ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA. Linee Guida alle Tecniche di Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA. Linee Guida alle Tecniche di Project Management"

Transcript

1 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

2 Indice degli Argomenti Definizioni Contesto organizzativo Ciclo di vita del progetto Processi del Project Management Aree di conoscenza Modello metodologico Pianificazione Budget Esecuzione Obiettivi e tecniche di controllo Distribuzione temporale dei dati economici Cash Flow

3 Definizioni PROGETTO Piano di lavoro ordinato e particolareggiato per eseguire un qualcosa Sostantivo maschile dal verbo Progettare, dal latino proiectare intensivo di proicere, gettare avanti Pro, davanti, indica estensione nello spazio e nel tempo. Iacere gettare

4 Definizioni PROGETTO Una combinazione di risorse e di fattori organizzati, uniti temporaneamente per raggiungere un obiettivo unico e definito con vincoli di tempo, di costo e di risorse; Un insieme di attività che originano un cambiamento nella cultura aziendale ed uno sviluppo delle professionalità, dei sistemi, e dell organizzazione; Un complesso sforzo innovativo che comporta compiti interrelati eseguiti da varie unità organizzative con obiettivi, risorse, temi e budget definiti seppur dinamicamente variabili; Un processo legato ad un arco di vita non ciclico, necessario per raggiungere specifici obiettivi aziendali definiti e inusuali; Un reticolo di impegni reciproci e comunicazioni trasversali alle funzioni coinvolte; Un approccio metodologico organizzato per fasi e teso al raggiungimento di un obiettivo prefissato in un contesto; Un programma: un insieme di progetti, attività e risorse coordinate ed organizzate in modo da pervenire ad un obiettivo o meta comune; Un attività: indicazione specifica per passare da una situazione ad un altra nell ambito di un determinato programma.

5 Definizioni PROGETTO Insieme di tutte le attività richieste per il raggiungimento di un obiettivo non continuo né ricorrente mediante il coordinamento di apporti specialistici controllando, durante tutto il lavoro, che l obiettivo sia raggiunto a predeterminate condizioni.

6 Definizioni PROJECT MANAGEMENT GOVERNO del PROGETTO Insieme delle attività di coordinamento del progetto mediante l applicazione di conoscenze, abilità, strumenti e tecniche alle attività di progetto per soddisfare i requisiti del progetto stesso. Risultato di attivitàgestite, o sviluppate, in un arco temporale definito; Conoscenza del problema ma non delle soluzioni; Richieste conflittuali su contenuto, tempi costi, rischi e qualità; Esigenze e aspettative diverse dei cointeressati; Requisiti definiti; Obiettivi differenziati dal rapporto costo/beneficio; Qualità, terzo incomodo, maggiore efficacia e migliore produttività;

7 Definizioni PROJECT MANAGEMENT Modalità di gestione delle risorse, organizzate e distribuite nel tempo, focalizzate al raggiungimento di obiettivi definiti, non ripetitivi né usuali. Fattori critici Conoscenza della filosofia di base; Disponibilitàa cooperare; gestione integrata delle risorse; Definizione di ruoli e competenze; Allocazione dinamica delle risorse in base alle priorità; Sistemi di controllo; Capacità di previsione; Tempestivitàdell informazione anche a scapito della precisione.

8 Definizioni PROJECT MANAGER E l unico responsabile perché detentore delle leve di comando del progetto, ottenute con inequivocabile delega aziendale. Rappresenta la massima espressione di efficacia ed efficienza aziendale in tutti i suoi aspetti: immagine, rispetto delle norme, prassi e procedure, capacità tecnica/gestionale, gestione degli imprevisti; Richiede ed ottiene che gli impegni si trasformino in azioni integrate e coordinate; Ha la capacità di cogliere punti di forza e di debolezza, creare fiducia nel Gruppo di Progetto ed all interno dell Azienda; Mantiene un accordo fra tutti gli interessati al progetto, trasformando le individualità in un gruppo motivato ed impegnato su un unico traguardo; Ha il compito di costituire ed attivare il Gruppo di Progetto: criteri di scelta. Il Project Manager è un COMUNICATORE

9 Definizioni GRUPPO DI PROGETTO Raggruppamento temporaneo di risorse direttamente coinvolte nella gestione delle attività di progetto

10 Definizioni COINTERESSATI Persone e/o Organizzazioni attivamente coinvolte nel progetto o i cui interessi possono essere influenzati in modo positivo o negativo a seconda dei risultati dell esecuzione o del completamento del progetto I Cointeressati possono anche influire sul progetto e sui suoi risultati. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

11 Contesto Organizzativo Struttura Funzionale Struttura gerarchica nella quale ogni dipendente ha un superiore distinto Il personale è diviso per competenza. Le attività sono raggruppate in unità ben distinte tutte operanti nel proprio settore di specializzazione. Il contenuto e lo sviluppo del progetto è limitato di confini delle singole funzioni.

12 Contesto Organizzativo Struttura Divisionale Organizzazione su più livelli dove le funzioni operano all interno, o al di sotto, delle divisioni all interno delle quali è identificato l obiettivo aziendale E anche conosciuta come Organizzazione progettuale. La maggior parte delle risorse è impegnata in attività di progetto. E tipica delle aziende che identificano il prodotto con la divisone. Ogni linea di prodotto è gestita dalla divisione competente in funzione del proprio obiettivo.

13 Contesto Organizzativo Struttura a Matrice Organizzazione rappresentata da un incrocio tra organizzazione funzionale e organizzazione divisionale Coesistenza di due linee di dipendenza. Le linee di dipendenza gerarchica, o verticale, sono determinate dalla struttura aziendale stabile; Le line di dipendenza funzionale, od orizzontali, costituiscono le strutture temporanee (GdP) per la gestione del progetto. Lungo le linee orizzontali corre il risultato, lungo le linee verticali la disciplina gerarchica. Il nodo della matrice è il gestore, l area intorno il GdP.

14 Contesto Organizzativo Struttura a Matrice Ente A Ente B Ente C Ente D Progetto 1 Progetto 2 Unita operativa di progetto Dipendenza Gerarchica Progetto 3 Dipendenza Funzionale

15 Ciclo di vita del Progetto Per gestire, controllare e collegare il progetto a ciascuna attività operativa, in genere, il progetto è suddiviso in fasi. Nel loro insieme, le fasi di un progetto rappresentano il ciclo di vita di progetto Ogni Progetto ha un proprio ciclo di vita un inizio ed una fine bassi costi e bassi livelli di personale all inizio, crescenti nell intermedio, in diminuzione alla fine all inizio probabilitàdi riuscita minime, rischi e incertezze massimi probabilitàdi successo proporzionale all avanzamento massime possibilità, all inizio, di influenzare le caratteristiche del prodotto sempre minori all avanzare del progetto

16 Ciclo di vita del Progetto Ciclo di vita generico Costi e manodopera Fase Iniziale Fase Intermedia Fase Finale Inizio Tempo Fine PMI - Guida al PMBOK Ed 200

17 Ciclo di vita del Progetto 100 % Ciclo di vita per fasi Completamento Lavori Operatività % Avanzamento Avvio Impegno Contratti 0% Fattibilità Fase I Fase II Fase III Fase IV Pianificazione e Progettazione Realizzazione Messa in Esercizio PMI - Guida al PMBOK Ed 200

18 Processi del Project Management I gruppi di processi Ogni progetto è composto da processi: una serie di azioni che conducono ad un risultato Inizio: si autorizza l inizio di un progetto o di una fase. Pianificazione: si definiscono e ridefiniscono gli obiettivi e si sceglie il percorso migliore per conseguirli. Esecuzione:si effettua il coordinamento delle risorse, umane e non, al fine di completare il progetto. Controllo: si assicura che gli obiettivi siano raggiunti, monitorando e misurando regolarmente l andamento del progetto per identificare gli eventuali scostamenti, in modo da mettere in atto le eventuali misure correttive. Chiusura: si formalizza l accettazione del progetto, o della fase, e se ne determina la chiusura. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

19 Processi del Project Management Relazioni tra i gruppi di processi Inizio Pianificazione Controllo Esecuzione Chiusura PMI - Guida al PMBOK Ed 200

20 Processi del Project Management Interazione tra processi I gruppi di processi sono legati dai risultati prodotti. Il risultato di un processo può divenire l input per un altro. I legami tra gruppi di processi spesso sono di natura iterativa. Attività Processi Esecutivi Processi di Inizio Ufficiale Processi di Pianificazione Processi di Controllo Processi di Chiusura Inizio Tempo Fine PMI - Guida al PMBOK Ed 200

21 Aree di Conoscenza Le Aree di Conoscenza del Project Management Ogni processo appartiene ad un area di conoscenza. Contenuto: un progetto deve includere tutto e soltanto il lavoro richiesto per la completa riuscita del progetto. Tempi: un progetto deve essere realizzato nei tempi previsti. Costi: un progetto deve essere completato nei limiti del preventivo approvato. Qualità: un progetto deve soddisfare i requisiti per i quali è stato intrapreso. Risorse Umane: assicura la massima efficacia dell impiego del personale coinvolto. Comunicazione: assicura la puntuale e appropriata produzione, raccolta e distribuzione delle informazioni di progetto. Rischio: identifica, analizza e ricerca la piùcorretta risposta ai rischi di progetto. Approvvigionamento: determina l acquisizione di beni e servizi per conseguire il contenuto di progetto dall esterno dell organizzazione. Integrazione: assicura il corretto coordinamento dei vari elementi del progetto. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

22 PMI - Guida al PMBOK Ed 200 Gruppi di Processi Relazioni fra i Processi e le Aree di Conoscenza Inizio Pianificazione Esecuzione Controllo Chiusura Aree di Conoscenza Gestione dell'integrazione di Progetto Sviluppo del Piano di Progetto Esecuzione del Piano Progetto Controllo Integrato delle Modifiche Gestione del Contenuto di Progetto Inizio Ufficiale Pianificazione del Contenuto Definizione del Contenuto Verifica del Contenuto Controllo delle Modifiche del Contenuto Gestione dei Tempi di Progetto Definizione delle Attività Ordine di Esecuzione delle Attività Stima delle durate delle Attività Sviluppo della Schedulazione Controllo della Schedulazione Gestione dei Costi di Progetto Pianificazione delle Risorse Stima dei Costi Allocazione dei Costi Controllo dei Costi Gestione della Qualità di Progetto Pianificazione della Qualità Assicurazione della Qualità Controllo Qualità Gestione delle Risorse Umane di Progetto Pianificazione Organizzativa Acquisizione del Personale Sviluppo del Gruppo di Progetto Gestione delle Comunicazioni di Progetto Pianificazione delle Comunicazioni Distribuzione dell'informazione Rendicontazione dei Risultati Chiusura Amministrativa Gestione del Rischio di Progetto Pianificazione della Gestione del Rischio Identificazione del Rischio Analisi Qualitativa del Rischio Analisi Quantitativa del Rischio Pianificazione della Risposta del Rischio Monitoraggio del Rischio Gestione dell'approvvigionamento di Progetto Pianificazione dell'approvvigionamento Pianificazione dell'invito Invito Selezione dei Fornitori Amm.ne di Contratto Chiusura di Contratto

23 Modello Metodologico Necessità di organizzazione interna, esigenze esterne, cultura aziendale, conducono alla definizione di un Modello Metodologico che sappia e possa soddisfare le esigenze aziendali La definizione di un modello è a tutti gli effetti un progetto Ogni azienda, partendo da un analisi interna, predispone o ridefinisce il proprio modello attraverso fasi e step successivi quali: l impostazione, la progettazione, la realizzazione. Il rilascio Il modello deve essere condiviso da parte di tutta la struttura organizzativa aziendale Devono essere capitalizzati i lavori precedenti e le esperienze maturate Devono essere rispettate le logiche di funzionamento ed i collegamenti tra i vari sistemi aziendali La definizione del modello comporta la ricerca, l analisi e la valutazione di tutte le problematiche organizzative, informative di comunicazione e tecnologiche che possono inficiare la validità e l applicabilitàdel modello Il modello deve essere applicabile a tutta la realtà aziendale La definizione del modello di riferimento deve essere completo di ruoli, responsabilità ed interfacce

24 Modello Metodologico DEFINIRE IL MODELLO AZIENDALE VUOL DIRE MEDIARE E fondamentale trovare la giusta misura tra le esigenze interne (azienda) ed esterne (cliente), gli obiettivi del singolo e dell azienda, semplicitàe linearitàdei dati gestiti (input, output, consuntivo. Risultato della mediazione è l ottimizzazione di un modello funzionale che pur rispondendo alle richieste dell utente (azienda, cliente, GdP, enti di controllo) mantiene la propria univocità e, quindi, la massima semplicitàdei sistemi aziendali che risulteranno facilmente applicabili a progetti di dimensioni e complessitàvariabili. L avvio del modello è un momento critico in quanto impatta sulla struttura aziendale in termini di organizzazione,ed operatività. Esso implica una precisa modifica delle prassi e metodologie di cui l Azienda si era dotata e che non può essere ostacolata. E fondamentale che il rilascio venga pianificato ed assistito dal management (confronto con la realtà aziendale, rilascio controllato).

25 Pianificazione Principali Processi di Pianificazione Personale Stima delle durate delle Attività Beni e Servizi Pianificazione del contenuto Sviluppo della programmazione Pianificazione Qualità Contenuto Piano di Progetto Lavori e servizi da fornire come progetto Definizione del contenuto Pianificazione delle Risorse Assicurazione Qualità Documento guida per l esecuzione ed il controllo del progetto Definizione delle Attività Stima dei Costi Identificazione del Rischio Ordine di esecuzione delle Attività Allocazione dei Costi Analisi del Rischio

26 Pianificazione Contenuto di Progetto il lavoro necessario per fornire un prodotto con le caratteristiche e le funzioni richieste Un progetto ha come risultato un singolo prodotto. Pianificare il contenuto di un progetto significa: Specificare la necessità del business che ha determinato la scelta del progetto Descrivere il prodotto. Definire i deliverable di progetto la cui realizzazione determina il completamento del progetto. Identificare e quantificare i criteri che devono essere osservati perché il progetto si concluda con successo. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

27 Pianificazione Piano di progetto Documento formalmente approvato, utilizzato per guidare sia l esecuzione che il controllo di un progetto. Gli obiettivi principali del piano di progetto sono di documentare i presupposti e le decisioni di pianificazione, di facilitare la comunicazione tra i cointeressati e di documentare le linee base approvate dello scopo, dei costi e della schedulazione di progetto. Il piano di progetto può essere riassuntivo o dettagliato. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

28 Pianificazione Personale: identificazione, documentazione e assegnazione di ruoli, responsabilità e relazioni gerarchiche Pianificazione del contenuto: enunciato del contenuto di progetto. Definizione del contenuto: suddivisione dei principali deliverable in componenti più piccoli e gestibili. Definizione delle Attività: identificazione delle attività da svolgere per produrre i deliverable. Ordine di esecuzione delle Attività: identificazione delle relazioni logiche di interattività. Stima della durata delle attività: stima del numero di periodi di lavoro necessari al completamento delle attività Sviluppo della programmazione: analisi dell ordine di esecuzione delle attività, della loro durata e risorse. Pianificazione delle Risorse: determinazione delle risorse e delle rispettive quantità necessarie. Stima dei costi: sviluppo del costo delle risorse. Principali Processi di Pianificazione Allocazione dei costi: attribuzione dei costi alle singole attività. Beni e Servizi: identificazione di quali beni e servizi acquisire e quando. Pianificazione Qualità: identificazione degli standard di qualità e determinazione del modo per soddisfarli. Assicurazione Qualità: valutazione dell andamento del progetto perché vengano rispettati gli standard. Identificazione del Rischio: insieme delle decisioni su come affrontare e pianificare le attività di gestione del rischio. Analisi del Rischio: qualitativa per determinare le priorità degli effetti e quantitativa per misurare probabilità, conseguenze e implicazioni sul progetto. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

29 Pianificazione Work Breakdown Structure (WBS) Struttura Gerarchica di Scomposizione E un raggruppamento delle componenti di progetto basato sui deliverable che definisce e organizza il contenuto totale di progetto La preventivazione, il budget, la pianificazione iniziale ed in corso d opera, la consuntivazione dei dati, la gestione dei contratti attivi e passivi sono collegati e governati all interno della struttura gerarchica di scomposizione. La scomposizione di una generica attività circoscritta da due eventi (inizio, fine) può svolgersi in un infinità di modi dipendenti dai criteri a dalle finalità dell operazione di spacchettamento. Il risultato di questo processo sarà il moltiplicarsi di attività sempre più di dettaglio rispetto a quella di partenza e pertanto in dipendenza gerarchica da quest ultima: scomposizione padre-figlio. La finalità dell operazione di scomposizione risiede nell individuare il livello di scomposizione più basso, livello di controllo, i cui elementi vengono definiti Work Package, Pacchetti di Lavoro.

30 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Pianificazione Work Breakdown Structure (WBS) Struttura Gerarchica di Scomposizione Progetto Ingegneria Generale Forniture Costruzione Civile Meccanica Elettro Strumentale Strade e Piazzali Edificio Uffici Magazzino Corpo Fabbrica

31 Pianificazione Struttura di Scomposizione Tipologie di strutture elementari È possibile, e sempre metodologicamente corretto, ottenere la propria WBS dall insieme di più strutture elementare che, pur contenendo tutto il patrimonio informativo aziendale, risultano indipendenti da qualsiasi tipologia di progetto. Tali strutture devono essere predefinite, standard e comuni per tutte le funzioni aziendali. Indipendentemente dal tipo di azienda e dal suo core business, si può affermare che le strutture elementari di base per la costruzione di una WBS sono la, Activity Breakdown Structure (ABS), struttura anagrafica di attività, Material Breakdown Structure (MBS), struttura anagrafica del materiale, Geographic Breakdown Structure (GBS), struttura anagrafica di area, a cui si possono aggiungere la, Product Breakdown Structure (PBS), struttura anagrafica di prodotto, System Breakdown Structure (SBS), struttura anagrafica di sistema, Organization Breakdown Structure (OBS), struttura anagrafica di organizzazione, Cost Breakdown Structure (CBS), struttura anagrafica di costo, Contract Breakdown Structure (KBS), struttura anagrafica di contratto. PMI - Guida al PMBOK Ed 200

32 Pianificazione Strutture Elementari A B S M B S G B S COMMESSA N ma COMMESSA 3 COMMESSA 2 COMMESSA 1

33 Pianificazione Struttura di Scomposizione ABS MBS GBS Strutture standard definite una tantum WBS Ruolo della WBS Struttura di controllo reale del progetto: - programmazione - consuntivazione - riprevisione - avanzamento fisico Struttura Operativa da personalizzare OBS

34 Pianificazione WBS di Riferimento Progetto PROJECT MANAGEMENT INGEGNERIA ACQUISTO MATERIALI COSTRUZIONE CIVILE MECCANICA ELETTRICA STRUMENTALE GENERALE

35 Pianificazione Struttura di Scomposizione Semplicità Esigenza Completezza Anagrafica di Progetto Codice di identificazione; I sottoprogetti; La struttura del GdL Il committente Dati economici/quantitativi di riferimento Date chiave Società, enti,professionisti coinvolti

36 Pianificazione Struttura di Scomposizione Contenuti del WP Testata ID Descrizione Responsabile Attributi: AP, MP, GP Company, Subappaltatore Corpo Peso Relativo Risorse Date Durate Entità di controllo

37 Pianificazione Struttura di Programmazione Nel costruire la WBS una delle scelte più difficile è la definizione del livello di controllo fin dove mi devo spingere nel dettagliare la mia struttura? L errore più comune è di spingersi ad un livello di dettaglio tale per cui la struttura diviene ingestibile. I principali fattori di controllo sono: il tempo, il costo e l avanzamento. E opportuno identificare il livello di controllo fin dalla fase iniziale di definizione. Il livello di controllo può non coincidere con il livello di programmazione che può risultare più dettagliato. La definizione del livello di programmazione è demandata esclusivamente al livello informativo che si vuole gestire per ciascuna commessa e potrà dipendere dalle procedure interne dell azienda, dalle richieste del cliente, dalla normativa che l azienda è obbligata a rispettare. Identificando ed estrapolando tutti i WP dalla WBS si ottiene la struttura di programmazione che contiene dati temporali (date di inizio e fine, durata, progress).

38 Pianificazione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Pianificazione Struttura di Programmazione 1000 OVERAL MASTER SCHEDULE PROGRAMMAZIONE A VITA INTERA gestione della storia di modifiche e varianti massimo 100 work package come gestibilità utente ANNO I ANNO II ANNO III tempo Programmazione PROGRAMMAZIONE DI PERIODO - Rolling sulla finestra temporale - massimo 400 work package come gestibilità utente (riferimento indicativo)

39 Pianificazione Sviluppo della Programmazione 2 giu 31 lug 1 ago 31 ott Progettazione Preliminare Progettazione Definitiva 1 giu 2 giu 2 giu 15 lug 16 lug 30 set 1 nov 15 dic Approvazione Indagini Suolo Opere primarie consolidamento Progettazione Esecutiva 2 giu 30 giu 1 lug 15 set Indagine Archeologica Bonifica Archeologica 30 giu 31 ott Acquisizione Autorizzazioni Diagramma reticolare di progetto con date

40 Pianificazione Sviluppo della Programmazione Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Approvazione Indagini Suolo Indagine Archeologica Progettazione Preliminare Progettazione Definitiva Opere primarie consolidamento Acquisizione Autorizzazioni Bonifica Archeologica Progettazione Esecutiva Diagramma a Barre (GANTT)

41 Pianificazione Sviluppo della Programmazione Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Approvazione Indagini Suolo Indagine Archeologica Progettazione Preliminare Progettazione Definitiva Opere primarie consolidamento Acquisizione Autorizzazioni Bonifica Archeologica Progettazione Esecutiva Diagramma delle Milestone

42 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Budget Definizione del Budget Budget di progetto, preventivo operativo/iniziale di commessa detto anche preventivo a vita intera. È la riscrittura di quantità fisiche e/o equivalenti e dei loro costi condotta in fase iniziale e orientata al mantenimento delle condizioni di redditivitàdella commessa stabilite dal preventivo di offerta (G. Rossi). Budget del progetto: risultato finale del ciclo di pianificazione del sistema MCCS - Management Cost and Control System (H. Kerzner). Budget al completamento: La somma totale dei preventivi per un progetto (Guida al PMBOK ed. 2000).

43 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Budget Definizione del Budget Riscrittura di quantità e costi in modo analitico e preciso BUDGET Strutturato e redatto in modo coerente con le logiche di consuntivazione Linea guida per controllare costi/ricavi, consuntivi/maturati Base della determinazione del budget - il criterio della predeterminazione degli accadimenti futuri, - il principio di stabilire un obiettivo di gestione, - un criterio di commisurazione del grado di approssimazione delle ipotesi, sottese col reale ed effettivo svolgersi degli eventi

44 Budget Definizione del Budget E un piano di gestione futura redatto sulla base di certi particolari criteri e con obiettivi limitati e predefiniti. BUDGET E un complesso di previsioni coordinate di ciò che accadrebbe in futuro se la gestione del progetto mantenesse, o assumesse, le caratteristiche postulate al momento della composizione.

45 Budget Definizione del Budget BUDGET Sinonimo di Dinamicità

46 Esecuzione Esecuzione del Piano di progetto Il Project Manager ed il GdP coordinano e dirigono le interfacce tecniche ed organizzative del progetto. Si effettuerà un continuo monitoraggio delle prestazioni rispetto alla linea di base così da intraprendere eventuali azioni correttive. Si provvederà ad un analisi di riprevisione di tempi e costi. Si attuerà quanto previsto nel piano di progetto mediante, le competenze del management, la conoscenza teorica e pratica del prodotto, le riunioni di informazione sullo stato di avanzamento, le norme e procedure in vigore. Risultati del Lavoro Richieste di Modifica PMI - Guida al PMBOK Ed 200

47 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Esecuzione Avanzamento L avanzamento (o progress) fisico di un progetto è l indicatore di quanto è stato fatto. Poiché il massimo dettaglio tende all omogeneità dei dati da gestire, si può intuire, e l esperienza lo conferma, che più la scomposizione di un attività è particolareggiata, più è misurabile in modo oggettivo l avanzamento. Venendo meno l omogeneità dei dati occorrerà introdurre degli elementi esterni, quasi sempre soggettivi, che garantiscano la misurabilità dell avanzamento. I WP (o le attività) si possono misurare ad eventi ed a quantità di lavoro svolto. La consuntivazione per dati quantitativi (Kg, metri, n di disegni) avviene sempre al massimo livello di dettaglio. Per passare di livello attraverso un processo di roll-up o di roll-down è necessario pervenire alla definizione dei pesi relativi (relative weight) per garantirsi un omogeneità che, in un progetto complesso, articolato e di grandi dimensione, i dati quantitativi non possono fornire.

48 T CORSO DI ALTA FORMAZIONE Esecuzione Attività G F M A M G L A S O Q.tà di lavoro per attività Q.tà di lavoro cumulata T

49 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Esecuzione Avanzamento curva in progress % progress 80,0 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 g f f m a a m g g l a a s s o n n d g g f m m a m m g l l a s s o n n d g g mesi

50 Obiettivi e tecniche dl controllo Obiettivi del controllo gestire tutte le attivitàaffinché il progetto si completi nel rispetto della schedulazione e del budget previsti, assicurando la qualità servizio/prodotto pattuita; uniformare il trattamento dei dati in termini di prassi e procedure; normalizzare la base dati, rendendola patrimonio aziendale; diminuire l intervento manuale di alimentazione ai sistemi di controllo.

51 Obiettivi e tecniche dl controllo Relazioni tra i Sistemi di Controllo Sistemi Direzionali % Avan. Fisico Controllo Ec. & Fin. di progetto Impegnato Tariffe Costi Comuni Controllo Tempi Controllo Costi Strutture di Scomposizione Altri Sistemi di Proejct Management Sistemi Alimentanti

52 Obiettivi e tecniche dl controllo Obiettivi del controllo I sistemi di controllo devono; consentire che i costi/ricavi siano facilmente riconducibili agli eventi/attività in cui si sviluppa normalmente l esecuzione del progetto; fornire dati di impegnato e stime a finire che, unitamente ai dati di maturato e contabilizzato, sono recepiti e gestiti dal controllo economico; fornire una visione di sintesi dei principali eventi economici che hanno caratterizzato la gestione del progetto nel periodo in esame; consentire approfondimenti sulle aree maggiormente significative nelle quali sono emerse eventuali criticità.

53 Obiettivi e tecniche dl controllo Tecniche del controllo Il Rapporto Costi Nell ambito operativo del controllo costi è lo strumento base per l analisi dei costi di progetto. E il principale mezzo di informazione Progetto vs Azienda. E strutturato in conformità al modello aziendale ed alle strutture di riferimento (WBS, PBS o CBS).

54 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Obiettivi e tecniche dl controllo Tecniche del controllo Il Rapporto Costi Progetto: Data emissione: Titolo: Data aggiornamento Cliente: : Rapporto n. Rev.: Località: Importo in Eurox1000 Descrizione Preventivo Operativo Varianti Approvate Preventivo Revisionato Impegnato Maturato Stima a Completamento Finale Previsto Delta a b c=a+b d e f=d+e g=c-f

55 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Obiettivi e tecniche dl controllo Tecniche del controllo Nella testata del documento sono riportati i dati anagrafici di progetto che si ritengono più esaustivi per l azienda. Nelle colonne vengono riportati i tipi dato cardine del controllo. Lo schema del rapporto è suddiviso in due zone ben definite: la situazione a vita interna iniziale e quella alla data. Mentre appare chiaro la dinamicità delle colonne di impegnato, stima a completamento e finale previsto, è opportuno notare come la presenza, e gestione, delle varianti fornisca dinamismo ad un dato, il preventivo operativo, pur mantenendone la stabilità.

56 Obiettivi e tecniche dl controllo Tecniche del controllo Preventivo operativo: è il documento che viene redatto dopo l acquisizione del progetto. Consiste in una riscrittura del preventivo d offerta in modo più analitico e preciso utilizzando tutte le informazioni utili che possono sopravvenire nel tempo intercorrente tra la presentazione dell offerta/preventivo e l acquisizione del contratto. Costituisce la linea guida con cui confrontare costi/ricavi, consuntivi e maturati, e pertanto deve essere strutturato e redatto in modo coerente con le logiche di consuntivazione. Deve essere sottoposto all approvazione degli enti competenti che lo affideranno al project manager, unico gestore del progetto. E caratterizzato dall invariabilità dei dati: non deve essere concesso a nessuno modificare alcun dato del preventivo operativo a meno di casi particolari (varianti di progetto) sottoposti, per approvazione, agli enti competenti (in genere la direzione generale o l amministratore delegato) e da questi approvati. Un altro termine molto comune ed utilizzato per definire il preventivo operativo è Original Budget : si ritiene indispensabile l accostamento dell aggettivo original per ribadire l invariabilità sostanziale e temporale del Budget.

57 Obiettivi e tecniche dl controllo Tecniche del controllo Varianti: sono tutte le modifiche che intervengono durante l esecuzione del lavoro e che sono riconosciute contrattualmente dal cliente (varianti esterne) o dai competenti enti aziendali (varianti interne). Le varianti esterne possono derivare da specifiche richieste del cliente o da proposte di cambiamenti progettuali da parte del GdP. Le varianti interne possono essere richieste al project manager da una o più funzioni aziendali che collaborano al progetto e che durante lo svolgimento del lavoro hanno rilevato variazioni ai dati di preventivo non dipendenti dalla loro efficienza e capacità produttiva. A sua volta il project manager deciderà se assorbire tali variazioni all interno del proprio preventivo o chiederne, agli enti competenti, il riconoscimento ufficiale. Nel primo caso il bilancio economico del preventivo operativo chiuderà a zero, nel secondo caso sarà (positivo o negativo che sia) diverso da zero. Nella comune terminologia del project management si parla anche di approved changes o internal changes.

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli