Comune Reggio nell'emilia Comune Correggio Comunità Montana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune Reggio nell'emilia Comune Correggio Comunità Montana"

Transcript

1 ENTE CAPOFILA : COMMISSIONE TECNICA : Provincia di Reggio Emilia Provincia di Reggio Emilia Comune Reggio nell'emilia Comune Correggio Comunità Montana LUGLIO 2002

2 1. Introduzione Piano Telematico Provinciale Generalità del progetto Obiettivi generali di massima Analisi Stato dell'arte Analisi della situazione iniziale Siti Internet della Provincia e dei Comuni Lo stato dei Sistemi Informativi Territoriali Banche dati disponibili Analisi normativa settoriale di riferimento Analisi contesto di lavoro Definizione dei vincoli Servizi offerti ed eterogeneità degli applicativi presenti sul mercato Analisi dei punti di criticità e possibili soluzioni Il Progetto Obiettivi specifici Schedulazione delle attività di progetto Cartografie ed informazioni da pubblicare Definizione dei benefici e degli oneri La Cartografia in Rete Fase I: Il Portale della Cartografia in Rete Canale di diffusione delle informazioni Catalogatore immagini Funzionalità client da prevedere Mappa dei servizi Amministratore del portale Gestione dei livelli e dei ruoli degli utenti Metadati ed XML Servizi aggiuntivi offerti Fase II: Il GeoDataServer Funzionalità del GeoDataServer Amministratore del database DBMS Fase III: Lavoro Remoto Servizi richiesti Piattaforma Hardware Definizioni Caratteristiche generali dell'hardware Software di Base Programma di Assistenza Ipotesi di configurazione del sistema e stima dei costi Modalità di realizzazione del progetto Modalità di conduzione del progetto Analisi dei rischi di progetto Avviamento del sistema Formazione degli operatori ed assistenza agli utenti Garanzia - Collaudo finale - Contratti di manutenzione Modello organizzativo proposto Valutazione dell'impatto del nuovo progetto Sintesi delle misure risolutive Schedulazione macro attività Indicazione delle attività che il progetto richiede di avviare Indicazione dei tempi e delle risorse economiche necessarie Collocazione di ciascuna attività all'interno del workflow Analisi delle cartografie da pubblicare Glossario dei termini Cartografia in rete 2

3 1. Introduzione 1.1. Piano Telematico Provinciale La portata e la velocità delle trasformazioni associate alla diffusione delle nuove tecnologie dell'informazione e delle telecomunicazioni (ICT, secondo la terminologia inglese più nota) sono visibili a chiunque e fanno oramai parte dell'esperienza quotidiana nelle attività lavorative, nell'economia, nell'istruzione, nel tempo libero e in mille altri ambiti. Con la Delibera 219/2000, la Regione Emilia-Romagna ha intrapreso in modo decisivo la strada dell'innovazione dell'ict, vedendo nella sinergia tra le Amministrazioni Locali la chiave di volta del processo. Con tale delibera, infatti, sono stati destinati dei finanziamenti con cui i diversi Enti Locali possono costruire infrastrutture informatiche coerenti con una visione unitaria regionale di sviluppo della Società dell'informazione. Tra gli elementi ritenuti determinanti per la crescita del livello di informatizzazione rientrano i servizi Internet; cioè, servizi da offrire alle altre P.A., alle imprese ed ai cittadini mediante l'utilizzo delle tecnologie basate sulla rete Internet. I progetti costituenti il Piano Telematico Provinciale sono sei. Il presente documento riguarda il progetto Cartografia in Rete Generalità del progetto Il progetto si propone la diffusione per via telematica, ed in particolare via Internet, di informazioni cartografiche e di dati territoriali in formato digitale, consentendone una rapida consultazione da parte di qualsiasi utente da qualsiasi sede remota. Il problema della diffusione dei dati, prima dell'avvento delle tecnologie di rete, veniva risolto con la consegna fisica di mappe cartacee, cd-rom o altri supporti informatici. Questo metodo di diffusione presenta però almeno due limiti, rispetto alle soluzioni per via telematica, e cioè : 1. i dati distribuiti possono diventare rapidamente obsoleti; 2. i soggetti che hanno bisogno delle informazioni devono muoversi fisicamente per ottenerle, con tutti i disagi annessi. L'idea di diffondere i dati territoriali attraverso mezzi telematici supera i suddetti limiti, grazie anche al concetto di pubblicazione sul web dei dati e non di distribuzione degli stessi. La pubblicazione sul web consiste nel collocare all'interno della rete Internet un sito informativo, cui i richiedenti possono accedere semplicemente indicando l'indirizzo Internet corrispondente (URL Uniform Resource Location). La struttura capillare della rete Internet combacia quasi perfettamente con l'esigenza di raggiungere tutti i potenziali fruitori delle informazioni territoriali. Cartografia in rete 3

4 La necessità di diffondere le informazioni di carattere territoriale è inoltre legata a due aspetti ormai fondamentali: la definizione del quadro conoscitivo, elemento costitutivo degli strumenti di Pianificazione territoriale e urbanistica "L.R. 20/ art.4, comma 1"; le esigenze operative basate sul fatto che ormai la cartografia e le informazioni ad essa collegate sono la base per qualsiasi tipo di studio ed analisi in campo urbanistico, di pianificazione territoriale, ambientale, socio-economico, produttivo ecc. Il Sistema Informativo Territoriale della Provincia di Reggio Emilia ha il compito di gestire le informazioni del quadro conoscitivo, attraverso i GIS, Geographical Information System, costituiti da un insieme di componenti h/w e s/w, organizzati per raccogliere, elaborare e restituire in forma grafica e/o alfanumerica dati riferiti al territorio, oppure per restituire le diverse cartografie di base o tematiche, realizzate in forma digitale, numerica, ecc. A fronte di tali obiettivi, nel territorio della Provincia di Reggio Emilia, non esistono ancora numerosi esempi di implementazione e diffusione strutturata dei dati cartografici; presso il Servizio Informativo Territoriale della Provincia di Reggio Emilia esiste una gran mole di dati digitali (informatizzati e informatizzabili) di pubblico interesse per diverse categorie di utenti (Pubbliche Amministrazioni in genere, Enti terzi, studi tecnici e professionali, imprese e cittadini). Gli stessi Comuni della Provincia di Reggio Emilia, principali fruitori di questo servizio, stanno muovendo i primi passi (il comune capoluogo, in modo molto deciso e strutturato) in questa direzione, per cui l'attività del progetto in descrizione ne risulta fortemente stimolata Obiettivi generali di massima In una realtà in cui è sempre più importante acquisire un dato nel più breve tempo possibile e con un buon livello di precisione, dettaglio e correttezza, l'obiettivo che si propone il progetto è quello di offrire un servizio di: consultazione via web di un numero consistente di tematismi e dati cartografici; ricerche spaziali e visualizzazione mappe; stampa e/o download delle informazioni desiderate; ai seguenti destinatari: Comuni della Provincia di Reggio Emilia; Enti del territorio; Servizi Provinciali; Professionisti e cittadini; sfruttando il solo canale Internet quindi senza alcuna implementazione aggiuntiva da parte dei sistemi informatici degli utenti finali. Cartografia in rete 4

5 2. Analisi Stato dell'arte 2.1. Analisi della situazione iniziale L'analisi della situazione iniziale discende dallo studio del panorama tecnico, relativo all'attivazione di SIT ed alla realizzazione di "siti Internet" da parte delle nostre Amministrazioni locali, con riferimento al contesto provinciale e regionale Siti Internet della Provincia e dei Comuni L'offerta cartografica Internet nella Provincia di Reggio Emilia (Provincia e Comuni) è facilmente analizzabile. La Provincia di Reggo Emilia ha, con il nuovo anno, rivisitato completamente il proprio sito dove, tra le altre cose, ha dato evidenza al SIT. In questa sezione è possibile consultare informazioni, cataloghi, file documentali e file immagine. Le realtà comunali sono più 'limitate' in quanto hanno concentrato le loro attenzioni, dove è stato possibile, alla pubblicazione, in varie forme più o meno accattivanti e agevoli alla consultazione, delle immagini e della normativa dei propri PRG, tra queste Correggio, Rubiera e pochissime altre. Il comune capoluogo è invece impegnato da tempo in un progetto articolato di pubblicazione 'dinamica' mediante la quale possono essere correlate al PRG (e tra loro) diverse banche dati a valenza territoriale Lo stato dei Sistemi Informativi Territoriali Il SIT della Provincia di Reggio Emilia nasce nei primi anni novanta a seguito della spinta propulsiva data dalla LR.30 del 1988, avente come obiettivo la realizzazione del "Sistema Informativo Regionale". Attualmente si conferma quale strumento fondamentale a supporto dell'attività dell'area Pianificazione e Tutela del Territorio, con compito di studio e analisi del territorio sia nelle sue singole componenti, che nella relazione complessiva tra le stesse, che di sviluppo dei diversi percorsi decisionali. I dati del SIT sono costituiti dalla base cartografica e da numerosi archivi alfanumerici descrittivi di informazioni territoriali, tematiche, demografiche, normative, statistiche ed altre ancora. Oltre alla storica base costituita da tavole cartacee, foto aeree e libri tecnici, il SIT gestisce anche basi raster e vettoriali digitali georeferenziate. A queste sono relazionati gli archivi alfanumerici che consentono di elaborare un ampio quadro conoscitivo di quantità, qualità, misura, descrizione e rappresentazione per una più completa analisi territoriale. Il SIT si compone di personale tecnico con competenze idonee non solo a comprendere le problematiche legate al trattamento e all'interpretazione del dato territoriale, ma anche in grado di gestirlo con gli attuali strumenti informatici. Oltre a queste figure, il SIT si avvale della collaborazione specialistica degli 'utenti' tipici del dato territoriale (architetti, ingegneri, geologi, ecc.) dell'amministrazione Provinciale. La strumentazione del SIT si compone di un server per la condivisione dei dati per gli utenti interni abilitati, una serie di pc con configurazione grafica per la gestione delle informazioni stesse, una workstation, nonchè di Cartografia in rete 5

6 periferiche quali: digitizer, plotter, stampanti (A3 - A4) e scanner da tavolo. Il software installato è costituito da tipici prodotti GIS in ambiente ESRI (ArcInfo - ArcView GIS), con tools per la generazione di query ed analisi, programmi di disegno Autodesk (AutoCAD ed applicativi), fotoritocco, pubblicazione e diffusione di informazioni su cd-rom. ll contesto organizzativo, di cui è parte integrante il SIT, consente di supportare le fasi decisionali che competono all'amministrazione Provinciale. Il 'panorama' SIT dei Comuni della Provincia di Reggio Emilia è eterogeneo. Il SIT del Comune di Reggio Emilia è stato attivato nel 1996 presso l'allora Ufficio Speciale di Piano Regolatore (Settore Urbanistica) che aveva, come obiettivo principale, la realizzazione del nuovo PRG e la sua "informatizzazione". In seguito e stato predisposto quanto necessario all'attivazione di un vero e proprio SIT sia dal punto di vista delle risorse umane che quelle materiali (software e hardware). I dati del SIT sono costituiti dalla base cartografica e da numerosi archivi alfanumerici descrittivi di informazioni territoriali, tematiche, oltre che dalla banca dati relativa a Toponomastica stradale e numerazione civica esterna. Presso il SIT si è provveduto a ristrutturare lo "strato informativo" della cartografia di base relativo agli "edifici", definendone correttamente la tipologia, in vista di un utilizzo topologico; si è pure operato sul reticolo costituito dagli assi stradali, in modo da garantirne la continuità e la connessione (senza pretendere di realizzare, per ora, un vero e proprio grafo stradale). I Comuni facenti parte della Associazione Reggio Nord della Provincia di Reggio Emilia, condividono un ufficio associato con finalità di supporto alla pianificazione territoriale e urbanistica e gestione cartografica. Il SIT dei Comuni (se così si può definire) è realizzato principalmente in funzione della realizzazione e gestione dei PRG, attraverso AutoCAD-MAP; la sua banca dati è costituita da una serie di basi cartografiche georeferenziate (CTR raster 1:5.000, vettoriale derivato dalla CTR, CT1:25.000, ortofotopiano 1:10.000) e da alcuni strati informativi non omogenei sui 6 Comuni, di cui il principale è il Piano Regolatore. Il Piano regolatore è realizzato e gestito con questa tecnologia su 2 Comuni (Correggio e San Martino in Rio) ed è in fase di completamento su altri 2 Comuni (Fabbrico e Rolo). Infine una realtà costituita dalla Comunità Montana che non è, allo stato attuale, autosufficiente per quanto concerne la gestione del SIT. Si è dotata recentemente di una licenza del programma ArcView GIS per poter utilizzare i moduli MOKAMB e MOKAFOREST che sono stati forniti dalla Regione Emilia-Romagna al fine di agevolare la gestione delle funzioni delegate in materia forestale, agricola e di difesa del suolo. E altresì dotata del Sistema Informativo della Montagna che dovrebbe configurarsi come sportello del cittadino delle zone montane e, di conseguenza, consentire l accesso ai servizi (resi disponibili in qualità di utente) alle Comunità Montane, ai cittadini ed alle imprese locali. Tale Sistema prevede anche l accesso al catasto, servizio ritenuto indispensabile per l utenza, ma che allo stato attuale è pressoché inaccessibile a causa sia di malfunzionamenti nei collegamenti, sia della Cartografia in rete 6

7 carenza di personale adeguatamente formato che, interno dell ente, possa occuparsi del funzionamento e dell utilizzo del programma. Per tutti gli altri Comuni, il SIT non è una realtà particolarmente sviluppata, al più è compensata con la passione e l'impegno di singoli tecnici o con l'ausilio di tecnici esterni incaricati di sviluppare specifici progetti. Proprio questi Comuni devono essere i principali beneficiari del progetto "Cartografia in rete" in modo da non dover aver bisogno di investire risorse sul SIT ma usufruire della base dati che sarà resa disponibile nonchè dell'organizzazione e delle competenze informative ed informatiche presenti presso la Provincia di Reggio Emilia. Il SIT della Provincia di Reggio Emilia s'inserisce perfettamente in un contesto regionale formato dalle altre Amministrazioni Provinciali con il supporto strategico ed il coordinamento del Servizio Informativo Geografico e Telematico della Regione Emilia-Romagna. Tra le iniziative della stessa Regione Emilia-Romagna è opportuno ricordare il rapporto di collaborazione (attivo) con la società ESRI Italia, che consente agli Enti subordinati, ed in particolare alle Provincie, di beneficiare di sconti particolari per l'acquisto di prodotti software e, nell'ambito di progetti di comune interesse, delle personalizzazioni sviluppate. Ovviamente la Regione Emilia-Romagna promuove la condivisione di informazioni numeriche, basi dati, impostazione e la compatibilità "totale" tra gli strumenti software (di base) adottati Banche dati disponibili L'esigenza di garantire l'azione amministrativa, tramite un efficace e generale supporto conoscitivo alle scelte decisionali, è alla base della costruzione del patrimonio informativo digitale disponibile presso il SIT della Provincia di Reggio Emilia. La banca dati geografica è parte fondamentale di tale patrimonio poiché garantisce, attraverso la localizzazione di oggetti, funzioni e attività presenti sul territorio, l'interrelazione fra fenomeni altrimenti eterogenei e difficilmente integrabili. I dati, disponibili in formato vettoriale e raster, sono georeferenziati secondo il sistema di riferimento Gauss Boaga; ovviamente la precisione dei dati dipende dalla scala degli originali utilizzati per l'acquisizione. All'interno del SIT sono stati acquisiti, oltre l'archivio del sistema informativo regionale, i quadri conoscitivi di supporto alla pianificazione di area vasta ed ai piani di settore di competenza provinciale. L'archivio in formato raster è composto dalla Cartografia Tecnica Regionale, relativa all'intero territorio provinciale (1:5.000), dalle Carte Topografiche da essa desunte (1: :50.000) e da ortofoto digitali. I file sono generalmente disponibili in formato TIFF. La parte della banca dati realizzata in formato vettoriale è costituita dalla cartografia tecnica (strade, idrografia ), dalla cartografia tematica (pianificazione territoriale, difesa del suolo, protezione civile, ambiente.), dalla cartografia d'inquadramento (confini amministrativi, quadri d'unione, ecc.), da 'tematizzazioni' di dati tabellari (popolazione, censimenti ), ecc. I Cartografia in rete 7

8 file sono disponibili, prevalentemente, in formato SHAPE, in alcuni casi in formato DWG (sono comunque disponibili gli strumenti per operare diverse trasformazioni di formato). Fanno parte della banca dati complessiva anche altri "elementi informativi" disponibili sotto forma di documenti, tabelle, fotografie, ecc.. Tra i Comuni della Provincia di Reggio Emilia, solo quello capoluogo ha prodotto un proprio repertorio cartografico digitale, mentre presso gli altri, fatta eccezione per il PRG (e non tutti!!), non sono reperibili cartografie digitali diverse da quelle già disponibili presso la Provincia di Reggio Emilia Analisi normativa settoriale di riferimento Il fondamentale riferimento normativo è la Legge Regionale 24 marzo 2000 n.20 "Disciplina generale sulla tutela ed uso del territorio" la quale procede ad una forte innovazione del sistema della pianificazione territoriale ed urbanistica assumendo una serie di obiettivi tra cui la sussidiarietà tra i livelli di pianificazione, la cooperazione e la concertazione istituzionale, in occasione della predisposizione degli strumenti di pianificazione, la verifica nel tempo dell'adeguatezza e dell'efficacia del processo e delle scelte di pianificazione attraverso il loro monitoraggio. Il progetto "Cartografia in rete" si pone come forte supporto alla formazione ed aggiornamento del quadro conoscitivo (art.4), svolgendo coordinamento ed integrazione delle informazioni (art.17), pubblicando i dati territoriali ed ambientali raccolti dalle amministrazioni pubbliche, promuovendo, come processi funzionali alla formazione dei nuovi strumenti di pianificazione, in particolare l'attività di concertazione della conferenza e accordi di pianificazione sugli aspetti conoscitivi e valutativi e sulle scelte strategiche dei piani (art.14). Oltre a questo non è secondario il monitoraggio e bilancio della pianificazione (art.51) con la raccolta e gestione (quindi pubblicazione) degli archivi della strumentazione urbanistica comunale, nonché l'integrazione ed il supporto al processo di pianificazione (art.3). Il progetto tende inoltre a perseguire la formazione della Carta unica del territorio (art.19) al fine di fornire tutti i tematismi territoriali e ambientali necessari a semplificare il sistema della pianificazione (Capo IV). La confrontabilità e la integrazione dei dati conoscitivi e valutativi dei sistemi ambientali e territoriali nonché dei contenuti strategici e di assetto del territorio del sistema della pianificazione sono condizione essenziale per perseguire con efficacia tali obiettivi. Da qui la necessità di provvedere a definire le modalità di coordinamento e integrazione delle informazioni utili al sistema della pianificazione attraverso la definizione delle caratteristiche generali dei dati ambientali e territoriali di un sistema informativo geografico per la pianificazione. In questo contesto è un fondamentale elemento guida l'"atto d'indirizzo e coordinamento tecnico per l'attuazione della Legge regionale 24 marzo 2000, n.20 - Strumenti cartografici digitali e modalità di coordinamento ed integrazione delle informazioni a supporto della pianificazione", volto a fornire direttive per l'attuazione della legge regionale 24 marzo 2000, n.20 relativamente a: la definizione delle caratteristiche generali dei dati dei sistemi informativi geografici e degli strumenti cartografici e digitali a supporto della pianificazione territoriale ed in particolare: Cartografia in rete 8

9 georeferenziazione, i formati, la documentazione e le regole di interscambio; la modalità di coordinamento e di integrazione delle informazioni e di collaborazione tra i soggetti pubblici chiamati a concorrere alla formazione, implementazione ed aggiornamento del quadro conoscitivo del territorio e dell'ambiente in occasione della predisposizione di piani territoriali ed urbanistici (art.17). "Cartografia in rete" trae da quest'ultimo "Atto d'indirizzo" tutte le informazioni relative alle regole di georeferenziazione, al modello dati, al formato di scambio, alla documentazione (metadati) ed alle regole d'interscambio, necessarie a qualificare il progetto. Per comodità di lettura riportiamo alcuni stralci della versione in via di completamento. "..A.1 Georeferenziazione A.1.1 Confrontabilità geografica digitale tra le rielaborazioni vettoriali degli Enti Locali della Carta Tecnica Regionale 1:5000 (CTR5) con la versione regionale raster georeferenziata Le rielaborazioni vettoriali degli Enti Locali risulteranno confrontabili in modo geografico se, una volta sovrapposte, i dati in comune tra le due rappresentazioni risulteranno geometricamente ed informativamente coerenti. La versione regionale raster georeferenziata è disponibile nei sistemi cartografici di riferimento standard: Gauss-Boaga, UTM-ED 50 e UTM-ED 50* (prossimamente anche in WGS84-UTM, utile nell uso delle nuove procedure satellitari GPS). Quindi, richiamati allo schermo i dati delle rielaborazioni vettoriali in uno dei sistemi cartografici di riferimento standard, è possibile sovrapporre automaticamente l immagine regionale raster georeferenziata dei fogli CTR5. I dati topografici in comune risulteranno geometricamente coerenti se eventuali spostamenti non supereranno i 4 mm (standard di accuratezza topografica) alla scala 1: Inoltre i dati topografici risulteranno informativamente coerenti se tutte le informazioni del livello raster saranno contenute nel livello vettoriale (in pratica se tutti i "particolari cartografici" presenti nel livello raster sono contenuti nella "rielaborazione vettoriale"). [glossario: UTM-ED 50* = UTM-ED 50 del fuso 32 con meno quattro milioni di metri alle coordinate Nord ed esteso anche all area Est emiliano romagnola compresa convenzionalmente nel fuso 33; quindi un unico fuso per tutto il territorio regionale].." Cartografia in rete 9

10 "..A.3 Formato (di scambio) I formati da adottare per lo scambio dei dati topografici della CTR-CGU fanno riferimento a standard industriali consolidati e largamente diffusi. Nello specifico sono così definiti: - formati raster: TIFF - formati vettoriali: SHAPE Essendo nota la grande diffusione e l utilizzo da parte di molte Amministrazioni del formato DXF si provvederà inoltre alla realizzazione di una specifica procedura che sarà rilasciata dalla Regione per la conversione dei dati dal formato SHAPE al formato DXF. Tale procedura sarà l unica consentita per la conversione che porterà ad un formato DXF certificato. Per la definizione della struttura logica del formato di scambio viene introdotta la nozione di strato. Con Strato si intende l insieme delle istanze di uno o più tipi di entità appartenenti ad uno o più gruppi la cui rappresentazione geometrica è omogenea. In particolare valgono le seguenti proprietà generali: Ogni strato è definito sul continuo territoriale, senza soluzione di continuità in corrispondenza dei bordi delle sezioni cartografiche Ogni strato è costituito da una componente geometrica che costituisce la rappresentazione sul territorio di una o più entità e da una componente alfanumerica che descrive le proprietà dei vari oggetti contenuti nello strato La componente geometrica è descritta sul piano, e può essere di tipo: - poligonale (aree dotate di frontiera sia esterna che interna); - lineare (insieme di segmenti contigui delimitato da due punti detti nodi ; gli estremi dei segmenti sono detti vertici tranne i due estremi); - puntiforme Poligoni e linee sono dotati di frontiera (spezzate chiuse per i poligoni e punti per le linee) che a sua volta può essere caratterizzata da attributi descrittivi. Lo strato, come componente geometrica, è quindi una collezione di componenti geometriche elementari, ottenute quindi dall aggregazione di tutte le rappresentazioni sul territorio delle istanze di entità contenute nello strato stesso con il seguente Vincolo: a) non è ammessa sovrapposizione tra le componenti geometriche elementari tranne che sulla loro frontiera b) i casi di condivisione di frontiera non devono comunque comportare la n-uplicazione delle porzioni di frontiera interessate I dati tabellari direttamente associati ai file geometrici, a parte la tabella Feature Attribute Table in formato DBF legata allo SHAPE, debbono essere scambiati sotto forma di file ASCII delimitato con estensione TXT. Il separatore utilizzato nel file TXT può essere un tab od una virgola. La prima linea del file conterrà i nomi dei campi della tabella. I campi Cartografia in rete 10

11 contenenti valori non numerici saranno trattati come stringhe. I campi contenenti solo numeri ed il punto (separatore dei decimali) saranno trattati come campi numerici. Le stringhe possono essere quotate (con il doppio apice) oppure no. Lo devono essere se contengono il separatore o se valori numerici devono essere trattati come campi alfanumerici. A.4 Documentazione (metadati) La C.T.R.-C.G.U., sia per la componente geometrica sia per le tabelle collegate, dovrà essere documentata, ai fini dell'interscambio, secondo i contenuti e la struttura e il formato per la pubblicazione previsti nello standard internazionale ISO/TC 211 Geographic information/geomatics Metadata, che definisce i cosiddetti metadati delle basi dati geografiche. Nelle more della definizione, prevista entro il corrente anno, di tale standard internazionale di documentazione e, tenuto conto della difficoltà tecnico/economica e, di fatto, della inopportunità, di utilizzare integralmente per un breve lasso di tempo lo standard europeo CEN TC 287 vigente, ma di fatto generalmente inapplicato, viene adottata una versione semplificata, sia nella struttura sia nei contenuti informativi, di questo stesso standard europeo. Questa versione "semplificata" sarà soppressa a partire dalla data di pubblicazione definitiva dello standard ISO sopra menzionato. La documentazione dei prodotti cartografici digitali sarà pertanto costituita, provvisoriamente, dalle seguenti parti, suddivise in sezioni e sottosezioni: 1. Descrizione della BD - titolo - abstract 2. Sistema di riferimento geografico: - tipo di inquadramento - ellissoide - proiezione - scala di lavoro - bounding - estensione dell area coperta - unità areale minima cartografata 3. Origine dei dati - sorgente dei dati - anno di rilevamento 4. Modalità di acquisizione - modalità di informatizzazione dei dati - punti di controllo - RMS 5. Accessibilità - organizzazione di riferimento - persone di riferimento 6. Modalità di fornitura dei dati - modalità di rapporto col fornitore - periodicità dell'aggiornamento - costo - formati - responsabilità - diritto d'uso 7. Strati informativi - contenuto rappresentato Cartografia in rete 11

12 - geometria - descrizione - attributi 8. Dizionario dei dati - chiave primaria - tabella - tipo di copertura - nome campo - descrizione del dato - tipo - lunghezza - chiave primaria - tabella -.. I contenuti e la struttura dei metadati sopra descritti sono ovviamente da intendersi come il minimo comune denominatore garantito previsto dalla presente direttiva in attesa degli standard internazionali ed è quindi lasciata al singolo soggetto produttore/diffusore della base dati la possibilità di diffondere una più ricca documentazione delle proprie basi Per rendere più facilmente fruibili i metadati e per una loro immediata diffondibilita in Internet/Intranet si richiede, ancora provvisoriamente, la loro diffusione in formato Html. Tale formato verrà sostituito dal formato XML, standard previsto da ISO/TC 211. Tutti i metadati debbono comunque essere organizzati anche nel "Repertorio Cartografico Regionale" e diffusi anche attraverso il Portale Geografico dell'emilia-romagna (Agorà) che costituirà la via d accesso integrata ai metadati geografici della Pubblica Amministrazione regionale e dei soggetti privati chiamati alle Conferenze di Pianificazione. Il suddetto Repertorio Cartografico Regionale fa parte del Repertorio Cartografico Nazionale, in costruzione secondo lo standard ISO, ai sensi dell'intesa Stato-Regioni-Enti Locali sui Sistemi Informativi Geografici. A.5 Regole d interscambio (diffusione) Tutti i dati e i metadati della CTR/CGU debbono essere scambiati gratuitamente fra soggetti produttori, pubblici, chiamati alle Conferenze di Pianificazione. Tutti i dati e i metadati della CTR/CGU debbono inoltre essere diffusi ai cittadini, ai professionisti, alle imprese, etc. al solo costo di riproduzione e distribuzione (da definire con successivo atto specifico) dai soggetti produttori, pubblici, chiamati alle Conferenze di Pianificazione. Si consideri il principio che l ammortamento delle spese di realizzazione e manutenzione di questi dati geografici viene completamente realizzato nell ambito degli investimenti per la realizzazione degli strumenti di pianificazione territoriale; naturalmente il copyright rimane ai soggetti pubblici che hanno collaborato alla realizzazione della CTR/CGU; inoltre tutti possono usare i dati della CTR/CGU purché nelle nuove elaborazioni/pubblicazioni da parte di altri soggetti (pubblici o privati) essa venga mantenuta integra e separata da nuovi contenuti informativi aggiunti e purché anche i metadati CTR/CGU vengano mantenuti disponibili, integri e separati. Per la Cartografia topografica comunale, in genere a grande scala ed in formato vettoriale, tale principio è limitato alla "versione leggera" del prodotto che sarà integrata nella CTR/CGU. Cartografia in rete 12

13 Per "versione leggera" della Cartografia topografica comunale da integrare nella CTR/CGU si intende: 1. immagine raster della carta topografica comunale, previa "riduzione" alla scala 1: strati vettoriali fondamentali della CTR/CGU (precedentemente menzionati al Punto A.2), cioè: reti di inquadramento plano-altimetrico punti fiduciali reticolo stradale, con relativa codifica "toponomastica" delle strade (unificata e condivisa), costruita a partire dalle codifiche attribuite dai Comuni e correlata con la codifica delle strade gestita dal Catasto attraverso uno specifico "indice di correlazione" numerazione civica reticolo ferroviario reticolo idrografico e relativi bacini confini amministrativi curve di livello punti quotati toponomastica cartografica "tradizionale" centri urbani e nuclei abitati (intorno), correlati con le codifiche attribuite da ISTAT alle relative sezioni di censimento Le modalità operative della diffusione dei dati saranno definite con successivo atto specifico, anche in riferimento a quanto sarà stabilito a livello nazionale dall'intesa sui Sistemi Informativi Geografici sopra menzionata (cfr. Progetto AIPA di Sistema di Comunicazione dati Territoriali (SCT), Progetto Catasto-Comuni per l'interoperabilità fra enti della PA all'interno della RUPA, etc.). Nelle more è consentito a ciascun soggetto produttore (pubblico) di scambiare i dati della CTR/CGU sia per via diretta (CD ROM) sia per via telematica, attraverso specifici siti web, anche consortili, con funzionalità di download cartografico." 2.3. Analisi del contesto di lavoro Ad oggi l'attività del SIT della Provincia di Reggio Emilia, oltre a ciò che si è descritto in precedenza, implica una consistente attività, svolta nei confronti del pubblico, per il conferimento di materiale costituito da cartografia digitale (raster e/o vettoriale), elaborati di analisi estratti dalla base dati geografica, semplici stampe di cartografia e produzione di cd-rom di presentazione e/o divulgazione (di piani, di informazioni o di porzioni di banche dati). Il panorama dei possibili utilizzatori è costituito dai Comuni e/o Enti del territorio, da scuole e dalla miriade di tecnici che svolgono attività professionale in proprio o per conto degli soggetti suddetti. Alla luce di questo, il SIT della Provincia di Reggio Emilia, con la sua base dati, costituisce un punto di riferimento nel panorama tecnico dell'informazione digitale del nostro territorio. Già quanto attualmente pubblicato in Internet fornisce un supporto informativo importante che aiuta l'utente nella ricerca del materiale di propria necessità, ma la creazione di una sezione dedicata alla divulgazione e diffusione di cartografia numerica, costituirebbe un servizio molto più utile ed incisivo. Cartografia in rete 13

14 Alla luce di quanto premesso, la Provincia di Reggio Emilia, con la realizzazione del presente progetto, non ha lo scopo di sostituirsi alle attività dei SIT od ai servizi telematici dei Comuni, ma quello di svolgere una funzione di supporto all'attività tecnica quotidiana e di valorizzazione del lavoro svolto dagli enti subordinati operanti sul territorio Definizione dei vincoli L'accrescimento tecnologico necessario all'attuazione del progetto deve essere commisurato con la realtà ed il contesto nel quale esso si cala. La nuova attività dovrà essere 'assorbita' dal SIT della Provincia di Reggio Emilia, senza che si debba costituire un ufficio dedicato alla pubblicazione cartografica (analogamente a come è stato fatto presso il Servizio Informatico per la gestione dell'attuale sito web provinciale) studiando, per l'inserimento delle informazioni, un'organizzazione distribuita. La costituzione di un ufficio dedicato potrà essere eventualmente presa in considerazione a seguito di mutati scenari d'investimento della Provincia di Reggio Emilia od in funzione della varietà e mole delle informazioni che si vorranno pubblicare in futuro. Le informazioni pubblicate dovranno essere le stesse acquisite o prodotte dagli strumenti GIS durante la quotidiana attività del SIT: in questo modo si conterranno i costi relativi al personale e per il conferimento di servizi esterni. Da qui si desume la volontà di dotarsi di applicativi compatibili con le basi dati cartografiche già in uso al SIT; ciò favorirà, tra l'altro, la pubblicazione di basi dati già disponibili ma sulle quali, se fossero da 'migrare' in altro formato, non si investirebbe. Facendo riferimento alla struttura dati del SIT si definisce la tipologia di prodotto ESRI quella più idonea a rispondere alle caratteristiche descritte. Tra questi la scelta dovrà orientarsi su prodotti rispondenti alle necessità tecniche esposte nel seguito del documento. Tutte le informazioni tecniche relative al dato sono da assumere dall'"atto d'indirizzo e coordinamento tecnico per l'attuazione della Legge regionale 24 marzo 2000, n.20 - Strumenti cartografici digitali e modalità di coordinamento ed integrazione delle informazioni a supporto della pianificazione". Si definisce che il sistema di diffusione delle informazioni più appropriato, nell'ambito del progetto proposto, è web-based in modo che la quasi totalità dei servizi possa essere fornita tramite un semplice canale Internet. Lo strumento individuato dovrà essere dotato di pochissimi comandi in modo da presentarsi, all'utenza, semplice e immediato. Si deve configurare come uno strumento di pronta risposta ad un'improvvisa necessità tecnica. Essendo un servizio che risulterà diversificato in virtù del variegato panorama dell'utenza a cui ci si rivolgerà, è necessario indirizzarsi verso prodotti che consentano una sicura definizione di accessi riservati e autenticati. Cartografia in rete 14

15 Particolare attenzione andrà prestata alla valutazione dei canoni di manutenzione che potrebbero rivelarsi, negli anni successivi all'attivazione, particolarmente onerosi Servizi offerti ed eterogeneità degli applicativi presenti sul mercato La Commissione Tecnica, che cura la realizzazione di questo progetto, ha realizzato numerosi incontri con fornitori e visite presso chi ha già realizzato progetti con connotati telematici. I contenuto degli incontri e le valutazioni di lavoro emerse sono verbalizzati in apposito documento interno. I prodotti software ed i servizi offerti dai fornitori per la pubblicazione e gestione di dati cartografici (e/o territorializzabili) sono innumerevoli e differenti sia per tipologia di prodotto, sia per l'organizzazione ed il formato dei dati trattati. Le esperienze effettuate da altre Amministrazioni, 'visitate' in Internet, ci consentono di distinguere prodotti che permettono di utilizzare, per il trattamento dei dati, RDBMS di diversi fornitori da quelli che utilizzano esclusivamente un "motore" proprietario. Oltre a questa prima differenziazione, si possono distinguere i prodotti esclusivamente dedicati alla pubblicazione di dati da quelli articolati per meglio corrispondere alle varie tipologia di offerta Internet (cataloghi, gestori di metadati ) fino a quelli che si possono strutturare con un GeoDataServer di supporto. L'analisi di alcuni prodotti/fornitori (comunque ricca ed articolata), individuati come esemplificativi, ha messo in risalto la necessità di una scelta preliminare: mantenere la base dati generata dall'ufficio SIT o "migrarla" verso una diversa struttura per renderla utilizzabile dagli strumenti scelti per la pubblicazione. Ovviamente nel secondo caso si dovrebbe gestire una doppia base di dati: una per lo svolgimento delle attività istituzionali ed una per la pubblicazione. A livello di struttura dell'ufficio SIT-WEB è emersa l'oppurtunità di utilizzo del GeoDataServer come strumento di gestione strutturata del dato: sia per migliorare il lavoro quotidiano d'ufficio, sia per consentire la pubblicazione di un numero considerevole d'informazioni. Per tutti si e' riscontrata una disponibilità di fornitura di un servizio indispensabile di 'start-up' (oltre al corso) per rendere il servizio di SIT-WEB indipendente dai fornitori stessi. Alcuni produttori non mettono in vendita i loro prodotti, ma li offrono in modalità ASP (Application Service Provider), vale a dire tramite l affitto di applicazioni attraverso la rete Internet. In questo caso è generalmente previsto un costo di attivazione una tantum, più un canone di abbonamento annuale, che comprende: l'affitto dell'applicazione; l'affitto dello spazio sugli elaboratori (data center) per i dati del cliente; manutenzione dati, sicurezza e gestione (per esempio backup del sistema, amministrazione dei profili utente, controllo e monitoraggio); manutenzione correttiva e adeguativa dell'applicazione. Cartografia in rete 15

16 Una soluzione di questo tipo non si ritiene attualmente accettabile, in quanto prevede che i dati risiedano fisicamente all'esterno della sede della Provincia di Reggio Emilia Analisi dei punti di criticità e possibili soluzioni Punti di criticità si possono individuare in tutte le tre componenti del progetto: organizzazione, dati, prodotti. La mole delle informazioni pubblicate potrebbe crescere oltre a quanto previsto, fino a non essere più gestibile (con prestazioni accettabili) da un sistema client/server: in tal caso potrebbe essere necessario ricorrere ad un GeoDataServer dedicato. Ciascun soggetto può pubblicare SOLO i dati di cui è titolare, assumendo la responsabilità in merito alla "bontà", all'aggiornamento ed all'utilizzabilità dei dati pubblicati. Contestualmente alla pubblicazione se ne devono definire le eventuali limitazioni (oltre che di qualità tecnica) di cessione, onerosa o gratuita, per non prestarsi ad azioni di speculazione da parte di altri soggetti. Anche in tale ambito occorre uniformarsi alle direttive regionali. L'ipotesi di erogare servizi (di produzione di cartografia specifica, di produzione di banche dati direttamente pubblicabili via Internet, ecc.) ai Comuni od agli altri Enti subordinati operanti sul territorio, deve essere valutata attentamente al fine di non creare turbative nel mercato delle prestazioni professionali (rapporti comuni - professionisti). Essendo un sito della pubblica amministrazione, pur connotato da contenuti squisitamente tecnici, è da ipotizzare un numero elevato di 'accessi-visite'. Il numero degli 'accessi concorrenti' è stato indicato, dagli stessi venditori consultati, come il 'collo di bottiglia' della struttura web. La scelta dei prodotti di supporto deve poter garantire, sul lato h/w, alte prestazioni o duplicazione dei server, su quello s/w, un numero di accessi concorrenti non inferiore a quaranta. Detto della scelta di privilegiare applicativi compatibili con le basi dati cartografiche già in uso al SIT (ESRI), punti qualificanti per l'individuazione della Ditta fornitrice, oltre il rispetto delle specifiche tecniche e l'idoneità dei prodotti offerti, sono: numero di referenze significative (progettazione di sistemi GIS per Enti Pubblici, con particolare riferimento alle Amministrazioni Provinciali) numero di realizzazione di progetti analoghi a quello in descrizione, ed il possesso della qualifica di "ESRI Business Partner" per i prodotti offerti. essere Authorized Developer ESRI ITALIA. Quando il progetto sarà a regime è ipotizzabile l'interesse, da parte dei vari soggetti pubblici, di conferire cartografia digitale da 'pubblicare'. Il conferimento potrebbe risultare oneroso, per gli addetti al SIT provinciale, in quanto, stante l'eterogeneità del software del mondo pubblico e professionale e la non elevata cultura in materia di GIS, ci si potrebbe trovare di fronte alla più disparata varietà di formati ed organizzazione di dati, criteri di georeferenziazione, problemi topologici, informazioni associate, ecc., tali da far prevedere pesanti operazioni di recupero dati. Nello sviluppo del progetto occorre quindi assumere l'atto d'indirizzo regionale (2.2) quale riferimento al quale gli enti interessati alla 'pubblicazione dati' dovranno attenersi per presentare il dato in una forma accettabile. Cartografia in rete 16

17 3. Il Progetto Il progetto in esame prevede la divulgazione e diffusione di dati di interesse per un'ampia gamma di possibili fruitori, tra i quali: i vari Servizi ed Uffici della Provincia che operano sul territorio; i Comuni e gli Enti territoriali; un'utenza vasta, estesa, costituita dai diversi operatori tecnici e dai privati cittadini. L'obiettivo del progetto consiste nell'organizzazione e pubblicazione via web dell'insieme dei dati digitali, di pubblico interesse, disponibili presso il Sistema Informativo Territoriale Obiettivi specifici L'attività alla base del progetto prevede la raccolta, la standardizzazione e la pubblicazione interattiva dei temi utili alla definizione del quadro conoscitivo necessario e propedeutico alla redazione degli strumenti di Pianificazione Territoriale. Tale attività dovrà concretizzarsi in un "sistema", costituito da strumenti informatici (hardware e software), banche dati e risorse idonee, che consenta la consultazione, via Internet, dei dati territoriali trattati (e degli eventuali dati alfanumerici collegati). Il prodotto, risultato del progetto, dovrà anche costituire il primo passo verso la possibilità di lavorare a distanza per i vari soggetti coinvolti nella gestione del territorio. Gli obiettivi specifici del progetto si possono individuare in: aumentare il livello di conoscenza del territorio, sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, tramite la pubblicazione delle banche dati a valenza territoriale disponibili; migliorare l'efficienza del Servizio Cartografico della Provincia di Reggio Emilia, grazie all'introduzione di procedure automatizzate di recupero e pubblicazione delle informazioni; potenziare, numericamente e qualitativamente, gli strumenti di lettura del territorio messi a disposizione sia degli utenti interni agli Enti operanti sul territorio, sia degli operatori privati; coordinare ed integrare lo scambio informativo tra i diversi attori, sia interni che esterni alle P.A. locali, che agiscono sul territorio provinciale; velocizzare il servizio offerto, riducendo il tempo impiegato nello scambio delle informazioni; permettere il trasferimento dei dati, da e verso l'ente gestore degli stessi, in tempo reale; favorire la cooperazione ed il lavoro di gruppo fra più soggetti, istituzionali e non, tramite lo scambio di informazioni digitalizzate e la compartecipazione di più attori ai progetti; creare una piattaforma tecnologica comune per permettere la pubblicazione di informazioni e cartografia tramite il SIT della Provincia di Reggio Emilia anche agli altri Enti operanti sul territorio provinciale, mediante una gestione decentrata e distribuita. Cartografia in rete 17

18 3.2. Schedulazione delle attività di progetto Si è pensato di suddividere il progetto in 3 fasi, al fine di ottimizzare la schedulazione delle attività ed implementare i servizi e la piattaforma tecnologica in step successivi ed in modo progressivo: 1. creazione di un "portale" per pubblicazione e ricerca, sulle basi cartografiche del SIT della Provincia di Reggio Emilia, dei temi di maggior interesse che riguardano il territorio provinciale; 2. implementazione di un GeoDataServer e "migrazione" delle banche dati verso questa nuova struttura; 3. introduzione di forme di cooperazione e collaborazione attiva, con altri Enti, per una sperimentazione del "lavoro a distanza". Le prime due fasi potrebbero partire contemporaneamente e potrebbero essere condotte in parallelo, anche se sviluppate con 'velocità' diverse; la terza fase potrebbe essere attivata successivamente, in funzione dell'evoluzione del progetto e del grado di soddisfacimento degli utenti e dei destinatari delle informazioni. Pur ribadendo gli obiettivi individuati nel progetto preliminare, riconducibili alla pubblicazione di un certo numero di temi cartografici, lo scopo finale che si intende conseguire è la definizione di una piattaforma e di una infrastruttura tecnologica che possano permettere, nel tempo e con uno sviluppo modulare, di rendere visibili, via Internet, nuove banche dati al fine di accrescere sempre più il quadro conoscitivo degli elementi cartografici e territoriali. L'introduzione di forme di cooperazione e collaborazione a distanza con altri Enti, non era stata inclusa nel progetto iniziale, ma si ritiene costituisca un obiettivo da non sottovalutare o escludere a priori, soprattutto nell'ambito dei progetti attuali del Piano telematico Provinciale e del Piano di e-gov che vedono nella Provincia il soggetto promotore, coordinatore e gestore, a livello territoriale, di un insieme di servizi strategici e di attività comuni. I motivi che hanno indotto a suddividere il progetto in fasi si possono riassumere come segue: esiste una forte necessità, da parte del SIT della Provincia di Reggio Emilia, di pubblicare in tempi molto ristretti alcuni dei temi identificati dal progetto del Piano Telematico Provinciale; esiste una forte richiesta, da parte degli utenti del progetto, di ottenere in tempi brevi i dati cartografici in formato digitalizzato; la predisposizione di CD con le informazioni cartografiche di cui al punto precedente, richiede un notevole impegno, in termini di tempo e risorse umane, che distoglie gli operatori del SIT dalle altre attività istituzionali; la possibilità di diffondere le medesime informazioni via Internet migliorerebbe enormemente il servizio reso agli utenti, riducendo l'onere connesso con la distribuzione manuale ed estemporanea (in quanto evidentemente non programmabile); le soluzioni tecniche presenti sul mercato consentono la divulgazione / diffusione di banche dati cartografiche, via Internet, anche indipendentemente dall'implementazione di un GeoDataServer; la predisposizione di una struttura che contempli un GeoDataServer richiede un aggiornamento dei prodotti software utilizzati ed una conseguente formazione dei tecnici preposti all'utilizzo di tali strumenti; prevede, inoltre, la predisposizione di una piattaforma hardware e software che richiede tempi di implementazione più lunghi rispetto a Cartografia in rete 18

19 quanto strettamente necessario alla semplice pubblicazione della cartografia; l'adozione di un approccio che preveda un GeoDataServer risulta comunque estremamente utile per gestire la multiutenza e la modifica dei dati: deve essere possibile la gestione del "lock", eventualmente anche di lungo periodo, dei record su cui si sta lavorando; un GeoDataServer, basato su di un RDBMS standard e non proprietario, può essere collegato con i vari database gestionali degli Enti; con un GeoDataServer si possono implementare controlli più efficienti sui dati: si potranno gestire sia i controlli a livello applicativo, sia i controlli a livello di RDBMS; le banche dati organizzate secondo una struttura logica di GeoDataServer possono essere incluse nelle normali routine di backup dell'amministratore del sistema, aumentando quindi la sicurezza nella conservazione dei dati Cartografie ed informazioni da pubblicare Al fine di conseguire gli obiettivi che il progetto si pone, è indispensabile definire le informazioni da pubblicare che, in prima analisi, possono essere individuate in: CTR/CGU, Carte Topografiche, ortofoto, strati topografici; temi che riguardano la pianificazione e la tutela del territorio a livello regionale e provinciale (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Piano Infraregionale delle Attività Estrattive, Piano provinciale di localizzazione dell'emittenza radio e televisiva, ecc.); temi che riguardano la pianificazione e la tutela del territorio a livello comunale (Osservatorio Urbanistico, PRG Comunali, Catasto delle linee e degli impianti elettrici con tensione uguale o superiore a 15 KV, ecc.); i piani settoriali (Censimento delle aree degradate e da attività estrattive pregresse, Stazioni Radio Base, Piano faunistico venatorio provinciale, Piano infraregionale smaltimento rifiuti, Cartografia del Parco regionale del Gigante e del Parco Nazionale dell'appennino Tosco-Emiliano, Catasto Strade, Carta forestale, ecc.) Si rimanda al Capitolo 9 per l'elenco dettagliato delle cartografie digitali delle quali si prevede la pubblicazione, nell'ambito del presente progetto. Nella Tabella 1, riportata nella pagina seguente, sono sintetizzate le informazioni essenziali relative alle singole cartografie digitali. Cartografia in rete 19

20 Dato Tipo file Cartografie oggetto di pubblicazione Proprietà Disponibilità Tipo Geo DB Image DOC CTR/CGU Regione E-R Provincia Comune RE- A.G.A.C. ok Raster Carte Topografiche della Provincia (1: :50.000) Provincia ok Raster TIFF Ortofoto "Programma IT2000" Licenza C.G.R. Acquisizione Raster TIFF Strati topografici delle entità territoriali Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x PTCP - Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x x PIAE - Piano Infraregionale Attività Estrattive Provincia Elaborazione Vettoriale SHAPE/Dwg x x x Piano Provinciale di localizzazione dell'emittenza radio-televisiva Provincia Elaborazione Vettoriale SHAPE/Dwg x Osservatorio Urbanistico (Mosaico dei PRG) Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x x Catasto delle linee e degli impianti elettrici con tensione >= 15 KV Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x x Censimento delle aree degradate da attività estrattive pregresse Provincia ok Vettoriale Proprietario x x Stazioni Radio Base Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x x x Piano Faunistico-Venatorio Provinciale Provincia Sospeso Vettoriale SHAPE/Dwg x PISR - Piano Infraregionale Smaltimento Rifiuti Provincia Elaborazione Vettoriale SHAPE/Dwg x Cartografia del Parco Nazionale dell'appennino Tosco-Emiliano Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x x Catasto Strade Provincia Elaborazione Vettoriale SHAPE x Carta Forestale Provincia ok Vettoriale SHAPE/Dwg x TIFF Tabella 1 Cartografia in rete 20

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

IL CONTESTO IN EMILIA-ROMAGNA. Le attività per l informazione geografica

IL CONTESTO IN EMILIA-ROMAGNA. Le attività per l informazione geografica ATTIVITA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER L INFORMAZIONE GEOGRAFICA Basi dati topografiche e infrastruttura GIS Stefano Olivucci Regione Emilia-Romagna Sistemi Informativi Geografici 1 IL CONTESTO internazionale

Dettagli

dalla mappa al satellite

dalla mappa al satellite Di dalla mappa al satellite Ridotto Teatro Cagnoni Di il responsabile S.I.T. di il responsabile S.I.T. di Di sistemi informativi territoriali, varie definizioni e acronimi: S.I.T. - G.I.S. - Geographical

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE CONVENZIONE TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FERRARA - CONSORZIO GENERALE DI BONIFICA DELLA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA - REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA

Dettagli

9. PROGETTIAMO UN GIS

9. PROGETTIAMO UN GIS 9. PROGETTIAMO UN GIS 9.1 Introduzione Abbiamo approfondito nei capitoli precedenti le singole componenti di un SIT, le funzioni necessarie nelle diverse fasi di elaborazione dei dati, la generazione di

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Coordinamento e supervisione: Cavazza Claudio

Coordinamento e supervisione: Cavazza Claudio Popolamento, in aree pilota, di un database cartografico delle attività del Servizio e sperimentazione sulla catalogazione e distribuzione del dato, attraverso l'infrastruttura cartografica regionale Incaricato:

Dettagli

Funzionalità della piattaforma GIS

Funzionalità della piattaforma GIS Funzionalità della piattaforma GIS 1. Introduzione I GIS sono strumenti evoluti per l archiviazione, la gestione e l analisi di dati spaziali di natura eterogenea; servono per creare un modello rappresentativo

Dettagli

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica Comune di Empoli Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica VARIANTE PARZIALE DI MINIMA ENTITÀ AL VIGENTE REGOLAMENTO URBANISTICO RU PER L INFORMATIZZAZIONE DELLA STESSO CON TECNOLOGIA GIS,

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI UFFICIO DEL PIANO EX ART. 12 L.R. 9/86 NODO PROVINCIALE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE LE INIZIATIVE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI NEL CAMPO DEI SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 } La Regione Emilia-Romagna dal 1986 è detentrice di un censimento delle attività estrattive a scala regionale } a tale fine era stato predisposto

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

La tecnologia GIS Roberto Cavallin

La tecnologia GIS Roberto Cavallin La tecnologia GIS Roberto Cavallin Dati territoriali L art. 59 del Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) definisce i dati territoriali come: qualunque informazione geograficamente localizzata Secondo

Dettagli

Gestione del Territorio

Gestione del Territorio Il Sistema Informativo Territoriale Halley (SITH) Consultazione immediata delle informazioni collegate ai residenti, ai tributi pagati (Tares, Imu, ecc.), alle pratiche edilizie rilasciate e alle attività

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio

Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio Alessandro Corrias Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica Direzione Generale

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE

IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE IL SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO INTEGRATO DEL TERRITORIO SENESE Paolo Menicori responsabile del SIT dell Amministrazione Provinciale di Siena - tel. 0577/241457 fax 0577/241470 e-mail menicori@provincia.siena.it

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana L anno 2011 nel giorno del mese di 2011, in Firenze, presso la sede di Uncem Toscana posta in via Cavour n 15, sono presenti,

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI UFFICIO DEL PIANO EX ART. 12 L.R. 9/86 NODO PROVINCIALE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE PRESENTAZIONE BANCADATI CARTOGRAFICA E TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna

Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna 1 Il Servizio informativo e cartografico regionale della Sardegna L informazione territoriale regionale, i servizi, le attività e i progetti in corso o conclusi nel 2008. 2 Introduzione La Regione Autonoma

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Il team di progetto Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 Palermo Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico Sistema GAIA Sistema informativo di governo dell Ambiente e

Dettagli

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci)

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci) Il GIS per il monitoraggio del territorio................. (Mattia Michelacci) PROGETTAZIONE DEL GIS L obiettivo di questo progetto è quello di realizzare un archivio digitale condivisibile e incrementabile

Dettagli

Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese. Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T.

Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese. Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T. Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T. 1 Nel corso del 2008, l Ufficio S.I.T. ha presentato un progetto per la realizzazione del Sistema

Dettagli

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...)

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...) sommario tenuta e composizione dei registri inventariali atti di provenienza descrizione (anagrafica) classificazione (attribuzione categoria inventariale) attribuzione di valore conto del patrimonio variazioni

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento

Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento Il programma delle attività di supporto per la realizzazione del progetto Sistema Cartografico di Riferimento Regioni Ob. 1 Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali

Dettagli

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Abstract La Lr 12/2005 di Regione Lombardia istituisce

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Rocco Mari, Pietro d Amico,Paola Napolitano, Giuseppe Palma, Fortunato Sgariglia, Marco Soravia Provincia di Napoli - Direzione

Dettagli

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino.

L accesso all abitazione rimane infatti un servizio insostituibile, che deve essere garantito ad ogni cittadino. La riforma federalista ha accresciuto le responsabilità e i compiti delle Regioni e dei Comuni. Con la riforma del regime delle locazioni (L. 431/98) è stato istituito l Osservatorio Nazionale sulla Condizione

Dettagli

4 Il WebGIS del Progetto IFFI

4 Il WebGIS del Progetto IFFI 4 Il WebGIS del Progetto IFFI A. Trigila, C. Iadanza Conoscere le frane, la loro ubicazione e pericolosità, rappresenta un attività indispensabile per la realizzazione di nuove reti infrastrutturali (autostrade,

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità Stefano Olivucci LA CARTA GEOGRAFICA COMUNALE - Riccione, 2007 1 ARGOMENTI Alcuni spunti relativi ad una serie di

Dettagli

Cartografia digitale

Cartografia digitale Cartografia digitale Cartografia digitale Paolo Zatelli Departimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 30 Cartografia digitale Outline

Dettagli

L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE

L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE L INNOVAZIONE DEI SERVIZI COMUNALI ON LINE PROGETTO INNOVA@SC.ONLINE Avviso per il cofinanziamento di progetti proposti dalle Alleanze Locali per l Innovazione (ALI) pubblicato sulla G.U. n 31 del 7/2/2007

Dettagli

Il Sistema Informativi Territoriale di Arpa Emilia-Romagna: accesso ai dati e loro diffusione

Il Sistema Informativi Territoriale di Arpa Emilia-Romagna: accesso ai dati e loro diffusione Il Sistema Informativi Territoriale di Arpa Emilia-Romagna: accesso ai dati e loro diffusione Monica Carati mcarati@arpa.emr..it come è nato dall esigenza di organizzare e distribuire dati cartografici

Dettagli

La cartografia delle Alpi sul portale del CAI Club Alpino Italiano

La cartografia delle Alpi sul portale del CAI Club Alpino Italiano La cartografia delle Alpi sul portale del CAI Club Alpino Italiano Monica Brenga*, Massimo Zotti** *CAI, Club Alpino Italiano, sezione Lombardia - brenga@virgilio.it **Planetek Italia s.r.l., Via Massaua

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia Sistemi tecnologici e cooperazione interistituzionale per il governo del territorio MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

Quando Il GIS può intervenire in tutte le fasi della pianificazione quale STRUMENTO di SUPPORTO.

Quando Il GIS può intervenire in tutte le fasi della pianificazione quale STRUMENTO di SUPPORTO. GIS Le attività di pianificazione e gestione presuppongono l'utilizzo di un gran numero di informazioni. I dati raccolti devono essere analizzati e rappresentati per meglio cogliere le loro specificità.

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'- CESENA Servizio Sistema Informativo Ufficio GIS

PROVINCIA DI FORLI'- CESENA Servizio Sistema Informativo Ufficio GIS PROVINCIA DI FORLI'- CESENA Servizio Sistema Informativo Ufficio GIS ARCHITETTURA GIS PER LA GESTIONE, CONDIVISIONE E PUBBLICAZIONE DEI DATI CARTOGRAFICI PROVINCIA DI FORLI'- CESENA Servizio Sistema Informativo

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 7 aprile 2004 - Deliberazione N. 560 - Area Generale di Coordinamento N. 16 Gestione del Territorio Tutela beni paesistico-ambientali

Dettagli

GOLSIT SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE

GOLSIT SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GOLSIT SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GOLSIT è un software ideato per collegare la cartografia comunale in modo dinamico a qualsiasi dato gestito dai vari uffici; risulta perfettamente integrato con

Dettagli

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n.

UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO. Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. UNIVERSITA AGRARIA DI TARQUINIA PROVINCIA DI VITERBO Piano triennale per la trasparenza e l integrità (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo 2013 n. 33) PREMESSA Con il presente programma triennale per la trasparenza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

GISNET Toscana Costa

GISNET Toscana Costa GISNET Toscana Costa Descrizione del Progetto realizzato RELAZIONE FINALE SUI PRODOTTI DOCUP TOSCANA Obiettivo 2 2000/2006 Area: Obiettivo 2 ASSE: II - Qualificazione territoriale Misura: 2.8. - Azioni

Dettagli

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO

CORSI E SEMINARI DI FORMAZIONE SIT Comunali e Open Source IL CASO CONCRETO DEL COMUNE DI SOLARO mercoledì 8 ottobre 2014 // Centro Studi PIM - Villa Scheibler a cura di Angelo Armentano L integrazione dei dati nella LR 12/2005 d Informatizzazione degli strumenti urbanistici, e delle procedure ad

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio

L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio Gianni Guerrieri Direttore Osservatorio mercato immobiliare e servizi estimativi Agenzia del Territorio Cosa è l Osservatorio

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

Presentazione e curriculum professionale.

Presentazione e curriculum professionale. Presentazione e curriculum professionale. Paolo Gatti è un libero professionista che dal 1997 opera al servizio di Enti, public utilities e società private fornendo consulenza e servizi per l informatizzazione

Dettagli

Schede sintetiche applicazioni web e desktop SITR-IDT

Schede sintetiche applicazioni web e desktop SITR-IDT Schede sintetiche applicazioni web e desktop SITR-IDT Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR-IDT) Creatore Schede sintetiche applicazioni web e desktop SITR-IDT Servizio SITR Data 05/03/12 Soggetto

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

31 del D.Lgs. 267/00..

31 del D.Lgs. 267/00.. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE UN SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE TRA I COMUNI DI MEZZANE DI SOTTO, SAN GIOVANNI LUPATOTO E SAN MARTINO BUON ALBERGO Premesso che i comuni di Mezzane di Sotto

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

http://ecologia.regione.puglia.it

http://ecologia.regione.puglia.it http://ecologia.regione.puglia.it Indice Introduzione... 03 Struttura del Nuovo Portale Ambientale... 06 Novità... 07 La Struttura dei contenuti: sezioni e categorie... 08 La Home Page... 09 I Servizi

Dettagli

Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID

Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID Implementazione sperimentale di un Geo Database secondo le specifiche in corso di discussione (Gruppo di lavoro WG01 documento 1n 1006) e traduzione di alcune

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale

Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale Il valore dell esperienza di collaborazione tra la Provincia di Ferrara ed i Comuni nella prospettiva del costruendo federalismo fiscale comunale Sala di Consiglio Provinciale CASTELLO ESTENSE - Ferrara,

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il sistema GIS Contenuti della comunicazione: Gli strumenti

Dettagli

1 Introduzione. L idea dell informazione diffusa per arrivare ad una Società dell informazione è alla base dell odierno concetto di globalizzazione che vede in Internet il suo mezzo propulsivo per eccellenza.

Dettagli

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano.

Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Il SIT integrato della Comunità Montana Valtellina di Tirano. Giovanni Di Trapani(*), Franco Guzzetti (**) e Paolo Viskanic (***) *) Comunità Montana Valtellina di Tirano, Via Maurizio Quadrio 11, I-23037

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli