tante idee per i circoli!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "tante idee per i circoli!"

Transcript

1 tante idee per i circoli!

2

3 CON la famiglia L esperienza nascente dei Punto Famiglia ci consente di incarnare il protagonismo politico delle famiglie in una pratica associativa di grande importanza. I Circoli sanno bene che la loro identità si definisce attraverso la presenza qualificante delle persone, delle famiglie, dei gruppi sociali. È attraverso questa trama relazionale che essi diventano luoghi umanamente significativi, per i singoli e per la comunità del territorio circostante. Le idee che qui sono presentate vogliono essere dei primi suggerimenti e stimoli affinché ogni Circolo possa divenire un vero promotore e sostenitore del protagonismo familiare. Ciascun Circolo sicuramente troverà al suo interno, anche osservando la specificità delle famiglie che lo frequentano, le iniziative più appropriate da proporre ai propri associati. Le famiglie che nel Circolo attueranno progetti, relazionandosi con le realtà territoriali più opportune (biblioteche, scuole, altri gruppi familiari, associazioni di volontariato, ecc.) saranno sostenute nelle necessità burocratiche, economiche e progettuali dalla Sede provinciale, anche con le risorse messe a disposizione dalla Campagna 5Xmille. Importante sarà anche il contributo delle Associazioni specifiche del Sistema ACLI nella realizzazione di iniziative e progetti.

4

5 FAMIGLIE E BAMBINI Le Famiglie attivano nel Circolo semplici progetti di reciproco aiuto e sostegno per quanto riguarda i bambini. Persone responsabili coordinano e gestiscono attività di Doposcuola e sorveglianza compiti. (Mamme/ nonni disponibili aiutano i figli di coppie che lavorano nei compiti del pomeriggio) Accompagnamento dei bambini e ritiro dalla scuola Tenuta dei bambini in situazioni di emergenza

6 Esempio di attività aggregativa: Progetto La penna rossa Organizzazione di un doposcuola per aiutare i ragazzi a studiare e a fare i compiti Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Aiutarsi tra famiglie con problemi di tempo e che non riescono ad assistere i figli nello svolgimento dei compiti Promuovere la relazione tra bambini italiani e stranieri favorendone la socializzazione e l inclusione Si scelgono le attività: Assistenza ai compiti in varie materie; preparare ai compiti in classe; provare le lezioni orali; rinforzare lo studio dell inglese; supportare nell uso di computer, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Mamme, papà, nonne, nonni competenti Ex insegnanti Giovani studenti o persone con sufficiente istruzione Giovani animatori Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI, attrezzato La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Tavolo, sedie, lavagna di carta Computer, telefono, stampante Materiale didattico e cancelleria Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

7 FAMIGLIE E ANZIANI, MALATI Le Famiglie attivano progetti che hanno l obiettivo di costituire gruppi di aiuto reciproco e solidale per incontrarsi, sostenersi e confrontarsi elaborando, anche con l aiuto di esperti, le modalità per affrontare specifiche problematiche relative alle salute delle persone anziane, malate o fragili del nucleo familiare. I gruppi possono anche evolversi insediando nel Circolo un loro Coordinamento per : accompagnare gli anziani per passeggiate o spesa accompagnare i malati o i disabili alle terapie, alle visite mediche fare compagnia agli anziani o ai malati cronici in casa fare compagnia alle persone ricoverate in ospedale o case di riposo

8 Esempio di attività aggregativa: Progetto Una mano ai nonni Organizzazione di un servizio volontario di assistenza e compagnia per le persone anziane Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Sollevare le famiglie che hanno al loro interno uno o più anziani in situazione di difficoltà o di emarginazione, dal carico di cui sono quotidianamente gravate Facilitare la socializzazione e l inserimento nella comunità degli anziani non più autosufficienti Si scelgono le attività: Attività di carattere pratico: piccoli aiuti domestici, di cucina, di disbrigo di commissioni, lavaggio capelli e messa in piega, manicure, pedicure, ecc Attività di svago e compagnia: accompagnamento in passeggiate, cinema, ristorante; lettura ad alta voce del giornale o di libri, giochi enigmistici fatti insieme, giocare a carte, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Un volontario con funzione di coordinatore Volontari di qualunque età, motivati e con capacità di stare a contatto con persone anziane Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer e telefono Si definiscono le modalità con cui si svolgono le attività: Raccolta delle adesioni e assegnazione dei volontari alle famiglie utenti Inserimento del volontario con un colloquio alla presenza del coordinatore e della famiglia Definizione degli orari e delle singole necessità Organizzazione da parte della famiglia coordinatrice di incontri periodici di raccordo e confronto tra assistenti volontari, o tra famiglie assistite. Si sceglie il luogo: Il Circolo è la sede del coordinamento, e il luogo per incontri periodici di raccordo e confronto tra i volontari assistenti Si identifica la famiglia o la persona di riferimento che coordinerà il progetto Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

9 FAMIGLIE E EDUCAZIONI DEI FIGLI Le Famiglie organizzano momenti di incontro, condivisione e aggregazione anche alla presenza di esperti quali pedagogisti, psicologi, educatori professionali relativi alle tematiche dell educazione dei figli. Esempio di corsi : Il passaparola delle coppie gruppi di auto mutuo aiuto sui problemi che vivono tutte le giovani famiglie I gruppi possono attivarsi autonomamente nel Circolo nell organizzazione di piccole scuole permanenti per le famiglie (incontri a tema con esperti sugli argomenti educativi, suddivisi per le varie età dei figli: i neonati, i piccoli, i ragazzi, gli adolescenti) o di incontri di formazione su argomenti specifici. Esempi: La relazione con i genitori nelle diverse età del figlio L integrazione tra l educazione a casa e l educazione a scuola Gestire i mezzi di comunicazione nel ruolo educativo Cura dei bambini corsi di igiene pediatrica Le dipendenze alimentari o da sostanze stupefacenti. I rischi nell adolescenza Un progetto più impegnativo è l attivazione di un servizio di Consulenza psicologica e psico-pedagogica in ambito familiare, finalizzato a fornire alle famiglie e ai singoli spazi di ascolto e sostegno per affrontare le difficoltà di vario tipo e comprendere e dare senso ai comportamenti problematici.

10 Esempio di attività aggregativa: Progetto Il passaparola della coppia Organizzazione di gruppi di auto mutuo aiuto tra famiglie per problemi quotidiani Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Offrire alle famiglie opportunità di comunicare e condividere problemi; consentire alle famiglie di confrontarsi per raggiungere il reciproco sostegno e l autoprotezione Trasformare le singole esperienze in risorse per tutti, condividendo momenti di debolezza, di rabbia, di tappe di conquista Rendere le famiglie protagoniste attive nella risposta ai disagi e ai problemi incontrati Si scelgono le attività: I temi affrontati nei gruppi di auto mutuo aiuto sono innumerevoli: tossicodipendenze, alcolismo, adolescenza problematica, depressione, disturbi alimentari, ragazze madri, separazioni e divorzi, sofferenze di persone straniere con figli all estero, perdita del lavoro, elaborazione del lutto, ecc. Si definisce la modalità di realizzazione delle attività: o Gruppi vis-à-vis: le famiglie si incontrano fisicamente, alla presenza di facilitatori di dialogo o Gruppi on line: per quanti per motivi diversi sono impossibilitati a muoversi da casa o scelgono l anonimato Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Famiglia volontaria che organizza le sedute vis-à-vis Famiglia volontaria che organizza i contatti dei gruppi on-line Facilitatori o moderatori che hanno il compito di agevolare lo scambio di ricchezze soggettive dei partecipanti e di valorizzarne gli aspetti utili al gruppo. Esperti e professionisti: psicologi, pedagogisti, medici, ecc. Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer con connessione Internet, fax, telefono Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

11 FAMIGLIE E MUTUO AIUTO Le Famiglie promuovono progetti di Banca del Tempo, per scambiarsi disponibilità di ore e competenze. Persone responsabili coordinano e gestiscono l attività di prossimità tra famiglie, che intende recuperare le abitudini del buon vicinato (più tipiche della società del passato che di quella odierna). La Banca del Tempo delle famiglie è un centro di raccolta di domande e offerte: i correntisti di questa Banca offrono ciò che sono in grado di fare e ricevono ciò di cui hanno bisogno. Si tratta di una forma di collaborazione, e non di volontariato, con la quale ci si aiuta ad affrontare alcune incombenze e impegni della vita quotidiana e familiare. Esempio: chi sa aggiustare le tapparelle può offrire due ore di tempo in cui effettua una riparazione, in cambio di altrettante ore di aiuto per gestire la spesa di un familiare anziano Progetto Tempo X te, tempo X me Organizzazione di una Banca del Tempo tra famiglie per scambiarsi aiuti nelle piccole necessità quotidiane Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Effettuare uno scambio gratuito del tempo tra famiglie, mettendo a disposizione qualche ora per scambiarsi competenze in merito a diverse attività

12 Si scelgono le attività: Recuperare le abitudini ormai perdute di aiuto reciproco tipiche del buon vicinato Estendere a persone prima sconosciute l aiuto abituale che ci si offre tra appartenenti alla stessa famiglia, o tra amici Bambini, ragazzi: babysitteraggio, accompagnamento bambini in attività varie, ripetizioni scolastiche Area casa, giardino, manovalanza: cura delle piante, taglio dell erba, imbiancature, piccoli lavori di restauro o di manutenzione della casa (elettricità, idraulica...) Area cucina: cucina a domicilio, insegnamento di cucina etnica, preparazione feste, torte Trasporti e mobilità: passaggi in macchina, aiuto nei traslochi, accompagnamento in macchina di anziani o disabili Taglio e cucito: sartoria di base, riparazioni Informatica, telefonia: consulenze informatiche sul uso Pc; aiuto nelle istallazioni o sintonizzazione di apparecchi televisivi e simili; aiuto agli anziani nell uso dei telefonini Animali: cura quotidiana di cani, gatti, tenuta di animali durante le assenze Assistenza: spesa al domicilio per gli anziani, commissioni, pagamento bollette, ritiro certificati del medico, compagnia, socialità ecc. Oltre a queste attività se ne possono aggiungere molte altre, in base alle competenze e specificità dei partecipanti alla Banca del Tempo del Circolo. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Una famiglia (o gruppo di famiglie) che coinvolgano amici e conoscenti (colleghi, genitori di compagni di scuola dei figli, parenti ecc.) per costituire il gruppo di tempo-correntisti. Un segretario organizzativo per l attività di coordinamento e di gestione dei capitali-tempo (ruolo anche a rotazione) Si sceglie il luogo: Non è indispensabile un locale apposito; l attività di coordinamento può essere svolta presso il Circolo, oppure al domicilio delle famiglie partecipanti. Si identifica la persona (o famiglia) che coordinerà il progetto e che costruirà il gruppo dei correntisti Si definiscono le modalità di deposito e scambio delle ore offerte/cercate: Stesura di un atto costitutivo e regolamento Raccolta delle adesioni, e colloquio conoscitivo d ingresso per ogni tempocorrentista (si suggerisce un massimo di persone da coordinare, in fase sperimentale) Inserimento nella banca dati dell offerta di tempo Si definiscono gli strumenti necessari alle attività Computer con collegamento Internet Telefono, modulistica per iscrizione e per la descrizione delle attività da offrire/cercare Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività per un periodo di sperimentazione (sei mesi) Si effettua una verifica dell attività Se la verifica è positiva, si cerca di espandere il numero di persone aderenti all iniziativa

13 FAMIGLIE E SAPIENZA DOMESTICA Le Famiglie attivano corsi gestiti da loro stesse, e condotti da persone particolarmente competenti, per promuovere il recupero dell antica sapienza domestica. Esempio di corsi : L economia domestica moderna Scambio di ricette pratiche, rivalutare la creatività culinaria Corsi di piccola manutenzione domestica La cura del guardaroba: riparazioni in economia

14 Esempio di attività aggregativa: Progetto Chiodi bulloni e brugole Organizzazione di corsi che aiutino le famiglie a gestire la manutenzione della casa Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Far crescere la competenza delle famiglie nei lavori di manutenzione della propria casa (insegnare ai membri delle giovani famiglie i saperi manuali un tempo appannaggio degli uomini di casa) Permettere alle famiglie di evitare il costo di chiamate di personale tecnico per ogni piccolo problema domestico. Si scelgono le attività: Corsi per l apprendimento di nozioni base per essere in grado di capire i problemi di malfunzionamento degli apparecchi elettrodomestici Corso base di nozioni di idraulica (come si ripara un rubinetto che perde, cosa ha la lavatrice?), elettricità e altro (come si ripara una tapparella, come si imbianca una parete, come si appende una mensola, come funzionano gli impianti di irrigazione del giardino, uso corretto di chiodi o tasselli, eccetera eccetera). Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Famiglia volontaria che definisce i temi, sceglie i volontari insegnanti, acquista i materiali per lezioni dimostrative, organizza gli incontri Persone volontarie in veste di esperti (uomini particolarmente capaci ed esperti in fai-da-te/bricolage; professionisti che offrono la loro competenza gratuitamente (imbianchini, elettricisti, falegnami, ecc.) Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, fax, telefono Materiali necessari per dimostrazioni pratiche Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

15 FAMIGLIE E ECONOMIA/FINANZA Le Famiglie organizzano momenti di incontro, confronto e scambio alla presenza di persone competenti (es.: bancari, esperti contabili) - relativi alla gestione della propria economia familiare dal punto di vista del denaro, delle spese, della corretta gestione del proprio reddito. Esempio di corsi : Gestione dei risparmi; approccio e gestione di mutui e finanziamenti, l uso prudente delle carte di credito e dei prestiti al consumo Il Bilancio familiare: l oculatezza delle spese in relazione al reddito Si può anche promuovere l apertura di uno Sportello che offra un Servizio di Orientamento e informazione sul settore del credito (istruzioni, consigli, opportunità) e del bilancio familiare.

16 Esempio di attività aggregativa: Progetto Conti in famiglia Organizzazione di uno sportello di orientamento e formazione per gestire il bilancio e le risorse economiche familiari Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Fornire alle famiglie indicazioni tecniche e consigli pratici e di buonsenso in materia di educazione finanziaria riguardo alle numerose offerte presenti sul mercato Educare all uso delle risorse economiche della famiglia (l uso eccessivo dei finanziamenti di prestiti al consumo, la gestione dei risparmi, ecc.). Aiutare i giovani e le famiglie a costruire il proprio bilancio economico domestico Mettere in guardia le famiglie, o le persone anziane da possibili truffe Si scelgono le attività: Consulenza su mutui, assicurazioni: tipologia di mutuo o assicurazione, tipologia di tasso, dilazioni, ricontrattazioni con le banche, ecc. Consulenza sul risparmio: strumenti di risparmio, titoli di stato, percentuale di rischio nelle operazioni di investimento, costo delle operazioni ecc. Consulenza sui prestiti al consumo: aiuto nel capire le varie proposte, suggerimenti per tenere sotto controllo le uscite globali della famiglia (accumulo di rate mensili di finanziamenti per acquisto auto, elettrodomestici ecc.), aiuto alla comprensione dei tassi e dei costi reali delle varie carte offerte per i prestiti, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Uno più volontari esperti in materia di educazione finanziaria con esperienza lavorativa nelle banche o in associazioni di tutela dei consumatori. Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI, attrezzato per accogliere i cittadini e l famiglie che si rivolgono a questo sportello Si identifica il referente che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, telefono Materiali divulgativi/informativi su mutui, prestiti, risparmio Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

17 FAMIGLIE E CREATIVITA Le Famiglie attivano corsi e laboratori gestiti da loro stesse, condotti da persone particolarmente competenti, per condividere il piacere di attività ludiche e creative. Esempio di corsi : L ago in mano - Corso di cucito pratico per le necessità familiari Corso di pittura, corso di découpage, bricolage e modellismo, altre tecniche creative Laboratori di teatro Scuole di canto per adolescenti (con la guida di un maestro di canto)

18 Esempio di attività aggregativa: Progetto Il rocchetto magico Organizzazione di un piccolo laboratorio per imparare lavori d ago per le necessità della famiglia Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Aiutare i giovani e le giovani a imparare ciò che è utile per gestire il guardaroba familiare o la realizzazione di manufatti per i bambini Aiutare le giovani famiglie a realizzare lavoretti utili per la casa e la gestione domestica Facilitare la socializzazione di gruppi di donne Si scelgono le attività: Assistenza e insegnamento di tipo sartoriale: cambio cerniere, orli, rammendi, bottoni, ecc. Assistenza, insegnamento e realizzazione di attività creative legate ad ago e filo: confezionare tende/tendine, cuscini, ricamare, eseguire lavori a maglia, creare oggetti per la casa, ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Donne di ogni età, in grado di insegnare queste attività Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Tavoli, sedie, macchine per cucire Materiale di sartoria, tessuti, filati, lane, ecc. Si definiscono orari, giorni in cui si svolgono le attività Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

19 FAMIGLIE E MERCATINI DI SCAMBIO SOLIDALE Le famiglie possono attivare mercatini permanenti o saltuari, in un ottica di sobrietà, per favorire lo scambio tra famiglie e il riutilizzo di oggetti usati. L accesso al mercatino solidale può aiutare le famiglie indigenti e offre l opportunità di stabilire nuovi contatti e amicizie con altre famiglie in una prospettiva di solidarietà. Possono essere scambiati oggetti quali: libri, testi scolastici, Vestiario, giocattoli, materiale per la prima infanzia, oggetti da collezione, materiale elettronico e informatico, attrezzature sportive ecc.

20 Esempio di attività aggregativa: Progetto Le Pulci nel Circolo Organizzazione di un mercatino di scambio solidale di oggetti usati o materiali utili alle famiglie Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Educare alla sobrietà e all utilizzo di oggetti o materiali usati ritenuti da eliminare, ma magari interessanti per altri Diminuire il flusso dei rifiuti, rimettendo in circolazione dei beni secondo il principio di un uso più sostenibile delle risorse Facilitare la socializzazione e l amicizia tra nuclei familiari attraverso gli incontri e gli scambi di oggetti Si scelgono le attività: Scambio di oggetti e beni usati: vestiario, libri, testi scolastici, giocattoli, accessori per l infanzia, oggetti di arredamento, attrezzature per la casa e il giardino, materiale elettronico e informatico, attrezzature sportive, ecc. ecc. Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Una o più famiglie volontarie che si occupino: o dell inventario informatico degli oggetti da scambiare, o della raccolta degli stessi, o delle richieste delle famiglie o dell organizzazione degli eventi di scambio o della gestione di diverse modalità dello scambio (es: mettere in contatto le famiglie che offrono un bene con quelle che lo cercano) Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI adatto a raccogliere o eventualmente esporre gli oggetti da scambiare tra famiglie Si identifica la famiglia di riferimento coordinatrice del progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Computer, telefono, fax, scaffali, bancarelle per esposizione Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

21 FAMIGLIE E LEGAMI TRA GENERAZIONI Le Famiglie attivano percorsi volti a favorire lo sviluppo del legame intergenerazionale. L obiettivo è quello di avere contemporaneamente nel Circolo la presenza di nonni e nipoti, per stimolare il reciproco passaggio di informazioni, esperienze, capacità. Esempi di attività: Insegno al nonno come usare il computer (corso di alfabetizzazione informatica tenuto dagli adolescenti alle persone anziane) Insegno al nonno tutto sulla telefonia (corso di addestramento dei nonni all uso dei telefonini di ultima generazione) Ti insegno come si costruisce. (i nonni insegnano ai bambini/ragazzi come costruire piccoli manufatti, o l uso degli attrezzi basilari per la manutenzione domestica: chiodi, martello, cacciavite, trapano...) Fare il nonno nel 2000 (incontri di formazione pratica e psicologica per nonni che custodiscono i nipotini ) Esempio di attività aggregativa:

22 Progetto Leggi ancora, nonno! Organizzazione di incontri di lettura per bambini (fiabe, racconti, libri per l infanzia) Passo dopo passo realizziamo l idea. Come si fa? Ci si dà uno o più obiettivi: Rafforzare la relazione tra adulti/anziani e bambini attraverso la tradizionale attività di lettura e commento delle fiabe Rivitalizzare la socializzazione tra generazioni diverse, e riabituare i bambini alla lettura Si scelgono le attività: Lettura a voce alta di fiabe, di libri di racconti Rappresentazione delle favole lette insieme ai bambini (animazione con costumi di carta, oggetti, piccole recite) Si cercano e si organizzano le risorse volontarie, che possono essere: Nonne/nonni disponibili Animatori, giovani, o persone disponibili a organizzare le rappresentazioni dei bambini Si sceglie il luogo: Un locale del Circolo ACLI La casa di una famiglia (o più famiglie) che partecipano al progetto Si identifica la famiglia di riferimento che coordinerà il progetto Si definiscono gli strumenti necessari alle attività: Sedie e poltroncine, o cuscini da mettere sul pavimento per i bambini Libri Abbonamenti a giornalini, fumetti Materiale di recupero o domestico, materiale di cartoleria per le rappresentazioni. Si presenta il Progetto alla Sede provinciale per ottenere sostegno e finanziamenti Si promuove l attività nel territorio circostante Si avvia l attività

23 FAMIGLIE E SPORT E VACANZE Le Famiglie organizzano percorsi o eventi sportivi in modo da valorizzare lo sport come strumento per creare momenti di incontro, condivisione e aggregazione tra famiglie. Organizzazione di eventi sportivi tra bambini, adolescenti, adulti Organizzazione di corsi di ginnastica per la terza età Le famiglie riscoprono il piacere di organizzare gite tra gruppi di famiglie organizzare visite guidate a mostre, musei, parchi, monumenti, siti di interesse locale, ecc. organizzare vacanze nelle case per il turismo sociale Acli

24

25 FAMIGLIE E LETTURA, MUSICA, FILM, NARRAZIONE, RACCONTI Le Famiglie organizzano momenti culturali letterari o musicali gestiti da loro stesse, condotti da persone particolarmente preparate, per condividere il piacere della lettura o della narrazione. Esempio: Il tè del pomeriggio con lettura condivisa di un libro scelto dal gruppo (piccolo book club del Circolo) Il libro vivente (persone che raccontano le proprie esperienze di vita) Lettura condivisa e commento di riviste o periodici di interesse delle famiglie (abbonamenti forniti ai Circoli) Racconto della storia locale (le persone anziane raccontano la storia del Territorio, gli eventi storici del passato) Laboratori musicali guida all ascolto critico di brani musicali (con persona esperta nel settore) Le Famiglie possono costruire nel Circolo un progetto di cineforum familiare. Stendono la programmazione annuale scegliendo i film da proiettare, attivano persone competenti o esperti per il commento, condividono la gioia di vedere insieme un film in un ambiente familiare. Utilizzano strumenti messi a disposizione dal Circolo (videoproiettori, abbonamenti /noleggio DVD, connessioni Internet)

26

27 FAMIGLIE E PROBLEMI GIURIDICI I Circoli progettano e ospitano Sportelli di consulenza giuridica che offrono un sostegno alle persone in cerca di possibili soluzioni alle proprie problematiche familiari. L operatore che fornisce risposte e orientamento sarà una persona qualificata (avvocato) che potrà Aiutare il nucleo familiare a riscoprire le relazioni familiari e la loro importanza, attraverso l opportunità di incontro e confronto che induca alla consapevolezza dei limiti e delle potenzialità reciproche Aiutare i componenti della famiglia a esplicitare le reciproche attese e aspettative Suggerire possibili aiuti concreti per il superamento delle forme di disagio verificatesi nella famiglia Orientare e informare per l accesso alle risorse territoriali pubbliche e private (Consultori, Servizi per la famiglia ecc.)

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013

A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013 A.S.P IL GIRASOLE Progetto EDUCATIVO dell anziano annuale Anno 2013 ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di animazione dell Asp Il Girasole è composto da due operatori part-time alle dipendenze della

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli