BANKITALIA TRA DR JEKYLL E MR HYDE. Vigilanti e vigilati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANKITALIA TRA DR JEKYLL E MR HYDE. Vigilanti e vigilati"

Transcript

1 PICTURE BY JUSTIN RODRIQUES, BANKITALIA TRA DR JEKYLL E MR HYDE Vigilanti e vigilati FULVIO COLTORTI Roma, Università degli Studi Roma3, Dipartimento di Economia 14 maggio

2 Che cosa è una banca centrale? Un istituzione il cui principale scopo è quello di assicurare la stabilità del sistema finanziario e del cambio. Stampa le banconote, controlla l inflazione, è prestatore di ultima istanza In molti casi, si occupa anche della vigilanza degli intermediari finanziari (es. Banca d Italia) Il suo fine ultimo? Le banche centrali esistono per scopi diversi da quelli delle banche commerciali. Esse perseguono il benessere nazionale, non i profitti. Utili e perdite delle banche centrali appartengono alla società. (Jaime Caruana, DG della BIS, introduzione a Central Bank finances, BIS paper No 71, April 2013) 2

3 Perché ce ne occupiamo? Nel dicembre 2013 Bankitalia ha riformato il suo statuto dandosi una governance autoreferente. È conveniente (per l Italia) una banca centrale così regolata? Segue le regole internazionali? Può essere un istituto a sostegno del nostro benessere? 3

4 Un po di storia 4

5 La prima banca centrale: Stockholms Banco 1656 Fallito nel 1664 e ricostituito nel 1668 come Riksens Ständers Bank. Nel 1867 ridenominata Sveriges Riksbank (Banca Nazionale di Svezia). Finanziò molte guerre stampando molta moneta Seguì nel 1694 la Bank of England. Negli Stati Uniti la Fed nacque nel

6 La storia della Banca d Italia: tappe fondamentali 1844 Nasce la Banca di Genova (come Banca di sconto, depositi e conti correnti; soci privati), la prima autorizzata ad emettere banconote nel Regno di Sardegna Nasce la Banca Nazionale (poi negli Stati sardi, poi nel Regno d Italia) dalla fusione di Banca di Genova e Banca di Torino (cost. 1847) 1893 Nasce la Banca d Italia dalla fusione della Banca Nazionale con Banca Nazionale Toscana (cost. 1857) e Banca Toscana di Credito (cost. 1860). Si incarica della liquidazione della Banca Romana, in dissesto 1926 Banca d Italia diventa unico istituto di emissione e si vede affidare funzioni di vigilanza sulle altre banche. Continua ad essere una società privata con azioni quotate in Borsa Banca d Italia diventa istituto di diritto pubblico. Le azioni in mani private sono rimborsate e viene approvato un nuovo statuto che dispone la titolarità delle quote solo in capo ad enti di natura pubblica e da istituti di assicurazione 1990 e ss. Le privatizzazioni bancarie (casse di risparmio, istituti di diritto pubblico e Bin) trasformano la natura dei soci contravvenendo le disposizioni statutarie. Nulla viene fatto per rimediare 2005 Una legge inapplicata dispone il passaggio delle quote Bankitalia allo Stato 2013 Viene riformata la governance ammettendo soci privati purché le quote di possesso non superino il 3% 6

7 Bankitalia al 31 dicembre 1936: 109 possessori delle nuove quote Capitale e riserva ordinaria 314 milioni pari all 1,5% del totale di bilancio 10,5% 5,0% Numero quote 22,8% 61,7% 88 Casse di risparmio 11 istituti e banche di diritto pubblico Inps 9 Compagnie di assicurazione 7

8 Bankitalia al 31 dicembre 1999: 86 possessori delle quote Capitale, riserve e fondi 44 miliardi pari al 24% del totale di bilancio Numero quote 25,8% 78 S.p.A. bancarie Inps 12,3% 61,9% 7 Compagnie di assicurazione 8

9 Chi si accorge dell anomala trasformazione dei vigilati in grandi soci? Enrico Cuccia, 10 febbraio 1997: 9

10 Due grandi concentrazioni Principali operazioni che hanno interessato la variazione delle quote in Bankitalia 1991: si costituisce la Cariplo S.p.A. (scorporo dalla Cassa di Risparmio delle PPLL) che nel gennaio 1998 si integra con il Banco Ambrosiano costituendo Banca Intesa 1991: l istituto di diritto pubblico Istituto Bancario San Paolo di Torino scorpora l azienda bancaria costituendo una S.p.A. omonima 1998: il Sanpaolo incorpora l Imi 1999: Banca Intesa si integra con la Comit incorporandola; diventa IntesaBci Intesa assorbe varie aziende bancarie ex casse di risparmio 2000: il Sanpaolo assorbe il Banco di Napoli 2002: il Sanpaolo assorbe il gruppo Cardine (CR di Padova, Rovigo, Venezia, Udine, Pordenone, Gorizia, Bologna) 2007: Intesa e Sanpaolo Imi si integrano dando vita a Intesa Sanpaolo 1993: l Iri privatizza il Credito Italiano cedendo le azioni in offerta pubblica 1995: il Gruppo Credit assorbe la Carimonte 1998: integrazione tra Credit e Unicredito (cui fanno capo Banca CRT, Cassamarca, Cariverona e Banca di Bergamo); nasce UniCredito Italiano (Unicredit) 1999: Unicredit assorbe Caritro (Trento e Rovereto) 2000: Unicredit assorbe CR Trieste 2007: Unicredit incorpora Capitalia (nella quale erano confluite Banco di Santo Spirito, Banco di Roma, CR Roma, Bipop- Carire, Mediocredito Centrale, Banco di Sicilia) 10

11 I maggiori soci al 31 dicembre 2013 I primi 3 soci posseggono il 70,87% del capitale 29,13 6,33 42,43 Gruppo IntesaSanpaolo Gruppo Unicredit Generali altri 22,11 11

12 Come risolvere il conflitto d interessi? 12

13 La banca centrale deve essere indipendente? Da chi? Due diversi concetti: Le funzioni di autorità monetaria (regolazione dei mercati monetari, finanziari e valutari) e di vigilanza sugli intermediari La propria governance (organi amministrativi) 13

14 Le funzioni di autorità monetaria: vale ancora l indipendenza dal governo? Qualcuno comincia a dire di no we find that the central bank s independence from the executive branch of the government is not always significantly related to performance and in some cases the relationship is the opposite of what one might expect I.Hasan, L.J. Mester, Central bank institutional structure and effective central banking: crosscountry empirical evidence, Bank of Finland Research Discussion Papers, The idea of the central bank as an independent institution will be put aside C.A.E. Goodhart, The changing role of central banks, BIS WP No 326, November

15 Banca centrale e Stato: dove finiscono gli utili da signoraggio l ultimo beneficiario non può essere che lo Stato italiano (Governatore, 12/12/2013) Dati in milioni di euro Totali dal 1999 al 2012 Banca d Italia Deutsche Bundesb. Banque de France Utili dichiarati prima delle imposte Imposte sul reddito versate (-) o crediti addebitati all Erario (+) +291 esente Utili netti Dividendo versato allo Stato 4.620* ** Totale versato allo Stato (dividendi + imposte) * Oltre a 709 mln ai partecipanti. ** Inclusi 113 mln da riduzione capitale e riserve. 15

16 Bankitalia: un bilancio sempre più ricco Milioni di euro (prima del 1999 lire convertite al c. 1936,27) L oro è stato rivalutato a partire dal All aprile 2014: 53, Altri fondi Fondo rival. Oro Capitale e riserve

17 Bilanci 2012 a confronto: per Bankitalia eccesso di patrimonio per miliardi Dati in milioni di euro Banca d Italia Deutsche Bundesb. Banque de France Bank of England Bco de Espana Capitale e riserve [1] Fondo rischi gen Totale[2] Circolazione [3] Totale attivo [4] Di cui: oro [5] Oro % su circolazione [5/3] 66,3 60,5 57,9-11,5 Cap & riserve % su: Circolazione [1/3] 15,7 2,5 5,5 5,8 3,9 Totale attivo [1/4] 3,9 0,6 1,3 0,7 0,7 Patrim. & FRG % su attivo [2/4] 6,0 2,0 2,1 0,7 2,1 17

18 Bankitalia: investimenti e fondi propri il tesoretto Milioni di euro (prima del 1999 lire convertite al c. 1936,27) Valore degli attivi Riserve e fondi escluso oro 18

19 Chi è il proprietario delle banche centrali nel mondo? Europa Quota Paesi Stato 100% Austria, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna, Slovenia, Slovacchia, Estonia, Cipro, Malta, Regno Unito, Stato in maggioranza >50% Grecia (84% tramite un fondo statale), San Marino (70%), Belgio (50%), Banca Nazionale Svizzera (52%) Stato in minoranza Italia (5% tramite Inps e Inail) Extra Europa Quota Paesi Stato 100% Australia, Brasile, Canada, India, Indonesia Stato in maggioranza >55% Giappone Sistema della riserva federale - USA: FR Board (7 governatori nominati dal Presidente e confermati dal Senato) + 12 Reserve Banks partecipate da oltre 8 mila banche commerciali (obbligate ad impiegare il 3% del capitale; azioni non negoziabili) 19

20 Governance da gattopardo: cronologia Ritorno alla public company delgli anni 30? 2005: una legge rimedia al conflitto vigilante-vigilati disponendo la statizzazione 2013: accelerazione della riforma 6 settembre: il nuovo DG di Bankitalia annuncia al Sole24Ore che nel giro di un mese vi sarà una risposta aggiornata e affidabile anche per l annoso quesito quanto vale la Banca d Italia. L obiettivo dell istituzione è di estendere la platea dei partecipanti al capitale, per ottenere una vera public company 30 novembre: il Governo Letta emana un decreto legge contenente norme sull Imu e in contemporanea una riforma di Bankitalia con aggiornamento del suo capitale da 156 mila a 7,5 miliardi di euro; una riforma per decreto legge è costituzionale? 23 dicembre: i soci Bankitalia approvano in assemblea la riforma dello statuto 27 dicembre: il Presidente della repubblica promulga il nuovo statuto Bankitalia nonostante il decreto legge non sia stato ancora convertito. Lo stesso giorno la Bce comunica il proprio parere sulla riforma 2014: monta una forte opposizione alla conversione del decreto Imu-Bankitalia visto come un regalo alle banche 21 gennaio: il Governo mette la fiducia per la conversione del decreto gennaio: costruzionismo dei grillini, rissa in Parlamento e applicazione della ghigliottina alla Camera per impedire il superamento dei termini per la conversione. 20

21 27 dicembre, parere della BCE: ma perché Bankitalia deve essere diversa dalle altre BC dell eurozona? Secondo la BCE le BCN debbono avere patrimoni elevati la BCE considera importante, sotto il profilo dell indipendenza finanziaria, che siano preservati i meccanismi per assicurare il trasferimento di una parte degli utili netti annuali alle riserve della Banca d Italia [ BuBa? BdF? ] In conseguenza all operazione di ricapitalizzazione [sic!] autorizzata dal decreto legge, le quote devono essere registrate nei conti patrimoniali degli azionisti nel comparto delle attività finanziarie detenute per la negoziazione al valore precedente l operazione, al fine di costituire un mercato per le quote della Banca d Italia Nuova sede Bce. Una torre di Isengard? 21

22 Quanto vale Bankitalia? 1. Il valore di bilancio di un impresa è pari al suo patrimonio netto. Perché il valore delle quote è stato invece limitato al capitale nominale? 2. I vecchi soci avevano diritto alle riserve? Parrebbe di sì (Bankitalia ex-post, 3/2/2014) 3. Chi doveva farsi carico della valutazione? E giusto che sia il valutando? 4. Con quali criteri si doveva procedere? 5. Vi è stato un regalo alle banche? 22

23 La proposta Bankoro per sostenere economia e banche (F.Coltorti & A.Quadrio Curzio) 16 aprile e 5 settembre 2013 Il Sole24Ore 1. Il valore di Bankitalia viene supposto tra un minimo di 6,3 miliardi (carico aggiornato delle quote nel bilancio Bnl al momento della sua vendita al pubblico) e un massimo di 23,5 miliardi (capitale e riserve a fine 2012) 2. Bankitalia trasferisce l oro ad una sua affiliata realizzando una plusvalenza sulla quale paga l imposta al Tesoro (circa 20 miliardi) 3. Il Tesoro costituisce Bankoro s.p.a. che con i proventi dell imposta di cui al punto 2 acquista le quote Bankitalia possedute dai soci privati (soprattutto banche) 4. I soci privati realizzano plusvalenze a fronte delle quali costituiscono un fondo per finanziare investimenti di imprese meritevoli (rilancio dell economia); le plusvalenze, in quanto realizzate, rafforzano il patrimonio delle banche le quali possono concedere maggiori crediti all economia 23

24 Quanto vale Bankitalia? L autovalutazione Valutazioni contestabili Ha provveduto a tutto Bankitalia stessa: - Ha stabilito i periti (tre esperti di alto profilo) - Ha sottoposto loro i suoi calcoli - Ne ha ottenuto la condivisione su una forchetta tra 5 e 7,5 mrd Il Ministro dell economia (ex Bankitalia) si è limitato a regalare ai partecipanti il valore più alto (7,5 mrd) Poche spiegazioni sui parametri usati nel dividend discount model (v. Venanzi 2013): 1. Flusso di dividendi da scontare = in crescita del 5% nei primi 20/30 anni; del 3% successivamente 2. Tasso risk free = rendimento del Bund decennale (1,8%) 3. Premio al rischio azionario = 7 punti 4. Coefficiente Beta = 0,4 5. Liquidity discount 20% 24

25 Bankitalia privatizzata Un comunicato del Mef il 2 dicembre 2013 è fuori luogo parlare di privatizzazione della Banca d Italia: infatti nulla cambia nella tipologia dei soggetti azionisti Ma per la legge sino al 2005 dovevano essere soggetti a controllo pubblico 25

26 Cosa si aspettavano i soci? Valutazioni contestabili 1. Un plusvalore delle quote da poter inserire nel patrimonio di vigilanza 2. Ma la Bce ha avanzato riserve chiedendo l applicazione dei principi contabili generalmente accettati (Ias e Ifrs) prescrivendo l uso del valore precedente l operazione : servivano quindi plusvalenze realizzate per poter aumentare i patrimoni 3. La soluzione per i bilanci 2013: poiché Bankitalia ha annullato le vecchie quote emettendone di nuove aventi valore nominale rivalutato, è stata richiamata la fattispecie della transazione rilevando a conto economico le rivalutazioni (effetto netto 2,2 miliardi per Intesa Sanpaolo e di 1,2 miliardi per Unicredit con imposte al 12%; ma il Governo Renzi le ha ora portate al 26%). Nulla è stato considerato in aumento del patrimonio di vigilanza Questi plusvalori saranno confermati da transazioni effettive? 26

27 Vecchio e nuovo statuto: la ripartizione degli utili Vecchio: Art.54 - Gli utili netti dopo di avere da essi prelevata la somma che il Consiglio superiore crederà di stabilire per graduale costituzione di un fondo di riserva ordinaria fino a concorrenza del 20% degli utili netti, sono assegnati ai partecipanti, per la distribuzione di un dividendo fino ad una somma pari al 6% del capitale. Col residuo, sempre su proposta del Consiglio superiore e con la approvazione del Ministro per il tesoro, possono essere costituiti eventuali fondi speciali e riserve straordinarie mediante utilizzo di un importo non superiore al 20% degli utili netti complessivi e può essere distribuito ai partecipanti, ad integrazione del dividendo, un ulteriore importo non eccedente il 4% del capitale. La restante somma è devoluta allo Stato Art.55 - I frutti relativi agli investimenti delle riserve sono destinati in aumento delle medesime. [da essi] può essere, su proposta del Consiglio superiore e con l approvazione dell assemblea ordinaria, prelevata e distribuita ai partecipanti una somma non superiore al 4% dell importo delle riserve medesime Nuovo Art.40 su proposte del Direttorio e sentito il Collegio sindacale L utile netto è così destinato: a) alla riserva ordinaria, fino alla misura massima del 20%; b) ai partecipanti, fino alla misura massima del 6% del capitale; c) alla riserva straordinaria e ad eventuali fondi speciali fino alla misura massima del 20%: d) allo Stato per l ammontare residuo. 27

28 Cosa ne sarà dell oro? Milioni di euro (prima del 1999 lire convertite al c. 1936,27) Il possesso è pari a tonn. Metà circa è nelle sacristie di via Nazionale Il resto è depositato presso la Federal Reserve Bank of New York, la Banca Nazionale Svizzera (Berna) e la Bank of England (Londra) 73,3 mrd all aprile Oro all'attivo Fondo rivalutazione 28

29 Nuova corporazione? 29

30 Massimo Giannini: Il perimetro Bankitalia e le vite degli altri 30

31 Stessa firma su due giornali 31

32 Quali interessi deve difendere? Severità nella classificazione dei crediti = razionamento a scapito della ripresa produttiva Bankitalia: per le imprese è ancora "credit crunch Sulle imprese è continuato a pesare il credit crunch, anche se in misura più lieve, mentre per le famiglie sono migliorate le condizioni per ottenere prestiti e mutui. E' quanto emerge dal rapporto della Banca d'italia sul credito in cui si evidenzia che nel primo trimestre del 2014 le condizioni di offerta dei prestiti alle imprese sono rimaste "lievemente restrittive", risentendo del rischio percepito connesso con le prospettive ancora incerte dell'attività economica in generale e di particolari settori e imprese. La restrizione, spiega l'istituto centrale, ha continuato a interessare la maggior parte dei termini e delle condizioni. Le banche non prevedono variazioni di rilievo nel trimestre in corso. Confartigianato, 30/4/

33 Quali interessi deve difendere? Banca Marche commissariata da Bankitalia 21/12/

34 I vigilati italiani: ammontare dei crediti deteriorati netti in % dei crediti v/ clienti Dati rilevati dall Area Studi Mediobanca Nuovi criteri 8,8 10, ,9 6,5 7, ,3 4,1 3 2,7 3,3 Al netto delle garanzie ,5 Totale banche Banche maggiori 34

35 Meglio allora comperare i titoli di Stato Indagine R&S sulle maggiori banche miliardi di euro 57,5 27,6-1,8-27,9-38,1-60,8 nel 2012 nel 2013 I sem nel 2013 II sem Variazione crediti v/ clienti Variazione titoli di Stato 35

36 Rischio e spazzatura: banche italiane vs europee a giugno 2013 Fonte: indagine R&S spazzatura (attivi di liv.3 - % su PN tang) CH DE DK FR UK IT NL SP rischiosità (leva su PN tang numero di volte) 36

37 Missioni differenti 37

38 Per noi, pura dipendenza dal SEBC 38

39 Che cosa succede alle nostre big banks? Nell ultima grande crisi, in Italia non si sono verificati finora default di grandi banche: merito di Bankitalia? Se sì perché le ispezioni sono divenute più severe proprio dopo la grande crisi e sono state imposte rettifiche ai crediti e conseguenti rientri alle pmi? La concentrazione bancaria in Italia sotto la regia di Bankitalia: colossi veri o falsi? Nell esercizio 2013 i tre maggiori gruppi hanno perso 20 miliardi: Unicredit: perdita record di 14 miliardi di euro Intesa Sanpaolo: perde oltre 4,5 miliardi di euro Banca Monte dei Paschi: perde 1,4 miliardi di euro 39

40 La nuova Bankitalia: che cosa non convince? Autoreferenzialità: una public company deve essere vigilata; chi vigila il vigilante? Una vigilanza sulle banche da troppo debole a troppo severa in confronto agli altri paesi? Dubbi sulla effettiva negoziabilità delle nuove quote di capitale che ora sono classificate come attivi a livello 3 Manomorta: circa la metà degli utili da signoraggio resta nella disponibilità della banca centrale anziché rifluire nelle casse dello Stato 40

41 Riusciremo a far tornare il Dr. Jekyll? PICTURE BY JUSTIN RODRIQUES, 41

42 Biblio, Rassegna stampa, miscellanea F.Coltorti & A.Quadrio Curzio, Bankoro un piano per sfruttare le riserve auree; Il Sole 24 Ore, 16 aprile 2013 F.Coltorti, Banca d Italia. L anomalia del suo assetto proprietario va risolta; 1 settembre 2013 F.Coltorti & A.Quadrio Curzio, Come investire l oro di Bankitalia (senza venderlo); Il Sole 24 Ore, 5 settembre 2013 F.Coltorti, L oro di Bankitalia sprecato per far cassa; Il Sole 24 Ore, 3 novembre 2013 F.Coltorti, Che pasticcio la riforma di Bankitalia; 30 novembre 2013 F. Coltorti, Quel pasticciaccio brutto di via Nazionale (www.linkiesta.it), 15 dicembre 2013 D.Venanzi, La valutazione delle quote della Banca d Italia: che cosa non torna? Dipeco.uniroma3.it 42

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

La politica monetaria in Europa

La politica monetaria in Europa La politica monetaria in Europa Aspetti istituzionali Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da: BCE + Banche Centrali Nazionali (BCN) dei paesi aderenti all'ue. Tuttavia, le BCN dei paesi

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

Pagamenti con Carta di Credito e di Debito SCHEDA INFORMATIVA

Pagamenti con Carta di Credito e di Debito SCHEDA INFORMATIVA Pagamenti con Carta di Credito e di Debito SCHEDA INFORMATIVA Indice 1. Tipologie di Carte di Credito 2. Paesi supportati 3. Primo trasferimento di fondi attraverso carta di credito/debito 4. Valute di

Dettagli

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione.

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE FINANZA, CONTABILITA E BILANCIO Roma, 14 settembre 1999 Circolare n. 176 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali,

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST

REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST Allegato 4 REGOLAMENTO DEI FONDI ASSICURATIVI DI INVESTIMENTO DELLE POLIZZE UNINVEST ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI La UnipolSai Assicurazioni S.p.A., di seguito denominata Società,

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La stabilità dei prezzi: perché è importante per te. Opuscolo informativo per gli studenti

La stabilità dei prezzi: perché è importante per te. Opuscolo informativo per gli studenti La stabilità dei prezzi: perché è importante per te Opuscolo informativo per gli studenti Che cosa puoi comprare con una banconota da 10 euro? Due CD singoli o forse quattro numeri del tuo settimanale

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità 27 novembre 2014 Prof. Walter Ricciardi Commissario Istituto Superiore di Sanità Tipologie di sistemi sanitari Tipo Stato Bismarck Assicurativo Sociale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

IL CAPITALE DELLE BANCHE CENTRALI

IL CAPITALE DELLE BANCHE CENTRALI 547 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL CAPITALE DELLE BANCHE CENTRALI 29 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Lo statuto della Banca d Italia La dichiarazione del governatore

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO 7.1. I cambi esteri Lo sviluppo dell economia, la continua ricerca di nuovi mercati di sbocco, il miglioramento dei mezzi di comunicazione e

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA

BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Pag. 1 / 8 1.3.5 Prodotti della Banca Servizi Bonifici BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

L armonizzazione contabile

L armonizzazione contabile L armonizzazione contabile La globalizzazione dei mercati finanziari ha determinato una spinta notevole all armonizzazione dei bilanci delle società, tradizionalmente redatti secondo norme e principi che

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

IBAN E PAGAMENTI SEPA NOVITÀ PER I PRIVATI

IBAN E PAGAMENTI SEPA NOVITÀ PER I PRIVATI IBAN E PAGAMENTI SEPA NOVITÀ PER I PRIVATI 2 CARO CLIENTE, nel mondo dei servizi bancari c è una novità. Nel giro di pochi anni infatti sarà portata a compimento l Area Unica dei Pagamenti in Euro (in

Dettagli

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)?

Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? MEMO/11/406 Bruxelles, 16 giugno 2011 Salute: Preparativi per le vacanze viaggiate sempre con la vostra tessera europea di assicurazione malattia (TEAM)? Non si sa mai. Pensate di recarvi in un paese dell'ue,

Dettagli

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI PROF. MARCELLO MINENNA 1 UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO Andamento tassi di interesse a 10 anni nel periodo 1993-2007 35% 30% Determinazione

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT)

BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT) Aggiornato al 6 febbraio 2014 Foglio Informativo Pag. 1 / 5 BONIFICO SEPA CREDIT TRANSFER (SCT) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde.

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie Sommario Le nuove regole europee sulla gestione delle crisi (BRRD)... 1 Perché sono state introdotte le nuove regole europee?... 2 Che cos è la risoluzione

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Aggiornato al 13 febbraio 2013 BONIFICO ESTERO

Aggiornato al 13 febbraio 2013 BONIFICO ESTERO Pag. 1 / 7 Foglio Informativo BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Antonveneta S.p.A. P.tta Turati 2-35131 - Padova Numero verde 800.192.192 e.mail infocomm@antonveneta.it/www.antonveneta.it

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Data di deposito in Consob del Glossario: 17/05/2010. Data di validità del Glossario: 01/06/2010.

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze,

La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze, 1 La variante ufficiale del contratto è quella in romeno, la traduzione in italiano è stata realizzata solo per informativa. In caso di differenze, divergenze o conflitti tra le due varianti, prevale la

Dettagli

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L LA COMPAGINE SOCIALE LA COMPAGINE SOCIALE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza si ispira ai principi di onestà, correttezza, trasparenza e riservatezza nello svolgimento

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

Bonifici nazionali ed esteri

Bonifici nazionali ed esteri BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 GENOVA FOGLIO INFORMATIVO Bonifici nazionali ed esteri Aggiornato al 1 gennaio 2014 (D.Lgs 1/9/93 n.385 Titolo VI, deliberazione CICR 4/3/2003 e relative disposizioni

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 Ufficio Documentazione e Studi 5 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista,

Annuncio di Borsa. 8 febbraio 2012. Gentile Azionista, Annuncio di Borsa Agli Azionisti di Aggregate Bond (ISIN Code IE00B3DKXQ41), ishares Barclays Capital Euro Corporate Bond (ISIN Code IE00B3F81R35), Corporate Bond 1-5 (ISIN Code IE00B4L60045), Government

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO Allianz Global Investors Selection Funds plc (la Società ) (precedentemente Darta Investment Funds plc) PROSPETTO SEMPLIFICATO 26 giugno 2009 Il presente Prospetto Informativo Semplificato fornisce importanti

Dettagli

il settore bancario italiano

il settore bancario italiano crescita e competitività alla luce delle nuove regole di mercato Roma, 9 giugno 215 il settore bancario italiano Giuseppe Lusignani Università di Bologna FORUM HR 215 Giuseppe Lusignani - giugno 215 1

Dettagli

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico

Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico 7 Moneta e credito: la generazione dei mezzi di pagamento nel sistema economico Nel capitolo precedente abbiamo individuato nella funzione di mezzo di pagamento generalmente accettato la caratteristica

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

Aggiornato al 1 Ottobre 2015

Aggiornato al 1 Ottobre 2015 Pag. 1 / 8 Foglio Informativo BONIFICO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it/sito internet

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE PER I PENSIONATI

CONTO CORRENTE DI BASE PER I PENSIONATI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DI BASE PER I PENSIONATI Il presente documento contiene informazioni su Banca Sistema S.p.A., indica le condizioni economiche che Banca Sistema S.p.A. riserva a tutti

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 02-06 2013 Numero 33 Il punto in breve La performance del mercato azionario inizia ad intimorire anche i più ottimisti. A Wall Street i listini continuano

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked PARTE III (Mod. V70PIII-0415)

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked PARTE III (Mod. V70PIII-0415) Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked PARTE III (Mod. V70PIII-0415) Pagina 1 di 9 PARTE III DEL PROSPETTO D OFFERTA ALTRE INFORMAZIONI La Parte III del

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali Le Convenzioni Internazionali Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali La normativa internazionale in materia di sicurezza sociale Regolamenti comunitari Accordi e Convenzioni Bilaterali

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

SISTEMA FONDI ZENIT MC

SISTEMA FONDI ZENIT MC GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO SISTEMA FONDI ZENIT MC ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC MEGATREND ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO)

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE VIII (LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI) E X (INDUSTRIA, COMMERCIO, TURISMO) Audizione del Presidente della CONSOB Giuseppe Vegas Roma, 26 settembre 2013 1 Telecom

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane

I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Settembre 2012 I NUOVI STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE NEL DECRETO CRESCITA DEL 2012 Una finanza d impresa più europea per le PMI italiane Introduzione Tra le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Il documento conferma che l oro d Italia e allocato in 4 luoghi del pianeta, 3 dei quali fuori dal territorio nazionale Italiano.

Il documento conferma che l oro d Italia e allocato in 4 luoghi del pianeta, 3 dei quali fuori dal territorio nazionale Italiano. Oro Fisico La Banca d Italia ha recentemente pubblicato un documento ufficiale attraverso il suo sito internet, riguardo lo stoccaggio e la composizione delle riserve auree italiane. Il documento conferma

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera

Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Gestire i regolamenti commerciali con la Svizzera Alcune riflessioni sui mezzi di pagamento Giancarlo Bianchi Responsabile Trade & Export Finance Banca Popolare di Vicenza Componente del Gruppo di lavoro

Dettagli

Note esplicative sul modulo di opposizione

Note esplicative sul modulo di opposizione UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Note esplicative sul modulo di opposizione 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - FEI FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - FEI FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI P R E M E S S A Il FEI è un istituzione finanziaria creata in joint-venture dalla BEI (Banca Europea degli Investimenti), dall Unione Europea e dalle istituzioni finanziarie

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al

FOGLIO INFORMATIVO. relativo al FOGLIO INFORMATIVO relativo al CONTO DI BASE GRATUITO PER CONSUMATORI CON TRATTAMENTI PENSIONISTICI MENSILI FINO A 1.500,00 EURO CON BASSA OPERATIVITA' Decorrenza condizioni : 07/05/2014 INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BIVERBANCA

Dettagli

Il diritto allo studio oggi. E domani?

Il diritto allo studio oggi. E domani? Il diritto allo studio oggi. E domani? Federica Laudisa Ripensare il diritto allo studio universitario Firenze, 10 novembre 2011 Sommario Lo stato dell arte Uno sguardo oltreconfine La riforma Gelmini

Dettagli

CONTO CORRENTE DI BASE PER I CONSUMATORI

CONTO CORRENTE DI BASE PER I CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE DI BASE PER I CONSUMATORI Il presente documento contiene informazioni su Banca Sistema S.p.A., indica le condizioni economiche che Banca Sistema S.p.A. riserva a tutti

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 bis Ufficio Documentazione e Studi 12 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

ALLEGATO 7 AL CONTRATTO DI CUSTODIA GLOBALE VALIDO DAL 01/07/2014

ALLEGATO 7 AL CONTRATTO DI CUSTODIA GLOBALE VALIDO DAL 01/07/2014 Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo soggetto al controllo ed al coordinamento di Iccrea Holding S.p.A. Sede legale e Direzione Generale: via Lucrezia Romana 4147 00178 Roma ALLEGATO

Dettagli