Life Stories Le testimonianze private accanto ai documenti ufficiali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Life Stories Le testimonianze private accanto ai documenti ufficiali"

Transcript

1 news NEWSLETTER N. 2 LUGLIO 2009 In primo piano / Studi e Ricerche / Pubblicazioni / Incontri ed Eventi / Biblioteca Storica / Fonti Audiovisive / Notizie dagli archivi del gruppo / Acquisizioni / Curiosità Archivio Storico IN QUESTO NUMERO IN PRIMO PIANO L Archivio in guerra. Il caso Cariplo L impegno della Cassa per il salvataggio del patrimonio documentario negli anni della seconda guerra mondiale p. 1-2 Il diario appassionato di una donna coraggiosa Con il contributo dell Archivio storico esce in Italia da Hoepli, il diario di Thelma Hauss, moglie dell architetto Giuseppe de Finetti pp. 2-3 EDITORIALE Life Stories Le testimonianze private accanto ai documenti ufficiali Francesca Pino Questo numero della Newsletter propone un approfondimento sui punti di intersezione virtualmente infiniti tra testimonianze private e storia generale. Di fronte a eventi decisivi (guerre e riconversioni di pace, ristrutturazioni bancarie, grande crisi, e altro) l individuo è indubbiamente sollecitato, e anche costretto, ad agire, a decidere, a prendere posizione; più spesso si trova a subire, con maggiore o minore consapevolezza, le ripercussioni di mutamenti epocali o della modernizzazione tecnologica. Ognuno giovane o anziano, uomo o donna si muove con gli strumenti di conoscenza che la propria generazione ha elaborato, e si confronta all interno di sistemi d impresa, paradigmi organizzativi, credenze religiose e fedi politiche; interagisce secondo regole non scritte con reti di relazioni di varia forza e natura. In ogni tempo, si possono rintracciare reciproche e significative influenze tra l opera privata e quella lavorativa e pubblica. Il compito che l Archivio storico porta avanti è quello di acquisire diari e corrispondenze personali di particolare originalità, per offrire al mondo della ricerca documentazione altrimenti destinata all oblio, ricca di rivelazioni a sorpresa che illuminano le carte d ufficio di nuove prospettive di lettura. Domenico Boffito: un protagonista della Resistenza La storia personale e professionale di Domenico Boffito è ora messa in luce da una biografia recentemente pubblicata p. 5 IN REDAZIONE Direzione Francesca Pino Coordinamento Barbara Costa Realizzazione editoriale Nexo, Milano Hanno collaborato a questo numero Nino Del Bianco Francesca Gaido Stefano Majnoni Guido Montanari Giancarla Moscatelli Barbara Stasi Newsletter a cura di Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Manzoni Milano IN PRIMO PIANO L Archivio in guerra. Il caso Cariplo Il salvataggio del patrimonio documentario e artistico Barbara Costa In un interessante volume intitolato Le biblioteche e gli archivi durante la seconda guerra mondiale. Il caso italiano (a cura di A. Capaccioni, A. Paoli e R. Ranieri, Bologna, Pendragon, 2007, 640 pp.) viene approfondito il tema dell opera di tutela svolta da bibliotecari e archivisti per mettere in salvo la parte più preziosa del patrimonio documentario nazionale negli anni della guerra. Dalle carte dell Archivio della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, fonte non vagliata nei contributi proposti, emerge con grande evidenza il ruolo della Cariplo per la salvaguardia di una parte importantissima del patrimonio artistico e culturale milanese e non solo, pubblico e non solo. Il 10 giugno 1940 l Italia entra in guerra. Il giorno seguente, il Comitato esecutivo della Cassa di Risparmio, presieduto dal marchese Giuseppe De Capitani d Arzago, approva una delibera che «ammette nel sotterraneo corazzato del nuovo palazzo in corso di ultimazione il deposito di oggetti di eccezionale pregio artistico o culturale o simili da parte di autorità, enti, istituzioni che ne facciano richiesta a scopo di maggiore sicurezza durante l attuale guerra». Il Comitato dava inoltre incarico agli uffici competenti di predisporre uno schema di contratto per il deposito delle opere. Garantita da Milano negli anni della seconda guerra mondiale, Ufficio Storico della Resistenza Caveau del palazzo Cariplo Milano, 1941

2 N. 2 LUGLIO parte della Cassa la gratuità di questo servizio, c era la necessità per l ente di essere esonerato dai danni, eventualmente provocati dalla conservazione in locali privi degli ideali requisiti di condizionamento. A pochi giorni di distanza dalla delibera il nuovo palazzo non era ancora stato inaugurato ufficialmente dal Castello Sforzesco arrivarono le prime casse contenenti opere d arte; nei mesi successivi anche la Fabbrica del Duomo, Brera (la Pinacoteca, la Biblioteca, l Osservatorio), l Ambrosiana, il Poldi Pezzoli e molte altre istituzioni, anche da fuori regione, trovarono nel caveau della Cassa di Risparmio il luogo più sicuro della città. Come ha scritto Ornella Selvafolta, storica dell architettura, «il palazzo sotterraneo sarebbe servito anche da rifugio antiaereo, contribuendo quindi attivamente, non solo all operosità del risparmio ma anche alla salvaguardia del patrimonio artistico e alla sicurezza della città». Fra il 12 e il 13 agosto 1943, durante i bombardamenti, mentre il caveau custodiva i tesori della città, gli archivi della Cassa, sia quelli correnti che quello storico, furono oggetto di numerosi traslochi. Le carte dell Archivio ci mostrano lavoratori con valigie stipate di documenti che, utilizzando ogni mezzo di trasporto disponibile (ad esempio i tram dell Azienda elettrica municipale), si spostano fra Milano e il suo più sicuro hinterland in condizioni assolutamente precarie e a rischio della loro stessa vita. Nel gennaio 1945, con le sorti della guerra ormai segnate e le enormi difficoltà nelle comunicazioni, paventando un blocco totale dell attività bancaria, la Cassa prese la grave decisione di trasferire la documentazione antica, ancora conservata presso la Ca de Sass, a Cernusco sul Naviglio, Sant Albino e Vimercate e di riportare in sede le pratiche necessarie al disbrigo degli interessi correnti. Il trasloco delle carte, che testimoniavano le prime radici della Cassa, fu autorizzato dalla Commissione «a scanso di pericoli, in ore di oscurità e in pericolo di maltempo» e fu effettuato «mediante autocarri a trazione elettrica». Nei mesi che seguirono la Liberazione, il poter ancora contare su una memoria storica condivisa salvatasi dalle macerie morali e materiali di un ventennio devastante, il sapere che «la gente sentiva [che] la sua Cassa di risparmio era una cosa sua, ben radicata, sempre la stessa», come scriveva Nino Gutierrez nell agosto del 1945, diede un contributo non piccolo alla rinascita di quella istituzione che, di lì a pochi anni, diventò la più grande Cassa di risparmio del mondo. Il diario appassionato di una donna coraggiosa Con il contributo dell Archivio storico di Intesa Sanpaolo esce in Italia il diario di Thelma de Finetti Francesca Gaido Thelma de Finetti Anni di guerra , a cura di Giovanni Cislaghi e Mara De Benedetti, Milano, Hoepli, 2009 Grazie al contributo del Politecnico di Milano e dell Archivio storico di Intesa Sanpaolo è stato pubblicato da Hoepli Anni di Guerra , il diario di Thelma de Finetti (nata Hauss), moglie del noto architetto e urbanista milanese Giuseppe de Finetti, nella traduzione dall inglese di Mara De Benedetti affiancata nella curatela da Giovanni Cislaghi. Le memorie, tra le poche testimonianze di donne straniere residenti in Italia durante il secondo conflitto mondiale, sono lo specchio delle vicende del Nord Italia dal 1940 al 1945: la lotta antifascista a Milano, a cui i coniugi de Finetti partecipano attivamente nascondendo nella loro casa di via del Gesù 6-8 numerosi partigiani, tutti menzionati nel diario; i bombardamenti, le deportazioni di civili in Germania e la difficoltà della sopravvivenza quotidiana, sino alla Liberazione. L attenzione dell autrice, dotata di particolare sensibilità per la natura umana, si rivolge in special mondo alle tante donne che, nel momento del pericolo e del sacrificio estremo della vita, hanno saputo dar prova di grande coraggio, fermezza e fiducia nei valori della

3 N. 2 LUGLIO libertà e della giustizia, in opposizione alla brutalità allora imperante. Come Freya Deichmann, sorella di Hans Deichmann, antinazista attivo in Italia, e moglie di Helmut von Moltke, l ispiratore del fallito attentato a Hitler. Così Thelma de Finetti la ricorda nella pagina del 26 novembre 1944: «Hans è ritornato l 11 novembre e ci ha raccontato il suo viaggio dall Alta Slesia alla Renania. [...] Suo cognato, Helmut von Moltke, corre un pericolo terribile: potrebbe essere impiccato, perché è accusato di essere stato a conoscenza del complotto di luglio per uccidere Hitler e per rovesciare il regime, anche se era in campo di concentramento già sei mesi prima dell attentato. Ci ha parlato del coraggio di sua sorella, che è sola con due figli piccoli. Lei ha detto che poteva finire solo così, non potevano vivere se non lottando contro i nazisti, le loro leggi e le loro azioni, che sono tutte malvagie. Grazie a un pastore protestante, coraggioso e impegnato, che fa da tramite alle loro reciproche informazioni e lettere, sa che il marito rimane altrettanto saldo e coraggioso quanto lei di fronte alla separazione finale. Una grande coppia e, credetemi, ce ne sono molte in tutta Europa che vivono nel pericolo e fanno sacrifici indicibili per riaffermare la loro fede nella Verità e nella Libertà». Thelma con i figli Mary e Peter Worthington, Milano, via Marchiondi 3, estate 1930 FONTI AUDIOVISIVE «Gli industriosi della domenica» Il film di Pupi Avati sulla storia della Cassa di Risparmio di Bologna Giancarla Moscatelli «Gli industriosi della domenica», 1987, fotogramma dal film di Pupi Avati Disegni e documenti dell architetto Achille Majnoni L inventario delle carte consentirà nuove prospettive di ricerca Stefano Majnoni Achille Majnoni ( ) fu un famoso architetto attivo dal 1878 anno della sua laurea in architettura civile al Politecnico di Milano, suo maestro essendo Camillo Boito fino al termine del primo conflitto mondiale. Quando Umberto I decise di trasformare la Real Villa di Monza in propria residenza estiva, gli affidò, a partire dal 1891, il compito di restauro e di riadattamento dell opera di Piermarini. Pochi anni dopo, il re lo nominò architetto regio a sua personale disposizione, lasciandogli ampia facoltà di lavoro con altri committenti. Da quel momento egli divenne un architetto à la page, richiesto dal gran mondo milanese e lombardo. In base alla raccolta dei suoi disegni e progetti, conservati nel fondo Majnoni presso l Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana di Milano, si calcolano in 120 le opere progettate e/o realizzate nel corso della sua vita. Majnoni, architetto umbertino, operò nell ambito del barocchetto e si distinse soprattutto in compiti di ristrutturazione d interni. Molti suoi interventi, mirati all ammodernamento e al decoro di edifici storici e di gran pregio artistico, gli imponevano quel rispetto verso gli elaborati precedenti da cui mai derogò. Progettò Achille Majnoni, Disegno per un ambiente della Villa Reale di Monza, 16 ottobre 1891 Il modo per raccontare la storia della nascita di un istituto di credito è prevalentemente quello di scrivere un libro. Negli anni Ottanta del Novecento, con lo sviluppo dell home video si sono però aperte nuove possibilità che la Cassa di Risparmio di Bologna ha subito preso in considerazione per la produzione di un interessante video utilizzato a scopo istituzionale, commissionato al regista bolognese Pupi Avati in occasione del 150 anniversario della fondazione della Cassa. Il regista ricostruisce in modo sapiente la vicenda storica della banca, dalla costituzione, avvenuta nel 1837, che inizia con la movimentata riunione dei sottoscrittori, per proseguire con la giornata d apertura della Cassa, tra le attese dei primi clienti, e concludersi con le immagini attuali di un istituto moderno, con sportelli automatici e nuove operatività. Filo conduttore del racconto è un ipotetico impiegato, che racconta la storia partendo dal regalo ricevuto per la prima comunione: un libretto di risparmio della Cassa. Fotografia e costumi, insieme al linguaggio declinato nella sua naturale inflessione ed espressività dialettale, restituiscono in maniera efficace lo spirito del tempo, fatto di semplicità, collaborazione e nascente imprenditorialità. Le musiche di

4 N. 2 LUGLIO Dalle considerazioni espresse nella citazione sopra riportata nascono l individuazione del tema e la scelta del campo di analisi, dunque le ragioni, della tesi di dottorato in Progettazione dell Architettura discussa da chi scrive presso l Università di Genova e intitolata L architettura della città in Giuseppe de Finetti. Piani e progetti per Milano, Mi è sembrato necessario ripartire da alcune questioni molto dibattute ma non per questo definitivamente risolte che hanno come denominatore comune le modalità attraverso cui l architettura e la città possono stabilire un rapporto fra loro e con la tradizione. La ricerca si è incentrata sull architetto Giuseppe de Finetti ( ) uno dei massimi esponenti del dibattito sul valore e il significato della tradizione, orientato a costruire un peculiare concetto di modernità: una specificità sancita non dal mero aggiornamento del linguaggio architettonico come avviene per altri esponenti della sua generazione ma attraverso un più complesso lavoro di interpretazione degli elementi di continuità e permanenza della storia architettonica e urbana. Fin dagli anni Venti, de Finetti frequenta a Milano la cerchia culturale gravitante attorno a Raffaele Mattioli, amico di vecchia data, futuro presidente della Banca Commerciale Italiana, mecenate illuminato e sostenitore di letterati e artisti. In questa sede, l architetto può condividere alcune posizioni culturali «decise e difficili», senza mai lasciarsi trasportare dalle seduzioni della moda corrente: nemanche mobili, disegnò addobbi, fu un arredatore di spicco e uomo di gusto nonché uomo di mondo. Nonostante la sua fama tra i contemporanei, la critica ne parlò sempre con misura e gli storici dell architettura lo stanno riscoprendo oggi dopo anni di silenzio. L inventario delle carte di Majnoni cui si affianca quello delle carte di sua moglie, la fiorentina Maria di Poggio Baldovinetti che Achille sposò a Firenze nel 1890 è stato ora pubblicato (Inventario delle carte di Achille e Maria Majnoni d Intignano, a cura di R. Romanelli, con saggi di S. Majnoni e O. Selvafolta, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2009, pp. XCVII, 170) e, crediamo, consentirà di mettere a fuoco vita e opera del noto architetto. Il volume ha ottenuto il sostegno di Intesa Sanpaolo che ha voluto così sottolineare il valore della complementarietà di questa fonte con le carte di Massimiliano Majnoni, figlio di Achille, direttore centrale della Banca Commerciale Italiana. Gli studiosi potranno così integrare i documenti di Massimiliano ( ), disponibili in copia digitale presso l Archivio storico di Intesa Sanpaolo, con quelli di Achille consultabili nell Archivio Majnoni di Marti (Montopoli in Val d Arno, Pisa), previo esame dell inventario raccolto nel volume. Achille Majnoni, Disegno per un parterre nella Villa Zervudachi a Oggebbio (Verbano Cusio Ossola) Riz Ortolani, autore della colonna sonora di vari capolavori del cinema e della televisione, contribuiscono a valorizzare ulteriormente il prodotto cinematografico. Attualmente le bobine originali del film non sono più in possesso della banca, ma l Archivio storico di Intesa Sanpaolo ha provveduto a digitalizzare una videocassetta del filmato, forse prodotta inizialmente con la tecnica del telecinema, della durata di circa 30 minuti. ACQUISIZIONI Milano luglio 2009 Immagini del dopolavoro Cariplo L Archivio storico ha acquisito un ricco fondo fotografico con le immagini del dopolavoro Cariplo dal 1920 al Si ringrazia il consiglio direttivo dell Associazione Gestione Opere Aziendali Lavoratori di Cariplo. STUDI E RICERCHE «Verso la città nuova, la città felice, la città veridica» L architettura della città futura nel pensiero di Giuseppe de Finetti Barbara Stasi La ragion d essere delle città non è sempre ovvia e palese, talora anzi è arcana e contraddicente a facili interpretazioni [ ]. Gli antichi, dei quali ci è dato riconoscere spesso norme costanti, sapienza nell assolvere il compito di orientare la città e di suddividerla in convenienti porzioni, quartieri, insule, amavano anche fantasticare di origini presiedute dagli dei, di un destino sancito dai fati. Nella nostra ricerca deterministica siamo noi oggi più chiaroveggenti degli antichi? Che cosa sappiamo noi del destino delle nostre città? Quale prognosi possiamo osare noi, figli della città ottocentesca, oggi che ce la troviamo davanti dilaniata da quelle guerre che lo stupido secolo XIX preparò, accumulando nel cielo i nembi che da decenni scrosciano su tutta la terra, massacrando milioni di esseri umani? Eppure il compito di rifare la città, di ridare utilità e bellezza, si impone alla nostra coscienza. Figli di un età estetizzante, apparentemente fortissima per potenza organizzativa, sostanzialmente cieca ed aberrante, noi siamo incitati da oscuri sentimenti, da incognite forze verso la città nuova, la città felice, la città veridica. Lo studio della città futura è l intento e la ragion d essere di questa rassegna. Giuseppe de Finetti, Editoriale, in «La Città. Architettura e politica», n. 1, dicembre 1945 Dalla copertina della rivista definettiana «La Città. Architettura e politica», n. 2, marzo-aprile 1946 Giuseppe de Finetti, Progetto per la ricostruzione della Galleria, schizzo prospettico dell ottagono. Milano, ottobre 1944

5 N. 2 LUGLIO meno quella che andava sotto il nome di «razionalismo», anteponendo l uso della ragione a qualsiasi «ismo». Una simile ascendenza illuminista rinvenibile nel suo pensiero e nel suo atteggiamento progettuale è assai evidente nel grande progetto urbano per Milano che occupa, a più riprese e in diverse occasioni, tutta la sua vita. In particolare, la figura di Giuseppe de Finetti offre la possibilità di verificare il rapporto fra tradizione e modernità attraverso un tema di eccezionale portata come quello del progetto urbano. La sua dichiarata ricerca di continuità con la Milano illuminista, nonché i suoi studi storici veri e propri saggi di analisi urbana ante litteram che risalgono sino alle radici antiche del capoluogo lombardo consentono di studiare le virtualità operative e l efficacia della tradizione messa di fronte alle specifiche esigenze del mondo a lui contemporaneo. Per i motivi sopra menzionati, l esperienza del concorso per il piano regolatore di Milano del 1927 al quale Giuseppe de Finetti partecipa come capogruppo del Club degli Urbanisti con il progetto Forma urbis Mediolani classificatosi al secondo posto costituisce un campo di analisi significativo perché mette in risalto i caratteri più tipici dell architettura del secolo passato nel nostro paese, l interpretazione critica della modernità, il rapporto con la città, con i monumenti, con la storia. Ma il concorso è anche un racconto di lunga durata che coinvolge Milano, le sue rovine e il pensiero sull architettura che si confronta con esse. Domenico Boffito: un protagonista della Resistenza I documenti del fondo Boffito contribuiscono alla riscoperta della sua figura Guido Montanari È stata recentemente pubblicata la biografia Domenico Boffito: un economista dalla banca alla Resistenza, scritta da Fiorenzo Mornati (Alessandria, Ugo Boccassi, 2009, pp. 108). Domenico Boffito (Felizzano, Alessandria, 1897 Milano, 1945) è una figura ancora poco conosciuta nonostante i meriti acquisiti in numerose e diverse attività. Allievo di Luigi Einaudi all Università degli Studi di Torino, dove si laureò nel 1919 in giurisprudenza, venne assunto dalla Banca Commerciale Italiana nel Divenne il primo direttore dell Ufficio studi ( ) e poi capo della Statistica della Banca Commerciale Italiana ( ), ma fu anche professore di Tecnica bancaria all Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dal 1943 al 1945, in sostituzione di Raffaele Mattioli. Comandante partigiano e membro del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), Boffito, come esponente del Partito Boffito (primo a sinistra) con Ugo La Malfa e Ferruccio Parri 12 novembre 1945 d Azione, fu una figura chiave per gli approvvigionamenti alimentari nei difficili primi mesi dopo la Liberazione. La morte improvvisa, al culmine della carriera, gli impedì di assumere nuove responsabilità e ottenere le gratificazioni che meritava, relegandolo a un parziale oblio sia nella storia della Comit sia in quella della Resistenza, oblio che solo ora questa pubblicazione cancella definitivamente. Su iniziativa del figlio, professor Carlo Boffito, e con il patrocinio del Comune di Felizzano, Fiorenzo Mornati, ricercatore dell Università degli Studi di Torino, ne ha ricostruito la figura, ponendo soprattutto l accento sull evoluzione del suo percorso intellettuale, dagli studi sino agli ultimi scritti sulla Ricostruzione. L autore, oltre a utilizzare le carte personali di Boffito, conservate a Felizzano presso la casa di famiglia, ha consultato i fondi dell Archivio storico di Intesa Sanpaolo, da cui è stato supportato nelle attività di ricerca. Memorie di un diplomatico Il diario di Tommaso Gallarati Scotti Nino Del Bianco Il duca Tommaso Gallarati Scotti ( ), cattolico modernista, letterato, diplomatico, figura eminente nel campo civile quale presidente del Banco Ambrosiano (dal 1953 al 1964) e dell Ente Fiera, fu una delle più spiccate personalità lombarde della prima metà del secolo scorso. Il volume da me curato, Tommaso Gallarati Scotti, Memorie riservate di un ambasciatore, (Milano, FrancoAngeli, 2009, 160 pp.), è il diario delle vicende da lui vissute quale esule antifascista in Svizzera e poi come ambasciatore italiano, il primo del dopoguerra, a Madrid ( ) e Londra ( ). Lo scritto riveste una notevole importanza per la rilevante posizione politica dell autore e per i singolari avvenimenti da lui vissuti in quel periodo tanto drammatico della storia italiana. Appaiono di particolare interesse le rivelazioni circa i contatti con la principessa Maria Josè, intesi a salvare l istituto monarchico, e le relazioni diplomatiche nelle due capitali; fondamentali fra esse il suo impegno per la realizzazione del Patto Atlantico e l azione pertinace per ottenere la restituzione di Trieste all Italia. Preziose per la ricerca si sono rivelate le fonti conservate nell Archivio storico di Intesa Sanpaolo. In particolare ho potuto consultare le carte di Gallarati quale presidente del Banco Ambrosiano (patrimonio archivistico Banco Ambrosiano Veneto) e le carte personali di Massimiliano Majnoni (patrimonio archivistico Banca Commerciale Italiana).

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei 2010 Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà, presenta una serie di proposte

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Novate: raccontare una città

Novate: raccontare una città La conoscenza delle origini e della storia della propria La conoscenza delle origini e della storia della propria comunità e la valorizzazione del patrimonio artistico e comunità e la valorizzazione del

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito ARCHIVIO STORICO LA STAMPA Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito 1.761.000 pagine 12.000.000 articoli 47.243 edizioni giornaliere La Stampa 18.314 edizioni

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 907 del 23 marzo 2010 pag. 1/6 Regione del Veneto Unità di Progetto Attività Culturali e Spettacolo Organizzazione e funzionamento della Mediateca

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it

Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it e Presentazione evento 18 compleanno di Affaritaliani.it Mercoledì 16 aprile 2014 Sala Collina, Sole 24ore Fondato a Milano da Angelo Maria Perrino l 11 aprile 1996, è il primo quotidiano online d Italia.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

MUSEO MILANO PROGETTO. Milano 17/3/2015 - Versione 1.0 - Progetto a cura di Where Italia Srl. LA CITTà di

MUSEO MILANO PROGETTO. Milano 17/3/2015 - Versione 1.0 - Progetto a cura di Where Italia Srl. LA CITTà di MUSEO MILANO PROGETTO LA CITTà di IL PROGETTO MUSEO MILANO Per iniziativa del Rotary Club Arco della Pace è nato il progetto volto alla valorizzazione delle eccellenze milanesi denominato Museo Milano.

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno

CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega. 5. Aiuta a compilare le schede di sostegno CINQUE PASSI: per organizzare Compassion Sunday 1. Prega Chiedi a Dio di guidarti in ogni aspetto della preparazione di Compassion Sunday. 2. Condividi il tuo cuore Raccontare la tua esperienza di sostenitore

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

Linee guida per la progettazione didattica

Linee guida per la progettazione didattica Pace, fraternità e dialogo Sui passi di Francesco Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2013-2014 Il Programma Pace, fraternità e dialogo. Sui passi di Francesco

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome BERNI CLAUDIA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BERNI CLAUDIA Telefono 06.67665226 Fax 06.67665282 E-mail c.berni@provincia.roma.it Data di nascita 02.05.1951

Dettagli

IL SINDACO I N F O R M A

IL SINDACO I N F O R M A OGGETTO: Avviso relativo alla designazione del rappresentante del Comune di Firenze in Enti, aziende e Istituzioni: Fondazione Spadolini Nuova Antologia. IL SINDACO Visto l'art. 50, c. 8, del d.lgs. n.

Dettagli

IL CORAGGIO DELLE DONNE NELLA RESISTENZA. http://forum.associazioni.milano.it/anpi/anpi-news/s069c68f8-069c68fb?wasread=1

IL CORAGGIO DELLE DONNE NELLA RESISTENZA. http://forum.associazioni.milano.it/anpi/anpi-news/s069c68f8-069c68fb?wasread=1 IL CORAGGIO DELLE DONNE NELLA RESISTENZA http://forum.associazioni.milano.it/anpi/anpi-news/s069c68f8-069c68fb?wasread=1 http://www.circologiustiziaeliberta.it/glarchivioeventi01bis.htm A CURA DELLA FIAP-LAZIO

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia. Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole

COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia. Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE C.C. N. 30 DEL 25/11/2010 COMUNE DI PIZZALE Provincia di Pavia Statuto e regolamento interno della Biblioteca Comunale Centro di cultura L albero di carta e di parole Art. 1

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,...

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010 LA SCUOLA Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... Indirizzo... Telefono... E-mail... IL PROGETTO

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura!

Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura! Ogni scuola un grande Laboratorio dei Valori Programma nazionale La mia scuola per la pace 2010-2011 Costruiamo insieme una nuova cultura! Guida per la realizzazione dei laboratori Introduzione 7 operazioni

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno Progetto Arti&Mestieri Protocollo di Intesa tra Comune di Salerno Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana CIDEC Salerno Pagina 1 di 7 Addì nove del mese di marzo dell anno 2011, a Palazzo di Città tra:

Dettagli

La casa sull albero. Donare voci Una carta del lettore volontario

La casa sull albero. Donare voci Una carta del lettore volontario La casa sull albero Donare voci Una carta del lettore volontario La casa sull albero Donare voci Una carta del lettore volontario Iniziativa REGIONE DEL VENETO Assessorato alla Cultura Direzione Beni

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO 44 REGOLAMENTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO URBANO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 16/45374 NELLA SEDUTA DEL 03.02.1994, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 1/I67997 DEL 14/01/2003 E N. 166/I0064555

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Como

La Biblioteca Comunale di Como La Biblioteca Comunale di Como Progetto Alternanza scuola-lavoro Liceo Classico Alessandro Volta 23 gennaio 8 febbraio 2012 Classe II^ F studenti: Elena Guerci, Martina Morreale Biblioteca Comunale di

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Mario TURETTA Nato ad Alpignano (TO), il 01.10.1958 Residente in Piazza San Giovanni 2, 10122 Torino Coniugato, due figli. Laurea in Sociologia Giornalista collaboratore iscritto

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO 3 ART. 2 - COOPERAZIONE INTERBIBLIOTECARIA 3 ART. 3 - DOCUMENTAZIONE DI RILEVANZA LOCALE E SEZIONE LOCALE

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Strategie ed esperienze per una comunicazione efficace. Marco Passigato Università di Verona Mobility Manager e Commissione Sostenibilità di Ateneo

Strategie ed esperienze per una comunicazione efficace. Marco Passigato Università di Verona Mobility Manager e Commissione Sostenibilità di Ateneo Strategie ed esperienze per una comunicazione efficace Marco Passigato Università di Verona Mobility Manager e Commissione Sostenibilità di Ateneo La comunicazione efficace ci richiama concetti come razionale,

Dettagli

Neiade immaginare arte: Servizi per l Arte e la Cultura. Milano... Capitale ANCHE d Arte e Cultura

Neiade immaginare arte: Servizi per l Arte e la Cultura. Milano... Capitale ANCHE d Arte e Cultura Neiade immaginare arte: Servizi per l Arte e la Cultura Milano... Capitale ANCHE d Arte e Cultura Visite... Ma non solo! UNA LOCATION DI FRONTE AL CASTELLO PER L ARTE, LA CULTURA E NON SOLO Neiade immaginare

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara STATUTO DEL CENTRO DI RICERCA E SERVIZI DENOMINATO CENTRO PER LO SVILUPPO DI PROCEDURE AUTOMATICHE INTEGRATE PER IL RESTAURO DEI MONUMENTI D.I.A.P.RE.M. (DEVELOPMENT OF

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

"#$"%&' (%&#((%! &#)'!*'"!+'$%(),!

#$%&' (%&#((%! &#)'!*'!+'$%(),! L Archivio liquido dell Identità arriva in Brasile, incontrando la comunità pugliese di San Paolo. Il cuore della città è l Edificio Italia, un altissimo palazzo che domina su l enorme estensione di questa

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

A TORINO C È UN NUOVO MUSEO TUTTO DA SCOPRIRE.

A TORINO C È UN NUOVO MUSEO TUTTO DA SCOPRIRE. A TORINO C È UN NUOVO MUSEO Reale Mutua apre le porte del suo Museo Storico alle scuole. La SOCIETÀ REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI, fondata nel 1828, è una delle aziende più longeve del nostro Paese ed è

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Un caso di successo e integrazione tra passione e rapporto col territorio Mariamargherita Scotti Fondazione Piaggio Breve

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Con il contributo di

Con il contributo di Con il contributo di Bando di selezione per il conferimento di una borsa di studio per il progetto di ricerca Prima guerra mondiale: la grande trasformazione Tema di studio: Letteratura e Prima guerra

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

ITALIA FEST- FEST 2010 FESTIVAL DELLE FESTE ITALIANE

ITALIA FEST- FEST 2010 FESTIVAL DELLE FESTE ITALIANE ITALIA FEST- FEST 2010 FESTIVAL DELLE FESTE ITALIANE REGOLAMENTO GENERALE 1. Premessa 1.1. Il Fest Fest e la sua edizione 2010 intitolata FEST-FEST ITALIA (Festival delle feste italiane) è una realizzazione

Dettagli

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE Per l Anno Scolastico 2013-2014 l Istituto Storico della Resistenza Apuana ha attivato tre proposte di didattica della storia, individuando altrettante

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA INTERNAZIONALE approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 85 del 22/04/1980 e modificato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole.

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole. Prot. nr. 25393/2003 Torino, 31 gennaio 2003 Circ. Reg. nr. 22 Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Scolastici Statali e non statali di istruzione secondaria di II grado statali e non statali della regione

Dettagli

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi?

DIRITTO AL FUTURO. Bamboccioni a chi? DIRITTO AL FUTURO Bamboccioni a chi? Diritto al futuro è un insieme di azioni del Ministero della Gioventù rivolte alle nuove generazioni, sui temi del lavoro, della casa, della formazione e dell autoimpiego.

Dettagli

PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità

PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità Ore 15.30 Apertura al pubblico della sala consultazione e del deposito dell Archivio del 900, con visita guidata ai materiali esposti

Dettagli

MANIFESTO DELLA VITA

MANIFESTO DELLA VITA Leonardo da Vinci L annunciazione MANIFESTO DELLA VITA Dedicato a Sua Santità Giovanni Paolo II Dove si deduce come non sia intelligenza della realtà e sia negazione di un Dio creatore e del bene dell

Dettagli

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare Fondi Immobiliari per la Ristrutturazione del Debito Martedì 11 maggio 2010 NCTM - Studio Legale Associato Via Agnello, 12 - MILANO > Le opportunità offerte dai Fondi Immobiliari per la ristrutturazione

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli