Stazione di FIUMICINO AEROPORTO Ammodernamento infrastrutturale Piano Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stazione di FIUMICINO AEROPORTO Ammodernamento infrastrutturale Piano Sicurezza"

Transcript

1 Stazione di FIUMICINO AEROPORTO Ammodernamento infrastrutturale Piano Sicurezza REALIZZAZIONE DI NUOVO IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA PROTEZIONE AZIENDALE Area Tecnica: Project Manager: DE MURO Stefano Progettazione: ALBANESE Alfredo, CURIALE Giuseppe, PAZIENTE Roberto Coordinatore della Sicurezza: CURIALE Giuseppe PROGETTO DEFINITIVO Progetto impianto di videosorveglianza Febbraio 2012 CURIALE IACOBUCCI DE MURO FIORENTINO

2 Progetto impianto di Videosorveglianza della Stazione Ferroviaria di Fiumicino Roma, Febbraio 2012

3 Indice 1. Scopo del documento Oggetto dell intervento Note di progetto Forniture in opera Note a completamento Limiti di fornitura Riferimenti Normativa tecnica di riferimento Aree di intervento Locale tecnico Opere civili Opere impiantistiche elettriche Rete Continuità Assoluta e Forza Motrice Illuminazione Impianto di rivelazione fumi Impianto di controllo accessi - antintrusione Opere di condizionamento Antintrusione Cavidotti Assistenza muraria Alimentazione elettrica Alimentazione dal quadro generale Quadro elettrico Q_sorv Linee di dorsale in derivazione dal quadro Q_sorv Impianto di terra e di equipotenzializzazione Linee di trasmissione dati

4 11. Apparati in campo Telecamere Ricevitore ottico Architettura generale del sistema Descrizione generale delle funzionalità del sistema videocontrollo e registrazione Premessa Funzionalità video Funzionalità di salvataggio e memorizzazione e funzioni avanzate di rete Funzionalità di autenticazione Funzionalità di rete Funzionalità audio Funzionalità di integrazione Funzionalità di cattura video Gestione dei dati esterni Gestione degli altri allarmi integrata nel sistema di videosorveglianza Funzionalità di manutenzione Funzionalità di sincronizzazione Funzionalità di configurazione centralizzata Analisi delle funzionalità del sistema videocontrollo e registrazione Funzionalità video Funzionalità di memorizzazione Funzionalità di autenticazione Funzionalità di rete Funzionalità di gestione eventi e allarmi Funzionalità di trattamento immagini Funzionalità audio Funzionalità di manutenzione e configurazione centralizzata

5 14.9 Funzionalità sincronizzazione Apparato locale di visualizzazione Rete dati entro il locale tecnico Software di visualizzazione Sistema di management Collegamento al GSMR Postazione di visualizzazione Sistemi di protezione passiva Formazione operatori Pratiche privacy

6 1. Scopo del documento Il presente documento descrive le caratteristiche e le specifiche tecniche di installazione delle apparecchiature del sistema di videosorveglianza, composto da apparati di campo, di gestione e di registrazione, del sistema di antintrusione, nonché delle finiture civili e degli impianti del locale tecnico da realizzarsi presso la Stazione di Fiumicino Aeroporto. Le immagini e gli allarmi potranno essere visualizzati e gestiti localmente da Polfer e saranno anche remotizzate in altre control room attraverso dispositivi di trasmissione come descritto nei successivi paragrafi della presente relazione tecnica. 2. Oggetto dell intervento 2.1 Note di progetto Il dimensionamento degli impianti è stato eseguito facendo riferimento alle seguenti condizioni: a. Ubicazione: Fiumicino Aeroporto b. Dati rete di alimentazione: - Tensione di alimentazione: 230/400V - Corrente di cortocircuito trifase (presunta): 10 ka - Sistema di alimentazione: TT c. Potenze contemporanee massime assorbite: - Potenza max contemporanea LUCE-FM P= 5,0 kva - Apparati TVCC sotto CA P= 5,0 kva - TOTALE P= 10,0 kva - Di cui sotto Continuità Assoluta P =5,0 kva d. Potenze installate: - Gruppo di continuità: 15,0 kva (aut. 30 ) e. Caduta di tensione max ammessa sulle linee dorsali di alimentazione fino agli apparati in campo dal punto di consegna: 4 % f. Margine di sicurezza portate cavi e interruttori: 20% g. Riserva di spazio sui quadri di distribuzione secondaria: 20% h. registrazione video: - tempo: 14gg 24 ore /24 - n di immagini al secondo: 6,25 min per ogni telecamera - risoluzione di ogni immagine 4CIF (704x576 pixels) - attivazione della registrazione Continua Nella progettazione si sono inoltre voluti soddisfare i seguenti requisiti: 5

7 a. dare alla Polfer strumenti di vigilanza efficienti e di semplice utilizzo; b. registrare gli eventi per 14 giorni, 24 ore /24 per consentirne un adeguato successivo esame; c. remotizzazione dei segnali video su sistema GSMR RFI. 2.2 Forniture in opera In questo documento si fa esplicito riferimento alle forniture in opera da realizzarsi nella stazione ferroviaria di Fiumicino Aeroporto. L intervento consiste essenzialmente in: fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature e relativi sistemi accessori, quali telecamere, cavi di collegamento e relative vie cavo, che costituiscono il sistema terminale sul campo atto a trasmettere le immagini al sistema di videosorveglianza, installato nel locale tecnico dedicato sito al piano inferiore rispetto al piano del ferro (vedi planimetrie allegate); fornitura delle apparecchiature necessarie al collegamento al GSMR Aziendale RFI; realizzazione della postazione di gestione del sistema di security presso i locali del posto Polfer; realizzazione della postazione di visualizzazione presso il locale del Dirigente Movimento; realizzazione di un locale tecnico, per alloggiamento degli apparati di videocontrollo e registrazione, localizzato al piano inferiore al piano del ferro; impianto elettrico di alimentazione di tutti i terminali di campo, compreso il quadro elettrico di alimentazione del sistema di videosorveglianza; realizzazione di impianto di antintrusione costituito da contatti magnetici, lettori di badge e sirene da installare su porte di locali ed aree sensibili della stazione; realizzazione di impianto di antintrusione costituito da contatto magnetico, lettore di badge e sirena da installare a protezione del locale tecnico in cui alloggiare gli apparati di gestione del sistema di security; realizzazione di impianto di antintrusione costituito da contatti magnetici e sirene da installare nelle porte di emergenza poste al piano terra da cui si accede ai marciapiedi di stazione; installazione di molle di richiamo da applicare alle porte di emergenza poste al piano terra da cui si accede ai marciapiedi di stazione; motorizzazione del cancello di ingresso al parcheggio; Di seguito viene riassunta la consistenza dell appalto relativamente agli apparati di videosorveglianza previsti: 6

8 Nr Telecamere Fisse da esterno: 13 Nr Telecamere Fisse da interno: 40 Nr Telecamere Fisse Antivandalo Minidome: 2 Nr Telecamere Dome Brandeggiabili: 1 Nr TOTALE di Telecamere: Note a completamento Vengono di seguito elencate alcune problematiche o situazioni che si presenteranno all Appaltatore durante la realizzazione degli impianti oggetto della presente fornitura: possono essere presenti nelle zone interessate all appalto altri installatori, con i quali è necessario coordinare i tempi di intervento. la realizzazione degli impianti potrà richiedere smontaggio e rimontaggio di controsoffitti e pavimenti sopraelevati; l installazione delle telecamere lungo le pensiline potrà avvenire nelle ore notturne e dovrà comunque essere coordinata con le F.S., data la vicinanza delle linee aeree di alimentazione a 3 kv c.c.. E infatti necessario non interferire con l attività del traffico ferroviario; anche in altri punti, considerati i notevoli flussi di persone che ci sono durante la giornata, i tempi ed i modi dell impegno delle aree sottoposte a lavori dovranno essere concordati con DL in modo da non intralciare il regolare flusso dell utenza da e verso i marciapiedi, non escludendo, quindi, la possibilità di lavorare nelle ore notturne. gli interventi possono essere in locali o ambienti completi di arredi e con personale che svolge la propria attività; i percorsi delle dorsali, indicati sui disegni di progetto, possono essere modificati in fase di progetto costruttivo; nell appalto sono comprese e compensate tutte le attività riguardanti la modifica degli impianti esistenti per conseguire la realizzazione delle vie cavi e l installazione dei terminali di campo; gli specifici interventi previsti nei locali Polfer dovranno essere preventivamente calendarizzati concordemente con DL. L elenco precedente è indicativo e non esaustivo. I maggiori oneri che derivano dalle situazioni indicate, se non diversamente evidenziati nei documenti di appalto, sono compresi nelle singole voci di fornitura in opera delle diverse apparecchiature. 7

9 2.4 Limiti di fornitura I limiti di fornitura degli impianti oggetto del presente progetto sono di seguito elencati: Impianto elettrico L impianto elettrico in oggetto, dedicato all alimentazione delle nuove apparecchiature di videosorveglianza (telecamere e relativi sistemi di controllo ed elaborazione immagini) avrà origine dal Quadro di bassa tensione posto nella cabina elettrica sita al piano terra del fabbricato viaggiatori. La fornitura sarà trifase in BT (potenza totale installata dai nuovi impianti pari a 10 kva) e sarà costituita da cavo a doppio isolamento di tipo RG10OM1 a bassissima emissione di gas tossici e corrosivi fino al nuovo Quadro Elettrico di Videosorveglianza Q.E.SORV che sarà installato nel locale tecnico. Dal quadro Q_E.Sorv partiranno le linee di alimentazione delle telecamere e degli apparati attivi installati nel locale tecnico. Impianto di trasmissione immagini A partire dagli apparati in campo i segnali video verranno convogliati su cavi in fibra ottica con collegamento di tipo stellare all armadio TD di centrostella. Le postazioni di monitor e controllo verranno connesse utilizzando linee in cavo UTP cat.6 e linee in fibra ottica multimodale. Impianti accessori antintrusione e sistemi di protezione passiva A protezione di ambienti ed aree giudicati sensibili ai fini della sicurezza, sono compresi nel presente appalto la realizzazione di impianti antintrusione costituiti da contatti magnetici e sirene gestiti da una centralina installata all interno del locale tecnico. A ogni infrazione verrà segnalato un allarme presso la postazione client di visualizzazione e gestione e si azionerà un avvisatore acustico. Nel presente appalto, è prevista la motorizzazione del cancello carrabile che consente l accesso al parcheggio FS della stazione limitrofo al fabbricato viaggiatori. Infine, le porte di emergenza da cui si accede ai marciapiedi di stazione saranno dotati di molle di richiamo per evitare che esse rimangano aperte. 3. Riferimenti 3.1 Normativa tecnica di riferimento Gli impianti sono progettati per rispettare, tutte le disposizioni legislative e normative ad essi applicabili, in particolare: 8

10 a. D.Lgs 81/ nuovo Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro; b. Decreto 22 Gennaio 2008 n 37 Regolamento recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all interno degli edifici; c. Norme CEI Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto, antiaggressione, antirapina - Norme particolari per gli impianti ed apparecchiature d. Norme CEI 64-8 (V2-2009) - Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V c.a. e 1500V in c.c.; e. Norme CEI (2006) - Protezione di strutture contro i fulmini. f. Norma CEI 17-13/1 (1998) - Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri di BT). Parte I: apparecchiature soggette a prove di tipo (AS) e apparecchiature parzialmente soggette a prove di tipo (ANS); g. Norme CEI del CT 20 (cavi per energia): tutti i fascicoli applicabili; h. Norma CEI 74-2: apparecchiature per la tecnologia dell informazione i. Norme CEI 103.1/1 -:103.1/16 (1997) - Impianti telefonici interni; j. Norme CEI 110: compatibilità elettromagnetica; k. Norme CEI dei CT 210 (compatibilità elettromagnetica) e CT 211 (esposizione umana ai campi elettromagnetici); l. Norme europee EN e relativi riferimenti (ANSI/TIA/EIA 568-B, TIA/EIA TSB36-40A, ISO/IEC 11801, ANSI/TIA/EIA 569, EIA/TIA 607) m. Standard IEEE 80X.x, ISO/OSI, ETSI, EuroISDN, CCITT,ITU/IT Tutta la normativa specifica sulle apparecchiature utilizzate. 4. Aree di intervento L impianto di videosorveglianza è stato progettato nell intento di monitorare le aree di maggior importanza ai fini della sicurezza della stazione ferroviaria. Le telecamere pertanto sono state posizionate per monitorare le seguenti aree: Area binari: banchine a servizio dei tre binari di stazione; Zona tornelli; Atrio principale di stazione; Percorsi pedonali/corridoi interni al fabbricato viaggiatori posti al piano del ferro; Scale di accesso ai percorsi pedonali/corridoi; Area del fabbricato viaggiatori posta al piano terra; Area parcheggio RFI limitrofa al piano terra del fabbricato viaggiatori; Accesso lato parcheggio delle scale di emergenza. 9

11 I segnali video provenienti da tutti gli apparati in campo dovranno essere riportati nel locale tecnico per la registrazione e codifica in alta definizione per poi essere trasmessi mediante protocolli standard su una rete LAN (Local Area Network) dedicata. I segnali video codificati verranno visualizzati nelle postazioni operatore installate nel posto Polfer e nel locale del Dirigente Movimento. Infine, il progetto include lavori riguardanti l installazione di sistemi di antintrusione munendo i principali varchi di stazione di contatti magnetici, e avvisatori acustici. Il sistema impiantistico da realizzare deve comprendere essenzialmente le seguenti opere: opere civili ed assistenze murarie; cavidotti principali e terminali; linee di alimentazione elettrica e di trasmissione dati; apparati attivi in campo (telecamere, contatti magnetici etc.); apparati attivi di gestione e registrazione; postazioni di visualizzazione; 5. Locale tecnico Il locale tecnico sarà ricavato in uno spazio presente all interno di uno dei locali situati a piano terra al di sotto del piano del ferro. Sarà necessario compiere delle opere murarie quali realizzazione di un tramezzo e realizzazione di una apertura con annessa installazione di porta per poter ricavare il locale tecnico nello spazio individuato. In tale locale da realizzare andranno allocati i rack 19 atti a contenere le apparecchiature di gestione del sistema di videosorveglianza e controllo degli accessi e l UPS. I rack dovranno essere alimentati ciascuno da n.2 circuiti di alimentazione distinti e ridondanti a partire dal quadro elettrico Q_Sorv da posizionare nel locale tecnico stesso. Lo spazio dovrà permettere l allocazione di un ulteriore rack 19 in cui installare i tracker necessari a prelevare i flussi delle telecamere per fare su di essi video analisi e consentire la loro integrazione con il sistema di gestione delle telecamere utilizzato da Protezione Aziendale (RFI). Ciascun tracker interfaccia 16 telecamere, pertanto, saranno necessari 3 o 4 tracker di dimensioni pari a quelli di un PC. 10

12 Nel locale Tecnico dovrà essere installata una centralina di controllo accessi ed allarmi antintrusione che consentirà di monitorare le periferiche antintrusione relative ad ambienti della stazione a cui è permesso l accesso solo a persone autorizzate. In sintesi, all interno del locale tecnico saranno installate le seguenti apparecchiature principali: il quadro elettrico (Q.E.Sorv); l UPS; gli apparati di condizionamento; gli armadi per il contenimento delle apparecchiature elettroniche; gli impianti elettrici luce e prese di servizio; l impianto rivelazione fumi; l impianto di controllo accessi ed antintrusione. Il locale tecnico dovrà essere allestito provvedendo all esecuzione delle opere edili, impiantistiche elettriche e di condizionamento che di seguito verranno descritte. Le opere civili da eseguirsi tendono ad adeguare gli ambienti esistenti alle esigenze impiantistiche e di sicurezza del locale stesso. 5.1 Opere civili Come locale tecnico sarà utilizzato un locale in disuso da attrezzare adeguatamente. Il locale sarà dotato di pavimento flottante di tipo antistatico di adeguata altezza da terra per agevolare il corretto inserimento dei cavi all interno degli armadi TD (trasmissione dati), nonché di controsoffitto modulare 60x60 cm. ove previsto. Il locale dovrà essere preventivamente soggetto ad opere di finitura quali intonaci, rasature, pitturazioni, riparazione pavimenti esistenti, dismissione impianti obsoleti ecc. Opere accessorie quali la bonifica, pulizia e trasporto a discarica di materiali ed apparati in disuso presenti nell ambiente, spostamento di materiali, apparecchiature suppellettili verso altri locali a discrezione Polfer o RFI, sono compresi e compensati nell importo a corpo. 5.2 Opere impiantistiche elettriche Gli impianti elettrici di distribuzione secondaria, dedicati al solo locale tecnico dovranno comprendere: La rete C.A. (continuità assoluta) e F.M.; illuminazione; rivelazione fumi; 11

13 controllo accessi ed antintrusione. La distribuzione nel locale tecnico avverrà utilizzando canalizzazioni e tubi in pvc ad incasso o sopra il controsoffitto, che raggiungeranno i corpi illuminanti, le utenze previste per l impianto di climatizzazione, le utenze per l impianto di rivelazione incendio e le prese utente di alimentazione terminale. Le scatole di derivazione, ove necessario, saranno dotate di opportuno setto separatore Rete Continuità Assoluta e Forza Motrice A partire dal quadro elettrico Q_Sorv., ubicato presso il locale tecnico, saranno posate le linee di alimentazione in continuità assoluta e di forza motrice. La distinzione tra le due reti avverrà utilizzando le seguenti tipologie di prese distinte: presa tipo Schuko 2x16A+T(laterale) con cavo N07V-K, rete C.A; presa universale bi-passo 2x10/16A + T (centrale) con cavo N07V-K, rete F.M. Le utenze sotto continuità assoluta dovranno essere opportunamente etichettate. L altezza minima delle prese di distribuzione secondaria dovrà essere di 175 mm dal piano pavimento, in particolare sono previste n.2 prese 2x10/16A +T per i servizi di pulizia e/o manutenzione. Gli armadi Trasmissione Dati in rack 19 (TD) saranno alimentati ciascuno da n.2 circuiti di alimentazione distinti a partire dal quadro elettrico Q.Sorv. Le utenze relative alle alimentazioni delle telecamere a partire dal Q.Sorv e gli armadi TD saranno alimentati sotto Continuità Assoluta (CA) mediante UPS posizionato nel locale tecnico Illuminazione L impianto di illuminazione dovrà essere suddiviso in illuminazione normale ed illuminazione di sicurezza. Particolare attenzione dovrà essere dedicata per garantire l illuminazione di sicurezza; In particolare l impianto di illuminazione di sicurezza dovrà essere realizzato utilizzando un sistema con gruppi autonomi di continuità collegati con gli apparecchi illuminanti e posizionati sulle uscite. I gruppi autonomi di continuità dovranno essere alimentati in tampone dalla rete e dovranno essere in grado di garantire il funzionamento delle luci di sicurezza e di emergenza per oltre 1 ora. Tale soluzione garantisce un livello di illuminamento sulle vie di esodo e sulle uscite di sicurezza, superiore ai 5 lux. Gli apparecchi illuminanti dovranno essere forniti completi di lampade, reattori, starter, condensatori di rifasamento, fusibile di protezione, portalampade, morsetti arrivo linea ed accessori. 12

14 In particolare devono essere previsti apparecchi illuminanti da controsoffitto a lampada fluorescente con reattore elettronico Impianto di rivelazione fumi L impianto sarà costituito da: Centrale autonoma di rivelazione incendi installata nello stesso locale tecnico; n 1 rivelatore ottico installato in vista sul soffitto del locale tecnico; n 1 rivelatore ottico sopra controsoffitto con ripetitore ottico di visualizzazione montato sotto il controsoffitto sulla verticale del rivelatore (ove montato il controsoffitto); n 1 rivelatore ottico installato sotto il pavimento flottante con ripetitore ottico installato a battiscopa in prossimità del rivelatore sottopavimento; n 1 targa ottico acustica installata all uscita dell area tecnica; n 1 pulsante manuale di allarme installato in vista nel locale tecnico. La centrale dovrà essere dotata delle opportune uscite digitali per la remotizzazione degli allarmi sul sistema di videocontrollo Impianto di controllo accessi - antintrusione Nel locale Tecnico dovrà essere installata una centralina di controllo accessi allarme antintrusione. La centralina dovrà visualizzare: - segnali di allarme antintrusione provenienti da rivelatori a contatto magnetico o volumetrici a protezione di ambienti di stazione oltre che relativamente al locale tecnico; - segnali di allarme/malfunzionamento della periferica di accesso tramite badge al locale tecnico. La centralina sarà dotata di display per identificare la periferica in allarme, uscite digitali per la remotizzazione degli allarmi, uscite relè. La centralina sarà alimentata sotto continuità assoluta. L impianto di controllo accessi al locale tecnico sarà di tipo stand alone costituito dai seguenti elementi: terminale con incorporata l antenna lettore di prossimità; n.1 relè 24V 500mA per attuazione varco; alimentazione 12Vcc da linea dedicata di continuità a partire dal quadro Q_Sorv; installazione su scatola 503; 13

15 fornitura di badge (con numeri memorizzati) con logo (FS - Polfer) e scritte a colori indicate dalla D.L Opere di condizionamento Il locale tecnico dovrà essere condizionato in modo ridondante e mantenuto ad una temperatura costante non superiore ai 20 C. L impianto si avvarrà di n.2 condizionatori autonomi, costituiti ciascuno da un unità interna ed un unità esterna, ognuna con potenza nominale resa (raffr./risc.): 5,0/6,3 kw. Le unità interne saranno installate nel locale tecnico a parete ad una altezza minima di 2,5 m. È inoltre onere dell Appaltatore eseguire tutte le opere accessorie necessarie per il convogliamento degli scarichi della condensa provenienti dalle unità interne verso i collettori di scarico più vicini esistenti; tali lavori sono compresi e compensati nell importo a corpo. L alimentazione elettrica di ogni unità esterna sarà tratta da due circuiti separati dedicati in partenza dalla sezione forza motrice del quadro elettrico Q_Sorv. 6. Antintrusione Il sistema è costituito da una serie di dispositivi modulari ad intelligenza distribuita che utilizza una singola rete dati, su doppino, basata sulla tecnologia Lan. La topologia della rete sarà completamente libera ( bus, stella ecc.) in modo da dare la massima libertà di configurazione ed implementazione per future periferiche. Le porte da controllare con il sistema antintrusione-controllo accessi sono indicate negli elaborati grafici allegati al progetto (vedi tav. Disposizione planimetrica telecamere e principali interventi ). I segnali di allarme proverranno da contatti magnetici applicati alle porte di aree e locali sensibili della stazione. La centralina sarà dotata di SW di gestione degli eventi, display per identificare la periferica in allarme, uscite digitali per la remotizzazione degli allarmi, uscite relè. La centralina sarà dotata anche di scrittore per tessere. La centralina sarà alimentata sotto continuità assoluta. I segnali di allarme e di stato dovranno essere riportati sui monitor di visualizzazione dell impianto di videocontrollo. 7. Cavidotti 14

16 L indicazione delle vie cavo presso la stazione ferroviaria è riportata nella tavola grafica relativa. La tipologia dei cavidotti è funzione della zona della stazione in cui è installato l impianto (area binari, zona tornelli, atrio, corridoi, scale d accesso ai corridoi e piano terra), dell altezza media di installazione e della presenza o meno di controsoffittature. La fattibilità delle soluzioni proposte nelle tavole grafiche potrà essere rivista ed ottimizzata concordemente con DL all atto del Progetto Costruttivo. Sarà inoltre onere dell impresa adottare ulteriori soluzioni con lo scopo di eliminare ogni impatto visivo. A tal proposito, con tale obiettivo, a discrezione DL, le vie cavo e scatole di derivazione, ove non prevista l esecuzione di fodere di mascheramento, potranno essere opportunamente verniciate con colorazioni a scelta della DL. Il locale tecnico, posizionato al piano terra al di sotto del piano del ferro è da considerarsi il punto di partenza/arrivo delle vie cavo che collegheranno gli apparati di campo ai sistemi di gestione installati nel locale tecnico. Gli apparati dislocati nell area binari saranno posizionati nelle banchine di servizio installati sulle parti laterali ad adeguata altezza in maniera da inquadrare anche la zona delle banchine utilizzate dai viaggiatori. I cavi di collegamento di tali apparati passeranno all interno di canalette in PVC posate a parete. Tali cavi dovranno, come detto essere ricondotti al locale tecnico e quindi dovranno essere portati al piano inferiore. Ciò potrà essere possibile effettuando un apertura nella pavimentazione nel punto indicato nella tavola allegata alla presente e facendo passare i cavi all interno di una colonna montante in PVC. Infine, i cavi raggiungeranno il locale tecnico passando all interno di canalizzazioni in PVC posate nel controsoffitto esistente. L esecuzione dei passaggi cavo comporterà la necessità di rimuovere e successivamente ripristinare controsoffitti esistenti. Tra gli oneri derivanti dalla rimozione del controsoffitto sono compresi: i ponteggi di lavoro; lo scollegamento e/o rimozione di eventuali apparati esistenti, con loro successivo collegamento mediante opere provvisionali, in modo da garantire la sicurezza degli ambienti; il fissaggio dell'impiantistica esistente ora eventualmente posata in modo precario; la pulizia dei singoli pannelli; lo stoccaggio provvisorio in luogo predisposto dall'impresa. Il rimontaggio del controsoffitto dovrà avvenire a lavorazione impiantistica conclusa e dovrà comprendere la modifica o integrazione della struttura di fissaggio secondo le nuove esigenze, la sostituzione dei pannelli danneggiati durante le operazioni di rimozione, la rimessa in ordine delle cornici di sostegno e/o laterali, integrando quelle mancanti ed il ripristino degli apparati scollegati o rimossi. Gli apparati posizionati a parete nella zona dell atrio principale di stazione saranno collegati al locale tecnico utilizzando gli stessi percorsi degli apparati installati nell area binari laddove è possibile. Ove non sarà possibile, invece, dovranno essere posati a parete nella zona del piano a livello del ferro ulteriori cavidotti in PVC. I cavidotti non dovranno essere installati sopra le insegne degli esercizi commerciali ma in appositi cunicoli indicati dalla DL in maniera da non 15

17 interferire durante le lavorazioni con le attività commerciali. Per giungere al piano inferiore si prevede di utilizzare l apertura praticata attraverso la pavimentazione di cui si è detto in precedenza. Le telecamere posizionate sopra il gabbiotto della postazione di gestione dei tornelli passeranno entro la pavimentazione che oltrepasseranno sino ad arrivare nel controsoffitto del piano inferiore all interno del quale proseguiranno sino all arrivo nel locale tecnico attraverso un foro realizzato al di sotto di esso. I cavi degli apparati installati lungo i corridoi/percorsi pedonali e scale di accesso a tali corridoi dovranno passare all interno del controsoffitto esistente al piano a livello del ferro sfruttando l apertura a pavimento di cui si è detto per poter proseguire fino al locale tecnico all interno del controsoffitto del piano terra. I cavi delle telecamere installate all interno del fabbricato al piano terra passeranno all interno del controsoffitto esistente in cavidotti in PVC. Per quanto riguarda, invece, i cavi delle telecamere installate all esterno del fabbricato, essi dovranno passare in cavidotti in acciaio zincato a caldo fino ad arrivare all interno del fabbricato dove poi proseguiranno in cavidotti in PVC posati nel controsoffitto. Infine, i cavi delle telecamere installate a controllo del parcheggio, posizionate su palina, passeranno all interno della palina stessa e raggiungeranno il fabbricato sottotraccia a pavimento tramite canalizzazioni esistenti all interno di tubazione in PVC. In prossimità del fabbricato i cavi passeranno in canalina in acciaio zincato posata su parete sino ad un altezza tale da consentire, forando la parete, di inserire i cavi all interno del controsoffitto del piano terra del fabbricato. Ai piedi della palina si deve prevedere la realizzazione di un pozzetto di derivazione con chiusino in cls carrabile. L appaltatore dovrà aver cura di ripristinare le pavimentazioni, murature, solai e quanto altro demolito durante le operazioni di esecuzione dei passaggi cavo. I canali portacavi metallici non dovranno mai essere utilizzati come conduttore di protezione; per garantire la protezione contro i contatti indiretti dovranno assicurare la continuità elettrica ed essere collegati all impianto di equipotenzialità. 8. Assistenza muraria Sono previste opere di assistenza muraria per l installazione dei cavidotti a servizio dell impianto di videosorveglianza. Tali opere possono essere indicativamente descritte come di seguito: apertura e richiusura di asole per permettere il passaggio degli impianti; apertura e chiusura di tracce per il posizionamento di cavidotti a parete o a pavimento con ripristino dei rivestimenti e delle pavimentazioni preesistenti; fissaggio di staffe o mensole a soffitto o parete con tasselli o in malta cementizia con ripristino delle murature; 16

18 basamenti per quadri o simili; ripristino delle compartimentazioni utilizzando appositi sacchetti frangifiamma; esecuzione di rifodere per nascondere il passaggio delle vie cavo nei tratti in vista; esecuzione di fori di attraversamento solai in calcestruzzo armato; esecuzione di scavi con ripristino dei tratti di pavimentazione rimossa. Tali opere dovranno essere coordinate con il committente e concordate con la D.L. 9. Alimentazione elettrica L impianto di videosorveglianza a servizio della stazione, alimentato da una linea proveniente dal Quadro Generale BT RFI sito nella cabina elettrica di stazione, è costituito dai seguenti elementi principali: Alimentazione da Q. Generale RFI quadro elettrico; linee di alimentazione; impianto di terra (su sistema di distribuzione di tipo TNS). 9.1 Alimentazione dal quadro generale L impianto trarrà origine dal Quadro RFI di bassa tensione situato nella cabina elettrica di stazione sita al piano terra del fabbricato viaggiatori. Nel quadro generale si installerà un interruttore magnetotermico differenziale a servizio del sistema di security. Da tale interruttore generale verrà derivata una linea in cavo RG10M1 di adeguata sezione fino al quadro Q. SORV ubicato nel locale tecnico. 9.2 Quadro elettrico Q_sorv Tutte le linee di alimentazione elettrica dedicate all impianto di videosorveglianza trarranno origine dal quadro elettrico Q_Sorv. Il quadro elettrico Q_Sorv sarà costituito dai seguenti elementi: interruttore generale di tipo modulare differenziale puro, con caratteristica di intervento di tipo selettivo cronometrico ed amperometrico rispetto agli interruttori a protezione delle linee derivate e coordinato con la protezione a monte; 17

19 sezione luce costituita dalle linee di uscita dedicate rispettivamente all illuminazione generale e di sicurezza del locale tecnico, protette da interruttori magnetotermici differenziali modulari; sezione forza motrice costituita dalle linee dedicate alle unità esterne di condizionamento, alle prese di forza motrice interne al locale tecnico e da n.1 linea per l alimentazione del gruppo di continuità assoluta (UPS); tali linee, analogamente alla sezione luce, saranno protette da interruttori magnetotermici differenziali modulari; sezione continuità assoluta costituita dalle linee in uscita dedicate all alimentazione degli apparati in campo (telecamere fisse e dome) degli apparati di videoregistrazione e gestione video installate all interno degli armadi rack 19, da n.1 linea per l alimentazione della centrale impianto controllo accessi, da n.1 linea per il sistema di rivelazione fumi e da n. 1 linea per l alimentazione del DXC (converter) da installare nel locale GSM- R. Anche in questo caso la relativa protezione sarà effettuata mediante interruttori magnetotermici differenziali modulari. Tale sezione verrà normalmente alimentata mediante UPS di potenza nominale pari a 5 10 kva ed autonomia 30 min. Il quadro Q_Sorv sarà dotato di un apposito commutatore in modo tale da consentire la commutazione della sezione continuità assoluta sulla sezione forza motrice in caso di guasto oppure manutenzione dell UPS, e di tutti gli accessori per consentire l attestazione delle linee elettriche in partenza. È prevista inoltre l installazione di un apposito scaricatore di sovratensioni in corrispondenza dell ingresso della linea di alimentazione del Q.Sorv a partire dalla fornitura RFI, in modo tale da evitare l ingresso di sovratensioni di tipo indotto sulle varie linee in partenza. Gli interruttori magnetotermici differenziali modulari da installare a protezione delle linee di alimentazione degli apparati in campo (telecamere fisse e dome) saranno in totale in numero di 10. Ciascuno dei 10 interruttori sarà collegato tramite cavi di adeguata sezione ad una morsettiera a 12 spine sulla quale si attesteranno i cavi di alimentazione provenienti dagli apparati di campo. Il gruppo UPS dovrà avere le seguenti caratteristiche tecniche: tensione di alimentazione in ingresso: trifase 400 V c.a.; tensione di uscita: trifase 400 V.c.a.; autonomia: 6 h; conversione on-line; commutazione istantanea; interfaccia di collegamento con la rete LAN per dialogo con dispositivi quali PC, server, apparati di memorizzazione, ecc., al fine di consentire la comunicazione con una postazione di controllo remota, e di effettuare automaticamente le operazioni di chiusura delle sessioni operative in corso e di spegnimento delle apparecchiature informatiche alimentate dal suddetto UPS. Questa funzionalità dovrà essere disponibile con qualsiasi 18

20 tipo di sistema operativo collegato (LINUX, NOVELL, MICROSOFT, ecc.). Potenza nominale : 4,5 kva a secondo delle esigenze installative con riserva minima del 20% sulla potenza installata sotto c.a. L UPS sarà installato nel locale tecnico, in posizione prossima al quadro elettrico Q.Sorv. 9.3 Linee di dorsale in derivazione dal quadro Q_sorv Dal quadro elettrico Q_Sorv di cui al punto precedente partiranno i circuiti per l alimentazione in continuità assoluta delle telecamere e degli apparati di gestione del sistema di tornelli. L alimentazione di ogni apparato in campo avverrà a 230V c.a. a partire da Q_sorv in cavo di tipo FG7OM1 0,6/1 KV 2x2,5 mmq a bassa emissione di fumi e gas tossici, posato su cavidotti costituiti da canali o da tubi in vista o sottotraccia, a seconda delle situazioni in campo. Nel caso di percorsi interrati, le derivazioni dalle linee dorsali avverranno entro pozzetti dedicati, utilizzando morsetti a giunzione stagna in gel. Dovrà essere garantito il mantenimento dello stesso grado di isolamento elettrico del cavo di dorsale anche in corrispondenza di tali giunzioni. Nel caso di percorsi a soffitto oppure a parete, le derivazioni dalle linee principali saranno effettuate mediante morsetti entro cassette in materiale isolante o metallico. Le linee terminali di derivazione dalla linea dorsale fino all apparato in campo saranno realizzate principalmente con: cavo di tipo N07V-K, di formazione 3x1x 1,5+2,5 T mmq nel caso di tubazioni terminali in PVC; cavo di tipo FG7OM1 3x1,5+2,5T nel caso di tubazioni terminali di tipo metallico. 9.4 Impianto di terra e di equipotenzializzazione Tutti gli apparati di campo (custodie, staffe, telecamere, tornelli etc.) ed i cavidotti metallici (canali, tubi, cassette, etc.) saranno collegati al conduttore di protezione (cavo N07V-K 1x6mmq) della relativa linea di alimentazione in partenza dal quadro elettrico Q_Sorv. I cavi si attesteranno alla barra di terra del Q_Sorv. Nel locale tecnico dovrà essere installato un nodo equipotenziale costituito da una barretta di rame montata in opportuna cassetta con coperchio trasparente con sopra identificati tutti i collegamenti equipotenziali in entrata (PE, masse e masse estranee) ed in uscita ( verso il collettore principale). Dal suddetto nodo posto in prossimità del quadro Q.Sorv (al quale si attestano i conduttori di protezione delle varie linee in partenza, le masse metalliche del locale e le parti metalliche del quadro stesso) partirà un conduttore di terra, 19

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano.

DUE FILI PLUS. Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. DUE FILI PLUS Con Due Fili Plus la videocitofonia può arrivare molto lontano. Abbiamo aumentato le performance, le distanze, le possibilità di dialogo. Da oggi con la nuova tecnologia Due Fili Plus si

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO AREA VIABILITÀ Servizio Esercizio Viabilità www.provincia.torino.it INTERVENTI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI, ELETTROMECCANICI, TECNOLOGICI E DI ILLUMINAZIONE DI

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti

Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti Mobilità elettrica: sistemi di ricarica e componenti Italia Tipo 2 con e senza shutter. Solo da MENNEKES. Colonnine di ricarica, stazioni di ricarica a parete e Home Charger con tipo 2 e shutter: Tutto

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli