CAPITOLATO TECNICO COMUNE DI AVELLINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO COMUNE DI AVELLINO"

Transcript

1 COMUNE DI AVELLINO PROCEDURA APERTA PER L ALLESTIMENTO DI CENTRI TECNOLOGICI PER LIBERA CONSULTAZIONE DI SERVIZI TELEMATICI E SVILUPPO INTEGRATO DI SERVIZI INFORMATIVI E FORMATIVI IN MODALITA E-LEARNING PER I CITTADINI. CAPITOLATO TECNICO IL R.U.P. Dott. Ugo Andreotti

2 TU1.UT TUObiettiviUT TU2.UT TUArticolazione TU4.UT TU5.UT TU6.UT TUVariazioni T 7 T 8 T 9 T 10- T 12 CAPITOLATO TECNICO INDICE...3 del progettout...3 TU3.1 I Centri di Accesso (CdA)UT...3 TU3.1.1 Postazioni di lavorout...4 TU3.1.2 Cablaggio strutturatout...5 TU3.1.3 Apparecchiature di reteut...6 TU3.1.4 PerifericheUT...7 TU3.1.5 Videoproiezione e produzione multimedialeut...8 TU3.1.6 Arredi e varieut...9 TU3.1.7 Riepilogo delle apparecchiature e dei servizi previsti per i centri di accessout...10 TU3.2 Il portale dei servizi formativi (PSF)UT TU3.2.1 Infrastruttura HW/SW per il portaleut...12 TU3.2.2 Caratteristiche del PSFUT...13 TU3.2.3 Architettura del portaleut...14 TU3.2.4 Specifiche del PortaleUT...15 TU3.3 Il Portale Laboratorio digitale UT...18 TU3.3.1 Servizi del Portale Laboratorio digitale UT...18 TU3.4 Comunicazione e promozioneut...19 TUDocumentazione di ProgettoUT...20 TUCollaudoUT...20 e sospensioni del serviziout Cauzione e contrattot Modalità di pagamentot PenaliT...21 Risoluzione del contrattot...21 T11 - RiservatezzaT Foro competentet...22 T13 - Norme finalit...22 Comune di Avellino 2/22

3 Premessa La Regione Campania ha approvato con decreto dirigenziale n. 309 del 04/07/2007 il progetto del Comune di Avellino per il Superamento del Digital Divide. Oggetto della fornitura è l allestimento di centri tecnologici per libera consultazione di servizi telematici e sviluppo integrato di servizi informativi e formativi in modalità e-learning per i cittadini. 1. Obiettivi Gli strumenti e le azioni individuate come prioritarie per il raggiungimento dei suddetti obiettivi sono in sintesi: Allestimento di 7 (sette) Centri di Accesso ad internet adeguatamente allestiti, con postazione per consentire connessioni alla rete e dotazioni tecnologiche avanzate, due dei quali utilizzabili anche da cittadini diversamente abili, comprensive di PC, collegati in rete, stampanti, scanner, webcam, ecc. Realizzazione di un portale dei servizi al cittadino, dove poter usufruire di servizi formativi, in modalità e-learning, ed informativi, con la disponibilità di servizi per la creazione di virtual community, lo scambio di buone prassi, la cooperazione e collaborazione in rete. 2. Articolazione del progetto Il progetto nel perseguire i suoi obiettivi per il superamento del Digital Divide si articola in quattro sezioni: Centri di Accesso (CdA nel prosieguo) Portale dei Servizi Formativi (PSF) Portale Laboratorio Digitale (PLD) Piano di Comunicazione e Promozione (PCP) Di seguito si riporta una descrizione relativa a ciascuna sezione. 3.1 I Centri di Accesso (CdA) Per ciascuna delle sette Circoscrizioni del Comune di Avellino sarà realizzato, nei relativi locali già utilizzati dalle Circoscrizioni stesse, un Centro di Accesso (CdA) che consentirà a tutti i cittadini l accesso gratuito alle enormi potenzialità messe a disposizione dall ICT. In due di questi sette centri una particolare attenzione sarà posta verso l accessibilità, garantendo la possibilità della piena fruizione Comune di Avellino 3/22

4 delle apparecchiature anche alle persone diversamente abili. Nel prosieguo si farà riferimento a questi centri con il termine CdA b. I CdA che si intende realizzare saranno, in linea generale, basati su sistemi di elaborazione di categoria Personal Computer, connessi in LAN tramite Ethernet e in WAN tramite ADSL, grazie al cablaggio strutturato ed agli apparati di rete previsti, dotati di stampanti di rete condivise fra i diversi elaboratori, in tecnologia laser, in bianco e nero e a colori di formato A3 e A4. Nei Centri saranno inoltre disponibili sistemi per la videoproiezione e la produzione multimediale Postazioni di lavoro In ogni Centro saranno realizzate sei postazioni multimediali ospitate su un opportuna stazione di lavoro costituita da una scrivania e due sedie operative. La postazione sarà costituita da un Personal Computer di ultima generazione e di primaria marca costruttrice le cui caratteristiche salienti sono di seguito evidenziate: UNITA CENTRALE e Software Processore Dual Core Memoria 4GB SDRAM DDR2 Disco Rigido 2 x 320 GB SATA 7200 rpm DVD Writer DVD±RW (±R DL) / DVD-RAM - SATA Scheda Video PCI Express x MB dedicate USB 4 porte USB 2.0 (2 frontali); Interfaccia di rete Ethernet 10/100 FireWire 2 porte FireWire-IEEE (1 frontale) Tastiera Wireless Mouse Ottico Lettore Smart Card Si Lettore Memory Card Si Sistema operativo Windows Vista Pacchetto Office Microsoft Office 2007 Antivirus Si Content filtering Si Monitor Monitor LCD Widescreen da 19 Tempo di risposta di 5 ms (rise + fall) aggiornamento Luminosità dello 300 cd/m2 (tipico) schermo Livello di contrasto 1000:1 (tipico) Angolo di visuale del 160 gradi in orizzontale e 160 gradi in verticale display Altoparlanti Altoparlanti attivi integrati (2 x 2W/canale) con controllo frontale del volume Comune di Avellino 4/22

5 Tecnologia Potenza Tempo di trasferimento Autonomia Operativa Prese d'uscita Software Cavetteria UPS Off Line 1250 VA < 10 ms > 10 minuti Quattro Per lo shutdown in automatico Per il collegamento al PC Kit Videoconferenza (Web Cam + Cuffia + Microfono) Sensore 1.3 Megapixel reali Connessione USB 2.0 Certificazione Skype Cuffie Si Microfono Con tecnologia per la rimozione del rumore di fondo Software Software di registrazione Tramite l adattatore di rete il sistema potrà accedere alle risorse disponibili sulla rete locale (ad esempio le varie stampanti) ai servizi resi disponibili dal presente progetto (ad esempio quelli di e- learning) e più in generale ad Internet. Alcune delle postazioni dislocate nei CdAb saranno integrate da un opportuno kit per le diverse abilità Cablaggio strutturato Nei locali dei Centri di Accesso sarà realizzato un cablaggio dati di tipo stellare i cui principali elementi costitutivi sono: Terminazione d Utente che permette l accesso al mezzo trasmissivo agli utenti finali Distribuzione Orizzontale costituita dai collegamenti tra le terminazioni d utente ed il nodo di concentrazione detto Nodo di Piano Nodo di Piano che costituisce il punto di concentrazione della Distribuzione Orizzontale Il Nodo di Piano sarà ospitato in un armadio rack 19 nel quale si installeranno i permutatori rame RJ45 per la Distribuzione Orizzontale, ed integrato degli opportuni cavetti di permutazione per la connessione degli apparati di rete. Dovranno essere realizzate 12 Terminazione d utente a doppio frutto per un totale quindi di 24 punti di accesso alla rete. L intero cablaggio dovrà essere realizzato e certificato in categoria 6. Comune di Avellino 5/22

6 3.1.3 Apparecchiature di rete La rete locale prevista sarà di tipo switched Ethernet con uno switch di accesso layer 4. Lo switch avrà 24 porte, 10 Base-T /100 Base-TX, con interfaccia RJ45, e sarà collegato ad un router ADSL che consentirà l accesso alla WAN. I due apparati saranno in configurazione rackable ed installati nella stesso rack che ospita il Nodo di Piano previsto dal cablaggio strutturato. Il router ADSL dovrà essere un apparato che integri anche le funzionalità di Access Point Wi-Fi al fine di consentire il collegamento, a computer dotati di tale tecnologia e nel rispetto di opportune politiche di sicurezza, alla LAN ed a Internet. Tale router dovrà inoltre prevedere funzionalità Firewall di tipo Stateful Packet Inspection. In dettaglio: Numero di porte Velocità di trasferimento Data Link Protocol Porte ausialiari di rete) Protocollo di gestione remota Modalità di comunicazione Caratteristiche Dimensione della tabella degli indirizzi MAC Metodo di autenticazione Switch di accesso 24 x Ethernet 10Base-T, Ethernet 100Base-TX 100 Mbps Ethernet, Fast Ethernet 2x10/100/1000Base-T(uplink SNMP 1, RMON, Telnet, SNMP 3, SNMP 2c Half-duplex, full-duplex Layer 4 switching, Layer 3 switching, Layer 2 switching, IGMP snooping 8000 voci Secure Shell v.2 (SSH2) Firewall Router ADSL + Wi-Fi LAN Swich 4 porte 10/100 BaseT WAN ADSL (ADSL2/ADSL2+ Annex A and Annex M) WLAN b/g con selezione automatica della velocità Caratteristiche di RIPv1, RIPv2,L2TP,PAT, PPPoE, STP, DHCP, ACLs routing Sicurezza Stateful Inspection Firewall, 802.1, Secure HTTP (HTTPS), FTP, e Telnet authentication proxies, VPN Tunnels, Advanced Application Inspection and Control, Inspection Engine,HTTP Inspection Engine, System Logging Sicurezza WLAN 802.1, i, WPA, WPA2, Static and dynamic WEP, MAC authentication/filter, Configurazione del limite dei client wireless Dovrà inoltre essere dettagliato che tipo di firewall verrà installato per ogni centro. Comune di Avellino 6/22

7 3.1.4 Periferiche Si prevede l acquisizione di tre stampanti di rete (A4 B/N, A4 colore, A3) e di uno scanner piano. La stampante A4 B/N sarà in tecnologia laser, mirata per gruppi di lavoro di piccole dimensioni e dotata di interfaccia USB e porta di rete Ethernet. La stampante A4 Colore sarà in tecnologia laser, mirata per gruppi di lavoro di piccole dimensioni e dotata di interfaccia USB e porta di rete Ethernet. La stampante A3 sarà in tecnologia inkjet, mirata per gruppi di lavoro di piccole dimensioni e dotata di interfaccia USB e porta di rete Ethernet. Inoltre si prevede l acquisto di uno Scanner Piano A4 con risoluzione ottica di 1200x1200, profondità di scansione 48 bit ed interfaccia USB e Ethernet. Per i CdAb è prevista l acquisizione di una stampante Braille. In dettaglio: Stampante laser A4 B/N Fronte Retro Tecnologia di stampa Laser in bianco e nero Velocità di stampa Fino a 26 ppm Qualità di stampa Fino a 1200 x 1200 dpi Ciclo operativo Fino a mensile Stampa fronte retro Si (Automatico) Capacità massima di 500 input (fogli) Capacità massima di Fino a 150 output (fogli) Memoria 32 MB standard espandibile a Linguaggi PCL, Postscript Interfacce USB 2.0 Server di stampa integrato Fast Ethernet Stampante laser A4 Colori Fronte Retro Tecnologia di stampa Laser a colori Velocità di stampa in Fino a 12 ppm bianco e nero Velocità di stampa a Fino a 10 ppm colori Qualità di stampa Fino a 600 x 600 dpi Ciclo operativo Fino a mensile Stampa fronte retro Si (Automatico) Capacità massima di 500 input (fogli) Capacità massima di Fino a 150 output (fogli) Memoria 64 MB standard espandibili Comune di Avellino 7/22

8 Linguaggi PCL, Postscript Interfacce USB 2.0 Server di stampa integrato Fast Ethernet Stampante inkjet A3 Colori Tecnologia di stampa Getto di inchiostro Qualità di stampa Fotografica a colori Risoluzione fino a 5760x1440 dpi su supporti speciali Formato carta A3+, A3, A4, A5, A6, Letter, Legal, B5, Postcard Margini di stampa 0 mm superiore, sinistro, destro e inferiore Interfacce USB 2.0 Interfaccia IEEE-1394 Server di stampa Fast Ethernet anche fornito separatamente Scanner piano A4 a colori Tecnologia di stampa Getto di inchiostro Risoluzione ottica 1200x1200 dpi dello scanner piano Profondità dei 48 bit/16 bit pixel/livelli di grigio alimentatore 50 fogli automatico di documenti Interfacce USB 2.0 Scheda di rete Ethernet Videoproiezione e produzione multimediale Nel Centro di Accesso saranno disponibili alcuni sistemi per la videoproiezione e per la produzione di supporti multimediali. In dettaglio si avrà un televisore LCD 40 Full HD Ready il quale risulterà collegato ad un decoder satellitare ed eventualmente, mediante idonea apparecchiatura, alle postazioni di lavoro in modo da poter proiettare su di esse l output proveniente dai vari Personal Computer.. Sarà necessario anche un Kit per la registrazione e archiviazione di produzione multimediale ed eventualmente dare la possibilità di consultarlo in internet/intranet. Saranno inoltre disponibili un masterizzatore DVD dotato di disco rigido ed un videoregistratore per la registrazione e riproduzione su supporti VHS. In dettaglio: Televisore LCD 40 Full HD Dimensioni schermo 40 Formato 16:9 Sintonizzatore TV Si Decoder digitale Si terrestre integrato Full HD Si Comune di Avellino 8/22

9 Risoluzione in Pixel 1920x1080 Interfaccia HDMI Si (3) Ingresso S-Video Si Ingresso video Si composito Scart 2 Si (2) Connessione PC VGA Si Eventualmente integrata da uno switch video per la connessione dei 6 personal computer Ingresso video Si component Uscita cuffie Si Altoparlanti Si incorporati DVD Recorder con hard disk Dimensioni schermo 40 Formato audio/video MP3, DivX, VCD, WMA, SVCD Supporti registrazione DVD+R, DVD+RW, DVD-R, DVD-RAM, DVD-RW, HDD Playable media DVD-R, DVD-RW, DVD+R, DVD+RW, CD-R, CD-RW, CD, DVD-RAM Capacità Hard Disk 250 GB Formato di ricezione NTSC, PAL Collegamenti A/V SCART, S-Video, Coassiale Digitale, Component Video, RCA, HDMI Connettività USB, DV Videoregistratore VHS Sistema video VHS Numero di testine 6 Stereo Si Scart 2 Sintonizzatore Si Collegamento A/V Frontale Show View Si OSD Si Arredi e varie Per la corretta funzionalità dei Centri di Accesso si renderà necessario l acquisizione di arredi quali armadi, scaffali, tavoli porta stampante, oltre ovviamente alle scrivanie e sedie di cui si è fatto riferimento nella descrizione delle postazioni. Per ciascun CdA si prevede dunque la fornitura di 6 scrivanie operative, 12 sedie operative, 2 armadi e 3 tavoli portastampante/scanner. Dovranno inoltre essere forniti tutti i materiali consumabili di cui si possa ipotizzare l impiego durante la fase di start-up delle strutture. Comune di Avellino 9/22

10 Inoltre dovranno essere fornite tutte le attività di supporto e affiancamento iniziale per i tutor che dovranno garantire l assistenza nei suddetti Centri. Per i CdA b è prevista l acquisizione di un opportuno kit di accessori per disabili motori Riepilogo delle apparecchiature e dei servizi previsti per i centri di accesso Nella seguente tabella sono riepilogate le apparecchiature ed i servizi di cui si prevede l acquisto per ogni Centro di Accesso. Nel campo Note la dicitura CdA b indica che l acquisto è previsto solo per i Centri equipaggiati per il supporto delle diverse abilità. Apparecchiature/Servizi Categoria Qt. Note Unità centrale e software Postazioni di Lavoro 6 Monitor Postazioni di Lavoro 6 UPS Postazioni di Lavoro 6 Kit videoconferenza WEBcam + cuffia +microfono Postazioni di Lavoro 6 Kit postazioni per disabili Postazioni di Lavoro 2 CdA b Realizzazione della rete dati per la connessione delle Cablaggio Strutturato A postazioni di lavoro e delle periferiche di rete in categoria corpo 6 per un totale di 24 punnti di accesso Switch di Accesso Apparecchiature di rete 1 Router ADSL +Wi-Fi Apparecchiature di rete 1 Firewall Apparato di rete 1 Stampante A4 B/N Periferiche 1 Stampante A4 Colore Periferiche 1 Stampante A3 Colore Periferiche 1 Scanner piano A4 a colori Periferiche 1 Stampante Braille Periferiche 1 CdA b Televisore LCD 40 Full HD Decoder Satellitare Videoproiezione e produzione multimediale Videoproiezione e produzione 1 1 Comune di Avellino 10/22

11 multimediale DVD recorder con disco rigido Videoproiezione e produzione 1 multimediale Videoregistratore VHS Videoproiezione e produzione 1 multimediale Scrivanie Operative Arredi e Varie 6 Sedie Operative Arredi e Varie 12 Armadi Arredi e Varie 2 Tavoli portastampante Arredi e Varie 3 Consumabili per fase di startup Arredi e Varie a corpo Affiancamento iniziale tutor Arredi e Varie a corpo Kit di accessori per disabili motori Arredi e Varie 1 CdA b 3.2 Il portale dei servizi formativi (PSF) Una delle caratteristiche del progetto è quella di integrare la realizzazione dei Centri di Accesso con la realizzazione di un portale per l erogazione di servizi formativi mediante i quali i cittadini, accedendo ai CdA, potranno fruire di una serie di corsi di particolare interesse per il mondo dell ICT (tali corsi sono anche essi oggetto della presente fornitura) al fine di fornire ulteriori stimoli per il superamento del gap di conoscenze sulle tecnologie digitali che ancora oggi affligge larghe fasce della popolazione, specie nel Mezzogiorno d Italia. Per la realizzazione del PSF si rende necessaria l acquisizione di un opportuna infrastruttura hardware e software di base che si ipotizza dislocare presso i locali che già ospitano il Centro di Elaborazione Dati del Comune di Avellino e sulla quale sarà configurato sia il Portale Formativo sia il Portale Laboratorio Digitale, di cui al paragrafo 3.3. Prima di passare all esamina delle peculiarità del portale, nel successivo sottoparagrafo si delineano le caratteristiche salienti di tale infrastruttura. Comune di Avellino 11/22

12 3.2.1 Infrastruttura HW/SW per il portale L infrastruttura deputata per ospitare il portale è un cluster a 2 nodi per ambienti Windows/Linux. Un cluster è costituito da un gruppo di elaboratori indipendenti che sono gestiti come se si trattasse di un sistema unico al fine di migliorarne disponibilità, facilità d'uso e scalabilità. Si tratta di un gruppo di sistemi, detti nodi che collaborano all'esecuzione di un insieme comune di applicazioni, fornendo al client e all applicazione l immagine di un unico sistema. Se un nodo cade, gli altri si fanno carico delle sue attività, pur continuando a svolgere le proprie specifiche funzioni. Un sistema cluster è progettato per evitare singoli punti di errore e ciò rende possibile un elevata disponibilità, uno dei principali vantaggi di tali sistemi. Le applicazioni possono essere distribuite su più computer, ottenendo un livello notevole di parallelismo e di ripristino dai guasti e una maggiore disponibilità. L'alta disponibilità è quindi ottenuta con una combinazione di hardware (componenti ed interconnessioni ridondate) e software (agent per il monitoraggio dello stato dei nodi e per l'innesco delle procedure automatiche di ripristino dei servizi) perciò le opportune interconnessioni fra i sistemi ed il software di clustering rendono possibile l impiego di funzioni di failover e di load balancing, operazioni che non possono essere eseguite con un computer autonomo. In generale sarà possibile incrementare la potenza di calcolo del cluster aggiungendo altri processori ai computer o altri computer al cluster garantendo adeguati livelli di scalabilità. Il cluster appare come una singola immagine di sistema agli utenti finali, alle applicazioni e alla rete, fornendo al contempo un punto di controllo unico agli amministratori, in remoto o localmente agevolando la gestibilità del sistema. Ciascun nodo è costituito da un sistema di elaborazione biprocessore equipaggiato con 2 processori di ultima generazione di tipo dual core e supporto 64 bit, memoria centrale di 8 GB, storage interno SAS costituito da 6 unità hot plug nelle quali siano presenti 6 dischi da 140 GB e pilotato da un controller in grado di supportare RAID La connettività di rete di connettività di rete assicurata da due porte 1000 T (Gigabit Ethernet), unità ottica costituita da un masterizzatore DVD+R/RW 8X, doppio controller per la connessione ridondata all unità di storage condivisa. L'unità di archiviazione di massa condivisa fra i due nodi è costituita da un sistema di storage RAID con tecnologia SCSI e supporto dei livelli RAID levels 0, 1, 1+0 5, con controller ridondati per la connessione ai due nodi del cluster. L unità dovrà avere almeno 12 slot per l installazione di hard disk hot plug e configurato con un numero di hard disk per una capacità pari a 2 TB. L alimentazione dell unità dovrà essere ridondata. Per le necessità di backup sia dei volumi che saranno configurati in locale sui due nodi, sia di quelli del sistema di storage condiviso, l apparecchiatura è integrata da un sistema di backup su nastro costituito Comune di Avellino 12/22

13 da un tape autoloader di adeguata capacità nativa (almeno 800 GB) che preferibilmente dovrebbe essere acceduta da tutti e due i nodi del cluster. Dovrà essere inoltre fornita un unità UPS di potenza adeguata a far fronte sia ad eventuali brevi interruzioni di alimentazione elettrica sia a provvedere al corretto spegnimento dei sistemi laddove l interruzione si protragga oltre un certo lasso di tempo. Le sopra menzionate apparecchiature dovranno essere installate in un rack 19 di adeguata capacità. Per ciascun nodo del cluster dovrà essere fornito ed installato il sistema operativo Windows 2003 Server e configurato il cluster Microsoft. Dovranno inoltre essere forniti i software per la gestione delle operazioni di backup sull unità a nastro e quelli per il corretto spegnimento delle apparecchiature in caso di interruzione di alimentazione elettrica. L offerta dovrà inoltre prevedere la fornitura degli eventuali software necessari per il funzionamento del portale (ad esempio il DBMS) Caratteristiche del PSF Il Portale previsto dal progetto pur avendo finalità di ritrovo virtuale dei cittadini e della comunità locale, avrà la sua caratterizzazione predominante nell essere strumento per il miglioramento del livello di conoscenza dei cittadini attraverso la fornitura di un infrastruttura di E-Learning che consenta di pubblicare percorsi formativi. Si tratterà di uno strumento semplice e completo che metterà a disposizione corsi formativi su tematiche di rilievo per il superamento del Digital Divide. Ad esempio, vi saranno corsi relativi ai principali moduli della ECDL (Patente Europea del Computer); corsi di introduzione all utilizzo dei principali sistemi operativi, quali Windows e Linux; corsi relativi ai principali linguaggi e tecnologie per la realizzazione di siti web. Nella sua applicazione più semplice il portale erogherà servizi di Formazione A Distanza FAD, mediante la pubblicazione di corsi di formazione relativamente alle aree tematiche individuate, ossia le Information and Communication Technologies. Ogni corso avrà associato materiale didattico, slides, documentazione varia, che l utente potrà scaricare dal portale. Inoltre il portale sarà dotato di un area video che consentirà agli utenti connessi di videocomunicare. Tale funzionalità potrà anche essere impiegata per fornire, all utente che ne farà richiesta, supporto online. Ogni qualvolta un utente ha bisogno di aiuto, potrà accedere alla specifica area per ricevere supporto da un tutor con il quale poter videocomunicare. Per accedere a tali funzionalità la postazione utente dovrà essere semplicemente dotata di un microfono e di una webcam. Comune di Avellino 13/22

14 Il PSF peraltro esibisce caratteristiche più avanzate e costituite da una piattaforma di e-learning, piattaforma web-oriented per l erogazione e la gestione di corsi di formazione on-line; spesso per indicare tali piattaforme si utilizza il termine LCMS Learning Content Management System. Utilizza le tecnologie Internet (web, streaming video etc.) per distribuire online contenuti didattici multimediali ed è caratterizzata dalla presenza di strumenti didattici interattivi Architettura del portale L architettura del Portale sarà multi-tier, evidenziando 3 livelli funzionali: Livello di Presentazione (presentation, front-end) ha un layout di riferimento univoco per tutta la FAD, ed è caratterizzato da 2 importanti funzionalità: Personalizzazione del layout Page/Educational Process Composer, ossia la possibilità di generare e modificare i layout con cui sono definiti ed utilizzati i metodi pedagogici a disposizione degli utenti della FAD. Queste funzionalità opportunamente miscelate permettono di generare tutti i template necessari per garantire a ogni utente autenticato di vedere solo ed esclusivamente gli oggetti che è autorizzato ed interessato a trattare. Livello LCMS (business logic, middleware) Il livello LMS Core Engine è caratterizzato da una serie di Servizi che garantiscono tutte le funzionalità di un LMS avanzato. A questo proposito questo livello è diviso in 4 servizi principali (quelli di tipo educational) e una serie di servizi di base: UAuthoring ServiceU: questo servizio permette, ad un utente autorizzato, la creazione, modifica, rimozione, organizzazione, gestione, indicizzazione e standardizzazione di Learning Objects. UContent ServiceU: questo servizio permette, ad un utente autorizzato, la ricerca, reperimento, caricamento/scaricamento, fruizione, organizzazione e gestione di LO. Tutto questo sarà effettuato tramite opportuni indici e database di appoggio, e sarà intimamente correlato al livello di backend. UCollaboration ServiceU: questo servizio deve permettere, ad un utente autorizzato, la comunicazione, condivisione, organizzazione e gestione di oggetti di tipo collaborativi (chat, forum, mailing list, ecc.). UMedia ServiceU: questo servizio permette, ad un utente autorizzato, la registrazione, diffusione, organizzazione e gestione di eventi live di tipo mediatico (audio/video streaming). Comune di Avellino 14/22

15 Livello Archivio LO (data, back-end) È caratterizzato da uno strato software che rende trasparente agli utenti e agli oggetti componenti la piattaforma, l effettiva dislocazione dei dati. In questo senso questo livello ha la possibilità di gestire in modo intelligente la eventuale distribuzione logica degli archivi di Learning Objects. Gli oggetti trattati da questo livello sono essenzialmente Shared LO, siano essi memorizzati e indicizzati su RDBMS, siano essi condivisi in Shared LO File Systems. Sulla conformità agli standard di indicizzazione e di packaging dei LO, si farà sempre riferimento alle specifiche di packaging standard Specifiche del Portale Di seguito si riporta una breve descrizione dei moduli che dovrebbero costituire la piattaforma FAD Front End Il front end dovrà comprendere: Un editor HTML testuale con controllo della sintassi. Un sistema che aderisce a standard di sharable content. Un sistema per la creazione, la gestione e l erogazione di test di valutazione ed auto valutazione on line. LCMS web services Gli LCMS web services gestiranno il colloquio tra front end e Learning Objects, il packaging di asset in Content Packages e Shareable Content Objects e il salvataggio e il recupero degli stessi dall Archivio Learning Objects. Archivio Learning Objects L archivio dei learning objects consisterà in un database object oriented realizzato appositamente, con mapping su server relazionale. Gestirà l archiviazione e l indicizzazione e il packaging secondo standard, gestendo in maniera trasparente l archiviazione fisica degli stessi. Profili utente I profili utente gestiranno le preferenze utente ed i privilegi di accesso alle singole risorse. Il tutto sarà gestito come albero estensibile di dati. Funzioni Docente Insegnamenti con skin relativo al corso di appartenenza. Comune di Avellino 15/22

16 a) Creazione / Modifica / cancellazione. b) Attribuzione privilegi ai discenti. c) Visualizzazione statistiche dei discenti. i. Accessi al sistema. ii. Learning Objects fruiti. iii. Estratto comunicazioni su forum e chat. iv. Attività su progetti specifici. d) Attivazione / Disattivazione funzioni tutte le funzioni di seguito riportate possono essere attivate o disattivate ad esclusiva discrezione del docente. e) Orario lezioni in aula. f) Date prove di verifica (se previsto test di valutazione). g) Eventi (seminari, etc.). h) Adesione a verifiche ed eventi. i) Strumenti di cooperazione asincrona (uno per ogni insegnamento con creazione di sottocategorie arbitrarie vincolate da privilegi di accesso. i. Forum ii. Repository documenti iii. Bacheca iv. Sistema integrato di interna v. Mailing list a gruppi j) Strumenti di cooperazione sincrona i. Chat ii. Video e-learning iii. Instant messaging k) Progetti i. Creazione / Modifica / Cancellazione ii. Gestione partecipanti (inserimento / Cancellazione) iii. Strumenti di collaborazione asincrona iv. Consegna elaborati parziali e definitivi mantenimenti di tutte le versioni inviate l) Learning Objects i. Materiale didattico 1. Creazione / Modifica / Cancellazione Comune di Avellino 16/22

17 2. upload di materiale ii. Esercitazioni 1. Creazione / Modifica / Cancellazione 2. upload di materiale 3. Gestione elaborati ricevuti iii. Test on line 1. Creazione / Modifica / Cancellazione Agenda con inserimento di eventi arbitrari e visualizzazione contestuale di eventi automatici (lezioni in video conferenza, verifiche, eventi vari) Funzioni discente Le funzioni comprendono: Fruizione di quanto predisposto dal docente (Learning objects, strumenti di cooperazione e apprendimento sincroni e asincroni). Partecipazione a progetti. Iscrizione alle verifiche ed ai corsi. Agenda con inserimento di eventi arbitrari e visualizzazione contestuale di eventi automatici (lezioni in video conferenza, verifiche, eventi vari) ed evidenziazione degli eventi cui risulta iscritto. Accesso a un proprio repository documenti. Creazione / Modifica / Cancellazione note personali inerenti il corso a cui partecipa (via forum). Possibilità di ricercare, mediante motore di ricerca interno, il contenuto formativo specifico per una particolare funzione o compito richiesto dalla propria azienda. Logging Le attività eseguite dagli utenti sono registrate da un log server e sono accessibili ai docenti. Eventuali tentativi di accesso falliti sono evidenziati e segnalati agli amministratori della FAD. Modalità di accesso alle funzioni Generale Sono visualizzati tutti i dati (progetti, Learning objects, eventi, etc.) relativi a tutti i corsi di formazione che si impartiscono/fruiscono. Per corso di formazione Comune di Avellino 17/22

18 Sono visualizzati tutti i dati (progetti, Learning objects, eventi, etc.) relativi al solo corsi di formazione cui si partecipa. 3.3 Il Portale Laboratorio digitale Questo elemento del progetto fa riferimento ad un servizio aggiuntivo abbinato alla formazione a distanza sulle tematiche dell ICT sopra elencate. Infatti, il Portale Laboratorio Digitale offre una serie di funzionalità che permettono agli utenti di mettere in pratica e applicare in maniera sperimentale le nozioni apprese tramite la fruizione dei corsi on line del Portale Formativo Servizi del Portale Laboratorio digitale I servizi previsti sono: Spazio web per la pubblicazione del proprio sito personale. Indirizzi di posta elettronica. Sistema di web mail. Possibilità di creare pagine dinamiche con accesso a database di sistema. Sul portale sarà inoltre installato e configurato un Content Management System CMS con le seguenti caratteristiche minime: Gestione del flusso redazionale: il processo di lavorazione di un documento prima della pubblicazione. Gestione di interfacce basate su browser web per l aggiornamento delle pagine. Utilizzo di template grafici per la presentazione dei contenuti. Gestione dei contenuti: creazione di apposite sezioni ed inserimento dei contenuti informativi all interno. Inserimento contenuti in maniera facilitata mediante un editor che consenta la formattazione del testo. Database per l archiviazione di immagini e contenuti testuali e grafici. Gestione di link, notizie, eventi. Funzioni di ricerca. Personalizzazione di elementi grafici di presentazione dei contenuti. Profilazione utenti. Infine il portale erogherà una serie di servizi di base, aventi carattere generale fra cui: Motore di ricerca, Mappa del sito, News, Link, Forum, Servizio di download di file e FAQ. Comune di Avellino 18/22

19 3.4 Comunicazione e promozione Il progetto prevede dunque un intensa campagna di informazione sul territorio per la promozione delle culture digitali al fine di creare nuove opportunità di crescita della Società dell'informazione. L'obiettivo è anche quello di convincere i cittadini con meno propensione al nuovo della facilità ed utilità del mezzo telematico. Le azioni che saranno intraprese mireranno sia a sensibilizzare fasce di popolazione ancora a digiuno nei confronti della cultura del digitale sia a promuovere sull intero territorio comunale e provinciale le opportunità rese possibili dalla realizzazione del progetto in esame, al fine di poter significativamente ridurre, perlomeno localmente, l entità del Digital Divide. A tal fine si prevedono passaggi sulla stampa locale, radio e televisione pubblica e privata nonché l organizzazione di seminari, convegni e giornate di studio sul tema. Si prevede di attuare il seguente piano di disseminazione e valorizzazione del progetto: Una giornata di studio preliminare sul Digital Divide con esperti del mondo ICT e dei fenomeni sociali ad esso collegati, con la partecipazione di cittadini, in particolare giovani che saranno invitati tramite il coinvolgimento delle scuole del territorio. Tale giornata si svolgerà in un periodo iniziale del progetto, al fine di recepire eventuali indicazioni significative dal basso ed allineare gli obiettivi del progetto con le reali esigenze del territorio. Tre seminari informativi sulle nuove opportunità offerte dal progetto. Durante tali incontri saranno presentati i risultati ottenuti stimolando il territorio ad un reale sfruttamento delle nuove dotazioni presso i Centri. Ad esempio, come dimostrazione dell utilità di tali Centri si potrà anche avere, in ciascun seminario, una sessione di videoconferenza con i cittadini presenti nei vari Centri, mostrando in presa diretta come le tecnologie possano essere di aiuto nel superamento di barriere geografiche, permettendo la partecipazione ad un evento anche a quelle persone distanti dal luogo di svolgimento dello stesso. Una conferenza finale con tavola rotonda, ancora sul tema del Digital Divide, in cui si discuterà sia su quanto fatto sia quanto ancora da fare a livello locale per un maggiore coinvolgimento di tutte le fasce di popolazione nelle tematiche del digitale. Anche in questa occasione si inviteranno in particolare le scuole ed i giovani cittadini. Utilizzo di mezzi di comunicazione tradizionali, quali giornali, televisione, brochure ecc. per rendere noto il progetto ed in particolare i suoi risultati, ossia la disponibilità dei Centri di libero accesso per tutti i cittadini. Comune di Avellino 19/22

20 Allestimento del sito web del progetto per la divulgazione continuativa delle iniziative e per il supporto alla creazione di community virtuali che possono nascere intorno al progetto ed alle tematiche che esso affronta. 4. Documentazione di Progetto La fornitura prevede anche la predisposizione e consegna di ogni documentazione tecnica idonea ad assicurare il pieno e corretto funzionamento delle apparecchiature e dei software di base e applicativi forniti e la gestione del sistema in totale autonomia da parte degli addetti tecnici e funzionali del Comune. 5. Collaudo Tutte le componenti della Fornitura saranno soggette a collaudo per accertarne l effettiva rispondenza a quanto richiesto nelle specifiche tecniche e nelle specifiche funzionali che saranno preparate dal Fornitore e che saranno convalidate dall Amministrazione. Sarà cura del Fornitore predisporre il piano di collaudo. Il Fornitore deve altresì garantire il presidio e l assistenza applicativa necessaria all effettuazione del collaudo e all analisi di eventuali anomalie riscontrate, nonché alla loro risoluzione. Il collaudo si considererà terminato, quando tutte le prove concordate con l Amministrazione avranno avuto esito positivo. A conclusione del collaudo deve essere redatto apposito verbale di accettazione controfirmato dalle parti nel quale verrà anche fissata la data di pronto per l uso del Sistema e delle funzionalità collaudate. 6. Variazioni e sospensioni del servizio L Amministratore si riserva di apportare al servizio, successivamente all aggiudicazione, le variazioni che riterrà più opportune in relazione alle esigenze che potranno emergere in corso di realizzazione. Eventuali modifiche dei costi, negative o positive, conseguenti alle variazioni apportate saranno determinate sulla base dei costi elementari contenuti nell offerta. L Amministrazione si riserva il diritto inappellabile di sospendere il servizio e quindi di rescindere immediatamente il contratto. In tal caso sarà dovuto all aggiudicatario il compenso maturato sulla base delle prestazioni effettuate, maggiorato del 10% della differenza tra l importo contrattuale e il compenso maturato. Comune di Avellino 20/22

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0

Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 Linee guida per l azione Scuol@ 2.0 1. Introduzione al Piano Nazionale Scuola Digitale Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) comprende una pluralità di azioni coordinate, finalizzate a creare ambienti

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100%

ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100% ECM Suite ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100% ECM Suite è una moderna piattaforma gestionale, web based (ovvero ad utenze gestionali illimitate, nessun acquisto di singole licenze client e/o server),

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Zeroshell su vmware ESXi 4.1

Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Zeroshell su vmware ESXi 4.1 Introduzione Vediamo come installare Zeroshell su Vmware ESXi 4.1 usando come immagine quella per IDE,SATA e USB da 1GB. Cosa ci serve prima di iniziare: Una distro Live io

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004

PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Piattaforma e-learning certificata SCORM 2004 A te la scelta... DynDevice LCMS fa parte della Suite di Applicazioni Web DynDevice ECM, un prodotto Mega Italia Media. PIATTAFORMA E-LEARNING SCORM 2004 Basata

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli