ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna Stampa. 23 giugno Responsabile: Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna Stampa. 23 giugno 2014. Responsabile: Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 email: claudio.rao@oua."

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna Stampa 23 giugno 2014 Responsabile: Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 4 AVVOCATI: L Oua apre alle società multidisciplinari (Italia Oggi) Pag. 5 AVVOCATI: L'Oua dice sì alle multidisciplinari (Il Sole 24 Ore) Pag. 6 AVVOCATI: Avvocati senza Cassa in stand by (Italia Oggi) Pag. 7 AVVOCATI: Scuole legali, Cnf approva il regolamento ad hoc (Italia Oggi) Pag. 8 GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: Tribunali minori, grandi speranze (Il Tempo Abruzzo) Pag.10 GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: Chiusura uffici giudiziari, Oua: nessun risparmio e mancato monitoraggio (Altalex) Pag.12 GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: Uffici giudiziari soppressi, uno spiraglio dalla legge di stabilità (Il Corriere di Latina) Pag.13 GEOGRAFIA GIUDIZIARIA: Il tribunale di Sala Consilina potrebbe essere accorpato a quello di Vallo della Lucania (Il Giornale del Cilento) Pag.14 PROCESSO CIVILE: Giustizia, si lavora sul processo civile. Stop alle correnti della magistratura (Il Messaggero) Pag.16 PROCESSO CIVILE: Il pianeta giustizia civile (Il Messaggero) Pag.17 PROCESSO TELEMATICO: Notifica Pec all'avvocato hi-tech (Italia Oggi Sette) Pag.19 PROCESSO TELEMATICO: Rito telematico, carta da salvare (Il Sole 24 Ore) Pag.21 PROCESSO TELEMATICO: Il cancelliere amico? Sarà solo un ricordo di Lorenza Morello, Morello Consulting (Italia Oggi) Pag.22 RIFORMA GIUSTIZIA: Presto un decreto sui riti alternativi (Il Giornale) Pag.23 TEMPI PROCESSI: Le cause durano trent anni ma i giudici non pagano mai (Il Giornale) Pag.24 RIFORMA P.A.: Braccio di ferro su toghe militari, cambia ancora la riforma della Pa (Il Sole 24 Ore) Pag.25 RIFORMA P.A.: Avvocati contro il taglio ai Tar (Il Sole 24 Ore) Pag.26 RIFORMA P.A.: È polemica sui Tar da chiudere (Italia Oggi) Pag.27 RIFORMA P.A.: Il finto risparmio della chiusura dei Tar (Mondoprofessionisti) Pag.28 PROFESSIONI: Professionisti, Pos (quasi) obbligatorio (Il Corriere della Sera) Pag.29 PROFESSIONI: Professionisti, dieci verifiche per Unico (Il Sole 24 Ore) Pag.31 PROFESSIONI: Partite Iva, tariffe su misura (Italia Oggi Sette) Pag.32 PROFESSIONI: Professionisti, trasferte leggere (Italia Oggi) Pag.33 PROFESSIONI: Equiparate fiscalmente alle associazioni (Il Sole 24 Ore) Pag.34 PREVIDENZA: Volontaria, ma quanto mi costi Il 30 giugno la prima scadenza (Italia Oggi) Pag.36 CARCERI: Carceri sovraffollate: sconti e risarcimenti per detenuti ed ex (Il Giornale) Pag.37 CARCERI: Uno sconto ai detenuti (Italia Oggi) Pag.39 CARCERI: Celle sovraffollate, via ai risarcimenti (Il Sole 24 Ore) Pag.40 CARCERI: Carceri, scoppia lo scandalo appalti (Il Messaggero) Pag.41 CARCERI: Carceri, lavori e favori. La procura punta al Dap (Il Tempo) Pag.42 MEDIAZIONE: Giustizia, c'è Medilapet (Italia Oggi) Pag.44 MEDIAZIONE: La conciliazione predilige il settore tlc (Italia Oggi Sette) Pag.45 L INTERVISTA: Spigarelli: Basta con la giustizia-spettacolo, spesso poi arrivano le assoluzioni (Il Messaggero) Pag.46 L INTERVENTO/1: Detenuti da risarcire, il caos dei ricorsi di Luigi Ferrarella (Il Corriere della Sera) 2

3 Pag.47 L INTERVENTO/2: La sanità insegna alla giustizia di Andrea Fosfuri e Greta Nasi (Il Sole 24 Ore) Pag.48 L INTERVENTO/3: Alla Corte non passa la formazione lacunosa dei giudici di Enrico De Mita (Il Sole 24 Ore) Pag.49 LA LETTERA: Avvocati pubblici e meritocrazia (Il Corriere della Sera) Pag.50 FISCO: Sul 730 a domicilio il nodo responsabilità (Il Sole 24 Ore) Pag.51 FISCO: Riforma del Catasto, rischio caro tasse (Il Sole 24 Ore) Pag.52 FISCO: Riforma del Catasto, primo passo (Il Sole 24 Ore) Pag.53 FISCO: Successioni più semplici sotto 100 mila (Italia Oggi) Pag.54 UNIVERSITA : Qualità degli atenei, Verona e Trento al top (Il Sole 24 Ore) Pag.56 FAMIGLIA: Diritto di famiglia, riforma-puzzle (Il Sole 24 Ore) Pag.58 FECONDAZIONE: Il giudice: Trovare ovunque un medico per Stamina (Il Corriere della Sera) Pag.60 CONDOMINIO: Fondo speciale senza intoppi (Italia Oggi Sette) Pag.62 CONDOMINIO: La procedura da seguire (Italia Oggi Sette) Pag.63 EUROPA: Precedenti Italia indietro (Italia Oggi Sette) Pag.64 EUROPA: Cepej, l'italia è latitante (Italia Oggi Sette) Pag.65 CONSIGLIO DI STATO: Il diritto di accesso esclude documenti «equipollenti» (Il Sole 24 Ore) Pag.66 SENTENZE: Domande riconvenzionali senza vincolo di mediazione (Il Sole 24 Ore) Pag.67 SENTENZE: Denuncia dei difetti della casa, termine dalla piena conoscenza (Il Sole 24 Ore) Pag.68 SENTENZE: Vittima, ma con concorso di colpa (Il Sole 24 Ore) Pag.69 CASSAZIONE: L'avvocato deve saper aspettare (Italia Oggi Sette Pag.70 CASSAZIONE: Dal gratuito patrocinio sorgono diritti patrimoniali (Italia Oggi Sette) Pag.71 CASSAZIONE: Legale del collegio pagato come arbitro (Italia Oggi Sette) 3

4 4

5 IL SOLE 24 ORE SOCIETÀ TRA AVVOCATI L'Oua dice sì alle multidisciplinari La necessità di fronteggiare la crisi porta l'organismo unitario dell'avvocatura ad auspicare un esercizio della professione in forma aggregata. L'avvocatura dice sì anche alle società multidisciplinari, a patto che sia garantita l'autonomia e l'indipendenza dei legali. 5

6 ITALIA OGGI Dal comitato dei delegati dell'ente via libera alle correzioni che interessano oltre 50 mila legali Avvocati senza Cassa in stand by Iscrizione d'ufficio dopo l'ok ministeriale al regolamento Sab Per gli avvocati con redditi inferiori ai euro (circa 50 mila soggetti), fino ad oggi privi di copertura previdenziale di categoria, l'iscrizione d'ufficio a Cassa forense scatterà il giorno successivo alla pubblicazione dell'apposito regolamento (ex articolo 21 della legge 247/2012) sulla Gazzetta Ufficiale. E non dal due febbraio 2013, come inizialmente previsto dall'istituto pensionistico. Anche se, su base volontaria, c'è la possibilità di recuperare la contribuzione E' questa la modifica più importante, sulla scorta delle indicazioni del ministero del lavoro del 5 giugno 2014, approvata dal comitato dei delegati che ieri si è riunito proprio per correggere la nuova disciplina proposta e in prima battuta non approvata dai ministeri vigilanti. «Resta, invece, integralmente confermato», spiega il presidente Nunzio Luciano, «l'impianto generale del regolamento». Luciano ricorda «le agevolazioni previste (sconto del 50%) in materia di contributi minimi dovuti e di modalità di pagamento degli stessi, per i primi anni di iscrizione alla Cassa; il procedimento di iscrizione d'ufficio alla Cassa, con delibera della giunta esecutiva, a seguito di comunicazione di avvenuta iscrizione all'albo da parte del Consiglio dell'ordine; lo specifico regime transitorio previsto per gli avvocati che, all'entrata in vigore del regolamento, non sono ancora iscritti alla Cassa». Il nuovo testo sarà ora trasmesso ai ministeri vigilanti per la conclusione dell'iter di approvazione che, a questo punto, auspicano i vertici dell'ente «sia particolarmente rapido». La lettera ministeriale. Sistemata la questione della decorrenza, tuttavia, restano aperti un paio di fronti. Poiché il contributo minimo scontato, con la possibilità di integrare i propri versamenti nell'arco dei primi otto anni di iscrizione alla Cassa anche per chi non è più giovanissimo, non solo non risolve la questione dell'adeguatezza delle future pensioni ma lascia aperto il fronte della sostenibilità dell'ente. Il ministero mette bene in evidenza questi aspetti quando scrive sulla sua missiva del 5 giugno che «in considerazione degli elementi di forte indeterminatezza sottostanti le ipotesi attuariali connesse all'intensità del turnover di categoria la direzione generale invita la Cassa a prevedere all'interno del regolamento forme di eventuale revisione della soglia reddituale nonché delle agevolazioni decorso un anno dall'entrata in vigore. C'è una nuova realtà della professione», scrive il ministero, «fatta anche di difficoltà lavorative, che alla lunga non possono non riflettersi sui flussi contributivi». Le modalità di iscrizione. Entrato in vigore il regolamento, dell'avvenuta iscrizione d'ufficio alla Cassa sarà data immediata comunicazione al professionista, unitamente all'indicazione dei termini per avvalersi dei benefici riconosciuti dal regolamento. L'iscrizione obbligatoria riguarda anche gli iscritti agli albi forensi che siano contemporaneamente iscritti in altri albi professionali. Tuttavia, essi saranno tenuti al versamento dei contributi soggettivi e integrativi solo sulla parte di reddito e di volume d'affari relativi alla professione di avvocato, fermo in ogni caso l'obbligo a corrispondere i contributi minimi. Non solo. Il nuovo obbligo riguarda anche gli iscritti agli albi forensi che svolgano funzioni di giudici di pace, di giudice onorari di Tribunale e di sostituto procuratore onorario di udienza. In tal caso, i contributi soggettivi e integrativi saranno calcolati anche sulle indennità derivanti da tale incarico con modalità e termini stabiliti dal Consiglio di amministrazione, fermo in ogni caso l'obbligo a corrispondere i contributi minimi. Ignazio Marino 6

7 ITALIA OGGI Scuole legali, Cnf approva il regolamento ad hoc Sab Una rete di Scuole forensi su tutto il territorio nazionale per garantire agli avvocati la fruizione di una formazione di qualità per tutto l'arco della professione. Il Consiglio nazionale forense ha, infatti, approvato il regolamento che istituisce e organizza le Scuole forensi che, in attuazione del nuovo ordinamento professionale forense, cureranno la formazione degli aspiranti avvocati per l'accesso alla professione e le altre attività di formazione, finalizzate alla formazione continua e alla specializzazione. La nuova disciplina interessa circa 75 Scuole forensi già attive sul territorio e si propone di realizzarne una disciplina unitaria per promuovere una uniformità di condizioni del funzionamento, a partire dall'omogeneità di giudizi, dalle condizioni di accesso e qualità dell'offerta formativa, sulla base di indirizzi fissati dal Cnf anche per il tramite della Scuola superiore dell'avvocatura. Una uniformità sul territorio che è emersa come necessaria anche nella ultima Conferenza nazionale delle Scuole. Queste ultime, nella nuova articolazione, andranno istituite presso i Consigli dell'ordine, che potranno consorziarsi tra di loro, con le Università o promuovere all'uopo Fondazioni e Associazioni. Al loro finanziamento, adeguato allo scopo, provvederà il Consiglio dell'ordine che tuttavia potrà anche stipulare convenzioni con enti pubblici o altri soggetti previsti dalla legge per il finanziamento. Il regolamento promuove anche la possibilità di bandire borse di studio per i più meritevoli. Ed è prevista la modalità e-learning. Grande attenzione, inoltre, è posta alla qualità dell'offerta formativa, che deve rappresentare l'«eccellenza» delle Scuole: sono previsti criteri rigorosi di selezione dei docenti, selezionati tra avvocati, docenti universitari, magistrati, professionalità qualificate funzionali alla formazione professionale forense, tra i quali l'esperienza maturata come formatori e la partecipazione-a loro volta- a corsi di formazione per formatori anche organizzati dalla scuola superiore dell'avvocatura. 7

8 8

9 9

10 ALTALEX Chiusura uffici giudiziari, Oua: nessun risparmio e mancato monitoraggio GIUSTIZIA, IL MONITORAGGIO CHE NON C È SULLE CONSEGUENZE DELLA CHIUSURA DI MILLE UFFICI GIUDIZIARI... E I RISPARMI CHE NON SI VEDONO OUA: SULLA GEOGRAFIA GIUDIZIARIA LA COMMISSIONE MINISTERIALE STILA UN DOCUMENTO DI PROPAGANDA. NESSUN DATO, MOLTE INCONGRUENZE E UNA GRAVE AMMISSIONE: L'OBIETTIVO DELLA RIFORMA NON SONO I RISPARMI NICOLA MARINO, PRESIDENTE OUA: «Sembra una difesa d ufficio o un libro dei sogni : il documento redatto dalla Commissione di monitoraggio ministeriale non solo non convince ma omette le criticità e quindi impedisce di intervenire per risolvere costruttivamente i problemi emersi sul territorio. Non solo: ammette che la ragione della chiusura di sezioni distaccate e tribunali non era il risparmio di risorse, come propagandato allora e come recepito dalla stessa Corte Costituzionale nella motivazione che ha portato a respingere il ricorso di incostituzionalità. Questa relazione, purtroppo, è in controtendenza con l atteggiamento fin qui mostrato dal Ministro Orlando in altri ambiti. Chiediamo il suo intervento: serve una verifica reale sul campo con il coinvolgimento dell avvocatura L'Organismo Unitario dell Avvocatura-OUA, dopo un'attenta valutazione della propria Commissione interna di settore, coordinata da Marcello Luparella, esprime un giudizio fortemente critico sulla relazione redatta dalla Commissione Ministeriale incaricata di monitorare lo stato di attuazione della riforma della geografia giudiziaria. Ci si aspettava una analisi obiettiva, completa e realistica dello stato dell'arte - denuncia l'oua - ci si è trovati invece di fronte ad una specie di difesa d'ufficio dell'operato dei "burocrati" del Ministero, animata più dalla preoccupazione di controbattere "a prescindere" alle mille critiche sollevate da COA, enti locali, comitati cittadini e rappresentanti politici, che dall'intento di verificare realmente la sussistenza delle criticità sollevate. Per l'oua l'indagine "brilla" soprattutto per genericità ed incompletezza, si riferisce solo a una parte delle sedi interessate, non riporta un solo dato numerico o statistico, espone tesi apodittiche e indimostrate. In compenso, e a conferma di quanto si evidenzia da anni: viene definitivamente confermato che l'obiettivo della riforma non è il risparmio (e ciò in piena contraddizione con quanto affermato dalla Consulta per sostenerne la legittimità); si ammette l'insostenibile aumento dei costi di notifiche e pignoramenti, senza indicare alcuna soluzione (il vero problema sono infatti i pignoramenti, rispetto ai quali non inciderà minimamente la notifica telematica invocata dalla relazione); 10

11 si ammette che la drammatica situazione di sottodimensionamento degli organici è idonea a determinare a breve il collasso del sistema; si conferma la volontà politica di sacrificare la giustizia di prossimità, e le zone più disagiate e problematiche, in nome di un'efficienza in realtà inesistente; si ammette che i criteri dettati dalla legge delega non sono stati rispettati. Per l'oua in definitiva il quadro tracciato dalla Commissione e le conclusioni cui essa perviene, non corrispondono minimamente alla situazione disastrosa che gli avvocati e i cittadini sono costretti a sopportare quotidianamente in tutta Italia e che da tempo viene denunciata dalle Commissioni Giustizia parlamentari, in particolare quella del Senato. Per questa ragione, quindi, il presidente dell'oua, Nicola Marino, chiede che il Ministro, nell'ottica di rinnovata collaborazione che sta caratterizzando in questa fase i rapporti con l'avvocatura, intervenga personalmente e disponga un monitoraggio dello stato della riforma più esaustivo e statisticamente più completo. E che voglia, altresì, nell'immediato ascoltare ufficialmente il parere e le ragioni delle rappresentanze nazionali forensi, immotivatamente escluse dai lavori della Commissione. 11

12 IL CORRIERE DI LATINA Uffici giudiziari soppressi, uno spiraglio dalla legge di stabilità Il Ministro della giustizia dispone che gli immobili delle sezioni distaccate soppresse possono essere riutilizzate, a spese della Regione, per l esercizio di funzioni giudiziarie. Il caso di Terracina Gli avvocati scrivono al presidente del tribunale che "Giacché la disposizione appare di sicuro interesse, sia per le esigenze territoriali che per quelle proprie del tribunale di Latina, si chiede che voglia organizzare un incontro sul tema, così da assumere concordi iniziative al riguardo". Nella tormentata vicenda della riforma delle circoscrizioni giudiziarie con la soppressione delle sedi distaccate dei tribunali di Gaeta (già avvenuta) e di Terracina (che avverrà a settembre 2015) si apre uno spiraglio. La legge di stabilità prevede di fatto la possibilità di reintrodurre, per lo svolgimento dei carichi di lavoro pendenti, le sezioni distaccate recentemente soppresse. IL COMMA BIS APRE AL RIUTILIZZO DELLE SEDI. In effetti l articolo 8 del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 155, che dettava la disciplina dell'uso temporaneo degli edifici in cui sedevano gli uffici giudiziari soppressi, è stato integrato: «dopo il comma 4 è aggiunto il seguente 4-bis. In via sperimentale il Ministro della giustizia può disporre, nell ambito di apposite convenzioni stipulate con le regioni e le province autonome, che vengano utilizzati, per il tempo necessario, gli immobili adibiti a servizio degli uffici giudiziari periferici e delle sezioni distaccate soppressi per l esercizio di funzioni giudiziarie nelle relative sedi. SPESE A CARICO DELLA REGIONE. Un principio che permetterebbe di reimpiegare i 'tribunali' ed alleggerire la struttura di piazza Buozzi, oberata dalla ben note pendenze e dalla situazione esplosiva di Gaeta con quasi ottomila fascicoli in stand by da quasi un anno: l'opportunità non è sfuggito all'ordine degli avvocati di Latina che su questo tema hanno scritto al presidente facente funzioni del tribunale Giuseppe D'Auria e al sindaco di Terracina Nicola Procaccini. La norma prevede anche che le spese di gestione e manutenzione degli immobili e di retribuzione del personale di servizio oggetto delle convenzioni sarebbero integralmente a carico del bilancio della Regione. Gli avvocati scrivono che "Giacché la disposizione appare di sicuro interesse, sia per le esigenze territoriali che per quelle proprie del tribunale di Latina, si chiede che il presidente del tribunale voglia organizzare un incontro sul tema, così da assumere concordi iniziative al riguardo". ARRETRATI IN SOSPESO E UNA STRUTTURA IN SOFFERENZA. Nello specifico Terracina aveva già ottenuto una proroga di due anni rispetto alla direttiva ufficiale che era scattata il 13 settembre 2013 con il taglio di 947 uffici giudiziari, 30 tribunali, 30 procure, 220 sezioni distaccate e 667 sedi di giudice di pace. Ora questo comma potrebbe riaprire la strada per una ulteriore proroga rispetto a una situazione che così come si profila risulterebbe critica per la giustizia pontina: mentre gli arretrati di Gaeta sono ancora in sospeso con ottomila cause, tra civile e penale, ferme, incombono proprio quelli di Terracina che da settembre 2015 dovrebbero ricadere sul tribunale pontino già in conclamata sofferenza. Ma le condizioni per limitare i danni ci sarebbero, bisognerà vedere come verranno sfruttate. Marianna Vicinanza 12

13 IL GIORNALE DEL CILENTO Il tribunale di Sala Consilina potrebbe essere accorpato a quello di Vallo della Lucania 21 giugno :28 Dopo il riordino dei tribunali in base alla nuova legge sulla geografia dei territori, il palazzo di giustizia salese è stato soppresso e i plichi sono stati trasportati al tribunale di Lagonegro, in Basilicata. A nulla sono valse le proteste degli avvocati del foro valdianese. Di qualche giorno fa, invece, la visita del ministro alla Giustizia Andrea Orlando a Salerno. L uomo della giunta Renzi ha scambiato qualche battuta con il sindaco Vincenzo De Luca. Battute che - a detta dei grillini provinciali - «sono solo demagogie». Intanto spunta una nuova ipotesi. Il tribunale di Sala Consilina potrebbe essere accorpato a quello di Vallo della Lucania. Cosa questa che sarebbe una vera beffa perchè penalizzerebbe ancora di più avvocati, professionisti e cittadini visto che raggiungere Vallo della Lucania da Sala Consilina è praticamente un impresa a causa dell'assenza di collegamenti stradali decenti. Il tutto è emerso dalla relazione finale sulla nuova geografia giudiziaria, redatta dal gruppo di lavoro e monitoraggio della ella riforma del ministero Orlando. Tra le pagine del documento si legge anche il nome del tribunale di Sala Consilina e chi ha stilato i fogli scrive testualmente: «Nel corso dell audizione è stato chiesto il ripristino del tribunale soppresso con l annessione al circondario del tribunale di Vallo della Lucania». Tutte ipotesi al momento. Luigi Martino 13

14 14

15 15

16 16

17 ITALIA OGGI SETTE VERSO IL PROCESSO TELEMATICO/4 Semplificazione per alcuni adempimenti Notifica Pec all'avvocato hi-tech Nell'oggetto del messaggio rinvio alla legge 53/1994 Lun Notifiche Pec per l'avvocato telematico. Ma attenzione alle formalità da osservare: ci vuole una relazione di notificazione specifica e l'oggetto del messaggio di posta elettronica deve contenere un rinvio alla legge 53/1994. Vediamo come muoversi per utilizzare un sistema, che viene incentivato con la semplificazione di alcuni adempimenti. Le notifiche eseguite a mezzo Pec, infatti, non devono essere annotate nel registro in uso all'avvocato per le notifiche in proprio. Le nuove norme sulla facoltà per gli avvocati di procedere alle notificazioni in proprio a mezzo Pec sono efficaci dal 24 maggio 2013 e si possono notificare in proprio atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale. Dopo avere predisposto l'atto da notificare (meglio se in formato pdf) e la relativa procura, bisogna preparare la relazione di notificazione. Si tratta di un separato documento, da sottoscrivere con la firma digitale e da allegare al messaggio di posta elettronica certificata. La relazione deve contenere: il nome, cognome ed il codice fiscale dell'avvocato notificante; gli estremi del provvedimento autorizzativo del consiglio dell'ordine nel cui albo è iscritto; il nome e cognome o la denominazione e ragione sociale ed il codice fiscale della parte che ha conferito la procura alle liti; il nome e cognome o la denominazione e ragione sociale del destinatario; l'indirizzo di posta elettronica certificata a cui l'atto viene notificato; l'indicazione dell'elenco da cui il predetto indirizzo è stato estratto; l'attestazione di conformità del documento informatico estratto rispetto all'atto formato su supporto analogico. Per le notificazioni effettuate in corso di procedimento deve, inoltre, essere indicato l'ufficio giudiziario, la sezione, il numero e l'anno di ruolo. La notificazione con modalità telematica si deve esegue a mezzo di posta elettronica certificata all'indirizzo risultante da pubblici elenchi e può essere eseguita esclusivamente utilizzando un indirizzo di posta elettronica certificata del notificante risultante da pubblici elenchi. Il messaggio di Pec con cui si invia la notificazione deve indicare nell'oggetto la dizione: «notificazione ai sensi della legge n. 53 del Bisogna assicurarsi, poi, di avere scelto dal sistema di posta elettronica il tipo di ricevuta «completa», richiesta per la validità della notificazione. La procedura di invio di un messaggio Pec comporta la ricezione di due messaggi di conferma: 1) la ricevuta di accettazione, inviata dal proprio gestore Pec; 2) la ricevuta di avvenuta consegna, inviata dal gestore Pec del destinatario. 17

18 Si ha la sicurezza che la notificazione sia andata a buon fine con il recapito nella casella Pec del mittente sia della ricevuta di accettazione che della ricevuta di avvenuta consegna. Peraltro, se qualcosa va storto, il mittente si vedrà recapitare entro 24 ore un avviso di mancata consegna con l'indicazione dei motivi del mancato buon fine dell'invio del messaggio. Il messaggio di avvenuta consegna quindi è la prova del perfezionamento della notifica e riporta tutte le indicazioni relative al momento esatto in cui la notifica si è perfezionata. La prova della regolarità della notificazione è data dai file informatici del messaggio inviato, della ricevuta di accettazione e della ricevuta di avvenuta consegna. In un futuro prossimo, il supporto per la prova della notificazione sarà costituito dal supporto di memorizzazione su cui si saranno salvati i file nel formato proposto dal client di posta utilizzato o dalla webmail. I file non devono essere salvati in formato.txt, pena perdita delle proprietà del file. Nell'attesa si possono stampare i file su carta e quindi stampando il messaggio di Pec di invio della notificazione; tutti gli allegati; la ricevuta di accettazione; la ricevuta di avvenuta consegna. Per ciascun documento dovrà essere attesta la conformità degli atti ai documenti informatici da cui sono tratti. Su ogni documenti cartaceo di deve apporre una dichiarazione, che può essere formulata così: «Ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli artt. 9 comma 1-bis e 6 comma 1della legge 53/94 così come modificata dalla lettera d) del comma 1 dell'art. 16-quater, dl 18 ottobre 2012, n. 179, aggiunto dal comma 19 dell'art. 1, legge 24 dicembre 2012, n. 228 e dell'art. 23 comma 1 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e ss.mm. si attesta la conformità della presente copia cartacea all'originale telematico da cui è stata estratta [indicazione del nome e firma dell'avvocato]». L'avvocato che certifica la conformità all'originale è pubblico ufficiale, responsabile penalmente per le false dichiarazioni. Antonio Ciccia 18

19 IL SOLE 24 ORE Rito telematico, carta da salvare Processo digitale. Il Csm sottolinea l'opportunità del «doppio binario» MILANO. Sab Per ora non è «concepibile» il superamento del fascicolo cartaceo. E poi serve un aggiornamento di scanner e Pc portatili, come pure una diffusione e obbligatorietà omogenea dei depositi telematici. E, ancora, vanno rafforzate la formazione di magistrati e personale amministrativo e l'assistenza tecnica sul campo per evitare blocchi del sistema e intralci all'attività giudiziaria. Il Csm tira le fila dell'indagine (si veda il Sole 24 Ore di lunedì scorso) compiuta sul territorio, con i responsabili degli uffici giudiziari, e, in una risoluzione del 12 giugno, fa il punto della situazione alla vigilia della scadenza del 30 giugno per l'entrata in vigore del processo telematico e mentre si attende ancora la versione finale del decreto legge con le misure del ministero della Giustizia per un debutto dilazionato. Il Consiglio prende una posizione "forte", oltre che sull'opportunità, anche sulla legittimità della sopravvivenza del doppio binario (carta e digitale) per la tenuta del fascicolo. La modalità tradizionale non è in alcun modo cancellata dal momento che, spiega il Consiglio, non è prevista l'obbligatorietà della via telematica per gli atti introduttivi (con l'eccezione del processo monitorio), le comparse di costituzione e i provvedimenti del giudice. Inoltre, lo stesso giudice può sempre ordinare il deposito cartaceo di atti e documenti. Per queste ragioni, il Csm conclude che, allo stato e malgrado le opinioni di alcuni interpreti che ritengono invece che, con l'entrata in vigore delle regole tecniche previste dall'articolo 4 del decreto legge n. 193 del 2009, sia stato soppresso anche l'obbligo di tenuta del fascicolo cartaceo, «non sussiste alcuno specifico divieto di conservazione del fascicolo d'ufficio in forma cartacea». Perciò rimane la possibilità di esaminare su carta gli atti e i documenti arrivati telematicamente «a prescindere dall'utilizzo di strumenti informatici e anche nell'ipotesi in cui i sistemi a presidio del Pct siano inattivi o inefficienti». La risoluzione sottolinea ancora come la necessità di garantire (almeno se richiesta) la possibilità di disporre di una copia cartacea completa del fascicolo d'ufficio (oppure degli atti o dei documenti che il giudice espressamente richiede di poter esaminare su carta) non contrasta con l'efficienza del sistema: non pregiudica infatti il deposito telematico e favorisce il superamento delle resistenze legittimamente fondate sul rischio di perdita di qualità nel lavoro dei giudici e di inefficienze dovute al necessario utilizzo delle infrastrutture telematiche. In questa prospettiva allora bisognerà assicurare non solo la digitalizzazione di quanto è stato acquisito su carta, ma anche la riproduzione cartacea di quanto è stato prodotto in via telematica. Di qui la richiesta del Consiglio di assicurare anche la capacità di stampa degli uffici con la fornitura di stampanti veloci, carta e toner. E, sempre sul versante delle disponibilità di risorse materiali, la risoluzione mette in evidenza come il ministero dovrebbe intervenire per soddisfare in particolare queste esigenze: - approvvigionamento specialmente di scanner e di pc portatili (per i quali il monitoraggio ha fatto emergere un fabbisogno del 78% in più per gli scanner e di circa il 53% in più per i portatili) in tempi compatibili con l'entrata in vigore dell'obbligatorietà; - diffusione e omogenea obbligatorietà dei depositi telematici per ridurre al minimo l'esigenza 19

20 di scansione degli atti da parte degli uffici (si rileva, infatti, che se, disponendo di idonee apparecchiature, il procedimento di stampa del fascicolo telematico non comporta un significativo aggravio di lavoro, al contrario la scansione degli atti appare essere operazione spesso complessa e laboriosa); - dotazione anche ai giudici onorari delle smart card; - individuazione di procedure per il rinnovo delle smart card che non prescindano dalla richiesta dell'utente; - immediata sostituzione delle credenziali di firma nel caso di smarrimento o malfunzionamento (anche attraverso l'adozione di supporti aggiuntivi possibilmente da remoto). Giovanni Negri 20

21 ITALIA OGGI SETTE La rivoluzione al via impone un nuovo atteggiamento intellettuale del legale Il cancelliere amico? Sarà solo un ricordo di Lorenza Morello, Morello Consulting lun Il Processo civile telematico, conosciuto secondo l'ormai noto acronimo «Pct», rappresenta una vera e propria rivoluzione nell'attuale sistema, in quanto consiste in un insieme di nuove regole atte a disciplinare le fasi del processo in maniera diversa e assolutamente nuova rispetto a quanto fin ad ora concepito dal codice di rito. Questa rivoluzione non può prescindere da un cambiamento di atteggiamento intellettuale del Professionista che dovrà eseguire la procedura. Chi ha frequentato, per professione o «avventura» le Cancellerie dei tribunali, è ben consapevole di quanta «italianità» si annidi dietro a queste procedure, le code, i ritardi, i rapporti con il cancelliere amico e quant'altro saranno solo un lontano ricordo, insomma. Tutto ciò dovrà fare i conti con l'obbligatorietà, dal prossimo 30 giugno 2014, dell'utilizzo della telematica per il deposito di tutti gli atti processuali, dall'atto introduttivo, ai documenti formanti il fascicolo, alle memorie e, insomma, a ogni atto che le parti vorranno far confluire nel fascicolo processuale. L' innovazione fonda le proprie radici normative nel dpr 13/2/2001 n. 123 che ha introdotto da oltre un decennio il processo civile telematico nel nostro ordinamento, ed il suo sviluppo nella normazione successiva, quale il dlgs 30/6/2003 n. 196 (c.d Codice della privacy), il dpr 11/2/2005 n. 68, il dlgs 7/3/2005 n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale), fino al più recente dl 29/12/2009 n. 193, il dm 21/2/2011 n. 44 (Regolamento concernente le regole tecniche per l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel processo civile e penale) successivamente modificato dal dm 15/12/2012, n. 209, fino alla legge di Stabilità n. 228/12 che, con l'art. 1, aggiunge al dl n. 179/12 (Decreto Crescita), l'art. 16-bis (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali). Il nuovo sistema apporta notevoli migliorie ai servizi giudiziari e la sua attuazione consentirà l'esecuzione di operazioni quali, oltre al deposito degli atti, la trasmissione delle notifiche e comunicazioni, la consultazione dello stato dei procedimenti, dei fascicoli e dei provvedimenti del giudice, col semplice uso della via telematica. 21

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Avv. Angelo Cugini www.iuslaw.it . La PEC è uno strumento che, al pari della posta elettronica ordinaria consente la trasmissione un documento informatico composto dal testo

Dettagli

Legge 21 gennaio 1994, n. 53

Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Legge 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali (1-2) (1) Il termine "procuratore legale" contenuto nella presente

Dettagli

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali.

LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. LEGGE 21 gennaio 1994, n. 53 Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali. Vigente al: 14-5-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Circolare N.14 del 29 Gennaio 2014

Circolare N.14 del 29 Gennaio 2014 Circolare N.14 del 29 Gennaio 2014 PEC. Verifiche, controlli e blocchi per società ed imprese individuali non in regola Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il Registro delle Imprese,

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

IL PROCESSO TELEMATICO DEL LAVORO. Avv. Daniela Muradore

IL PROCESSO TELEMATICO DEL LAVORO. Avv. Daniela Muradore IL PROCESSO TELEMATICO DEL LAVORO Avv. Daniela Muradore LA PEC D.l. n. 185/2008 convertito in Legge 28 gennaio 2009, n. 2 e successive modificazioni art. 16 comma 7 art. 16 comma 7-bis I professionisti

Dettagli

Guida alla lettura del D.M. 44/2011 (Regolamento PCT)

Guida alla lettura del D.M. 44/2011 (Regolamento PCT) Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 26.3.2015 La Nuova Procedura Civile, 1, 2015 Editrice Guida alla lettura del D.M. 44/2011 (Regolamento PCT)

Dettagli

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion

trasmesse anche successivamente alla scadenza del 9 marzo 2015, senza che la circostanza comporti l applicazione di sanzion Certificazione Unica - Chiarimenti da parte dell Agenzia delle Entrate, possibilità di esenzione per i redditi da prestazione sportiva dilettantistica inferiori 7.500 Come già comunicato in precedenza

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

Anno 2010 N. RF196. La Nuova Redazione Fiscale RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA

Anno 2010 N. RF196. La Nuova Redazione Fiscale RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF196 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO RIADDEBITO SPESE PROCESSUALI E RITENUTA RIFERIMENTI RM 106/2010; CM 203/1994; RM 106/2006; RM 91/1998

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO

PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO PROCESSO CIVILE TELEMATICO FALLIMENTARE E GIUDIZIARIO Firenze, 21 luglio 2014 Hotel Mediterraneo Eros Ceccherini La lunga strada del processo telematico D.LGS 7 MARZO 2005 N. 82 PRINCIPI PER L ADOZIONE

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA FIRMA DIGITALE

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA FIRMA DIGITALE CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Le normative vigenti impongono la conservazione di migliaia di documenti. Grazie alle regole tecniche del Cnipa (Centro Nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione)

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014 SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO Roma, 24 Luglio 2014 INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO A.G. n.99 Schema di decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Ufficio studi AS 1120 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità per il 2014) Disposizioni di interesse per la professione forense SCHEDA DI ANALISI * Art. 9, comma

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO IMPRESE DEGLI ATTI DI TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL A CURA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEI NOTAI

ISCRIZIONE AL REGISTRO IMPRESE DEGLI ATTI DI TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL A CURA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEI NOTAI ISCRIZIONE AL REGISTRO IMPRESE DEGLI ATTI DI TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL A CURA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEI NOTAI Ottobre 2008 1 Art. 36 comma 1-bis legge 133/2008 e suo coordinamento con le norme

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali

Documento. n. 31. Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Documento n. 31 Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali Luglio 2014 OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI PROCESSUALI OBBLIGATORIETÀ DEL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Gruppo Informatico di Presidenza

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Gruppo Informatico di Presidenza CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Gruppo Informatico di Presidenza Vademecum pratico operativo per l'attuazione del Protocollo sul Processo Civile Telematico sottoscritto dal Presidente del

Dettagli

SCHEMA RIEPILOGATIVO DELLE ATTESTAZIONI DI CONFORMITA NELLE NOTIFICHE E NEI DEPOSITI CON FORMULE

SCHEMA RIEPILOGATIVO DELLE ATTESTAZIONI DI CONFORMITA NELLE NOTIFICHE E NEI DEPOSITI CON FORMULE SCHEMA RIEPILOGATIVO DELLE ATTESTAZIONI DI CONFORMITA NELLE NOTIFICHE E NEI DEPOSITI CON FORMULE Avv. Mirco Minardi Foro di Ancona Aggiornato al 18/09/2015 In rete è possibile trovare molti schemi riepilogativi

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Art 16-bis D.L. 179/2012 come convertito in Legge "Salvo quanto previsto

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 2 dicembre 2009. Aggiornamento ed istituzione dei diritti di delle camere di commercio e relativa approvazione delle tabelle A e B. IL DIRETTORE GENERALE PER

Dettagli

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14 Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) Lentini, 24 ottobre 2014 Avv. Maurizio Reale Evoluzione normativa della L. 53/94 1) Legge 148/2011 2) Legge 17.12.2012 n. 221 3) DM 48/2013 Introduce

Dettagli

Processo AMMINISTRATIVO Telematico (P.A.T.) Avv. Andrea Pontecorvo

Processo AMMINISTRATIVO Telematico (P.A.T.) Avv. Andrea Pontecorvo Processo AMMINISTRATIVO Telematico (P.A.T.) Avv. Andrea Pontecorvo Trieste, addì 6 novembre 2015... Non si conosce, perché non ancora ancora pubblicate, il contenuto delle regole tecniche e delle specifiche

Dettagli

Si fa presente che la cancelleria non stamperà in nessun caso copia cartacea degli atti e dei documenti depositati

Si fa presente che la cancelleria non stamperà in nessun caso copia cartacea degli atti e dei documenti depositati TRIBUNALE CIVILE DI ROMA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA ISTRUZIONI OPERATIVE PER IL DEPOSITO TELEMATICO DEGLI ATTI DI PARTE DEL CONTENZIOSO ATTRAVERSO LA PIATTAFORMA DEL PROCESSO TELEMATICO Il Tribunale

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Aprile 2014. 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale. pag. 4 sommario

NOVITA LEGISLATIVE. Aprile 2014. 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale. pag. 4 sommario NOVITA LEGISLATIVE Aprile 2014 1. Obbligo di POS - proroga 2. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale 3. Sospensione ritenuta sui bonifici esteri 4. Locazioni abitative e contanti pag.

Dettagli

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione D.L. 7 febbraio 2002, n. 7 (1). Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale (2) (3) (4). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34. (2) Convertito in legge, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Procedura per attribuzione di incarichi di lavoro autonomo

Procedura per attribuzione di incarichi di lavoro autonomo Procedura per attribuzione di incarichi di lavoro autonomo Soggetti destinatari Il conferimento dell'incarico di prestazioni di lavoro autonomo di natura occasionale o coordinata e continuativa, ferma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali

Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati Sistema di Notifiche e Comunicazioni telematiche penali Lucia Marcon

Dettagli

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Carenza del personale presso gli uffici giudiziari e la diffusione degli invii telematici con il PCT La cronica carenza

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA Progetto di formazione sul Processo Telematico DECRETI INGIUNTIVI ESECUZIONI IMMOBILIARI ATTI ENDOPROCESSUALI Verona 29 aprile 2014 Il tempo scorre. Sostituire il testo

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Studio Legale Mondini

Studio Legale Mondini Studio Legale Mondini Via Stringher, 2-33100 Udine Tel. 0432 502287-506443 - Fax 0432 513224 e-mail studio.mondini@libero.it Avv. Vittorio Mondini Avv. Andrea Mondini Avv. Maria Luisa Mondini Udine, 28

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Le notifiche degli avvocati tramite PEC dopo il DL 90/14, la L. 114/14 e il DPCM 13.11.2014

Le notifiche degli avvocati tramite PEC dopo il DL 90/14, la L. 114/14 e il DPCM 13.11.2014 dopo il DL 90/14, la L. 114/14 e il DPCM 13.11.2014 AVV. MAURIZIO REALE (aggiornate al 22 marzo 2015) GRUPPO DI LAVORO DELLA F.I.I.F. FONDAZIONE ITALIANA PER L INNOVAZIONE FORENSE Evoluzione normativa

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

CIRCOLARE INFOMATIVA N. 10 NOVEMBRE 2011

CIRCOLARE INFOMATIVA N. 10 NOVEMBRE 2011 CIRCOLARE INFOMATIVA N. 10 NOVEMBRE 2011 Ultime novità fiscali Diritto di informazione del socio di minoranza Sentenza Corte Cassazione 13.10.2011, n. 36924 Il socio ha diritto a ricevere informazioni

Dettagli

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI

UNIONE LOMBARDA DEI CONSIGLI DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI CIRCOLARE INTERPRETATIVA E ATTUATIVA DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE TRIENNIO 2008-2010 approvata dall'unione Lombarda dei Consigli dell'ordine degli Avvocati

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013

Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Circolare N.119 del 18 Luglio 2013 Novità in materia di mediazione civile e commerciale. Ripristinata l obbligatorietà Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con l art. 84 del DL

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede

In data odierna. tra. Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede Contratto di affidamento di incarico In data odierna tra Società Entrate Pisa S.E.Pi. S.p.A. - (P.IVA 01724200504) con sede in Pisa, Piazza dei Facchini n. 16, nella persona del Direttore Generale, Dott.

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Comitato Nazionale Ingegneria dell'informazione Commissione Ingegneria dell'informazione ing. Andrea Gelpi Agenda PEC che cosa è e come funziona PEC fornita

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI PER LA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI TREVISO TREVISO Via Verdi 18 TEL. 0422 5596 + 21-12-10-20-19 - FAX 0422 559618 SITO WEB: www.ordineavvocatitreviso.it Prot. n.

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE DECRETO BERSANI E LIBERE PROFESSIONI ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE Il decreto legge n. 223 del 04 luglio 2006 (in G.U. n. 153 del 04/07/2006) ha determinato la giusta reazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI.

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Deliberazione del Consiglio comunale n. 03 del 18.03.2014. OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) PER L ANNO 2014 RELATIVE ALLE COMPONENTI I.M.U. E TASI. Premesso che: - l

Dettagli

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009

Notizie Flash. Quota A - pagamento contributi 2010. Contributi di riscatto. Quota B - redditi professionali 2009 Notizie Flash Quota A - pagamento contributi 2010 Il 30 giugno è scaduta la seconda rata del contributo di Quota A. Qualora l avviso sia pervenuto dopo la scadenza di una o più rate, il pagamento delle

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo.

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20-07-2009. Messaggio n. 16380. OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Direzione Centrale Pensioni Roma, 20-07-2009 Messaggio n. 16380 OGGETTO: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. 1 - PREMESSA L'articolo 10 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

Le notifiche tramite PEC degli avvocati dopo il D.M. 48/2013 Articolo 23.05.2013 (Giorgio Rognetta)

Le notifiche tramite PEC degli avvocati dopo il D.M. 48/2013 Articolo 23.05.2013 (Giorgio Rognetta) Le notifiche tramite PEC degli avvocati dopo il D.M. 48/2013 Articolo 23.05.2013 (Giorgio Rognetta) Il regolamento contenuto nel D.M. 3 aprile 2013, n. 48, ha modificato l art. 18 delle regole tecniche

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Circolare N.90 del 30 Maggio 2013

Circolare N.90 del 30 Maggio 2013 Circolare N.90 del 30 Maggio 2013 Ditte individuali già attive. Obbligo di deposito della PEC entro il 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, le imprese individuali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1358 / 2015 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: DETERMINA A CONTRARRE PER L AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI ANALISI E COSTITUZIONE

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati Ufficio del Responsabile per Sistemi informativi

Dettagli

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell

In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell NOVITA LEGISLATIVE CEDOLARE SECCA AFFITTI Con il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 è stata data attuazione, con effetto dal 2011 alla cedolare secca sugli affitti,

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

La Digitalizzazione del processo: dalla buona pratica, all obbligo.

La Digitalizzazione del processo: dalla buona pratica, all obbligo. La Digitalizzazione del processo: dalla buona pratica, all obbligo. Ordine degli Avvocati di Macerata Formazione Continua Evento del 15 novembre 2013 Avv. Renzo Tartuferi Master in Innovazione nella Pubblica

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli