONE CASSA ECONOMATO GESTIONE REGISTRO DEL DENARO, TITOLI E OGGETTI DI VALORE GESTIONE DEL RENDICONTO PERIODICO DELL ECONOMO GESTIONE DEI SERVIZI E DELLE FORNITURE GESTIONE ALBO FORNITORI SCRITTURE SISTEMATICHE E CRONOLOGICHE STAMPE GESTIONE MANUTENZIONE PATRIMONIO GESTIONE ALBO IMPRESE GESTIONE ELENCO PREZZI GESTIONE RICHIESTE DI VERIFICA GESTIONE ORDINATIVI DI LAVORO GESTIONE CONSUNTIVI GESTIONE SCHEDE STORICHE TECNICO-PATRIMONIALI GESTIONE RECUPERO SPESE DI MANUTENZIONE DA INQUILINI STATISTICHE E STAMPE CONTRATTI DI LOCAZIONE E REPERTORIO ATTI INSERIMENTO E GESTIONE ANAGRAFICHE ASSEGNATARI GESTIONE ANAGRAFE REDDITI E SITUAZIONI PATRIMONIALI GESTIONE ALLOGGI SFITTI GESTIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE GESTIONE ADEMPIMENTI DI LEGGE INVENTARIO CAUZIONI DEPOSITATE STAMPE PATRIMONIO IMMOBILIARE GESTIONE DATI PATRIOMIALI GESTIONE DATI CATASTALI CALCOLI E RIPARTI MILLESIMALI REPERTORIO GARANZIE CONCESSE A TERZI STAMPE GESTIONE PATRIMONIALE UTENZA E FATTURAZIONE DETERMINAZIONE DEI CANONI PREPARAZIONE RUOLO DI CARICO EMISSIONE E STAMPA FATTURE E/O BOLLETTE CANONI E ADDEBITI DIVERSI INCASSI. RIMBORSI E CONTABILITA' UTENTI LIBRI I.V.A. E LIBRI GIORNALI SETTORIALI CALCOLO IMPONIBILE I.R.E.S./I.R.A.P. REDDITI PATRIMONIALI INCOMBENZE I.C.I RIPARTIZIONE E RENDICONTAZIONE SPESE E SERVIZI GESTIONE TABELLE STAMPE GESTIONE MOROSITA' E RECUPERO CREDITI SCHEDA STORICA DELLE AZIONI LEGALI E DELLA CORRISPONDENZA

6 SOLLECITI DI MOROSITA' INTERESSI LEGALI DECADENZE DECANDENZA PER MOROSITA ABUSIVISMO UTENZA E FATTURAZIONE - ELENCO STAMPE CONSULTAZIONE SUL SITO WEB DEL DATABASE UTENZA E FATTURAZIONE GESTIONE RIENTRI FINANZIARI GESTIONE CONSUNTIVI ANNUALI GESTIONE QUOTE di amministrazione, manutenzione e residuali. Calcolo Fondo E.R.P.S STAMPE CESSIONE DEGLI ALLOGGI GESTIONE OPERAZIONI PRELIMINARI DI CESSIONE E FATTURAZIONE GESTIONE PIANI DI AMMORTAMENTO GESTIONE ARCHIVIO STORICO ALLOGGI CEDUTI STAMPE TRASFERIMENTO DATI GESTIONE TRASFERIMENTO DATI ALLA REGIONE STAMPE GENERAZIONE FILES DA MEMORIZZARE SU SUPPORTI MAGNETICI CONDOMINI E AUTOGESTIONI ANAGRAFICA CONDOMINI E AUTOGESTIONI GESTIONE RIPARTI SPESE GESTIONE MOROSITA' SPESE SERVIZI E FATTURAZIONE/BOLLETTAZIONE ESTRATTI CONTO PARAMETRIZZATI ACCREDITI QUOTA % QUOTA DI MANUTENZIONE GESTIONE VIA WEB AGGIORNAMENTO ANAGRAFICHE E RIPARTI SPESE STAMPE SISTEMA DOCUMENTALE PROTOCOLLO PROTOCOLLO POSTA IN ENTRATA PROTOCOLLO POSTA IN USCITA GESTIONE PROTOCOLLO IN ENTRATA E IN USCITA COMMISSIONE ASSEGNAZIONE ALLOGGI GESTIONE DELIBERE E DETERMINAZIONI GESTIONE REPERTORIO ATTI NON PUBBLICI ARCHIVIO REGISTRI FISCALI GESTIONE LIBRERIA GESTIONE ARCHIVIO DOCUMENTI COMMISSIONE ASSEGNAZIONE ALLOGGI GESTIONE LIBRO VERBALI STAMPE

7 NORME GENERALI Articolo 1 - Importo dell appalto L importo complessivo massimo presunto per l espletamento del servizio è fissato in Euro ,00= annui, oltre IVA nei termini di legge. Articolo 2 - Durata del contratto Il contratto decorre dalla data di stipula e avrà durata di 36 (trentasei) mesi decorrenti dalla data di collaudo positivo della fase (corrispondente alla data di collaudo positivo del Piano di attivazione vedi successivo articolo 4), eventualmente prorogabile di ulteriori tre anni, avvalendosi del disposto dell art. 57, comma 5, lettera b) del D. Lgs. 163/2006, previa adozione di apposito atto, preceduto da procedimento di indagine di mercato meramente esplorativo e se ne venga rilevata dall Ente Appaltante una convenienza economica. Articolo 3 - Responsabile Tecnico L Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Cuneo, nell ambito del contratto per l appalto in questione, nominerà un Responsabile Tecnico che avrà il compito, in collaborazione con il personale messo a disposizione dall impresa, di far fronte a tutte le problematiche di vigilanza e verifica della piena e corretta esecuzione del contratto per tutti i servizi e le attività in esso previste. In particolare è demandato al Responsabile Tecnico la verifica del rispetto dei livelli di servizio contrattualizzati. Tale attività verrà svolta trimestralmente e, nel caso di non rispetto dei livelli previsti il Responsabile Tecnico provvederà a segnalare al Responsabile Unico del Procedimento (o suo delegato) la percentuale di scostamento rispetto ai livelli di servizio in questione. In tal caso il Responsabile Unico del Procedimento (R.U.P.) affiderà un tempo in genere non superiore a 20 giorni per la rimozione delle anomalie riscontrate. Al termine, in relazione al tipo di problematiche oggetto della rimozione, si potrà prevedere il ricorso al collaudo eccezionale di cui al successivo articolo 4, comma 3). Articolo 4 Collaudo Le attività di collaudo verranno effettuate a conclusione delle seguenti fasi: 1. al termine del Piano di Attivazione - con lo scopo di determinare l avvio della operatività del contratto; 2. annualmente per verificare la buona esecuzione del servizio; 3. eccezionalmente su richiesta del R.U.P. - quando sia necessario verificare il ripristino delle condizioni di buon funzionamento. Nello specifico: il collaudo che dovrà essere effettuato al termine del Piano di Attivazione, dovrà verificare la messa in esercizio di tutto quanto ritenuto necessario alla erogazione dei servizi software; 7

8 il collaudo che verrà svolto annualmente, dovrà verificare il corretto svolgimento, nell arco temporale a cui si riferisce, delle attività contrattualizzate ed il rispetto dei livelli di servizio prefissati; il collaudo svolto eccezionalmente, verrà effettuato al fine di verificare il ripristino di condizioni di buon funzionamento a seguito della rimozione di anomalie riscontrate nel corso dell esecuzione del contratto. Le attività di collaudo verranno eseguite in contraddittorio dal Responsabile Tecnico di cui all articolo 3 e da un responsabile dell Impresa. Il collaudo al termine del Piano di Attivazione verrà effettuato entro 20 giorni dalla comunicazione da parte dell impresa al Responsabile Unico del Procedimento del completamento della singola fase. Per il collaudo previsto annualmente, verrà fissata la data in accordo fra le parti (non potrà essere eseguito prima di 10 mesi dal precedente e non oltre i 14). Infine il collaudo richiesto in via eccezionale verrà fissato dal R.U.P., in un tempo non superiore a 20 giorni dalla data stabilita per la rimozione completa delle anomalie individuate. Le parti concorderanno il giorno, ora e luogo fissati per lo svolgimento del collaudo. Del collaudo verrà redatto specifico processo verbale firmato dai collaudatori. Nel caso di esito positivo del collaudo previsto per il Piano di Attivazione, verrà da quella data iniziata l attività contrattuale successivamente prevista, con attivazione della fatturazione degli importi dovuti nei termini fissati dal successivo articolo 6. I collaudi effettuati annualmente e quelli eventualmente effettuati eccezionalmente, se conclusi con esito positivo, rimarranno come momenti di verifica del buon andamento delle attività contrattuali. Nel caso di collaudo non positivo sarà possibile: 1. dichiarare i servizi posti a collaudo rivedibili in quanto seppur non perfettamente aderenti all attività contrattualizzata e/o ai livelli di servizio richiesti, possono entro il tempo massimo di 20 giorni essere resi conformi alle prescrizioni fissate, rinviando quindi il collaudo a data da fissare non superiore comunque a 30 giorni dalla prima seduta; 2. dichiarare per i servizi posti in esame collaudo negativo in quanto del tutto non conformi alle prescrizioni contrattuali. Nei casi: 1. della mancata messa in esercizio dei servizi nei tempi fissati nel contratto sulla base di quanto indicato nell offerta tecnica, relativamente alla fase Piano di Attivazione; 2. inadempimento delle attività contrattuali tali da determinarne il collaudo negativo; l Amministrazione potrà procedere alla risoluzione immediata del contratto, ai sensi dell art del c.c. nei termini previsti al successivo articolo 8 del presente capitolato. Articolo 5 - Spese a carico dell Impresa Sono da considerarsi a carico della ditta aggiudicataria le spese di viaggio, di trasporto, consegna, di personale, di materiali e altro necessario per l espletamento 8

9 dei servizi, nonché ogni altra spesa che si renderà necessaria durante l esecuzione del contratto. Articolo 6 - Modalità di fatturazione e pagamento Tutti i servizi contrattuali previsti nel presente Capitolato Speciale d Appalto verranno fatturati con cadenza trimestrale posticipata. La prima fattura verrà emessa a partire dal 1 del mese successivo alla data di collaudo ed inizio della operatività del contratto e limitatamente ai posti di lavoro attivi. Alle fatture dovranno essere allegati specifici report relativi ai servizi continuativi nonché ai servizi collaterali quali: gli spostamenti, gli interventi Nuovo hardware e gli altri servizi IMAC effettuati, gli interventi di assistenza e manutenzione svolti fuori dall orario contrattualizzato. Le fatture, previa verifica del Responsabile Tecnico, verranno ammesse al pagamento nei 30 (trenta) giorni successivi al ricevimento. L Amministrazione, nei casi in cui siano contestate inadempienze sia nella fase di collaudo che nella verifica dei livelli di servizio, può sospendere, ferma l applicazione delle eventuali penali, i pagamenti all impresa fino a che non si sia posta in regola con gli obblighi contrattuali. Articolo 7 - Penali Al superamento, nel trimestre, di una percentuale di scostamento pari o superiore al 0,5% del livello di servizio contrattualizzato per una o più tipologie di servizio, l Ente potrà applicare la penale del 3% sulla base del canone mensile del servizio, o dei servizi, nei quali si è manifestato lo scostamento. Gli importi delle penalità che dovessero eventualmente applicarsi nei modi sopraddetti saranno trattenuti sull ammontare delle fatture ammesse al pagamento o, in assenza di queste ultime, sulla cauzione definitiva versata dall aggiudicatario. Articolo 8 Risoluzione L Amministrazione procederà alla risoluzione del contratto nei seguenti casi: a) quando si verificano le ipotesi previste al precedente articolo 4 ultimo capoverso; b) per percentuali di scostamento del livello di servizio per una o più tipologie del servizio, nel semestre e nell anno, superiori all 1%; c) quando per due trimestri consecutivi, oppure, per più trimestri non consecutivi nel corso di un anno, venga superata la percentuale di scostamento dello 0,5% del livello di servizio contrattualizzato per una o più tipologie di servizio. Nei casi di cui alle precedenti lettere b) e c) l Amministrazione comunicherà l inadempienza riscontrata, assegnando al Fornitore un termine di 15 giorni per rimuoverla. Trascorso il suddetto termine senza che l inadempienza venga risolta, l Amministrazione provvederà alla risoluzione del contratto. In caso di risoluzione l Amministrazione procederà ad incamerare la cauzione definitiva versata dall impresa, fatto salvo l eventuale ulteriore risarcimento del danno. 9

10 Articolo 9 - Recesso L Amministrazione può in ogni momento recedere dal contratto stipulato per sopravvenuti motivi di interesse pubblico. Viceversa è fatto divieto all impresa di recedere dal contratto. Articolo 10 - Osservanza Norme La ditta aggiudicataria è sottoposta a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti, risultanti da disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro e assicurazioni sociali ed assume a suo carico tutti gli oneri relativi. La ditta aggiudicataria è obbligata ad attuare nei confronti dei propri dipendenti occupati nelle prestazioni oggetto del contratto, condizioni normative e retributive non inferiori a quelli risultanti dai contratti collettivi di lavoro della categoria e dagli accordi integrativi territoriali. Nell esecuzione del contratto, il contraente è responsabile per infortuni e danni arrecati a persone o cose dell Amministrazione Comunale o a terzi, per fatto proprio o dei suoi dipendenti e collaboratori, con conseguente esonero dell Amministrazione da qualsiasi eventuale responsabilità al riguardo. Articolo 11 Spese Contrattuali Tutte le spese per la predisposizione dei documenti inerenti l accordo contrattuale e la loro registrazione sono a totale carico della ditta aggiudicataria, senza alcun diritto di rivalsa. Articolo 12 - Controversie Qualora per la definizione delle controversie si ricorra all autorità giudiziaria è competente il foro di Cuneo. 10

11 SCOPI E FUNZIONI DEL PACCHETTO Il presente pacchetto software dovrà costituire lo strumento necessario per rendere più veloce ed efficace il lavoro di chi si occupa delle varie attività e problematiche dell'agenzia Territoriale per la Casa. Le Agenzie sono già oggi chiamate a svolgere i propri compiti con una impostazione e organizzazione aziendale di tipo privatistico e quindi a gestire patrimoni non solo propri, ma di altri enti o addirittura di privati, pertanto sarà necessaria un'impostazione multi-aziendale e multi-filiale delle procedure oggetto del presente capitolato. Il sempre crescente volume di incombenze fiscali e amministrative, unito all'aumento degli utenti dell'edilizia popolare, rendono ormai impossibile pensare ad un'organizzazione efficiente senza l'ausilio dell'informatica perché comporterebbe un enorme impiego di tempo e risorse di personale senza avere la certezza di raggiungere l'esattezza e la precisione voluti. Va inoltre sottolineato come i normali metodi di archiviazione non sono più sostenibili in quanto rallentano notevolmente le operazioni di ricerca impegnando lungamente il personale a scapito di una maggiore attenzione all'utenza. Pertanto gli scopi principali delle procedure dovranno essere: - assolvere alle incombenze derivanti dalle imposizioni di legge, fiscali e amministrative; - sostituire il personale in tutti i lavori ripetitivi o che comportano la manipolazione di grandi masse di dati o grossi volumi di documenti da archiviare; - agevolare le incombenze di routine e il reperimento di qualsiasi tipo di informazione in tempo reale; - offrire la possibilità di poter utilizzare, in brevissimo tempo, i dati memorizzati tramite files in formato autonomamente gestibili, stampe estemporanee e stesure statistiche; - normalizzazione degli archivi dati e ottimizzazione sia a livello di utilizzo della memoria centrale che di quella di massa. Tutto il pacchetto dovrà offrire una gestibilità semplice ed interattiva, in modo da poter essere utilizzata da tutto il personale con un minimo impegno di addestramento. I software degli applicativi saranno supportati, a cura della ditta fornitrice, da tutti i software di base necessari (quali software gestori del database, client, interfacce utente, ecc..) e non già in dotazione all A.T.C. della Provincia di Cuneo I vari moduli offriranno inoltre un'autonoma operatività e contestualmente saranno in grado di acquisire o aggiornare dati in quelli paralleli. La gestione dell'intero sistema non dovrà essere vincolante ma, attraverso opportune parametrizzazioni tabellari, verrà offerta la possibilità di adeguare le modalità di funzionamento delle varie procedure all'organizzazione aziendale esistente o maturanda. Tutte le procedure devono poter interagire via web per lo scambio di dati con amministrazioni e/o utenti terzi. 11

12 La gestione delle stampe dovrà fornire supporti atti alla realizzazione di report ed analisi dei dati non previste a programma e via, via nascenti dalle necessità di gestione dell'agenzia. Tutte le stampe dovranno prevedere la possibilità di migrazione dei dati su file di tipo Microsoft Excel. Ogni modulo sarà corredato del relativo "help in linea" e offrirà la possibilità di gestire la sicurezza dei dati a più livelli. IGIENE E SICUREZZA Le recenti disposizioni legislative hanno richiamato l'attenzione sull igiene e la sicurezza dei posti di lavoro. Il software del presente pacchetto dovrà pertanto essere strutturato in modo tale da evitare situazioni di stress o di sovraffaticamento visivo. La certificazione della conformità alle norme UNI EN ISO 9000 sarà pertanto elemento essenziale. 12

13 SPECIFICHE TECNICHE AMBIENTE HARDWARE Il pacchetto delle procedure dovrà operare sull'hardware esistente che si compone del seguente parco macchine e della seguente organizzazione: SISTEMA DI PC ORGANIZZATI IN RETE Sistemi operativi: Microsoft Windows Server 2003 R2 Standard Edition Service Pack 2 32 bit Microsoft Windows XP Professional Versione 2002 Service Pack 3 32 bit Microsoft Windows Vista Business Service Pack 1 32 bit Microsoft Windows 7 Professional 32 bit Server di rete: Fujitsu Siemens Primergy TX 200 S4 con le seguenti caratteristiche tecniche: Processore QUAD CORE XEON 2.5 GHz., RAM 4 Gb n. 4 hard disk SAS da 300 Gb controller RAID 5/6 da 512 Mb Lettore DVD Rom 16x Unità di back-up a nastro TANDBERG LTO 2 n. 37 personal computers collegati in rete, di cui: n. 17 Fujitsu Siemens Esprimo P5925 con le seguenti caratteristiche tecniche: Processore Intel Core 2 CPU E8400 3,00 GHz., Ram 4 Gb DDR2, Hard Disk 250 Gb. Serial ATA II, scheda video integrata con 128 Mb memoria dedicata, Scheda rete LAN 100/1000 (Megabit), DVD SuperMulti Double Layer Serial ATA; n. 14 Fujitsu Siemens Esprimo Edition P2520 con le seguenti caratteristiche tecniche: Processore Intel Core 2 CPU E4500 2,20 GHz., Ram 2 Gb DDR2 (667 MHz.), Hard Disk 160 Gb. Serial ATA II, scheda video integrata con 128 Mb memoria dedicata, Scheda rete LAN 100/1000 (Megabit), DVD SuperMulti Double Layer Serial ATA; di cui n. 1 con funzioni di server per la consultazione, tramite WEB, della morosità da parte di utenti soggetti esterni autorizzati dagli uffici dell Ente n. 3 Personal Computers Siemens Esprimo Mobile D9510 con le seguenti caratteristiche tecniche: Processore Intel Core 2 Duo T GHz. Ram 2 Gb DDR3 13

14 Hard Disk 160 Gb. Serial ATA II, DVD SuperMulti Double Layer LCD TFT 15.4 Scheda di rete n. 3 Personal Computers portatile Fujitsu Siemens LIFEBOOK P8110 con le seguenti caratteristiche tecniche: Processore Intel Core 2 Duo CPU SU GHz. Ram 4 Gb DDR3 Hard Disk 320 Gb rpm Serial ATA, Lettura/scrittura CD, DVD + e DVD - LCD XGA x 1200 / true color / 60 Hz Scheda di rete Gigabit Ethernet n. 7 stampanti laser bianco e nero HP Laserjet 2014 n. 15 stampanti multifunzione a getto di inchiostro HP PHOTOSMART C4280 n. 7 stampanti multifunzione a getto d inchiostro HP PHOTOSMART C5280 n. 4 fotocopiatrici multi-funzione che, collegate in rete, operano quali stampanti di sistema di cui: n. 1 fotocopiatrice OLIVETTI D-COPIA 400 n. 1 fotocopiatrice PANASONIC CP-C265 n. 2 fotocopiatrici SHARP AR-450, di cui una completa di unità di bucatura e fascicolatura; n. 1 Firewall D-LINK DFL 2660 Software antivirus centralizzato SYMANTEC ENDPOINT Protection versione

15 ATTUALE COMPOSIZIONE SOFTWARE E RELATIVO CONTRATTO Il database utilizza il software ORACLE versione 11g. L A.T.C. della Provincia di Cuneo ha acquistato le licenze di utilizzo dalla G.C.S. S.p.A. dei seguenti applicativi: 1. SICEFIN*WIN, applicativo per la gestione della contabilità economicopatrimoniale e finanziaria 2. CASSA*WIN, applicativo per la gestione della contabilità settoriale della cassa economale 3. SICEORD*WIN, applicativo per la gestione delle gare e forniture economali, per l emissione di buoni d ordine e la creazione degli impegni in contabilità finanziaria, con contemporanea verifica della capienza dei relativi capitoli di spesa; 4. GESFIN*WIN (E), applicativo per la gestione della contabilità Gestione Speciale e dei relativi finanziamenti, con predisposizione di schede analitiche e sintetiche a livello di singolo cantiere; 5. GEMAN8*WIN, applicativo per la gestione degli interventi di manutenzione ordinaria, con conseguente emissione di buoni d ordine, generazione dell impegno di spesa nella contabilità finanziaria, registrazione documenti e contabilizzazione degli stessi sulla procedura di contabilità generale; 6. INFOCESP*WIN, software per la gestione dell inventario dei beni immobili e mobili e per la gestione degli ammortamenti degli stessi; 7. GECOND2, software per la gestione dei condomini e autogestioni, con possibilità di riparto delle spese condominiali, registrazione e contabilizzazione delle stesse sugli applicativi contabili, trasferimenti addebiti e/o accrediti agli inquilini; 8. GEPAT8, software per la gestione del patrimonio immobiliare di proprietà e in gestione all Ente. L Ente ha inoltre locato le licenze software per i seguenti applicativi: 1. GELIM8, software per la gestione della contabilità settoriale legata alle locazioni e cessioni di immobili, con emissione delle bollette/fatture agli inquilini, incasso delle stesse. Gestione dei contratti di locazione, delle provvidenze sociali, del recupero crediti, ecc.; l applicativo permette il trasferimento dei dati alla contabilità economico-patrimoniale; 2. GELIM*WEB, applicativo che consente la consultazione, tramite web, mediante accesso sicuro (con attribuzione di apposite credenziali), al database GELIM, da parte di utenti esterni. L Ente inoltra ha locato le licenze di utilizzo dell applicativo SCRIBA, per la gestione del sistema documentale, costituito da: 1. Protocollo della posta in ingresso e in uscita dell Ente, 2. Protocollo della posta in ingresso e in uscita relativa alla Commissione Assegnazione Alloggi, 3. Gestione Deliberazioni del Consiglio di Amministrazione, 15

16 4. Gestione Determinazioni del Direttore Generale, 5. Gestione Verbali Commissione Tecnica, 6. Gestione Verbali Commissione Assegnazione Alloggi, 7. Archiviazione Digitale Libri fiscali obbligatori, 8. Gestione Repertorio atti non pubblici, 9. Gestione Libreria documentale, contenente una raccolta di normativa, articoli di interesse dei vari uffici. Tale database si appoggia al software LOTUS Notes versione 8. 16

17 APPLICATIVI CARATTERI GENERALI SISTEMA CONTABILE A.T.C. Le A.T.C. sono assoggettate ad un regime contabile particolare che prevede la tenuta della contabilità pubblica, tipica degli Enti territoriali, e la tenuta della contabilità economico-patrimoniale, essendo tassate in base ai risultati di bilancio. Le due contabilità, anche se analizzate separatamente, dovranno essere opportunamente integrate tra di loro. La procedura permetterà la gestione di più utenti, più filiali ed esercizi contabili diversi. CONTABILITÀ' ECONOMICO-PATRIMONIALE o Gestione anagrafiche o Gestione documenti e registrazioni a video o Interrogazioni parametriche o Gestione scritture cronologiche o Gestione scritture sistematiche o Aperture e chiusure automatiche o Gestione ritenute d'acconto e Modello 770 o Gestione ritenute INPS (10%) e INAIL o Acquisizione dati contabili, finanziari e fiscali dalle altre procedure o Stampe GESTIONE ANAGRAFICHE Le anagrafiche gestiranno: 1. il Piano dei Conti, a struttura variabile con almeno tre livelli di conto (mastro, conto, sottoconto) oltre alla sezione, dovrà offrire la possibilità di abbinamento ad altre codifiche con rapporto 1 a 1 o 1 a diversi (esempio: capitoli finanziaria, Codice Programma d'intervento, ecc.) e dovrà consentire la corretta gestione del Bilancio CEE, mediante la gestione del riferimento U.E. a livello di singolo sottoconto, 2. le anagrafiche dei clienti diversi dagli inquilini e dei fornitori (codifiche numeriche o alfanumeriche), 3. le varie tabelle necessarie per un dinamico e veloce funzionamento del pacchetto nel suo insieme. Saranno tabellate tutte le operazioni ripetitive o passibili di automazione, nonché descrizioni e causali ricorrenti. Le ricerche saranno parametrizzate per codice, codice fiscale o partita Iva, alfabetico, ecc. L'immissione dei dati sarà soggetta a controllo formale e di merito sulla natura del dato richiesto. 17

18 GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI A VIDEO I documenti contabili che concorrono all'aggiornamento e alla movimentazione della contabilità sono i seguenti: 1. fatture IVA fornitori e clienti; 2. note Credito IVA fornitori e clienti; 3. giustificativi di spesa numerati e classificati separatamente in base all'ufficio di provenienza o al tipo di spesa; 4. ordini d'incasso numerati e classificati come sopra; 5. movimenti contabili (brogliacci) di prima-nota in partita doppia ad inserimento manuale o acquisizione automatica da altre applicazioni (possibilità di inserimento di prime note complesse del tipo Diversi a Diversi); 6. documenti tipici della contabilità finanziaria che verranno trattati nell'analisi della procedura specifica. I documenti che generano le movimentazioni contabili significative sotto il profilo economico-patrimoniale, vengono codificati e raggruppati in serie diverse a seconda dell'ufficio proponente la spesa (centro di costo) o del tipo e delle modalità di registrazione. Si possono avere, quindi, più serie di fatture di acquisto o fatture di vendita a cui faranno capo altrettanti sezionali di Libro I.V.A; parimenti sono utilizzati più serie di giustificativi di spesa (documenti non rilevanti ai fini I.V.A.). E' necessario quindi prevedere la gestione di numerosi tipi di documento diversi, liberamente codificabili e a gestione parametrizzata, tutti liquidabili e pagabili o riscuotibili direttamente. Le fatture ricevute, relative a servizi e forniture su appalti, dovranno automaticamente aggiornare la contabilità dei finanziamenti e, quindi, permetteranno, in questa sede, l'acquisizione di tutti i sottocodici d'imputazione. Ugualmente le fatture relative a costi di manutenzione dei fabbricati aggiorneranno la contabilità della procedura "Manutenzione Patrimonio" e quelle relative a spese servizi verranno recepite agli archivi della procedura di riparto delle spese servizi. Ogni importo addebitato in contabilità offrirà la possibilità di imputazione, opzionale, al centro di costo interessato. Le maschere video dovranno offrire la possibilità di inserire il maggior numero di dati possibili senza necessità di spostamenti su videate diverse ma ricorrendo, ove necessario, all'apertura di finestre di aggiornamento o di consultazione. Tutte le tabelle di supporto alle registrazioni saranno consultabili e verranno attivate direttamente dal campo interessato. 18

19 INTERROGAZIONI PARAMETRICHE Tutti gli archivi, tabelle, anagrafiche saranno consultabili attraverso interrogazioni a video parametrizzate ed offriranno la possibilità di stampa dei dati visualizzati. Le stampe a supporto delle interrogazioni e direttamente previste in procedura saranno: - lista di controllo movimenti contabili; - stampa di controllo della prima-nota; - lista di controllo documenti (con pagamenti e liquidazioni) per data e per ordine alfabetico. GESTIONE SCRITTURE CRONOLOGICHE Come già accennato in premessa, le A.T.C. sono soggette a tutti gli adempimenti fiscali e civilistici previsti per le società di capitali, pertanto saranno attivati tutti i libri previsti dal Codice Civile. In merito alle scritture cronologiche si richiede la possibilità di attivare più libri settoriali riassumibili, mediante periodiche scritture riepilogative, nel libro giornale generale. In particolare per la gestione delle Fatture/Bollette emesse nei confronti degli inquilini si richiede l'attivazione di una contabilità clienti settoriale, con autonoma anagrafica Clienti e con un libro-settoriale avente la doppia funzionalità di libro I.V.A. e libro Giornale, come già precisato nella procedura specifica. Le principali stampe richieste direttamente alla procedura sono: - Bilanci e aggregati di Bilancio; - Libri giornale. GESTIONE SCRITTURE SISTEMATICHE Come per la procedura precedente, saranno attivate tutte le scritture sistematiche previste dalle norme civilistiche e fiscali: partitari, estratti-conto, ecc.. APERTURE E CHIUSURE AUTOMATICHE Tutte le operazioni di chiusura e apertura verranno gestite in automatico dalla procedura proponendo comunque scelte guidate nelle varie fasi e permettendo l'intervento manuale di rettifica sulle scritture generate. In particolare le aperture dei rapporti di debito-credito mediante trasporto nel nuovo esercizio dei documenti insoluti, dovranno permettere ripetuti e successivi aggiornamenti. GESTIONE RITENUTE D'ACCONTO E MODELLO 770 La procedura, che verrà aggiornata automaticamente dalla contabilità Generale e Finanziaria, oltre a permettere la compilazione del modello fiscale 770 gestirà: - la contabilità delle ritenute operate, consentendo l inserimento di più tipologie di ritenute (es. ritenute IRPEF, addizionali regionali, addizionali comunali, altre ritenute, contributi iscrizione ad albi, ordini, ecc..), - la certificazione prevista per legge, - le schede, riepilogative per ogni nominativo, dei compensi corrisposti a terzi, ecc.. La procedura consentirà inoltre la generazione del file per l invio telematico all Amministrazione Finanziaria del modello

20 GESTIONE RITENUTE INPS (10%) e INAIL Analogamente alla procedura precedente, la presente permetterà la contabilizzazione analitica e l'espletamento di tutte le incombenze previste dalle normative vigenti in materia di ritenute INPS e INAIL a cui vanno assoggettati i compensi di collaborazione coordinata e continuativa. ACQUISIZIONE DATI CONTABILI, FINANZIARI E FISCALI DALLE ALTRE PROCEDURE L applicativo consentirà l acquisizione di dati contabili, finanziari e fiscali dalle altre procedure, comprese nel pacchetto software fornito ed estranee agli applicativi da fornire (ad esempio, a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, si citano: l acquisizione files generati dalle procedure PAGHE, l acquisizione files generati dalle procedure legate alla gestione dei contratti di appalto lavori, ecc..). STAMPE Le stampe previste a programma permetteranno la riproduzione di tutti i dati memorizzati, la compilazione di tutti i documenti o dichiarazioni previste per legge oltre ad offrire la possibilità di stampe e analisi estemporanee. Tutte le stampe della contabilità generale economico-patrimoniale permetteranno la conversione dei dati nei formati elaborabili dai più diffusi pacchetti di officeautomation (Word, Excel, Access, ecc..). 20

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano

Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Convenzione/Capitolato per il Servizio di Cassa del GAL Ternano Il GAL Ternano in esecuzione della deliberazione adottata dal Consiglio di Amministrazione n. 12/2014 all ordine del giorno in data 29/01/2014

Dettagli

CitySoftware SERVIZI FINANZIARI. Info-Mark srl

CitySoftware SERVIZI FINANZIARI. Info-Mark srl CitySoftware SERVIZI FINANZIARI Info-Mark srl Via Rivoli, 5/1 16128 GENOVA Tel. 010/591145 Fax 010/591164 Sito internet: www.info-mark.it e-mail Info-Mark@Info-Mark.it L area dei servizi finanziari e di

Dettagli

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE

BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE BOZZA DEL REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA CONTABILE- AMMINISTRATIVA TRA L AZIENDA U.S.L. 10 DI FIRENZE E LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE A. ASPETTI GENERALI Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A.

IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. IL REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DELLE SEZIONI A.I.A. All. D) ART. 1 RESPONSABILITÀ SEZIONALE L amministrazione delle sezioni è demandata al Presidente, il quale vi provvede di concerto con il Consiglio Direttivo

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

AREA CONTABILITÀ AREA CONTABILITÀ CONTABILITÀ FINANZIARIA BILANCIO DI PREVISIONE PATTO DI STABILITÀ GESTIONI CERTIFICAZIONI GESTIONE ORDINI

AREA CONTABILITÀ AREA CONTABILITÀ CONTABILITÀ FINANZIARIA BILANCIO DI PREVISIONE PATTO DI STABILITÀ GESTIONI CERTIFICAZIONI GESTIONE ORDINI AREA CONTABILITÀ AREA CONTABILITÀ CONTABILITÀ FINANZIARIA BILANCIO DI PREVISIONE PATTO DI STABILITÀ GESTIONI CERTIFICAZIONI GESTIONE ORDINI GESTIONE MAGAZZINO FATTURAZIONE ED IVA GESTIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE SERVIZIO GESTIONE E SVILUPPO DELLE R.U. ESTERNALIZZAZIONE DELLE PRESTAZIONI RELATIVE ALL ELABORAZIONE DELLE PAGHE E DEI CONSEGUENTI

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

CONTABILITÀ FINANZIARIA

CONTABILITÀ FINANZIARIA D.Lgs. 267/2000 (ex D.Lgs 77/95) CONTABILITÀ FINANZIARIA Il nuovo ordinamento finanziario e contabile degli enti locali arriva dopo tutta una serie di innovazioni legislative (L. 142/90, L. 241/90, D.L.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

SIDI Scuola Nuovo Bilancio

SIDI Scuola Nuovo Bilancio SIDI Scuola Nuovo Bilancio 1 Indice 1. Il Bilancio delle Scuole... 4 2. La Gestione dei Debitori... 8 3. La Gestione dei Creditori...12 4. La Gestione della Tipologia dei Contratti...16 5. La Gestione

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

Suite Pro. Contabilità generale e cespiti. Compensi a terzi e certificazioni. Parcellazione. Simulazione fiscale. Telematico. Anagrafica nominativi

Suite Pro. Contabilità generale e cespiti. Compensi a terzi e certificazioni. Parcellazione. Simulazione fiscale. Telematico. Anagrafica nominativi Suite Pro Gestione completa delle attività dello studio commercialista Struttura modulare Integrazione tra i moduli software, che condividono un anagrafica realmente unica Impostazione grafica e funzionale

Dettagli

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Gestione della fiscalità e libri obbligatori 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4. DEFINIZIONI E

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa

Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa Regolamento interno di contabilità e tesoreria del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa PREMESSA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa, visto l art. 24, comma 3, L. 247/2012, che prevede

Dettagli

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla

ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO. relativo alla ALLEGATO B CAPITOLATO TECNICO relativo alla Procedura selettiva n. 238/2014 ai sensi dell art. 125 comma 11 del D.Lgs. n.163/2006 per l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza di carattere

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2013. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale ragioneria Circolare n. 61 Roma, 17 dicembre 2013 Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali Magistrato della Corte

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

ARTE - LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Provvedimento di autorizzazione. Provvedimento di autorizzazione

ARTE - LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Provvedimento di autorizzazione. Provvedimento di autorizzazione ARTE LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICO BILANCIO CONTABILITA' ECONOMATO NORMA INIZIO PROC. ISTRUTTORIA ATTO FINALE tempi TERMINE O Budget L.R. 10/2008 Apertura conti Piano triennale

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Servizi Economici. PAL Informatica srl. Soluzioni e progetti per la Pubblica amministrazione. Sito Internet: http://www.palinformatica.it.

Servizi Economici. PAL Informatica srl. Soluzioni e progetti per la Pubblica amministrazione. Sito Internet: http://www.palinformatica.it. srl Soluzioni e progetti per la Pubblica amministrazione Sito Internet: http://www.palinformatica.it Servizi Economici E-mail info@palinformatica.it Telefono 059/82.90.99 Fax 059/82.91.22 PAL Informatica

Dettagli

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative.

Oggetto Chiusura della contabilità finanziaria. Dati per il conto consuntivo 2015. Istruzioni operative. Direzione generale Direzione centrale programmazione, bilancio e controllo Circolare n. 91 Roma, 23 dicembre 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

Corrispettivi Ventilazione Grafici

Corrispettivi Ventilazione Grafici HELP DESK Nota Salvatempo 0044 MODULO FISCALE Corrispettivi Ventilazione Grafici Quando serve La normativa Registrazione dei corrispettivi in ventilazione a partire dall'esercizio IVA 2015 Decreto Ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

ART. 2 REQUISITI MINIMI E CONTENUTI DELLA FORNITURA

ART. 2 REQUISITI MINIMI E CONTENUTI DELLA FORNITURA PROROGA TERMINI CONFRONTO CONCORRENZIALE PER LA FORNITURA DI UN SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ E SERVIZIO DI TESORERIA INTEGRATO prot. 4.456/C5-2 del 3/11/2015. L Accademia di Belle

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI CONTABILITA E CONTROLLO DI GESTIONE DELL ATER DI UDINE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina gli aspetti contabili e gestionali dell

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

Teseo 7 Basic. L ERP Italiano scritto per le aziende italiane. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Basic. L ERP Italiano scritto per le aziende italiane. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Basic L ERP Italiano scritto per le aziende italiane Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it Che cos

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 01/12/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Allegato A) alla Deliberazione C.C. n. 40 del 21/05/2012 COMUNE DI ARGENTA Provincia di Ferrara Piazza Garibaldi, 1-44011 Argenta (FE) Cod. Fisc. 00315410381 - P.I. 00108090382 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Regolamento di Contabilità. Regolamento di Contabilità

Regolamento di Contabilità. Regolamento di Contabilità Regolamento di Contabilità Approvato con Delibera del C.d.A. n 44 dell 08/10/2012 1 Capo. I. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1. Scopo e ambito di applicazione... 3 Art. 2. Definizioni... 3 Capo. II. PROCEDURE

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE

CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE CICLO ATTIVO DELL AGENZIA DELLE DOGANE ROMA, DICEMBRE 2001 1 Definizione del ciclo attivo Per ciclo attivo si intende la rilevazione e la registrazione a fini civilistici e fiscali delle entrate dell Agenzia,

Dettagli

Contabilità: chiusure mensili ed annuali

Contabilità: chiusure mensili ed annuali Contabilità: chiusure mensili ed annuali Indice Report fiscali 2 Registri IVA 2 Liquidazione IVA 2 Riepilogo annuale IVA 3 Elenco clienti e fornitori - SPESOMETRO 3 Giornale Bollato 4 Certificazioni collaboratori

Dettagli

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente

Raccolta, verifica e quadratura dei tributi e degli oneri riflessi a carico dell Ente CONTABILITA ATTIVITA /PROCEDIMENTI UFFICIO I - R.E. - CONTABILITA, BILANCIO E SERVIZI A TERZI Area Tipologia Modalità di adempimento Termine iniziale Termine finale Atto conclusivo Responsa bile del procedim

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

CARPE DIEM SRL da quindici anni al servizio della propria clientela

CARPE DIEM SRL da quindici anni al servizio della propria clientela Qualità e Semplicità a costi ridotti CARPE DIEM SRL da quindici anni al servizio della propria clientela Via Francesco Bettini Zona Industriale Paciana 06034 Foligno (PG) 0 7 4 2 2 4 6 7 3 0 7 4 2 3 2

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L.

RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. RELAZIONE RELATIVA ALL ANALISI E REVISIONE DELLE PROCEDURE DI SPESA (ai sensi dell articolo 9 del D.L. 78/2009 convertito in L. 102/2009) L art. 9, comma 1, lettera a), del D.L. 78/2009, convertito con

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

GB Software Contabilità Aziende

GB Software Contabilità Aziende In collaborazione con Presenta: GB Software Contabilità Aziende per l'azienda che deve gestire internamente la propria contabilità Con il GB Software Contabilità Aziende potrai gestire: 1. CB101 Contabilità

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD -

Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Casa di Soggiorno e Pensionato della Città Murata - I.P.A.B. Montagnana - PD - Via Berga, 21-35044 MONTAGNANA (PD) C.F. 82000370286 Tel. (0429) 800228-800670 Fax (0429) 800671 P.I. 00736180282 Posta certificata:

Dettagli

Comune di.. Piano di addestramento della Procedura PF Finanziaria

Comune di.. Piano di addestramento della Procedura PF Finanziaria PREMESSA Lo scopo di questo documento è quello di offrire al Cliente una formazione standard ed adeguata per un corretto utilizzo delle procedure Halley. Le fasi dell addestramento sono state studiate

Dettagli

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI

DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI Via Caldera, 21 20153 Mil ano DIRITTI E STRUMENTI DI TUTELA DEL CLIENTE PRINCIPALI NORME DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI DISCIPLINATA DAL D.LGS. 385/1993 (TESTO UNICO BANCARIO) E

Dettagli

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE

AMT AMT AMT AMT AMT AMT FACSIMILE FACSIMILE 1 CONVENZIONE PER IL DISIMPEGNO DEL SERVIZIO DI CASSA A) Servizio di cassa per il triennio 2011, 2012, 2013. ART. 1 L A.M.T. affida il proprio servizio di cassa, all istituto di credito....operante su

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

SCHEDE DEI MODULI SOFTWARE OPZIONALI

SCHEDE DEI MODULI SOFTWARE OPZIONALI ADEL S.r.l. GEAOIL Rel 5.0 SCHEDE DEI MODULI SOFTWARE OPZIONALI Cod. Prod. GEAGCA100 Anno: 2012 Numero: 0002 Data: 31/07/2012 Gestione Contratti di Affitto, di Somministrazione e delle Convenzioni Presentazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Prot. 9770 del 09/11/2012 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Fornitura in Full Rent di n. 2 autovetture 4x4 SALERNO, 09/11/2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ing. Bernardo Saja Oggetto dell appalto Qualità

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA

COMUNE DI MASCALUCIA CAPITOLATO D ONERI Appalto per l affidamento del servizio di buoni pasto in sostituzione del servizio mensa in favore dei dipendenti comunali. Art.1 - Oggetto dell Appalto. L appalto ha per oggetto il

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA CAPITOLATO D APPALTO PER L AGGIORNAMENTO, LA MANUTENZIONE, L HOSTING, LA GESTIONE DELLE STATISTICHE E L INTRODUZIONE DI NUOVE FUNZIONALITA DEL SITO INTERNET DEL COMUNE DI TREZZO

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA'

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' Centro Residenziale per Anziani Umberto Primo (CRAUP) di Piove di Sacco REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' in esecuzione all'articolo 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 (approvato con

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

ASSISTENZA, MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE IN DOTAZIONE ALL ATER DI VERONA

ASSISTENZA, MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE IN DOTAZIONE ALL ATER DI VERONA A.T.E.R. Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia di VERONA Piazza Pozza 1/c,d,e - 37123 VERONA telefono 045-8062411 telefax 045-8062432 E-mail: info@ater.vr.it www.ater.vr.it.,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

Namirial Studio. Contabilità Generale / Modelli Fiscali

Namirial Studio. Contabilità Generale / Modelli Fiscali Contabilità Generale / Modelli Fiscali Contabilità Generale / Modelli Fiscali È la soluzione elaborata da Namirial S.p.A. per lo studio professionale, ideale per operare in modo ottimale nel mondo contabile

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO COMUNE DI PASIAN DI PRATO PROVINCIA DI UDINE internet: www.pasian.it SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BROKER ASSICURATIVO INDICE Articolo 1 Affidamento del servizio pagina 2 Articolo

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTA DI VITTORIO VENETO Provincia di Treviso Comando Polizia Locale e Protezione Civile CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZI DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE ART. 1 OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato ha per

Dettagli

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E

TRA la Regione Lazio (d ora in poi denominata Regione), con sede in Roma Via Cristoforo Colombo 212,C.F. 80143490581, rappresentata dal E ALLEGATO A Schema di Convenzione per la gestione del Fondo di rotazione per la realizzazione di programmi pluriennali di edilizia residenziale agevolata di cui all art. 82 della Lr n. 8/2002 e successive

Dettagli

Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa

Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa Capitolato di gara per l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa Articolo 1 Oggetto del servizio Il presente capitolato di gara ha per oggetto l assegnazione del servizio di tesoreria e cassa per

Dettagli

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA

CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA CITTA DI MONSELICE PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Art. 1 Attribuzione delle funzioni. 1. Le funzioni di agente

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 1 giugno 2015 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 1 giugno 2015 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Dilazioni di pagamento Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via Fabiani, 1/B - 20097 San Donato Milanese (MI) Fax:0252045730/8/9

Dettagli

Ge.Co. Gestione Completa PantaRei Soluzioni Informatiche srl

Ge.Co. Gestione Completa PantaRei Soluzioni Informatiche srl Ge.Co. Gestione Completa PantaRei Soluzioni Informatiche srl GECO.DOCX [2/12] del 18/12/2011 Introduzione Il software di gestione Aziendale Ge.Co. è uno strumento moderno ed efficiente, semplice da utilizzare

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE. ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 39 del 07/03/2014 Oggetto : Fornitura di attrezzature hardware adesione alle convenzioni CONSIP PC DESKTOP 12 e PC PORTATILI 12 - acquisto di n.1 Personal computer portatile

Dettagli

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI

IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI IL COLLAUDO NEI LAVORI PUBBLICI Oggetto del collaudo Il collaudo rappresenta l atto conclusivo della realizzazione di un opera pubblica, mediante il quale viene verificato e certificato che l opera pubblica

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RECUPERO CREDITI EXTRAGIUDIZIALE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RECUPERO CREDITI EXTRAGIUDIZIALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RECUPERO CREDITI EXTRAGIUDIZIALE Art. 1) OGGETTO L attività consiste nello svolgimento del recupero crediti extragiudiziale dei corrispettivi derivanti

Dettagli

FINANZIAMENTI BREVE TERMINE DEL CICLO PRODUTTIVO E ACQUISTO SCORTE RISERVATO ALLE AZIENDE SMALL BUSINESS E PICCOLE IMPRESE a Tasso Variabile

FINANZIAMENTI BREVE TERMINE DEL CICLO PRODUTTIVO E ACQUISTO SCORTE RISERVATO ALLE AZIENDE SMALL BUSINESS E PICCOLE IMPRESE a Tasso Variabile FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI FINANZIAMENTI BREVE TERMINE DEL CICLO PRODUTTIVO E ACQUISTO SCORTE RISERVATO ALLE AZIENDE SMALL BUSINESS

Dettagli

LYBERA Studio IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO

LYBERA Studio IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO IL SOFTWARE INTEGRATO PER TUTTE LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO LYBERA Studio è l innovativa piattaforma tecnologica che rende disponibile in modo unitario ed integrato processi, strumenti e servizi necessari

Dettagli

FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO

FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. FINANZIAMENTI EXPORT/IMPORT IN VALUTA ESTERA E/O EURO Sezione I - Informazioni sulla Banca Cassa Rurale

Dettagli

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Regolamento di contabilità CAPO I FINALITA E CONTENUTO Regolamento di contabilità Indice CAPO I FINALITA E CONTENUTO Art. 1 CAPO II BILANCIO E PROGRAMMAZIONE CAPO III GESTIONE DEL BILANCIO CAPO IV BILANCIO D ESERCIZIO CAPO V REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIA

Dettagli

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015

Studio Tecnico e Architettura Amministrazione e Gestione Condominiali Immobiliare Servizi CAF. Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Tariffario Amministrazioni Condominiali 2015 Le tariffe applicate sono chiare e vengono calcolate in base al numero di unità immobiliari presenti nel Condominio che a sua volta determinano l impegno dell

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI PER IL PERSONALE DEL PARCO NAZIONALE VAL GRANDE 2016-2020 (CIG ZB415FBACD) Art.

Dettagli