ISTITUTO NAZIONALE PER IL COHMERCIO ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO NAZIONALE PER IL COHMERCIO ESTERO"

Transcript

1 TABELLA N. 16 Stato di previsione della spesa del Ministero del commercio con l estero per l'anno finanziario 1974 ANNESSO N. 1 CONTO CONSUNTIVO ISTITUTO NAZIONALE PER IL COHMERCIO ESTERO ESERCIZIO FINANZIARIO 1972 TABELLA 16 - Annesso 1

2

3 RELAZIONE AL BILANCIO CONSUNTIVO PER L'ANNO FINANZIARIO 1972 Il bilancio consuntivo per l anno finanziario 1972 presenta in sintesi i seguenti risultati: 1) nella gestione di competenza: entrate effettive L spese e ffe ttiv e... L ) nella gestione dei residui: Differenza passiva L variazione nei residui attivi.. L variazione nei residui p assiv i.. + L Differenza passiva. L Disavanzo economico L La situazione patrimoniale come risulta dal prospetto di evidenza, presenta, al 31 dicembre 1972, un saldo passivo di Lit corrispondente alla somma del saldo passivo al 31 dicembre 1971 di Lit più il disavanzo economico dell'esercizio 1972 di Lit Il disavanzo economico risultante dalla gestione e l ammontare dei residui attivi vigenti alla fine dell esercizio hanno comportato un magigore indebitamento per anticipazioni bancarie che sono passate da Lit del 31 dicembre 1971 a Lit al 31 dicembre Per quanto riguarda il risultato economico conseguito nell'esercizio in esame, va subito rilevato che il maggior disavanzo di Lit , rispètto a quello contenuto nel bilancio di previsione, deliberato dal Consiglio Generale dell'istituto per lo stesso anno, di Lit. 468 milioni, è dovuto alle maggiori spese sostenute nella gestione di competenza e in quella dei residui per la realizzazione di fiere e mostre e per il funzionamento degli Uffici ICE all'estero relative agli anni 1972 e 1971; spese che solo in parte sono state compensate dai maggiori incassi che si sono avuti nelle entrate effettive e dalle economie realizzate in altri capitoli di spesa.

4 4 In particolare nella gestione di competenza, rispetto al preventivo si sono verificate maggiori spese nel: Cap. 6 - Contributo per il trattamento di previdenza (C/A) - per Lit : Cap. 9 - Quota annua al fondo per il trattamento di quiescenza - per Lit ; quali maggiori oneri sostenuti per i benefici di cui alla Legge del 24 maggio 1970 n. 336 e per il riscatto dei servizi in applicazione delle delibere del Consiglio Generale dell'istituto del 21 febbraio 1963 e 15 dicembre 1967, riconosciuti al personale che ha chiesto di essere collocato a riposo alla fine dell esercizio di cui trattasi e pertanto non prevedibili al momento della formulazione della proposta di assestamento del bilancio di previsione. Cap Diritti di esazione spettanti al Tesoro per la riscossione dei diritti sull esportazione - per Lit La spesa è in diretta relazione ai maggiori introiti di cui ai Cap. 1, 2, 3 e 4 delle entrate; Cap Spese per l organizzazione e il funzionamento degli Uffici dell'ice all estero - per Lit Il supero netto dela spesa di tale capitolo è di Lit. 300 milioni circa, in quanto sono da considerare in diminuzione gli storni per differenza cambio e rimborsi di terzi per spese sostenute per loro conto e i cui correlativi incassi figurano nel capitolo 13 delle entrate effettive. In particolare tale maggiore spesa di Lit. 300 milioni è dovuta per Lit. 215 milioni ai trasferimenti di personale effettuati tra le varie sedi estere, e tra le sedi estere e la Sede di Roma e per la differenza a maggiori spese di gestione connesse con l aumento vertiginoso subito dal costo della vita nei vari Paesi del Mondo, alle spese di impianto dell Ufficio di Montreal (aperto sul finire del 1971) e al trasferimento e allestimento dei nuovi locali dell Ufficio di Londra. La mancata inclusione degli importi di cui sopra nel provvedimento di assestamento del bilancio del 1972 è derivata dal ritardo nell acquisizione dei relativi elementi da parte dei dipendenti Uffici, in epoca, cioè, tale da non consentirne la considerazione nel ricordato provvedimento. La somma tiene conto deh ammontare di Lit. 425 milioni occorrente per il pagamento degli arretrati per il 1972 dei miglioramenti economici a favore del personale dell ICE all estero; Cap Spese per fiere e mostre all estero - per Lit La maggiore spesa sostenuta rispetto al preventivo e al relativo stanziamento ministeriale è da attribuirsi, come anche per il supero risultante nella gestione dei residui relativa allo stesso capitolo di uscita in massima parte alle maggiori spese incontrate per le assicurazioni relative al trasporto e al deposito dei materiali e campionari utilizzati nelle manifestazioni fieristiche, nonché nelle spese per la Mostra Italiana a Pechino che non hanno potuto essere definite in tempo per essere incluse nel provvedimento di assestamento del bilancio;

5 ** D alle ricorrenti difficoltà nei porti e nelle stazioni di imbarco ed in quelle di arrivo che hanno richiesto in molti casi il ricorso a costose misure di emergenza (spedizioni via aerea, operazioni speciali di carico e di scarico, impiego usualmente non necessario di attrezature speciali, interruzioni, sbarchi e rispedizioni con mezzi più celeri, ecc.); ad imprevedibili lievitazioni di costi di materiali e di mano d opera; ai cambi sfavorevoli per quei Paesi nei quali si è registrata la rivalutazione delle monete; all aumento non previsto di alcune superfici espositive con conseguenti maggiori oneri di trasporto e di allestimento. In particolare, il supero di spesa del preventivo per la mostra autonoma di Pechino va posto in relazione alla eccezionalità della manifestazione ed alla affluenza di operatori economici partecipanti superiore ad ogni aspettativa. Tale ammontare tiene conto delle economie realizzate su talune manifestazioni dello stesso anno ammontanti a Lit , considerandone la compensazione con le maggiori spese, compensazione prevista nell'autorizzazione del Ministero Commercio Èstero n dèi 7 febbraio 1972 con la quale si affidava all'ice la realizzazione delle manifestazioni fieristiche per l'esercizio in esame e che pertanto l'istituto ha ritenuto come concesso nella realizzazione delle manifestazioni. A tale proposito giova considerare che nel Cap. 11 delle entrate effettive, sono stati accertati maggiori incassi per Lit dovuti ai rimborsi spese di terzi partecipanti a fiere, correlativi cioè alle maggiori spese di cui sopra. Infine va sottolineato che al momento della presentazione del provvedimento di assestamento del bilancio al Consiglio Generale del 20 dicembre 1972, era già in atto una attenta rilevazione della situazione dei superi di cui trattasi e ciò pur avendo l'istituto un margine di rendicontazione assai lungo. Cap Spese per la realizzazione di iniziative varie a favore dell'esportazione italiana - per Lit L'eccedenza di spesa è dovuta per Lit ai maggiori incarichi affidati ah'istituto dal Ministero Commercio Estero con provedimenti emanati successivamente alla delibera della variazione del bilancio di previsione, e per Lit ai maggiori costi sostenuti nella realizzazione delle iniziative stesse; Cap Spese per pubblicazioni tecniche dell'istituto per lire italiane ; Cap Pagamenti al personale per trattamento di previdenza per Lit Le maggiori uscite sono dovute a pagamenti fatti al personale cessato dal servizio; Cap Anticipazioni al personale per Lit Le maggiori uscite riguardano gli anticipi al personale concessi alla fine dell'eser- 2. TABELLA 16 - Annesso 1

6 cizio per missioni e trasferimenti. Data la sua natura, detta spesa trova eccedenza equivalente nella corrispondente vóce dell'entrata (Cap. 25). Nel sottoporre alla ratifica del Consiglio Generale tali eccedenze, l amministrazione assicura di aver messo in atto ogni iniziativa e tutti i possibili accorgimenti intesi ad evitare che possano verificarsi, nell'anno in corso e nei prossimi esercizi, assunzioni di impegni in misura superiore ai limiti che, con l'approvazione del bilancio di previsione, vengono posti all'azione degli Organi Esecutivi per ogni singolo capitolo di spesa. L Amministrazione, nel presentare il consuntivo in esame, pone ancora una volta in evidenza la indifferibile necessità che da parte dei Ministeri competenti vengano perfezionati gli strumenti legislativi per l'assegnazione all'istituto dei mezzi necessari sia a sanare i deficit pregressi sia ad adeguare il contributo ordinario alle inderogabili esigenze di funzionamento. La situazione nei residui in confronto all'eserciziò precedente è la seguente: quelli attivi passano da Lit (colonna 8 - Entrata) del 1971 a Lit (colonna 12 - Entrata) e rappresentano il 32,05% delie entrate di competenza; quelli passivi passano da Lit (colonna 8 - Spesa) del 1971 a Lit (colonna 12 - Spesa), pari al 18,6% delle spese di competenza. Ciò premesso, può risultare interessante per quanto riguarda la gestione di competenza, esaminare in dettaglio i dati della gestione stessa secondo la natura delle poste, distinguendo cioè le entrate e le spese di diretta pertinenza dell Istituto da quelle costituite dai contributi concessi dal Ministero Commercio Estero e dalla Regione Siciliana per ogni singola iniziativa da realizzare e per i quali l Istituto deve presentare agli Enti stessi specifico rendiconto. Le entrate risultano così composte : Entrate di g e stio n e Lit Entrate a rendiconto.... Lit Totale e n tr a te... Lit A tali entrate fanno riscontro le seguenti spese: Spese per il p e rso n a le... Lit Spese generali di g e s tio n e... Lit Spese,per i servizi assistenza e sviluppo del commercio estero: ; a) a carico ICE... Lit b) con contributo specifico dello Stato.. Lit Totale spese... Lit da cui la richiamata differenza passiva di Lit

7 Le entrate di gestione sono formate dai diritti ICE sulla esportazione dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari (Cap. 1), del vino (Cap. 2), del riso (Cap. 3) e dei formaggi «Pecorino romano e Pecorino Siciliano» (Cap. 4), dal contributo statale alle spese di funzionamento (Cap. 5), degli introiti per pubblicazioni tecniche dell Istituto (Cap. 10), dai rimborsi per servizi speciali (Capitolo 11), dagli interessi attivi sui titoli (Cap. 12) e da entrate varie (Cap. 13). Le stesse rappresentano il 37% delle entrate effettive. Le entrate a rendiconto sono passate da Lit dell esercizio 1971 rappresentanti il 61,70% delle entrate effetive, a Lit pari al 63,01%. Le spese relative passano da Lit , pari al 63,08% dell'anno 1971 a Lit dell esercizio in esame e rappresentano il 63,95% delle spese effettive. Le spese per il personale (dal Cap. 1 al Cap. 11) ammontano a lire italiane che rappresentano il 26,7% di quelle effettive contro il 26,54% accertato nell'anno Le spese generali di gestione ammontano a Lit pari al 6% del totale delle spese effettive. Le spese per i servizi di assistenza e sviluppo del Commercio Estero sostenute direttamente dall'istituto sono rappresentate dalle spese per pubblicazioni tecniche dell'ice (Lit ), dalle spese di viaggio e indennità di missione in Italia e all'estero (Lit ), dai compensi per speciali incarichi (Lit ), dalle spese del servizio campionamento riso, dalle spese per la custodia assicurazione e spedizione documentari cinematografici, dalle spese per acquisto sementi per miglioramento della produzione delle singole varietà, dalle spese per informazioni riservate su ditte, dàlie spese per segnalazione dei carri dei prodotti ortofrutticoli in uscita dai transiti di confine e varie. L'ammontare di tali spese è di Lit e rappresenta il 30,3% delle spese effettive. Il totale delle spese di diretta gestione dell'ice è di Lit pari cioè al 36% delle spese effettive. L'attività per lo sviluppo degli scambi con l'estero svolta dall'istituto nell'anno in parola si può desumere dalle notizie qui appresso riferite: sono state organizzate n. 91 mostre in 47 Paesi esteri; sono state organizzate n. 50 missioni di operatori economici italiani in 41 Paesi esteri; sono state effettuate n. 47 missioni da 37 Paesi esteri di operatori economici stranieri in Italia; sono state effettuate n. 12 missioni di studio in 18 Paesi esteri; sono state elaborate e pubblicate n. 31 tra monografie, guide per gli esportatori ed altre pubblicazioni tecniche riguardanti 33 Paesi; sono state realizzate in 6 Paesi esteri n. 9 settimane in favore del prodotto italiano; sono state effettuate n. 31 manifestazioni in favore dei prodotti italiani presso GG.MM. in 17 Paesi esteri; 7

8 8 sono state realizzate n. 176 iniziative varie di propaganda merceologica (degustazione di vini ed altri prodotti alimentari, inserzioni pubblicitarie, sfilate di moda ecc.) in 32 Paesi esteri; sono stati pubblicati n. 6 numeri della Rivista «Italy-Presents» in inglese, francese e spagnolo e n. 12 fascicolo di «Quality» per la propaganda di prodotti italiani all estero. Premesso quanto precede si danno alcuni chiarimenti sulle entrate e sulle spese che si sono verificate nell anno finanziario in parola. Le entrate effettive di competenza dal Cap. 1 al Cap. 13 sono state accertate in complessive Lit di cui: Lit per diritti sull'esportazione dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari e proventi accessori (Cap. 1); Lit per diritti sull esportazione del vino e proventi accessori (Cap. 2); Lit per diritti sull'esportazione del riso e proventi accessori (Cap. 3); Lit per diritti sull'esportazione dei formaggi «Pecorino Romano» e «Pecorino Siciliano» e proventi accessori (Cap. 4); Lit quale contributo statale alle spese di funzionamento dell'istituto (Cap. 5) di cui alla legge 24 dicembre 1969, n. 976; Lit quale contributo statale per l'organizzazione e il funzionamento degli Uffici ICE all'estero (Cap. 6); Lit quale contributo statale alle spese per la partecipazione a fiere e mostre all'estere (Cap. 7); Lit quale contributo statale alle spese per la redazione, la stampa e la distribuzione di pubblicazioni tecniche e di pubblicazioni per la propaganda di prodotti italiani all'estero (Cap. 8); j Lit quale contributo statale alle spese per la realizzazione di iniziative varie a favore dell'esportazione italiana (Cap. 9); Lit introiti pubblicazioni tecniche dell'istituto (Cap. 10); Lit per rimborso spese per servizi speciali (Cap. 11). Queste ultime entrate si riferiscono ai rimborsi per il servizio di segreteria del Comitato di Gestione della Legge sull'assicurazione dei crediti alla esportazione, per il servizio del campionamento del riso all'esportazione e per alcuni altri servizi svolti dall'istituto per conto di terzi partecipanti a Fiere e Mostre; Lit per interessi attivi su titoli e su conti correnti (Cap. 12). L'importo è formato dagli interessi maturati sui titoli di proprietà dell'istituto nonché sui conti correnti bancari intrattenuti dall'ente per la esigenza di Cassa dei singoli Uffici; Lit per entrate diverse ed eventuali (Cap. 13). L'importo è costituito dai recuperi vari dal personale, dagli Uffici in Italia e all'estero, dalla differenza sui titoli obbligazionari estratti, da rimborsi spese da terzi e da ristorni di spese.

9 9 Le variazioni avvenute nella gestione dei residui attivi e passivi riguardano principalmente la gestione a contributo relativa all anno Nei residui attivi è stata registrata nel complesso una riduzione degli s tessi di Lit così composta: Lit in meno sul Cap. 7 - Contributo statale alle spese per la partecipazione a fiere e mostre all estero; Lit in meno nel Cap. 8 - Contributo statale alle spese per la redazione, la stampa e la distribuzione di pubblicazioni tecniche e di pubblicazioni per la propaganda di prodotti italiani all estero; Lit in meno nel Cap. 9 - Contributo statale per la realizzazione di iniziative varie a favore dell esportazione italiana; Lit in meno nel Cap Rimborso di spese per servizi speciali; Lit in meno nel Cap Diverse ed eventuali. Si sono inoltre verificate variazioni in più: Lit nel Cap. 1 - Diritti sull esportazione dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari e proventi accessori ;; Lit sul Cap Introiti per pubblicazioni tecniche dell Istituto; Lit nel Cap Interessi attivi su titoli e conti correnti. Le spese effettive di competenza sono state accertate in Lit e sono così ripartite: Lit per spese per il personale (dal Cap. 1 al Cap. 11); Lit per spese generali di gestione (dal Cap. 12 al Cap. 24); Lit per spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano con contributo specifico dello Stato (dal Capitolo 25 al Cap. 28); Lit per spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano a carico ICE (dal Cap. 29 al Cap. 32). Le spese per il personale comprendono quelle per stipendi, lavoro straordinario, compensi speciali, interventi assistenziali a favore del personale e i contributi per il trattamento di previdenza (C/A), per le assicurazioni sociali, per la Cassa Pensioni Dipendenti Enti Locali, per l assistenza sanitaria, per il fondo per il trattamento di quiescenza e per la gestione case per lavoratori. Le spese generali di gestione si riferiscono sia alle spese della Sede che a quelle degli Uffici operanti in Italia principalmente per il controllo dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari, del vino e del riso. In particolare dette spese così si suddividono: Lit per il Cap Locali (fitti, illuminazione, riscaldamento, manutenzione ordinaria, portiere e varie della Sede e degli Uffici in Italia);

10 10 Lit per il Cap postali, telegrafiche e telefoniche; Lit per il Cap Indennità e rimborso spese alla Presidenza, ai Membri del Consiglio Generale, del Comitato Esecutivo e del Collegio dei Revisori; Lit per il Cap Commissioni consultive e tecniche; Lit per il Cap Acquisto pubblicazioni; Lit per il Cap Spese d'ufficio varie (mobilio, arredamento, meccanografico, stampati, cancelleria, assicurazioni, trasporti, rappresentanza, rimborso pasti per servizio, uniformi e varie); Lit per il Cap Diritti di esazione spettanti al Tesoro per la riscossione dei diritti sull'esportazione dei prodotti ortofrutticoli ed agrumari, del vino, del riso e del formaggio pecorino; Lit per il Cap Interessi passivi sul fondo per il trattamento di previdenza del personale; Lit per il Cap Imposte e tasse; Lit per il Cap Interessi passivi su mutuo INAIL per la costruzione della Sede dell'ice; Lit per il Cap Interessi passivi su anticipazioni bancarie per esigenze di Cassa; Lit per il Cap Diverse ed eventuali; Lit per il Cap Ammortamento mobili ed impianti. Le spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano con contributo specifico dello Stato sono ammontate complessivamente a Lit e si riferiscono a: Lit per il Cap spese per l'organizzazione e il funzionamento degli Uffici dell'ice all'estero; Lit per il Cap Spese per l'organizzazione, la pubblicità e l'allestimento di fiere e m ostre all'estero; Lit per il Cap Spese per la redazione, la stampa e la distribuzione di pubblicazioni tecniche e di pubblicazioni per la propaganda di prodotti italiani all'estero; Lit per il Cap Spese per la realizzazione di iniziative varie a favore dell'esportazione italiana. Le spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano a carico ICE sono ammontate complessivamente a Lit e si riferiscono a: Lit per il Cap Spese per pubblicazioni tecniche dell'istituto; Lit per il Cap Spese di trasferimento, viaggi e indennità missione in Italia e all'estero;

11 11 Lit per il Cap Compensi per ricerche, incontri e speciali incarichi; Lit L867 per il Cap Spese per i servizi vari di assistenza e di informazione commerciale. Nella gestione dei residui passivi si sono avute le seguenti variazioni: Lit in meno nelle spese per il personale; Lit in meno nelle spese generali di gestione; Lit in più nelle spese di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano con contributo specifico dello Stato; Lit in più nelle spese 'di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano a carico ICE. Nella categoria II - movimento di capitali si sono registrate, nella gestione di competenza, entrate per Lit di cui: Lit al Cap Alienazioni diverse relative al rimborso dei titoli estratti durante l'anno Il reinvestimento del ricavato degli stessi figura al Cap. 37 di spesa della medesima categoria; Lit al Cap Riscossioni annualità per cessioni alloggi; Lit al Cap Quote al fondo per il trattamento di previdenza del personale: conto B, contributo ICE (C/A) e interessi relativi; Lit al Cap Quota annua ICE al fondo per il trattamento di quiescenza del personale; Lit al Cap Ammortamento mobili e impianti. Si sono inoltre verificate spese p er Lit al Cap Quota estinzione mutuo Case-ICE; per Lit al Cap Quota estinzione mutuo INAIL per la costruzione della Sede dell'ice; Lit al Cap investimenti patrimoniali; Lit al Cap Pagamenti al personale per trattam ento di previdenza; l it al Cap Pagamenti al personale per trattam ento di quiescenza. Le partite di giro, data la loro natura, si pareggiano e non abbisognano di particolari considerazioni. Conto d i cassa Nel prospetto sono riportati i movimenti registrati nei cotni di Cassa e la consistenza della stessa (c/c postali, bancari e fondi di Cassa) al 31 dicembre 1972 che risulta di Lit R en d ite e s p e se In questo conto, che trova rispondenza nele cifre del rendiconto finanziario emerge il risultato complessivo della gestione, la quale chiude con una differenza passiva di Lit

12 12 S ituazione patrim oniale In tale prospetto sono evidenziate le poste attive e passive che compongono là situazione patrimoniale dell'istituto che ài 31 dicembre 1972 presenta un disavanzo di amministrazione di Lit Concludendo questa presentazione sui punti principali della gestione amministrativa e tecnica dell'istituto dell anno finanziario 1972, questa Amministrazione sente il dovere di ringraziare il Collegio dei Revisori per la fattiva e solerte collaborazione prestata per assicurare la funzionalità dell'ente nel pieno rispetto delle norme disciplinanti il controllo della Corte dei Conti. I l D irettore Generale A. Giaroli I l Presidente D. Graziosi

13 REPLICA DEL PRESIDENTE ALLA RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI Prendo atto e faccio mia la relazione del Collegio dei Revisori e, come ho già detto, confermo l assicurazione che sono state impartite tassative disposizioni perché non vengano superati i limiti del bilancio di previsione senza preliminare autorizzazione degli Organi delibéranti. Comunico, altresì, al Consiglio che è stato predisposto e già inoltrato al Ministero Commercio Estero un piano triennale di risanamento finanziario con il quale si tende ad ottenere la copertura dei disavanzi precedenti e ad aggiornare il contributo annuale, restando ferma l'azione di contenimento della spesa per il quale non sarà tralasciato alcuno sforzo. Porto pure a conoscenza del Consiglio che nel quadro della situazione si inseriscono iniziative già prese peri'emanazione dello Statuto e del Regolamento di contabilità. Su tutta questa materia ho preso contatto con il Ministro Matteotti del quale ho potuto apprezzare la disponibilità per la soluzione dei problemi dell Istituto. I l Presidente D. Graziosi TABELLA 16 - Annesso 1

14 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL'ESERCIZIO 1972 Le risultanze complessive del bilancio consuntivo dell'istituto Nazionale per il Commercio Estero al 31 dicembre 1972 si presentano come segue: a) conto finanziario di competenza:. (accertamenti e impegni) ENTRATE Lire SPESE effettive movimento di c a p ita li partite di giro Lire disavanzo im a n z ia rio b) conto economico: rendite spese disavanzo eco n o m ico c) conto patrimoniale: a t t i v i t à passività saldo passivo al 31 dicembre saldo passivo al 31 dicembre peggioramento patrimoniale (disavanzo economico)

15 15 Relativamente ai singoli elementi del consuntivo, si osserva quanto segue: CONTO FINANZIARIO Rispetto al consuntivo del precedente esercizio, il conto finanziario presenta maggiori entrate per Lit e maggiori spese per lire italiane con un peggioramento del risultato finanziario di lire italiane ENTRATE EFFETTIVE Il totale delle entrate effettive ha subito rispetto al 1971, un aumento di Lit (+7,5% ) dovuto principalmente all incremento del «contributo statale per l organizzazione ed il funzionamento degli Uffici ICE all'estero (Cap. 6) di Lit. 625,0 milioni, del «contributo statale alle spese per la partecipazione a fiere e mostre all estero» (Cap. 7) di Lit. 490,4 milioni e del «rimborso di spese per servizi speciali» (Cap. 11) di Lit. 191,6 milioni. ENTRATE PER MOVIMENTI DI CAPITALI Sono complessivamente aumentate di Lit. 243,6 milioni particolarmente per effetto dell'aumento della «quota annua dell Istituto al fondo per il trattamento di quiescenza del personale» (Cap. 19), per Lit. 251,6 milioni. ENTRATE PER PARTITE DI GIRO Sono aumentate nel complesso di Lit. 237,7 milioni in relazione all incremento delle ritenute sul trattam ento economico del personale ed ai maggiori «reintroiti per anticipazioni e riscossioni varie». SPESE EFFETTIVE Rispetto all'esercizio precedente, presentano un incremento di lire italiane 2.596,4 milioni ( + 14,8%) di cui Lit. 724,9 milioni ( + 15,6%) nelle spese per il personale, Lit. 334 milioni (+2,7% ) nelle spese di gestione e Lit ,5 milioni ( + 10,6%) nelle spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano, nonché nella spesa di Lit. 609,6 milioni portati alla nuova sezione dedicata alle «Spese per i servizi di assistenza e sviluppo del commercio estero italiano a carico ICE», non esistente nei bilanci dei precedenti esercizi. In particolare, nelle spese per il personale i più rilevanti incrementi si individuano negli stipendi, assegni e indennità al personale di ruolo (+ lire italiane 215,6 milioni), nei compensi speciali ( + Lit. 63,4 milioni), nella quota

16 16 annua al fondo per il trattamento di quiescenza (+ Lit. 249,0 milioni) e nel contributo per l'assistenza sanitaria ( + Lit. 65,6 milioni). Tra le spese di sviluppo del commercio estero, consistenti incrementi si rilevano nelle spese per gli uffici ICE all estero (+ Lit. 984,2 milioni) e nelle spese per le manifestazioni di fiere e mostre all'estero (+ Lit. 820,9 milioni). Le spese di pubblicazioni presentano invece una contrazione peraltro compensata sostanzialmente dall importo imputato al nuovo capitolo per le pubblicazioni tecniche dell'istituto, inserito nella nuova sezione, dianzi accennata. In quest'ultima sono state anche trasferite le spese di trasferimento, viaggi e indennità di missione in Italia e all'estero ( + Lit. 30,2 milioni rispetto all'anno precedente). In tale capitolo non sono tuttavia comprese le indennità ed i rimborsi spese per trasferim enti e per viaggi relative agli spostamenti del personale tra gli Uffici ICE all'estero (che sono incluse tra le spese degli stessi uffici) e quelle connesse alle manifestazioni di «promotion». Nella nuova sezione figura altresì il capitolo, di nuova istituzione, concernente spese per i servizi vàri di assistenza e di informazione commerciale (Cap. 32) nel quale risultano spese per Lit. 76,4 milioni. SPESE PER MOVIMENTO DI CAPITALI Le spese per movimento di capitali sono aumentate di Lit. 392,8 rispetto all'esercizio precedente particolarmente per effetto di maggiori pagamenti per trattam ento di previdenza e di quiescenza al personale. SPESE PER PARTITE DI GIRO L'aumento di Lit. 237,7 milioni, coincide con l'incremento delle corrispondenti voci dell'entrata. Rispetto alle previsioni aggiornate con il provvedimento di variazione al bilancio, si osserva che l originario disavanzo economico ascendeva a Lit. 468 milioni; esso era rimasto immutato anche a seguito del primo ed unico provvedimento di variazioni di bilancio approvato dal Consiglio Generale il 20 dicembre 1972 il quale recava assestamenti nell entrata e nella spesa che si compensavano tra di loro. Rispetto alle iniziali previsioni ed agli assestamenti di bilancio approvati nello scorso dicembre, la situazione si presenza ora notevolmente deteriorata: registra infatti un maggior deficit di circa Lit. 588,7 milioni. Nella parte di competenza, l aumento degli oneri è posto in relazione, essenzialmente, con tre ordini di spese e cioè di quelle: a) per gli Uffici ICE all estero (Cap. 25): rispetto ad una previsione di Lit milioni, si sono assunti impegni per Lit ,2 circa milioni (tenuto conto di Lit. 425 milioni per miglioramenti in corso di definizione per il personale) con un aumento, quindi, di circa 359 milioni, che viene riferito principalmente a due componenti, vale a dire ai trasferimenti di personale (Lit. 215 milioni) ed alle spese di gestione;

17 17 b) per le fiere e mostre all estero (Cap. 26): ad una previsione di lire italiane milioni fa riscontro un complesso di accertamenti per circa 4.699,5 milioni, con un aumento quindi di Lit. 323,5 milioni, motivato dalle maggiori spese di trasporto e per le superfici espositive; tale ammontare tiene conto delle economie realizzate per talune fiere per circa Lit. 176,5 milioni, considerate in compensazione di maggiori oneri sostenuti per altre fiere; c) per le iniziative varie (Cap. 28): gli acertamenti per circa Lit ,9 milioni presentano rispetto alle previsioni per Lit ,5 milioni una eccedenza di circa 71,4 milioni, che è posta in relazione ai maggiori incarichi ricevuti dal Mincomes per Lit. 46,6 milioni e con l'aumento di costi per lire italiane 24,9 milioni. In relazione alle sopra menzionate eccedenze nei capìtoli 25, 26 e 28, nonché a quelle intervenute in altri capitoli (6, 9, 18, 29, 39 e 45) il Collegio ricorda che nei riguardi delle medesime occorre un'espressa e specifica pronuncia del Consiglio Generale. Al riguardo il Collegio richiama l'esigenza che le variazioni di bilancio avvengano prima dello svolgimento della gestione e, quindi, riportino la preventiva approvazione degli organi deliberanti. CONTO ECONOMICO Anche il conto economico presenta un peggioramento di Lit rispetto all'anno precedente essendo il relativo saldo passato da un avanzo di Lit ad un disavanzo di Lit Quest ultimo è costituito per Lit dal disavanzo della parte effettiva del Conto finanziario e per Lit dal peggioramento del conto dei residui. CONTO PATRIMONIALE La situazione patrimoniale presenta, al 31 dicembre 1972, un saldo passivo di Lit con un peggioramento, rispetto alla chiusura dell esercizio precedente, di Lit , corrispondente al disavanzo economico dell esercizio. Nell ambito dei valori patrimoniali, tale peggioramento si collega ad un aumento di passività in misura più rilevante dell aumento delle attività. In particolare tra gli elementi dell attivo le più sensibili differenze si riscontrano nei «conti correnti bancari e fondi di cassa» (+L it. 308,6 milioni) e nei «crediti diversi» che presentano un aumento di Lit ,2 milioni corrispondente in sostanza all'incremento dei residui attivi. Tra gli elementi del passivo, le variazioni più consistenti si individuano ndl'ammontare del mutuo per la costruzione della nuova sede ( Lit. 119,96 milioni), nel fondo per il trattamento di previdenza del personale ( lire italiane 73,6 milioni), nel fondo per il trattam ento di quiescenza ( + Lit. 374

18 18 milioni) e nell esposizione debitoria verso le banche + Lit. 2,168,4 milioni). Inoltre, i debiti vari hanno subito un aumento di Lit ,96 milioni, pressoché corrispondente all aumento dei residui passivi. I fondi pubblici e privati sono valutati al prezzo di acquisto. I mobili e l'arredam ento della sede sono stati completamente ammortizzati. La consistenza dei residui attivi, rispetto all'esercizio precedente, ha subito un aumento di Lit ,1 milioni pari al 32,7% mentre nel 1971 si era avuta una riduzione rispetto al 1970 di Lit ,5 milioni pari al 14%. Lo aumento nei residui passivi è stato, alla fine del 1972, di Lit ,2 milioni pari al 24,6% mentre nel 1971 si era verificata una diminuzione, rispetto all esercizio precedente, di Lit. 876,5 milioni pari al 26,5%. Nel formulare le considerazioni che precedono, il Collegio sottolinea la necessità che venga dedicato ogni impegno per il riequilibrio della gestione e per assicurare la massima produttività delle spese. Infine, il Collegio assicura che i dati riportati nel consuntivo in esame sono conformi a quelli risultanti nelle scritture contabili dell'istituto. I REVISORI DEI CO NTI R. Onofri M. P u g l ie si M. Calabresi

19 CONTO CONSUNTIVO

20 20 RENDICONTO CONSUNTIVI - INTESTAZIONE DEI CAPITOLI COMPETENZA DELL ANNO FINA! 1fc D E N O M IN A Z IO N E S ta n z ia m e n ti d e fin itiv i a p p ro v a ti p e r l esercizio A c ce rta m e n to d ell esercizio R iscossioni f a tte n e ll esercizio S om m e rim a s te d a riscuoter! a lla c h iu su ra deu esercizio e (col. 4 5) ENTRATA C a t e g o r i a I ENTRATE EFFETTIVE 1 Diritti sull esportazione dei pro-. dotti ortofrutticoli e agrumari e proventi accessori (Legge 9 novembre 1950, n )...L Diritti sull esportazione del vino e proventi accessori (D. L. C. P. S. 16 settembre 1946, n )......» Diritti sull esportazione del riso e proventi accessori (D. L. C. P. S. 16 settembre 1946, n )...» Diritti sulle esportazioni dei formaggi «Pecorino romano» e «Pecorino siciliano» verso gli Stati Uniti d America e il Canada (legge 10 marzo 1969, n. 117).» Contributo statale alle spese di funzionamento dell Istituto (Legge 24 dicembre 1969, n. 976)..» _ 6 Contributo statale alle spese per l organizzazione e il funzionamento degli Uffici dell ICE all estero...» Contributo statale alle spese per la partecipazione a fiere e mostre all estero » Contributo statale alle spese per la redazione, la stampa e la distribuzione di pubblicazioni tecniche e di pubblicazioni per la propaganda di prodotti italiani all estero...» Contributo statale per la realizzazione di iniziative varie a favore dell esportazione italiana.» Introiti per pubblicazioni tecniche dell Istituto.....» A riportare... L

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario

TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000. Enti locali dissestati: disposizioni generali. Art. 244. Dissesto finanziario TITOLO VIII - CAPO II DLgs 267/2000 Enti locali dissestati: disposizioni generali Art. 244. Dissesto finanziario 1. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI

ENTE: APOF-IL PROVINCIA: POTENZA ALTRI ALLEGATI ALTRI ALLEGATI Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja - Tito (PZ) Pagina 2 di 15 CAPACITA' DI INDEBITAMENTO Anno 2014 Procedura realizzata da Publisys S.p.A. C.da Santa Loja

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015 Bando di selezione per 82 tirocini curriculari presso le Rappresentanze diplomatiche del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli