Missione imprenditoriale Piccola Industria -Confindustria: Algeri, novembre Per conto di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Missione imprenditoriale Piccola Industria -Confindustria: Algeri, 19-21 novembre 2013. Per conto di"

Transcript

1 Missione imprenditoriale Piccola Industria -Confindustria: Algeri, novembre 2013 Per conto di

2 INDICE DATI GENERALI PANORAMA POLITICO 1. POLITICA INTERNA. P.5 PANORAMA ECONOMICO 2. QUADRO ECONOMICO P La politica economica P La bilancia commerciale.. P.8 3. IL SISTEMA BANCARIO..... P RISCHIO PAESE indicatori SACE.. P Country risk map-sace.... P RAPPORTI DIPLOMATICI.... P SOLUZIONI SOCIETARIE P RAPPORTI CON L ITALIA.. P Scambi commerciali. P Accordi di cooperazione e sviluppo.. P.19 2

3 8. ACCORDI EUROMEDITERRANEI Free Zone.. P SETTORI DELLA MISSIONE DI NOVEMBRE P Settore pesca: cantieristica e attrezzature. P Costruzioni e filiera..... P Industria meccanica e macchinari utensili. -. P INVESTIRE IN ALGERIA: VANTAGGI E OPPORTUNITA PER LE IMPRESE ITALIANE... P Caratteristiche di mercato e tassi di crescita. P Investimenti pubblici..... P Disponibilità delle materie prime.. P Vicinanza geografica e rapporti con l Italia.... P Sostegno all investimento e agevolazioni fiscali. P Finanziamenti Italiani... P.35 CONCLUSIONI 11. VANTAGGI E OPPORTUNITA IN SINTESI. P.37 3

4 DATI GENERALI Nome Completo: Repubblica Democratica Popolare di Algeria Continente : Africa Capitale: Algeri - circa 5 milioni di abitanti Confini: Tunisia, Libia, Niger, Sahara Occidentale (territorio conteso) Mauritania, Mali, Marocco. Superficie: kmq Abitanti: circa 38 milioni Densità: 14 ab. per km2 Forma di Governo: Repubblica Presidenziale Capo di Stato: Abdelaziz Bouteflika dal Lingue Ufficiali: Arabo o dialetti berberi. Il Francese è la seconda lingua parlata dalla maggior parte della popolazione. Religione: Musulmana sunnita (99%); cristiana ed ebraica (1%) Moneta: Dinaro Algerino (1 Euro = Dinaro Algerino) Risorse Naturali: Petrolio, gas naturale; ferro, fosfati, uranio, piombo, zinco. 4

5 PANORAMA POLITICO 1. POLITICA INTERNA L'Algeria è uno dei paesi che ha risentito solo in minima parte dall'ondata di proteste popolari iniziate nel 2011 tra il Maghreb ed il Medio Oriente. Il Presidente della Repubblica, Abdelaziz Bouteflika, è al potere dal 1999 e vedrà finire il suo terzo mandato nella primavera del I prossimi mesi saranno decisivi per la riforma della Costituzione, che deve ridisegnare il quadro istituzionale per garantire stabilità dal prossimo mandato presidenziale. Gli scenari per le prossime elezioni presidenziali non sono ancora definiti, ma la strategia delle ultime elezioni ha registrato un rafforzamento della coalizione di Governo ed un indebolimento dei partiti di ispirazione islamica. I primi mesi di Governo sono stati caratterizzati da un atteggiamento pragmatico e dall'adozione di misure concrete per il miglioramento dei servizi pubblici e la semplificazione della burocrazia. L agenda politica è condizionata anche dalla riforma nel settore dell energia, infatti per la fine dell anno si attende la riforma della legge sugli idrocarburi che prevede sia incentivi per i settori offshore e unconventional, che investimenti nel settore delle energie rinnovabili. 5

6 PANORAMA ECONOMICO 2. QUADRO ECONOMICO L Algeria appare un paese solido caratterizzato da una crescita economica interessante soprattutto in termini finanziari. A partire degli anni 80 l'algeria ha avviato un processo di liberalizzazione economica che favorosce le privatizzazioni e gli investimenti stranieri. Nel 2012 il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 10,2% e dovrebbe discendere al 9,8% alla fine del 2013, livello che pone l Algeria in linea con i dati dei Paesi europei. Il PIL dell'algeria è stato nel 2012 di 164,49 miliardi di, con un tasso di crescita reale del 2,4%. Il PIL pro-capite a parità di potere d acquisto è passato da 8443 USD del 2011 a 8612 USD nel L Algeria ha una produzione media annua di gas pari a 76,5 milioni di tonnellate di petrolio e riserve per 4,5 triliardi di metri cubi, è nucleo nevralgico nella produzione e distribuzione di GNL (Gas Naturale Liquefatto) ed è uno dei più grandi centri mondiali del comparto gasiero. Per quanto la raffinazione del petrolio e la liquefazione del gas naturale sono la base dell'industria nazionale, importante è anche la lavorazione dei fosfati e dei minerali del ferro. Le principali attività industriali dell Algeria vertono intorno ad alcuni macro settori: siderurgico, chimico, edile. Oltre ai pregiati lavori di oreficeria, ceramiche e tappeti dell artigianato, consistenti sono anche le produzioni di pasta da carta, tessili e prodotti alimentari. La Pubblica Amministrazione incide sul PIL per il 9,0%. 6

7 INDICATORI MACROECONOMICI Indicatore PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 3,4 2,4 2,4 3,5 Popolazione (mln) 36 36,3 37,1 37,8 PIL pro-capite a parità di potere d'acquisto Disoccupazione (%) ,2 9,8 Debito pubblico (% PIL) 9,2 8,4 8,1 9,2 Inflazione (%) 3,9 4,5 8,8 3,5 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) 1,7 0,8 6,4-2,7 Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU e IMF Ad oggi l obiettivo principale rimane l ammodernamento del sistema produttivo ed industriale tramite investimenti di capitale e trasferimento di know how, tema del progetto Crescere Insieme. 2.1 La politica economica Nel gennaio 2013 è stata approvata una modifica alla legge sugli idrocarburi, che ha introdotto un regime fiscale più vantaggioso per gli investitori stranieri; per il rilancio dell'edilizia e per il sostegno delle piccole e medie imprese sono stati stanziati 60mld di Dollari. Con l aggiunta di altri 2 programmi (uno destinato al sud del paese e l altro alle regioni degli Altipiani) l investimento è cresciuto fino a 160 mld di USD. A seguito delle elezioni presidenziali previste nel 2014, la politica economica non dovrebbe subire grandi cambiamenti. 7

8 Il Piano quinquennale avviato nel 2010 prevede investimenti pubblici per 280mld USD anche nel settore autostradale e delle infrastrutture pertanto si prevede l apertura di gare per l'autostrada degli Altopiani e i principali collegamenti tra i porti del Paese e l'autostrada est-ovest. 2.2 La bilancia commerciale Negli ultimi anni l Algeria ha raggiunto un interscambio commerciale pari a 99,8 miliardi di euro, con un incremento notevole rispetto all anno precedente, pari al 23,8% e chiudendo il 2011 con un saldo positivo di 21,7 miliardi di euro. Le esportazioni hanno raggiunto un totale di 60,7 miliardi di euro, con un aumento del 28,8% rispetto al Gli idrocarburi continuano a rappresentare la quasi totalità delle esportazioni, il 97,2%. In merito agli altri prodotti esportati, il settore più consistente si è riconfermato quello dei prodotti chimici con un valore di 1,76 miliardi di, seguito dai semilavorati con un valore di 1,3 miliardi di dollari e infine i prodotti alimentari con 232,96 milioni di. Le importazioni Algerine hanno registrato un impennata tra il 2010 e il 2011 crescendo del 14,23 %, dopo essere passate da 32,23 a 36,81 miliardi di dollari. Il peso maggiore continua ad essere rappresentato dai beni strumentali industriali (attrezzature, veicoli, macchinari, apparecchiature e pezzi di ricambio di differente tipologia), per un ammontare totale di 5,60 miliardi di pari al 15,32% del totale delle importazioni. Seguono i prodotti della metallurgia con 4,25 miliardi di (11,62% del totale), i prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura con un ammontare di 4,12 miliardi di ed i prodotti alimentari con 4,06 miliardi di (11,10% del totale). Nel 2012, l eccedenza commerciale dell Algeria ha registrato il suo livello più alto con 21,04 miliardi di euro, rispetto ai 20,25 miliardi di euro del 2011 e i 12,84 miliardi di euro del 2010, grazie al rialzo dei prezzi del petrolio. I Paesi dell Unione europea continuano ad essere i principali partner commerciali dell Algeria, con il 52,1% delle importazioni (20,3 miliardi di euro, +18,9% rispetto al 2010) e il 50,8% delle esportazioni (30,8 miliardi di euro, +33,2% rispetto al 2010). 8

9 Gli Stati Uniti si confermano il primo singolo cliente dell'algeria, con una quota del 20,4%, l'italia è seconda con il 14,2%, seguono la Spagna (9,8% del totale) e la Francia (8,9%). Principale fornitore dell'algeria è la Francia (15,1% del totale delle importazioni), seguita dall'italia (9,9%), dalla Cina (9,8%) e dalla Spagna (7,3%). BILANCIA COMMERCIALE Export 2010 (mln ) 2011 (mln ) 2012 (mln ) Previsioni di crescita 2013 (%) Totale nd nd Previsioni di crescita 2014 (%) PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln ) 2012 (mln ) USA 11,814 9,248 ITALIA 8,31 8,957 SPAGNA 5,695 5,862 Merci (mln ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura nd 27,77 nd Prodotti delle miniere e delle cave nd nd Prodotti alimentari nd 232,97 nd Bevande nd 21,86 nd Prodotti tessili nd 0,74 nd Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili nd 24,54 nd Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in nd 5,57 nd paglia e materiali da intreccio Carta e prodotti in carta nd 2,63 nd Coke e prodotti derivati dalla raffinazione del petrolio nd 11,27 nd Prodotti chimici nd 1,768 nd Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici nd 0,73 nd Articoli in gomma e materiale plastiche nd 15,29 nd 9

10 Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi nd 29,14 nd Prodotti della metallurgia nd 67,96 nd Prodotti i metallo, esclusi macchinari e attrezzature nd 2,25 nd Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi nd 3,25 nd elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso nd 2,05 nd domestico non elettriche Macchinari e apparecchiature nd 9,24 nd Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e nd 0,1 nd materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) Prodotti delle altre industrie manufatturiere nd 0,41 nd Altri prodotti e attività nd 23,95 nd Fonte: Ambasciata d'italia BILANCIA COMMERCIALE Import 2010 (mln ) 2011 (mln ) 2012 (mln ) Previsioni di crescita 2013 (%) Totale nd nd PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln ) Previsioni di crescita 2014 (%) 2012 (mln ) FRANCIA CINA ITALIA Merci (mln ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura nd 4120 nd Prodotti delle miniere e delle cave nd 144,05 nd Prodotti alimentari nd 4054 nd Bevande nd 45,59 nd 10

11 Prodotti tessili nd 178,17 nd Articoli di abbigliamento (anche in pelle e pelliccia) nd 287,66 nd Articoli in pelle( escluso abbigliamento) e simili nd 157,24 nd Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia nd 113,63 nd e materiali da intreccio Carta e prodotti in carta nd 583,47 nd Coke e prodotti derivati dalla raffinazione del petrolio nd 568,26 nd Prodotti chimici nd 2,51 nd Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici nd 786,4 nd Articoli in gomma e materiale plastiche nd 2384 nd Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi nd 1600 nd Prodotti della metallurgia nd 759,68 nd Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature nd 613,58 nd Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi nd 4257 nd elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico nd 1089 nd non elettriche Macchinari e apparecchiature nd 1786 nd Macchinari e apparecchiature nd 1948 nd Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi nd 5609 nd Fonte: Ambasciata d'italia SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Indicatore Saldo commerciale (Exp.-Imp.) (mln. ) Saldo dei Servizi (mln. ) Saldo dei Redditi (mln. ) Saldo dei Trasferimenti correnti (mln. ) Saldo delle partite correnti (mln. ) Riserve internazionali (mln. ) Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU 11

12 INVESTIMENTI STOCK Stock di investimenti diretti esteri del paese ALGERIA (Outward) Total (% PIL) 1,03 1,17 nd nd Totale (mln e var. %) mln mln nd% nd% Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia e ICE su dati UNCTAD, Eurostat, EIU Stock di investimenti diretti esteri del paese ALGERIA (Inward) Total (% PIL) 12,11 11,7 nd nd Totale (mln e var. %) mln mln nd% nd% Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia e ICE su dati UNCTAD, Eurostat, EIU INVESTIMENTI FLUSSI Flussi di investimenti diretti esteri in uscita dal paese ALGERIA Total (% PIL) -0,1-0,1-0,1-0,1 Totale (mln e var. %) 166 mln 384 mln 195% 195% ITALIA mln mln Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU Flussi di investimenti diretti esteri in ingresso nel paese ALGERIA Total (% PIL) 1,4 1,3 nd nd Totale (mln e var. %) mln mln nd% nd% ITALIA Fonte: elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU 12

13 3. IL SISTEMA BANCARIO Il sistema bancario algerino è caratterizzato da un legame diretto con le aziende pubbliche, in funzione delle quali le banche sviluppavano le proprie attività. Nel susseguirsi degli anni si è sviluppato un processo di privatizzazione bancario; attualmente le banche private sono circa una quindicina mentre quelle statali sono 6 e gli istituti stranieri sono circa 15. La struttura bancaria rimane maggiormente a partecipazione pubblica, che detiene l 85% degli asset complessivi e i tre principali istituti bancari, Banque Nationale d Algerie, Banque Extèrieure d Algerie e Credit Populaire d Algerie, detengono la predominante quota di mercato. La Banca Centrale Algerina ha il compito di supervisionare il sistema bancario e monitorare le possibili cause di criticità. Il sistema bancario tende a restringere la concessione dei prestiti, elevandone i limiti all erogazione a parte per i progetti relativi all estrazione e produzione di idrocarburi, tuttavia le banche generano profitti e detengono un buon livello di capitalizzazione e liquidità. Tutto questo grazie anche ad un processo di riforme iniziato dalla prima metà degli anni novanta che ha l obbiettivo di rafforzare e modernizzare l economia, in particolare sul settore bancario: avvio del processo di privatizzazione delle banche pubbliche; riforma del quadro legislativo: le leggi del 1990 e del 2003 (Loi Monnais et crédit) hanno aperto il settore all ingresso di operatori internazionali, rafforzato le funzioni di vigilanza e supervisione della Banca Centrale e consolidato la collaborazione tra le Autorità monetarie e finanziarie; ottimizzazione della governance delle banche pubbliche, investendo i consigli di amministrazione di un ruolo più incisivo nella gestione e nel controllo, e creando un comitato di audit presso ciascun consiglio di amministrazione; 13

14 da febbraio 2006, implementazione di un moderno sistema dei pagamenti (ARTS Algeria Real Time Settlements), per importi superiori a un milione di dinari, che permette l integrazione del mercato monetario. I gruppi bancari Italiani presenti in Algeria sono Monte Paschi di Siena, dal 2003, con ufficio di rappresentanza ad Algeri, e il Gruppo BNP Paribas, di cui BNL fa parte, che è presente con la sussidiaria BNP Paribas el Djazir e che, con ventisette filiali, copre le principali città algerine ed è in grado di assistere le aziende italiane interessate ad investire all estero. Il gruppo BNP Paribas-BNL ha avviato due importanti iniziative: BNP Paribas El Djazir e BNL per contribuire allo sviluppo degli scambi commerciali tra Algeria ed Italia ed assistere gli investitori italiani interessati a stabilirsi o ad incrementare la loro presenza in Algeria hanno deciso di unire le loro competenze al servizio delle imprese italiane istituendo un ITALIAN DESK all interno delle filiali di BNP Paribas El Djazir. Le imprese italiane che potranno usufruire del desk ammontano a circa 130 con un coinvolgimento di 4200 operatori italiani e 1600 operatori algerini. Tramite l Italian Desk le imprese italiane avranno pieno accesso ad una piattaforma completa di prodotti e servizi bancari locali ed internazionali e di soluzioni di investimento e finanziarie, tra i quali: Cash Management, Trade Finance, Finanziamenti breve termine, Finanziamenti medio lungo termine, Leasing, Finanza strutturata, Project finance, Asset management. BNL Gruppo BNP Paribas e SIMEST, Società Italiana per le Imprese all Estero, hanno sottoscritto un intesa per supportare congiuntamente, attraverso le rispettive strutture, i processi di internazionalizzazione delle aziende italiane all estero. SIMEST promuove l internazionalizzazione delle imprese sottoscrivendo fino al 49% del capitale delle società estere partecipate da imprese italiane, gestisce il fondo pubblico di Venture Capital e fornisce alle aziende consulenza e assistenza dall avvio alla realizzazione degli investimenti all estero. L accordo consente quindi alle imprese italiane impegnate in progetti di investimento e iniziative di radicamento nei mercati extra-ue di beneficiare 14

15 di un offerta specializzata e personalizzata in quelle aree dove BNL opera con proprie strutture e professionisti dedicati. 4. RISCHIO PAESE indicatori SACE Tra i rischi economici va sottolineata la forte dipendenza dal settore Oil & Gas, con un forte legame dal prezzo di tali beni, che rappresentano il 97% delle esportazioni e il 60% delle entrate fiscali. La sua bilancia dei pagamenti appunta un forte avanzo, ma l'economia è molto dipendente dagli scambi con i Paesi dell'unione Europea. L'economia algerina ha risentito solo in parte della crisi internazionale ed il suo tasso di inflazione è raddoppiato dal 4,5% del 2011al 8,8% del 2012, ma per l'anno 2013 si prevede una diminuzione del 3,5%. Le incertezze politiche sono da attribuire principalmente alle elezioni presidenziali del 2014, considerando che Bouteflik è al potere dal 1999, e tale cambio al vertice poterebbe creare tensioni (soprattutto in termini di minaccia terroristica, come confermato da recenti attentati) generando anche turbolenze regionali. Per ultimo, i rischi operativi sono direttamente collegati al Paese che ha una struttura istituzionale fortemente centralizzata, con procedure amministrative in alcuni casi molto caotiche e un quadro normativo complesso e in costante evoluzione. 4.1 Country risk map-sace ALGERIA Rating Banca: 49/100 Rating grande impresa: 61/100 Rating PMI: 71/100 Rating controparte sovrana: 40/100 Rating Guerra e disordini civili: 74/100 Rating esproprio e nazionalizzazione:70/100 Rating trasferimento e convertibilità: 39/100 Info paese: -Categoria OCSE (grado di rischiosità): 3/7 -Categoria Consensus (Definisce i termini massimi di dilazione di pagamento per le operazioni di credito all esportazione con dilazione di pagamento di due anni e oltre. Categoria 1: il termine di ripagamento massimo è 5 anni (con possibile estensione a 8,5 anni).categoria 2: il termine di ripagamento massimo è di 10 anni): 2 15

16 Analisi (Country Risk) dei paesi del Maghreb: LIBIA MAROCCO TUNISIA Rating Banca:81 /100 Rating grande impresa: 91/100 Rating PMI: 99/100 Rating controparte sovrana: 50/100 Rating Guerra e disordini civili: 83/100 Rating esproprio e nazionalizzazione:80/100 Rating trasferimento e convertibilità: 51/100 Info paese: -Categoria OCSE: 7/7 -Categoria CONSENSUS: 2 Rating Banca:61 /100 Rating grande impresa: 69/100 Rating PMI: 71/100 Rating controparte sovrana: 40/100 Rating Guerra e disordini civili: 59/100 Rating esproprio e nazionalizzazione:56/100 Rating trasferimento e convertibilità: 51/100 Info paese: -Categoria OCSE: 3/7 -Categoria CONSENSUS: 2 Rating Banca: 75/100 Rating grande impresa: 81/100 Rating PMI: 81/100 Rating controparte sovrana: 50/100 Rating Guerra e disordini civili: 65/100 Rating esproprio e nazionalizzazione:54/100 Rating trasferimento e convertibilità: 69/100 Info paese: -Categoria OCSE: 4/7 -Categoria CONSENSUS: 2 16

17 5. RAPPORTI DIPLOMATICI Crocevia di popoli, l Algeria ha relazioni diplomatiche con più di 100 Paesi stranieri ed ospita oltre 90 sedi diplomatiche ad Algeri. A partire dalla sua ascesa al potere nel 1999, il presidente Bouteflika ha lavorato per estendere l influenza internazionale dell Algeria, diventando il primo presidente algerino a visitare la Casa Bianca in 16 anni. Con le sue numerose visite ufficiali ha toccato gran parte delle nazioni europee, visitando Italia, Spagna, Germani, Francia ed altre. L Algeria ha inoltre ottimi rapporti con la Tunisia e la Libia, suoi vicini del Maghreb, e con il Mali ed il Niger, vicini subsahariani. L Algeria è stata una forte sostenitrice dei diritti del popolo palestinese, chiedendo pubblicamente la fine delle violenze nei territori disputati. Rilevante è inoltre l azione algerina in ambito ONU, nel Movimento dei Paesi Non Allineati e nel Gruppo dei 77 (del quale l Algeria ha avuto la Presidenza per il 2012). 17

18 6. SOLUZIONI SOCIETARIE Esistono diverse soluzioni societarie. La più utilizzata è la società a responsabilità limitata che ha un costo contenuto con la possibilità di associare partner locali e di limitare i rischi di capitale. La società in accomandita per azioni può essere consigliabile per chi intende semplificare al massimo i problemi di contabilità, purché possa fare pieno affidamento sul socio algerino. Tipo di società Società a Responsabilità Limitata (SARLEURL) Società per azioni (SPA minimo 7 azionisti) Società a Nome Collettivo (SNC) Società in accomandita per azioni Capitale minimo 100 mila dinari (1090 dinari) 1 milione di dinari ( euro) Responsabilità dei soci Limitata all'ammontare della partecipazione Limitata all'ammontare della partecipazione Diritto di registrazione 10 mila dinari (109 euro) 10 mila dinari (109 euro) Non previsto Responsabilità solidale e indefinita dinari per spese istruzione pratica Non previsto La responsabilità dell'accomandatario è indefinita e solidale. La responsabilità dell'accomandante è limitata all'ammontare dell'apporto Pubblicazione dei conti Si Si No No 18

19 7. RAPPORTI CON L ITALIA 7.1 Scambi commerciali Nel 2012, l export italiano ha registrato un'evoluzione del 25% mantenendo un importante posizionamento sul mercato algerino. Nonostante il forte incremento dell'export, si registra ancora il saldo negativo per l'italia nella bilancia commerciale dovuto alla forte domanda di idrocarburi, prevalentemente di gas, con il relativo aumento dei prezzi. Il 22,5% delle esportazioni italiane verso l Algeria riguardano i prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio che sono aumentate passando dai 324,73 milioni di Euro del 2011 agli 848,46 milioni di Euro del Al secondo posto ci sono i macchinari e le apparecchiature che ammontano complessivamente a 828,56 milioni di Euro. Le importazioni italiane dall'algeria nel 2012, hanno registrato un aumento del 7,8% rispetto al La quasi totalità delle esportazioni algerine verso l'italia riguardano il settore energetico. Nel 2011 sono state censite imprese italiane esportatrici verso l'algeria (+5% rispetto al 2010) e 160 imprese italiane insediate in Algeria. 7.2 Accordi di cooperazione e sviluppo Nel 2007 ad Alghero si è svolto il Primo Vertice bilaterale(il secondo ha avuto luogo ad Algeri nel 2012) finalizzato a rafforzare le relazioni bilaterali tra i due paesi. Per dar maggior forza agli obbiettivi è stata istituita una Task Force per facilitare il partenariato fra le imprese italiane e algerine. 19

20 Gli interventi della Cooperazione italiana tendono a privilegiare gli aspetti qualitativi, come la formazione e il trasferimento di competenze e tecnologia. Particolare attenzione è riservata alla protezione dell ambiente, alla tutela del patrimonio culturale ed al settore agricolo e zootecnico. Proprio nel settore dell ambiente è stato siglato un accordo nel 2002: 82 milioni di Euro per 34 progetti di sviluppo di cui 20 impianti per la gestione dei rifiuti solidi urbani, 4 centri e residenze universitarie, 5 scuole, 5 complessi sportivi. A completamento di questo accordo, negli anni sono stati destinati ulteriori fondi per un progetto di assistenza tecnica per il ciclo integrato nella gestione dei rifiuti solidi urbani e per finanziare iniziative nei settori del restauro del patrimonio artistico, della formazione universitaria, della pianificazione urbanistica, della tutela del patrimonio culturale e del sostegno alle piccole imprese. Con l accordo bilaterale di cooperazione, entrato in vigore nel 2004 l Italia e l Algeria si sono impegnate a promuovere, lo sviluppo della cooperazione scientifica e tecnologica attraverso lo scambio di informazioni ed esperienze, la realizzazione di progetti in settori di comune interesse, nonché l organizzazione di conferenze e seminari nei seguenti settori: a) formazione scientifica, tecnica e professionale; b) collaborazione tra le Università e le Organizzazioni scientifiche e tecnologiche, pubbliche e private dei rispettivi Paesi; c) nuove fonti di energia e sfruttamento delle risorse naturali; d) gestione integrata delle risorse idriche; e) lotta alla desertificazione; f) diffusione, valorizzazione e trasferimento delle conoscenze e dell'innovazione tecnologica. In corso di definizione il Protocollo Esecutivo Scientifico e Tecnologico per gli anni

21 8. ACCORDI EUROMEDITERRANEI Free Zone Tra il 1998 e il 2005 l'unione europea (UE) ha stipulato degli accordi euromediterranei di associazione con sette paesi del Mediterraneo del sud. Questi accordi infatti conferiscono un'adeguata disciplina al dialogo politico tra nord e sud, fungono da base alla progressiva liberalizzazione degli scambi nello spazio mediterraneo e stabiliscono infine le condizioni della cooperazione in ambito economico, sociale e culturale tra l'unione europea e i paesi partner. L Algeria quale membro dell OMC ha siglato un accordo con l Unione Europea per la realizzazione di una Free zone entro il È da tempo coinvolta nella politica euromediterranea dell`ue, nei progetti dell UPM (Unione per il mediterraneo) ed ha negoziato diversi accordi quali : l accordo economico di libero scambio con i paesi dell AELE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera); con la Tunisia (fine 2008); con la zona araba (ZALE - dal 1 gennaio 2009). Sono in corso delle negoziazioni con i paesi dell UEMOA (Unione Economica e monetaria dell Africa occidentale) per la realizzazione di una Free Zone che comprenda: il Senegal, la Costa d Avorio, il Niger, il Mali, la Guinea Bissau, il Benin, il Burkina Faso e il Togo. Gli accordi sottoscritti dall Unione Europea con Tunisia, Marocco, Algeria e Turchia contengono inoltre una clausola di non discriminazione in materia di sicurezza sociale per i lavoratori di questi paesi e per i loro familiari. L art. 69 dell Accordo euromediterraneo con la Repubblica dell Algeria indica come beneficiari della parità di trattamento i cittadini degli stati aderenti all Accordo che risiedono o lavorano legalmente nel territorio dei rispettivi paesi ospitanti. 21

22 9. SETTORI DELLA MISSIONE DI NOVEMBRE Settore pesca: cantieristica e attrezzature A livello mondiale l acquacoltura è un comparto produttivo in forte espansione. È già in atto una richiesta di prodotto ittico, nel mercato nazionale e globale, che la pesca non è più in grado di sostenere. Già nel 2009, il 52% dell intera offerta ittica nel nostro Paese proveniva dall acquacoltura, con una crescita esponenziale che porterà il settore, nel giro di 15 anni, a sostenere il 75% dell intera offerta ittica nazionale. Offerta che verrà prodotta prevalentemente nel bacino del Mediterraneo. A tal fine è utile e indispensabile puntare su questo settore e investire in progetti che coinvolgano i paesi del Mediterraneo. L Algeria ha una serie di fattori attrattivi che si potrebbero trasformare in vere e proprie opportunità di investimento per le nostre aziende: - Posizione geografica, considerando soprattutto la vicinanza con la Sicilia; - Riserve ittiche non ancora sfruttate pienamente; - Politica locale di incentivazione agli investimenti della pesca - Sostegno allo sviluppo di attività ausiliarie della pesca e dell acquacoltura capacità potrebbe rappresentare in questo contesto un ottima opportunità. 22

23 Inoltre, la filiera ittica copre un vastissimo ventaglio di settori: A tal proposito nel 2011 è stato siglato dall allora Ministro Italiano delle politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano ed il Ministro della Pesca e delle risorse alieutiche della Repubblica Algerina democratica e popolare, Abdullah Khenafou, il "Memorandum di intesa per la cooperazione in materia di formazione, promozione e ricerca nel settore della pesca e dell'acquacoltura". Il documento stabilisce una cornice per promuovere la cooperazione tra i due Paesi nei settori della pesca e 23

24 dell'acquacoltura con particolare riferimento allo scambio di notizie e documentazioni relative al settore; alla promozione della produzione, della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti della pesca; alla promozione delle relazioni istituzionali tra i centri di formazione e di ricerca nel settore; allo sviluppo delle attività relative all'acquacoltura; allo scambio di esperti e know-how per acquisire esperienze e conoscenze nei due Paesi; l'incoraggiamento di gemellaggi tra gli istituti di formazione, le istituzioni e i centri di ricerca dei due Paesi; la realizzazione di programmi comuni di formazione e di ricerca. L'attuazione di quanto previsto dal Memorandum, che avrà durata quinquennale, sarà garantita da un Comitato tecnico misto che si riunirà alternativamente nei due Paesi. 9.2 Costruzioni e filiera Negli ultimi anni dovendo affrontare un importante ricostruzione del tessuto urbano e del parco alloggi il territorio ha visto aumentare la domanda di materiali di costruzione e conseguentemente l offerta si è resa sempre meno esauriente; ciò ha comportato un grande incremento dell importazione. Dal 2007 ad oggi si sono consolidati come fornitori leader i seguenti paesi: Asia, Giappone Francia e Italia. Nei primi 9 mesi del 2012 le importazioni algerine di materiali da costruzione sono cresciute del 20,3 %. In particolare sono aumentate di circa il 43% le importazioni di ferro e legno trainate dal cemento. Il forte squilibrio della situazione abitativa dell Algeria rappresenta una delle priorità del Governo che ha investito ingenti somme di denaro per la costruzione di nuovi alloggi, ospedali, alimentazione di gas naturale, acqua potabile e fognarie. infrastrutture socio-educative, vaste reti di strade, 24

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli