******************************INFORMAZIONI GENERALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "******************************INFORMAZIONI GENERALI"

Transcript

1 Camera dii Commerciio dii Genova Uffiiciio E-Commerce e Commerciio Estero Sportellllo per ll Internaziionalliizzaziione In collllaboraziione con Consollato d Egiitto a Miillano Uffiiciio Commerciialle

2 ******************************INFORMAZIONI GENERALI SUPERFICIE Kmq POPOLAZIONE abitanti DENSITA 69,3 ab./kmq LINGUA Arabo RELIGIONE Islamica di rito sunnita (92%) Principale minoranza: Copti CAPITALE Il Cairo FORMA ISTITUZIONALE Repubblica Presidenziale UNITA MONETARIA Sterlina Egiziana (E ) TASSO DI CAMBIO 1 = 7,82721 E (settembre 2007) Fonte: ICE 2

3 ******************************************ECONOMIA Goverrno L Egitto è una Repubblica Presidenziale con Parlamento bicamerale. In base alla Costituzione promulgata l 11 settembre 1971, è uno Stato socialista arabo la cui religione ufficiale è quella islamica di rito sunnita, praticata dal 92% della popolazione. Il Paese è suddiviso in 26 Muhafazah, o Governatorati (Alessandria, Assuan, Asyut, Beheira, Beni Suef, Il Cairo, Dakahliya, Damietta, Fayum, Gharbiya, Giza, Ismailia, Kafr el Shei, Kalyobiya, Kena, Matruh, Menufia, Minia, Wadi al Jadid, Sinai del Nord, Porto Said, Mar Rosso, Sharkia, Sohag, Sinai del Sud, Suez), più una città a gestione autonoma, Luxor. Capo dello Stato è il Presidente della Repubblica, scelto dall Assemblea del Popolo ed eletto con referendum popolare. Il potere legislativo è conferito al Parlamento, in carica per cinque anni e composto dall Assemblea del Popolo (Majlis al-sha ab) formata da 444 deputati eletti a suffragio universale e 10 nominati dal Presidente tra gli appartenenti alla Comunità copta e dal Consiglio Consultivo (Majlis al-shura), di cui fanno parte 176 membri eletti dal voto popolare ed 88 nominati dal Capo dello Stato. Il potere giudiziario è, invece, attribuito ad un sistema indipendente, basato su elementi della Legge islamica, detta Shariah, e su leggi di derivazione inglese e francese. I tribunali sono suddivisi in quattro categorie: la Corte Suprema Costituzionale, il Corpo Giudiziario Supremo, la Corte di Cassazione e sette Tribunali d appello, situati nei Governatorati più importanti. Siittuaziione economiica generralle L economia egiziana è caratterizzata dalla forte incidenza del settore pubblico e dei servizi, che compresa l Amministrazione Pubblica contribuisce per circa il 50% alla formazione del PIL. Grande rilevanza assumono il turismo e le attività connesse al traffico del Canale di Suez, sebbene queste ultime abbiano attraversato di recente un periodo di lunga crisi, dovuta al declino del traffico marittimo, legato al mercato del petrolio, ed alle precarie condizioni di sicurezza interna. L agricoltura resta un attività importante, pur essendo coltivabile solo il 3% delle terre. Tale settore incide per circa il 15% alla formazione del PIL, 3

4 ******************************************ECONOMIA occupando il 36% della popolazione attiva. Il cotone è il prodotto agricolo più esportato, poiché il resto delle coltivazioni è prevalentemente destinato a soddisfare la domanda interna. L industria incide per circa il 20% alla formazione del PIL, mentre il settore minerario e la produzione di petrolio e gas naturale confermano la loro rilevanza nell economia egiziana, contribuendo al PIL per circa il 15%. Il nuovo corso economico, iniziato nel luglio 2004, in seguito all elezione a Primo Ministro di Ahmed Nazif, ha permesso di stabilizzare l economia del Paese e di sostenere il settore privato, sviluppando soprattutto la riforma dei mercati finanziari, la deregolamentazione e la liberalizzazione del mercato. Grande slancio ha avuto, inoltre, il processo di privatizzazione. In tal modo, l economia egiziana, dagli ultimi tre anni, sta crescendo ad un tasso del 7% annuo, grazie alla rivitalizzazione del settore privato ed agli incentivi che il Governo Nazif sta erogando per facilitare un incremento dell attività produttiva, sia nel settore industriale che in quello agricolo, con forte accento posto sulla formazione professionale. Positivi sono risultati anche i movimenti netti di capitali (3,5 miliardi di US$, pari al 3,3% del PIL), grazie al forte afflusso di investimenti diretti dall estero (6,1 miliardi di US$, pari al 5,7% del PIL). Settttorrii Agricoltura L agricoltura rappresenta il settore produttivo principale dell Egitto ed è basata prevalentemente sulla produzione di cotone, frumento, riso, mais, pomodori, canna da zucchero e frutta. Negli ultimi vent anni, sono stati fatti notevoli progressi nel settore agricolo, grazie al fatto che lo Stato si è ritirato pressoché completamente dalla gestione delle terre, lasciando sia la produzione che la commercializzazione. Il settore è, perciò, totalmente basato sulle leggi del mercato. Ciò ha favorito un più razionale sfruttamento delle risorse del settore primario che, pur occupando oltre il 25% della manodopera totale, si sviluppa su una superficie inferiore al 5% del territorio egiziano e risente di condizioni climatiche difficili. Industria I principali comparti dell industria egiziana sono il tessile, l abbigliamento e l agro-alimentare, settore questo in cui il Governo promuove la collaborazione con partner occidentali in possesso di tecnologie avanzate per la costituzione di Joint-venture legate al ciclo dell industria alimentare. 4

5 ******************************************ECONOMIA Il tessile-abbigliamento e l industria delle costruzioni assorbono circa il 50% della manodopera attiva e contribuiscono in modo significativo all export nonoil (cotone, articoli di abbigliamento, ceramiche e prodotti edili). Importanti per l Egitto sono anche la produzione metallurgica e metalmeccanica. Servizi Nel passato, il settore dei servizi era rappresentato esclusivamente dalle attività di turismo e trasporti, ma attualmente, con la liberalizzazione, si sono aperti spazi significativi per le telecomunicazioni, l intermediazione finanziaria e le assicurazioni. Settttorrii piiù prromettttenttii Minerario Il sottosuolo egiziano è ricco di petrolio (riserve pari a 50 milioni di tonnellate) e gas naturale (riserve pari a 22,3 trilioni di piedi cubici CU FT). Pertanto, il settore trainante dell economia egiziana è quello minerario, dell estrazione del petrolio e del gas, sempre più importante sia per l utilizzo locale che per le esportazioni. Il 75% circa dell export egiziano è, infatti, costituito da petrolio e derivati. Turismo Altro settore di punta dell economia egiziana è quello del turismo, che insieme alle entrate del canale di Suez ed alle rimesse degli emigrati rappresenta la terza voce in entrata della bilancia dei pagamenti egiziana. Il turismo è un comparto di estremo rilievo, cresciuto notevolmente, in termini assoluti e relativi, nei confronti degli altri settori. Nel 2006, esso ha costituito per l Egitto più dell 11,5% del PIL. I turisti sono principalmente arabi, seguiti in ordine di importanza da inglesi, tedeschi, americani ed italiani. IIntterrscambiio commerrciialle I dati ufficiali forniti dal FMI relativi all interscambio generale dell Egitto nel 2006 mostrano, rispetto allo stesso periodo del 2005, un considerevole aumento delle esportazioni (31,1%), cui si è accompagnato un incremento delle importazioni del 17,6% circa. Gli USA si sono confermati il principale fornitore dell Egitto, con una quota di mercato dell 11,34%, seguiti da Germania (7,55%), Cina (6,92%), Francia (6,74%) e Italia (6,16%). L Italia è risultata al secondo posto, dopo gli USA, quale mercato di sbocco per le esportazioni egiziane, di cui ha assorbito il 10,61%. 5

6 ******************************************ECONOMIA L export dipende in larga parte dalle materie petrolifere e derivati e gas. Altre voci importanti sono: prodotti agricoli (cotone, riso, ortofrutta); prodotti siderurgici; manufatti (articoli d abbigliamento e tessuti, ceramiche, prodotti d arredamento, marmi). Le principali voci delle importazioni egiziane sono: commodities agricole (grano, orzo, mais, olii alimentari); petrolio e derivati; materie prime (legnami, ferro, metalli); turbine, macchinari per uso industriale, prodotti semilavorati, parti di autoveicoli, chimici organici ed inorganici. Nella versione completa della Guida sono disponibili informazioni dettagliate su: Esportazioni Importazioni IIntterrscambiio commerrciialle con ll IIttalliia I dati ISTAT, relativi al 2006, indicano un incremento del 40,22% dell interscambio tra Italia ed Egitto rispetto al 2005, per un valore complessivo di 3,74 miliardi di. La performance dell export italiano in Egitto è in stretta relazione con i diversi ritmi di sviluppo dei vari settori dell economia egiziana. La ripresa congiunturale in atto si è innanzitutto tradotta in un aumento dei consumi che ha, a sua volta, trainato le vendite italiane di beni intermedi e in misura minore di beni capitali in settori tradizionali. Beni strumentali Componentistica per autoveicoli Attrezzature per la filiera agro-industriale Filiera del tessile abbigliamento Siisttema diisttrriibuttiivo In generale, la catena distributiva è in mano ad alcuni grossisti/distributori, mentre la maggior parte della popolazione si serve nella miriade di mercati al 6

7 ******************************************ECONOMIA dettaglio specializzati per settore (abbigliamento per la persona e per la casa, alimentari, casalinghi, etc.). L unica catena di distribuzione organizzata nel settore non food è quella di Omar Effendi, di recente privatizzata e venduta ad un gruppo del Kuwait. Tale catena sta andando ora incontro ad una profonda trasformazione che ne ridurrà drasticamente i punti vendita (al momento 110), migliorando la qualità dei prodotti, precedentemente di prevalenza Made in Egypt. Grande distribuzione Intermediari commerciali Riischiio Paese L indicatore di rischio comunemente utilizzato è DB, diviso in 7 fasce che vanno da DB1 a DB7. Ciascuna fascia è suddivisa in quartili (a-d), dove a rappresenta un rischio leggermente inferiore a b, e così via. La valutazione globale del Rischio Paese ha rilevato per l Egitto l indicatore DB3b. Tale rating indica rischio esiguo, ovvero qualche minima incertezza su garanzie di ritorno dagli investimenti da controllare attraverso un monitoring sulle variabili di rischio del Paese. Rischio politico: medio Rischio economico: basso Prrospettttiive ffutturre L economia egiziana sembra aver preso la strada di una solida crescita. Ciò è stato possibile grazie all aumento dei consumi privati e degli investimenti, i quali cominciano a beneficiare degli effetti del continuo abbassamento delle imposte sui redditi personali e societari. Qualche fattore di costrizione della crescita economica è, invece, generato dal declino nell espansione dei consumi governativi, poiché il Governo ha compiuto notevoli sforzi per razionalizzare le spese. In aumento sono attese, poi, le entrate del settore del turismo, a cui si assoceranno maggiori volumi di rimesse dall estero. 7

8 ******************************************ECONOMIA Nel periodo , però, è possibile un rallentamento della crescita reale in maniera graduale, dovuto alla combinazione di alcuni fattori, quali un piccolo calo nella crescita della domanda dei consumatori, l aumento dei tassi d interesse ed un ancora forte domanda di importazioni. Tuttavia, l incremento del PIL si assesterà su valori di crescita che saranno ancora quasi il doppio rispetto alla prima metà del decennio. In aggiunta, il miglioramento della regolamentazione monetaria dovrebbe consentire un controllo maggiormente efficace della liquidità. Questi fattori, dopo l impennata fino all 8,8% nel 2007, dovrebbero permettere alle Autorità di ridurre, nel 2008, il tasso medio d inflazione su base annua all 8% e addirittura al 6,4% per il

9 *********************************INVESTIMENTI ESTERI IInvesttiimenttii Grado di apertura del Paese Il 2005 ha segnato l anno di svolta per una maggiore apertura dell economia egiziana, in seguito al varo di provvedimenti atti a facilitare gli scambi con l estero (soprattutto le importazioni, grazie alla riduzione sostanziale di dazi e tariffe doganali) ed all entrata in vigore (luglio 2005) di una riforma fiscale che ha semplificato il rapporto tra cittadino e fisco. Il grado d apertura dell economia con l estero è, così, salito dal 42,5% nel 2005 al 54,5% nel Con il progressivo aumento dell esposizione del Paese sul mercato mondiale, crescono e/o si stabilizzano le quote d interscambio con i principali Paesi partner occidentali (Stati Uniti, Germania, Italia, Francia, Olanda e Regno Unito) che, insieme all Arabia Saudita, originano anche la maggior parte degli investimenti stranieri in Egitto. Principali Paesi investitori e distribuzione settoriale Gli Stati Uniti sono al primo posto come Paese investitore; seguono i Paesi dell Unione Europea e fra questi, nel 2006, è proprio l Italia il più importante, seguita dal Regno Unito, dalla Spagna e dalla Francia. Fra i Paesi arabi, rilevante è la quota dell Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti. Investimenti diretti da e verso l Italia Norrmattiiva sugllii iinvesttiimenttii La normativa egiziana in materia di investimenti è piuttosto complessa ed è articolata in tre testi principali. La Legge n.159/1981, tuttora in vigore, ha rappresentato in passato un primo esempio di normativa volta a incentivare gli investimenti, innovando il precedente quadro. La Legge n.230/1989 è stata approvata per favorire maggiormente gli investimenti esteri. Essa soddisfa le esigenze degli investitori, soprattutto stranieri, per quanto riguarda la libertà nel trasferimento dei profitti, l assenza di limiti circa la proprietà delle società da parte degli stranieri e la partecipazione agli utili dei dipendenti. 9

10 *********************************INVESTIMENTI ESTERI La Legge n.8/1997 è senza dubbio lo strumento normativo più moderno in favore degli investimenti. Essa stabilisce le seguenti garanzie: i progetti possono essere esclusivamente di proprietà di stranieri; vi sono garanzie contro nazionalizzazione ed esproprio; i prodotti non sono assoggettati al controllo dei prezzi; i soggetti possono rimpatriare i loro capitali ed i loro profitti; la maggioranza dei membri dei Consigli di Amministrazione può essere straniera; vi è libertà nell assunzione del personale; i salari degli esperti stranieri che lavorano nei progetti sono esenti da tassazione se la loro permanenza in Egitto non supera l anno. Tali incentivi si applicano ai progetti rientranti in 16 campi prioritari d attività che vengono realizzati in particolari zone industriali, definite Free Zones. La Legge n.83/2002 regola le Zone Economiche Speciali (ZES), garantendo privilegi ed esenzioni doganali agli investitori. Essa consente la creazione di zone industriali speciali che abbiano una significativa attività d esportazione. Zone Frranche e Parrchii Tecnollogiicii La Legge n.8/1997 (Cap. 3, Artt ) ha riaffermato il concetto ed il regime delle Zone Franche (Free Zones), aree geo-amministrative qualificate istituite per promuovere lo sviluppo degli investimenti esteri attraverso l introduzione di condizioni tendenzialmente più favorevoli rispetto a quelle previste dal regime ordinario. Le Zone Franche sono di due tipi: pubbliche e private (Art. 29). Quelle pubbliche sono create con Decreto Ministeriale su proposta della General Authority for Investments & Free Zones (GAFI); le altre, costituite sempre tramite il GAFI, ma su diretta richiesta dell impresa investitrice, sono finalizzate alla realizzazione di specifici progetti. Le Zone Franche pubbliche sono attualmente otto; le più importanti sono: Nasr City (Il Cairo), Alessandria, Port Said, Suez, Ismailia e Damietta. In linea di principio, le Zone Franche sono destinate a ditte che intendano esportatore almeno la metà della produzione. Per quanto concerne i possibili settori d investimento, possono essere concesse licenze per progetti di magazzinaggio, lavaggio, assemblaggio, riunione, fusione e rimballo di merci. Duty free Servizi e Costi 10

11 *********************************INVESTIMENTI ESTERI New Urban Communities Parchi Tecnologici Zone Economiche Speciali (SEZs) Brrevettttii e Prroprriiettà IInttellllettttualle L Egitto è membro del World Trade Organisation (WTO), ha firmato gli Accordi Trade Related Apects of Intellectual Property Rights (TRIPS) ed ha sottoscritto la Convenzione di Parigi del 1883 per la protezione della proprietà intellettuale. L Egitto è, inoltre, firmatario della Convenzione di Strasburgo del marzo 1971 per la classificazione internazionale dei brevetti e della Convenzione dell Aja del 1975, riguardante il deposito internazionale del design industriale. La Legge n.82/2002 (con il relativo Regolamento d attuazione) contiene la disciplina della Proprietà Intellettuale di: brevetti, modelli d utilità, circuiti integrati, know-how, marchi, nomi commerciali, indicazioni geografiche, design industriale, diritto d autore e varietà vegetali. 11

12 *********************************INVESTIMENTI ESTERI Requiisiittii ttecniicii e sttandarrdiizzaziione,, llegiisllaziione perr iimballllaggiio ed ettiichettttatturra I requisiti tecnici e la standardizzazione in materia di confezionamento ed imballaggio sono riportati nella Legge n.118/1975 e nel relativo Statuto Esecutivo sull importazione e l esportazione, nonché nei vari emendamenti effettuati con Decreti Ministeriali. L Autorità competente per il controllo dell applicazione dei requisiti tecnici è la General Agency for Control on Exports and Imports. Nella versione completa della Guida sono disponibili informazioni dettagliate circa la legislazione vigente per: Prodotti importati Macchinari Prodotti alimentari Abbigliamento Prodotti commerciali Norrmattiiva doganalle Le merci in importazione dai Paesi dell Unione Europea devono essere accompagnate dai seguenti documenti: Fattura commerciale: richiesta in 4 copie, va redatta in lingua inglese o francese e deve essere vistata dalla Camera di Commercio. Certificazioni attestanti l origine: Certificato d origine rilasciato dalla Camera di Commercio e legalizzato dal Consolato egiziano. Documenti speciali: Certificato sanitario per animali vivi, carni e derivati, prodotti alimentari in genere. Certificato fito-sanitario per prodotti vegetali. Certificato d analisi emesso da laboratori ufficiali per prodotti chimici, farmaceutici ed alimentari. Certificato di qualità, quantità, congruità del prezzo rilasciato dalle Autorità competenti, solo su richiesta dell importatore. Certificato che attesti il livello di radiazioni nucleari per i seguenti prodotti: alimentari, olii e grassi da utilizzare nella produzione di derrate alimentari, bestiame vivo destinato all alimentazione umana, piante e sementi, prodotti alimentari ad uso animale, succedanei del latte, tabacco. 12

13 *********************************INVESTIMENTI ESTERI Documenti di trasporto: Trasporto via mare: Polizza di carico (Bill of Lading). Trasporto per via aerea: Lettera di vettura (Airway Bill). Barriere tariffarie Barriere non tariffarie Legiisllaziione sociiettarriia Nel quadro della progressiva apertura del sistema giuridico-economico egiziano, dal 1998 (con l entrata in vigore della Legge n.3/1998) anche le imprese straniere possono operare tramite società di cui detengano la quota di maggioranza. Gli Uffici di Rappresentanza (Representative Offices oppure Liaison Offices) e le Filiali (Branches) sono forme di presenza molto diffuse, anche tra le aziende italiane operanti al Cairo. Le principali forme societarie che l ordinamento egiziano prevede sono la Società per Azioni (Joint-Stock Company) e la Società a Responsabilità Limitata (Limited Liability Company). Per tali forme di presenza imprenditoriale, la normativa di riferimento si trova nella Legge n.159/1981, nel Decreto esecutivo n.96/1982 e nelle successive modifiche, con particolare riguardo alla Legge n.3/1998. Società per Azioni (Spa) Società a Responsabilità Limitata (Srl) Uffici di Rappresentanza e Filiali Contratti di Agenzia ed Intermediazione Norrmattiiva ttrriibuttarriia Il regime ordinario è quello stabilito dalla Legge n.157/1981 e dal Decreto Ministeriale n.164/1982 (e successive modifiche). Nel luglio 2005, è entrata in vigore una riforma fiscale che ha semplificato molto il rapporto tra il cittadino ed il fisco. A seconda del reddito, sono state ridotte a 3 le aliquote sul reddito, fino ad un massimo del 20%, sia per le 13

14 *********************************INVESTIMENTI ESTERI persone fisiche sia per quelle giuridiche (i livelli precedenti erano rispettivamente del 32% e del 42%). Tassazione delle persone fisiche Tassazione delle persone giuridiche Altre imposte dirette IVA Altre imposte indirette Convenzioni contro le doppie imposizioni Norrmattiiva dell llavorro La normativa sul lavoro è contenuta nella Legge n.137/1981 (e successive modifiche). In base a tale Legge, i contratti di lavoro possono essere sia a tempo determinato (di durata non superiore a 5 anni) sia a tempo indeterminato ed il periodo di prova non supera i 3 mesi. Se il contratto di lavoro a tempo determinato viene immediatamente rinnovato alla prima scadenza, esso si trasforma de facto in contratto a tempo indeterminato. La Legge sul lavoro stabilisce le singole fattispecie che possono determinare il licenziamento, sostanzialmente riconducibili ad ipotesi di giusta causa e giustificato motivo. In base ai dati del Ministero del Lavoro egiziano, il costo della manodopera varia da 150 a 500 US$ (salari orientativi mensili netti); oneri sociali sono costituiti a carico del datore di lavoro (Social Insurance). Contrattazione collettiva Contrattazione individuale Elementi del contratto di lavoro Diritti ed organizzazioni sindacali Licenziamenti individuali e collettivi 14

15 ***********************************SISTEMA BANCARIO Generralliittà sull siisttema bancarriio Nel corso del 2005, la Banca Centrale d Egitto ha avviato una sostanziale riforma del sistema bancario, al fine di migliorarne le performance. L attività principale è stata il processo di privatizzazione con cui circa il 20% del settore bancario è stato trasferito da banche controllate de facto dallo Stato al settore privato. È stata, quindi, operata una razionalizzazione delle banche commerciali ed una serie di fusioni tra banche minori. A seguito di tale piano di riforma, la situazione del sistema bancario egiziano è attualmente in netto miglioramento. La percentuale dei non performing loan sul totale dei crediti che nel 2004 aveva superato il 25% risulta in calo nel 2006, mentre i valori ROA (rapporto tra reddito operativo e totale attivo) e ROE (rapporto tra utile netto e patrimonio netto) sono stabili o in lieve crescita. Ad eccezione di alcuni Istituti bancari (Misr African International Bank, Arab International Bank ed Export Development Bank of Egypt), il sistema opera sotto il controllo congiunto della Central Bank of Egypt (CBE) e del Ministero delle Finanze. Sette sono le banche del settore pubblico: quattro commerciali (National Bank of Egypt (NBE), Banque Misr, Banque du Caire, Bank of Alexandria) e tre specializzate (Real Estate Bank, Industrial Bank, Agricolture Bank); ci sono, inoltre, 24 banche commerciali, private o in Joint-venture, 11 finanziarie per gli investimenti in Joint-venture e 20 filiali di Istituti di Credito stranieri. Infine, si trovano al Cairo, con propri Uffici di Rappresentanza, il Monte dei Paschi di Siena e la Banca Intesa SanPaolo, che ha in parte acquisito nell ottobre 2006 la Bank of Alexandria. 15

16 **********************************SISTEMA FIERISTICO L Egitto offre, secondo i settori, fiere di massa campionarie a frequenza annuale (come la Fiera Internazionale del Cairo) e fiere aperte, viceversa, solo ad un pubblico di operatori, le cosiddette fiere specializzate, sempre più in corso di affermazione. L azienda interessata ad esportare in Egitto può valutare una prima partecipazione diretta (finalizzata ad una presa di contatto con il mercato ed eventualmente alla contestuale ricerca di un agente/rappresentante) ed una partecipazione successiva tramite il proprio intermediario. Altrettanto valida, per entrare in contatto con operatori locali interessati all offerta italiana, è la partecipazione a seminari e workshop tematici organizzati da varie Istituzioni. Fiere specializzate Enti fieristici Infine, nella versione completa della Guida, su formato CD, sono disponibili IIndiirriizzii uttiillii:: iin Egiitttto ed iin IIttalliia.. Biiblliiogrraffiia 16

17 Ufficio E-Commerce e Commercio Estero Sportello per l Internazionalizzazione C.C.I.A.A. Genova Via Garibaldi, Genova Tel: Fax: Sito: Twww.ge.camcom.itT Marzo 2008 La Guida Paese è stata realizzata in collaborazione con la Dott.ssa Francesca Paolini

Egitto. Zone Franche

Egitto. Zone Franche Egitto Zone Franche Il Cairo, Marzo 2014 ICE Cairo Zone Franche Marzo 2014 1 Zone Franche In Egitto L Egitto ha iniziato la realizzazione delle Zone Franche Free Zones agli inizi degli anni settanta, al

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

INVESTIRE IN NORD AFRICA. Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale

INVESTIRE IN NORD AFRICA. Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale INVESTIRE IN NORD AFRICA Algeria, Egitto, Libia, Marocco, Sudan, Tunisia, Sahara Occidentale Il Nord Africa ha registrato negli ultimi anni una crescita constante del Pil ed è considerato uno dei futuri

Dettagli

I Paesi del bacino del Mediterraneo

I Paesi del bacino del Mediterraneo I Paesi del bacino del Mediterraneo Presenta: Rodolfo Cortellini Istituto nazionale per il Commercio Estero 1 I Paesi del bacino del Mediterraneo Algeria Egitto Israele Giordania Libano Libia Marocco Siria

Dettagli

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones

Quadro legislativo, normativa societaria e free zones Quadro legislativo, normativa societaria e free zones SEZIONE I. Normativa Societaria Le forme societarie riconosciute negli EAU Le filiali e gli uffici di rappresentanza Le licenze necessarie SEZIONE

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO

INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO INVESTIRE ED OPERARE IN EGITTO 2007 www.to.camcom.it/egitto Investire ed operare in Egitto (2007) 2 SOMMARIO RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE, CONSOLARI E COMMERCIALI 5 INFORMAZIONI UTILI 6 Il Paese 6 Lingua

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map EGITTO Capitale Il Cairo Popolazione (milioni) 84,15 69/100 72/100 85/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 551,44 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO

CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO Italian Trade Commission - ICE Trade Promotion Section of the Italian Embassy Beirut Office LIBANO CONGIUNTURA E COMMERCIO ESTERO 2009-2010 GIUGNO 2010 ANDAMENTO CONGIUNTURALE Per il 2009 i dati indicano

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI*****************************

INFORMAZIONI GENERALI***************************** Camera di Commercio di Genova Ufficio E-commerce e Commercio Estero Sportello per l Internazionalizzazione In collaborazione con Camera Tuniso Italiana di Commercio e Industria INFORMAZIONI GENERALI*****************************

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale

Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale Un rapporto paese sulla Cina: quadro macroeconomico, fattori di competitività e struttura industriale Francesco Timpano* ITCG Pacioli Parliamo della Cina - Opportunità o minaccia * Il lavoro è realizzato

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Gli Investimenti italiani in Ucraina.

Gli Investimenti italiani in Ucraina. Gli Investimenti italiani in Ucraina. L'Ucraina ha adottato da anni una specifica e ampia regolamentazione sugli investimenti esteri (L. U. 16/07/1999-997-XIV). Le forme di investimento ammesse comprendono:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso. Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 15 giugno 2010 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Il quadro di riferimento: il Molise Aggravamento della fase recessiva L economia reale Contrazione valore aggiunto in tutti

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Focus Mercato: MAROCCO

Focus Mercato: MAROCCO Focus Mercato: MAROCCO { { CONGIUNTURA ECONOMICA 2011 2012 2013 PIL Nominale (mln ) 71.525 75.545 78.340 Variazione del PIL reale (%) 5 2,9 3,3 Popolazione (mln) 32,3 32,6 33 PIL pro-capite a parità di

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

L economia italiana: tendenze e prospettive

L economia italiana: tendenze e prospettive L economia italiana: tendenze e prospettive (05) Gli scambi con l estero Michele Benvenuti Università di Siena Anno accademico 2014/15 Grado di apertura: export (beni e servizi) / PIL Paese 2007 2010 2014

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

A cura di dott. Victor Chatué Responsabile della Cooperazione con l Africa Università degli Studi di Udine

A cura di dott. Victor Chatué Responsabile della Cooperazione con l Africa Università degli Studi di Udine INVESTIRE IN CAMERUN E NELLA ZONA CEMAC A cura di dott. Victor Chatué Responsabile della Cooperazione con l Africa Università degli Studi di Udine Cos è la CEMAC La Comunità Economica e Monetaria dell'africa

Dettagli

AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA

AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA AUTUNNO 2015: ESPORTARE DI PIÙ E MEGLIO OPPORTUNITÀ SVIZZERA Perché scegliere il mercato svizzero? Primo fruitore pro-capite al Mondo di Made in Italy La Svizzera è per le esportazioni italiane uno dei

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Primi IL MERCATO A livello mondiale il mercato dell abbigliamento intimo vale circa 50 miliardi di euro e i principali Paesi consumatori sono l Europa e gli Stati

Dettagli

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi

Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Il controllo dell Agenzia delle Dogane sulle sementi di mais e soia in importazione da Paesi Terzi Roma, 2 Workshop dei laboratori del controllo uffficiale di OGM 30 novembre 1-2 dicembre 2010 Le Agenzie

Dettagli

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011

Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane. Confindustria, 1 Febbraio 2011 Seminario Tunisia Rischi e prospettive per le imprese italiane Confindustria, 1 Febbraio 2011 Temi trattati Presenza ed operatività del sistema bancario in Tunisia Struttura e profilo di rischio del sistema

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE

LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE LA TASSAZIONE DELLE IMPRESE STRANIERE Le principali imposte e tasse che gravano sulle imprese straniere sono: La Corporate Income Tax - CIT; La Value Added Tax - VAT, corrispondente all IVA italiana);

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI

Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI Istituto nazionale per il Commercio Estero AFFARI E COMMERCIO CON GLI EMIRATI ARABI UNITI I. COSTITUIRE UN IMPRESA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI. Prima del 1984, ogni Emirato, Dubai, Abu Dhabi, Sharjah, Ajman,

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y ECUADOR REGOLE PER GLI INVESTIMENTI IN ECUADOR di Avv. Francesco Misuraca Disciplina degli investimenti stranieri La decisione 24, e successivi aggiornamenti dell Accordo subregionale andino denominato

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul

IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul IPR DESK WORLD Notizie da Istanbul BENVENUTI AL N. 1 DEL NOSTRO NOTIZIARIO - LUGLIO 2014 Politiche protezionistiche e barriere all'ingresso e tutela sui diritti di proprieta' intellettuale rappresentano

Dettagli

L industria agroalimentare italiana

L industria agroalimentare italiana Il sistema italiano L importanza del sistema italiano Strette connessioni fra agricoltura, industria di trasformazione e distribuzione : necessità di una visione più complessiva del sistema L industria

Dettagli

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina

CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione. Convegno di Studi. Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Istituto nazionale per il Commercio Estero CINA E OLTRE. Piccola e media impresa tra innovazione e internazionalizzazione Convegno di Studi * * * * * Interscambio commerciale e Programmi ICE in Cina Marco

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map FILIPPINE Capitale Manila Popolazione (milioni) 97,48 37/100 63/100 67/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 454,29 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO. Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige?

IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO. Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige? IMPORT EXPORT IL COMMERCIO ESTERO DELL ALTO ADIGE VISTO DA VICINO 5 Quale importanza riveste il commercio estero per l Alto Adige? Dove esporta e da dove importa l Alto Adige? Quali sono per l Alto Adige

Dettagli

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante.

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante. Contratti di compravendita e distribuzione internazionale: strategie negoziali e aspetti giuridici dei rapporti con i Mercati Emergenti, in particolare con la Cina 1 Da alcuni decenni i Paesi occidentali

Dettagli

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013

Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina Bari 25 ottobre 2013 Bosnia Erzegovina area totale: 51.129 kmq confini: Croazia: 932 km Serbia: 312 km Montenegro: 215 km costa: 24 km capitale: Sarajevo (400.000 ab.) popolazione: 3,8

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA

UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA Nasce Trentino International, lo Sportello integrato per l internazionalizzazione. Uno strumento pensato per le aziende trentine che vogliono aprirsi ai mercati esteri con

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania marzo

Dettagli

INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN VIETNAM CONTESTO LEGALE

INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN VIETNAM CONTESTO LEGALE Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 3 febbraio 2012 INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN VIETNAM CONTESTO LEGALE (a cura di Federico Vasoli, avvocato iscritto all albo di Milano e

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117)

EMIRATI ARABI UNITI. Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) EMIRATI ARABI UNITI Stefano Cruciani (matr. 40215) Michele Monachesi (matr. 38586) Alessandro Tommasi (matr. 40117) 1 LA NAZIONE Superficie: 83.600 kmq Popolazione: 6 milioni (stima 2009, 19% locali, 50%

Dettagli

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN

OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN OPPORTUNITÀ ECONOMICHE IN AZERBAIGIAN Treviso, 7 giugno 2013 AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA DELL AZERBAIGIAN IN ITALIA FATTI SALIENTI Data di fondazione 28 maggio 1918 Indipendenza 18 ottobre 1991 Relazioni

Dettagli

LIBANO PARCO VETTURE NEL

LIBANO PARCO VETTURE NEL LIBANO PARCO VETTURE NEL 29 Febbraio 211 Dati aggiornati il 1 febbraio 211: - le nuove auto vendute nel 21 (pag. 5) - l interscambio Libano/Mondo 21 (pag. 5-6) Nel 29, il numero delle auto private circolante

Dettagli

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk

MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO. Serbian Desk MILITERNI & ASSOCIATI INCENTIVI DELLA REPUBBLICA SERBA NELLE PROCEDURE DI INVESTIMENTO Serbian Desk STUDIO LEGALE MILITERNI & ASSOCIATI LA FORZA DI UNO STUDIO LEGALE BUSINESS ORIENTED La consulenza e l

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione

BARI 12 febbraio 2014. Road show per l internazionalizzazione BARI 12 febbraio 2014 Road show per l internazionalizzazione 1 3 4 6 8 9 14 19 Nota Metodologica Principali prodotti export e Paesi acquirenti della Puglia Focus Bari Documenti e formalità per le cessioni

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 L ITALIA 2 partner economico della Tunisia 2 Cliente 2 Investitore 25 % il numero delle

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

Il mercato del mobile e dei complementi d arredo nella Federazione Russa

Il mercato del mobile e dei complementi d arredo nella Federazione Russa Il mercato del mobile e dei complementi d arredo nella Federazione Russa Introduzione La crisi finanziaria internazionale ha avuto un effetto pesante sull economia russa, a causa dell azione combinata

Dettagli

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007

TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 TORINO CONGIUNTURA 1 SEMESTRE 2007 (fonte: Camera di Commercio di Torino) 1 ANDAMENTO PRODUZIONE INDUSTRIALE La produzione industriale torinese nel 2 trimestre del 2007 ha avuto un tasso di crescita del

Dettagli

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale

Ufficio ICE di Tunisi. Tunisia - Quadro macroeconomico generale Ufficio ICE di Tunisi Tunisia - Quadro macroeconomico generale Marzo 2014 La crisi politica e le tensioni sociali hanno pesato molto sull attuale situazione economica tunisina. Nel 2013 la crescita del

Dettagli