Progr amma neonatale di screening dell udito. Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progr amma neonatale di screening dell udito. Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi"

Transcript

1 Progr amma neonatale di screening dell udito Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi

2 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi I bambini nati non udenti o con deficit uditivi, oppure quelli che hanno perso l udito in età prescolare, corrono il rischio di un ritardo nello sviluppo del linguaggio. La ricerca ha provato che un ritardo nello sviluppo del linguaggio può avere conseguenze sullo sviluppo intellettuale, emotivo e sociale del bambino. Lo sviluppo armonioso del linguaggio è importante affinché il bambino sia pronto ad imparare quando comincerà ad andare a scuola. Una stima precoce dei disturbi uditivi nel bambino, rende possibile l inizio rapido di un percorso specifico per permettere al bambino di riuscire a scuola. Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario (IHP) Il Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario è rivolto ai bambini non udenti dalla nascita o con deficit uditivi e alle loro famiglie.

3 Il Programma neonatale di screening dell udito: 1. offre un test di screening universale per tutti i neonati, al fine di individuare i bambini nati non udenti o con deficit uditivi o a rischio di perdita dell udito nella prima infanzia. 2. offre servizi per neonati e bambini non udenti o con deficit uditivi e alle loro famiglie, per incoraggiare la comunicazione e lo sviluppo del linguaggio. I servizi del programma sono basati sui seguenti principi: accesso egualitario in tutta la provincia servizio continuativo e coordinato sostegno centrato sulla famiglia scelta informata da parte dei genitori le migliori prassi sanitarie Quando venite a sapere che il vostro bambino è non udente o ha deficit uditivi Il vostro audiologo vi ha detto che il vostro bambino è non udente o ha deficit uditivi. È arrivato il momento di informarvi circa i servizi offerti dal Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario per il vostro bambino e per la vostra famiglia. Il pieno utilizzo di questi servizi anche durante la crescita del vostro bambino, è d importanza vitale per il suo futuro. I servizi contribuiranno ad un sano sviluppo del vostro bambino ed a far sì che vada bene a scuola quando inizierà la prima elementare.

4 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Servizi di Audiologia: ri-esame dell udito Tutti i bambini molto piccoli, segnalati dopo lo screening, vengono visitati da un audiologo. Gli audiologhi sono specialisti nella valutazione dell udito ed esperti nelle relative tecnologie, come gli apparecchi acustici, che servono a migliorare la comunicazione per le persone con disturbi uditivi. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening dell udito ricevono una preparazione specifica per utilizzare i metodi, le tecniche e gli apparecchi più all avanguardia nel misurare l udito dei neonati e dei bambini piccoli. La valutazione dell udito è basata su misurazioni elettrofisiologiche che richiedono apparecchiature speciali e serie di test. Una valutazione completa può richiedere diverse ore per essere portata a termine per via dell alto numero di informazioni di cui l audiologo ha bisogno per determinare i livelli di udito. I bambini molto piccoli di solito dormono durante l intero esame. La valutazione dell udito fornisce: informazioni circa il tipo e il grado di deficit uditivo del bambino informazioni su come il deficit uditivo del bambino potrebbe incidere sul suo sviluppo della comunicazione informazioni che, nel caso la famiglia lo scelga, renderanno possibile l installazione di un apparecchio acustico Man mano che il bambino cresce, vengono utilizzate diverse tecniche di valutazione per monitorare l udito del bambino nel tempo. Tali tecniche prevedono che il bambino reagisca in vari modi a suoni diversi, dopodiché l audiologo è in grado di valutare la percezione che il bambino ha della parola e dei diversi suoni delle consonanti e delle vocali.

5 Un monitoraggio continuo dell udito è importante perché permette di identificare le variazioni dell udito nel tempo. L apparecchio acustico può essere adattato ed è possibile effettuare cambiamenti nei servizi a seconda delle nuove esigenze. Servizi di Audiologia: amplificazione Quando i genitori sanno che loro figlio ha un disturbo uditivo permanente, possono scegliere di fagli utilizzare un apparecchio acustico o un altro dispositivo per migliorare il suo udito. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening dell udito sono specializzati nella prescrizione e nell installazione di apparecchi acustici per bambini piccoli. Gli audiologhi faranno una valutazione e prescriveranno l apparecchio adeguato, basandosi sulle informazioni circa il disturbo uditivo e le altre esigenze del bambino. Gli audiologhi - o uno specialista in strumenti per l audito, qualificato dal Programma neonatale di screening dell udito - mostrerà ai genitori come usare e fare la manutenzione dell apparechhio acustico. L udito del vostro bambino verrà costantemente monitorato e l apparecchio acustico sarà modificato a seconda delle esigenze. Il costante monitoraggio e la manutenzione dell apparecchio vengono effettuati da audiologhi e specialisti in apparecchi acustici con ambulatorio il più vicino possibile a casa vostra. I bambini che rientrano in determinati criteri avranno diritto ad accedere al Programma di Impianto Cocleare [Cochlear Implant Program] istituito dalla provincia. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening e quelli del Programma per l impianto cocleare lavorano assieme per valutare le necessità del bambino e decidere se l impianto può essere un opzione.

6 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito I bambini possono ricevere un impianto cocleare dall età di 12 mesi. Quindi, scegliendo un impianto cocleare per il bambino si entra a far parte di uno dei tre programmi per l impianto cocleare della provincia subito dopo l individuazione del disturbo uditivo. Sviluppo della comunicazione: scegliere uno stile di vita comunicativo Il Programma neonatale di screening dell udito offre servizi di supporto ai genitori nel periodo in cui si adattano alla scoperta della sordità o dei disturbi uditivi del loro bambino. Questi servizi vengono effettuati da esperti specialisti chiamati operatori di sostegno alla famiglia. Si tratta di assistenti sociali specializzati nel campo dei deficit uditivi e degli effetti che questi hanno sullo sviluppo del linguaggio. Il vostro operatore di sostegno vi aiuterà informandovi circa i metodi e le risorse disponibili per promuovere lo sviluppo della comunicazione alla famiglia e al bambino. Fra questi: il Linguaggio dei Segni Americano (American Sign Language - ASL) la terapia uditiva verbale (Auditory Verbal Therapy - AVT) è una tecnica che consente ai bambini non udenti o con deficit uditivi di imparare a sentire e a parlare un programma combinato di ASL e AVT logopedia altri servizi disponibili nella comunità Qualsiasi sia la vostra scelta e qualsiasi programma decidiate di seguire, il Programma neonatale di screening dell udito darà a voi e al vostro bambino il sostegno necessario per permettere al vostro bambino d imparare a comunicare bene.

7 Sviluppo della Comunicazione: sviluppo del linguaggio e della comunicazione Gli operatori specializzati, inclusi i logopedisti e i consulenti di ASL e di lettura/scrittura vi forniranno i servizi e il sostegno necessari per un buono sviluppo continuato del linguaggio e della comunicazione: Un consulente nei Linguaggio dei Segni Americano (ASL) è un adulto non udente appositamente specializzato ad insegnare alle famiglie che lo hanno scelto il Linguaggio dei Segni Americano come metodo di comunicazione. Un terapista dell udito e della parola aiuterà i bambini non udenti o con deficit uditivi a imparare ad ascoltare e a parlare. Il/La terapista può avere una preparazione come logopedista, audiologo o educatore di bambini non udenti o con deficit uditivi. Un logopedista è un professionista che lavora con i bambini che presentano ritardi o disordini di linguaggio, e con le loro famiglie. Poichè i bambini con disturbi uditivi sono a rischio di ritardo nel linguaggio, il logopedista lavora con la famiglia per aiutare il bambino ad imparare a parlare. Il logopedista aiuterà la famiglia nel promuovere lo sviluppo della comunicazione del bambino. Con lo sviluppo del bambino potranno essere proposte altre figure operative, come l insegnante per bambini non udenti o con deficit uditivi.

8 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Man mano che il vostro bambino cresce, i professionisti del Programma neonatale di screening dell udito continueranno a monitorare e valutare il suo sviluppo del linguaggio e nel caso, sapranno proporvi i cambiamenti necessari di metodo o approccio. Alle famiglie sarà sempre garantita la possibilità di scegliere un diverso approccio allo sviluppo del linguaggio, di cambiare operatori o ricevere assistenza ulteriore a seconda delle necessità del bambino. Via via che il bambino si avvicina all età scolare, l attenzione dei servizi per lo sviluppo della comunicazione si sposterà sempre più sulle abilità pre-alfabetizzazione e di prima alfabetizzazione, per consentire al bambino di essere pronto ad imparare a leggere quando inizierà la prima elementare. Indipendentemente dall approccio scelto dalle famiglie, l obiettivo per i bambini non udenti o con deficit uditivi é quello di sviluppare un capacità di

9

10 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi evolutivi nel Linguaggio dei Segni Americano (ASL) Qui appresso sono indicati alcuni dei traguardi che segnano il progresso dei bambini man mano che imparano a comunicare nel Linguaggio dei Segni Americano (ASL). Inoltre vengono dati alcuni consigli su come i genitori possono essere d aiuto. Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni Dalla nascita ai 3 mesi si guardano intorno vigili sono attirati dai movimenti degli esseri umani guardano attentamente il viso delle persone rispondono ai sorrisi sorridendo a loro volta amano essere coccolati e tenuti in braccio giocano con le mani e le dita e amano fare giochi con le mani dai 3 ai 6 mesi sorridono, stabiliscono un contatto visivo e ridono amano essere tenuti tra le braccia rivolti verso l esterno, in modo da essere in grado di osservare quello che succede intorno ridono quando vedono le dita dei genitori che si avvicinano per solleticarli rivolgono lo sguardo verso un bagliore si girano verso il posto da dove provengono le vibrazioni quando suona il campanello della porta o il telefono sono attirati da oggetti in movimento o colorati giocano con le mani e le dita e amano fare giochi con le mani 10

11 La maggioranza dei bambini impara una lingua secondo un ordine prestabilito. Gli studi effettuati indicano che i bambini che usano l ASL come prima lingua passano attraverso le stesse fasi di sviluppo del linguaggio dei bambini udenti che usano il linguaggio parlato. I genitori possono notare questi traguardi man mano che i bambini imparano e crescono. Cosa possono fare i genitori guardate il vostro bambino mentre gli date da mangiare o mentre fa il bagnetto o mentre lo/la cambiate usate il linguaggio dei segni col vostro bebè giocate formando delle figure con le mani ed usate tante espressioni facciali quando giocate con lui/lei decorate la stanza del vostro bambino con immagini del ASL colorate e divertenti assieme alle immagini dell alfabeto dei segni mettete uno specchio nella sua cameretta in posizione tale che il bebè possa vedere i genitori quando entrano ed escono dalla stanza tenete il bebè tra le braccia facendolo rimbalzare o ballare fate vedere al bebè dei libri illustrati sorridete e ridete con il vostro bebè comunicate al bebè quello che state facendo mentre gli/le date da mangiare, gli/le fate il bagnetto e lo/la vestite mostrate interesse per le forme che il bebè fa con le mani e alle sue espressioni facciali e imitatele tenete il bebè tra le braccia seguendo dei ritmi o dei movimenti con il corpo 11

12 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni dai 6 ai 9 mesi amano balbettare con le mani movimenti ripetitivi come per esempio, aprire e chiudere le mani seguendo un ritmo, senza movimenti associati delle gambe girano la testa per seguire gli oggetti che si muovono e osservano i movimenti dei segni che servono a comunicare guardano gli oggetti comuni ed i familiari quando vengono nominati in ASL capiscono delle semplici parole in ASL dai 9 ai 12 mesi Cominciano a balbettare con le mani in diversi modi Cominciano ad usare semplici movimenti facendo delle forme con le mani, come per esempio, dritto in avanti o su e giù indicano se stessi e gli oggetti comunicano a gesti le prime parole in ASL usando delle semplici forme con le mani, quali mio, ancora, latte, mamma hanno un vocabolario di 10 segni 12

13 Cosa possono fare i genitori indicate persone, immagini ed oggetti comuni, dire i loro nomi con i segni ed usare dei semplici elementi della grammatica ASL guardate con i vostri bambini delle videocassette nella lingua dei segni guardate dei libri, indicatene le immagini e dite i loro nomi in ASL fare dei giochi tipo bubusettete usando i segni mostrate interesse nei segni fatti dai bambini e ripeteteli recitate delle filastrocche in ASL con i bambini fate commenti sulle cose che fate con i vostri figli comunicando con i gesti impararate a riconoscere l aspetto del balbettio con le mani riconoscete e rinforzate il balbettio con le mani, ripetendolo osservate la comparsa dei primi segni e ripeteteli; rinforzate quello che i bambini comunicano a gesti condividete il materiale in ASL con i vostri bambini giocate con i bambini usando filastrocche e canzoncine in ASL divertendovi 13

14 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni dai 12 ai 18 mesi cominciano a mettere insieme delle parole in ASL per ottenere semplici frasi composte da due segni, quali ancora mangiare, ahi caduta/o usano il tatto ed i gesti per chiamare i genitori e comunicare quello di cui hanno bisogno pongono domande, come: sì o no con le sopracciglia sollevate con un segno come mio per dire, È mio? cosa o dove con espressione accigliata indicano e sanno comunicare con i segni alcune lettere dell alfabeto usano negazioni scuotono la testa solamente o insieme al segno negativo che indica no o non posso usano fino a 40 segni, ma ne capiscono molti di più dai 18 ai 24 mesi a 18 mesi usano 20 o più parole in ASL combinano due o più parole in ASL, quali bagno sopra, ciao ciao papà, passeggino fuori, bimbo piange indicano linguisticamente se stessi e gli altri iniziano a raccontare storie che riguardano il posto ed il tempo in cui si trovano amano le storie raccontate in ASL e quelle contenute nei libri imitano i gesti e le espressioni facciali dei personaggi delle storie fanno a turno a parlare con i genitori entro il compimento dei 24 mesi, riescono ad avere un vocabolario di 14

15 Cosa possono fare i genitori rispondete ciò che i bambini comunicano per mezzo dei segni piuttosto che al modo in cui lo esprimono accettate ed incoraggiate i tentativi di comunicazione a gesti fatti da vostro figlio e rispondete in modo naturale con i segni da adulti raccontate storie in ASL usando libri senza usare libri usando storie inventate sulla base di immagini storie raccontate con le mani fate vedere al vostro bambino videocassette di storie e poesie in ASL per bambini tenete una conversazione rispondendo con i gesti ai gesti che usa vostro bambino giocate usando giocattoli e oggetti che piacciono a vostro bambino usate una serie di segni ed espressioni facciali quando conversate con il vostro bambino riconoscete e rispondete al significato trasmesso dall espressione facciale del bambino imitate i personaggi delle storie con i bambini incoraggiate i vostri figli a giocare con gli altri bambini che usano l ASL, come per esempio nei gruppi di gioco e quando si raccontano storie in ASL divertitevi giocando con i vostri figli e comunicate su tutto quello che esiste nel proprio mondo ed in quello dei bambini! 15

16 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi di sviluppo della lingua parlata: AVT e terapia verbale uditiva Qui di seguito sono elencati alcuni dei traguardi che segnano il progresso dei bambini piccoli man mano che imparano a comunicare con la lingua parlata. Questi traguardi sono basati sull età di percezione uditiva del bambino ovvero il periodo di tempo da cui il bambino porta regolarmentel apparecchio acustico e/o l impianto cocleare. In base all età di percezione uditiva e ad altre variabili, i bambini possono passare attraverso le stesse fasi di ascolto, linguaggio, sviluppo linguistico e cognitivo dei bambini che hanno un udito normale. I genitori possono notare questi traguardi man mano che i bambini imparano e crescono. Ricordatevi che ai bambini piccoli piace quando i genitori: Si mettono al loro livello e possono vederne il viso. Questo gesto dimostra loro che si è interessati a quello che fanno e dicono. Rende più facile l interazione con il genitore. Ripetono i suoni che fanno. I bambini piccoli amano emettere dei suoni e si divertono quando i genitori continuano ad imitarli. Cantano e ridono, soprattutto all ora dei pasti, del bagnetto e del cambio dei pannolini. Ricordate durante la giornata, di parlare ai bambini piccoli di quello che si fa e si vede La mamma sta mettendo il cappotto, Che grande quel camion. Pronunciano i nomi degli oggetti che stanno guardando e con i quali stanno giocando. I bambini piccoli sono interessati ad esplorare e ad imparare nuove cose e amano sentire come si chiamano le cose. 16

17 Entro il compimento dei 6 mesi si voltano verso il luogo da cui provengono i suoni sobbalzano quando sentono dei rumori forti e inaspettati emettono suoni diversi per bisogni diversi ho fame, sono stanco osservano il viso dei genitori quando questi parlano sorridono e ridono in risposta ai sorrisi e alle risate dei genitori imitano la tosse o altri suoni ah, eh, buh Entro il compimento dei 9 mesi rispondono al loro nome reagiscono allo squillo del telefono o quando sentono bussare alla porta capisono quando si dice loro di no ottengono quello che vogliono attraverso i gesti ad es., portando le braccia all esterno verso l alto per seganlare che vuole essere preso in braccio fanno dei giochi interattivi, ad es., bubusettete amano stare in compagnia balbettano e ripetono i suoni - babababa, duhduhduh Entro il compimento dei 12 mesi seguono semplici istruzioni per una sola azione - siediti guardano dall altro lato della stanza per vedere qualcosa che si indica loro usano regolarmente da tre a cinque parole usano i gesti per comunicare agitano la mano ciao, ciao, scuotono la testa no attirano la vostra attenzione usando suoni e gesti, indicano mentre vi guardano negli occhi portano dei giocattoli ai genitori per farglieli vedere fanno gli spettacolini per attirare attenzione ed elogi combinano tanti suoni come se stessero parlando abada baduh abee mostrano interesse per dei semplici libri illustrati 17

18 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Ricordate che ai bambini piccoli piace quando: Fate toccare un libro ai bambini e glielo lasciate tenere in mano mentre voi indicate una figura e ne pronunciate il nome. Usate parole reali anziché liguaggio da bambini dammelo anziché ta ta o biberon anziché baba. Prendetevi tempo per stare ad ascoltarli - loro lo desiderano tanto ascoltate tutti i nuovi suoni che sanno fare, le parole, le loro idee. Dategli istruzioni semplici da seguire - Vai a cercare i tuoi stivaletti rossi. Diversificate molto le parole quando parlate con loro - usate gli opposti come su/giù, dentro/fuori e parole che descrivono azioni come correre, nuotare e parole descrittive come felice, grande, piccolo, pulito, sporco. Incoraggiateli a giocare con gli altri bambini in biblioteca, in gruppi di gioco, al parco. Entro il compimento dei 18 mesi capiscono i concetti di dentro e fuori, spento e acceso indicano tante parti del corpo quando richiesti usano regolarmente perlomeno 20 parole rispondono con parole o gesti a semplici domande Dov è l orsacchiotto?, Che cos è quello? fanno giochi di fantasia con i giocattoli danno da bere all orsacchiotto, fanno finta che una ciotola sia un cappello emettono almeno quattro diversi suoni consonantici p, b, m, n, d, g, w, h amano ascoltare quando si legge loro e guardano libri semplici insieme ai genitori indicano le figure usando un dito 18

19 Entro il compimento dei 24 mesi seguono due istruzioni alla volta Vai a cercare l orsacchiotto e fallo vedere alla nonna usano da 100 a 150 parole usano perlomeno due pronomi tu, me, il mio mettono insieme regolarmente da due a quattro parole per formare brevi frasi cappello papà, camion va giù si divertono a stare con gli altri bambini iniziano ad offrire i giocattoli ai compagni ed imitano le azioni e le parole degli altri bambini le persone riescono a capire le loro parole il 50/60 per cento delle volte formano parole e suoni con facilità e senza sforzi tengono i libri correttamente e voltano le pagine leggono agli animali di peluche o ai giocattoli scarabocchiano con i pastelli Entro il compimento dei 30 mesi capiscono i concetti di dimensione (grande/piccolo) e di quantità (un po, tanto, di più) cominciano ad usare la grammatica degli adulti due biscotti, uccello che vola, io ho saltato usano più di 350 parole usano parole che indicano azioni correre, versare, cadere cominciano a fare brevi turni con gli altri bambini, usando sia i giocattoli che le parole si preoccupano quando un altro bambino si fa male o è triste giocano eseguendo più di un azione alla volta danno da mangiare alle bambole poi le mettono a letto; mettono le costruzioni sul treno, fanno muovere il treno e tolgono le costruzioni emettono un suono all inizio della maggioranza delle parole pronunciano parole bisillabi o polisillabi ba-na-na, compu-ter, me-la riconoscono loghi e segnali familiari gli archi dorati dei McDonalds, i segnali di stop ricordano e capiscono storie comuni 19

20 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Questo materiale è disponibile gratuitamente presso il Programma neonatale di screening dell udito della vostra regione. Oppure chiamate l INFOline del governo dell Ontario. I numeri telefonici sono in fondo a questo opuscolo: Opuscolo: Choosing a communication lifestyle for you and your baby (La scelta di uno stile di comunicazione per voi e il vostro bambino) (Catalogo ) Opuscolo: A parent s guide to hearing aids (Guida dei genitori agli apparecchi acustici) (Catalogo ) Cofanetto con due video: Video 1: Auditory-verbal therapy for you and your child (Terapia uditiva verbale per voi e il vostro bambino) Video 2: Sign language for you and your child (Il linguaggio dei segni per voi e il vostro bambino) (Formato DVD: Catalogo / Formato VHS: Catalogo ) 20

21 21

22 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito 22

23

24 Programma neonatale di screening dell udito regionale Se avete domande circa il Programma neonatale di screening dell udito o sui servizi che il vostro bambino sta ricevendo contattate il Programma della vostra regione a uno dei seguenti numeri. Hamilton-Wentworth, Niagara, Brant e Haldimand-Norfolk Early Words / Premiers Mots int. 227 o int Halton, Peel, Waterloo e Wellington-Dufferin Central West Infant Hearing Program (Programma neonatale di screening dell udito della zona Centro Occidentale) o TTY Manitoulin-Sudbury, Algoma, Cochrane e Nipissing-Timiskaming Wordplay / Jeux de Mots Kenora Rainy River North Words Ottawa, Contea e Distretto di Renfrew e Ontario Orientale First Words o TTY hearing.htm Simcoe County e Muskoka-Parry Sound Children s Development Services (Servizi per lo Sviluppo del Bambino) o Kingston, Frontenac, Lennox e Addington, Leeds, Grenville e Lanark, e Hastings Prince Edward int. 145 o int. 145 TTY o Middlesex, London, Oxford, Elgin-St. Thomas, Sarnia-Lambton, Huron-Perth e Grey Bruce Owen Sound tyketalk / Southwest Infant Hearing Program o Thunder Bay Thunder Bay District Heath Unit (Unità sanitaria distrettuale di Thunder Bay) int Città di Toronto Toronto Preschool Speech and Language Services (Programmi prescolari di parola e linguaggio) TTY York Region, Durham, Haliburton, Kawartha e Pine-Ridge Beyond Words TTY Windsor-Essex e Kent-Chatham Talk 2 Me (519) Per ulteriori informazioni, contattare: Governo dell Ontario INFOline: numero verde TTY Services for children who are deaf or hard of hearing Catalogue Italian June/07 Queen s Printer for Ontario

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI

DISTRIBUITO DA FEDERAZIONE LOGOPEDISTI ITALIANI QUANDO PARLARE COSTA FATICA: CAMPANELLI D ALLARME E CONSIGLI PER I Lo sviluppo delle abilità comunicative avviene già a partire dalla prima infanzia, ancor prima della comparsa della prima parola. Qualunque

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale:

Vediamo come avviene lo sviluppo della comunicazione verbale: di ANGIOLA MARIA SCIBONA - Audioprotesista Diplomata presso l'università degli Studi di Milano SEDE DI LODI: Via Gaffurio,42-26900 LODI - TEL.0371 49 58 85 SEDE DI MILANO: Via Predabissi,3-20131 MILANO

Dettagli

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Il bambino, il suo sviluppo e la lettura Queste brevi indicazioni ti possono servire a seguire e comprendere lo sviluppo del tuo

Dettagli

CHE COSA PUO SUCCEDERE DURANTE LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO? LA NASCITA

CHE COSA PUO SUCCEDERE DURANTE LO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO? LA NASCITA LA VITA PRENATALE Nella vita prenatale tutto passa attraverso la madre: voci, suoni, rumori, piacere, dolore, stimoli che provengono dall esterno. Già nel grembo materno il bambino ha molte competenze:

Dettagli

Modified Checklist for Autism in Toddlers (M-CHAT) Intervista di Follow-Up. Robins, Fein, & Barton, 1999

Modified Checklist for Autism in Toddlers (M-CHAT) Intervista di Follow-Up. Robins, Fein, & Barton, 1999 Modified Checklist for Autism in Toddlers (M-CHAT) Intervista di Follow-Up Robins, Fein, & Barton, 1999 2009 Traduzione italiana di Erica Salomone 1, Francesco Capello 2, Enrique Ortega 1 1 Dipartimento

Dettagli

Il pediatra L intervento nell ambulatorio del pediatra di famiglia Il ruolo del PDF ruolo del PDF è strategico e positivo

Il pediatra L intervento nell ambulatorio del pediatra di famiglia Il ruolo del PDF ruolo del PDF è strategico e positivo Il pediatra Il pediatra incontra il bambino e i suoi genitori a cadenza regolare sin dal primo anno di vita nel corso delle visite di controllo (bilanci di salute) e può quindi offrire ripetutamente ai

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»?

Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»? Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»? «Semantico» e «pragmatico» sono termini della linguistica. La semantica è lo studio delle parole e del loro significato. I bambini cambiano e scelgono il

Dettagli

Il gioco si evolve. 1-12 mesi: gioco sensomotorio. manipolazione e mantenimento della presa dei giochi, sbattere e lasciare cadere i giochi per terra.

Il gioco si evolve. 1-12 mesi: gioco sensomotorio. manipolazione e mantenimento della presa dei giochi, sbattere e lasciare cadere i giochi per terra. Il gioco si evolve 1-12 mesi: gioco sensomotorio manipolazione e mantenimento della presa dei giochi, sbattere e lasciare cadere i giochi per terra. Il gioco 12-14 mesi: gioco funzionale uso di oggetti

Dettagli

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia A cura di STEFANO GORINI Pediatra di famiglia, Rimini; Coordinamento Nazionale Nati per la Musica «La musica non privilegio

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano

DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano DIRETTO O INDIRETTO? Calusac dipartimento d italiano In italiano ci sono verbi che si usano con i pronomi diretti e verbi che si usano solo con i pronomi indiretti. Ma ci sono anche molti verbi che si

Dettagli

C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene

Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Claudia Azzaro Parlare GIOCANDO Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene Armando editore 3 AZZARO, Claudia Parlare giocando. Consigli ai genitori per aiutare i bambini a parlare bene ;

Dettagli

Il linguaggio dei segni dei bambini

Il linguaggio dei segni dei bambini Il linguaggio dei segni dei bambini I bambini sono nati con un linguaggio del corpo innato comune a tutte le culture. Molto prima della comparsa del linguaggio, i bambini comunicano spontaneamente con

Dettagli

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI

LA BALBUZIE RACCONTATA AGLI INSEGNANTI ABC Balbuzie A cura delle Dott.sse Luisella COCCO - Monica ANISIO (Logopediste) e della Dott.ssa Simona Bernardini (Psicologa\Psicoterapeuta CBT) Specialiste nella Valutazione e Trattamento della Balbuzie

Dettagli

P A R L A T O R E T A R D I V O. Responsabile Dott.ssa Marina Sarli. Logopedista Dott.ssa Fiorella Annovi

P A R L A T O R E T A R D I V O. Responsabile Dott.ssa Marina Sarli. Logopedista Dott.ssa Fiorella Annovi IL NOSTRO BAMBINO P A R L A T O R E REGIONE LAZIO DISTRETTO 9 Direttore Dott.ssa Maria Ferraresi U.O.S.D. T.S.M.R.E.E. Responsabile Dott.ssa Marina Sarli Logopedista Dott.ssa Fiorella Annovi hanno collaborato

Dettagli

INDIRETTA: prevede l uso di strumenti di registrazione che ne consentano la visione differita.

INDIRETTA: prevede l uso di strumenti di registrazione che ne consentano la visione differita. Come osservare 1: Per evitare distorsioni è importante ricordare che Nulla è privo di significato; Il nostro modo di osservare è selettivo; Il modo con cui noi osserviamo una parte dipende da come noi

Dettagli

MATERIALI DI RECUPERO E SOSTEGNO. Collana diretta da Dario Ianes. Linda Levine IMPARO A... PARLARE. Associazioni. Erickson

MATERIALI DI RECUPERO E SOSTEGNO. Collana diretta da Dario Ianes. Linda Levine IMPARO A... PARLARE. Associazioni. Erickson MATERIALI DI RECUPERO E SOSTEGNO Collana diretta da Dario Ianes Linda Levine IMPARO A... PARLARE Associazioni Erickson 3 Introduzione Questo kit di fotografie fa parte del programma Imparo a... parlare.

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

LABORATORIO DEI LINGUAGGI VERBALI E NON VERBALI

LABORATORIO DEI LINGUAGGI VERBALI E NON VERBALI ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZZARO OLIVETO CITRA (SA) DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT.SSA ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPOLUOGO E DOGANA ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 LABORATORIO DEI LINGUAGGI

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO

UN ANIMALE PER AMICO UN ANIMALE PER AMICO Con Emilia ci divertiamo e impariamo!!! NIDO AZIENDALE ARCOBALENO Educatrici: Bessega Simona Rossi Irene Pinzoni Irene Referente Pedagogica: d.ssa Maria Chiara Brunello PREMESSA Per

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO:

DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO: INDICI DI RISCHIO E DIAGNOSI PRECOCE Federico Bianchi di Castelbianco Magda Di Renzo Francesca Zaza Progetto Tartaruga Trovare strumenti di indagine idonei alla complessità

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI Fabrizio Ottaviani Professore Ordinario di Otorinolaringoiatria Università di Roma Tor Vergata Epidemiologia Prevalenza: paesi sviluppati compresa fra

Dettagli

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.

Le Coccole L ASILO NIDO PRESENTA LA CARTA DEI SERVIZI. Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero. I L A B S I o dei B I M PRESENTA L ASILO NIDO Le Coccole LA CARTA DEI SERVIZI Via Maestri del Lavoro, 1 Località Gambarara (Mantova) Tel. 0376 398982 isolabimbi@libero.it DITE: E faticoso frequentare i

Dettagli

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a:

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a: ( denominazione scuola) P.E.I. (piano educativo individualizzato) classe: sez. alunno/a: nato/a a: Ins. Specializzato/a Ins. Curricolari Operatori A.S.L. Genitori Anno Scolastico 20 20 NOTIZIE DELL ALUNNO/A

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL VERBO. Il bambino gioca. Le farfalle volano. Il pallone rimbalza.

IL VERBO. Il bambino gioca. Le farfalle volano. Il pallone rimbalza. Leggi attentamente e impara. IL VERBO In grammatica il verbo è una parola che indica che cosa fa una persona, un animale o una cosa. Il verbo risponde alla domanda oppure .

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

Salute: convivere con la perdita dell udito

Salute: convivere con la perdita dell udito 1 Salute: convivere con la perdita dell udito La presente Informativa contiene informazioni su chi contattare se voi o un vostro familiare cominciate a notare la perdita graduale dell udito. La suggerisce

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA

TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA TOPO FELICE, I GIOCHI E LA FATA (Buio, musica, voce narrante inizia a raccontare) VOCE NARRANTE Questa è la storia di Felice, un topolino che vive in un parco meraviglioso. FELICE IL TOPOLINO VIVE IN QUESTO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Le Abilità Conversazionali. Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini

Le Abilità Conversazionali. Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini Le Abilità Conversazionali Psicologia dello sviluppo del linguaggio orale e scritto AA 2013-14 Laura Zampini Cos è una conversazione? Si definisce conversazione uno scambio verbale composto da almeno 2

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto.

Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA. i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole. partecipano al progetto. Zona Val di Chiana Senese IL REPARTO DI PEDIATRIA i Pediatri di Famiglia, le Biblioteche, le Scuole partecipano al progetto Nati per Leggere Che cos è Nati per Leggere?...... è un progetto nazionale che

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk!

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! Videók forgatókönyve 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! 1. Videó: Eszem-iszom Videók forgatókönyve további információ a www.littlepim.hu oldalon Little Pim

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it

NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it L INAPPETENZA Mio figlio NON MI MANGIA! Clima del pasto conflittuale e frustrante! Pur di farlo

Dettagli

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello TITOLO: IO SONO IO Il presupposto da cui siamo partite non è tanto quello di considerare gli alunni tutti uguali, ma di affrontare la classe considerando gli alunni come essere unici, ponendosi nell ottica

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE Autore: Stephan Riegger, Berlinbewegt e.v., Moving School 21 1 Stimola

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE (a cura di L. Acciaroli e V. Rossanese)

PROPOSTE DIDATTICHE (a cura di L. Acciaroli e V. Rossanese) PROPOSTE DIDATTICHE (a cura di L. Acciaroli e V. Rossanese) Le pagine-laboratorio che presentiamo si riferiscono alla analisi, riflessione, produzione delle storie che sono state premiate nel concorso.

Dettagli

La proposta di Gilly - iniziativa "animali e bambini"

La proposta di Gilly - iniziativa animali e bambini scarica l'articolo in pdf La proposta di Gilly - iniziativa "animali e bambini" Avete letto la storia di Bobby? Gilly ci propone di fare qualcosa per educare le madri che hanno il loro primo figlio e allontanano

Dettagli

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA

AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA AUSILI COMUNICATIVI CON USCITA IN VOCE VOCA VOCA Voice Output Communication Aids Sono registratori digitali o microcomputer sui quali è possibile apporre un certo numero di simboli e far corrispondere

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO

KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOCO DI RUOLO KIT-PROTOTIPO PER LA REALIZZAZIONE DEL GIOO DI RUOLO Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo iao a tutti e tutte e grazie per aver aderito a questa importante iniziativa.

Dettagli

Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità

Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità Difficoltà e disturbi specifici di apprendimento: dalla valutazione al potenziamento delle abilità 13 gennaio 2012 Barbara Carta Barbara Carta Fattori predittivi dei DSA Gli è stato diagnosticato questo

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE PER I BAMBINI DI TRE ANNI. Traguardi formativi

COMPETENZE CHIAVE PER I BAMBINI DI TRE ANNI. Traguardi formativi COMPETENZE PER I BAMBINI DI TRE ANNI Traguardi formativi COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA I DISCORSI E LE PAROLE COMPETENZE Comprendere un nuovo argomento trattato in sezione. Sapersi esprimere migliorando

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo

Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo Corsi d inglese per bambini presso il Nido d infanzia Bim Bum Bimbo Helen Doron Early English è un metodo per i bambini ed i ragazzi dai 3 mesi fino ai 14 anni, sviluppato fin dal 1985 e diffuso in 30

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino

Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Paola Guglielmino Università di Torino Dott.ssa PAOLA GUGLIELMINO ABILITAZIONE/RIABILITAZIONE DEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PERCHE ABILITAZIONE/ RIABILITAZIONE? DISLESSIA ACQUISITA Rieducazione e riabilitazione DISLESSIA EVOLUTIVA

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo. Dott.ssa Cristina Morelli SEDE DI VARESE LA COMUNICAZIONE POSSIBILE COL MALATO DI ALZHEIMER: il Conversazionalismo Dott.ssa Cristina Morelli Il termine comunicare, deriva dal latino e significava letteralmente mettere in comune,

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

PROGETTO CORPO GIOCHIAMO CON IL CORPO

PROGETTO CORPO GIOCHIAMO CON IL CORPO PROGETTO CORPO GIOCHIAMO CON IL CORPO Scuola dell Infanzia S. Famiglia a.s. 2015/2016 PROGETTO CORPO: GIOCHIAMO CON IL CORPO ANALISI DELLA SITUAZIONE INIZIALE: Terminato il primo periodo di accoglienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

Il processo della salute

Il processo della salute Louise L. Hay Il processo della salute Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Michele Ulisse Lipparini, Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 Guarisco

Dettagli

Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE

Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE Sc. Infanzia San Piero sez. A 5 anni UNITA DI APPRENDIMENTO ANNUALE VOGLIA DI PAROLE L Unità di Apprendimento annuale offre ai bambini la possibilità di consolidare, potenziare ed ampliare le conoscenze

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito.

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito. Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! LE COSE CHE DEVI SAPERE PER IL BAGNETTO A CASA! Il bagnetto non deve essere visto solamente come momento per pulire il proprio bambino ma come un'occasione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh

PREMESSA. Inseg Chi è che piange? Bamb. E Francesca! Inseg. Perché piangi? Bamb. C è una mosca.! Sigh sigh PREMESSA Le occasioni che i bambini hanno di vivere il contatto con la natura sono poche, soprattutto vivendo in città. Tuttavia, se lasciati liberi di muoversi anche in un piccolo giardino come quello

Dettagli

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti

Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner. Chi parla Operanti Variabili antecedenti Il Comportamento Verbale Claudia Fenili e Simona Mencarini corso formazione insegnanti 2013 Skinner Chi parla Operanti Variabili antecedenti DSM V: criteri per la diagnosi di autismo A. Deficit persistente

Dettagli

Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento Scuola Primaria

Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento Scuola Primaria Ricercare per Fare Storia del progetto Anno 2007-8: la ricerca ha coinvolto 10 bambini con S.Down tra 3-6 anni, genitori e insegnanti di 7 scuole d infanzia. Anno 2008-9: casi singoli. Anno 2009-10: coinvolgimento

Dettagli