Bilancio d esercizio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio d esercizio"

Transcript

1 Oxfam Italia Via C. Concini, Arezzo - Italia T F C.F P.IVA Bilancio d esercizio dal al Esercizio Breve 1

2 Indice Stato Patrimoniale. 3 Rendiconto Gestionale. 5 Nota Integrativa. 6 Relazione del Revisore..22 Certificazione di Bilancio 27 2

3 STATO PATRIMONIALE ATTIVO Dal al Dal al A) Quote Associative ancora da versare B) Immobilizzazioni I Immobilizzazioni immateriali: ) Software ) Progettazioni e studi II Immobilizzazioni materiali: ) Terreni e fabbricati ) Macchine Elettroniche ) Mobili e Arredi ) Impianti ) Altre immobilizzazioni materiali III Immobilizzazioni finanziarie: ) partecipazioni e depositi cauzionali C) Attivo Circolante I Rimanenze: 0 0 1) materie di consumo 0 0 II.a Crediti verso enti finanziatori: ) entro l'esercizio ) oltre l'esercizio II.b Altri Crediti ) entro l'esercizio ) oltre l'esercizio 0 0 III Attività Finanziarie che non costituiscono immob ) Obbligazioni IV Disponibilità liquide: ) depositi bancari e postali ) denaro e valori in cassa D) Ratei e risconti attivi Totale Attivo STATO PATRIMONIALE PASSIVO 3

4 Dal al Dal al A) Patrimonio netto I Fondo di dotazione dell'ente 0 0 II Patrimonio vincolato: ) fondi vincolati destinati a progetti III Patrimonio Libero: ) risultato gestionale esercizio in corso ) risultato gestionale esercizi precedenti ) riserva di rivalutazione immobili ) fondo di riserva B) Trattamento di fine rapporto lavoro subordinato C) Debiti entro l'esercizio: ) debiti verso banche ) debiti verso altri finanziatori ) acconti 0 0 4) debiti verso fornitori e collaboratori ) debiti tributari e fiscali ) debiti verso istituti di previdenza e infortunistici ) altri debiti D) Debiti oltre l'esercizio: ) debiti verso banche ) debiti verso altri finanziatori E) Ratei e risconti passivi Totale Passivo CONTI D'ORDINE Fideiussioni prestate a terzi Ipoteche

5 RENDICONTO GESTIONALE ONERI Dal al Dal al PROVENTI E RICAVI Dal al Dal al ) Oneri da attività tipiche ) Proventi e ricavi da attività tipiche ) Materiale ) Da contributi su progetti ) Servizi ) Da contratti con enti pubblici ) Godimento beni di terzi ) Da soci ed associati ) Personale ) Da non soci ) Ammortamenti ) Altri proventi e ricavi ) Oneri diversi di gestione ) Oneri promozionali e di raccolta fondi ) Proventi da raccolta fondi ) Attività di raccolta fondi ) Da Individui ) Attività ordinaria di promozione ) Da Aziende e Fondazioni ) Oneri da attività accessorie 0 0 3) Proventi e ricavi da attività accessorie ) Oneri finanziari e patrimoniali ) Proventi finanziari e patrimoniali ) Su rapporti bancari ) Da rapporti bancari ) Su prestiti ) Da altri investimenti finanziari ) Da altri beni patrimoniali 0 4.3) Da altri beni patrimoniali ) Oneri straordinari ) Proventi straordinari ) Da attività finanziaria ) Da attività finanziaria ) Da attività immobiliare ) Da attività immobiliare ) Da altre attività ) Da altre attività ) Oneri di supporto generale ) Materiale ) Servizi ) Godimento beni di terzi ) Personale ) Ammortamenti ) Altri oneri Totale Oneri Prima le Imposte e Tasse Totale Proventi Risultato gestionale prima delle imposte Imposte e Tasse Totale Oneri Dopo le Imposte e Tasse Risultato gestionale dopo le imposte Totale a Pareggio Totale a Pareggio

6 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio d esercizio Breve dal al BREVE DESCRIZIONE DI OXFAM ITALIA GIA UCODEP Durante l assemblea del 10 marzo 2012 è stata apportata un importante modifica statutaria relativamente all esercizio associativo. L articolo 49 stabilisce che: Dall anno 2013 l esercizio associativo inizia da primo aprile e termina il trentuno marzo dell anno successivo. Nel solo 2013 vi sarà un esercizio associativo breve dal primo gennaio al trentuno marzo. La modifica è stata richiesta per poter allineare l anno fiscale con quello della confederazione di Oxfam. Oxfam Italia è una Organizzazione non governativa (ONG) riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri con DM n 2000/337/ /2 e successivo DM n 2002/337/ /2 e pertanto riconosciuta anche come ONLUS di diritto secondo il D.Lgs n. 460/97. Gli altri riconoscimenti e iscrizioni sono: iscrizione Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Arezzo alla Pag. 21 numero d ordine 176; iscrizione al registro ministeriale di enti e associazioni che svolgono attività a favore degli stranieri immigrati ai sensi dell art. 42 del D.Lgs 286/98 art 52, 53 e 54 e del DPR 394/99 così come modificato dal DPR 334/04; accreditamento Echo, Agenzia dell Unione Europea per la progettazione e gestione di interventi in contesti di emergenza umanitaria riconoscimento dal MIUR (Ministero della Istruzione, Università e Ricerca) come Agenzia di formazione per il personale della scuola (art. 67 del vigente C.C.N.L e artt. 2 e 3 della Direttiva n. 90/2003); è iscritta nel Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni ai sensi dell art 6, comma 2 del D.Lgs n.215 del 2003; accreditata come Agenzia Formativa dalla Regione Toscana con codice AR0537; certificazione Uni En Iso 9001:2008 per quanto riguarda il seguente scopo: a) Progettazione e gestione di attività di cooperazione internazionale per lo sviluppo e di aiuto internazionale; b) Progettazione e gestione di attività di formazione, educazione, orientamento, ricerca sociale e mediazione linguistico-culturale. dal 2006 l Istituto Italiano delle Donazioni, il più importante organismo italiano di certificazione delle attività di raccolta fondi, ha concesso ad Oxfam Italia l uso del marchio "Donare con fiducia", attestando che la ONP Oxfam Italia ha comportamenti trasparenti, efficaci ed efficienti - in conformità con i principi della Carta della Donazione. Oxfam Italia beneficia di tutte le agevolazioni fiscali e tributarie previste agli effetti della Legge n. 49/87 e del D.L. n. 460/97. In particolare è esente dall imposta di bollo e da eventuali altre imposte dirette o indirette in occasione di eventi di raccolta fondi. Per quanto riguarda le donazioni da privati essi possono avvalersi di una deducibilità dal reddito imponibile fino al 2% in base all art. n. 30 della Legge n. 49/87 oppure per un importo non superiore a 2.065,83 euro o al 2% del reddito d impresa dichiarato, in base art. n. 13 del DL n. 460/97. La sede legale è in Arezzo in Via Concino Concini, 19. Parte delle attività vengono inoltre svolte nelle sedi operative, collocate in Italia in: Stato Citta' Indirizzo Italia Firenze Via Rossini, 20-22/r Italia Roma Via Regina Margherita, 302 Italia Milano Via Largo Richini, 6 Italia Padova Via Dè G. Menabuoi, 25 Italia Domusnovas-Carbonia Iglesias Via XXV Aprile, 65 e all estero in: Stato Citta' Indirizzo Albania Shkoder L. Kongresi I Permetit Rr. Oso Kuka 4000 Bolivia Camiri c/o Convenio de Salud Calle Sargento Maceda s/n Brasile Abaetetuba - Parà Tv. Humberto Parente, 1599, Centro, Bosnia Herzegovina Sarajevo Ul. Kosevo 34/

7 Stato Citta' Indirizzo Cambogia Siem Reap, Cambodia P46 Preah Khan, Borey Prem Prey Ecuador Lago Agrio Province of Sucumbíos Calle Guayas y Venezuela Ecuador Cotacachi Province of Imbabura - Calle García Moreno s/n Haiti Les Cayes Rue Brefet 46 Haiti Petion-ville Pelerin 2 A, n. 3 Honduras Libano Ocotepeque Beirut 3era Avenida, 3era Calle, Bo.San Andres, 1 cuadra debajo de Iglesia San José Furn al Chabek- Damascus Road- Facing Farhat Bakery, Eid and Hakim Building 5th Floor Marocco Rabat 3 Rue Beni Mellal appt 3 Hassan Palestina Jerusalem Est Palestina Gaza City Hejji Building, Gaza City Repubblica Democratica del Congo Kananga Al Sharif Building - Shajarat al-dur Road - Al-Tal Area, Beit Hanina - Jerusalem Israel 96, Avenue du Commerce, Quartier Tshimbashili, Enceinte Caritas Repubblica Dominicana Neyba Calle Angel Miro Santana, 20 Repubblica Dominicana Santo Domingo C/ Josefa Perdomo No.160 (2da planta) - Esq. Hnos. Deligne, Gazcue Serbia Belgrado Ul. Solina 7A Sri Lanka Polonnaruwa 105/1, Irrigation Place - New Town, Polonnaruwa Sud Africa Pretoria Room 517, 5th Floor, Pencardia 2 Bulding pretorius Steet Arcadia - Po Box Arcadia 0007 Sud Africa East London 37 Balfour Road Vincent East London 5247 Tunisia Tunis 75, Av. Kheireddine Pacha - Pacha Centre Bloc C 1073 CONTENUTO E FORMA DEL BILANCIO L associazione ai sensi dell art. 49 e 50 dello Statuto e tenendo conto dell atto di indirizzo approvato dal Consiglio dell Agenzia per le Onlus in data 11 febbraio 2009 denominato Linee guida e schemi per la redazione dei bilanci di esercizio degli enti non profit redige il Bilancio d esercizio. Il bilancio d esercizio chiuso al , è composto da Stato Patrimoniale, redatto secondo quanto previsto per le società dall art del Codice Civile, con alcune modifiche rispetto alle esigenze di un ente non profit, dal Rendiconto Gestionale (Conto Economico), predisposto a sezioni divise e contrapposte, e dalla Nota Integrativa. I dati degli ultimi due esercizi sono presentati in forma comparativa e nella nota integrativa sono commentate le principali variazioni intervenute. La comparazione in conto economico non è da tenere in considerazione perché il periodo preso a riferimento è diverso. Il Bilancio chiuso al è riferito ad un anno mentre quello chiuso al è di soli tre mesi. Il Bilancio è stato predisposto applicando i medesimi criteri di valutazione e gli stessi principi contabili adottati nell esercizio precedente. Il presente Bilancio è sottoposto sia al controllo del Revisore, organo statutario, che alla revisione contabile volontaria da parte della Baker Tilly Revisa spa di Bologna. Il Rendiconto gestionale è strutturato per aree di attività allo scopo di meglio rappresentare l acquisizione e l impiego delle risorse nello svolgimento delle attività. In particolare si distinguono: Attività tipiche: comprende gli oneri e i proventi derivanti dalle attività istituzionali di Oxfam Italia, così come previsto dallo statuto e dalla mission. Attività di promozione e raccolta fondi: comprende oneri e proventi relativi all attività svolta da Oxfam Italia nel tentativo di raccogliere fondi e di promuovere le proprie attività verso i privati e le istituzioni al fine di garantire la disponibilità di risorse finanziarie per realizzare attività funzionali e strumentali al perseguimento dei fini istituzionali. Attività accessorie: è un attività diversa da quella istituzionale ma complementare alla stessa in grado di garantire risorse utili al perseguimento delle attività istituzionali. Attività finanziarie e patrimoniali: sono le attività di gestione finanziaria e patrimoniale strumentali all attività istituzionale. Attività di supporto generale: comprende le attività di direzione e di conduzione di Oxfam Italia per garantire il permanere delle condizioni organizzative di base che ne assicurino la continuità. Il Bilancio è redatto per competenza e quindi senza tener conto degli incassi o dei pagamenti relativi ai proventi e oneri. 7

8 CRITERI DI VALUTAZIONE Le immobilizzazioni sono iscritte al costo d acquisto, comprensivo di IVA (in quanto indetraibile ai sensi dell art. 72 del D.P.R. 633/72 dell Imposta sul Valore Aggiunto per effetto della natura e dell attività svolta) al netto dei relativi Fondi ammortamento. Le immobilizzazioni sono state ammortizzate sulla base delle aliquote economicotecniche determinate in relazione alle residue possibilità di utilizzo dei beni. - Fabbricati 3% - Software 20% - Attrezzature e macchine elettroniche da ufficio 20% - Mobili e arredi 15% - Attrezzature inferiori a 516 euro 100% Immobilizzazioni immateriali Sono costituite da oneri pluriennali come i costi di sistematizzazione, effettuati per la nuova sede relativamente all installazione del nuovo centro elaborazione dati (CED), ai costi per l acquisizione di software e nuove applicazioni e ai costi sostenuti dal Dipartimento Raccolta Fondi e Comunicazione per investimenti relativi ad attività specifiche inserite nel piano strategico e che daranno utilità in anni successivi al sostenimento del relativo costo. In particolare nel corso del 2012 è stata registrata un importante operazione di capitalizzazione in alcuni settori strategici della raccolta fondi privata e in un nuovo sistema informativo per le esigenze sempre più crescenti dell organizzazione. Immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni relative alle proprietà immobiliari dell organizzazione sono iscritte in bilancio per il loro valore di acquisto, oltre ad eventuali costi relativi a migliorie e ristrutturazioni che ne abbiano determinato un effettivo incremento del valore dell immobile oltre che ad una rivalutazione del valore dei Fabbricati rispetto al valore di mercato avvenuta nel In base alla direttiva CEE, la contabilizzazione del valore dei fabbricati è avvenuta decurtando il valore del terreno, stimato in un 30% sul quale non verrà effettuato l ammortamento. Le altre immobilizzazioni materiali sono costituite da macchine elettroniche, mobili e arredi, autovetture e costi di impianto. Immobilizzazioni Finanziarie La voce comprende sia le quote di partecipazione ad altri organismi non- profit sia a depositi cauzionale accesi per poter svolgere alcune attività istituzionali o per l attivazione di alcuni servizi. Il valore a cui sono iscritti è quello nominale. Crediti I crediti sono iscritti al loro valore nominale e sono suddivisi in crediti a breve e medio termine in base alla presunta data dell incasso. Oxfam Italia lavorando prevalentemente con enti finanziatori pubblici ma anche con privati su base di convenzioni o contratti prevede l incasso dei propri crediti in tempi che non superano di solito un anno, i finanziatori che accumulano più ritardi sono quelli finanziati dal Ministero degli Affari Esteri e da altri Ministeri Italiani e la linea di finanziamento FSE che possono essere classificati in Bilancio anche come Crediti oltre l esercizio. Ovviamente a fine anno viene fatta una stima della loro esigibilità in base anche alle notizie acquisite. Disponibilità liquide Le disponibilità di banca, posta e cassa sono iscritte al valore nominale, per la loro reale consistenza sia in Italia che all estero, nei paesi in cui Oxfam Italia lavora. Il denaro in valuta straniera presente nelle casse e nelle banche di Oxfam Italia viene rivalutato secondo il tasso di cambio giornaliero dato dalla Banca d Italia al (www.uic.it). Ratei e Risconti I ratei e i risconti si riferiscono a quote di oneri o proventi comuni a due o più esercizi. Sono calcolati secondo il principio della competenza temporale. 8

9 Patrimonio netto Patrimonio libero E costituito dai risultati di gestione degli esercizi precedenti, dal Fondo di Riserva di Rivalutazione Immobili, dal Fondo di riserva costituito da: quote associative e dal risultato degli esercizi di Bilancio. Patrimonio vincolato Nel patrimonio vincolato sono registrati i fondi rinviati all anno successivo e vincolati al loro utilizzo rispetto a contratti, convenzioni e accordi già presi con l ente finanziatore Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato Rappresenta l effettivo debito maturato verso i dipendenti in base al contratto nazionale al commercio. Il fondo è relativo al totale delle singole indennità maturate a favore dei dipendenti al Debiti I debiti sono iscritti al loro valore nominale Conti d ordine I conti d ordine sono iscritti al loro valore nominale e rappresentano le ipoteche e le garanzie fideiussorie. Proventi e Oneri Gli oneri e i proventi sono registrati per competenza relativamente al periodo di riferimento. Gli oneri sono suddivisi per aree gestionali e i proventi in base alla loro origine. La rappresentazione è a sezioni contrapposte. Valute straniere Gli oneri in valuta sono iscritti in bilancio al controvalore in Euro per il quale l ente finanziatore esige la rendicontazione finanziaria dei propri fondi, così come previsto da contratto; laddove non è precisato viene applicato il tasso di cambio della Banca d Italia. Relativamente ai proventi in valuta straniera sono registrati al valore di cambio in Euro applicato dalla Banca al momento della conversione in Euro. I saldi delle liquidità al /2013 sono rivalutati al tasso di cambio giornaliero del della Banca d Italia (www.uic.it). Eccezione viene fatta per l Ecuador in cui il cambio applicato per la valorizzazione del Dollaro sull Euro è stata fatta con il cambio risultante dalla Banca locale. 9

10 COMMENTI ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO ATTIVO QUOTE ASSOCIATIVE ANCORA DA VERSARE Rappresenta l importo delle quote associative ancora da versare. IMMOBILIZZAZIONI Immobilizzazioni materiali e immateriali Di seguito esponiamo una tabella riepilogativa della situazione contabile dei beni di Oxfam Italia. Descrizione Incr. Decr F.do 2012 Incr. Decr. F.do Software Studi Fattibilità Altre immobilizzazioni immateriali Imm. Immateriali Terreni e Fabbricati Macchine Elettroniche Mobili e Arredi Autovetture Impianti Altre immobilizzazioni materiali Imm. Materiali TOTALE Nel corso del 2012 si è provveduto ad effettuare un importante capitalizzazione in riferimento ad attività legate alla raccolta fondi privata e al sistema informativo interno dell organizzazione. L operazione è stata registrata nel capitolo (Studi di fattibilità) per euro , e è stato stimato che produrranno benefici per i prossimi 5 anni. Le voci di costo capitalizzate nel Bilancio di esercizio 2012 sono relative a cinque progetti: Face to Face in House, Corporate, The Circle, Community Fundraising e Sistema Informativo. Di seguito in dettaglio il valore del progetto capitalizzato e il dettaglio del piano di ammortamento. Descrizione Amm.to al Amm.to al Amm.to al Amm.to al Amm.to al Amm.to al Costo attività Sistema Informativo F2F in House Corporate The Circle Community FR Totale Immobilizzazioni finanziarie Le immobilizzazioni finanziarie ammontano a euro , di cui di seguito mostriamo il dettaglio. Descrizione Partecipazioni n quote Al Incremento Decremento Al Banca Popolare Etica Cooperativa Wipala Transfair Italia Etimos Sub totale Partecipazioni

11 Descrizione Partecipazioni n quote Al Incremento Decremento Al Descrizione Cauzioni Ospedale Sant'Orsola - Camici Provincia di Arezzo - Gestione immigrati dell'osservatorio Provincia di Arezzo - Convenzione Mediazione Contratto Enel Temporaneo Contratto Affitto Eredi Prosperi Contratto Affitto Regus Sub totale cauzioni TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE Rimanenze Nel corso dell esercizio breve non si sono rilevate rimanenze di magazzino. Crediti verso enti Finanziatori Entro l esercizio Sono riferiti a crediti maturati verso enti sia pubblici che privati per anticipazioni da noi fatte per la realizzazione di progetti. L ammontare di questi crediti è di euro di cui euro afferenti a quei crediti maturati verso un ente finanziatore per i quali non si è ancora proceduto o all invio del rendiconto per la richiesta ufficiale del finanziamento o perché nel contratto era prevista una specifica dilazione dei pagamenti. In questi casi l associazione, sempre dietro un contratto, anticipa le spese non avendo la possibilità di emettere relativa richiesta dei fondi. La tabella di seguito rappresentata mette in evidenza i crediti sorti in esercizi precedenti al non ancora incassati, che ammontano a euro Rispetto all anno precedente essendo passato solo tre mesi dalla chiusura dell esercizio 2012 gli incassi da ricevere risultano notevolmente più alti. Si è provveduto inoltre a fare una valutazione dei crediti e sono stati valutati tutti esigibili anche se con tempi di incasso più lunghi del previsto. CREDITI ENTRO L'ESERCIZIO Al Al Crediti registrati prima del non ancora incassati Da MAE Da Unione Europea Da Regione Toscana Da Provincia Arezzo Da altri enti pubblici Da altri enti finanziatori privati e ONP Da Organizzazioni Internazionali TOTALE Per contro classificati in contabilità come Clienti/Finanziatori, per un ammontare di euro , troviamo quei crediti, sempre verso finanziatori, per i quali abbiamo emesso un documento di richiesta del credito, secondo quanto stabilito da contratto. Il credito è stabilito sulle spese anticipate dall associazione per la realizzazione del progetto prima che l ente eroghi il proprio contributo. Crediti entro l'esercizio Al Al Crediti registrati prima del non ancora incassati Finanziatori TOTALE Il resto dei crediti iscritti in questa voce riguardano crediti per fatture e note di debito da emettere. 11

12 Oltre l esercizio I Crediti oltre l esercizio afferiscono a due progetti finanziati dal Ministero degli Affari Esteri per i quali siamo in attesa di ricevere una parte della tranche finale. Non abbiamo documenti che attestino l eventuale incasso oltre l anno ma l esperienza maturata con il Ministero porta a considerare realistica la previsione di incasso oltre l esercizio. CREDITI OLTRE L'ESERCIZIO Al Al Crediti registrati prima del non ancora incassati Contributi MAE TOTALE Altri crediti Entro l esercizio Sono riferiti a crediti per anticipi verso collaboratori o fornitori per servizi o ordini di beni materiali non ancora resi nel corso dell esercizio breve. Oltre l esercizio Non si rilevano altri crediti oltre l esercizio. Disponibilità Liquide Le disponibilità liquide sono relative sia alle liquidità in Italia che nei paesi in cui Oxfam Italia ha un ufficio per gestire le proprie attività. Al sono così composte. Descrizione Al Al SEDE ITALIA DENARO E VALORI IN CASSA CASSA CONTANTI CASSA CONTANTI IN VALUTA DEPOSITI BANCARI E POSTALI UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C UNICREDIT BANCA C/C BANCA ETICA C/C BANCA ETICA C/C BANCA ETICA C/C BANCA ETICA C/C BANCA ETICA C/C BANCA ETICA C/C $ USA 5 15 MONTE DEI PASCHI DI SIENA C/C MONTE DEI PASCHI DI SIENA C/C BANCA ETRURIA C/C BANCA ETRURIA C/C BANCA ETRURIA C/C C/C POSTALE n POSTA C/C POSTA C/C BANCA SELLA PAYPAL Carta Prepagata Cariparma Carta Prepagata Cariparma Bonifico in transito da sede Croazia a Italia - 92 Totale disponibilità liquide sede ITALIA SEDI ESTERO DENARO E VALORI IN CASSA CASSA CONTANTI IN EURO

13 Descrizione Al Al Albania Palestina Bosnia Erzegovina Libano Macedonia 1 1 Serbia CASSA CONTANTI IN VALUTA Albania Palestina Bolivia 21 Bosnia Erzegovina Brasile Cambogia Congo Ecuador Haiti Libano - 11 Macedonia Marocco Repubblica Dominicana Vietnam - Serbia Sud Africa DEPOSITI BANCARI Albania Intesa SanPaolo Euro Bank n Intesa SanPaolo in valuta Bank n Intesa SanPaolo Euro Bank n Intesa SanPaolo in valuta Bank n Bolivia Banco Bisa Euro n Banco Bisa in Valuta in BOB n Bosnia Erzegovina Raffeisen Bank in Valuta n Raffeisen Bank Euro n Raffeisen Bank in Valuta n Raffeisen Bank in Valuta n Raffeisen Bank in Valuta n Raffeisen Bank Euro n Raffeisen Bank in Valuta n Brasile Banco ITAU' in Valuta n Banco ITAU' in Valuta n Banco ITAU' in Valuta n Banco ITAU' in Valuta n Bonifici emessi e non accreditati Cambogia Banca in Valuta Cambogia n Banca in Valuta Cambogia n Congo Banque BIAC in Valuta n Banque BIAC in Valuta n Banque BIAC in Valuta n Ecuador Banco del Pichincha in Valuta n Cooperativa di credito Santa Anita in Valuta n Certificato di deposito Banco Internacional in Valuta n

14 Descrizione Al Al Banco del Pichincha in Valuta n Banco Internacional in Valuta n Banco Interrnational Euro n Banco International Euro n Haiti Scotiabank in Valuta n Scotiabank in Valuta n Unibank in Valuta n Unibank in Valuta n Libano Bank Audi Euro n Bank Audi in Valuta n Bank Audi in Valuta n Macedonia Komercjalna Banka in Valuta n Banca Komercijalna Euro n Marocco Banque Populaire in Valuta n Banque Populaire in Valuta n Palestina Arab Bank in Euro n Arab Bank in Euro n Arab Bank in Euro n Arab Bank in Euro n , Arab Bank in Valuta n , Arab Bank in Valuta n , Arab Bank in Valuta n , Arab Bank in Valuta n , Arab Bank in Valuta n , Repubblica Dominicana Banco Reservas n Banco Reservas n Banco Reservas n Banco Reservas n Serbia Komercjalna Bankain Euro n Komercjalna Banka in Valuta n Sri Lanka Peoples Bank in Valuta n Sud Africa First National Bank in Valuta n First National Bank in Valuta n First National Bank in Valuta n First National Bank in Valuta n First National Bank in Valuta n Totale disponibilità liquide sedi Estere DENARO E VALORI IN CASSA DEPOSITI BANCARI E POSTALI TOTALE LIQUIDITA' RATEI E RISCONTI ATTIVI I ratei attivi si riferiscono al costo INAIL. I risconti attivi ammontano a euro e sono relativi alla quota di adesione a Concord per euro 735 e all assicurazione sulla RC per euro Descrizione Al Incremento Decremento Al Ratei attivi Risconti attivi TOTALE

15 PASSIVO PATRIMONIO NETTO Fondo di dotazione dell ente Non esiste un fondo iniziale di dotazione. Patrimonio Vincolato Nel patrimonio vincolato sono registrati i fondi rinviati all anno successivo e vincolati al loro utilizzo rispetto a contratti e convenzioni e accordi presi con l ente finanziatore che ci ha versato in anticipo un contributo a fronte di costi ancora da sostenere. Di seguito la costituzione del fondo per donatore. FONDO VINCOLATO Al Incremento Decremento Al Unione Europea Ministero degli Affari Esteri Regione Toscana Altri Enti Finanziatori pubblici Altri Enti Finanziatori privati e ONP Altre organizzazioni internazionali TOTALE Patrimonio Libero L esercizio chiude con una avanzo di gestione di euro Quest anno abbiamo proceduto con la chiusura del conto Risultato d esercizio anni precedenti che risultava negativo di euro utilizzando il fondo Quote associative riportate a Patrimonio libero, il resto delle quote associative è stato girato successivamente a Fondo di riserva per euro Di seguito il dettaglio del patrimonio libero dell organizzazione. PATRIMONIO LIBERO Al Incremento Decremento Al Risultato di esercizio Risultato anni precedenti Fondo di riserva Riserva di rivalutazione immobiliare Arezzo, Via Madonna del Prato Firenze, Via Rossini TOTALE TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO LAVORO SUBORDINATO Il fondo trattamento di fine rapporto viene stanziato per coprire l intera passività maturata nei confronti dei dipendenti in conformità alla legislazione vigente ed ai contratti collettivi di lavoro. Descrizione Al Incremento Decremento Al TFR TOTALE DEBITI ENTRO L ESERCIZIO Debiti verso banche Sono iscritti in tale voce le quote di capitale dell anno successivo relative a quote di mutuo di competenza da da aprile a marzo 2014 per un totale di euro (vedi tabella esplicativa nel Capitolo Debiti oltre l esercizio ). Si vanno inoltre ad aggiungere euro per anticipazioni su contratti o fatture ricevuti da Istituti bancari. Un incremento del 15% rispetto alla chiusura di bilancio al Descrizione Al Incremento Decremento Al Mutuo Anticipazioni bancarie TOTALE

16 Debiti verso altri finanziatori Sono iscritti in tale voce le quote di capitale del prestito concessoci da Oxfam America della durata di 3 anni. L importo di euro è relativo alla competenza dell anno Debiti verso fornitori e collaboratori Sono riferiti a debiti relativi all acquisto di beni, servizi e verso il personale; ammontano a euro , rispetto all anno precedente si registra un decremento di euro Debiti verso tributari e fiscali Al i debiti tributari ammontano a euro e sono relativi a IRAP per euro , Irpef su dipendenti e collaboratori per euro ritenute comunali per euro 1.208, regionali per euro 3.110, anticipo TFR 11% per euro 130, debiti v/erario per Ires da versare per euro 264,28 e debiti v/iva per euro 172. Debiti verso enti previdenziali e infortunistici Al i euro sono riferiti a debiti previdenziali (Inps e Inpgi) per euro e verso Inail per euro Altri debiti Sono riferiti a debiti vari verso progetti per quote di progetto anticipate da nostri partner non ancora versate, debiti verso collaboratori per rimborsi spesa da pagare e debiti maturati dalla gestione nei Paesi all estero per la realizzazione delle attività di progetto. DEBITI OLTRE L ESERCIZIO Debiti verso banche e altri finanziatori Nel conto sono registrate le rate scadenti oltre l esercizio successivo per la stipula di due contratti di mutuo rispettivamente: Un mutuo fondiario acceso in settembre del 2007 per l acquisto di un immobile sito in Arezzo località Pescaiola Via Concino Concini e successive opere di ristrutturazione, così composto: - porzione immobiliare posta al piano terreno costituita da un unico vano ai numeri civici 25,21,19,15; - locale ad uso deposito al primo piano n. 29; - 2 posti auto scoperti al piano terra; - un garage al piano interrato. Il Mutuo è stato stipulato con il Monte dei Paschi di Siena iscrivendo già da allora l ipoteca sull immobile. Il mutuo è stato poi perfezionato in data 21/10/2008. La durata del mutuo è di 20 anni e terminerà nell anno Un prestito acceso nel 2012 con Oxfam America della durata di tre anni per una attività di raccolta fondi, in particolare l attività di Face to Face in House. DEBITI V/BANCHE Valore originario Saldo al Quota capitale Quota interessi Saldo al Debiti entro es. Debiti oltre es. Mutuo ipotecario Prestito Oxfam America TOTALE RATEI E RISCONTI PASSIVI I ratei passivi ammontano a euro e sono relativi a: euro alle quote di costo afferente al personale dipendente, nello specifico i costi della quattordicesima, dei permessi e delle ferie, euro relativi agli interessi su mutuo MPS e euro agli interessi su prestito Oxfam America. Descrizione Al Incremento Decremento Al Ratei passivi Risconti Passivi TOTALE

17 CONTI D ORDINE Fideiussioni prestate a terzi Si riferiscono a fideiussioni bancarie e assicurative accese in favore di enti finanziatori pubblici a garanzia della realizzazione di progetti e per la concessione di anticipi. Al le fideiussioni aperte presso l istituto assicurativo Fondiaria Sai ammontano a euro e presso la Banca Popolare Etica ammontano a euro 8.152, per un totale complessivo di euro Di seguito la specifica delle polizze aperte e delle variazioni intervenute durante il periodo gennaio-marzo Progetto Agenzie Formative percorso di integrazione - Concentrazione agenzie formative M La Basura Sirve URBAL III fase M Prices Balcani M Associazione Migranti e pubbliche amministrazioni per una politica di inclusione M ATI - OIT, Università Siena, Athena srl e Formazione Abaco per progetto "Genitori Competenti" M ATI - OIT e OIT Intercultura per "Servizio triennale MLC presso l'asl 8 di Arezzo" MO Obiettivo Competitività regionale e occupazione FSE ATI - OIT Associazione L'Altra Città Metrica società cooperativa Università degli Studi di Siena Associazione Pratika Associazione di Promozione Sociale Rilindja per "Intendi: percorsi formativi e consulenziali per una scuola promotrice dei processi di inclusione" MO Beneficiario Regione Toscana Comune di Arezzo Regione Piemonte Provincia di Arezzo Provincia di Arezzo ESTAV SUD-EST Regione Sardegna Regione Toscana Istituto erogatore Fondiaria Sai Fondiaria Sai Fondiaria Sai Fondiaria Sai Fondiaria Sai Fondiaria Sai Banca Etica Fondiaria Sai Incremento Decremento Al TOTALE

18 Ipoteche La stipula del Mutuo fondiario presso il Monte dei Paschi di Siena ha portato all accensione di un ipoteca sull immobile di Via Concini Concino di euro Ipoteche Beneficiario Al Incremento Decremento Al Immobile Via Concino Concini, Arezzo Monte dei Paschi di Siena TOTALE RENDICONTO GESTIONALE COSTI I dati che verranno presentati nelle tabelle seguenti si riferiscono ad un arco temporale diverso, il Bilancio al si riferisce a 12 mesi di attività mentre i dati di Bilancio al a soli tre mesi di attività. I costi a bilancio si riferiscono alle spese di competenza dell esercizio in corso sia effettuate in Italia che presso le nostre sedi all estero. Oneri da attività tipiche I costi si riferiscono alle attività istituzionali legate ai progetti promossi da Oxfam Italia. I conti vengono classificati in categorie di spesa: Materie prime: costi di stampe, cancelleria, fotocopie e tutto quello che è riferito ad acquisto di materiali. Servizi: costi di utenze, servizi vari, viaggi e trasferte. Godimento beni di terzi: costi di affitti e noleggi. Personale: costi del personale dipendente, co.co.pro, occasionali, professionisti e personale assunto da Oxfam Italia direttamente in loco. Oneri diversi di gestione: costi di assicurazione, costi vari di ufficio e abbonamenti e riviste. La tabella seguente mette in luce la distribuzione degli oneri da attività tipiche (Istituzionali) per asse di impatto. Ricchezza ripartita per asse di impatto Al Incremento Decremento Al Giustizia Economica Accesso ai servizi di base Diritti nelle crisi umanitarie Cittadinanza, democrazia e partecipazione Totale Segue la distribuzione per ricaduta territoriale. Ricaduta Territoriale Al Incremento Decremento Al Africa Medio Oriente Europa Orientale Europa Occidentale America Centrale America Meridionale Asia Mondo Totale Oneri promozionali e di raccolta fondi 2.1 Attività di raccolta Fondi Afferiscono a questo capitolo di spesa tutti gli oneri necessari all organizzazione di eventi con la finalità di raccogliere i fondi da privati cittadini, fondazioni o aziende private. 2.2 Attività ordinaria di promozione Le attività di promozione si sono svolte, nei primi tre mesi dell anno in continuità con il

19 Oneri per attività accessorie Non ci sono costi relativi alle attività accessorie. Oneri finanziari e patrimoniali Si riferiscono ai costi per la gestione dei conti correnti e per la realizzazione di operazioni bancarie sia su conti correnti bancari che postali e per interessi passivi su mutui e prestiti. Di seguito la specifica delle spese in confronto con l anno precedente. Descrizione Al Incremento Decremento Al Per rapporti bancari Commissioni e spese bancarie Commissioni e spese postali Per prestiti bancari Interessi passivi su Mutui Interessi passivi su anticipazioni TOTALE Oneri straordinari Si riferiscono alla rilevazione di sopravvenienze passive per il mancato incasso di crediti rilevati in bilancio. Descrizione Al Incremento Decremento Al Da attività finanziarie Da attività immobiliare 0 0 Da altre attività Totale Oneri di supporto generale I costi si riferiscono ad attività di direzione generale, amministrazione, gestione qualità e risorse umane e comunque qualsiasi spesa necessaria al garantire una corretta ed efficiente organizzazione generale. I conti vengono classificati in categorie di spesa: Materie prime: costi di stampe, cancelleria, fotocopie e tutto quello che è riferito ad acquisto di materiali. Servizi: costi di utenze, servizi vari, viaggi e trasferte. Godimento beni di terzi: costi di affitti e noleggi. Personale: costi del personale dipendente, co.co.pro, occasionali e professionisti. Ammortamenti: è la quota di ammortamento dei beni inseriti nelle immobilizzazioni materiali e immateriali di competenza dell anno calcolata in base alla durata del bene. Altri oneri: costi assicurativi, costi vari di ufficio, quota di affiliazione alla confederazione di competenza. Descrizione Al Incremento Decremento Al Oneri di supporto generale Totale Imposte e tasse Di seguito le imposte a cui Oxfam Italia è assoggettata. Descrizione Al Incremento Decremento Al Irap Imu Ires TOTALE PROVENTI I dati che verranno presentati nelle tabelle seguenti si riferiscono ad un arco temporale diverso, il Bilancio al si riferisce a 12 mesi di attività mentre i dati di Bilancio al a soli tre mesi di attività. Proventi da attività tipica I proventi da attività tipica o istituzionale si distinguono in base alla natura giuridica dell ente finanziatore che elargisce il contributo; i contributi sono stati così riclassificati: da enti pubblici, da enti privati in relazione a 19

20 contratti di partenariato con altre organizzazioni non profit del territorio sia nazionale che internazionale, da contributi di Soci e non, da Altri proventi. Di seguito presentiamo una tabella dettagliata dei finanziatori PROVENTI DA ATTIVITA' TIPICHE AL AL Differenza DA CONTRATTI CON ENTI PUBBLICI Da Unione Europea Da Fondi Echo Da Ministero degli Affari Esteri e da altri Ministeri Da Regione Toscana Fondi regionali Fondi MAE ricevuti tramite Regione Toscana Fondi UE ricevuti tramite Regione Toscana Da Altri enti pubblici italiani Provincia di Arezzo Altri enti pubblici della Provincia di Arezzo Fondi UE ricevuti tramite Comune di Arezzo Altri enti pubblici Toscani Altri enti pubblici di Regioni Italiane Da Governi esteri e organismi internazionali Organismi Internazionali Enti pubblici non europei CONTRIBUTI SU PROGETTI DA PRIVATI ONP Toscane per partenariati ONP nazionali e internazionali per partenariati Da Oxfam International e da Affiliate CONTRIBUTI DA SOCI E NON ALTRI PROVENTI E RICAVI TOTALE Proventi di raccolta fondi I proventi della raccolta fondi sono articolati in due voci di entrata. 2.1 Da individui Le attività di raccolta fondi riferite ai primi mesi 3 mesi dell anno 2013 vanno per la maggior parte dei casi in continuità con quelle del In particolare sono proseguite, anche se a basso regime le attività legate al Face to face, le attività di promozione degli Spacchettati e le attività legate alle attività di community fund raising e The Circle. In particolare citiamo la campagna del 5 per mille. Nel corso del Bilancio Breve siamo venuti a conoscenza del contributo a noi spettante per l anno fiscale Oxfam Italia si è aggiudicato euro Il contributo è stato così distribuito. Per costi di funzionamento euro 3.291, per attività di supporto al dipartimento cittadinanza e advocacy per euro e per euro per attività di supporto alla cooperazione internazionale e all aiuto umanitario. 2.2 Da Aziende e Fondazioni Continua anche per i primi mesi del 2013 il sostegno da parte di alcune Fondazioni e aziende con finanziamenti diretti su progetti. Ricordiamo: la fondazione FAI, l Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio S.p.A (ACRI), la Fondazione Fondiaria SAI, la Fondazione Rava, Fondazione Nando Peretti, la Fondazione Raggio di Luce e la Fondazione Walter Right Foundation. Anche sul fronte delle relazioni con le aziende private si sono avviati importanti nuovi contatti e intensificate le relazioni con le aziende già sostenitrici, ad esempio Microsoft Italia. La risposta del mondo corporate alle nostre iniziative è stata infatti crescente, anche per il fatto di una crescente visibilità dell associazione e delle sue attività a livello internazionale. Tra le nuove collaborazioni, sottolineiamo che sono state gettate le basi di importanti partnership con Sanrio, Coin e Private Griffe, tra le altre, partnership che verranno sviluppate ampliamente nel corso del La risposta del mondo corporate all evento di raccolta fondi Women s Circle 2012 in particolare è stata assai proficua e attiva, sia in termini di partecipazione che di partnership rispetto all organizzazione stessa dell evento. 20

21 Proventi da attività accessorie Si riferisce all erogazione di servizi svolti per enti terzi e all affitto di una porzione di immobile di proprietà. Descrizione Al Incremento Decremento Al Proventi accessori TOTALE Proventi finanziari e patrimoniali La gestione dei conti correnti, con prevalenza di quelli dedicati a progetti specifici, fanno registrare degli interessi attivi bancari. Descrizione Al Incremento Decremento Al Da rapporti bancari Da investimenti finanziari 0 Da altri beni patrimoniali Totale Proventi straordinari I Proventi da attività finanziarie si riferiscono ad una rivalutazione delle quote di capitale presso Banca Etica mentre i Proventi derivanti da altre attività si riferiscono alla rilevazione di sopravvenienze attive. Descrizione Al Incremento Decremento Al Da attività finanziarie Da attività immobiliare 0 0 Da altre attività TOTALE Risultato gestionale dopo le imposte e tasse Il Risultato gestionale dell Esercizio di Bilancio al registra un avanzo di gestione di euro L impegno assunto da Oxfam Italia all ingresso nella confederazione di Oxfam è di destinare i propri avanzi di gestione a Fondo di riserva al fine di accrescere la propria solidità finanziaria. Si rinvia quindi l avanzo di gestione pari a euro a Fondo di riserva. 21

22 22

23 23

24 24

25 25

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli