Černobyl e Fukushima. Eugenio Bolley

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Černobyl e Fukushima. Eugenio Bolley"

Transcript

1 Černobyl e Fukushima Eppure i prati hanno il verde variegato di sempre, il paesaggio immobile con le nevi in alto che si sciolgono, rendono questa tarda primavera simile a quella degli anni passati. Ma qualcosa si è rotto e il mio rapporto con l ambiente si è fatto più difficile: sono arrivati i barbari silenziosi ed io indifeso non li posso combattere. Ma mi consola la parola : Cristo è risorto dai morti. Eugenio Bolley

2

3 Comune di Bardonecchia Consolato Generale del Giappone a Milano Tsunami Nucleare Omaggio alle vittime di Fukushima Bardonecchia 3-31 Agosto 2013 Palazzo delle Feste

4 Tsunami Nucleare Omaggio alle vittime di Fukushima 3-31 agosto 2013 Palazzo delle Feste, Piazza Valle Stretta, 1 BARDONECCHIA Mostra a cura di Comune di Bardonecchia Testo critico a cura di Renata Pisu Segreteria Assessorato alla Cultura del Comune di Bardonecchia Immagini Le foto scattate in Giappone sono di Atsushi Mifune, Atsushi Mori, Fuji Susumu, Giorgio Donetti e Bolley. La foto che riprende Bolley a Ginevra è di Simone Passerin. Le foto recenti di Bolley sono di Renzo Miglio e Alberto Donnet. La foto della megabici è di Marco Visconti Impaginazione e stampa L Artistica Savigliano Le opere di Bolley sono visibili sui seguenti siti internet: Un particolare ringraziamento ai Signori Blanchet, Marco Isidori, Fabrizio Valentini e Marco Visconti Nella foto in alto: il dott. Atsushi Mifune, Direttore Generale dello Spazio Institute di Tokyo durante una sua visita a Bardonecchia Sotto: Bolley ancora chiomato per le vie di Tokyo

5 La mostra Omaggio alle vittime di Fukushima di Eugenio Bolley propone due temi che ritengo particolarmente importanti nella società attuale: il primo è quello della solidarietà, il secondo è quello artistico-sociale del confronto con l altro, con ciò che socialmente e culturalmente è lontano dal modello dominante. In questa bella esposizione delle opere, che il maestro Bolley ha realizzato in parte durante il suo soggiorno in Giappone, troviamo molte rappresentazioni del Fuji, che evocano in modo nuovo gli antichi kami, cioè le mitiche divinità nipponiche e gli spiriti ancestrali, e costringono lo spettatore a confrontarsi con il diverso e con un modo nuovo di concepire la realtà e l arte. La parte più copsicua delle opere è però incentrata sull evento Tzunami nucleare, che ha causato vittime e sinistrati. Le tematiche di questi lavori hanno lo scopo di valutare criticamente le, non sempre condivisibili, scelte operate dai nuovi apprendisti stregoni, che di fronte all imprevedibile non sanno poi come districarsi se non affidandosi all azione eroica di qualche centinaio di volontari come Masao Yoshida, direttore dell impianto nucleare, deceduto per cancro all esofago il 9 Luglio scorso. Il libro di Pio D Emilia I trenta giorni che sconvolsero il Giappone, dedicato a Fukushima, e la ricca documentazione fotografica che illustrano in sequenza il disastro, sono serviti a Bolley, come già con Il Mangianuvole, a denunciare e far conoscere a chi di nulla si accorge che certe scelte vanno testate, condivise e, se e` il caso, rifiutate. Il singolare percorso che possiamo intraprendere attraverso le visioni di Bolley ci coinvolge in nuovi meccanismi di emozioni e conoscenza di un estremo oriente che se da una parte ci affascina e stupisce, spingendoci al confronto con l impalpabile assonanza della tradizione giapponese che in modo lieve unisce guerrieri e asceti, artisti e giardinieri, dall altra ci sconvolge con la drammaticità degli eventi contemporanei. È quindi su questo terreno che l arte diventa uno strumento per crescere, conoscersi e avere una visione più allargata della vita. Nella convinzione che la cultura e la conoscenza siano i migliori strumenti per sconfiggere i pregiudizi e il rischio dell indifferenza di fronte alle grandi tragedie del mondo, il Comune di Bardonecchia ha sostenuto e patrocinato questa iniziativa a cui augura il successo che merita. Roberto Borgis Sindaco di Bardonecchia 5

6 Sommario TSUNAMI NUCLEARE di Renata Pisu pag. 7 opere » 11 biografia » 43 hanno scritto di lui » 54 SERVIZI RADIOTELEVISIVI » 55 contributi critici » 56 Il primo studio di Bolley a Kawaguchi-Ko 6

7 Tsunami Nucleare lungo hanno pianto gli urogalli e le farfalle, le chocho, che Bolley nei A suoi giorni di eremita in Giappone inseguiva per sentieri scoscesi: a lungo hanno pianto nei giorni terribili della catastrofe del nucleare, figlia del terremoto e dell onda dello tsunami, e ancora piangono oggi, creature di verità e di fantasia, disegnate dal pittore che un amico giapponese ha descritto come un mistico naif, un folle buono. Che il Giappone avesse potuto tanto intristirsi e soffrire, Eugenio Bolley non poteva immaginarlo quando, più di venti anni, fa rimase folgorato dall indicibile della sua esperienza giapponese e si impegnò a dipingere i pensieri e le associazioni di senso che quel paesaggio e quell ambiente gli suggerivano. Così, con i segni ha impostato il suo discorso, tutto grafico, tutto sognato. Ma sogni così poteva farli soltanto in una casetta alle pendici del monte Fuji dove ha vissuto l estasi di ritrovare un paesaggio a lui consueto, alberi, silenzio, verde, filtrato dai colori di una favola esotica, punteggiato qua e là dagli ideogrammi di una scrittura arcana. E poi, quando l onda cattiva si è abbattuta sul Paese del Sol Levante, la terra ha tremato, le navi sono state sbriciolate nel mare, gli uomini sono diventati pesci e tartarughe, ecco che Bolley ha rivisitato con angoscia il suo sogno, la sua favola del Giappone che è stato ferito e contaminato. Ancora con i suoi segni grafici,niente meglio di un disegno può raccontare la tragedia. Penso all immagine dell onda del Maestro Hokusai, colta nell attimo in cui si è appena sollevata e sta per rovesciarsi, con la schiuma sulla cresta che pare un enorme bocca dentata, con la forza cieca di un animale feroce che si è fatto belva acquatica. Fukushima come Hiroshima, come Nagasaki. Gli atomi nei disegni di Bolley sono frecce panciute nere e rosse che percorrono un cielo grigio. Il Fuji è lontano, così intitola una delle sue composizioni: in primo piano ecco la 7

8 centrale, mastodonte di metallo, sullo sfondo il cono della montagna sacra del Giappone, un vulcano della natura che mai ha seminato tanta morte e distruzione come i nuovi vulcani dell uomo. Sulla centrale nucleare, in questa come in altre immagini, la bandiera del Giappone non appare come un rettangolo ma è dimezzata, ridotta a triangolo, è spezzato il sole rosso, simbolo di un paese che ha il sole nel nome. In giapponese il nome è infatti Ni-pon, ni che significa sole e pon che vuol dire radice. Il sole che sorge, il Sol Levante. Così. in queste immagini, Bolley racconta la catastrofe, ne riassume il senso fissando l emozione di momenti che altrimenti rischiano di disperdersi, sommersi dalla marea della narrazione in cui si rischia di perdere l autenticità dell emozione che viene prima di ogni altra cosa. Invece bisogna continuare a emozionarsi per ricordare piangendo. E pregando. Il 6 agosto del 1987, quando Bolley viveva sulle pendici del Fuji, ha ricordato la tragedia dei morti di Hiroshima proprio nel giorno in cui quarantadue anni prima fu sganciata la bomba atomica sulla città. Si è inginocchiato assieme al guardaboschi Susumu e alla moglie di lui Hiromy, si sono tenuti per mano e hanno osservato un minuto di silenzio. Proprio non credeva Bolley che l atomo avrebbe colpito ancora il Giappone. Eppure così è stato. Renata Pisu* * Nota sinologa, è stata corrispondente da Tokio e inviato speciale in Cina per il quotidiano La Stampa di Torino. 8

9 Nella foto in alto: il Fujiyama visto da Kawaguchi-Ko Sotto da sin.: La visita gradita di Giorgio Donetti e Reiko Kithata A destra: il pittore Atsushi Mori con la figlia Kejo, sullo sfondo il Fujiyama coperto di nuvole A lato: Tetsuro Hito con la moglie, Renata Pisu e Giorgio Donetti 9

10 Nella foto in alto. Bolley con Tetsuro Hito e Atsushi Mifune, rispettivamente Presidente e Direttore Generale della Spazio Institute di Tokyo, negli uffici della sede centrale Sotto: Fujii Susumu-San, addetto alla griglia con il falegname Kobaiachi A destra: foto di gruppo 10

11 OPERE

12 Il Fujiyama visto dal lago di Kawaguchi-ko 1987 (K), acrilico su masonite mm 756 x 567 Il galante Fujii Susumu-San 1987 (K), collage mm 291 x 232 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Il giardino delle parole, Museo e Pina coteca Comunale, Macerata, dal 14 al 26 luglio 1990 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

13 Il samurai con chòchò 1987 (K), collage e china mm 363 x 259 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles, 2005 Il samurai Okuma 1987, collage, china e pastelli mm 363 x 259 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

14 Tako, chòchò, hoshi e tsuki 1987 (K), China e acquerello mm 321 x 300 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Omaggio a Renata Pisu 1987 (K), china, pastelli e acquerelli mm 272 x 248 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

15 Tra le nuvole di Hokusai 1987 (K), china e acquerello mm 348 x 343 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles, 2005 Tako, hoshi e tsuki 1987 (K), china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

16 Fujiyama, chòchò, tako, tsuki e hoshi 1987 (K), china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Hashi e chòchò 1987 (K), china e acquerelli mm 195 x 127 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

17 Omaggio a Hokusai 1987, china e acquerello mm 445 x 405 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Segni antichi 1987 (K), china, acquerelli e pastelli mm 320 x 240 Esposizioni: Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

18 Nuvola sul Fuji 1987 (K), china e acquerelli mm 400 x 300 Esposizioni: Bolley. Colors: des del Japò al Principat d An dorra (obre sobre paper del periode Ja pones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engor dany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 L albero del Fuji, con chòchò 1988, china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

19 Parole tra le pietre. Omaggio a Gianni Vattimo 1987 (K), china e pastelli mm 380 x 350 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dantesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Val dese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 La grande nuvola del Fuji 1987 (K), china e acquerello mm 380 x 350 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dan tesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escal des-engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Cul turale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galle ria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

20 Chòchò 1987 (K), china e acquerelli mm 180 x 130 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dantesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pel lice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Notturno sul Fujiyama 1988, china e acquerello mm 375 x 375 Esposizioni: Bolley. Anche la farfalle fanno pipì, Biblioteca Civica Internazionale, Bordighera (Im), Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

21 Segni sulla neve 1977, china su carta a mano mm 430 x 365 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dante sca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d An dorra (obre sobre paper del periode Ja pones), Centre Cultural del Comù d Escaldes- Engor dany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Bolley-San a Kawaguchi-ko vestito da samurai Ritratto dal pittore Atsushi Mori (K), pastello su cartone mm 337 x 250 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

22 Fukushima, Tsunami nucleare 2011, china e pastelli mm 400 x 300 Senza titolo 2012, china mm 320 x

23 Centrale atomica 2012, china e pastelli mm 330 x 240 Tako sul Fuji 1987 (K), china e pastelli mm 250 x

24 Fukushima e l arca nucleare 2011, china e pastelli mm 297 x 210 Il grande , china e pastelli mm 250 x

25 Era meglio quando l energia era prodotta dal vento 1987 (K), china e pastelli mm 269 x 209 Fukushima aiuto aiuto 2011, china e pastelli mm 180 x

26 Tako e sole nero 1987 (K), china e pastelli mm 205 x 145 La montagna del samurai 2011, china mm 244 x

27 Tako 1987 (K), china e pastelli mm 175 x 130 Fukushima, un anno dopo 2012, china e pastelli mm 235 x

28 Fukushima 2011, china e pastelli mm 175 x 130 La grande fiammata 2011, china e pastelli mm 250 x

29 Fukushima, il grande uccello 2011, china e pastelli mm 250 x 174 Centrale eolica per respirare pulito 2012, china mm 245 x

30 Il dragone rosso 1988, china e pastelli mm 250 x 175 Fuji, luna e bambù 1987, china e pastelli mm 320 x

31 Pietre laviche 1987 (K), acquarello e china mm 304 x 238 Senza titolo 1989, china e pastelli mm 175 x

32 Quando si gioca con l atomo 1987 (K), china e pastelli mm 205 x 135 Stella, nuvole e tako 2012, china e pastelli mm 176 x

33 Sonde spaziali, buchi neri e fossile 1987, china e pastelli mm 205 x 145 Fukushima: il Fuji è lontano 1987 (K), china mm 250 x

34 Il grande pilone di Kawaguchi-ko 1988, china e pastelli mm 219 x 140 Bambù a Kawaguchi-ko 1988, china e pastelli mm 250 x

35 Il 5 ripetuto di Fujii Susumu-San 1987, china e pastelli mm 205 x 145 Fukushima è solo l inizio 2011, china e pastelli mm 250 x

36 Il Fujiyama e le centrali atomiche 2012, china e pastelli mm 235 x 175 Tako, stella e mangianuvole 1988, china e pastelli mm 250 x

37 Sulle pendici del Fuji 2001, china e pastelli mm 212 x 155 Cinquantacinque 1988, china e pastelli mm 175x

38 Quando ancora sul Fujiyama, esistevano gli Urogalli primigeni 1998, china e pastelli mm 208 x 268 Le pietre del Fuji 1987 (K), china e pastelli mm 330 x 228 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

39 Mutazione genetica 2011, serigrafia, china, acquerelli e pastelli mm 497 x 500 La torre instabile 1987 (K), china, acquerelli e collage mm 540 x 360 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

40 Il poeta e il Fuji proiettato 1987 (K), china e collage mm 725 x 515 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 I giochi di Keiko e di Idemi 1987 (K), collage mm 360 x 350 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

41 Il grande samurai 1987 (K), china e collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Una cascata di numeri 1987 (K), collage mm 540 x 360 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

42 Fuji (K), china, acquerelli e collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Fuji futurista 1987 (K), collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

43 Biografia Eugenio Bolley a tre anni Eugenio Bolley è nato a Gap (Francia), vive e lavora a Bardonecchia dal 1973, in via Melezet, 29. Dai suoi esordi, che risalgono alla fine degli anni Sessanta, ha realizzato in Italia e all estero oltre centoventi mostre tra personali e collettive. Tra le sue mostre, fortemente caratterizzate da un tema sociale, la galleria Quaglino Incontri di Torino promuove, nel 1972, un esposizione dal titolo emblematico, Il Mangianuvole. È forse la prima volta, in Italia ma anche all estero, che viene affrontato in pittura il tema dell inquinamento atmosferico (testo di presentazione di Albino Galvano). Queste, ed altre opere che trattavano il problema del degrado ambientale, furono poi presentate a Roma nella Galleria Ferro di Cavallo. Sempre nel 1972 il Mangianuvole lasciano l Italia per approdare oltre Manica, presso la Fondazione Bertrand Russel di Londra, in occasione del Bertrand Russel Centenary, International Art Exhibition and Sale. Nel 1975, nelle sale del Palais des Congrès di Aix-en-Provence (Francia), viene allestita la mostra Bolley paint sur deux versaints. Queste opere saranno poi presentate nel Centre d Animation Maison des Jeunes et de la Culture di Cavaillon, e infine presso la Galerie des Maîtres Contemporains, sempre ad Aix-en-Provence. Nell estate dello stesso anno espone nel Museo Pinacoteca San Francesco della Repubblica di San Marino. I testi di presentazione di queste mostre furono firmate da Ernesto Caballo e Renzo Guasco. Alla fine degli anni Sessanta inizia anche un ampia ricerca sul segno. Su queste tematiche, gli editori Priuli & Verlucca pubblicano il libro L evoluzione del segno, che raccoglie quaranta riproduzioni di disegni a china e pastello. La pubblicazione, preziosamente curata, ha una tiratura di centocinquanta copie numerate e firmate; il libro sarà integrato da un incisione ad acquaforte con testo a firma di Giorgio Calcagno e Stefano Reggiani. Agli inizi del 1980, mentre continua a sviluppare una ricerca sempre più orientata a massificare il segno, inizia ad 43

44 Vista aerea di Kawaguchi-Ko sulle pendici del Fujiyama dove Bolley ha soggiornato tre mesi nella casa indicata dalla freccia Foto scattata da Bolley a Tokyo il 7 luglio 1987, a Renata Pisu allora corrispondente de La Stampa e al dott. Atushi Mifune direttore generale dello Spazio Institute A destra: Bolley con Fujii Susumu-San a Kawaguchi-Ko 44

45 Disegno raffigurante Bolley-San vestito da antico samurai, realizzato dal pittore Atsushi Mori su di un tovagliolo piegato (25 luglio 1987) assemblare vecchi attrezzi soprattutto in uso presso la civiltà montano-contadina; dall accorta composizione di questi ferri ormai in disuso nasceranno i mitici Urogalli. Queste ed altre opere desteranno l interesse degli scrittori Primo Levi e Mario Rigoni Stern, ma anche del fisico Tullio Regge e di tanti altri intellettuali. Nel 1981 realizza un manifesto per pubblicizzare la mostra libraria Scienza e tecnica in Francia presso il Politecnico di Torino. L allestimento fu curato dall Office de Promotion de l Edition Française, dell Unipresse e dal Centre Culturel Franco-Italien di Torino. Nel 1983 Bolley viene invitato al Quirinale dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini a cui dona il quadro Tutti gli uomini del re. Quest opera faceva parte di un ciclo legato alla dittatura khomeinista e ad altri sistemi totalitari esistenti in quegli anni nel mondo; in questo quadro compare una ringhiosa figura antropomorfa che sovrasta segni normali e succubi. Sempre nel 1983, in collaborazione con l autosalone Zuar-Car di Torino, allestisce una mostra dal titolo Volvo Arte : gli Urogalli vengono collocati tra le automobili. In questa circostanza vengono donati da Volvo Italia all ingegner Nuccio Bertone e all allora presidente della Volvo, Thomas Malm, i loro ritratti che erano stati eseguiti in precedenza da Bolley mediante papier collè. La presidenza della Regione Piemonte, nel 1985, gli organizza una mostra dove vengono esposte per la prima volta le Teste rosse, gli Urogalli e un ampia rassegna di opere legate al segno. Questa mostra, oltre a molte recensioni sulla stampa nazionale e a un servizio di Liliano Frattini per il telegiornale di Raiuno, desterà anche l interesse di Enzo Ferrari e sarà visitata da Primo Levi, a cui era stata dedicata. Il testo di presentazione è firmato da Paolo Fossati. Nel 1987 soggiorna tre mesi a Kawaguchi-Ko sulle pendici del Fujiyama su invito dello Spazio Institute di Tokyo, uno dei più importanti centri di ricerca grafica del Giappone. Le opere realizzate in Giappone saranno esposte nel 1988 in alcuni spazi pubblici nelle città di Nagoya, Fukuoka e Tokyo, sotto il patrocinio dell Associazione Italo-Giapponese e della Fukuoka Sogo Bank, per la quale realizza il calendario per l anno 1988, stampato in due milioni di esemplari. Nel 1988 disegna e costruisce una macchina-scultura in ferro e legno, Omaggio a Enzo Ferrari l auto che non correrà mai. Per l occasione la Regione Piemonte pubblica un prezioso catalogo con testi del Presidente Vittorio Beltrami, Sergio Pininfarina, Gianpaolo Ormezzano, Ferruccio Barnabò, Angelo Dragone, Pierluigi Berbotto e Angelo Mistrangelo, con una serie di fotografie che illustrano le fasi costruttive dell opera, poi collocata definitivamente nel Palazzo della Regione in piazza Castello a 45

46 Bolley con dei militari giapponesi durante una esercitazione sul monte Fuji Torino. Nel 1989 l artista diventa stilista disegnando vestiti Bolley s Geometric an Traces - Introduces Linea Alex : vestiti prêtà-porter realizzati con tessuti stampati, riproducenti i segni che caratterizzano il lavoro di Bolley, eseguiti in esclusiva per la casa di moda torinese. La collezione sarà poi presentata con sfilate a Torino, Milano, Tokyo, Osaka e Singapore. Nel 1990 la città di Macerata gli dedica nel Museo Pinacoteca comunale una mostra antologica dal titolo Il giardino delle parole. (Presentazione di Lucio Cabutti). Nel 1991 presenta presso la Galleria Biasutti di Torino Il giardino della musica. Questi quadri, sempre legati alla ricerca segnica, hanno come elemento dominante i segni musicali: crome, biscrome, chiavi di violino ecc. (Presentazione di Paride Chiapatti). Nel 1992, su invito della presidenza del Lioness Club Moncalieri Castello, illustra ventuno racconti scritti da alcuni dei maggiori scrittori italiani, tra cui Giorgio Calcagno, Guido Ceronetti, Roberto Gervaso, Lorenzo Mondo, Nico Orengo, Mario Rigoni Stern, Antonio Spinosa, Mario Soldati, ecc... I racconti saranno raccolti e pubblicati in un libro dal titolo Tavolozza di favole. Nel 1993 inizia a costruire i Segnatempo (orologi-sculture); queste opere saranno poi esposte per la prima volta presso la Biblioteca Civica A. Arduino di Moncalieri (10 ottobre gennaio 2003). Nelle sale della Galleria La Bussola, a Torino, nel 1994 conclude il ciclo dei Giardini 46

47 segnici con la mostra Alfabeto per una nuova Babele.(Testo di Lorenzo Mondo). Nel 1995 al Centro culturale valdese di Torre Pellice (Torino) viene allestita una mostra di dipinti dal titolo Dal silenzio originario ai segni (Testo di Giorgio Calcagno). L opera Il bosco di Ez, presentata in quell occasione, viene scelta dal Prof. Claudio Canuto, responsabile del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Torino, per essere riprodotta sul manifesto pubblicato in occasione del convegno internazionale Recent Advances in Numerical Methods for Partial Differential Equations. Nel 1996 realizza i tredici quadri (12+1) che serviranno ad illustrare il calendario ufficiale della Rai, stampato in trentamila copie. Sempre nel 1996 espone queste opere in un unica mostra, presso la Galleria Arte Tre di Trieste, unitamente ad altre ventuno servite per illustrare il già citato libro Tavolozza di Favole (Testo di Paolo Gallarati). In quella circostanza il poeta Edoardo Sanguineti dedica al lavoro di Bolley una poesia che l artista elabora graficamente, l acrostico dal titolo Sestina, che sarà poi pubblicata nel catalogo e nella raccolta Corollario edita da Feltrinelli. Nel 1997, in occasione dei Mondiali di sci del Sestriere, costruisce per conto delle Ferrovie dello Stato e del Comune di Oulx la scultura mobile Testa rossa, in acciaio e alluminio, collocata in pianta stabile presso la stazione ferroviaria di Oulx (Torino). Con lo stesso materiale, ma con sostanziali differenze formali, costruisce una seconda Testa rossa che gli viene commissionata dal Comune di Sauze d Oulx per essere collocata nella piazza centrale del paese, a ricordo dell avvenimento mondiale. Per l occasione, due sue opere grafiche, verranno stampate su commissione della Comunità Montana Alta Valle di Susa e l Apt Valsusa, e donate agli atleti e alle autorità presenti in valle in occasione dei Mondiali di sci. Il testo di presentazione delle due cartelle è firmato dalla Prof.ssa Evelina Bertero, sindaco di Oulx. Per il cinquantenario dell Unicef illustra e realizza una T-shirt, che sarà messa in vendita per fini umanitari, in collaborazione con i Servizi di Stazione delle Ferrovie dello Stato. Anche la Rai gli commissiona alcune, T-shirt, che verranno stampate con l illustrazione Notturno dall Italia, tratta dal calendario di cui sopra. Su invito della Rai, il 26 maggio 1997 partecipa al programma Uno Mattina. In quella circostanza presenta Gli Urogalli: le vecchie cose tornano d attualità. La Direzione generale dei Monopoli di Stato pubblica l opera L Albero di Neve per illustrare il Gratta e vinci - Bingo! stampato in trecento milioni di esemplari, più due milioni di locandine. Per lo Zonta Club Torino 2 illustra la Remember Card n. 5. Segnalibro d autore. Con lo stesso soggetto viene realizzata un opera grafica colorata a mano con colori ad acquerello. La finalità della vendita avrà carattere umanitario. Nel 1998 presso il Centre des Congrès Le Manège di Chambéry (Francia) viene alle- La grande bicicletta rosa e blu realizzata da Bolley in occasione del 14ª tappa del Giro d Italia

48 Bolley escursionista tra le montagne dell Alta Val Susa stita con finalità didattica la mostra Anche gli Urogalli vanno all Università. La manifestazione rientra nel progetto La scuola del vicino - L école du voisin, organizzata dal Provveditorato agli Studi di Torino e dal Rectorat d Académie de Grenoble nell ambito del programma Interreg Cee. Sotto il patrocinio delle Province di Torino, di Asti e di Biella, Bolley partecipa in qualità di esperto e collabora allo svolgimento dei lavori nel laboratori-atelier Scienze e Arti. Nel 1999 illustra per la Torveca di Vigevano, con elementi segnici caratterizzanti il suo lavoro, una serie di sei tazzine da caffè (a scopo benefico) che saranno poi prodotte dalla Ipa di Usmate (Milano). Ancora nel 1999 espone presso il Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, nel Principato di Andorra, nella mostra Colors: des del Japò al Principat d Andorra, testo di presentazione di Paolo Gallarati. Nella prospettiva delle Olimpiadi del 2006 realizza una significativa opera riproducente molti tratti caratterizzanti la valle di Susa. Questo quadro sarà poi riprodotto mediante stampa serigrafica, con una tiratura limitata, per conto della presidenza della Provincia di Torino. Nel 2000 inizia a costruire, sempre usando sofisticati materiali di recupero (valvole in bronzo, rubinetterie, vecchi ferri da stiro, ecc.), il ciclo degli elicotteri. Nel periodo della mostra Omaggio alla Valle di Susa, organizzata dal Comune di Bardonecchia presso il Palazzo delle Feste durante le vacanze di Natale, viene presentato il volume Dal silenzio ai segni, con testo introduttivo del giornalista de La Stampa, Giorgio Calcagno. Le quaranta opere riprodotte, che illustrano il libro, erano state realizzate per la maggior parte durante il soggiorno dell artista in Giappone nel Nella primavera del 2001, in collaborazione con un gruppo di Anziani Ferrero, realizza una scultura-elicottero di grandi dimensioni che resterà stabilmente presso la Fondazione Ferrero. L opera, alta circa 4,5 m, è esposta con altre cento opere nella mostra personale L elicotterorosa, allestita nella sede della Fondazione Ferrero di Alba. L esposizione e Momenti n. 5, firmato da Francesco Poli, sono dedicati alla memoria di Arturo Buccolo, valente collaboratore della Fondazione, pre- 48

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1

MODENA MODENA 1 MODENA 1 MODENA 1 RAVENNA 1 REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA 1 RIMINI 1 PARMA 1 PARMA 1 FORLI CESENA 1 Posti disponibili A 245 CIACCI Angela pos.214 punt.70,20 CHEILAN Claria Marie pos.221 punt.70,00 MELLI CREMONINI Elisabetta pos.210 punt.70,50 MUCCHINO Valentina pos.212 punt.70,30 APPIGNANESI SIMONA pos.224

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Committente: Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/212251 - fax: 039/2109334 http//www.alsispa.it

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20

grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 grafica editoriale / biennio lunedì 29 giugno 2015 ore 8:20 Sortino Consuelo Pisano Antonino Impellizzeri Giulia Petriglieri Emilio Silvestro Federica Ciadamidaro Rocco graphic design 3 / triennio lunedì

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano

presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano presenta MILANO, 18-24 maggio 2015 Orto Botanico di Brera dell Università degli Studi di Milano Le piante producono alimenti, legno, carburante, tessuti, carta, fiori e l ossigeno che respiriamo! La vita

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za

In cl. Ri s. Cod. Tip o. Su ppl en za Cod. Tip o In cl. Ri s Post o Cognome Nome Data Nascita Punt eggi o AN 1 PROIETTI MANCINI SIMONA 30/09/1975 200 AN 2 CALCATERRA LUCIA 24/09/1969 198 AN 3 COPPOLA MARIA TERESA 25/06/1962 196 AN 4 MARCON

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009

DETERMINAZIONE N 1 DEL 2009 Oggetto: approvazione graduatoria finale della selezione pubblica per titoli per il reperimento di figure professionali necessarie al funzionamento dell ufficio di Piano e per attività e servizi previsti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Progetti POF 2013-2014

Progetti POF 2013-2014 Infanzia PITEGLIO Apolito Teresa Pellegrineschi Marzia Zini Miriam Rappresentiamo le feste I frutti del bosco Il girotondo della salute Infanzia CUTIGLIANO Ferrari Sandra Infanzia S.MARCELLO Lori Melani

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014

Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Graduatoria di Istituto II Fascia Personale Docente Scuola Primaria CNIC841005 Data Produzione Graduatoria Provvisoria: 19/08/2014 Tipo Posto Cod. Tipo Posto Posto Cognome Nome Punteggio COMUNE AN 1 VICARI

Dettagli

Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio "Stampa" (Determinazione n. 117 del 25/02/2014)

Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio Stampa (Determinazione n. 117 del 25/02/2014) Elenco candidati ammessi al collquio per il conferimento dell'incarico di responsabile Ufficio "Stampa" (Determinazione n. 117 del 25/02/2014) Caschera Finanzio AMMESSO De Ritis Gianni AMMESSO Degl'Innocenti

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli