Curriculum Vitae. Date of birth November , San Daniele del Friuli (UD), Italy.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum Vitae. Date of birth November 04 1983, San Daniele del Friuli (UD), Italy."

Transcript

1 Curriculum Vitae Personal information First name / Surname Ilan Boscarato Address Via Visinale 50, 33092, Fanna (PN), Italy Telephone(s) Mobile: Nationality Italian Date of birth November , San Daniele del Friuli (UD), Italy. Gender male Desired employment / Occupational field Research and development Work experience 2011-present r Post doc in Catalysis Department of Chemical and Pharmaceutical Sciences of the University of Trieste Activity: Development and testing of industrial oxidation catalysts for both stationary and marine sector. Analysis of exhausts emissions of marine engines according to IMO Code, Marpol Resolution 14 for the certification of NOx emissions. Certification of emissions were performed on engines of Moby Lines ships PhD Student. Department of Chemical and Pharmaceutical Sciences of the University of Trieste Research activities: a) Development and testing of catalysts for the abatement of the pollutants generated from marine engine within the Ecomos project, The research was carried out in cooperation with Fincantieri s.p.a. and Cetena s.p.a. and the project was aimed at the development of a pollution control device for marine engines. It included both pilot plant (2MW) and besides laboratory studies. b) Efficiency of a SCR catalyst (cooperation with Wartsila s.p.a. Italy) Emissions of a W 6L26 were tested to assess the efficiency of and urea SCR installed downstream. The results are proprietary (reference Ing. Grosso, Wartsila italia S.p.A.) c) Development of tailored porous materials. Collaboration with Nanoxer s.r.l. in the investigation and production of thermal insulators based on aerogel like nanomaterials (The results are proprietary, Nanoxer s.r.l.). Other experiences Tutor in General Inorganic Chemistry and Organic Chemistry

2 Department of Chemical Sciences of the University of Trieste Employed for the Chemshow project for the diffusion of the chemistry on the first and secondary school Department of Chemical Sciences of the University of Trieste 2004 Employed as chemist in an analysis laboratory. APPA Trento. Certified water an food analysis Seasonal worker in summer. Segata s.p.a food industry. Education and training 2001 Stage in food analysis laboratory. Segata s.p.a food industry PhD degree in Chemistry. Department of Chemical and Pharmaceutical Sciences of the University of Trieste. Final Mark 110/110 ( Supervisor Prof. Jan Kaspar, Thesis:. Integration of Catalytic Technology into Marine Engine Pollution Abatement System XXXVIII National Congress of Inorganic Chemistry, presentation Summer school on "Second generation bio-fuels" in Bologna Summer school in catalysis " From catalyst to process: principles, strategies and fashions" in Siena Passed the national exam to become a member of the Italian Order of Chemists Senior degree in chemistry. Final mark:110/110 with praise. Department of Chemical and Pharmaceutical Sciences of the University of Trieste. Thesis: Ossidazione preferenziale di CO in presenza di idrogeno catalizzata da CuO supportato su ossidi misti di ceria e zirconia ( Preferential oxidation of CO in the presence of Hydrogen catalized by CuO over Ceria and Ceria/zirconia mixed oxides). Publications Junior degree in chemistry. Department of Chemical and Pharmaceutical Sciences of the University of Trieste Final mark:110/110 with praise. Thesis: Estrazione di proteine da pianto della vite (Esctraction of proteins from Vitis Vinifera limph) Secondary-school diploma in industrial chemistry. Final mark: 100/100. Experimental work on the management of a micro plant for waste water treatment. This work involved both chemical, biological and industrial knowledge, chemical and biological analysis were performed each days while industrial chemistry was needed for the optimization of waste water flows, air inlet, stirring and recirculation factors. F.Orlando, R.Larciprete,P. Lacovig, I.Boscarato, A.Baraldi, S.Lizzit, Epitaxial Growth of Hexagonal Boron Nitride on Ir(111) The Journal of Physical Chemistry. Submitted.(2011) 2010 N.Hickey, I.Boscarato,J.Kaspar, L.Bertiletti, M.Botavina, G.Martra, Effect of the support on activity of silver catalysts for the selective reduction of NO by propene, Applied CatalysisB: Environmental 100(1-2) 2010, pp Personal skills

3 and competences Mother tongue(s) Italian Other language(s) English Computer skills and competences MS office, Linux (basic). Technical skills and competences Chromatography, MS, UV-.Visible spectroscopy, IR, gas analysis instruments calibration, catalyst activity study by using ramped tests and isothermal test in simulated pure gas mixtures, catalytic study under real conditions using monolithic catalysts, project and realization of certified gas dividing system. ESPERIENZE E COMPETENZE PERSONALI Di seguito sono descritti gli aspetti del lavoro di ricerca del candidato con particolare focus, ai sensi del bando, su aspetti di progettazione e prototipazione e di ricerca industriale. Il lavoro è stato svolto lungo le seguenti linee: 1) TEMATICHE DI RICERCA AFFRONTATE a. Sistemi integrati di abbattimento di emissioni da motori marini b. Progettazione e realizzazione di linea analitica per analisi di emissioni da motori marini (NOx code compliant) ed analisi di processi industriali c. Ossidazione preferenziale di CO in presenza di idrogeno catalizzata da CuO supportato su ossidi misti di ceria e zirconia. d. Collaborazione con Nanoxer per la realizzazione di pannelli termoisolanti e. Sintesi di borazina per generazione di monolayer di strutture grafene-like. f. Purificazione di proteine da pianto della vite 2) PUBBLICAZIONI a. Pubblicazioni b. Contributi a convegni 1.a) Sistemi integrati di abbattimento di emissioni da motori marini Il lavoro di ricerca è stato svolto durante il periodo di dottorato di ricerca ed è inquadrato nell ambito del progetto ECOMOS, che prevedeva lo sviluppo di un sistema integrato di abbattimento di emissioni da motori marini. In particolare, il sistema sviluppato è basato su un reattore catalitico che ha la funzione di promuovere l abbattimento di gas esausti e, contemporaneamente, modificare la loro composizione ai fini di promuovere l assorbimento degli inquinanti in un unità di post trattamento dei gas localizzata a valle del catalizzatore a base di scrubber. Lo studio si è evoluto in più fasi ed ha portato allo sviluppo di un sistema di analisi mobile per certificazione delle emissioni e alla costruzione di 2 impianti pilota, uno su scala di laboratorio ed uno in scala reale. -La prima fase ha riguardato l analisi del problema che si poneva, abbattere gli inquinati prodotti da motori diesel marini, valutando quali tecnologie fossero già disponibili, quali potessero essere le innovazioni e quali fossero le richieste del mercato. Le tecnologie disponibili erano quelle utilizzate nel settore automobilistico e dall industria terrestre. In particolare i sistemi utilizzati dall industria automobilistica risultavano interessanti perché caratterizzati da bassi ingombri legati alle alte capacità di conversione ma al contempo hanno bassa capacità di tollerare specie note come veleni ed in particolare lo zolfo, elemento di cui sono particolarmente ricchi i combustibili marini in

4 quanto derivano da scarti della distillazione del petrolio. Per quanto riguarda invece le soluzioni adottate dall industria terrestre a fronte di una elevata stabilità richiedono di disporre di volumi molto grandi a causa della più bassa attività. Si è quindi optato per una soluzione ibrida che prevedeva l utilizzo di un catalizzatore di tipo ossidante che ossidasse tutte le specie inquinanti presenti, in particolare gli NO x seguito da un unità di trattamento ad umido dei fumi costituita da uno scrubber in grado di rimuovere simultaneamente NO x, SO x e PM. -successivamente sono stati studiati, mediante test micro catalitici facenti uso di miscele modello, diversi catalizzatori a base di platino che differivano per composizione e proprietà di tessitura del supporto. Il lavoro ha richiesto lo studio e la realizzazione di un micro impianto sperimentale adatto allo scopo. Durante il lavoro si sono rese necessarie delle modifiche all impianto, ed in particolare la realizzazione di un condensatore separatore in grado di condensare e separare i prodotti acidi formatisi in fase di catalisi al fine di prevenirne la deposizione all interno degli analizzatori. Ciò avrebbe potuto causare la perdita di funzionalità degli stessi. Lo studio ha portato all individuazione di un catalizzatore avente caratteristiche di attività ottimali per lo scopo prefissato, si quindi proceduto con la seconda fase sperimentale. Lo studio in primis ha permesso di definire le caratteristiche dei catalizzatori da utilizzare sugli impianti pilota e dato le prime indicazioni della loro resistenza all avvelenamento da alto tenore di zolfo, tipico dei carburanti marini. Inoltre, è stato evidenziato un interessante fenomeno di reattività indotta dal catalizzatore e osservata solamente alle condizioni particolati usate nel presente lavoro (alto contenuto di SO x ) che favorisce condensazione di prodotti di reazione tra NO x e SO x con conseguente aumento dell efficacia della rimozione di NO x. -Una volta individuato il catalizzatore ottimale si è proceduto alla realizzazione di una impianto sperimentale su scala di laboratorio composto di un motore endotermico diesel e di una sezione di trattamento fumi. La sezione di trattamento fumi è composta di una sezione catalitica e di una sezione composta da uno scrubber ad umido in cui gli inquinanti vengono abbattuti mediante l utilizzo di acqua marina sintetica. L impianto è dotato di un sistema multi prelievo per l analisi continua dei gas prima e dopo ogni unità di trattamento. La realizzazione dell impianto ha richiesto la scelta di una motore avente dimensioni e potenza sviluppata idonee all alloggiamento in un laboratorio chimico, la costruzione di una prima camera insonorizzata per l alloggiamento del motore e in una fase successiva di una seconda camera insonorizzata per l alloggiamento delle sezioni di trattamento dei gas di scarico. L impianto comprende inoltre 2 serbatoi di stoccaggio e preparazione dell acqua marina sinantetica. La costruzione ha richiesto inoltre la realizzazione di tutti i circuiti idraulici necessari all alimentazione dello scrubber. L impianto sperimentale ha subito successive modifiche che sono state utilizzate nella terza fase della ricerca. L impianto è stato dotato di sistemi automatici di regolazione dei flussi, di monitoraggio delle temperature e dei gas di scarico. Lo scrubber ha richiesto la modifica delle unità di trattamento fumi e abbattimento particolato, nel primo caso si è reso necessario procedere alla sostituzione dei piatti forati corrosi dalla salsedine e dai gas di scarico con piatti forati in acciaio inossidabile 316 mentre nel secondo caso al fine di ridurre le contropressioni al motore si è dapprima provveduto ad una aumento della sezione del venturi scrubber e successivamente all installazione di una ventola di estrazione fumi. Le misure sperimentali condotte sull impianto da laboratorio hanno permesso di verificare la funzionalità del catalizzatore a base di Pt/Al 2 O 3 nell ossidazione di NO a NO 2 e il contemporaneo abbattimento di CO, HC e particolato, utilizzando anche carburante ad alto contenuto di zolfo (1-2%). Sono state misurate le velocità specifiche di reazione in funzione della tipologia del carburante e del regime del motore. I dati ottenuti hanno permesso di dimensionare un catalizzatore reale che è stato montato sull impianto pilota assemblato (Figura 1), in collaborazione con la Fincantieri ed il Cetena nel cantiere di Riva Trigoso. Tale impianto pilota è stato estensivamente sperimentato con una serie di misure della durata di 2 mesi ca., dimostrando l efficacia di abbattimento di NO x, SO x, CO, HC e PM su un motore di

5 potenza 1.5 MW. In particolare, sono state ottenute conversioni di SO x e NO x superiori rispettivamente a 95% e 40%. Figura 1. Posa in opera del catalizzatore progettato e dimensionato sulla base dei risultati sperimentali ottenuti sull impianto pilota da laboratorio. 1. b) Progettazione e realizzazione di linea analitica per analisi di emissioni da motori marini (NO x code compliant) ed analisi di processi industriali Parallelamente al progetto ECOMOS si è proceduto alla progettazione e alla costruzione di un treno di analisi mobile dotato di strumenti certificati per analisi di NO x secondo la procedura IMO (International Marrittime Organization, NO x code) in grado di operare in modalità certificata al di fuori del laboratorio. Tale treno ha subito diverse modifiche conseguenti alle osservazioni fatte sul campo consentendo così la realizzazione di misure esterne nell ambito di misure di certificazione condotte in collaborazione con la Moby Lines. Il sistema è stato anche utilizzato nell ambito di un progetto di ricerca industriale condotto in collaborazione con Wartsila Italia dedicato allo sviluppo di sistemi DeNOx a base di SCR con urea. I risultati di tale studio sono soggetti a segreto industriale.

6 Figura 2. Lo schema e la realizzazione del treno analitico mobile per analisi di fumi da motori marini secondo il protocollo IMU NOx code. 1.c) Ossidazione preferenziale di CO in presenza di idrogeno catalizzata da CuO supportato su ossidi misti di ceria e zirconia. Il lavoro svolto durante la tesi specialistica ha riguardato lo studio di catalizzatori a base di ossidi di rame per la purificazione di idrogeno. Il problema si inquadra nel più ampio problema

7 dell identificazione di nuove fonti energetiche alternative al petrolio, ed in particolare l idrogeno è un vettore energetico di forte interesse per l utilizzo nelle celle a combustibile. Allo stato attuale, l idrogeno è generato a partire dagli idrocarburi mediante un processo di ossidazione parziale /steam reforming che produce una miscela di idrogeno avente una concentrazione relativamente elevata di CO che non ne permette l utilizzo diretto nelle celle a combustibile. E necessario quindi purificare la miscela utilizzando, in sequenza,la reazione di scissione del gas d acqua (Water gas shift reaction) che permette di abbassare il tenore di CO al di sotto di 2-3% seguita da una ossidazione selettiva di CO (preferential CO oxidation, PROX) che ha lo scopo di abbassare la concentrazione di CO a livello di ppm, ossidando selettivamente CO, minimizzando l ossidazione dell H 2 presente. Industrialmente, tale reazione è catalizzata da catalizzatori a base di platino e vi è quindi l interesse ad individuare sistemi alternativi privi di metallo prezioso. E stato condotto uno studio di reattività di catalizzatori a base di ossido di rame (II) supportati su ossidi a base di cerio e ossidi misti di cerio-zirconio. Lo studio, realizzato in un micro-reattore a flusso è stato effettuato operando sia in condizioni transienti, in rampa di temperatura, che in condizioni isoterme in modo da simulare i processi di accensione/spegnimento e regime stazionario. Poiché lavori precedenti hanno dimostrato una correlazione tra le proprietà redox dei supporti contenenti CeO 2 sono stati studiati anche supporti soggetti a trattamenti di etching che hanno dimostrato proprietà redox promosse rispetto a supporti convenzionali come riscontrato con la tecnica di riduzione a temperatura programmata (TPR). Sono state utilizzate diverse miscele di reazione per identificare l effetto di ciascuna componente sull attività e selettività dei vari catalizzatori, oltre all effetto della natura del supporto e della carica del rame supportato. 100 CO conversione (%) Temperature ( C) Figura 3. Conversione CO su 1%Cu/Ce 0.2 Zr 0.8 O 2 : ( ) 1%CO, 1%O 2 ; ( ) simple prox (1%CO,1%O 2,50%H 2 in Ar); ( ) dry prox (1%CO,1%O 2,, 5% CO 2, 50%H 2 in Ar); ( ) full prox (1%CO,1%O 2,, 5% CO 2, 5% H 2 O, 50%H 2 in Ar). GHSV h -1. I risultati hanno permesso di ottenere indicazioni sul ruolo sul ruolo dei vari parametri di processo dove, come illustrato in Figura 3 si nota l effetto disattivante dell aggiunta dell acqua e dell anidride carbonica alla miscela di reazione sull attività del catalizzatore, particolarmente significativo per quest ultimo componente. Ciò è attribuibile alla formazione di carbonati sulla superfice che parzialmente disattiva i siti superficiali attivi, soprattutto a bassa temperatura dove risulta operante un meccanismo di reazione di Mars van Krevelen che coinvolge i siti redox del catalizzatore/supporto. Diversamente, a temperature superiori a 200 C, è operante un meccanismo di reazione di tipo Langmuir-Hinshelwood sui site del rame per cui la disattivazione può essere

8 minimizzata: di fatto, l aggiunta di H 2 O alla temperatura di 250 C promuove la velocità di reazione suggerendo un ruolo promozionale della WGSR. I test hanno comportato l utilizzo di tecniche di analisi gas cromatografiche e di chemiluminescenza, la modifica e riprogettazione di un sistema di miscelazione per gas compressi. 1.d) Collaborazione con Nanoxer per la realizzazione di pannelli termoisolanti Nell ambito della collaborazione con Nanoxer, spin-off dell Università di Trieste, indirizzata allo sviluppo di sviluppo di materiali nanostrutturati per isolamento termico, si è proceduto alla progettazione e realizzazione di pannelli isolanti di dimensioni 100 x 50 x 2 cm, da applicare nelle porte antifuoco nel settore marino. Tale progetto è condotto in collaborazione con la Fincantieri e ha previsto, tra l latro, la messa a punto di metodologie di deposizione di gel sul blanket su scala preindustriale. Pannelli compositi preparati con la metodologia sviluppata sono stati, recentemente, utilizzati nelle prove a fuoco presso l industria del settore e confrontati con pannelli a base di materiali convenzionali. Gli esperimenti hanno dimostrato la fattibilità della riduzione dello spessore della porta di circa 20-30%,ponendo così le basi per la progettazione di una porta antifuoco innovativa con uno spessore unitario, indipendente dalla classe di resistenza al fuoco. 1.e) Sintesi di borazina per generazione di monolayer grafene-like Durante il lavoro di tesi di dottorato si è anche realizzata una collaborazione presso SINCROTRONE Trieste che prevedeva la produzione/ sintesi di borazina da utilizzare nella produzione di monolayer di nitruro di boro su cristalli di iridio (111). Sono state messe a punto metodologie di sintesi, purificazione e dosaggio in condizioni controllate. L interesse della ricerca è legato alla possibilità di preparare layer isostrutturali a grafene che presentino buona stabilità termica e siano dotati di proprietà elettriche diverse. In specifico, i layer di nitruro di boro presentano proprietà isolanti e si pongono quindi quali materiali complementari al grafene per la costruzione di device nanoelettronici. 1.f) Purificazione di proteine da pianto della vite Il lavoro di ricerca è stato svolto nell ambito della tesi triennale ed ha riguardato la purificazione e caratterizzazione di proteine da pianto di vite affetta da mal dell esca. Lo scopo del lavoro è stato quello di identificare dopo purificazione se nel pianto della vite fossero presenti proteine appartenenti alle specie nocive alla pianta. Il risultato ha dimostrato che la maggior parte delle proteine presenti appartenevano alla pianta stessa mentre non è stato possibile identificare alcuna proteina appartenente ad una delle muffe che causano la malattia. Il lavoro ha richiesto l utilizzo di tecniche analitiche e di separazione che prevedevano l utilizzo di HPLC, Flash Cromatografia, elettroforesi e separazione dimensionale mediante membrane semipermeabili. 2.a) Pubblicazioni - Orlando, F., Larciprete, R., Lacovig, P., Boscarato, I., Baraldi, A., Lizzit, S. Epitaxial growth of hexagonal boron nitride on Ir(111) (2012) Journal of Physical Chemistry C, 116 (1), pp Hickey, N., Boscarato, I., Kašpar, J., Bertinetti, L., Botavina, M., Martra, G. Effect of the support on activity of silver catalysts for the selective reduction of NO by propene (2010) Applied Catalysis B: Environmental, 100 (1-2), pp Kaspar, J. Boscarato, I. Hickey, N. Natura, origine, impatto degli inquinanti atmosferici dovuti a processi di combustione e aspetti legislativi. (2008) Quaderni CETENA, Novembre 2008, numero 2 2.b) Contributi a convegni.

9 N.Hickey, I.Boscarato and J.Kašpar, Advanced solutions for the pollution abatement from the ships cruising the motorways of the sea, 5th International Conference on Environmental Catalysis, Belfast, 31st August to 3rd September N.Hickey, I.Boscarato and J.Kašpar, Advanced solutions for the pollution abatement from the ships cruising the motorways of the sea, 9th EUROPACAT Biannual International Conference of European Federation of Catalysis Societies, Salamanca (Spain), 30th August to 4th September 2009 I.Boscarato, N.Hickey and J.Kašpar, NO and SO2 simultaneous catalytic oxidation, Scuola di Catalisi GIC, Dal Catalizzatore al processo: Principi, catalizzatori e mode, Pontignano (SI), 3-6 novembre Jan Kašpar, Ilan Boscarato, Neal Hickey, Metodologie catalitiche per l abbattimento degli inquinanti dei motori a combustione in La Nave e l'ambiente: Controllo e Riduzione delle Emissioni", II Giornata di Studio CETENA, Trieste, 10 Giugno I. Boscarato, N. Hickey, J. Kašpar, L. Bertinetti, M. Botavina and G. Martra, Support effects on the activity of silver catalysts for the selective reduction of NO by propene, XXXVIII Congresso Nazionale di Chimica Inorganica, Trieste, settembre 2010.

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M

C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M Personal information Name Address E-mail FRANCESCA BIONDI DAL MONTE VIA E. FERMI N. 2-56021 CASCINA (PISA) f.biondi@sssup.it Place and date of birth

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Milano 09 Aprile 2008 Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Ing. S. Zannier WtE Unit Manager Tabella di confronto rifiuti RSU CDR * P.C.I. tal quale (MJ/kg) Frazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO

NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63 RESIDENZA: via Ugo Foscolo n 18-00040 Castel Gandolfo - (Rm) STATO CIVILE: Separato SERVIZIO Via Ugo Foscolo 18 Castel Gandolfo - Marino - Roma Tel.: 3351572723 e-mail fbusico@inwind.it CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI NOME: Fabio COGNOME: Busico LUOGO DI Roma NASCITA: DATA DI NASCITA: 11/08/'63

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects Il colore Mapei nel progetto The Mapei colour in the project Effetti Estetici Decorative Effects Marmorino Marmorino Effetto Classico Marmorino Classical Effect Effetti Estetici Decorative Effects 3 Applicazione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org

L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi. info@novares.org L'applicazione dei nanomateriali alle superfici esterne e nelle camere del profilo in PVC: finalità e obiettivi Enrico Boccaleri, Ph.D.,, Leonardo Maffia, Ing., Ph.D.,, Giuseppe Rombolà, Ph.D. info@novares.org

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività

02. Alta Riflettività. Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività 02. Alta Riflettività Sistemi autoadesivi ad alta riflettanza ed emissività Alta riflettanza ed emissività si traducono in un maggior risparmio energetico e di denaro, oltre che in un applicazione sicura

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli