Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo"

Transcript

1 Le biblioteche e il settore del libro Analisi del settore e prospettive di sviluppo

2 Contenuti della presentazione Introduzione 1. Nota sulla domanda di cultura 2. La lettura a) Dimensione del fenomeno, andamento nel tempo e segmentazione dei lettori b) L Italia e gli altri Paesi Europei c) Valutazione delle dimensioni e delle caratteristiche strutturali 3. La scarsa propensione alla lettura in Italia: spiegazioni e reazioni a) Alla ricerca di possibili cause b) Le attuali strategie adottate per lo sviluppo del mercato 4. Funzionamento della filiera a) Segmentazione del mercato b) Attori della filiera 5. Il ruolo delle biblioteche all interno della filiera a) Analisi delle biblioteche a livello nazionale b) Focus sulla Lombardia e sui sistemi bibliotecari della provincia di Milano 6. Quale ruolo hanno le biblioteche nel settore del libro?

3 Introduzione Problema Capire come si configura il settore del libro e quale ruolo giocano o possono giocare le biblioteche di pubblica lettura. Peculiarità rispetto ad altri studi Non si intende analizzare e valutare il valore sociale delle biblioteche ma piuttosto concentrasi su come contribuiscono allo sviluppo del mercato e di conseguenza quale valore creano per gli altri attori della filiera del libro Si intende analizzare il settore del libro ampliando la consueta prospettiva che assume come attori della filiera le imprese impegnate nella progettazione, produzione, distribuzione e vendita del prodotto libro. Approccio adottato Industriale-manageriale

4 Introduzione Pre-analisi del settore del libro e ruolo giocato dalle biblioteche in Italia, con confronti e riferimenti al contesto europeo Studi e rapporti sul settore dell editoria, dal 1995 ad oggi. Dati Istat sulla Cultura, Tempo libero, Abitudini sociali Biblioteche di pubblica lettura (indagine AIB-ISTAT) Statistiche Europee su Cultura, competenze linguistiche e Biblioteche di pubblica lettura Focus sulle biblioteche di pubblica lettura della Regione Lombardia, con particolare riferimento alla Provincia di Milano (risultati preliminari) Motivazioni: nel Nord si concentrano il maggior numero di lettori, biblioteche e acquisti*, accesso ai dati Struttura della raccolta di dati empirici di fonte primaria Analisi sui database dei sistemi bibliotecari della Provincia di Milano Questionari ai direttori di tali sistemi Interviste ai direttori delle singole biblioteche *L indice Messaggerie di assorbimento delle vendite è del 16,8% (anno 1995) *La distribuzione geografica delle vendite in libreria è del 15,44% a Milano e provincia (anno 2003) a fronte di un 6,5% della popolazione Fonte: Vigini (2004) L editoria in tasca, Milano: Editrice Bibliografica

5 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Cosa influenza la domanda di arte e cultura Valore intrinseco dell opera Reddito Struttura delle preferenze del consumatore Domanda Livello dei prezzi Consumo passato personale Disponibilità di tempo libero Consumo passato dell intera società

6 1. Nota sui consumi del consumo culturale Utilità crescente e capitale culturale Più si consumano beni e servizi culturali-artistici più si ha soddisfazione e di conseguenza si è indotti a consumare di più. Esistono comunque importanti limiti al consumo: Limite di tempo derivante dalla natura experience e time-spending di questi beni Vincolo di bilancio che implica il considerare il costo vivo e il costo-opportunità connesso Saturazione specie se il consumo si concentra su un arco temporale ristretto Attraverso il consumo si formano le abitudini e si accresce il capitale culturale posseduto. Tale processo influenza i consumi futuri in merito a: la varietà del consumo: si coltiva nel tempo il gusto/il piacere di consumare una particolare categoria di beni e ciò riduce la sostituibilità con altri consumi, specie se complessi La qualità di ciò che si consuma: il consumatore cumulando capitale culturale tenderà a ricercare una qualità sempre maggiore nei beni/servizi culturali che consuma al fine di poterlo accrescere. Se il livello qualitativo dell offerta rimane stabile i consumi della parte di domanda acculturata vengono scoraggiati. Il consumo culturale è soggetto a importanti interazioni sociali dato che la fruizione dei servizi e il consumo dei beni culturali sono condivise Tanto è maggiore il consumo di cultura nella società (o del suo gruppo sociale di riferimento), tanto è maggiore il beneficio che ciascuno ottiene dal consumo individuale. A volte vale il contrario se il consumo culturale è mezzo di distinzione sociale.

7 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Duplice natura del consumo d arte

8 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Divisione netta tra cultori e non cultori della cultura Per le caratteristiche suddette, i consumatori tendono a dividersi tra: Cultori della lettura e della cultura Non cultori Il consumatore può essere: Miope: non si rende conto del beneficio che il consumo può determinare nel futuro Poco sensibile all assuefazione: attribuisce scarso valore al processo di accumulo di capitale culturale La famiglia o lo Stato sono maggiormente informati sull evoluzione dei gusti rispetto all individuo miope. Attraverso un sistema di coercizione a fin di bene lo Stato e la Famiglia dovrebbero forzare i consumi culturali

9 1. Nota sui caratteri del consumo culturale Formazione e cambiamento delle abitudini

10 2. La lettura Italia, andamento Andamento altalenante. Nel 1999 vi è stata una caduta del 8,4% del mercato, faticosamente recuperata negli anni successivi. Tale contrazione del mercato ha significato una diminuzione di circa lettori.

11 2. La lettura Distribuzione territoriale nel nostro Paese

12 2. La lettura Secondo il contesto sociale e professionale di riferimento

13 2. La lettura nelle diverse fasce di età

14 2. La lettura secondo il titolo di studio

15 2. La lettura definizione e segmentazione dei lettori Definizione di lettore secondo le indagini ISTAT Lettore è colui che ha risposto Sì alla domanda: Ha letto almeno un libro negli ultimi 12 mesi? Il lettore cosiddetto morbido è colui che ha risposto no alla domanda: Ha letto almeno un libro negli ultimi 12 mesi? e invece ha risposto Sì alla domanda: negli ultimi 12 mesi le è capitato di leggere Guide turistiche, Libri per la casa, Libri rosa ecc? Tale dato viene raccolto ogni cinque anni e si attesta intorno al 11,3% Segmentazione dei lettori secondo la numerosità dei libri letti Lettori Forti: coloro che leggono più di 12 libri/anno Lettori Medi: coloro che leggono dai 4 agli 11 libri/anno Lettori Deboli: coloro che leggono da 1 a 3 libri/anno

16 2. La lettura definizione e segmentazione dei lettori

17 2. La lettura andamento nel tempo dei segmenti Lettori deboli Cresciuti del 30% rispetto al 1988 Lettori medi Cresciuti solo del 16% in 13 anni. Andamento altalenante. Lettori forti Cresciuti del 40% rispetto al ,70 1,60 1,50 Lettori (Base=1988) 1,40 1,30 1,20 1,10 1,00 0, Anni Lettori deboli Lettori medi Lettori forti

18 2. La lettura i segmenti nelle diverse aree territoriali e per fasce di età

19 2. La lettura l Italia e gli altri Paesi Europei Il grafico evidenzia come in Italia si legga poco Infatti Solo il 50% della popolazione ha letto un libro negli ultimi 12 mesi. rispetto ad una media europea del 57,9%. Si consideri che i Paesi del Nord Europa come Svezia, Finlandia e Gran Bretagna hanno percentuali superiori al 70%

20 2. La lettura l Italia e gli altri Paesi Europei Confrontando i dati medi europei e quelli italiani si evidenzia come la qualità dei lettori sia profondamente differente.

21 2. La lettura valutazione delle dimensioni e delle problematiche strutturali Elementi di debolezza della lettura in Italia Dimensioni ristrette rispetto agli altri Paesi I lettori sono troppo pochi specie se si confronta il dato con le statistiche disponibili a livello europeo Lettori poco fedeli I lettori hanno mostrato un andamento altalenante nel tempo e ciò indica come sia facile perdere lettori. Lettori prevalentemente deboli La metà dei lettori è debole e ciò determina una base ridotta di acquirenti per il mercato del libro. Elementi di positivi del quadro italiano I lettori forti Anche se ancora molto ridotti rispetto ai lettori forti europei, questi hanno mostrato interessanti tassi di crescita negli ultimi 15 anni. Lettori morbidi Se si considerano i lettori morbidi (11% della popolazione), la posizione dell Italia migliora rispetto a quella degli altri paesi europei.

22 Le motivazioni della non lettura sembrano essere riconducibili a: non interesse l organizzazione del tempo e delle energie le difficoltà fisiche le scarse competenze linguistiche L impossibilità di soddisfare il bisogno quando si presenta 3. Ragioni della scarsa propensione alla lettura ragioni addotte dai non lettori in Italia

23 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura Poca importanza attribuita dalle famiglie? Le biblioteche di casa La presenza di biblioteche nelle abitazioni può essere considerato come un indicatore dell importanza attribuita dalla famiglia istituzione dove si formano le abitudini e i comportamenti al libro.

24 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura Poca importanza attribuita dalle famiglie? Le biblioteche di casa

25 3. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura La presenza di biblioteche pubbliche

26 Analizzando la propensione alla lettura e le competenze linguistiche si evidenzia che queste hanno una correlazione elevata, pari a 0,8. Ciò significa che al variare di una, varia anche l altra. 3a. Spiegazioni della scarsa propensione alla lettura scarse competenze linguistiche? favoriscono il piacere della lettura Competenze linguistiche Lettura Permette di accrescere le competenze linguistiche

27 4a. Funzionamento della filiera Dimensione del mercato: dalla lettura agli acquirenti e gli acquisti

28 4a. Funzionamento della filiera Dimensione del mercato: dalla lettura agli acquirenti e gli acquisti

29 4a. Funzionamento della filiera segmentazione del settore sulla base del genere

30 4a. Funzionamento della filiera segmentazione del mercato sulla base del genere Segmento Importanza Editore-Autore Processo distributivo Ruoli nel processo di acquisto e canali Valutazione del segmento Scolastico 8% dei titoli 19% della tiratura copie per titolo NB: si esclude il segmento universitario caratterizzato da altre specificità È l editore che commissiona il testo ricercando un possibile autore tra gli insegnanti ritenuti leader in quella materia. Editing complesso e centrale nel determinare il successo Concentrato in pochi mesi/anno. Politica dei resi restrittiva. Differente distribuzione dei ricavi sul prezzo di copertina (centralità distributore) Decisore: Insegnante Acquirente: famiglia Utilizzatore: studente Influenzato da: promotore editoriale Canale: Libreria/ Cartoleria/Online (GDO) Rischio basso Ruolo centrale è affidato al distributore che cura la promozione Vita utile: si riduce, edizioni successive per ridurre il mercato dell usato. Ragazzi 6% dei titoli 9% della tiratura copie per titolo È l autore che contatta l editore. L editore sceglie se pubblicare o meno l opera valutandone il mercato potenziale. Editing più o meno complesso. Su tutto l anno. Politica dei resi ampia. Centralità del punto vendita (margine 30% prezzo di copertina) Decisore/Acquirente: adulto Utilizzatore: Adulto/Ragazzo Influenzato da: punto vendita Canale: Libreria/Cartoleria/GDO Rischio contenuto Ruolo centrale è assunto dal punto vendita in grado di fare promozione al testo Vita utile: maggiore degli altri segmenti Varia Adulti 86% dei titoli 72% della tiratura copie per titolo È l autore che contatta l editore. L editore sceglie se pubblicare o meno l opera valutandone il mercato potenziale Editing poco complesso. Uso della ready for camera copy. Su tutto l anno. Politica dei resi ampia. Centralità del punto vendita (margine 30% prezzo di copertina) Decisore/Acquirente/Utiliz zatore: adulto Influenzato da: punto vendita, comunicazione/pubblicità e recensioni Rischio elevato: molti titoli, pochi successi Ruolo centrale del punto vendita Vita utile: molto bassa, se non genera vendite viene tolto dallo scaffale

31 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: Editori Settore altamente concentrato. I costi di ingresso sono contenuti. I piccoli editori faticano a crescere a causa delle problematiche di accesso ai canali di distribuzione e la conseguente difficoltà di poter pubblicare testi di autori quotati. Il sistema italiano dell editoria è caratterizzato da un lato da pochi grandi editori (11%) che possiedono una quota di mercato elevatissima (90,4% di valore della produzione). Il sistema della piccola editoria è caratterizzato da una miriade di micro-imprese (61,9%) in grado di generare un buon numero di titoli (6,9%) caratterizzati da un numero molto basso di copie per titolo (3,1% della tiratura)

32 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: Distributori e Grossisti Gestione logistica del bene La varietà di titoli, la tiratura, le caratteristiche fisiche del supporto cartaceo rendono il processo distributivo-logistico particolarmente delicato e caratterizzato da costi elevati. Tale attività viene normalmente remunerata con il 25-30% del prezzo di copertina Distributori Indipendenti o di proprietà di un editore Gestiscono più editori Hanno una concessione territoriale Grossisti Nascono per gestire piccoli clienti (piccole librerie, cartolibrerie ecc.), acquistando i libri da più distributori di differenti case editrici. Tale attività è remunerata con un 10-15% del prezzo di copertina.

33 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: I canali e le quote possedute Considerando solo la varia per adulti distribuita nei canali tradizionali in Italia, si evidenza la centralità del canale Libreria. Nel canale Edicola sono considerati solo i libri venduti da questo canale, sono esclusi quelli allegati a quotidiani e i collezionabili che utilizzano il canale dell edicola per la loro diffusione

34 4b. Funzionamento della filiera Gli attori del mercato: aspetti peculiari delle librerie Condizioni di funzionamento Non vi è competizione tra i canali e tra le librerie sul prezzo di vendita (sistema del prezzo fisso di vendita), la concorrenza si esprime su altri elementi (assortimento, servizio, accessibilità ecc.) La libreria necessita di Spazi ampi per poter garantire una vasta scelta Un mercato potenziale ampio e di conseguenza tende a concentrarsi in grandi città o in aree densamente popolate. Rapporti con gli altri attori della filiera Restituzione quasi illimitata degli invenduti Ciò permette alla filiera una migliore gestione della merce e l allocazione sui altri mercati in cui si possa incontrare la domanda Incentiva la libreria ad accettare tutto il catalogo, le librerie sostengono così solo il costo dell occupazione dello spazio. In caso contrario sarebbe necessaria una selezione accurata che ridurrebbe le probabilità per l editore di incontrare la domanda

35 4b. Funzionamento della filiera Il funzionamento delle librerie

36 4b. Funzionamento della filiera Le strategie messe in atto dagli editori e l aumento delle novità

37 4b. Funzionamento della filiera Le strategie messe in atto dagli editori e i libri allegati ai quotidiani

38 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Suddivisione delle biblioteche per area geografica

39 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Suddivisione delle biblioteche per patrimonio e per area geografica

40 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Biblioteche con funzioni differenti

41 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differente densità territoriale

42 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differenti perfomance

43 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Differenti perfomance

44 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Focus sulla regione Lombardia

45 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La promozione della lettura nelle biblioteche in provincia di Milano L analisi dell attività svolta dalle singole biblioteche ha messo in evidenza un intensa attività di promozione della lettura attraverso. Su 20 biblioteche rispondenti al questionario, si sono registrati 243 eventi nel triennio , per giornate complessive di Tali eventi erano variamente indirizzati a Bambini (materna elementare), Ragazzi (scuole medie) e Adulti. Anni considerati Biblioteche rispondenti (in città con più di abitanti) 20 28% redempition Eventi 243 Partecipanti (stimati) Pubblico (risposta multipla) Adulti 115 Ragazzi 45 Bambini 88

46 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La promozione della lettura in provincia di Milano alcuni esempi di eventi Biblioteca civica di Anno Titolo dell'evento Pubblico target Partecipanti stimati Corbetta 2004 Incontri con l'arte Adulti 3200 Lissone 2004 Notte nei Libri Adulti 1500 Castano Primo 2004 Un libro per viaggiare - concorso Ragazzi 1458 Cinisello Balsamo 2004 Leggere per piacere Ragazzi 352 Rho 2004 Open day (apertura domenicale straordinaria) Tutti 1000 Agrate Brianza 2005 Shakespeare in Biblioteca Adulti 12 Biassono 2005 Libri alla ribalta Adulti 230 Novate Milanese 2005 Laboratorio lettura ad alta voce Adulti 45 Cormano 2005 incontro con i poetii poeti Milo de Angelis, Gabriela Fantato e Cesare Viviani Adulti 20 Biassono 2005 Storie di Bambini 25 Concorezzo 2005 Narrando narrando Il mostro peloso Bambini 80 Arcore 2005 Incontri con scrittori per ragazzi: Emanuela Nava Ragazzi 75 Cinisello Balsamo 2006 Gruppo di lettura Adulti 100 Limbiate 2006 Incontro con l'autore: Gianni Biondillo Adulti 50 Cusano Milanino 2006 Nataleggiamo in biblioteca Bambini 52 Novate Milanese 2006 Trasloco libri con bambini (nuova sede) Bambini 300 Settimo Milanese 2006 ciclo annuale animazione del libro per scuole Bambini 450 Desio 2006 Arriva un bastimento carico di Bambini e ragazzi 290

47 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Il miglioramento delle performance

48 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera La penetrazione dei lettori in alcuni sistemi bibliotecari

49 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera Gli utenti attivi per classe di età

50 5. Ruolo delle biblioteche all interno della filiera I prestiti per anno di pubblicazione del testo

51 6. Conclusioni un ruolo multiforme all interno della filiera, in parte ancora da esplorare.. come attore che crea un effetto sostituzione tra acquisto e prestito.... La sensazione che si ha a seguito della direttiva.. come attore che contribuisce allo sviluppo del mercato della lettura.... L intensa attività di promozione della lettura da parte delle biblioteche Biblioteca come partner per sopperire alle problematiche strutturali della distribuzione.... Le librerie possono essere collocate nei grandi agglomerati urbani, le biblioteche sono diffuse anche nei piccoli centri.. Come Cliente.. Se le Biblioteche comprassero qualche libro in più (AIE, 1994) Considerazioni più recenti individuano che le biblioteche assorbono il 5-6% del fatturato... come mezzo per raggiungere quote elevate di lettori, specie in alcune fasce di età.... Le biblioteche attraggono circa il 33% dei lettori, sembrerebbe maggiore in alcune fasce di età

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora

CALENDARIO DEFINITIVO Campionato: Under 17 Maschile Fase : Italiana A/R Girone : Girone C Gara N Squadra A Squadra B Giorno Data Ora FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO CR LOMBARDIA COMUNICATO UFFICIALE N. --- DEL 17/10/2013 UFFICIO GARE N. --- 1 Giornata di andata 9118 OSAL NOVATE VERDE GS BK PADERNO Dom 20/10/2013 17:30 Palestra -

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli