Bilancio Sociale. duemilatredici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Sociale. duemilatredici"

Transcript

1 Bilancio Sociale 213 duemilatredici

2

3 Indice Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l incertezza per inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati Pablo Neruda 1 Premessa 1.1 Nota Metodologica Identità 2.1 Carta di Identità Oggetto Sociale Aree di intervento Composizione Base sociale Relazione di missione 3.1 Finalità istituzionali I valori e le finalità Territorio di riferimento Attraverso la nostra storia Governo e Strategie 4.1 Il Consiglio di Amministrazione L Assemblea dei Soci Struttura di Governo (organigramma) Strategie I portatori di interessi 5.1 Mappa dei Portatori di Interesse Relazione Sociale 6.1 Base Sociale Inserimenti lavorativi Le reti Dimensione economica e analisi del valore aggiunto 7.1 Costruzione della ricchezza Distribuzione della ricchezza Prospettive future Ringraziamenti Contatti

4 1. Premessa Cari Soci, il 213 è stato un anno complesso da gestire lavorativamente sotto molti aspetti, ma come potrete constatare leggendo il Bilancio Sociale che con questa mia introduco, siamo riusciti a chiudere molto positivamente le diverse variabili occorse. L avvenimento principale del 213 è stata certamente l operazione di fusione per incorporazione con la quale la cooperativa Alboran ha assorbito ed integrato la cooperativa La Bottega. Questa operazione, per noi nuova e complessa, ha comportato un investimento di energie, di lavoro e di capacità imprenditoriale di alto livello. Ci siamo sentiti tutti coinvolti, abbiamo intravisto e creduto nelle potenzialità e nella nostra capacità di affrontare il cambiamento e per questo sento il dovere di ringraziare profondamente tutti coloro, soci e non, che hanno contribuito al raggiungimento dell obbiettivo. Ringrazio oltre che per la dedizione e la professionalità riservata a questa operazione anche per il forte senso di solidarietà espresso. Queste componenti hanno portato, nel loro complesso, al mantenimento di tutti i posti di lavoro, all ampliamento delle possibilità lavorative e di conseguenza ad un consolidamento ed ulteriore stabilizzazione della nostra cooperativa. In un periodo di crisi internazionale conclamata non è per niente male riuscire a fare positivamente questo tipo di operazioni e parallelamente chiudere in utile anche il bilancio economico E siamo solo all inizio visto che ci troviamo alla vigilia del ventennale, con un futuro radioso davanti. Grazie e buona lettura a tutti. Il Presidente Edgardo Galletta (Ega) 4 Bilancio Sociale 213

5 Carissime e carissimi, è per me un grande onore avere l opportunità di portare il mio saluto in questa sede. In qualità di socia lavoratrice e Presidente de La Bottega, desidero sottolineare quanto sia stato importante per noi realizzare nel 213 l obiettivo della fusione con Alboran, il cui scopo, nella nostra prospettiva, non è stato solo quello di scongiurare gli effetti della crisi, bensì di consolidare e sviluppare le attività produttive all interno di una struttura più ampia, composita e che offrisse maggiori opportunità di crescita professionale per tutti i soci lavoratori. Quindi il rammarico per la fine di un avventura quella della Cooperativa La Bottega durata 14 anni è sostituito dalla soddisfazione e dall orgoglio di essere parte integrante e fattiva di una nuova realtà. Veronica Piccardi 1.1 Nota Metodologica L esperienza di rendicontazione sociale è cominciata nel 24, molto tempo prima che la normativa rendesse questo strumento un obbligo. Il progetto di questa decima edizione è stato coordinato, su diretto mandato del CdA, dal Responsabile Area Sociale Claudio Montironi che ha condiviso l organizzazione e la scrittura del lavoro con Veronica Piccardi alla quale si sono aggiunte anche Mariella Sala, Alessandra Bossini e Clio Rovati. Il materiale fotografico è stato selezionato da Marco Galletta. L edizione 213: è stata redatta in conformità al Decreto attuativo del Ministero della Solidarietà Sociale del 24/1/8, alla Delibera di Giunta Regionale della Lombardia n 5536 del 1/1/7 ed alle Linee Guida per la redazione del Bilancio di Responsabilità Sociale, aggiornate alla data del 5/2/9 è stata approvata dall Assemblea dei Soci in data 3/5/214 è disponibile nella sua versione elettronica sul sito sito o in versione cartacea contattando la sede amministrativa Identità Titolo 5

6 2. Identità 2.1 Carta di Identità 2.2 Oggetto Sociale Denominazione: Alboran Cooperativa Sociale Modello di riferimento adottato ai sensi della riforma diritto societario: Srl Sede legale fino al 31/12/213: 262 Cassano d Adda (MI) Via Colognesi Isola Borromeo Sede legale dal 1/1/214: 268 Peschiera Borromeo Via Enrico Toti, 6 Sedi operative: Peschiera Borromeo Via Enrico Toti, 6 (Servizi alle Imprese, Enti Pubblici, Amministrazione) Cassano d Adda Via Colognesi Isola Borromeo (Ambiente e Attività Culturali) Iscritta all'albo Regionale delle Cooperative Sociali sezione B, foglio 152, n. 34 Altre iscrizioni: Albo Cooperative A c.c.i.a.a Tribunale di Milano n Data costituzione: novembre 1994 Codice Fiscale e Partita Iva: Aderente alla Lega Nazionale Cooperative e Mutue (Legacoop) [ ] Scopo della Cooperativa è quello di perseguire l interesse generale della comunità, alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso lo svolgimento dell attività di cui all art. 4, finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate ai sensi dell art. 1, primo comma punto b), della legge 8 novembre 1991 n [ ] [ ] Lo scopo che i Soci della Cooperativa intendono perseguire è quello di ottenere, tramite la gestione in forma associata dell Azienda, continuità di occupazione e migliori condizioni economiche, sociali e professionali.[ ] Dallo Statuto, Art. 3 Oggetto della cooperativa sono le attività di seguito indicate da svolgersi valendosi principalmente dell attività dei soci cooperatori, e delle persone considerate svantaggiate a norma dell art. 4 della legge 8 novembre 1991, n. 381: ideazione, fornitura e gestione di progetti finalizzati all inserimento lavorativo di persone svantaggiate; servizi di assemblaggio manuale di prodotti; lavorazioni varie per il settore cartotecnico; gestione spedizioni e magazzinaggio conto terzi; servizi di manutenzione, imbiancatura, custodia e pulizia stabili; ideazione, fornitura e gestione di progetti finalizzati alla tutela ambientale, anche attraverso l educazione ambientale rivolta alle scuole e alla popolazione, la valorizzazione di tradizioni, luoghi e prodotti locali, viaggi e soggiorni; progetti in ambito agro-alimentare e riguardanti Parchi e Riserve; [ ]; ideazione, fornitura e gestione di servizi di carattere culturale, ricreativo e del tempo libero per Enti, Associazioni e privati; [ ] Dallo Statuto, Art. 4 6 Bilancio Sociale 213

7 2. Identità 2.3 Aree di Intervento Servizi alle Imprese Il Settore dei Servizi alle Imprese continua a costituire il motore trainante della Cooperativa in termini di fatturato (68% del fatturato) e numero di inserimenti lavorativi accolti. Il settore organizza le proprie attività nella sede di Peschiera Borromeo, dove alla storica struttura di Via Puccini si è sostituito, a partire dal 211, il nuovo capannone di Via Toti. Assemblaggi manuali, lavorazioni cartotecniche ed elettro-meccaniche Gli assemblaggi sono stati la molla che ha spinto Alboran ad avere il suo primo luogo fisico : correva l anno 1996 e la spinta venne da una commessa ricevuta da una grande tipografia che necessitava di un terzista al quale affidare questo tipo di lavorazione. Con il passare degli anni gli assemblaggi si sono da un lato sempre più specializzati, fino a raggiungere vere e proprie punte di eccellenza artigianale, come nel caso del montaggio di espositori per il settore della cosmesi o di particolari assemblaggi cartotecnici destinati al settore dell alta moda milanese. La ciclicità del lavoro, i tempi serrati, il controllo dei costi, la concorrenza...tutte criticità che abbiamo sempre deciso di posporre all opportunità di avviare in questo settore percorsi di inserimento lavorativo il più possibile adatti a persone che presentano scarse autonomie oppure particolari tipologie di svantaggio. Magazzinaggio, logistica e spedizioni Questa attività nasce nel 24 dal desiderio di specializzare alcune risorse interne in attività più complesse ed in particolare alcuni lavoratori svantaggiati che presentavano maggiori autonomie e più elevate (o potenziali) capacità professionali. Abbiamo così avviato un attività specificatamente dedicata a quelle aziende bisognose di terziarizzare alcuni passaggi collaterali ai loro processi produttivi, a partire dallo stoccaggio della merce. Oggi offriamo un ampia gamma di servizi logistici integrati che vanno dal picking alla preparazione ordini, dalla bollettazione/fatturazione remota all etichettatura prodotti con codici a barre, oltre alla digitalizzazione di archivi con attività di scansione documenti e data entry. Pulizie esterne L ultimo triennio ha visto un sensibile aumento di questa tipologia di attività (+15%). Nello specifico le commesse inerenti le attività di pulizia e sanificazione svolte presso committenti privati -solitamente aziende di piccole o medie dimensioni- sono state gestite attraverso convenzionamenti in Articolo 14 (vedi paragrafo successivo). Convenzioni art. 14 D.lgs 196/23 A partire dal 25 Alboran è stata una tra le poche cooperative sociali di tipo B ad aver applicato l accordo provinciale sperimentale finalizzato all integrazione delle persone disabili ai sensi dell Art. 14 del D.Lgs. 276/23 (Legge Biagi). Questo tipo di convenzionamento ha offerto la possibilità ad aziende private di conferire commesse di lavoro a Cooperative Sociali di inserimento lavorativo a parziale copertura dell obbligo di assunzione di disabili previsto dalla Legge 68/99. In parallelo ha dato l opportunità a disabili deboli (disabili psichici o fisici con un importante grado di compromissione) di inserirsi nel mondo del lavoro attraverso l assunzione effettuata dalla Cooperativa. Nel periodo Alboran ha attivato un totale di 6 convenzioni con aziende operanti in differenti settori merceologici (stampa, farmaceutica, meccanica.). Differenti anche le attività oggetto delle commesse: assemblaggi cartotecnici e postalizzazione, stoccaggio e gestione logistica archivi, scansione documenti, data-entry, pulizie. Sul versante dell inserimento lavorativo Alboran ha, con questo particolare strumento convenzionatorio, avviato un totale di 8 lavoratori disabili, la maggior parte dei quali presentava una cronica esclusione da ogni ambiente professionale. La statistica ci insegna che i disabili deboli sono, non solo quelli più difficilmente collocabili nel mercato del lavoro ma, soprattutto, quelli con un indice di tenuta minore; la nostra esperienza ha invece dimostrato che l indice di turn-over dei lavoratori sulle commesse in Art. 14 è stato negli anni praticamente irrilevante, a conferma delle capacità gestionali e di inclusione della Cooperativa. Identità 7

8 Ambiente e attività culturali A Cassano d Adda, nello splendido paesaggio che circonda la cascina ristrutturata sul fiume Adda, nella sede denominata Isola Borromeo, Alboran promuove, realizza e coordina progetti volti alla sensibilizzazione di adulti e ragazzi sulle tematiche ambientali e della sostenibilità, alla valorizzazione e alla tutela dell ambiente, allo sviluppo culturale e di un turismo consapevole. Educazione ambientale, formazione e ricerca Le nostre attività di Educazione Ambientale si rivolgono principalmente alle scuole di ogni ciclo, dall Infanzia alle Secondarie di secondo grado, e riguardano progetti legati a temi scientifici, didattici e di sviluppo di una sensibilità di salvaguardia dell ambiente anche in collaborazione con i Parchi Regionali del territorio in cui da anni operiamo. All interno della cascina all Isola Borromeo è operativo il CEA -Centro di Educazione Ambientale- presso cui si svolgono tutti gli interventi di formazione rivolti agli adulti e agli operatori del settore e dove è ospitata una biblioteca specializzata in tematiche ambientali, aderente al Sistema Bibliotecario Milano Est che offre un servizio di consultazione, prestito e reference specializzato. Tempo libero e turismo consapevole Dal 212 Alboran è capogruppo di un RTI (raggruppamento temporaneo di imprese) che, avendo presentato il progetto migliore, si è aggiudicato la gara per la gestione della Cascina e del Parco dell Isola Borromeo; all interno del RTI Alboran coordina tutte le attività formative, culturali ed ambientali, mentre le altre 2 cooperative sociali del gruppo, la Batrachos Soc. Coop. Sociale ONLUS e La Goccia Coop. Sociale ONLUS, si occupano rispettivamente della gestione del bar ristorante e della manutenzione del Parco. L Isola Borromeo è uno scenario perfetto per organizzare attività ludiche all aperto rivolte ai bambini e alle famiglie. Molte iniziative promosse durante i pomeriggi domenicali volte alla scoperta del territorio, del divertimento e della creatività, hanno riscosso notevole partecipazione. All interno dell Isola Borromeo Alboran gestisce inoltre un centro di Cicloturismo Ambientale presso cui promuove un servizio di visite guidate sul territorio, con possibilità di noleggio biciclette. Servizi agli Enti Pubblici Le attività offerte da Alboran si dividono in due tipologie: Servizi bibliotecari La nostra cooperativa collabora dal 21 con i Comuni della provincia milanese aderenti al Sistema Bibliotecario Milano Est, offrendo servizi bibliotecari su progetti specifici o anche in gestione completa e autonoma della Biblioteca Comunale e delle attività culturali ad essa collegate. Altri servizi Effettuiamo principalmente servizi di pulizia, custodia e fattorinaggio e piccoli traslochi in diversi Comuni ubicati nella cintura est-milano ed in particolare nei territori di Settala e Peschiera Borromeo. Le attività sono generalmente regolamentate da convenzioni in Art. 5 Legge 381/91 e quindi finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. 2.4 Composizione base sociale Al 31/12/211 sono iscritti al Libro Soci 19 soci ordinari e 2 soci volontari; tra questi 6 sono svantaggiati ai sensi dell Art. 4 della Legge 381/1991. BASE SOCIALE AL 31/12/213 Soci lavoratori Soci lavoratori svantaggiati (L.381/91) Soci volontari 5 maschi femmine Totale Bilancio Sociale 213

9 3. Relazione di missione SCOPO (missione) VALORI FINALITÀ STRATEGIE (politiche di impresa sociale) Condivisione Diversificazione settori di attività PROMOZIONE DELL INTERESSE GENERALE DELLA COMUNITÀ E DELL INTEGRAZIONE SOCIALE (LEGGE 381/1991) PERSONE INCLUSIONE APPARTENENZA LAVORO Partecipazione Stabilità occupazionale Crescita professionale Qualità del lavoro Benessere dei lavoratori Trasparenza Imparzialità Eguaglianza Diritto di scelta Efficienza/efficacia Valorizzazione e tutela zone di interesse ambientale Diversificazione clienti Equilibrio economico finanziario Condivisione responsabilità gestionale Legame con il territorio Benefit sociali da destinare ai soci e ai lavoratori Potenziamento dell area sociale Sensibilizzazione alle tematiche ambientali e al turismo responsabile Cura e potenziamento della comunicazione interna/esterna Partnership con realtà del terzo/quarto settore Elaborazione e divulgazione di un modello gestionale d impresa sostenibile Formazione 3.1 Finalità istituzionali [ ] Le Cooperative Sociali hanno lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità, alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini [ ] Legge 381/91 (disciplina delle Cooperative Sociali), Art I valori e le finalità Essere una Cooperativa. Essere una Cooperativa Sociale. Per concorrere alla realizzazione del proprio scopo istituzionale, ovvero l interesse generale della comunità e l integrazione sociale, Alboran ha sempre agito attraverso i valori del Lavoro e dell Ambiente. A questi due valori ne aggiungiamo un terzo, che precede e connota in maniera decisiva gli altri due: le Persone. Titolo 9

10 3.3 Territorio di riferimento Servizi alle Imprese Il settore dei Servizi alle Imprese continua a raccogliere la propria interlocuzione economica principalmente nell area metropolitana ed est milanese, con alcune estensioni internazionali. Ambiente Il settore Ambientale mantiene una referenza territoriale regionale, con particolare radicamento nei Comuni di Cassano d Adda e Peschiera Borromeo, sedi storiche della Cooperativa, e nei Comuni del Parco Adda Nord e del Parco Agricolo Sud Milano. Varese Como Milano Lecco Monza e Brianza Sondrio Bergamo Brescia Servizi ad Enti Pubblici Il settore Servizi ad Enti Pubblici agisce principalmente in Comuni ubicati nella cintura Est-Milano (Settala, Peschiera Borromeo, Truccazzano, Bellinzago, Cerro al Lambro, Colturano, Tribiano, Melzo, Pioltello e Cassano d Adda). Pavia Lodi Cremona Servizi alle Imprese Servizi ad Enti Pubblici Mantova Ambiente 3.4 Attraverso la nostra storia Il mare di Alboran è la parte più occidentale del Mediterraneo compresa tra la Spagna ed il Marocco (Mar de Alborán in spagnolo, al-bahr al-buran in arabo). Situato in un golfo protetto è da sempre considerato da antichi e moderni navigatori un mare di buon auspicio perchè se attraversato in un senso rappresenta l avventura, la scoperta la novità mentre se attraversato nell altro senso rappresenta il ritorno a casa, la sicurezza, la tranquillità La Cooperativa Sociale Alboran nasce a Cassano d Adda nel novembre Iscritta inizialmente all Albo Regionale delle Cooperative Sociali di tipo A (settore socio-assistenziale-educativo), la nostra Coopera tiva ha, nei primi due anni di vita, concentrato la propria azione in ambito culturale e del tempo libero attraverso l allestimento di spettacoli teatrali e musicali, oltre a diverse altre iniziative e progetti finalizzati alla cultura dell ambiente, in collaborazione con numerose Amministrazioni locali. Contemporaneamente ha sponsorizzato progetti e gestito servizi a carattere socio-assistenziale insieme ad ASL e Comuni del territorio della provincia est di Milano A partire dal mese di aprile, la Cooperativa ha aperto una nuova sede a Peschiera Borromeo, dove ha intrapreso un attività di Servizi alle Imprese - logistica e spedizioni, assemblaggi manuali, lavorazioni cartotecniche ed elettro-meccaniche - sempre finalizzata al sociale : è stata perciò modificata l iscrizione all Albo Regionale delle Cooperative Sociali passando a quelle di tipo B (inserimento lavorativo di persone svantaggiate). Parallelamente è stato mantenuto e sviluppato il settore Ambientale e Culturale che negli anni ha portato alla gestione del servizio 1996 di Educazione Ambientale per conto di Parchi Regionali e Riserve, ad attività rivolte alle scuole; corsi di formazione e di aggiornamento per operatori di educazione ambientale; progettazione e realizzazione di materiali didattici; la gestione per quasi un decennio di una struttura con albergo ristorante ad Albaredo per S. Marco (Sondrio) nel Parco Orobie Valtellinesi; servizi bibliotecari per svariati Comuni aderenti al Sistema Bibliotecario Milano Est. Quest ultima tipologia di servizio agli Enti Pubblici si è negli ultimi 1 Bilancio Sociale 213

11 anni incrementata ed allagata anche ad altre attività di pulizia e custodia. 26 Dal mese di maggio Alboran partecipa, insieme ad un altra cooperativa sociale e ad un associazione sportiva ed in convenzione con l Amministrazione di Cassano d Adda, al progetto Isola Borromeo. Questo ha previsto la riqualificazione a verde pubblico di un intera area racchiusa tra l Adda e due canali artificiali oltre al 26 recupero di una cascina che è ora sede di diverse attività turisticoambientali: un progetto (tutt ora in corso) di Cicloturismo ambientale, nato grazie ad un cofinanziamento di Fondazione Cariplo, l apertura di un Punto Informativo turistico-ambientale, attivato nel 25 nell ambito del progetto europeo Equal; un Centro di Educazione Ambientale in collaborazione con il Parco Adda Nord; un progetto di Biblioteca scientifica specializzata in tematiche Ambientali, inserita in rete nel circuito del Sistema Bibliotecario Milano Est. 28 contestualmente i primi inserimenti lavorativi. 28 Dalla primavera Alboran integra nel progetto Isola Borromeo la gestione diretta dell omonimo ristorante, avviando 29 In 29 novembre la Cooperativa festeggia i suoi 15 anni di attività. Nello stesso anno prende forma il progetto di trasferire le attività del settore Servizi alle Imprese presso una sede diversa da quella storica di Via Puccini a Peschiera. 213 Questo è stato un anno cruciale nella storia di Alboran; alla vigilia dei vent anni di attività, la Cooperativa ha deciso di compiere una svolta importante e di rinnovarsi radicalmente. Il primo, e forse più sostanziale, cambiamento è stata la scelta di avviare il processo di fusione con la Cooperativa Sociale La Bottega: due realtà che collaboravano da anni, che condividevano il medesimo sistema valoriale e che avevano la stessa mission sociale. La scelta compiuta da Alboran di incorporare un altra cooperativa sociale è stata dettata da finalità di sviluppo, di acquisizione di competenze professionali complementari e di ampliamento dello staff dirigenziale, oltre alla possibilità di estendere la propria attività in altri ambiti territoriali. L unicum di tale processo di fusione è rappresentato dalle modalità con cui è stato vissuto e condiviso: non si è trattato infatti di una mera somma algebrica di due società, bensì di opportunità per condividere, crescere, contaminarsi vicendevolmente e infine crescere in un unica realtà, di cui tutti i soci potessero sentirsi parte attiva e fondante. Il mutamento sostanziale messo in atto dal processo di fusione si è sviluppato in una serie di cambiamenti di portata strutturale, tra i quali possiamo evidenziare: nomina di un Consiglio di Amministrazione in cui è stato eletto, per la prima volta nella storia di Alboran, un membro non socio (la Presidente de La Bottega); Nei primi mesi del 21 viene individuato lo stabile di Via Toti. Comincia con la proprietà una trattativa per l acquisizione della struttura che si conclude nel mese di dicembre. 211 All alba dei suoi primi 15 anni di vita prende forma il progetto di trasferire le attività del settore Servizi alle Imprese presso una sede diversa da quella storica di Via Puccini a 211 Peschiera Borromeo. Così, dopo ricerche, analisi economiche e coinvolgimento di tutta la base sociale, si decide di traslocare nella nuova sede di Via Toti, rimanendo nel territorio del medesimo Comune. Parallelamente viene ceduta l attività di ristorazione, presso la sede dell Isola Borromeo a Cassano d Adda, ad una cooperativa sociale neo costituita. 212 Con la scadenza del mandato, dopo i primi 6 anni di presenza all Isola Borromeo come gestori della sede del CEA, nel corso dell anno viene indetta dal Comune di Cassano la gara per la gestione della Cascina e del Parco dell Isola Borromeo; 212 la partecipazione di Alboran è come capogruppo di un RTI (Raggruppamento Temporaneo di Imprese) insieme ad altre 2 cooperative sociali con cui abbiamo condiviso le strategie e le finalità sociali ed ambientali. Nel mese di settembre il nostro progetto risulta vincitore, assegnando la gestione dell area fino al 218. revisione del Regolamento Interno dei Soci, mediante la creazione di un apposita commissione mista composta da soci lavoratori di Alboran e da un socio lavoratore de La Bottega; istituzione del Regolamento dei Soci Speciali, con l obiettivo di rendere Alboran una Cooperativa di cui tutti i lavoratori possano fare parte in qualità di soci, condividendo la mission e la vision societaria di accoglienza e inclusione; adozione di un nuovo Statuto societario, in concomitanza con il passaggio di Alboran da Srl a SpA con decorrenza 1/1/214; istituzione di percorsi di formazione per il Consiglio di Amministrazione e per i coordinatori/responsabili della Cooperativa, al fine di lavorare sull assetto della nuova Cooperativa e sulla ridefinizione dei ruoli. Possiamo quindi affermare che, di fronte a uno stato di crisi economica dilagante, nel 213 Alboran ha deciso di rischiare e di puntare sulla crescita, mediante la fusione con un altra Cooperativa e mediante l investimento sul proprio potenziale umano e professionale. E questa scelta ha effettivamente sortito esiti insperati, dal momento che nel 213 le attività produttive hanno avuto nuovo impulso e sono state avviate nuove collaborazioni professionali. Per la peculiarità dell operazione e per i risultati ottenuti, il processo di fusione tra Alboran e La Bottega è stato citato tra le buone pratiche cooperative del Progetto Ergon della Regione Lombardia oltre ad avere ricevuto il sostegno del Piano Emergo della Provincia di Milano. Relazione di missione 11

12 IMPRESSIONI DI UN SOCIO SULLA FUSIONE 12 Bilancio Sociale 213

13 4. Governo e Strategie [ ] La cooperativa può essere amministrata, alternativamente, da un amministratore unico o da un consiglio di amministrazione composto da tre o più membri, su decisione dei soci in sede di nomina. In caso di nomina del consiglio di amministrazione, l amministrazione della cooperativa può essere affidata anche a soggetti non soci, purché la maggioranza del consiglio di amministrazione sia scelta tra i soci cooperatori o tra le persone indicate dai soci cooperatori persone giuridiche. [ ] Gli amministratori restano in carica per il periodo determinato dai soci al momento della nomina, comunque non superiore a tre esercizi. Gli amministratori possono essere rieletti. [ ] Qualora non vi abbiano provveduto i soci al momento della nomina, il consiglio di amministrazione elegge fra i suoi membri un presidente. [ ] Dallo Statuto, Art Il Consiglio di Amministrazione AMMINISTRATORI 213 NOME CARICA DATA PRIMA NOMINA Edgardo Galletta Presidente 1994 Claudio Montironi Vice-presidente 26 Maria Grazia Sala Consigliere 1999 Simona Barbieri Consigliere 213 Maria Veronica Piccardi Consigliere 213 I Consiglieri hanno deliberato di suddividere equamente tale cifra tra tutti i membri. L organo amministrativo di Alboran è oggi composto da cinque Soci lavoratori con un assoluto equilibrio di genere. Il CdA è investito dei più ampi poteri per la gestione della cooperativa. Nel corso del 213 si è riunito regolarmente per complessive 14 sedute ed ha deliberato in merito a tutte le questioni di rilevanza amministrativa e gestionale. A differenza degli anni precedenti, per il 213 l assemblea dei soci ha deliberato una somma complessiva forfettaria quale indennità per l intero Consiglio di Amministrazione. 4.2 L Assemblea dei Soci ASSEMBLEA: Materie di competenza: I Soci decidono sulle materie riservate alla loro competenza dalla legge, dal presente statuto, nonché sugli argomenti che uno o più amministratori o tanti soci che rappresentano almeno un terzo del numero complessivo degli aventi diritto al voto sottopongono alla loro approvazione. Dallo Statuto, Art. 28 L Assemblea dei Soci viene convocata almeno una volta l anno per l approvazione del Bilancio economico e del Rendiconto Sociale. La partecipazione all incontro annuale è sempre stata molto ampia raggiunta prevalentemente con presenza effettiva. Governo e Strategie 13

14 ASSEMBLEE DATA N SOCI AVENTI DIRITTO DI VOTO N SOCI PARTECIPANTI % 11/1/ % 29/5/ % 26/7/ % 21/5/ % 26/5/ % 15/6/ % 19/4/ % 11/5/ % 12/7/ % 9/1/ % 23/11/ % Il 213 è stato un anno estremamente importante per Alboran e l Assemblea dei Soci è stata chiamata a riunirsi in numerose occasioni per deliberare, oltre che per il consueto appuntamento di approvazione del Bilancio civilistico e sociale, anche in merito alla fusione con la Cooperativa Sociale La Bottega, all adozione del nuovo Regolamento Interno dei Soci e del Regolamento dei Soci Speciali. La numerosa partecipazione dei soci alle Assemblee, per lo più senza avvalersi dello strumento della delega, dimostra sensibilità ed interesse nonché senso di responsabilità rispetto al proprio ruolo all interno dell organizzazione. 14 Bilancio Sociale 213

15 4. Governo e Strategie 4.3 Struttura di Governo ORGANIGRAMMA ASSEMBLEA DEI SOCI Consiglio di Amministrazione RSPP Presidente Privacy Responsabile Amministrativo Responsabile del Personale Direzione Generale Responsabile Sociale (ins. lavorativi) Responsabile Sistema informatico SERVIZI ALLE IMPRESE AMBIENTE Settore Logistica Settore Assemblaggi manuali e cartotecnici Servizi Turistico Ambientali, scuole, formazione Pulizie e altri servizi SERVIZI ENTI PUBBLICI Biblioteche Servizi diversi (pulizie, custodie, altri servizi) 4.4 Strategie Le politiche di impresa sociale perseguite nel corso del 213: Formazione del Consiglio di Amministrazione nell ottica della governance della Cooperativa derivante dalla fusione (responsabilità gestionale condivisa) Formazione del gruppo dei responsabili/coordinatori Collaborazione strutturate con altre cooperative sociali (diversificazione Settori di attività, diversificazione clienti, equilibrio economico-finanziario) Mantenimento di tutti i settori economici della Cooperativa (diversificazione Settori di attività, diversificazione clienti) Consolidamento e fidelizzazione del parco clienti (equilibrio economico-finanziario) Consolidamento della collaborazione con i Servizi Sociali del territorio, gli Enti di mediazione lavorativa, la Provincia di Milano; rafforzamento della rete con il volontariato Caritas (legame con il territorio) Governo e Strategie 15

16 16 Bilancio Sociale 213

17 5. Portatori di Interesse I portatori di interesse (stakeholder) sono gli interlocutori dell Impresa Sociale. Coloro i quali influenzano, o sono influenzati, dal perseguimento della missione. PORTATORI DI INTERESSE PORTATORI DI INTERESSE ESTERNI RETE TERRITORIALE Servizi di mediazione lavorativa Servizi Sociali Comunali e distrettuali Servizi Specialistici (CPS, ecc.) Famiglie Comuni Scuole Clienti FRUITORI Enti di formazione RETE ECONOMICA Fornitori RETE DI SISTEMA Piani di Zona Enti finanziatori Donatori 4 Settore (Associazioni di Volontariato, Caritas) Altre Cooperative Centrale Cooperativa Enti Parco PORTATORI DI INTERESSE INTERNI Lavoratori Soci Soci volontari Presidente ORGANI DIREZIONALI CdA BASE SOCIALE ASSEMBLEA DEI SOCI ALTRI LAVORATORI Lavoratori Soci svantaggiati Tirocinanti Lavoratori non soci Lavoratori svantaggiati non soci Portatori di Interesse 17

18 18 Bilancio Sociale 213 Portatori di Interesse

19 6. Relazione Sociale 6.1 Base Sociale La base sociale è la colonna portante della Cooperativa. Nel 213 sono stati modificati i criteri di adesione associativa ad Alboran. A differenza del passato, in un ottica di condivisione estesa dell impianto valoriale della Cooperativa da parte di tutte le persone che vengono inserite nelle varie attività, viene richiesto a tutti i lavoratori, contestualmente alla stipula del contratto di lavoro, di avviare il proprio percorso associativo come soci speciali (o in formazione) per un periodo circoscritto di tempo, affinché il nuovo socio abbia la possibilità di conoscere e aderire al programma progettuale della Cooperativa. In questo modo si tende a far sì che la Cooperativa venga percepita da tutti come un bene collettivo da sostenere e tutelare e che il progetto di promuovere il diritto al lavoro mediante l inserimento lavorativo sia condiviso in maniera trasversale. Questo processo ha avuto origine dopo approfondite riflessioni interne al gruppo dirigente e alla base sociale e si è completato nel corso dell anno mediante l approvazione assembleare del regolamento dei soci speciali e la formalizzazione di adesione alla base sociale rivolta ai lavoratori non soci della Cooperativa. ANDAMENTO 25 BASE SOCIALE CON SPECIFICA DI GENERE M-F Alboran applica il Contratto Collettivo Nazionale delle Cooperative Sociali per tutti i lavoratori e per i soci anche un Regolamento interno. Si avvale altresì di contratti di collaborazione laddove la tipologia di lavoro e di esecuzione delle commesse lo prevedano. Il numero dei soci-lavoratori con un contratto dipendente permane prossimo al 1% così come il numero di contratti a tempo indeterminato (indice di stabilità occupazionale). SOCI: TREND 211 E TIPOLOGIA 212 CONTRATTI DIPENDENTI /COLLABORATORI soci lavoratori + volontari femmine maschi soci lavoratori + volontari femmine maschi 25 TOT. 2 TOT. TOT. 2 2 TOT. TOT. 2 2 TOT. 2 95% 25 95% 95% 95% 95% Dipendenti Collaboratori Dipendenti Collaboratori 5 5 5% 5% 5% 5% 5% 5% Relazione Sociale 19

20 SOCI: TREND E TIPOLOGIA CONTRATTI TEMPO INDETERMINATO/TEMPO DETERMINATO/COLLABORATORI TOT. 2 TOT. 95% 2 TOT. 95% 2 95% 95% 95% 95% 15 1 TOT. 2 TOT. 2 TOT. 2 Tempo indeterminato Tempo determinato Collaboratori Tempo indeterminato Tempo determinato Collaboratori 5 5 5% 5% 5% 5% 5% 5% % % % % % % Il part-time Alboran ha utilizzato il 77% di contratti part-time rispetto al totale dei contratti in essere al 31/12/213 con una vasta gamma di percentuali di part-time in funzione sia di esigenze lavorative che personali. È necessario sottolineare che questo strumento contrattuale risponde a bisogni differenti anche in relazione alla tipologia dei lavoratori: soci e non soci. Il 6% (12 su 2) dei lavoratori soci ha un contratto part-time prevalentemente in risposta alle particolari esigenze personali di conciliazione tempo lavoro/tempo famiglia o di condizione lavorativa (percorso di inserimento lavorativo). I contratti part-time del personale non socio rispondono principalmente alle necessità organizzative della struttura e in parte sono determinati dalla particolare condizione del lavoratore/ice. SOCI TREND E TIPOL. CONTRATTI TEMPO PIENO/PART-TIME/COLLABORATORI mamme Tempo Pieno Part-time Collaboratori lavoratori svantaggiati % TOT. 2 4% TOT. 2 5% 45% 35% TOT. 2 6% 5% 5% 5% LIVELLO CONTRATTUALE anno Livello A (ex 1 e 2 ) Livello B (ex 3 ) Livello C (ex 4 e 5 ) Livello D (ex 6 ) Livello E (ex 7 e 8 ) Livello F (ex 9 e 1 ) Collaboratori TOT 2 Bilancio Sociale 213

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014

La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi. Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 La figura del socio lavoratore nella cooperazione di servizi Bellacoopia Impresa University Reggio Emilia, 10 febbraio 2014 1 CHI SIAMO Coopservice nasce nel 1991 dalla fusione di due cooperative reggiane

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

FARE LAVORO OGGI politiche territoriali e opportunità per i cittadini

FARE LAVORO OGGI politiche territoriali e opportunità per i cittadini Distretto Sociale Sud Est Milano Carpiano Cerro al Lambro Colturano Dresano Melegnano San Donato Milanese San Giuliano Milanese San Zenone al Lambro Vizzolo Predabissi LUNEDI 13 GIUGNO 2011 CASTELLO VISCONTEO

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

Convenzione. Pagina 1 di 9

Convenzione. Pagina 1 di 9 . AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO EST MILANO Convenzione Pagina 1 di 9 I Comuni elencati nella tabella 1 allegata al presente atto e la Provincia di Milano - premesso che gli Enti

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276)

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276) CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO DI LAVORATORI DISABILI DEBOLI tra la Provincia di Savona e le Associazioni Datoriali, Sindacali e Cooperative della provincia di Savona (sperimentazione dell art. 14

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO SUD MILANO

AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO SUD MILANO AGENZIA N PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO SUD MILANO Convenzione 1 I Comuni elencati nella tabella 1 allegata al presente atto e la Provincia di Milano - premesso che gli Enti di cui sopra

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

STATUTO EDIZIONE 2014/2015

STATUTO EDIZIONE 2014/2015 STATUTO EDIZIONE 2014/2015 6 Lo statuto è la legge della coo perativa e rappresenta una sorta di contratto tra la cooperativa e i propri soci perché enuncia in modo dettagliato le regole cui deve attenersi

Dettagli

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. Cooperativa è... COOPERATIVA è... Art. 45 della Costituzione Italiana La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013

L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013 L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013 LE CAMERE DI COMMERCIO INVITANO LE IMPRESE A PARTECIPARE ALLA SELEZIONE DELLE MIGLIORI BUONE PRASSI AZIENDALI PER LA RESPONSABILITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI EMBLEMATICHE DELLA FONDAZIONE CARIPLO 1. Finalità degli interventi emblematici 2 2. Ammontare delle assegnazioni e soggetti destinatari 2 3. Aree filantropiche di pertinenza

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI i.so.di. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Progetto integrazione sociale disabili i.so.di. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL

RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA (F.1.J) 1 1. Definizioni Le definizioni che seguono vanno così interpretate: Sistema Nazionale Borghi Autentici:

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea La cooperazione sociale in Italia Brevi spunti per farsi venire qualche idea Le coop sociali queste sconosciute 1. Quali e quante sono (3-4) 2. La cooperativa in quanto tale (5-11) 3. Che cosa prevede

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Il fabbisogno di coordinamento

Il fabbisogno di coordinamento Network dei servizi sociali - Cergas Irs AZIENDE SOCIALI: ESPERIENZE A CONFRONTO 9 marzo 2010 Il fabbisogno di coordinamento ELENA MERONI DARIO A. COLOMBO Ne.A.S.S. nasce. 2007 Da un primo convegno di

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

INSERIMENTO LAVORATIVO PROFESSIONALIZZAZIONE DESCRIZIONE DELL UNITA DI OFFERTA E MODALITA DI RAPPORTO CON GLI OPERATORI DI RETE

INSERIMENTO LAVORATIVO PROFESSIONALIZZAZIONE DESCRIZIONE DELL UNITA DI OFFERTA E MODALITA DI RAPPORTO CON GLI OPERATORI DI RETE CIDIESSE COOPERATIVA SOCIALE R.L. INSERIMENTO LAVORATIVO PROFESSIONALIZZAZIONE DESCRIZIONE DELL UNITA DI OFFERTA E MODALITA DI RAPPORTO CON GLI OPERATORI DI RETE CARATTERISTICHE DELL AZIENDA La CIDIESSE

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA

IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA IL CONTRATTO DI RETE - BREVI CENNI LA RETE DI IMPRESE: CARATTERISTICHE E OPPORTUNITA 1 IL CONTRATTO DI RETE NORMATIVA E PRASSI Articolo 3, commi 4-ter e 4-quater D.L. 10 febbraio 2009 n. 5 (convertito

Dettagli

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale

Regolamento Comunale. per l istituzione e la tenuta del registro Comunale. delle Associazioni di promozione sociale Regolamento Comunale per l istituzione e la tenuta del registro Comunale delle Associazioni di promozione sociale Deliberazione C.C. n. Premessa e definizioni Il presente regolamento attua il Comma 2 dell

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino

ALLEGATO. SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino ALLEGATO SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO c.so Inghilterra 7, 10138 Torino MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE DEL FONDO REGIONALE DISABILI ULTERIORMENTE ASSEGNATE AL PIANO PROVINCIALE FRD 2008-10 CON LA

Dettagli

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

IL SEGNO SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE IL SEGNO PIANO STRATEGICO 2009-2012 INDICE Premessa 1) BASE SOCIALE Partecipazione Capitalizzazione 2) SEDE 3) BILANCIO SOCIALE 4) COMUNICAZIONE 5) SOSTENIBILITA E SVILUPPO PIANO STRATEGICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010

PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 PROVINCIA DI LECCO Allegato alla deliberazione della Giunta Provinciale n. 42 del 07.06.2010 All.2 Schema di Convenzione tra la Provincia di Lecco e l'azienda Sanitaria Locale di Lecco per la regolazione

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DELLA COOPERAZIONE SOCIALE Comune di Pistoia Assessorato alle Politiche Sociali Piazza S. Lorenzo n.3, PT le organizzazioni sindacali CGIL Via Puccini

Dettagli

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE Premessa Nell aderire ad un Consorzio, fondamentale appare l investimento in fiducia che i partecipanti devono mettere in campo. Ciò comporta naturalmente un assunzione di rischio, nella misura in cui

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

O.N.L.U.S CHE COSA SIGNIFICA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE. Le ONULS sono Enti di carattere privato

O.N.L.U.S CHE COSA SIGNIFICA ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVE DI UTILITA SOCIALE. Le ONULS sono Enti di carattere privato O.N.L.U.S WELFARE STATE Lo Stato Italiano da molto tempo delega alle ONLUS alcune funzioni, alcuni settori, alcuni ambiti che dovrebbero essere svolte dalle strutture statali. In sostanza ritiene che in

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli