Il progetto è finanziato con contribuzioni di privati e enti privati e pubblici. Aggiornamento al a fondo scheda.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è finanziato con contribuzioni di privati e enti privati e pubblici. Aggiornamento al 31.05.2012 a fondo scheda."

Transcript

1 Aggiornamento al a fondo scheda. A.S.V.I. Onlus Via G.B. Carta, Milano 06.6 PROGETTO SCUOLA SPECIALE MENTALE Tel/Fax Progettato Attivato Stato Responsabile Febbraio 2004 Maggio 2004 Realizzato Marinella Dal Passo Durata Finalità Finanziamento Rinnovato di anno in anno, previa Sostegno alle attività della scuola, verifica di obiettivi e risultati condividendone finalità e obiettivi Progetto generale: su segnalazione di Jelena, la nostra interprete d etnia serba, abbiamo incontrato la direttrice della scuola speciale bambini dementi, ci scusiamo per la crudezza, ma cosi l hanno chiamata! La scuola si trova subito di là dal ponte, in zona serba, segue trentaquattro ragazzi tra i 6 e i 25 anni, qui sono inviati tutti quei bambini in età scolare che hanno problematiche, iniziano un percorso che dura circa 20 anni, nel corso del quale sono seguiti e assistiti nelle varie fasi della crescita, sino all età adulta, infine sono inseriti in laboratori e officine della città dove svolgono attività lavorative, quelle apprese nel percorso scolastico, quali falegname, piccola meccanica, informatica. La scuola si presenta bene, piccola ma in ordine e pulita, ovviamente i problemi e le difficoltà sono immense, la direttrice, per altro a noi gia nota, ci ha fatto un ottima impressione, capace e molto coinvolta, ci ha spiegato che la scuola in realtà riceve studenti con problematiche diverse e che in effetti è lo scarico sociale del problema collettivo, insomma se c è un problema me ne libero mandandolo in quella scuola, cosicché possiamo trovare bambini affetti da handicap mentali, piuttosto che da epilessia, sordità e autismo, è evidente che avrebbero bisogno di capacità e competenze diverse, in ogni caso almeno qui trovano attenzione e affetto. La scuola ha come bacino d utenza tutto il Kosovo nord, quello di etnia serba, coprendo un territorio di oltre 30km, da Mitrovica a Leposavic. Gli studenti più lontani vengono seguiti nei propri villaggi dagli insegnanti che si recano in trasferta più volte la settimana, abbiamo quindi un gruppo di studenti non frequentanti pari a otto persone, mentre 26 alunni frequentano quotidianamente la scuola di Mitrovica. Visto la grande diversità di età tra i vari studenti, le lezioni sono state organizzate su due turni, uno al mattino e l altro al pomeriggio, al mattino frequentano i bambini che rientrano in una fascia di età compresa tra i 6 e 14 anni, mentre il secondo turno vede la presenza a scuola dei ragazzi da 15 a 25 anni. Le due fasce di età si ripartiscono quasi a metà il numero degli studenti, e in particolare per quanto riguarda i ragazzi più grandi l età va dai 15 ai 20 anni, con un'unica presenza di un giovane di 25. Come sempre in Kosovo, la scuola si fa carico anche dei problemi non strettamente didattici dei bambini, e anche in questo caso, la direttrice si è preoccupata moltissimo di chiedere aiuto materiale per i propri ragazzi, segno evidente che la situazione economica e sociale è attualmente persino peggiore di quella didattica. Essendo questa una struttura particolare, è evidente che anche la programmazione si svolga in maniera molto flessibile e adeguata all utenza, infatti pur disponendo di una linea guida ministeriale, dettata da Belgrado e tra l altro a dir poco antica, lo svolgimento delle lezioni è cadenzato da uscite all aperto, attività ludiche e di laboratorio, questo spiega la necessità di un pulmino e di materiali per i laboratori. Gli ambienti della scuola sono come detto in ordine e puliti, ma veramente angusti e inadeguati, ribadendo la presenza di almeno 13 studenti per turno più i docenti, l ambiente non è esagerato definirlo un grande bilocale, entrando si trova un piccolo atrio, facente funzione da segreteria, reception e quanto altro si voglia, sullo sfondo il piccolo e unico bagno e l ufficio della direttrice, infine due piccole stanze, una per i più grandi, l altra per i più piccoli, tutto questo coprirà grosso modo 80 metri quadri! La direttrice ci ha detto di quanto hanno bisogno, principalmente di un pulmino per trasporto degli studenti, poi materiale didattico e materiale idoneo a tutte le varie attività della scuola, sino al chiederci sconsolata tutto! Abbiamo bisogno di tutto, abiti, cibo, pannolini, ci ha raccontato di bambini in condizioni pessime. Oltre che dalla direttrice, gli studenti sono seguiti da 13 educatori specializzati, il loro stipendio è erogato dal Il progetto è finanziato con contribuzioni di privati e enti privati e pubblici.

2 ministero serbo della pubblica istruzione, il quale paga anche tutte le spese di gestione, ma non eroga alcun finanziamento per le attività, lasciando alle scarse capacità economiche dei docenti e delle famiglie, l onere di tutto quanto non sia inerente al funzionamento dell edificio. Asvi s impegna a seguire in maniera stabile questa scuola cosi importante e cosi sola, la direttrice ci ha informato che non ricevono aiuti da nessuno. Il nostro aiuto consiste in un contributo mensile di 50,00 Euro idoneo alle piccole spese, erogato però solo nei mesi scolastici, cioè da settembre a maggio, pari a nove mensilità. Inoltre in occasione dei viaggi con il camion, sarà prioritario consegnare: materiale didattico, abiti e scarpe, pannolini, cibo, materiale igienico sanitario, unitamente alle richieste che di volta in volta emergeranno e alle quali risponderemo in base alle nostre disponibilità. La verifica e il consolidamento del progetto avviene durante ogni viaggio. Ogni qualvolta ci rechiamo in Kosovo, facciamo visita alla scuola, chiedendo conto della gestione dei materiali e dei denari consegnati. Modalità: il sostegno a questo progetto avviene tramite il consorzio di più persone o famiglie, che si impegnano a versare minimo mensilmente 100,00 euro, pari a 1200,00 euro annui versabili in più soluzioni, ma al passo con le nostre erogazioni. Con i contributi raccolti si finanzierà il costo dei trasporti e dei viaggi per portare gli aiuti reperiti principalmente da Asvi e da tutti i sostenitori dell Associazione. Indipendentemente dai contributi, Asvi consegnerà cibo, abiti, materiale didattico e fornirà quanto ulteriormente possibile per il supporto della scuola e dei suoi bambini. Quanto più ampia sarà l adesione al Progetto, tanto maggiore sarà l aiuto che potremo offrire agli studenti diversamente abili della scuola speciale. Chi aderirà al progetto riceverà una scheda dettagliata dell adozione della scuola dopo ogni visita effettuata dai volontari Asvi e, se veramente interessato, potrà partecipare ad un viaggio, vivendo in prima persona questa esperienza. Aggiornamento anno 2004: dal mese di settembre abbiamo consegnato il contributo economico di 50 euro. Abbiamo verificato le necessità che sono state riconfermate in blocco, con un tono e uno sguardo del tipo chi vuoi che ci abbia portato quel che ci serve? Con un affettuosa stretta di mano ci siamo dati appuntamento ad ottobre con l impegno di portare quanto più possibile del materiale richiesto. Nell allontanarci riecheggiava in noi il ringraziamento della direttrice, ancora incredula del fatto che qualcuno si interessasse alla sua scuola e che le avesse anche dato dei soldi. Nel corso delle visite, abbiamo fatto lunghe chiacchierate con la direttrice alla presenza di alcuni suoi insegnanti. Ci hanno parlato dei loro problemi e delle enormi difficoltà che ogni giorno devono affrontare per garantire un minimo d efficienza alla piccola scuola. L arrivo della brutta stagione, certamente li rende ancora più preoccupati, infatti ai soliti problemi si sommano le difficoltà del riscaldamento e del trasporto degli alunni. Unica nota positiva, la nostra presenza, hanno più volte ringraziato e fatto nuovamente presente che il nostro è l unico aiuto che ricevono. Tra lo stupore e la soddisfazione d insegnanti e bambini, siamo riusciti a consegnare una quantità importante di cibo, vestiti, scarpe e materiale per l igiene personale. Tutta la comunità ha collaborato o assistito alla consegna, e in un crescendo d entusiasmo, ritmata quasi da degli ole, ha visto consegnare oltre ai materiali utili alla sopravvivenza, anche materiali per la scuola, quaderni, cancelleria, giochi, attrezzature varie, con il raggiungimento dell apoteosi alla vista della fotocopiatrice e di una lavagna luminosa. Aggiornamento anno 2005: la piccola scuola offre un supporto e sostegno insostituibile a molti bambini, oltre alla didattica, s impegna perché possano avere alcuni minimi standard qualitativi di vita. Ad ogni nostro arrivo abbiamo trovato la direttrice e alcuni insegnanti ad accoglierci. Dopo il caloroso benvenuto ci siamo intrattenuti con la dirigente la quale ci ha nuovamente mostrato la scuola e illustrato la situazione. Questa scuola non riceve nessun tipo d aiuto e sopravvive grazie all impegno e alla tenacia di tutto il suo organico, 1 Preside e 16 insegnanti. La preside

3 ha confermato lo stato di necessità in cui gravano gli studenti, noi abbiamo ribadito il nostro impegno a sostenerli. In aprile ci hanno consegnato un ringraziamento scritto, una sorta di pergamena realizzata da loro. Abbiamo apprezzato molto, ma molto di più abbiamo apprezzato il giustificativo del denaro sin qui da noi donato. Con una modalità molto corretta, la Dirigente, aveva approntato delle foto, una relazione e la copia di una fattura, tutto questo per testimoniarci che nel mese di gennaio l intera scolaresca si è recata in gita utilizzando i 250,00 euro consegnati nel corso dei mesi scorsi. Hanno infatti effettuato una gita di qualche giorno alla quale hanno partecipato tutti gli studenti. Il vitto e l alloggio sono stati offerti da famiglie ospitanti della Serbia meridionale, i denari donati da noi sono serviti per le spese vive quali, per esempio, i trasporti. Certamente il contesto esterno non aiuta, ma con i pochi mezzi che hanno, unitamente al nostro aiuto, riescono ad andare avanti. La buona novità è quella che l edificio è sottoposto a manutenzione; i costi sono stati ripartiti tra il ministero dell educazione serbo, l Unmik e la proprietà. Non è molto ma almeno l ambiente sarà risanato e non vi pioverà più dentro. Aggiornamento anno 2006: la prima novità dell anno è la bella rinfrescata che la struttura ha ricevuto esternamente, ora, nel suo scintillante colore giallino, sembra accogliere con calore i visitatori, inoltre la dirigente ci informa orgogliosa che poco distante stà sorgendo la nuova scuola. Alcuni mesi fa ci aveva parlato di un progetto per la costruzione di un nuovo e più accogliente edificio, ma ovviamente non pensavamo diventasse realtà in così poco tempo, ci ha mostrato i progetti esecutivi e i disegni, spiegandoci che il finanziamento è stato reso disponibile dal Ministero della Cultura della Serbia. Abbiamo offerto la nostra collaborazione per riempire e arredare i locali in quanto eravamo certi che il progetto riguardasse la sola costruzione delle opere murarie. La nostra proposta d aiuto è stata accolta con grande sollievo e soddisfazione. In aprile abbiamo visitato il cantiere, non ci potevamo credere: un edificio di due piani già a buon punto. Il nuovo edificio sorge in una zona diciamo scolastica in quanto, su un lato, c è la scuola di musica, che potranno frequentare anche i ragazzi della Scuola Speciale, e dall altro una scuola per ragazzi normali. La nuova costruzione darà la possibilità a questi ragazzi di avere contatti e scambi con i coetanei che frequentano le scuole vicine. La Direttrice ci ha spiegato che il governo centrale si fa carico esclusivamente della costruzione, invece per gli arredi e le attrezzature ci vorrà l impegno e la buona volontà di associazioni e privati. Già da questo viaggio abbiamo portato materiale che servirà per la nuova scuola, dalla moquette alla cucina ecc. In ottobre si è svolta l ormai consueta gita (18-25 ottobre) a Novi Sad. La direttrice ha più volte sottolineato che questo progetto è stato possibile solo grazie al Comune di Mitrovica Nord che ha fornito il pullman e al contributo economico di Asvi che era stato accantonato per questo scopo. Alla gita hanno partecipato 15 professori, 1 genitore e 32 bambini. Durante la settimana hanno visitato il famoso Museo del Pane, un centro di ippoterapia, il castello di Novi Sad e alcuni monasteri della zona. Nella scuola speciale che li ospitava hanno potuto frequentare dei laboratori appositamente strutturati per diverse attività manuali (radio, musica, tessitura, ecc). In dicembre constatiamo che dopo un breve arresto dovuto alla mancanza di fondi, sono ripresi e procedono speditamente i lavori di costruzione della nuova sede. Ovviamente tutti aspettano con entusiasmo il giorno del trasloco perchè la nuova struttura offrirà nuove e migliori possibilità. Aggiornamento anno 2007: il nuovo edificio è finito e la scuola ha già traslocato. La commozione è d'obbligo perchè il ricordo torna a sette anni fa quando abbiamo portato le stufe a legna per le due misere stanzette che costituivano la scuola allora e che è sempre rimasta la stessa solo fino a pochi mesi fa. Al nostro arrivo in febbraio, la Direttrice ci accompagna in palestra dove incontriamo i bambini che fanno attività psicomotoria in un luogo accogliente e sicuro; ci mostra i materiali, consegnati nel tempo, che risultavano invisibili nella vecchia scuola per mancanza di spazio; e poi la cucina, sempre portata da noi, che sembra fatta su misura per il

4 locale a cui è stata destinata; e l'aula computer, i laboratori, le aule tutte corredate da banchi, sedie e lavagne nuove di pacca. I bagni, suona strano solo scriverlo quando si pensa che fino a poco tempo prima questi bimbi-ragazzi avevano a disposizione una cosa che chiamare latrina è un eufemismo. "Prima" ci dice la direttrice "non volevano venire a scuola, adesso non vogliono più andare a casa". I progetti sono tanti: allestire un laboratorio di falegnameria e uno per parrucchieri con l intento di creare anche opportunità di lavoro ai più grandi; attrezzare la cucina per permettere ai ragazzi di imparare a cucinare e quindi rendersi autosufficienti. A fine visita, la Direttrice ci fa accomodare nella sala riunioni, anche questa nuova di pacca, e mentre ci offre il caffè ci consegna anche una pergamena che riporta, rigorosamente scritta in cirillico, i ringraziamenti ad Asvi. Altra cosa importante è che la scuola ha un nuovo nome, non si chiama più Scuola Speciale Mentale ma Kosovsici Bozur che è il nome di un fiore tipico del Kosovo "perchè" ci dice " i nostri ragazzi sono dei fiori". In aprile, grazie a donazioni e acquisti, siamo riusciti a consegnare un tavolo da lavoro, una morsa, una saldatrice e numerosi utensili. La scuola, oltre al doveroso compito di insegnare, si occupa anche di fisioterapia sia per i più piccini che per i più grandi e grazie al nostro contributo è stato possibile allestire una sala per il rilassamento e un ambiente idoneo alla psicomotricità. La visita in cucina e al refettorio è stata d obbligo: infatti tutti gli arredi e le attrezzature sono state portate da noi dall Italia e la dirigente ci ha mostrato orgogliosa come l ambiente sia ora in ordine e ben tenuto. Un particolare ringraziamento ci è stato rivolto per la donazione delle uova pasquali di cioccolato che hanno reso molto felici tutti gli studenti. Nel viaggio d agosto c informano che l anno scolastico inizierà i primi di settembre, ci sono 54 iscritti. Nei primi giorni di scuola i ragazzi parteciperanno ad una gita di una settimana a Novi Sad, accompagnati dai loro insegnanti. La scuola non è nuova a questo genere d iniziative, che sono molto apprezzate dai ragazzi e ben organizzate grazie alla collaborazione con altre strutture simili. alla loro Aggiornamento anno 2008: questo è stato un anno di consolidamento, la scuola ha rafforzato le proprie capacità anche grazie al nostro costante aiuto, sia economico che materiale. Nel corso della missione di agosto siamo stati accolti dall intero corpo docente, e seppur impegnati nella programmazione delle attività ci chiedono di fare una fotografia di gruppo. Veniamo accolti in aula docenti e notiamo dei lavoretti che ci spiegano sono stati realizzati con i materiali da noi portati e ci viene ribadita l importanza e la necessità di tutto quello che può servire per la costruzione manuale di piccoli oggetti. In ottobre constatiamo che stanno sistemando i vialetti di accesso e la rampa per disabili dell'ingresso. Come sempre siamo accolti molto calorosamente, questa volta ci pare anche di più è tutta abbracci e baci e ci sembra molto eccitata e non capiamo se è solo la nostra presenza che le procura questo stato di euforia o altro. Scopriamo che si tratta anche di altro quando ci fa accomodare nella sala riunioni, al piano superiore, perchè troviamo il tavolo completamente ingombro di manufatti di vario genere: copri cuscini, centrini, bambole confezionate con lana, tovagliette ecc. Troviamo anche altre due persone che la direttrice ci presenta spiegandoci che sono insegnanti in pensione che danno una mano nei laboratori della scuola. Ci spiega infatti che a breve, i primi di novembre, ci sarà la festa della città e in quella occasione loro allestiscono dei banchetti mettendo in vendita, come autofinanziamento, tutti i lavori fatti dai/lle ragazzi/e che frequentano la scuola. Aggiornamento maggio La preside ed alcuni alunni sono stati a Belgrado per partecipare ad un incontro con altri rappresentanti di scuole della stessa tipologia. In questa occasione hanno presentato i lavori degli studenti e i migliori sono stati premiati. Inoltre tre ragazzi rom della scuola speciale prenderanno a breve la patente benché due siano muti e il terzo abbia lievi problemi motori. Questo è per loro un traguardo importante, che gli consentirà di avere una maggiore autonomia.

5 Aggiornamento febbraio 2010: al nostro arrivo notiamo subito del materiale per parrucchiera e la Direttrice ci dice che si tratta di un dono di un importante parrucchiere di Belgrado per il laboratorio che hanno intenzione di attivare nella scuola. Vediamo anche un forno per la cottura della ceramica, ancora imballato, di dimensioni medio-grandi. La Direttrice è molto contenta di quanto ricevuto e, come al solito, elogia tutti quelli che aiutano e che hanno aiutato la scuola, specialmente noi che li seguiamo ormai da dieci anni e non abbiamo mai mancato di sostenerli. Ci riferisce anche che nel giro di un paio d anni vorrebbe andare in pensione perché, a suo dire, lei è una di quelle che sostiene l avvicendamento e vorrebbe che fossero i giovani a portare avanti questo lavoro, naturalmente affiancandoli per metter a loro disposizione l esperienza che ha acquisito nei suoi 36 anni di insegnamento e direzione della scuola. Ha sicuramente un grosso bagaglio di esperienza e di memoria storica, ma tende ad accentrare tutto su di sé. Infatti buona parte dei materiali che in passato abbiamo consegnato sono chiusi in uno stanzino e sembra che solo lei ne disponga e tutti i docenti e operatori della scuola non vengono mai a sapere che cosa noi portiamo e quindi su cosa possono contare per l organizzazione delle loro attività. Inoltre, nella maggior parte dei casi, questi materiali rinchiusi sono ancora imballati e lei stessa non sa di cosa si tratti, anche nel caso di materiali importanti per la psicomotricità o la fisioterapia. In seguito a ciò decidiamo che d ora in poi porteremo solo generi alimentari e materiale di consumo per le attività didattiche e per l igiene. Aggiornamento al : abbiamo un incontro con la direttrice nel viaggio di maggio ma per mancanza di interprete non riusciamo ad approfondire gli argomenti. Nel successivo incontro di ottobre, avvenuto in un giorno lavorativo, possiamo constatare che il personale impiegato è molto consistente. Verifichiamo inoltre che il laboratorio per parrucchiera, molto ben fornito e arredato, è partito. Ci dispiace invece dover constatare che il tavolo da lavoro e il forno per la cottura della ceramica, precedentemente portati da noi, sono riposti nel sottoscala ancora imballati. Nel corso dell anno doniamo comunque una consistente quantità di materiale, in particolare biancheria, prodotti per l igiene personale e per la pulizia della scuola. Aggiornamento al : incontriamo la direttrice solo nel viaggio di febbraio e di maggio. In queste occasioni ci accompagna in giro per la scuola mostrandoci il laboratorio per parrucchieri e il laboratorio di informatica. Nei 4 viaggi successivi non riusciamo più a visitare la scuola e ad avere contatti con il personale per motivi diversi: prima la chiusura per le vacanze estive, poi l impraticabilità della zona nord per ragioni di sicurezza e infine per la mancanza di interprete. Alla fine dell anno rimangono da consegnare i contributi di 5 mesi che ammontano complessivamente a 250,00. Il progetto sembra comunque essere arrivato ad un punto morto senza possibilità di sviluppo per cui il direttivo Asvi dovrà valutare e decidere se continuare a sostenere la scuola o chiudere il progetto. Aggiornamento maggio 2012: sia nella missione di febbraio che in quella di aprile/maggio non riusciamo neppure a contattare la direttrice per consegnare il contributo arretrato e per comunicare la chiusura del progetto al Visto che da ormai un anno non riusciamo ad avere contatti con la scuola, il direttivo Asvi presente a Mitrovica decide di impiegare la somma in altri progetti concludendo in maniera definitiva il progetto Scuola Speciale Mentale che è durato 8 anni e che possiamo considerare realizzato.

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Sostegno alla scuola St. Augustine

Sostegno alla scuola St. Augustine Con il ricavato della vendita del calendario del 2014 (2.500 euro), il Fermi ha potuto fare una donazione alla Scuola Secondaria St.Augustin di Isohe (Sud Sudan) per l acquisto di un computer, una stampante,

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica

Indice. 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica Indice 7 Indicazioni per l insegnante 9 Contenuti dell Unità didattica 11 Gli uomini costruiscono la propria casa 23 I locali della casa 36 «Farsi» una casa 42 La casa e l organizzazione sociale Biblioteca

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT

COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 09026 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT COMUNE DI SAN SPERATE Provincia di Cagliari Cap. 9 UFFICIO SERVIZI SOCIALI P.I. CULTURA SPORT Prot. del.. QUESTIONARIO SU GRADO DI SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI RELAZIONE Nell anno il Comune di San Sperate

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Breve descrizione dell alunno

Breve descrizione dell alunno Breve descrizione dell alunno M.F. è un bambino di 11 anni che frequenta la classe prima della scuola secondaria di I grado G. Mompiani. È affetto da Encefalopatia mitocondriale, una grave patologia progressiva

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli