INDICE. Premesee e Politiche di redazione Pag. 4. La Cooperativa Mission, Vision, I Valori Pag. 7. Il Fatturato Pag.14. Il Conto Sociale. Pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Premesee e Politiche di redazione Pag. 4. La Cooperativa Mission, Vision, I Valori Pag. 7. Il Fatturato Pag.14. Il Conto Sociale. Pag."

Transcript

1

2

3 INDICE Premesee e Politiche di redazione Pag. 4 La Cooperativa Mission, Vision, I Valori Pag. 7 Il Fatturato Pag.14 Il Conto Sociale Pag. 22 Tirocini, Formazione, Pag. 28 Comunicazione e Fund Raising Pag.30 I Servizi Pag. 34 Distribuzione della ricchezza Pag. 58 Valutazioni e prospettive Pag. 60 Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 3 Bilancio Sociale 2013

4 Premessa e Politiche di Redazione Il 2013 si è confermato per la cooperativa da una parte un anno di consolidamento, ma dall altro anche un anno di svolta. Consolidamento in quanto si è mantenuto un importante trend di crescita del fatturato complessivo, delle risposte possibili, delle persone accolte nei nostri servizi, del tentativo, già avviato nel 2012, di darsi un paradigma condiviso che metta al centro la Qualità di Vita delle persone. Svolta in quanto è cresciuta ancor più la consapevolezza che fosse necessario mettere mano complessivamente all organizzazione per rimanere capaci di coniugare l attenzione al cliente, la qualità dell intervento, la capacità di coinvolgere attivamente i propri soci e il proprio personale, ma contemporaneamente garantire la sostenibilità economica dell organizzazione in una stagione così difficile e complessa nell ambito delle politiche sociali. Ecco quindi una stagione connotata dal mantenimento di un attenzione costante ai settori più strategici per la cooperativa, ovvero i cosiddetti poli per l Autismo, con l avvio dell esperienza sperimentale così importante, in forte sinergia con la coop. soc. Fabula, del Poliambulatorio Domino e del Servizio Bridge, e per le Disabilità Acquisite, con finalmente la contrattualizzazione sanitaria del CDD Ciak 2 dal marzo 2014 e lo sviluppo ulteriore di risposte mirate, specifiche, di tipo diurno, domiciliare e residenziale del Polo per le Disabilità Acquisite. Ed ancora il raggiungimento dell accreditamento, tra la fine del 2013 e l avvio del 2014, del servizio domiciliare socio-sanitario ADI, con la consapevolezza sempre maggiore della necessità di un allargamento delle risposte domiciliari ad una fascia sempre più ampia di popolazione, fragile ma anche non, sempre più necessitante di ambiti di supporto e cura. Da sottolinearsi ulteriormente l attenzione costante al coinvolgimento dei propri soci in ambiti di condivisione e di responsabilità, a partire dalla rinuncia temporanea ad alcuni scatti contrattuali, sino al coinvolgimento fattivo in ordine alla definizione di nuove regole interne societarie. Ma soprattutto la consapevolezza che, raggiunta la maturità, è opportuno che tanto gli uomini quanto le organizzazioni si sottopongano a periodici check-up, per verificare lo stato di salute e indirizzare, ove necessario, le azioni correttive. Con questo spirito, a quasi quindici anni dalla sua costituzione, il CDA della la Cooperativa Sociale I Percorsi ONLUS ha incaricato alcuni consulenti esterni legati al Consorzio SIR di compiere un analisi oggettiva della situazione. E proprio leggendo i numeri, analizzando i risultati, il trend nel tempo, confrontando i parametri operativi, apprezzando le opportunità e valutando i rischi, la capacità interna di innovazione e la solida base valoriale si è iniziato un percorso, che vedrà realisticamente la sua conclusione entro il 2014, per rispondere alla domanda centrale di come innovarsi senza rinnegare i valori fondanti aggregativi, nell ottica di ripensare alla propria forma organizzativa ed essere sempre più capaci di produrre Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 4 Bilancio Sociale 2013

5 innovazione in un mercato che sempre più richiede l attenzione al cliente, al farsi scegliere per quello che effettivamente si è in grado di offrire, al di là delle posizioni già raggiunte e consolidate. Politiche di redazione La realizzazione del Bilancio Sociale è sempre un momento significativo nella vita di un organizzazione no profit, permettendo di affiancare al tradizionale bilancio d esercizio uno strumento di rendicontazione che fornisce una valutazione non solo del valore economico, ma anche di quello sociale e ambientale prodotto dalla cooperativa nel suo operato quotidiano. Il bilancio sociale risponde quindi ad esigenze informative e comunicative verso i propri stakeholder interni (dipendenti, soci, ecc) ed esterni (fruitori dei servizi, fornitori, ente pubblico, ecc) in merito alla missione, agli obiettivi, alle strategie e alle attività. L edizione 2013, curata da Luca Grossi (Consigliere d Amministrazione), è stata redatta in conformità al Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del 24/01/08, alla Delibera di Giunta Regionale della Lombardia n 5536 del 10/10/07 ed alle Linee Guida per la redazione del Bilancio di Responsabilità Sociale, aggiornate alla data del 05/02/09. Il Presidente Coop. I Percorsi Maurizio Cavalli Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 5 Bilancio Sociale 2013

6 I Percorsi Onlus Società Cooperativa Sociale Via Carlo Bazzi, Milano tel fax P.I REA MI Costituitasi con atto notarile il ; Iscrizione albo regionale sezione A foglio 273 n 545 il 18-09/2000; Numero iscrizione albo nazionale A del 22/03/2005; Codice ISTAT dell attività principale Nel luglio 2000 socio fondatore del Consorzio SiR Solidarietà in Rete; Aderente alla centrale cooperativa Confcooperative. Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 6 Bilancio Sociale 2013

7 La Cooperativa Mission, Vision, I Valori LA OOPERATIVA La Cooperativa Sociale I Percorsi si è costituita nel 1999 per volontà di un gruppo di operatori sociali professionalmente qualificati, che hanno maturato tale decisione dopo molti anni di lavoro all interno dei servizi gestiti da ANFFAS Milano. Da allora I Percorsi ONLUS opera perché le persone che hanno bisogno di aiuto trovino le risposte più adatte per migliorare la qualità della propria vita, nel rispetto del proprio desiderio più autentico. Per raggiungere questo obiettivo la Cooperativa si impegna perché la persona e la sua famiglia siano in grado di acquisire consapevolezza del proprio progetto di vita, di dare una lettura corretta e funzionale del bisogno e delle modalità per dare ad esso la risposta migliore. Opera perché la persona e la famiglia siano accompagnate da persone esperte, dentro ad un sistema di servizi, nel godimento di esperienze che abbiano anche carattere di socialità e condivisione. Offre servizi di natura educativa, socio-sanitaria, assistenziale e formativa ed è aperta alla creazione di nuove risposte ai nuovi bisogni. Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 7 Bilancio Sociale 2013

8 L'OBIETTIVO Lo scopo della cooperativa è migliorare la qualità della vita, valorizzando l importante know-how in merito all approccio delle dimensioni della Qualità della Vita e dunque in una visione olistica rispetto al benessere della persona. Inoltre sottolinea l irriducibilità della persona singola e l impossibilità di ridurre l offerta a standard precostituiti, nel rispetto del desiderio più autentico di ognuno. L'APPROCCIO I due fattori fondanti dell agire della cooperativa sono M i s s i o n l attenzione alla presa di consapevolezza più autentica del bisogno/desiderio della persona, e anche di un approccio sociale e esperto, cioè a dire professionale del servizio. Queste indicazioni differenziano i servizi della cooperativa da offerte standardizzate da risposte one to one, che non contemplino la dimensione di condivisione e socialità per il raggiungimento dei propri obiettivi sociali. I SERVIZI Aperti alla possibilità di sviluppare servizi innovativi, oltre che alla gestione dei servizi in essere. Per fare ciò si riconosce l importanza del generare risorse economiche, indicazione che sarebbe inutile per altre tipologie di impresa, ma che risulta qui fondamentale, per evidenziare il superamento di approcci ideologici in difesa di una alterità che diventa non solo insostenibile, ma anche inefficace per il raggiungimento dei propri obiettivi sociali. Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 8 Bilancio Sociale 2013

9 La nostra vision Il mondo che desideriamo è un mondo solidale, in cui le persone si prendano cura le une delle altre e in cui nessuno sia lasciato solo nei momenti di difficoltà. Un mondo in cui le persone che hanno bisogno di aiuto trovino nel sostegno di altre persone la risposta ai loro bisogni e desideri più autentici, in modo da tutelare o migliorare la qualità della propria vita. Un mondo in cui sia diffusa la consapevolezza e la cultura sull importanza della professionalità e della dimensione sociale dei servizi in sostegno alle persone. Un mondo in cui l agire economico sia sempre orientato all interesse generale, alla promozione umana e del territorio. La Coop. I Percorsi Onlus vuole essere lo strumento per contribuire a realizzare questo desiderio. I nostri valori Crediamo nella centralità della persona, dunque che ogni azione che la cooperativa intraprende abbia sempre le persone come fine, siano esse persone con bisogno, le loro famiglie, i lavoratori, i volontari, i soci. Crediamo in un approccio preventivo e cioè che è auspicabile lo sviluppo di educazione e cultura nelle persone in merito ai bisogni e ai servizi, o interventi precoci capaci di prevenire l insorgere di problemi ed emergenze. Crediamo che un sistema di servizi alla persona sia uno dei luoghi fondamentali in cui esercitare i propri diritti. Crediamo nella competenza e nella dimensione sociale dei servizi alla persona, come fattori fondamentali per un sostegno efficace e funzionale al miglioramento della qualità della vita. Crediamo nella responsabilità, nel desiderio di contribuire al bene comune delle persone, che si associano per raggiungere obiettivi comuni, in una prospettiva sostenibile, da punto di vista imprenditoriale, sociale ed ambientale. Crediamo nell orientamento etico dell impresa, e cioè che ogni attività economica abbia il compito e il dovere di promuovere l interesse generale e il benessere di tutti, nel rispetto della legalità, della trasparenza e della corretta gestione. Crediamo nel valore del pluralismo e della diversità come risorsa, attraverso il rispetto e la valorizzazione delle idee e delle esperienze individuali e collettive, anche nei processi democratici di gestione delle scelte. Crediamo nel valore della collaborazione e della cooperazione con gli attori del territorio, che perseguono i nostri stessi fini, mettendo in comune le risorse, creando sinergie e valorizzando le reciproche competenze. Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 9 Bilancio Sociale 2013

10 La Storia La Cooperativa Sociale I Percorsi si costituisce. I soci fondatori sono dodici e tutti impiegati nei Servizi di ANFFAS. Nasce il Consorzio SiR: la Cooperativa ne diventa socia e sostenitrice Il Laboratorio La Bottega e la Sezione Autismo sono i primi servizi a gestione diretta della Cooperativa. Seguiranno nel periodo: il Settore Tempo Libero e Vacanze (2001), il Servizio di Formazione all Autonomia (SFA) nel 2002, il Centro Socio Educativo (CSE) nel 2003, Servizio di Sostegno Integrato alla Famiglia (S.S.I.F.) nel Convenzionamento del CSE Bazzi come Centro Diurno Disabili (CDD). Apre il Centro di Socializzazione per Disabili di via Boifava, connesso strutturalmente al Servizio Domiciliare Nasce formalmente il nuovo C.S.E. La Bottega all interno del quale si sviluppa il Polo Disabilità Acquisita. Si sviluppa Progetto Persona, ossia l assistenza domiciliare a favore di persone disabili e anziane, in ATI con la Coop. A Piccoli Passi Periodo di grandi soddisfazioni, visto il pieno riconoscimento da parte del Comune di Milano di 3 servizi in convenzione (SFA, CAD, CSE) e la contrattualizzazione da parte di ASL e degli enti locali del CDD Bazzi 2 Autismo. Viene organizzato il primo grande evento comunicativo, con l inaugurazione da parte del Sindaco del Centro Diurno Disabili Ciak 2 per persone con disabilità acquisita Anno molto complesso per la crisi economica e i tagli di Bilancio da parte dell ente pubblico. Tuttavia la cooperativa supera i 50 dipendenti e partono le sperimentazioni residenziali: la Scuola di Vita Adulta Autonoma (SVAA) e Le Casette La cooperativa acquista la sede del Centro Diurno Disabili Ciak 2, acquisisce in locazione a prezzo calmierato la nuova sede di Via Barrili (dove vengono trasferiti tre servizi); continua l incremento del personale dipendente (n 69) Con la fine dell anno si sviluppa il Polo per l Autismo con la nascita del Progetto Domino e del Progetto Bridge nella sede di via Quaranta, e inizia la procedura per l Accreditamento Adi (Assistenza Sanitaria Integrata). Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 10 Bilancio Sociale 2013

11 I Servizi I Percorsi Onlus ha per oggetto l esercizio di attività socio-sanitarie, socioassistenziali e socio-educative. I servizi della cooperativa sono ad oggi rivolti prevalentemente a persone con disabilità intellettiva/relazionale di differente entità e alle loro famiglie, nonché ad operatori, inseriti all interno di strutture pubbliche e private, impegnati nella risposta ai bisogni di soggetti disabili. Solo da poco ci si è rivolti anche alla fascia della popolazione anziana offrendo interventi di prossimità di tipo domiciliare. All interno dei servizi erogati dalla cooperativa le persone in situazione di fragilità possono trovare risposte complesse ai loro eterogenei bisogni, grazie ad una presa in carico differenziata (a cura delle diverse unità operative attivate) in un ottica di Progetto Globale. I servizi gestiti Nello specifico ad oggi la Coop. I Percorsi gestisce i seguenti Servizi: Centro Diurno Disabili CDD Bazzi Centro Diurno Disabili CDD Bazzi 2 Autismo Centro Socio Educativo CSE La Bottega Laboratorio sperimentale La Bottega Centro Diurno Disabili CIAK 2, all interno del più ampio Polo Sperimentale per Persone con Disabilità Acquisita Servizio Formazione Autonomia SFA Centro di Aggregazione per Disabili CAD Poliambulatorio Domino Servizio Sperimentale Bridge Residenziali Scuola di Vita Adulta Autonoma (SVAA) Le Casette Progetto Persona Assistenza domiciliare disabili e anziani Assistenza Sanitaria Integrata (ADI) Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 11 Bilancio Sociale 2013

12 Struttura di Governo La struttura gestionale della Cooperativa si articola in Assemblea dei Soci, Consiglio d amministrazione, Presidente, Revisore dei Conti, Direttore operativo e Consiglio Esecutivo. L'Assemblea dei Soci è l'organo sociale centrale che vede riuniti tutti i soci e in cui è possibile discutere e deliberare sulle questioni che riguardano la vita della cooperativa. In particolare delibera sul Bilancio Consuntivo e sul Bilancio Sociale e sull orientamento generale dell organizzazione e sulla nomina del Consiglio d Amministrazione ogni 3 anni Il Consiglio di Amministrazione, organo di governo politico e strategico, è composto da 7 membri più 2 uditori. Per la figura dell uditore non è prevista la possibilità di voto. Rappresenta comunque un opportunità di crescita professionale per giovani soci. Per i ruoli di Presidente e Vice Presidente, così come per il ruolo di Consigliere, non è prevista alcuna forma di compenso né alcun gettone di presenza. Presidente Vice Presidente Consiglieri Uditori Maurizio Cavalli Luisa Vanelli M.Bandera, A. Paolinelli, L.Grossi, D.Siani, S.Mozzon A.Sarchi e I.Mauri Il Presidente è il rappresentante dell Ente di fronte ai terzi. Tra le altre funzioni convoca e presiede le riunioni dell Assemblea e del Consiglio d Amministrazione, rende esecutive le delibere assunte da tali organi. Il Direttore Generale (Cavalli) è la figura che si interfaccia tra la struttura operativa e il Consiglio d Amministrazione e traduce operativamente le deliberazioni prese dal CDA. Affiancato da un Vice-Direttore (Vanelli), nella configurazione attuale si consulta periodicamente con i responsabili d area e i coordinatori operativi. La crescita della cooperativa in questi ultimi 3 anni (è raddoppiato il numero dei dipendenti, è aumentato il fatturato, è ampliata la gamma dei servizi) ha spinto il Cda ad una riflessione sulla capacità dell organizzazione ad affrontare con gli strumenti opportuni le sfide del futuro. Da questo ragionamento è partito un percorso, sviluppato con la consulenza del Consorzio Sir, in vista di un cambiamento a partire da alcune riflessioni iniziali:...per la Cooperativa I Percorsi è divenuto esiziale stabilire un percorso per lo sviluppo della maturità dell organizzazione sia per quanto attiene alla definizione precisa delle responsabilità e delle mansioni della prima linea, sia per quanto attiene la capacità di delega dal vertice alla prima linea e da questa alle figure operative... la cooperativa sembra caratterizzata da una organizzazione magmatica, fondata sulla dedizione e la creatività di alcune figure che assommano diverse responsabilità e dunque sopportano carichi di lavoro insostenibili, oppure che rendono difficile la qualità degli output del lavoro. Le figure di direzione, in assenza di una divisione chiara di responsabilità, sono costrette a costruire priorità (ad es. nella tutela dell erogazione dei servizi) a discapito di funzioni trasversali oggi fondamentali per il consolidamento e la crescita dell organizzazione. Questo stralcio della Consulenza Sir riconosce la capacità dell organizzazione a gestire il presente, ma valuta come necessità per la crescita una rimodulazione della struttura in termini di complessità e maggiore differenziazione dei ruoli. Gli esiti di questo lavoro avranno evidenza nel 2014 Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 12 Bilancio Sociale 2013

13 Assemblea dei Soci Consiglio di Amministrazione Vice Direttore e Resp. Risorse Umane L. Vanelli Presidente Maurizio Cavalli Fund Raising- Comunicazione L. Grossi Amministrazione e Controllo Gestione M. Salvatore Direttore Generale Maurizio Cavalli Medico del lavoro S. Porcaro Affari Generali M. Compostella Resp. Sicurezza D. Romagnoli Resp. Polo Resp. Servizi Diurni Resp. Resp. Area Resp. Form. Autismo L. Vanelli Vacanze Domiciliare Supervisione M. Bandera S. Mozzon L. Grossi T. Lomascolo Poliambulatorio Coord. C.D.D. Domino Bazzi Servizi Residenziali M. Bandera L. Vanelli Bridge Coord. Le Casette M. Bandera A. Sarchi Coord. D. Trivellato Coord. S.F.A. A. Bertazzoni SVAA Resp. A. Bertazzoni Coord. C.D.D. Bazzi 2 Autismo M. Bandera Coord. C.A.D. A. Bertazzoni Coord. C.D.D. CIAK2 D. Siani Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 13 Bilancio Sociale 2013

14 Il Fatturato Anche nel 2013 si è accresciuto il valore della produzione dei servizi, anche se il dato è parzialmente da rettificare in quanto tutto il fatturato del servizio domiciliare (circa euro), gestito in ATI con la coop. soc. A Piccoli Passi, è formalmente iscritto in gran parte nel nostro bilancio ma in realtà è Evoluzione del fatturato (in migliaia di euro) prodotto al 50% dalle due cooperative Nell analizzare le principali grandezze economiche oggetto di variazioni significative, osserviamo un aumento del Valore della 116 Produzione che supera i con un incremento del fatturato della gestione caratteristica. Tale crescita, così come sempre avvenuto negli anni precedenti, testimonia lo sforzo che la Cooperativa ad ampliare servizi e opportunità. Dal lato delle uscite, gli incrementi più importanti si verificano alla voce costi per servizi e costi del personale. I primi sono una diretta conseguenza dell incremento del fatturato, oltre che all aumento delle tariffe di alcune prestazioni. Per i secondi l aumento è legato principalmente al numero di dipendenti assunti. Sebbene l anno 2013 si chiuda con un numero di dipendenti inferiore rispetto alla stessa data dell anno precedente, va osservato che tale riduzione è avuta solo nell ultima parte dell anno (per chiusura di alcuni contratti a tempo det.) e che la media mensile dei dipendenti è superiore di 4 unità rispetto al Ricordiamo in questa sede che i soci della Cooperativa hanno Costo del Personale deciso di autobloccarsi lo scatto contrattuale previsto dal rinnovo contrattuale. Questa scelta ha certamente limitato l aumento dei costi, dimostrando una piena e forte maturazione della base sociale rispetto alla necessità di muoversi con prudenza in uno scenario esterno di grande incertezza. La scelta è stata poi rivista con la fine dell anno quando alcune indicazioni positive sono emerse o si sono consolidate. Citiamo alcune decisioni del Comune di Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 14 Bilancio Sociale 2013

15 Milano che hanno inciso sul nuovo orientamento: rinnovo del Contributo per le Vacanze (prima sospeso), annullamento del taglio dei Pei e del contributo Trasporti. I continui risultati positivi raggiunti nel corso degli anni Evoluzione Patrimonio Netto si riflettono ampiamente nel valore del patrimonio netto che ormai sfiora i , grazie soprattutto all incremento delle riserve Il capitale sociale ammonta a , pari a di media per socio. Evoluzione Capitale Sociale (in migliaia di euro) L esercizio chiuso al evidenzia un utile netto pari a Risultato d'esercizio (in migliaia di euro) Tale risultato è in deciso miglioramento rispetto a quello conseguito l anno precedente che aveva riportato un utile di Utile completamente a disposizione della cooperativa per lo sviluppo e l innovazione Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 15 Bilancio Sociale 2013

16 Gli Stakeholder (o portatori di interesse) Per questo Bilancio Sociale, oltre agli stakeholder interni della Cooperativa, il nostro impegno è stato quello di sviluppare rapporti di comunicazione e di collaborazione sempre più significativi con l insieme dei nostri portatori d interesse. Stakeholder Aspettative ed interessi Possibili risposte da parte della cooperativa Persone fruitrici dei servizisostegni e famigliari Miglioramento della qualità della vita in tutti i suoi aspetti. Miglioramento della capacità di resilienza anche nel contesto quotidiano. Aspettativa riabilitativa forte, anche a volte miracolistica Fare emergere possibilità riabilitative reali. Accompagnare la persona in un Progetto improntato alla Qualità della Vita. Affiancare la persona sostenendo strategie di gestione del quotidiano. Trovare una soluzione temporanea o continuativa di conforto per la persona e per la famiglia. Committente (Comune, ASL) Sostegno alle famiglie con persone in situazione di fragilità per favorire il mantenimento dei legami sociali, la posizione lavorativa, la cittadinanza attiva e il benessere complessivo. Inserimento delle persone non autosufficienti nel contesto più adatto per favorire il benessere della persona/famiglia e per evitare abusi e scandali. Prolungamento e promozione della permanenza delle persone non autosufficienti nel contesto famigliare. Razionalizzazione delle risorse economiche a fronte di una esplosione del bisogno e del fenomeno delle fragilità e di nuovi soggetti deboli. Offrire servizi/sostegni differenziati adatti alle diverse esigenze delle persone e delle loro famiglie. Creare o consolidare reti per offrire risposte olistiche ai bisogni delle persone. Innovare continuamente la propria offerta di servizi per rispondere a nuovi bisogni ed aspettative che si presentano. Razionalizzare la propria gestione operativa ed ottimizzare i costi tutelando la qualità dell offerta. Donatore istituzionale (Regione, Fondazioni di erogazione) Promozione del benessere sociale e del territorio. Promozione dei valori fondamentali espressi a livello istituzionale dai documenti strategici. Visibilità del donatore istituzionale nei confronti del cittadino. Corretto utilizzo delle risorse donate. Verificare la coerenza tra il proprio patrimonio valoriale, i propri obiettivi strategici e le aspettative dei donatori istituzionali. Favorire e promuovere la visibilità dei donatori istituzionali. Promuovere la trasparenza con una corretta rendicontazione economica e finanziaria. Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 16 Bilancio Sociale 2013

17 Donatore privato impresa Miglioramento della percezione esterna della propria azienda attraverso attività di responsabilità sociale. Contatto con possibili nuovi clienti attraverso la collaborazione con servizi che si rivolgono ad un segmento di mercato comune. Creazione di dinamiche win-win con i servizi del territorio attraverso il perseguimento congiunto di obiettivi. Corretto utilizzo delle risorse donate e tutela rispetto alla possibilità di essere associato ad abusi. Incontrare le imprese del proprio distretto o che intercettano lo stesso segmento di clientela per verificare partnership, sinergie ed obiettivi comuni. Favorire e promuovere la visibilità dei donatori privati nelle attività e nei progetti realizzati in partnership o per le donazioni ricevute. Promuovere la trasparenza attraverso una corretta rendicontazione economica e finanziaria e dei fondi utilizzati. Donatore privato Contributo a raggiungere obiettivi con i quali si sente coinvolto. Chiara esplicitazione degli obiettivi e dei valori. cittadino Contributo al miglioramento di servizi Continua rendicontazione cui accedono propri conoscenti, congiunti o famigliari secondo le proprie possibilità. Migliore percezione di sé e del proprio ruolo sociale. sull operato, sulle azioni per migliorare la qualità dei servizi e sull esito e sui risultati di tali azioni. Promuovere la trasparenza attraverso una corretta rendicontazione economica e finanziaria e dei fondi utilizzati. Promozione del committment e dell impegno dei cittadini e del territorio con le attività della cooperativa. Soci Perseguimento della Mission Trasparenza Partecipazione - Garantire spazi di confronto e di partecipazione. Promuovere la trasparenza economica, finanziaria e decisionale Sistema della cooperazione Collaborazione Adesione a linnee e orientamenti Appartenenza fattiva al Consorzio Sir. Dipendenti Miglioramento professionale Formazione Buone condizioni di lavoro Stipendio adeguato Sviluppo dell organizzazione in ambiti innovativi. Partnership con Enti di Formazione Attenzione ai temi della sicurezza sul lavoro. Sviluppo benefits aziendali Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 17 Bilancio Sociale 2013

18 Il territorio La Cooperativa I Percorsi ha la propria sede principale e quelle periferiche nella zona 5 di Milano. Dal 2009 è stato ottenuto l accreditamento per i servizi di Assistenza Domiciliare per le zone 5 e 4, che si estende anche nel Distretto 7 (Rozzano) e nel Comune di Corsico. Il bacino di provenienza dell utenza è in parte legato alla zona di appartenenza, in parte esteso all intera città di Milano e ad alcuni comuni dell hinterland. I Percorsi aderisce al Consorzio SiR e, tramite questo, al Consorzio nazionale CGM (Consorzio Gino Mattarelli). Le nostre attività, direttamente o in collaborazione con altre organizzazioni, avvengono prevalentemente a Milano e Hinterland, ma anche in altre regioni d Italia e in alcuni casi all estero (Servizio Vacanze, Campionati Sportivi, ecc.) Il lavoro di rete Consapevoli dell importanza del lavoro di rete in funzione della qualità della vita delle persone in situazione di fragilità la cooperativa ha lavorato in questi anni nella direzione del radicamento territoriale. Nel 2013 si sono sviluppate e/o consolidate nuove collaborazioni significative con: l Associazione Sportiva I Giovani X i Giovani, con la quale costruiamo importanti iniziative a favore dello Sport per Tutti, coinvolgendo persone con disabilità in manifestazioni sportive in ambito nazionale ed internazionale Farmacia Montagna, mediante convenzione che garantisce sconti ai cittadini di zona 5 l Associazione Culturale Animondo, in zona 4 di Milano, attraverso la realizzazione di un Laboratorio l Arte del Fare rivolto a minori con disabilità la Cascina Basmetto, che mette a disposizione spazi per gestire la nostra attività di Ortoterapia l Associazione Atir, per attività di Teatro Integrato e eventi pubblici Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 18 Bilancio Sociale 2013

19 associazioni che tutelano persone con disabilità acquisita, in particolare AICH (Ass. Corea di H.), UILDM (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare), AISM (Ass. Italiana Sclerosi Multipla) diverse cooperative, parrocchie e associazioni di Zona 5, mediante la coprogettazione e partecipazione a bandi di finanziamento (es. Prog. PIRAMIDI, UN FILM MAI VISTO, INCLUSIONE SOCIALE) Nell anno si è peraltro mantenuto il rapporto con alcune realtà, che indichiamo a titolo esemplificativo di molte altre ancora: la Parrocchia di Fatima, che ha permesso l uso della palestra per due volte la settimana, il Centro Sportivo di Settimo Milanese per l attività di Atletica, la Coop. Il Fontanile (Cascina Biblioteca) per l attività di avvicinamento al cavallo. Ma se intendiamo la rete come quel tessuto di soggetti diversi che lavorano ad uno scopo comune, bisogna allora prendere in considerazione anche quegli enti e realtà insieme alle quali quel lavoro viene progettato. Ecco uno schema che mostra, in quest ottica, le varie appartenenze e il ruolo ricoperto dalla cooperativa all interno di esse: La coop. I Percorsi aderisce e/o collabora con: ConfCooperative e Federsolidarietà dal 2004 Consorzio SIR (Solidarietà in Rete), a sua volta socio della rete CGM (Consorzio Gino Mattarelli) dal 2000 Cooperativa A Piccoli Passi (In ATI viene gestito Progetto Persona, l'insieme dei Servizi Domiciliari/Personalizzati a favore di anziani e disabili dal 2009) M. Cavalli, il Presidente della Coop., riveste i seguenti ruoli: Consigliere Regionale di ConfCooperative/Federsolidarietà Consigliere del Consorzio SiR, con delega per il Settore Disabilità nei rapporti con l ente pubblico e le cooperative socie Rappresentante del Tavolo del Terzo Settore Disabilità con il Comune di Milano Componente del Coordinamento Poli Regionali Autismo Alcuni consiglieri della Coop. rivestono i seguenti ruoli: L.Grossi è Responsabile della Coesione del sottogruppo Anziani Tavolo Sociale Consiglio di Zona 5 ed è tra i sei referenti cittadini dell Assistenza Domiciliare Soc. Coop. Soc. I Percorsi Onlus 19 Bilancio Sociale 2013

Comunicazione e Fund Raising Pag.28. Tirocini, Formazione, Pag. 24. Il Conto Sociale Pag. 20

Comunicazione e Fund Raising Pag.28. Tirocini, Formazione, Pag. 24. Il Conto Sociale Pag. 20 1 2 Politiche di redazione Pag. 4 Comunicazione e Fund Raising Pag.28 I Servizi Pag. 35 La Cooperativa Pag. 7 Tirocini, Formazione, Pag. 24 Distribuzione della ricchezza Pag. 57 Il Fatturato Pag.13 Il

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Società Cooperativa Sociale I PERCORSI. A fianco delle persone in situazioni di fragilità BILANCIO SOCIALE 2010

Società Cooperativa Sociale I PERCORSI. A fianco delle persone in situazioni di fragilità BILANCIO SOCIALE 2010 Società Cooperativa Sociale I PERCORSI A fianco delle persone in situazioni di fragilità BILANCIO SOCIALE 2010 1 2 Indice Politiche di redazione Pagina 4 La Cooperativa Pagina 6 Il Fatturato Pagina 13

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato P.G. N.: 141598/2013 N. O.d.G.:.: 21/2013 2013 Data Seduta : 13/06/2013 Richiesta IE Dati Sensibili Adottato Oggetto: APPROVAZIONE DEI PROGRAMMI OBIETTIVO DEL QUARTIERE SAN DONATO

Dettagli

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI CARTA DEI SERVIZI INTRODUZIONE Nel quadro, ampio e articolato, dei servizi e delle attività realizzate e promosse dal Villaggio del Ragazzo, il punto di riferimento è rappresentato dalla mission perseguita

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2011

BILANCIO SOCIALE 2011 BILANCIO SOCIALE 2011 Estratto del Bilancio Sociale 2011 1 Il Consorzio Farsi Prossimo è costituito da 11 cooperative sociali (al 31/12/2011), che operano sul territorio della Diocesi di Milano, unite

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Fianco a Fianco aderisce al Progetto Regionale ADS ed ha l'obiettivo di sostenere la diffusione

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO!

VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! VADEMECUM FACCIAMO AFFARI DI FAMIGLIA, NOI CONCILIAMO! La Cooperativa Sociale Centro Progetti educativi, in un ottica di Responsabilità Sociale d Impresa, promuove il proprio progetto intitolato Affari

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

Una nuova IMPRONTA da realizzare

Una nuova IMPRONTA da realizzare Sintesi del progetto di finanziato dalla Regione Lombardia da realizzarsi in 2 mesi (5 ottobre 2009 4 ottobre 200) Scadenza presentazione domande: 27 luglio 2009 L IMPRONTA Associazione Onlus Ente accreditato

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO

SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO (Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone) SERVIZIO INTEGRATO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO Il Gruppo di lavoro interistituzionale sul tema dell Inserimento Lavorativo: Tecnico

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Diversamente Abili

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO

RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO RETE TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI SONDRIO ACCORDO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI DI CONCILIAZIONE FAMIGLIA LAVORO E DELLE RETI DI IMPRESE Premesso che: La Comunicazione della Commissione

Dettagli

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE Premessa Nell aderire ad un Consorzio, fondamentale appare l investimento in fiducia che i partecipanti devono mettere in campo. Ciò comporta naturalmente un assunzione di rischio, nella misura in cui

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011

ASILO AZIENDALE BPM. Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl. Milano, 25 gennaio 2011 ASILO AZIENDALE BPM Il patto di valori e servizi tra BPM e BD Bimbi srl Milano, 25 gennaio 2011 BREVE STORIA L asilo nido Il giardino di Bez nasce per volontà del consiglio di amministrazione della Banca

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro Specializzato Multisistemico per l Autismo

L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro Specializzato Multisistemico per l Autismo SPETT.LE FONDAZIONE I BAMBINI DELLE FATE PIAZZA SERENISSIMA, 20 31033 CASTELFRANCO VENETO (TV) OGGETTO: PROGETTO VIVIAUTISMO DA REALIZZARE NEL BIENNIO 2013-2014 L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. Cooperativa è... COOPERATIVA è... Art. 45 della Costituzione Italiana La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge

Dettagli

Regolamento Interno Premessa Art. 1 - Principi dei rapporti sociali Art. 2 - Diritti e doveri dei soci

Regolamento Interno Premessa  Art. 1 - Principi dei rapporti sociali Art. 2 - Diritti e doveri dei soci Regolamento Interno Premessa La Cooperativa Sociale Solidaria ha lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso la

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO

2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 2.13 POLITICHE DI WELFARE AZIENDALE IN UN SISTEMA DI WELFARE CONDIVISO 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO Molte delle buone pratiche messe in atto dalle imprese per migliorare il benessere dei propri

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi;

alle scelte e alle modalità di sviluppo della co-progettazione e gestione dei servizi; Richiamata la convenzione quadro sottoscritta in data 6.7.2007 con il Consorzio di Cooperative Sociali Il Solco del Serio avente per oggetto la co-progettazione e la gestione dei servizi sociali relativamente

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli