L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE"

Transcript

1 Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia Agroalimentare della Sicilia (OSEAAS) Responsabile della Ricerca: Dott. Carmela LA MALFA CATANIA, Dicembre 2007 I

2 Si ringraziano per la cortese collaborazione: - Dott. D. Carta, Dirigente Servizio IV Dipartimento Interventi Strutturali, U.O.B n Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste. - Sig. G. Provito, Sig. O. Mastrangelo Dipartimento Interventi Strutturali, U.O.B n Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste. - Dott. G. Messina Dipartimento Interventi Strutturali, U.O.B n Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste. - Dott. C. Marino Funzionario dell Osservatorio Turistico Regione Siciliana. II

3 I N D I C E PREMESSA IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E NAZIONALE LA NORMATIVA DELLA REGIONE SICILIA L AGRITURISMO IN ITALIA EVOLUZIONE E CARATTERI DELL OFFERTA EVOLUZIONE E CARATTERI DELLA DOMANDA L AGRITURISMO IN SICILIA EVOLUZIONE E CARATTERI DELL OFFERTA EVOLUZIONE E CARATTERI DELLA DOMANDA METODO D INDAGINE... 56

4 5. ANALISI DEI RISULTATI PRINCIPALI CARATTERI STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE IN SICILIA LA STRUTTURA DELL OFFERTA AGRITURISTICA LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLA DOMANDA AGRITURISTICA L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO PRINCIPALI CARATTERI ECONOMICI DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE CERTIFICAZIONI DI QUALITÀ E CERTIFICAZIONI AMBIENTALI NELLE AZIENDE AGRITURISTICHE SICILIANE ANALISI S.W.O.T. DEL SETTORE AGRITURISTICO SICILIANO CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA INDICE DELLE TABELLE INDICE DELLE FIGURE II

5 PREMESSA Nell ambito delle politiche comunitarie di sviluppo rurale, per il miglioramento della competitività delle imprese agricole, un ruolo centrale è riconosciuto alle attività complementari ed alternative alla tradizionale offerta di prodotti agricoli, tra i quali rientra l attività agrituristica. Quest ultima, creando fonti alternative di reddito contribuisce alla diversificazione economica del territorio consentendo, al contempo, il recupero di risorse che altrimenti rischiano di scomparire (produzioni agroalimentari tradizionali), di degradarsi (paesaggio rurale, edifici rurali, monumenti, ecc.) e/o di rimanere sotto-utilizzate. Peraltro, il forte aumento della domanda di servizi e strutture finalizzate alla vacanza e/o soggiorni in campagna, quale risposta ad iniziative di valorizzazione turistica del territorio, ha contribuito a diffondere una maggiore consapevolezza delle opportunità di sviluppo offerte da un uso sostenibile e integrato delle risorse locali. Lo sviluppo del comparto agrituristico - che, com è noto, nel panorama del turismo rurale europeo costituisce sul piano normativo una specificità esclusivamente italiana - è correlato anche alla crescente attenzione degli operatori alle esigenze della clientela sempre più esigente. Tale fenomeno li ha spinti ad incamminarsi verso un percorso che ha visto, soprattutto negli ultimi anni, crescere il livello qualitativo dei servizi, sostenuto anche da apposite normative che garantiscono specifici livelli di qualità (di prodotti e/o di servizi) e sicurezza in un ottica di massima soddisfazione dei clienti/consumatori. In tale contesto la ricerca, condotta mediante un indagine campionaria, si propone di analizzare l evoluzione del comparto e di valutarne le prospettive di sviluppo. In particolare, l indagine è finalizzata a cogliere i principali caratteri strutturali ed economici delle aziende agrituristiche siciliane ed a valutare le differenti tipologie di servizi offerti alla clientela, alla luce delle principali tendenze che caratterizzano l evoluzione della domanda. La ricerca intende, inoltre, porre l accento sulla composizione dell offerta enogastronomica proposta dalle imprese rilevate - dato il peso significativo che questa assume nelle strategie di differenziazione e di attrazione della clientela oltre che di fatturato - valutando il grado di impiego nell offerta ristorativa delle produzioni di qualità a denominazione d origine (DOP,

6 IGP, DOC, IGT, ecc). Peraltro, si propone di verificare il ruolo di tali aziende nel contesto territoriale nel quale esse operano, in termini di componente strategica di sviluppo, valutandone il livello d integrazione con il territorio circostante e la presenza di sinergie con le realtà economiche del territorio, sia in termini di proposta di vendita diretta di prodotti tipici, sia di visite al patrimonio storico-architettonico, ecc. La ricerca ha, tra l altro, lo scopo di verificare il grado di conoscenza e l implementazione nelle aziende agrituristiche siciliane dei sistemi certificati di gestione per la qualità (UNI EN ISO 9000) e/o di gestione ambientale (UNI EN ISO 14000) e le motivazioni della loro non applicazione. Infine, si analizzeranno i punti di forza e di debolezza, le opportunità ed i rischi del comparto (SWOT Analysis), indispensabile base di partenza per l individuazione dei relativi fabbisogni d intervento, utile supporto per l orientamento delle decisioni pubbliche degli organi istituzionali locali, nell ottica di accrescimento della competitività del comparto agrituristico siciliano. 2

7 1. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1.1 LA NORMATIVA COMUNITARIA E NAZIONALE Le prime misure comunitarie a favore dell agriturismo e del turismo rurale risalgono alla metà degli anni 80 con i regolamenti CEE n. 797 e n del In particolare, il primo concedeva, all interno del regime di aiuti agli investimenti in aziende agricole per i piani di miglioramento, la possibilità di effettuare investimenti a carattere turistico o artigianale nelle zone svantaggiate; mentre il secondo, prevedeva la concessione di incentivi per l adeguamento dei fabbricati rurali destinati allo svolgimento di attività turistiche e per interventi di promozione del turismo in aree rurali. L attuale sviluppo del settore agrituristico, è legato al ruolo dei Regolamenti Comunitari, emanati nel 1999, in approvazione della riforma dei Fondi Strutturali e quelli relativi alle politiche per l agricoltura e lo sviluppo rurale. In particolare, il Regolamento sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del FEAOG (CE 1257/1999), diretto ad incentivare e sostenere processi di sviluppo rurale integrato e sostenibile, all art. 33, prevede tre misure per la diversificazione aziendale ed economica, di cui la Misura p relativa a Diversificazione delle attività del settore agricolo e delle attività affini individua, tra l altro, interventi a sostegno d investimenti aziendali per attività e strutture agrituristiche. Recentemente, nuova enfasi al ruolo multifunzionale dell impresa agricola è stata data dalla nuova PAC, a cui il secondo pilastro (le politiche di sviluppo rurale) ha attribuito maggiore centralità con misure strutturali destinate al potenziamento del settore agricolo, agroalimentare e forestale; alla salvaguardia dell ambiente e del patrimonio rurale; al miglioramento della competitività nelle zone rurali mediante la diversificazione del tessuto produttivo. Interventi, quest ultimi, che travalicano la logica strettamente settoriale e mirano, mediante l incentivazione di attività complementari ed alternative alla tradizionale offerta di prodotti agricoli (quali:l attività agrituristica, la ristrutturazione ed l adeguamento di fabbricati rurali, la realizzazione di strutture sportive e ricettive, l adeguamento e riadattamento di 3

8 spazi aperti per le varie attività agrituristiche, ecc.), alla diversificazione economica del territorio, creando fonti alternative di reddito. La normativa italiana in materia di agriturismo, nonostante la prima legge quadro è stata emanata nel 1985, risale agli inizi degli anni 50. Difatti, con la legge 991 del 1952 ai coltivatori diretti è stata riconosciuta la possibilità di accedere a mutui per migliorie di carattere igienico e ricettivo da eseguirsi in strutture interne all azienda agricola destinate ad ospitare i turisti. Successivamente, la legge 352/76, in attuazione della Direttiva Comunitaria sull agricoltura di montagna e sulle aree svantaggiate (Dir. 268/75), ha previsto (art.10) anche la possibilità di accedere a finanziamenti pubblici per effettuare investimenti di carattere turistico o artigianale realizzati nell ambito dell azienda agricola. Tale norma si è rivelata innovativa sia perché ha consentito, per l esercizio dell attività ricettiva, l impiego di altre unità immobiliari interne all azienda non adibite ad abitazione privata del proprietario, sia perché ha dato l opportunità di praticare attività artigianali all interno dell unità produttiva. Ciononostante, giuridicamente non veniva riconosciuta la polivalenza dell attività agricola e si riteneva che l attività turistica espletata in un azienda agricola fosse collaterale ed estranea all attività agraria in senso stretto e da considerarsi commerciale. Soltanto dopo l'introduzione della Legge Quadro n. 730/1985 Disciplina dell Agriturismo, che ha regolato fino a tutto il 2005 l'attività del settore, l agriturismo 1 ha ottenuto una sua collocazione nel panorama delle attività imprenditoriali. Con tale normativa, si è evidenziata la necessità di monitorare il rapporto di complementarietà tra le due attività, al fine di garantire la predominanza dell attività agricola su quella turistica, onde prevenire la dismissione della prima a favore della seconda. Tali indicazioni sono scaturite nella successiva circolare ministeriale n 10 del nella quale, per definire il rapporto di connessione tra le due attività e valutare l integrazione del reddito agricolo con quello proveniente 1 L articolo 2 della legge 730/85 definisce giuridicamente l attività agrituristica la quale comprende, esclusivamente, le attività di ricezione ed ospitalità esercitate da imprenditori agricoli di cui all art 2135 del codice civile, singoli o associati, e da loro familiari di cui all art 230 bis del c.c., attraverso l utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione e complementarietà rispetto alla coltivazione del fondo, silvicoltura ed allevamento del bestiame, che devono comunque rimanere le attività principali dell azienda. 4

9 dall attività agrituristica, è stata indicata la preferenza del criterio del lavoro piuttosto di quella del reddito. Un altra importante tappa normativa per il settore è rappresentata dal Decreto Legislativo n. 228 del 18 maggio 2001 che, all art. 3 prevede, fra le altre attività agrituristiche, l organizzazione di attività ricreative, culturali e didattiche, di pratiche sportive, escursionistiche e d ippoturismo, nonché la degustazione dei prodotti aziendali, ancorché svolte all esterno dell azienda. Dal 2006, la legge quadro del 1985 in materia di agriturismo è stata sostituita con la nuova legge quadro n. 96 del 20/02/2006. Anche con questa nuova norma le regioni continuano ad avere un'ampia autonomia nel settore dell'agriturismo e sono chiamate, entro 6 mesi dalla sua entrata in vigore, ad adeguare le leggi e i loro regolamenti di attuazione alle nuove norme nazionali. I principali punti della nuova legge sono: favorire la multifunzionalità in agricoltura e la differenziazione dei redditi agricoli; la spinta alla valorizzazione e alla incentivazione delle produzioni di qualità e tipiche; il recupero del patrimonio edilizio rurale; l'equilibrio nel rapporto stato-regioni che mette in risalto un sistema univoco di classificazione, ma lascia alle competenze locali il compito di dettare criteri e limiti per l'esercizio dell'attività agrituristica ed i relativi requisiti igienicoambientali; la promozione delle attività di turismo equestre e di pescaturismo; la costituzione di un Osservatorio Nazionale sull agriturismo, che pubblicherà ogni anno un rapporto nazionale sull'andamento del settore, presso il quale tutte le regioni dovranno far confluire annualmente i loro rapporti di monitoraggio regionale del settore, secondo quanto disposto nell art. 13, comma 1, della Legge quadro Il perno della nuova norma è una notevole semplificazione burocratica: le aziende più piccole, cioè quelle fino a dieci posti letto ed ad altrettanti coperti a tavola, sono dispensate da diversi obblighi. Il primo tra tutti quello di dimostrare, attraverso 5

10 complicatissimi calcoli, che l attività agricola è preponderante rispetto a quella agrituristica. Inoltre, la nuova legge quadro dispone che i piccoli agriturismi (sino a 10 posti) potranno utilizzare la cucina di casa per dare piatti caldi, e sarà sufficiente dimostrare la semplice abitabilità dei locali, senza dover per questo sottostare a complesse prescrizioni previste per le locazioni alberghiere o quelle simili (sanitarie, antincendio o di abbattimento delle barriere architettoniche, per esempio). Per di più, anche le aziende più grandi beneficiano di una radicale semplificazione: ad esempio, per l immediato avvio all esercizio basterà una semplice comunicazione di inizio attività ed il Comune avrà tempo sessanta giorni per formulare motivati rilievi al piano aziendale. Peraltro, la sospensione dell attività sarà possibile solo in caso di gravi carenze o irregolarità. E un bel cambiamento, tenuto conto che ad oggi, in molte regioni, i permessi sono sottoposti a iter particolarmente faticosi e prevedono l assenso esplicito al piano da parte delle autorità preposte. 1.2 LA NORMATIVA DELLA REGIONE SICILIA In Sicilia, la prima legge di disciplina organica del settore agrituristico si è avuta soltanto nel 1995 con la L.R. n. 25 che, con ben 9 anni di ritardo, ha recepito le direttive della legge quadro nazionale (Legge 730/85). Precedentemente, le norme regionali riguardanti l attività agrituristica sono stati inseriti in ambiti diversi quali, ad esempio, la Legge regionale 98/81 e la Legge 27/91 recanti, rispettivamente, le norme per l istituzione di parchi e riserve naturali nella regione siciliana e gli interventi a favore dell occupazione. La legge regionale n. 25/94 attribuisce all agriturismo finalità ben precise, indicate nell art. 1 e, in particolare: o favorire lo sviluppo agricolo e forestale e il riequilibrio del territorio; o agevolare la permanenza dei produttori agricoli nelle aree rurali valorizzando e recuperando il patrimonio naturale ed edilizio; o concorrere alla tutela ed alla conservazione dell ambiente e del paesaggio; 6

11 o recuperare le tradizioni culturali del mondo rurale; o promuovere la conoscenza e l offerta dei prodotti tipici; o favorire il rapporto campagna-città. In linea con la legge quadro nazionale (L. 730/85), l art. 17 della L.R. 25/94, modificato dalla legge regionale 27/95, prevede la concessione di aiuti regionali a coloro che esercitano attività agrituristica, quindi già in possesso delle necessarie autorizzazioni comunali e del nulla osta dell IPA. Successivamente, l evoluzione della normativa del settore, con la legge regionale n. 27 del 6 aprile 1996 Norme per il turismo, ha portato ad assimilare sul piano qualitativo il settore agrituristico a quello turistico prevedendone, al pari delle strutture ricettive tradizionali (alberghi, ostelli, ecc.), la classificazione in stelle ad opera delle Aziende Autonome Provinciali per l Incremento Turistico (A.A.P.P.I.T.). Nel 1997, la Circolare n. 239 del 27 Luglio 1997, diramata dalla Regione Siciliana, ha posto limiti significativi all esercizio dell attività agrituristica, fissando, in merito alla somministrazione di pasti sul posto, l obbligo di esercizio congiunto con quello di ospitalità in locali aziendali o all aperto (agricampeggio). Pertanto, da quella data, tutte quelle aziende agricole che offrivano solo il servizio di ristorazione non erano più considerati agriturismi. Recentemente, al fine d incentivare il progressivo ampliamento della gamma dei servizi offerti dalle aziende agrituristiche è stato emanato dall Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Strutturali il Decreto 28 maggio 2004 Disposizioni in materia di agriturismo che, abrogando il decreto 14 giugno 1997 e la circolare assessoriale n. 239 del 23 luglio 1997, ha riformulato i limiti dell attività agrituristica. Pertanto, diversamente dalle disposizioni normative precedenti, con tale Decreto si ritiene auspicabile e preferibile che all'attività di ristorazione venga sempre affiancata almeno quella di ospitalità. Inoltre, tale normativa dispone l'obbligo di esercitare le attività di organizzazione di attività ricreative, culturali, di vendita diretta dei prodotti agricoli etc., congiuntamente con l'offerta di ospitalità e/o l'agricampeggio e/o la ristorazione. Ovviamente, le attività ricettive, culturali e didattiche devono porsi in sinergia con l'attività agricola che, comunque, deve rimanere quella principale. Ne deriva che l'attività agrituristica non può essere oggetto di gestione separata (contabile e fiscale) 7

12 da quella relativa all'attività agricola, che deve essere svolta dal medesimo soggetto, e non può rientrare fra le tipologie degli esercizi ricettivi classificabili come turistici. Con riferimento all attività di ristorazione, (art 8 al punto 8.3) il suddetto decreto precisa che.. la ristorazione agrituristica può essere attuata nell'azienda agricola sia autonomamente, che unitamente all'offerta di ospitalità nei locali aziendali e/o in spazi aperti. In ogni caso, devono essere rispettate le peculiarità dell'azienda agricola, dell'ambiente rurale presente nel territorio e della tipicità dei piatti regionali. Pertanto, è obbligatorio l'utilizzo di pietanze e bevande di provenienza prevalentemente aziendale e di produzioni tipiche regionali. In particolare, la ristorazione deve privilegiare gli alimenti caratteristici del comprensorio rurale, con specifico riguardo agli itinerari per la promozione e valorizzazione delle produzioni regionali (strade del vino, olio, formaggi, etc.). Si precisa che, in ogni caso, fra gli alimenti somministrati agli ospiti deve essere assicurata la presenza, anche parziale, di prodotti di provenienza aziendale. In linea generale, il dimensionamento dell'attività di ristorazione dovrà tenere conto delle effettive potenzialità delle risorse aziendali, anche in termini di alimenti utilizzati. Pertanto, nonostante la normativa vigente estende il numero massimo di posti per l offerta dei pasti in 230 per azienda singola e 300 per azienda associata, non risulta con ciò coerente un'offerta pasti con un numero di posti eccessivo e non confacente ai principi di un'ospitalità rurale contenuta e di qualità (art. 8.3). Inoltre, i locali destinati alla preparazione dei pasti (cucine e/o laboratori) dovranno possedere tutti i requisiti igienico-sanitari previsti dalla vigente normativa, mentre la sala ristorazione può essere destinata, in apposito reparto separato e previa adozione di tutti gli accorgimenti igienico-sanitari, all esposizione e vendita di prodotti. Per quanto concerne la degustazione e l'assaggio dei prodotti aziendali (art. 8.6) devono riguardare i prodotti aziendali non trasformati, o che necessitano di trasformazione (es. vino, olio, formaggi, marmellate). Si precisa che il prodotto aziendale non può essere posto in assaggio e degustazione con le caratteristiche di un pasto, configurandosi in tal caso l'attività di ristorazione. Tale Decreto ha anche ampliato i limiti imposti dalla legge regionale 25/94 per l offerta di ospitalità in locali aziendali prevedendo, al punto 19.2, un numero massimo di 55 posti letto per azienda singola e di 100 per aziende associate rispetto al 8

13 limite massimo di posti letto previsto, rispettivamente, per le aziende individuali ed associate. Infine, un importante evoluzione normativa del settore si è avuta con il Decreto n. 175 del 28/02/06 dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste - Dipartimento Interventi Strutturali che, in conformità a quanto previsto dagli articoli 1 e 3 del Decreto Legislativo n. 228 del 18/5/2001, dall art. 2 del Titolo I del Decreto 28 maggio 2004 e dal Piano regionale agrituristico (approvato con delibera n. 266/2005), secondo i quali le aziende agrituristiche autorizzate ai sensi della L. R. n. 25/94 non sono individuabili come imprese turistiche, ne dispone la loro riclassificazione in spighe, dichiarando inapplicabili per tale tipologia di aziende le disposizioni dell art. 4 della L.R. 6 aprile 1996 n. 27, il Decreto 29/11/2001 dell Assessorato Turismo, Comunicazioni e Trasporti, in base al quale anche gli agriturismi venivano classificati qualitativamente con attribuzione delle stelle, nonché l art. 42 della L.R. n.2/2002 che precisa le tipologie d imprese turistiche. Tale Decreto di riclassificazione mira a trasferire sempre più nella realtà operativa i principi fondamentali ispiratori dell attività agrituristica, creando una differenza, non solo formale ma anche sostanziale, nella classificazione qualitativa di tali strutture ricettive rispetto a quelle turistiche tradizionali. Difatti, l attribuzione di una spiga, ossia il livello minimo di qualità previsto dal nuovo Decreto, prevede non solo l adeguamento alle vigenti normative igienico-sanitarie e per il superamento delle barriere architettoniche, ma anche che, laddove venga offerta ospitalità, le aziende agrituristiche dispongano di: edifici in buono stato di manutenzione sia interna che esterna; attrezzature di primo soccorso efficaci e in buono stato di conservazione; attrezzatura minima in dotazione per ogni camera e/o appartamento (dettagliatamente indicata al punto 2.2, 2.3 e 2.4 dell Allegato I al Decreto); assicurazione per la responsabilità civile nei confronti dei terzi; tabella informativa con i numeri di telefono per le emergenze; segnaletica indicante i servizi a disposizione degli ospiti; illuminazione degli spazi esterni sufficiente per un agevole movimento dei visitatori; e, non ultimo, assicurino la cura e la pulizia degli spazi interni ed esterni. Per quanto concerne il servizio di ristorazione - momento di legame tra mondo rurale e tradizione culinaria- al fine di incentivare l uso di prodotti tradizionali e/o tipici 9

14 esiste obbligo di utilizzare anche la produzione aziendale, prevedendo menù stagionali caratterizzati da piatti tipici caratteristici della cucina locale. Tra i requisiti previsti per la classificazione di livello minimo (una spiga) rientrano anche il rispetto della normativa obbligatoria in materia di ambiente, di smaltimento rifiuti (con ritiro giornaliero dei rifiuti dai contenitori appositamente predisposti) e di igiene e benessere degli animali allevati. Inoltre, con lo scopo di legare sempre più l azienda al contesto territoriale in cui si trova inserita è obbligatorio disporre di materiale informativo e divulgativo concernente il territorio in cui è localizzata l azienda e, vista l importanza dell accoglienza nella fidelizzazione del cliente/agriturista, ogni struttura deve disporre di un addetto alla ricezione, nel periodo di apertura, per almeno otto ore giornaliere. L attribuzione di livelli qualitativi superiori prevede che l azienda, oltre ai predetti requisiti obbligatori, abbia almeno 8 dei 33 requisiti indicati nel paragrafo 4 dell Allegato I al relativo Decreto, per ottenere le 2 spighe, ed almeno 12 dei 33 caratteri per l assegnazione delle 3 spighe. L attribuzione di 4 spighe consente invece all imprenditore di usare, ai fini pubblicitari e promozionali, la denominazione di Agriturismo di qualità riconosciuta dalla Regione siciliana. Tale assegnazione, ad opera esclusiva del Servizio IV U.O.B. 19 dell Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, su proposta congiunta dell Ispettorato Provinciale Agricoltura e dell Unità Operativa di assistenza tecnica competenti per territorio, è destinata solamente alle strutture ricettive già in possesso dei requisiti per le 3 spighe che, in aggiunta, riservano la somministrazione dei pasti agli ospiti, o anche ad utenti non ospiti in misura non superiore al 50% dei posti letto autorizzati, prevedendo l utilizzo di menù stagionali caratterizzati da piatti tipici (almeno due piatti caratteristici della cucina locale, legati alle antiche tradizioni contadine). Inoltre, per tale riconoscimento, è necessario che utilizzino per la ristorazione e/o la degustazione non meno del 50% delle materie prime, in termini di valore, di produzione aziendale, con esclusione delle bevande. Per la restante quota, almeno il 50% deve provenire da produzione acquistata direttamente presso aziende agricole della Regione. La peculiarità di tale norma è che la riclassificazione non avviene automaticamente ma deve essere richiesta dall operatore agrituristico, mediante apposita domanda 10

15 all Ispettorato Provinciale dell Agricoltura competente, entro 90 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del presente Decreto. Peraltro, il mantenimento dei requisiti previsti per l attribuzione delle spighe è soggetto a verifica almeno ogni due anni. Inoltre, in mancanza di relativa classificazione in spighe le aziende agrituristiche di nuovo avvio non potranno ottenere l autorizzazione comunale e, per di più, a partire dal 2007, nessuna struttura potrà accedere ai finanziamenti pubblici previsti dalla Regione a sostegno di tale attività. Tali finanziamenti, in precedenza contenuti nella Misura 4.15-A del POR Sicilia , sono attualmente previsti dal PSR nell Asse III che individua le misure per la qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell economia rurale. Questi interventi, sotto forma di sostegno alle attività produttive svolte in ambiente rurale per produrre un incremento dei livelli di redditività aziendale, riguardano: l offerta di servizi o di attività aggiuntive a quella agricola principale (misura 3.1.1); la creazione e/o il consolidamento di microimprese che operano nei comparti extragricoli (misura 3.1.2); il sostegno (misura 3.1.3) a tutte le iniziative volte ad incentivare le attività turistiche in ambiente rurale, da cui possono derivare opportunità di integrazione del reddito vista la presenza di un patrimonio ambientale di pregio. 11

16 2. L AGRITURISMO IN ITALIA 2.1 EVOLUZIONE E CARATTERI DELL OFFERTA Dall analisi dei dati inerenti l offerta agrituristica in Italia è possibile rilevare (Tab. 2.1), tra il , una significativa crescita (+58%) del numero delle strutture ricettive ( unità al 2005). Tale incremento, che interessa tutte le regioni, si mostra più significativo in quelle centro-meridionali, dove si concentrano il 54% degli agriturismi autorizzati in Italia, e in modo particolare riguarda la Campania, il Molise, il Lazio e la Sicilia. Nel Nord Italia sono, rispettivamente, Piemonte e Veneto a mostrare l incremento strutturale più significativo. Più in dettaglio, tra le regioni, leader per consistenza di aziende agrituristiche si conferma la Toscana (23% del totale), seguita dal Trentino Alto Adige (18,7%), dal Veneto (6,6%), dalla Lombardia e dall Umbria (5,8%). Nel Mezzogiorno l attività agrituristica presenta dimensioni significative in Campania, Sardegna ed Abruzzo; appena il 2,2% delle strutture totali risultano ubicate in Sicilia (Tab. 2.1). La dinamica delle aziende agrituristiche per tipologia di autorizzazione mostra (Tab ), tra il , una crescita significativa soprattutto nelle regioni centro-meridionali, delle autorizzazioni all alloggio (+57%), alla ristorazione (+52%), alla degustazione (+2,7 volte) e ad altre attività (equitazione, escursionismo, mountain-bike, osservazioni naturalistiche, trekking, sport, varie) (+ 2,1 volte). Nel complesso, l analisi dei dati evidenzia il forte incremento di un settore che pur restando di nicchia nel panorama turistico italiano (Fig. 2.1), cresce molto sia a livello complessivo sia nelle singole tipologie (Tab ). L alloggio e la ristorazione si confermano come le principali attività agrituristiche, spesso arricchite dalla degustazione (16,5% dei casi) e dalle altre attività (il 57% del totale aziende contro il 42% del 1998). A tal riguardo, la consistenza nazionale di strutture autorizzate ad altre attività è più che raddoppiata, rispetto al 1998, interessando, in modo non uniforme, tutte le regioni italiane e mostrandosi (Tab. 2.5) più marcata in quelle del Nord-est, dove risulta triplicata, e nel Centro dove è raddoppiata. Tra le regioni meridionali spiccano la Campania che, rispetto al 1998, fa registrare un aumento di 12

17 15 volte degli agriturismi autorizzati ad altre attività, la Sicilia (+4 volte) ed il Lazio (+3 volte). Anche la ricettività del settore è cresciuta in modo significativo, complessivamente al 2005 sono oltre 150 mila i posti letto degli agriturismi autorizzati (+61% rispetto al 1998). La dinamica su base territoriale mostra (Tab. 2.6) un calo nelle regioni del Nord (35% del totale posti disponibili contro il 47% del 1998), a fronte di significativo incremento nelle aree del Centro e del Mezzogiorno dove si concentra, rispettivamente, il 44% ed il 20% dell offerta ricettiva agrituristica. Tra le regioni meridionali è la Sicilia, con appena il 3,8% del totale posti letto, ad aver avuto, rispetto al 1998, la maggiore crescita (+5,9 volte) di ricettività, seguono la Campania (+5,4 volte), ed il Molise (+4,4 volte). In controtendenza, nello stesso periodo, l offerta di ospitalità all aperto (Tab. 2.6), le cui piazzole per agricampeggio, distribuite in 18 delle 20 regioni italiane, si sono ridotte del 55%. Tale contrazione ha interessato tutte aree del Paese, mostrandosi marcata in quelle centro-meridionali con eccezione della Campania, dove, contrariamente, si registra una crescita di piazzole pari a 10 volte quelle esistenti al 1998, della Sicilia (+4,5 volte) e della Sardegna (+2,5 volte). In sintesi, la disamina mette in luce come l asse dell ospitalità agrituristica si stia spostando dal Nord-est verso il Centro-sud che, attualmente, detiene ben il 54,4% delle strutture nazionali autorizzate, il 64,5% dei posti letto ed il 59% degli spiazzi attrezzati. Nel complesso, tra il 1998 ed il 2006, i dati sulla ricettività media (Fig. 2.2), nonostante un leggera crescita dei posti letto per azienda (12 letti contro i 10 del 1998), confermano la persistente frammentazione dell offerta di ospitalità tra una crescente miriade di strutture agrituristiche. 13

18 16,0% 14,0% 12,0% Fig Incidenza del comparto agrituristico sul settore turistico in turistico Italia (Trend in Italia ) (*) (*) Strutture agrituristiche/totale Strutture ricettive Posti letto agriturismi/totale posti esercizi ricettivi 14,0% 10,0% 11,1% 11,5% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 2,6% 3,1% 3,6% 0,0% (*) Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT. 14

19 Tab. 2.1 Dinamica delle aziende agrituristiche autorizzate in Italia per regione (*) REGIONI n. % n. % n. % PIEMONTE 358 3, , , VALLE D'AOSTA 49 0,5 53 0,4 56 0, LOMBARDIA 710 7, , , TRENTINO-ALTO ADIGE , , , VENETO 713 7, , , FRIULI-VENEZIA GIULIA 233 2, , , LIGURIA 273 2, , , EMILIA-ROMAGNA 574 5, , , TOSCANA , , , UMBRIA 440 4, , , MARCHE 291 3, , , LAZIO 134 1, , , ABRUZZO 313 3, , , MOLISE 21 0,2 68 0,5 78 0, CAMPANIA 132 1, , , PUGLIA 302 3, , , BASILICATA 238 2, , , CALABRIA 113 1, , , SICILIA 146 1, , , SARDEGNA 377 3, , , ITALIA , , , Nord-ovest , , , Nord-est , , , Centro , , , Sud , , , Isole 523 5, , , (*) Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT. 15

20 Tab Dinamica delle aziende agrituristiche autorizzate all alloggio in Italia (*) REGIONI n. % n. % n. % PIEMONTE 240 3, , , VALLE D'AOSTA 41 0,5 42 0,4 44 0, LOMBARDIA 520 6, , , TRENTINO-ALTO ADIGE , , , VENETO 259 3, , , FRIULI-VENEZIA GIULIA 52 0, , , LIGURIA 232 2, , , EMILIA-ROMAGNA 473 5, , , TOSCANA , , , UMBRIA 440 5, , , MARCHE 287 3, , , LAZIO 98 1, , , ABRUZZO 271 3, , , MOLISE 18 0,2 47 0,4 54 0, CAMPANIA 99 1, , , PUGLIA 289 3, , , BASILICATA 236 2, , , CALABRIA 110 1, , , SICILIA 69 0, , , SARDEGNA 330 4, , , ITALIA , , , Nord-ovest , , , Nord-est , , , Centro , , , Sud , , , Isole 399 5, , , (*) Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT. 16

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA

31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 18 35 AVVERTENZA Art. 8 - Ulteriori indicazioni Art. 9 - Targa identificativa Si pubblica di seguito il testo del regolamento emanato con decreto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

COME SI FA AD APRIRE UN AGRITURISMO COMESI. Marco Bianchi. a cura di ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE LAZIO EUROPE DIRECT LAZIO

COME SI FA AD APRIRE UN AGRITURISMO COMESI. Marco Bianchi. a cura di ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE LAZIO EUROPE DIRECT LAZIO COMESI SIFA ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA DELLA REGIONE LAZIO COME SI FA AD APRIRE UN EUROPE DIRECT LAZIO AGRITURISMO a cura di Marco Bianchi FACOLTÀ DI AGRARIA DELL UNIVERSITÀ DELLA TUSCIA TERRANOSTRA AGRITURIST

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione absolutgroup.it O 12 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Provincia di Bologna Servizio Industria, Artigianato e Commercio Ufficio di Coordinamento SUAP Via Benedetto XIV, 3-40125

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli