Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo"

Transcript

1 Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo

2 Contenuti della presentazione Introduzione 1. Nota sulla domanda di cultura 2. La lettura a) Dimensione del fenomeno, andamento nel tempo e segmentazione dei lettori b) L Italia e gli altri Paesi Europei c) Valutazione delle dimensioni e delle caratteristiche strutturali 3. La scarsa propensione alla lettura in Italia: spiegazioni e reazioni a) Alla ricerca di possibili cause b) Le attuali strategie adottate per lo sviluppo del mercato 4. Funzionamento della filiera a) Segmentazione del mercato b) Attori della filiera 5. Il ruolo delle biblioteche all interno della filiera a) Analisi delle biblioteche a livello nazionale b) Focus sulla Lombardia e sui sistemi bibliotecari della provincia di Milano 6. Quale ruolo hanno le biblioteche nel settore del libro?

3 Introduzione Problema Capire come si configura il settore del libro e quale ruolo giocano o possono giocare le biblioteche di pubblica lettura. Peculiarità rispetto ad altri studi Non si intende analizzare e valutare il valore sociale delle biblioteche ma piuttosto concentrasi su come contribuiscono allo sviluppo del mercato e di conseguenza quale valore creano per gli altri attori della filiera del libro Si intende analizzare il settore del libro ampliando la consueta prospettiva che assume come attori della filiera le imprese impegnate nella progettazione, produzione, distribuzione e vendita del prodotto libro. Approccio adottato Industriale-manageriale

4 Introduzione Pre-analisi del settore del libro e ruolo giocato dalle biblioteche in Italia, con confronti e riferimenti al contesto europeo Studi e rapporti sul settore dell editoria, dal 1995 ad oggi. Dati Istat sulla Cultura, Tempo libero, Abitudini sociali Biblioteche di pubblica lettura (indagine AIB-ISTAT) Statistiche Europee su Cultura, competenze linguistiche e Biblioteche di pubblica lettura Focus sulle biblioteche di pubblica lettura della Regione Lombardia, con particolare riferimento alla Provincia di Milano (risultati preliminari) Motivazioni: nel Nord si concentrano il maggior numero di lettori, biblioteche e acquisti*, accesso ai dati Struttura della raccolta di dati empirici di fonte primaria Analisi sui database dei sistemi bibliotecari della Provincia di Milano Questionari ai direttori di tali sistemi Interviste ai direttori delle singole biblioteche *L indice Messaggerie di assorbimento delle vendite è del 16,8% (anno 1995) *La distribuzione geografica delle vendite in libreria è del 15,44% a Milano e provincia (anno 2003) a fronte di un 6,5% della popolazione Fonte: Vigini (2004) L editoria in tasca, Milano: Editrice Bibliografica

5 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Cosa influenza la domanda di arte e cultura Valore intrinseco dell opera Reddito Struttura delle preferenze del consumatore Domanda Livello dei prezzi Consumo passato personale Disponibilità di tempo libero Consumo passato dell intera società

6 1. Nota sui consumi del consumo culturale Utilità crescente e capitale culturale Più si consumano beni e servizi culturali-artistici più si ha soddisfazione e di conseguenza si è indotti a consumare di più. Esistono comunque importanti limiti al consumo: Limite di tempo derivante dalla natura experience e time-spending di questi beni Vincolo di bilancio che implica il considerare il costo vivo e il costo-opportunità connesso Saturazione specie se il consumo si concentra su un arco temporale ristretto Attraverso il consumo si formano le abitudini e si accresce il capitale culturale posseduto. Tale processo influenza i consumi futuri in merito a: la varietà del consumo: si coltiva nel tempo il gusto/il piacere di consumare una particolare categoria di beni e ciò riduce la sostituibilità con altri consumi, specie se complessi La qualità di ciò che si consuma: il consumatore cumulando capitale culturale tenderà a ricercare una qualità sempre maggiore nei beni/servizi culturali che consuma al fine di poterlo accrescere. Se il livello qualitativo dell offerta rimane stabile i consumi della parte di domanda acculturata vengono scoraggiati. Il consumo culturale è soggetto a importanti interazioni sociali dato che la fruizione dei servizi e il consumo dei beni culturali sono condivise Tanto è maggiore il consumo di cultura nella società (o del suo gruppo sociale di riferimento), tanto è maggiore il beneficio che ciascuno ottiene dal consumo individuale. A volte vale il contrario se il consumo culturale è mezzo di distinzione sociale.

7 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Duplice natura del consumo d arte

8 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Divisione netta tra cultori e non cultori della cultura Per le caratteristiche suddette, i consumatori tendono a dividersi tra: Cultori della lettura e della cultura Non cultori Il consumatore può essere: Miope: non si rende conto del beneficio che il consumo può determinare nel futuro Poco sensibile all assuefazione: attribuisce scarso valore al processo di accumulo di capitale culturale La famiglia o lo Stato sono maggiormente informati sull evoluzione dei gusti rispetto all individuo miope. Attraverso un sistema di coercizione a fin di bene lo Stato e la Famiglia dovrebbero forzare i consumi culturali

9 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Formazione e cambiamento delle abitudini

10 2. La lettura Italia, andamento Andamento altalenante. Nel 1999 vi è stata una caduta del 8,4% del mercato, faticosamente recuperata negli anni successivi. Tale contrazione del mercato ha significato una diminuzione di circa lettori.

11 2. La lettura Distribuzione territoriale nel nostro Paese

12 2. La lettura Secondo il contesto sociale e professionale di riferimento

13 2. La lettura nelle diverse fasce di età

14 2. La lettura secondo il titolo di studio

15 2. La lettura definizione e segmentazione dei lettori Definizione di lettore secondo le indagini ISTAT Lettore è colui che ha risposto Sì alla domanda: Ha letto almeno un libro negli ultimi 12 mesi? Il lettore cosiddetto morbido è colui che ha risposto no alla domanda: Ha letto almeno un libro negli ultimi 12 mesi? e invece ha risposto Sì alla domanda: negli ultimi 12 mesi le è capitato di leggere Guide turistiche, Libri per la casa, Libri rosa ecc? Tale dato viene raccolto ogni cinque anni e si attesta intorno al 11,3% Segmentazione dei lettori secondo la numerosità dei libri letti Lettori Forti: coloro che leggono più di 12 libri/anno Lettori Medi: coloro che leggono dai 4 agli 11 libri/anno Lettori Deboli: coloro che leggono da 1 a 3 libri/anno

16 2. La lettura definizione e segmentazione dei lettori

17 2. La lettura andamento nel tempo dei segmenti Lettori deboli Cresciuti del 30% rispetto al 1988 Lettori medi Cresciuti solo del 16% in 13 anni. Andamento altalenante. Lettori forti Cresciuti del 40% rispetto al ,70 1,60 1,50 Lettori (Base=1988) 1,40 1,30 1,20 1,10 1,00 0, Anni Lettori deboli Lettori medi Lettori forti

18 2. La lettura i segmenti nelle diverse aree territoriali e per fasce di età

19 2. La lettura l Italia e gli altri Paesi Europei Il grafico evidenzia come in Italia si legga poco Infatti Solo il 50% della popolazione ha letto un libro negli ultimi 12 mesi. rispetto ad una media europea del 57,9%. Si consideri che i Paesi del Nord Europa come Svezia, Finlandia e Gran Bretagna hanno percentuali superiori al 70%

20 2. La lettura l Italia e gli altri Paesi Europei Confrontando i dati medi europei e quelli italiani si evidenzia come la qualità dei lettori sia profondamente differente.

21 2. La lettura valutazione delle dimensioni e delle problematiche strutturali Elementi di debolezza della lettura in Italia Dimensioni ristrette rispetto agli altri Paesi I lettori sono troppo pochi specie se si confronta il dato con le statistiche disponibili a livello europeo Lettori poco fedeli I lettori hanno mostrato un andamento altalenante nel tempo e ciò indica come sia facile perdere lettori. Lettori prevalentemente deboli La metà dei lettori è debole e ciò determina una base ridotta di acquirenti per il mercato del libro. Elementi di positivi del quadro italiano I lettori forti Anche se ancora molto ridotti rispetto ai lettori forti europei, questi hanno mostrato interessanti tassi di crescita negli ultimi 15 anni. Lettori morbidi Se si considerano i lettori morbidi (11% della popolazione), la posizione dell Italia migliora rispetto a quella degli altri paesi europei.

22 Le motivazioni della non lettura sembrano essere riconducibili a: non interesse l organizzazione del tempo e delle energie le difficoltà fisiche le scarse competenze linguistiche L impossibilità di soddisfare il bisogno quando si presenta 3. Ragioni della scarsa propensione alla lettura ragioni addotte dai non lettori in Italia

23 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura Poca importanza attribuita dalle famiglie? Le biblioteche di casa La presenza di biblioteche nelle abitazioni può essere considerato come un indicatore dell importanza attribuita dalla famiglia istituzione dove si formano le abitudini e i comportamenti al libro.

24 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura Poca importanza attribuita dalle famiglie? Le biblioteche di casa

25 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura La presenza di biblioteche pubbliche

26 Analizzando la propensione alla lettura e le competenze linguistiche si evidenzia che queste hanno una correlazione elevata, pari a 0,8. Ciò significa che al variare di una, varia anche l altra. 3a. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura scarse competenze linguistiche? favoriscono il piacere della lettura Competenze linguistiche Lettura Permette di accrescere le competenze linguistiche

27 4a. Funzionamento della filiera Dimensione del mercato: dalla lettura agli acquirenti e gli acquisti

28 4a. Funzionamento della filiera Dimensione del mercato: dalla lettura agli acquirenti e gli acquisti

29 4a. Funzionamento della filiera segmentazione del settore sulla base del genere

30 4a. Funzionamento della filiera segmentazione del mercato sulla base del genere Segmento Importanza Editore-Autore Processo distributivo Ruoli nel processo di acquisto e canali Valutazione del segmento Scolastico 8% dei titoli 19% della tiratura copie per titolo NB: si esclude il segmento universitario caratterizzato da altre specificità È l editore che commissiona il testo ricercando un possibile autore tra gli insegnanti ritenuti leader in quella materia. Editing complesso e centrale nel determinare il successo Concentrato in pochi mesi/anno. Politica dei resi restrittiva. Differente distribuzione dei ricavi sul prezzo di copertina (centralità distributore) Decisore: Insegnante Acquirente: famiglia Utilizzatore: studente Influenzato da: promotore editoriale Canale: Libreria/ Cartoleria/Online (GDO) Rischio basso Ruolo centrale è affidato al distributore che cura la promozione Vita utile: si riduce, edizioni successive per ridurre il mercato dell usato. Ragazzi 6% dei titoli 9% della tiratura copie per titolo È l autore che contatta l editore. L editore sceglie se pubblicare o meno l opera valutandone il mercato potenziale. Editing più o meno complesso. Su tutto l anno. Politica dei resi ampia. Centralità del punto vendita (margine 30% prezzo di copertina) Decisore/Acquirente: adulto Utilizzatore: Adulto/Ragazzo Influenzato da: punto vendita Canale: Libreria/Cartoleria/GDO Rischio contenuto Ruolo centrale è assunto dal punto vendita in grado di fare promozione al testo Vita utile: maggiore degli altri segmenti Varia Adulti 86% dei titoli 72% della tiratura copie per titolo È l autore che contatta l editore. L editore sceglie se pubblicare o meno l opera valutandone il mercato potenziale Editing poco complesso. Uso della ready for camera copy. Su tutto l anno. Politica dei resi ampia. Centralità del punto vendita (margine 30% prezzo di copertina) Decisore/Acquirente/Utiliz zatore: adulto Influenzato da: punto vendita, comunicazione/pubblicità e recensioni Rischio elevato: molti titoli, pochi successi Ruolo centrale del punto vendita Vita utile: molto bassa, se non genera vendite viene tolto dallo scaffale

31 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: Editori Settore altamente concentrato. I costi di ingresso sono contenuti. I piccoli editori faticano a crescere a causa delle problematiche di accesso ai canali di distribuzione e la conseguente difficoltà di poter pubblicare testi di autori quotati. Il sistema italiano dell editoria è caratterizzato da un lato da pochi grandi editori (11%) che possiedono una quota di mercato elevatissima (90,4% di valore della produzione). Il sistema della piccola editoria è caratterizzato da una miriade di micro-imprese (61,9%) in grado di generare un buon numero di titoli (6,9%) caratterizzati da un numero molto basso di copie per titolo (3,1% della tiratura)

32 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: Distributori e Grossisti Gestione logistica del bene La varietà di titoli, la tiratura, le caratteristiche fisiche del supporto cartaceo rendono il processo distributivo-logistico particolarmente delicato e caratterizzato da costi elevati. Tale attività viene normalmente remunerata con il 25-30% del prezzo di copertina Distributori Indipendenti o di proprietà di un editore Gestiscono più editori Hanno una concessione territoriale Grossisti Nascono per gestire piccoli clienti (piccole librerie, cartolibrerie ecc.), acquistando i libri da più distributori di differenti case editrici. Tale attività è remunerata con un 10-15% del prezzo di copertina.

33 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: I canali e le quote possedute Considerando solo la varia per adulti distribuita nei canali tradizionali in Italia, si evidenza la centralità del canale Libreria. Nel canale Edicola sono considerati solo i libri venduti da questo canale, sono esclusi quelli allegati a quotidiani e i collezionabili che utilizzano il canale dell edicola per la loro diffusione

34 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: aspetti peculiari delle librerie Condizioni di funzionamento Non vi è competizione tra i canali e tra le librerie sul prezzo di vendita (sistema del prezzo fisso di vendita), la concorrenza si esprime su altri elementi (assortimento, servizio, accessibilità ecc.) La libreria necessita di Spazi ampi per poter garantire una vasta scelta Un mercato potenziale ampio e di conseguenza tende a concentrarsi in grandi città o in aree densamente popolate. Rapporti con gli altri attori della filiera Restituzione quasi illimitata degli invenduti Ciò permette alla filiera una migliore gestione della merce e l allocazione sui altri mercati in cui si possa incontrare la domanda Incentiva la libreria ad accettare tutto il catalogo, le librerie sostengono così solo il costo dell occupazione dello spazio. In caso contrario sarebbe necessaria una selezione accurata che ridurrebbe le probabilità per l editore di incontrare la domanda

35 4b. Funzionamento della filiera Il funzionamento delle librerie

36 4b. Funzionamento della filiera Le strategie messe in atto dagli editori e l aumento delle novità

37 4b. Funzionamento della filiera Le strategie messe in atto dagli editori e i libri allegati ai quotidiani

38 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Suddivisione delle biblioteche per area geografica

39 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Suddivisione delle biblioteche per patrimonio e per area geografica

40 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Biblioteche con funzioni differenti

41 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differente densità territoriale

42 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differenti perfomance

43 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differenti perfomance

44 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Focus sulla regione Lombardia

45 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La promozione della lettura nelle biblioteche in provincia di Milano L analisi dell attività svolta dalle singole biblioteche ha messo in evidenza un intensa attività di promozione della lettura attraverso. Su 20 biblioteche rispondenti al questionario, si sono registrati 243 eventi nel triennio , per giornate complessive di Tali eventi erano variamente indirizzati a Bambini (materna elementare), Ragazzi (scuole medie) e Adulti. Anni considerati Biblioteche rispondenti (in città con più di abitanti) 20 28% redempition Eventi 243 Partecipanti (stimati) Pubblico (risposta multipla) Adulti 115 Ragazzi 45 Bambini 88

46 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La promozione della lettura in provincia di Milano alcuni esempi di eventi Biblioteca civica di Anno Titolo dell'evento Pubblico target Partecipanti stimati Corbetta 2004 Incontri con l'arte Adulti 3200 Lissone 2004 Notte nei Libri Adulti 1500 Castano Primo 2004 Un libro per viaggiare - concorso Ragazzi 1458 Cinisello Balsamo 2004 Leggere per piacere Ragazzi 352 Rho 2004 Open day (apertura domenicale straordinaria) Tutti 1000 Agrate Brianza 2005 Shakespeare in Biblioteca Adulti 12 Biassono 2005 Libri alla ribalta Adulti 230 Novate Milanese 2005 Laboratorio lettura ad alta voce Adulti 45 Cormano 2005 incontro con i poetii poeti Milo de Angelis, Gabriela Fantato e Cesare Viviani Adulti 20 Biassono 2005 Storie di Bambini 25 Concorezzo 2005 Narrando narrando Il mostro peloso Bambini 80 Arcore 2005 Incontri con scrittori per ragazzi: Emanuela Nava Ragazzi 75 Cinisello Balsamo 2006 Gruppo di lettura Adulti 100 Limbiate 2006 Incontro con l'autore: Gianni Biondillo Adulti 50 Cusano Milanino 2006 Nataleggiamo in biblioteca Bambini 52 Novate Milanese 2006 Trasloco libri con bambini (nuova sede) Bambini 300 Settimo Milanese 2006 ciclo annuale animazione del libro per scuole Bambini 450 Desio 2006 Arriva un bastimento carico di Bambini e ragazzi 290

47 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Il miglioramento delle performance

48 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La penetrazione dei lettori in alcuni sistemi bibliotecari

49 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Gli utenti attivi per classe di età

50 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera I prestiti per anno di pubblicazione del testo

51 6. Conclusioni un ruolo multiforme all interno della filiera, in parte ancora da esplorare.. come attore che crea un effetto sostituzione tra acquisto e prestito.... La sensazione che si ha a seguito della direttiva.. come attore che contribuisce allo sviluppo del mercato della lettura.... L intensa attività di promozione della lettura da parte delle biblioteche Biblioteca come partner per sopperire alle problematiche strutturali della distribuzione.... Le librerie possono essere collocate nei grandi agglomerati urbani, le biblioteche sono diffuse anche nei piccoli centri.. Come Cliente.. Se le Biblioteche comprassero qualche libro in più (AIE, 1994) Considerazioni più recenti individuano che le biblioteche assorbono il 5-6% del fatturato... come mezzo per raggiungere quote elevate di lettori, specie in alcune fasce di età.... Le biblioteche attraggono circa il 33% dei lettori, sembrerebbe maggiore in alcune fasce di età

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

Nel futuro c è l ebook e non solo

Nel futuro c è l ebook e non solo http://www.aie.it/ Stato dell editoria in Italia Nel futuro c è l ebook e non solo Nicoletta Salvatori - 2014-2015 Corso Editing e scritture professionali - Università di Pisa 1 Associazione Italiana Editori

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI

L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI L ANALISI DEI MERCATI INTERNAZIONALI L ATTRATTIVITA DEI PAESI Barbara Francioni LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Laura Balestra - Piero Cavalieri Le ragioni economiche del perché le biblioteche pagano da sempre il diritto di prestito

Laura Balestra - Piero Cavalieri Le ragioni economiche del perché le biblioteche pagano da sempre il diritto di prestito Laura Balestra - Piero Cavalieri Le ragioni economiche del perché le biblioteche pagano da sempre il diritto di prestito Il problema dei diritti da riservare agli autori di opere intellettuali nel mondo

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli La Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), fondata nel 1950, rappresenta

Dettagli

Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi

Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi Giovanni Peresson (giovanni.peresson@aie.it) Elisa Molinari (elisa.molinari@ediser.it) La compravendita di diritti

Dettagli

L Italia dei Libri 2011-2013

L Italia dei Libri 2011-2013 L Italia dei Libri 2011-2013 Indagine condotta mensilmente sul panel consumer Nielsen Dott.ssa Rossana Rummo, Direttore Generale per le biblioteche, gli istituti culturali ed il diritto d autore 1 Che

Dettagli

Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria

Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria Focus editoria per ragazzi: tutte le cifre A cura dell Ufficio studi AIE; speciale Giornale della Libreria Bambini e ragazzi leggono più dei loro genitori e libri e lettura tengono il passo rispetto all

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Il mercato dell editoria cattolica. Quarto osservatorio sull editoria cattolica: 2014

Il mercato dell editoria cattolica. Quarto osservatorio sull editoria cattolica: 2014 Il mercato dell editoria cattolica. Quarto osservatorio sull editoria cattolica: 2014 Giovanni Peresson (giovanni.peresson@aie.it) A cura di: In collaborazione con: Sala Centro Giovanile Pavoniano Àncora,

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario di Francesca Vannucchi La presente ricerca focalizza l attenzione sul ruolo che la rete ha assunto nella distribuzione del libro. L obiettivo

Dettagli

Human Highway per Tomato / Contactlab E-MAIL MARKETING 2008 CONSUMER REPORT

Human Highway per Tomato / Contactlab E-MAIL MARKETING 2008 CONSUMER REPORT Human Highway per Tomato / Contactlab 1 ContactLab L evoluzione dell e-mail marketing ContactLab è la Business Unit di Tomato Interactive specializzata in servizi e soluzioni di e-mail e digital marketing.

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare.

Mercato Immobiliare. Caratteristiche specifiche del Mercato immobiliare. Mercato Immobiliare La stima del valore di mercato di un immobile si basa sulla conoscenza del mercato immobiliare. Non si tratta di una conoscenza basata su informazioni generiche filtrate dal valutatore

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

Segmentazione del mercato e scelta del target

Segmentazione del mercato e scelta del target Segmentazione del mercato e scelta del target 1 DEFINIZIONE DEL MERCATO: PROCESSO A PIU STADI LIVELLI DI SEGMENTAZIONE (Lambin): 1. Segmentazione strategica: identifica grandi settori di attività CORPORATE

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Fare insieme il Pianeta libro

Fare insieme il Pianeta libro Fare insieme il Pianeta libro Forum della Pubblica Amministrazione Roma, 11 maggio 2006 Dipartimento per i beni archivistici e librari Presentazione del sito www.ilpianetalibro.it A cura di Rosario Garra

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore

Il commercio elettronico b2c. casi studio di settore Il commercio elettronico b2c casi studio di settore Casi studio di settore Quali sono le applicazioni e le prospettive di impiego del commercio elettronico in un dato settore? Quali vincoli alla diffusione

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale

Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Stili di studio degli universitari italiani tra carta e digitale Piero Attanasio Associazione Italiana Editori piero.attanasio@aie.it Con la collaborazione di Marina Micheli - Università Bicocca di Milano

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO Società per Azioni RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa Un buon servizio di trasporto locale aumenta la fiducia dei cittadini

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet La soluzione più semplice per investire con metodo PIANO DI ACCUMULO: DEFINIZIONE COS E Il PAC è una modalità di investimento che prevede l acquisto di

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Lettura e scrittura a scuola

Lettura e scrittura a scuola GISCEL Puglia Gruppo di Intervento e Studio nel campo dell Educazione Linguistica Lettura e scrittura a scuola Marittima, 26 maggio 2016 La lettura in Italia In Italia, più di 2 milioni di adulti sono

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

ANALISI DI SETTORE. Robert M. Grant

ANALISI DI SETTORE. Robert M. Grant ANALISI DI SETTORE Robert M. Grant Prof. T. Pencarelli Spagnoletti Massimo indice 1. Analisi ambientale e settoriale 2. Analisi dell attrattività del settore 3. Previsione della redditività settoriale

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli