FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001"

Transcript

1 FIDIA S.p.A. RELAZIONE SUI DATI SEMESTRALI AL 30 GIUGNO 2001 Consiglio di Amministrazione 27 settembre

2 FIDIA S.p.A. Capitale sociale sottoscritto e versato EURO Iscritta presso il Registro delle Imprese di Torino al n R.E.A. di Torino n Sede legale in San Mauro Torinese (Torino) Corso Lombardia n. 11 Sito internet: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente (*) Giuseppe Morfino Amministratore Delegato Luigi Visconti Amministratori Fabio Alberto Regoli Giuseppe Floridia Gianfranco Carbonato Direttore Generale Luigi Visconti COLLEGIO SINDACALE Presidente (**) Leonardo Cuttica Sindaci Effettivi Enrico Bonicelli Piera Braja Sindaci Supplenti Edoardo Aschieri Mario Del Sarto SOCIETA DI REVISIONE (***) Mazars & Guerard S.p.A. (*) Nominato dall Assemblea degli Azionisti del 7 marzo 2000 nelle persone di Giuseppe Morfino, Luigi Visconti e Fabio Alberto Regoli, e dall Assemblea degli Azionisti del 3 luglio 2000 nelle persone di Giuseppe Floridia e Gianfranco Carbonato, fino all approvazione del bilancio dell esercizio (**) Nominato dall Assemblea degli Azionisti del 14 maggio 1999 nelle persone di Leonardo Cuttica, Enrico Bonicelli, Edoardo Aschieri e Mario Del Sarto, e dall Assemblea degli Azionisti del 3 luglio 2000 nella persona di Piera Braja, fino all approvazione del bilancio dell esercizio (***) Nominata dall Assemblea degli Azionisti del 3 luglio 2000 per il triennio

3 POTERI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DELL AMMINISTRATORE DELEGATO Elenchiamo di seguito i principali poteri esercitabili dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall Amministratore Delegato della società. Per l elenco completo rinviamo a quanto indicato nel certificato della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino. Presidente del Consiglio di Amministrazione: Giuseppe Morfino Ha la legale rappresentanza della società di fronte a terzi ed in giudizio, con firma libera, per l esercizio di tutti i più ampi poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, con facoltà di nominare procuratori speciali per singole operazioni o categorie di operazioni e con facoltà di effettuare operazioni bancarie di qualsiasi tipo e senza limiti di importo, con la sola esclusione dei poteri e dei diritti espressamente riservati al Consiglio di Amministrazione dalla legge o dallo Statuto della società. Rimangono di competenza del Consiglio di Amministrazione i seguenti atti: cessione e/o affitto dell azienda o di rami della stessa; acquisto di rami d azienda; acquisizione e/o cessione di immobili e/o diritti reali e/o servitù sugli stessi; iscrizioni di ipoteche su immobili di proprietà sociale. Amministratore Delegato: Luigi Visconti Ha la legale rappresentanza della società, con firma sociale libera, per l esercizio dei seguenti poteri: promuovere e sostenere azioni e istanze giudiziarie e rappresentare la società in ogni causa o procedimento civile, penale, amministrativo e fiscale, sia in Italia che all estero; stipulare, rinnovare e risolvere contratti di ogni e qualsiasi tipo, senza limite di somma e durata, per qualsiasi affare inerente all oggetto sociale; sovrintendere allo svolgimento delle attività sociali e, in particolare, all andamento produttivo, commerciale, amministrativo, organizzativo, tecnico e disciplinare della società; acquistare, vendere, permutare e compiere ogni altro atto di disposizione su beni mobili; aprire, intrattenere e chiudere depositi e conti correnti, sia bancari sia postali, al nome della società; disporre prelievi e versamenti sui conti attivi e passivi intestati alla società, anche allo scoperto ma nei limiti del fido ad essa concesso, firmando assegni, disposizioni e quietanze; eseguire, trattare e definire ogni pratica nel settore amministrativo e fiscale, presso qualsiasi ufficio, società, ente o associazione, curando l osservanza di tutte le norme sostanziali inerenti; assumere, sospendere, licenziare e liquidare dirigenti, impiegati, operai, con esclusione di ogni potere nei confronti del personale dirigente che ricopra la carica di Direttore Generale della società; organizzare, dirigere e controllare l attività intesa all esecuzione degli obblighi assicurativi, previdenziali ed antinfortunistici relativi ai dipendenti della società, nel rispetto della normative vigente; dare piena attuazione alla normativa sull inquinamento, a tutela dell ambiente e della sicurezza sul lavoro. 3

4 STRUTTURA DEL GRUPPO FIDIA FIDIA S.p.A. MECCANICA CORTINI S.p.A. Italia 100% Fidia S.p.A. SIMAV S.p.A. Italia 100% Fidia S.p.A. Fidia GmbH Germania 100% Fidia S.p.A. FIDIA Co. Stati Uniti 100% Fidia S.p.A. FIDIA do Brasil Ltda Brasile 99,75% Fidia S.p.A. 0,25% Terzi SITRA AUTOMAZIONE srl Italia 73% Fidia S.p.A. 27% Terzi FIDIA Sarl Francia 93,19% Fidia S.p.A. 6,81% Fidia GmbH Beijing Fidia M. & E. Co. Ltd Cina 92% Fidia S.p.A. 8% Terzi FIDIA Iberica S.A. Spagna 99,993% Fidia S.p.A. 0,007% Terzi 4

5 PREMESSA Le seguenti note, relative alla situazione semestrale del Gruppo Fidia al 30 giugno 2001, sono state predisposte secondo quanto previsto dall allegato 3c-bis del regolamento recante le norme di attuazione al decreto legislativo 24 febbraio 1998 n

6 INFORMAZIONI SULLA GESTIONE Signori Azionisti, nel sottoporre alla Vostra attenzione i risultati relativi al primo semestre 2001, dobbiamo purtroppo rilevare che in tale periodo, dopo un anno 2000 decisamente positivo, si è verificato un progressivo rallentamento dell economia mondiale, rallentamento confermato da tutti gli indicatori economici di settore. In questo quadro le due linee di business in cui opera la società mostrano un andamento difforme. La linea dei controlli numerici e software evidenzia una contrazione in termini di fatturato (-7%) rispetto allo stesso periodo del 2000 mentre la linea dei sistemi di fresatura ad alta velocità risulta in spiccata controtendenza (+34%). La contrazione del fatturato della linea di business a più elevata redditività e la presenza, nel primo semestre 2000, di elementi reddituali eccezionali rende conto del significativo scostamento a livello di margini tra i due periodi in esame. Il fatturato realizzato nel primo semestre 2001 è di migliaia di Euro, in crescita del 16,3% rispetto ai migliaia di Euro del primo semestre Il risultato prima delle imposte (EBT) è di 966 migliaia di Euro contro le migliaia di Euro del primo semestre Più in particolare, il conto economico riclassificato del periodo confrontato con il periodo precedente, si presenta come segue: (migliaia di Euro) % % Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,0% ,9% Variazione delle rimanenze 320 1,9% 137 0,9% Incrementi immobilizzazioni per lavori interni 0 0,0% 0 0,0% Altri ricavi e proventi 874 5,1% ,2% Valore della produzione ,0% ,0% Consumi di materie prime (8.335) -48,5% (6.495) -42,5% Servizi e altri costi operativi (4.657) -27,1% (2.992) -19,6% Valore aggiunto ,3% ,9% Costo del personale (3.490) -20,3% (3.174) -20,8% Margine operativo lordo (EBITDA) 689 4,0% ,1% Accantonamento a fondo svalutazione crediti (58) -0,3% (53) -0,3% Accantonamento a fondo rischi ed oneri (15) -0,1% (46) -0,3% Ammortamenti delle immobilizzazioni (296) -1,7% (297) -1,9% Risultato operativo (EBIT) 320 1,9% ,5% Oneri e proventi finanziari netti 646 3,8% (74) -0,5% Svalutazione partecipazioni 0 0,0% 0 0,0% Oneri e proventi straordinari netti 0 0,0% 232 1,5% Risultato prima delle imposte (EBT) 966 5,6% ,6% Il margine operativo lordo (EBITDA) del periodo è di 689 migliaia di Euro rispetto a migliaia di Euro del primo semestre 2000, con un decremento del 73,7%. Rispetto al valore della produzione tale margine passa dal 17,1% del primo semestre 2000 al 4% del periodo in esame. 6

7 La riduzione del margine operativo lordo è dovuta ai seguenti motivi: - spostamento del mix di fatturato verso i sistemi di fresatura ad alta velocità che presentano una minore redditività rispetto ai controlli numerici e software (l incidenza dei sistemi di fresatura sul totale delle fatturato passa dal 56,4% del primo semestre 2000 al 65% del primo semestre 2001); - minori contributi in conto esercizio per la ricerca (da migliaia di Euro del periodo precedente a 646 migliaia di Euro del primo semestre 2001 a parità di costi sostenuti per ricerca e sviluppo); - presenza fra i ricavi del primo semestre 2000 di una vendita di know how per 640 migliaia di euro; - incremento di personale e dei servizi correlati, soprattutto nell area tecnica e commerciale, quale investimento programmato in funzione della crescita per linee interne dell attività del gruppo; - incremento dei costi generali per accresciuti adempimenti amministrativi, informativi e pubblicitari; - incremento dell incidenza delle vendite attraverso le società controllate estere funzionanti da re-seller; tali canali di vendita, che prevedono l adozione di sconti intercompany, hanno assorbito oltre il 57% del fatturato della capogruppo rispetto al 43% del primo semestre L EBIT sconta ammortamenti per 296 migliaia di Euro, prudenziali svalutazioni dei crediti per 58 migliaia di Euro e accantonamenti per rischi per 15 migliaia di Euro. Rispetto al valore della produzione tale margine passa dall 14,5% del primo semestre 2000 al 1,9% del primo semestre L utile ante imposte, di cui si è già detto, beneficia del positivo andamento della posizione finanziaria del periodo. La situazione patrimoniale riclassificata si presenta come segue: 7

8 (migliaia di Euro) Immobilizzazioni materiali nette Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie Capitale Immobilizzato (A) Crediti commerciali netti verso clienti Rimanenze finali Altre attività correnti Attività d esercizio a breve termine (B) Debiti commerciali verso fornitori (4.337) (5.519) (3.473) Altre passività correnti (7.699) (7.755) (7.881) Passività d esercizio a breve termine (C) (12.036) (13.274) (11.354) Capitale circolante netto (D) = (B+C) Trattamento di fine rapporto (E) (1.393) (1.304) (1.389) Fondi per rischi ed oneri (F) (433) (418) (317) Capitale investito netto (G) = (A+D+E+F) Posizione finanziaria Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni (4.660) 0 (1.033) Cassa, conti correnti bancari (7.859) (18.480) (2.135) Debiti verso banche a breve Debiti verso altri finanziatori quota a breve Posizione finanziaria a breve termine (9.575) (10.231) Finanziamenti a lungo termine, al netto quota corrente Posizione finanziaria netta (I) (8.801) (8.504) Capitale sociale Riserve Utile lordo del periodo (netto al ) Totale patrimonio netto (H) Mezzi propri e posizione finanziaria netta (L) = (I + H) Il capitale circolante netto registra nel primo semestre 2001 un leggero incremento (da a migliaia di Euro). Nel periodo considerato la differenza tra crediti e debiti commerciali si riduce da a migliaia di Euro confermando la capacità della società di coordinare, da un punto di vista finanziario, le politiche di fornitura con quelle di credito commerciale. L incremento delle rimanenze, pari a 566 migliaia di Euro, è in qualche misura puntualmente rilevabile in ogni esercizio in quanto la società si appresta ad affrontare gli impegni produttivi del secondo semestre. La posizione finanziaria netta evidenzia un miglioramento rispetto al (+297 migliaia di euro). Tale miglioramento è dovuto all impiego dei mezzi finanziari ottenuti dalla quotazione e al positivo andamento economico della società. La liquidità è provvisoriamente impiegata in operazioni di hot money e PCT a un mese rinnovabili e in una operazione di capitalizzazione a premio unico con possibilità di smobilizzo immediato senza costi. ANDAMENTO DEL TITOLO Al 29 giugno 2001 il prezzo di chiusura del titolo era pari a 12,098 Euro con una perdita del 3,3% rispetto a inizio anno. L andamento del titolo nel primo semestre 2001 è comunque risultato decisamente migliore rispetto a quello dell indice borsistico di riferimento (NUMTEL 34,1%). 8

9 Alla data del 19 settembre 2001 la situazione risulta purtroppo peggiorata anche a causa dei tragici avvenimenti verificatisi negli USA. Il titolo Fidia perde il 36% rispetto all inizio dell anno (NUMTEL 63%). FATTURATO Il fatturato ha registrato una crescita del 16,3% passando da migliaia di Euro realizzati nel primo semestre 2000 a migliaia di Euro del primo semestre L'andamento del fatturato per linea di business è fornito nella seguente tabella: (migliaia di Euro) % % Controlli numerici e software ,6% ,4% Assistenza post-vendita ,2% ,2% Totale Controlli numerici e software ,8% ,6% Sistemi di fresatura ad alta velocità ,2% ,6% Assistenza post-vendita 156 1,0% 113 0,8% Totale Sistemi di fresatura ad alta velocità ,2% ,4% Totale fatturato ,0% ,00% Controlli numerici e software La linea dei controlli numerici, comprensiva dei programmi software CAM e del service alla clientela, risente significativamente del rallentamento dell economia internazionale di settore (L UCIMU Sistemi per produrre rileva un calo del 17,5% negli ordini raccolti dai costruttori italiani di macchine utensili rispetto al primo semestre del 2000). In tale scenario la linea di business mostra una flessione del 9,3% sul semestre rispetto allo stesso periodo del Sistemi di fresatura ad alta velocità La linea dei sistemi di fresatura ad alta velocità, in controtendenza in termini di fatturato rispetto all andamento del settore, evidenzia invece una crescita del 34,2% sul semestre rispetto allo stesso periodo del Nei due esercizi di riferimento il fatturato è così suddiviso per area geografica: (migliaia di Euro) TOTALE TOTALE AREA FATTURATO FATTURATO GEOGRAFICA % % ITALIA ,8% ,4% GERMANIA ,4% ,6% SPAGNA/PORTOGALLO 879 5,5% 912 6,7% FRANCIA/BELGIO 708 4,4% 993 7,2% CINA ,0% ,3% BRASILE 80 0,5% 27 0,2% USA/CANADA ,6% 357 2,6% RESTO DEL MONDO ,8% 823 6,0% TOTALE ,00% ,00% 9

10 Ancora secondo l UCIMU, per i costruttori italiani di macchine utensili, la contrazione degli ordinativi sopra indicata, risulta essere del 23,9% per il mercato italiano del 9,9% per quello estero rispetto all analogo periodo del Anche per la Fidia risulta evidente il rallentamento del mercato domestico (-28,1%), probabilmente anche per l attesa di eventuali più favorevoli trattamenti fiscali sugli investimenti, ed altrettanto evidente la stasi del mercato europeo, con l importante eccezione della Germania che mostra una crescita dell 83% nel semestre rispetto all analogo periodo dell anno precedente, tornando a livelli di eccellenza dopo un biennio piuttosto travagliato. Nelle aree extraeuropee, ove stiamo perseguendo importanti obiettivi di espansione commerciale, i fatturati del primo semestre 2001 evidenziano più che significativi incrementi rispetto al primo semestre L incidenza percentuale del fatturato di queste aree passa dal 16,1% del primo semestre 2000 al 28,9% del primo semestre ATTIVITA COMMERCIALE La tabella che segue espone l andamento dell acquisizione ordini e del portafoglio nei due periodi di riferimento. I dati sono suddivisi secondo le due principali linee di business. CONTROLLI NUMERICI SISTEMI DI FRESATURA (migliaia di Euro) E SOFTWARE AD ALTA VELOCITA' TOTALE Portafoglio ordini al Acquisizione ordini 1^ semestre Fatturato 1^ semestre 2000 (5.983) (7.755) (13.738) Portafoglio ordini al Portafoglio ordini al Acquisizione ordini 1^ semestre Fatturato 1^ semestre 2001 (5.566) (10.411) (15.977) Portafoglio ordini al Come si può notare, la linea di business controlli numerici e software risente in modo significativo della sfavorevole congiuntura internazionale evidenziando un calo degli ordinativi del 15,3% fra i due periodi, sostanzialmente in linea con gli indicatori di settore. Risulta invece praticamente invariata (-1,2%) l acquisizione ordini per i sistemi di fresatura ad alta velocità. RICERCA E SVILUPPO Anche nel primo semestre 2001 la società è stata intensamente impegnata in molteplici attività di ricerca e sviluppo finalizzate al mantenimento di una posizione tecnologica d avanguardia e all adeguamento dei propri prodotti alle esigenze della clientela (introduzione del Pentium IV nella configurazione hardware dell interfaccia operatore del controllo numerico, prototipazione di processori con maggior potenza di calcolo nella 10

11 sezione real time, prosecuzione dello sviluppo del protocollo di comunicazione ad alta velocità; incremento della velocità di calcolo del pacchetto CAM HI-MILL; restyling della linea D218/318, sviluppo di un nuovo modello di sistema di fresatura ad alta velocità di taglia intermedia). Da sottolineare inoltre la progettazione di un nuovo sistema di fresatura con impiego di motori lineari, sistema che verrà presentato sul mercato nella seconda metà nell anno. La società infine è costantemente impegnata a svolgere una sistematica attività di ricerca nell ambito dei progetti finanziati dall Unione Europea e dal MURST I costi dell'attività di ricerca e sviluppo sostenuti dalla società sono pari a migliaia di Euro. Circa i due terzi di tali costi si identificano nei costi per il personale dedicato all'attività di ricerca e sviluppo. PERSONALE Il costo del personale ammonta a migliaia di Euro contro migliaia di Euro del 1^ semestre 2000 (+10%). L incidenza del costo del lavoro sul valore della produzione scende peraltro dal 20,8% al 20,3%. Nella tabella seguente sono riportati l andamento medio dell organico, del valore aggiunto e del fatturato per dipendente e del costo per dipendente Dirigenti 12,5 11,5 Impiegati e quadri ,5 Operai 1,5 1,5 Totale n. dipendenti medio ,5 Valore aggiunto (migliaia di Euro) Valore aggiunto per dipendente su base annua (migliaia di Euro) Costo del lavoro (migliaia di Euro) Costo medio per dipendente su base annua (migliaia di Euro) La riduzione del valore aggiunto per dipendente trova le sue cause negli elementi già elencati a proposito dell andamento dell EBTDA mentre la riduzione del costo medio per dipendente è dovuta all assunzione di personale, oggetto di formazione interna nel medio periodo, con retribuzione iniziale di livello non elevato. RAPPORTI TRA LE SOCIETA DEL GRUPPO I rapporti tra le società del Gruppo sono di natura essenzialmente commerciale. La produzione delle macchine fresatrici, dei componenti meccanici e degli impianti elettrici è affidata, in seno al Gruppo, alle controllate italiane Meccanica Cortini S.p.A., Simav S.p.A. e Sitra Automazione S.r.l. In particolare Meccanica Cortini S.p.A. e Simav S.p.A. sono impegnate nella produzione di fresatrici ad alta velocità con marchio Fidia-Digit, mentre Sitra Automazione S.r.l. produce azionamenti e fornisce quadri elettrici a Meccanica Cortini S.p.A. e a Simav S.p.A. Tali prodotti vengono quindi acquistati dalla capogruppo che ne cura l'integrazione con i controlli numerici ed il software da essa prodotti. Le controllate estere di Fidia svolgono quindi attività di vendita ed assistenza

12 tecnica dei prodotti del Gruppo nei rispettivi mercati e a tal fine li acquistano dalla capogruppo (e, in misura limitata, direttamente dalle controllate italiane). I rapporti di vendita intragruppo sono effettuati sulla base di prezzi di trasferimento applicati con continuità e senza difformità tra società; il rapporto di fornitura avviene sulla base di normali prezzi di mercato. ANDAMENTO DELLE SOCIETA DEL GRUPPO Diamo di seguito una informativa sintetica sull andamento delle società del gruppo nel periodo. Per rendere più significativo il quadro generale delle società gli importi sono espressi in migliaia di Euro; per le controllate con valute aderenti all Euro sono stati applicati i tassi fissi di conversione determinati il dalla commissione europea, per le controllate extraeuropee sono stati utilizzati i cambi medi della valuta d origine nei periodi di riferimento. Meccanica Cortini S.p.A. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a migliaia di Euro contro migliaia di Euro del primo semestre 2000 (+36%); il semestre chiude con un utile ante imposte di 315 migliaia di Euro contro un utile ante imposte del primo semestre 2000 di 362 migliaia di Euro; l organico è passato dalle 44 unità del alle 48 unità del Simav S.p.A. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a contro le del primo semestre 2000 (+51%); il semestre chiude con un utile lordo di 273 migliaia di Euro contro un utile lordo del primo semestre 2000 di 95 migliaia di Euro; l organico è passato dalle 28 unità del alle 29 unità del Sitra Automazione S.r.l. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a 840 migliaia di Euro contro le 801 del primo semestre 2000 (+5%); il semestre chiude con un utile ante imposte di 102 migliaia di Euro contro un utile ante imposte del primo semestre 2000 di 115 migliaia di Euro; l organico è rimasto invariato a 16 unità. Fidia GmbH Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a contro migliaia di Euro del primo semestre 2000; il semestre chiude con un utile lordo di 253 migliaia di Euro contro un utile lordo del primo semestre 2000 di 195 migliaia di Euro; l organico è rimasto invariato a 28 unità. Fidia Iberica S.A. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a migliaia di Euro contro le del primo semestre 2000 (-7%); il semestre chiude con un utile lordo di 336 migliaia di Euro contro un utile lordo del primo semestre 2000 di 233 migliaia di Euro; l organico è passato dalle 11 unità del alle 10 unità del

13 Fidia S.a.r.l. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a migliaia di Euro contro migliaia di Euro del primo semestre 2000 (-21%); il semestre chiude con un utile ante imposte di 95 migliaia di Euro contro un utile ante imposte del primo semestre 2000 di 51 migliaia di Euro 371; l organico è passato dalle 10 unità del alle 11 unità del Fidia Co. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a migliaia di Euro contro le del primo semestre 2000 (+95%); il semestre chiude con una perdita di 234 migliaia di Euro contro un utile lordo del primo semestre 2000 di 140 migliaia di Euro; la flessione del risultato è riferibile allo spostamento del mix di fatturato verso i sistemi di fresatura e ai costi sostenuti per il potenziamento dell attività commerciale e di marketing realizzato nel periodo; tale andamento economico è da considerarsi transitorio e comunque in linea con gli obiettivi di espansione sul mercato statunitense; l organico è passato dalle 13 unità del alle 14 unità del Beijing Fidia Machinery & Electronics Co. Ltd. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a 649 migliaia di Euro contro 361 migliaia di Euro del primo semestre 2000 (+80%); il semestre chiude con un utile ante imposte di 258 migliaia di Euro contro un utile ante imposte del primo semestre migliaia di Euro; l organico è passato dalle 8 unità del alle 9 unità del Fidia do Brasil Ltda. Il fatturato del primo semestre 2001 risulta pari a 447 migliaia di Euro contro 138 migliaia di Euro del primo semestre 2000 (+224%); il semestre chiude con un utile ante imposte di 115 migliaia di Euro contro una perdita del primo semestre 2000 di 7 migliaia di Euro; l organico è passato dalle 6 unità del alle 12 unità del SOCIETA PARTECIPATE Consorzio Co.Ge.F. Nell ambito della propria attività di ricerca e sviluppo, la Fidia partecipa al consorzio Co.Ge.F., costituito nel 1995 in maniera paritetica con Benetton Group S.p.A. e Comau Systems S.p.A., titolare di un progetto di ricerca SPI 4 relativo alla strumentazione del processo industriale di generazione delle forme. Il patrimonio netto al è pari a 15 migliaia di Euro (percentuale di possesso di Fidia 33,33%); l esercizio 2000 chiude con un utile netto di 6 migliaia di Euro. Consorzio Prometec Il consorzio Prometec è attivo nell ambito della promozione e comunicazione a favore dei propri consorziati. Il patrimonio netto al è pari a 10 migliaia di Euro (percentuale di possesso di Fidia 20%); l esercizio 2000 chiude con utile netto di 6 migliaia di Euro. 13

14 EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE E FATTI DI RILIEVO INTERVENUTI SUCCESSIVAMENTE ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE Dopo la chiusura del semestre, se si escludono i gravissimi avvenimenti dell 11 settembre negli USA i cui effetti sull economia mondiale sono difficilmente prevedibili, non si sono verificati fatti che possano incidere in misura significativa sulla situazione economico finanziaria della società. Nella prima quindicina di settembre le società del Gruppo Fidia hanno partecipato con notevole impiego di risorse alla più importante fiera del settore, la EMO di Hannover. Durante tale manifestazione, oltre alle conferme sull interesse della clientela per la nostra gamma di prodotti, si sono avuti dei riscontri decisamente positivi in termini di contratti conclusi e di nuovi contatti avviati. In particolare nell area USA/Canada, nonostante la situazione molto incerta per gli eventi già ricordati, non prevediamo a breve ridimensionamenti dell attività. Il portafoglio ordini alla fine di agosto ammonta a migliaia di Euro, praticamente costante rispetto al Il fatturato al , che sconta la stagionalità negativa dovuta al mese di agosto, le attese della EMO e le incertezze sull entrata in vigore della legge sugli incentivi fiscali agli investimenti, si attesta a 19,2 milioni di Euro, conservando un vantaggio del 7,3% rispetto allo stesso periodo del 2000 (17,9 milioni di Euro). per il Consiglio di Amministrazione Il Presidente ing. Giuseppe Morfino 14

15 CRITERI DI VALUTAZIONE La situazione semestrale, chiusa al 30 giugno 2001, è riferita al periodo 1 gennaio 2001/30 giugno 2001 ed è stata redatta nel rispetto della normativa civilistica ed in accordo con il parere del Collegio Sindacale per quanto riguarda gli specifici casi previsti dalla Legge, e viene presentata in forma comparata con i dati relativi al bilancio, chiuso in data 31 dicembre 2000, per la situazione patrimoniale e con la situazione semestrale redatta in data 30 giugno 2000, per quanto concerne i dati del conto economico. Le voci della situazione semestrale sono state valutate sulla base delle norme di legge e dei principi contabili elaborati dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri e, ove mancanti, i criteri conformi alla prassi internazionale. A completamento di quanto previsto dalle specifiche disposizioni di legge ed in linea con i precedenti esercizi, nell intento di fornire una più approfondita analisi dei dati di situazione semestrale, vengono allegati il prospetto delle variazioni dei conti patrimoniali e del conto economico e i dettagli dei conti per una migliore lettura dei dati contabili. Sulla base di quanto previsto dalle norme emanate dal DL 127/91 in attuazione della VII Direttiva CEE ed in considerazione della rilevanza della voce partecipazioni in imprese controllate, è stata altresì predisposta la situazione semestrale consolidata di Gruppo. Si dichiara inoltre, per quanto a nostra conoscenza, che la situazione semestrale è corretta dal punto di vista formale e sostanziale, e fornisce una realistica rappresentazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria della Società. I principi contabili ed i criteri di valutazione seguiti rispondono all obiettivo della rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale e finanziaria della società, nonché del suo risultato economico di esercizio. I principi di redazione del bilancio sono stati applicati in conformità alle ipotesi guida previste dall art bis del c.c.. I criteri di valutazione sono stati determinati nell osservanza dell art del c.c. e sono in linea con quelli adottati nell esercizio chiuso al Non si è proceduto al calcolo delle imposte sul reddito per il periodo in esame così come consentito dal comma 7 dell art. 81 del Regolamento Consob approvato con delibera n del 14 maggio 1999 e successive modifiche. I criteri di valutazione sono di seguito esposti. Immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali sono iscritte al costo sostenuto per la loro acquisizione o realizzazione, al netto delle quote di ammortamento effettuate in conto. Le spese di ricerca e di sviluppo sono imputate a conto economico dell'esercizio. I costi di pubblicità sono interamente imputati a conto economico nell'esercizio di sostenimento. 15

16 I diritti di brevetto industriale, le licenze, i marchi e le altre immobilizzazioni immateriali sono valutati al costo di acquisizione, annualmente ridotto in funzione della durata contrattuale e, in ogni caso, nei limiti del periodo di presumibile economica utilizzazione. Vengono di seguito illustrati i criteri di ammortamento adottati per le varie voci: Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 3 anni Concessioni, licenze e marchi 5 anni Altre immobilizzazioni 5 anni Al riguardo di quanto sopra esposto si precisa quanto segue: Il criterio adottato per le voci Diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione di opere dell ingegno è ritenuto rispondente alla residua possibilità di utilizzo degli stessi. Immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo di acquisto o di produzione, se prodotto internamente, adeguato per taluni cespiti in applicazione a leggi di rivalutazione monetaria e nel rispetto delle normative fiscali. L esposizione dei beni materiali avviene al netto del relativo fondo di ammortamento accumulato a fine semestre. Le immobilizzazioni sono ammortizzate a quote costanti sulla base delle aliquote economico-tecniche ritenute rappresentative della vita utile stimata dei cespiti, che trovano riferimento nella misura massima consentita dai coefficienti ministeriali. Per i cespiti acquistati nel semestre gli ammortamenti sono conteggiati nella misura di metà dello stanziamento annuo previsto ed è applicata la corrispondente aliquota di ammortamento ridotta al 50%, per tenere conto del minor utilizzo temporale dei nuovi cespiti. I costi di manutenzione aventi natura ordinaria sono addebitati integralmente a conto economico. I costi di manutenzione aventi natura incrementativa sono attribuiti ai cespiti cui si riferiscono ed ammortizzati in relazione alle residue possibilità di utilizzo degli stessi. Gli ammortamenti sono calcolati sulla base delle seguenti aliquote: Aliquota utilizzata Costruzioni leggere 10% Impianti 10% Macchinari 15,5% Attrezzature 25% Strumenti 25% Mobili ed arredi 12% Macchine d ufficio 20% Automezzi 25% Beni strumentali inferiori al milione 100% 16

17 Partecipazioni Le partecipazioni nelle società controllate e collegate sono valutate sulla base del costo rettificato di cui all art n.1, 2, 3 del codice civile. Nel caso in cui i valori delle società partecipate abbiano avuto una diminuzione di carattere durevole, si provvede ad effettuare le apposite rettifiche di valore. Tale criterio, concordato con il Collegio Sindacale, si ritiene espressivo del valore e della possibilità di realizzazione degli obiettivi economici perseguiti. Crediti immobilizzati I crediti sono iscritti al loro valore nominale rettificato per le eventuali perdite di realizzo. Rimanenze Le rimanenze sono valutate al minore tra il costo di acquisto o di produzione ed il valore di mercato. I criteri di costo adottati sono i seguenti: per le materie prime, i semilavorati di acquisto, le materie prime sussidiarie ed i prodotti finiti, il criterio del costo medio annuale; per i prodotti in corso di lavorazione, il costo di produzione sostenuto nell'esercizio, comprensivo di materie prime, manodopera e costi indiretti di produzione. Crediti e debiti I crediti sono complessivamente iscritti al loro valore nominale. Tale valore è ridotto a quello di presunto realizzo mediante apposito fondo svalutazione. I debiti risultano iscritti per importi corrispondenti al loro valore nominale. Crediti e debiti in valuta I crediti ed i debiti in valuta sono iscritti in contabilità al valore nominale ed al cambio del giorno di effettuazione dell operazione. Crediti e debiti in moneta estera: in applicazione del Principio Contabile n. 26 è stato effettuato l adeguamento dei crediti e debiti in valuta estera al cambio in vigore alla data del bilancio; le differenze di conversione positive e negative sono state rilevate a conto economico come componenti di reddito di natura finanziaria. Ratei e risconti Sono iscritti nei ratei quote di costi e proventi di competenza di più esercizi, in parte già maturati nell esercizio in corso, e che avranno manifestazione numeraria negli esercizi successivi. I risconti sono quote di costi o di proventi già sostenuti o conseguiti nell esercizio in chiusura, ma di competenza dell esercizio o degli esercizi successivi. 17

18 Fondi per rischi ed oneri I fondi per rischi ed oneri sono stanziati per coprire perdite o debiti, di esistenza certa o probabile, dei quali tuttavia alla chiusura dell esercizio non sono determinabili l ammontare o la data di sopravvenienza. Gli stanziamenti riflettono la miglior stima possibile sulla base degli elementi a disposizione. I fondi per rischi ed oneri accolgono il fondo per garanzia prodotti. Tale fondo è relativo al presunto costo che la società dovrà sostenere sui prodotti venduti e che a fine esercizio ancora rientrano nel periodo di garanzia. Per i controlli numerici e per i sistemi di fresatura è calcolato in base ai dati storici ed è pari al 2,5% del prezzo di vendita al netto degli accessori. Trattamento di fine rapporto Il trattamento di fine rapporto è calcolato secondo quanto previsto dall'articolo 2120 cod. civ. e risulta aggiornato secondo le disposizioni legislative e contrattuali vigenti che regolano il rapporto di lavoro nello stato italiano. Riconoscimento dei ricavi e dei costi di acquisto I ricavi per la vendita ed i costi di acquisto sono contabilizzati secondo il principio della competenza e sono riconosciuti al momento del passaggio della proprietà che generalmente coincide con la spedizione o con il ricevimento del bene. I ricavi per servizi vengono rilevati in relazione al periodo di esecuzione della prestazione. Contributi I contributi statali e comunitari ricevuti a fronte di progetti di ricerca sono rilevati a conto economico in base al principio della competenza temporale avendo la natura di contributi in conto esercizio. Imposte correnti sul reddito Nel semestre in esame non si è provveduto al calcolo delle imposte; pertanto il risultato del semestre è ante imposte. Imposte differite Le imposte differite attive sono state iscritte nella voce Crediti verso altri. L imposta differita sul reddito si origina ogni qualvolta esistano differenze temporanee tra risultato civilistico e risultato rilevante ai fini dell imposizione corrente. Gli effetti fiscali delle differenze temporanee sono stati differiti ed imputati agli esercizi futuri nei quali tali differenze temporanee verranno meno. Essi sono stati determinati applicando le aliquote di imposte fissate per gli esercizi successivi quale miglior stima delle aliquote di utilizzo. Le imposte differite attive vengono contabilizzate solo se sussiste una ragionevole certezza di realizzo. 18

19 Operazioni infragruppo La società intrattiene rapporti di tipo produttivo, commerciale, finanziario e di prestazioni di servizi con le società del gruppo; tali rapporti sono regolati a condizioni di mercato. L operatività del gruppo non prevede l effettuazione di operazioni dirette fra le società controllate italiane e le società controllate estere, fatta eccezione per i prodotti a marchio Meccanica Cortini S.p.a. e Sitra Automazione S.r.l.; tutte le altre operazioni vedono quale controparte la società controllante Fidia S.p.a. ALTRE INFORMAZIONI Deroghe ai sensi del 4 comma art C.C. Si precisa altresì che nel bilancio non si è proceduto a deroghe ai sensi del comma 4 dell art C.C. Ai sensi dell art. 10 della legge 72/83 si precisa che le immobilizzazioni materiali includono beni che sono stati rivalutati ai sensi della legge suddetta. Tali rivalutazioni, comunque di ammontare non significativo, sono evidenziate in apposito prospetto. RICLASSIFICAZIONI Nella stesura del presente bilancio si è provveduto in alcuni casi a meglio classificare alcune poste. In tali casi la variata modalità di classificazione rispetto all esercizio precedente è stata adeguatamente commentata in calce alle singole voci di bilancio. 19

20 INFORMAZIONI SULLO STATO PATRIMONIALE IMMOBILIZZAZIONI IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Il valore contabile delle immobilizzazioni immateriali, distinto per categoria, è il seguente: Diritti di brevetto industriale e di utilizzazione delle opere dell'ingegno Concessioni, licenze, marchi e diritti simili Altre Totale Nella voce Diritti di brevetto industriale e di utilizzazione delle opere dell ingegno è classificato un acquisto di Know-how realizzato nell esercizio Il decremento di 103 migliaia di Euro avutosi è interamente imputabile alla quota di ammortamento del semestre. La voce Concessioni, licenze, marchi e diritti simili comprende a fine periodo le seguenti sottovoci: Software ed altri Licenze Totale La variazione della voce Software ed altri è dovuta all acquisto di software per 85 migliaia di Euro e all ammortamento del semestre pari a 34 migliaia di Euro. Il decremento della voce Licenze è dovuto interamente alla quota di ammortamento del semestre pari a 25 migliaia di Euro. La voce Altre comprende al 30 giugno 2001 le seguenti sottovoci: Opere murarie su locali di terzi ed altro Spese pluriennali su finanziamenti Totale

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Rimanenze. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rimanenze Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli