CONFIMI. Rassegna Stampa del 27/10/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFIMI. Rassegna Stampa del 27/10/2014"

Transcript

1 CONFIMI Rassegna Stampa del 27/10/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE CONFIMI 25/10/2014 Prima Pagina - Modena 12 Fatturazione elettronica, ok di Confimi CONFIMI WEB 24/10/2014 agenparl.com 14:10 14 PA: CONFIMI,BENE TOOL UNION CAMERE SU FATTURAZIONE ELETTRONICA, MA OBBLIGO CONSERVAZIONE VA ELIMINATO PER TUTTI 24/10/2014 globalpress.eu 18:07 15 FATTURAZIONE ELETTRONICA PA: CONFIMI, BENE IL TOOL UNIONCAMERE SCENARIO ECONOMIA 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 17 Una spinta all'economia 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 19 Katainen e la Cancelliera I falchi si scoprono mediatori 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 20 «Hanno scatenato la crisi ma ora sono più solide» 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 22 LA DEBOLEZZA DELL'EUROPA AIUTA A TROVARE UNA VIA D'USCITA 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 23 Eni, altri indagati. «Tangenti da 197 milioni»

3 26/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 24 «Ferrovie, più chiarezza» Messori lascia le deleghe 26/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 26 Camusso: pronti allo sciopero generale 26/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 27 Manovra, premio fiscale alla ricerca 27/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 29 Qualcuno È più uguale degli altri 27/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 30 «Con la riforma del lavoro l'italia ce la farà» 27/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale 33 Profumo: «Pronti a qualsiasi operazione» 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 35 La dote di «riserva» 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 37 L'incremento del deficit è 10,4 miliardi 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 40 «Maastricht mai applicato, va rinegoziato» 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 41 Il meglio è nemico di ambiente ed economia 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 42 Fiducia e shopping, Italia in retromarcia 25/10/2014 Il Sole 24 Ore 44 Esclusi gli interventi pubblici* 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 45 Il vero test è la recessione 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 47 Per il credito è l'anno zero 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 49 Draghi non dà consigli di Borsa 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 51 Fari Bce su nove banche italiane 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 53

4 «Ora un'autorità finanziaria europea» 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 55 Per rilanciare il credito potrebbe non bastare 26/10/2014 Il Sole 24 Ore 56 Un'altra strada verso la crescita 27/10/2014 Il Sole 24 Ore 58 Il Monte si affida a Ubs e Citi 27/10/2014 Il Sole 24 Ore 60 L'Ad Viola: penalizzati in Ue valutiamo fusione 27/10/2014 Il Sole 24 Ore 62 La sfida nostra e quella degli altri 27/10/2014 Il Sole 24 Ore 64 «Bilanci rafforzati per 200 miliardi di euro» 25/10/2014 La Repubblica - Nazionale 65 La vera partita è con Berlino 25/10/2014 La Repubblica - Nazionale 66 Stress test, l'ora dei verdetti 25 banche non passeranno a circa dieci serve capitale 25/10/2014 La Repubblica - Nazionale 67 Del Vecchio traccia la rotta per Luxottica "Mia famiglia fuori e io lascerò la guida ai nuovi manager" 26/10/2014 La Repubblica - Nazionale 68 Mezzogiorno di fuoco per le banche in crisi oggi i verdetti della Bce Eurolandia col fiato sospeso 26/10/2014 La Repubblica - Nazionale 69 "E' un passo radicale verso l'unione bancaria stop anche al credit crunch" 26/10/2014 La Repubblica - Nazionale 70 "Così l' 'anarconomy' salverà l'europa" 26/10/2014 La Repubblica - Nazionale 71 Ue, l'italia rischia ancora possibile procedura sugli squilibri economici 27/10/2014 La Repubblica - Nazionale 73 Il tempo degli sconti è ormai finito 27/10/2014 La Repubblica - Nazionale 75 Siena, doccia gelata sulla città sconfitta 27/10/2014 La Repubblica - Nazionale 77 Esame sul rischio crac Bce boccia 25 banche e le italiane sono nove "Ma il sistema è

5 solido" 27/10/2014 La Repubblica - Nazionale 78 "Aiuti miliardari a Spagna e Germania noi paghiamo la debolezza del Paese" 25/10/2014 La Stampa - Nazionale 79 Vendita Sea, Gamberale assolto E Robledo in aula attacca Bruti 25/10/2014 La Stampa - Nazionale 80 Intesa vara il riassetto: al via tre nuovi poli per area di business 25/10/2014 La Stampa - Nazionale 81 Meridiana, salta il negoziato Via alla procedura di mobilità 26/10/2014 La Stampa - Nazionale 82 Parte la lettera all'ue Renzi certo di avere la flessibilità sui conti 26/10/2014 La Stampa - Nazionale 83 "L'Italia ci preoccupa molto ma il boom tedesco è un'illusione" 26/10/2014 La Stampa - Nazionale 85 Banche, ultime mosse prima del verdetto 27/10/2014 La Stampa - Nazionale 87 "Ma fare credito sarà più facile" 27/10/2014 La Stampa - Nazionale 88 "Persino il pubblico impiego ormai ha paura del futuro La pensione? Un'incognita" 27/10/2014 La Stampa - Nazionale 89 "Spese senza controlli Bisogna cambiare testa" 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza 91 QUEL CONFLITTO DI INTERESSI TRA STATO E CONFINDUSTRIA 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza 92 App Economy una rivoluzione da 16 miliardi per le aziende europee 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza 94 Privatizzazioni, il grande freddo 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza 96 Fondi d'investimento la rivoluzione della Borsa 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza 98 Troppa finanza poca economia 27/10/2014 La Repubblica - Affari Finanza Finmeccanica Moretti anno zero 27/10/2014 Corriere Economia 100 Age nda

6 digitale, due anni solo per completare il «log-in» 102

7 27/10/2014 Corriere Economia La strana coppia che dovrà dare fiducia all'italia migliore 27/10/2014 Corriere Economia Effetto stress-test Da oggi riparte il risiko * 25/10/2014 Milano Finanza Perché una bocciatura non minerebbe la solidità del sistema 25/10/2014 Milano Finanza Si volta davvero pagina 25/10/2014 Milano Finanza Dove va la formica italiana 25/10/2014 Milano Finanza Poste accelera sull'ipo. Contratto di programma in corsia preferenziale SCENARIO PMI 25/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale La nuova Fiat vara il «contratto di rete» 26/10/2014 Corriere della Sera - Nazionale se i «partiti deboli» minano il rilancio della produttività 25/10/2014 Il Sole 24 Ore «RaiWay, Ipo possibile entro il 2014» 26/10/2014 Il Sole 24 Ore Cerved diversifica: focus su gestione dei crediti dubbi e business dei rating 26/10/2014 Il Sole 24 Ore Professione scienziato del dato 27/10/2014 Corriere Economia Ho vestito il (futuro) re d'inghilterra 25/10/2014 Milano Finanza L'ULTIMA SETTIMANA

8 CONFIMI 1 articoli

9 25/10/2014 Prima Pagina - Modena Pag. 24 Nei rapporti con la pubblica amministrazione è apprezzato lo strumento di Unioncamere AZIENDE Fatturazione elettronica, ok di Confimi «Ma l'obbligo di conservazione va eliminato per tutti» «Positiva, - commenta Flavio Lorenzin, vice presidente Confimi Impresa con delega alla semplificazione e ai rapporti con la pubblica amministrazione - l'at t ivazione del nuovo servizio di fatturazione elettronica messo a disposizione gratuitamente dal sistema camerale, a favore delle piccole e medie imprese. Anche se in ritardo rispetto allo start del 6 giugno, che però ha riguardato solo i fornitori di alcune amministrazioni (Stato, agenzie ed enti previdenziali), la nuova piattaforma permetterà di affrontare con maggiore serenità lo scoglio del 31 marzo 2015 quando l'obbligo sarà esteso a 360 gradi alle forniture verso qualsiasi pubblica amministrazione (comuni, province, regioni, Asl)». Nuovo servizio Prosegue Lorenzin: «Positivo, in particolare, che il nuovo servizio comprenda, sempre gratuitamente, anche la conservazione sostitutiva eliminando l'i n g i u s t ificata disparità rispetto alle Pmi fornitrici Mepa». Passo avanti» «Si tratta di un importante passo in avanti, in linea con le osservazioni e le richieste formulate da Confimi impresa la scorsa estate; - conclude il vice presidente di Confimi Impresa -. La soluzione riguarda, però, solo le Pmi che emetteranno poche fatture (circa 20), mentre non potrà essere utilizzata dai fornitori che superano i limiti dimensionali delle Pmi. Per questo motivo, quindi, è importante, dal punto di vista normativo, e l i m i n a re " t o u t cour t" l'onere della conservazione sostitutiva in modo che il fornitore sia libero di valutare liberamente se attivare il (complesso) processo di conservazione sostitutiva oppure di stampare e conservare su carta la fattura elettronica. Il solo invio della fattura elettronica nel formato Xlm sarebbe, infatti, più che sufficiente a garantire gli obiettivi di efficientamento della pubblica amministrazione, a prescindere dalla modalità di conservazione del fornitore. Dal punto di vista tecnico, infatti, non ci sono motivi per imporre l'obbligo della conservazione sostitutiva» chiude Lorenzin.

10 CONFIMI WEB 2 articoli

11 24/10/ :10 agenparl.com Sito Web PA: CONFIMI,BENE TOOL UNION CAMERE SU FATTURAZIONE ELETTRONICA, MA OBBLIGO CONSERVAZIONE VA ELIMINATO PER TUTTI pagerank: 5 (AGENPARL) - Roma, 24 ott - "Positiva, - commenta Flavio Lorenzin, Vice Presidente Confimi Impresa con delega alla Semplificazione e ai rapporti con la P.A., - l'attivazione del nuovo servizio di fatturazione elettronica (https://fattura-pa.infocamere.it) messo a disposizione gratuitamente dal sistema camerale, a favore delle piccole e medie imprese. Anche se in ritardo rispetto allo start del 6 giugno, che però ha riguardato solo i fornitori di alcune amministrazioni (Stato, Agenzie ed enti previdenziali), la nuova piattaforma permetterà di affrontare con maggiore serenità lo scoglio del 31 marzo 2015 quando l'obbligo sarà esteso a 360 gradi alle forniture verso qualsiasi pubblica amministrazione (comuni, province, regioni, asl, ecc)." Prosegue Lorenzin: "Positivo, in particolare, che il nuovo servizio comprenda, sempre gratuitamente, anche la conservazione sostitutiva eliminando l'ingiustificata disparità rispetto alle PMI fornitrici MEPA." "Si tratta di un importante passo in avanti, in linea con le osservazioni e le richieste formulate da Confimi impresa la scorsa estate; - conclude il Vice Presidente di Confimi Impresa - "La soluzione riguarda, però, solo le PMI che emetteranno poche fatture PA (circa 20), mentre non potrà essere utilizzata dai fornitori che superano i limiti dimensionali delle PMI. Per questo motivo, quindi, è importante, dal punto di vista normativo, eliminare "tout court" l'onere della conservazione sostitutiva in modo che il fornitore sia libero di valutare liberamente se attivare il (complesso) processo di conservazione sostitutiva oppure di stampare e conservare su carta la fattura elettronica. Il solo invio della fattura elettronica nel formato XLM (D.M. 55/2013) sarebbe, infatti, più che sufficiente a garantire gli obiettivi di efficientamento della PA, a prescindere dalla modalità di conservazione del fornitore. Dal punto di vista tecnico, infatti, non ci sono motivi per imporre l'obbligo della conservazione sostitutiva." CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 27/10/

12 24/10/ :07 globalpress.eu Sito Web FATTURAZIONE ELETTRONICA PA: CONFIMI, BENE IL TOOL UNIONCAMERE ROMA (AGG) - "Positiva l'attivazione del nuovo servizio di fatturazione elettronica (https://fatturapa.infocamere.it) messo a disposizione gratuitamente dal sistema camerale, a favore delle piccole e medie imprese. Anche se in ritardo rispetto allo start del 6 giugno, che però ha riguardato solo i fornitori di alcune amministrazioni (Stato, Agenzie ed enti previdenziali), la nuova piattaforma permetterà di affrontare con maggiore serenità lo scoglio del 31 marzo 2015 quando l'obbligo sarà esteso a 360 gradi alle forniture verso qualsiasi pubblica amministrazione (comuni, province, regioni, asl, ecc)". Ha così commentato Flavio Lorenzin, Vice Presidente Confimi Impresa con delega alla Semplificazione e ai rapporti con la PA. "Positivo, in particolare - sottolinea - che il nuovo servizio comprenda, sempre gratuitamente, anche la conservazione sostitutiva eliminando l'ingiustificata disparità rispetto alle PMI fornitrici MEPA. Si tratta di un importante passo in avanti, in linea con le osservazioni e le richieste formulate da Confimi impresa la scorsa estate - conclude il Vice Presidente di Confimi Impresa - La soluzione riguarda, però, solo le PMI che emetteranno poche fatture PA (circa 20), mentre non potrà essere utilizzata dai fornitori che superano i limiti dimensionali delle PMI. Per questo motivo, quindi, è importante, dal punto di vista normativo, eliminare `tout court` l'onere della conservazione sostitutiva in modo che il fornitore sia libero di valutare liberamente se attivare il (complesso) processo di conservazione sostitutiva oppure di stampare e conservare su carta la fattura elettronica. Il solo invio della fattura elettronica nel formato XLM (D.M. 55/2013) sarebbe, infatti, più che sufficiente a garantire gli obiettivi di efficientamento della PA, a prescindere dalla modalità di conservazione del fornitore. Dal punto di vista tecnico, infatti, non ci sono motivi per imporre l'obbligo della conservazione sostitutiva". CONFIMI WEB - Rassegna Stampa 27/10/

13 SCENARIO ECONOMIA 61 articoli

14 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) Il commento Una spinta all'economia Francesco Daveri domani la Bce renderà pubblici i risultati della valutazione sui bilanci di 130 banche europee. Sarebbe miope pensare che il test conti solo per gli istituti. Conta anche per imprese e famiglie: dai loro radar è scomparso il credito. Ed è solo con banche capitalizzate e con bilanci sicuri che tornerà ad aprirsi il rubinetto del credito. a pagina 30 D opo mesi di lavori preparatori, domani la Banca centrale europea renderà pubblici i risultati della valutazione complessiva dello stato di salute dei bilanci di 130 grandi banche europee, l'82% degli attivi bancari di tutta l'unione. Si avranno così informazioni più precise su quanto valgano davvero i crediti iscritti a bilancio dalle banche e, con i risultati degli stress test, anche quanto questi valori potrebbero scendere in condizioni macroeconomiche e di mercato particolarmente negative. Nelle due settimane successive alla pubblicazione, le banche con capitale insufficiente a sostenere le loro esposizioni dovranno presentare piani per colmare la loro carenza di capitale entro la metà del I risultati degli stress test saranno usati dalla Bce che, dal primo novembre, diventerà il supervisore unico dell'attività bancaria delle grandi banche in Europa. Arriva così finalmente a compimento un passo cruciale del processo di unione bancaria. L'idea di trasferire la supervisione alla Bce deriva da una presa d'atto: negli ultimi anni i bubboni finanziari che hanno messo in ginocchio il sistema bancario spagnolo (poi salvato con i soldi del fondo europeo Salva-Stati) come anche i più recenti scandali del portoghese Banco Espirito Santo e della banca austriaca Hypo Alpe Adria sono usciti dalla opacità dei bilanci bancari a sua volta consentita dalla frammentazione delle regole e delle supervisioni nazionali. Prima di assumere la supervisione, in questi mesi Francoforte ha scritto corposi libri di istruzioni che hanno costretto le banche a intraprendere uno sforzo per uniformare le definizioni dei loro crediti poco liquidabili e di dubbia esigibilità. Uno sforzo che ha già prodotto risultati tangibili. Parlando di ripulitura dei bilanci bancari, molto è già avvenuto nell'ultimo anno. In Italia, già nel 2013 sono cominciate drastiche operazioni di pulizia dei bilanci. Unicredit ha concluso il 2013 con una maxi-perdita da 14 miliardi di euro. Intesa Sanpaolo ha chiuso l'anno con perdite da oltre 4,5 miliardi e con rettifiche di valore per altri 6,8 miliardi. Varie manovre straordinarie hanno interessato anche le altre banche coinvolte dai test della Bce. Domani si saprà per chi queste operazioni sono state sufficienti e a chi sarà richiesto uno sforzo supplementare. Di sicuro le banche di tutta Europa hanno cominciato da tempo a rafforzare il proprio stato patrimoniale in vista di un esame che punta a restituire la fiducia degli investitori internazionali nella solidità del sistema finanziario della Ue. È solo con un recupero di trasparenza dei bilanci bancari che il capitale degli investitori ritornerà a premiare le banche e i banchieri che fanno bene il loro mestiere di reperire fondi e di allocare il credito all'economia, anziché riversarsi a pioggia nel settore bancario nella fondata speranza del prossimo salvataggio pubblico. Sarebbe però miope pensare che il test sui bilanci conti solo per banche e banchieri. Conta anche per imprese e famiglie europee. È dai loro radar che è scomparso il credito in questi anni. Ed è solo con banche finalmente capitalizzate e con bilanci più sicuri che il rubinetto del credito bancario tornerà ad aprirsi per famiglie e imprese. Ma quella di domani è anche una pagina importante per l'europa politica, per riavviare la costruzione di un'europa più multipolare e meno germanocentrica, basata su regole simmetriche e condivise. Solo in un'europa in cui anche le banche tedesche (comprese le pubbliche) possano essere valutate ed eventualmente indotte alla ricapitalizzazione o alla fusione da un supervisore unico si può pensare che i governi nazionali come quello italiano e francese possano accettare di sottoporre i loro bilanci all'approvazione preventiva di Bruxelles. In ballo, da domani, non ci sarà solo il destino delle banche europee, ma un pezzo del futuro dell'unione Europea. 17

15 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 1 (diffusione:619980, tiratura:779916) RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Puoi condividere sui social network le analisi dei nostri editorialisti e commentatori: le trovi su 18

16 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 2 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'analisi Katainen e la Cancelliera I falchi si scoprono mediatori Profilo basso Hollande preferisce rimanere all'ombra della Germania: l'asse con Roma è ai minimi Luigi Offeddu DAL NOSTRO CORRISPONDENTE BRUXELLES Non si è trasformato certo in tortora, o gallina prataiola. Ma alla fine, colui che in tanti dipingono come «falco» si è rivelato un mediatore pragmatico e posato, almeno quanto il suo interlocutore: per ore, ieri, il nordico Jyrki Katainen ha parlato con il «nordico» Pier Carlo Padoan (romano ma di padre torinese, e cresciuto in Canada), finché la soluzione che sembrava introvabile è stata trovata, le cifre che volteggiavano come lucciole nel buio sono tornate sulla terra, e l'euro-litigata con l'italia sulla riduzione del deficit strutturale si è ricomposta in un accordo negoziato. I «capi», Matteo Renzi per il governo italiano e Jean-Claude Juncker per la Commissione europea (testimone ormai in partenza, il suo predecessore José Manuel Barroso), hanno certo fornito le loro idee e apposto il sigillo finale, ma da una posizione in qualche modo defilata. E in questo fatto, si è manifestata un'altra caratteristica che sembra accomunare Katainen e Padoan: il finlandese, nomea da rigorista inflessibile ma tempra di mediatore che sa anche quando riporre l'elmetto, «scherma» Juncker nelle trattative più dure, proprio come Padoan scherma Renzi nelle stesse situazioni. Per ora, è solo un'impressione. Ma basteranno forse poche settimane o pochi mesi, per metterla alla prova. Nel frattempo, i «niente diktat» e le intemerate di Renzi hanno anche fatto da cartine di tornasole per gli «altri», i vari Paesi o le fazioni in cui si raggruppano. La reazione più interessante è forse quella della Francia: colpita anch'essa dalla lettera di richiamo, e solo pochi mesi fa definita come un'alleata sicura di Roma nel segno delle crescita e della comunanza socialista dei due leader, ora mantiene un profilo basso e soprattutto si tiene all'ombra di Angela Merkel: se mai c'è stato, oggi il patto Renzi-Hollande sembra soffrire di pressione bassa. Poi, c'è la sorpresa della Germania. Sempre vista da Roma come un mastino di pronta zanna, non si è smentita tenendo saldamente le posizioni nel dibattito della mattinata, ma alla fine Angela Merkel ha partecipato anche lei alla mediazione con Junker e Barroso per poi riferire a Renzi: «Caro Matteo, ora siete sulla strada giusta e dovete andare avanti». Infine, gli antichi compagni di sventura, cioè di debito pubblico, dell'italia: Spagna, Grecia, Portogallo, Irlanda. Si limitano tutti a osservare dai bordi del campo: in parte sono usciti dalla bufera, non hanno interesse a riattirare l'attenzione su di sé, neanche per amore di un vecchio alleato. RIPRODUZIONE RISERVATA Funzioni A novembre la nuova Commissione Juncker subentrerà alla squadra di Barroso Ha ricevuto il via libera del Parlamento Ue il 22 ottobre: i sì di popolari, socialisti, liberali 19

17 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 9 (diffusione:619980, tiratura:779916) L'intervista «Hanno scatenato la crisi ma ora sono più solide» David de Rothschild: dagli stress test nessuno sconvolgimento Fabio Tamburini MILANO «Non prevedo sconvolgimenti e non andrà così male come qualcuno teme, anche se qualche istituto soffrirà». La previsione sui risultati delle verifiche europee che hanno esaminato la qualità dei bilanci bancari è di David de Rothschild, presidente del gruppo, uno dei pochi banchieri internazionali in un mondo di manager bancari. «Sono controlli necessari», aggiunge, «perché servono banche solide che diano solidità al sistema e che contribuiscano allo sviluppo economico». Nato 72 anni fa a New York ma cresciuto in Francia, sposato con un'italiana, è l'erede della dinastia fondata all'inizio dell'ottocento. In questi giorni è a Milano, perché il gruppo Rothschild lancia anche in Italia le attività nella gestione dei grandi patrimoni. «L'entrata in Italia, dove abbiamo una presenza consolidata nel mergers and acquisitions, è un passo logico. Ci rivolgiamo a famiglie e imprenditori che vogliono preservare la loro ricchezza e lo facciamo grazie all'esperienza, alla visione di lungo termine sui mercati e all'indipendenza». Gli esami alle banche eviteranno una nuova crisi come quella del 2008? «In effetti quella crisi è arrivata dal sistema bancario. Gli asset degli istituti di credito erano cresciuti troppo e i rischi erano troppo grandi e fuori controllo. Oggi le banche sono molto più capitalizzate e il rischio è decisamente inferiore, ma non sono ammesse distrazioni». Non ritiene che la loro attività e la fiscalità nei Paesi dell'unione europea debbano essere armonizzate? «Sì, naturalmente» Verrà fatto? «Non lo so. Il sistema, in fondo, sopravvive ugualmente». Il presidente della Bce sta facendo le scelte giuste? «Sono, lo dico scherzando, un fanatico sostenitore di Mario Draghi. Le sue decisioni vanno nella direzione giusta. Sta resistendo alle pressioni della Germania e lo fa per il bene dell'europa e del sistema bancario». La priorità assoluta al taglio del debito pubblico è un errore? «Tutto subito non funziona. Troppa austerità fa male. Il rischio è creare più disoccupati e più povertà, con effetti drammatici. La scommessa, per l'italia e la Francia, è di avere e realizzare un piano di riforme decennale. Matteo Renzi e il premier francese, Manuel Valls, sono sulla strada giusta. Stanno andando verso un socialismo moderno in cui non cambia molto chi è al governo. La sostanza è che le scelte di fondo rimangano favorevoli al libero mercato. Ed è quanto basta. Sono preparati e determinati, vanno incoraggiati. Certo, sulle riforme, la Germania ha dieci anni di vantaggio». Come può essere favorita la ripresa economica? «Per esempio lanciando programmi d'investimento su larga scala». Con quali finanziamenti? «Anche aumentando un po' il debito». Condivide la proposta di utilizzare eurobond? «L'idea è buona, ma l'argomento è complicato e in Europa manca l'accordo. Sul mercato, invece, c'è una liquidità enorme, disponibile per progetti interessanti». C'è da preoccuparsi per le sbandate delle Borse? «Fare previsioni è sempre molto difficile e, quando si rileggono, sono spesso disattese. Ma oggi mancano alternative e gli investimenti rimarranno sull'azionario». Perché è ottimista? «Le società quotate stanno molto meglio di tre, cinque anni fa e non ci sono segnali di crisi strutturale dei mercati». 20

18 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 9 (diffusione:619980, tiratura:779916) Perché avete nominato Paolo Scaroni, l'ex amministratore delegato Eni, in Rothschild group? «Sono stato diversi anni con lui nel board della banca olandese Abn Amro. E' molto professionale, brillante, sofisticato, con un network di relazioni internazionali nell'energia che pochi hanno. Porterà un contributo importante alle nostre attività internazionali». RIPRODUZIONE RISERVATA Armoniz-zare la fiscalità Ue? Il sistema, in fondo, sopravvive ugualmente 21

19 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 13 (diffusione:619980, tiratura:779916) La Nota LA DEBOLEZZA DELL'EUROPA AIUTA A TROVARE UNA VIA D'USCITA La voce grossa La strategia della voce grossa e l'appoggio del Quirinale aprono una breccia nel partito dell'austerità guidato dalla Germania Massimo Franco Il compromesso, forse, sta prendendo forma. E quando nelle prossime ore il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan, spiegherà per iscritto all'europa come pensa di correggere la legge di Stabilità, il problema potrebbe essere già quasi risolto. Per quanto azzardata, la «strategia della voce grossa» di Matteo Renzi sembra aver funzionato al Consiglio Ue. Il risultato non c'è ancora ma il presidente del Consiglio può tornare in Italia con l'aria del vincitore. Gli avvertimenti della Commissione sull'eccesso di spese rimangono; bilanciati, però, dalla volontà di trovare una via di mezzo tra la correzione dello 0,5 per cento chiesto da Bruxelles e lo 0,1 di Palazzo Chigi. Si parla di un salomonico 0,3, frutto di una trattativa ruvida. Le nazioni nordeuropee continuano a dichiarare che ogni Paese deve rispettare i vincoli imposti dai trattati. Il comandamento, però, è stato indebolito dal «no» esplicito della Francia e da un mezzo arretramento del fronte dell'austerità: almeno nell'immediato. La parola d'ordine della ripresa e della crescita, abbinata a 300 miliardi di euro di investimenti, ha reso lo sfondo diverso dal passato. Le concessioni che il governo starebbe per ottenere sono legate alla realizzazione delle riforme promesse. Padoan pensa probabilmente a questo, quando spera che in Parlamento la legge di Stabilità sia migliorata ma «non ci sia uno stravolgimento». D'altronde, quando ieri gli è stato chiesto se esiste una questione Italia in Europa, il premier ha risposto che «c'è anche una questione Europa in Italia». E il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha offerto di nuovo una sponda a Palazzo Chigi, sostenendo che «è grave ci si accapigli tutti quanti - competenti, meno competenti e per nulla competenti - sullo 0,1 per cento». È stato un invito a riprendere in mano le ragioni dell'integrazione europea, senza sacrificarle sull'altare dei soli numeri. Il tentativo, pare riuscito, è di spostare la discussione dalle questioni tecniche a quelle politiche, perché «le risorse per trovare la soluzione sono ampiamente a portata di mano», ha ribadito Renzi. È in nome di questo primato politico che sono potuti passare in secondo piano il pasticcio del mancato «via libera» della Ragioneria generale dello Stato alla legge di Stabilità; e una certa confusione. Se il risultato sarà quello annunciato ieri, la stessa accusa a Napolitano di avere firmato un testo impresentabile, rivoltagli da FI, va ridimensionata. E la reazione di giovedì del presidente del Consiglio alla lettera della Commissione, apparsa scomposta ed eccessiva, riletta su questo sfondo. «La decisione sarà presa la settimana prossima», insiste il presidente della Commissione uscente José Manuel Barroso: come se nulla fosse ancora deciso sull'italia. «Non si viene qui a prendere lezioni o reprimende», avverte Renzi. Forse, la trattativa non è ancora chiusa. RIPRODUZIONE RISERVATA 22

20 25/10/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 22 (diffusione:619980, tiratura:779916) Eni, altri indagati. «Tangenti da 197 milioni» Due manager chiamano in causa l'ex amministratore delegato Scaroni per i soldi versati a politici algerini L'accusa: «Saipem pagò il ministro dell'energia e un manager petrolifero». Chiesto l'incidente probatorio Luigi Ferrarella MILANO Due indagati ex manager di Saipem puntano il dito contro l'ex amministratore delegato di Eni Paolo Scaroni al punto che la Procura di Milano chiede al giudice delle indagini preliminari di cristallizzare le loro dichiarazioni accusatorie in un «incidente probatorio», cioè in una sorta di anticipazione di un segmento di dibattimento nel quale Pietro Varone e Tullio Orsi potranno essere controinterrogati dai difensori delle altre cinque persone - nonché delle due persone giuridiche Eni e Saipem, pure loro indagate - che anche sulla scorta delle loro parole, oltre che delle rogatorie internazionali, sono accusate dai pm milanesi di corruzione internazionale: e precisamente di aver tra il 2007 e il 2010 fatto pagare alla Saipem 197 milioni di tangenti a politici e burocrati dell'algeria (su conti a Dubai, Libano e Svizzera) per assicurare alla società controllata dal cane a sei zampe contratti petroliferi del valore di 8 miliardi di euro, che alla fine del 2012 avevano fruttato un profitto netto (prima delle imposte) di un miliardo di euro. Assieme a Scaroni (e ovviamente a Orsi e Varone) risultano indagati Alessandro Bernini, direttore finanziario di Saipem sino all'agosto 2008 e poi di Eni sino a dicembre 2012; Antonio Vella, già responsabile Eni per il Nord Africa; Pietro Tali, tra il 2007 e 2012 presidente e amministratore delegato di Saipem; Farid Bedjaoui, il fiduciario algerino (con base a Dubai) dei politici algerini ritenuti corrotti; e il suo braccio destro Samyr Ouraied. Rogatorie condotte non solo in Algeria ma anche in Libano consentono ai pm Fabio De Pasquale, Sergio Spadaro e Isidoro Palma di individuare, come destinatari delle tangenti intermediate da Bedjaoui, l'allora ministro dell'energia algerino, Chekib Kelil; il capo di gabinetto dell'ente petrolifero statale algerino (Sonatrach), Rèda Hemce, al quale viene ricondotto ad esempio un conto con 1,7 milioni di dollari sulla Banque Privée Edmond Rothschild di Ginevra; e un soggetto qualificato dai pm come «faccendiere» per conto sempre dell'entourage del ministro, Omar Habour, di cui a Beirut è stato afferrato il filo di un conto da 34,3 milioni di dollari presso la Banca Audi Saradar. I pm stilano per la prima volta una formale imputazione di corruzione internazionale contro Scaroni, di cui vengono evidenziati gli «incontri informali» organizzati da Tali e Varone, grazie all'intermediazione di Bedjaoui, «a Parigi e Vienna con il ministro dell'energia»; e sempre delle tangenti si sarebbe discusso anche in altri «incontri riservati all'hotel Bulgari di Milano» con Bedjaoui, Bernini, Varone e Orsi. In questa inchiesta sulle tangenti Saipem in Algeria non è indagato l'attuale amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, che invece lo è nell'altra indagine aperta su tangenti Eni a politici della Nigeria. Giuseppe Guastella RIPRODUZIONE RISERVATA 8 Miliardi Il valore dei contratti L'ex L'ex amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, è anche indagato nell'ambito dell'inchiesta per corruzione internazionale su una presunta maxi tangente per l'acquisto della concessione di un giacimento in Nigeria 23

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa.

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. FONDO ITALIANO Di Claudia Di Pasquale MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. DAL TG1 del 15/11/2010 Presentato oggi

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

La via italiana all emersione dei capitali

La via italiana all emersione dei capitali La via italiana all emersione dei capitali Marco Causi La Commissione finanze di Montecitorio ha approvato il testo di una legge che introduce una procedura per regolarizzare i capitali nascosti detenuti

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO

CONFCOMMERCIO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO CONFCOMMERCIO FISCALITÀ E PMI: UN FISCO SOSTENIBILE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Genova, 18 maggio 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Grazie dottor Paternostro.

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati

INDICE ANCI PDF. 29/10/2008 Il Sole 24 Ore Difesa coordinata tra i sindaci sui titoli derivati ANCI PDF 29/10/2008 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA

PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 839 PIANO JUNCKER: ECCO COSA PENSA LA STAMPA ESTERA 28 novembre 2014 EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea

I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea SPEECH/03/548 Romano Prodi Presidente della Commissione europea I servizi finanziari nel futuro dell'unione Europea Dopo l'allargamento: conferenza sui servizi finanziari nel mercato allargato dell'unione

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato

Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato 150 idee per il libero mercato Politica, sindacati e Fiat: un rapporto antiquato di Andrea Giuricin Il futuro dello stabilimento di Termini Imerese è al centro del dialogo tra sindacati, Fiat e governo.

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa

Studio Corno commercialisti, legali e consulenti internazionali CIS Italia centro studi impresa RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 27 ottobre 2014 RASSEGNA STAMPA Diritto e fisco: CONTENZIOSO; SOCIETA ; Economia: BANCHE; Non

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 26.03.2015. Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti

RASSEGNA STAMPA. Giovedì, 26.03.2015. Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti RASSEGNA STAMPA Giovedì, 26.03.2015 Il Sole 24 Ore 1 Stretta sulle stazioni appaltanti Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Statali via libera ai licenziamenti. Cambiano i concorsi 2 La sforbiciata delle partecipate

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Il futuro delle banche Martedì 23 Novembre 2010 00:00. di Ilvio Pannullo

Il futuro delle banche Martedì 23 Novembre 2010 00:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Ci sono forse dei problemi nel sistema bancario italiano? Se si, quali problemi? A sentire gli stessi uomini che erano in sella quando la macchina della finanza rischiava di travolgere

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico

La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico IP/97/507 Bruxelles, 10 giugno 1997 La Commissione pubblica un Libro verde sulle pensioni integrative nel mercato unico La Commissione ha approvato oggi il testo del Libro verde sui regimi pensionistici

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero Per la disoccupazione pronto intervento choc

Notiziario. Il Messaggero Per la disoccupazione pronto intervento choc Notiziario Giugno 2013 Università Il Tempo Fra test e punteggi università nel pallone Il Mondo Studiare è una bella IMPRESA Lavoro Il Messaggero Per la disoccupazione pronto intervento choc Il Fatto Quotidiano

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio. (presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.3.2005 COM(2005) 82 definitivo LIBRO VERDE sul diritto applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio (presentato dalla Commissione) {SEC(2005)

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA

MANOVRA ECONOMICA 2011 LE PRINCIPALI NOVITA UNA PRIMA LETTURA DEL CONTENUTO DEL DECRETO La manovra economica prevede il pareggio di bilancio nel 2014. Il decreto, concordato con l Europa, corregge i conti pubblici per circa 48 miliardi e di questi

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Alla cortese attenzione dei componenti PERMANENTE DAP 2015 CONSIDERAZIONI DI CONFPROFESSIONI UMBRIA

Alla cortese attenzione dei componenti PERMANENTE DAP 2015 CONSIDERAZIONI DI CONFPROFESSIONI UMBRIA Spett.le CONSIGLIO REGIONALE REGIONE UMBRIA Alla cortese attenzione dei componenti PRIMA COMMISSIONE PERMANENTE Audizione del 19 febbraio 2015 DAP 2015 CONSIDERAZIONI DI CONFPROFESSIONI UMBRIA Dalla lettura

Dettagli

06.07.11. Italia, luglio 2011

06.07.11. Italia, luglio 2011 Italia, luglio 2011 0. PREMESSA. Pareggio di bilancio e patto sui contratti di lavoro, decisi la settimana scorsa, a poche ore di distanza l uno dall altro, danno l idea di un Italia che, come sempre nei

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Ragioniere Commercialista Revisore Contabile

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Ragioniere Commercialista Revisore Contabile A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Circolare Premessa: Come già anticipato nella precedente circolare, il Governo ha dovuto varare una ulteriore manovra economica, resa necessaria dalla grave crisi finanziaria

Dettagli

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13)

ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA. del 25 marzo 2015. sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) IT ECB-PUBLIC PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 marzo 2015 sulla riforma delle banche popolari (CON/2015/13) Introduzione e base giuridica Il 20 febbraio 2015 la Banca centrale europea (BCE) ha

Dettagli

In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza

In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza In arrivo le nuove misure previste dalla Legge di Stabilità: dalle tasse sulla casa alla sicurezza Cambia ancora la legge di Stabilità. A un passo dal traguardo, durante l esame in aula alla Camera, il

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015

Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Trascrizione dell intervento del presidente Boeri all Assemblea Generale di Unindustria Treviso del 10 ottobre 2015 Mi faccia dire innanzitutto, che è davvero molto bello entrare in questa gigantesca tensostruttura

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016 La legge di stabilità 2016 26 ottobre 2015 Presentazione a cura del Senatore Giorgio Santini www.giorgiosantini.it giorgio.santini@senato.it 1. Introduzione Il contesto macroeconomico - stima aumento PIL

Dettagli

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca INTERVISTA L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca Gabriele Catania 10 novembre 2011 L apprendistato è una delle forze dell'economia tedesca, spiega a Linkiesta Klaus F. Zimmermann, uno dei

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci

IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci IL DEPOSITO Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO Invece sulla questione dei rigassificatori non c è dubbio che dovremmo averne qualcuno e qui c è una storia che è proprio tutta italica. da A

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007

RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 RINNOVO DEL CCNL PER L INDUSTRIA METALMECCANICA APERTURA DELLA TRATTATIVA DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE MASSIMO CALEARO Roma, 20 giugno 2007 Il 1 giugno abbiamo ricevuto la Vostra piattaforma per il rinnovo

Dettagli

Sintesi del ddl n. 1813, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. (a cura dell Ufficio Stampa del Gruppo PD)

Sintesi del ddl n. 1813, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. (a cura dell Ufficio Stampa del Gruppo PD) Sintesi del ddl n. 1813, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti. (a cura dell Ufficio Stampa del Gruppo PD) IL DL INVESTMENT COMPACT ( CD BANCHE POPOLARI) IN PILLOLE Dall'obbligo

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale \ Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Credito alle imprese e alle famiglie: ancora in calo i finanziamenti Abi: prorogata la scadenza relativa alla sospensione di mutui alle PMI Commissione

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio

Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio In collaborazione con Fattori critici di successo delle PMI italiane e rafforzamento del capitale proprio Sebastiano Di Diego e Fabrizio Micozzi Corporate finance advisory and strategy consulting. 1. Il

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli