******************************INFORMAZIONI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "******************************INFORMAZIONI GENERALI"

Transcript

1 Camera dii Commerciio dii Genova Uffiiciio E-Commerce e Commerciio Estero Sportellllo per ll Internaziionalliizzaziione In collllaboraziione con Consollato d Egiitto a Miillano Uffiiciio Commerciialle

2 ******************************INFORMAZIONI GENERALI SUPERFICIE Kmq POPOLAZIONE abitanti DENSITA 69,3 ab./kmq LINGUA Arabo RELIGIONE Islamica di rito sunnita (92%) Principale minoranza: Copti CAPITALE Il Cairo FORMA ISTITUZIONALE Repubblica Presidenziale UNITA MONETARIA Sterlina Egiziana (E ) TASSO DI CAMBIO 1 = 7,82721 E (settembre 2007) Fonte: ICE 2

3 ******************************************ECONOMIA Goverrno L Egitto è una Repubblica Presidenziale con Parlamento bicamerale. In base alla Costituzione promulgata l 11 settembre 1971, è uno Stato socialista arabo la cui religione ufficiale è quella islamica di rito sunnita, praticata dal 92% della popolazione. Il Paese è suddiviso in 26 Muhafazah, o Governatorati (Alessandria, Assuan, Asyut, Beheira, Beni Suef, Il Cairo, Dakahliya, Damietta, Fayum, Gharbiya, Giza, Ismailia, Kafr el Shei, Kalyobiya, Kena, Matruh, Menufia, Minia, Wadi al Jadid, Sinai del Nord, Porto Said, Mar Rosso, Sharkia, Sohag, Sinai del Sud, Suez), più una città a gestione autonoma, Luxor. Capo dello Stato è il Presidente della Repubblica, scelto dall Assemblea del Popolo ed eletto con referendum popolare. Il potere legislativo è conferito al Parlamento, in carica per cinque anni e composto dall Assemblea del Popolo (Majlis al-sha ab) formata da 444 deputati eletti a suffragio universale e 10 nominati dal Presidente tra gli appartenenti alla Comunità copta e dal Consiglio Consultivo (Majlis al-shura), di cui fanno parte 176 membri eletti dal voto popolare ed 88 nominati dal Capo dello Stato. Il potere giudiziario è, invece, attribuito ad un sistema indipendente, basato su elementi della Legge islamica, detta Shariah, e su leggi di derivazione inglese e francese. I tribunali sono suddivisi in quattro categorie: la Corte Suprema Costituzionale, il Corpo Giudiziario Supremo, la Corte di Cassazione e sette Tribunali d appello, situati nei Governatorati più importanti. Siittuaziione economiica generralle L economia egiziana è caratterizzata dalla forte incidenza del settore pubblico e dei servizi, che compresa l Amministrazione Pubblica contribuisce per circa il 50% alla formazione del PIL. Grande rilevanza assumono il turismo e le attività connesse al traffico del Canale di Suez, sebbene queste ultime abbiano attraversato di recente un periodo di lunga crisi, dovuta al declino del traffico marittimo, legato al mercato del petrolio, ed alle precarie condizioni di sicurezza interna. L agricoltura resta un attività importante, pur essendo coltivabile solo il 3% delle terre. Tale settore incide per circa il 15% alla formazione del PIL, 3

4 ******************************************ECONOMIA occupando il 36% della popolazione attiva. Il cotone è il prodotto agricolo più esportato, poiché il resto delle coltivazioni è prevalentemente destinato a soddisfare la domanda interna. L industria incide per circa il 20% alla formazione del PIL, mentre il settore minerario e la produzione di petrolio e gas naturale confermano la loro rilevanza nell economia egiziana, contribuendo al PIL per circa il 15%. Il nuovo corso economico, iniziato nel luglio 2004, in seguito all elezione a Primo Ministro di Ahmed Nazif, ha permesso di stabilizzare l economia del Paese e di sostenere il settore privato, sviluppando soprattutto la riforma dei mercati finanziari, la deregolamentazione e la liberalizzazione del mercato. Grande slancio ha avuto, inoltre, il processo di privatizzazione. In tal modo, l economia egiziana, dagli ultimi tre anni, sta crescendo ad un tasso del 7% annuo, grazie alla rivitalizzazione del settore privato ed agli incentivi che il Governo Nazif sta erogando per facilitare un incremento dell attività produttiva, sia nel settore industriale che in quello agricolo, con forte accento posto sulla formazione professionale. Positivi sono risultati anche i movimenti netti di capitali (3,5 miliardi di US$, pari al 3,3% del PIL), grazie al forte afflusso di investimenti diretti dall estero (6,1 miliardi di US$, pari al 5,7% del PIL). Settttorrii Agricoltura L agricoltura rappresenta il settore produttivo principale dell Egitto ed è basata prevalentemente sulla produzione di cotone, frumento, riso, mais, pomodori, canna da zucchero e frutta. Negli ultimi vent anni, sono stati fatti notevoli progressi nel settore agricolo, grazie al fatto che lo Stato si è ritirato pressoché completamente dalla gestione delle terre, lasciando sia la produzione che la commercializzazione. Il settore è, perciò, totalmente basato sulle leggi del mercato. Ciò ha favorito un più razionale sfruttamento delle risorse del settore primario che, pur occupando oltre il 25% della manodopera totale, si sviluppa su una superficie inferiore al 5% del territorio egiziano e risente di condizioni climatiche difficili. Industria I principali comparti dell industria egiziana sono il tessile, l abbigliamento e l agro-alimentare, settore questo in cui il Governo promuove la collaborazione con partner occidentali in possesso di tecnologie avanzate per la costituzione di Joint-venture legate al ciclo dell industria alimentare. 4

5 ******************************************ECONOMIA Il tessile-abbigliamento e l industria delle costruzioni assorbono circa il 50% della manodopera attiva e contribuiscono in modo significativo all export nonoil (cotone, articoli di abbigliamento, ceramiche e prodotti edili). Importanti per l Egitto sono anche la produzione metallurgica e metalmeccanica. Servizi Nel passato, il settore dei servizi era rappresentato esclusivamente dalle attività di turismo e trasporti, ma attualmente, con la liberalizzazione, si sono aperti spazi significativi per le telecomunicazioni, l intermediazione finanziaria e le assicurazioni. Settttorrii piiù prromettttenttii Minerario Il sottosuolo egiziano è ricco di petrolio (riserve pari a 50 milioni di tonnellate) e gas naturale (riserve pari a 22,3 trilioni di piedi cubici CU FT). Pertanto, il settore trainante dell economia egiziana è quello minerario, dell estrazione del petrolio e del gas, sempre più importante sia per l utilizzo locale che per le esportazioni. Il 75% circa dell export egiziano è, infatti, costituito da petrolio e derivati. Turismo Altro settore di punta dell economia egiziana è quello del turismo, che insieme alle entrate del canale di Suez ed alle rimesse degli emigrati rappresenta la terza voce in entrata della bilancia dei pagamenti egiziana. Il turismo è un comparto di estremo rilievo, cresciuto notevolmente, in termini assoluti e relativi, nei confronti degli altri settori. Nel 2006, esso ha costituito per l Egitto più dell 11,5% del PIL. I turisti sono principalmente arabi, seguiti in ordine di importanza da inglesi, tedeschi, americani ed italiani. IIntterrscambiio commerrciialle I dati ufficiali forniti dal FMI relativi all interscambio generale dell Egitto nel 2006 mostrano, rispetto allo stesso periodo del 2005, un considerevole aumento delle esportazioni (31,1%), cui si è accompagnato un incremento delle importazioni del 17,6% circa. Gli USA si sono confermati il principale fornitore dell Egitto, con una quota di mercato dell 11,34%, seguiti da Germania (7,55%), Cina (6,92%), Francia (6,74%) e Italia (6,16%). L Italia è risultata al secondo posto, dopo gli USA, quale mercato di sbocco per le esportazioni egiziane, di cui ha assorbito il 10,61%. 5

6 ******************************************ECONOMIA L export dipende in larga parte dalle materie petrolifere e derivati e gas. Altre voci importanti sono: prodotti agricoli (cotone, riso, ortofrutta); prodotti siderurgici; manufatti (articoli d abbigliamento e tessuti, ceramiche, prodotti d arredamento, marmi). Le principali voci delle importazioni egiziane sono: commodities agricole (grano, orzo, mais, olii alimentari); petrolio e derivati; materie prime (legnami, ferro, metalli); turbine, macchinari per uso industriale, prodotti semilavorati, parti di autoveicoli, chimici organici ed inorganici. Nella versione completa della Guida sono disponibili informazioni dettagliate su: Esportazioni Importazioni IIntterrscambiio commerrciialle con ll IIttalliia I dati ISTAT, relativi al 2006, indicano un incremento del 40,22% dell interscambio tra Italia ed Egitto rispetto al 2005, per un valore complessivo di 3,74 miliardi di. La performance dell export italiano in Egitto è in stretta relazione con i diversi ritmi di sviluppo dei vari settori dell economia egiziana. La ripresa congiunturale in atto si è innanzitutto tradotta in un aumento dei consumi che ha, a sua volta, trainato le vendite italiane di beni intermedi e in misura minore di beni capitali in settori tradizionali. Beni strumentali Componentistica per autoveicoli Attrezzature per la filiera agro-industriale Filiera del tessile abbigliamento Siisttema diisttrriibuttiivo In generale, la catena distributiva è in mano ad alcuni grossisti/distributori, mentre la maggior parte della popolazione si serve nella miriade di mercati al 6

7 ******************************************ECONOMIA dettaglio specializzati per settore (abbigliamento per la persona e per la casa, alimentari, casalinghi, etc.). L unica catena di distribuzione organizzata nel settore non food è quella di Omar Effendi, di recente privatizzata e venduta ad un gruppo del Kuwait. Tale catena sta andando ora incontro ad una profonda trasformazione che ne ridurrà drasticamente i punti vendita (al momento 110), migliorando la qualità dei prodotti, precedentemente di prevalenza Made in Egypt. Grande distribuzione Intermediari commerciali Riischiio Paese L indicatore di rischio comunemente utilizzato è DB, diviso in 7 fasce che vanno da DB1 a DB7. Ciascuna fascia è suddivisa in quartili (a-d), dove a rappresenta un rischio leggermente inferiore a b, e così via. La valutazione globale del Rischio Paese ha rilevato per l Egitto l indicatore DB3b. Tale rating indica rischio esiguo, ovvero qualche minima incertezza su garanzie di ritorno dagli investimenti da controllare attraverso un monitoring sulle variabili di rischio del Paese. Rischio politico: medio Rischio economico: basso Prrospettttiive ffutturre L economia egiziana sembra aver preso la strada di una solida crescita. Ciò è stato possibile grazie all aumento dei consumi privati e degli investimenti, i quali cominciano a beneficiare degli effetti del continuo abbassamento delle imposte sui redditi personali e societari. Qualche fattore di costrizione della crescita economica è, invece, generato dal declino nell espansione dei consumi governativi, poiché il Governo ha compiuto notevoli sforzi per razionalizzare le spese. In aumento sono attese, poi, le entrate del settore del turismo, a cui si assoceranno maggiori volumi di rimesse dall estero. 7

8 ******************************************ECONOMIA Nel periodo , però, è possibile un rallentamento della crescita reale in maniera graduale, dovuto alla combinazione di alcuni fattori, quali un piccolo calo nella crescita della domanda dei consumatori, l aumento dei tassi d interesse ed un ancora forte domanda di importazioni. Tuttavia, l incremento del PIL si assesterà su valori di crescita che saranno ancora quasi il doppio rispetto alla prima metà del decennio. In aggiunta, il miglioramento della regolamentazione monetaria dovrebbe consentire un controllo maggiormente efficace della liquidità. Questi fattori, dopo l impennata fino all 8,8% nel 2007, dovrebbero permettere alle Autorità di ridurre, nel 2008, il tasso medio d inflazione su base annua all 8% e addirittura al 6,4% per il

9 *********************************INVESTIMENTI ESTERI IInvesttiimenttii Grado di apertura del Paese Il 2005 ha segnato l anno di svolta per una maggiore apertura dell economia egiziana, in seguito al varo di provvedimenti atti a facilitare gli scambi con l estero (soprattutto le importazioni, grazie alla riduzione sostanziale di dazi e tariffe doganali) ed all entrata in vigore (luglio 2005) di una riforma fiscale che ha semplificato il rapporto tra cittadino e fisco. Il grado d apertura dell economia con l estero è, così, salito dal 42,5% nel 2005 al 54,5% nel Con il progressivo aumento dell esposizione del Paese sul mercato mondiale, crescono e/o si stabilizzano le quote d interscambio con i principali Paesi partner occidentali (Stati Uniti, Germania, Italia, Francia, Olanda e Regno Unito) che, insieme all Arabia Saudita, originano anche la maggior parte degli investimenti stranieri in Egitto. Principali Paesi investitori e distribuzione settoriale Gli Stati Uniti sono al primo posto come Paese investitore; seguono i Paesi dell Unione Europea e fra questi, nel 2006, è proprio l Italia il più importante, seguita dal Regno Unito, dalla Spagna e dalla Francia. Fra i Paesi arabi, rilevante è la quota dell Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti. Investimenti diretti da e verso l Italia Norrmattiiva sugllii iinvesttiimenttii La normativa egiziana in materia di investimenti è piuttosto complessa ed è articolata in tre testi principali. La Legge n.159/1981, tuttora in vigore, ha rappresentato in passato un primo esempio di normativa volta a incentivare gli investimenti, innovando il precedente quadro. La Legge n.230/1989 è stata approvata per favorire maggiormente gli investimenti esteri. Essa soddisfa le esigenze degli investitori, soprattutto stranieri, per quanto riguarda la libertà nel trasferimento dei profitti, l assenza di limiti circa la proprietà delle società da parte degli stranieri e la partecipazione agli utili dei dipendenti. 9

10 *********************************INVESTIMENTI ESTERI La Legge n.8/1997 è senza dubbio lo strumento normativo più moderno in favore degli investimenti. Essa stabilisce le seguenti garanzie: i progetti possono essere esclusivamente di proprietà di stranieri; vi sono garanzie contro nazionalizzazione ed esproprio; i prodotti non sono assoggettati al controllo dei prezzi; i soggetti possono rimpatriare i loro capitali ed i loro profitti; la maggioranza dei membri dei Consigli di Amministrazione può essere straniera; vi è libertà nell assunzione del personale; i salari degli esperti stranieri che lavorano nei progetti sono esenti da tassazione se la loro permanenza in Egitto non supera l anno. Tali incentivi si applicano ai progetti rientranti in 16 campi prioritari d attività che vengono realizzati in particolari zone industriali, definite Free Zones. La Legge n.83/2002 regola le Zone Economiche Speciali (ZES), garantendo privilegi ed esenzioni doganali agli investitori. Essa consente la creazione di zone industriali speciali che abbiano una significativa attività d esportazione. Zone Frranche e Parrchii Tecnollogiicii La Legge n.8/1997 (Cap. 3, Artt ) ha riaffermato il concetto ed il regime delle Zone Franche (Free Zones), aree geo-amministrative qualificate istituite per promuovere lo sviluppo degli investimenti esteri attraverso l introduzione di condizioni tendenzialmente più favorevoli rispetto a quelle previste dal regime ordinario. Le Zone Franche sono di due tipi: pubbliche e private (Art. 29). Quelle pubbliche sono create con Decreto Ministeriale su proposta della General Authority for Investments & Free Zones (GAFI); le altre, costituite sempre tramite il GAFI, ma su diretta richiesta dell impresa investitrice, sono finalizzate alla realizzazione di specifici progetti. Le Zone Franche pubbliche sono attualmente otto; le più importanti sono: Nasr City (Il Cairo), Alessandria, Port Said, Suez, Ismailia e Damietta. In linea di principio, le Zone Franche sono destinate a ditte che intendano esportatore almeno la metà della produzione. Per quanto concerne i possibili settori d investimento, possono essere concesse licenze per progetti di magazzinaggio, lavaggio, assemblaggio, riunione, fusione e rimballo di merci. Duty free Servizi e Costi 10

11 *********************************INVESTIMENTI ESTERI New Urban Communities Parchi Tecnologici Zone Economiche Speciali (SEZs) Brrevettttii e Prroprriiettà IInttellllettttualle L Egitto è membro del World Trade Organisation (WTO), ha firmato gli Accordi Trade Related Apects of Intellectual Property Rights (TRIPS) ed ha sottoscritto la Convenzione di Parigi del 1883 per la protezione della proprietà intellettuale. L Egitto è, inoltre, firmatario della Convenzione di Strasburgo del marzo 1971 per la classificazione internazionale dei brevetti e della Convenzione dell Aja del 1975, riguardante il deposito internazionale del design industriale. La Legge n.82/2002 (con il relativo Regolamento d attuazione) contiene la disciplina della Proprietà Intellettuale di: brevetti, modelli d utilità, circuiti integrati, know-how, marchi, nomi commerciali, indicazioni geografiche, design industriale, diritto d autore e varietà vegetali. 11

12 *********************************INVESTIMENTI ESTERI Requiisiittii ttecniicii e sttandarrdiizzaziione,, llegiisllaziione perr iimballllaggiio ed ettiichettttatturra I requisiti tecnici e la standardizzazione in materia di confezionamento ed imballaggio sono riportati nella Legge n.118/1975 e nel relativo Statuto Esecutivo sull importazione e l esportazione, nonché nei vari emendamenti effettuati con Decreti Ministeriali. L Autorità competente per il controllo dell applicazione dei requisiti tecnici è la General Agency for Control on Exports and Imports. Nella versione completa della Guida sono disponibili informazioni dettagliate circa la legislazione vigente per: Prodotti importati Macchinari Prodotti alimentari Abbigliamento Prodotti commerciali Norrmattiiva doganalle Le merci in importazione dai Paesi dell Unione Europea devono essere accompagnate dai seguenti documenti: Fattura commerciale: richiesta in 4 copie, va redatta in lingua inglese o francese e deve essere vistata dalla Camera di Commercio. Certificazioni attestanti l origine: Certificato d origine rilasciato dalla Camera di Commercio e legalizzato dal Consolato egiziano. Documenti speciali: Certificato sanitario per animali vivi, carni e derivati, prodotti alimentari in genere. Certificato fito-sanitario per prodotti vegetali. Certificato d analisi emesso da laboratori ufficiali per prodotti chimici, farmaceutici ed alimentari. Certificato di qualità, quantità, congruità del prezzo rilasciato dalle Autorità competenti, solo su richiesta dell importatore. Certificato che attesti il livello di radiazioni nucleari per i seguenti prodotti: alimentari, olii e grassi da utilizzare nella produzione di derrate alimentari, bestiame vivo destinato all alimentazione umana, piante e sementi, prodotti alimentari ad uso animale, succedanei del latte, tabacco. 12

13 *********************************INVESTIMENTI ESTERI Documenti di trasporto: Trasporto via mare: Polizza di carico (Bill of Lading). Trasporto per via aerea: Lettera di vettura (Airway Bill). Barriere tariffarie Barriere non tariffarie Legiisllaziione sociiettarriia Nel quadro della progressiva apertura del sistema giuridico-economico egiziano, dal 1998 (con l entrata in vigore della Legge n.3/1998) anche le imprese straniere possono operare tramite società di cui detengano la quota di maggioranza. Gli Uffici di Rappresentanza (Representative Offices oppure Liaison Offices) e le Filiali (Branches) sono forme di presenza molto diffuse, anche tra le aziende italiane operanti al Cairo. Le principali forme societarie che l ordinamento egiziano prevede sono la Società per Azioni (Joint-Stock Company) e la Società a Responsabilità Limitata (Limited Liability Company). Per tali forme di presenza imprenditoriale, la normativa di riferimento si trova nella Legge n.159/1981, nel Decreto esecutivo n.96/1982 e nelle successive modifiche, con particolare riguardo alla Legge n.3/1998. Società per Azioni (Spa) Società a Responsabilità Limitata (Srl) Uffici di Rappresentanza e Filiali Contratti di Agenzia ed Intermediazione Norrmattiiva ttrriibuttarriia Il regime ordinario è quello stabilito dalla Legge n.157/1981 e dal Decreto Ministeriale n.164/1982 (e successive modifiche). Nel luglio 2005, è entrata in vigore una riforma fiscale che ha semplificato molto il rapporto tra il cittadino ed il fisco. A seconda del reddito, sono state ridotte a 3 le aliquote sul reddito, fino ad un massimo del 20%, sia per le 13

14 *********************************INVESTIMENTI ESTERI persone fisiche sia per quelle giuridiche (i livelli precedenti erano rispettivamente del 32% e del 42%). Tassazione delle persone fisiche Tassazione delle persone giuridiche Altre imposte dirette IVA Altre imposte indirette Convenzioni contro le doppie imposizioni Norrmattiiva dell llavorro La normativa sul lavoro è contenuta nella Legge n.137/1981 (e successive modifiche). In base a tale Legge, i contratti di lavoro possono essere sia a tempo determinato (di durata non superiore a 5 anni) sia a tempo indeterminato ed il periodo di prova non supera i 3 mesi. Se il contratto di lavoro a tempo determinato viene immediatamente rinnovato alla prima scadenza, esso si trasforma de facto in contratto a tempo indeterminato. La Legge sul lavoro stabilisce le singole fattispecie che possono determinare il licenziamento, sostanzialmente riconducibili ad ipotesi di giusta causa e giustificato motivo. In base ai dati del Ministero del Lavoro egiziano, il costo della manodopera varia da 150 a 500 US$ (salari orientativi mensili netti); oneri sociali sono costituiti a carico del datore di lavoro (Social Insurance). Contrattazione collettiva Contrattazione individuale Elementi del contratto di lavoro Diritti ed organizzazioni sindacali Licenziamenti individuali e collettivi 14

15 ***********************************SISTEMA BANCARIO Generralliittà sull siisttema bancarriio Nel corso del 2005, la Banca Centrale d Egitto ha avviato una sostanziale riforma del sistema bancario, al fine di migliorarne le performance. L attività principale è stata il processo di privatizzazione con cui circa il 20% del settore bancario è stato trasferito da banche controllate de facto dallo Stato al settore privato. È stata, quindi, operata una razionalizzazione delle banche commerciali ed una serie di fusioni tra banche minori. A seguito di tale piano di riforma, la situazione del sistema bancario egiziano è attualmente in netto miglioramento. La percentuale dei non performing loan sul totale dei crediti che nel 2004 aveva superato il 25% risulta in calo nel 2006, mentre i valori ROA (rapporto tra reddito operativo e totale attivo) e ROE (rapporto tra utile netto e patrimonio netto) sono stabili o in lieve crescita. Ad eccezione di alcuni Istituti bancari (Misr African International Bank, Arab International Bank ed Export Development Bank of Egypt), il sistema opera sotto il controllo congiunto della Central Bank of Egypt (CBE) e del Ministero delle Finanze. Sette sono le banche del settore pubblico: quattro commerciali (National Bank of Egypt (NBE), Banque Misr, Banque du Caire, Bank of Alexandria) e tre specializzate (Real Estate Bank, Industrial Bank, Agricolture Bank); ci sono, inoltre, 24 banche commerciali, private o in Joint-venture, 11 finanziarie per gli investimenti in Joint-venture e 20 filiali di Istituti di Credito stranieri. Infine, si trovano al Cairo, con propri Uffici di Rappresentanza, il Monte dei Paschi di Siena e la Banca Intesa SanPaolo, che ha in parte acquisito nell ottobre 2006 la Bank of Alexandria. 15

16 **********************************SISTEMA FIERISTICO L Egitto offre, secondo i settori, fiere di massa campionarie a frequenza annuale (come la Fiera Internazionale del Cairo) e fiere aperte, viceversa, solo ad un pubblico di operatori, le cosiddette fiere specializzate, sempre più in corso di affermazione. L azienda interessata ad esportare in Egitto può valutare una prima partecipazione diretta (finalizzata ad una presa di contatto con il mercato ed eventualmente alla contestuale ricerca di un agente/rappresentante) ed una partecipazione successiva tramite il proprio intermediario. Altrettanto valida, per entrare in contatto con operatori locali interessati all offerta italiana, è la partecipazione a seminari e workshop tematici organizzati da varie Istituzioni. Fiere specializzate Enti fieristici Infine, nella versione completa della Guida, su formato CD, sono disponibili IIndiirriizzii uttiillii:: iin Egiitttto ed iin IIttalliia.. Biiblliiogrraffiia 16

17 Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l Internazionalizzazione C.C.I.A.A. Genova Via Garibaldi, Genova Tel: Fax: Sito: Twww.ge.camcom.itT Marzo 2008 La Guida Paese è stata realizzata in collaborazione con la Dott.ssa Francesca Paolini

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli