tante idee per i circoli!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "tante idee per i circoli!"

Transcript

1 tante idee per i circoli!

2

3 CON la famiglia L esperienza nascente dei Punto Famiglia ci consente di incarnare il protagonismo politico delle famiglie in una pratica associativa di grande importanza. I Circoli sanno bene che la loro identità si definisce attraverso la presenza qualificante delle persone, delle famiglie, dei gruppi sociali. È attraverso questa trama relazionale che essi diventano luoghi umanamente significativi, per i singoli e per la comunità del territorio circostante. Le idee che qui sono presentate vogliono essere dei primi suggerimenti e stimoli affinché ogni Circolo possa divenire un vero promotore e sostenitore del protagonismo familiare. Ciascun Circolo sicuramente troverà al suo interno, anche osservando la specificità delle famiglie che lo frequentano, le iniziative più appropriate da proporre ai propri associati. Le famiglie che nel Circolo attueranno progetti, relazionandosi con le realtà territoriali più opportune (biblioteche, scuole, altri gruppi familiari, associazioni di volontariato, ecc.) saranno sostenute nelle necessità burocratiche, economiche e progettuali dalla Sede provinciale, anche con le risorse messe a disposizione dalla Campagna 5Xmille. Importante sarà anche il contributo delle Associazioni specifiche del Sistema ACLI nella realizzazione di iniziative e progetti.

4

5 FAMIGLIE E BAMBINI Le Famiglie attivano nel Circolo semplici progetti di reciproco aiuto e sostegno per quanto riguarda i bambini. Persone responsabili coordinano e gestiscono attività di Doposcuola e sorveglianza compiti. (Mamme/ nonni disponibili aiutano i figli di coppie che lavorano nei compiti del pomeriggio) Accompagnamento dei bambini e ritiro dalla scuola Tenuta dei bambini in situazioni di emergenza

6 Esempio di attività aggregativa: Progetto La penna rossa Organizzazione di un doposcuola per aiutare i ragazzi a studiare e a fare i compiti Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Aiutarsi tra famiglie con problemi di tempo e che non riescono ad assistere i figli nello svolgimento dei compiti Promuovere la relazione tra bambini italiani e stranieri favorendone la socializzazione e l inclusione Si scelgono le attività: Assistenza ai compiti in varie materie; preparare ai compiti in classe; provare le lezioni orali; rinforzare lo studio dell inglese; supportare nell uso di computer, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Mamme, papà, nonne, nonni competenti Ex insegnanti Giovani studenti o persone con sufficiente istruzione Giovani animatori Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI, attrezzato La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Tavolo, sedie, lavagna di carta Computer, telefono, stampante Materiale didattico e cancelleria Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

7 FAMIGLIE E ANZIANI, MALATI Le Famiglie attivano progetti che hanno l obiettivo di costituire gruppi di aiuto reciproco e solidale per incontrarsi, sostenersi e confrontarsi elaborando, anche con l aiuto di esperti, le modalità per affrontare specifiche problematiche relative alle salute delle persone anziane, malate o fragili del nucleo familiare. I gruppi possono anche evolversi insediando nel Circolo un loro Coordinamento per : accompagnare gli anziani per passeggiate o spesa accompagnare i malati o i disabili alle terapie, alle visite mediche fare compagnia agli anziani o ai malati cronici in casa fare compagnia alle persone ricoverate in ospedale o case di riposo

8 Esempio di attività aggregativa: Progetto Una mano ai nonni Organizzazione di un servizio volontario di assistenza e compagnia per le persone anziane Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Sollevare le famiglie che hanno al loro interno uno o più anziani in situazione di difficoltà o di emarginazione, dal carico di cui sono quotidianamente gravate Facilitare la socializzazione e l inserimento nella comunità degli anziani non più autosufficienti Si scelgono le attività: Attività di carattere pratico: piccoli aiuti domestici, di cucina, di disbrigo di commissioni, lavaggio capelli e messa in piega, manicure, pedicure, ecc Attività di svago e compagnia: accompagnamento in passeggiate, cinema, ristorante; lettura ad alta voce del giornale o di libri, giochi enigmistici fatti insieme, giocare a carte, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Un volontario con funzione di coordinatore Volontari di qualunque età, motivati e con capacità di stare a contatto con persone anziane Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer e telefono Si definiscono le modalità con cui si svolgono le attività: Raccolta delle adesioni e assegnazione dei volontari alle famiglie utenti Inserimento del volontario con un colloquio alla presenza del coordinatore e della famiglia Definizione degli orari e delle singole necessità Organizzazione da parte della famiglia coordinatrice di incontri periodici di raccordo e confronto tra assistenti volontari, o tra famiglie assistite. Si sceglie il luogo: Il Circolo è la sede del coordinamento, e il luogo per incontri periodici di raccordo e confronto tra i volontari assistenti Si identifica la famiglia o la persona di riferimento che coordinerà il progetto Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

9 FAMIGLIE E EDUCAZIONI DEI FIGLI Le Famiglie organizzano momenti di incontro, condivisione e aggregazione anche alla presenza di esperti quali pedagogisti, psicologi, educatori professionali relativi alle tematiche dell educazione dei figli. Esempio di corsi : Il passaparola delle coppie gruppi di auto mutuo aiuto sui problemi che vivono tutte le giovani famiglie I gruppi possono attivarsi autonomamente nel Circolo nell organizzazione di piccole scuole permanenti per le famiglie (incontri a tema con esperti sugli argomenti educativi, suddivisi per le varie età dei figli: i neonati, i piccoli, i ragazzi, gli adolescenti) o di incontri di formazione su argomenti specifici. Esempi: La relazione con i genitori nelle diverse età del figlio L integrazione tra l educazione a casa e l educazione a scuola Gestire i mezzi di comunicazione nel ruolo educativo Cura dei bambini corsi di igiene pediatrica Le dipendenze alimentari o da sostanze stupefacenti. I rischi nell adolescenza Un progetto più impegnativo è l attivazione di un servizio di Consulenza psicologica e psico-pedagogica in ambito familiare, finalizzato a fornire alle famiglie e ai singoli spazi di ascolto e sostegno per affrontare le difficoltà di vario tipo e comprendere e dare senso ai comportamenti problematici.

10 Esempio di attività aggregativa: Progetto Il passaparola della coppia Organizzazione di gruppi di auto mutuo aiuto tra famiglie per problemi quotidiani Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Offrire alle famiglie opportunità di comunicare e condividere problemi; consentire alle famiglie di confrontarsi per raggiungere il reciproco sostegno e l autoprotezione Trasformare le singole esperienze in risorse per tutti, condividendo momenti di debolezza, di rabbia, di tappe di conquista Rendere le famiglie protagoniste attive nella risposta ai disagi e ai problemi incontrati Si scelgono le attività: I temi affrontati nei gruppi di auto mutuo aiuto sono innumerevoli: tossicodipendenze, alcolismo, adolescenza problematica, depressione, disturbi alimentari, ragazze madri, separazioni e divorzi, sofferenze di persone straniere con figli all estero, perdita del lavoro, elaborazione del lutto, ecc. Si definisce la modalità di realizzazione delle attività: o Gruppi vis-à-vis: le famiglie si incontrano fisicamente, alla presenza di facilitatori di dialogo o Gruppi on line: per quanti per motivi diversi sono impossibilitati a muoversi da casa o scelgono l anonimato Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Famiglia volontaria che organizza le sedute vis-à-vis Famiglia volontaria che organizza i contatti dei gruppi on-line Facilitatori o moderatori che hanno il compito di agevolare lo scambio di ricchezze soggettive dei partecipanti e di valorizzarne gli aspetti utili al gruppo. Esperti e professionisti: psicologi, pedagogisti, medici, ecc. Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer con connessione Internet, fax, telefono Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

11 FAMIGLIE E MUTUO AIUTO Le Famiglie promuovono progetti di Banca del Tempo, per scambiarsi disponibilità di ore e competenze. Persone responsabili coordinano e gestiscono l attività di prossimità tra famiglie, che intende recuperare le abitudini del buon vicinato (più tipiche della società del passato che di quella odierna). La Banca del Tempo delle famiglie è un centro di raccolta di domande e offerte: i correntisti di questa Banca offrono ciò che sono in grado di fare e ricevono ciò di cui hanno bisogno. Si tratta di una forma di collaborazione, e non di volontariato, con la quale ci si aiuta ad affrontare alcune incombenze e impegni della vita quotidiana e familiare. Esempio: chi sa aggiustare le tapparelle può offrire due ore di tempo in cui effettua una riparazione, in cambio di altrettante ore di aiuto per gestire la spesa di un familiare anziano Progetto Tempo X te, tempo X me Organizzazione di una Banca del Tempo tra famiglie per scambiarsi aiuti nelle piccole necessità quotidiane Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Effettuare uno scambio gratuito del tempo tra famiglie, mettendo a disposizione qualche ora per scambiarsi competenze in merito a diverse attività

12 Si scelgono le attività: Recuperare le abitudini ormai perdute di aiuto reciproco tipiche del buon vicinato Estendere a persone prima sconosciute l aiuto abituale che ci si offre tra appartenenti alla stessa famiglia, o tra amici Bambini, ragazzi: babysitteraggio, accompagnamento bambini in attività varie, ripetizioni scolastiche Area casa, giardino, manovalanza: cura delle piante, taglio dell erba, imbiancature, piccoli lavori di restauro o di manutenzione della casa (elettricità, idraulica...) Area cucina: cucina a domicilio, insegnamento di cucina etnica, preparazione feste, torte Trasporti e mobilità: passaggi in macchina, aiuto nei traslochi, accompagnamento in macchina di anziani o disabili Taglio e cucito: sartoria di base, riparazioni Informatica, telefonia: consulenze informatiche sul uso Pc; aiuto nelle istallazioni o sintonizzazione di apparecchi televisivi e simili; aiuto agli anziani nell uso dei telefonini Animali: cura quotidiana di cani, gatti, tenuta di animali durante le assenze Assistenza: spesa al domicilio per gli anziani, commissioni, pagamento bollette, ritiro certificati del medico, compagnia, socialità ecc. Oltre a queste attività se ne possono aggiungere molte altre, in base alle competenze e specificità dei partecipanti alla Banca del Tempo del Circolo. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Una famiglia (o gruppo di famiglie) che coinvolgano amici e conoscenti (colleghi, genitori di compagni di scuola dei figli, parenti ecc.) per costituire il gruppo di tempo-correntisti. Un segretario organizzativo per l attività di coordinamento e di gestione dei capitali-tempo (ruolo anche a rotazione) Si sceglie il luogo: Non è indispensabile un locale apposito; l attività di coordinamento può essere svolta presso il Circolo, oppure al domicilio delle famiglie partecipanti. Si identifica la persona (o famiglia) che coordinerà il progetto e che costruirà il gruppo dei correntisti Si definiscono le modalità di deposito e scambio delle ore offerte/cercate: Stesura di un atto costitutivo e regolamento Raccolta delle adesioni, e colloquio conoscitivo d ingresso per ogni tempocorrentista (si suggerisce un massimo di persone da coordinare, in fase sperimentale) Inserimento nella banca dati dell offerta di tempo Si definiscono gli strumenti necessari alle attività Computer con collegamento Internet Telefono, modulistica per iscrizione e per la descrizione delle attività da offrire/cercare Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività per un periodo di sperimentazione (sei mesi) Si effettua una verifica dell attività Se la verifica è positiva, si cerca di espandere il numero di persone aderenti all iniziativa

13 FAMIGLIE E SAPIENZA DOMESTICA Le Famiglie attivano corsi gestiti da loro stesse, e condotti da persone particolarmente competenti, per promuovere il recupero dell antica sapienza domestica. Esempio di corsi : L economia domestica moderna Scambio di ricette pratiche, rivalutare la creatività culinaria Corsi di piccola manutenzione domestica La cura del guardaroba: riparazioni in economia

14 Esempio di attività aggregativa: Progetto Chiodi bulloni e brugole Organizzazione di corsi che aiutino le famiglie a gestire la manutenzione della casa Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Far crescere la competenza delle famiglie nei lavori di manutenzione della propria casa (insegnare ai membri delle giovani famiglie i saperi manuali un tempo appannaggio degli uomini di casa) Permettere alle famiglie di evitare il costo di chiamate di personale tecnico per ogni piccolo problema domestico. Si scelgono le attività: Corsi per l apprendimento di nozioni base per essere in grado di capire i problemi di malfunzionamento degli apparecchi elettrodomestici Corso base di nozioni di idraulica (come si ripara un rubinetto che perde, cosa ha la lavatrice?), elettricità e altro (come si ripara una tapparella, come si imbianca una parete, come si appende una mensola, come funzionano gli impianti di irrigazione del giardino, uso corretto di chiodi o tasselli, eccetera eccetera). Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Famiglia volontaria che definisce i temi, sceglie i volontari insegnanti, acquista i materiali per lezioni dimostrative, organizza gli incontri Persone volontarie in veste di esperti (uomini particolarmente capaci ed esperti in fai-da-te/bricolage; professionisti che offrono la loro competenza gratuitamente (imbianchini, elettricisti, falegnami, ecc.) Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, fax, telefono Materiali necessari per dimostrazioni pratiche Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

15 FAMIGLIE E ECONOMIA/FINANZA Le Famiglie organizzano momenti di incontro, confronto e scambio alla presenza di persone competenti (es.: bancari, esperti contabili) - relativi alla gestione della propria economia familiare dal punto di vista del denaro, delle spese, della corretta gestione del proprio reddito. Esempio di corsi : Gestione dei risparmi; approccio e gestione di mutui e finanziamenti, l uso prudente delle carte di credito e dei prestiti al consumo Il Bilancio familiare: l oculatezza delle spese in relazione al reddito Si può anche promuovere l apertura di uno Sportello che offra un Servizio di Orientamento e informazione sul settore del credito (istruzioni, consigli, opportunità) e del bilancio familiare.

16 Esempio di attività aggregativa: Progetto Conti in famiglia Organizzazione di uno sportello di orientamento e formazione per gestire il bilancio e le risorse economiche familiari Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Fornire alle famiglie indicazioni tecniche e consigli pratici e di buonsenso in materia di educazione finanziaria riguardo alle numerose offerte presenti sul mercato Educare all uso delle risorse economiche della famiglia (l uso eccessivo dei finanziamenti di prestiti al consumo, la gestione dei risparmi, ecc.). Aiutare i giovani e le famiglie a costruire il proprio bilancio economico domestico Mettere in guardia le famiglie, o le persone anziane da possibili truffe Si scelgono le attività: Consulenza su mutui, assicurazioni: tipologia di mutuo o assicurazione, tipologia di tasso, dilazioni, ricontrattazioni con le banche, ecc. Consulenza sul risparmio: strumenti di risparmio, titoli di stato, percentuale di rischio nelle operazioni di investimento, costo delle operazioni ecc. Consulenza sui prestiti al consumo: aiuto nel capire le varie proposte, suggerimenti per tenere sotto controllo le uscite globali della famiglia (accumulo di rate mensili di finanziamenti per acquisto auto, elettrodomestici ecc.), aiuto alla comprensione dei tassi e dei costi reali delle varie carte offerte per i prestiti, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Uno più volontari esperti in materia di educazione finanziaria con esperienza lavorativa nelle banche o in associazioni di tutela dei consumatori. Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI, attrezzato per accogliere i cittadini e l famiglie che si rivolgono a questo sportello Si identifica il referente che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, telefono Materiali divulgativi/informativi su mutui, prestiti, risparmio Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

17 FAMIGLIE E CREATIVITA Le Famiglie attivano corsi e laboratori gestiti da loro stesse, condotti da persone particolarmente competenti, per condividere il piacere di attività ludiche e creative. Esempio di corsi : L ago in mano - Corso di cucito pratico per le necessità familiari Corso di pittura, corso di découpage, bricolage e modellismo, altre tecniche creative Laboratori di teatro Scuole di canto per adolescenti (con la guida di un maestro di canto)

18 Esempio di attività aggregativa: Progetto Il rocchetto magico Organizzazione di un piccolo laboratorio per imparare lavori d ago per le necessità della famiglia Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Aiutare i giovani e le giovani a imparare ciò che è utile per gestire il guardaroba familiare o la realizzazione di manufatti per i bambini Aiutare le giovani famiglie a realizzare lavoretti utili per la casa e la gestione domestica Facilitare la socializzazione di gruppi di donne Si scelgono le attività: Assistenza e insegnamento di tipo sartoriale: cambio cerniere, orli, rammendi, bottoni, ecc. Assistenza, insegnamento e realizzazione di attività creative legate ad ago e filo: confezionare tende/tendine, cuscini, ricamare, eseguire lavori a maglia, creare oggetti per la casa, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Donne di ogni età, in grado di insegnare queste attività Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Tavoli, sedie, macchine per cucire Materiale di sartoria, tessuti, filati, lane, ecc. Si definiscono orari, giorni in cui si svolgono le attività Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

19 FAMIGLIE E MERCATINI DI SCAMBIO SOLIDALE Le famiglie possono attivare mercatini permanenti o saltuari, in un ottica di sobrietà, per favorire lo scambio tra famiglie e il riutilizzo di oggetti usati. L accesso al mercatino solidale può aiutare le famiglie indigenti e offre l opportunità di stabilire nuovi contatti e amicizie con altre famiglie in una prospettiva di solidarietà. Possono essere scambiati oggetti quali: libri, testi scolastici, Vestiario, giocattoli, materiale per la prima infanzia, oggetti da collezione, materiale elettronico e informatico, attrezzature sportive ecc.

20 Esempio di attività aggregativa: Progetto Le Pulci nel Circolo Organizzazione di un mercatino di scambio solidale di oggetti usati o materiali utili alle famiglie Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Educare alla sobrietà e all utilizzo di oggetti o materiali usati ritenuti da eliminare, ma magari interessanti per altri Diminuire il flusso dei rifiuti, rimettendo in circolazione dei beni secondo il principio di un uso più sostenibile delle risorse Facilitare la socializzazione e l amicizia tra nuclei familiari attraverso gli incontri e gli scambi di oggetti Si scelgono le attività: Scambio di oggetti e beni usati: vestiario, libri, testi scolastici, giocattoli, accessori per l infanzia, oggetti di arredamento, attrezzature per la casa e il giardino, materiale elettronico e informatico, attrezzature sportive, ecc. ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Una o più famiglie volontarie che si occupino: o dell inventario informatico degli oggetti da scambiare, o della raccolta degli stessi, o delle richieste delle famiglie o dell organizzazione degli eventi di scambio o della gestione di diverse modalità dello scambio (es: mettere in contatto le famiglie che offrono un bene con quelle che lo cercano) Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI adatto a raccogliere o eventualmente esporre gli oggetti da scambiare tra famiglie Si identifica la famiglia di riferimento coordinatrice del progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, telefono, fax, scaffali, bancarelle per esposizione Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

21 FAMIGLIE E LEGAMI TRA GENERAZIONI Le Famiglie attivano percorsi volti a favorire lo sviluppo del legame intergenerazionale. L obiettivo è quello di avere contemporaneamente nel Circolo la presenza di nonni e nipoti, per stimolare il reciproco passaggio di informazioni, esperienze, capacità. Esempi di attività: Insegno al nonno come usare il computer (corso di alfabetizzazione informatica tenuto dagli adolescenti alle persone anziane) Insegno al nonno tutto sulla telefonia (corso di addestramento dei nonni all uso dei telefonini di ultima generazione) Ti insegno come si costruisce. (i nonni insegnano ai bambini/ragazzi come costruire piccoli manufatti, o l uso degli attrezzi basilari per la manutenzione domestica: chiodi, martello, cacciavite, trapano...) Fare il nonno nel 2000 (incontri di formazione pratica e psicologica per nonni che custodiscono i nipotini ) Esempio di attività aggregativa:

22 Progetto Leggi ancora, nonno! Organizzazione di incontri di lettura per bambini (fiabe, racconti, libri per l infanzia) Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Rafforzare la relazione tra adulti/anziani e bambini attraverso la tradizionale attività di lettura e commento delle fiabe Rivitalizzare la socializzazione tra generazioni diverse, e riabituare i bambini alla lettura Si scelgono le attività: Lettura a voce alta di fiabe, di libri di racconti Rappresentazione delle favole lette insieme ai bambini (animazione con costumi di carta, oggetti, piccole recite) Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Nonne/nonni disponibili Animatori, giovani, o persone disponibili a organizzare le rappresentazioni dei bambini Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Sedie e poltroncine, o cuscini da mettere sul pavimento per i bambini Libri Abbonamenti a giornalini, fumetti Materiale di recupero o domestico, materiale di cartoleria per le rappresentazioni. Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

23 FAMIGLIE E SPORT E VACANZE Le Famiglie organizzano percorsi o eventi sportivi in modo da valorizzare lo sport come strumento per creare momenti di incontro, condivisione e aggregazione tra famiglie. Organizzazione di eventi sportivi tra bambini, adolescenti, adulti Organizzazione di corsi di ginnastica per la terza età Le famiglie riscoprono il piacere di organizzare gite tra gruppi di famiglie organizzare visite guidate a mostre, musei, parchi, monumenti, siti di interesse locale, ecc. organizzare vacanze nelle case per il turismo sociale Acli

24

25 FAMIGLIE E LETTURA, MUSICA, FILM, NARRAZIONE, RACCONTI Le Famiglie organizzano momenti culturali letterari o musicali gestiti da loro stesse, condotti da persone particolarmente preparate, per condividere il piacere della lettura o della narrazione. Esempio: Il tè del pomeriggio con lettura condivisa di un libro scelto dal gruppo (piccolo book club del Circolo) Il libro vivente (persone che raccontano le proprie esperienze di vita) Lettura condivisa e commento di riviste o periodici di interesse delle famiglie (abbonamenti forniti ai Circoli) Racconto della storia locale (le persone anziane raccontano la storia del Territorio, gli eventi storici del passato) Laboratori musicali guida all ascolto critico di brani musicali (con persona esperta nel settore) Le Famiglie possono costruire nel Circolo un progetto di cineforum familiare. Stendono la programmazione annuale scegliendo i film da proiettare, attivano persone competenti o esperti per il commento, condividono la gioia di vedere insieme un film in un ambiente familiare. Utilizzano strumenti messi a disposizione dal Circolo (videoproiettori, abbonamenti /noleggio DVD, connessioni Internet)

26

27 FAMIGLIE E PROBLEMI GIURIDICI I Circoli progettano e ospitano Sportelli di consulenza giuridica che offrono un sostegno alle persone in cerca di possibili soluzioni alle proprie problematiche familiari. L operatore che fornisce risposte e orientamento sarà una persona qualificata (avvocato) che potrà Aiutare il nucleo familiare a riscoprire le relazioni familiari e la loro importanza, attraverso l opportunità di incontro e confronto che induca alla consapevolezza dei limiti e delle potenzialità reciproche Aiutare i componenti della famiglia a esplicitare le reciproche attese e aspettative Suggerire possibili aiuti concreti per il superamento delle forme di disagio verificatesi nella famiglia Orientare e informare per l accesso alle risorse territoriali pubbliche e private (Consultori, Servizi per la famiglia ecc.)

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici

ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici ASVAP Associazione Volontari aiuto Ammalati Psichici Informazioni Accoglienza Condivisione Sostegno e...molto altro ancora! Via Giusti 12, Monza 039/2301658 volontari.asvap@gmail.com www.asvapbrianza.it

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

PROGETTO DI SOCIALIZZAZIONE ANZIANI 01 gennaio 2014 31 dicembre 2015

PROGETTO DI SOCIALIZZAZIONE ANZIANI 01 gennaio 2014 31 dicembre 2015 Allegato 1 PROGETTO DI SOCIALIZZAZIONE ANZIANI 01 gennaio 2014 31 dicembre 2015 Il Comune di Pistoia, attraverso i Servizi sociali e le ex Circoscrizioni, ha sostenuto e implementato negli anni, proposte

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Sede: Via Pasquale del Torto 1/b 80131 Napoli Tel/fax 0817701332 info@modavinapoli.it www.modavinapoli.it

Sede: Via Pasquale del Torto 1/b 80131 Napoli Tel/fax 0817701332 info@modavinapoli.it www.modavinapoli.it Sede: Via Pasquale del Torto 1/b 80131 Napoli Tel/fax 0817701332 info@modavinapoli.it www.modavinapoli.it Il MO.D.A.V.I. - Federazione Provinciale di Napoli ONLUS è la sezione partenopea del MODAVI ONLUS

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015

A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 A.S.D Progetto doposcuola 2014-2015 PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE L associazione sportiva dilettantistica BIMBI ALLA RISCOSSA promuove la divulgazione dello sport in genere, attività didattiche, ludiche e

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOP. SOCIALE SOCIOSANITARIA INTEGRATA GRIMALDI Sede legale ed operativa in ROMA, PIAZZALE DELLA STAZIONE DI CASTELFUSANO n. 12

Dettagli

Organizzazione del laboratorio:

Organizzazione del laboratorio: PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 5 Piazza Raffaello Sanzio 2 38122 Trento tel. 0461/233896 SEDE DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO:

Dettagli

PROGETTI SCUOLA MEDIA

PROGETTI SCUOLA MEDIA PROGETTI SCUOLA MEDIA Ad ampliamento delle attività curriculari vengono proposti progetti che si collocano in un ottica di continuum rispetto alla normale programmazione e che vanno ad ampliare ulteriormente

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE N. 2

SCHEDA PROGETTUALE N. 2 Allegato n. 2 SCHEDA PROGETTUALE N. 2 MACRO-AREA DI INTERVENTO: (X) Relazioni familiari (X) Diritti dei minori () Persone anziane ( ) Contrasto della povertà ( ) Disabili ( ) Avvio della riforma () Altro

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 ASS.ONLUS PICCOLI AMICI COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 LA NOSTRA STORIA L Associazione ONLUS Piccoli Amici nasce il 2 ottobre

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene.

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene. Tracce d opera Esserci insieme Scuola d Infanzia comunale Marc Chagall di Via Cecchi, 2 in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della Città di Torino Introduzione

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Centro Diurno Sperimentale Gattamelata

Centro Diurno Sperimentale Gattamelata Dipartimento di Salute Mentale Centro Diurno Sperimentale Gattamelata Il Centro Diurno Sperimentale Gattamelata è una struttura del Dipartimento di Salute Mentale della ASL Roma C. A esso possono accedere

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Comune di Novellara. Istituzione Servizi Sociali ed Educativi

Comune di Novellara. Istituzione Servizi Sociali ed Educativi Comune di Novellara Istituzione Servizi Sociali ed Educativi Istituzione I MILLEFIORI è lo strumento del Comune di Novellara per la gestione dei Servizi Sociali ed Educativi. Persegue l obiettivo di salvaguardare

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica..

ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. ArteMusiCafèAlzheimer per non dimenticare chi dimentica.. Per il miglioramento della qualità della vita della Persona con Alzheimer (e/o demenze correlate) e del caregiver nella gestione di cura. Il progetto

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Destinatari del servizio pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Il servizio è rivolto a gestanti e madri con bambini che hanno bisogno di temporanea ospitalità, indipendentemente dalla loro nazionalità,

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua

Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua Istituto Comprensivo Cardarelli-Massaua Organizzazione oraria delle classi prime 8,25 Ingresso 8,30 10,15 Attività didattica 10,15 10,30 Pausa merenda e ricreazione 10,30-12,00 Attività didattica 12,00

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus PREVENZIIONE DEL DIISAGIIO SCOLASTIICO LA SCUOLA DELLE MAMME ENTE GESTORE ENTI LOCALI COINVOLTI LUOGO DI REALIZZAZIONE DESTINATARI Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus Comune di Varese,

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA DELLA FILANDA CITTA DELLA FAMIGLIA

REGOLAMENTO LUDOTECA DELLA FILANDA CITTA DELLA FAMIGLIA REGOLAMENTO LUDOTECA DEL CITTA DELLA FAMIGLIA Premessa Il presente regolamento disciplina il servizio Ludoteca della Filanda quale servizio socio-educativo per il benessere delle famiglie. La ludoteca

Dettagli

Municipio di Morbio Inferiore

Municipio di Morbio Inferiore Municipio di Morbio Inferiore Dicastero Socialità Essere anziano a Morbio Inferiore: cosa è utile sapere Numeri di emergenza Polizia Pompieri Ambulanza 117 118 144 Polizia Comunale di Chiasso, servizio

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere Il PROGETTO BUTOKU 360: supporto allo studio, ascolto e benessere è un progetto ideato dall A.S.D. BUTOKU KARATE- DO di Solaro, Associazione

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LEGA REGIONALE COOP. E MUTUE

Dettagli

PROGRAMMA ATTIVITA 2015 CENTRO FAMIGLIE SAVIGLIANO E LUDOTECA LA CASA SULL ALBERO

PROGRAMMA ATTIVITA 2015 CENTRO FAMIGLIE SAVIGLIANO E LUDOTECA LA CASA SULL ALBERO Via Mutuo Soccorso 8 Savigliano 0172 726053 centrofamiglie@monviso.it ludoteca.sav@monviso.it PROGRAMMA ATTIVITA 2015 CENTRO FAMIGLIE SAVIGLIANO E LUDOTECA LA CASA SULL ALBERO Associazione Altalena Città

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO

OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PREMESSA Facilitare l'ingresso nel nostro sistema scolastico ai ragazzi provenienti da altre nazionalità e culture, sostenerli nella fase di adattamento al nuovo contesto e favorire

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL INFANZIA ACQUATICITÀ Alunni al secondo anno di frequenza della Scuola dell Infanzia Promuovere la conquista dell autonomia e il rafforzamento del proprio sé Consolidare la conoscenza del corpo

Dettagli

SPAZIO GIGLIO incontri, idee, progetti con gli anziani della città

SPAZIO GIGLIO incontri, idee, progetti con gli anziani della città PREMESSA In seguito alla ripresa dei lavori di ristrutturazione dell'ex pizzeria Giglio e in vista della loro conclusione per fine 2014, è stato avviato un gruppo di lavoro all'interno del Settore Politiche

Dettagli

SERVIZIO DI SKILL SHARING - PRINCIPI GENERALI. Articolo 1 - Finalità. Articolo 2 - Iscrizione al Servizio

SERVIZIO DI SKILL SHARING - PRINCIPI GENERALI. Articolo 1 - Finalità. Articolo 2 - Iscrizione al Servizio SERVIZIO DI SKILL SHARING - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Finalità Lo scopo del Servizio di Skill Sharing è favorire una gestione dei tempi quotidiani del personale docente e tecnico-amministrativo più

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria

A tutti i genitori degli alunni e delle alunne delle classi quinte della Scuola primaria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOTTICINO Via Udine, 6 25080 Botticino Mattina - CF 80064290176 - Tel. 030 2693113 Fax: 030 2191205 email: ddbottic@provincia.brescia.it

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Denominazione DATI ANAGRAFICI Sigla/Acronimo Preferenza per la sigla: Sì No Sede legale Sede operativa (se diverso da sede legale) per

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti di Istituto di Attività Motoria Corriamo. Tutti Insieme Educare allo sport in ambito scolastico. Alunni e alunne della scuola dell

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo

P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA. plesso Polo P.T.O.F. 2 0 1 6 / 2 0 1 9 PROGETTI SCUOLA INFANZIA plesso Polo 1 ACCOGLIENZA Docente referente: Colomba Maristella Docenti coinvolti: Le docenti di sezione della scuola dell'infanzia. Alunni coinvolti:

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189

NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 NIDO D INFANZIA PRIMI AMICI INDIRIZZO: VIA SAN NAZARIO, 73 - PROSECCO TELEFONO: 040 2528135-040 225189 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia

Dettagli