Ipotesi di progetto pilota in Senegal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotesi di progetto pilota in Senegal"

Transcript

1 Luglio 2011 Creazione di una piattaforma per la valorizzazione e la canalizzazione del risparmio dei migranti verso le istituzioni di microfinanza Ipotesi di progetto pilota in Senegal Report/Work in Progress Daniele Frigeri Anna Ferro CeSPI 1

2 IL PROGETTO FONDAZIONI4AFRICA Quattro fondazioni bancarie (Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo e Fondazione Monte dei Paschi di Siena) si sono associate per realizzare il progetto Fondazioni4Africa (F4A), un iniziativa di co-progettazione che coinvolge attori della società civile con esperienza nell ambito della cooperazione internazionale (le ONG ACRA, CISV, COOPI, COSPE), associazioni di migranti (Stretta di Mano, Associazione Senegalesi di Torino, Associazione dei Senegalesi di Parma, ACTU) e il CeSPI (Centro Studi Politiche Internazionali), che da anni studia, in collaborazione con l Associazione Bancaria Italiana, il fenomeno della bancarizzazione dei migranti in Italia e il possibile legame fra rimesse e sviluppo. A questi attori si affianca l opera di valutazione e monitoraggio da parte della Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento a Pisa. Il progetto F4A (http://www.cespi.it/africa- 4fond.html) con una dotazione economica complessiva di 3 milioni di Euro stanziati per i primi 3 anni di attività, a cui seguirà un successivo finanziamento per il biennio risulta un iniziativa unica e originale nel panorama della cooperazione internazionale. Esso rispecchia la direzione che 4 Fondazioni Bancarie hanno deciso di adottare, promuovendo un progetto di co-sviluppo che coniuga attività più classiche di cooperazione allo sviluppo in un Paese del Sud del mondo, con il protagonismo e rafforzamento della diaspora attraverso attività di integrazione socio-culturale dei migranti in Italia. A ciò si aggiunga, come ulteriore elemento di originalità, il processo di forte co-progettazione, integrazione e multisettorialità che esso ha da sempre perseguito. Il progetto si suddivide tra diverse componenti: Educazione allo Sviluppo, in Italia e Senegal; sostegno dello sviluppo rurale (Senegal), Formazione e Rafforzamento delle capacità dei migranti (Italia), Microfinanza (in Senegal) e Ricerca (trasversale a molte componente, tra cui: formazione, consumi e commercializzazione dei prodotti senegalesi, il fenomeno migratorio dei ritorni e le politiche collegate, rimesse e microfinanza). In Italia sono state realizzate attività rivolte al rafforzamento e al capacity building di associazioni di senegalesi in 4 regioni e attività di educazione alla multiculturalità nelle scuole (realizzate anche in Senegal). Tra i due paesi sono state sostenute con regolarità attività di rafforzamento dei partenariati transnazionali, con particolare attenzione al coinvolgimento degli enti locali nei due paesi, quindi nell ottica della cooperazione decentrata. In Senegal il progetto intende promuovere iniziative di sviluppo integrato altamente innovative con azioni coordinate in diversi settori (tra cui: sviluppo rurale, formazione professionale, promozione della condizione femminile, pesca, trasformazione, conservazione e commercializzazione della frutta, turismo responsabile, rafforzamento delle Istituzioni di Microfinanza etc.) e nelle quali possa essere integrato il fattore innovativo della valorizzazione del capitale umano, sociale e finanziario (rimesse e risparmio) che i migranti senegalesi in Italia possono apportare. ATTIVITÀ NELL AMBITO RIMESSE E MICROFINANZA Rispetto al filone rimesse e microfinanza, lo studio di modelli e soluzioni per la canalizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza (IMF) 1 è stato ispirato da due obiettivi principali: il rafforzamento delle IMF, soprattutto in termini di accesso al mercato dei capitali a medio-lungo termine 1 Relativamente al contesto ecuadoriano la piattaforma è indirizzata al sostegno delle Banche Cooperative di Risparmio, realtà di intermediazione finanziaria più diffuse nelle aree rurali. 2

3 il coinvolgimento delle IMF nel processo di bancarizzazione e valorizzazione del risparmio dei migranti in Italia. Qui di seguito forniamo una sintesi delle attività attraverso le quali ha preso forma l attuale progetto pilota di piattaforma di canalizzazione delle rimesse dall Italia al Senegal. Nei tre anni di ricerca, CeSPI ha affrontato molti ambiti di approfondimento circa il possibile legame tra rimesse e microfinanza, studiando sia il livello teorico che i contesti di applicazione - Italia e Senegal. Sono stati prodotti numerosi articoli che hanno creato un importante background teorico e conoscitivo sul tema e che sono stati presentati in conferenze e seminari nazionali e internazionali, diventando oggetto di numerose pubblicazioni. Gli ambiti e i risultati delle ricerche svolte sono stati diretti a: sistematizzare e aggiornare la letteratura sul tema (a cura di Andrea Stocchiero) fornire un analisi dei comportamenti finanziari della componente senegalese (Daniele Frigeri) svolgere una ricerca qualitativa circa i bisogni finanziari dei migranti nel quadro del rapporto tra microfinanza e rimesse (Anna Ferro) studiare il contesto normativo senegalese e alcuni case study di mutuelles (6 casse rurali) nel loro rapporto con i migranti e le rimesse, per verificare la possibilità di realizzare iniziative di canalizzazione (studio a cura del Prof. Papa Demba Fall, dell Institut Fondamental d'afrique Noire e del Prof. Papa Beye dell Ecole Nationale d Economie Appliquèe) ipotizzare tre modelli di canalizzazione delle rimesse dei migranti senegalesi verso le IMF, individuandone punti di forza e di debolezza 2 (Anna Ferro e Daniele Frigeri) realizzare uno studio di fattibilità circa la struttura di governance che dovrà accogliere le IMF in Senegal per interagire con il versante italiano (Ibrahima Malick Thioune). Questo lungo lavoro di conoscenza, approfondimento e riflessione ha consentito di individuare un Modello di canalizzazione in grado di rispondere all obiettivo di valorizzare il processo di allocazione del risparmio tra Italia e Senegal attraverso le IMF. Nel corso tempo si è approfondita la fattibilità del modello individuato come ottimale, avviando un processo di consultazione ampio e articolato attraverso successive interviste a rappresentati di istituti bancari italiani e senegalesi, MTO, IMF, esperti ed autorità/istituzioni in Italia e in Senegal 3. Il Modello è stato poi presentato in diverse occasioni pubbliche in Italia e in particolare in Senegal attraverso un seminario organizzato a Dakar nel 2009, e successivamente in occasione del World Social Forum nel 2011, riscuotendo un generale interesse da parte degli operatori coinvolti. Durante il 2011, è proseguito il processo di messa a punto del modello sia in Italia che in Senegal, attraverso analisi ad hoc e incontri a livello istituzionale e tra gli operatori - fino ad entrare nella attuale messa in opera attraverso l avvio di una fase pilota. Sul lato senegalese, dopo numerosi incontri, è stato finalizzato un protocollo di intesa tra il Progetto F4A, Cespi e la Direzione della Microfinanza in Senegal (presso il Ministère de la Famille, de la Solidarité Nationale, de l'entrepreunariat Féminin et de la Microfinance). Il 14 luglio 2011 è stato realizzato a Dakar un seminario di restituzione e discussione dello studio di fattibilità della struttura di Governance delle IMF in Senegal, e l avvio della fase di raccolta di prime adesioni al modello. Contestualmente l innovazione, le potenzialità del Modello e la sua linea di approccio hanno creato le condizioni per una sua replicabilità in altri paesi. In particolare, un progetto presentato dall ONG ACRA 2 Lo studio dei possibili modelli di canalizzazione delle rimesse verso il Senegal individuati nella prima fase del progetto è contenuto nel Working Paper N.6 Modelli per la Canalizzazione delle rimesse verso le istituzioni di microfinanza. Analisi delle variabili e ipotesi di percorsi in Senegal, FerroA. Frigeri D., disponibile sul sito del CeSPI 3 La Tavola 1, in allegato, fornisce un elenco degli operatori coinvolti nel processo di consultazione. 3

4 (partner di F4A) e finanziato dalla Fondazione Cariplo in Ecuador, in cui una componente prevede il rafforzamento e la canalizzazione delle rimesse verso le banche di credito cooperativo ha costituito il terreno ideale per ampliare e replicare la fase pilota verso un secondo paese. E stata quindi realizzata una missione in loco a maggio 2011 al fine di presentare il Modello e individuare possibili partner in Ecuador. L esito degli incontri ha messo in evidenza un chiaro interesse da parte di intermediari finanziari coinvolti e di autorità locali (in particolare la Segretaria Nazionale del Migrante, che in Ecuador è Ministero, e la Banca Centrale). L attività di ricerca si sta ora concentrando a declinare il modello nel modo più opportuno rispetto al contesto ecuadoriano, affinché la fase pilota possa essere realizzata contestualmente in entrambi i paesi (Senegal e Ecuador). SCENARIO DI RIFERIMENTO E PREMESSE METODOLOGICHE Il processo di consultazione che ha coinvolto banche, operatori di trasferimento del denaro ed esperti in Italia, in Senegal e di recente in Ecuador, ha permesso di individuare criticità e potenzialità del modello selezionato. Da una prima struttura proposta, il modello è andato modificandosi fino all ipotesi attuale di creazione di un piattaforma finanziaria per la gestione del risparmio del migrante fra il paese di origine e quello di destinazione (Grafico 1). Scelta che è stata sostenuta dalle Fondazioni Bancarie che hanno così deciso di sperimentarne la realizzazione attraverso un progetto pilota. La novità e le potenzialità del modello hanno generato l opportunità di replicabilità anche in altri contesti. Per questo motivo oltre al Senegal, contesto da cui ha preso avvio lo studio, si è arrivati alla sua estensione all Ecuador 4, grazie al collegamento in loco da parte della ONG ACRA, permettendo di valorizzare le risorse impiegate e sfruttare economie di scala legate all implementazione di una piattaforma di riferimento. Il modello si basa su tre premesse fondamentali che ne definiscono le potenzialità principali: le rimesse vanno collocate all interno di un più ampio processo di allocazione del risparmio dei migranti, che si fonda su comportamenti fortemente razionali e rispetto al quale è necessario creare strategie e prodotti adeguati. La rimessa viene definita come quella parte del reddito percepito dal migrante inviato ai propri familiari nel paese di origine e qui destinato ad una pluralità di funzioni 5. Essa è prima di tutto una fonte di sussistenza per la famiglia di origine, ma può costituire anche una fonte di consumo futuro (accumulata sottoforma di risparmio o investimento), di investimento immobiliare, di sviluppo e sostegno ad attività imprenditoriali, di accesso al credito 6 o di forme previdenziali e pensionistiche. La rimessa racchiude quindi una valenza di assicurazione informale e di diversificazione dei diversi livelli di rischio (sia personali che sistemici 7 ) e degli investimenti. Diverse indagini empiriche confermano e definiscono da un punto di vista quantitativo le dimensioni di queste componenti. La duplicità insita nel rapporto del migrante tra contesto di origine e di destinazione è quindi fonte di un costante trade-off che viene risolto, di volta in volta, sulla base del progetto migratorio proprio e della famiglia, del progressivo evolversi della rete di relazioni e legami transnazionali e del processo di integrazione. Ciò che manca al migrante e 4 Relativamente al contesto ecuadoriano la piattaforma è indirizzata al sostegno delle Banche Cooperative di Risparmio, realtà di intermediazione finanziaria più diffuse nelle aree rurali. 5 La rimessa acquisisce una pluralità di funzioni e destinazioni variabili nel tempo che possono essere raggruppate nella triplice dimensione: individuale, imprenditoriale e collettiva (Estruch, Ferro, Frigeri, Strumenti finanziari per l'invio delle rimesse degli immigrati, in Fondazione Ismu, Rial, Dagli Appennini alle Ande: le rimesse dei latinoamericani in Italia, Franco Angeli, Milano, 2008). Rispetto alla comunità senegalese in Italia un analisi della destinazione finale delle rimesse è contenuta nel Working Paper N.2: Analisi sui bisogni finanziari e la bancarizzazione dei migranti senegalesi con i risultati delle prime rilevazioni dei costi di invio delle rimesse, Frigeri D. 6 Per le famiglie dei migranti la rimessa costituisce un flusso finanziario in entrata sulla base del quale viene concesso credito, in particolare attraverso le istituzioni di microfinanza. 7 L. Anderloni, D. Vandone, Migrants and Financial Services,

5 che chiede con forza, è la disponibilità di un intermediario e di prodotti finanziari adeguati in grado di aiutarlo nell ottimizzare le proprie risorse finanziarie all interno di questa duplicità, assicurando un adeguata ownership e protezione del risparmio. L inclusione finanziaria (in entrambi i paesi) diviene la chiave di volta di un processo di valorizzazione del risparmio nell ottica, rispettivamente, di una maggiore integrazione socio-economica sia dei migranti che delle loro famiglie rimaste nel paese di origine e di un maggiore impatto sullo sviluppo. Se in Italia la bancarizzazione del migrante e in particolare la sua crescita come fruitore di servizi finanziari rappresenta un elemento costitutivo del processo di integrazione economica e sociale, nel contesto di provenienza l inclusione finanziaria favorisce l integrazione socio-economica dei suoi familiari e lo sviluppo umano. E indubbio che l impatto del processo di inclusione finanziaria non sia slegato dal ruolo di sistemi 8, strumenti e meccanismi finanziari in grado di valorizzarlo (attraverso l effetto di leva finanziaria) e di dirigerlo verso investimenti produttivi. Sono infatti necessari strumenti e servizi adeguati, in grado di assicurare e favorire l ingresso del risparmio dei migranti nei circuiti finanziari, sostenendo politiche di asset building, favorendo lo sviluppo di strumenti di creazione e protezione del risparmio, canalizzando le rimesse verso spese di medio - lungo periodo per il miglioramento della qualità della vita (come educazione e sanità), ma soprattutto destinando risorse alla creazione e al sostegno di processi di crescita e sviluppo del sistema imprenditoriale del paese. Un processo all interno del quale i sistemi bancari e finanziari di entrambi i paesi coinvolti possono giocare un ruolo attivo importante, ciascuno con specificità e obiettivi propri, ma che favoriscono la creazione di opportunità di crescita per le stesse istituzioni e per il sistema finanziario nel suo complesso, che a loro volta amplificano l impatto sullo sviluppo umano (sia in Italia che nel paese di origine). Solo un approccio di sistema è in grado di superare i limiti derivanti da iniziative bilaterali incapaci di realizzare un approccio integrato e assicurare volumi che garantiscano sostenibilità. Molteplici sono le iniziative sviluppate fra intermediari finanziari di paesi diversi su base bilaterale, in alcuni casi anche molto innovative. La loro efficacia tuttavia si scontra con i limiti di una proposta basata sull esclusività del rapporto o sulla mancanza di un approccio integrato nei confronti del migrante. La presenza migratoria nel nostro paese è caratterizzata da un elevata frammentarietà territoriale e fluidità che rendono difficile raggiungere volumi adeguati per singola nazionalità e quindi una sostenibilità delle iniziative bilaterali nel lungo periodo. Allo stesso modo il migrante si caratterizza sempre più come un soggetto portatore di bisogni complessi e interdipendenti, che coinvolgono tutte le diverse aree di business della banca, secondo processi e strategie complesse, su cui agiscono elementi di forte razionalità. La sfida è creare canali e strumenti per usi alternativi del risparmio (oggi escluso da un processo di ottimizzazione adeguato) che incorporino la dimensione transnazionale. Prodotti e servizi alternativi che siano da un lato sostenibili e dall altro competitivi e concorrenziali. Solo un approccio di sistema può realizzare tali obiettivi. Ne derivano quattro considerazioni guida nella definizione del modello sviluppato: la necessità di guardare al migrante non come una somma di comportamenti distinti e disarticolati, ma come un soggetto razionale, che esprime una maggiore propensione al rischio, profili economicofinanziari anche molto diversi e scelte di allocazione del risparmio dinamiche sia in termini spaziali che temporali; la necessità di separare la componente delle rimesse destinata al consumo da quella rivolta ad utilizzi diversi, per cui quest ultima può così essere valorizzata attraverso strumenti finanziari adeguati; 8 Intesi nell accezione più ampia che comprende tutti gli enti finanziari, incluse le istituzioni di microfinanza. 5

6 Sistema bancario Italiano la dimensione transnazionale come elemento costitutivo di questo processo di allocazione del risparmio che non risponde sempre e solo ad esigenze di sostegno primario alla famiglia di origine; la necessità di sviluppare strategie di segmentazione della clientela capaci di cogliere i diversi profili finanziari di clienti migranti, di accompagnare il processo di crescita economica e finanziaria e di scelta di allocazione e investimento. Si tratta cioè di individuare i diversi prodotti realizzabili, ciascuno rispetto al paese di competenza (il paese di origine e quello di destinazione), in un ottica integrata di pacchetto finanziario : in tal modo si possono offrire opportunità alternative di allocazione del risparmio tra cui il cliente può scegliere, esprimendo gradi di complessità, rischio e accessibilità diversi. Tutto questo si concretizza in un offerta adeguata e flessibile sia sul lato del risparmio, che del credito, della gestione della liquidità oltre che capace di rispondere alle istanze di tipo imprenditoriale; la necessità di rispondere a queste esigenze attraverso un approccio di sistema, capace di generare, attraverso dinamiche di mercato, nuovi spazi di interazione fra soggetti economici e di valorizzazione del processo migratorio e del capitale umano e finanziario del migrante. IL MODELLO DI RIFERIMENTO Grafico 1: Modello di riferimento individuato per la fase pilota Piattaforma allocazione risparmio migrante Italia Paese di origine Sviluppo di prodotti finanziari per il trasferimento del risparmio Money Transfer Operator rimesse Riduzione costi Banca Commerciale Struttura di Governance Accesso a finanziamenti a medio-lungo termine - partnership IMF 3 IMF 1 IMF 2 CREAZIONE E ALIMENTAZIONE DI UN FONDO DI GARANZIA Il modello raffigurato sarà oggetto di declinazioni diverse all interno dei contesti di riferimento in cui si svilupperanno le piattaforme (Senegal e Ecuador per la fase pilota). Costituisce un livello avanzato di elaborazione, un ipotesi sperimentale, la cui implementazione operativa è aperta al contributo dei soggetti che saranno coinvolti, contribuendo a risolvere eventuali criticità e potenziandone l efficacia, nel rispetto degli obiettivi e delle premesse descritte. Può essere immaginato come evoluzione di schemi più semplici, già in parte frutto della sperimentazione di singoli operatori all interno delle normali dinamiche di mercato, risolvendone alcune problematicità, ampliandone l impatto e consentendo lo sviluppo di strategie diverse per ciascuna fase del processo di accumulazione e allocazione del risparmio del migrante. Il modello non si configura infatti come insieme di rapporti di partnership definiti ex ante fra operatori (a cui aderire), ma come una piattaforma di sistema, all interno della quale gli operatori potranno interagire liberamente sulla base di meccanismi di mercato, definendo accordi, sviluppando prodotti o semplicemente portando prodotti (e partnership) già parte della propria offerta. La piattaforma rappresenta uno spazio di dialogo e di 6

7 negoziazione libero (all interno degli obiettivi che intende perseguire) che, se opportunamente sostenuto e affiancato nelle fasi evolutive, è in grado di esprimere potenzialità maggiori, rispondere ad una pluralità di bisogni finanziari dei migranti, sostenere il processo di inclusione finanziaria e lo sviluppo del sistema finanziario del paese corrispondente, in particolar modo delle IMF. La piattaforma può essere scomposta in livelli differenti: livello 1: riguarda il processo di bancarizzazione che vede le banche italiane in Italia e le IMF/banche cooperative nel paese di origine quali principali attori. Il modello consentirà di accelerare e incrementare il processo di bacarizzazione in entrambi i paesi, ma soprattutto favorirà la diffusione di nuovi prodotti finanziari e il maggiore utilizzo di quelli esistenti; livello 2: riguarda la strutturazione di un sistema di accordi fra intermediari finanziari nel paese di origine (Senegal e Ecuador) che consenta da un lato di interloquire in modo adeguato con il sistema bancario italiano e dall altro garantire alle IMF l accesso a fonti di finanziamento a medio-lungo termine sulla base del flusso di risorse generato dalla piattaforma. In particolare si prevede il coinvolgimento (o la creazione) di una struttura centrale, in grado di riunire e rappresentare le diverse IMF che aderiranno, come soggetto economico unico, accrescendone la rappresentatività. Le stesse IMF/banche cooperative assicureranno la possibilità di raggiungere le famiglie dei migranti e le opportunità di investimento a livello locale; livello 3 prevede la separazione della componente delle rimesse immediatamente destinata a consumo in patria (definita per semplicità rimessa ), che utilizzerà un accordo con uno o più Money Transfer Operator (MTO). È così possibile canalizzare i flussi delle rimesse direttamente alle IMF, garantendo quelle caratteristiche di rapidità e certezza (nei tempi e nei costi) che costituiscono il principale punto di forza degli MTOs. La loro intermediazione, fermo restando la validità di altri canali alternativi che potranno essere portati all interno della piattaforma o sviluppati dai singoli operatori, oltre a garantire un volume adeguato di flussi, canalizzando tutte le rimesse destinate al paese di riferimento (anche da altri paesi in cui è presente il MTO), consente spazi di convenienza anche in termini economici; livello 4, aperto a tutto il sistema bancario italiano, riguarda la realizzazione di accordi e sinergie tra le banche italiane e il sistema bancario nel paese di origine per la trasferibilità del risparmio tra i due paesi e il possibile sviluppo/offerta di prodotti congiunti o collegati. È questo il livello che consentirà di canalizzare quella parte del risparmio dei migranti che attualmente viene parcellizzato e trasferito senza una destinazione immediata e che richiede adeguati strumenti di accumulazione e valorizzazione. Attraverso il dialogo e la collaborazione fra gli istituti di credito, su base autonoma e bilaterale, sarà possibile offrire prodotti finalizzati all accumulo, protezione e valorizzazione del risparmio dei migranti e delle loro famiglie anche in un ottica transnazionale, sostegno e accompagnamento di attività imprenditoriali e creazione di opportunità di investimento su entrambi i paesi. Si realizza qui la possibilità di allocazioni alternative, che possono fare leva su quella parte del risparmio non immediatamente impiegata in consumo, sia attraverso prodotti che già fanno parte dell offerta delle banche coinvolte e sia attraverso la creazione di prodotti nuovi, anche in partnership con i corrispondenti esteri e che potranno essere offerti anche ad altri segmenti di clientela; livello 5: riguarda il contesto istituzionale a sostegno dell implementazione di un modello pilota di sistema, attraverso la costruzione di un consenso e un sostegno alla sua realizzazione sia in Italia che nel paese di origine e che vede oggi già coinvolte diverse istituzioni in entrambi i progetti pilota. Rientrano in questo livello anche le attività di informazione, sensibilizzazione ed educazione delle comunità di riferimento perché la piattaforma possa essere adeguatamente compresa ed utilizzata dagli utenti finali. 7

8 I vari livelli sono inseriti all interno di un approccio che incorpora necessariamente l interazione dei soggetti coinvolti, realizzando gli obiettivi del progetto: sostenere la crescita delle realtà finanziarie rurali e del tessuto sociale in cui operano e adeguare l offerta di prodotti e servizi bancari ai bisogni ancora insoddisfatti dei migranti. È perciò necessario prevedere uno spazio che consenta la costruzione della piattaforma per fasi successive e una sua progressiva evoluzione nel tempo. In questo modo, tutti gli intermediari coinvolti avranno la possibilità di interagire e creare sinergie capaci di generare valore, secondo strategie di volta in volta definite singolarmente. La piattaforma consente infatti un accessibilità differenziata, anche modulare, da parte dei soggetti interessati, con un ampio ventaglio di opportunità che potranno essere colte man mano che il coinvolgimento abbraccerà tutte le sue diverse dinamiche. In uno stadio più avanzato, con differenziazioni legate ai singoli paesi pilota, sarà possibile realizzare strumenti di garanzia a vantaggio diretto degli investimenti e dei progetti imprenditoriali. Pur nella complessità delle relazioni coinvolte, l approccio di sistema garantisce la possibilità di generare importanti economie e processi capaci di superare gli ostacoli che sino ad oggi hanno impedito un adeguata valorizzazione del risparmio dei migranti. FASI PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO PILOTA IN SENEGAL E IN ECUADOR La realizzazione del progetto pilota si sviluppa su due fasi successive che il CeSPi sta coordinando e accompagnando: fase 1: implementazione della struttura del modello attraverso l informazione e il coinvolgimento del sistema bancario italiano e del sistema finanziario del paese di origine, creando una struttura di governance; revisione del modello sulla base delle istanze operative, definendone gli aspetti più operativi e di funzionamento; firma di un protocollo di intesa fra i soggetti coinvolti e Fondazioni4Africa; formalizzazione del sostegno istituzionale; fase 2: avvio dell implementazione delle piattaforme pilota, attraverso la selezione degli altri soggetti (MTOs e banca di riferimento nel paese di origine), sulla base di meccanismi di mercato, attraverso l interazione del sistema bancario italiano, della struttura di governance nel paese di origine e con il supporto del CeSPI e Fondazioni4Africa in quanto coordinatori del processo fase 3: sviluppo del supporto istituzionale in Italia e nei paesi coinvolti, firma di un protocollo di intesa per il sostegno alla creazione della piattaforma e verifica delle possibili sinergie fra la piattaforma e politiche di sostegno a favore dei migranti (verifica possibilità creazione o coinvolgimento di un fondo di garanzia) fase 4: avvio della piattaforma in cui le parti potranno interagire liberamente, definendo su base bilaterale contenuti e condizioni, con modalità di ingresso nella piattaforma anche differenziate e prodotti e servizi da apportare o sviluppare contestualmente verranno realizzate, con il supporto delle Istituzioni coinvolte e degli operatori che volessero contribuire, attività di informazione, sensibilizzazione e alfabetizzazione delle comunità migranti in Italia e delle rispettive comunità di origine nei paesi di destinazione al fine di accrescere la consapevolezza intorno al progetto e alle sue potenzialità. 8

9 Allegato 1 - Processo di consultazione, soggetti interpellati per categoria ESPERTI Internazionali IFAD Inter American Dialogue Nazionali Microfinanza srl. ISTITUZIONI Italia Banca d Italia Associazione Bancaria Italiana SACE Senegal Ministère des PME, de la Microfinance et de l'entreprenariat FémininMinistère des PME, de la Microfinance et de l'entreprenariat Féminin Association Professionnelle des Banques et Établissements Financiers du Sénégal Institut d assistance Sociale aux Travailleurs Sénégalais et Italiens (LASI) Ministero per i Senegalesi all estero (MTSE). BANCHE - ITALIA Grandi dimensioni Gruppo Unicredit Gruppo Intesa San Paolo Gruppo Monte Paschi Siena Gruppo UBI Medie dimensioni Cariparma Banca Popolare di Milano ICCREA Holding Piccole dimensioni BCC Sesto S. Giovanni BANCHE SENEGAL Caisse Nationale de Crédit Agricole du Sénégal CBAO-Attijari Wafa Bank Banque Régionale de Solidarité Société Général de Banques au Sénégal Poste Finance Banque des Institutions Mutualistes d Afrique d Ouest BMAO MTO'S Western Union MoneyGram IMF Italia Per-Micro Etimos Senegal Pamecas Credit Mutuel IMF partner del progetto 9

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

I migranti senegalesi in Italia e le possibilità di canalizzazione delle rimesse verso le mutuelles in Senegal

I migranti senegalesi in Italia e le possibilità di canalizzazione delle rimesse verso le mutuelles in Senegal Executive Summary I migranti senegalesi in Italia e le possibilità di canalizzazione delle rimesse verso le mutuelles in Senegal Anna Ferro, Daniele Frigeri, Andrea Stocchiero Introduzione Presentiamo

Dettagli

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

1. INTRODUZIONE: FINALITÀ DELLO STUDIO

1. INTRODUZIONE: FINALITÀ DELLO STUDIO Working Paper 13 Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal Daniele

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006 ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l finanziaria Roma, 25 ottobre 2006 LA BANCARIZZAZIONE DEI NUOVI ITALIANI Canalizzazione e valorizzazione delle rimesse José

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona

Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona Rimesse e Sviluppo Tendenze, impatto e indicazioni politiche Social integration of Immigrants Convegno di chiusura 9/10 giugno Ancona 1 Uno sguardo d insiemed A livello mondiale, le rimesse dei lavoratori

Dettagli

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze Capitalizzare le esperienze DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 Nel 2007 quattro tra le principali Fondazioni di origine bancaria italiane, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO

DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO Comunicato Stampa DALLE FONDAZIONI 1,5 MILIONI DI EURO PER IL BURKINA FASO Il progetto raccoglie ed estende a nuovi Paesi il know how di Fondazioni4Africa Milano, 2 ottobre 2012. In occasione del suo intervento

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it

Rimesse trasparenti. www.mandasoldiacasa.it Rimesse trasparenti www.mandasoldiacasa.it 9 novembre 2009 QUANTO COSTA INVIARE 150 EURO DALL ITALIA AL MAROCCO? E AL SENEGAL? E IN COLOMBIA? NASCE IL SITO ITALIANO PER LA COMPARAZIONE DEI COSTI DI INVIO

Dettagli

IL FENOMENO DELLE RIMESSE

IL FENOMENO DELLE RIMESSE IL FENOMENO DELLE RIMESSE DALL ITALIA VERSO IL SENEGAL di Daniele Frigeri WP 2 e WP 4 Progetto Su.Pa. Successful Paths. Supporting human and economic capital of migrants marzo 2011 1. Uno sguardo d insieme

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

SOSTENIBILITÀ DEI PARTENARIATI: PRIMA E DOPO F4A

SOSTENIBILITÀ DEI PARTENARIATI: PRIMA E DOPO F4A SOSTENIBILITÀ DEI PARTENARIATI: PRIMA E DOPO F4A A cura di Petra Mezzetti CeSPI OBIETTIVI DELLA GIORNATA a) Validare le osservazioni/criteri/analisi fornite nello studio sui partenariati b) Co-progettare

Dettagli

Modelli per la canalizzazione delle rimesse verso le istituzioni di microfinanza

Modelli per la canalizzazione delle rimesse verso le istituzioni di microfinanza Working Paper n. 6 Modelli per la canalizzazione delle rimesse verso le istituzioni di microfinanza Analisi delle variabili e ipotesi di percorsi in Senegal Daniele Frigeri - Anna Ferro Novembre 2009 INDICE

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo

L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo Promuovere il Co-sviluppo nella Cooperazione Internazionale della Regione Toscana Firenze, 19 aprile 2011 L esperienza del Comune di Milano nel Co-sviluppo Anna Ferro CeSPI Centro Studi Politica Internazionale

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI L ong LVIA ha intrapreso nel 2009, in partenariato con il Comune di Ziniaré, un progetto per la realizzazione di azioni a beneficio dei giovani, che si è concretizzato

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

La Piattaforma EFISIO

La Piattaforma EFISIO Strumenti finanziari e sviluppo urbano sostenibile: dalla finanza di progetto alla finanza di programma La Piattaforma EFISIO INFO DAY ITALIA 14/11/2014 Dimensione urbana e strumen. finanziari nella programmazione

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

Linee Guida per il Business Plan di Rete

Linee Guida per il Business Plan di Rete S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan nei rapporti con il mondo finanziario Linee Guida per il Business Plan di Rete Francesco Aldo De Luca Segretario Commissione Finanza e Controllo

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 SERVIZI NON FINANZIARI A SUPPORTO DELLA CREAZIONE D IMPRESA IN GHANA E SENEGAL DA PARTE DI IMMIGRATI REGOLARMENTE RESIDENTI IN ITALIA Codice di riferimento: MIDA- 01- BDS

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

1. INTRODUZIONE 1.1 Contesto dello studio

1. INTRODUZIONE 1.1 Contesto dello studio 1. INTRODUZIONE 1.1 Contesto dello studio Fondazioni4Africa è un iniziativa realizzata congiuntamente da quattro fondazioni italiane di origine bancaria (Compagnia San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi

Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi Il Programma AMERIGO & Partners Smart City Tour in sintesi 1 1. Sintesi Pensare a Città in cui i servizi pubblici siano di qualità, gli standard di vita migliori, nuove opportunità di lavoro si generino

Dettagli

Associazione Competenze F4A Competenze extra F4A

Associazione Competenze F4A Competenze extra F4A Associazione Competenze F4A Competenze extra F4A AST (1982) Mission (organizzazione interna, rappresentanza comunità) Creazione sessione giovanile, per bando Comunicazione verso decisori Microfinanza Partenariati

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO.

MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. MIO FIGLIO OGGI FESTEGGIA 3 ANNI. DI MATRIMONIO. Il tuo domani è più vicino di quello che pensi. Progettalo già da oggi risparmiando passo dopo passo. L importanza di pianificare già da oggi per essere

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Introduzione Il progetto W.In D. (Women In Development) si inserisce nelle attività previste e finanziate

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

CeSPI Centro Studi di Politica Internazionale

CeSPI Centro Studi di Politica Internazionale CeSPI Centro Studi di Politica Internazionale Strumenti finanziari per una valorizzazione delle rimesse per lo sviluppo a cura di Daniele Frigeri e Anna Ferro STRATEGY PAPER Progetto MIDA Ghana-Senegal

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo

Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo Convegno ABI-CeSPI Migrant banking in Italia. Rimesse degli immigrati e sviluppo Roma, 3 giugno 2004 Sebastiano Ceschi, CeSPI Il settore bancario italiano di fronte alla popolazione migrante Nell ambito

Dettagli

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Finalità sperimentare

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari

Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari SCIENZE COGNITIVE PER UNA REGOLAZIONE EFFICACE Informazione finanziaria e tutela degli investitori nei mercati mobiliari Roma, 20 aprile 2015 La Fondazione per l educazione finanziaria e al Risparmio La

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it BACKGROUND La definizione di una metodologia di studio e l analisi di buone pratiche sull utilizzo delle ICT in ambito regionale

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli