L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni"

Transcript

1 L evoluzione del sistema dei controlli nelle banche Contesto, supervisione e controlli interni Siena, 17 novembre 2014 Chief Audit Executive Fabrizio Leandri

2 Obiettivo del mio intervento è quello di analizzare le importanti ripercussioni che il radicale mutamento del contesto esterno ha avuto (e sta avendo) sulle modalità di supervisione e controllo di un settore alle prese con una profonda trasformazione. Mi soffermerò sulle specificità e i punti di debolezza del sistema italiano alla vigilia e durante la crisi finanziaria e poi economica. Analizzeremo poi la risposta della regolamentazione e i nuovi standard adottati dalla banca centrale europea. Un ruolo decisivo è svolto dalle regole di governo e di funzionamento delle funzioni aziendali di controllo. Faremo quindi un focus sulla funzione di revisione interna chiamata a valutare il sistema interno di controllo fornendo indicazioni agli Organi aziendali. 2

3 World 3.0 3

4 Agenda Le banche italiane: sull orlo di una crisi di nervi? La risposta della regolamentazione: regole & stress Rafforzare il presidio dei rischi aziendali: make it work La Funzione di Internal Audit : l arte di sapere ascoltare

5 1 Le banche italiane» IL PIL ITALIANO E IL 65% DEL PIL TEDESCO. Gli impieghi delle banche italiane sono il 110% di quelle tedesche. La dimensione dei fondi erogati all economia e alle imprese è eccessiva?» Finanziamento delle imprese prevalentemente con credito bancario (60 70%). Fragilità delle imprese?» Funding gap tra raccolta interna e impieghi erogati all economia di 4-5 mila miliardi. E ancora sostenibile (volatilità e prezzi)?» Livelli di crediti in sofferenza (stato di insolvenza dei debitori) elevati e superiori agli altri paesi europei. Colpa di chi? 5

6 1 Le banche italiane» I fase : shock esogeno, con effetti sulla liquidità internazionale. Contrazione del credito legata all effetto contagio dei mutui subprime ed alla crisi del meccanismo di trasmissione della liquidità a livello internazionale;» II fase : endogena, legata alle debolezze e alle asimmetrie all interno dell area Euro. Contrazione del credito legata alla crisi del debito sovrano, con aumento dei tassi, riduzione della crescita, riduzione della domanda, incremento dei fallimenti. Credito al settore privato* *Variazioni % sui 12 mesi 6

7 1 Le banche italiane Notevole aumento delle sofferenze bancarie da una parte.. Sofferenze bancarie in % sul totale impieghi* *Elaborazione su dati di bilancio Datastream e utilizzo media semplice delle banche contenute nel campione. 7

8 1 Le banche italiane.diminuzione della raccolta complessiva dall altra. Variazioni in % sui 12 mesi 8

9 1 Le banche italiane Si entra in un circolo vizioso: la crisi economica fa progressivamente entrare in difficoltà sempre più soggetti e le sofferenze continuano ad aumentare. Nuove sofferenze in rapporto ai prestiti* *Dati trimestrali annualizzati e destagionalizzati; valori percentuali. 9

10 1 Le banche italiane Le banche sono spinte ad aumentare in via prudenziale gli accantonamenti e le rettifiche sui crediti deteriorati. Incidenza rettifiche su crediti sul risultato di gestione delle banche (valori %) 10

11 1 Le banche italiane Non sorprende che, insieme con la crisi più generale dell economia, anche la redditività del settore bancario sia in caduta libera. ROE del settore bancario e PIL (valori %) 11

12 Agenda Le banche italiane: sull orlo di una crisi di nervi? Supervisione bancaria: regole & stress Mantenere il presidio dei rischi aziendali: make it work La Funzione di Internal Audit : l arte di sapere ascoltare

13 2 Regole e stress FLASH BACK» Fino agli anni 90 - Vigilanza strutturale: massimale sugli impieghi, trasformazione delle scadenze, autorizzazioni apertura filiali» Scarsa competizione tra banche» Vincoli all entrata e alla gestione efficiente» Anni 90 - Passaggio alla vigilanza prudenziale (Basilea 1): Level playing field e relazione tra attivo e capitale (8%)» Forti arbitraggi regolamentari» Incentivi ad assumere rischio» Anni Basilea 2: One size does not fit all. Requisiti diversificati per rischio. Incentivi ai modelli interni (minore capitale). Rafforzamento processi di risk management» Sviluppo modelli interni 13

14 2 Regole e stress 14

15 2 Regole e stress LA CRISI DI LIQUIDITA : gli effetti» Deleveraging. Riduzione degli Attivi» Forte intervento delle banche centrali» La riforma della Vigilanza sul rischio di liquidità e capitale» Supervisione europea Depositi interbancari 15

16 2 Regole e stress COSA NON HA FUNZIONATO NELLE REGOLE» Livello del capitale: molte banche in crisi che hanno richiesto interventi governativi avevano ratios patrimoniali al di sopra dei minimi» Deleveraging: vigilanza microprudenziale poco efficace rispetto al rischio sistemico. Decisioni singole banche potenzialmente dannose per stabilità sistema finanziario» Prociclicità: aumento del fabbisogno di capitale nelle fasi di crisi dell economia reale» Interconnessione: tra grandi istituzioni finanziarie accresce il rischio di contagio» Leva finanziaria: la regolamentazione prudenziale sugli attivi pesati per il rischio (RWA) non garantisce bassa leva finanziaria» Liquidità: scarsa attenzione al rischio di liquidità» Arbitraggi regolamentari: trattamento posizioni differente secondo la classificazione (trading book vs banking book) 16

17 2 Regole e stress COME SONO STATE CAMBIATE LE REGOLE» Qualità del capitale: enfasi su Common Equity (Core Tier 1)» Nuovo capital conservation buffer : 2,5% RWA (Right Weighted Asset), volto a proteggere il livello minimo del patrimonio, condizionando anche le politiche di distribuzione dei dividendi» Nuovo maximum leverage ratio: minimo 3% ratio Tier 1/Totale attivi» Nuovi requisiti di liquidità» Maggiori capital requirements per rischi di mercato» Maggiore patrimonializzazione per le banche sistemiche 17

18 2 Regole e stress IL NUOVO SUPERVISORE: LA BANCA CENTRALE EUROPEA 18

19 2 Regole e stress IL COMPREHENSIVE ASSESSMENT I passaggi fondamentali sono indicati con i numeri da 1 a 8, illustrati nella slide successiva. 19

20 2 Regole e stress MALTA» 130 Banche (asset mld)» 15 banche italiane 20

21 2 Regole e stress BCE: MONITORAGGIO DEI RISCHI 21

22 2 Regole e stress BCE: MONITORAGGIO SISTEMI DI GOVERNANCE E CONTROLLI 22

23 Agenda Le banche italiane: sull orlo di una crisi di nervi? Supervisione bancaria: regole & stress Rafforzare il presidio dei rischi aziendali: make it work La Funzione di Internal Audit : l arte di sapere ascoltare

24 3 Rafforzare il presidio dei rischi MA COS E UN SISTEMA DEI CONTROLLI?» Insieme delle regole, delle funzioni, delle strutture, delle risorse, dei processi e delle procedure che mirano ad assicurare nel rispetto della sana e prudente gestione il conseguimento delle seguenti finalità:» verifica dell attuazione delle strategie e delle politiche aziendali» contenimento dei rischi nei limiti stabiliti dal framework di propensione al rischio» salvaguardia del valore delle attività e protezione delle perdite» efficacia e efficienza dei processi aziendali» affidabilità e sicurezza delle informazioni aziendali e delle procedure informatiche» prevenzione del rischio che la banca sia coinvolta in attività illecite (riciclaggio, usura e finanziamento al terrorismo)» conformità delle operazioni con la legge e la normativa di vigilanza, nonché con le norme e procedure interne 24

25 3 Rafforzare il presidio dei rischi CONSAPEVOLEZZA DA PARTE DEI MASSIMI LIVELLI AZIENDALI Il CDA:» DEFINISCE:» le linee di indirizzo del sistema dei controlli (coerenza con gli obiettivi strategici)» l assetto, i compiti, le responsabilità, le modalità di coordinamento delle funzioni di controllo» APPROVA:» il piano di attività delle funzioni di controllo» ASSICURA:» il sistema dei controlli sia uniformato ai principi regolamentari prevedere attività di controllo diffuse ad ogni ambito operativo e livello gerarchico garantire che le anomalie riscontrate siano portate a conoscenza di livelli appropriati (agli Organi Aziendali se significativi) in grado di attivare gli opportuni provvedimenti avere specifiche procedure per far fronte all eventuale violazione dei limiti» le funzioni di controllo abbiano i requisiti di indipendenza, nomina e sistema di remunerazione previsti dalla normativa 25

26 3 Le Funzioni di Controllo Le funzioni di controllo devono avere posizioni gerarchico funzionali adeguate e non hanno responsabilità diretta di aree operative sottoposte a controllo BOARD REVISIONE INTERNA CEO CREDITI FINANZA E OPERATION HR E ORG.NE CHIEF RISK OFFICER RETAIL CORPORATE COO CFO ORGANIZZ. NE RISK MANAGEMENT AREE TERRITORIALI Indipendenza e Separatezza AREA SICUREZZA INTEGRATA DIRIGENTE PREPOSTO PRESIDIO OUTSOURCING COMPLIANCE (*)» Il Responsabile della Funzione di Revisione Interna è alle dirette dipendenze del CDA SICUREZZA E CONTINUITA SALUTE E SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO STAFF CONTROLLI CONTABILI ANTIRICICLAGG IO CONVALIDA MODELLI Funzioni aziendali di controllo (*) HR: 411 Funzioni di controllo HR: 115 * Con requisiti particolari di indipendenza, remunerazione e assetto» Funzioni di Controllo dei Rischi e Conformità (*) sono collocati alle dirette dipendenze dell Organo con funzione di gestione.» Funzione di Convalida Interna e Antiriciclaggio rispondono gerarchicamente alla Funzione di Controllo dei Rischi. (*) La compliance non potrà più stare a riporto del Chief Risk Officer dal

27 3 Le Funzioni di Controllo Le funzioni di controllo devono essere indipendenti e avere un sistema di remunerazione non correlato alle performance aziendali BOARD CEO CHIEF RISK OFFICER RISK MANAGEMENT COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO REVISIONE INTERNA» Nomina e revoca i Responsabili delle Funzioni di Controllo sono nominati/revocati, motivandone le ragioni, dal CDA, sentito il Collegio Sindacale, con apposita delibera. Proposta: Comitato Controllo e Rischi, avvalendosi del contributo del Comitato Nomine e Remunerazione. la nomina e l eventuale revoca dei responsabili delle Funzioni di Controllo è preventivamente comunicata alla Banca d Italia.» Criteri di remunerazione definiti dal CDA su proposta HR, sentito il parere del Comitato Controllo e Rischi. I criteri devono essere coerenti con le finalità della funzione svolta e non correlati al raggiungimento degli obiettivi aziendali di performance. assetti retributivi deliberati dal CDA, sentito il Collegio Sindacale, su proposta del Comitato Nomine e Remunerazione che acquisisce anche il parere del Comitato Controllo.» Accesso alle informazioni CONVALIDA MODELLI consentito accesso ai dati aziendali necessari per svolgere i propri compiti. Il Responsabile della Funzione di Revisione Interna ha accesso agli atti del CDA e degli Organi di Controllo. 27

28 3 Le Funzioni di Controllo Le funzioni di controllo devono essere dotate di risorse umane e finanziarie al fine di poter svolgere con efficacia e in modo indipendente la loro attività BOARD REVISIONE INTERNA CEO CHIEF RISK OFFICER RISK MANAGEMENT le Funzioni di Controllo dispongono delle risorse (anche economiche, eventualmente attivabili in autonomia con rendicontazione periodica al CDA e all Amministratore Incaricato) e delle competenze per lo svolgimento dei propri compiti viene periodicamente valutata l adeguatezza quali - quantitativa delle risorse, affinché le Funzioni Aziendali di Controllo dispongano di personale adeguato per numero, competenze tecnico-professionali e aggiornamento, anche attraverso il ricorso a programmi di formazione specialistici nel continuo COMPLIANCE ANTIRICICLAGGIO al fine di garantire la formazione di competenze trasversali e di acquisire una visione complessiva e integrata dell attività di controllo svolta, sono incentivati programmi di rotazione (piani di turnover) delle risorse tra le Funzioni Aziendali di Controllo CONVALIDA MODELLI 28

29 3 La consapevolezza del presidio dei rischi Il sistema dei controlli rappresenta un elemento fondamentale di conoscenza per il CDA, in modo da garantire piena consapevolezza della situazione ed efficace presidio dei rischi aziendali (Bankit C. 263) Assessment» Perimetro di attività e accountability Ciascuna Funzione di Controllo, in base alle rispettive competenze, è tenuta a: Plan Execution Reporting Follow up definire un programma di attività da presentare annualmente al CDA, in cui sono identificati e valutati i principali rischi a cui la Banca è esposta e sono pianificati i relativi interventi. eseguire le proprie attività di controllo secondo modalità predefinite (standard), garantendone la necessaria tracciabilità. rendicontare periodicamente agli Organi Aziendali i risultati delle attività di verifiche svolte e/o comunicare tempestivamente le criticità riscontrate. presentare annualmente al CDA una relazione che illustra le verifiche effettuate, i risultati emersi, i punti di debolezza rilevati e gli interventi identificati per la rimozione delle carenze rilevate. 29

30 3 La consapevolezza del presidio dei rischi Il rispetto dei criteri di sana e prudente gestione richiede un sistema di controllo che assicuri la funzionalità e la conformità nel tempo dei principali processi aziendali di gestione e controllo dei rischi Assessment Plan Per i principali processi aziendali sono previsti stringenti requirements di controllo e un audit annuale da parte della funzione di Revisione Interna Risk appetite framework e Valutazione adeguatezza patrimoniale Politiche di remunerazione del top management Execution Reporting Follow up Valutazione (e pareri) su operazioni rilevanti Utilizzo dei sistemi avanzati di misurazione del rischio utilizzato per la determinazione dei requisiti patrimoniali Gestione del rischio di liquidità Conformità alle norme Contrasto al riciclaggio e lotta al terrorismo Business Continuity e Disaster recovery Operazioni di cartolarizzazione e covered bond Attività esternalizzate (previsto da contratto accesso diretto) 30

31 3 La consapevolezza del presidio dei rischi La definizione dei flussi informativi per il CDA ispirata a criteri di materialità costituisce momento rilevante per assicurare consapevolezza sulla qualità dei presidi Assessment Plan» Flussi informativi Qualità dei flussi (solo informazioni sintetiche e rilevanti) In caso di rilevazione di gravi irregolarità: obbligo di segnalazione al CDA MPS : numero flussi previsti per Comitati Endoconsiliari e CDA (*) Execution Reporting Funzione di controllo Comitato Controllo e Rischio Comitato Parti Correlate CDA Totale Revisione Interna Compliance Risk Management Antiriciclaggio Follow up Convalida modelli Totale (*) Ai flussi standard si possono aggiungere comunicazioni particolari ad evento (es: richieste vigilanza, accertamenti irregolarità, etc.) 31

32 3 La consapevolezza del presidio dei rischi Assicurarsi che sia monitorata la corretta risoluzione delle criticità rilevate dalle funzioni di controllo nell ambito delle attività svolte Assessment» Follow up Regole di processo per la detection e la gestione Coordinamento tra le Funzioni di Controllo Plan Execution Reporting Follow up Gestione integrata delle azioni di mitigazione in funzione delle priorità in termini di rischio Database integrato con identificazione ownership e livello di rischio Identificazione del GAP Gestione del GAP Chiusura del GAP Rilevanza elevata per follow up delle criticità rilevate dalle Autorità di Vigilanza (impegni presi) a seguito di interventi ispettivi o amministrativi 32

33 3 Accountability alle Autorità di Vigilanza Sono accresciute le comunicazioni/relazioni che le Funzioni di Controllo inviano alle Autorità di Vigilanza. Le relazioni devono essere generalmente accompagnate da considerazioni del CDA ovvero da indicazioni sulle azioni intraprese a seguito degli aspetti di criticità segnalati Funzione di controllo Risk - Compliance - Revisione Interna Risk - Compliance - Revisione Interna Risk - Compliance - Revisione Interna Convalida modelli Revisione Interna Revisione Interna Revisione Interna Risk Management Oggetto/ Autorità di Vigilanza Relazione su attività svolta -valutazione del sistema dei controlli (BANKIT) Relazione sui controlli sui servizi d investimento (CONSOB) Relazione sui controlli e sulle verifiche delle attività esternalizzate (BANKIT) Relazione su esiti processo di validazione annuale modelli interni (BANKIT) Relazione sui metodi avanzati utilizzati per i requisiti regolamentari (BANKIT) Relazione sulle verifiche sulle società controllate Esiti audit (se rilevante) su politiche di remunerazione (BANKIT) Relazione processo di adeguatezza patrimoniale (ICAAP) (BANKT) I maggiori flussi informativi e l accresciuto rigore dei processi di supervisione (da novembre con il passaggio a BCE) impongono un attento monitoraggio al CDA/CCR del follow up rispetto agli impegni presi con le Autorità di Vigilanza. 33

34 Agenda Le banche italiane: sull orlo di una crisi di nervi? Supervisione bancaria: regole & stress Rafforzare il presidio dei rischi aziendali: make it work La Funzione di Internal Audit : l arte di sapere ascoltare

35 4 La Funzione di Revisione Interna: lo scopo Mission» Verificare la regolarità dell operatività e l andamento dei rischi» Valutare l adeguatezza complessiva del sistema di controlli interni» Garantire al management l efficienza e l efficacia del sistema dei controlli interni Responsabilita» Assicurare informazioni accurate, realistiche ed aggiornate» Favorire il continuo sviluppo dei processi di controllo» Seguire i cambiamenti legislativi e regolamentari e il loro impatto sul sistema dei controlli interni del Gruppo Strumenti» Standard di Internal Audit» Codice Deontologico» Sistema Informativo di Audit 35

36 4 La Funzione di revisione Interna: il posizionamento Indipendenza ed obiettività dell IA In coerenza con gli Standard Internazionali per la pratica della professione di Internal Auditing, Il responsabile della Funzione di Revisione Interna del Gruppo BMPS riporta direttamente al CDA. Tale posizionamento assicura l indipendenza della funzione. BOARD INTERNAL AUDIT AD/DG CREDITI CHIEF RISK OFFICER FINANZA E OPERATION HR E ORG.NE RETAIL CORPORATE COO CFO Il Gruppo BMPS ha optato per un modello di internal audit decentrato, in cui le principali Società controllate hanno la propria funzione di IA (la quale riporta direttamente al proprio CdA) IA MPS Capital Services IA IA IA Consorzio MPS Leasing & Consum.it Operativo di Factoring Gruppo IA MP Banque MP Belgio IA 36

37 4 La Funzione di Revisione Interna: organigramma 177 risorse al RESPONSABILE IA Fabrizio LEANDRI Staff Area Revisione Interna Specialist Staff Metodi e Rapporti Istituzionali Audit Strutture Centrali ed Estero» Compliance» Estero Specialist» Strutture centrali Specialist» Frodi» ICT» Operation Audit ICT e Operation Coordinamento Audit Filiali» 4 Dipartimenti Audit Filiali decentrati)» Frodi/irregolarità dipendenti» Rischi di credito» Rischi di mercato» Rischi finanziari e reputazionali Audit Rischi Audit Strutture Territoriali Rete» Aree Territoriali» Direzioni Territoriali Mercato» Centri Specialistici 37

38 4 La pianificazione di audit: Risk Control Assessment ASSESSMENT PLAN EXECUTION REPORTING FOLLOW UP» Un adeguato processo di self risk assessment è fondamentale per individuare i fattori di rischio e gli ambiti in cui allocare le risorse dell IA» La Funzione di Revisione Interna del Gruppo BMPS segue un approccio risk based quale guida al fine della determinazione del ciclo di audit e della predisposizione dell Audit Plan. Step 1 Individuazione dei rischi Analisi interna al fine di identificare la heat map dei principali ambiti da presidiare» valutazione qualitativa in termini di impatto, rilevanza e probabilità OUTPUT: heat map top risk Step 2 Prioritizzazione dei processi esposti a rischio Selezione (dalla heat map) della lista dei principali processi da auditare» approccio qualitativo e quantitativo (coverage delle Strutture, risultati dei precedenti interventi di audit, etc.) OUTPUT: elenco con score dei processi da presidiare Allineamento agli obiettivi del top management Step 3 Focusing» condivisione ed interazione fra le strutture dell Area Revisione Interna al fine di assegnare attività ed obiettivi;» inclusione interventi cd obbligatori ed eventuale accoglimento richieste AAVV e Organi apicali. Conformità ai requisiti legislativi e regolamentari OUTPUT: AUDIT PLAN Approvazione CdA 38

39 4 Esecuzione intervento di audit OPEN MEETING» E il primo incontro formale con il Responsabile della Funzione auditata» Gli argomenti discussi sono formalizzati in un documento scritto il cui contenuto prevede: nome dei partecipanti, argomenti trattati, conclusioni ed eventuali informazioni che rilevino ai fine dell intervento di audit EXECUTION» Esecuzione test di audit» Analisi dei risultati» Collection documentale a supporto delle evidenze rilevate EXIT MEETING» E l incontro con la Funzione auditata che formalmente conclude l attività. Vengono discussi i risultati, suggerite le eventuali azioni correttive, nonché le tempistiche. Deve tenersi entro 15 gg dalla conclusione delle verifiche» Gli argomenti discussi sono formalizzati in un documento scritto il cui contenuto prevede: nome dei partecipanti, argomenti trattati, ed eventuali osservazione della funzione auditata» Il documento deve essere sottoscritto dal Responsabile della funzione auditata e da tutti i partecipanti all incontro di exit meeting 39

40 4 Il reporting di audit ASSESSMENT PLAN EXECUTION REPORTING FOLLOW UP Al termine di ciascun intervento di audit viene redatto un report con i seguenti contenuti:» Premessa: breve descrizione del business contest del processo/funzione auditato/a.» Executive summary: breve descrizione degli obiettivi di audit, delle verifiche effettuate e dei risultati.» Attività di verifica svolte: descrizione approfondita dei test effettuati.» Gap e azioni correttive suggerite: comprende, per rilevanza, la descrizione dei gap rilevati, l individuazione le funzioni owner della sistemazione e le azioni di miglioramento suggerite. Viene attribuito un giudizio sulla base di una scala a 5 livelli: 1 Favorevole 2 In prevalenza favorevole 3 Parzialmente favorevole 4 In prevalenza non favorevole 5 Non favorevole» Sono previsti criteri standard di distribuzione dei report al Collegio Sindacale, al CDA/AD e al Comitato Controllo e Rischi.» Annualmente vengono inviate all Autorità di Vigilanza i seguenti report approvati dal CdA: Relazione sulla valutazione del sistema dei controlli interni Relazione sulle Società controllate Relazione sulle attività esternalizzate Relazione sui Servizi di Investimento 40

41 4 Il follow up ASSESSMENT PLAN EXECUTION REPORTING FOLLOW UP Definizione» Le attività di follow up attengono all attività di verifica da parte della Funzione di Internal Audit dello stato di avanzamento della risoluzione delle criticità emerse nell ambito delle attività di audit svolte. Il processo si conclude con la rimozione delle relative criticità» Attribuite alla funzione owner della risoluzione» Classificate con una scala a 3 livelli (alto, medio, basso) in coerenza con il rischio inerente (se riferite a materie di compliance e a normativa esterna/interna sono sempre a rilevanza alta ) Cosa TIMETABLE per la sistemazione ALTA: as soon as possible MEDIA: 6 mesi max BASSA: 1 anno max Come» I findings, le azioni correttive e le scadenze previste devono essere condivise e formalizzate» I risultati della analisi vengono rappresentati al top management nella reportistica della Funzione di IA 41

42 4 Performance: Quality Assurance e Programmi di miglioramento» Studio continuo dei modelli e delle tecniche per rispondere alla crescente complessità del sistema e coprire tutti gli aspetti dell attività dell IA Efficientamento della qualità dell IA» Periodici programmi formativi per gli auditors (interni ed esterni) per accrescere conoscenze e skills Certificazione CIA MARIO ROSSI» Self-assessment annuale di quality assurance (QAR) Work in progress» Dopo un positivo pre-assessment nel 2011, è in corso il processo di certificazione della Funzione di Revisione Interna da parte di primaria società di consulenza Deadline: Dicembre 2014 CERTIFICAZIONE ESTERNA 42

43 World

44 Conclusioni Obiettivo» Assicurare il corretto funzionamento delle imprese bancarie è condizione necessaria per la tutela del risparmio e per una efficiente capacità di allocazione delle risorse nelle attività produttive e di consumo Condizioni» Rapporto banca impresa: selezione e trasparenza (miglioramento capacità allocativa)» Riduzione del funding gap. Maggiore aliquota di finanziamento del mercato» Rafforzamento della corporate governance delle imprese Sistema di controllo» Capacità di leggere i rischi del mutevole contesto esterno. Rapidità di mitigazione» Funzioni di Controllo con elevato commitment e adeguate competenze» Comunicazione con i supervisori. Accountability 44

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

POSITION PAPER. Novembre 2012

POSITION PAPER. Novembre 2012 Position Paper in risposta alla procedura di consultazione della Banca d Italia Sistema dei controlli interni, sistema informativo e continuità operativa Novembre 2012 POSITION PAPER Sommario Premessa...6

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011

PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 PROGRAMMA DELL ATTIVITÀ NORMATIVA DELL AREA VIGILANZA PER L ANNO 2011 Marzo 2011 Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 1. Perché un programma di attività normativa? Far

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI

LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI LINEE GUIDA PER IL CONTRASTO AI FENOMENI DI RICICLAGGIO E DI FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO E PER LA GESTIONE DEGLI EMBARGHI Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio:

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione

Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Presentazione Negli ultimi anni il settore finanziario ha compreso come la gestione del rischio costituisca

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza

Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza LUISS Guido Carli Convegno Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Il rapporto tra BCE e autorità nazionali nell esercizio della vigilanza Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli