Černobyl e Fukushima. Eugenio Bolley

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Černobyl e Fukushima. Eugenio Bolley"

Transcript

1 Černobyl e Fukushima Eppure i prati hanno il verde variegato di sempre, il paesaggio immobile con le nevi in alto che si sciolgono, rendono questa tarda primavera simile a quella degli anni passati. Ma qualcosa si è rotto e il mio rapporto con l ambiente si è fatto più difficile: sono arrivati i barbari silenziosi ed io indifeso non li posso combattere. Ma mi consola la parola : Cristo è risorto dai morti. Eugenio Bolley

2

3 Comune di Bardonecchia Consolato Generale del Giappone a Milano Tsunami Nucleare Omaggio alle vittime di Fukushima Bardonecchia 3-31 Agosto 2013 Palazzo delle Feste

4 Tsunami Nucleare Omaggio alle vittime di Fukushima 3-31 agosto 2013 Palazzo delle Feste, Piazza Valle Stretta, 1 BARDONECCHIA Mostra a cura di Comune di Bardonecchia Testo critico a cura di Renata Pisu Segreteria Assessorato alla Cultura del Comune di Bardonecchia Immagini Le foto scattate in Giappone sono di Atsushi Mifune, Atsushi Mori, Fuji Susumu, Giorgio Donetti e Bolley. La foto che riprende Bolley a Ginevra è di Simone Passerin. Le foto recenti di Bolley sono di Renzo Miglio e Alberto Donnet. La foto della megabici è di Marco Visconti Impaginazione e stampa L Artistica Savigliano Le opere di Bolley sono visibili sui seguenti siti internet: Un particolare ringraziamento ai Signori Blanchet, Marco Isidori, Fabrizio Valentini e Marco Visconti Nella foto in alto: il dott. Atsushi Mifune, Direttore Generale dello Spazio Institute di Tokyo durante una sua visita a Bardonecchia Sotto: Bolley ancora chiomato per le vie di Tokyo

5 La mostra Omaggio alle vittime di Fukushima di Eugenio Bolley propone due temi che ritengo particolarmente importanti nella società attuale: il primo è quello della solidarietà, il secondo è quello artistico-sociale del confronto con l altro, con ciò che socialmente e culturalmente è lontano dal modello dominante. In questa bella esposizione delle opere, che il maestro Bolley ha realizzato in parte durante il suo soggiorno in Giappone, troviamo molte rappresentazioni del Fuji, che evocano in modo nuovo gli antichi kami, cioè le mitiche divinità nipponiche e gli spiriti ancestrali, e costringono lo spettatore a confrontarsi con il diverso e con un modo nuovo di concepire la realtà e l arte. La parte più copsicua delle opere è però incentrata sull evento Tzunami nucleare, che ha causato vittime e sinistrati. Le tematiche di questi lavori hanno lo scopo di valutare criticamente le, non sempre condivisibili, scelte operate dai nuovi apprendisti stregoni, che di fronte all imprevedibile non sanno poi come districarsi se non affidandosi all azione eroica di qualche centinaio di volontari come Masao Yoshida, direttore dell impianto nucleare, deceduto per cancro all esofago il 9 Luglio scorso. Il libro di Pio D Emilia I trenta giorni che sconvolsero il Giappone, dedicato a Fukushima, e la ricca documentazione fotografica che illustrano in sequenza il disastro, sono serviti a Bolley, come già con Il Mangianuvole, a denunciare e far conoscere a chi di nulla si accorge che certe scelte vanno testate, condivise e, se e` il caso, rifiutate. Il singolare percorso che possiamo intraprendere attraverso le visioni di Bolley ci coinvolge in nuovi meccanismi di emozioni e conoscenza di un estremo oriente che se da una parte ci affascina e stupisce, spingendoci al confronto con l impalpabile assonanza della tradizione giapponese che in modo lieve unisce guerrieri e asceti, artisti e giardinieri, dall altra ci sconvolge con la drammaticità degli eventi contemporanei. È quindi su questo terreno che l arte diventa uno strumento per crescere, conoscersi e avere una visione più allargata della vita. Nella convinzione che la cultura e la conoscenza siano i migliori strumenti per sconfiggere i pregiudizi e il rischio dell indifferenza di fronte alle grandi tragedie del mondo, il Comune di Bardonecchia ha sostenuto e patrocinato questa iniziativa a cui augura il successo che merita. Roberto Borgis Sindaco di Bardonecchia 5

6 Sommario TSUNAMI NUCLEARE di Renata Pisu pag. 7 opere » 11 biografia » 43 hanno scritto di lui » 54 SERVIZI RADIOTELEVISIVI » 55 contributi critici » 56 Il primo studio di Bolley a Kawaguchi-Ko 6

7 Tsunami Nucleare lungo hanno pianto gli urogalli e le farfalle, le chocho, che Bolley nei A suoi giorni di eremita in Giappone inseguiva per sentieri scoscesi: a lungo hanno pianto nei giorni terribili della catastrofe del nucleare, figlia del terremoto e dell onda dello tsunami, e ancora piangono oggi, creature di verità e di fantasia, disegnate dal pittore che un amico giapponese ha descritto come un mistico naif, un folle buono. Che il Giappone avesse potuto tanto intristirsi e soffrire, Eugenio Bolley non poteva immaginarlo quando, più di venti anni, fa rimase folgorato dall indicibile della sua esperienza giapponese e si impegnò a dipingere i pensieri e le associazioni di senso che quel paesaggio e quell ambiente gli suggerivano. Così, con i segni ha impostato il suo discorso, tutto grafico, tutto sognato. Ma sogni così poteva farli soltanto in una casetta alle pendici del monte Fuji dove ha vissuto l estasi di ritrovare un paesaggio a lui consueto, alberi, silenzio, verde, filtrato dai colori di una favola esotica, punteggiato qua e là dagli ideogrammi di una scrittura arcana. E poi, quando l onda cattiva si è abbattuta sul Paese del Sol Levante, la terra ha tremato, le navi sono state sbriciolate nel mare, gli uomini sono diventati pesci e tartarughe, ecco che Bolley ha rivisitato con angoscia il suo sogno, la sua favola del Giappone che è stato ferito e contaminato. Ancora con i suoi segni grafici,niente meglio di un disegno può raccontare la tragedia. Penso all immagine dell onda del Maestro Hokusai, colta nell attimo in cui si è appena sollevata e sta per rovesciarsi, con la schiuma sulla cresta che pare un enorme bocca dentata, con la forza cieca di un animale feroce che si è fatto belva acquatica. Fukushima come Hiroshima, come Nagasaki. Gli atomi nei disegni di Bolley sono frecce panciute nere e rosse che percorrono un cielo grigio. Il Fuji è lontano, così intitola una delle sue composizioni: in primo piano ecco la 7

8 centrale, mastodonte di metallo, sullo sfondo il cono della montagna sacra del Giappone, un vulcano della natura che mai ha seminato tanta morte e distruzione come i nuovi vulcani dell uomo. Sulla centrale nucleare, in questa come in altre immagini, la bandiera del Giappone non appare come un rettangolo ma è dimezzata, ridotta a triangolo, è spezzato il sole rosso, simbolo di un paese che ha il sole nel nome. In giapponese il nome è infatti Ni-pon, ni che significa sole e pon che vuol dire radice. Il sole che sorge, il Sol Levante. Così. in queste immagini, Bolley racconta la catastrofe, ne riassume il senso fissando l emozione di momenti che altrimenti rischiano di disperdersi, sommersi dalla marea della narrazione in cui si rischia di perdere l autenticità dell emozione che viene prima di ogni altra cosa. Invece bisogna continuare a emozionarsi per ricordare piangendo. E pregando. Il 6 agosto del 1987, quando Bolley viveva sulle pendici del Fuji, ha ricordato la tragedia dei morti di Hiroshima proprio nel giorno in cui quarantadue anni prima fu sganciata la bomba atomica sulla città. Si è inginocchiato assieme al guardaboschi Susumu e alla moglie di lui Hiromy, si sono tenuti per mano e hanno osservato un minuto di silenzio. Proprio non credeva Bolley che l atomo avrebbe colpito ancora il Giappone. Eppure così è stato. Renata Pisu* * Nota sinologa, è stata corrispondente da Tokio e inviato speciale in Cina per il quotidiano La Stampa di Torino. 8

9 Nella foto in alto: il Fujiyama visto da Kawaguchi-Ko Sotto da sin.: La visita gradita di Giorgio Donetti e Reiko Kithata A destra: il pittore Atsushi Mori con la figlia Kejo, sullo sfondo il Fujiyama coperto di nuvole A lato: Tetsuro Hito con la moglie, Renata Pisu e Giorgio Donetti 9

10 Nella foto in alto. Bolley con Tetsuro Hito e Atsushi Mifune, rispettivamente Presidente e Direttore Generale della Spazio Institute di Tokyo, negli uffici della sede centrale Sotto: Fujii Susumu-San, addetto alla griglia con il falegname Kobaiachi A destra: foto di gruppo 10

11 OPERE

12 Il Fujiyama visto dal lago di Kawaguchi-ko 1987 (K), acrilico su masonite mm 756 x 567 Il galante Fujii Susumu-San 1987 (K), collage mm 291 x 232 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Il giardino delle parole, Museo e Pina coteca Comunale, Macerata, dal 14 al 26 luglio 1990 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

13 Il samurai con chòchò 1987 (K), collage e china mm 363 x 259 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles, 2005 Il samurai Okuma 1987, collage, china e pastelli mm 363 x 259 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

14 Tako, chòchò, hoshi e tsuki 1987 (K), China e acquerello mm 321 x 300 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Omaggio a Renata Pisu 1987 (K), china, pastelli e acquerelli mm 272 x 248 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

15 Tra le nuvole di Hokusai 1987 (K), china e acquerello mm 348 x 343 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles, 2005 Tako, hoshi e tsuki 1987 (K), china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio Bruxelles,

16 Fujiyama, chòchò, tako, tsuki e hoshi 1987 (K), china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Hashi e chòchò 1987 (K), china e acquerelli mm 195 x 127 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

17 Omaggio a Hokusai 1987, china e acquerello mm 445 x 405 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Segni antichi 1987 (K), china, acquerelli e pastelli mm 320 x 240 Esposizioni: Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

18 Nuvola sul Fuji 1987 (K), china e acquerelli mm 400 x 300 Esposizioni: Bolley. Colors: des del Japò al Principat d An dorra (obre sobre paper del periode Ja pones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engor dany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 L albero del Fuji, con chòchò 1988, china e acquerello mm 400 x 300 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

19 Parole tra le pietre. Omaggio a Gianni Vattimo 1987 (K), china e pastelli mm 380 x 350 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dantesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Val dese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 La grande nuvola del Fuji 1987 (K), china e acquerello mm 380 x 350 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dan tesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escal des-engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Cul turale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galle ria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

20 Chòchò 1987 (K), china e acquerelli mm 180 x 130 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dantesca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d Andorra (obre sobre paper del periode Japones), Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pel lice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Notturno sul Fujiyama 1988, china e acquerello mm 375 x 375 Esposizioni: Bolley. Anche la farfalle fanno pipì, Biblioteca Civica Internazionale, Bordighera (Im), Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

21 Segni sulla neve 1977, china su carta a mano mm 430 x 365 Esposizioni: Favole giapponesi, Fògola Galleria Dante sca, Torino, Favole giapponesi, Galleria Saporito, Alba (Cn), Bolley. Colors: des del Japò al Principat d An dorra (obre sobre paper del periode Ja pones), Centre Cultural del Comù d Escaldes- Engor dany, Principat d Andorra, dal 7 al 31 d octubre Bolley. Appunti di viaggio, Centro Culturale Valdese, Torre Pellice (To), dal 27 luglio al 31 agosto Bolley. Viaggio nella memoria, Galleria Ashanti, Roma, Bolley. Affabulandoirottami e isegnidelmondo, Civica Galleria d Arte Contemporanea Filippo Scroppo, Torre Pellice (To) dal 13 novembre 2004 al 26 febbraio Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles, 2005 Bolley-San a Kawaguchi-ko vestito da samurai Ritratto dal pittore Atsushi Mori (K), pastello su cartone mm 337 x 250 Esposizioni: Espace Banca Monte Paschi Belgio - Bruxelles,

22 Fukushima, Tsunami nucleare 2011, china e pastelli mm 400 x 300 Senza titolo 2012, china mm 320 x

23 Centrale atomica 2012, china e pastelli mm 330 x 240 Tako sul Fuji 1987 (K), china e pastelli mm 250 x

24 Fukushima e l arca nucleare 2011, china e pastelli mm 297 x 210 Il grande , china e pastelli mm 250 x

25 Era meglio quando l energia era prodotta dal vento 1987 (K), china e pastelli mm 269 x 209 Fukushima aiuto aiuto 2011, china e pastelli mm 180 x

26 Tako e sole nero 1987 (K), china e pastelli mm 205 x 145 La montagna del samurai 2011, china mm 244 x

27 Tako 1987 (K), china e pastelli mm 175 x 130 Fukushima, un anno dopo 2012, china e pastelli mm 235 x

28 Fukushima 2011, china e pastelli mm 175 x 130 La grande fiammata 2011, china e pastelli mm 250 x

29 Fukushima, il grande uccello 2011, china e pastelli mm 250 x 174 Centrale eolica per respirare pulito 2012, china mm 245 x

30 Il dragone rosso 1988, china e pastelli mm 250 x 175 Fuji, luna e bambù 1987, china e pastelli mm 320 x

31 Pietre laviche 1987 (K), acquarello e china mm 304 x 238 Senza titolo 1989, china e pastelli mm 175 x

32 Quando si gioca con l atomo 1987 (K), china e pastelli mm 205 x 135 Stella, nuvole e tako 2012, china e pastelli mm 176 x

33 Sonde spaziali, buchi neri e fossile 1987, china e pastelli mm 205 x 145 Fukushima: il Fuji è lontano 1987 (K), china mm 250 x

34 Il grande pilone di Kawaguchi-ko 1988, china e pastelli mm 219 x 140 Bambù a Kawaguchi-ko 1988, china e pastelli mm 250 x

35 Il 5 ripetuto di Fujii Susumu-San 1987, china e pastelli mm 205 x 145 Fukushima è solo l inizio 2011, china e pastelli mm 250 x

36 Il Fujiyama e le centrali atomiche 2012, china e pastelli mm 235 x 175 Tako, stella e mangianuvole 1988, china e pastelli mm 250 x

37 Sulle pendici del Fuji 2001, china e pastelli mm 212 x 155 Cinquantacinque 1988, china e pastelli mm 175x

38 Quando ancora sul Fujiyama, esistevano gli Urogalli primigeni 1998, china e pastelli mm 208 x 268 Le pietre del Fuji 1987 (K), china e pastelli mm 330 x 228 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

39 Mutazione genetica 2011, serigrafia, china, acquerelli e pastelli mm 497 x 500 La torre instabile 1987 (K), china, acquerelli e collage mm 540 x 360 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

40 Il poeta e il Fuji proiettato 1987 (K), china e collage mm 725 x 515 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 I giochi di Keiko e di Idemi 1987 (K), collage mm 360 x 350 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

41 Il grande samurai 1987 (K), china e collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Una cascata di numeri 1987 (K), collage mm 540 x 360 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

42 Fuji (K), china, acquerelli e collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone, 1987 Fuji futurista 1987 (K), collage mm 515 x 365 Esposizioni: Sede Centrale della Fukuoka Sogo Bank - Fukuoka, Giappone, Museo Maruey Hyakka -Ten - Nagoya, Giappone,

43 Biografia Eugenio Bolley a tre anni Eugenio Bolley è nato a Gap (Francia), vive e lavora a Bardonecchia dal 1973, in via Melezet, 29. Dai suoi esordi, che risalgono alla fine degli anni Sessanta, ha realizzato in Italia e all estero oltre centoventi mostre tra personali e collettive. Tra le sue mostre, fortemente caratterizzate da un tema sociale, la galleria Quaglino Incontri di Torino promuove, nel 1972, un esposizione dal titolo emblematico, Il Mangianuvole. È forse la prima volta, in Italia ma anche all estero, che viene affrontato in pittura il tema dell inquinamento atmosferico (testo di presentazione di Albino Galvano). Queste, ed altre opere che trattavano il problema del degrado ambientale, furono poi presentate a Roma nella Galleria Ferro di Cavallo. Sempre nel 1972 il Mangianuvole lasciano l Italia per approdare oltre Manica, presso la Fondazione Bertrand Russel di Londra, in occasione del Bertrand Russel Centenary, International Art Exhibition and Sale. Nel 1975, nelle sale del Palais des Congrès di Aix-en-Provence (Francia), viene allestita la mostra Bolley paint sur deux versaints. Queste opere saranno poi presentate nel Centre d Animation Maison des Jeunes et de la Culture di Cavaillon, e infine presso la Galerie des Maîtres Contemporains, sempre ad Aix-en-Provence. Nell estate dello stesso anno espone nel Museo Pinacoteca San Francesco della Repubblica di San Marino. I testi di presentazione di queste mostre furono firmate da Ernesto Caballo e Renzo Guasco. Alla fine degli anni Sessanta inizia anche un ampia ricerca sul segno. Su queste tematiche, gli editori Priuli & Verlucca pubblicano il libro L evoluzione del segno, che raccoglie quaranta riproduzioni di disegni a china e pastello. La pubblicazione, preziosamente curata, ha una tiratura di centocinquanta copie numerate e firmate; il libro sarà integrato da un incisione ad acquaforte con testo a firma di Giorgio Calcagno e Stefano Reggiani. Agli inizi del 1980, mentre continua a sviluppare una ricerca sempre più orientata a massificare il segno, inizia ad 43

44 Vista aerea di Kawaguchi-Ko sulle pendici del Fujiyama dove Bolley ha soggiornato tre mesi nella casa indicata dalla freccia Foto scattata da Bolley a Tokyo il 7 luglio 1987, a Renata Pisu allora corrispondente de La Stampa e al dott. Atushi Mifune direttore generale dello Spazio Institute A destra: Bolley con Fujii Susumu-San a Kawaguchi-Ko 44

45 Disegno raffigurante Bolley-San vestito da antico samurai, realizzato dal pittore Atsushi Mori su di un tovagliolo piegato (25 luglio 1987) assemblare vecchi attrezzi soprattutto in uso presso la civiltà montano-contadina; dall accorta composizione di questi ferri ormai in disuso nasceranno i mitici Urogalli. Queste ed altre opere desteranno l interesse degli scrittori Primo Levi e Mario Rigoni Stern, ma anche del fisico Tullio Regge e di tanti altri intellettuali. Nel 1981 realizza un manifesto per pubblicizzare la mostra libraria Scienza e tecnica in Francia presso il Politecnico di Torino. L allestimento fu curato dall Office de Promotion de l Edition Française, dell Unipresse e dal Centre Culturel Franco-Italien di Torino. Nel 1983 Bolley viene invitato al Quirinale dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini a cui dona il quadro Tutti gli uomini del re. Quest opera faceva parte di un ciclo legato alla dittatura khomeinista e ad altri sistemi totalitari esistenti in quegli anni nel mondo; in questo quadro compare una ringhiosa figura antropomorfa che sovrasta segni normali e succubi. Sempre nel 1983, in collaborazione con l autosalone Zuar-Car di Torino, allestisce una mostra dal titolo Volvo Arte : gli Urogalli vengono collocati tra le automobili. In questa circostanza vengono donati da Volvo Italia all ingegner Nuccio Bertone e all allora presidente della Volvo, Thomas Malm, i loro ritratti che erano stati eseguiti in precedenza da Bolley mediante papier collè. La presidenza della Regione Piemonte, nel 1985, gli organizza una mostra dove vengono esposte per la prima volta le Teste rosse, gli Urogalli e un ampia rassegna di opere legate al segno. Questa mostra, oltre a molte recensioni sulla stampa nazionale e a un servizio di Liliano Frattini per il telegiornale di Raiuno, desterà anche l interesse di Enzo Ferrari e sarà visitata da Primo Levi, a cui era stata dedicata. Il testo di presentazione è firmato da Paolo Fossati. Nel 1987 soggiorna tre mesi a Kawaguchi-Ko sulle pendici del Fujiyama su invito dello Spazio Institute di Tokyo, uno dei più importanti centri di ricerca grafica del Giappone. Le opere realizzate in Giappone saranno esposte nel 1988 in alcuni spazi pubblici nelle città di Nagoya, Fukuoka e Tokyo, sotto il patrocinio dell Associazione Italo-Giapponese e della Fukuoka Sogo Bank, per la quale realizza il calendario per l anno 1988, stampato in due milioni di esemplari. Nel 1988 disegna e costruisce una macchina-scultura in ferro e legno, Omaggio a Enzo Ferrari l auto che non correrà mai. Per l occasione la Regione Piemonte pubblica un prezioso catalogo con testi del Presidente Vittorio Beltrami, Sergio Pininfarina, Gianpaolo Ormezzano, Ferruccio Barnabò, Angelo Dragone, Pierluigi Berbotto e Angelo Mistrangelo, con una serie di fotografie che illustrano le fasi costruttive dell opera, poi collocata definitivamente nel Palazzo della Regione in piazza Castello a 45

46 Bolley con dei militari giapponesi durante una esercitazione sul monte Fuji Torino. Nel 1989 l artista diventa stilista disegnando vestiti Bolley s Geometric an Traces - Introduces Linea Alex : vestiti prêtà-porter realizzati con tessuti stampati, riproducenti i segni che caratterizzano il lavoro di Bolley, eseguiti in esclusiva per la casa di moda torinese. La collezione sarà poi presentata con sfilate a Torino, Milano, Tokyo, Osaka e Singapore. Nel 1990 la città di Macerata gli dedica nel Museo Pinacoteca comunale una mostra antologica dal titolo Il giardino delle parole. (Presentazione di Lucio Cabutti). Nel 1991 presenta presso la Galleria Biasutti di Torino Il giardino della musica. Questi quadri, sempre legati alla ricerca segnica, hanno come elemento dominante i segni musicali: crome, biscrome, chiavi di violino ecc. (Presentazione di Paride Chiapatti). Nel 1992, su invito della presidenza del Lioness Club Moncalieri Castello, illustra ventuno racconti scritti da alcuni dei maggiori scrittori italiani, tra cui Giorgio Calcagno, Guido Ceronetti, Roberto Gervaso, Lorenzo Mondo, Nico Orengo, Mario Rigoni Stern, Antonio Spinosa, Mario Soldati, ecc... I racconti saranno raccolti e pubblicati in un libro dal titolo Tavolozza di favole. Nel 1993 inizia a costruire i Segnatempo (orologi-sculture); queste opere saranno poi esposte per la prima volta presso la Biblioteca Civica A. Arduino di Moncalieri (10 ottobre gennaio 2003). Nelle sale della Galleria La Bussola, a Torino, nel 1994 conclude il ciclo dei Giardini 46

47 segnici con la mostra Alfabeto per una nuova Babele.(Testo di Lorenzo Mondo). Nel 1995 al Centro culturale valdese di Torre Pellice (Torino) viene allestita una mostra di dipinti dal titolo Dal silenzio originario ai segni (Testo di Giorgio Calcagno). L opera Il bosco di Ez, presentata in quell occasione, viene scelta dal Prof. Claudio Canuto, responsabile del Dipartimento di Matematica del Politecnico di Torino, per essere riprodotta sul manifesto pubblicato in occasione del convegno internazionale Recent Advances in Numerical Methods for Partial Differential Equations. Nel 1996 realizza i tredici quadri (12+1) che serviranno ad illustrare il calendario ufficiale della Rai, stampato in trentamila copie. Sempre nel 1996 espone queste opere in un unica mostra, presso la Galleria Arte Tre di Trieste, unitamente ad altre ventuno servite per illustrare il già citato libro Tavolozza di Favole (Testo di Paolo Gallarati). In quella circostanza il poeta Edoardo Sanguineti dedica al lavoro di Bolley una poesia che l artista elabora graficamente, l acrostico dal titolo Sestina, che sarà poi pubblicata nel catalogo e nella raccolta Corollario edita da Feltrinelli. Nel 1997, in occasione dei Mondiali di sci del Sestriere, costruisce per conto delle Ferrovie dello Stato e del Comune di Oulx la scultura mobile Testa rossa, in acciaio e alluminio, collocata in pianta stabile presso la stazione ferroviaria di Oulx (Torino). Con lo stesso materiale, ma con sostanziali differenze formali, costruisce una seconda Testa rossa che gli viene commissionata dal Comune di Sauze d Oulx per essere collocata nella piazza centrale del paese, a ricordo dell avvenimento mondiale. Per l occasione, due sue opere grafiche, verranno stampate su commissione della Comunità Montana Alta Valle di Susa e l Apt Valsusa, e donate agli atleti e alle autorità presenti in valle in occasione dei Mondiali di sci. Il testo di presentazione delle due cartelle è firmato dalla Prof.ssa Evelina Bertero, sindaco di Oulx. Per il cinquantenario dell Unicef illustra e realizza una T-shirt, che sarà messa in vendita per fini umanitari, in collaborazione con i Servizi di Stazione delle Ferrovie dello Stato. Anche la Rai gli commissiona alcune, T-shirt, che verranno stampate con l illustrazione Notturno dall Italia, tratta dal calendario di cui sopra. Su invito della Rai, il 26 maggio 1997 partecipa al programma Uno Mattina. In quella circostanza presenta Gli Urogalli: le vecchie cose tornano d attualità. La Direzione generale dei Monopoli di Stato pubblica l opera L Albero di Neve per illustrare il Gratta e vinci - Bingo! stampato in trecento milioni di esemplari, più due milioni di locandine. Per lo Zonta Club Torino 2 illustra la Remember Card n. 5. Segnalibro d autore. Con lo stesso soggetto viene realizzata un opera grafica colorata a mano con colori ad acquerello. La finalità della vendita avrà carattere umanitario. Nel 1998 presso il Centre des Congrès Le Manège di Chambéry (Francia) viene alle- La grande bicicletta rosa e blu realizzata da Bolley in occasione del 14ª tappa del Giro d Italia

48 Bolley escursionista tra le montagne dell Alta Val Susa stita con finalità didattica la mostra Anche gli Urogalli vanno all Università. La manifestazione rientra nel progetto La scuola del vicino - L école du voisin, organizzata dal Provveditorato agli Studi di Torino e dal Rectorat d Académie de Grenoble nell ambito del programma Interreg Cee. Sotto il patrocinio delle Province di Torino, di Asti e di Biella, Bolley partecipa in qualità di esperto e collabora allo svolgimento dei lavori nel laboratori-atelier Scienze e Arti. Nel 1999 illustra per la Torveca di Vigevano, con elementi segnici caratterizzanti il suo lavoro, una serie di sei tazzine da caffè (a scopo benefico) che saranno poi prodotte dalla Ipa di Usmate (Milano). Ancora nel 1999 espone presso il Centre Cultural del Comù d Escaldes-Engordany, nel Principato di Andorra, nella mostra Colors: des del Japò al Principat d Andorra, testo di presentazione di Paolo Gallarati. Nella prospettiva delle Olimpiadi del 2006 realizza una significativa opera riproducente molti tratti caratterizzanti la valle di Susa. Questo quadro sarà poi riprodotto mediante stampa serigrafica, con una tiratura limitata, per conto della presidenza della Provincia di Torino. Nel 2000 inizia a costruire, sempre usando sofisticati materiali di recupero (valvole in bronzo, rubinetterie, vecchi ferri da stiro, ecc.), il ciclo degli elicotteri. Nel periodo della mostra Omaggio alla Valle di Susa, organizzata dal Comune di Bardonecchia presso il Palazzo delle Feste durante le vacanze di Natale, viene presentato il volume Dal silenzio ai segni, con testo introduttivo del giornalista de La Stampa, Giorgio Calcagno. Le quaranta opere riprodotte, che illustrano il libro, erano state realizzate per la maggior parte durante il soggiorno dell artista in Giappone nel Nella primavera del 2001, in collaborazione con un gruppo di Anziani Ferrero, realizza una scultura-elicottero di grandi dimensioni che resterà stabilmente presso la Fondazione Ferrero. L opera, alta circa 4,5 m, è esposta con altre cento opere nella mostra personale L elicotterorosa, allestita nella sede della Fondazione Ferrero di Alba. L esposizione e Momenti n. 5, firmato da Francesco Poli, sono dedicati alla memoria di Arturo Buccolo, valente collaboratore della Fondazione, pre- 48

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro realizzazione grafica: Valerio Rosati - Ufficio Stampa Rai Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro italiano:

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera.

Sono state ideate e condotte 4 letture animate per la scuola Infanzia e Primaria ed altrettanti 4 incontri per l'utenza libera. Cristina Sedioli V. Marconi, 15 Montiano (FC) Tel: 0547-314074; 347-7354539 E-mail: cristina.sedioli@alice.it Al Sindaco Fabio Molari Resoconto del progetto Che avventura la lettura Percorsi narrativi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Martedì 19 maggio 2015 - ore 10

Martedì 19 maggio 2015 - ore 10 Martedì 19 maggio 2015 - ore 10 Dipinti antichi, dell 800, del 900 e contemporanei (1-238) Il Gruppo Missionario Un pozzo per la vita di Merano (GMM) è un organizzazione non governativa, Onlus, fondata

Dettagli

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

Credevo di essere un fisico

Credevo di essere un fisico Credevo di essere un fisico Giorgio Roncolini CREDEVO DI ESSERE UN FISICO biografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giorgio Roncolini Tutti i diritti riservati A mia moglie Anna Ai miei figli

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

SCHEDA PROFILO ARTISTICO

SCHEDA PROFILO ARTISTICO SCHEDA PROFILO ARTISTICO Ermanno Franchini nato a Salò ( BS ) il 14/10/1958 residente a Toscolano Maderno in via Paolo Veronese, 32 Tel. 0365-548482 Cell. 349-8133604 E.mail : ermanno.franchini@libero.it

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I

Dettagli

PROGETTO INCONTRO CON L ARTE

PROGETTO INCONTRO CON L ARTE PROGETTO INCONTRO CON L ARTE Insegnante: Facchini Magda PREMESSA Fra i tanti linguaggi, che la scuola propone ai bambini per favorire la loro comprensione e comunicazione con il mondo, quello grafico-

Dettagli

ATELIER DEL MUSEO IN ERBA ARTE CHE PASSIONE! Programma: 20 febbraio 12 giugno 2016

ATELIER DEL MUSEO IN ERBA ARTE CHE PASSIONE! Programma: 20 febbraio 12 giugno 2016 ATELIER DEL MUSEO IN ERBA ARTE CHE PASSIONE! Programma: 20 febbraio 12 giugno 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni: tel. + 41 91 835 52 54 www.museoinerba.com ATTIVITÀ PROPOSTE

Dettagli

CORSI DI PITTURA. DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta

CORSI DI PITTURA. DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta CORSI DI PITTURA DISEGNO E PITTURA Tecnica a scelta Il corso è aperto a tutti, anche a chi non ha mai disegnato o dipinto. L'obiettivo di questo corso è la scoperta delle qualità interpretative di ognuno.

Dettagli

Concorso nazionale d arte Stefano Fugazza XIV Edizione

Concorso nazionale d arte Stefano Fugazza XIV Edizione Comune di Vigolzone Provincia di Piacenza Concorso nazionale d arte Stefano Fugazza XIV Edizione Il Concorso Nazionale d arte Stefano Fugazza è organizzato dal comune di Vigolzone in collaborazione con

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di CARSOLI Sandro Iacuitti

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di CARSOLI Sandro Iacuitti Mostra fotografica Arboreto salvatico alberi e boschi naturali delle montagne italiane omaggio a Mario Rigoni Stern RELAZIONE SULL EVENTO Il Presidente e il Consiglio Direttivo della Sezione hanno espresso

Dettagli

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere:

Dal manifesto delle esigenze abitative dei bambini emergevano 10 indicazioni per la realizzazione delle abitazioni. La casa deve essere: L intervento è stato realizzato a Correggio piccola città di circa 23.000 abitanti che eccelle per la molteplicità di politiche sviluppate nei confronti dei bambini. La ricerca ha indagato con molta cura

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 4 uscita del 27 ottobre 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30 ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 12 dicembre '11 N di pagine (compreso

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE

IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE DIRE FARE E PENSARE IL DIARIO DI LABORATORIO DELLA MIA CLASSE SCUOLA dell Infanzia SEZIONE A. FUSARI Altavilla Vic.na BAMBINI GRANDI LABORATORIO/PROGETTO REALIZZAZIONE MURALES Anno Scolastico 2014-2015

Dettagli

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA

PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA Scuola infanzia di PALATA PEPOLI PROGETTO MUSICA E BIBLIOTECA DI QUALCHE ANNO FA. Di W:A MOZART Il Flauto Magico Progetto musica e biblioteca Scuola dell Infanzia di Palata Pepoli Destinatari: Luogo: Durata:

Dettagli

http://www.trio-lescano.it/ Biografie dei cantanti che hanno collaborato col Trio Lescano di Alessandro Rigacci

http://www.trio-lescano.it/ Biografie dei cantanti che hanno collaborato col Trio Lescano di Alessandro Rigacci http://www.trio-lescano.it/ Biografie dei cantanti che hanno collaborato col Trio Lescano di Alessandro Rigacci Restauro delle immagini, revisione del testo e impaginazione del Curatore Sono vietati l

Dettagli

COLORE E COSCIENZA. Flavia Mieni

COLORE E COSCIENZA. Flavia Mieni LUCIANO GASPARIN COLORE E COSCIENZA LUCIANO GASPARIN COLORE E COSCIENZA COLORE E COSCIENZA Una linea morbida e irregolare come il mondo, colori che si sormontano a pezzi di realtà, racconti e storie di

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 3 uscita di giugno 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via Casentinese,73/f

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita 1 2 Una esperienza coinvolgente e vissuta sul terre della creatività Una giornata r provocazioni, non esperti, in una decina di La realizzazion propria opera

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere

Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere Insegnanti e classi Antonella Battilani, progettazione grafica in collaborazione con Luigi Cappelli, esercitazioni di laboratorio

Dettagli

Alessandro mendini parliamone insieme

Alessandro mendini parliamone insieme Alessandro mendini parliamone insieme collezione gori Alessandro Mendini parliamone insieme collezione gori fotografie Serge Domingie pp. 15, 17, 18, 26-27, 46-47, 54-55, 59 Carlo Fei pp. 11, 19, 24-25,

Dettagli

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi.

Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Nello sviluppo continuo della sua ricerca artistica, Giampaolo Talani ha saputo creare uno stile ed un mondo poetico tutti suoi. Il filo che porta in questo mondo passa anche attraverso i tanti simboli

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA LE SCATOLE DEGLI ATTREZZI DI TINGUELY ERRÓ: ATELIER MÉCACOLLAGES Programma PARTE II 1 dicembre 2013 9 febbraio 2014 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Grizzana Morandi Fienili del Campiaro. IL PAESAGGIO NECESSARIO Omaggio a Giorgio Morandi. a cura di Eleonora Frattarolo

Grizzana Morandi Fienili del Campiaro. IL PAESAGGIO NECESSARIO Omaggio a Giorgio Morandi. a cura di Eleonora Frattarolo Grizzana Morandi Fienili del Campiaro IL PAESAGGIO NECESSARIO Omaggio a Giorgio Morandi IL PAESAGGIO NECESSARIO a cura di Eleonora Frattarolo Comune di Grizzana Morandi Con il patrocinio di: Regione Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Mazzoni Cinzia. Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015

Mazzoni Cinzia. Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015 Mazzoni Cinzia Senza meta acrilico su legno 100 X 150 anno 2015 Nata e residente a Livorno, Cinzia Mazzoni inizia il suo percorso artistico come illustratrice. La sua passione nasce in realtà da quando

Dettagli

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE

PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE PICCOLO PRINCIPE BED & BREAKFAST FIRENZE REALIZZAZIONE DI OPERE ARTISTICHE A TEMA: IL PICCOLO PRINCIPE Progetto di Marilisa Brocca con la collaborazione delle allieve-artiste del gruppo Ronzinella Mogliano

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Sperimentiamo il colore come atmosfera guidati dal filo narrativo delle fiabe.

Sperimentiamo il colore come atmosfera guidati dal filo narrativo delle fiabe. LUNEDÌ La fiaba incontra l acquerello Sperimentiamo il colore come atmosfera guidati dal filo narrativo delle fiabe. ACCOMPAGNA: Sabina Marchi. Laureata in ambito filosofico-pedagogico, conduce laboratori

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

IN-COSTANTE RILEVANZA

IN-COSTANTE RILEVANZA MARCO FERRI IN-COSTANTE RILEVANZA a cura di Monica Morotti testo di Vittoria Broggini Morotti Arte Contemporanea Piazza Monte Grappa 9 [centro storico] Daverio, Varese T +39 0332 947123 C. +39 335 6348880

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SEZIONE ROSSA Descrizione dettagliata delle attività

SEZIONE ROSSA Descrizione dettagliata delle attività SEZIONE ROSSA Descrizione dettagliata delle attività L angolo del tempo è molto importante nella nostra sezione. È un angolo che si costruisce nel corso dei mesi in corrispondenza del passaggio delle stagioni,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LABORATORI TEORICO/PRATICI LABORATORI PRATICI LEZIONI D ARTE WORKSHOP

LABORATORI TEORICO/PRATICI LABORATORI PRATICI LEZIONI D ARTE WORKSHOP La creatività [ ] si forma e si trasforma continuamente. Essa esige una intelligenza pronta ed elastica, una mente libera da preconcetti di alcun genere, pronta a imparare ciò che gli serve in ogni occasione

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Iniziative proposte Esposizione delle Violette di Parma, storia e tecniche colturali I fiori e i loro segreti nascosti

Iniziative proposte Esposizione delle Violette di Parma, storia e tecniche colturali I fiori e i loro segreti nascosti Iniziative proposte Esposizione delle Violette di Parma, storia e tecniche colturali Illustrazione dei legami tra questo fiore e la nostra città - a cura di Empirica e degli Amici dell'orto Botanico. 4,

Dettagli

Conservare l'infanzia dentro di se vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare.

Conservare l'infanzia dentro di se vuol dire conservare la curiosità di conoscere, il piacere di capire, la voglia di comunicare. Il gioco è un modo per minimizzare le conseguenze delle azioni e quindi apprendere in una situazione meno rischiosa. Offre un eccellente opportunità per provare combinazioni di comportamenti che non sarebbero

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Aldo Audisio. http://www.museomontagna.org/it/home/index.php FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo della montagna Duca degli Abruzzi Torino: il più importante del mondo a colloquio con Aldo Audisio http://www.museomontagna.org/it/home/index.php Il Museo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

MONDO ALLA ROVESCIA. Ilya

MONDO ALLA ROVESCIA. Ilya MONDO ALLA ROVESCIA Nel mio disegno c'è una faccia con degli strani capelli, un uccello con tanti colori come Arlecchino. Al centro una palla rappresenta la Terra, accanto uno strano boomerang. Vicino

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO

Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO Stefania Debole di M. Luna Gambato PREMESSA Realizzare un libro per il bambino significa renderlo attivo e consapevole

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE ELENCO MATERIALE DI SCIENZE Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze L acqua (ed. De Agostini Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze Il pianeta Terra (ed. De Disney - Esplora: tutto il mondo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MERCATO SARACENO CAPOLUOGO (SEZIONE C 3-4-5 ANNI) Insegnanti: Arrigoni Nadia - Cornieti Loredana DOCUMENTAZIONE PROGETTO: CON IL CIELO NEGLI OCCHI ANNO SCOLASTICO 2008/2009 AL PROGETTO

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. CON IL PATROCINIO DIMinistero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. c/o UISP Via Bocchi, 32-50126

Dettagli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli

L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli UNDO.NET 4/3/2011 L'Accademia Russa di Belle Arti / Zurab Tsereteli PIO SODALIZIO DEI PICENI, ROMA La mostra ''L'Accademia Russa di Belle Arti'' svela al pubblico fatti, personaggi ed eventi in 3 secoli

Dettagli

Gli operatori di Biblioteca, Centro della Cultura, Centro Giovani, Ludovilla e Museo della Bilancia

Gli operatori di Biblioteca, Centro della Cultura, Centro Giovani, Ludovilla e Museo della Bilancia CAMPOSCUOLA 2006/2007 Progetti d intervento e supporti didattici a cura della Biblioteca, del Centro della Cultura, di Ludovilla e del Museo della Bilancia del Comune di Campogalliano Si apre un nuovo

Dettagli

UFFICIO STAMPA ALLEMANDI Cristina Casoli Tel.: +39 011 8199115 Email: cristina.casoli@allemandi.com

UFFICIO STAMPA ALLEMANDI Cristina Casoli Tel.: +39 011 8199115 Email: cristina.casoli@allemandi.com COMUNICATO STAMPA MOSCA FABBRICHE DELL UTOPIA Museo Statale di Architettura Schusev MUAR - Mosca 27 aprile - 17 di giugno 2012 Inaugurazione giovedì 26 aprile h. 18.00 curatore Umberto Zanetti Dal 27 aprile

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 Sezione 5 anni Scuola dell infanzia G.Pascoli Tirocinante Paola Guaitoli PREMESSA: I DIRITTI DELLA CONVENZIONE La convenzione sui diritti dell infanzia e dell adolescenza è stata

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Società immobiliare operativa dal 1985

Società immobiliare operativa dal 1985 IBIM Investimenti Beni Immobili Milano Società immobiliare operativa dal 1985 vendite frazionate di immobili ad uso abitazione acquisto diretto di interi stabili intermediazione di singole unità consulenza

Dettagli

Ins.te Barbara Infante

Ins.te Barbara Infante PROGRAMMAZIONE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Scuola dell infanzia - I.C.S. Via dei Garofani Triennio 2014/15-2015/16-2016/17 Ins.te Barbara Infante - ANNI 3 - OBIETTIVI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività

CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività CAPITOLO 4 Conclusioni 4.1 Conclusione delle attività Alla fine delle attività si è pensato di far produrre un questionario agli utenti che avevano partecipato al programma, per due motivi: 1. Ricavare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli