Ipotesi di progetto pilota in Senegal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di progetto pilota in Senegal"

Transcript

1 Luglio 2011 Creazione di una piattaforma per la valorizzazione e la canalizzazione del risparmio dei migranti verso le istituzioni di microfinanza Ipotesi di progetto pilota in Senegal Report/Work in Progress Daniele Frigeri Anna Ferro CeSPI 1

2 IL PROGETTO FONDAZIONI4AFRICA Quattro fondazioni bancarie (Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo e Fondazione Monte dei Paschi di Siena) si sono associate per realizzare il progetto Fondazioni4Africa (F4A), un iniziativa di co-progettazione che coinvolge attori della società civile con esperienza nell ambito della cooperazione internazionale (le ONG ACRA, CISV, COOPI, COSPE), associazioni di migranti (Stretta di Mano, Associazione Senegalesi di Torino, Associazione dei Senegalesi di Parma, ACTU) e il CeSPI (Centro Studi Politiche Internazionali), che da anni studia, in collaborazione con l Associazione Bancaria Italiana, il fenomeno della bancarizzazione dei migranti in Italia e il possibile legame fra rimesse e sviluppo. A questi attori si affianca l opera di valutazione e monitoraggio da parte della Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento a Pisa. Il progetto F4A (http://www.cespi.it/africa- 4fond.html) con una dotazione economica complessiva di 3 milioni di Euro stanziati per i primi 3 anni di attività, a cui seguirà un successivo finanziamento per il biennio risulta un iniziativa unica e originale nel panorama della cooperazione internazionale. Esso rispecchia la direzione che 4 Fondazioni Bancarie hanno deciso di adottare, promuovendo un progetto di co-sviluppo che coniuga attività più classiche di cooperazione allo sviluppo in un Paese del Sud del mondo, con il protagonismo e rafforzamento della diaspora attraverso attività di integrazione socio-culturale dei migranti in Italia. A ciò si aggiunga, come ulteriore elemento di originalità, il processo di forte co-progettazione, integrazione e multisettorialità che esso ha da sempre perseguito. Il progetto si suddivide tra diverse componenti: Educazione allo Sviluppo, in Italia e Senegal; sostegno dello sviluppo rurale (Senegal), Formazione e Rafforzamento delle capacità dei migranti (Italia), Microfinanza (in Senegal) e Ricerca (trasversale a molte componente, tra cui: formazione, consumi e commercializzazione dei prodotti senegalesi, il fenomeno migratorio dei ritorni e le politiche collegate, rimesse e microfinanza). In Italia sono state realizzate attività rivolte al rafforzamento e al capacity building di associazioni di senegalesi in 4 regioni e attività di educazione alla multiculturalità nelle scuole (realizzate anche in Senegal). Tra i due paesi sono state sostenute con regolarità attività di rafforzamento dei partenariati transnazionali, con particolare attenzione al coinvolgimento degli enti locali nei due paesi, quindi nell ottica della cooperazione decentrata. In Senegal il progetto intende promuovere iniziative di sviluppo integrato altamente innovative con azioni coordinate in diversi settori (tra cui: sviluppo rurale, formazione professionale, promozione della condizione femminile, pesca, trasformazione, conservazione e commercializzazione della frutta, turismo responsabile, rafforzamento delle Istituzioni di Microfinanza etc.) e nelle quali possa essere integrato il fattore innovativo della valorizzazione del capitale umano, sociale e finanziario (rimesse e risparmio) che i migranti senegalesi in Italia possono apportare. ATTIVITÀ NELL AMBITO RIMESSE E MICROFINANZA Rispetto al filone rimesse e microfinanza, lo studio di modelli e soluzioni per la canalizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza (IMF) 1 è stato ispirato da due obiettivi principali: il rafforzamento delle IMF, soprattutto in termini di accesso al mercato dei capitali a medio-lungo termine 1 Relativamente al contesto ecuadoriano la piattaforma è indirizzata al sostegno delle Banche Cooperative di Risparmio, realtà di intermediazione finanziaria più diffuse nelle aree rurali. 2

3 il coinvolgimento delle IMF nel processo di bancarizzazione e valorizzazione del risparmio dei migranti in Italia. Qui di seguito forniamo una sintesi delle attività attraverso le quali ha preso forma l attuale progetto pilota di piattaforma di canalizzazione delle rimesse dall Italia al Senegal. Nei tre anni di ricerca, CeSPI ha affrontato molti ambiti di approfondimento circa il possibile legame tra rimesse e microfinanza, studiando sia il livello teorico che i contesti di applicazione - Italia e Senegal. Sono stati prodotti numerosi articoli che hanno creato un importante background teorico e conoscitivo sul tema e che sono stati presentati in conferenze e seminari nazionali e internazionali, diventando oggetto di numerose pubblicazioni. Gli ambiti e i risultati delle ricerche svolte sono stati diretti a: sistematizzare e aggiornare la letteratura sul tema (a cura di Andrea Stocchiero) fornire un analisi dei comportamenti finanziari della componente senegalese (Daniele Frigeri) svolgere una ricerca qualitativa circa i bisogni finanziari dei migranti nel quadro del rapporto tra microfinanza e rimesse (Anna Ferro) studiare il contesto normativo senegalese e alcuni case study di mutuelles (6 casse rurali) nel loro rapporto con i migranti e le rimesse, per verificare la possibilità di realizzare iniziative di canalizzazione (studio a cura del Prof. Papa Demba Fall, dell Institut Fondamental d'afrique Noire e del Prof. Papa Beye dell Ecole Nationale d Economie Appliquèe) ipotizzare tre modelli di canalizzazione delle rimesse dei migranti senegalesi verso le IMF, individuandone punti di forza e di debolezza 2 (Anna Ferro e Daniele Frigeri) realizzare uno studio di fattibilità circa la struttura di governance che dovrà accogliere le IMF in Senegal per interagire con il versante italiano (Ibrahima Malick Thioune). Questo lungo lavoro di conoscenza, approfondimento e riflessione ha consentito di individuare un Modello di canalizzazione in grado di rispondere all obiettivo di valorizzare il processo di allocazione del risparmio tra Italia e Senegal attraverso le IMF. Nel corso tempo si è approfondita la fattibilità del modello individuato come ottimale, avviando un processo di consultazione ampio e articolato attraverso successive interviste a rappresentati di istituti bancari italiani e senegalesi, MTO, IMF, esperti ed autorità/istituzioni in Italia e in Senegal 3. Il Modello è stato poi presentato in diverse occasioni pubbliche in Italia e in particolare in Senegal attraverso un seminario organizzato a Dakar nel 2009, e successivamente in occasione del World Social Forum nel 2011, riscuotendo un generale interesse da parte degli operatori coinvolti. Durante il 2011, è proseguito il processo di messa a punto del modello sia in Italia che in Senegal, attraverso analisi ad hoc e incontri a livello istituzionale e tra gli operatori - fino ad entrare nella attuale messa in opera attraverso l avvio di una fase pilota. Sul lato senegalese, dopo numerosi incontri, è stato finalizzato un protocollo di intesa tra il Progetto F4A, Cespi e la Direzione della Microfinanza in Senegal (presso il Ministère de la Famille, de la Solidarité Nationale, de l'entrepreunariat Féminin et de la Microfinance). Il 14 luglio 2011 è stato realizzato a Dakar un seminario di restituzione e discussione dello studio di fattibilità della struttura di Governance delle IMF in Senegal, e l avvio della fase di raccolta di prime adesioni al modello. Contestualmente l innovazione, le potenzialità del Modello e la sua linea di approccio hanno creato le condizioni per una sua replicabilità in altri paesi. In particolare, un progetto presentato dall ONG ACRA 2 Lo studio dei possibili modelli di canalizzazione delle rimesse verso il Senegal individuati nella prima fase del progetto è contenuto nel Working Paper N.6 Modelli per la Canalizzazione delle rimesse verso le istituzioni di microfinanza. Analisi delle variabili e ipotesi di percorsi in Senegal, FerroA. Frigeri D., disponibile sul sito del CeSPI 3 La Tavola 1, in allegato, fornisce un elenco degli operatori coinvolti nel processo di consultazione. 3

4 (partner di F4A) e finanziato dalla Fondazione Cariplo in Ecuador, in cui una componente prevede il rafforzamento e la canalizzazione delle rimesse verso le banche di credito cooperativo ha costituito il terreno ideale per ampliare e replicare la fase pilota verso un secondo paese. E stata quindi realizzata una missione in loco a maggio 2011 al fine di presentare il Modello e individuare possibili partner in Ecuador. L esito degli incontri ha messo in evidenza un chiaro interesse da parte di intermediari finanziari coinvolti e di autorità locali (in particolare la Segretaria Nazionale del Migrante, che in Ecuador è Ministero, e la Banca Centrale). L attività di ricerca si sta ora concentrando a declinare il modello nel modo più opportuno rispetto al contesto ecuadoriano, affinché la fase pilota possa essere realizzata contestualmente in entrambi i paesi (Senegal e Ecuador). SCENARIO DI RIFERIMENTO E PREMESSE METODOLOGICHE Il processo di consultazione che ha coinvolto banche, operatori di trasferimento del denaro ed esperti in Italia, in Senegal e di recente in Ecuador, ha permesso di individuare criticità e potenzialità del modello selezionato. Da una prima struttura proposta, il modello è andato modificandosi fino all ipotesi attuale di creazione di un piattaforma finanziaria per la gestione del risparmio del migrante fra il paese di origine e quello di destinazione (Grafico 1). Scelta che è stata sostenuta dalle Fondazioni Bancarie che hanno così deciso di sperimentarne la realizzazione attraverso un progetto pilota. La novità e le potenzialità del modello hanno generato l opportunità di replicabilità anche in altri contesti. Per questo motivo oltre al Senegal, contesto da cui ha preso avvio lo studio, si è arrivati alla sua estensione all Ecuador 4, grazie al collegamento in loco da parte della ONG ACRA, permettendo di valorizzare le risorse impiegate e sfruttare economie di scala legate all implementazione di una piattaforma di riferimento. Il modello si basa su tre premesse fondamentali che ne definiscono le potenzialità principali: le rimesse vanno collocate all interno di un più ampio processo di allocazione del risparmio dei migranti, che si fonda su comportamenti fortemente razionali e rispetto al quale è necessario creare strategie e prodotti adeguati. La rimessa viene definita come quella parte del reddito percepito dal migrante inviato ai propri familiari nel paese di origine e qui destinato ad una pluralità di funzioni 5. Essa è prima di tutto una fonte di sussistenza per la famiglia di origine, ma può costituire anche una fonte di consumo futuro (accumulata sottoforma di risparmio o investimento), di investimento immobiliare, di sviluppo e sostegno ad attività imprenditoriali, di accesso al credito 6 o di forme previdenziali e pensionistiche. La rimessa racchiude quindi una valenza di assicurazione informale e di diversificazione dei diversi livelli di rischio (sia personali che sistemici 7 ) e degli investimenti. Diverse indagini empiriche confermano e definiscono da un punto di vista quantitativo le dimensioni di queste componenti. La duplicità insita nel rapporto del migrante tra contesto di origine e di destinazione è quindi fonte di un costante trade-off che viene risolto, di volta in volta, sulla base del progetto migratorio proprio e della famiglia, del progressivo evolversi della rete di relazioni e legami transnazionali e del processo di integrazione. Ciò che manca al migrante e 4 Relativamente al contesto ecuadoriano la piattaforma è indirizzata al sostegno delle Banche Cooperative di Risparmio, realtà di intermediazione finanziaria più diffuse nelle aree rurali. 5 La rimessa acquisisce una pluralità di funzioni e destinazioni variabili nel tempo che possono essere raggruppate nella triplice dimensione: individuale, imprenditoriale e collettiva (Estruch, Ferro, Frigeri, Strumenti finanziari per l'invio delle rimesse degli immigrati, in Fondazione Ismu, Rial, Dagli Appennini alle Ande: le rimesse dei latinoamericani in Italia, Franco Angeli, Milano, 2008). Rispetto alla comunità senegalese in Italia un analisi della destinazione finale delle rimesse è contenuta nel Working Paper N.2: Analisi sui bisogni finanziari e la bancarizzazione dei migranti senegalesi con i risultati delle prime rilevazioni dei costi di invio delle rimesse, Frigeri D. 6 Per le famiglie dei migranti la rimessa costituisce un flusso finanziario in entrata sulla base del quale viene concesso credito, in particolare attraverso le istituzioni di microfinanza. 7 L. Anderloni, D. Vandone, Migrants and Financial Services,

5 che chiede con forza, è la disponibilità di un intermediario e di prodotti finanziari adeguati in grado di aiutarlo nell ottimizzare le proprie risorse finanziarie all interno di questa duplicità, assicurando un adeguata ownership e protezione del risparmio. L inclusione finanziaria (in entrambi i paesi) diviene la chiave di volta di un processo di valorizzazione del risparmio nell ottica, rispettivamente, di una maggiore integrazione socio-economica sia dei migranti che delle loro famiglie rimaste nel paese di origine e di un maggiore impatto sullo sviluppo. Se in Italia la bancarizzazione del migrante e in particolare la sua crescita come fruitore di servizi finanziari rappresenta un elemento costitutivo del processo di integrazione economica e sociale, nel contesto di provenienza l inclusione finanziaria favorisce l integrazione socio-economica dei suoi familiari e lo sviluppo umano. E indubbio che l impatto del processo di inclusione finanziaria non sia slegato dal ruolo di sistemi 8, strumenti e meccanismi finanziari in grado di valorizzarlo (attraverso l effetto di leva finanziaria) e di dirigerlo verso investimenti produttivi. Sono infatti necessari strumenti e servizi adeguati, in grado di assicurare e favorire l ingresso del risparmio dei migranti nei circuiti finanziari, sostenendo politiche di asset building, favorendo lo sviluppo di strumenti di creazione e protezione del risparmio, canalizzando le rimesse verso spese di medio - lungo periodo per il miglioramento della qualità della vita (come educazione e sanità), ma soprattutto destinando risorse alla creazione e al sostegno di processi di crescita e sviluppo del sistema imprenditoriale del paese. Un processo all interno del quale i sistemi bancari e finanziari di entrambi i paesi coinvolti possono giocare un ruolo attivo importante, ciascuno con specificità e obiettivi propri, ma che favoriscono la creazione di opportunità di crescita per le stesse istituzioni e per il sistema finanziario nel suo complesso, che a loro volta amplificano l impatto sullo sviluppo umano (sia in Italia che nel paese di origine). Solo un approccio di sistema è in grado di superare i limiti derivanti da iniziative bilaterali incapaci di realizzare un approccio integrato e assicurare volumi che garantiscano sostenibilità. Molteplici sono le iniziative sviluppate fra intermediari finanziari di paesi diversi su base bilaterale, in alcuni casi anche molto innovative. La loro efficacia tuttavia si scontra con i limiti di una proposta basata sull esclusività del rapporto o sulla mancanza di un approccio integrato nei confronti del migrante. La presenza migratoria nel nostro paese è caratterizzata da un elevata frammentarietà territoriale e fluidità che rendono difficile raggiungere volumi adeguati per singola nazionalità e quindi una sostenibilità delle iniziative bilaterali nel lungo periodo. Allo stesso modo il migrante si caratterizza sempre più come un soggetto portatore di bisogni complessi e interdipendenti, che coinvolgono tutte le diverse aree di business della banca, secondo processi e strategie complesse, su cui agiscono elementi di forte razionalità. La sfida è creare canali e strumenti per usi alternativi del risparmio (oggi escluso da un processo di ottimizzazione adeguato) che incorporino la dimensione transnazionale. Prodotti e servizi alternativi che siano da un lato sostenibili e dall altro competitivi e concorrenziali. Solo un approccio di sistema può realizzare tali obiettivi. Ne derivano quattro considerazioni guida nella definizione del modello sviluppato: la necessità di guardare al migrante non come una somma di comportamenti distinti e disarticolati, ma come un soggetto razionale, che esprime una maggiore propensione al rischio, profili economicofinanziari anche molto diversi e scelte di allocazione del risparmio dinamiche sia in termini spaziali che temporali; la necessità di separare la componente delle rimesse destinata al consumo da quella rivolta ad utilizzi diversi, per cui quest ultima può così essere valorizzata attraverso strumenti finanziari adeguati; 8 Intesi nell accezione più ampia che comprende tutti gli enti finanziari, incluse le istituzioni di microfinanza. 5

6 Sistema bancario Italiano la dimensione transnazionale come elemento costitutivo di questo processo di allocazione del risparmio che non risponde sempre e solo ad esigenze di sostegno primario alla famiglia di origine; la necessità di sviluppare strategie di segmentazione della clientela capaci di cogliere i diversi profili finanziari di clienti migranti, di accompagnare il processo di crescita economica e finanziaria e di scelta di allocazione e investimento. Si tratta cioè di individuare i diversi prodotti realizzabili, ciascuno rispetto al paese di competenza (il paese di origine e quello di destinazione), in un ottica integrata di pacchetto finanziario : in tal modo si possono offrire opportunità alternative di allocazione del risparmio tra cui il cliente può scegliere, esprimendo gradi di complessità, rischio e accessibilità diversi. Tutto questo si concretizza in un offerta adeguata e flessibile sia sul lato del risparmio, che del credito, della gestione della liquidità oltre che capace di rispondere alle istanze di tipo imprenditoriale; la necessità di rispondere a queste esigenze attraverso un approccio di sistema, capace di generare, attraverso dinamiche di mercato, nuovi spazi di interazione fra soggetti economici e di valorizzazione del processo migratorio e del capitale umano e finanziario del migrante. IL MODELLO DI RIFERIMENTO Grafico 1: Modello di riferimento individuato per la fase pilota Piattaforma allocazione risparmio migrante Italia Paese di origine Sviluppo di prodotti finanziari per il trasferimento del risparmio Money Transfer Operator rimesse Riduzione costi Banca Commerciale Struttura di Governance Accesso a finanziamenti a medio-lungo termine - partnership IMF 3 IMF 1 IMF 2 CREAZIONE E ALIMENTAZIONE DI UN FONDO DI GARANZIA Il modello raffigurato sarà oggetto di declinazioni diverse all interno dei contesti di riferimento in cui si svilupperanno le piattaforme (Senegal e Ecuador per la fase pilota). Costituisce un livello avanzato di elaborazione, un ipotesi sperimentale, la cui implementazione operativa è aperta al contributo dei soggetti che saranno coinvolti, contribuendo a risolvere eventuali criticità e potenziandone l efficacia, nel rispetto degli obiettivi e delle premesse descritte. Può essere immaginato come evoluzione di schemi più semplici, già in parte frutto della sperimentazione di singoli operatori all interno delle normali dinamiche di mercato, risolvendone alcune problematicità, ampliandone l impatto e consentendo lo sviluppo di strategie diverse per ciascuna fase del processo di accumulazione e allocazione del risparmio del migrante. Il modello non si configura infatti come insieme di rapporti di partnership definiti ex ante fra operatori (a cui aderire), ma come una piattaforma di sistema, all interno della quale gli operatori potranno interagire liberamente sulla base di meccanismi di mercato, definendo accordi, sviluppando prodotti o semplicemente portando prodotti (e partnership) già parte della propria offerta. La piattaforma rappresenta uno spazio di dialogo e di 6

7 negoziazione libero (all interno degli obiettivi che intende perseguire) che, se opportunamente sostenuto e affiancato nelle fasi evolutive, è in grado di esprimere potenzialità maggiori, rispondere ad una pluralità di bisogni finanziari dei migranti, sostenere il processo di inclusione finanziaria e lo sviluppo del sistema finanziario del paese corrispondente, in particolar modo delle IMF. La piattaforma può essere scomposta in livelli differenti: livello 1: riguarda il processo di bancarizzazione che vede le banche italiane in Italia e le IMF/banche cooperative nel paese di origine quali principali attori. Il modello consentirà di accelerare e incrementare il processo di bacarizzazione in entrambi i paesi, ma soprattutto favorirà la diffusione di nuovi prodotti finanziari e il maggiore utilizzo di quelli esistenti; livello 2: riguarda la strutturazione di un sistema di accordi fra intermediari finanziari nel paese di origine (Senegal e Ecuador) che consenta da un lato di interloquire in modo adeguato con il sistema bancario italiano e dall altro garantire alle IMF l accesso a fonti di finanziamento a medio-lungo termine sulla base del flusso di risorse generato dalla piattaforma. In particolare si prevede il coinvolgimento (o la creazione) di una struttura centrale, in grado di riunire e rappresentare le diverse IMF che aderiranno, come soggetto economico unico, accrescendone la rappresentatività. Le stesse IMF/banche cooperative assicureranno la possibilità di raggiungere le famiglie dei migranti e le opportunità di investimento a livello locale; livello 3 prevede la separazione della componente delle rimesse immediatamente destinata a consumo in patria (definita per semplicità rimessa ), che utilizzerà un accordo con uno o più Money Transfer Operator (MTO). È così possibile canalizzare i flussi delle rimesse direttamente alle IMF, garantendo quelle caratteristiche di rapidità e certezza (nei tempi e nei costi) che costituiscono il principale punto di forza degli MTOs. La loro intermediazione, fermo restando la validità di altri canali alternativi che potranno essere portati all interno della piattaforma o sviluppati dai singoli operatori, oltre a garantire un volume adeguato di flussi, canalizzando tutte le rimesse destinate al paese di riferimento (anche da altri paesi in cui è presente il MTO), consente spazi di convenienza anche in termini economici; livello 4, aperto a tutto il sistema bancario italiano, riguarda la realizzazione di accordi e sinergie tra le banche italiane e il sistema bancario nel paese di origine per la trasferibilità del risparmio tra i due paesi e il possibile sviluppo/offerta di prodotti congiunti o collegati. È questo il livello che consentirà di canalizzare quella parte del risparmio dei migranti che attualmente viene parcellizzato e trasferito senza una destinazione immediata e che richiede adeguati strumenti di accumulazione e valorizzazione. Attraverso il dialogo e la collaborazione fra gli istituti di credito, su base autonoma e bilaterale, sarà possibile offrire prodotti finalizzati all accumulo, protezione e valorizzazione del risparmio dei migranti e delle loro famiglie anche in un ottica transnazionale, sostegno e accompagnamento di attività imprenditoriali e creazione di opportunità di investimento su entrambi i paesi. Si realizza qui la possibilità di allocazioni alternative, che possono fare leva su quella parte del risparmio non immediatamente impiegata in consumo, sia attraverso prodotti che già fanno parte dell offerta delle banche coinvolte e sia attraverso la creazione di prodotti nuovi, anche in partnership con i corrispondenti esteri e che potranno essere offerti anche ad altri segmenti di clientela; livello 5: riguarda il contesto istituzionale a sostegno dell implementazione di un modello pilota di sistema, attraverso la costruzione di un consenso e un sostegno alla sua realizzazione sia in Italia che nel paese di origine e che vede oggi già coinvolte diverse istituzioni in entrambi i progetti pilota. Rientrano in questo livello anche le attività di informazione, sensibilizzazione ed educazione delle comunità di riferimento perché la piattaforma possa essere adeguatamente compresa ed utilizzata dagli utenti finali. 7

8 I vari livelli sono inseriti all interno di un approccio che incorpora necessariamente l interazione dei soggetti coinvolti, realizzando gli obiettivi del progetto: sostenere la crescita delle realtà finanziarie rurali e del tessuto sociale in cui operano e adeguare l offerta di prodotti e servizi bancari ai bisogni ancora insoddisfatti dei migranti. È perciò necessario prevedere uno spazio che consenta la costruzione della piattaforma per fasi successive e una sua progressiva evoluzione nel tempo. In questo modo, tutti gli intermediari coinvolti avranno la possibilità di interagire e creare sinergie capaci di generare valore, secondo strategie di volta in volta definite singolarmente. La piattaforma consente infatti un accessibilità differenziata, anche modulare, da parte dei soggetti interessati, con un ampio ventaglio di opportunità che potranno essere colte man mano che il coinvolgimento abbraccerà tutte le sue diverse dinamiche. In uno stadio più avanzato, con differenziazioni legate ai singoli paesi pilota, sarà possibile realizzare strumenti di garanzia a vantaggio diretto degli investimenti e dei progetti imprenditoriali. Pur nella complessità delle relazioni coinvolte, l approccio di sistema garantisce la possibilità di generare importanti economie e processi capaci di superare gli ostacoli che sino ad oggi hanno impedito un adeguata valorizzazione del risparmio dei migranti. FASI PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO PILOTA IN SENEGAL E IN ECUADOR La realizzazione del progetto pilota si sviluppa su due fasi successive che il CeSPi sta coordinando e accompagnando: fase 1: implementazione della struttura del modello attraverso l informazione e il coinvolgimento del sistema bancario italiano e del sistema finanziario del paese di origine, creando una struttura di governance; revisione del modello sulla base delle istanze operative, definendone gli aspetti più operativi e di funzionamento; firma di un protocollo di intesa fra i soggetti coinvolti e Fondazioni4Africa; formalizzazione del sostegno istituzionale; fase 2: avvio dell implementazione delle piattaforme pilota, attraverso la selezione degli altri soggetti (MTOs e banca di riferimento nel paese di origine), sulla base di meccanismi di mercato, attraverso l interazione del sistema bancario italiano, della struttura di governance nel paese di origine e con il supporto del CeSPI e Fondazioni4Africa in quanto coordinatori del processo fase 3: sviluppo del supporto istituzionale in Italia e nei paesi coinvolti, firma di un protocollo di intesa per il sostegno alla creazione della piattaforma e verifica delle possibili sinergie fra la piattaforma e politiche di sostegno a favore dei migranti (verifica possibilità creazione o coinvolgimento di un fondo di garanzia) fase 4: avvio della piattaforma in cui le parti potranno interagire liberamente, definendo su base bilaterale contenuti e condizioni, con modalità di ingresso nella piattaforma anche differenziate e prodotti e servizi da apportare o sviluppare contestualmente verranno realizzate, con il supporto delle Istituzioni coinvolte e degli operatori che volessero contribuire, attività di informazione, sensibilizzazione e alfabetizzazione delle comunità migranti in Italia e delle rispettive comunità di origine nei paesi di destinazione al fine di accrescere la consapevolezza intorno al progetto e alle sue potenzialità. 8

9 Allegato 1 - Processo di consultazione, soggetti interpellati per categoria ESPERTI Internazionali IFAD Inter American Dialogue Nazionali Microfinanza srl. ISTITUZIONI Italia Banca d Italia Associazione Bancaria Italiana SACE Senegal Ministère des PME, de la Microfinance et de l'entreprenariat FémininMinistère des PME, de la Microfinance et de l'entreprenariat Féminin Association Professionnelle des Banques et Établissements Financiers du Sénégal Institut d assistance Sociale aux Travailleurs Sénégalais et Italiens (LASI) Ministero per i Senegalesi all estero (MTSE). BANCHE - ITALIA Grandi dimensioni Gruppo Unicredit Gruppo Intesa San Paolo Gruppo Monte Paschi Siena Gruppo UBI Medie dimensioni Cariparma Banca Popolare di Milano ICCREA Holding Piccole dimensioni BCC Sesto S. Giovanni BANCHE SENEGAL Caisse Nationale de Crédit Agricole du Sénégal CBAO-Attijari Wafa Bank Banque Régionale de Solidarité Société Général de Banques au Sénégal Poste Finance Banque des Institutions Mutualistes d Afrique d Ouest BMAO MTO'S Western Union MoneyGram IMF Italia Per-Micro Etimos Senegal Pamecas Credit Mutuel IMF partner del progetto 9

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori

La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori DOC 8/2011 La valutazione dei progetti di co-sviluppo: criteri e indicatori Flavia Piperno e Andrea Stocchiero Novembre 2010 Via d Aracoeli, 11 00186 Roma (Italia) Tel. +3906 6990630 Fax +3906 6784104

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Aspetti e criticità del mercato, esperienze nazionali e internazionali, proposte di sviluppo In collaborazione con: PREFAZIONE... 3 INTRODUZIONE...

Dettagli

FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA

FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA FONDAZIONI4AFRICA - SENEGAL ALLEGATO I: DOCUMENTO DELL INIZIATIVA 13 Documento di Sintesi dell iniziativa Pag. 15 Componente attività Italia- Formazione, assistenza tecnica, promozione di partenariati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

a cura di Andrea Stocchiero Febbraio 2007

a cura di Andrea Stocchiero Febbraio 2007 CeSPI CentroStudidiPoliticaInternazionale Working Papers 33/2007 Proposte per uno strategy paper della cooperazione italiana su migrazioni e sviluppo a cura di Andrea Stocchiero Febbraio 2007 Via d Aracoeli,

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

SalusNet - un iniziativa di Federsanità

SalusNet - un iniziativa di Federsanità ASL Formazione Continua e qualità delle prestazioni sanitarie L esigenza di razionalizzare la Spesa Sanitaria, per contenerne i costi, oggi deve e può coniugarsi con una continua tensione al miglioramento

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi

Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Working Papers 63/2009 Le rimesse dall Italia in tempo di crisi Giulio Giangaspero Novembre 2009 Via d Aracoeli, 11 00186 Roma (Italia) Tel. +3906 6990630 Fax +3906 6784104 e-mail: cespi@cespi.it - web:

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli