DOSSIER UPI FVG_GORIZIA Mercoledì, 22 gennaio 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER UPI FVG_GORIZIA Mercoledì, 22 gennaio 2014"

Transcript

1 DOSSIER UPI FVG_GORIZIA Mercoledì, 22 gennaio 2014

2 Dossier Upi FVG_ Il Classico trasloca allo Slataper 1 Da Il Piccolo (ed. ) del T05:46:00 «Era meglio che la Gironcoli tacesse» 3 Da Il Piccolo (ed. ) del T05:46:00 È da un secolo che il palazzo ospita il ginnasio 4 Da Il Piccolo (ed. ) del T05:46:00 Stazione, 10mila euro dalla Provincia 5 Da Il Piccolo (ed. ) del T05:46:00 èstoriabus si rimette in moto con quattro itinerari 6 Da Il Piccolo (ed. ) del T05:46:00 Primo sì alla riforma delle Province 8 Da Messaggero Veneto (ed. ) del T05:40:00 Crollo al liceo, trasloco per 165 studenti 10 Da Messaggero Veneto (ed. ) del T05:41:00 Romoli: «Colpa della Provincia non scarichi le Da Messaggero Veneto (ed. ) del T05:41:00 Struttura ipertecnologica per i ragazzi 13 Da Messaggero Veneto (ed. ) del T05:41:00 La Grande guerra ripercorsa da fino Da Messaggero Veneto (ed. ) del T05:41:00 Province, la commissione approva la riforma 15 Da messaggeroveneto.it del T17:11:00 DOSSIER UPI FVG_GORIZIA Mercoledì, 22 gennaio 2014

3 Pagina 21 Il Piccolo (ed. ) Il Classico trasloca allo Slataper Da venerdì cambia la sede a causa del crollo del controsoffitto. La causa? Un difetto di fabbricazionescuole A PEZZI»ANCORA CONTROLLI E VERIFICHE STATICHE. di Francesco Fain Ieri, era stato appena adombrato. Oggi, è ufficiale. Il Liceo classico "Dante Alighieri" rimarrà chiuso a tempo indeterminato, sino a quando non si definirà con certezza la natura del crollo che si è verificato all' interno del laboratorio linguistico. Le lezioni riprenderanno appena venerdì ma in una nuova location: allo Slataper di via Diaz. La decisione è stata presa nella tarda mattinata di ieri, dopo che i tecnici hanno concluso la prima fase di analisi e verifiche statiche. Oggi, si continueranno a monitorare tutti i soffitti e controsoffitti con grande scrupolo e attenzione. «Ripeto quanto detto ieri: in questi casi, l' eccesso di cautela non è mai sbagliato. Vogliamo vederci chiaro. Le operazioni di controllo sono state affidate a una ditta specializzata di Milano, sotto il coordinamento della nostra dirigente Lara Carlot», spiega l' assessore provinciale all' Istruzione, Ilaria Cecot. Il trasloco degli alunni Ma cosa ha determinato il crollo? Per ora si possono formulare soltanto ipotesi perché la certezza arriverà solamente al termine dei monitoraggi. La più probabile parla di un difetto di fabbricazione delle pignatte del solaio. Sì, questa potrebbe essere la causa del cedimento, lo scorso weekend, del controsoffitto del laboratorio linguistico del liceo classico "Dante Alighieri". Un' ipotesi formulata dai tecnici che ieri hanno passato al vaglio l' intero soffitto del laboratorio, ma che anche quest' oggi proseguiranno il loro lavoro negli altri locali dell' edificio scolastico di via XX Settembre, per verificare (e, si spera, scongiurare) ulteriori cedimenti. I tecnici hanno anche parlato espressamente di «cedimento della parte di alleggerimento del solaio», vale a dire dello spazio tra una trave e l' altra. Trasferimento obbligato, dunque, per i 165 studenti del Classico e per i loro insegnanti (20 in tutto), i quali da venerdì verranno ospitati dallo Slataper di via Diaz. Uno spostamento che sta coinvolgendo anche la Provincia di, per il trasloco di banchi, sedie e cattedre dal liceo alla sede provvisoria. «Di fatto, le basi del trasferimento sono già state gettate aggiunge Ilaria Cecot, assessore provinciale all' Istruzione. Abbiamo effettuato anche un sopralluogo allo Slataper per verificare la disponibilità di spazi. Posso dire che non ci sarà alcun problema di natura logistica. I 165 alunni e i 20 insegnanti troveranno spazi adeguati per l' attività didattica. Continua > 1

4 Pagina 21 < Segue Il Piccolo (ed. ) Del resto, l' edificio di via Diaz è molto grande». Sino a quando il Liceo rimarrà ospitato in quella sede? «Per tutto il tempo necessario», la risposta dell' assessore e degli uffici tecnici provinciali. La segreteria non si trasferisce Soltanto la segreteria rimarrà al suo posto, per espressa richiesta della dirigente scolastica. «Sì, ci è stato chiesto che gli uffici potessero rimanere in viale XX Settembre. E noi abbiamo assecondato di buon grado tale desiderio perché i solai dell' ala di edificio in cui sono ospitati gli uffici sono realizzati in maniera diversa rispetto a quelli dove si è verificato il crollo», conclude l' assessore provinciale all' Istruzione. Intanto, emerge un precedente. Nel 1994 nella stessa stanza che oggi ospita il laboratorio linguistico si verificò un crollo del tutto simile a quello dei giorni scorsi. Forse, si sarebbe potuto fare tesoro dell' esperienza del passato. RIPRODUZIONE RISERVATA. 2

5 Pagina 21 Il Piccolo (ed. ) «Era meglio che la Gironcoli tacesse» Dura reazione di Romoli: «Puerile dare la colpa dell' incidente al Comune» «Donatella Gironcoli ha perso l' occasione per tacere, dimostrando di essere più preoccupata di scaricare le responsabilità (proprie) su altri che di affrontare con cognizione di causa i problemi». C' era da aspettarselo che le parole dell' assessore provinciale sulle presunte responsabilità del Comune scatenassero l' ira funesta del sindaco e assessore comunale ai lavori pubblici che replica così all' intervento della Gironcoli sul crollo del controsoffitto del liceo classico. «È incredibile la frenesia con cui, a tempo di record, si è precipitata a indicare subito alla stampa un possibile "colpevole", che non fosse l' ente di cui è assessore evidenzia Romoli, calcando la mano sui lavori commissionati 25 anni fa dal Comune di e mettendo in evidenza che la Provincia ha assunto la gestione dello stabile "solo" nel Probabilmente, non si è resa conto pienamente di quanto ha affermato, visto che dal momento in cui la struttura è stata ceduta in comodato gratuito alla Provincia, 17 anni fa, ogni responsabilità "di manutenzione ordinaria e straordinaria e di interventi di ristrutturazione, ampliamento e adeguamento alla normativa" è passata in carico alla Provincia stessa, come recitano sia la legge sia il contratto stipulato allora». Adesso continua il sindaco, non so da cosa è stato determinato il crollo e penso che, probabilmente, saranno necessari ulteriori accertamenti, ma se dovessi seguire l' esempio della Gironcoli l' accuserei di non aver fatto adeguati controlli in tutti questi anni sull' eventuale degrado della struttura. Preferisco però evitare polemiche inutili e senza senso, anche perchè di diatribe di questo genere i cittadini ne hanno piene le tasche e, inoltre, quale costrutto avrebbe? Mi dispiace, peraltro, che un problema di grande rilevanza come quello della sicurezza nelle scuole che vede in "trincea" gli enti locali di tutta Italia venga affrontato in termini di "scaricabarile" dall' assessore, anzichè di sinergia fra istituzioni come fatto in questi anni dal Comune di, mettendo in luce, come detto, più la voglia di allontanare responsabilità proprie che di affrontare seriamente le questioni sul tappeto». (fra.fa. ) 3

6 Pagina 21 Il Piccolo (ed. ) la STORIA. È da un secolo che il palazzo ospita il ginnasio L' attuale Liceo classico di viale XX settembre ha questa destinazione da un secolo esatto. Con l' anno scolastico , infatti, essendo ben 875 gli iscritti al Ginnasio, l' i.r. autorità scolastica decise di trasferire, in quello che era nato come Palazzo Formentini, i corsi ginnasiali in lingua tedesca e di lasciare in via Mameli (oggi Biblioteca) i corsi in italiano e in sloveno. Una scelta che sarà definitiva con risoluzione sovrana del 3 agosto Finito il conflitto, diverrà la sede del Liceo Ginnasio "Vittorio Emanuele III", intitolato a "Dante Alighieri" appena dopo la Seconda Guerra. Ma in origine era un' abitazione privata. A volerne la costruzione furono i fratelli Giuseppe ed Emilio baroni Formentini i quali, dopo l' apertura della strada che da Santa Chiara porta al ponte di Piuma, acquistarono quella vasta parte della proprietà Coronini rimasta separata dalla villa. Il 15 marzo 1861 comunicarono al Comune l' intenzione di erigere il palazzo, affidando la progettazione all' architetto Federico Fayenz. Tre giorni dopo, la commissione tecnica comunicò il proprio consenso al Municipio che fece trascorrere solo altri tre giorni per concedere il nulla osta! Il 18 febbraio 1863, dopo un anno di lavori, fu inaugurato con un ballo in maschera e descritto con ammirazione dai cronisti dell' epoca per il suo romantico aspetto esteriore e per l' eleganza degli interni caratterizzati da "magnifiche sale con dipinti, ornati e stucchi pregevoli". Lì ebbe luogo, nel 1869, la festa per il matrimonio di Giuseppe Formentini con Ernestina de Claricini, figlia di Alessandro che fu presidente del Tribunale nonché Podestà di. Fra gli invitati al ricevimento anche i de Gironcoli, avi dell' assessore provinciale Donatella. Nel 1872 fu completato il secondo sottoportico e gli scalpellini eseguirono la grande scalinata. Nel 1882 l' edificio fu dato in affitto per ospitare un albergo, attività redditizia nella cosiddetta "Nizza austriaca". Quindi, venduto, fu ancora per un ventina d' anni residenza privata. Fino alla decisione dell' Erario austriaco di acquistarlo nel 1912 per farne sede scolastica, come detto all' inizio. Ulteriori lavori, per "l' assetto definitivo del R. Liceo Ginnasio" furono effettuati dall' Ufficio Tecnico Municipale su progetto di Del Neri, nel Nel 1982 passa, quale bene patrimoniale, dallo Stato al Comune che, alla fine degli anni '80, ne affida la ristrutturazione all' architetto Giancarlo Marchi. I lavori, effettuati dall' Impresa Collodetto di Sacile, terminano nel 1991 e a luglio di quell' anno avviene l' inaugurazione. Stefano Cosma. 4

7 Pagina 35 Il Piccolo (ed. ) Stazione, 10mila euro dalla Provincia Il contributo concesso alla Pro loco di Fogliano per ristrutturare la stazione. FOGLIANO REDIPUGLIA Il direttivo della Pro loco di Fogliano Redipuglia è fortemente impegnato in questi giorni nella stesura e la preparazione degli atti da presentare all' approvazione ai soci, convocati in assemblea per la fine del mese. Molte le questioni sul tappeto e di estrema urgenza, specie per quanto riguarda la gestione organizzativa dell' associazione in vista al prossimo utilizzo istituzionale della Regia stazione di Redipuglia, gestione condivisa anche con l' associazione culturale "Clio" che si interesserà delle applicazioni del museo virtuale che sarà disponibile già dal mese di maggio. Una gestione che, però, si scontra con qualche difficoltà strutturale che in breve dovrà essere risolta, anche con il concorso di Rete Ferroviaria Italiana, finora comunque più che disponibile alla collaborazione. Con l' amministrazione comunale, interessata in primis alla convenzione, sono stati contattati anche diversi possibili sponsor istituzionali, enti pubblici e privati per far si che si attivino i lavori necessari per il funzionamento delle attività programmate, oltre che la conservazione generale di questo gioiello architettonico degli anni Venti. Un primo certo contributo di 10mila euro arriverà dalla Provincia di per l' azione di Carso 2014+, che si aggiungono ai 50mila messi a disposizione da "Terna Spa". Serviranno per un rapido e primo intervento alla struttura per poi agire con maggior tranquillità negli allestimenti. Altri hanno offerto il necessario arredo di prima entrata che permetterà l' inizio dell' attività nei tempi stabiliti e sicuramente in tempo per gestire la segreteria informativa degli eventi legati al primo centenario della Grande guerra, iniziando con il concerto per il ventennale dei "Sentieri di pace" del 21 marzo e il concerto di Riccardo Muti che si terrà il 6 giugno al Sacrario di Redipuglia. Altri punti caldi dell' assemblea saranno le gestioni del cimitero austro ungarico, attività che si sviluppa ormai da parecchi anni, della definitiva sede sociale, oggi ospitata gentilmente dalla Banca di credito cooperativo di Turriaco, del parco ricreativo di via San Michele, sul quale incombe l' abbattimento del cavalcavia ferroviario e la conservazione della Dolina dei Bersaglieri. Ma si parlerà anche dell' ufficio informazioni e assistenza turistica di via Redipuglia, la cui attività deve fare purtroppo i conti con un forte ridimensionamento del contributo previsto dalla Regione.(lu.pe. ) 5

8 Pagina 46 Il Piccolo (ed. ) èstoriabus si rimette in moto con quattro itinerari, l' Altipiano di Asiago, il Piave e la Bainizza sono le mete delle escursioni sui luoghi della Grande guerra. GORIZIA nella Grande guerra; L' altopiano di Asiago; Il Piave e i suoi sacrari; La Grande guerra sulla Bainsizza: sono i quattro appuntamenti proposti dall' associazione culturale èstoria nel secondo ciclo di escursioni sull' èstoriabus. Dopo il successo ottenuto dalle tre proposte presentate lo scorso autunno, i viaggi nel tempo ripartiranno il 15 febbraio. Lo scopo è sempre lo stesso: raccontare a un secolo dallo scoppio della Prima guerra mondiale i luoghi in cui vennero scritte alcune delle più importanti pagine di un conflitto che cambiò per sempre il modo di combattere e di percepire la vita e la morte. La prima tappa avrà come protagonista il capoluogo isontino. L' itinerario partirà dal sottopassaggio ferroviario di Piedimonte dove il giovane tenente Aurelio Baruzzi, prima di attraversare l' Isonzo e issare per primo in città il tricolore, l' 8 agosto 1916 da solo fece prigionieri i soldati austriaci che lì avevano trovato ricovero. L' escursione guidata da Lucia Pillon toccherà diversi monumenti goriziani e si concluderà con la visita del Museo della Grande guerra di Borgo Castello. Sabato 15 marzo l' èstoriabus porterà gli appassionati sull' altopiano di Asiago alla scoperta del sacrario militare e dei cimeli custoditi nel suo museo. Il commento sarà affidato a Pierluigi Lodi. Sarà invece Alberto Vidon a condurre il viaggio più lungo e allo stesso tempo più ricco di sorprese della rassegna: quello del 29 marzo lungo il fronte del Piave. I partecipanti saliranno fino alla Cima Grappa per visitare il famoso ossario "Nave del Grappa", quindi scenderanno fino a Fagarè della Battaglia passando prima da Nervesa (in caso di maltempo verrà effettuata una visita al museo di Fontigo). Il ciclo si concluderà il 12 aprile quando Marco Cimmino illustrerà sull' altopiano della Bainsizza l' undicesima battaglia dell' Isonzo. "Il grande 2014 è finalmente arrivato osserva Adriano Ossola, presentando la seconda parte del progetto realizzato in collaborazione con la Provincia di, Apt, Regione e Camera di Commercio. L' èstoriabus ha raggiunto i risultati sperati e l' anniversario che ci apprestiamo a celebrare crea una suggestione particolare". In questa seconda serie di viaggi gli escursionisti potranno partecipare anche al concorso fotografico "èstoriabus in un click". Per ogni itinerario è richiesta una quota di partecipazione di 10 euro. Prenotazioni: o 0481/ Continua > 6

9 Pagina 46 < Segue Il Piccolo (ed. ) Stefano Bizzi. 7

10 Pagina 8 Messaggero Veneto (ed. ) Primo sì alla riforma delle Province Approvata a maggioranza la norma che la prossima settimana andrà in Aula. Aumentano i consiglieri, ma senza paga. di Anna Buttazzoni wtrieste Una limatina al numero delle poltrone, un nuovo organismo e un sistema gratuito a metà. Pd e Cittadini accontentano gli alleati di Sel e portano in Commissione consiliare una norma ampiamente modificata sul sistema di voto delle Province. «Una nuova legge», per dirla con le parole del capogruppo di Fi Riccardo Riccardi, che ottiene il primo via libera e che da mercoledì 29 passerà al vaglio del Consiglio. È un primo passo, ma al centrosinistra e all' assessore alle Autonomie Paolo Panontin tocca ballare sotto le obiezioni e le critiche del centrodestra. Il M5S, invece, per ora non prende posizione, si astiene al momento del voto e deciderà quale atteggiamento assumere nei prossimi giorni. Sarà l' ente intermedio di Pordenone il primo a sperimentare il nuovo meccanismo di secondo grado, con esponenti provinciali eletti da sindaci e consiglieri comunali. Alla fine del Fino ad allora il presidente Alessandro Ciriani resta al suo posto. Tolte sei poltrone La riforma iniziale prevedeva un taglio netto dei posti in Consiglio provinciale. Solo Udine avrebbe mantenuto, e mantiene, le 30 attuali poltrone. Pordenone ha 30 eletti che dovevano diventare 20 ma passano invece a 26. è l' altra limatina perché da 24 consiglieri si doveva scendere a 10 e invece si sale a 22. Trieste, infine, si salva. L' ente non dimagrirà da 24 a 16 esponenti, perché le sedie restano 24. Alla fine, quindi, dalle attuali 108 poltrone si passa a 102. Per Sel le modifiche garantiscono rappresentanza. Per il centrodestra è solo confusione. L' Assemblea dei sindaci Questa no, non è stata una richiesta di Sel. Il nuovo organismo è stato pensato dopo una consultazione tra costituzionalisti, perché dopo le elezioni non tutti i territori di una provincia potrebbero essere rappresentanti. E allora viene prevista l' Assemblea dei sindaci, composta da tutti i primi cittadini della provincia (per Udine sarebbero appena 136) e che avrà il compito di esprimere un parere sul bilancio predisposto dalla giunta provinciale e sulle modifiche dello Statuto della Provincia ideato dal Consiglio. L' Assemblea avrà poteri propositivi, consultivi e di controllo e sarà guidata dal presidente della Provincia. Paga a presidente e assessori Il centrodestra in Commissione tenta un blitz. È Elio De Anna (Fi) a proporre la gratuità per tutti gli incarichi, per i consiglieri, i componenti l' Assemblea dei sindaci, il Continua > 8

11 Pagina 8 < Segue Messaggero Veneto (ed. ) presidente e gli assessori. Nelle perplessità di alcuni s' insinua Pietro Paviotti, capogruppo dei Cittadini, che propone siano gratis solo il ruolo di consigliere e componente l' Assemblea. «Il presidente e gli assessori spiega Paviotti avranno un compito non facile e di responsabilità, che è giusto retribuire». È quella la linea che passa. Sarà la giunta regionale a stabilire gli stipendi dei presidenti e degli assessori, esponenti di giunta che a Udine passeranno da 10 a 4, a Pordenone da 8 a 3, a Trieste da 7 a 3 e a da 6 a 2. Su quei numeri nessun balletto di cifre, nessuna modifica approvata. I sindaci che saranno eletti presidente o assessore dovranno optare tra l' uno e l' altro stipendio. Uffici e voto ponderale Il collegio provinciale sarà unico e alle elezioni concorreranno più liste. Con il nuovo sistema viene quindi istituito un ufficio elettorale provinciale e si prevede anche il voto ponderale. Un elettore di Udine, quindi, varrà più di uno di Martignacco, per fare un esempio. Il voto sarà segreto ma sindaci e consiglieri comunali in base alla popolazione avranno schede diverse le fasce per il calcolo del ponderale sono sei. Pordenone al voto a fine anno La finestra per il debutto del sistema è prevista per legge tra il 1º ottobre e il 30 novembre. Fino ad allora Ciriani resta in carica. Sarà la giunta a stabilire il giorno delle elezioni. La scadenza degli altri enti Sulla fine di Trieste, e Udine i consiglieri si dividono. Alcuni sostengono che le altre Province arriveranno alla scadenza naturale, altri che sarà la giunta regionale a stabilire le loro fine non appena il Parlamento darà l' ok alla legge di modifica dello Statuto. Sel ringrazia Giulio Lauri, capogruppo di Sel, è convinto che le Province vadano chiuse. Nel frattempo però plaude al nuovo sistema che garantisce rappresentanza a tutti. O meglio. Se per una strana congiunzione astrale nel 2016 le Province non saranno ancora sparite, a Trieste e il meccanismo varato ieri non farà sparire Sel. Il Pd incrocia le dita Lo dice il capogruppo democratico Cristiano Shaurli: «Questa è una norma transitoria che speriamo di non applicare mai. Ci auguriamo che il Parlamento approvi in fretta la nostra modifica statutaria, che elimina le Province». E allora perché tanto affanno per riscrivere la norma? Per non scontentare Sel. L' ira di Forza Italia Sbotta De Anna. «Il centrosinistra continua a dare prova di essere il partito della spesa e dell' inadeguatezza amministrativa. La riforma della riforma delle Province dice il forzista è solo una modifica della legge elettorale per le Province e un moltiplicatore di poltrone e quindi di spesa. Il Pd e il centrosinistra hanno gettato la maschera e non vengano più a parlarci di legge transitoria, di snellire i processi amministrativi e tagliare la spesa nell' interesse dei cittadini. L' unico interesse è moltiplicare le poltrone». annabuttazzoni RIPRODUZIONE RISERVATA LEGGI E COMMENTA SUL SITO 9

12 Pagina 24 Messaggero Veneto (ed. ) Crollo al liceo, trasloco per 165 studenti Le lezioni riprenderanno venerdì allo Slataper in via Diaz. Continua il monitoraggio di soffitti e controsoffitti. di Francesco Fain Ieri, era stato appena adombrato. Oggi, è ufficiale. Il Liceo classico "Dante Alighieri" rimarrà chiuso a tempo indeterminato, sino a quando non si definirà con certezza la natura del crollo che si è verificato all' interno del laboratorio linguistico. Le lezioni riprenderanno appena venerdì ma in una nuova location: allo Slataper di via Diaz. La decisione è stata presa nella tarda mattinata di ieri, dopo che i tecnici hanno concluso la prima fase di analisi e verifiche statiche. Oggi, si continueranno a monitorare tutti i soffitti e controsoffitti con grande scrupolo e attenzione. «Ripeto quanto detto ieri: in questi casi, l' eccesso di cautela non è mai sbagliato. Vogliamo vederci chiaro. Le operazioni di controllo sono state affidate a una ditta specializzata di Milano, sotto il coordinamento della nostra dirigente Lara Carlot», spiega l' assessore provinciale all' Istruzione, Ilaria Cecot. Il trasloco degli alunni. Ma cosa ha determinato il crollo? Per ora si possono formulare soltanto ipotesi perché la certezza arriverà solamente al termine dei monitoraggi. La più probabile parla di un difetto di fabbricazione delle pignatte del solaio. Sì, questa potrebbe essere la causa del cedimento, lo scorso weekend, del controsoffitto del laboratorio linguistico del liceo classico "Dante Alighieri". Un' ipotesi formulata dai tecnici che ieri hanno passato al vaglio l' intero soffitto del laboratorio, ma che anche quest' oggi proseguiranno il loro lavoro negli altri locali dell' edificio scolastico di via XX Settembre, per verificare (e, si spera, scongiurare) ulteriori cedimenti. I tecnici hanno anche parlato espressamente di «cedimento della parte di alleggerimento del solaio», vale a dire dello spazio tra una trave e l' altra. Trasferimento obbligato, dunque, per i 165 studenti del Classico e per i loro insegnanti (20 in tutto), i quali da venerdì verranno ospitati dallo Slataper di via Diaz. Uno spostamento che sta coinvolgendo anche la Provincia di, per il trasloco di banchi, sedie e cattedre dal liceo alla sede provvisoria. «Di fatto, le basi del trasferimento sono già state gettate aggiunge Ilaria Cecot, assessore provinciale all' Istruzione. Abbiamo effettuato anche un sopralluogo allo Slataper per verificare la disponibilità di spazi. Posso dire Continua > 10

13 Pagina 24 < Segue Messaggero Veneto (ed. ) che non ci sarà alcun problema di natura logistica. I 165 alunni e i 20 insegnanti troveranno spazi adeguati per l' attività didattica. Del resto, l' edificio di via Diaz è molto grande». Sino a quando il Liceo rimarrà ospitato in quella sede? «Per tutto il tempo necessario», la risposta dell' assessore e degli uffici tecnici provinciali. La segreteria non si trasferisce. Soltanto la segreteria rimarrà al suo posto, per espressa richiesta della dirigente scolastica. «Sì, ci è stato chiesto che gli uffici potessero rimanere in viale XX Settembre. E noi abbiamo assecondato di buon grado tale desiderio perché i solai dell' ala di edificio in cui sono ospitati gli uffici sono realizzati in maniera diversa rispetto a quelli dove si è verificato il crollo», conclude l' assessore provinciale all' Istruzione. 11

14 Pagina 24 Messaggero Veneto (ed. ) la polemica. Romoli: «Colpa della Provincia non scarichi le responsabilità» Si accende la polemica tra Comune di e Provincia dopo il crollo del controsoffitto al liceo classico di viale XX settembre. Ieri Ettore Romoli, sindaco del capoluogo isontino e titolare della delega ai lavori pubblici, è intervenuto per escludere qualunque responsabilità del Comune in merito a quanto accaduto, non risparmiando i toni critici nei confronti di Donatella Gironcoli, assessore provinciale con delega ad edilizia pubblica, scolastica e attrezzature. «L' assessore Gironcoli ha perso l' occasione per tacere, dimostrando di essere più preoccupata di scaricare le responsabilità, proprie, su altri che di affrontare con cognizione di causa i problemi replica il primo cittadino. È incredibile la frenesia con cui, a tempo di record, si è precipitata a indicare subito alla stampa un possibile "colpevole", che non fosse l' ente di cui è assessore, calcando la mano sui lavori commissionati 25 anni fa dal Comune di e mettendo in evidenza che la Provincia ha assunto la gestione dello stabile "solo" nel Probabilmente non si è resa conto pienamente di quanto ha affermato, visto che dal momento in cui la struttura è stata ceduta in comodato gratuito alla Provincia, 17 anni fa, ogni responsabilità di manutenzione ordinaria e straordinaria e di interventi di ristrutturazione, ampliamento e adeguamento alla normativa è passata in carico alla Provincia stessa, come recitano sia la legge sia il contratto stipulato allora». «Adesso continua il sindaco, non so da cosa è stato determinato il crollo e penso che, probabilmente, saranno necessari ulteriori accertamenti, ma se dovessi seguire l' esempio della Gironcoli l' accuserei di non aver fatto adeguati controlli in tutti questi anni sull' eventuale degrado della struttura. Preferisco però evitare polemiche inutili e senza senso, anche perché di diatribe di questo genere i cittadini ne hanno piene le tasche e, inoltre, quale costrutto avrebbe? Mi dispiace, peraltro, che un problema di grande rilevanza come quello della sicurezza nelle scuole che vede "in trincea" gli enti locali di tutta Italia venga affrontato in termini di "scaricabarile" dall' assessore, anziché di sinergia fra istituzioni come fatto in questi anni dal Comune di, mettendo in luce, come detto, più la voglia di allontanare responsabilità proprie che di affrontare seriamente le questioni sul tappeto». Piero Tallandini. 12

15 Pagina 25 Messaggero Veneto (ed. ) la NOVITÀ. Struttura ipertecnologica per i ragazzi I giovani goriziani potranno disporre, a breve, di una nuova struttura dove potersi confrontare e produrre progetti supportati dalle più moderne tecnologie: sarà inaugurato venerdì, infatti, il Centro di comunicazione multimediale giovanile, nella sede del Forum giovani provinciale a Palazzo Alvarez, realizzato dalla Provincia nell' ambito del progetto "Youth AdriNet". A partire dalle 16, oltre all' apertura del centro è stato pensato un variegato programma di attività. Dopo i saluti istituzionali e l' intervento degli esperti del progetto Youth AdriNet, ci saranno esibizioni di danza, un concerto, un buffet e alle 18, la proiezione di "AdriBus. A journey of bonds and borders". La sala sarà fornita di lettori digitali ed analogici in grado di gestire supporti e formati eterogenei, dispositivi e software per lo streaming "on demand" e "live". Non mancheranno amplificatori, diffusori, videoproiettori e videocamere, teli di proiezione, mixer audio e/o luci, cavi e connettori, microfoni, radiomicrofoni, telecomandi e altri accessori. La parte più "informatica" è costituita da quattro elaboratori Macintosh, due dei quali con tecnologia aggiornatissima e con dotazioni software tali da assicurare la produzione di materiale multimediale di qualità professionale. L' iniziativa si lega anche al convegno "Youth Adrinet opportunity day", che s' inizierà domani dalle 8.30 nella sala Europa dell' Isis Galilei con l' obiettivo di presentare varie azioni e opportunità, offerte dalle istituzioni e dedicate ai giovani delle associazioni locali che realizzeranno workshop sul "fundraising" (raccolta fondi), laboratori di progettazione europea, world café, incontri e la presentazione del progetto "Let' s go Europe". Emanuela Masseria. 13

16 Pagina 46 Messaggero Veneto (ed. ) èstoriabus. La Grande guerra ripercorsa da fino al Piave GORIZIA I viaggi dell' èstoriabus ripartono sulle tracce della Grande guerra e di «un anniversario che emoziona e che non tornerà piú». Cosí ha presentato ieri i nuovi itinerari Adriano Ossola, presidente dell' associazione èstoria, facendo riferimento al Centenario dallo scoppio del primo conflitto mondiale ma anche ai prossimi anni, durante i quali «l' attenzione sul tema, mediaticamente, è destinata a scemare». Il piede quindi spinge intanto sull' acceleratore dei bus storici supportati da Apt che, per la prima volta, verranno rivestiti «in forma filologico divertente» in modo che «grandi e piccoli viaggiatori si sentano parte della storia». Bisognerà però aspettare il 15 febbraio per avere un' idea precisa dell' estetica dei mezzi. Nel frattempo, è stata resa nota la seconda novità del progetto: il concorso a premi èstoriabus in un click, attraverso il quale si potranno mandare immagini per creare un archivio visivo delle escursioni. Per quanto riguarda invece gli itinerari di questa settima edizione dell' èstoriabus, (che sono parte del progetto Carso 2014+, promosso dalla Provincia di ), in tutto sono stati organizzati dieci percorsi storico culturali attraverso i luoghi della Prima Guerra Mondiale, per ricordarne battaglie e accadimenti che segnarono indelebilmente la nostra memoria collettiva. Tre i questi percorsi si sono già svolti nel 2013, quattro sono in programma per i prossimi mesi e i rimanenti tre saranno distribuiti nel corso della X edizione di èstoria a maggio. Il primo, dal titolo nella Grande Guerra si articolerà nel capoluogo isontino il 15 febbraio. Sabato 15 marzo l' èstoriabus proseguirà invece sull' altopiano di Asiago, sede di uno dei piú grandi sacrari militari italiani. Il Piave e i suoi immediati dintorni saranno invece la meta, sabato 29 marzo, del terzo itinerario Infine si potrà rivivere La Grande Guerra sulla Bainsizza sabato 12 aprile, con partenza alle 9. Come ha concluso Ossola, si tratta di «un turismo dai piccoli numeri e dalla grande attenzione», suscitata ormai anche in diverse regioni italiane. Emanuela Masseria RIPRODUZIONE RISERVATA. 14

17 21 gennaio 2014 messaggeroveneto.it Province, la commissione approva la riforma Favorevoli i consiglieri di Pd, Cittadini e Sel, contrari Fi, Ncd e Autonomia responsabile. Il M5S si astiene. Il disegno di legge in Consiglio a fine mese. TRIESTE. La V Commissione ha dato il via libera al disegno di legge per modificare il sistema di voto delle Province. Il testo è stato corretto dall' assessore alle Autonomie Paolo Panontin su richiesta di Sel, convinta che il vecchio documento togliesse rappresentanza territoriale e politica. Tra le novità è stata introdotta l' Assemblea dei sindaci, organismo che riunirà tutti i primi cittadini della Provincia e che dovrà esprimere un parere sui bilanci e sulle modifiche statutarie. Rispetto al primo testo è stato anche modificato il numero delle poltrone. Pordenone, la prima Provincia nel quale si applicherà il nuovo sistema di elezione degli esponenti provinciali da parte di sindaci e consiglieri comunali, passerà da 30 seggi a 26, mentre (al rinnovo nel 2016) scenderà da 24 a 22. Restano invariati i 24 posti a Trieste (al rinnovo nel 2016) e i 30 a Udine (2018). È anche stato introdotto il collegio unico provinciale, mentre i consiglieri e l' Assemblea dei sindaci lavoreranno a titolo gratuito. Il presidente e gli assessori invece avranno dei compensi che saranno stabiliti dalla giunta regionale. La norma è passata con i voti del centrosinistra, mentre il M5S ha deciso di astenersi, ma prenderà posizione al momento del voto in Consiglio. Molto critico il centrodestra che bolla la riforma come elettorale e costosa. Il disegno di legge dovrà essere approvato dall' Assemblea regionale a fine mese. RIPRODUZIONE RISERVATA. 15

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA

REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO A ROMA Il presente regolamento disciplina le modalità di costituzione del Partito Democratico nelle realtà territoriali della città di Roma. Si prevedono

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee

Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee Rif. : 2002-D-54 Orig.: FR Versione : IT Direttive per le escursioni didattiche ed i viaggi scolastici organizzati per gli alunni dei cicli materno e primario delle Scuole Europee Consiglio Superiore delle

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 - L Associazione L Associazione GIOVANI BANCA di CREDITO COOPERATIVO Giuseppe Toniolo (GIOVANI

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI CALVENE. Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CALVENE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 44 DEL 29.11.2012 INDICE Art. 1 FINALITA Art. 2 COMPETENZE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Sommario. Bentornata Preside.pag. 2. L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3. Lo ha letto per noi...pag.

Sommario. Bentornata Preside.pag. 2. L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3. Lo ha letto per noi...pag. Gennaio 2010 Sommario Bentornata Preside.pag. 2 L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3 Lo ha letto per noi...pag.4 Cronaca sportiva pag. 5 Finalmente una lezione interessante.

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CONSORZIO CAMÙ. 10/03/2015 Foglio 1. 9 Marzo 2015 ore 18:34 Cagliari Capitalia italiana Cultura 2015: in arrivo un milione di euro

RASSEGNA STAMPA CONSORZIO CAMÙ. 10/03/2015 Foglio 1. 9 Marzo 2015 ore 18:34 Cagliari Capitalia italiana Cultura 2015: in arrivo un milione di euro Pagina Cagliari 9 Marzo 2015 ore 18:34 Cagliari Capitalia italiana Cultura 2015: in arrivo un milione di euro Il Ministero della Cultura ha infatti stanziato finanziamenti pari a 1 milione di euro per

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 ssmellon@scuole.pr.it www.itcmelloni.it ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA & NEWS

RASSEGNA STAMPA & NEWS RASSEGNA STAMPA & NEWS Per iscriversi basta inviare una mail con oggetto si rassegna specificando che si acconsente al trattamento dei propri dati personali esclusivamente per le finalità di comunicazione

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana

Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Regolamento Finanziario del Partito Democratico della Toscana Art. 1 Validità Il presente Regolamento è approvato dalla direzione regionale. Le norme in esso contenute sono in attuazione degli statuti

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 23 26 marzo 2015 26/03/2015 Gazzetta di Modena Pagina 9 Confcommercio: le opportunità del franchising 1 26/03/2015 La Nuova Prima Pagina Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

con il patrocinio di presenta CI. vuole un LOGO bando di concorso per l ideazione del logo della Cittadella dell Edilizia Premessa

con il patrocinio di presenta CI. vuole un LOGO bando di concorso per l ideazione del logo della Cittadella dell Edilizia Premessa con il patrocinio di MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Ufficio VII - Ufficio scolastico di Venezia Via A.L. Muratori,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

MAI PIU. A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace. nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015

MAI PIU. A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace. nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015 MAI PIU A 100 anni dalla prima guerra mondiale Meeting di pace nelle trincee della Grande Guerra 17-18 aprile 2015 Un'intera nottata, buttato vicino a un compagno massacrato ho scritto lettere piene d'amore

Dettagli

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI

INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI INTERVENTO 8 -ACCESSO BENE PATRIMONIALE - L'ATTIVITÀ DI PANIFICAZIONE NEI VILLAGGI In questa azione il concetto di accesso a un bene patrimoniale viene esteso ad una più ampia valorizzazione della vita

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 133 Prot. 26378//2014 adottata nella seduta del 24 settembre 2014

PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE. VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 133 Prot. 26378//2014 adottata nella seduta del 24 settembre 2014 PROVINCIA DI GORIZIA GIUNTA PROVINCIALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 133 Prot. 26378//2014 adottata nella seduta del 24 settembre 2014 alla quale partecipano i Signori: GHERGHETTA Enrico Presidente P ČERNIC

Dettagli

VISTO ildecreta legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO ildecreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

VISTO ildecreta legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO ildecreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; MOO. 247. VISTA la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante "Disciplina dell' attivita di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri", e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo

Dettagli

UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO

UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO UN IMMAGINE PER INVITO A PALAZZO Concorso per l individuazione di una immagine grafica per i supporti di comunicazione dell evento. Concorso riservato agli studenti delle Accademie d Arte e degli Istituti

Dettagli

XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015.

XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015. Mura delle Cappuccine, 33 16128 GENOVA tel. 010.591598 XXIV incontro annuale delle giornate italo-austriache per la pace. Genova, 23-24 maggio 2015. Da oltre venti anni si celebrano in Europa le giornate

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Milano, 14 ottobre 2013 Lunedì 14 ottobre 2013 alle ore 21,00 si è tenuto nei locali della Scuola Primaria F. e T. Fabbri, il primo incontro dell

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE)

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) 1) USCITE ORARIO Le uscite orario sono per lo più finalizzate ad eventi culturali e sportivi.

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA LA SOCIETA COOPERATIVA C.S.C. ANYMORE ED IL COMUNE DI CALCIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA BIBLIOTECA

Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA LA SOCIETA COOPERATIVA C.S.C. ANYMORE ED IL COMUNE DI CALCIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE TRA LA SOCIETA COOPERATIVA C.S.C. ANYMORE ED IL COMUNE DI CALCIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE E DEI SERVIZI CULTURALI-

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 La celebrazione del matrimonio, come regolato degli art.101 e 106 e seguenti del Codice Civile, è attività istituzionale garantita.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI ASCIANO - PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 79 del 28 Ottobre 2014) Art. 1 - Oggetto Art.

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

ISTITUTO PARITARIO TERESIANUM

ISTITUTO PARITARIO TERESIANUM ISTITUTO PARITARIO TERESIANUM Corso Vittorio Emanuele II, 126 35123 Padova Tel. 049 8803122 Fax: 049 8800047 e-mail: presidenza@teresianumpadova.it web: www.teresianumpadova.it Verbale n. 87 In data 1/12/2014,

Dettagli

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI

UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Milano, 3 Novembre 2014 UBICAZIONE DEL LICEO MUSICALE G. VERDI IN VIA SAN MARCO E COMPATIBILITÀ CON IL PIANO DI STUDIO DEGLI ALLIEVI: PROBLEMI RILEVATI Uno dei più grandi punti di forza del Liceo Musicale

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma

Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma 1 Regolamento finanziario del Partito Democratico Città di Roma Articolo 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l attività economica, finanziaria e patrimoniale del Partito Democratico

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Como

La Biblioteca Comunale di Como La Biblioteca Comunale di Como Progetto Alternanza scuola-lavoro Liceo Classico Alessandro Volta 23 gennaio 8 febbraio 2012 Classe II^ F studenti: Elena Guerci, Martina Morreale Biblioteca Comunale di

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

GELMINI E TREMONTI: 8 MILIARDI IN MENO ALLA NOSTRA SCUOLA

GELMINI E TREMONTI: 8 MILIARDI IN MENO ALLA NOSTRA SCUOLA GELMINI E TREMONTI: 8 MILIARDI IN MENO ALLA NOSTRA SCUOLA I governi di destra hanno fatto cassa tagliando per anni proprio in questo settore vitale; noi, al contrario, investiamo sulla scuola per ottenere

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

08-MAR-2013. www.coobiz.it

08-MAR-2013. www.coobiz.it 08-MAR-2013 www.coobiz.it 08-MAR-2013 www.freeonline.org 04-APR-2013 www.avedisco.it 16-APR-2013 www.novaratoday.it 16-APR-2013 www.novaratoday.it 18-APR-2013 www.lodinotizie.it Nelle scuole primarie

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013 Dalle Province alle Città metropolitane Firenze 22 ottobre 2013 1 Il caos del Disegno di legge del Governo: una legge in attesa di Il Disegno di Legge sulle Città metropolitane riscrive le leggi su queste

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 127

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA. Registro delibere di Giunta N. 127 COPIA Città di Latisana Provincia di Udine VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Registro delibere di Giunta N. 127 L anno 2013 il giorno 06 del mese di NOVEMBRE alle ore 12:00, nella Residenza Municipale

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 2 L. 196/97 Art. 17. Approvazione del Regolamento istitutivo del Dispositivo di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche (DAFORM). LA VISTO il documento istruttorio

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: Estense.com Vigarano, ecco il nuovo polo scolastico Paron: Scelta la data dell'11 settembre per riprenderci il futuro di Federica Pezzoli Vigarano Mainarda. Quello

Dettagli

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative

Mattinate FAI per la scuola, in collaborazione con il MIUR. Obiettivi delle iniziative Iniziative didattiche Delegazione di Roma a.s. 2012/2013 Obiettivi delle iniziative Ampliare la conoscenza del FAI e delle sue iniziative attraverso un coinvolgimento diretto di studenti e corpo docenti.

Dettagli

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti

Il nostro paese. Incontro con Collegio Docenti Il nostro paese Incontro con Collegio Docenti Concorezzo, 28 Ottobre 2015 1 L Archivio Storico (ASC) Via S.Marta 20 Concorezzo www.archiviodiconcorezzo,it mail: info@archiviodiconcorezzo.it L Archivio

Dettagli

Leggere la riforma Sostenere i diritti

Leggere la riforma Sostenere i diritti Leggere la riforma Sostenere i diritti La scheda di analisi dei provvedimenti del Governo a cura della Uil Scuola 1 Con l anno scolastico 2015/2016 entra in vigore per alcune parti importanti la legge

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese.

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. + z. www.co.camcom.gov.it Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. Le adesioni sono aperte fino al 10 gennaio 2013. ART. 1

Dettagli

per una cultura dell integrazione

per una cultura dell integrazione la newsletter dell accoglienza per una cultura dell integrazione a Villafranca di Verona INAUGURAZIONE NUOVI SPAZI PARROCCHIALI DEDICATI ALLE ASSOCIAZIONI DI VILLAFRANCA 14 NOVEMBRE: conclusi i lavori

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli