LE INFILTRAZIONI MAFIOSE NELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI. I CASI DI MILANO E DI MONZA E BRIANZA. UN MODELLO DI ANALISI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE INFILTRAZIONI MAFIOSE NELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI. I CASI DI MILANO E DI MONZA E BRIANZA. UN MODELLO DI ANALISI."

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE, ECONOMICHE E SOCIALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE SOCIALI PER LA RICERCA E LE ISTITUZIONI LE INFILTRAZIONI MAFIOSE NELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI. I CASI DI MILANO E DI MONZA E BRIANZA. UN MODELLO DI ANALISI. Tesi di Laurea di: Patrizia Parma Relatore: Prof. Fernando Dalla Chiesa Correlatore: Dott.ssa Martina Panzarasa Anno Accademico 2012/2013

2 INDICE INTRODUZIONE pag. 3 CAPITOLO 1 Evoluzione del rapporto delle organizzazioni mafiose con la politica Mafia, ndrangheta e camorra: specificità e caratteri comuni pag. 9 All origine delle infiltrazioni mafiose nei Comuni: la funzione ancillare pag. 13 La trasformazione del rapporto tra mafia e politica: dalla funzione ancillare al rapporto paritario pag. 22 L arrivo dei mafiosi a Milano pag. 31 CAPITOLO 2 Lo scioglimento dei Consigli Comunali per infiltrazioni mafiose La nascita della normativa sugli scioglimenti: teorie sociologiche di riferimento pag. 39 Analisi degli scioglimenti: andamento temporale, distribuzione geografica e colore politico pag. 46 Le cause di scioglimento e il modello dei motivi di scioglimento pag. 55 CAPITOLO 3 L infiltrazione mafiosa sommersa a Milano e nei Comuni della provincia di Monza e della Brianza: i fatti di cronaca Il caso del Comune di Milano pag. 64 Gli eventi nei Comuni della provincia di Monza e della Brianza pag. 83 Il caso del Comune di Monza pag. 145 CAPITOLO 4 Dai fatti di cronaca al modello di infiltrazione nelle Amministrazioni Comunali di Milano e di Monza e Brianza La colonizzazione della Lombardia: analisi dell affermazione della ndrangheta al Nord pag. 159 Il ruolo delle Amministrazioni Comunali nel processo di colonizzazione del Nord: la convergenza pag. 171 Analisi della convergenza come sintomo di devianza e politiche di contrasto pag. 181 CONCLUSIONE pag

3 INTRODUZIONE Esistono almeno quattro elementi che toccano, a vario titolo, il rapporto tra mafia e governo locale e che vengono proposti dal sociologo Vittorio Mete. In primo luogo, il tema della sicurezza dei cittadini: malgrado i morti ammazzati di matrice mafiosa siano all ordine del giorno, spesso con vittime del tutto innocenti, la minaccia alla tranquillità e alla sicurezza nelle nostre città è proiettata verso l esterno, verso i diversi, e in particolare gli immigrati. Il secondo elemento riguarda il peso crescente che il settore privato assume nel campo dei servizi pubblici locali. In particolare il prolificare di società a prevalente o a totale partecipazione pubblica, pone nuove questioni alla governance delle nostre città: la gestione nell erogazione di servizi fondamentali per i cittadini secondo logiche insieme pubbliche e private, rendendo il governo locale un centro di potere che fa gola a coloro che hanno parecchio denaro da investire. Un terzo aspetto riguarda la dilagante disaffezione politica, che tuttavia non riguarda i sindaci e gli amministratori locali: contrariamente agli altri uomini politici ed ai partiti, gli amministratori locali sono infatti percepiti come soggetti non troppo distanti dalla nostra realtà. Pertanto allontanare l attenzione dal governo locale, significa disinteressarsi in generale del rapporto tra cittadini e politica, già particolarmente compromesso. Infine, in tempi in cui tutte le forze politiche si proclamano federaliste, stupisce il fatto che vi sia una scarsissima attenzione alla concreta minaccia mafiosa verso l autonomia degli enti locali. 1 La recente esplosione dell epidemia del fenomeno di infiltrazione mafiosa nei Comuni, nel senso di una sua espansione territoriale, ci spinge ad interrogarci sull esistenza di schemi mafiosi di attacco alle fortezze dei Comuni, reiterati nel tempo e nello spazio. I Comuni d altra parte sono l istituzione più radicata nella storia del nostro paese: l Italia è difatti uno Stato fortemente caratterizzato dalla preminenza storica dell istituzione Comuni, che in molti casi non solo preesiste, ma è molto più 1 V. METE, Fuori dal Comune. Lo scioglimento delle amministrazioni locali per infiltrazioni mafiose, Bonanno, Catania 2009, pp

4 antica dello Stato attuale e delle istituzioni statuali che l hanno preceduta. In un certo senso, anzi, lo Stato si è affermato contro le autonomie locali, feudali e sociali. 2 Tale preminenza è riconosciuta anche dalla Costituzione della Repubblica Italiana, quando all articolo 5 recita che La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell'autonomia e del decentramento. In realtà, con l unificazione, il nuovo Stato italiano estende agli enti locali di tutta la penisola la legge già vigente nel Regno di Sardegna (la legge 23 ottobre 1859, n. 3702, c.d legge Rattazzi ): lo Stato italiano ha così, all origine, carattere decisamente accentrato. I comuni, pur essendo istituzioni di gran lunga più antiche non solo del neonato Regno ma anche degli Stati preunitari, vengono posti sotto stretta tutela statale, sia attraverso il controllo prefettizio sugli atti e sugli organi, sia mediante la nomina governativa dei sindaci. Soltanto i consiglieri venivano eletti dai cittadini maggiorenni in possesso dei diritti civili e di alcuni requisiti di censo, mentre gli assessori che formavano la giunta erano nominati dal consiglio comunale. La prima breccia nel rigido centralismo è stata aperta dalle riforme crispine del , le quali intervenivano sul tema del rapporto centro-periferia con una nuova legge di ordinamento degli enti locali. Presidenti delle province e sindaci delle città maggiori (con popolazione superiore ai abitanti) diventavano cariche elettive; nel 1896, la legge Di Rudinì avrebbe poi esteso a tutti i comuni l elettività degli organi esecutivi. L avvento del fascismo segnava invece un deciso passo indietro nel lungo cammino per l emancipazione delle autonomie in molti enti locali: la legge 4 febbraio 1926, n. 237, infatti rendeva nuovamente di nomina governativa le cariche di vertice degli enti locali: il Sindaco democraticamente eletto veniva così sostituito dal podestà. I consigli comunali venivano trasformati in consulte con funzioni, appunto, consultive, perdendo la loro qualità di organi elettivi; la scelta dei lori membri veniva attribuita in parte al Prefetto e in parte ai sindacati e alle associazioni locali (poi alle corporazioni). Il testo unico del 1934 (R.D. 3 marzo 1934, n. 383) sanciva 2 SCHILARDI C., Governo degli enti locali e gestioni commissariali, in Quaderni SSAI, 2011, pp

5 e contemplava il quadro così tracciato. Gli enti stessi, non più realmente autarchici, venivano definiti come ausiliari dello Stato. Al crollo del fascismo, nel 1943, una serie di decreti luogotenenziali cancella rapidamente dall ordinamento le disposizioni più lesive delle autonomie contenute nel T.U. del 1934, con particolare riferimento all elettività degli organi politici, che riprendono le vecchie denominazioni (Sindaco, presidente, giunta e consiglio). La Costituzione inoltre, con uno storico cambiamento di rotta rispetto alla tradizione accentratrice, sancisce tra i suoi principi fondamentali il riconoscimento delle autonomie locali. Si afferma così in Italia, un peculiare modello di Stato, che non è federale, poiché la Repubblica resta una e indivisibile (art. 5, comma 1), ma è comunque improntato al massimo rispetto per le autonomie locali. I principi costituzionali hanno trovato non poche resistenze nella loro pratica attuazione. Soltanto nel 1990, a quattro decenni di distanza dall emanazione della Costituzione, viene approvata una legge organica di riforma degli enti locali, che attua i principi costituzionali in materia. Fino a quel momento l ordinamento locale era incongruamente ancora disciplinato dal T.U. del La Legge 8 giugno 1990, n. 142, quando finalmente vede la luce, si presenta particolarmente innovativa, introducendo, tra l altro, il riconoscimento dell autonomia statutaria dei Comuni, sia pure con uno spazio di autodeterminazione non particolarmente ampio. L autonomia democratica locale è stata poi rafforzata dalla legge 25 marzo 1993, n. 81 che ha introdotto l elezione diretta dei sindaci. Recentemente, con la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 di riforma del titolo V della Costituzione, le norme in materia di autonomie locali sono state quasi integralmente riscritte. L articolo 114, che apre il titolo V, oggi chiaramente afferma che la Repubblica non si riparte ma è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato, elencati così, in ordine inverso rispetto al testo previgente della stessa norma. Questo ordine di elencazione non è casuale, ma si collega al principio di sussidiarietà, che viene ora costituzionalizzato dall articolo 118, integralmente riscritto: Le funzioni amministrative sono attribuite ai Comuni salvo che, per assicurarne l esercizio unitario, siano conferite a Province, Città metropolitane, Regioni e Stato, sulla base dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza. 5

6 Con la riforma del titolo V della Costituzione dunque, i Comuni sono posti in una posizione di assoluta preminenza rispetto alla struttura centrale dello Stato, la quale viene concepita esclusivamente in una posizione ausiliaria rispetto agli enti locali. In questo contesto di supremazia attribuita agli enti locali, l influenza della criminalità organizzata di tipo mafioso sulle amministrazioni locali, diventa un fenomeno preoccupante e di rilevanza assoluta. In particolare, la mafia cerca di incidere sull organo politico delle amministrazioni locali poiché questo detiene il monopolio degli obiettivi dell ente locale. Ma esiste anche un ulteriore modifica dell ordinamento degli enti locali che ha portato come corollario diretto la possibilità di infiltrazioni e condizionamenti, non solo nei confronti degli attori politici, ma anche a carico dell apparato amministrativo dei Comuni: la riforma che ha portato alla separazione di funzioni tra politici e dipendenti amministrativi. Un primo passo in questo senso era già stato fatto con l approvazione degli artt. 51 e 53 della Legge 8 giugno 1990, n. 142, che avevano difatti introdotto le prime riserve di competenze a favore dei c.d. responsabili dei servizi, cioè i funzionari o impiegati (nei piccoli enti) cui fanno capo i servizi di maggior rilievo (tecnico e contabile), attribuendo loro, fra l altro, il compito di esprimere pareri tecnici sulle deliberazioni giuntali e consiliari. La completa separazione di funzioni fra politici e amministrativi, con attribuzione a questi ultimi di poteri autonomi, sarebbe intervenuta, con il D.Lgs. 25 febbraio 1995, n. 77, anticipatore della Legge 127/97 (c.d. legge Bassanini bis ), che ha riformato la finanza locale secondo criteri moderni improntati all efficienza, all economicità e all efficacia dell azione amministrativa, con la previsione di un piano esecutivo di gestione, di competenza della giunta comunale, che dispone annualmente l attribuzione delle risorse, non soltanto finanziarie ma anche strumentali e umane, ai responsabili di servizio. Si realizza così pienamente il modello di distinzione dei compiti fra politica e amministrazione: l organo di indirizzo politico esecutivo specifica gli obiettivi dell azione amministrativa e ne assegna le risorse ai funzionari i quali, poi, perseguono i risultati attesi in piena autonomia. La trattazione che segue vuole cogliere il rischio di infiltrazione mafiosa a cui sono soggetti i Comuni di Milano e della provincia di Monza e della Brianza, partendo 6

7 dall elaborazione di un modello sociologico delle cause di scioglimento, predisposto sulla base dell esperienza dei Comuni che hanno già subito il provvedimento di scioglimento forzoso del consiglio comunale da parte del governo per intervenute infiltrazioni di stampo mafioso. Anzitutto, dopo aver proposto un inquadramento generale delle caratteristiche condivise e delle rispettive specificità delle singole organizzazioni mafiose, verrà affrontato il tema dell evoluzione delle relazioni tra mafia e politica (capitolo 1). Lo sviluppo di questo rapporto sarà tale da rendere necessaria la nascita di una normativa che preveda lo scioglimento dei consigli comunali e provinciali per causa di mafia, unica al mondo (capitolo 2). Nel capitolo 2 verranno analizzati l andamento temporale, la distribuzione geografica e il colore politico degli scioglimenti per infiltrazione mafiosa e si individuerà un modello dei motivi di scioglimento, che verrà impiegato ai singoli Comuni come strategia d azione ai fini dell individuazione di aree di vulnerabilità al loro interno. In particolare nel capitolo 3 si prenderanno in considerazione i fatti di cronaca che hanno riguardato i Comuni di Milano e della provincia di Monza e della Brianza e si scoprirà l esistenza del pericolo di condizionamenti mafiosi. Infine nel capitolo 4 si offrirà una possibile spiegazione della conquista da parte delle organizzazioni mafiose, in particolare della ndrangheta, di pezzi della società settentrionale (secondo il modello vincere in trasferta elaborato dal professor Dalla Chiesa ), individuando nella corruzione dei politici e dei pubblici funzionari la linfa da cui la pianta mafiosa trae la sua forza vitale e riconducendo la convergenza che unisce i politici e i funzionari pubblici ai mafiosi alle teorie di studio sulla devianza. A questo punto verranno indicate possibili politiche di contrasto. 7

8 Alcune vicende riportate in questa analisi riguardano procedimenti giudiziari che, in alcune occasioni, sono ancora in attesa di giudizio definitivo. In tal caso i protagonisti di queste vicende giudiziarie sono da considerare innocenti fino a giudizio definitivo. In altri casi verranno riportate frequentazioni da parte di politici, seppur non rilevanti penalmente, quantomeno inopportune e da cui le organizzazioni mafiose traggono la loro forza. Al di fuori della rilevanza penale dei comportamenti, i fatti accertati senza dubbio (quali intercettazioni ambientali, testimonianze di alta attendibilità, etc.) costituiscono riferimento empirico per la descrizione e la comprensione della realtà sociale studiata nella presente tesi. 8

9 CAPITOLO 1 Evoluzione del rapporto delle organizzazioni mafiose con la politica 1 Mafia, ndrangheta e camorra: specificità e caratteri comuni Storicamente, le principali organizzazioni criminali italiane, mafia, ndrangheta e camorra, nascono in contesti molto diversi, soprattutto per via del differente contesto sociale ed economico in cui vengono alla mondo, diretta conseguenza delle diverse caratteristiche orografiche dei territori di origine. La mafia nasce negli ampi spazi della Sicilia Occidentale (in particolare nelle province di Palermo, Trapani, Agrigento, Caltanissetta e Enna), dove il sistema del latifondo si presenta più forte. A seguito delle riforme promosse durante il periodo di dominazione borbonica, tra il XVIII e il XIX secolo, al latifondo di stampo feudale succede il vasto latifondo, condotto su basi famigliari o capitalistiche: le terre ex - feudali sono messe in vendita e vengono ricomprate solo da chi ha i mezzi necessari per coltivarle. Il crollo del sistema feudale, che da impulso al processo di privatizzazione delle terre, favorisce così lo sviluppo della proprietà borghese. Il fondo, quasi mai è abitato dal ricco proprietario, in genere aristocratico, che preferisce la vita di città lasciandone la cura al gabellotto, il quale pertanto fa le veci del proprietario. Il gabellotto locale, che rappresenta una prima versione del mafioso, gestisce quindi il latifondo per conto del proprietario e gli assicura che venga garantito l ordine, anche usando violenza, nella delicata fase di transizione dal feudalesimo al capitalismo. La camorra si afferma invece nei quartieri degradati della città di Napoli, dove i camorristi sono dei mercenari i cui servigi vengono utilizzati anche per garantire l ordine pubblico. La nascita della camorra viene comunemente collocata a inizio Ottocento, ma è indubbio che già nei secoli precedenti a Napoli si sviluppa e prospera una malavita organizzata: i soldati del vicerè spagnolo che occupano Napoli dal XVI secolo importano in città i metodi di violenza e di sopraffazione della Guardugna, una sorta di confraternita cavalleresca nata e diffusa in Spagna e capace di influenzare gruppi di potere legale nella vita politica spagnola. 9

10 Ma la camorra nasce ufficialmente nel 1820 come associazione segreta, con il nome di Bella Società Riformata : storicamente pertanto è la prima organizzazione mafiosa a fare il proprio ingresso sul palcoscenico criminale. E sin dalle sue origini la politica si è servita della camorra: dapprima i camorristi, costretti nelle carceri in rapporti di contiguità con i detenuti politici, vengono usati dai Borbone come spie per combattere i movimenti rivoluzionari liberali. Poi sono i liberali, consapevoli della necessità di costruire un sistema di alleanze più largo per poter sconfiggere i Borbone che pensano di rivolgersi alla camorra. E ancora è Salvatore Maniscalco, nominato Ministro della Polizia borbonica che volle servirsi dei malandrini per combattere il malandrinaggio 3 per ricostruire l ordinamento gravemente compromesso dalla rivoluzione liberale del E poi, durante il passaggio dal regno dei Borbone all arrivo di Garibaldi, Liborio Romano, ministro di polizia del regno di Napoli e nominato Prefetto da Cavour per il traghettamento dai Borbone ai Savoia, affida alla camorra il compito di mantenere l ordine pubblico nella fase di transazione all unità d Italia. La camorra, che a differenza della mafia si afferma dunque dentro al degrado urbano, non rappresenta dunque un fenomeno di potere, ma un fenomeno popolare, che vive e si struttura dentro la vita delle zone più degradate della città, garantendo l ordine nel disordine sociale, con una funzione di mediazione tra società e politica. La mafia invece non era formata da bande di straccioni o di diseredati, di disperati o di nullafacenti, ma era qualcosa di molto più complesso e variegato in grado di tessere relazioni politiche fino al punto di diventare uno strumento di governo locale. 4 E infine la ndrangheta: essa nasce nell estremo lembo della penisola italiana, in una regione povera attraversata da splendide catene montuose, ma poco ospitali, che sono state da sempre un formidabile ostacolo alla viabilità, agli scambi commerciali tra una località e l altra della stessa regione ed allo sviluppo economico. Il territorio della Calabria è stato abitato da una serie vastissima di popoli antichi, tra i quali i Bruzi erano riconosciuti come una piccola potenza in rapida ascesa: la loro prerogativa era quella di continuare a svilupparsi come civiltà autonoma e 3 G. FALZONE, Storia della mafia, Flaccovio, Palermo 1984, p E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p

11 conquistatrice e ciò li spinse all ostilità verso Roma, dato che non si sottomisero mai del tutto. Proprio per il loro comportamento gli antichi abitanti della Calabria furono accompagnati da giudizi sprezzanti e poco lusinghieri: i romani erano soliti chiamarli furfanti, predoni, uomini malvagi. 5 Da questi fatti così lontani si è affermata, lungo i secoli, una memoria storica che ha rappresentato la Calabria e i suoi abitanti con tratti pesantemente negativi. Durante il periodo di dominazione borbonica, dal periodo che va dal sovvertimento della feudalità all unità d Italia, in Calabria gli spanzati 6 aumentano sempre di più: gli spanzati sono i bravacci, coloro che commettono ogni sorta di bricconeria rimanendo impuniti. A quel tempo questi ndranghetisti erano presenti in piccoli luoghi, villaggi e frazioni che superavano di poco i mille abitanti: in quei posti c era fame, miseria e abbandono. Le popolazioni vivevano isolate: i paesi erano vicini, ma separati da fiumare, colline, valloni, gole e dirupi che inesorabilmente li dividevano. 7 E in questi luoghi, dove lo Stato è lontano, che a livello familiare nasce la ndrangheta. E ancora oggi la cellula base di questa organizzazione criminale è la ndrina, la famiglia criminale di appartenenza. Anche se le sue origini sono così tanto radicate nel corso della storia, il termine ndrangheta e soprattutto la sua percezione a livello politico, culturale e sociale sono alquanto recenti: nel 1982, quando viene introdotto l articolo 416 bis del codice penale che ha previsto il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso, la ndrangheta è rubricata tra le altre associazioni comunque localmente denominate. La versione originaria dell articolo infatti recitava: Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alla camorra e alle altre associazioni, comunque localmente denominate, che valendosi della forza intimidatrice del vincolo associativo perseguono scopi corrispondenti a quelli delle associazioni di tipo mafioso. Allora ancora nel 1982 la ndrangheta era ritenuta un appendice, un residuo. 8 5 E. CICONTE, Ndrangheta, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p. 6 6 E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p E. CICONTE, Ndrangheta, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p N. DALLA CHIESA, M. PANZARASA, Buccinasco, la ndrangheta al Nord, Einaudi, Torino 2012, p. 5 11

12 Bisognerà aspettare sino al 2010, per l aggiunta delle parole alla ndrangheta al testo dell art. 416 bis. In generale, quella descritta è la situazione che si presenta in Sicilia, Campania e Calabria al momento dell unità d Italia. Ma già prima dell unità si deve registrare un mutamento generalizzato dei caratteri della criminalità qui presente: da criminalità episodica, di piccoli gruppi, sembra essere maturata una criminalità a tempo indeterminato, dotata di proprie regole e in grado di diventare criminalità organizzata. La struttura organizzativa di questa criminalità organizzata ha però delle sue specificità per ognuna delle singole consorterie criminali. Grazie alle rivelazioni di Tommaso Buscata a Giovanni Falcone, si scopre che al vertice della mafia c è la Cupola: gli esponenti della Cupola sono nominati dai mandamenti suddivisi per provincia. La Cupola ha una funzione di governo effettivo dell organizzazione. L organizzazione della ndrangheta ci viene invece svelata dall operazione Crimine del 2010: nella ndrangheta assistiamo ad uno sdoppiamento delle funzioni di autorità. C è infatti un autorità centrale di tipo morale, che ha la funzione di custode dell ortodossia dell organizzazione e che sta a San Luca (piccolo comune di circa abitanti in provincia di Reggio Calabria), poi ci sono le ndrine, cioè famiglie che possano contare almeno su una decina di affiliati, che godono di una loro autonomia, ma che comunque devono rispettare la madrepatria. L unione di più ndrine su un determinato territorio origina un Locale, che deve avere a sua volta almeno una cinquantina di affiliati. Un insieme di Locali origina poi un mandamento. In particolare al vertice dell organizzazione, detto Crimine o Provincia, rispondono tre mandamenti: Centro (il più importante, con Reggio Calabria), Ionica e Tirrenica. Quindi la ndrangheta non è più un insieme di cosche largamente autonome tra loro: come un tempo Cosa nostra, la criminalità calabrese si è data una cupola, retta da un capo supremo. La camorra, che nel contesto urbano si è affermata come delinquenza di quartiere strutturata, ancora oggi continua a rimanere un pulviscolo di clan di varia 12

13 grandezza, ma senza una struttura di coordinamento centrale, anche se il clan dei Casalesi rappresenta oggi una vera e propria organizzazione criminale paragonabile a ndrangheta e Cosa nostra, seppur rimanga profondamente radicata nella storia del suo territorio in provincia di Caserta. Diverse sono quindi le origini territoriali, economiche e sociali delle principali organizzazioni criminali italiane, che si riflettono in differenti strutture organizzative. Pur tuttavia esiste un modello mafioso condiviso, che si esprime attraverso alcuni elementi comuni, che convivono insieme in quanto componenti indispensabili per la vita delle organizzazioni. Un primo elemento è anzitutto il controllo del territorio, esercitato attraverso il radicamento e la conoscenza, i rapporti di parentela e amicali e una fitta rete di relazioni che vengono coltivate anche attraverso l investimento in pubblici esercizi come bar, ristoranti, discoteche. Funzionale al controllo del territorio è la costruzione di un complesso di rapporto di dipendenza personale, che permette di esercitare un forte condizionamento ambientale, anche grazie un sistema di raccomandazioni usate in tutti i campi. E ancora diventa elemento vitale per l organizzazione di stampo mafioso la violenza come suprema regolatrice dei conflitti. Ma indispensabile al modello mafioso è altresì l esistenza di rapporti organici con la politica, necessari per mantenere l anomalia di due Stati nello stesso territorio, coltivare relazioni e ottenere risorse pubbliche, giudiziarie e informative. Così, già tra la fine dell 800 e l inizio del 900, con lo sviluppo del processo di democratizzazione, in Meridione le organizzazioni criminali coltivano rapporti con uomini politici ai quali sono in grado di assicurare un certo numero di voti. 2 All origine delle infiltrazioni mafiose nei Comuni: la funzione ancillare Siamo allora al momento dell unità d Italia in Sicilia, Campania e Calabria. Con l affermazione dello Stato unitario, ma soprattutto in conseguenza del processo di democratizzazione del diritto di voto, diventa di primaria importanza per i partiti 13

14 di notabili conquistare le masse: e in Italia lo si fa anche attraverso i mafiosi, i quali riescono così a infiltrarsi nelle istituzioni. A quei tempi, la base dell elettorato amministrativo era il censo, cioè il pagamento di una imposta attinente ai servizi locali. Ma dopo il 1865 il suffragio si andava sempre più allargando, anche se il diritto al voto era ancora riservato ai soli maschi: il corpo elettorale che nel 1880 era di , nel 1882 raggiungeva la ragguardevole cifra, per l epoca, di Con il nuovo secolo alle porte, s infittiva la lotta di nuovi ceti emergenti nel mondo delle professioni e del commercio con l obiettivo di scalzare le classi dirigenti che avevano fatto l unità e avevano governato nei decenni successivi. In quel periodo il candidato non aveva dietro di sé il sostegno di un partito politico strutturato e organizzato: 10 siamo ancora ai partiti di notabili. Il politico quindi poteva contare solo sulla sua rete di relazioni familiari e personali, sulle reti di clientele. Il potere amministrativo era il terreno di scontro che vedeva protagoniste le famiglie e i personaggi di spicco di quella realtà. Tanto più forte era la competizione e lo scontro personale e familiare, tanto più grande era la necessità di procurarsi voti con qualunque mezzo, anche con il prezioso aiuto del mafioso. La mafia in particolare ha avuto da sempre uno stretto rapporto con il potere politico, dimostrando anche di sapere influire sugli equilibri di governo, decisiva come è stata nel passaggio dalla Destra alla Sinistra storica nel Essa aveva anche contato sulla aperta simpatia di ben due capi del governo di origine siciliana: Francesco Crispi (simbolo della Sinistra storica, anche se garante degli interessi agrari con la tariffa protezionistica del 1887, feroce repressore dei Fasci siciliani negli anni novanta) e Vittorio Emanuele Orlando (già presidente del Consiglio della vittoria della prima guerra mondiale, che nel 1925 durante un comizio elettorale argomentava: Or vi dico, signori, che se per mafia si intende il senso dell onore portato fino all'esagerazione, l insofferenza contro ogni prepotenza e sopraffazione, portata sino al parossismo, la generosità che fronteggia il forte ma indulge al debole, la fedeltà alle amicizie, più forte di tutto, anche della morte. Se per mafia si intendono questi sentimenti, e questi atteggiamenti, sia pure con i loro 9 E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p

15 eccessi, allora in tal senso si tratta di contrassegni individuali dell anima siciliana, e mafioso mi dichiaro io e sono fiero di esserlo!). 11 Dallo studio di Antonino Cutrera sulla mafia e i mafiosi in Sicilia apprendiamo che É spesso nelle loro mani [dei mafiosi] l esito di una elezione, e perciò è a loro che si raccomandano i candidati, di qualunque colore politico, mettendo a loro disposizione la borsa. Qualche volta il candidato può anche essere un antico e devoto amico della mafia. In questo caso gli amici si offrono di appoggiare la candidatura con entusiasmo e disinteresse. 12 Nessuno è libero di votare nella contrada, invece tutti debbono votare per il candidato o per i candidati che sono portati dal capo, il quale appoggia quelli che più promettono, tranne il caso che il candidato stesso non sia uno dei protettori, allora tutti votano per lui con entusiasmo, perché oltre ad essere un onore per i picciotti avere a proprio rappresentante una persona a cui sono devoti, è pure conveniente, nei loro interessi, di avere un amico al consiglio comunale, al consiglio provinciale ed anche al Parlamento nazionale e ancora Infatti nelle borgate vicino Palermo, o nei sobborghi, ove la mafia è più forte e meglio organizzata, che in tutti gli altri comuni della Sicilia, nelle elezioni si hanno proclamazioni all unanimità o quasi. É precisamente per questo motivo che il potere governativo si è servito, sino a pochi anni addietro, della mafia nelle elezioni, quando si è interessato del risultato delle elezioni, perché era certo di avere una forza elettorale compatta, sulla quale poteva contare con sicurezza, perché quando la mafia promette, adempie e dal tempo in cui le borgate furono autorizzate ad eleggere i propri rappresentanti al consiglio comunale, i mafiosi di alcune di esse hanno mandato per loro rappresentanti i capi della mafia. E qui, per mostrare l attaccamento e la devozione dei picciotti verso i loro rappresentanti, cade opportuno riportare il seguente episodio elettorale: in una delle tante borgate che fan corona alla città di Palermo, fu eletto, nelle ultime elezioni amministrative a consigliere comunale il capo mafia della contrada. Allora 11 N. DALLA CHIESA, La convergenza. Mafia e politica nella Seconda Repubblica, Melampo, Milano 2010, pp A. CUTRERA, La mafia e i mafiosi. Origini e manifestazioni. Studio di sociologia criminale, A. Reber, Palermo (1900) p. 53 in 12.html 15

16 i suoi elettori in segno di devozione ed ammirazione, gli offersero un orologio d oro con relativa catena, comprato a spese dei picciotti. 13 Ma la storia è ricca di altri episodi che testimoniano la storica infiltrazione dei mafiosi nelle amministrazioni locali: nel luglio del 1872 si dovette fare il rinnovamento del quinto dei consiglieri dell amministrazione comunale di Bagheria, e la nuova associazione di mafiosi, ch era sorta in Bagheria, per la prima volta s impegnò nella lotta elettorale, e riuscì a far risultare come sindaco il notaio Castronovo, persona di carattere accensibile, cedevole alle pressioni, e capace di dare appoggio ai tristi elementi. Per gli stessi maneggi furono pure eletti consiglieri, e nominati poscia assessori Scaduto Gioacchino e Speciale Francesco, aderenti alla nuova associazione della quale pure faceva parte il consigliere Scaduto Onofrio. 14 Anche se nei comuni di altre province siciliane la situazione non era compromessa così tanto, qua e là c erano segni preoccupanti come segnalavano le relazioni inviate tra il 1884 e il 1888 dal Prefetto di Trapani e di Caltanissetta. Ma pure a Napoli emergevano nei comuni episodi simili. In un passaggio dell articolo Memorie di Camorra pubblicato dal quotidiano Il Mattino dell 11 settembre 1998 con firma dell allora presidente della Camera Luciano Violante si legge: Basterebbe ricordare quanto evidenziato nel secondo volume dell edizione del 1901 (p.570/commissione Saredo), ove si denuncia che, dal 1895 al 1900, la gestione del pubblico denaro speso dal Comune di Napoli non è stata mai deliberata dal Consiglio Comunale. Al di la delle distrazioni di fondi in favore di precise clientele politico-affaristiche che tali bilanci rivelano, va colta in questo fatto l esistenza di governo assolutamente estranea al principio di legalità nell amministrazione che si configura con l autentico terreno di coltura per ogni possibile convivenza e connivenza con le pratiche criminali camorristiche. L inchiesta Saredo ricordata da Violante aveva avuto origine da un vero e proprio scandalo che era scoppiato a Napoli alla fine del XIX secolo e che aveva avuto ampie ripercussioni sul piano nazionale, ovvero la polemica nata tra il periodico socialista La Propaganda e l on. Casale, deputato crispino, accusato di pratiche clientelari e camorristiche. 13 Ibid., pp Ibid., pp

17 Bersagli principali delle accuse de La Propaganda erano stati il sindaco Celestino Summonte e appunto l on. Casale, entrambi, secondo il giornale, sostenuti dalla camorra. Anche il direttore de Il Mattino, Edoardo Scarfoglio era finito nel mirino del quotidiano socialista, che aveva parlato della triade Casale-Summonte- Scarfoglio come punta di un iceberg corrotto di funzionari, politici e amministratori. La polemica era sfociata in un clamoroso processo per diffamazione intentato dal deputato nei confronti del giornale, conclusosi con l assoluzione del giornale. L inaspettata sentenza aveva determinato lo scioglimento del consiglio comunale e la nomina di una commissione d inchiesta da parte del governo centrale, presieduta appunto dall on. Saredo. L inchiesta Saredo aveva portato alla luce la grave situazione di corruzione, di clientelismo e di generale inefficienza del Comune napoletano. Da un brano dell inchiesta si legge: Il male più grave, a nostro avviso, fu quello di aver fatto ingigantire la Camorra, lasciandola infiltrare in tutti gli strati della vita pubblica e per tutta la compagine sociale, invece di distruggerla, come dovevano consigliare le libere istituzioni, o per lo meno di tenerla circoscritta, là donde proveniva, cioè negli infimi gradini sociali. In corrispondenza quindi alla bassa camorra originaria, esercitata sulla povera plebe in tempi di abiezione e di servaggio, con diverse forme di prepotenza si vide sorgere un alta camorra, costituita dai più scaltri e audaci borghesi. Costoro, profittando della ignavia della loro classe e della mancanza in essa di forza di reazione, in gran parte derivante dal disagio economico, ed imponendole la moltitudine prepotente ed ignorante, riuscirono a trarre alimento nei commerci e negli appalti, nelle adunanze politiche e nelle pubbliche amministrazioni, nei circoli, nella stampa. È quest alta camorra, che patteggia e mercanteggia colla bassa, e promette per ottenere, e ottiene promettendo, che considera campo da mietere e da sfruttare tutta la pubblica amministrazione, come strumenti la scaltrezza, la audacia e la violenza, come forza la piazza, ben a ragione è da considerare come fenomeno più pericoloso, perché ha ristabilito il peggiore dei nepotismi, elevando a regime la prepotenza, sostituendo l imposizione alla volontà, annullando l individualità e la libertà e frodando le leggi e la pubblica fede. 17

18 L inchiesta Saredo aveva inoltre indagato profondamente sui meccanismi di formazione del personale burocratico e sul funzionamento della macchina amministrativa, e aveva messo in luce una struttura da sempre affollata ma aumentata negli ultimi anni. Saredo aveva dimostrato come i meccanismi d assunzione per meriti, previsti dai regolamenti, erano regolarmente disattesi in favore del principio della clientela. Età avanzata degli impiegati, basso grado d istruzione, esubero del numero degli assunti ma, soprattutto, il cumulo di doppi e a volte triplici incarichi di lavoro in diversi uffici. Significativo il dato finanziario di questa politica di impiego: le retribuzioni erano tra le più basse d Italia, a fronte di una spesa comunale dedicata agli stipendi, invece, tra le più alte. 15 Le risultanze della commissione Saredo avevano avuto degli effetti non previsti perché nel corso delle successive elezioni comunali i socialisti che avevano fatto scoppiare lo scandalo vennero sconfitti, anche a causa dell intervento di Enrico Alfano, detto Erricone. Enrico Alfano all epoca era il camorrista più potente della città: grazie alle sue conoscenze, a tanti camorristi che erano al domicilio coatto furono concesse licenze premio. La camorra in quegli anni era diventata infatti uno strumento di battaglia politica per sbarrare la strada all avanzata dei socialisti. 16 Ma ciò accadeva anche in Sicilia: Napoleone Colajanni sosteneva che in Sicilia la mafia era una potente forza elettorale, perché autorità e politici si servono dei mezzi mafiosi più disonesti e delle persone notoriamente appartenenti alla mafia per far prevalere i canditati governativi. 17 La mafia, come la camorra, usata come strumento di lotta politica. Mafia e camorra venivano ormai immortalate e descritte in guanti gialli, a significare colui che ruba elegantemente, senza destare il minimo sospetto, a testimonianza dell alto livello raggiunto. Ma anche in Calabria il rapporto tra ndrangheta e politica era sbocciato molto presto, subito dopo l unità. Nel 1869 gli elettori della città di Reggio Calabria vennero chiamati a votare per due volte. Le elezioni amministrative erano state annullate e si dovettero rifare. L attiva presenza in campagna elettorale e durante le votazioni di elementi mafiosi aveva alterato il risultato della competizione. In 15 R. BRUN, La propaganda 1899, 1900: i due anni in cui rivoltammo Napoli, Caracò, E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p E. CICONTE, Storia criminale, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p

19 quelle giornate si erano registrati anche fatti di sangue. Tra le altre persone colpite, anche un medico, sfregiato al volto in pieno giorno. Il fatto, per quei tempi era enorme e aveva suscitato scalpore e scandalo nell opinione pubblica. Il Prefetto di Reggio Calabria, che si era recato personalmente dalla vittima per verificare le circostanze dell accaduto, era convinto, come scrisse in una relazione, che lo sfregio fosse stato fatto per grane elettorali. I giornali locali avevano scritto apertamente di mafiosi che giravano impunemente per le vie della città e denunciarono il fatto che i partiti fossero obbligati a far transazioni con gente di equivoca rispettabilità. Eravamo nel lontanissimo 1869, ma potremmo essere ai nostri giorni. Uno dei lati meno conosciuti della ndrangheta è proprio il suo rapporto con la politica che, com è accaduto per Cosa nostra e la camorra, è molto antico anche se è stato meno visibile e a lungo ritenuto inesistente o sottovalutato nella sua dimensione ed importanza. La ndrangheta si è difatti inserita nelle litigiosissime lotte per il potere che in Calabria per un lunghissimo periodo storico si sono caratterizzate come uno scontro furibondo tra famiglie contrapposte che si contendevano i voti usando tutti i mezzi, non esclusi i metodi violenti e mafiosi. 18 La relazione della ndrangheta con la politica, per non organica che sia, è documentata, oltre che per la città di Reggio, anche per la sua provincia dove la lotta per la conquista dei municipi era senza esclusione di colpi. In un partito e nell altro, scriveva in data 23 luglio 1895 il Sindaco di Gerace al Prefetto di Reggio non fanno difetto persone facinorose e delinquenti, e nelle loro riunioni si mostrano orgogliosi. 19 Era frequente che le elezioni fossero influenzate dal clientelismo locale e dall uso talora spregiudicato degli uffici pubblici. 20 Le violenze erano all ordine del giorno e la presenza della ndrangheta nel gioco politico cominciava a condizionare le elezioni. I prefetti di Reggio Calabria e Catanzaro nelle loro relazioni di metà degli anni Ottanta rilevavano la pesante situazione politica caratterizzata, a volte, da reati di sangue. Negli anni 20 del Novecento, i giudici del Tribunale di Palmi mettevano in luce che la ndrangheta, nata in seno alle classi meno abbienti, vegeta con 18 si veda pagg XV Legislatura Camera dei Deputati in 19 P. CRUPI, L anomalia selvaggia, Sellerio, Palermo 1992, pp che cita come fonte: Archivio di Stato di RC, Gabinetto, Elezioni, inv. 34 B 72 fasc G. CINGARI, Storia della Calabria dall Unità ad oggi, Latenza, Roma-Bari 1982, p

20 l acquiescenza delle classi più facoltose che spesso se ne servono per i loro fini di predominio personale e di custodia dei latifondi e conta sullo amor del quieto vivere della maggior parte. 21 Si metteva così in moto una svolta nelle attività delle ndrine: esse non si limitavano più a commettere reati, ma iniziavano ad allargare i loro interessi agli affari che, con la politica, si potevano combinare. Dunque, tra la fine dell Ottocento e l inizio del Novecento in tutte e tre le regioni le organizzazioni mafiose erano in rapporti con uomini politici, ai quali erano in grado di assicurare la raccolta di voti che a volte erano determinanti per la loro elezione. Che i mafiosi in Sicilia, i camorristi in Campania, gli ndranghetisti in Calabria si siano mobilitati in campagna elettorale e si siano impegnati, a modo loro e con i loro metodi, a dare una mano ai candidati e a portare voti, non deve destare meraviglia. In quegli anni, caratterizzati dal lento tramonto dei ceti espressione della grande proprietà e nobiltà terriera, si incontravano due spinte. La prima proveniente dai nuovi ceti borghesi che vedevano nella conquista delle amministrazioni comunali un opportunità e una possibilità di rapida affermazione e ascesa sociale oltre che di superamento dei gruppi dirigenti risorgimentali. L altra spinta proveniente invece da altri settori della società, dai ceti popolari a quelli intermedi fino a spezzoni e a segmenti significativi e numericamente rilevanti della stessa borghesia, che intendevano riprogrammarsi e assicurarsi la propria ascesa sociale utilizzando una nuova risorsa, quella della violenza, che era sempre stata presente nella vita di relazione tra le persone, ma ormai poteva essere impiegata in modo organizzato, messa al servizio di un disegno organico di governo locale. Mafia, ndrangheta e camorra, con tutte le loro differenze e le diverse capacità di condizionamento sui rispettivi territori, si sono mosse quindi nella stessa direzione; il che vuol dire che questo modo di agire, e cioè il rapporto con settori del mondo politico e istituzionale, fa parte del loro modo d essere, appartenente al bagaglio costitutivo del codice genetico mafioso. Ma sin dai primi anni della loro effettiva espansione mafia, ndrangheta e camorra si incontravano con i politici in un rapporto che non era paritario: i mafiosi, tranne 21 E. CICONTE, Ndrangheta, Rubettino, Soveria Mannelli 2008, p

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci

L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO. Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI ATTORE SOCIALE DEL CAMBIAMENTO Contributo di Filippo Miraglia alla discussione congressuale dell'arci L ARCI attore sociale del cambiamento Per fare buona politica non c è bisogno di grandi uomini,

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Guida per gli Amministratori Locali. Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014

Guida per gli Amministratori Locali. Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014 Guida per gli Amministratori Locali Aggiornata alla Legge Delrio n. 56/2014 La Guida per gli Amministratori Locali è a cura di Carlo Garofani (esperto di formazione) con la collaborazione di Amedeo Scarsella

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli