Progr amma neonatale di screening dell udito. Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progr amma neonatale di screening dell udito. Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi"

Transcript

1 Progr amma neonatale di screening dell udito Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi

2 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Servizi per bambini non udenti o con deficit uditivi I bambini nati non udenti o con deficit uditivi, oppure quelli che hanno perso l udito in età prescolare, corrono il rischio di un ritardo nello sviluppo del linguaggio. La ricerca ha provato che un ritardo nello sviluppo del linguaggio può avere conseguenze sullo sviluppo intellettuale, emotivo e sociale del bambino. Lo sviluppo armonioso del linguaggio è importante affinché il bambino sia pronto ad imparare quando comincerà ad andare a scuola. Una stima precoce dei disturbi uditivi nel bambino, rende possibile l inizio rapido di un percorso specifico per permettere al bambino di riuscire a scuola. Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario (IHP) Il Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario è rivolto ai bambini non udenti dalla nascita o con deficit uditivi e alle loro famiglie.

3 Il Programma neonatale di screening dell udito: 1. offre un test di screening universale per tutti i neonati, al fine di individuare i bambini nati non udenti o con deficit uditivi o a rischio di perdita dell udito nella prima infanzia. 2. offre servizi per neonati e bambini non udenti o con deficit uditivi e alle loro famiglie, per incoraggiare la comunicazione e lo sviluppo del linguaggio. I servizi del programma sono basati sui seguenti principi: accesso egualitario in tutta la provincia servizio continuativo e coordinato sostegno centrato sulla famiglia scelta informata da parte dei genitori le migliori prassi sanitarie Quando venite a sapere che il vostro bambino è non udente o ha deficit uditivi Il vostro audiologo vi ha detto che il vostro bambino è non udente o ha deficit uditivi. È arrivato il momento di informarvi circa i servizi offerti dal Programma neonatale di screening dell udito dell Ontario per il vostro bambino e per la vostra famiglia. Il pieno utilizzo di questi servizi anche durante la crescita del vostro bambino, è d importanza vitale per il suo futuro. I servizi contribuiranno ad un sano sviluppo del vostro bambino ed a far sì che vada bene a scuola quando inizierà la prima elementare.

4 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Servizi di Audiologia: ri-esame dell udito Tutti i bambini molto piccoli, segnalati dopo lo screening, vengono visitati da un audiologo. Gli audiologhi sono specialisti nella valutazione dell udito ed esperti nelle relative tecnologie, come gli apparecchi acustici, che servono a migliorare la comunicazione per le persone con disturbi uditivi. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening dell udito ricevono una preparazione specifica per utilizzare i metodi, le tecniche e gli apparecchi più all avanguardia nel misurare l udito dei neonati e dei bambini piccoli. La valutazione dell udito è basata su misurazioni elettrofisiologiche che richiedono apparecchiature speciali e serie di test. Una valutazione completa può richiedere diverse ore per essere portata a termine per via dell alto numero di informazioni di cui l audiologo ha bisogno per determinare i livelli di udito. I bambini molto piccoli di solito dormono durante l intero esame. La valutazione dell udito fornisce: informazioni circa il tipo e il grado di deficit uditivo del bambino informazioni su come il deficit uditivo del bambino potrebbe incidere sul suo sviluppo della comunicazione informazioni che, nel caso la famiglia lo scelga, renderanno possibile l installazione di un apparecchio acustico Man mano che il bambino cresce, vengono utilizzate diverse tecniche di valutazione per monitorare l udito del bambino nel tempo. Tali tecniche prevedono che il bambino reagisca in vari modi a suoni diversi, dopodiché l audiologo è in grado di valutare la percezione che il bambino ha della parola e dei diversi suoni delle consonanti e delle vocali.

5 Un monitoraggio continuo dell udito è importante perché permette di identificare le variazioni dell udito nel tempo. L apparecchio acustico può essere adattato ed è possibile effettuare cambiamenti nei servizi a seconda delle nuove esigenze. Servizi di Audiologia: amplificazione Quando i genitori sanno che loro figlio ha un disturbo uditivo permanente, possono scegliere di fagli utilizzare un apparecchio acustico o un altro dispositivo per migliorare il suo udito. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening dell udito sono specializzati nella prescrizione e nell installazione di apparecchi acustici per bambini piccoli. Gli audiologhi faranno una valutazione e prescriveranno l apparecchio adeguato, basandosi sulle informazioni circa il disturbo uditivo e le altre esigenze del bambino. Gli audiologhi - o uno specialista in strumenti per l audito, qualificato dal Programma neonatale di screening dell udito - mostrerà ai genitori come usare e fare la manutenzione dell apparechhio acustico. L udito del vostro bambino verrà costantemente monitorato e l apparecchio acustico sarà modificato a seconda delle esigenze. Il costante monitoraggio e la manutenzione dell apparecchio vengono effettuati da audiologhi e specialisti in apparecchi acustici con ambulatorio il più vicino possibile a casa vostra. I bambini che rientrano in determinati criteri avranno diritto ad accedere al Programma di Impianto Cocleare [Cochlear Implant Program] istituito dalla provincia. Gli audiologhi del Programma neonatale di screening e quelli del Programma per l impianto cocleare lavorano assieme per valutare le necessità del bambino e decidere se l impianto può essere un opzione.

6 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito I bambini possono ricevere un impianto cocleare dall età di 12 mesi. Quindi, scegliendo un impianto cocleare per il bambino si entra a far parte di uno dei tre programmi per l impianto cocleare della provincia subito dopo l individuazione del disturbo uditivo. Sviluppo della comunicazione: scegliere uno stile di vita comunicativo Il Programma neonatale di screening dell udito offre servizi di supporto ai genitori nel periodo in cui si adattano alla scoperta della sordità o dei disturbi uditivi del loro bambino. Questi servizi vengono effettuati da esperti specialisti chiamati operatori di sostegno alla famiglia. Si tratta di assistenti sociali specializzati nel campo dei deficit uditivi e degli effetti che questi hanno sullo sviluppo del linguaggio. Il vostro operatore di sostegno vi aiuterà informandovi circa i metodi e le risorse disponibili per promuovere lo sviluppo della comunicazione alla famiglia e al bambino. Fra questi: il Linguaggio dei Segni Americano (American Sign Language - ASL) la terapia uditiva verbale (Auditory Verbal Therapy - AVT) è una tecnica che consente ai bambini non udenti o con deficit uditivi di imparare a sentire e a parlare un programma combinato di ASL e AVT logopedia altri servizi disponibili nella comunità Qualsiasi sia la vostra scelta e qualsiasi programma decidiate di seguire, il Programma neonatale di screening dell udito darà a voi e al vostro bambino il sostegno necessario per permettere al vostro bambino d imparare a comunicare bene.

7 Sviluppo della Comunicazione: sviluppo del linguaggio e della comunicazione Gli operatori specializzati, inclusi i logopedisti e i consulenti di ASL e di lettura/scrittura vi forniranno i servizi e il sostegno necessari per un buono sviluppo continuato del linguaggio e della comunicazione: Un consulente nei Linguaggio dei Segni Americano (ASL) è un adulto non udente appositamente specializzato ad insegnare alle famiglie che lo hanno scelto il Linguaggio dei Segni Americano come metodo di comunicazione. Un terapista dell udito e della parola aiuterà i bambini non udenti o con deficit uditivi a imparare ad ascoltare e a parlare. Il/La terapista può avere una preparazione come logopedista, audiologo o educatore di bambini non udenti o con deficit uditivi. Un logopedista è un professionista che lavora con i bambini che presentano ritardi o disordini di linguaggio, e con le loro famiglie. Poichè i bambini con disturbi uditivi sono a rischio di ritardo nel linguaggio, il logopedista lavora con la famiglia per aiutare il bambino ad imparare a parlare. Il logopedista aiuterà la famiglia nel promuovere lo sviluppo della comunicazione del bambino. Con lo sviluppo del bambino potranno essere proposte altre figure operative, come l insegnante per bambini non udenti o con deficit uditivi.

8 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Man mano che il vostro bambino cresce, i professionisti del Programma neonatale di screening dell udito continueranno a monitorare e valutare il suo sviluppo del linguaggio e nel caso, sapranno proporvi i cambiamenti necessari di metodo o approccio. Alle famiglie sarà sempre garantita la possibilità di scegliere un diverso approccio allo sviluppo del linguaggio, di cambiare operatori o ricevere assistenza ulteriore a seconda delle necessità del bambino. Via via che il bambino si avvicina all età scolare, l attenzione dei servizi per lo sviluppo della comunicazione si sposterà sempre più sulle abilità pre-alfabetizzazione e di prima alfabetizzazione, per consentire al bambino di essere pronto ad imparare a leggere quando inizierà la prima elementare. Indipendentemente dall approccio scelto dalle famiglie, l obiettivo per i bambini non udenti o con deficit uditivi é quello di sviluppare un capacità di

9

10 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi evolutivi nel Linguaggio dei Segni Americano (ASL) Qui appresso sono indicati alcuni dei traguardi che segnano il progresso dei bambini man mano che imparano a comunicare nel Linguaggio dei Segni Americano (ASL). Inoltre vengono dati alcuni consigli su come i genitori possono essere d aiuto. Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni Dalla nascita ai 3 mesi si guardano intorno vigili sono attirati dai movimenti degli esseri umani guardano attentamente il viso delle persone rispondono ai sorrisi sorridendo a loro volta amano essere coccolati e tenuti in braccio giocano con le mani e le dita e amano fare giochi con le mani dai 3 ai 6 mesi sorridono, stabiliscono un contatto visivo e ridono amano essere tenuti tra le braccia rivolti verso l esterno, in modo da essere in grado di osservare quello che succede intorno ridono quando vedono le dita dei genitori che si avvicinano per solleticarli rivolgono lo sguardo verso un bagliore si girano verso il posto da dove provengono le vibrazioni quando suona il campanello della porta o il telefono sono attirati da oggetti in movimento o colorati giocano con le mani e le dita e amano fare giochi con le mani 10

11 La maggioranza dei bambini impara una lingua secondo un ordine prestabilito. Gli studi effettuati indicano che i bambini che usano l ASL come prima lingua passano attraverso le stesse fasi di sviluppo del linguaggio dei bambini udenti che usano il linguaggio parlato. I genitori possono notare questi traguardi man mano che i bambini imparano e crescono. Cosa possono fare i genitori guardate il vostro bambino mentre gli date da mangiare o mentre fa il bagnetto o mentre lo/la cambiate usate il linguaggio dei segni col vostro bebè giocate formando delle figure con le mani ed usate tante espressioni facciali quando giocate con lui/lei decorate la stanza del vostro bambino con immagini del ASL colorate e divertenti assieme alle immagini dell alfabeto dei segni mettete uno specchio nella sua cameretta in posizione tale che il bebè possa vedere i genitori quando entrano ed escono dalla stanza tenete il bebè tra le braccia facendolo rimbalzare o ballare fate vedere al bebè dei libri illustrati sorridete e ridete con il vostro bebè comunicate al bebè quello che state facendo mentre gli/le date da mangiare, gli/le fate il bagnetto e lo/la vestite mostrate interesse per le forme che il bebè fa con le mani e alle sue espressioni facciali e imitatele tenete il bebè tra le braccia seguendo dei ritmi o dei movimenti con il corpo 11

12 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni dai 6 ai 9 mesi amano balbettare con le mani movimenti ripetitivi come per esempio, aprire e chiudere le mani seguendo un ritmo, senza movimenti associati delle gambe girano la testa per seguire gli oggetti che si muovono e osservano i movimenti dei segni che servono a comunicare guardano gli oggetti comuni ed i familiari quando vengono nominati in ASL capiscono delle semplici parole in ASL dai 9 ai 12 mesi Cominciano a balbettare con le mani in diversi modi Cominciano ad usare semplici movimenti facendo delle forme con le mani, come per esempio, dritto in avanti o su e giù indicano se stessi e gli oggetti comunicano a gesti le prime parole in ASL usando delle semplici forme con le mani, quali mio, ancora, latte, mamma hanno un vocabolario di 10 segni 12

13 Cosa possono fare i genitori indicate persone, immagini ed oggetti comuni, dire i loro nomi con i segni ed usare dei semplici elementi della grammatica ASL guardate con i vostri bambini delle videocassette nella lingua dei segni guardate dei libri, indicatene le immagini e dite i loro nomi in ASL fare dei giochi tipo bubusettete usando i segni mostrate interesse nei segni fatti dai bambini e ripeteteli recitate delle filastrocche in ASL con i bambini fate commenti sulle cose che fate con i vostri figli comunicando con i gesti impararate a riconoscere l aspetto del balbettio con le mani riconoscete e rinforzate il balbettio con le mani, ripetendolo osservate la comparsa dei primi segni e ripeteteli; rinforzate quello che i bambini comunicano a gesti condividete il materiale in ASL con i vostri bambini giocate con i bambini usando filastrocche e canzoncine in ASL divertendovi 13

14 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi raggiunti con il linguaggio dei segni dai 12 ai 18 mesi cominciano a mettere insieme delle parole in ASL per ottenere semplici frasi composte da due segni, quali ancora mangiare, ahi caduta/o usano il tatto ed i gesti per chiamare i genitori e comunicare quello di cui hanno bisogno pongono domande, come: sì o no con le sopracciglia sollevate con un segno come mio per dire, È mio? cosa o dove con espressione accigliata indicano e sanno comunicare con i segni alcune lettere dell alfabeto usano negazioni scuotono la testa solamente o insieme al segno negativo che indica no o non posso usano fino a 40 segni, ma ne capiscono molti di più dai 18 ai 24 mesi a 18 mesi usano 20 o più parole in ASL combinano due o più parole in ASL, quali bagno sopra, ciao ciao papà, passeggino fuori, bimbo piange indicano linguisticamente se stessi e gli altri iniziano a raccontare storie che riguardano il posto ed il tempo in cui si trovano amano le storie raccontate in ASL e quelle contenute nei libri imitano i gesti e le espressioni facciali dei personaggi delle storie fanno a turno a parlare con i genitori entro il compimento dei 24 mesi, riescono ad avere un vocabolario di 14

15 Cosa possono fare i genitori rispondete ciò che i bambini comunicano per mezzo dei segni piuttosto che al modo in cui lo esprimono accettate ed incoraggiate i tentativi di comunicazione a gesti fatti da vostro figlio e rispondete in modo naturale con i segni da adulti raccontate storie in ASL usando libri senza usare libri usando storie inventate sulla base di immagini storie raccontate con le mani fate vedere al vostro bambino videocassette di storie e poesie in ASL per bambini tenete una conversazione rispondendo con i gesti ai gesti che usa vostro bambino giocate usando giocattoli e oggetti che piacciono a vostro bambino usate una serie di segni ed espressioni facciali quando conversate con il vostro bambino riconoscete e rispondete al significato trasmesso dall espressione facciale del bambino imitate i personaggi delle storie con i bambini incoraggiate i vostri figli a giocare con gli altri bambini che usano l ASL, come per esempio nei gruppi di gioco e quando si raccontano storie in ASL divertitevi giocando con i vostri figli e comunicate su tutto quello che esiste nel proprio mondo ed in quello dei bambini! 15

16 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Traguardi di sviluppo della lingua parlata: AVT e terapia verbale uditiva Qui di seguito sono elencati alcuni dei traguardi che segnano il progresso dei bambini piccoli man mano che imparano a comunicare con la lingua parlata. Questi traguardi sono basati sull età di percezione uditiva del bambino ovvero il periodo di tempo da cui il bambino porta regolarmentel apparecchio acustico e/o l impianto cocleare. In base all età di percezione uditiva e ad altre variabili, i bambini possono passare attraverso le stesse fasi di ascolto, linguaggio, sviluppo linguistico e cognitivo dei bambini che hanno un udito normale. I genitori possono notare questi traguardi man mano che i bambini imparano e crescono. Ricordatevi che ai bambini piccoli piace quando i genitori: Si mettono al loro livello e possono vederne il viso. Questo gesto dimostra loro che si è interessati a quello che fanno e dicono. Rende più facile l interazione con il genitore. Ripetono i suoni che fanno. I bambini piccoli amano emettere dei suoni e si divertono quando i genitori continuano ad imitarli. Cantano e ridono, soprattutto all ora dei pasti, del bagnetto e del cambio dei pannolini. Ricordate durante la giornata, di parlare ai bambini piccoli di quello che si fa e si vede La mamma sta mettendo il cappotto, Che grande quel camion. Pronunciano i nomi degli oggetti che stanno guardando e con i quali stanno giocando. I bambini piccoli sono interessati ad esplorare e ad imparare nuove cose e amano sentire come si chiamano le cose. 16

17 Entro il compimento dei 6 mesi si voltano verso il luogo da cui provengono i suoni sobbalzano quando sentono dei rumori forti e inaspettati emettono suoni diversi per bisogni diversi ho fame, sono stanco osservano il viso dei genitori quando questi parlano sorridono e ridono in risposta ai sorrisi e alle risate dei genitori imitano la tosse o altri suoni ah, eh, buh Entro il compimento dei 9 mesi rispondono al loro nome reagiscono allo squillo del telefono o quando sentono bussare alla porta capisono quando si dice loro di no ottengono quello che vogliono attraverso i gesti ad es., portando le braccia all esterno verso l alto per seganlare che vuole essere preso in braccio fanno dei giochi interattivi, ad es., bubusettete amano stare in compagnia balbettano e ripetono i suoni - babababa, duhduhduh Entro il compimento dei 12 mesi seguono semplici istruzioni per una sola azione - siediti guardano dall altro lato della stanza per vedere qualcosa che si indica loro usano regolarmente da tre a cinque parole usano i gesti per comunicare agitano la mano ciao, ciao, scuotono la testa no attirano la vostra attenzione usando suoni e gesti, indicano mentre vi guardano negli occhi portano dei giocattoli ai genitori per farglieli vedere fanno gli spettacolini per attirare attenzione ed elogi combinano tanti suoni come se stessero parlando abada baduh abee mostrano interesse per dei semplici libri illustrati 17

18 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Ricordate che ai bambini piccoli piace quando: Fate toccare un libro ai bambini e glielo lasciate tenere in mano mentre voi indicate una figura e ne pronunciate il nome. Usate parole reali anziché liguaggio da bambini dammelo anziché ta ta o biberon anziché baba. Prendetevi tempo per stare ad ascoltarli - loro lo desiderano tanto ascoltate tutti i nuovi suoni che sanno fare, le parole, le loro idee. Dategli istruzioni semplici da seguire - Vai a cercare i tuoi stivaletti rossi. Diversificate molto le parole quando parlate con loro - usate gli opposti come su/giù, dentro/fuori e parole che descrivono azioni come correre, nuotare e parole descrittive come felice, grande, piccolo, pulito, sporco. Incoraggiateli a giocare con gli altri bambini in biblioteca, in gruppi di gioco, al parco. Entro il compimento dei 18 mesi capiscono i concetti di dentro e fuori, spento e acceso indicano tante parti del corpo quando richiesti usano regolarmente perlomeno 20 parole rispondono con parole o gesti a semplici domande Dov è l orsacchiotto?, Che cos è quello? fanno giochi di fantasia con i giocattoli danno da bere all orsacchiotto, fanno finta che una ciotola sia un cappello emettono almeno quattro diversi suoni consonantici p, b, m, n, d, g, w, h amano ascoltare quando si legge loro e guardano libri semplici insieme ai genitori indicano le figure usando un dito 18

19 Entro il compimento dei 24 mesi seguono due istruzioni alla volta Vai a cercare l orsacchiotto e fallo vedere alla nonna usano da 100 a 150 parole usano perlomeno due pronomi tu, me, il mio mettono insieme regolarmente da due a quattro parole per formare brevi frasi cappello papà, camion va giù si divertono a stare con gli altri bambini iniziano ad offrire i giocattoli ai compagni ed imitano le azioni e le parole degli altri bambini le persone riescono a capire le loro parole il 50/60 per cento delle volte formano parole e suoni con facilità e senza sforzi tengono i libri correttamente e voltano le pagine leggono agli animali di peluche o ai giocattoli scarabocchiano con i pastelli Entro il compimento dei 30 mesi capiscono i concetti di dimensione (grande/piccolo) e di quantità (un po, tanto, di più) cominciano ad usare la grammatica degli adulti due biscotti, uccello che vola, io ho saltato usano più di 350 parole usano parole che indicano azioni correre, versare, cadere cominciano a fare brevi turni con gli altri bambini, usando sia i giocattoli che le parole si preoccupano quando un altro bambino si fa male o è triste giocano eseguendo più di un azione alla volta danno da mangiare alle bambole poi le mettono a letto; mettono le costruzioni sul treno, fanno muovere il treno e tolgono le costruzioni emettono un suono all inizio della maggioranza delle parole pronunciano parole bisillabi o polisillabi ba-na-na, compu-ter, me-la riconoscono loghi e segnali familiari gli archi dorati dei McDonalds, i segnali di stop ricordano e capiscono storie comuni 19

20 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito Questo materiale è disponibile gratuitamente presso il Programma neonatale di screening dell udito della vostra regione. Oppure chiamate l INFOline del governo dell Ontario. I numeri telefonici sono in fondo a questo opuscolo: Opuscolo: Choosing a communication lifestyle for you and your baby (La scelta di uno stile di comunicazione per voi e il vostro bambino) (Catalogo ) Opuscolo: A parent s guide to hearing aids (Guida dei genitori agli apparecchi acustici) (Catalogo ) Cofanetto con due video: Video 1: Auditory-verbal therapy for you and your child (Terapia uditiva verbale per voi e il vostro bambino) Video 2: Sign language for you and your child (Il linguaggio dei segni per voi e il vostro bambino) (Formato DVD: Catalogo / Formato VHS: Catalogo ) 20

21 21

22 Progr a m m a n eonata le d i screening dell u d ito 22

23

24 Programma neonatale di screening dell udito regionale Se avete domande circa il Programma neonatale di screening dell udito o sui servizi che il vostro bambino sta ricevendo contattate il Programma della vostra regione a uno dei seguenti numeri. Hamilton-Wentworth, Niagara, Brant e Haldimand-Norfolk Early Words / Premiers Mots int. 227 o int Halton, Peel, Waterloo e Wellington-Dufferin Central West Infant Hearing Program (Programma neonatale di screening dell udito della zona Centro Occidentale) o TTY Manitoulin-Sudbury, Algoma, Cochrane e Nipissing-Timiskaming Wordplay / Jeux de Mots Kenora Rainy River North Words Ottawa, Contea e Distretto di Renfrew e Ontario Orientale First Words o TTY hearing.htm Simcoe County e Muskoka-Parry Sound Children s Development Services (Servizi per lo Sviluppo del Bambino) o Kingston, Frontenac, Lennox e Addington, Leeds, Grenville e Lanark, e Hastings Prince Edward int. 145 o int. 145 TTY o Middlesex, London, Oxford, Elgin-St. Thomas, Sarnia-Lambton, Huron-Perth e Grey Bruce Owen Sound tyketalk / Southwest Infant Hearing Program o Thunder Bay Thunder Bay District Heath Unit (Unità sanitaria distrettuale di Thunder Bay) int Città di Toronto Toronto Preschool Speech and Language Services (Programmi prescolari di parola e linguaggio) TTY York Region, Durham, Haliburton, Kawartha e Pine-Ridge Beyond Words TTY Windsor-Essex e Kent-Chatham Talk 2 Me (519) Per ulteriori informazioni, contattare: Governo dell Ontario INFOline: numero verde TTY Services for children who are deaf or hard of hearing Catalogue Italian June/07 Queen s Printer for Ontario

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia

PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI. Scuola dell infanzia ISTITUTO COMPRENSIVO BARBERINO DI MUGELLO MATERIALE PER L INSEGNANTE PROGETTO EDUCATIVO DI ALFABETIZZAZIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI STRANIERI Scuola dell infanzia DOCENTE REFERENTE: ANNA MARIA BRUNETTO

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO

UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO UNA GUIDA PER GLI OPERATORI DEGLI ASILI NIDO A CURA DI Lorenza Latoni Giuseppe Maurizio Arduino Daniela Bulgarelli

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

crescere è un progetto meraviglioso dei primi 3 anni Piccolipiù crescono

crescere è un progetto meraviglioso dei primi 3 anni Piccolipiù crescono crescere è un progetto meraviglioso dei primi 3 anni Piccolipiù crescono questo appartiene a Care mamme e cari papà, il vostro bambino ha compiuto un anno! Se vi guardate indietro e rivivete la prima

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI)

NIDO D'INFANZIA CARLO MARIA SPADA PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) NIDO D'INFANZIA "CARLO MARIA SPADA" PROGETTAZIONE DIDATTICA SEZIONE ANATROCCOLI BLU (12-24 MESI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE EDUCATRICI: SANGIORGI LINDA VENTURA MARIA ANGELA PASINI

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Le ragioni del diritto alla Lingua dei Segni

Le ragioni del diritto alla Lingua dei Segni Sara Trovato Università degli Studi di Milano Bicocca Le ragioni del diritto alla Lingua dei Segni 1 Voglio cominciare raccontando una storia, quella di una donna, che si chiama Leyla Zana 1. Leyla Zana

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Primo leggere, primo scrivere Lo sviluppo del linguaggio Nascita ed evoluzione delle forme comunicative Docente Gisella Ballarè Logopedista SVILUPPO DEL LINGUAGGIO Nascita ed evoluzione delle forme comunicative

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Alla ricerca di un lavoro

Alla ricerca di un lavoro Modulo 3 Alla ricerca di un lavoro Presentazione del modulo In questo modulo, Irina, una giovane bielorussa che vive in Italia, affronta le tipiche situazioni delle persone che vogliono trovare un posto

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli